GLOBAL SERVICE PER GESTIONE INTEGRATA DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE A DESTINAZIONE ERP ESTRATTO DELLA CARTA DEI SERVIZI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLOBAL SERVICE PER GESTIONE INTEGRATA DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE A DESTINAZIONE ERP ESTRATTO DELLA CARTA DEI SERVIZI"

Transcript

1 GLOBAL SERVICE PER GESTIONE INTEGRATA DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE A DESTINAZIONE ERP ESTRATTO DELLA CARTA DEI SERVIZI SPORTELLO DI CONTATTO via Benedetto Croce n.28 Sesto San Giovanni (MI) (c/o Uffici comunali) tel Orari di ricevimento. Martedì dalle 8.30 alle dalle alle Giovedì dalle 8.30 alle dalle alle OPPURE INVIATE UNA MAIL SERVIZIO DI MEDIAZIONE SOCIALE via Benedetto Croce n.28 Sesto San Giovanni (MI) (c/o Uffici comunali) tel Orari di ricevimento. Ricevimento previo appuntamento telefonico

2 QUANDO CHIAMARE IL NUMERO VERDE? Oggetto del servizio di Global Service saranno esclusivamente gli impianti a servizio delle parti comuni degli edifici, ed in particolare: Impianti elettrici Impianti elettrici speciali (citofoni, videocitofoni, cancelli motorizzati, ecc ) Impianti idrico sanitari (comprese reti di scarico) Impianti di riscaldamento centralizzato Impianti di sollevamento (ascensori e montacarichi ) Impianti e dotazioni antincendio Qualora l inquilino riscontrasse un guasto o il cattivo funzionamento degli impianti sopra citati, potrà richiederne la riparazione telefonando al Numero Verde dedicato al Global Service: l operatore del Call Center prenderà nota delle informazioni generali riguardanti la segnalazione di guasto, darà evidenza dei tempi previsti per l esecuzione dell intervento e provvederà ad inoltrare la segnalazione al tecnico competente. E opportuno che l inquilino annoti il numero di riferimento e la data della chiamata per effettuare eventuali rettifiche o solleciti. Le stesse modalità di gestione dei guasti potranno essere utilizzate anche per la segnalazione delle problematiche relative alla manutenzione edile dello stabile, alla cura delle aree esterne (es. parcheggi) e delle aree verdi di pertinenza del condominio, oppure per eventuali reclami legati al servizio di pulizia delle parti comuni. Ogni assegnatario può rivolgersi ala numero verde anche per questioni attinenti la gestione amministrativa.e/o per ottenere appuntamenti con il mediatore sociale.

3 QUANDO RIVOLGERSI ALLO SPORTELLO DI CONTATTO? Lo Sportello di Contatto è stato istituito per accogliere l utenza e valutarne le esigenze, in modo da interpretare al meglio i quesiti e i bisogni inerenti il servizio di Global Service. A tale scopo, durante gli orari di ricevimento indicati, l utenza si potrà rivolgere al personale addetto allo Sportello per ottenere informazioni sulle pratiche amministrative relative ai seguenti argomenti: Gestione delle verifiche e sopralluoghi per l assegnazione delle unità immobiliari; Stipulazione dei contratti di locazione; Gestione dei contratti di locazione; Segnalazioni del mancato rispetto del regolamento; Ripartizione utenze e servizi comuni; Gestione delle morosità e piani di rientro; Eventuali segnalazioni di occupazioni abusive; Ricalcalo del canone; Anagrafe dell utenza; Informazioni in merito allo stato delle procedure relative agli interventi tecnici. E inoltre possibile comunicare con lo Sportello di Contatto a mezzo posta elettronica al seguente indirizzo: Sempre attraverso lo Sportello di Contatto, l utente potrà ottenere chiarimenti sulle richieste d intervento effettuate al Numero Verde non ancora evase o segnalare direttamente eventuali disfunzioni riguardanti i servizi manutentivi elencati nel precedente paragrafo.

4 QUANDO UTILIZZARE IL SERVIZIO DI MEDIAZIONE SOCIALE? Il servizio di mediazione sociale si propone di prevenire i disagi causati da una difficile convivenza tra i condomini, migliorando le relazioni tra i vicini. Attraverso il coordinamento e la collaborazione con tutti i servizi (pubblici e privati) che agiscono in campo sociale, i mediatori cercano di diffondere una cultura di convivenza sostenibile, mettendo in atto tutte le azioni necessarie per la prevenzione di eventuali criticità determinate dai numerosi fattori che caratterizzano l edilizia residenziale pubblica: assegnatari con difficoltà economiche, sociali, di integrazione, di etnie differenti tra loro, ecc La mediazione sociale si presenta come un percorso che si attiva a seguito di una richiesta di supporto (non espressa in forma anonima), nel caso in cui si verifichi una situazione di conflitto potenziale o reale. Il mediatore, nei giorni e negli orari stabiliti, accoglie quindi la persona che si rivolge a lui cercando di metterla a proprio agio, dedicandole uno spazio ed un tempo di ascolto necessari al racconto della situazione di disagio che sta vivendo. Il cittadino diventa il vero protagonista del percorso di mediazione e, accanto a lui, il mediatore si pone come aiuto per facilitare la comunicazione tra le parti e come guida affinché le parti trovino accordi che soddisfino entrambi. Fondamentale è la consapevolezza che il mediatore non prende decisioni e non si sostituisce alle parti, ma facilita la comunicazione tra esse promuovendo riflessioni, ipotizzando percorsi e tracciando possibili soluzioni insieme agli interessati o con le istituzioni, i servizi e le associazioni con cui collabora garantendo in ogni momento l imparzialità e la riservatezza. In un panorama multietnico, complesso ed in continua trasformazione, la mediazione sociale fa sì che le diversità non divengano ostacolo al vivere comune ma, al contrario, fonte di

5 arricchimento e crescita dell'individuo e della società nel suo complesso, aiutando tutti gli assegnatari degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica ad aprire un dialogo, a migliorare le relazioni con i propri vicini e a promuovere attività di prevenzione dei conflitti, che talvolta più semplicemente nascondono uno stato di disagio personale che richiede ascolto da parte dei mediatori. Oltre alla realizzazione di varie iniziative, la mediazione sociale ha un ruolo fondamentale nella fase di accompagnamento del nuovo assegnatario nell'alloggio, utile alla prevenzione dei conflitti e punto di partenza di un percorso che, attraverso l informazione, la formazione e la riqualificazione urbana consente di ridurre atteggiamenti e comportamenti poco corretti da parte degli assegnatari. D altra parte, i contrasti fanno parte della vita delle persone e della comunità: riuscire ad affrontarli, gestirli e trasformarli richiede sia la messa in gioco da parte di chi sta vivendo il conflitto in prima persona che competenza e senso di responsabilità da parte dei mediatori. La qualità dell abitare non solo negli alloggi pubblici, ma anche in quelli privati è sempre più una condizione decisiva per prevenire e contrastare il disagio, l isolamento, l emarginazione nell insieme della società. La mediazione sociale avrà il compito di diffondere una mentalità rivolta al prendersi cura della propria casa e instaurare un rapporto collaborativo con i propri vicini.

i Servizi immobiliari

i Servizi immobiliari i Servizi immobiliari case in affitto case comunali a canone convenzionato G e s t i o n e E d i f i c i i requisiti per accedere a una casa comunale I requisiti per accedere a una casa comunale sono previsti

Dettagli

TUTOR DI QUARTIERE: RISPETTO, SICUREZZA E TUTELA

TUTOR DI QUARTIERE: RISPETTO, SICUREZZA E TUTELA TUTOR DI QUARTIERE: RISPETTO, SICUREZZA E TUTELA L abusivismo Il problema dell abusivismo edilizio deve essere affrontato con fermezza sia in tutti i quartieri popolari colpiti dal fenomeno sia in quelli

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO PATRIMONIO MOBILIARE E IMMOBILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO PATRIMONIO MOBILIARE E IMMOBILIARE CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO PATRIMONIO MOBILIARE E IMMOBILIARE CDR XII SERVIZIO PATRIMONIO MOBILIARE E IMMOBILIARE Il settore si occupa della gestione del Patrimonio Comunale, mobiliare e immobiliare, della

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

I SERVIZI IMMOBILIARI

I SERVIZI IMMOBILIARI I SERVIZI IMMOBILIARI Agec signifi ca Azienda di Gestione degli Edifici Comunali: l Azienda infatti è nata con l obiettivo istituzionale di amministrare e gestire gli immobili di civile abitazione di proprietà

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 PRESENTAZIONE Gruppo R è una cooperativa sociale di tipo A, costituita ai sensi della legge 381/91. Come tale è quindi un soggetto in continua

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

COMUNE DI TRIESTE Area Promozione e Protezione Sociale Servizio Sociale Comunale Prot.corr. 17/13-17/2-374 (32814)

COMUNE DI TRIESTE Area Promozione e Protezione Sociale Servizio Sociale Comunale Prot.corr. 17/13-17/2-374 (32814) COMUNE DI TRIESTE Area Promozione e Protezione Sociale Servizio Sociale Comunale Prot.corr. 17/13-17/2-374 (32814) PROTOCOLLO OPERATIVO PER L AGEVOLAZIONE NELLA FORNITURA DI ACQUA, ENERGIA ELETTRICA E

Dettagli

PIANO DEGLI INDICATORI DI AREA

PIANO DEGLI INDICATORI DI AREA Allegato alla Delib.G.R. n. 6/10 del 14.2.2014 PIANO DEGLI INDICATORI DI Quadro normativo: Delib.G.R. n. 34/15 del 2011 PREMESSA Punto di partenza per l elaborazione del sistema di indicatori sono la mission

Dettagli

APPALTO DI LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA SU EDIFICI RESIDENZIALI A REDDITO DI PROPRIETA O IN USO A ROMA CAPITALE PER IL PERIODO DI DUE ANNI

APPALTO DI LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA SU EDIFICI RESIDENZIALI A REDDITO DI PROPRIETA O IN USO A ROMA CAPITALE PER IL PERIODO DI DUE ANNI ACCORDO QUADRO AI SENSI DELL ART. 59 COMMA 4 DEL D. LGS. N. 163/2006 APPALTO DI LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA SU EDIFICI RESIDENZIALI A REDDITO DI PROPRIETA O IN USO A ROMA CAPITALE PER IL PERIODO DI

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

La Carta dei Servizi è strutturata in vari capitoli di semplice consultazione riportati a destra di questa pagina.

La Carta dei Servizi è strutturata in vari capitoli di semplice consultazione riportati a destra di questa pagina. cartadeiservizi Realizzato nell'ambito del Programma generale di intervento 2010 della Regione Lombardia con l'utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Perché la carta dei servizi una

Dettagli

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P.

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P. Provincia Regionale di Catania denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014 Carta dei servizi Ufficio U.R.P. Palazzo Minoriti Via Etnea, 67 95124 Catania Come si accede ai servizi

Dettagli

Misure urgenti per la riduzione del disagio abitativo. Istituzione delle commissioni territoriali per il contrasto del disagio abitativo

Misure urgenti per la riduzione del disagio abitativo. Istituzione delle commissioni territoriali per il contrasto del disagio abitativo ALLEGATO A Misure urgenti per la riduzione del disagio abitativo. Istituzione delle commissioni territoriali per il contrasto del disagio abitativo MODALITÀ ATTUATIVE E INDIRIZZI OPERATIVI La Regione,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA AUSL3 PISTOIA E LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E TUTELA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA AUSL3 PISTOIA E LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E TUTELA Allegato A) alla deliberazione n 185del 10/04/2015 PROTOCOLLO DI INTESA TRA AUSL3 PISTOIA E LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E TUTELA protocollointesa_volontariato_31032015 Pagina 1 di 6 INDICE Premesso

Dettagli

Avviso pubblico per il reperimento di alloggi pubblici e privati

Avviso pubblico per il reperimento di alloggi pubblici e privati Regione Puglia http://asia.provincia.brindisi.it Provincia di Brindisi Servizi Sociali Avviso pubblico per il reperimento di alloggi pubblici e privati in esecuzione del progetto denominato "Puglia aperta

Dettagli

ATTIVAZIONE SERVIZIO DI MEDIAZIONE ABITATIVA E SUPPORTO ASSISTENZIALE NELLA RICERCA DI SISTEMAZIONE ABITATIVA C.I.G ZF60FC638B CAPITOLATO

ATTIVAZIONE SERVIZIO DI MEDIAZIONE ABITATIVA E SUPPORTO ASSISTENZIALE NELLA RICERCA DI SISTEMAZIONE ABITATIVA C.I.G ZF60FC638B CAPITOLATO ATTIVAZIONE SERVIZIO DI MEDIAZIONE ABITATIVA E SUPPORTO ASSISTENZIALE NELLA RICERCA DI SISTEMAZIONE ABITATIVA C.I.G ZF60FC638B CAPITOLATO PREMESSA Nel territorio del comune di Spinea è presente oggi una

Dettagli

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è promuovere un processo di cambiamento

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

AVVISO PUBBLICO IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AVVISO PUBBLICO Per la messa a disposizione di alloggi non utilizzati, arredati o non arredati da assegnare in locazione provvisoria a nuclei familiari in condizioni di disagio socio economico. IL RESPONSABILE

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI COMUNALI

IMPIANTI ELETTRICI COMUNALI Aprile 2006 CARTA DEL SERVIZIO IMPIANTI ELETTRICI COMUNALI Tutto quello che c è da sapere per utilizzare al meglio il servizio. AEM TORINO Via Bertola, 48 10122 Torino PREMESSA Indice 1 Premessa 2 Principi

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE NORME URGENTI A SOSTEGNO DELLE VITTIME DEI FALLIMENTI IMMOBILIARI E MISURE DI PREVENZIONE

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE NORME URGENTI A SOSTEGNO DELLE VITTIME DEI FALLIMENTI IMMOBILIARI E MISURE DI PREVENZIONE PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE NORME URGENTI A SOSTEGNO DELLE VITTIME DEI FALLIMENTI IMMOBILIARI E MISURE DI PREVENZIONE Consigliere Enrico Fontana RELAZIONE Sono numerose (si stima 200.000) le famiglie che

Dettagli

Energia: sostenere diritti dei consumatori per sviluppo qualità e convenienza dei servizi

Energia: sostenere diritti dei consumatori per sviluppo qualità e convenienza dei servizi Energia: sostenere diritti dei consumatori per sviluppo qualità e convenienza dei servizi Audizione dell Autorità energia al CNCU Roma, 27 gennaio 2011 - La tutela dei consumatori è una delle missioni

Dettagli

centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi.

centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi. centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi. PERCHÈ LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nella storia della coppia la separazione, anche se non prevista, qualche volta è inevitabile.

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO Approvata con deliberazione della Giunta Comunale n. 309 in data 31/03/2011 SOMMARIO IL CONTESTO... 3 1. AMBITI DI RACCOLTA... 7 1.1 CONTACT

Dettagli

Chi. Come. Dove. Quando

Chi. Come. Dove. Quando PORDENONE SPILIMBERGO LATISANA CODROIPO Come Chi Offrendo un servizio a 360 gradi, con competenza e qualità. I clienti ai quali ci rivolgiamo sono: aziende, negozi, condomini, enti pubblici, istituti scolastici,

Dettagli

C I T T A D I B I E L L A MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE

C I T T A D I B I E L L A MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE C I T T A D I B I E L L A MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE REGOLAMENTO CONCERNENTE LE MODALITA DI RAPPORTO TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI BIELLA E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA INDIVIDUALE

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN PIEMONTE FAQ sull applicazione della l.r. n. 13/2007 e della D.G.R. n. 43-11965

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN PIEMONTE FAQ sull applicazione della l.r. n. 13/2007 e della D.G.R. n. 43-11965 LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI IN PIEMONTE FAQ sull applicazione della l.r. n. 13/2007 e della D.G.R. n. 43-11965 DOCUMENTO REDATTO IL 20-11-2009 PREMESSA Si precisa che tale documento è stato

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO ITE Bassi in collaborazione con Federamministratori Corso per amministratori condominiali SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO Relatore: Dott. Ing. Donati Bassano PRINCIPALI LEGGI E NORMATIVE Legge 220/12:

Dettagli

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus Centro di Accoglienza di Cittiglio Centro Polifunzionale di Gavirate Fondazione FELICITA MORANDI Associazione IL PASSO onlus Luglio 2012 FONDAZIONE FELICITA MORANDI Servizi e interventi a favore dei minori

Dettagli

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART. REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.1 ( Oggetto dell autogestione ) Gli assegnatari in locazione semplice

Dettagli

facile condominio Soluzioni integrate per la gestione condominiale ed immobiliare online w w w. F A C I L E C O N D O M I N I O.

facile condominio Soluzioni integrate per la gestione condominiale ed immobiliare online w w w. F A C I L E C O N D O M I N I O. facile condominio Soluzioni integrate per la gestione condominiale ed immobiliare online w w w. F A C I L E C O N D O M I N I O. i t INTRODUzione Facile Condominio racchiude una suite di applicazioni web-based

Dettagli

PROGETTO EUROPEO OVER TO OVER ANZIANI AL SERVIZIO DI ALTRI ANZIANI

PROGETTO EUROPEO OVER TO OVER ANZIANI AL SERVIZIO DI ALTRI ANZIANI La Cooperazione al cuore PROGETTO EUROPEO OVER TO OVER ANZIANI AL SERVIZIO DI ALTRI ANZIANI Rete di informazione e tutela rivolta alle persone Anziane con problematiche legate alle spese di mantenimento

Dettagli

Lo sportello d ascolto.

Lo sportello d ascolto. Lo sportello d ascolto. La presenza di uno sportello di ascolto psicologico all interno della scuola è una grande occasione e opportunità per affrontare e risolvere problematiche inerenti la crescita,

Dettagli

Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni con il pubblico

Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni con il pubblico Allegato parte integrante - 1 Direzione Organizzazione Sistemi informativi Telematica Servizio Comunicazione educazione alla sostenibilità e strumenti di partecipazione Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

INVESTIRE NEL CUORE DI BUSTO ARSIZIO

INVESTIRE NEL CUORE DI BUSTO ARSIZIO INVESTIRE NEL CUORE DI BUSTO ARSIZIO Un occasione di investimento nel cuore di Busto Arsizio CARTELLA INFORMATIVA DOCUMENTO RISERVATO Le due palazzine gemelle di via Cadorna 13, realizzate nel 1971, alte

Dettagli

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI Regolamento per la gestione autonoma dei servizi in applicazione della Legge regionale n. 22/2001 art. 22, 23 e 24 e della Delibera del Consiglio A.T.C.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Sede centrale: Vicolo Grossardi, 16/A - 43100 Parma tel. 0521-215111

Dettagli

ORARIO DEGLI SPORTELLI APERTI AL PUBBLICO E NR VERDE. L'orario potrà subire variazioni nel tempo previa preventiva informazione

ORARIO DEGLI SPORTELLI APERTI AL PUBBLICO E NR VERDE. L'orario potrà subire variazioni nel tempo previa preventiva informazione ALLEGATO 1 ORARIO DEGLI SPORTELLI APERTI AL PUBBLICO E NR VERDE COMUNE INDIRIZZO lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì TERNI VIA GALVANI N. 12/C 14,30-16,30 14,30-16,30 ORVIETO PIAZZA MONTE ROSA N.

Dettagli

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P.

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P. Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P. Le norme contenute nel presente regolamento disciplinano le autogestioni dei servizi accessori, degli spazi

Dettagli

Le spese di recupero del patrimonio edilizio - Parte I

Le spese di recupero del patrimonio edilizio - Parte I Le spese di recupero del patrimonio edilizio - Parte I Autore: Dott. P. Pirone La detrazione ai fini IRPEF Le spese sostenute per la ristrutturazione di immobili possono essere portare in detrazione dall

Dettagli

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti Regolamento per l autogestione degli alloggi E.R.P. e dei relativi servizi accessori e degli impianti e degli spazi comuni condominiali in edifici

Dettagli

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo città di venaria reale contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo obiettivo generale promuovere l integrazione del quartiere con il resto del tessuto urbano attraverso la riqualificazione

Dettagli

1. Premessa 3. 2. Verizon Business 3. 3. Principi fondamentali 3. 4. Servizi offerti da Verizon Business 4. 5. Standard di qualità del servizio 4

1. Premessa 3. 2. Verizon Business 3. 3. Principi fondamentali 3. 4. Servizi offerti da Verizon Business 4. 5. Standard di qualità del servizio 4 CARTA DEI SERVIZI 1. Premessa 3 2. Verizon Business 3 2.1 Chi siamo 3 3. Principi fondamentali 3 3.1 Obiettività, giustizia ed imparzialità 3 3.2 Continuità del servizio 3 3.3 Partecipazione 4 3.4 Cortesia

Dettagli

Comune di Trieste. Montebello

Comune di Trieste. Montebello Montebello Il nuovo insediamento ATER è inserito in un rione fortemente urbanizzato ma povero di servizi e luoghi di aggregazione. Comprende 10 condomini-180 alloggi- 480 persone. Presenza significativa

Dettagli

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 APPARTAMENTI VERSO L AUTONOMIA ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 Le politiche Regionali di sostegno all abitare Marzia Fratti Settore Politiche per l integrazione socio-sanitaria e la salute in carcere

Dettagli

COMUNE DI CATTOLICA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI RIMINI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI IMMOBILI AD USO

COMUNE DI CATTOLICA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI RIMINI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI IMMOBILI AD USO COMUNE DI CATTOLICA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI RIMINI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI IMMOBILI AD USO ABITATIVO NON COMPRESI NELL E.R.P. Il giorno. del mese di dell anno 2013 TRA Il

Dettagli

Ufficio competente:servizio AUTOGESTIONI E CONDOMINI

Ufficio competente:servizio AUTOGESTIONI E CONDOMINI AUTOGESTIONE COSTITUZIONE E FUNZIONAMENTO Ufficio competente:servizio AUTOGESTIONI E CONDOMINI Definizione: L AUTOGESTIONE, regolarmente costituita dagli assegnatari ATER, è un soggetto giuridico autonomo

Dettagli

TABELLA A SERVIZIO IDRICO INTEGRATO - GRIGLIA DEGLI STANDARD Avvio del rapporto contrattuale TIPOLOGIA STANDARD

TABELLA A SERVIZIO IDRICO INTEGRATO - GRIGLIA DEGLI STANDARD Avvio del rapporto contrattuale TIPOLOGIA STANDARD FATTORI DI QUALITA' TABELLA A SERVIZIO IDRICO INTEGRATO - GRIGLIA DEGLI STANDARD Avvio del rapporto contrattuale INDICATORI DI QUALITA' TIPOLOGIA STANDARD STANDARD (valori) NOTE Tempo di preventivazione

Dettagli

FORUM DI BORGATA II Ciclo di incontri

FORUM DI BORGATA II Ciclo di incontri FORUM DI BORGATA II Ciclo di incontri Borgate Paradiso e Quaglia DOVE ERAVAMO RIMASTI? Al termine del ciclo di incontri estivi si è potuto avere un quadro complessivo dei problemi maggiormente sentiti

Dettagli

MEDIATORE FAMILIARE FAD

MEDIATORE FAMILIARE FAD MEDIATORE FAMILIARE FAD 1 INTRODUZIONE Il mediatore familiare è un esperto nella gestione dei conflitti all interno della famiglia, rispetto alla quale è un osservatore esterno, imparziale e che non dà

Dettagli

ASSOCIAZIONE MOSAICO CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

ASSOCIAZIONE MOSAICO CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NAZIONALE ASSOCIAZIONE MOSAICO CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Presentazione Il gruppo di formazione di Associazione Mosaico nasce per fornire la formazione agli obiettori di coscienza

Dettagli

VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI

VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI Ai sensi della Convenzione tra Comune di Milano e Pessina Costruzioni S.P.A.

Dettagli

La mediazione sociale di comunità

La mediazione sociale di comunità La mediazione sociale di comunità Percorso di formazione destinato agli operatori e alle operatrici del numero verde contro la tratta della Provincia di Milano Elvio Raffaello Martini Agosto 2008 MartiniAssociati

Dettagli

Il Settore Territoriale Aler di Sesto San Giovanni

Il Settore Territoriale Aler di Sesto San Giovanni Il Settore Territoriale Aler di Sesto San Giovanni ALER PIÙ VICINA AI SUOI CLIENTI ANCHE IN PROVINCIA Comuni dell hinterland milanese che possono rivolgersi al Settore Territoriale COMUNE N. ALLOGGI N.

Dettagli

Comune di Campobello di Mazara Provincia Regionale Trapani II SETTORE- SERVIZI SOCIO-CULTURALI

Comune di Campobello di Mazara Provincia Regionale Trapani II SETTORE- SERVIZI SOCIO-CULTURALI Comune di Campobello di Mazara Provincia Regionale Trapani II SETTORE- SERVIZI SOCIO-CULTURALI CARTA DEI SERVIZI II SETTORE SOCIO-CULTURALE Anziani Minori Disabili Casa Donne Inclusione sociale IL COMUNE

Dettagli

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 6 2. TITOLO AZIONE SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Analisi del Contesto Nel piano

Dettagli

Over to Over: una proposta. Genova, 1 dicembre 2014

Over to Over: una proposta. Genova, 1 dicembre 2014 Over to Over: una proposta Genova, 1 dicembre 2014 Anziani, non autosufficienza e proprietà La Liguria è la regione più anziana d Italia: su una popolazione totale di 1.565.127 abitanti vivono 433.191

Dettagli

LE CLAUSOLE DA INSERIRE NEI PRELIMINARI

LE CLAUSOLE DA INSERIRE NEI PRELIMINARI 1 CERTIFICAZIONI DEGLI IMPIANTI LE CLAUSOLE DA INSERIRE NEI PRELIMINARI LA DICHIARAZIONE DELLA PROPRIETA ALL AGENTE IMMOBILIARE Il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 22 gennaio 2008, n.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI 1.PREMESSA

CARTA DEI SERVIZI 1.PREMESSA CARTA DEI SERVIZI 1.PREMESSA 1.1Finalità La Biblioteca di Bisignano è un servizio pubblico di base istituito dal Comune per rispondere al bisogno di formazione permanente, informazione e cultura della

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Premessa:

CARTA DEI SERVIZI. Premessa: CARTA DEI SERVIZI Premessa: La Carta dei Servizi è uno strumento utile al cittadino per essere informato sulle caratteristiche del servizio offerto, sulla organizzazione degli uffici comunali, sugli standards

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

Sistema dei Canali di Presentazione delle istanze di servizio, Informazione, Comunicazione e Consulenza PRESENTAZIONE DOMANDE

Sistema dei Canali di Presentazione delle istanze di servizio, Informazione, Comunicazione e Consulenza PRESENTAZIONE DOMANDE Direzione Sede Provinciale di Brescia Incontro del 17 marzo 2014, tra INPS Direzione Provinciale di Brescia e Aziende associate ad AIB Sistema dei Canali di Presentazione delle istanze di servizio, Informazione,

Dettagli

assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti

assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti Punto unico di accesso ai servizi per assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti Relazione del Consigliere regionale Maria Grazia Fabrizio Venerdì 11 luglio Milano Noi abitanti

Dettagli

Cinisello Balsamo - Corso di formazione. La rete della sicurezza

Cinisello Balsamo - Corso di formazione. La rete della sicurezza La rete della sicurezza tempi sicuri ma SICUREZZA! si c u re zz a timore di subire un reato pulizia delle strade e delle aree verdi degrado ambientale stato di conservazione degli edifici illuminazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995)

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995) CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995) La Carta dei servizi è il documento, espressione dell autonomia progettuale della scuola, che definisce e rende noti all utenza le finalità,

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003

OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003 Direzione Regionale del Piemonte Ufficio Fiscalità Generale Torino, 29/01/2003 Prot. n. 03/5727 OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003 Premessa È necessario

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA INDICE ART. 1 - DEFINIZIONI E AMBITO DI APPLICAZIONE ART. 2 - UFFICI COMPETENTI PER LA

Dettagli

Le politiche abitative Quali politiche per quali contesti? Giulia Cordella Corso politica sociale 2014-2015 giulia.cordella@gmail.com Cosa sono Interventi che si muovono per assicurare agli individui e

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE

CARTA DEI SERVIZI DEL SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE CARTA DEI SERVIZI DEL SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE PREMESSA PER MEGLIO RISPONDERE ALLE ESIGENZE DEGLI UTENTI CHE SI RIVOLGONO AL COMUNE DI CIVITAVECCHIA, IL SERVIZIO ORGANIZZAZIONE

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DI 2BITE - 2011

LA CARTA DEI SERVIZI DI 2BITE - 2011 LA CARTA DEI SERVIZI DI 2BITE - 2011 PREMESSA 2bite adotta questa Carta dei Servizi in osservanza dei principi stabiliti dalla direttiva sulla qualità e carta dei servizi di telecomunicazione stabiliti

Dettagli

L anno duemilasei (2006) in questo giorno del mese di in Firenze,, per il presente atto a cui intervengono:

L anno duemilasei (2006) in questo giorno del mese di in Firenze,, per il presente atto a cui intervengono: SCHEMA DI CONVENZIONE TRA COMUNE DI FIRENZE, AZIENDA SANITARIA DI FIRENZE E A.MI.G. ONLUS INERENTE LA REALIZZAZIONE IN FORMA INTEGRATA DI GRUPPI APPARTAMENTO PER N.10 PERSONE CON DISAGIO PSICHICO E SOCIALE

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: SETTORE A ASSISTENZA AREA 02 MINORI 06 DISABILI

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: SETTORE A ASSISTENZA AREA 02 MINORI 06 DISABILI ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: INTER_ AZIONE SETTORE e Area di Intervento: SETTORE A ASSISTENZA AREA 02 MINORI 06 DISABILI OBIETTIVI DEL PROGETTO Con il presente progetto

Dettagli

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77

Azioni di sistema. FNPS 72.659,77 Totale 72.659,77 Comuni del Baianese: Avella Baiano Mugnano del C.le Quadrelle Sirignano Sperone Comuni del Vallo Lauro: Domicella Lauro Marzano di Nola Moschiano Pago del V.L. Quindici Taurano Ufficio di Piano Sede Via

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

CONVENZIONE CONSIP FACILITY MANAGEMENT 3 CATEGORIE DI SERVIZI

CONVENZIONE CONSIP FACILITY MANAGEMENT 3 CATEGORIE DI SERVIZI CONVENZIONE CONSIP FACILITY CATEGORIE DI SERVIZI I oggetto dell appalto sono classificati nelle seguenti macro categorie e categorie di servizio così suddivise: Macro Categoria Categoria previsti dalla

Dettagli

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7 Carta dei Servizi Sommario Premessa... 3 1. Obiettivi... 4 2. Soggetti coinvolti... 6 3. Erogazione del servizio informativo... 7 4. Descrizione operativa del servizio... 9 5. Compiti e responsabilità

Dettagli

Voci, esperienze, riflessioni delle famiglie. Genitori si diventa onlus

Voci, esperienze, riflessioni delle famiglie. Genitori si diventa onlus Voci, esperienze, riflessioni delle famiglie. Chi siamo, è un associazione familiare,nata nel 1999 dall'esperienza di alcuni genitori adottivi, è oggi presente in quasi tutte le Regioni italiane e svolge

Dettagli

Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO. Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale

Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO. Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale AFFIDARSI AI NUMERI UNO Da sempre al servizio dell efficienza per il risparmio energetico

Dettagli

Fondazione Lions per il Lavoro. Presentazione e obiettivi

Fondazione Lions per il Lavoro. Presentazione e obiettivi Fondazione Lions per il Lavoro Presentazione e obiettivi Iniziativa a sostegno del service nazionale Help 2014 / 2015 LA FONDAZIONE : La Fondazione Lions per il lavoro Italia Onlus, con sede legale in

Dettagli

P R O V I N C I A A U T O N O M A D I T R E N T O. BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DEL «PREMIO ArtiGIANO» Articolo 1

P R O V I N C I A A U T O N O M A D I T R E N T O. BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DEL «PREMIO ArtiGIANO» Articolo 1 P R O V I N C I A A U T O N O M A D I T R E N T O BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DEL «PREMIO ArtiGIANO» Articolo 1 Il «Premio ArtiGIANO» è riservato ad imprese che nel biennio 2010/2011 si sono

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVATO CON DELIBERA

Dettagli

il facility management da un altro punto di vista

il facility management da un altro punto di vista facility management il facility management da un altro punto di vista facility management Siamo l interfaccia tra il cliente e tutte le attività che ruotano intorno alla fornitura di servizi rivolti agli

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA RACCOLTA DI CANDIDATURE

AVVISO PUBBLICO PER LA RACCOLTA DI CANDIDATURE AVVISO PUBBLICO PER LA RACCOLTA DI CANDIDATURE ALLOGGI IN LOCAZIONE PREMESSA Oggetto del presente avviso è la selezione dei candidati per il progetto abitativo Pompeo Leoni, comparto sito in via Pompeo

Dettagli

PROGETTO SIS.TE.R. OSPITALITÀ TEMPORANEA PER PERSONE IN ATTESA DI ALLOGGIO SOCIALE

PROGETTO SIS.TE.R. OSPITALITÀ TEMPORANEA PER PERSONE IN ATTESA DI ALLOGGIO SOCIALE PROGETTO SIS.TE.R. OSPITALITÀ TEMPORANEA PER PERSONE IN ATTESA DI ALLOGGIO SOCIALE CASA MIA HA UNA SORELLA La situazione I dati sull incremento degli sfratti nella Città di Torino, ma anche nelle aree

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 3.6.2 - CENTRO DI DOCUMENTAZIONE PROVINCIALE SULL IMMIGRAZIONE 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 3.6.2 - CENTRO DI DOCUMENTAZIONE PROVINCIALE SULL IMMIGRAZIONE 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 3.6.2 - CENTRO DI DOCUMENTAZIONE PROVINCIALE SULL IMMIGRAZIONE 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL Il progetto è riconducibile a quella che il Piano Provinciale del

Dettagli

ABITATIVA EMERGENZA. Dal disagio abitativo all accompagnamento all abitare

ABITATIVA EMERGENZA. Dal disagio abitativo all accompagnamento all abitare Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DI CITTADINI DI PAESI TERZI Dire fare abitare Fondo Fei 2013, Azione 6, prog. 105060 - CUP D18D14000570008 EMERGENZA ABITATIVA Dal

Dettagli

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE IL PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI La normativa vigente riconosce l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. luogo di accoglienza, nel quale, passata l emergenza, poter riflettere sul proprio PROGETTO GENERALE

CARTA DEI SERVIZI. luogo di accoglienza, nel quale, passata l emergenza, poter riflettere sul proprio PROGETTO GENERALE CARTA DEI SERVIZI PROGETTO GENERALE L associazione, attraverso la comunità educativa mamma-bambino denominata Casa Cinzia e gli alloggi per l autonomia denominati Cinzia 1 e Cinzia 2, collegati a Casa

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI. 1. Finalità e Principi Generali

CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI. 1. Finalità e Principi Generali CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI 1. Finalità e Principi Generali L Università degli Studi di Bari Aldo Moro, nell intento di promuovere pari opportunità di formazione e di studio,

Dettagli