infernali eporter Paradisi nu ovo Il confronto La guerra dello spinello Gli spot Quei testimonial ingannevoli I personaggi L'azzardo, la mia rovina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "infernali eporter Paradisi nu ovo Il confronto La guerra dello spinello Gli spot Quei testimonial ingannevoli I personaggi L'azzardo, la mia rovina"

Transcript

1 R Anno V - Speciale Marzo 2012 eporter nu ovo Il confronto La guerra dello spinello Gli spot Quei testimonial ingannevoli I personaggi L'azzardo, la mia rovina Morire d'arte Tra genio e dissolutezza Paradisi infernali Dalle droghe, ai giochi d azzardo, fino alla pornografia e ai social network, una mappa dei ritrovati artificiali che infestano il pianeta e dei problemi connessi. Quindicinale della Scuola Superiore di Giornalismo della LUISS Guido Carli

2 3 9 7 Droga come religione oppio dei popoli In continua crescita, produzione e consumi di stupefacenti: nel mondo ne fanno uso 200 milioni di persone. Nessun paese ne è immune Liberi di giocare ma forse no C'è contraddizione fra i vincoli italiani alle scommesse e l'assenza di paletti nel resto d'europa. Il ruolo del "cartello" tra i grandi bookmaker. E come resto un gratta e vinci Sono molte le casalinghe che lo accettano durante la spesa. Quasi 80 miliardi di euro l'anno il ricavato dell'azzardo Professione biscazziere "Stangando" ricchi borghesi, professionisti affermati e politici, dal gioco Giovanni Bruzzi ha tratto lauti guadagni, che gli hanno poi permesso di mettere a frutto il suo talento artistico Dove il piatto non fa che piangere Ci sono costi in termini di alienazione sociale e di dipendenza che vanificano le entrate economiche del gioco 23 La guerra dello spinello Scontro tra Giovanardi e Staderini sulla liberalizzazione delle droghe leggere, sui quantitativi, sul carcere, sulle narco-sale Quei testimonial ingannevoli Che si tratti di Clooney per l'alcol o dei jingle per giochi e scommesse, gli effetti sono dipendenza e guai per la salute. Il ministro Riccardi: "Il gioco d'azzardo è come la droga" Una Las Vegas sul mediterraneo Slot machines e puntate online per un'industria che rappresenta il 4% del nostro Pil. Frammenti di partite e reality tra gli obiettivi L'azzardo, la mia rovina Da Fede a Pupo storie di ascesa e cadute nei casinò, fino a Baldini che i cravattari constrinsero a scavarsi la fossa C'era una volta "gola profonda" Superati i vecchi film a luci rosse, crescenti masse di internauti passano ore davanti a trasmissioni hard. Che possono creare dipendenza In tre passi via dal virtuale Secondo lo psichiatra del Gemelli i nuovi "tossicomani" devono ristabilire esperienze autentiche di condivisione Schermo delle mie brame Studiosi americani parlano di Internet Addiction Disorder. Per i nativi digitali i rapporti sociali diventano sempre più virtuali 27 Tra genio e dissolutezza Nei secoli, tanti gli emuli di Baudelaire: pittori, poeti e musicisti. Da Degas a Kerouac, da Jim Morrison a Amy Winehouse SOMMARIO

3 DROGA COME RELIGIONE Il nuovo oppio dei popoli In continua crescita, produzione e consumi di stupefacenti: nel mondo ne fanno uso 200 milioni di persone. Nessun paese ne è immune. occidente a oriente e viceversa. Attraverso l Europa si incrociano le rotte del mercato illegale più esteso al mondo, quello della droga. Un mercato capace di muovere ogni anno un giro d affari superiore ai 300 miliardi di dollari. E di raggiungere oltre duecento milioni di persone, il popolo dei consumatori, diverso per età, stato sociale e sesso, che rappresenta, secondo il più rcente rapporto Onu sulla droga, tra il 3,5 e il 6,1% della popolazione mondiale. Vediamone i componenti, analizzando le rotte, i quantitativi e le provenienze. Cocaina. Le rotte della cocaina partono tutte dal Sudamerica. Tra la Colombia e la Bolivia ogni anno si producono circa 900 tonnellate di pasta di coca. Una quantità sufficiente a coprire l intera domanda globale, Tiziano Rugi Un flusso continuo di merci e uomini da Nord America passa dal Pacifico per raggiungere il Messico. Il 90% della droga, secondo le autorità Usa, è smistata dai cartelli messicani lungo il confine. Una piccola fetta del traffico è, invece, in mano alle organizzazioni caraibiche, forti degli stretti legami con i peruviani e i venezuelani. In questo caso la cocaina arriva direttamente in Nord America dall Atlantico. Sempre via mare, stipata nei container dei mercantili, la droga sbarca in Europa. Qui è la ndrangheta l organizzazione monopolista dello spaccio. Le porte d ingresso al Vecchio Continente sono la penisola iberica e i Paesi Bassi. Ma anche l Africa, dove sta nascendo un nuovo e fiorente mercato. In genere i trafficanti colombiani arrivano con delle navi-madre a largo delle coste. Poi scaricano la merce su navi più piccole che porteranno il carico pari circa a milioni di consumatori. Il direttamente in Europa. Le organizzazioni giro d affari è gestito dai cartelli sudamericani e messicani, che fanno arrivare la droga sbarco e ricevono in cambio circa il 30% del criminali nigeriane gestiscono questa fase di in tutto il mondo. Le colture della Colombia riforniscono il Nord America, mentre le rieri aerei direttamente nel continente africa- carico, per poi commerciarlo attraverso cor- produzioni di Perù e Bolivia sono destinate no. all Europa. La rotta che porta la cocaina in Eroina e Oppio. Secondo il rapporto 3 Un mercato capace di muovere un giro d'affari superiore ai 300 miliardi di dollari l'anno"

4 5 RUnodc, quindici milioni di persone in tutto il mondo sono consumatori abituali di oppio e di eroina. Dietro a loro è nato un mercato globale da 65 miliardi di dollari, che arricchisce gruppi criminali di tutto il mondo, dai produttori afgani ai trafficanti turchi fino alle mafie nazionali. E rappresenta la prima causa di insicurezza e instabilità in molte aree dove il papavero da oppio viene coltivato e poi raffinato per diventare eroina. Come l Afghanistan, che da solo fornisce l'85% della produzione. Ma anche il triangolo d oro nel Sudest asiatico (Myanmar, Laos e Thailandia) e il Messico, dove negli ultimi dieci anni le coltivazioni di papavero sono cresciute del 120%. Le rotte dell eroina partono tutte da qui. Ogni anno nel mondo la domanda è stimata intorno alle 340 tonnellate, di cui la metà concentrate in Europa e Russia. Nel Vecchio Continente, due Paesi dominano il consumo: Gran Bretagna e Italia, con 19 tonnellate fumate o iniettate ogni anno. Quasi tutta l eroina qui arriva attraverso l Iran e la Turchia, dove infatti avvengono la metà dei sequestri globali, per poi dividersi in due rotte. Una a sud, attraverso i Balcani e l Albania fino all Italia, e uno a nord verso l Olanda. I guadagni sono enormi: se un chilo di eroina in Afghanistan costa circa euro, una volta sui mercati occiden- DROGA COME RELIGIONE tali il prezzo medio all ingrosso è di Le principali coltivazioni del mondo euro. Al dettaglio al consumatore costerà sono in Marocco, dove si produce l hashish intorno ai 60 euro al grammo. venduto in Europa, e l Afghanistan. Nel primo caso la droga arriva attraverso la Spa- La lotta globale al traffico di eroina negli ultimi anni ha ottenuto ottimi risultati, con gna e l Italia, per essere poi smistata dalla sequestri record nel 2008 (73,7 tonnellate) ndrangheta, che ha il monopolio dei traffici nel mediterraneo. Quello provenien- e la distruzione del 15% delle colture afganete dall Afghanistan, invece, segue le rotte dell eroina attraverso il Medio oriente. Ma i trafficanti hanno trovato nuove soluzioni. Così il prezzo in molte regioni è L hashish orientale è di qualità superiore arrivato addirittura a dimezzarsi, complice e proprio per questo nell ultimo decennio anche la sovrapproduzione afgana dell ultimo decennio. convertire le colture: un ettaro di canna- molti coltivatori d oppio hanno deciso di Negli anni Ottanta l Afghanistan forniva bis indica rende circa 150 Kg di hashish, solo il 20% del fabbisogno di eroina, mentre gran parte della roba veniva dal trian- Marocco. rispetto ai 40 Kg della cannabis sativa del golo d oro. Adesso la situazione si è ribaltata e al triangolo d oro è rimasta solo una trovano in molte altre zone del globo. Per Ma coltivazioni più o meno estese si fetta marginale del mercato cinese in mano questo è impossibile costruire una mappa ai network nigeriani, che sfruttano le loro completa delle rotte dello spaccio come comunità sparse nel mondo per fare concorrenza ai trafficanti afgani e turchi. in particolare negli Stati Uniti e in Oceania, nel caso della cocaina e dell eroina. Infatti, Hashish e Marijuana. È la droga più diffusa. Secondo i dati del 2010, nel mondo partamenti, in serre e in container nascosti la coltivazione è realizzata indoor negli ap- a fumare marijuana sono tra i 130 e i 200 sotto terra, con una produzione strettamente legata alle zone di consumo. Minori milioni di persone, quasi il 4% della popolazione mondiale. In Europa addirittura il rischi di essere scoperti dall autorità, qualità 5,4% dei cittadini tra i 14 e i 64 anni ha fatto uso di cannabis: quasi trenta milioni di chimicamente, e quindi guadagni maggio- migliore del prodotto finale, spesso trattato persone. Un terzo è concentrato in Spagna, ri, sono uno stimolo a cui le mafie non riescono a resistere. L anno scorso in Italia e Repubblica Ceca. Canada

5 DROGA COME RELIGIONE Negli anni 80 il 20% dell'eroina veniva dall'afghanistan. Il resto del fabbisogno dal triangolo d'oro. Adesso la situazione è ribaltata." 6 è stata scoperta un organizzazione criminale vietnamita che aveva il controllo del traffico di marijuana indoor destinata al mercato statunitense. Sempre nella realtà americana è interessante il caso della Bolivia, dove si è passati dalle 8,5 tonnellate sequestrate nel 2003 alle del Indice di come il consumo di cannabinoidi si stia diffondendo anche in Sud America. Droghe sintetiche. Sono facili da produrre, senza i rischi e i tempi delle coltivazioni. I laboratori possono essere spostati rapidamente da un luogo all altro per evitare i controlli. Le sostanze per sintetizzarle sono varie e i metodi diversi: se una diventa irreperibile sul mercato lecito, si può facilmente sostituirla con altre ricavabili da medicinali in vendita, complice il ricorso a internet. E, soprattutto, una produzione industrializzata, può portare guadagni enormi. Ecco perché amfetamine, metamfetamine (Mdma) ed ecstasy si stanno affermando come la droga del nuovo millennio. Un solo dato è sufficiente per rendersene conto: il numero dei laboratori è cresciuto del 29% rispetto al In Oceania il consumo i droghe sintetiche ha perfino superato la classica cocaina. Costano poco. Sono assunte in capsule oppure sciolte nell acqua, e sembrano meno pericolose e dannose: una semplice pasticca viene considerata capace di raddoppiare le prestazioni fisiche e sessuali. Così tra i giovani dei Paesi occidentali, alla ricerca dello sballo del sabato sera, sono diventate in meno di dieci anni la droga preferita delle discoteche. Ma anche in Messico e nel povero sudest asiatico, fino al Medio oriente, dove si producono molte delle metamfetamine che saranno trasformate in pasticche nei laboratori posizionati lungo le rotte del traffico: Turchia, Siria, Libano e Gior- LE "SMART DRUGS" Sono reperibili nel distributore automatico di un erboristeria. Oppure arrivano a casa via internet. Per questo sono chiamate intelligenti, perché si può trovarle facilmente senza avere noie con le forze dell ordine. Ma i rischi veri, quelli per la salute, restano. E potrebbero essere addirittura peggiori di quanto si pensi. Si vendono in pillole, gocce, bevande, infusi. Persino nascoste nei deodoranti, come la Hurricane o la Spice. dania. Il mercato di questo nuovo tipo di allucinogeni, proprio a causa della facilità con cui vengono sintetizzati, non assume dimensioni globali ma al massimo intraregionali, vicino alle zone di consumo e diversificato a seconda delle preferenze dei consumatori. In Europa, i maggiori produttori di ecstasy e Mdma sono il Belgio e l Olanda, ma la droga è diffusa in tutto il continente: non è certo un caso se il 97% dei sequestri si concentrano proprio qui (24,3 tonnellate di amfetamine e 3,86 di ecstasy e Mdma solo nel 2008). Due erbe che presentavano dei cannabinoidi sintetici inseriti nella tabella degli stupefacenti, nascoste nelle bottiglie di deodorante sugli scaffali di un erboristeria. Gli effetti sui consumatori, quasi tutti adolescenti, sono contrastanti: alcune sono eccitanti, altre rilassanti o addirittura allucinogene, come la Salvia divinorum, inserita da pochi anni nella tabella delle droghe. L unica cosa che hanno in comune è la provenienza made in China, dove sono prodotte in laboratori artigianali.

6 IL CONFRONTO La guerra dello spinello Scontro tra Giovanardi e Staderini sulla liberalizzazione delle droghe leggere, sui quantitativi, sul carcere, sulle narco-sale 7 Riccardo Porcù Le carceri italiane al collasso, i reati per droga e la situazione del consumo di sostanze stupefacenti in Italia. Un tema difficile che da anni interessa e divide migliaia di italiani. Cinquecento milligrammi di cannabis per preparare le canne, 750 di cocaina, 250 di eroina; 750 milligrammi di Mdma (ecstasy); 500 di amfetamina e 150 microgrammi di Lsd. Questi i parametri sanciti dalla legge Giovanardi- Fini del 2006 per l assunzione di sostanze a uso personale e punibili solo con sanzioni amministrative o con lavori socialmente utili. Abolita la demarcazione tra droghe leggere e pesanti, accomunate sotto la stessa disciplina, è divenuto determinante il confine che divide dallo spaccio, viste le dure pene (da sei a venti anni di detenzione) per gli spacciatori. Su questi temi abbiamo sentito il parere del segretario del Partito dei Radicali italiani, Mario Staderini, e del senatore Pdl, Carlo Giovanardi, co-firmatario della legge attualmente in vigore, sull effettiva efficacia delle misure prese e sulla situazione delle carceri. Due punti di vista in stridente contrasto, in una vera guerra dello spinello. Quali conseguenze potrebbe avere una liberalizzazione delle droghe leggere? A suo giudizio un provvedimento simile sarebbe dannoso? Giovanardi: Una liberalizzazione avrebbe un effetto devastante. Basti pensare agli incidenti stradali, larga parte della mortalità è dovuta a persone che guidano sotto l effetto di stupefacenti o alcol. L ordinamento può mai permettere ad automobilisti, autisti di mezzi pubblici, piloti d aereo di farsi e poi di andare in giro? Cosa vogliamo creare un mondo di zombie? Liberalizzando andiamo per le scuole a offrire la cannabis ai ragazzini? Si creerebbe un effetto domino. Anziché limitare l uso delle sostanze cosa facciamo le rendiamo libere? Liberalizzare, che senso ha? Salirebbe su un aereo con il pilota cocainomane, fatto? O dei bambini in un pulmino con l autista che si fa di droga? Un chirurgo che opera sotto l effetto di sostanze? Non scherziamo. Staderini: Oggi siamo davanti ad una scelta etica. Sono trascorsi trent anni dall approvazione delle norme internazionali sulla proibizione. Dopo questi anni il bilancio è negativo. Sono aumentati i consumatori, si è abbassata l età media, sono aumentate il numero delle sostanze e la loro pericolosità, è cresciuto il fatturato delle mafie. Con questi dati insistere in un sistema di proibizione o di regolamentazione, significa avere un atteggiamento totalitario, da stato etico. Una imposizione decisa dallo Stato che intima al singolo quali debbano essere le sue scelte. Oggi il proibizionismo non funziona e non conviene. Non c è nessun dato scientifico, inoltre, che sottolinei il rapporto tra legalizzazione e assunzione. Anzi, dove c è stato un atteggiamento di tolleranza il bilancio è tutto tranne che negativo. Non vi è un rapporto diretto tra "Una liberalizzazione avrebbe un effetto devastante. Vogliamo creare un mondo di zombie? Si avrebbe un effetto domino." (Carlo Giovanardi)

7 8 "Il proibizionismo non funziona e non conviene" (Mario Staderini) legalizzazione e assunzione; nei paesi dove vi è la possibilità di assumere droghe leggere, penso ad esempio all Olanda, non si è verificato un processo di sperimentazione o avvicinamento. Quanto ha contribuito all affollamento delle carceri la legge n.49 del 2006, la cosiddetta Giovanardi-Fini, con l inasprimento delle pene per il consumo e la produzione di sostanze stupefacenti? In una situazione critica per il sistema penitenziario italiano, una liberalizzazione delle droghe leggere sarebbe una valida soluzione per lo svuotamento delle carceri? Giovanardi: I dati dei radicali sulle carceri piene di persone detenute per reati legati alla legge Giovanardi-Fini sono una menzogna assoluta. E una polemica ormai superata non c è associazione di magistrati o di operatori giudiziari che facciano questi ragionamenti salvo i radicali. Non riescono a dirmi il nome di una sola persona, dico una sola, in carcere per il consumo di droga, non sono in grado di farlo. Sono in carcere per altri reati, per aver rapinato, ucciso, per spaccio non per il consumo di droghe. I tossicodipendenti che commettono reati fino a sei anni possono evitare il carcere per andare in comunità di recupero. I fondi alle comunità non dipendono solo dal governo ma anche dalle regioni che decidono in base al loro bilancio. Staderini: Il fenomeno sociale del consumo di droga è stato affrontato soltanto sotto l aspetto della criminalizzazione, con pesanti risvolti sul sistema carcerario. Basti pensare che oggi su 60mila detenuti sono 28mila i detenuti per violazione della legge sugli stupefacenti, è evidente che un mutamento della normativa avrebbe un impatto diretto rispetto al carcere. Inoltre nelle carceri vi sono molti detenuti solo per violazione legge sugli stupefacenti, che non è detto siano destinati a delinquere in altra maniera e soprattutto hanno un costo, stimato in 150euro al giorno per ogni detenuto. Facendo due conti si arriva a una cifra che supera il miliardo di euro. Oltre poi ai costi che sosteniamo per procedimenti giudiziari, che ingolfano i nostri tribunali, e l impiego delle forze dell ordine. Già solo sotto il fronte repressivo si libererebbero risorse ingenti, magari da spendere in prevenzione e si farebbe un favore a due sistemi al collasso quello giudiziario e quello penitenziario. La liberalizzazione porterebbe dei benefici evidenti per le carceri. La legge Giovanardi-Fini, è stata a lungo al centro di aspre polemiche per i parametri di consumo di sostanze stupefacenti, giudicati troppo restrittivi. Giovanardi: Un conto è la propaganda per gli allocchi, da posizioni ideologiche, un conto è il dato normativo. Il dato italiano della nostra legge è un dato che consente al magistrato, che deve distinguere l uso personale dallo spaccio, di fissare un parametro, con le famose tabelle, che sono soltanto indicative, per ogni sostanza vi è una quantità di principi attivi che può fare presumere che la detenzione sia per uso personale o per spacciarla. Vi è stato un trend di crescita per anni e anni, poi negli ultimi due anni c è stata una diminuzione. Certo si può discutere se questo è avvenuto per la crisi economica o per un opera capillare di prevenzione, di educazione, di documentazione che abbiamo fatto nelle scuole, nelle famiglie, facendo vedere e toccare con mano, grazie alle neuro-scienze, i danni che provocano al cervello le droghe. Tutte. Anche la cannabis, specie in giovane età. Le droghe leggere causano purtroppo danni irreparabili. I parametri devono essere presi in considerazione dal giudice per capire se si tratta di IL CONFRONTO consumo personale o di spaccio. Staderini: I parametri attualmente vigenti sono totalmente privi di scientificità. Stiamo parlando di utilizzo di sostanze che devono essere contestualizzate in conformità alle caratteristiche fisiche e psichiche e alla situazione. Nell assunzione di qualsiasi sostanza dipende tutto dalle condizioni fisiche della persona e del contesto in cui viene assunta. Oggi il sistema fa sì che siano gli spacciatori ad andare davanti alle scuole, con una regolamentazione sarebbero i ragazzi a recarsi laddove viene ufficialmente venduta una sostanza potendone scegliere il consumo, qualità, intensità e ricevendo informazioni sulla riduzione del danno. Pochi giorni fa il Partito Radicale ha proposto l apertura di alcune stanze del buco a Milano, lei si è duramente opposto al testo. Quali conseguenze potrebbe avere l approvazione, per quanto difficile, di un simile provvedimento? Giovanardi: Le stanze del buco sono assolutamente illegali in Italia. L idea dei radicali di una regolazione statale delle droghe è un concetto duramente bocciato e respinto dall Onu e dai governi delle maggiori potenze internazionali. E mai possibile che se uno è malato debba essere rinchiuso e portato alla rovina e alla morte dandogli veleno. Sei cocainomane? Ti do cocaina. Sei eroinomane? Ti do eroina. I tossicodipendenti, così, sarebbero irrecuperabili, sarebbe un provvedimento solo per cronicizzare. Staderini: La legalizzazione e la regolamentazione sono determinanti. Bisogna iniziare con tappe intermedie per affrontare un fenomeno sociale che in Italia riguarda 4,4 milioni di cittadini (di cui 3 milioni sono consumatori abituali). Un secondo obiettivo intermedio è quello delle politiche della riduzione del danno, il governo, sotto la spinta di Giovanardi le aveva eliminate, depennando addirittura la dizione riduzione del danno da tutti i documenti ufficiali. In questa logica vanno le narco-sale che possono interessare le metropoli dove il consumo di eroina endovena è ancora molto diffuso e soprattutto le analisi gratuite delle droghe sintetiche, molto importanti davanti a un uso ludico delle droghe.

8 GIOCHI DI STATO E come resto un gratta e vinci Sono molte le casalinghe che lo accettano durante la spesa. Quasi 80 miliardi di euro l anno il ricavato dell azzardo 9 Antonella Benedetta Ventre C era una volta il lotto alle otto, la famiglia si riuniva intorno alla televisione per aspettare quel momento e sperare tutti insieme che la vita potesse cambiare. Adesso invece la società italiana è profondamente mutata e di conseguenza anche le abitudini degli italiani riguardo al gioco sono molto diverse. Ora l azzardo è diventato un malessere molto diffuso. A gestire la regolamentazione del gioco ci sono i Monopoli che hanno preso il nome di Aams, ovvero Amministrazione autonoma Monopoli di Stato. Il titolo del libro di Carlotta Zavattiero, "Lo stato bisca", sembra proprio esprimere a pieno la situazione italiana. È, infatti, l erario a guadagnare di più dall industria dell azzardo. Sono molti i giochi che vanno a rimpolpare le casse dello Stato: dai Gratta e vinci, al Superenalotto, alle slot machines fino ai vari giochi a pronostico come il Totocalcio. Il gioco d'azzardo, con un incasso complessivo nel 2011 di ben 79.9 miliardi di euro, è diventato una delle principali industrie italiane, facendo aggiudicare al nostro paese il primo posto tra gli stati che giocano di più al mondo, una medaglia d oro di cui volentieri avremmo fatto a meno. Questo primato ha delle spiegazioni sociologiche più profonde, che trovano le loro radici nella grave crisi economica che attraversa il nostro paese. Nel passato, l italiano medio non era un giocatore incallito, come ad esempio l inglese, ma progressivamente lo sta diventando, con un impegno di 500 euro di spesa pro capite. Prima il gioco aveva un carattere sporadico, si giocava una tantum e magari si comprava il biglietto della lotteria Italia la cui estrazione avveniva solo una volta l anno. Adesso invece gli italiani puntano ad una tipologia di gioco differente, cercano il brivido e lo vogliono subito. È così che negli ultimi anni la vendita dei Gratta e vinci si è collocata come seconda voce di spesa tra i giochi controllati dall Aams, successive solo dopo le videoslot, per un totale del 12.7% della raccolta complessiva. I gratta e vinci sono per lo più acquistati da giovanissimi e donne. Lo conferma una ricerca del Cnr che afferma che il 63% dei ragazzi tra i 15 e 19 anni ci giocano. Addirittura le mamme, talvolta li richiedono come resto della spesa. Altre tipologie di scommesse dal carattere immediato, che mostrano il fenomeno italiano, sono il dieci e lotto o il win for life con estrazioni ogni cinque minuti. Maurizio Fiasco, sociologo della consul- "Per le famiglie con doppio reddito emerge che la seconda entrata è dedicata al gioco. È come se si puntasse sulla fortuna come investimento alternativo"

9 GIOCHI DI STATO ta nazionale delle fondazioni antiusura, ha spesso ribadito che in Italia si possono delineare tre grandi periodi storici nello sviluppo del gioco: il primo tra il 1889 e il 1992, il secondo tra il 1992 e il 2003 e il terzo dal 2003 ad oggi. Durante quest ultimo si è avuta una crescita esponenziale delle tipologie di gioco, ma soprattutto delle persone interessate al fenomeno. Prosegue il sociologo, dal 2004 al 2010, infatti, il consumo è balzato del 245 per [ IL LA SMORFIA 1 l Italia, 22 i pazzi, 23 lo scemo e 90 la paura. La smorfia, anche detta Cabala, è il libro dei sogni che viene utilizzato dai giocatori del lotto per interpretare le vicende accadute nel sonno e farle corrispondere a dei numeri da poter giocare. Tradizione puramente napoletana di origine popolare è molto diffusa anche nel resto d Italia. Ad oggi viene associata anche ad altri giochi e permette, inoltre, di interpretare fatti della vita quotidiana. In ogni smorfia un vocabolo, un evento, una persona, un oggetto, è trasformato in uno o più numeri, attraverso una codifica abbastanza precisa che prevede un numero diverso a seconda del contesto. Ad esempio "giocare" fa 79, ma cambia se si gioca ai cavalli (81), al lotto (33), a calcio (50), a carte (17), o a scacchi (22) e così via. e accanto alle Slot machine regolarmente approvate dall Aams, quelle illegali e non a norma. Questo tipo di operazioni di riciclaggio avviene su tutto il territorio nazionale. Solo per la provincia di Roma, sulla base di controlli effettuati lo scorso anno, il 74% delle sale da gioco sono risultate non in regola. Inoltre, prima l'azzardo era considerato un passatempo per la sola classe medioalta adesso il fenomeno interessa partico- BINGO Il bingo è un gioco molto diffuso in Italia. Sono numerosissime le sale dove lo si può giocare e fanno orario continuato durante tutta la giornata. Frequentato spesso da persone anziane, sta assumendo i contorni di una piaga visto che molti vi investono l inera pensione. Simile alla tombola tradizionale, infatti, è basato sull estrazione di novanta numeri. Deriva da un gioco praticato in Georgia, che veniva chiamato Beano (Bean, in inglese, vuol dire proprio "fagiolo", "chicco") per via dei fagioli secchi usati per coprire, sulla cartella, i numeri estratti. Colui che per primo copriva con i fagioli secchi tutti i numeri della cartella, esclamava "Beano!" per annunciare la vincita della posta: un fortunato vincitore, invece di "Beano", gridò "Bingo", forse per l'eccitazione o per l'incerta pronuncia. di assicurare una rendita costante per tutta la vita, come ad esempio i gratta e vinci Turisti per sempre. Per un milione di italiani il gioco d azzardo è già una malattia e secondo l Organizzazione mondiale della sanità coloro che sono a rischio di soffrire di ludopatia in Italia sono addirittura un altro milione e otto. Per questa ragione il ministro della salute, Renato Balduzzi ha iniziato una campagna di sensibilizzazione al proble- il totocalcio Il Totocalcio è un concorso a premi istituito nel 1946 e gestito dall'amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato (Aams). L'obiettivo è la previsione degli esiti di 14 partite di calcio,se se ne indovinano tredici si vince il montepremi. È uno dei giochi più longevi e giocare la sua schedina, in passato, costituiva una tradizione domenicale molto diffusa. Per ogni singola partita inserita in schedina si deve marcare 1 se si pronostica la vittoria della squadra che gioca in casa, X se si prevede un pareggio, 2 se invece si prevede la vittoria della squadra ospite. Oggi il Totocalcio continua ad esistere, ma è stato affiancato da numerosi altri giochi che si basano sui risultati delle partite di calcio. 10 cento, il beneficio per il fisco è lievitato di un misero 19,5 per cento. Siamo ormai vicini al limite fisico di crescita della spesa per giochi e l'italia rischia seriamente che l'azzardo sia la nostra bolla finanziaria. A questo si affianca anche il mercato nero delle scommesse. Le mafie vedono in questo settore un modo semplice per riciclare denaro. È così che nascono insieme al Totocalcio, il Totonero, parallelamente alle sale Bingo ufficiali quelle clandestine larmente il ceto medio-basso. Per le famiglie con doppio reddito sembra emergere da recenti studi, che la seconda entrata venga spesso dedicata al gioco. È come se si puntasse sulla fortuna come investimento alternativo. Addirittura, l associazione Libera, che si è occupata del problema dell azzardo in Italia, afferma che al posto del welfare c è l industria manipolata della speranza. È per questo che molti dei giochi proposti dall Aams promettono ma della malattia del gioco, integrandola a delle riforme del sistema sanitario per prevedere delle cure specifiche. La ludopatia va curata secondo le regole di una malattia. Occorre quindi rafforzare tutto il percorso di contrasto a questa malattia attraverso protocolli diagnostici-terapeutici, linee-guida e in generale tutto quello che si fa quando c'è una malattia. L'attenzione al problema è diventata finalmente generalizzata.

10 11 R I NUMERI Gli incassi dello Stato in % sui vari giochi 34 % 50 % 24 % 2 % 11 % 12 % 16 % VIDEOLOTTERY BINGO SLOT VECCHIE LOTTERIE LOTTO GIOCHI A PRONOSTICO SUPERENALOTTO I giochi online (+104,70%) Erario 2011: (1,8%)

11 LE REGOLE Liberi di giocare ma forse no C è contraddizione fra i vincoli italiani alle scommesse e l assenza di paletti nel resto d Europa. Il ruolo del cartello fra i grandi bookmaker. Cristiano Vaccarella 12 Non solo lotterie e poker: uno dei settori più redditizi in Italia è quello delle scommesse sportive. Calcio, basket, tennis gli sport più gettonati Così, per contrastare le infiltrazioni criminali e tutelare i giocatori a rischio di ludopatia, si rendono necessarie normative adeguate. La più recente è il ddl presentato il 4 maggio 2011 dal senatore Raffaele Lauro, con misure urgenti sulla trasparenza dei flussi finanziari per il gioco in agenzia e online. Il decreto, in origine, prevedeva sanzioni agli scommettitori che partecipavano a giochi offerti da operatori sprovvisti della licenza italiana, con multe pari al mille per cento delle somme giocate (per esempio, se il trasgressore punta 5mila euro, la multa elevata è di 5 milioni). Immediate le polemiche, soprattutto fra gli utenti che giocano online, che vedevano in questa norma un attacco alla democrazia. Protesta in parte accolta, visto che il ddl è stato approvato in Senato senza quel passaggio. Una situazione paradossale: in Italia si ritengono illegali tutti gli operatori sprovvisti di licenza nazionale ma leciti nel resto d Europa, perché titolari della concessione comunitaria, per cui gli utenti continuano a giocare in barba alla legge. Esiste poi il problema di una normativa apparentemente volta a garantire i tre maggiori bookmaker nostrani (Snai, Lottomatica e Sisal) che dal 1998 hanno costituito un cartello che impedisce ad altri operatori di investire nel nostro Paese, il secondo in Europa per volume di gioco. Leggi contrastanti con gli orientamenti comunitari, secondo cui non sono accettabili limitazioni al libero mercato e alla libera concorrenza, come dimostrano le ultime sentenze in materia, che hanno consentito la riapertura di agenzie facenti capo a due piattaforme estere, Stanleybet e Planetwin365, per anni chiuse e sequestrate. A far chiarezza sull ingarbugliata situazione è uno scommettitore professionista, secondo il quale le multe dei ddl italiani sulle scommesse online servono a spaventare quelli che giocano abitualmente sui siti esteri, costringendoli a registrarsi su quelli italiani. Per chi gioca solo per divertimento dice non sarebbe un problema, ma chi, come me, vive di questo, rischia di perdere la maggior parte del reddito. I bookmaker esteri hanno un offerta di eventi più ampia, "Io sono libero di investire i miei soldi dove voglio, perché lo Stato deve obbligarmi a giocare per forza dove vuole lui?" con maggiori tipologie di scommessa e con quote più alte. L utente ha così un più ampio raggio d azione nel quale orientarsi. I palinsesti italiani, decisi dai Monopoli, sono molto ristretti, hanno quote molto basse e in più sono tracciabili le vincite superiori a 500 euro. Non è giusto. Io sono libero di investire i miei soldi dove voglio, perché lo Stato deve obbligarmi a giocare per forza dove vuole lui?. In realtà la guerra dei Monopoli di Stato ai siti esteri è iniziata nel 2006, quando un decreto attuativo ha imposto agli Internet provider italiani di oscurare i siti collegati a operatori stranieri. Provvedimento indicato dagli addetti ai lavori come il primo esempio nostrano di censura della Rete su larga scala. Nel 2009 la legge Comunitaria n. 88 prevedeva tre mesi di carcere e 2mila euro di multa per chi scommetteva su bookmaker esteri. Anche in questo caso, le proteste e i ricorsi a Bruxelles hanno impedito l approvazione di questi dettagli. Attualmente, l oggettiva impossibilità di colpire i milioni di utenti dei siti stranieri ha orientato l attenzione del legislatore verso gli istituti finanziari che consentono transazioni su carta di credito su tali conti di gioco. Essi sono infatti tenuti a segnalare ogni movimentazione superiore a 10mila euro annui tra versamenti e prelievi. La speranza di scommettitori e operatori è che da Bruxelles giunga una direttiva che dia al settore gioco una sistemazione organica, definitiva e uguale per tutti gli Stati membri dell Unione.

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Normalmente azzardo perché il gioco d azzardo è anch esso una forma di gioco normale, ma anche perché possiamo dire che in qualche

Dettagli

La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI

La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI Roma, 26 Giugno 2008 Nel 2007 la coltivazione di papavero da oppio a livello

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

D a luglio 2015 in Parlamento è stata presentata da un

D a luglio 2015 in Parlamento è stata presentata da un D a luglio 2015 in Parlamento è stata presentata da un intergruppo formato da oltre 200 parlamentari di tutti i partiti, una proposta di legalizzazione della cannabis e dei suoi derivati. Una proposta

Dettagli

redditizia della criminalità organizzata, il tentativo di stroncarla è ancora in fase di estenuante lavoro, aggravato anche dalle complicità e

redditizia della criminalità organizzata, il tentativo di stroncarla è ancora in fase di estenuante lavoro, aggravato anche dalle complicità e LA DROGA La diffusione del fenomeno droga ha assunto dimensioni allarmanti. Quali le cause di questo gravissimo male della società moderna? Quali possibili rimedi? Bisogna considerare il drogato un reo

Dettagli

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile!

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! L importante è......evitare gli eccessi...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! Guida al gioco RESPONSABILE RISERVATO AL RICEVITORE aams aams aams Per diffondere il gioco responsabile,

Dettagli

La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta

La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta Il business del gioco in Italia è enorme e in rapida crescita: nel 2001 la raccolta annua era pari a 14 miliardi di euro. Oggi ammonta

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO Fabio Voller Alice Berti Settore Sociale Osservatorio di Epidemiologia Presentazione del volume GAP - Il gioco d azzardo patologico Orientamenti per la prevenzione e la

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 17

Dettagli

Epidemiologia del gioco d azzardo in Campania ed indirizzi regionali. Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015

Epidemiologia del gioco d azzardo in Campania ed indirizzi regionali. Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015 Formazione sul GAP ed indirizzi regionali Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015 Direzione Generale per la Tutela della Salute U.O.D. «Interventi sociosanitari» 1 NORMATIVA STATALE

Dettagli

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA I dati relativi alle prevalenze dei consumi di sostanze psicoattive, legali ed illegali, nella popolazione

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia

Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia Città di Cologno Monzese ORDINE DEL GIORNO APPROVATO NELLA SEDUTA CONSILIARE DEL 30 MARZO Lotta al dilagante fenomeno sociale della Ludopatia IL CONSIGLIO COMUNALE DI COLOGNO MONZESE PREMESSO CHE da oltre

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est che gioca e scommette

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est che gioca e scommette OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est che gioca e scommette Il Gazzettino, 20.07.2010 NOTA METODOLOGICA I dati dell'osservatorio sul Nord Est, curato da Demos & Pi, sono stati rilevati attraverso un sondaggio

Dettagli

Alcune proposte per combattere l azzardo. Luigino Bruni (Lumsa) 18 maggio 2015

Alcune proposte per combattere l azzardo. Luigino Bruni (Lumsa) 18 maggio 2015 Alcune proposte per combattere l azzardo Luigino Bruni (Lumsa) 18 maggio 2015 Alcune premesse Prima di arrivare al tavolo della regolazione, sono necessarie alcune premesse sull azzardo e sull azzardo

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est che gioca e scommette

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est che gioca e scommette OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est che gioca e scommette Il Gazzettino, 05.05.2009 NOTA METODOLOGICA I dati dell'osservatorio sul Nord Est, curato da Demos & Pi, sono stati rilevati attraverso un sondaggio

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

Il costi sociali del gioco d azzardo

Il costi sociali del gioco d azzardo Il costi sociali del gioco d azzardo Roma, 4 dicembre 212 Matteo Iori CONAGGA «Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo» Italia fra i primi paesi al mondo per spesa procapite Nel 211 il mercato

Dettagli

09/01/2014-15:34:00 Agenzia: Agi1 Cat. : CRONACA

09/01/2014-15:34:00 Agenzia: Agi1 Cat. : CRONACA Omniroma-DROGA, MINEO (CEIS): NO A LIBERALIZZAZIONE CANNABIS (OMNIROMA) Roma, 09 GEN - "Rimaniamo esterrefatti di fronte alle nuove proposte di liberalizzazione delle droghe così dette leggere tra le quali

Dettagli

Anche gli anziani. L azzardoinsidia glianziani Giocano7sudieci 16,4% il caso MARIA TERESA MARTINENGO. Slot e videopoker minacciano le pensioni

Anche gli anziani. L azzardoinsidia glianziani Giocano7sudieci 16,4% il caso MARIA TERESA MARTINENGO. Slot e videopoker minacciano le pensioni il caso MARIA TERESA MARTINENGO Anche gli anziani sono a rischio di dipendenza dal gioco d azzardo. E non importa se la pensione è modesta, anzi. La speranza di potersi permettere un «piccolo lusso», la

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

COME VINCERE CON LE SCOMMESSE SPORTIVE

COME VINCERE CON LE SCOMMESSE SPORTIVE COME VINCERE CON LE SCOMMESSE SPORTIVE Capitolo Uno. Pronosticare il risultato di uno specifico evento e scommettere sull'esito di quello stesso evento è la struttura di base di tutte le scommesse, da

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO Invito alla Conferenza Stampa per il giorno venerdì 01 marzo 2013, alle ore 12, presso la sala giunta, al primo piano di Villa Rana, in via Roma 6 a

Dettagli

LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA

LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA LA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE MARCON CHIARA E MARTINELLO CHIARA EFFETTI DELLA DIPENDENZA DALLE SLOT MACHINE CONSEGUENZE DA DIPENDENZA COME USCIRE DA QUESTO FENOMENO QUANTO E DIFFUSO ATTUALMENTE NEL

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Indagine sui comportamenti a rischio degli adolescenti INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI di Luigi Minerba, Paolo Contu, Carlo Pintor In questo articolo vengono presentati alcuni risultati

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO

FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO Sintesi dei risultati L indagine sul gioco d azzardo, commissionata dall Autorità Garante per l Infanzia e l Adolescenza, restituisce

Dettagli

ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO

ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO Un fenomeno in crescita: qualche dato Il rapporto Eurispes 2007 conferma le preoccupazioni sulla diffusione delle conseguenze del gioco sui giovani e riporta dati allarmanti

Dettagli

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino Il gioco d azzardo Aspetti generali e situazione in Trentino A cura dell Osservatorio per la salute Dipartimento politiche sanitarie Provincia autonoma di Trento Trento, 29 dicembre 2012 Il gioco d azzardo

Dettagli

1) Tabacco. Trend fumo attuale di tabacco a 15-16 aa

1) Tabacco. Trend fumo attuale di tabacco a 15-16 aa Comportamenti rispetto a fumo, alcol, droghe e gioco d azzardo fra gli adolescenti dell Alto Friuli Risultati di un indagine svolta nel 2011 dal Dipartimento delle Dipendenze Gianni Canzian, psichiatra,

Dettagli

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso IL GIOCO D AZZARDO Il gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso cresce giorno per giorno, portando molte persone a bruciarsi il proprio stipendio in 10 minuti, guadagnato

Dettagli

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Ludopatia Per ludopatia (o gioco d azzardo patologico)

Dettagli

Malati d azzardo, facciamone una malattia

Malati d azzardo, facciamone una malattia Doc. 1/ Ottobre 2012 Malati d azzardo, facciamone una malattia di Francesco Chiavarini Sommario Decreto legge del governo sul gioco: ridimensionato rispetto agli intenti iniziali, disciplina la pubblicità

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A DELIBERAZIONE DELLA N. 67 DEL 26/05/2015. OGGETTO: PIANO REGIONALE PER IL CONTRASTO, LA PREVENZIONE, LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI DIPENDENZA DAL GIOCO PATOLOGICO 2014-2016.

Dettagli

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Con l'ausilio di questa scheda gli sportelli di ascolto, orientamento ed animazione sociale sul gioco d'azzardo patologico

Dettagli

Alcol, droghe e comportamenti a rischio

Alcol, droghe e comportamenti a rischio 26 marzo 2014 h. 09.10-11.00: LEZIONE DI LEGALITA Alcol, droghe e comportamenti a rischio prof.ssa Alessandra Busulini Mosaico - classi 1 e : prevenzione all uso di alcol Mosaico - classi 2 e : prevenzione

Dettagli

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti 17. Criminalità: le sostanze stupefacenti Nel 2004 Roma è risultata tra le prime città italiane per sequestri di droghe tradizionali, soprattutto di cocaina (487,4 Kg, pari al 15,2% dei sequestri complessivi

Dettagli

Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia. Protocollo di intesa. 1. Premessa terminologica

Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia. Protocollo di intesa. 1. Premessa terminologica Mettiamoci in Gioco Confindustria Sistema Gioco Italia Protocollo di intesa 1. Premessa terminologica Premesso: a) Che nel dibattito pubblico si è nel tempo consolidata la prassi di utilizzare la dizione

Dettagli

Negli ultimi decenni la

Negli ultimi decenni la Ilgioco nonvale lacandela Un progetto dell associazione Arciragazzi di Roma ha l obiettivo di intervenire sulle problematiche legate al gioco d azzardo soprattutto quello che coinvolge i più giovani di

Dettagli

Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni

Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni Dipartimento Dipendenze Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni I dati dello Studio Espad Italia 212 con sovracampionamento per la Provincia di Lecco A cura dell Osservatorio

Dettagli

Alcuni dati. In Europa gli incidenti stradali sono una delle prime cause di morte, con più di 120.000 vittime all'anno.

Alcuni dati. In Europa gli incidenti stradali sono una delle prime cause di morte, con più di 120.000 vittime all'anno. Alcuni dati In Europa gli incidenti stradali sono una delle prime cause di morte, con più di 120.000 vittime all'anno. Secondo fonti statistiche,sono 6500 i soli bambini che muoiono annualmente per incidenti

Dettagli

MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti

MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti Il presente questionario mira a comprendere le conoscenze, le rappresentazioni e i comportamenti degli adolescenti in relazione

Dettagli

ROMIT Roman Itineraries

ROMIT Roman Itineraries Community Initiative INTERREG III B ROMIT Roman Itineraries Centro Studi EUROPA INFORM Rimini (Italy) Dicembre 2004 INDICE Pag. ABSTRACT 3 INTRODUZIONE 6 CAP. 1 - LA CULTURA NELLE NUOVE TENDENZE DEL TURISMO

Dettagli

ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE

ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO CONTRO LE SALE DA GIOCO E VIDEO-POKER. L'anno Duemilatredici il giorno Ventinove del mese di Maggio alle ore 17.30, nella sala delle adunanze consiliari

Dettagli

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA ORDINANZA DEL SINDACO ORDINANZA SINDACO / 11 Del 14/10/2015 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI PER L'ESERCIZIO DELLE ATTIVITA' DI GIOCO LECITO SUL TERRITORIO COMUNALE.

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 2016 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori GRECO, TOMASSINI e PELLICINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 GENNAIO

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

Aree per la comparazione fra gli Stati membri UE

Aree per la comparazione fra gli Stati membri UE Aree per la comparazione fra gli Stati membri UE COLTIVAZIONE PRODUZIONE SPACCIO E TRAFFICO STATI MEMBRI CONSUMO POSSESSO DI DROGA Austria: possesso di droghe proibito e sanzionabile penalmente Stupefacenti:

Dettagli

COMUNE di BITONTO CITTA METROPOLITANA DI BARI

COMUNE di BITONTO CITTA METROPOLITANA DI BARI COMUNE di BITONTO CITTA METROPOLITANA DI BARI 15 - SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE ORDINANZA N. 362 del 26/11/2015 OGGETTO: Disciplina comunale degli orari di esercizio delle sale giochi autorizzate ai sensi

Dettagli

LE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GIOCHI CONTENUTE NELLA LEGGE

LE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GIOCHI CONTENUTE NELLA LEGGE LE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GIOCHI CONTENUTE NELLA LEGGE FINANZIARIA 2005 Sommario: 1. - Premessa. - 2. Rideterminazione delle misure destinate al finanziamento dello sport. - 3. Modifiche alla disciplina

Dettagli

GfK Eurisko. Campagna pubblicitaria Lotto. Impact Test in central location (Stazione Roma Termini e Milano Centrale)

GfK Eurisko. Campagna pubblicitaria Lotto. Impact Test in central location (Stazione Roma Termini e Milano Centrale) GfK Group GfK Eurisko Impact Test Grandi Stazioni Lotto 21708 Impact Test in central location (Stazione Roma Termini e Milano Centrale) Campagna pubblicitaria Lotto GfK Eurisko Premessa 1 In occasione

Dettagli

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

Una scuola che promuove salute

Una scuola che promuove salute Una scuola che promuove salute Educazione alla salute Prevenzione: Tossicodipendenze Abuso alcolico Tabagismo Educazione: Stili di vita sani Corretta alimentazione Attività motoria Prevenzione delle tossicodipendenze

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 132 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PORETTI e PERDUCA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Disposizioni riguardanti l acquisto, il possesso,

Dettagli

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno. trattazione in Aula trattazione in Commissione BOZZA Versione Al Presidente del Consiglio regionale del Piemonte MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno trattazione in Aula trattazione in

Dettagli

ITIS A.Volta Frosinone

ITIS A.Volta Frosinone ITIS A.Volta Frosinone LE DIPENDENZE DA GIOCO Accanto alle tradizionali forme di dipendenza da sostanze (droghe e alcol) è oggi in costante aumento il fenomeno delle nuove dipendenze o new addictions.

Dettagli

Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche

Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche V.le A. De Gasperi, 51 800-239220 sralcologiche@libero.it LE ABITUDINI ALCOLICHE DEGLI ADOLESCENTI A.S. 2006-07

Dettagli

GIOVANI:USO DI SOSTANZE E NUOVE DIPENDENZE LA REALTA VENEZIANA

GIOVANI:USO DI SOSTANZE E NUOVE DIPENDENZE LA REALTA VENEZIANA 13 gennaio 2015 Hotel Cà Sagredo Venezia LIONS CLUB VENEZIA HOST GIOVANI:USO DI SOSTANZE E NUOVE DIPENDENZE LA REALTA VENEZIANA PANI ALESSANDRO Dir. Dipartimento Dipendenze Ulss 12 Veneziana DIPARTIMENTO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DI STANISLAO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DI STANISLAO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3168 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato DI STANISLAO Istituzione dei consultori scolastici antidroga e altri interventi per il contrasto

Dettagli

Istituto Santelia Cantù

Istituto Santelia Cantù 30 gennaio 2012; primo incontro (Riccardo) Istituto Santelia Cantù Classe 1 f liceo scientifico Brain storming DIPENDENZA: droga, alcool, farsi figo, fumare, monotonia, dimenticare, gioco, isolamento,

Dettagli

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile.

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Gioco Responsabile Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Partendo dalle regole, sempre chiare e precise, attraverso la

Dettagli

Il gioco d azzardo e FISCALITA

Il gioco d azzardo e FISCALITA Il gioco d azzardo e FISCALITA 11 aprile 2013 di Matteo Iori CoNaGGA e Associazione Onlus «Centro Sociale Papa Giovanni XXIII» 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 14,3 Fatturato dei giochi d azzardo negli ultimi

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1 gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 2 2 con il gioco? Ecco un breve questionario per valutare la

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 818. Disposizioni in materia di esercizio del gioco del «Bingo»

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 818. Disposizioni in materia di esercizio del gioco del «Bingo» Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 818 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore PEDICA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 24 GIUGNO 2008 Disposizioni in materia di esercizio del gioco del «Bingo»

Dettagli

La dipendenza psicologica. Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com

La dipendenza psicologica. Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com La dipendenza psicologica Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com E una condizione in cui il consumatore ha bisogno di assumere frequentemente una sostanza:

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

L epidemiologia delle dipendenze in Italia

L epidemiologia delle dipendenze in Italia L epidemiologia delle dipendenze in Italia LE DIMENSIONI DEL FENOMENO Generazione In- Dipendente L epidemiologia delle dipendenze in Italia Tutti i dati statistico-epidemiologici sullo stato delle tossicodipendenze

Dettagli

La quotazione del petrolio ha superato i 66 dollari al barile, il doppio rispetto al record negativo registrato poco meno di sei mesi fa. Qualche giustificazione si può anche trovare: il dollaro è debole

Dettagli

Il gioco: dalla normalità alla patologia

Il gioco: dalla normalità alla patologia Il gioco: dalla normalità alla patologia 1 Zingarelli 2009 GIOCO Ogni attività compiuta da bambini o adulti per svago, divertimento o sviluppo di qualità fisiche o intellettuali All'estrazione del Lotto

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA Premesso che - dalla Legge n. 220 del 13 dicembre 2010, emerge la necessità che il Ministero dell Economia

Dettagli

CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA

CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA ANNI 50 60: GLI INIZI DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE Anni 50 non diffuse Elite Anni 60 diffusione

Dettagli

ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO

ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO ALCOL E GIOVANI: IL RUOLO DELL INFERMIERE NEL TERRITORIO Valentina Di Mario INTRODUZIONE L uso di bevande alcoliche è da lungo tempo considerato un fattore di rischio per la salute pubblica. Il significato

Dettagli

Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare 16 maggio 2013

Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare 16 maggio 2013 Gioco d azzardo d e dipendenzad Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare Lo scopo di una Informativa Breve La collana In Breve fornisce ai Consiglieri regionali informazioni

Dettagli

GIORNATA INTERNAZIONALE DIRITTI INFANZIA E ADOLESCENZA 20 NOVEMBRE 2014 BRIEF CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE

GIORNATA INTERNAZIONALE DIRITTI INFANZIA E ADOLESCENZA 20 NOVEMBRE 2014 BRIEF CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE GIORNATA INTERNAZIONALE DIRITTI INFANZIA E ADOLESCENZA 20 NOVEMBRE 2014 BRIEF CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE PREMESSA Il 20 novembre 1989 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato la Convenzione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BERNARDINI, BELTRANDI, FARINA COSCIONI, MECACCI, MAURIZIO TURCO, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BERNARDINI, BELTRANDI, FARINA COSCIONI, MECACCI, MAURIZIO TURCO, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5380 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BERNARDINI, BELTRANDI, FARINA COSCIONI, MECACCI, MAURIZIO TURCO, ZAMPARUTTI Norme per la

Dettagli

Programma di Matematica Classe V, sez. P A.s. 2013/14

Programma di Matematica Classe V, sez. P A.s. 2013/14 Programma di Matematica Classe V, sez. P A.s. 2013/14 Relazione sulla classe La classe si può dividere in tre gruppi : un primo gruppo costituito da discenti studiosi e diligenti, un secondo da studenti

Dettagli

UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena

UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena Via Natale Dell Amore 42\a Cesena - tel. 0547\21572 - fax 0547\21907 - e.mail cspcesena@uil.it Gentili ospiti, prima di introdurre le riflessioni che hanno dato

Dettagli

LA VERITÀ SULLA DROGA DI RICCARDO CURIN. Ogni anno la DROGA distrugge e rovina milioni di vite. Cosa dovresti sapere al riguardo?

LA VERITÀ SULLA DROGA DI RICCARDO CURIN. Ogni anno la DROGA distrugge e rovina milioni di vite. Cosa dovresti sapere al riguardo? LA VERITÀ SULLA DROGA Ogni anno la DROGA distrugge e rovina milioni di vite. Cosa dovresti sapere al riguardo? Che cosa è Per DROGA si intende una sostanza di origine naturale o artificiale che modifica

Dettagli

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018

I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 REGIONE ABRUZZO I dati PASSI 2013 per il Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 A cura di: Claudio Turchi SIESP ASL Lanciano-Vasto-Chieti Cristiana Mancini SIESP ASL Avezzano-Sulmona-L Aquila Progressi

Dettagli

L'oro è l elemento più importante del sistema finanziario mondiale

L'oro è l elemento più importante del sistema finanziario mondiale Cos è l Oro? 1. L oro è il metallo più prezioso, è sinonimo di ricchezza ed eccellenza. 2. L oro non dipende dai governi. 3. L oro non è tassato. 4. L oro non ha scadenza e non si deteriora. 5. L oro non

Dettagli

Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP))

Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP)) P7_TA-PROV(2013)0098 Partite truccate e corruzione nello sport Risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sulle partite truccate e la corruzione nello sport (2013/2567(RSP)) Il Parlamento europeo,

Dettagli

Workshop Economia e Legalità

Workshop Economia e Legalità Workshop Economia e Legalità 31 maggio 2013 Direttore Generale Giuliano Palagi L usura è un problema in costante crescita, favorito dall attuale crisi economica sul quale occorre agire con velocità e comprensione.

Dettagli

ATTENZIONE: questo ebook contiene i dati criptati al fine di un riconoscimento in caso di pirateria. Tutti i diritti sono riservati a norma di legge.

ATTENZIONE: questo ebook contiene i dati criptati al fine di un riconoscimento in caso di pirateria. Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Note legali ATTENZIONE: questo ebook contiene i dati criptati al fine di un riconoscimento in caso di pirateria. Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere

Dettagli

GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi

GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi GIOCO D'AZZARDO concetti numeri casi {04/10/2013} CentroStudi UN'INDUSTRIA CHE NON CONOSCE CRISI? I DATI DI AAMS RACCOLTA GIOCHI GENNAIO OTTOBRE 2012 70 262 MILIONI DI EURO 38 404 MILIONI DI EURO (APPARECCHI)

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

LA PROPRIETA INTELLETTUALE QUALE STRUMENTO CHIAVE NELLE STRATEGIE COMMERCIALI DEL MERCATO GLOBALE

LA PROPRIETA INTELLETTUALE QUALE STRUMENTO CHIAVE NELLE STRATEGIE COMMERCIALI DEL MERCATO GLOBALE LA PROPRIETA INTELLETTUALE QUALE STRUMENTO CHIAVE NELLE STRATEGIE COMMERCIALI DEL MERCATO GLOBALE di Avv. Elena Marangoni e-mail info@elenamarangoni.com Le aziende devono guardare alla Proprietà Intellettuale

Dettagli

d iniziativa dei senatori DELLA SETA, FERRANTE, CARLONI, CHIAROMONTE, LANNUTTI, MARITATI, NEGRI, PERDUCA, PORETTI e VITA

d iniziativa dei senatori DELLA SETA, FERRANTE, CARLONI, CHIAROMONTE, LANNUTTI, MARITATI, NEGRI, PERDUCA, PORETTI e VITA Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3034 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori DELLA SETA, FERRANTE, CARLONI, CHIAROMONTE, LANNUTTI, MARITATI, NEGRI, PERDUCA, PORETTI e VITA COMUNICATO ALLA

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 201 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 (*) Modifica all articolo 110 del testo unico delle

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali UFFICIO STAMPA I CONFERENZA NAZIONALE SULL ALCOL Più salute meno rischi Costruire alleanze per il benessere e la sicurezza SCHEDA ALCOL: L ATTIVITA

Dettagli

Sostanze prescritte dai medici. Sostanze dopanti. Droghe, nel linguaggio comune. Alcool etabacco. Strumentali o terapeutiche.

Sostanze prescritte dai medici. Sostanze dopanti. Droghe, nel linguaggio comune. Alcool etabacco. Strumentali o terapeutiche. Droga: ogni sostanza dotata di azione farmacologica psicoattiva, la cui assunzione provoca alterazioni dell umore e dell attività mentale. Una classificazione sociologica: Legali Illegali Strumentali o

Dettagli