WHISTLEBLOWING, LEGGI E PROCEDURE. LO STATO DELL ARTE IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "WHISTLEBLOWING, LEGGI E PROCEDURE. LO STATO DELL ARTE IN ITALIA"

Transcript

1 WORKSHOP. GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI WHISTLEBLOWING, LEGGI E PROCEDURE. LO STATO DELL ARTE IN ITALIA Giorgio Fraschini UNIONCAMERE LOMBARDIA

2 Perché non si segnala Disinteresse ad aspetti lavorativi non propri Allineamento ai comportamenti dei colleghi Tacita delega della responsabilità ad altri (di solito i superiori) paura di ritorsioni sul luogo di lavoro da parte dei soggetti denunciati

3 Whistleblowing per gli enti rende note tempestivamente situazioni di rischio e/o danno per l ente segnala comportamenti o soggetti negativi per l ente arginare o eliminare le mele marce contribuisce a creare un clima trasparente all interno dell ente e per l immagine dello stesso aumenta il senso di partecipazione e appartenenza all ente e favorisce la libera comunicazione interna

4 Contesto normativo internazionale Alcuni esempi Leggi comprensive: Regno Unito, Giappone, Sud Africa, Corea del Sud Leggi settoriali: Francia, Romania, Irlanda (prossimamente) Caso USA: molteplici leggi per varie aree

5 Contesto normativo italiano Legge Anticorruzione: D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165, art. 54bis, Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (settore pubblico) Altre norme interessate: D.Lgs. 231/2001, Leggi in materia di sicurezza, Leggi in materia di privacy, e altre

6 Legge Anticorruzione Casi di esclusione dalla protezione Calunnia Diffamazione Danno ingiusto

7 Legge Anticorruzione Soggetti preposti a ricevere le segnalazioni Autorità Giudiziaria Corte dei Conti Superiore gerarchico COME MAI SOLO QUESTI SOGGETTI? IN BASE A COSA SI SCEGLIE? COME SI RACCORDANO?

8 Legge Anticorruzione Oggetto della segnalazione: illeciti conosciuti in ragione del rapporto di lavoro perché non in occasione del rapporto? Protezione contro atti di ritorsione Possibili discriminazioni: licenziamento, sanzioni, misure discriminatorie dirette o indirette

9 Legge Anticorruzione - riservatezza esclusione diritto d accesso da parte della persona interessata (v. casi art. 24 D.Lgs. 241/1990). identità rivelabile in due casi: 1. procedimento disciplinare basato esclusivamente sulla segnalazione 2. la conoscenza dell identità del segnalante è assolutamente necessaria per la difesa della persona segnalata il segnalante, nel momento della segnalazione, non sa se sarà protetto o no

10 Piani nazionali anticorruzione Obblighi di riservatezza - gestione: 2/3 persone - codici sostitutivi Canali differenziati (se possibile sistema informatico) Destinatario - responsabile della prevenzione - Ufficio Procedimenti Disciplinari

11 Piani nazionali anticorruzione pubblicità formazione: - generale per tutti i dipendenti - specifica (responsabile della prevenzione) sottrazione diritto d accesso

12 PNA. Procedimento contro le discriminazioni Il Responsabile della Prevenzione valuta e notifica a: superiore del discriminatore, Ufficio Procedimenti Disciplinari, Ufficio del Contenzioso, Ispettorato della Funzione Pubblica Segnalante può notificare a: sindacati, Comitato Unico di Garanzia Segnalante può chiedere: provvedimento giudiziale d urgenza, annullamento (TAR), risarcimento

13 Legge Anticorruzione. Altre problematiche e lacune Non disciplinato l anonimato Manca parte proattiva di incentivazione Protezione contro altre forme di discriminazione Trattazione incompleta del whistleblowing

14 Disegno di legge Businarolo Non c entra niente con la delazione Articolo 12 Procedimento disciplinare contro persona segnalata non può essere basato solo sulla segnalazione Segnalazione ha funzione di allerta

15 Disegno di legge Businarolo DISCIPLINA PIU AMPIA Articolo 3 Legge applicabile a dipendenti pubblici, privati, volontari, stagisti, etc. Cruciale soprattutto per reati contro la PA

16 Disegno di legge Businarolo Art. 2, Tipologia di segnalazioni ILLECITO CONTRARIO A INTERESSE PUBBLICO Art.7, Protezione dell identità Segnalazioni anonime protette. Sono considerate e approfondite solo se CIRCOSTANZIATE

17 Disegno di legge Businarolo Art. 16, Premialità Premi di denaro in caso di somme recuperate dallo Stato grazie alle segnalazioni Art. 17, Ufficio per la ricezione delle segnalazioni Organo opportuno per gestire e coordinare segnalazioni indirizzate a destinatari diversi

18 Modalità della segnalazione aperta: il segnalante rivela la propria identità confidenziale: l identità di chi fa la segnalazione è nota solo al soggetto destinatario anonima: il whistleblower non rivela la propria identità

19 Possibili destinatari della segnalazione interni all azienda: o il diretto superiore o funzioni appositamente destinate alla ricezione delle segnalazioni; esterna e selezionata: regolatori di settore ampia: media, forze di polizia, autorità giudiziaria

20 Altre problematiche Requisiti per la segnalazione: ragionevole convincimento, buona fede, prove, etc.? Oggetto della procedura: quali reati e irregolarità sono incluse nella procedura? Categorie protette: solo dipendenti o anche consulenti, collaboratori, etc.? Livello di protezione: contro quali condotte è data la protezione al dipendente?

21 Regno Unito. Public Interest Disclosure Act Il PIDA (1998) è considerata la legge modello sul whistleblowing Segnalazioni protette 3 livelli per le segnalazioni (interno, regolatore, media) Divieto di clausole restrittive

22 Regno Unito. Public Interest Disclosure Act (2) Estensione dei soggetti protetti Protezione completa Compensazioni e riassunzione provvisoria Inversione dell onere della prova

23 Public Concern at Work e British Standards Institution Guida dall alto Anche canali esterni al management (anche ente/organo indipendente) Rispetto della confidenzialità Chi opera ritorsione uguale a chi segnala il falso

24 Public Concern at Work e British Standards Institution (2) RECLAMO PERSONALE WHISTLEBLOWING rischio personale rischi per gli altri prove a sostegno segnalazione/allerta procedure rigide approccio pratico remunerazione privata interesse pubblico

25 Public Concern at Work e British Standards Institution (3) accessibilità confidenzialità/anonimato feedback training e comunicazione

26 Raccomandazioni di Transparency International Italia Allargamento dei soggetti che possono segnalare (esclusi però i cittadini) Determinazione dell oggetto interesse pubblico Tutela della riservatezza + anonimato (solo segnalazioni circostanziate) Canale interno + indicazione canali esterni alternativi

27 Raccomandazioni di Transparency International Italia (2) Diverse mezzi per la segnalazione (telefono, , software elettronico per garantire anonimato tecnologico) Coinvolgimento del segnalante Sistema premiale (?) Formazione e rapporti periodici sul funzionamento della procedura

28 Modello di maschera per le segnalazioni IDENTIFICAZIONE/ANONIMATO AREA DI COMPETENZA (HR, acquisti, appalti, concorsi, violazioni economiche, etc.) TIPOLOGIA ILLECITO DURATA ILLECITO (in corso, passato, potenziale)

29 Modello di maschera per le segnalazioni/2 IMPATTO ECONOMICO BENEFICIARIO DELL ILLCEITO (ente, soggetto che commette violazione, altro) COINVOLGIMENTO DEL SEGNALANTE (Coinvolto, vittima, testimonianza, diceria)

30 Modello di maschera per le segnalazioni/3 DESCRIZIONE FATTO (sintetica, estesa) STATO DELLA SEGNALAZIONE (già segnalata?) UFFICIO/AZIENDA COINVOLTI SOGGETTI COINVOLTI SUPPORTO ALLA VERIFICA/ALLEGATI

DISEGNO DI LEGGE SUL WHISTLEBLOWING

DISEGNO DI LEGGE SUL WHISTLEBLOWING DISEGNO DI LEGGE SUL WHISTLEBLOWING Audizione del 23.09.2015 Commissioni riunite Giustizia e Lavoro Camera dei Deputati PREMESSA Transparency International Italia è la sede italiana dell organizzazione

Dettagli

WHISTLEBLOWING > domande e risposte

WHISTLEBLOWING > domande e risposte WHISTLEBLOWING > domande e risposte Promozione e tutela delle segnalazioni di rischi e irregolarità nell interesse pubblico Prima Edizione Aprile 2013 con il contributo di e www.transparency.it La definizione

Dettagli

PROTOCOLLO. Revisione 00. 1 settembre 2015. Pagine 1 di 6. REVISIONE REDAZIONE VERIFICA e CONTROLLO APPROVAZIONE. Data della revisione

PROTOCOLLO. Revisione 00. 1 settembre 2015. Pagine 1 di 6. REVISIONE REDAZIONE VERIFICA e CONTROLLO APPROVAZIONE. Data della revisione Pagine 1 di 6 PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA (WHISTLEBLOWING) REVISIONE REDAZIONE VERIFICA e CONTROLLO APPROVAZIONE Data della revisione Causale della revisione RAQ Bolgia Cristina RPC

Dettagli

Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità

Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità CITTA DI CASTENASO Provincia di Bologna Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione)

Dettagli

Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing)

Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing) Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing) 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha inserito un nuovo

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY

WHISTLEBLOWING POLICY WHISTLEBLOWING POLICY Allegato C Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING)

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING) PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING) 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge n. 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha inserito un

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE. OGGETTO: procedura di segnalazione degli illeciti da parte del dipendente (cd. Whistleblower)

IL SEGRETARIO GENERALE. OGGETTO: procedura di segnalazione degli illeciti da parte del dipendente (cd. Whistleblower) IL SEGRETARIO GENERALE a tutto il personale dipendente p.c. Presidente della Provincia OGGETTO: procedura di segnalazione degli illeciti da parte del dipendente (cd. Whistleblower) L art. 1, comma 51,

Dettagli

PROCEDURA TUTELA DEL DIPENDENTE Che denuncia illeciti WHISTLEBLOWER- l informatore (NOVEMBRE 2014)

PROCEDURA TUTELA DEL DIPENDENTE Che denuncia illeciti WHISTLEBLOWER- l informatore (NOVEMBRE 2014) SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE LIGURIA Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino Dipartimento di Prevenzione S.C. Attività giuridico- amministrative del Dipartimento di Prevenzione e Trasparenza dei

Dettagli

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ ( WHISTLEBLOWING POLICY ) Disciplina della tutela del dipendente che segnala illeciti e/o irregolarità (c.d. whistleblower) Redatta da: Paolo Zanoni, Anna Teneggi Codice procedura: PG004 Approvata

Dettagli

WHISTLEBLOWING WHISTLEBLOWING

WHISTLEBLOWING WHISTLEBLOWING DEFINIZIONE DEL WHISTLEBLOWER CARATTERISTICHE QUADRO NORMATIVO INTERNAZIONALE E NAZIONALE IL CONTESTO PUBBLICO I PROFILI DI TUTELA DEL WHISTLEBLOWER L ESPERIENZA DEL COMUNE DI MILANO PROFILI APPLICATIVI

Dettagli

U.O. Gestione del Personale Pag. 1

U.O. Gestione del Personale Pag. 1 WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. Fonte normativa e natura dell istituto L art. 1, comma 51, della L. 190/2012 ha inserito nell ambito del Decreto Legislativo

Dettagli

Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela

Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela Art. 1 Finalità, oggetto e natura dell istituto 1) L

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità

WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha inserito

Dettagli

Whistleblower e PA: spifferate, spifferate e qualcosa resterà

Whistleblower e PA: spifferate, spifferate e qualcosa resterà Wister, 31 gennaio 2014 Whistleblower e PA: spifferate, spifferate e qualcosa resterà di Laura Strano Chi è il whistleblower? Whistleblower, segnalante, vedetta civica, sentinella, sono i nomi che si attribuiscono

Dettagli

TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI

TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI PROPOSTA DI AGGIORNAMENTO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 E CODICE DI COMPORTAMENTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI PRATO 1. Contesto

Dettagli

Copia informatica ad uso consultazione

Copia informatica ad uso consultazione Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Azienda USL Ferrara e relative forme di tutela 1 1) Premessa ed esegesi dell art. 54 bis del D.

Dettagli

Azienda Ospedaliera S. Maria - Terni

Azienda Ospedaliera S. Maria - Terni PROCEDURA DI SEGNALAZIONI DI ILLECITI O DI IRREGOLARITÀ DA PARTE DEI DIPENDENTI O COLLABORATORI DELL AZIENDA OSPEDALIERA S. MARIA E RELATIVE FORME DI TUTELA. 1. Fonte normativa e natura dell istituto.

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI CONDOTTE ILLECITE (WHISTLEBLOWING POLICY)

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI CONDOTTE ILLECITE (WHISTLEBLOWING POLICY) Allegato alla Deliberazione n 687 del 22.07.2015 PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI CONDOTTE ILLECITE (WHISTLEBLOWING POLICY) 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING POLICY) CONTESTO NORMATIVO La Legge 190/2012 1 ha introdotto nel nostro ordinamento una misura, conosciuta nel mondo anglosassone

Dettagli

SOC AFFARI GENERALI PROCEDURA GESTIONALE

SOC AFFARI GENERALI PROCEDURA GESTIONALE GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI DI CONDOTTE ILLECITE (DA PARTE DEL DIPENDENTE DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA SANTA MARIA DELLA MISERICORDIA DI UDINE) E RELATIVE FORME DI TUTELA redazione: Verifica:

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ CONTESTO NORMATIVO La presente procedura disciplina le modalità di segnalazione degli illeciti nell ambito delle attività di prevenzione della corruzione

Dettagli

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE DI ILLECITI O DI IRREGOLARITA. DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (C.D.

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE DI ILLECITI O DI IRREGOLARITA. DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (C.D. Pag. 1/6 PROCEDURA DI SEGNALAZIONE DI ILLECITI O DI IRREGOLARITA. DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (C.D. WHISTLEBLOWER). Premessa Capitolo I Procedure di segnalazione

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità

WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E RATIO DELL ISTITUTO L art. 54 bis 1, d.lgs. 165/2001, inserito dall art. 1, comma 51 della legge 190/2012

Dettagli

Il responsabile della prevenzione della corruzione. Ai collaboratori del Consorzio Ai rappresentanti degli organi di indirizzo politico del Consorzio

Il responsabile della prevenzione della corruzione. Ai collaboratori del Consorzio Ai rappresentanti degli organi di indirizzo politico del Consorzio Ai collaboratori del Consorzio Ai rappresentanti degli organi di indirizzo politico del Consorzio Circolare n.1 DEFINIZIONE LINEE PROCEDURALI PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI O IRREGOLARITÀ E DISCIPLINA

Dettagli

Regolamento per la tutela del dipendente che effettua segnalazioni di illecito (whistleblower) Indice

Regolamento per la tutela del dipendente che effettua segnalazioni di illecito (whistleblower) Indice Regolamento per la tutela del dipendente che effettua segnalazioni di illecito (whistleblower) Indice Premesse Definizione di corruzione Tutela del dipendente che effettua segnalazioni di illecito Divieto

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13;

Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13; Direzione generale Direzione centrale risorse umane Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza Circolare n. 64 Roma, 28 luglio 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili

Dettagli

ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia

ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Cl.: 1.1.02 OGGETTO: Approvazione della Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità da parte dei dipendenti e collaboratori ai sensi dell art. 54 bis del D.Lgs. 165/2001. Il DIRETTORE GENERALE

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA WHISTLEBLOWING POLICY

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA WHISTLEBLOWING POLICY PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA OGGETTO E SCOPO Oggetto della presente procedura è la segnalazione da parte dei dipendenti dell'azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi di illeciti

Dettagli

Atto organizzativo interno per la regolamentazione e il trattamento delle segnalazioni effettuate ai sensi dell art. 54bis del d.lgs. n.

Atto organizzativo interno per la regolamentazione e il trattamento delle segnalazioni effettuate ai sensi dell art. 54bis del d.lgs. n. Atto organizzativo interno per la regolamentazione e il trattamento delle segnalazioni effettuate ai sensi dell art. 54bis del d.lgs. n. 165/01 INDICE PREMESSA PAG. 1 1. Tutela del segnalante PAG. 2 1.1

Dettagli

POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING)

POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING) POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING) INDICE 1. Premessa 2. Scopo e ambito di applicazione 3. Definizioni 4. Riferimenti normativi 5. Governo della policy 6. Segnalazioni relative a presunte violazioni

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY

WHISTLEBLOWING POLICY WHISTLEBLOWING POLICY Fiat Group Case Study Mauro AIMETTI Milano, 22/05/2008 Agenda Fiat Group Overview Il Sistema di Controllo Interno Normativa di riferimento Whistleblowing Policy Milano, 22/05/2008

Dettagli

SEGNALAZIONI ILLECITI

SEGNALAZIONI ILLECITI CJlrovincia ~9ionaCedi :Messina Denominata "Libero Consorzio Comunale" ai sensi de{cal.~ n.8/2014 SEGNALAZIONI ILLECITI (WHISTLEBLOWING) (art. 54-bis del decreto legislativo 165 del 2001) 1 La legge 190/2012,

Dettagli

Policy segnalazioni anomalie (Whistleblowing)

Policy segnalazioni anomalie (Whistleblowing) Policy segnalazioni anomalie Versione: 1.0 Data: Tipo documento: Policy Pagina 1 di 12 Titolo documento: Policy Segnalazioni anomalie Indice 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 EXECUTIVE SUMMARY... 3 1.2 GLOSSARIO...

Dettagli

Whistleblower Policy

Whistleblower Policy Whistleblower Policy Indice Introduzione 2 Normativa e atti di riferimento 3 1. Scopo e finalità 4 2. Oggetto 4 3. Contenuto della segnalazione 5 4. Destinatari della segnalazione e modalità di invio 5

Dettagli

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE DI ILLECITI ED IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING POLICY)

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE DI ILLECITI ED IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING POLICY) SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 2 2 SCOPO... 3 3 AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 4 RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 5 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI... 3 6 MODALITÀ OPERATIVE... 4 6.1 OGGETTO DELLA SENALAZIONE... 4 6.2

Dettagli

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA (ai sensi del decreto legislativo 8 giugno 2001, N 231)

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA (ai sensi del decreto legislativo 8 giugno 2001, N 231) PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA (ai sensi del decreto legislativo 8 giugno 2001, N 231) Sommario 1 Definizioni 3 2 Finalità 4 3 Ambito di applicazione 4 4 Responsabilità e diffusione

Dettagli

Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Azienda USL di Bologna e relative forme di

Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Azienda USL di Bologna e relative forme di Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Azienda USL di Bologna e relative forme di tutela 1 PREMESSA ED ESEGESI DELL ART. 54-bis DEL D.LGS.

Dettagli

D. Lgs. 231/01 PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA

D. Lgs. 231/01 PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA D. Lgs. 231/01 PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA Reggiolo, lì 22-04-2013 1 DEFINIZIONI... 3 2 FINALITÀ... 4 3 AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 4 RESPONSABILITÀ E DIFFUSIONE... 4 5 OGGETTO

Dettagli

4. IL WHISTLEBLOWING WEBINAR: PILLOLE DI INTEGRITA

4. IL WHISTLEBLOWING WEBINAR: PILLOLE DI INTEGRITA Progetto Interventi mirati al contrasto della corruzione nella Pubblica Amministrazione locale e centrale WEBINAR: PILLOLE DI INTEGRITA 4. IL WHISTLEBLOWING Massimo Di Rienzo Consulente FormezPA Roma,

Dettagli

NUOVE NORME PER LA PROTEZIONE DEI DIPENDENTI CHE SEGNALANO ILLECITI (WHISTLEBLOWING)

NUOVE NORME PER LA PROTEZIONE DEI DIPENDENTI CHE SEGNALANO ILLECITI (WHISTLEBLOWING) Dossier n.128 Ufficio Documentazione e Studi 26 gennaio 2016 NUOVE NORME PER LA PROTEZIONE DEI DIPENDENTI CHE SEGNALANO ILLECITI (WHISTLEBLOWING) La Camera ha approvato in prima lettura il testo della

Dettagli

PROGRAMMA PER L INTEGRITÀ E LA TRASPARENZA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

PROGRAMMA PER L INTEGRITÀ E LA TRASPARENZA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PROGRAMMA PER L INTEGRITÀ E LA TRASPARENZA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Supporto alle attività di prevenzione della corruzione negli enti pubblici PREMESSA Fino agli anni 90 la corruzione era ancora

Dettagli

Allegato alla Delib.G.R. n. 30/15 del 16.6.2015

Allegato alla Delib.G.R. n. 30/15 del 16.6.2015 Linee guida per la tutela dipendente della Regione Autonoma della Sardegna, degli Organismi del Sistema Regione e delle Aziende del Servizio Sanitario Regionale, che segnala illeciti (c.d. whistleblower)

Dettagli

WHISTLEBLOWING. procedura per la gestione delle segnalazioni

WHISTLEBLOWING. procedura per la gestione delle segnalazioni All. DEL G.M. n. 42/21.04.2015 WHISTLEBLOWING procedura per la gestione delle segnalazioni 1. la segnalazione Il segnalante invia una segnalazione compilando il modulo reso disponibile dall amministrazione

Dettagli

Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. PROCEDURA WHISTLEBLOWING (ADOTTATA IN DATA 21 DICEMBRE 2015)

Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. PROCEDURA WHISTLEBLOWING (ADOTTATA IN DATA 21 DICEMBRE 2015) Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. PROCEDURA WHISTLEBLOWING (ADOTTATA IN DATA 21 DICEMBRE 2015) 1 PREMESSA Per whistleblowing (di seguito Segnalazione ) si intende qualsiasi notizia riguardante sospette

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA' WHISTLEBLOWING POLICY

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA' WHISTLEBLOWING POLICY Pag. 1 di 7 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela

Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela Art. 1 Finalità e oggetto 1. Il presente Regolamento è emesso

Dettagli

Segnalazione di Comportamenti Illegittimi

Segnalazione di Comportamenti Illegittimi Segnalazione di Comportamenti Illegittimi (Whistleblowing) Global Policy Competence Line Responsabile: Legal & Compliance Data: agosto 2013 Unit: Global Compliance Policy Coordination Versione: 2 Global

Dettagli

I sistemi di whistleblowing alla luce delle disposizioni di Banca d Italia

I sistemi di whistleblowing alla luce delle disposizioni di Banca d Italia I sistemi di whistleblowing alla luce delle disposizioni di Banca d Italia Introduzione, sviluppo e prospettive evolutive in ambito nazionale di Luana Veronese* e Mario Chiodi** 1. Le tendenze innovative

Dettagli

A V V I S O. - Policy di Whistleblowing. Procedura per le segnalazioni di presunti illeciti e irregolarità FASE INFORMATIVA/FORMATIVA

A V V I S O. - Policy di Whistleblowing. Procedura per le segnalazioni di presunti illeciti e irregolarità FASE INFORMATIVA/FORMATIVA Allegato (1) A V V I S O - Policy di Whistleblowing Procedura per le segnalazioni di presunti illeciti e irregolarità FASE INFORMATIVA/FORMATIVA L'Azienda Sanitaria Locale di Matera con Deliberazione n.

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA ( WHISTLEBLOWING )

PROCEDURA GESTIONALE PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA ( WHISTLEBLOWING ) Pag 1/9 PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA ( WHISTLEBLOWING ) MATRICE DELLE REVISIONI Rev. OGGETTO 0 Prima emissione COPIA CONTROLLATA N : CONSEGNATA A: COPIA NON CONTROLLATA: REDAZIONE

Dettagli

Tutela del dipendente che segnala illeciti Presupposto normativo. Eccezioni alla disciplina della tutela. Campo d intervento oggettivo

Tutela del dipendente che segnala illeciti Presupposto normativo. Eccezioni alla disciplina della tutela. Campo d intervento oggettivo PREMESSE ED ESEGESI DELL ART. 54BIS DEL D.LGS. N. 165/2001 Tutela del dipendente che segnala illeciti Presupposto normativo pag. 1 Le previsioni del Piano Nazionale Anticorruzione pag. 1 Finalità pag.

Dettagli

2014 Fiat Group Procedura gestione denunce

2014 Fiat Group Procedura gestione denunce 2014 Fiat Group 2 Fiat Group Indice 1. Premessa... 3 2. Normativa esterna e interna applicabile... 3 3. Compiti e responsabilità... 3 4. Processo... 4 5. Controllo... 4 6. Comitato denunce... 4 7. Registro

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY Ai sensi della Determinazione A.N.A.C. n. 6 del 28 aprile 2015

WHISTLEBLOWING POLICY Ai sensi della Determinazione A.N.A.C. n. 6 del 28 aprile 2015 WHISTLEBLOWING POLICY Ai sensi della Determinazione A.N.A.C. n. 6 del 28 aprile 2015 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG 231) E PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (PPC) AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Procedura per la tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti

Procedura per la tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti Procedura per la tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti La Provincia di Trieste, in attuazione dell'art. 1, comma 51 della legge 190/2012 che introduce l'art. 54 bis nel d.lgs. 165/2001 (Testo

Dettagli

Marzo 2013. Dott. Andrea Bombardieri, Responsabile Controllo Rischi - Asset Management Service S.p.A. (Gruppo Objectway)

Marzo 2013. Dott. Andrea Bombardieri, Responsabile Controllo Rischi - Asset Management Service S.p.A. (Gruppo Objectway) Marzo 2013 Fraud management e whistle blowing Dott. Andrea Bombardieri, Responsabile Controllo Rischi - Asset Management Service S.p.A. (Gruppo Objectway) La gestione del rischio di frode aziendale, insieme

Dettagli

APPLICAZIONE DEL CODICE ETICO E DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI COMAG S.r.L.

APPLICAZIONE DEL CODICE ETICO E DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI COMAG S.r.L. APPLICAZIONE DEL CODICE ETICO E DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI COMAG S.r.L. E stata adottata una procedura gestionale delle segnalazioni ricevute dall Organismo di Vigilanza e sono

Dettagli

Roma, 28 luglio 2015. Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13;

Roma, 28 luglio 2015. Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13; Direzione generale Direzione centrale risorse umane Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza Circolare n. 64 Roma, 28 luglio 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili

Dettagli

1. FINALITA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA E DIFFUSIONE 4. OGGETTO DELLA SEGNALAZIONE 5. PRINCIPI DI RIFERIMENTO 6.

1. FINALITA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA E DIFFUSIONE 4. OGGETTO DELLA SEGNALAZIONE 5. PRINCIPI DI RIFERIMENTO 6. 1 1. FINALITA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA E DIFFUSIONE 4. OGGETTO DELLA SEGNALAZIONE 5. PRINCIPI DI RIFERIMENTO 6. MODALITA DI SEGNALAZIONE 7. INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 D,LGS. 196/2003

Dettagli

COMUNE DI LENTIAI PROVINCIA DI BELLUNO

COMUNE DI LENTIAI PROVINCIA DI BELLUNO COMUNE DI LENTIAI PROVINCIA DI BELLUNO LINEE PROCEDURALI PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI O IRREGOLARITA E DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI Indice Titolo I - Procedure

Dettagli

CODICE ETICO AZIENDALE

CODICE ETICO AZIENDALE Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione di Orienta S.p.a del 15/12/2010 INDICE 1. INTRODUZIONE 3 2. VALORI ETICI 3 3. CRITERI DI CONDOTTA 3 4. COMPORTAMENTO SUL LUOGO DI LAVORO 6 5. CONFLITTTO

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 8 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Codice Etico Pag. 2 di 8 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 FINALITA, CONTENUTI

Dettagli

Procedura GESTIONE DENUNCE

Procedura GESTIONE DENUNCE Procedura GESTIONE DENUNCE Torino, 23 dicembre 2004 INDICE PARTE GENERALE 1 PREMESSA...3 2 NORMATIVA ESTERNA E INTERNA APPLICABILE...3 3 COMPITI E RESPONSABILITÀ...3 4 PROCESSO...4 5 CONTROLLO...4 6 COMITATO

Dettagli

APPLICAZIONE DEL CODICE ETICO E DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI BREVINI POWER TRANSMISSION S.p.A

APPLICAZIONE DEL CODICE ETICO E DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI BREVINI POWER TRANSMISSION S.p.A APPLICAZIONE DEL CODICE ETICO E DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI BREVINI POWER TRANSMISSION S.p.A E stata adottata una procedura gestionale delle segnalazioni ricevute dall Organismo

Dettagli

CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR

CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR Aut. Min. Lav. 1118/SG del 26/11/04 INDICE 1.INTRODUZIONE 3 2.VALORI ETICI 3 3.CRITERI DI CONDOTTA 4 4 Relazioni con gli azionisti 4 Relazioni con interlocutori esterni

Dettagli

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA PAG. 1 PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Edizione n 0 1 rev. 0 approvata dall Amministratore Unico con delibera del Questo manuale è di proprietà

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

Regolamento per la tutela del dipendente che effettua segnalazioni di illeciti (whistleblower)

Regolamento per la tutela del dipendente che effettua segnalazioni di illeciti (whistleblower) Regolamento per la tutela del dipendente che effettua segnalazioni di illeciti (whistleblower) Allegato alla delibera C.d.A. n. 36 del 23.06.2015-1 - Indice Premessa Art. 1 Definizioni Art. 2 Finalità

Dettagli

Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione Segnalazione anonima - Whistleblowing

Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione Segnalazione anonima - Whistleblowing Pagina: 1 UNITÀ/NOME FIRMA E DATA PREPARATO APPROVATO Prevenzione della Corruzione e Trasparenza Monica De Zii Resp. Prevenzione della Corruzione e Trasparenza Santo Darko Grillo Firme e data depositate

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione Determinazione n. 6 del 28 aprile 2015 Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Parte I - Questioni generali

Dettagli

CODICE ETICO. DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A.

CODICE ETICO. DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A. CODICE ETICO DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A. Versione valida dal 1 gennaio 2015 INDICE Parte I PREMESSA ED OBIETTIVI Art. 1 Destinatari Art. 2 Principi Generali Art. 3 Riservatezza Art. 4 Imparzialità

Dettagli

GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI RICEVUTE DALL ORGANISMO DI VIGILANZA E DAI SOGGETTI PREPOSTI DI HS PENTA S.P.A.

GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI RICEVUTE DALL ORGANISMO DI VIGILANZA E DAI SOGGETTI PREPOSTI DI HS PENTA S.P.A. Documento effettivo dal: 22 Luglio 2014 1 SCOPO Scopo della presente procedura ( Procedura Generale ) è descrivere le fasi in cui si articola il macroprocesso descritto nel successivo 2, al fine di prevedere:

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione Determinazione n. 6/2015, Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Relazione AIR 2 1. Le ragioni dell intervento

Dettagli

Tecnologia Fattore Abilitante per la trasparenza e contrasto alla corruzione

Tecnologia Fattore Abilitante per la trasparenza e contrasto alla corruzione Tecnologia Fattore Abilitante per la trasparenza e contrasto alla corruzione Il Whistleblowing come strumento di contrasto alla corruzione negli enti pubblici Alessandro Rodolfi - alessandro.rodolfi@logioshermes.org

Dettagli

Con il termine whistleblowing (letteralmente

Con il termine whistleblowing (letteralmente Lo strumento del whistleblowing all interno del contesto aziendale Colui che soffia nel fischietto per segnalare possibili frodi, reati o altri rischi molto seri per l azienda, gli azionisti o i propri

Dettagli

IL SISTEMA SANZIONATORIO

IL SISTEMA SANZIONATORIO IL SISTEMA SANZIONATORIO EX D. LGS. 231/2001 1 L introduzione di un sistema disciplinare volto a sanzionare il mancato rispetto delle misure contenute nel Modello 231/2001, aggiornato alla L. 190/2012,

Dettagli

KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno.

KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno. KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno. 4. I rapporti con i Dipendenti e con i Collaboratori.

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata art. 54-bis. del T.U. "Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti" redatto a cura di: dott.ssa Silvia Quattrociocche dott.ssa Maria Vittoria Valeri prof.

Dettagli

MISCONDUCT REPORTING PROCEDURE

MISCONDUCT REPORTING PROCEDURE POLICY Processo: Governance Pagina 1 di 6 MISCONDUCT REPORTING PROCEDURE 2 13/01/2015 Nuovo Local Integrity Officer per l Italia 1 04/12/2010 Holding: Group Legal / Central Integrity Officer REV DATA EMISSIONE

Dettagli

D. Lgs. 231/01 I FLUSSI INFORMATIVI

D. Lgs. 231/01 I FLUSSI INFORMATIVI D. Lgs. 231/01 I FLUSSI INFORMATIVI 1. Definizioni C.d.A.: Consiglio di Amministrazione. Collegio Sindacale: è un organo di vigilanza collegiale (art. 2397 c.c.) composto da tre o cinque membri effettivi,

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI O IRREGOLARITÀ E DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (WHISTLEBLOWING)

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI O IRREGOLARITÀ E DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (WHISTLEBLOWING) PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI O IRREGOLARITÀ E DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (WHISTLEBLOWING) Premessa La legge 190/2012, articolo 1 comma 51, ha introdotto

Dettagli

SEMINARIO: LA RESPONSABILITA' DEI DIPENDENTI DEL SETTORE DEL CREDITO NELL'ESERCIZIO DELLE LORO FUNZIONI

SEMINARIO: LA RESPONSABILITA' DEI DIPENDENTI DEL SETTORE DEL CREDITO NELL'ESERCIZIO DELLE LORO FUNZIONI SEMINARIO: LA RESPONSABILITA' DEI DIPENDENTI DEL SETTORE DEL CREDITO NELL'ESERCIZIO DELLE LORO FUNZIONI 1 responsabilità e diligenza del dipendente il lavoratore dipendente può incorrere in: responsabilità

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione (Bozza di delibera) Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Parte I - Questioni generali 1. Ricognizione della

Dettagli

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale Forlì, 25 gennaio 2007 1 Adempimenti previsti dal Codice della Privacy per le APS 2 Codice della Privacy Nel 1996 la legge n. 675 regolamentò la tutela

Dettagli

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38)

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38) FAQ sul MOG 1. Che cos è il D. Lgs. 231/2001? Il D. Lgs. 231/2001 entrato in vigore il 4 luglio 2001, individua le disposizioni normative concernenti la disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

Oggetto: Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (whistleblower).

Oggetto: Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (whistleblower). 26.06.2015 163927\1.18\2015\9 1 A tutti i dipendenti e p.c. Al Sig. Sindaco Metropolitano Avv. Giuliano Pisapia Ai Consiglieri metropolitani Ai Revisori dei Conti All'Organismo Indipendente di Valutazione

Dettagli

Consorzio Polizia Locale Valle Agno

Consorzio Polizia Locale Valle Agno REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA MOBILE EFFETTUATA DAL CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE VALLE AGNO NEI TERRITORI COMUNALI DI VALDAGNO, RECOARO TERME, CORNEDO VICENTINO E CASTELGOMBERTO

Dettagli

I SISTEMI DI SEGNALAZIONE (WHISTLEBLOWING)

I SISTEMI DI SEGNALAZIONE (WHISTLEBLOWING) STRUMENTI E BUONE PRATICHE PER CONTRASTARE LA CORRUZIONE NEL SETTORE SANITARIO I SISTEMI DI SEGNALAZIONE (WHISTLEBLOWING) Giorgio Fraschini San Vittore Olona, 25.03.2014 Strumenti di TI-Italia Strumenti

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. Capo I Disposizioni generali

PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. Capo I Disposizioni generali PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015 2017 DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Capo I Disposizioni generali Art. 1 Responsabile per la prevenzione della corruzione 1. Il Responsabile per la prevenzione

Dettagli

WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING 1. Premessa La presente procedura (la Procedura ) riguarda le operazioni sul capitale di WM Capital S.p.A. (la Società o l Emittente ) e/o del

Dettagli

SOCIAL MEDIA, PRIVACY E LAVORATORI istruzioni per l uso. 10 novembre 2015 Social Media, Privacy e Lavoratori

SOCIAL MEDIA, PRIVACY E LAVORATORI istruzioni per l uso. 10 novembre 2015 Social Media, Privacy e Lavoratori SOCIAL MEDIA, PRIVACY E LAVORATORI istruzioni per l uso 10 novembre 2015 SOCIAL MEDIA, PRIVACY E LAVORATORI Social Media Policy «Monitoraggio» dei comportamenti dei dipendenti Illeciti commessi e/o scoperti

Dettagli

CINQUE PER MILLE 2013

CINQUE PER MILLE 2013 CINQUE PER MILLE 2013 Soggetti destinatari Anche quest anno i contribuenti potranno scegliere di destinare la quota del cinque per mille dell IRPEF che risulta dalla risultante dalla dichiarazione dei

Dettagli

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto)

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE R.C. AUTO ART. 1 (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) 1. Al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive

Dettagli

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila

COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila COMUNE DI TAGLIACOZZO Provincia dell Aquila REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SCHEMA DI NUOVO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI TAGLIACOZZO

Dettagli

Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01. Codice etico e di comportamento

Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01. Codice etico e di comportamento Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01 Codice etico e di comportamento Sommario 1. Principi generali 3 1.1 1.2 1.3 Preambolo Destinatario Gli obblighi e doveri dei destinatari 3 3 3 2. Politiche

Dettagli

Disciplina per la tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Art. 54 bis D.Lgs. 30/03/2001, n. 165

Disciplina per la tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Art. 54 bis D.Lgs. 30/03/2001, n. 165 PROVINCIA DI ANCONA Disciplina per la tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Art. 54 bis D.Lgs. 30/03/2001, n. 165 Determinazione A.N.A.C. n. 6 del 28/4/2015: Linee guida

Dettagli

Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE FOSCIANDORA Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 25 in data 13/07/2010

Dettagli

L ILLECITO TRIBUTARIO

L ILLECITO TRIBUTARIO L ILLECITO TRIBUTARIO Costituisce illecito tributario ogni inosservanza degli obblighi attinenti al rapporto giuridico d imposta. Trattasi di fatti giuridicamente rilevanti da cui l ordinamento tributario

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli