UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE ED AZIENDALI M.FANNO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E MANAGEMENT PROVA FINALE IL RUOLO DEI SOCIAL MEDIA NEL MARKETING B2B: PROPOSTE PER L IMPLEMENTAZIONE IN CAREL S.P.A. RELATORE: CH.MO PROF. ALBERTO ALVISI LAUREANDO: ALESSANDRO BILLOT MATRICOLA N ANNO ACCADEMICO

2 INDICE PREMESSA... 4 PARTE I: INBOUND E SOCIAL MEDIA MARKETING NEL B2B INTRODUZIONE I SOCIAL MEDIA COME COMPONENTE DELL INBOUND MARKETING Definizione di inbound marketing Le componenti dell inbound marketing Il content marketing Il SEO (Search Engine Optimization) Il social media marketing IL SOCIAL MEDIA MARKETING NEL B2B Le caratteristiche del mercato B2B che lo rendono adatto ai social media Obiettivi e benefici del social media marketing nella gestione del sales funnel Il sales funnel Gli obiettivi del social media marketing Aumento della notorietà del brand Generazione di lead Aumento delle vendite Altri obiettivi La valutazione della performance Il social media ROI La web analytics

3 3.4. I principali social media Facebook LinkedIn Twitter Blog aziendale YouTube Altri strumenti complementari PARTE II: POSSIBILE APPLICAZIONE PER CAREL S.P.A INTRODUZIONE Presentazione IL SOCIAL MEDIA MARKETING IN CAREL S.P.A Pianificazione strategica Utilizzo dei principali social media Facebook LinkedIn Twitter Blog aziendale YouTube Altri strumenti complementari Principali freni allo sviluppo del social media marketing PARTE III: CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA

4 PREMESSA Lo scopo di questo elaborato è di esplorare le potenzialità dei social media nel marketing industriale, per smentire il luogo comune che li rende appannaggio del B2C, attraverso argomenti che palesino la necessità per le imprese operanti nel B2B come Carel Industries S.p.A., di implementare una strategia di social media marketing. Inizialmente verrà presentato il social media marketing come parte di una più ampia recente visione del marketing chiamata inbound marketing. Si analizzerà in seguito più nel dettaglio il social media marketing per il B2B, individuando cosa lo rende adatto al settore industriale, i vantaggi che può recare alle aziende ed in che modo le imprese devono mettere in atto questo tipo di strategia. Dopo aver presentato i principali social network, quanto visto nella letteratura verrà applicato al caso Carel Industries S.p.A., azienda operante nel settore HVAC/R (Heating Ventilating and Air Conditioning/Refrigeration), al fine di dimostrare l utilità di un piano di social media marketing per un impresa attiva in un settore altamente tecnologico e complesso. PARTE I: INBOUND E SOCIAL MEDIA MARKETING NEL B2B 1. INTRODUZIONE L avvento del Web 2.0 sta radicalmente cambiando il marketing mix di tutte le aziende, che devono integrare gli strumenti digitali con quelli tradizionali all interno della loro strategia di maketing e comunicazione (Mangold & Faulds 2009). Secondo Constantinides & Fountain (2008), Web 2.0 is a collection of open-source, interactive and user-controlled online applications che permettono agli utenti di comunicare, creare contenuto e condividerlo con gli altri (Kärkkäinen et al. 2010), dando origine a un effetto di rete attraverso quella che O Reilly (2005) definisce architecture of participation. Tale evoluzione del web, che rende l utente interattivo e socialmente partecipe, genera un aumento del tempo impiegato dagli utenti sulla rete. I social media, e in particolare i social networking sites (di seguito SNS), come Facebook, Twitter e LinkedIn, sono le piattaforme su cui gli utenti trascorrono in media più tempo e rappresentano ai nostri giorni una fonte 4

5 primaria d informazione (Michaelidou et al. 2011). Stando ai dati forniti da Nielsen (2012), il numero di minuti spesi sui social media è aumentato del 37% tra luglio 2011 e luglio Gli utenti dei social media, affermano Lempert e Vollmer & Precourt (si vedano Mangold & Faulds 2009), sono anche dei consumatori, i quali sempre più spesso si riversano su questo tipo di media per condurre le loro ricerche di informazioni sui prodotti e prendere le loro decisioni d acquisto. Essendo dunque diventato de facto modus operandi dei consumatori che disseminano informazioni su prodotti e servizi, il fenomeno dei social media non può essere ignorato dai marketer di oggi (Mangold & Faulds 2009), i quali, dicono Chu & Kim, devono gestire il word-of-mounth online attraverso il loro communication mix (Cray 2012). Data l evidenza dell utilità di tali strumenti, le aziende stanno introducendo le applicazioni Web 2.0 nel loro marketing mix a un ritmo elevato (Constantinides 2010), anche se le organizzazioni B2B sembrano aver realizzato il potenziale dei SNS nel sostenere il proprio marchio più tardi rispetto alle imprese B2C (Michaelidou et al. 2011). Dato il carattere di massa dei social media, si potrebbe, infatti, supporre che la loro utilità si limiti all ambito B2C, mentre che nel B2B essi non trovino ragione di esistere. La letteratura scientifica, invece, ne ha individuati i vantaggi anche in ambito industriale, e i dati forniti da Stelzner (2013), indicano, negli USA, una sostanziale parità nell utilizzo dei SNS nei due tipi di mercati. Nella realtà italiana, per contro, i dati non sono altrettanto positivi: le aziende italiane, secondo l Osservatorio sul Marketing B2B, realizzato da CRIBIS D&B con AISM (2012), sfruttano molto meno il marketing digitale, in particolare nel B2B, dove viene visto con diffidenza e si preferiscono ad esso gli strumenti tradizionali come fiere, conferenze, direct marketing. 2. I SOCIAL MEDIA COME COMPONENTE DELL INBOUND MARKETING Per inquadrare meglio il social media marketing, può essere utile contestualizzarlo all interno di un più ampio nuovo modo di fare marketing, che si distingue dall outbound marketing o marketing tradizionale. 5

6 2.1. Definizione di inbound marketing Inbound Marketing is marketing focused on getting found by customers (Burnes 2008). La grande rivoluzione dell inbound marketing, ciò che lo distingue nettamente dall outbound marketing, è espressa in questa definizione: l obiettivo diventa fare in modo che siano i prospect a cercare e a contattare l azienda, non più il contrario. Questo perché, secondo Rashtchy et al. e Vollmer & Precourt (si vedano Mangold & Faulds 2009), le persone si stanno allontanando sempre più dalle fonti di promozione tradizionali come radio, televisione, riviste e giornali. Generalmente, infatti, questo tipo di attività promozionali tendono ad essere propagandistiche e a sostenere il punto di vista del venditore. Tale approccio al mercato è anacronistico, perché, come spiegano Lusch & Vargo (2009), i buyer hanno ora accesso a una mole sempre maggiore di informazioni, il che li spinge a rigettare forme di comunicazione che appaiono inaccurate, intrusive o eccessivamente di parte. Inoltre, i mezzi outbound si rivolgono a un audience di massa e non targettizzata, raggiungendo un numero elevato di consumatori ma con un bassissimo tasso di coinvolgimento. La creazione di compelling content sul Web 2.0 invece, dicono Chu & Kim, fornisce ai marketer un audience recettiva e auto-segmentata, in modo economicamente conveniente rispetto ad altri media. (Cray 2012) Infatti, dicono Rashtchy et al. e Vollmer & Precourt (si vedano Mangold & Faulds 2009), Consumers consistently demand more control over their media consumption. They require on-demand and immediate access to information at their own convenience. Per questo motivo l inbound marketing capovolge l ordine delle cose, prefissandosi come obiettivo di essere cercati e contattati dai clienti e non di intromettersi nella loro quotidianità interrompendone le attività. Ad esempio, invece di interrompere programmi tv con spot pubblicitari, meglio postare video online che siano interessanti per i potenziali clienti. Invece che comprare spazi pubblicitari su riviste, meglio creare un blog aziendale che i prospect vogliano leggere. Invece che fare fredde e fastidiose telefonate, meglio produrre contenuto per il quale siano i prospect stessi a prendere contatto con l azienda. 6

7 2.2. Le componenti dell inbound marketing Gli strumenti dell inbound marketing sono citati nel titolo del libro di riferimento sull argomento, Inbound Marketing: Get Found Using Google, Social Media, and Blogs di B. Halligan e D. Shah. Le strade per una strategia di Inbound marketing efficace sono, infatti, tre: il Content Marketing, il SEO, e il Social Media Marketing. Figura 1: Componenti dell Inbound Marketing. Fonte: blog.hubspot.com Il content marketing Il contenuto offerto dall azienda, è l elemento essenziale affinché la produzione di marketing sia ricercata dai potenziali clienti. Il primo passo da fare è ascoltare il proprio mercato e individuare ciò che può essere interessante e utile per il professionista in cerca di soluzioni per il proprio lavoro (Kaplan & Haenlein 2010). A differenza del B2C, dove il contenuto deve essere virale e creare buzz per attirare i consumatori, nel mercato B2B, formato generalmente da meno clienti, ma con un valore delle vendite e una dimensione razionale e relazionale superiore, il contenuto di marketing deve presentare l azienda come portatrice di competenze e di risorse fonte di valore aggiunto, nell ottica di una relazione di partnership a lungo termine (Zerbini et al. 2007). Figura 2. Canali di creazione del contenuto. Fonte; Focus Research Marketers Benchmarks 2011: A Survey of Marketers Priorities & Challenges., June 8, 2011 In questo senso l azienda deve identificare quali competenze generano valore per il cliente, e veicolare questo know-how attraverso la produzione di marketing, andando oltre il semplice advertising incentrato sul prodotto, ponendosi not just as a seller of stuff but as a reliable and consistent source of information (Handley 2012). Gli strumenti più usati per creare contenuto 7

8 di valore sono il blog, i whitepaper, webminar ed eventi virtuali, video. Attraverso questi, con success story, news o contenuti tecnici che coinvolgano gli utenti, le aziende possono costruire la propria reputazione online. La regolarità nella produzione di contenuto è importante per aumentare il numero di utenti potenzialmente raggiungibili, per migliorare il SEO e per dare l immagine di un impresa produttiva, sempre in grado di fornire informazioni di valore al proprio mercato di riferimento Il SEO (Search Engine Optimization) Per un getting found efficace è necessario mettere in atto delle pratiche che permettano al contenuto di essere facilmente trovato dai potenziali clienti. Il Search Engine Optimization, come definito da Zhang & Dimitroff (2005), consiste nel processo di identificazione e di messa a punto dei diversi fattori di una pagina web che hanno impatto sul funzionamento dei motori di ricerca, in modo che questa raggiunga la maggiore visibilità possibile nella risposta del motore di ricerca a una domanda rilevante. (Skiera et al. 2010). Stando ai dati di Comescore World Metrix, l 81% degli utenti di internet entra in rete tramite i motori di ricerca, dei quali Google è il più usato. Consce del fatto che gli utenti generalmente considerano le informazioni trovate nella prima pagina dei motori di ricerca, le aziende ambiscono ad apparire tra i primi risultati dei suddetti siti (Yalçın & Köse 2010; Fiorini & Lipsky 2012). I fattori che contribuiscono a ottimizzare il ranking di una pagina internet possono essere suddivisi in due categorie. (Zhang & Dimitroff 2005). Il primo gruppo è costituito da fattori interni alla pagina, tra i quali sono di prima importanza le keyword, ossia le parole chiave inserite dagli utenti alla ricerca di una determinata risposta: queste devono essere inserite nel titolo della pagina, nella meta-description e nel contenuto. Altri fattori influenti sono il design del sito, la sitemap, gli RSS feed e la presenza delle pagine in diverse lingue (Yalçın & Köse 2010). 8

9 Il secondo gruppo è formato dai fattori esterni alla pagina, come gli inbound link e i social media. Gli inbound link sono dei collegamenti ipertestuali al proprio sito presenti su altre pagine web (Bodnar & Cohen 2012), il cui numero e autorità, secondo Yalçin & Köse (2010), misurano la popolarità della pagina web. Altro fattore rilevante per il SEO sono i social media, perché Social media shares, likes, updates, and content [...] are quickly becoming the new inbound links, contribuendo ad aumentare il traffico intorno al sito web (Bodnar & Cohen 2012). I social media introducono un elemento di novità perché a differenza degli altri fattori, permettono di fornire delle risposte a domande specifiche e personali e di essere sempre attuali, potendo così corrispondere Figura 3. SEO: confronto tra B2B e B2C. Fonte: Digital Marketing Report 2012, WebMarketing 123 in modo più esatto alle ricerche online. Tra gli strumenti più utilizzati troviamo i blog, i social network, i forum e le piattaforme di condivisione di immagini e video (Yalçin & Köse 2010) Il social media marketing L aspetto più recente e innovativo dell inbound marketing è senza dubbio il social media marketing. Social Media is a group of Internet-based applications that build on the ideological and technological foundations of Web 2.0, and that allow the creation and exchange of User Generated Content (Kaplan & Haenlein 2010). I social media possono essere definiti come un elemento ibrido del marketing mix in quanto combinano la caratteristica degli strumenti tradizionali (aziende che parlano a clienti), con una forma ingigantita di passaparola digitale, di cui i marketing manager non possono avere pieno controllo. Ciò impone alle imprese di gestire la propria immagine online in modo trasparente e di instaurare su questi media un dialogo effettivo con i clienti, che abbia ricadute positive sull opinione riguardo all azienda che essi poi diffonderanno (Mangold & Faulds 2009; Schniederjans, Cao, & Schniederjans 2012). 9

10 Nei social media rientrano diverse tipologie di piattaforme quali i blog, i social network, i siti di condivisione di contenuto. Dato il loro grande potere comunicativo, legato all elevato numero di utenti che possiedono ed alla possibilità di condivisione che offrono, i social media sono il mezzo ideale con cui le aziende possono diffondere il proprio contenuto. In particolare, affermano Kaplan & Haenlein (2010), i SNS sono delle applicazioni che consentono agli utenti di connettersi creando dei profili personali, a cui amici e colleghi possono avere accesso e su cui condividere qualsiasi tipo di informazione, incluse foto, video, file audio e blog. Ciò rende queste piattaforme lo strumento principe attraverso cui attivare il già citato passaparola virtuale. Facebook e Twitter ne sono l esempio più noto, LinkedIn quello che meglio si adatta al contesto industriale. Inoltre nel B2B, data la natura del contenuto da diffondere, che come detto, è preferibile si basi sulle competenze dell azienda utili ai prospect, questi strumenti che permettono l interazione e il dialogo con il cliente sono fondamentali. Questo perché non sarebbe possibile dimostrare l expertise dell azienda attraverso i media tradizionali, caratterizzati da contenuto promozionale e da una comunicazione unidirezionale (Zerbini et al. 2007). Figura 4. Social media: confronto tra B2B e B2C. Fonte: Digital Marketing Report 2012, WebMarketing IL SOCIAL MEDIA MARKETING NEL B2B Dopo aver contestualizzato il social media marketing in un più ampio quadro di riferimento quale l inbound marketing, passiamo ad analizzare più da vicino l utilizzo dei social media, con particolare riguardo al mondo del B2B Le caratteristiche del mercato B2B che lo rendono adatto ai social media I mercati dei beni industriali hanno caratteristiche differenti rispetto ai mercati dei beni di consumo, sia per quanto riguarda i processi produttivi, sia per il tipo di mercato servito. 10

11 Secondo Kärkkäinen et al. (2010), il settore B2B si differenzia da quello B2C per la complessità del prodotto industriale, per il ritmo di innovazione e, cosa che maggiormente ci interessa, per il tipo di clienti. Generalmente, le imprese B2B hanno un numero inferiore di clienti, i quali essendo altre imprese, sono di dimensioni maggiori ed effettuano acquisti per importi superiori rispetto al singolo consumatore. Inoltre, essendo gli acquirenti dei buyer professionali, basano la loro decisione su dettagli tecnici e su un ampio numero di informazioni oltre che sulla fiducia. La relazione tra acquirente e venditore è più diretta e intensa, giungendo spesso a configurarsi come una partnership di fornitura duratura (Kärkkäinen et al. 2010). Tali fattezze del mercato e del rapporto con i clienti rendono il settore industriale adatto all implementazione di una strategia di social media marketing per diversi motivi. L ottica del lungo termine nelle relazioni di vendita, rende fondamentale la credibilità aziendale presso il mercato e la trasparenza nelle interazioni con i clienti (D. Schniederjans et al. 2012), aspetti che i SNS migliorano sensibilmente (Davis Kho 2008). La complessità dei prodotti industriali implica un elevato livello di competenza da parte delle imprese, e tali conoscenze, come già affermato citando Zerbini et al. (2007), sono materiale eccellente per la creazione del contenuto di valore per i prospect. Le aziende B2B hanno tradizionalmente esperienza di produzione di contenuto informativo e di story telling business-focused e i social media permettono di amplificare la diffusione di questo materiale (Bodnar & Cohen 2012) Obiettivi e benefici del social media marketing nella gestione del sales funnel In ragione delle diversità sopra esposte, gli obiettivi che le aziende B2B si prefiggono nell implementare una strategia di social media marketing, sono in parte diversi da quelli che si pongono le aziende B2C (J. J. Jussila et al. 2011). Analizziamo innanzitutto il ciclo di vendite, in prospettiva della cui gestione vengono inseriti gli obiettivi citati dai marketer B2B per il loro social media marketing. 11

12 Il sales funnel Il ciclo di vendita è rappresentato come un imbuto, il sales funnel (Söhnchen & Albers 2010), che illustra il sequenziale restringimento da un audience di massa non targettizzata, fino alla cerchia di clienti effettivamente acquisiti (Cooper & Budd 2007). Nella letteratura si trovano diverse interpretazioni del processo, le cui fasi variano nel nome e nel numero. In questo elaborato si prenderà in considerazione la struttura presentata da D Haen & Van den Poel (2013), che suddivide il ciclo in quattro stadi. Il punto di partenza è l insieme dei suspects, ossia di tutti i potenziali nuovi clienti acquisibili. Tra questi, attraverso una segmentazione del mercato, si individuano i prospects, cioè i suspect che incontrano determinate caratteristiche di interesse per l azienda. I prospect che dimostrano interesse verso l azienda fornendo il proprio contatto si trasformano in leads. Infine i lead che acquistano dall azienda diventano customers (D Haen & Van den Poel 2013). Figura 5. Il sales funnel secondo D Haen & Van den Poel. Fonte: Lukes & Stanley (si vedano Cooper & Budd 2007), osservano che a ogni stadio del processo di vendita corrispondono diversi comportamenti ed obiettivi nell attività di marketing. Inizialmente opera la costruzione della notorietà del marchio, per raggiungere il maggior numero di prospect online (Leek & Christodoulides 2011b). In questa fase gli strumenti digitali di maggior utilità per i marketer sono i social media e il SEO. Raggiunto un ampio pubblico, l obiettivo diventa aumentare il conversion rate, ossia la percentuale di utenti che, a fronte del contatto con l azienda, si trasformano in lead (Skiera et al. 2010). Il presupposto per la conversione è la produzione di un contenuto utile, di cui i prospect vogliano fruire. Una volta inseriti i contatti dei lead nel gestionale del CRM, si individuano quelli più interessanti, per instaurare con essi una relazione tramite la newsletter e i contatti da parte degli agenti commerciali (Bodnar & Cohen 2012). Questi ultimi, devono concludere il ciclo di vendite, trasformando il maggior numero possibile di lead in clienti. Il lavoro del marketing non 12

13 finisce con l avvenuta vendita: infatti, per spingere i clienti a ripetere l acquisto, bisogna coltivare la relazione con essi tramite l assistenza post-vendita, rispondendo alle loro esigenze e ricevendo i loro feedback. Questi sono fattori importanti per poter allineare maggiormente il prodotto alle esigenze dei clienti (Zerbini et al. 2007) Gli obiettivi del social media marketing Stando ai risultati del report di WebMarketing123 (2012), di Stelzner (2013), e a quanto affermato da Michaelidou et al. (2011), i principali obiettivi di una strategia di social media marketing nel B2B sono di generare maggiori lead e vendite, di aumentare la conoscenza del brand, di gestire il dialogo con i clienti e di accrescere il traffico verso il proprio sito web. Vediamo più nel dettaglio quelli maggiormente rilevanti secondo i marketer B2B Aumento della notorietà del brand A differenza che nel B2C, nel mercato industriale il branding è stato tradizionalmente considerato poco rilevante (Leek & Christodoulides 2011a; Toppi, Ulkuniemi, Saraniemi, & Mäläskä 2012). Questo è in accordo con l idea che le decisioni d acquisto siano un processo strettamente razionale e legato a caratteristiche tecniche del prodotto, che non lascia spazio a risvolti emozionali, valori cui è per lo più associato il brand (Leek & Christodoulides 2012). La ricerca scientifica ha invece contrastato questa visione, affermando che anche i marchi B2B devono generare fiducia e sviluppare legami affettivi e cognitivi con gli stakeholders (Andersen & Kumar 2006). Tra i benefici della brand equity nel B2B, troviamo l aumento della percezione di qualità e il conferimento di unicità ai prodotti, la capacità di praticare un prezzo superiore e l innalzamento di barriere all entrata per i concorrenti (Leek & Christodoulides 2011b). Una marca nota è fondamentale a fronte della crescente omogeneità della qualità dei prodotti e alla diminuzione delle interazioni personali dovute ai canali digitali, a maggior ragione in una decisione d acquisto riguardante un prodotto complesso in cui il grado di incertezza tecnica è elevato (Leek & Christodoulides 2011a; Kotler & Pfoertsch 2006). Secondo Marketo, il 93% dei business buyers inizia attualmente il processo d acquisto con una ricerca online, il che spiega perché la maggior parte dei marketer usa i social media e il 13

14 SEO per far conoscere la propria marca a nuovi prospect, sfruttando le potenzialità di diffusione del contenuto dei SNS attraverso il già citato il passaparola online (Minna Mäläskä et al. 2011) e incrementando il traffico intorno al proprio sito web Generazione di lead Più avanti nel ciclo delle vendite, occorre trasformare i prospect in lead, obiettivo che secondo lo State of Digital Marketing Report 2012 di WebMarketing123, è di primaria importanza nelle strategie di social media marketing nel B2B. I mezzi tradizionali per generare lead come le fiere di settore, le informazioni ottenute dal proprio network e dalla rete commerciale, sono affiancati e superati da quelli digitali, grazie alla grandissima mole di informazioni che internet offre per ricercare potenziali clienti nel proprio mercato (Long et al. 2007). Le aziende possono anche usare internet per generare lead spingendo i prospect a identificarsi spontaneamente (Long et al. 2007), per ottenere quel contenuto di valore (Cray 2012) che sta a fondamento dell inbound marketing. Lo strumento per l identificazione è una call-to-action, che invita il prospect a cliccare su un banner o un annuncio, per giungere ad una landing page, sulla quale terminare il processo di conversione. In termini generali, l azione richiesta sulle landing page è di compilare un form (fornendo informazioni su se stessi, sulla propria azienda e lasciando un contatto mail), al fine di poter procedere con il download del materiale di interesse (Skiera et al. 2010). Per esempio il prospect potrebbe voler accedere a whitepaper, webminar o altro contenuto informativo, stimolato dalla visita al sito internet, ai profili social o al blog aziendale. In particolare il blog aziendale è un ottimo modo per raggiungere i prospect in una maniera discreta e non-marketing (Long et al. 2007) Aumento delle vendite Per terminare il ciclo di vendite bisogna rendere concreti gli sforzi fatti dal marketing e trasformare, citando le parole di Cooper & Budd (2007), la materia grezza (i lead) nel prodotto finito (i clienti). 14

15 Il primo passo consiste nel valutare la profittabilità dei diversi lead generati dal prospecting, la cui qualità influisce sulla facilità di conversione in acquirenti e dunque sul costo di conversione (D Haen & Van den Poel 2013). Selezionati i lead di maggior interesse, bisogna coltivare la relazione con essi, fornendo loro del materiale mirato sul determinato target specifico. Nel caso di un lead generato spontaneamente tramite il marketing digitale, il business marketer ha il vantaggio di aver ottenuto il permesso per instaurare un dialogo via , e altri sforzi promozionali saranno meno soggetti a essere considerati come spam. Per questo motivo è pratica diffusa iniziare la relazione con il lead tramite (Long et al. 2007). In questa fase dunque gli strumenti maggiormente usati sono la newsletter, i webminar e tutto il marketing di prodotto, per preparare l avvio della relazione personale con gli agenti commerciali. Nel post vendita, la relazione con il cliente può essere alimentata tramite newsletter e webminar educativi, fornendo un servizio di assistenza al cliente che ne riceva i feedback e ne aumenti la soddisfazione (Long et al. 2007), generando in esso un senso di fedeltà nei confronti dell azienda Altri obiettivi Tra gli altri obiettivi raggiungibili tramite l uso dei social media si possono citare la maggior facilità di dialogo con i prospect, cosa che aiuta a costruire delle relazioni fondate sulla fiducia (Michaelidou et al. 2011) con un costo per contatto decisamente inferiore rispetto al direct marketing, e l aumento del traffico intorno al proprio sito web, sia tramite link diretti, sia tramite l ottimizzazione del SEO La valutazione della performance Diversi studi indicano che molte aziende B2B non hanno ancora pienamente compreso il potenziale dei social media e trovano difficoltà nel valutare e misurare i benefici dei social media (J. J. Jussila et al. 2011). 15

16 I risultati possono essere suddivisi in finanziari e non-finanziari. I ritorni finanziari sono in ultima analisi aumento del fatturato o riduzione dei costi, che possono essere misurati per esempio con il prezzo superiore permesso dalla notorietà della marca, con l aumento dei ricavi di vendita o con la riduzione dei costi nell acquisizione e nell assistenza dei clienti. I ritorni non-finanziari sono tutto il resto, ad esempio l aumento della soddisfazione dei clienti, il miglioramento del ranking del sito o l aumento dei lead generati. (J. J. Jussila et al. 2011). Mentre i ritorni non finanziari sono riconosciuti e intuibili, rimane difficile valutare esattamente il ritorno monetario dell investimento dei social media e nonostante il bisogno e il desiderio di farlo, rari sono quelli che tentano di calcolare il ROI relativo all utilizzo dei social media (J. J. Jussila et al. 2011) Il social media ROI Il ROI (Return On Investment), secondo Blanchard, è la misurazione del ritorno atteso di un investimento iniziale fatto all interno di un programma. Nel nostro caso ogni risorsa allocata ai social media, sia essa talento, tempo o denaro, è considerata un investimento. Lo specifico risultato ne misura il ritorno (Cray 2012). La determinazione del social media ROI, è un argomento attuale per i marketer che implementano una strategia di social media marketing, soprattutto nel momento in cui devono ottenere l approvazione del budget da parte del direttore marketing o del direttore finanziario (Michaelidou et al. 2011). Il ritorno finanziario è la metrica che maggiormente interessa le aziende, anche se è arduo da valutare con precisione (Cray 2012) data la natura e complessità dei social media, che difficilmente permettono di associare in modo diretto e immediato la relazione tra attività e vendite (Hoffman & Fodor 2010). Ad oggi, il ROI dei social media è ancora da determinare. Si intuiscono i benefici, ma non si riescono a quantificare monetariamente. Il metodo che si avvicina maggiormente alla determinazione del ROI di una campagna di social media marketing, potrebbe essere l utilizzo di un modello di regressione multipla, in cui le variabili esplicative siano i nuovi strumenti di social media marketing implementati, mentre l impatto sulla performance sia rappresentato dalla variabile dipendente. Se le vendite complessive aumentano dopo il lancio della 16

17 campagna, mentre il resto del marketing mix rimane invariato, è teoricamente possibile attribuire il miglioramento del risultato ai social media (Cray 2012). Tuttavia, poiché la complessa dinamica che porta alle vendite nel social media non si esaurisce in una relazione lineare, è preferibile misurarne la performance attraverso parametri che riguardino il comportamento degli interlocutori (Hoffman & Fodor 2010). Nel B2B, ad esempio, tali parametri sono la quantità e qualità dei lead generati, il successo in termini di visite dei diversi canali social implementati, la riduzione dei costi nell acquisizione e gestione dei clienti o il miglioramento del loro livello di soddisfazione (Fisher 2009). Le metriche di valutazione della performance discendono dagli obiettivi che ci si prepone (Hoffman & Fodor 2010) La web analytics Al fine di misurare i parametri non monetari della performance dei social media, le aziende hanno iniziato ad analizzare il successo della propria presenza online. Quest attività è svolta dai servizi di web analytics, che aggregano ed analizzano dati riguardanti l attività online dei clienti che hanno visitato il sito aziendale. I risultati di tale analisi permettono alle imprese di interpretare le abitudini e le reazioni online dei propri prospect per formulare delle strategie che rispondano meglio ai loro comportamenti e alle loro esigenze (Park et al. 2010). Le più banali informazioni riguardano il numero di visite al sito, la loro durata e l eventuale ritorno del visitatore. Possono inoltre fornire indicazioni sulla localizzazione dei visitatori, delle keyword immesse nei motori di ricerca e delle pagine che generano maggior traffico sul sito. Esempi di questi software sono GoogleAnalytics e Coremetrics. Gli stessi SNS come Facebook e Twitter forniscono conteggi di tweet, commenti, fan, o follower. Tuttavia come dice Squire, CSO di IBM Coremetrics (si veda Hyman 2011), ciò che maggiormente conta è il conversion tracking, ossia la misurazione del numero di prospect trasformati in lead o clienti online (Hanna et al. 2011). I software di web analytics sono gli strumenti chiave per tracciare il percorso svolto dai clienti nel sales funnel, il modo in cui sono giunti a contatto con l azienda e la landing page, e dunque il contenuto, attraverso cui sono diventati lead. 17

18 Grazie a software di questo tipo si può quindi stabilire quali pagine, contenuti e post, generano i maggiori lead ed avere una visione d insieme della propria strategia di digital marketing, in modo da ottimizzare l allocazione delle risorse ai diversi strumenti e migliorare i singoli stadi del processo di lead generation. Secondo i dati forniti dalla B-to-B Web Analytics Survey svolta da BtoB e WAA (Web Analytics Association), nel 2012 il 48,3% dei marketer dice di monitorare i social media e il 24,3% ha annunciato l intenzione di aumentare il budget dedicato a social media e web metrics I principali social media Dopo aver presentato le dinamiche generali del social media marketing, introduciamo più da vicino i principali social media, con le loro diverse caratteristiche demografiche e particolarità rilevanti in ottica B2B. È importante che i diversi strumenti siano utilizzati in modo differente, sfruttandone le peculiarità e targettizzando bene il contenuto in base agli utenti tipo. Allo stesso tempo, però devono essere implementati in sinergia, integrandoli in modo coerente con l univoco messaggio aziendale che si vuole diffondere (Hanna et al. 2011). Secondo il report di Stelzner (2013), i due principali social network utilizzati dai marketer nel B2B sono Facebook (86.4%) e LinkedIn (86.4%). Seguono da vicino Twitter (81.5%), mentre in misura minore il blog (63%) e YouTube (53.1%). Figura 6. I social media utilizzati. Fonte: Social Media Marketing Industry Report 2013 di Socialmediaexaminer.com 18

19 È da sottolineare il fatto che, in modo speculare con le diversità del mercato e degli obiettivi, tra B2C e B2B, cambiano anche i social media su cui gli addetti al marketing sono prevalentemente focalizzati. Mentre nel B2C i marketer si concentrano su Facebook, nel B2B essi si focalizzano anche su LinkedIn, sul blog aziendale e su Twitter. Figura 7. B2C vs. B2B. I social media di maggior interesse. Fonte: Social Media Marketing Industry Report 2013 di Socialmediaexaminer.com Facebook Con 665 milioni di utenti al giorno (Facebook.com 2103), Facebook è il social networking site più diffuso. I suoi utenti sono principalmente molto giovani (Kaplan & Haenlein 2010), e la maggior parte di essi dichiara di usare Facebook per motivi personali e ricreativi. Per tale ragione l idea comune è che sia un canale per relazionarsi con i consumatori, e che rivesta un importanza minima nel B2B (Sood & Pattinson 2012). Tuttavia, dice Mari Smith (si vedano Bodnar & Cohen 2012), dato l enorme numero di utenti, parte di loro sono business men, che per quanto usino Facebook principalmente per uso personale, possono essere attratti o ricercare materiale professionale anche su questo medium (Smith et al. 2012). Ad ogni modo, sostengono Toppi et al. (2012), Facebook può essere utilizzato per raggiungere il cliente finale sviluppando discussioni sulla propria pagina e diffondendo contenuti riguardanti il potenziale mercato finale del proprio prodotto. La comunicazione in questo canale deve essere semplice poiché gli interlocutori non sempre conoscono il vocabolario tecnico e professionale. L obiettivo principale su Facebook è aumentare la forza della marca e ciò si ottiene, tra l altro, generando consenso presso un audience più ampia del proprio mercato obiettivo. Con questo scopo, le aziende possono, tramite il social network, dimostrare la propria corporate 19

20 social responsibility, legando il marchio a valori e principi relazionati al proprio prodotto, ma che siano più universali rispetto alla sola industria di appartenenza (Toppi et al. 2012) LinkedIn Con oltre 225 milioni di membri in tutto il mondo (a Maggio 2012), tra cui almeno un executive di ogni azienda delle Fortune 500, LinkedIn è il più grande professional network in internet (fonte: LinkedIn.com). Questo professional networking site (Fischer & Reuber 2011), è lo strumento principe per il marketing B2B, in quanto, dice Schaffer N. (2011), non esiste altro SNS in cui c è una probabilità maggiore di poter interagire con un influente decision maker. LinkedIn offre ai professionisti la possibilità di entrare in contatto o intrattenere le relazioni con potenziali partner professionali (Sigfusson & Chetty 2013). Secondo gli studi di Baker, Bricout, Moon, Coughlan, & Pater (2013), infatti, la grande maggioranza dei gruppi di discussione riguarda tematiche lavorative. Su questi gruppi si possono generare relazioni basate su un argomento di interesse comune e instaurare un dialogo intorno a contenuto tecnico e specifico (Sigfusson & Chetty 2013). LinkedIn offre opportunità di marketing sia a livello individuale, creando un network di contatti tramite i propri dipendenti, sia livello di impresa, attraverso la creazione di una pagina aziendale come vetrina per il proprio business (Schaffer N. 2011) Twitter Twitter appartiene alla categoria dei microblog, permette di diffondere informazione tramite brevi messaggi di testo di massimo 140 caratteri (Kaplan & Haenlein 2010), chiamati Tweet. Questo SNS conta oggi oltre 200 milioni di utenti attivi, e registra 400 milioni di tweet al giorno (business.twitter.com). Data la brevità dei tweet, essi servono per lo più a diffondere contenuto prodotto sul blog, Facebook o altri social media. La pagina aziendale presenta le informazioni principali e permette ad altri utenti di diventare follower e ricevere sulla propria pagina iniziale i tweet dell azienda. Tipici di Twitter sono gli hashtag, delle etichette che raccolgono tutti i tweet attorno a un determinato argomento creando così delle discussioni intorno a tale topic (Fischer & Reuber 2011). 20

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet 2 app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet L integrazione delle piattaforme è il concetto

Dettagli

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Nessuna parte di questo documento può essere usata o riprodotta in alcun modo anche parzialmente senza il permesso della

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Nessuna parte di questo documento può essere usata o riprodotta in alcun modo anche parzialmente senza il permesso della www.smartplus.it www.progettorchestra.com Per informazioni: info@smartplus.it info@progettorchestra.it Tel +39 0362 1857430 Fax+39 0362 1851534 Varedo (MI) - ITALIA Siti web e motori di ricerca Avere un

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Mai più senza smartphone.

Mai più senza smartphone. Mai più senza smartphone. Il telefonino ha superato il pc come mezzo di consultazione del web: 14,5 milioni contro 12,5 milioni.* Sempre più presente, lo smartphone è ormai parte integrante delle nostre

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com

Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com Ascolto, gestione degli spazi social e analisi con Hootsuite.com #TTTourism // 30 settembre 2014 - Erba Hootsuite Italia Social Media Management HootsuiteIT Diego Orzalesi Hootsuite Ambassador Programma

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE

TECNICHE DI NEGOZIAZIONE E DI REDAZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA E DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE RIEPILOGO CORSI Tecniche di negoziazione e di redazione dei contratti di vendita e di distribuzione commerciale Talenti & Vendite: la gestione della relazione commerciale Capire per vendere Tecniche di

Dettagli

Ecco come farsi ascoltare dai clienti

Ecco come farsi ascoltare dai clienti Ecco come farsi ascoltare dai clienti L 80% dei clienti non guarda la pubblicità, il 70% rifiuta le chiamate di vendita, il 44% non apre le email: il cliente ha chiuso la porta. La soluzione al problema

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

LA TUA ASSICURAZIONE SULLA CARRIERA: FAR LAVORARE I SOCIAL MEDIA PER TE

LA TUA ASSICURAZIONE SULLA CARRIERA: FAR LAVORARE I SOCIAL MEDIA PER TE LA TUA ASSICURAZIONE SULLA CARRIERA: FAR LAVORARE I SOCIAL MEDIA PER TE LA TUA POLIZZA D ASSICURAZIONE SULLA CARRIERA: FAR LAVORARE I SOCIAL MEDIA PER TE I social media impattano praticamente su ogni parte

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

Descrizione tecnica Indice

Descrizione tecnica Indice Descrizione tecnica Indice 1. Vantaggi del sistema Vertical Booking... 2 2. SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE... 3 2.1. Caratteristiche... 3 I EXTRANET (Interfaccia per la gestione del programma)... 3 II

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0

Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0 Bibione.com: Strategie webmarketing 2.0 La gestione del portale e la promozione on-line Nicola Grassetto Time2marketing Srl Bibione Online Cos è oggi Bibione.com Operatori presenti 5 Strutture open air

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris.

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. Sin dal lancio, avvenuto dieci anni fa, il marchio ghd è diventato sinonimo di prodotti di hair styling di fascia

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

Master in Unconventional Marketing and Interactive Communication A.A. 2011/2012 Master specialistico

Master in Unconventional Marketing and Interactive Communication A.A. 2011/2012 Master specialistico Master in Unconventional Marketing and Interactive Communication A.A. 2011/2012 Master specialistico Il Master in Unconventional Marketing and Interactive Communication è un percorso formativo post-laurea

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

professionisti nel far crescere le aziende

professionisti nel far crescere le aziende professionisti nel far crescere le aziende web / information technology marketing strategico direct marketing social media marketing marketing non convenzionale strategie mobile eventi e ufficio stampa

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

REAL ESTATE. Il software per la gestione della presenza online per le agenzie immobiliari

REAL ESTATE. Il software per la gestione della presenza online per le agenzie immobiliari REAL ESTATE Il software per la gestione della presenza online per le agenzie immobiliari è un sistema progettato per garantire la semplice gestione della presenza online per le agenzie immobiliari. Il

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Guida ai Circoli professionali del Rotary

Guida ai Circoli professionali del Rotary Guida ai Circoli professionali del Rotary Rotary International Rotary Service Department One Rotary Center 1560 Sherman Avenue Evanston, IL 60201-3698 USA www.rotary.org/it 729-IT (412) Introduzione ai

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Come si trovano oggi i clienti? Così! ristorante pizzeria sul mare bel Perchè è importante

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE.

COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. COMUNICATO STAMPA CBT E SUGARCRM INSIEME PER RISPONDERE ALLE ESIGENZE DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO DELLE AZIENDE. Milano, 31 gennaio 2013. Il Gruppo CBT, sempre attento alle esigenze dei propri clienti

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict 01NET NETWORK www.01net.it Pag 2 Dati di traffico 01net Network Totale

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI IL VOSTRO LAVORO E LA VOSTRA PASSIONE I VOSTRI CAVALLI La nostra iniziativa vuole essere un aiuto agli allevatori per raggiungere ogni potenziale cliente e trasformarlo

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

LEAN SOLUTION FOR YOUR BUSINESS

LEAN SOLUTION FOR YOUR BUSINESS BUSINESS PROFILE LEAN SOLUTION FOR YOUR BUSINESS Omnia Group è costituito da un complesso di aziende operanti nei settori della consulenza e dell erogazione di servizi informatici. L azienda è caratterizzata

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli