RECENSIONI. La Vita Quotidiana dei Bambini SEZIONE NOVITÁ LIBRARIE:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RECENSIONI. La Vita Quotidiana dei Bambini SEZIONE NOVITÁ LIBRARIE:"

Transcript

1 SEZIONE NOVITÁ LIBRARIE: RECENSIONI La Vita Quotidiana dei Bambini Nella pagina web dell ISTAT Statistiche in breve (Periodo di riferimento: Anno 2005, Diffuso il: 17 novembre 2005) appare una ricerca sulla vita quotidiana dei bambini. Ecco gli estremi della ricerca. I dati analizzati e presentati sono stati in gran parte rilevati nell ambito dell Indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana 2005 attraverso un modulo specifico sull infanzia, esito di una convenzione tra Istat, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Istituto degli Innocenti di Firenze. L indagine è stata condotta nel mese di gennaio 2005 su 24mila famiglie, per un totale di circa 55mila individui. Le famiglie con minori sono pari al 29,2% del campione. Ulteriori approfondimenti sul tema sono stati presentati successivamente nell ambito della Conferenza Nazionale sull Infanzia, Firenze, 21 novembre 2005, in occasione della giornata per i diritti dell infanzia e dell adolescenza. L Istituto degli Innocenti a Firenze ha ospitato il convegno dal titolo L eccezionale quotidiano, organizzato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in collaborazione con la Commissione Parlamentare per l infanzia. Il convegno ha voluto mettere in evidenza la vita quotidiana dei bambini e dei ragazzi - lo studio, il gioco, il tempo libero - per fornire un quadro sulla condizione infantile nel contesto sociale e familiare, legandola al patto tra le generazioni e alla responsabilità sociale delle imprese e delle agenzie che contribuiscono alla crescita dei bambini e degli adolescenti. Lo scopo è di promuovere una politica per l infanzia che passi dalla preoccupazione all attenzione, che predisponga, perciò, strategie di azioni utili a potenziare l identità della cittadinanza di bambini ed adolescenti. Erano presenti rappresentanti del Governo, della Commissione Parlamentare per l infanzia, delle Istituzioni locali, del Centro nazionale di documentazione e analisi per l infanzia e l adolescenza, docenti universitari, esperti ed operatori del settore. Per l Istat ha partecipato Linda Laura Sabbadini, Direttore centrale per le indagini su condizioni e qualità della vita. La sua relazione (36 pagine) è riportata integralmente. Ecco l indice: 1. Bambini in famiglia: la cura, il loro contributo in casa 1.1 Figli unici o con un fratello 1.2 I genitori dedicano più tempo ai figli 1.3 A chi sono affidati i più piccoli quando non sono con i genitori: l importanza dei nonni 1.4 La crescita dell esperienza del nido, la sua ancora scarsa diffusione Volume 11, Numero 2, 2006, pag. 193

2 1.5 I bambini e i ragazzi collaborano in casa con alcuni lavoretti 2. I bambini, le bambine e il gioco 2.1 I giochi preferiti: giochi tradizionali, giochi emergenti 2.2 Più bambini giocano con genitori, nonni, coetanei 2.3 Giochi di movimento e videogiochi più col papà; disegno, musica, fiabe e attività domestiche più con la mamma 2.4 La casa, il luogo del gioco per tutti 3. Bambini e autonomia 3.1 Dove dormono i bambini: una stanza tutta per sé? 3.2 La paghetta: quanti la prendono e che cosa ci fanno 3.2 Chi ha le chiavi di casa? 4. La televisione: un consumo sempre più personalizzato 4.1 Quanto, quando e come si vede la TV 4.2 Un ricco menù di programmi televisivi al crescere dell età 5. Il cellulare strumento di comunicazione multidimensionale 5.1 Con un proprio cellulare, usandolo tutti i giorni 5.2 Cellulare non solo per telefonare 5.3 Cellulare più per gli amici che per i genitori 6. Pc e Internet: un utilizzo crescente ma non egualitario 6.1 Differenze sociali e territoriali nell accesso a pc e Internet 6.2 Differenze anche nell utilizzo 6.3 Pc e tv non schiacciano le altre attività: bambini multimediali 7. Tempo libero e fruizione culturale: cresce socializzazione e partecipazione 7.1 Il mondo dei pari 7.2 Bambini più sportivi 7.3 Più bambini ai corsi di formazione extrascolastica 7.4 La lettura, attività al femminile 7.5 Più bambini e ragazzi seguono gli spettacoli 8. In sintesi 8.1 Bambini sempre più attivi e in rete, si riducono le differenze di genere 8.2 Le differenze sociali e di opportunità ancora troppo alte Il testo integrale per la stampa di 12 pagine riporta i dati più significativi e i commenti relativi. Abbiamo chiesto alla prof. Marin, docente di Psicologia dello Sviluppo all Università di Padova di commentarli. Fa riflettere anzitutto il dato statistico: Sono aumentate le famiglie in cui entrambi i genitori hanno un occupazione lavorativa (oltre il 50% al nord), rispetto a quelle in cui esiste una madre casalinga (che scenda al 36%). Sono aumentate le famiglie composte da un solo genitore (l 8,6%), soprattutto in conseguenza dell incremento di separazioni e divorzi. Sono aumentati i figli unici (il 31% nel nord ovest) e i bambini con un solo fratello (categoria prevalente con il 53%), a scapito delle famiglie più numerose La cura dei bambini più piccoli (0-5 anni) è affidata con grande frequenza ai nonni (l 80% almeno una volta a settimana), che possono dar loro una continuità nelle cure parenta- Volume 11, Numero 2, 2006, pag. 194

3 li; i bambini più grandi sono affidati a personale a pagamento, peraltro in misura significativa solo per le classi sociali più alte. Questo aspetto si traduce in una minore chiusura (e conseguente protezione) della vita quotidiana nell ambiente famigliare e in un maggiore contatto con il mondo esterno, con tutti i vantaggi e gli aspetti potenzialmente negativi che ne derivano. L indagine ha infatti centrato l analisi su tre aspetti di vita quotidiana di bambini e ragazzi dai 3 ai 17 anni: il gioco, le relazioni sociali, l impatto con le nuove tecnologie. Le attività ludiche mantengono la tradizionale distinzione fra maschi e femmine: i maschi prediligono il pallone (oltre il 70%), i giochi con automobiline, trenini, figurine, ma si inserisce prepotentemente il videogioco con il computer, sedentario ma avvincente (il 65 % fra 6 e 10 anni); le femmine restano affezionate al gioco con le bambole (oltre l 80%), prediligono il disegno creativo, il gioco di movimento, il gioco di attività domestiche, il gioco di ruolo. I videogiochi restano prerogativa dei maschi (il doppio delle femmine) e i figli maschi giocano con i padri con strumenti informatici già dall età di 3-5 anni in modo più frequente rispetto con le madri. Le relazioni sociali moderne si possono sintetizzare così: bambini e ragazzi attivissimi e con tanti amici. Maschi e femmine comunicano e giocano di più con tutti, frequentano almeno una volta alla settimana mediamente 5 amici, fanno più sport (oltre il 50%), vanno a più spettacoli, musei e attività extrascolastiche, leggono più libri (il 50% almeno uno all anno). Ma l aspetto più rilevante è il confronto sempre più capillare con le nuove tecnologie: cresce in modo esponenziale l uso del telefono cellulare (dal 70 all 80% secondo l età fra gli 11 e 1 17 anni e senza particolari differenze fra maschi e femmine); esso viene utilizzato non solo per parlare a distanza, ma soprattutto inviare e ricevere SMS; rilevante è anche l uso del cellulare come videogioco; è molto esteso anche l uso del personal computer (dal 50 all 80% secondo l età fra i 6 e i 17 anni, sia per maschi che per femmine) con una crescita fortissima dell accesso a internet (oltre il 50% dopo gli 11 anni). É singolare che cellulare e computer non sono in competizione con la tradizionale televisione, ma si aggiungono ad essa, nel quadro della frenetica attività che contraddistingue i ragazzi moderni. Se una differenza si può rilevare fra maschi e femmine questa riguarda proprio l attivismo: pur mantenendo le differenziazioni nelle preferenze di gioco, esse hanno raggiunto i maschi nell uso delle nuove tecnologie e manifestano una più estesa gamma di attività extrascolastiche. Riflessioni su natura - cultura Viene spontanea a questo punto una domanda: questa maggiore attività di bambini e ragazzi porta sicuramente una maggiore conoscenza del mondo e maggiori stimoli, ma favorisce anche una maggiore capacità cognitiva ed emotiva? Conoscere questi aspetti è importante perché si possono poi ipotizzare o studiare le conseguenze positive o negative che tali caratteristiche possono produrre a livello cognitivo, affettivo, emotivo, sociale o morale; quanto le nuove generazioni possono venire influenzate dai cambiamenti sociali ed ambientali in cui sono inserite? Occorre ricordare che la base di conoscenza che fornisce le risorse necessarie all essere umano, la struttura dei problemi che ognuno di noi cerca di risolvere e le possibili strategie di soluzione a noi messe a disposizione, sono situate all interno di una matrice sociale di propositi e valori. I problemi posti, gli strumenti disponibili per risolverli e le tattiche che vengono scelte si basano sulle definizioni socioculturali e le tecnologie disponibili con cui l individuo opera. É chiaro dunque che il contesto socio storico culturale può avere molto peso nel definire e Volume 11, Numero 2, 2006, pag. 195

4 plasmare il bambino e la sua esperienza. Razionalità ed emotività sono solo due delle diverse parti in cui si articola il nostro io, ma possiamo individuarne altre, per esempio il maschile e il femminile. Così come a livello biologico, coesistono nel corpo umano ormoni maschili e femminili, ed è solo la loro proporzione che determina la nostra identità di genere. Allo stesso modo, a livello psicologico, coesistono caratteri maschili e femminili più o meno sviluppati nelle loro potenzialità a seconda del sesso a cui apparteniamo. La componente maschile è rappresentata dalla capacità di agire, di affermarsi nell ambiente, di intervenire per modificare le cose, mentre quella femminile è rappresentata dalla capacità di accettare, di donarsi, di accogliere e custodire dentro di sé le impressioni del mondo circostante. É noto tuttavia che a determinare lo sviluppo di tali potenzialità non è solo il genere sessuale, ma anche circostanze socio-culturali, come dimostra la mascolinizzazione della donna che lavora e la femminilizzazione dei giovani papà. Ciascuno di noi è potenzialmente dotato di tutte queste capacità a prescindere dal genere di appartenenza. L emotivo e il razionale, il maschile e il femminile, l attivo e il pigro, il timido e l audace, il tollerante e l intollerante sono tutti partiti rappresentati nel nostro mondo interno. Questa molteplicità, anche se dà adito a conflitti, non deve spaventare, perché rappresenta la ricchezza e la complessità di noi esseri umani, ma il nostro bisogno di approvazione che ciascuno di noi nutre da bambino ci porta a rinnegare quelle parti che vengono disapprovate dagli adulti di riferimento. Per questo i tratti culturalmente censurati e quindi criticati e puniti, vengono rinnegati, pur continuando ad esistere e a lavorare a livello inconscio. Ora nello sviluppo emotivo del bambino moderno influisce il fatto che egli è bombardato dagli strumenti tecnologici che i genitori, gli adulti di riferimento o la società gli propongono. Appare un bambino attivo, sempre più occupato, concentrato sull usa e getta, ma di fatto più solo; ha tanti amici, ma sono amici del momento, tenuti legati da rapporti sporadici durante le attività extrascolastiche, scandite da orari predefiniti, o da messaggi virtuali via SMS. Lo sviluppo cognitivo risente così del minor tempo che il bambino può dedicare alla riflessione. Al bambino non vengono dati strumenti per godere del proprio pensiero della propria fantasia o della capacità di progettare a lungo termine. Non è infatti sufficiente una maggiore cultura e o una maggiore informazione per sviluppare questi strumenti preziosi. Del resto la stringatezza e la povertà di sfumature nel linguaggio sintetico delle nuove tecnologie (messaggi SMS ed ) e la mancanza del contatto diretto con l interlocutore, non aiutano lo sviluppo delle capacità di comprendere ed esprimere le sottili differenze che contraddistinguono la vera comunicazione interpersonale, scritta o verbale che essa sia. Ai bambini non viene data la possibilità o il tempo necessario di dare spazio al dialogo interiore, di sviluppare degli strumenti di riordino mentale, che è utilissimo per consentire di prendere, grazie alle informazioni ricevute e ai diversi punti di vista, decisioni non solo più adeguate alla realtà esterna, ma soprattutto più in sintonia con la propria realtà interna; in sintesi si può ipotizzare che venga influenzata negativamente la capacità di programmare a lungo termine e di imparare un linguaggio ricco ed etico, indispensabile nel risolvere problemi intra e interrelazionali. Maria Laura Marin Volume 11, Numero 2, 2006, pag. 196

5 Marco Costa e Leonardo Corazza (2006). Psicologia della bellezza. Giunti, Firenze. Indice: Prefazione. Cap. I È bello ciò che è bello. Concordanza nei giudizi di bellezza. La bellezza secondo i neonati. Le Veneri preistoriche. Gli inizi della psicologia della bellezza. Cap. II Geometria della bellezza. Canoni estetici di bellezza. Gli effetti della simmetria. Gli effetti dell asimmetria. Cap. III Prototipo medio e stimolo supernormale. Tecniche digitali di averaging. Il volto medio. I limiti della teoria del prototipo medio. Lo stimolo supernormale. Potenza e limiti degli stimoli supernormali. Stimoli supernormali nei ritratti artistici. Occhi, labbra e rotondità del volto. Cap. IV Bellezza maschile, femminile, infantile. Mascolinità e femminilità. Il faccismo. Baby face. I segnali infantili. Cap. V Messaggi dal volto. Gli occhi. Le sopracciglia e l espressività del volto. I capelli. La bella voce. Cap. VI Il bel corpo. Le misure del corpo. Donne e autovalutazione dell immagine corporea. Bello è sinonimo di sano? Cap. VII Dinamismi cruciali. Un inclinazione significativa. Imitazione, eco posturale e attrazione interpersonale. I dinamismi dello sguardo. Cap. VIII I segnali di identità sessuale. Il dimorfismo sessuale nella nostra specie. Differenze comportamentali. Il culto maschile dell immagine corporea. L odore corporeo. La prospettiva ecologica. Cap. IX Abbigliamento e cosmesi. Al di là della moda. I segnali dell abbigliamento. Il trattamento cosmetico. Cap. X Bellezza e contesto. La familiarità. Il livello di attivazione. La temperatura ambientale. L affollamento. La distanza interpersonale. Cap. XI I disturbi dell immagine corporea. L immagine corporea. Anoressia e bulimia. Dismorfofobia. L insoddisfazione per l immagine corporea. Il confronto sociale e i mass media. Il danno fisico. Bellezza e disturbi mentali. Cap. XII L effetto alone della bellezza. Le parole della bellezza. La proliferazione degli stereotipi. Bellezza, status e mass media. Bellezza e competenza. Bellezza e intelligenza. L effetto Pigmalione. Cap. XIII Bellezza e affetti. L aspetto fisico. La similarità. Differenze di genere. Bellezza e mobilità sociale. Cap. XIV Bellezza e lavoro. Sedurre per guadagnare. Il colloquio di assunzione. La prima impressione. Bellezza, reddito e carriera. Il peso, l età e il fumo. Ambiente di lavoro e mobbing. Dominanza e leadership. Cap. XV Bellezza e giustizia. Faccia da delinquente. L imputato attraente. Un viso che ispira fiducia. Cap. XVI Bellezza e politica. Sedurre per convincere. Bellezza e competenza. Kennedy, Nixon e la televisione. Media training. Volume 11, Numero 2, 2006, pag. 197

6 La bellezza ha da sempre conquistato il mondo, essere belli è un desiderio legato all infanzia che si perpetua per tutta la vita degli individui. I nostri giudizi sono spesso collegati all idea del bello e racchiudono un insieme di elementi che vanno dall aspetto fisico, compresa la postura e gli aspetti visivi del corpo fino alla voce, all espressione e ai gesti. La psicologia della bellezza interessa tutti perché tutti noi prima di uscire al mattino ci prepariamo per aumentare il nostro grado di bellezza, la nostra possibilità di essere accettati dagli altri. Gli autori presentano, per ciascun capitolo, i risultati di ricerche che sottolineano, ad esempio la concordanza molto alta dei giudizi relativi alla bellezza dei volti dimostrando che è bello ciò che è bello. In una stessa cultura la concordanza dei giudizi è elevata, ma è pure elevata in culture e in etnie differenti. Nella nostra vita quotidiana siamo costretti a basare i nostri giudizi soltanto sull apparenza, senza possibilità di approfondimenti. L aspetto esteriore è importante nel rapporto con gli altri. La tecnologia permette di creare al computer, mescolando tra loro le caratteristiche di facce differenti, volti tipici che rappresentano la media dei volti di più persone. Il metodo della media digitale di volti realizza una perfetta simmetria che non è del tutto apprezzabile nel giudizio di bellezza. I tratti infantili di un volto adulto, in particolar modo femminile sono apprezzati, l importante è che aspetto e comportamento siano coerenti. Se si considerano i bambini con tratti attraenti si nota che gli adulti sono influenzati nelle loro valutazioni. A bambini con tratti attraenti gli adulti attribuiscono una maggiore propensione a comportamenti prosociali. É stato dimostrato anche che un atto antisociale compiuto da un maschio bello è considerato meno grave rispetto allo stesso atto compiuto da un maschio non attraente. Interessante il risultato che nel caso di bambine succede esattamente il contrario. L assenza di caratteristiche infantili provoca un calo delle attenzioni degli adulti e potrebbe in parte spiegare la cosiddetta sindrome del bambino picchiato. Studi su bambini vittime di abusi sessuali hanno dimostrato che tali bambini hanno configurazioni particolari del volto che li fanno apparire più grandi della loro età. Interessante la domanda che si pongono i due ricercatori: se si trova attraente un volto, viene considerato attraente anche tutto il resto del corpo?. I risultati hanno confermato l ipotesi della bellezza come tratto unico. Sono studiati, tra l altro, l importanza dei segnali di identità sessuale, la familiarità, la distanza interpersonale, la bellezza e la giustizia e, infine, la bellezza e la politica. Questo volume mostra come ciascuno di noi è influenzato da tratti superficiali che giudichiamo assai importanti tanto che nella nostra mente spesso correliamo bello con buono e brutto con cattivo rendendo difficile la vita sia degli primi che dei secondi. Alcune conoscenze e comportamenti sono condivisi con gli altri e spesso le nostre azioni dotate di senso si fermano al giudizio sulla piacevolezza di un volto. Le nostre scelte, ad esempio di un partner, pur se basate in gran parte sulla sua piacevolezza, e quindi sulla superficie delle cose, si rilevano essere scelte importanti che possono durare tutta una vita o, comunque, per lunghi periodi. Nietzsche non si sbagliava quando diceva: Questi greci erano superficiali per profondità!. Mariselda Tessarolo Volume 11, Numero 2, 2006, pag. 198

Indice. Parte 1 LA NATURA DELLO SVILUPPO INFANTILE 1. Parte 2 PROCESSI BIOLOGICI, SVILUPPO FISICO E SVILUPPO PERCETTIVO 49. Indice delle schede

Indice. Parte 1 LA NATURA DELLO SVILUPPO INFANTILE 1. Parte 2 PROCESSI BIOLOGICI, SVILUPPO FISICO E SVILUPPO PERCETTIVO 49. Indice delle schede Indice delle schede Prefazione dell edizione italiana Ringraziamenti dell editore Guida alla lettura XIII XV XIX XXI Parte 1 LA NATURA DELLO SVILUPPO INFANTILE 1 Capitolo 1 INTRODUZIONE 3 1.1 Sviluppo

Dettagli

Le trasformazioni familiari

Le trasformazioni familiari Prosegue il processo di semplificazione delle strutture : diminuiscono le famiglie a due o più generazioni, passando dal 58,8 del 1993-1994 al 53,2 per cento del 2003; all opposto aumentano le famiglie

Dettagli

La vita quotidiana dei bambini

La vita quotidiana dei bambini 17 novembre 2005 La vita quotidiana dei bambini I dati di seguito analizzati sono stati in gran parte rilevati nell ambito dell Indagine Multiscopo Aspetti della vita quotidiana 2005 attraverso un modulo

Dettagli

Pensa a quando devi partire per le vacanze

Pensa a quando devi partire per le vacanze Pensa a quando devi partire per le vacanze Come fai a decidere dove andare? Quali fattori tieni in considerazione per prendere questa decisione (denaro, posti rilassanti/turistici, preferenze personali,

Dettagli

Seminario Dott.sa Benvenuto Sabrina. DALL INFANZIA ALL ADOLESCENZA Un percorso di crescita sportiva IO E IL GRUPPO, IO E IL GRUPPO SPORTIVO

Seminario Dott.sa Benvenuto Sabrina. DALL INFANZIA ALL ADOLESCENZA Un percorso di crescita sportiva IO E IL GRUPPO, IO E IL GRUPPO SPORTIVO Seminario Dott.sa Benvenuto Sabrina DALL INFANZIA ALL ADOLESCENZA Un percorso di crescita sportiva - - - IO E IL GRUPPO, IO E IL GRUPPO SPORTIVO SdS Coni Liguria - Genova, 03 dicembre 2011 Dott.sa Sabrina

Dettagli

Primi esiti della ricerca sul benessere e sugli stili di vita di preadolescenti e adolescenti Donata Bianchi Responsabile Servizio ricerca e

Primi esiti della ricerca sul benessere e sugli stili di vita di preadolescenti e adolescenti Donata Bianchi Responsabile Servizio ricerca e Primi esiti della ricerca sul benessere e sugli stili di vita di preadolescenti e adolescenti Donata Bianchi Responsabile Servizio ricerca e monitoraggio Istituto degli Innocenti Contenuti Premessa e contesto

Dettagli

INDO- VINA??????? CHI

INDO- VINA??????? CHI INDO- VINA? CHI?????? Padre e figlio sono vittime di un grave incidente d'auto. Il padre muore a seguito dell'impatto e il figlio viene portato d'urgenza in ospedale per subire una delicata operazione.

Dettagli

IL RUOLO DEI GENITORI

IL RUOLO DEI GENITORI EDUCARE ALL AFFETTIVITA NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO 2014-15 Regione Toscana IL RUOLO DEI GENITORI Progetto di educazione affettiva e sessuale rivolto ai ragazzi e alle ragazze delle classi seconde

Dettagli

Docente: Collino Elena

Docente: Collino Elena Docente: Collino Elena I.I.S. SELLA - A.ALTO - LAGRANGE Sede Lagrange PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Polis 1 socio-sanitario serale MATERIA: SCIENZE UMANE E SOCIALI Libri di testo consigliati: Elisabetta Clemente,

Dettagli

Workshop Men, fathers and work from different perspective. Essere padri: tempi di cura e organizzazione di vita

Workshop Men, fathers and work from different perspective. Essere padri: tempi di cura e organizzazione di vita Workshop Men, fathers and work from different perspective Essere padri: tempi di cura e organizzazione di vita Milano, 2 febbraio 2011 Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale Istat Tania Cappadozzi Responsabile

Dettagli

Il tempo libero dei bambini: una indagine sul Consiglio dei bambini di Roma

Il tempo libero dei bambini: una indagine sul Consiglio dei bambini di Roma 1 Daniela Renzi Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione Consiglio Nazionale delle Ricerche Il tempo libero dei bambini: una indagine sul Consiglio dei bambini di Roma Anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Donne, Politica e istituzioni. Laura Leonardi

Donne, Politica e istituzioni. Laura Leonardi Donne, Politica e istituzioni Alcune questioni fondamentali Il ruolo attivo delle donne nello sviluppo (Amartya Sen) Perché è importante il lavoro per le donne (e anche per tutti gli altri?) Perché il

Dettagli

Le donne nella crisi - Roma 21 giugno 2012

Le donne nella crisi - Roma 21 giugno 2012 IL MERCATO DEL LAVORO FEMMINILE IN ITALIA Linda Laura Sabbadini Capo Dipartimento per le statistiche sociali ed ambientali ISTAT Le donne nella crisi - Roma 21 giugno 2012 Dalla metà degli anni 90 al 2008

Dettagli

Indice generale. Parte 1 LA NATURA DELLO SVILUPPO INFANTILE 1. Parte 2 PROCESSI BIOLOGICI, SVILUPPO FISICO E SVILUPPO PERCETTIVO 59

Indice generale. Parte 1 LA NATURA DELLO SVILUPPO INFANTILE 1. Parte 2 PROCESSI BIOLOGICI, SVILUPPO FISICO E SVILUPPO PERCETTIVO 59 Prefazione alla terza edizione italiana Autore Guida alla lettura xiii xvii xix Parte 1 LA NATURA DELLO SVILUPPO INFANTILE 1 Capitolo 1 INTRODUZIONE 3 1.1 Sviluppo infantile - ieri e oggi 4 1.1.1 Prospettive

Dettagli

Apprendimento e scuola dell infanzia: quale importanza

Apprendimento e scuola dell infanzia: quale importanza Apprendimento e scuola dell infanzia: quale importanza Renzo Vianello (Università di Padova) Convegno nazionale Scuola dell infanzia Istituto Algarotti Venezia 29 gennaio 2016 Bambini Potenziamo Appunti

Dettagli

Essere padri: tempi di cura e organizzazione di vita

Essere padri: tempi di cura e organizzazione di vita Convegno Essere padri: tempi di cura e organizzazione di vita Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale Istat Aula Magna, Via Cesare Balbo 16 Roma, 20 ottobre 2005 Padri e madri dedicano più tempo ai figli

Dettagli

Il concetto di genere

Il concetto di genere Il concetto di genere Anno accademico 2006-2007 Approfondimento Prof. ssa Elisabetta Donati 1 Il genere, i generi: concetti e relazioni Le differenze fra donne e uomini possono essere ricondotte a due

Dettagli

1. Tra rischio e trasgressione

1. Tra rischio e trasgressione 23 gennaio 2015 ore 21.00 Oratorio di S. Stefano - Parabiago ADOLESCENZA: PROBLEMA O RISORSA? 1. Tra rischio e trasgressione dott.ssa Luisa Santoro NODI CRUCIALI DELLA CRESCITA Separazione dalla famiglia

Dettagli

MACROAREA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE E VALUTAZIONE SAPERE DICHIARATIVO (CHE COSA) SAPERE PROCEDURAL E

MACROAREA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE E VALUTAZIONE SAPERE DICHIARATIVO (CHE COSA) SAPERE PROCEDURAL E ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PADRE ISAIA COLUMBRO TOCCO CAUDIO - FOGLIANISE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - CLASSE PRIMA / SECONDA Curricolo verticale di EDUCAZIONE FISICA COMPETENZA EUROPEA Competenze

Dettagli

LE VACANZE DEGLI EMILIANO-ROMAGNOLI NEL 2012

LE VACANZE DEGLI EMILIANO-ROMAGNOLI NEL 2012 LE VACANZE DEGLI EMILIANO-ROMAGNOLI NEL 2012 Tra le numerose informazioni raccolte con l indagine Multiscopo sulle famiglie relativa agli aspetti della vita quotidiana, che è condotta dall Istat annualmente,

Dettagli

ESSERE GENITORI: IL RUOLO PATERNO E MATERNO A CONFRONTO. Dott.ssa Catiuscia Settembri

ESSERE GENITORI: IL RUOLO PATERNO E MATERNO A CONFRONTO. Dott.ssa Catiuscia Settembri ESSERE GENITORI: IL RUOLO PATERNO E MATERNO A CONFRONTO Dott.ssa Catiuscia Settembri psicologa, psicoterapeuta, mediatore familiare www.catiusciasettembri.it tel. 347.8475855 Poche altre esperienze come

Dettagli

Servizio Educazione Affettiva e Sessuale UOC Area Famiglia. Consultorio Familiare

Servizio Educazione Affettiva e Sessuale UOC Area Famiglia. Consultorio Familiare Servizio Educazione Affettiva e Sessuale UOC Area Famiglia Consultorio Familiare I CONSULTORI FAMILIARI - ULSS 20 Via Poloni 1, Verona Via del Capitel 22, Verona Via Siracusa 4d, Verona Via Volturno 20,

Dettagli

Sintesi di alcune domande: l allungamento dell età lavorativa

Sintesi di alcune domande: l allungamento dell età lavorativa Il questionario Sintesi di alcune domande: In che modo l allungamento dell età lavorativa influenzerà progetti e processi di formazione del personale nel prossimo futuro? Con la legge di stabilità sono

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome Nome Indirizzo Telefono E-mail ROSSANA GARAU Cittadinanza di nascita Esperienza professionale Da gennaio 2003 a tutt oggi Libera professionista

Dettagli

L amicizia tra bambini. Floriana La Femina Lasino, 22 marzo 2010

L amicizia tra bambini. Floriana La Femina Lasino, 22 marzo 2010 L amicizia tra bambini Floriana La Femina Lasino, 22 marzo 2010 Oltre i genitori Lo sviluppo sociale del bambino è influenzato anche da altre figure significative: nonni educatori e insegnanti pari Gli

Dettagli

Uso e abuso di alcol in Italia I dati delle indagini Istat

Uso e abuso di alcol in Italia I dati delle indagini Istat Uso e abuso di alcol in Italia I dati delle indagini Istat ALCOHOL PREVENTION DAY 23 aprile 2009 Istituto Superiore di Sanità Linda Laura Sabbadini Direttore Centrale ISTAT Aspetti metodologici Fonte dei

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MATTIOLI MARIA ESPERIENZA LAVORATIVA Nome e indirizzo del datore di Tipo di impiego Principali mansioni e

Dettagli

PROMOZIONE DEL BENESSERE E PREVENZIONE DEL RISCHIO IN ADOLESCENZA

PROMOZIONE DEL BENESSERE E PREVENZIONE DEL RISCHIO IN ADOLESCENZA PROMOZIONE DEL BENESSERE E PREVENZIONE DEL RISCHIO IN ADOLESCENZA Servizio Salute mentale, dipendenze patologiche, salute nelle carceri Servizio Politiche familiari, infanzia e adolescenza Franca Francia

Dettagli

verso l esame di stato scuola secondaria di primo grado

verso l esame di stato scuola secondaria di primo grado verso l esame di stato scuola secondaria di primo grado PROVA DI ITALIANO Comprensione della lettura Scuola..................................................................................................................................................

Dettagli

Servizio Servizi all Infanzia

Servizio Servizi all Infanzia Servizio Servizi all Infanzia Scuola dell Infanzia (NOME DELLA SCUOLA) PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. P.O.F. Indirizzo Cap FIRENZE Telefono Email.. FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La scuola dell

Dettagli

IL PATTO EDUCATIVO SCUOLA-FAMIGLIA

IL PATTO EDUCATIVO SCUOLA-FAMIGLIA IL PATTO EDUCATIVO SCUOLA-FAMIGLIA La scuola non può realizzare il proprio compito di educare istruendo senza la condivisione della famiglia. Condividere il progetto educativo significa tracciare un percorso

Dettagli

Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007 Capitolo VI. Identità e socializzazione. Identità e socializzazione

Bagnasco, Barbagli, Cavalli, Corso di sociologia, Il Mulino, 2007 Capitolo VI. Identità e socializzazione. Identità e socializzazione Identità e socializzazione 1 Ogni società deve assicurare la propria continuità nel tempo. È necessario, quindi, che essa disponga di pratiche e istituzioni, atte a trasmettere almeno una parte del patrimonio

Dettagli

Cura dei figli e immigrazione a Padova

Cura dei figli e immigrazione a Padova Cura dei figli e immigrazione a Padova Anna Giraldo, Gianpiero Dalla Zuanna, Enrico Rettore Dipartimento di Scienze Statistiche, Università di Padova Padova, 2 maggio 2011 Obiettivo del lavoro è studiare

Dettagli

PROGETTO COMUNITA E QUARTIERE. Elaborazione questionari somministrati agli alunni della Scuola Media Inferiore di Codogno (Lodi) Maggio-giugno 2001

PROGETTO COMUNITA E QUARTIERE. Elaborazione questionari somministrati agli alunni della Scuola Media Inferiore di Codogno (Lodi) Maggio-giugno 2001 Comune di Codogno Progetto Comunità e Quartiere PROGETTO O COMUNITA E QUARTIERE Elaborazione questionari somministrati agli alunni della Scuola Media Inferiore di Codogno (Lodi) Maggio-giugno 2001 Domanda

Dettagli

IL RUOLO DEI GENITORI NELL ERA TECNOLOGICA. Dr. Daniela Quaresmini Psicologa, Psicoterapeuta

IL RUOLO DEI GENITORI NELL ERA TECNOLOGICA. Dr. Daniela Quaresmini Psicologa, Psicoterapeuta IL RUOLO DEI GENITORI NELL ERA TECNOLOGICA Dr. Daniela Quaresmini Psicologa, Psicoterapeuta LA VITA E RELAZIONE relazione è reciproca fecondazione dove il cambiamento dell uno diventa cambiamento dell

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Osservatorio Fumo, Alcol e Droga

Istituto Superiore di Sanità Osservatorio Fumo, Alcol e Droga CARATTERISTICHE DELL ATTIVITÀ SVOLTA DAL SERVIZIO DI TELEFONO VERDE CONTRO IL FUMO 800 554088 DELL ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ: I DATI DELLE TELEFONATE DAL 2000 AL 2004 Alessandra Di Pucchio, Enrica Pizzi,

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE SOCIO-AFFETTIVA

PROGETTO DI EDUCAZIONE SOCIO-AFFETTIVA PROGETTO DI EDUCAZIONE SOCIO-AFFETTIVA Rendimi il tempo della mia adolescenza Quando ancora non ero me stesso, se non come attesa. Rendimi quei desideri che mi tormentano la vita, Quelle pene strazianti

Dettagli

Identità, comunicazione e sviluppo delle scuole cattoliche degli istituti religiosi nel nuovo contesto. Prof. Marco Grumo ALTIS Università Cattolica

Identità, comunicazione e sviluppo delle scuole cattoliche degli istituti religiosi nel nuovo contesto. Prof. Marco Grumo ALTIS Università Cattolica Identità, comunicazione e sviluppo delle scuole cattoliche degli istituti religiosi nel nuovo contesto Prof. Marco Grumo ALTIS Università Cattolica Un opera religiosa oggi ha senso se dà un contributo

Dettagli

La vocazione professionale e la carriera accademica. Report della prima fase di ricerca

La vocazione professionale e la carriera accademica. Report della prima fase di ricerca La vocazione professionale e la carriera accademica Report della prima fase di ricerca 1 Obiettivi dell indagine Il focus della nostra ricerca è la vocazione professionale: l esperienza di una passione

Dettagli

IL GIOCO. Sia nella II, che nella III dimensione predomina il GIOCO SIMBOLICO (inizia verso i 2 anni), che

IL GIOCO. Sia nella II, che nella III dimensione predomina il GIOCO SIMBOLICO (inizia verso i 2 anni), che IL GIOCO -Il GIOCO costituisce uno dei fenomeni tipici dello sviluppo e della struttura della personalità, poiché in esso confluiscono una serie complessa di PROCESSI e di MOTIVAZIONI. -La PRIMA DIMENSIONE

Dettagli

www.viveredasportivi.eu

www.viveredasportivi.eu Per informazioni: I.C.S. International Conference Service via Cadorna, 13-34124 Trieste tel. 06 90281729 mail: segreteria@viveredasportivi.eu www.viveredasportivi.eu CAMPAGNA PER LA DIFFUSIONE DELLO SPIRITO

Dettagli

La presenza delle donne nella cooperazione

La presenza delle donne nella cooperazione La presenza delle donne nella cooperazione Rapporto realizzato dall'ufficio Studi AGCI, dall'area Studi Confcooperative e dal Centro Studi Legacoop Giugno 2016 La presenza delle donne nella cooperazione

Dettagli

CONSAPEVOL-MENTE a.s

CONSAPEVOL-MENTE a.s Dr.ssa Elena Berno CONSAPEVOL-MENTE a.s. 2015-2016 INCONTRO CON I GENITORI DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ORIENTARE «Le decisioni sono un modo per definire se stessi. Sono il modo

Dettagli

Gli effetti di lungo periodo della partecipazione ai nidi

Gli effetti di lungo periodo della partecipazione ai nidi Gli effetti di lungo periodo della partecipazione ai nidi Gli esiti della ricerca a Bassano del Grappa valerio.belotti@unipd.it Tra gli esperti ci sono diversi modi per guardare a un bambino/a Come figlio

Dettagli

La collaborazione genitori-professionisti nel processo di Cura della persona con DSA

La collaborazione genitori-professionisti nel processo di Cura della persona con DSA Disturbi dello spettro autistico: dalla diagnosi all intervento educativoriabilitativo integrato Carbonia 20.04.2012 e 03.05.2012 La collaborazione genitori-professionisti nel processo di Cura della persona

Dettagli

I genitori sono i veri protagonisti della salute dei propri figli, fin dal concepimento e dai primi giorni di vita del bambino.

I genitori sono i veri protagonisti della salute dei propri figli, fin dal concepimento e dai primi giorni di vita del bambino. Senza l apporto delle famiglie, senza una buona collaborazione e un efficace scambio di informazioni tra gli operatori del settore e i familiari dei pazienti, il sistema sanitario non potrebbe funzionare.

Dettagli

LE DONNE AVVOCATO. Avv. Paolo Rosa Presidente Cassa Forense

LE DONNE AVVOCATO. Avv. Paolo Rosa Presidente Cassa Forense Avv. Paolo Rosa Presidente Cassa Forense Bologna, 16 marzo 2009 Le donne trovano maggiori ostacoli a svolgere la professione di avvocato LE DONNE AVVOCATO abbandonano la professione più facilmente dei

Dettagli

Autismo e tecnologie informatiche: il progetto touch for Autism

Autismo e tecnologie informatiche: il progetto touch for Autism Corso di Tecnologie per la Disabilità Politecnico di Torino Autismo e tecnologie informatiche: il progetto touch for Autism Torino 30 maggio 2012 Giuseppe Maurizio Arduino Psicologo Responsabile Centro

Dettagli

Cosa sono le scienze umane. Il sapere antropologico

Cosa sono le scienze umane. Il sapere antropologico Parte Prima Cosa sono le scienze umane Il sapere antropologico PRIMA tappa / Che cos è l antropologia culturale............................................. 4 SECONDA tappa / I metodi dell antropologia

Dettagli

Bozzo Kielland Paola

Bozzo Kielland Paola ASL 3 Genovese Via Bertani 4 16125 Genova CURRICULUM VITAE DOTTORESSA BOZZO KIELLAND PAOLA INFORMAZIONI PERSONALI Bozzo Kielland Paola Nome Data di nascita 21/06/1954 Qualifica Amministrazione Incarico

Dettagli

L intervento in rete per il trattamento di bambini con Disturbo dello Spettro Autistico: il lavoro con i genitori

L intervento in rete per il trattamento di bambini con Disturbo dello Spettro Autistico: il lavoro con i genitori L intervento in rete per il trattamento di bambini con Disturbo dello Spettro Autistico: il lavoro con i genitori Simone Cuva, Paola Venuti Dipartimento di Scienze della Cognizione e della Formazione Università

Dettagli

scuola Convegno nazionale Riflessioni ed esperienze sulla scuola dell infanzia oggi Sabato 9 novembre 2013 ore 9:30-17:30

scuola Convegno nazionale Riflessioni ed esperienze sulla scuola dell infanzia oggi Sabato 9 novembre 2013 ore 9:30-17:30 scuola dell Convegno nazionale La GRANDE scuola per i piccoli. Riflessioni ed esperienze sulla scuola dell infanzia oggi Sabato 9 novembre 2013 ore 9:30-17:30 Istituto San Zeno Via don Giovanni Minzoni

Dettagli

"diventare cittadini "

diventare cittadini MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo E. Mattei Civitella Roveto (AQ) UDA verticale "diventare cittadini " Anno scolastico 2015/2016 PREMESSA Con il termine Cittadinanza

Dettagli

manuela.ulivi@tiscali.it

manuela.ulivi@tiscali.it C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ULIVI MANUELA Indirizzo CORSO VENEZIA, 61 20121 MILANO ITALIA Telefono 02.29526806 02.2043398 Fax 02.29510835 E-mail manuela.ulivi@tiscali.it Nazionalità

Dettagli

VIDEOGIOCHI E CYBERBULLISMO UNO STUDIO SU UN CAMPIONE DI PRE-ADOLESCENTI ITALIANI

VIDEOGIOCHI E CYBERBULLISMO UNO STUDIO SU UN CAMPIONE DI PRE-ADOLESCENTI ITALIANI VIDEOGIOCHI E CYBERBULLISMO UNO STUDIO SU UN CAMPIONE DI PRE-ADOLESCENTI ITALIANI Verrastro, V.¹, Petruccelli, I. ², Diotiaiuti, P.¹, Gherardini, A. ¹, Saladino, V.³, Fontanesi, L. ³ ¹Università di Cassino

Dettagli

Lo scudo di Atena. In-Formazione per imparare a riconoscere la violenza e proteggersi

Lo scudo di Atena. In-Formazione per imparare a riconoscere la violenza e proteggersi In-Formazione per imparare a riconoscere la violenza e proteggersi IL NOSTRO TEAM Sono una studentessa di Studi Internazionali. Ho sempre avuto curiosità verso le diversità culturali, lo scambio e il dialogo

Dettagli

Il ruolo del referente della valutazione

Il ruolo del referente della valutazione Il ruolo del referente della valutazione prof. Ivan Graziani I.C. Santa Sofia (FC) Bolzano 29 ottobre 2015 Che ruolo ha il referente di valutazione? Un referente per la valutazione deve occuparsi nel proprio

Dettagli

Il mercato del lavoro in Veneto tra vecchie e nuove disuguaglianze

Il mercato del lavoro in Veneto tra vecchie e nuove disuguaglianze Venezia-Mestre, 16 marzo 2016 Il mercato del lavoro in Veneto tra vecchie e nuove disuguaglianze Letizia Bertazzon Veneto Lavoro, Osservatorio & Ricerca Una proposta di lettura Forte intreccio tra disuguaglianze

Dettagli

RAPPORTO INDAGINE DI SODDISFAZIONE 2012

RAPPORTO INDAGINE DI SODDISFAZIONE 2012 Direzione Politiche Sociali Partecipative e dell Accoglienza RAPPORTO INDAGINE DI SODDISFAZIONE 212 CENTRO PER L AFFIDO E LA SOLIDARIETA FAMILIARE a cura del Servizio Politiche Cittadine per l Infanzia

Dettagli

Dott.ssa Enrica Locati, psicologa INCONTRI RIVOLTI ALLE EDUCATRICI

Dott.ssa Enrica Locati, psicologa INCONTRI RIVOLTI ALLE EDUCATRICI INCONTRI RIVOLTI ALLE EDUCATRICI L INTELLIGENZA EMOTIVA Descrizione: le emozioni sono alla base sia dello sviluppo cognitivo che di quello sociale. Il corso, attraverso esercitazioni teoriche e pratiche,

Dettagli

01 Perché mangiamo? 2

01 Perché mangiamo? 2 VI Sommario Parte prima Il cibo e il corpo Perché mangiamo? Di che cosa ha bisogno il nostro organismo? Che cosa contengono gli alimenti? Come organizzare la nostra giornata alimentare? Quali relazioni

Dettagli

Classe: 1 A/OS Docente: Marianna Brizzi PIANO Di LAVORO

Classe: 1 A/OS Docente: Marianna Brizzi PIANO Di LAVORO Classe: 1 A/OS Docente: Marianna Brizzi PIANO Di LAVORO Libro di testo: A. Condolf, E. Riccò, Istruzioni per l uso, Metodologie Operative 1, Edizione: Clitt Altri consigliati: Ricerche su internet per

Dettagli

Comunicazione e relazione efficace per agire la funzione di leader: perché la formazione non ha avuto continuità?

Comunicazione e relazione efficace per agire la funzione di leader: perché la formazione non ha avuto continuità? Comunicazione e relazione efficace per agire la funzione di leader: perché la formazione non ha avuto continuità? Corso per infermieri coordinatori inserito tra le riunioni di aggiornamento permanente

Dettagli

Scuola dell Infanzia «I Diritti dei bambini» Progetto d Istituto a.s. 2016/17

Scuola dell Infanzia «I Diritti dei bambini» Progetto d Istituto a.s. 2016/17 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 719330 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail: g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

INDICE FINESTRE DI GLOSSARIO XIII AUTORI PRESENTAZIONE ALLA PRIMA EDIZIONE PRESENTAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE XIX PREFAZIONE XXV

INDICE FINESTRE DI GLOSSARIO XIII AUTORI PRESENTAZIONE ALLA PRIMA EDIZIONE PRESENTAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE XIX PREFAZIONE XXV 02. (V-XII) 2010:02. (V-VIII) 4 16-03-2010 16:12 Pagina V INDICE FINESTRE DI GLOSSARIO AUTORI PRESENTAZIONE ALLA PRIMA EDIZIONE PRESENTAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE PREFAZIONE XI XIII XV XIX XXV PARTE PRIMA

Dettagli

WORKSHOP FORMATIVO PER PSICOLOGI LO SPORTELLO DI ASCOLTO A SCUOLA Metodologia e ambiti di applicazione 5/6 maggio 2012

WORKSHOP FORMATIVO PER PSICOLOGI LO SPORTELLO DI ASCOLTO A SCUOLA Metodologia e ambiti di applicazione 5/6 maggio 2012 1 WORKSHOP FORMATIVO PER PSICOLOGI LO SPORTELLO DI ASCOLTO A SCUOLA Metodologia e ambiti di applicazione 5/6 maggio 2012 PRESENTAZIONE Da diversi anni la scuola ha aperto le proprie porte al mondo della

Dettagli

Partecipazione femminile al mercato del lavoro in Abruzzo: caratteri e dinamiche

Partecipazione femminile al mercato del lavoro in Abruzzo: caratteri e dinamiche PARTECIPAZIONE FEMMINILE al MERCATO del LAVORO in ABRUZZO Partecipazione femminile al mercato del lavoro in Abruzzo: caratteri e dinamiche Marcella Mulino Francesca Tironi Facoltà di Economia Università

Dettagli

PREVENZIONE. Linee Guida Regionali 2007

PREVENZIONE. Linee Guida Regionali 2007 PREVENZIONE Linee Guida Regionali 2007 Bla bla bla si parla sempre di prevenzione..ma.. Non sempre è chiara la definizione di cosa esattamente si voglia/debba prevenire Di chi lo debba fare E che ruolo

Dettagli

AUTISMO Un percorso di fede possibile A cura della do+.ssa Daniela Bertozzi

AUTISMO Un percorso di fede possibile A cura della do+.ssa Daniela Bertozzi AUTISMO Un percorso di fede possibile A cura della do+.ssa Daniela Bertozzi Psicologa Assistente educa1vo-culturale Specializzanda in Psicoterapia cogni1va autismo L autismo è una sindrome cerebrale complessa

Dettagli

IC PACIFICI SEZZE BASSIANO Scuola primaria a.s Organizzazione oraria del Tempo Pieno

IC PACIFICI SEZZE BASSIANO Scuola primaria a.s Organizzazione oraria del Tempo Pieno IC PACIFICI SEZZE BASSIANO Scuola primaria a.s. 2015-2016 2016 Organizzazione oraria del Tempo Pieno ORGANIZZAZIONE ORARIA DEL TEMPO SCUOLA La scuola a tempo pieno prevede 40 ore settimanali distribuite

Dettagli

PANE AL PANE Pane e farine nella tradizione della mia Regione

PANE AL PANE Pane e farine nella tradizione della mia Regione UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE PANE AL PANE Pane e farine nella tradizione della mia Regione COMPITO E PRODOTTO FINALE - Realizzazione di un impasto di frumento salato (pane comune, focaccia, focaccia

Dettagli

Le prospettive di lavoro

Le prospettive di lavoro Le prospettive di lavoro per chi prosegue gli studi Quanti sono i giovani che vogliono entrare nel mondo del lavoro Cresce la partecipazione dei giovani al mercato del lavoro, cioè la quota di quanti lavorano

Dettagli

DISTRETTO SANITARIO DI SORGONO CONSULTORIO FAMILIARE *** COMUNITÀ MONTANA GENNARGENTU MANDROLISAI

DISTRETTO SANITARIO DI SORGONO CONSULTORIO FAMILIARE *** COMUNITÀ MONTANA GENNARGENTU MANDROLISAI DISTRETTO SANITARIO DI SORGONO CONSULTORIO FAMILIARE *** COMUNITÀ MONTANA GENNARGENTU MANDROLISAI LO SPORTELLO MEDIAZIONE FAMIGLIA SCUOLA La famiglia è centrale nell educazione dei figli. Essa rappresenta

Dettagli

L educazione emotiva, affettiva, sessuale per costruire le relazioni e capire le scelte

L educazione emotiva, affettiva, sessuale per costruire le relazioni e capire le scelte Somedia Novembre 2009 Il gioco, l amicizia, l amore Prof.ssa Roberta Giommi, psicologa, psicoterapeuta, Direttore dell Istituto Internazionale di Sessuologia di Firenze L educazione emotiva, affettiva,

Dettagli

Nota di commento alle Statistiche culturali. Anno 2015

Nota di commento alle Statistiche culturali. Anno 2015 Nota di commento alle Statistiche culturali Anno 2015 Fonte: Istat Le tavole diffuse dall Istat forniscono una rappresentazione statistica dei principali fenomeni legati alla produzione, alla distribuzione

Dettagli

UN USCITA DIDATTICA AL MUSEO. Veronica Cadei Gloria Pozzi

UN USCITA DIDATTICA AL MUSEO. Veronica Cadei Gloria Pozzi UN USCITA DIDATTICA AL MUSEO Veronica Cadei Gloria Pozzi "... E' necessario allargare il nostro concetto di scuola fino a sentire che scuola è il mondo. E' necessario convincersi che ogni cosa, ogni fatto,

Dettagli

CALL FOR PAPERS. NEETING Convegno Nazionale sui NEET

CALL FOR PAPERS. NEETING Convegno Nazionale sui NEET CALL FOR PAPERS NEETING Convegno Nazionale sui NEET Milano, 3-4 novembre 2016 Università Cattolica del Sacro Cuore Fondazione Cariplo L Istituto Toniolo di Studi Superiori, in collaborazione con la Fondazione

Dettagli

Titolo: UNA SCUOLA PER L AMBIENTE

Titolo: UNA SCUOLA PER L AMBIENTE Titolo: UNA SCUOLA PER L AMBIENTE MOTIVAZIONI DELLA SCELTA L'obiettivo del progetto è quello di promuovere una didattica svolta per l'ambiente, basata sui comportamenti, sui valori e sui cambiamenti. Lo

Dettagli

Il lavoro delle donne NOTA dell IRES Catania

Il lavoro delle donne NOTA dell IRES Catania 1 CATANIA Il lavoro delle donne NOTA dell IRES Catania In Sicilia, come in tutto il resto del mondo, il lavoro retribuito delle donne ( diverso dai lavori domestici e di cura che in famiglia toccano prevalentemente

Dettagli

Corso di tecniche di ricerca sociale Esercitazione tipologia di variabili Prof.ssa Amalia Caputo

Corso di tecniche di ricerca sociale Esercitazione tipologia di variabili Prof.ssa Amalia Caputo Testo 1 Occupazione 1. Non occupato 2. Studente 3. Lavoratore autonomo 4. Lavoratore dipendente 5. Casalinga 6. Pensionato Testo 2 Numero di biblioteche presenti nel comune di Napoli! Testo 3 Testo 4 Titolo

Dettagli

La comunità territoriale

La comunità territoriale La comunità territoriale Se mai può esistere una comunità nel mondo degli individui, può essere soltanto una comunità intessuta di comune e reciproco interesse ( Bauman (Z. CRITICITA disuguaglianze di

Dettagli

SPAZIO DEDICATO AI GENITORI: CHE COSA MI ASPETTO?

SPAZIO DEDICATO AI GENITORI: CHE COSA MI ASPETTO? ITC C. Deganutti - Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI PRIMO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B Istituto: ITC C. Deganutti

Dettagli

Informazioni Statistiche N 6/2014

Informazioni Statistiche N 6/2014 Città di Palermo Ufficio Statistica 15 Censimento generale della popolazione Condizione professionale e non professionale della popolazione residente Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 6/2014

Dettagli

La nave dei folli: la modifica dello stereotipo del malato mentale nell adolescente

La nave dei folli: la modifica dello stereotipo del malato mentale nell adolescente La nave dei folli: la modifica dello stereotipo del malato mentale nell adolescente La chiusura dei manicomi, avvenuta nel 1996, ha determinato un apertura nei confronti delle persone affette da malattia

Dettagli

5. Ceri opera una distinzione particolare tra caratteristiche naturali e caratteristiche: a. personali; b. sociali; c. comunitarie.

5. Ceri opera una distinzione particolare tra caratteristiche naturali e caratteristiche: a. personali; b. sociali; c. comunitarie. Besozzi: Società, Cultura, Educazione Capitolo 5.Disuguaglianze e differenze nei processi educativi. Capitolo 7. La trasmissione della cultura: la scuola e gli insegnanti. 1. La questione delle disuguaglianze

Dettagli

Le nostre linee guida pedagogiche

Le nostre linee guida pedagogiche Le nostre linee guida pedagogiche Sorgono tante domande. Il primo colloquio personale è il primo passo verso una collaborazione improntata sulla fiducia tra genitori e Tagesmutter o staff della microstruttura

Dettagli

+ Giovani e. lavoro: differenze di genere

+ Giovani e. lavoro: differenze di genere + Giovani e lavoro: differenze di genere Patrocinio del Comune di Bologna La situazione lavorativa delle giovani generazione a partire da una prospettiva di genere Francesca Crivellaro Primi risultati

Dettagli

Le esigenze espresse dalle famiglie di Crema:

Le esigenze espresse dalle famiglie di Crema: Le esigenze espresse dalle famiglie di Crema: il questionario distribuito nelle scuole intervento di Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R. 28/2004

Dettagli

Consultori familiari

Consultori familiari Consultori familiari Le prestazioni del consultorio corsi di accompagnamento alla nascita rivolti ad entrambi i genitori assistenza a domicilio a mamma e neonato dopo il parto (Servizio di Dimissione protetta):

Dettagli

PROFESSIONE: PSICOLOGA! d.ssa Viviana Rossetti Psicologa-Psicoterapeuta infantile

PROFESSIONE: PSICOLOGA! d.ssa Viviana Rossetti Psicologa-Psicoterapeuta infantile PROFESSIONE: PSICOLOGA! d.ssa Viviana Rossetti Psicologa-Psicoterapeuta infantile PSICOLOGO DELL ETA EVOLUTIVA: CHI Bambino Famiglia Coppia genitoriale Scuola AREE DI INTERVENTO: COSA Area clinica (consultazione,

Dettagli

BRESCIA 6 APRILE BERGAMO: gli Spazi per bambini e adulti e IL CENTRO FAMIGLIA

BRESCIA 6 APRILE BERGAMO: gli Spazi per bambini e adulti e IL CENTRO FAMIGLIA BRESCIA 6 APRILE 2017 BERGAMO: gli Spazi per bambini e adulti e IL CENTRO FAMIGLIA 1 I servizi per l infanzia DEL COMUNE DI BERGAMO Bergamo 120 mila abitanti 600 nuovi nati all anno 12 nidi d infanzia

Dettagli

Formazione e sensibilizzazione

Formazione e sensibilizzazione Formazione e sensibilizzazione La Casa delle donne per non subire violenza, uno dei centri di più lunga esperienza in Italia, ha da sempre curato l aspetto formativo come strumento fondamentale per sviluppare

Dettagli

ORA e ALLORA: come sono cambiate le abitudini dei ragazzi di oggi rispetto a quelli di ieri.

ORA e ALLORA: come sono cambiate le abitudini dei ragazzi di oggi rispetto a quelli di ieri. ORA e ALLORA: come sono cambiate le abitudini dei ragazzi di oggi rispetto a quelli di ieri. Premessa L indagine statistica è stata condotta su un campione di 100 studenti di cui 50 maschi e 50 femmine.

Dettagli

PROGETTO: I COLORI DELLE EMOZIONI

PROGETTO: I COLORI DELLE EMOZIONI PROGETTO: I COLORI DELLE EMOZIONI L apprendimento nella scuola dell infanzia deve essere attivo, costruttivo e cooperativo e deve stimolare nei bambini la voglia di conoscere. Dai tre ai sei anni, infatti,

Dettagli

Genere: differenze e disuguaglianze

Genere: differenze e disuguaglianze Genere: differenze e disuguaglianze 1 http://www.wellesley.edu/admission/ http://video.google.it/videosearch?q=mo na+lisa+smile&hl=it&emb=0&aq=f# GIULIANA MANDICH CORSO DI SOCIOLOGIA 28/03/2014 Obiettivi

Dettagli

La popolazione straniera e italiana all in Emilia-Romagna

La popolazione straniera e italiana all in Emilia-Romagna Direzione generale centrale Organizzazione, Personale, Sistemi Informativi e Telematica Servizio statistica e informazione geografica La popolazione straniera e italiana all 1.1.215 in Emilia-Romagna Bologna,

Dettagli

Indice. Autori... Presentazione... Prefazione...

Indice. Autori... Presentazione... Prefazione... Indice Autori... Presentazione... Prefazione... Introduzione... XI XIII XV XXI Capitolo 1 I Disturbi del Comportamento Alimentare: un epidemia sociale... 1 Epidemiologia... 1 Diffusione... 3 La trasformazione

Dettagli

LE CONSULENZE ONLINE DEL 114

LE CONSULENZE ONLINE DEL 114 LE CONSULENZE ONLINE DEL 114 Anno 2013 La chat, raggiungibile dal sito (www.114.it) permette di contattare il Servizio 114 Emergenza Infanzia attraverso i nuovi media. Ad oggi il servizio è gratuito ed

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE

EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE QUANTE EDUCAZIONI NELLA SCUOLA ITALIANA? Alla legalità Alle pari opportunità Alla differenza di genere Alla pace Alla salute (droghe, fumo ) Alla mondialità Alla cooperazione

Dettagli

ELEMENTI FONDANTI L IDENTITA DEI SERVIZI o-6 - PRINCIPI QUALITATIVI DEL PROGETTO EDUCATIVO -

ELEMENTI FONDANTI L IDENTITA DEI SERVIZI o-6 - PRINCIPI QUALITATIVI DEL PROGETTO EDUCATIVO - AMBIENTAMENTO PROGETTO EDUCATIVO COLLEGIALITA FORMAZIONE DOCUMENTAZIONE SPAZI- AMBIENTE PARTECIPAZIONE DELLE FAMIGLIE ELEMENTI FONDANTI L IDENTITA DEI SERVIZI o-6 - PRINCIPI QUALITATIVI DEL PROGETTO EDUCATIVO

Dettagli