Corso di aggiornamento professionale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di aggiornamento professionale"

Transcript

1 Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre Gandhi ANVU Ars Nostra Vis Urbis Associazione Professionale Polizia Locale d'italia A.N.V.U. Associazione Professionale Polizia Locale d Italia (Riconoscimento Ministero LL.PP.- Decreto n. 651/93 G.U. 18/12/93 n. 296) (Riconoscimento Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica 2 marzo 2000) Appartenente alla consulta ANCI e UPI delle Associazioni Corso di aggiornamento professionale Fondo (TN) c/o Palanaunia - 23 febbraio 2011 Cles (TN) c/o Sala Polifunzionale Cassa Rurale Tuenno - 24 febbraio 2011 Le macchine agricole obblighi e limiti della loro circolazione Comandante Polizia Municipale di Gaggio Montano (BO)

2 Le macchine agricole [Comandante Polizia Locale di Gaggio Montano (BO)] CLASSIFICAZIONE. Le macchine agricole, in quanto veicoli ai sensi degli articoli 46 e 47 del Codice, sono soggette alla disciplina del Codice solo quando circolano su strada pubblica o privata ad uso pubblico. Le macchine agricole sono macchine a ruote o a cingoli destinate ad essere impiegate nelle attività agro-forestali e possono, in quanto veicoli, circolare su strada per il proprio trasferimento e per il trasporto per conto delle aziende agricole e forestali di prodotti agricoli e sostanze di uso agrario, nonché di addetti alle lavorazioni e di attrezzature destinate all esecuzione di dette attività. Il trasporto, ad esempio, di ghiaia, mattoni, sabbia, cemento da utilizzarsi per la costruzione o la ristrutturazione di un capannone non è consentito e determina il cambio della destinazione e dell uso del veicolo, che in questo caso, pertanto, non può più essere considerato agricolo. Invece, sui veicoli classificati come rimorchi agricoli e riconosciuti a tale specifico uso, possono essere regolarmente trasportate anche macchine agricole o macchine operatrici impiegate nelle attività agricole e forestali. In questo senso è intervenuta, a chiarimento dell incertezza interpretativa sorta in relazione alla destinazione di tali veicoli, la Circolare n. 300/A/31341/38 del del Ministero dell Interno. Con le Circolari prot. n. 956/2602 del , n. 84/60 Circolare prot. n. 2317/4210 del Circolare prot. n.1089/4810 D.C. IV n. A048 del , n. 107/90, e Circolare prot. n /DIV3/B del , il Ministero dei Trasporti ha ritenuto ammissibile l impiego dei 1

3 trattori agricoli, muniti di lama apripista o altre attrezzature utilizzate in lavori non agricoli propri delle macchine operatrici (come opere stradali, sterri, livellamenti, ecc.), a svolgere attività di tipo industriale. Con la modifica introdotta all art. 57 del codice della strada dalla Legge n. 201 del è ora ufficialmente formalmente consentito l uso delle macchine agricole nelle operazioni di manutenzione e tutela del territorio. Si tratta di un attività riconosciuta ammissibile per rispondere all esigenza, molto sentita nelle aziende agricole, di poter ampliare l ambito operativo di tali macchine, il quale, se fosse limitato unicamente al settore delle lavorazioni agricole, determinerebbe effetti negativi per l economia delle suddette aziende, comportando un immobilizzo di capitale soprattutto nei periodi in cui non è richiesto l impiego agricolo. Tale impiego, tuttavia, è possibile solo previa verifica della corretta installazione sul trattore agricolo del dispositivo supplementare di segnalazione visiva a luce lampeggiante gialla e se, previa visita e prova per l accertamento dei requisiti di idoneità a circolare su strada con le speciali attrezzature identificate, sia riportata sulla carta di circolazione del veicolo, ovvero sul relativo allegato tecnico, la seguente annotazione: Il trattore agricolo può circolare per i viaggi di trasferimento con le seguenti attrezzature ( ) per l impiego quale macchina operatrice: in tal caso è fatto divieto di usare carburante agevolato. Ai fini della circolazione su strada le macchine agricole si distinguono in: 1. SEMOVENTI (macchine agricole azionate da motore proprio): a) trattrici agricole: macchine a motore, con o senza piano di carico, munite di almeno due assi, concepite per tirare, spingere, portare prodotti agricoli e sostanze di uso agrario nonché azionare determinati strumenti, eventualmente equipaggiate con attrezzature portate o semi portate da considerare 2

4 parte integrante della trattrice agricola agricoli); (sono i classici trattori b) macchine agricole operatrici a due o più assi: macchine munite o predisposte per l applicazione di speciali apparecchiature per l esecuzione di operazioni agricole (es.: mietitrebbiatrici semoventi, falciatrinciacondizionatrici, scavaraccoglibietole, ecc.); c) macchine agricole operatrici ad un asse: macchine guidabili dal conducente a terra, che possono essere equipaggiate con carrello separabile destinato esclusivamente al trasporto del conducente (motofalci, motocoltivatori, motozappe, motocarriole, ecc.). La massa complessiva non può superare 0,7 t compreso il conducente. Questi veicoli non possono assolutamente trainare rimorchi, con l eccezione del carrello separabile per il conducente, che viene considerato come parte integrante del veicolo cui è agganciato e non un rimorchio in senso stretto. 2. TRAINATE (prive di motore proprio. Per circolare devono necessariamente essere trainate dalle macchine agricole semoventi di cui al precedente punto, con l eccezione di quelle indicate alla lettera c), che non possono trainare nulla se non il carrello separabile per il conducente): a) Macchine agricole operatrici: macchine per l esecuzione di operazioni agricole e per il trasporto di attrezzature e di accessori funzionali per le lavorazioni meccanico-agrarie, trainabili dalle macchine agricole semoventi con almeno due assi (es.: imballatrici, seminatrici, aratri, erpici, spandiletame, spandiconcime, ecc.). Possono essere di tipo portato o semi portato. Sono di tipo portato quelle la cui massa poggia integralmente sulla trattrice agricola. Sono 3

5 di tipo semi portato quelle la cui massa grava in parte sulle ruote di cui sono dotate e in parte sulla trattrice agricola alla quale sono agganciate con un sistema di attacco che consente oscillazioni solo lungo il piano verticale; b) Rimorchi agricoli: veicoli destinati al carico e trainabili dalle trattrici agricole; possono eventualmente essere muniti di apparecchiature per lavorazioni agricole. Qualora la massa complessiva a pieno carico non sia superiore a 1,5 t sono considerati parte integrante della trattrice (in pratica, sono considerati alla stregua di un carrello appendice). Le macchine agricole semoventi a ruote pneumatiche o a sistema equivalente non possono superare, su strada orizzontale, la velocità di 40 Km/h. Le macchine agricole a ruote metalliche, semi pneumatiche o a cingoli metallici, purchè muniti di sovrapattini, nonché le macchine agricole operatrici ad un asse con carrello per il conducente non possono superare, su strada orizzontale, la velocità di 15 Km/h. Nella parte posteriore delle macchine agricole è obbligatoria l indicazione della velocità massima consentita (disco adesivo retroriflettente, di cm 20 di diametro, con fondo bianco a bordo rosso recante al centro in nero il valore numerico della velocità massima). Nel caso si tratti di complessi di veicoli, l indicazione del limite va riportata sul retro dei rimorchi e sul retro dell attrezzatura portata o semi portata nel caso in cui queste siano di dimensioni tali da occultare il segnale posto sulla trattrice. 4

6 IPOTESI SANZIONABILI Trasporto di merce diversa dai prodotti agricoli e sostanze di uso agrario, nonché di attrezzature non destinate all esecuzione di attività agro-forestali: art. 82/8 e 10, da 80,00 a 318,00 + sospensione della carta di circolazione; Impiego in attività di tipo industriale e in lavori non agricoli propri delle macchine operatrici (come opere stradali, sterri, livellamenti, ecc.) senza previa visita e prova per l accertamento dei requisiti di idoneità a circolare su strada con le speciali attrezzature identificate, e senza specifica annotazione sulla carta di circolazione (o sull allegato tecnico) relativa al divieto di usare carburante agevolato: art. 82/8 e 10, da 80,00 a 318,00 + sospensione della carta di circolazione; Circolare su strada con macchina agricola cingolata priva di pattini, per quanto prescritti sulla carta di circolazione: art. 110/7, da 80,00 a 318,00. Circolare su strada con macchina agricola priva dei dischi posteriori indicanti la velocità massima consentita: art. 142/4 e 10, da 24,00 a 94,00. TRASPORTO DI PERSONE. Per quanto le macchine agricole siano normalmente destinate alle lavorazioni agricole e forestali, in via eccezionale è ammesso il trasporto di persone. Bisogna distinguere tra macchine agricole semoventi e rimorchi agricoli. Macchine agricole semoventi (eccetto le 5

7 operatrici ad un asse). Il trasporto per motivi di lavoro dell accompagnatore di animali o di prodotti agricoli o di sostanze ad uso agrario, nonché degli addetti ai lavori agricoli, può essere consentito nel limite massimo di due unità soltanto (quindi tre persone in tutto compreso il conducente) sulle trattrici agricole e sulle macchine agricole operatrici semoventi a due o più assi che abbiano una velocità massima, per costruzione, non superiore a 30 Km/h. I sedili per i trasportati devono rispondere alle prescrizioni di cui all allegato 7 del DPR 212/1981. In ogni caso, per effettuare il trasporto di persone, occorre richiedere all Ufficio provinciale del Dipartimento dei trasporti terrestri l accertamento dell idoneità della macchina attrezzata al trasporto di persone. Il conducente, e l attrezzatura prescritta. E comunque vietato il trasporto di persone in piedi. DTT, accertata l idoneità, annota sulla carta di circolazione il numero delle persone che possono essere trasportate, compreso il Rimorchi agricoli. I rimorchi agricoli possono essere adibiti al trasporto di persone, purchè in via esclusiva (è cioè vietato il trasporto contemporaneo promiscuo di persone e cose) e purchè muniti di idonea attrezzatura non permanente. Il trasporto di persone è consentito solo per motivi di lavoro dell accompagnatore di animali o di prodotti agricoli o di sostanze ad uso agrario, nonché degli addetti ai lavori agricoli. Anche in questo caso per poter effettuare il trasporto di persone, occorre richiedere all Ufficio provinciale del Dipartimento dei trasporti terrestri l accertamento dell idoneità del rimorchio attrezzato al trasporto di persone. Il DTT, accertata l idoneità, annota sulla carta di circolazione il numero delle persone 6

8 che possono essere trasportate (in ogni caso non è mai autorizzabile il trasporto di oltre 20 persone) e l attrezzatura prescritta. Sulla carta di circolazione del rimorchio sono inoltre indicate le targhe delle trattrici alle quali il rimorchio stesso può essere agganciato. Per poter effettuare il trasporto di persone sui rimorchi, occorre che: Il rimorchio sia di tipo omologato, possieda almeno due assi, sia munito di idonee sospensioni e sia equipaggiato con sistema di frenatura di tipo continuo ed automatico oppure misto ed automatico. Il sistema di frenatura del rimorchio, in pratica, deve essere comandato dal sistema frenante della trattrice e deve essere realizzato in modo che, in caso di distacco accidentale dalla trattrice, sia garantita la frenatura istantanea ed automatica del rimorchio; I sedili per i trasportati devono essere fissati saldamente al pianale del rimorchio, sia nella parte anteriore sia nella parte posteriore, e in corrispondenza di intervalli non superiori a due posti. Devono essere dotati di spalliera alta almeno 30 cm e di braccioli laterali alti almeno 20 cm. La larghezza di ciascun sedile deve essere di almeno 50 cm e la profondità di almeno 30 cm. Devono essere sistemati in modo tale che la distanza tra gli schienali di due file parallele non sia inferiore a 80 cm e la corsia longitudinale (cosiddetta via di fuga) non sia inferiore a 40 cm, misurata all altezza del piano del sedile. E vietato attaccare i sedili alle sponde del rimorchio e non deve essere data la possibilità ai trasportati di appoggiarsi alle sponde stesse; Il rimorchio, durante il trasporto delle persone, deve essere equipaggiato con centine e telone per tutta la sua lunghezza, oppure con sponde alte non meno di 90 cm, e munito di scala amovibile. 7

9 Durante il trasporto di persone sui rimorchi devono essere osservate le seguenti prescrizioni: Il numero delle persone è sempre commisurato a quello dei posti a sede e non può mai superare quello indicato sulla carta di circolazione (comunque mai superiore a 20); È vietato il trasporto di persone in piedi; Le persone non possono appoggiarsi alle sponde del rimorchio; La somma delle masse delle persone trasportate (per convenzione a ogni persona trasportata viene attribuita una massa di 70 Kg + 10 Kg di bagaglio o attrezzi) e della tara del rimorchio attrezzato non deve superare la massa complessiva a pieno carico assegnata al rimorchio stesso in sede di omologazione; È vietato il trasporto promiscuo di persone e cose; Il percorso deve essere limitato tra il luogo in cui ha sede l azienda agricola e il posto di lavoro o tra il centro di raccolta del personale e il posto di lavoro. IPOTESI SANZIONABILI Trasportare persone su macchine agricole senza specifica annotazione sulla carta di circolazione: art. 82/8 e 10, da 80,00 a 318,00 + sospensione della carta di circolazione; Dotare la macchina agricola di attrezzature per il trasporto di persone senza preventiva visita e prova presso il DTT e quindi senza aggiornamento della carta di circolazione: art. 112/1 e 4, da 80,00 a 318,00 + sospensione della carta di circolazione; Trasportare persone su macchine agricole dotate di attrezzature per il trasporto di persone installate senza preventiva visita e prova presso il DTT e quindi senza aggiornamento della carta di circolazione: art. 82/8 e 10, da 80,00 a 318,00 + sospensione della carta di circolazione; art. 112/1 e 4, da 80,00 a 318,00 + sospensione della carta di circolazione; Violare le prescrizioni riportate sulla carta 8

10 di circolazione relative alle attrezzature e alle modalità di trasporto delle persone: art. 110/7, da 80,00 a 318,00; Trasportare persone in numero superiore a quello previsto dalla carta di circolazione: art. 169/2 e 10, da 80,00 a 318,00. SAGOME E MASSE LIMITE. Alle macchine agricole semoventi e a quelle trinate che circolano su strada si applicano, per quanto attiene alla sagoma limite, le norme stabilite all art. 61. Pertanto: Tipo di veicolo Lunghezza (1) Larghezza (2) Altezza Macchine agricole semoventi 12 m 2,55 m 4 m Macchine agricole trainate 12 m 2,55 m 4 m Complessi di macchine agricole semoventi e trainate (art. 105) 16,50 2,55 m 4 m (1) nella lunghezza sono da comprendere gli organi di traino. Il limite di m 16,50 è inderogabile, (nota del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 2009). (2) Nella larghezza sono da escludere gli specchi retrovisori, purchè mobili. Per quanto riguarda le masse, le macchine agricole a pieno carico non possono superare i seguenti limiti: Tipo veicolo Massa complessiva (t) Macchine agricole su ruote: Ad 1 asse 5 A 2 assi 8 A 3 o più assi 10 Macchine agricole semoventi o trainate (1): Ad 1 asse 6 A 2 assi 14 A 3 o più assi (2) 20 Macchine agricole cingolate 16 (1) purchè il veicolo sia munito di pneumatici tali che il carico unitario medio trasmesso all area di impronta sulla strada non sia superiore 9

11 a 8 dan/cmq (dan = decanewton), che corrispondono alla vecchia unità di Kg. (2) purchè la distanza tra due assi contigui non sia inferiore a m 1,2. Per quanto attiene alla massa gravante sugli assi (1): Tipo veicolo Sull asse più caricato Somma delle masse gravanti su assi contigui: se d < 1,2 m (2) se d > o = 1,2 m (2) Massa complessiva (t) (1) in ogni caso la massa trasmessa alla strada dall asse di guida in condizioni statiche (a macchina ferma) non deve essere inferiore al 20% della massa della macchina stessa in ordine di marcia (15% per le macchine con velocità inferiore a 15 Km/h e 13% per le macchine agricole semicingolate]. (2) d è la distanza tra due assi contigui espressa in metri. Le trattrici agricole, per circolare su strada con attrezzature di tipo portato o semi portato, devono rispettare determinate prescrizioni. La documentazione che deve accompagnare la trattrice e le modalità di circolazione con attrezzature di tipo portato e semiportato dipendono essenzialmente dalla data di omologazione e di immatricolazione della trattrice nonché dalle caratteristiche di sagoma e massa della trattrice con i vari allestimenti. Per quanto attiene alla sagoma, poiché le norme contenute nel Capo IV del Titolo III del Codice della strada (circolazione su strada delle macchine agricole e delle macchine operatrici), per espressa previsione dell art. 235 sono entrate in vigore il 1 ottobre 1993, occorre fare una netta distinzione tra le macchine agricole costruite e immesse in circolazione prima di tale data, per le quali valgono ancora le disposizioni previgenti, e macchine agricole costruite e immesse in circolazione dopo tale data, per le quali valgono le norme del nuovo Codice della strada

12 La circolazione su strada delle macchine agricole immatricolate o immesse in circolazione prima del richiede il rispetto delle seguenti condizioni: segnalazione degli ingombri con pannelli a strisce gialle e rosse; bloccaggio degli attrezzi in tutte le direzioni per evitare l oscillazione degli stessi durante la marcia; utilizzo, durante la marcia, del dispositivo a luce lampeggiante gialla; massa complessiva dell attrezzo (o degli attrezzi se montati congiuntamente) non superiore al 30% della massa a vuoto della trattrice (cioè senza zavorra); lunghezza complessiva del complesso (trattrice + attrezzo) non superiore al doppio della lunghezza della trattrice non zavorrata. Per i veicoli immatricolati prima del l attrezzo portato o semi portato può sporgere, al massimo, per una lunghezza pari a quella della trattrice non zavorrata. Il complesso, nel suo insieme, deve rispettare il limite massimo pari al doppio della lunghezza della trattrice non zavorrata. La circolazione su strada delle macchine agricole immatricolate o immesse in circolazione dopo il richiede il rispetto delle seguenti condizioni: segnalazione degli ingombri con pannelli a strisce gialle e rosse; bloccaggio degli attrezzi in tutte le direzioni per evitare l oscillazione degli stessi durante la marcia; utilizzo, durante la marcia, del dispositivo 11

13 a luce lampeggiante gialla; massa complessiva della trattrice e dell attrezzo (o degli attrezzi se montati congiuntamente) non superiore alla massa limite di categoria della trattrice; sbalzo anteriore (cioè la distanza tra l estremità dell attrezzo anteriore ed il centro dell asse anteriore della trattrice) non superiore al 60% della lunghezza della trattrice non zavorrata; sbalzo posteriore (cioè la distanza tra l estremità dell attrezzo posteriore ed il centro dell asse posteriore della trattrice) non superiore al 90% della lunghezza della trattrice non zavorrata; lunghezza complessiva del complesso (trattrice + attrezzo o trattrice + attrezzi se questi sono montati sia davanti sia dietro) non superiore al doppio della lunghezza della trattrice non zavorrata. In pratica tale lunghezza deriva dalla somma dello sbalzo anteriore + lo sbalzo posteriore + il passo della trattrice (distanza tra gli assi anteriore e posteriore); sporgenza laterale non superiore a m 1,60, calcolata dal piano mediale verticale longitudinale della trattrice e sempre contenuta in modo che la larghezza complessiva non superi i m 2,55. S = sbalzo anteriore, max 60% di L. L = lunghezza della trattrice non zavorrata. Ammettendo che L sia pari a 4 m, S non potrà superare i m 2,4. La lunghezza totale del complesso non potrà superare il doppio della lunghezza della trattrice non zavorrata. 12

14 S = sbalzo posteriore, max 90% di L. L = lunghezza della trattrice non zavorrata. Ammettendo che L sia pari a 4 m, S non potrà superare i m 3,6. La lunghezza totale del complesso non potrà superare il doppio della lunghezza della trattrice non zavorrata. Sp = sbalzo posteriore, max 90% di L. Sa = sblazo anteriore, max 60% di L. L = lunghezza della trattrice non zavorrata. La lunghezza totale del complesso non potrà superare il doppio della lunghezza della trattrice non zavorrata. 13

15 SL = sporgenza laterale, max m 1,60 dal piano mediano verticale longitudinale della trattrice. In ogni caso la larghezza totale del complesso non può eccedere i m 2,55 (art. 61). Le attrezzature del tipo forca per rotoballe o muletto non hanno l obbligo dell omologazione per poter circolare su strada perché non cambiano la destinazione e l uso agricolo della macchina e vengono considerate portate anche se staffate al telaio e non portate dal sollevatore idraulico. Diverso è il caso della lama sgombraneve: per lo specifico servizio svolto cambia la destinazione della macchina agricola per cui è necessario procedere all omologazione dell attacco (ma non della pala). Sui carrelloni portatrattrici è consentito il trasporto di rotoballe in quanto materiale agricolo, purchè vengano rispettate le prescrizioni relative alle massime sporgenze ammesse, ai sensi dell art. 164 del Codice. Per quanto attiene alla massa, occorre fare riferimento alla Circolare 30/03/2000 prot. n. 516/M3/B2 del Ministero dei Trasporti: 1. per le trattrici agricole omologate ed immatricolate fino al 6 maggio 1997, non sussiste l obbligo di aggiornamento della carta di circolazione se la massa dell attrezzatura portata o semiportata non supera il 30% della massa della trattrice priva di zavorra (L. 15 dicembre 1990, n. 399). Tale limite non è espressamente indicato su nessun documento, e non necessita il possesso di alcun nulla-osta. Il 14

16 carico può essere aumentato previo collaudo e aggiornamento della carta di circolazione; 2. per le trattrici agricole omologate e immatricolate a far data dal 7 maggio 1997, la circolazione con attrezzi di tipo portato o semiportato è disciplinata dalle norme contenute nell art. 104 del codice della strada, nel rispetto dei limiti delle masse massime tecnicamente ammissibili sugli assi riconosciute ai medesimi veicoli in sede di omologazione. Tali limiti sono indicati sulla carta di circolazione o negli allegati tecnici che la casa costruttrice deve fornire all utilizzatore; 3. per le trattrici agricole omologate fino al 6 maggio 1997 e immatricolate in data successiva, il costruttore, titolare della relativa omologazione, provvede a consegnare direttamente all utente interessato una copia conforme all originale del nulla-osta vidimato in cui sono indicati i carichi massimi ammissibili, perché sia da quest ultimo conservato in allegato alla carta di circolazione della trattrice agricola, per essere esibito, in caso di richiesta, agli organi preposti alla vigilanza della circolazione stradale. In ogni caso, il carico massimo indicato sul nulla-osta non può superare il 30% della massa della trattrice priva di zavorra. Il carico può essere aumentato previo collaudo e aggiornamento della carta di circolazione. Per le trattrici agricole di cui al punto 3) sprovviste della copia del suddetto nulla-osta, per circolare su strada vi è l obbligo di aggiornamento della carta di circolazione a seguito di visita e prova presso l Ufficio Provinciale del Dipartimento dei Trasporti Terrestri. Le macchine agricole che eccedono i limiti di sagoma e di massa prima indicati e le trattrici agricole equipaggiate con attrezzature di tipo portato o semi portato che non rientrano nei limiti prima indicati, sono considerate macchine agricole eccezionali e devono essere munite di autorizzazione valida per un anno. 15

17 IPOTESI SANZIONABILI Circolare su strada con una macchina agricola che, per esigenze funzionali, supera i limiti di sagoma e/o di massa previsti, sprovvista di autorizzazione: art. 104/8, 10 e 13, da 398,00 a 1.596,00 + sospensione della patente e sospensione della carta di circolazione. Il viaggio non può proseguire fino all esibizione della prescritta autorizzazione. Il veicolo viene condotto in un luogo idoneo, indicato dal proprietario dello stesso, al fine di ottemperare al fermo; Circolare su strada con una trattrice agricola equipaggiata con attrezzature di tipo portato o semi portato che non rientrano nei limiti di sbalzo e7o di massa previsti, sprovvista di autorizzazione: art. 104/8, 10 e 13, da 398,00 a 1.596,00 + sospensione della patente e sospensione della carta di circolazione. Il viaggio non può proseguire fino all esibizione della prescritta autorizzazione. Il veicolo viene condotto in un luogo idoneo, indicato dal proprietario dello stesso, al fine di ottemperare al fermo; Circolare su strada con una macchina agricola che, per effetto del carico trasportato costituito da merce divisibile, supera i limiti di sagoma e/o di massa previsti: vedere capitolo sulla sistemazione del carico. MACCHINE AGRICOLE ECCEZIONALI. Le macchine agricole che, per necessità funzionali, hanno sagome e masse che eccedono quelle previste negli articoli 61 e 104 (mietitrebbie, falciatrinciacondizionatrici, ecc.) sono macchine agricole eccezionali. 16

18 Corso di aggiornamento professionale A.N.V.U. Per circolare su strada devono essere in possesso della prescritta autorizzazione valida 2 anni rilasciata dagli Enti competenti. La formulazione usata dall art. 104 per la definizione di macchina agricola eccezionale è molto diversa da quella usata dall art. 10 per gli altri tipi di veicoli. L art. 104 fa riferimento esclusivamente alle necessità funzionali, non considerando affatto le condizioni di marcia. Significa che il superamento dei limiti di massa o di sagoma delle macchine agricole deve essere connesso non al tipo di carico che in quel momento (condizioni di marcia) viene trasportato, ma alla specifica attrezzatura di cui è dotata permanentemente la macchina o alle sue caratteristiche costruttive e di allestimento (necessità funzionali). La conseguenza pratica di questa distinzione è molto importante: significa che, diversamente per quanto accade con gli altri tipi di veicoli, con le macchine agricole con è possibile eseguire trasporti eccezionali. L unica eccezione è contemplata nel comma 7 dell art. 268 del Regolamento di esecuzione: è possibile effettuare il trasporto di macchine agricole eccezionali utilizzando rimorchi agricoli aventi almeno due assi, portata idonea e specifica attrezzatura, previo ottenimento della prescritta autorizzazione. 17

19 Ai sensi dell art. 268 del regolamento al codice della strada le macchine agricole eccezionali che superano la larghezza di m 3,20 hanno l obbligo della scorta tecnica, la cui prescrizione è sempre riportata sull autorizzazione. La scorta può essere effettuata con autoveicoli in disponibilità dell azienda agricola e il personale che effettua la scorta non è tenuto al possesso della prescritta abilitazione. Tali veicoli devono essere equipaggiati con dispositivi a luce lampeggiante gialla o arancione. Devono precedere la macchina agricola eccezionale a distanza non inferiore a 75 m e non superiore a 150 m. Il conducente deve segnalare con un drappo rosso la presenza e l ingombro della macchina agricola agli altri utenti della strada che stanno sopraggiungendo. IPOTESI SANZIONABILI Circolare su strada con una macchina agricola eccezionale sprovvista di autorizzazione: art. 104/8, 10 e 13, da 398,00 a 1.596,00 + sospensione della patente e sospensione della carta di circolazione. Il viaggio non può proseguire fino all esibizione 18

20 Corso di aggiornamento professionale A.N.V.U. della prescritta autorizzazione. Il veicolo viene condotto in un luogo idoneo, indicato dal proprietario dello stesso, al fine di ottemperare al fermo; Circolare su strada con una macchina agricola eccezionale in violazione delle norme sul bloccaggio degli attrezzi, sui pannelli e sui dispositivi di segnalazione visiva: art. 104/11 e 13, da 159,00 a 639,00 + sospensione della patente e sospensione della carta di circolazione. Il viaggio non può proseguire fino all esibizione della prescritta autorizzazione. Il veicolo viene condotto in un luogo idoneo, indicato dal proprietario dello stesso, al fine di ottemperare al fermo; Circolare su strada con una macchina agricola eccezionale in violazione delle prescrizioni contenute nell autorizzazione: art. 104/11 e 13, da 159,00 a 639,00 + sospensione della patente e sospensione della carta di circolazione. Il viaggio non può proseguire fino all esibizione della prescritta autorizzazione. Il veicolo viene condotto in un luogo idoneo, indicato dal proprietario dello stesso, al fine di ottemperare al fermo; Circolare su strada con una macchina agricola eccezionale senza avere al seguito l autorizzazione: art. 104/12, da 39,00 a 159,00. Il viaggio non può proseguire fino all esibizione dell autorizzazione mancante. Il veicolo viene condotto in un luogo idoneo, indicato dal proprietario dello stesso, fino all esibizione dell autorizzazione. Durante tale periodo di sosta il conducente rimane responsabile del veicolo e relativo carico. L eventuale ripresa del viaggio prima che sia esibita l autorizzazione comporta la sanzione di cui all art. 180, 8 comma. 19

21 DISPOSITIVI DI SEGNALAZIONE. Le macchine agricole semoventi eccezionali e le trattrici agricole che circolano su strada con attrezzature di tipo portato o semi portato devono essere dotate di pannelli e di dispositivi supplementari di segnalazione visiva, atti a segnalare gli ingombri. 1. Dispositivo supplementare di segnalazione visiva delle macchine agricole (lampeggiante). L art. 266 del regolamento stabilisce che le macchine agricole semoventi eccezionali che circolano su strada e le trattrici agricole che circolano su strada con attrezzature di tipo portato o semi portato devono essere equipaggiate con uno o più dispositivi supplementari a luce lampeggiante gialla o arancione. Il dispositivo: deve essere montato sulla macchina semovente oppure, nel caso di complessi, sulla macchina traente e su quella trainata in modo tale da garantirne sempre una buona visibilità, deve essere collocato, di norma, nel punto più alto del corpo della macchina, deve trovarsi a non meno di m 2,00 da terra e comunque ad una altezza mai inferiore a quella degli indicatori di direzione, può essere amovibile. Deve rimanere in funzione anche quando non è obbligatorio l uso dei dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione. 20

22 2. Pannelli retroriflettenti. L art. 265 comma 1 del regolamento stabilisce che le macchine agricole, che per necessità funzionali eccedono le dimensioni previste dall art. 104 del Codice, devono essere munite nella parte posteriore di un pannello amovibile delle dimensioni di cm 50 x cm 50 a strisce alternate bianche e rosse, di materiale retroriflettente. L art. 265 comma 2 del regolamento stabilisce che le macchine agricole equipaggiate con attrezzature portate e semiportate che eccedono la sagoma del veicolo devono essere segnalate con pannelli, anche amovibili, installati e approvati secondo le modalità stabilite con decreto del Ministero dei Trasporti e della Navigazione (all epoca). Le caratteristiche colorimetriche e dimensionali nonché le relative modalità di installazione sono contenute nel D.M n. 391 (G.U. n. 228 del ). I pannelli sono realizzati a strisce alternate gialle e rosse, e le prescrizioni relative alla loro installazione sono piuttosto complesse. Bisogna ricordare che: I pannelli vanno applicati su un piano verticale, perpendicolare all asse della trattrice, al limite esterno dell ingombro sia anteriore che posteriore e senza mai sporgere da questo; Quando lo sbalzo dell attrezzo supera il 40% della lunghezza della trattrice non zavorrata occorrono anche i pannelli laterali collocati su un piano parallelo all asse della trattrice; Il bordo superiore dei pannelli non deve mai trovarsi a oltre m 2,20 da terra; Se l ingombro del complesso ha una larghezza inferiore o uguale a m 1,20 è sufficiente il pannello quadrato, posto in posizione centrale, da non confondere con quello delle macchine eccezionali (questo, oltre al colore diverso, ha dimensioni di mm 423 x mm 423); 21

23 I pannelli devono essere installati in modo da risultare il più possibile simmetrici. I pannelli A 1b e A 2b sono utilizzati per delimitare l ingombro trasversale. Nel caso in cui ciò non sia possibile, ad esempio per insufficiente altezza dell operatrice, si possono applicare i pannelli di tipo A 1a e A 2a. Quando non è possibile nemmeno l applicazione di questi ultimi (come ad esempio negli aratri) è possibile l applicazione del solo pannello di tipo B. Per delimitare gli ingombri longitudinali eccedenti il 40% della lunghezza della trattrice non zavorrata vanno applicati i pannelli di tipo A 1a e A 2a. Data la complessità della materia si riporta di seguito uno schema sull installazione dei pannelli che può tornare utile nella pratica. In tutti i casi va tenuto presente che, pena l eccezionalità del complesso: Sp (sbalzo posteriore) < o = a 0,9 L Sa (sbalzo anteriore) < o = a 0,6 L M (larghezza attrezzatura postata posteriormente) < o = a 2,5 m P (larghezza attrezzatura portata anteriormente) < o = a 2,5 m 22

24 23

25 24

26 Ecco due esempi di installazione dei pannelli: Da ricordare, infine, che il sollevatore idraulico a riposo non va segnalato da alcun pannello. 25

27 IPOTESI SANZIONABILI Circolare su strada con una macchina agricola equipaggiata con attrezzature portate o semi portate prive dei pannelli di segnalazione: art. 112/1 e 4, in relazione all art. 7/2 del DM 391/92, da 80,00 a 318,00 + sospensione della carta di circolazione (il DM 391/92, emesso prima dell'entrata in vigore del nuovo codice D.Lgs. 285/92 e pur rinviando all'art. 69-ter del vecchio codice della strada DPR 393/59, è ancora applicabile per effetto del disposto degli articoli 406 e 407 del vigente regolamento, che fanno salve le vecchie disposizioni purchè non in contrasto con le nuove). TRAINO DI RIMORCHI E MACCHINE AGRICOLE. I convogli formati da macchine agricole semoventi e macchine agricole trainate non possono superare la lunghezza di m. 16,50. Le trattrici agricole sono atte a trainare rimorchi agricoli, macchine operatrici agricole trainate e rimorchi appendice solo nei limiti di quanto indicato nella carta di circolazione (vedere allegato 1 e 2). Esistono infatti trattrici agricole che non possono assolutamente trainare rimorchi e tale prescrizione è chiaramente indicata sulla carta di circolazione (vedere allegato 3). I rimorchi agricoli, la cui massa complessiva a pieno carico non è superiore a 1,5 t, sono considerati parte integrante della trattrice quando le dimensioni di ingombro, compresi gli organi di agganciamento, non superano i 4,00 m di lunghezza e i 2,00 m di larghezza. 26

28 Nel rispetto della lunghezza di m 16,50, il convoglio risultante può essere formato da: Trattrice + rimorchio agricolo; Trattrice + 2 macchine operatrici agricole trainate, purchè queste siano munite di dispositivo di frenatura comandato dalla trattrice. Nel caso in cui il complesso sia privo di sistemi di frenatura comandato dalla trattrice, quest'ultima può trainare una sola macchina agricola operatrice. Alle trattrici agricole con attrezzi portati anteriormente a sbalzo è vietato trainare macchine agricole sprovviste di dispositivo di frenatura proprio, anche se considerate parte integrante del veicolo trainante, cioè appendici. Al contrario, è consentito il traino di macchine agricole operatrici o di rimorchi agricoli privi di sistema di frenatura propri quando la trattrice è equipaggiata con attrezzatura portata posteriormente a sbalzo. E assolutamente vietato trainare contemporaneamente: due rimorchi, anche se aventi massa complessiva fino a 1,5 t; una macchina agricola operatrice trainata + un rimorchio agricolo, anche se considerato appendice; 27

29 un rimorchio, anche se considerato appendice, + una macchina agricola operatrice trainata. Il traino deve essere effettuato sempre nel rispetto della massa massima rimorchiabile, che viene stabilita in sede di omologazione della macchina agricola semovente e, per i tipi non omologati, in sede di visita e prova di ciascun esemplare. In ogni caso la massa massima rimorchiabile è indicata sulla carta di circolazione. E' evidente che ai fini del rispetto delle norme in materia di massa rimorchiabile quel che conta non è la massa del rimorchio indicata sui documenti di circolazione, ma la sua massa effettiva in ordine di marcia al momento del controllo, che andrà verificata in concreto mediante una delle fonti di prova ammesse dall'art. 167 (pesatura, documenti di carico, ecc.). IPOTESI SANZIONABILI Circolare con un convoglio agricolo che superi la lunghezza massima di m 16,50: art. 105/1 e 4, da 159,00 a 639,00; Circolare con una trattrice agricola che traina a) più di un rimorchio, anche se aventi massa complessiva a pieno carico fino a 1,5 t; b) una macchina agricola operatrice trainata + un rimorchio agricolo, anche se considerato appendice; c) un rimorchio, anche se considerato appendice, + una macchina agricola operatrice trainata; d) più di due macchine agricole operatrici trainate, anche se dotate di sistema di frenatura comandato dalla trattrice: art. 105/2 e 4, da 159,00 a 639,00; Circolare con una trattrice equipaggiata anteriormente con attrezzatura di tipo portato a sbalzo che traina: a) non più di due macchine agricole operatrici trainate, ma prive di dispositivi di frenatura propri; 28

30 b) non più di due macchine agricole operatrici trainate, una sola delle quali è priva di dispositivo di frenatura proprio; c) un solo rimorchio agricolo, anche se appendice, privo di dispositivo di frenatura proprio; d) una sola macchina agricola operatrice trainata priva di dispositivo di frenatura proprio: art. 105/2 e 4, da 159,00 a 639,00; Circolare con un convoglio che non rispetta le prescrizioni sulla massa rimorchiabile: art. 110/7, da 80,00 a 318,00. Può concorrere con la violazione dell art. 167 (sovraccarico). NORME COSTRUTTIVE E DI EQUIPAGGIAMENTO. Tutte le macchine agricole indicate all'art. 57 devono essere costruite in modo che, ai fini della circolazione stradale, garantiscano sufficiente stabilità sia quando circolano isolate sia quando effettuano un traino sia quando sono equipaggiate con attrezzature di tipo portato o semi portato. Le macchine agricole semoventi, con l'eccezione della macchine agricole operatrici ad un asse, devono essere munite di: a) Dispositivi per la segnalazione visiva e per l'illuminazione: luci di posizione anteriore di colore bianco, luci di posizione posteriore di colore rosso, catadiottri posteriori a luce riflessa rossa, proiettori anteriori anabbaglianti a luce bianca o gialla, indicatori di direzione a luce lampeggiante arancione, luci di arresto posteriori di colore rosso, luci di ingombro anteriori bianche e posteriori rosse (solo per le macchine agricole eccezionali) luce di illuminazione della targa (per i veicoli che ne sono dotati); b) Dispositivi per la frenatura; c) Dispositivi di sterzo; d) Dispositivo silenziatore del rumore emesso dal motore; e) Dispositivo per la segnalazione acustica; 29

31 f) Dispositivo retrovisore: può essere sia esterno che interno. Se esterno, è sufficiente la presenza di quello di sinistra; g) Ruote o cingoli idonei per la marcia su strada; h) Dispositivi amovibili per la protezione delle parti pericolose; i) Dispositivi di agganciamento, anche amovibili, se predisposte per il traino; j) Superfici trasparenti di sicurezza e dispositivo tergivetro del parabrezza. Le macchine agricole semoventi operatrici ad un asse devono essere munite dei dispositivi di cui alle precedenti lettere: a) Che possono essere anche amovibili; b) Che ne possono essere sprovviste se la loro massa è inferiore a 0,3 t; c) d) g) h). Le macchine agricole trainate, operatrici e rimorchi, devono essere munite dei dispositivi di cui alle precedenti lettere: a) catadiottri a luce riflessa bianca anteriori e catadiottri a luce riflessa rossa posteriori, luci di posizione posteriori di colore rosso, indicatori di direzione a luce lampeggiante arancione, luci di arresto posteriori di colore rosso, luce di illuminazione della targa per i veicoli che ne sono provvisti, luci di ingombro posteriori di colore rosso per i rimorchi eccezionali. Tutti questi dispositivi devono essere fissi nei rimorchi, ma possono essere amovibili sulle altre macchine; b) possono essere prive di freni le macchine agricole operatrici trainate qualora di massa complessiva uguale o inferiore a quella rimorchiabile della trattrice; g) 30

32 h) i). Un cenno particolare meritano i dispositivi di frenatura dei rimorchi. I rimorchi appendice (fino a 1,5 t di massa complessiva a pieno carico, larghezza fino a 2 metri e lunghezza fino a 4 metri compresi gli organi di agganciamento) possono essere privi di sistema di frenatura. Ogni rimorchio agricolo di massa complessiva a pieno carico superiore a 1,5 t e fino a 5 t deve essere dotato di un dispositivo di frenatura di servizio. Tale dispositivo, se di tipo meccanico, può essere con comando a leva montato sulla trattrice e deve agire sulle ruote di almeno un asse. Lo sforzo muscolare richiesto per azionarlo non può essere superiore a 30 dan. Ogni rimorchio agricolo di massa complessiva a pieno carico superiore a 5 t e fino a 6 t deve essere dotato di un dispositivo di frenatura di servizio agente sulle ruote di almeno un asse. Tale dispositivo, se di tipo meccanico, deve essere comandato dall'inerzia del rimorchio e può agire anche sul solo asse anteriore. Ogni rimorchio agricolo di massa complessiva a pieno carico superiore a 6 t deve essere dotato di un dispositivo di frenatura di servizio che utilizza una sorgente di energia diversa da quella muscolare del conducente o dall'energia cinetica del rimorchio. Tale dispositivo deve agire contemporaneamente su tutte le ruote. Ogni rimorchio di massa complessiva a pieno carico superiore a 1,5 t deve essere munito anche di un dispositivo di frenatura di stazionamento. Può essere comandato da una persona a terra, ma lo sforzo sulla leva di comando non può essere superiore a 60 dan. Le attrezzature agricole di tipo portato o semi portato, quando con la loro sagoma occultino i dispositivi di 31

33 segnalazione visiva o di illuminazione delle macchine agricole semoventi alle quali sono collegate, devono essere equipaggiate con i dispositivi che occultano. Non devono comunque limitare la visibilità del conducente. Per le attrezzature dotate di parti a sbalzo che presentino superfici taglienti o appuntite esiste l'obbligo di proteggere tali superfici con cuffie atte ad attenuare la pericolosità, oltre all'obbligo di segnalarle con gli appositi pannelli già descritti in precedenza (DM 391/92). L'art. 271 del regolamento obbliga le sole trattrici agricole a ruote (escludendo, pertanto quelle a cingoli), indipendentemente dalla velocità sviluppata su strada dalle stesse, ad essere equipaggiate con il dispositivo di protezione del conducente in caso di ribaltamento del veicolo. In realtà, per tale dispositivo occorre fare riferimento alle norme comunitarie, in forza delle quali il dispositivo è diventato obbligatorio per tutti i tipi di trattori: in Italia, l obbligo del montaggio del dispositivo di protezione in caso di capovolgimento del trattore è stato reso obbligatorio in momenti diversi a seconda della tipologia di trattore. I primi interventi del legislatore che richiamano la necessità di proteggere il conducente del trattore attraverso l installazione di telai di protezione risalgono al 1973 allorquando furono emanate le circolari del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale n. 201 del e n. 209 del Con tali circolari, il Ministero del Lavoro richiamava l obbligo di installazione dei telai di protezione ai trattori di nuova immissione sul mercato alla data dell 1 gennaio 1974 che presentavano le seguenti caratteristiche costruttive: trattori a due assi; montati su ruote; con carreggiata minima superiore a millimetri (carreggiata minima misurata al centro dei pneumatici); peso superiore ad 800 chilogrammi in ordine di marcia. Erano pertanto esclusi dal campo di applicazione i trattori cingolati e i cosiddetti trattori a carreggiata stretta.. Le prescrizioni dettate dalle suddette circolari erano dirette a regolamentare, ai fini della prevenzione, i trattori in produzione ed immatricolati dopo il 1 gennaio 1974, mentre ne erano temporaneamente esclusi quelli immatricolati anteriormente a tale data per i quali, in considerazione della grande varietà di modelli in uso e delle gravi difficoltà di adeguamento tecnico immediato alle prescrizioni stesse, si faceva riserva di ulteriori istruzioni. Tali istruzioni furono fornite molto più tardi con la circolare del MLPS n. 49 del Con la suddetta circolare furono fornite prescrizioni tecniche che si applicavano a tutti i trattori agricoli a ruote con esclusione di quelli rientranti nella disciplina prevista dalla legge dell'8 agosto 1977, n. 572, 32

34 concernente il recepimento nell'ordinamento nazionale delle direttive comunitarie in materia di omologazione di trattori agricoli o forestali. Pertanto anche i trattori a ruote immatricolati prima del 1 gennaio 1974 dovevano essere muniti di struttura di protezione in caso di ribaltamento. Negli anni che seguirono il legislatore italiano ha provveduto a recepire tutta una serie di direttive che andavano a completare il quadro legislativo di riferimento relativo alle prove da effettuarsi sui telai di protezione da installare anche su tipologie di trattori non contemplati nella precedente legislazione, quali i trattori a carreggiata stretta (vedi direttiva 86/298/CEE e 87/402/CEE) e trattori a cingoli (vedi codice 8 OCSE di cui alla Direttiva 2003/37/CE). Per quanto riguarda i trattori a cingoli, è da evidenziare che a partire della fine degli anni 80, ma con una decisiva spinta verso la metà degli anni 90, grazie all azione di alcuni Paesi europei che emanarono legislazioni di portata nazionale in tal senso, i principali costruttori decisero, più o meno di comune accordo, di incominciare a montare anche sui trattori cingolati delle strutture di sicurezza, dopo averle omologate secondo gli standard in vigore all epoca per mezzi simili (quelle per movimento terra). Per quanto riguarda invece i trattori a carreggiata stretta (carreggiata inferiore ai 1150 mm e massa superiore agli 800 kg) a partire dal 1986/87 i costruttori, facendo seguito alle direttive specifiche, cominciarono a immettere sul mercato trattori dotati dapprima di telai di protezione a due montanti posteriori e, successivamente, anche a due montanti anteriori. Le Direttive di interesse ai fini della omologazione dei dispositivi di protezione in caso di capovolgimento dei trattori sono le seguenti: direttiva 77/536/CEE concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli stati membri relative ai dispositivi di protezione in caso di capovolgimento dei trattori agricoli o forestali a ruote. Tale direttiva è stata recepita nell ordinamento italiano dal DPR n 212 del 10 febbraio 1981 supplemento n 24 alla G.U. n 133 del 16 maggio La direttiva 77/536/CEE è stata modificata dalle direttive 87/354/CEE e 89/680/CEE e adeguata al progresso tecnico con direttiva 1999/55/CE; direttiva 79/622/CEE concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli stati membri relative ai dispositivi di protezione in caso di capovolgimento dei trattori agricoli o forestali a ruote (prove statiche). Tale direttiva è stata recepita nell ordinamento italiano dal DPR n 296 del 18 marzo 1983 supplemento n 36 alla G.U. n 169 del 22 giugno La direttiva 79/622/CEE è stata modificata dalla direttiva 87/354/CEE e adeguata al progresso tecnico dalle direttive 82/953/CEE, 88/413/CEE e 1999/40/CE; direttiva 86/298/CEE concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli stati membri relative ai dispositivi di protezione, del tipo a due montanti posteriori, in caso di capovolgimento dei trattori agricoli o forestali a ruote a 33

35 carreggiata stretta. Tale direttiva è stata recepita nell ordinamento italiano dal D.M. del 18 maggio 1989 supplemento n 72 alla G.U. n 217 del 16 settembre La direttiva 86/298/CEE è stata modificata dalla Direttiva 89/682/CEE e adeguata al progresso tecnico dalla direttiva 2000/19/CE; direttiva 87/402/CEE concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli stati membri relative ai dispositivi di protezione in caso di capovolgimento dei trattori agricoli o forestali a ruote, a carreggiata stretta, montati anteriormente. Tale direttiva è stata recepita nell ordinamento italiano dal D.M. del 5 agosto 1991 supplemento n 8 alla G.U. n 12 del 16 gennaio La direttiva 87/402/CEE è stata modificata dalla Direttiva 89/681/CEE e adeguata al progresso tecnico dalla Direttiva 2000/22/CE; direttiva 2003/37/CE relativa all omologazione dei trattori agricoli o forestali, dei loro rimorchi e delle loro macchine intercambiabili trainate, nonché dei sistemi, componenti ed entità tecniche di tali veicoli e abroga la direttiva 74/150/CEE. Tale direttiva è stata recepita nell ordinamento italiano dal Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 19 novembre 2004 supplemento ordinario della G.U. serie generale n 88 del 16 aprile 2005; direttiva 2009/57/CE relativa ai dispositivi di protezione in caso di capovolgimento dei trattori agricoli o forestali a ruote. Tale direttiva abroga la direttiva 77/536/CEE e, per espressa previsione contenuta nell art. 14, essa si applica agli Stati membri dal 1 gennaio 2010 (direttiva self exevuting). Per quanto riguarda il parco macchine usato, assume particolare rilevanza quanto previsto dal D. Lgs 359/99 con il quale sono dettate regole per quanto riguarda i trattori agricoli o forestali già messi a disposizione dei lavoratori alla data del 5 dicembre Il D.Lgs. n. 359/99 dà attuazione alla direttiva 95/63/CE che modifica la direttiva n. 89/655/CEE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e salute per l uso di attrezzature di lavoro da parte dei lavoratori. Con tale decreto il legislatore modifica e integra il titolo III Uso delle attrezzature di lavoro del D.Lgs. n. 626/1994 apportando considerevoli cambiamenti agli artt. 35, 36 e 37. Il Decreto prevede che il datore di lavoro adegui ai requisiti di cui all allegato XV, entro il 30 giugno 2001, le attrezzature di lavoro indicate dal predetto allegato già messe a disposizione dei lavoratori alla data del 5 dicembre 1998 (tale termine, con Legge 1 marzo 2002, n. 39, art. 20, è stato differito al 5 dicembre 2002 limitatamente alle attrezzature individuate ai punti 1.3 e 1.4 dell allegato XV del D. Lgs. 359/99). Il punto 1.3 dell allegato XV del suddetto decreto relativo alle attrezzature di lavoro mobili con lavoratore o lavoratori a bordo richiama l esigenza di limitare i rischi derivanti da un ribaltamento dell attrezzatura di lavoro stessa, attraverso l integrazione di idonei dispositivi di protezione (cabina o telaio di protezione). Inoltre, se sussiste il pericolo che il lavoratore trasportato a bordo, in caso di ribaltamento, rimanga schiacciato tra parti dell attrezzatura di lavoro e il suolo, la norma prevede che debba essere installato un sistema di ritenzione del conducente ad esempio una cintura di sicurezza. Tale requisito è poi stato successivamente ripreso al punto 2.4 della parte II dell allegato V al D. Lgs. n. 81/08, che, così stabilendo, ha reso obbligatorio in Italia l'adeguamento dei trattori già in uso, attraverso il montaggio del dispositivo di protezione in caso di capovolgimento, sia per i 34

CODICE DELLA STRADA Art. 57. ( 1 ) Macchine agricole

CODICE DELLA STRADA Art. 57. ( 1 ) Macchine agricole CODICE DELLA STRADA Art. 57. ( 1 ) Macchine agricole 1. Le macchine agricole sono macchine a ruote o a cingoli destinate ad essere impiegate nelle attività agricole e forestali e possono, in quanto veicoli,

Dettagli

Uso di prodotti fitosanitari e tutela della salute

Uso di prodotti fitosanitari e tutela della salute SERVIZIO INTERCOMUNALE POLIZIA LOCALE MEDIA PIANURA VERONESE - DISTRETTO VR 5 C (Provincia di Verona) Bovolone - Angiari - Concamarise - Isola Rizza Oppeano - Palù Roverchiara Salizzole - San Pietro di

Dettagli

LE MACCHINE AGRICOLE. Seminario interforze regione FVG. Maniago, Trieste, Udine Ottobre 2012

LE MACCHINE AGRICOLE. Seminario interforze regione FVG. Maniago, Trieste, Udine Ottobre 2012 LE MACCHINE AGRICOLE Seminario interforze regione FVG. Maniago, Trieste, Udine Ottobre 2012 Nozione di veicolo Titolo III Dei veicoli Capo I Dei veicoli in generale Art. 46. Nozione di veicolo 1. Ai fini

Dettagli

Aggiornamento linee guida sulla sicurezza e abilitazione all uso delle macchine agricole

Aggiornamento linee guida sulla sicurezza e abilitazione all uso delle macchine agricole Aggiornamento linee guida sulla sicurezza e abilitazione all uso delle macchine agricole Vincenzo Laurendi INAIL Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Viterbo 15 maggio 2014 Osservatorio INAIL sugli infortuni

Dettagli

Obblighi e responsabilità nel noleggio e nella vendita di attrezzature di lavoro. Avv. Alberto Mischi. Bologna, 11 novembre 2010

Obblighi e responsabilità nel noleggio e nella vendita di attrezzature di lavoro. Avv. Alberto Mischi. Bologna, 11 novembre 2010 Obblighi e responsabilità nel noleggio e nella vendita di attrezzature di lavoro Avv. Alberto Mischi Bologna, 11 novembre 2010 1 Trattori - Trattrici agricole 2 Macchine agricole Definizione Le macchine

Dettagli

CENNI NORMATIVI MACCHINE AGRICOLE

CENNI NORMATIVI MACCHINE AGRICOLE CENNI NORMATIVI MACCHINE AGRICOLE 1. PREMESSA 2. MACCHINE AGRICOLE 3. MACCHINE AGRICOLE ED OPERATRICI ECCEZIONALI 1. PREMESSA I cenni normativi contenuti in questa documentazione, sono stati inseriti solo

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

LA CIRCOLAZIONE SU STRADA DELLE MACCHINE AGRICOLE

LA CIRCOLAZIONE SU STRADA DELLE MACCHINE AGRICOLE COMUNE DI SOMMO Provincia di Pavia Servizio Polizia Locale Via Roma 84 27048 SOMMO (PV) Tel. 0382402019 0382402346 Fax 0382402308 email polizialocale@comune.sommo.pv.it LA CIRCOLAZIONE SU STRADA DELLE

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 56 Operativa OGGETTO: Circolazione stradale. Procedura sanzionatoria.

Dettagli

BIBLIOTECA DELL AUTO E DELLA MOTO D EPOCA Club Auto d Epoca Scalea & Motoretrò (C.A.E.S.M.)

BIBLIOTECA DELL AUTO E DELLA MOTO D EPOCA Club Auto d Epoca Scalea & Motoretrò (C.A.E.S.M.) NOZIONE DI VEICOLO E CLASSIFICAZIONE DEI VEICOLI IN GENERALE ART. 46, 47, 48, 49, 50, 51, 52, 53, 54, 55, 56, 57, 58 e 59 del Codice della Strada NOZIONE DI VEICOLO (ART. 46 C.d.S.) 1. Ai fini delle norme

Dettagli

Normativa: Legge 298/74 art. 45

Normativa: Legge 298/74 art. 45 asasas Dispositivi obbligatori per veicoli commerciali. Contrassegno identificativo tipologia trasporto Conto Proprio. Normativa: Legge 298/74 art. 45 La mancanza del contrassegno è sanzionata dall art.

Dettagli

ENTE NAZIONALE PER LA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA. Norme di circolazione stradale - Sintesi per operatori agricoli ed agro-meccanici -

ENTE NAZIONALE PER LA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA. Norme di circolazione stradale - Sintesi per operatori agricoli ed agro-meccanici - ENTE NAZIONALE PER LA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA Norme di circolazione stradale - Sintesi per operatori agricoli ed agro-meccanici - Roma, novembre 2002 ENTE NAZIONALE PER LA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA Norme

Dettagli

Settore Agricoltura (Allegato 1)

Settore Agricoltura (Allegato 1) Bologna, 7 ottobre 2014 Bando FIPIT per il sostegno al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro, con particolare riferimento alla innovazione tecnologica in attuazione dell articolo

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI Direzione generale per la motorizzazione

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI Direzione generale per la motorizzazione MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI Direzione generale per la motorizzazione Prot. n. 4114/M368 Roma, 4 agosto 2005 OGGETTO: Procedure per l inquadramento

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI

LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI DISPOSITIVI DI SEGNALAZIONE VISIVA ATTREZZATURE PER IL TRASPORTO DI BAMBINI PRESCRIZIONI PER LA CIRCOLAZIONE di Franco MEDRI * L articolo 50 del definisce i velocipedi

Dettagli

LA SPECIALE DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI D OPERA E L'ESP2009

LA SPECIALE DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI D OPERA E L'ESP2009 E L'ESP2009 Alessandro Bicego Provincia di Bologna ARS2009 ed ESP2009 Attuazione ed aggiornamento Bologna 8 ottobre 2009 Mezzi d Opera I mezzi d Opera I mezzi d opera (art. 54, c.1, lett. n. del CDS) sono:

Dettagli

Circolare N.155 del 22 novembre 2011. Trasporti eccezionali su gomma. Semplificazione della procedura di richiesta delle autorizzazioni

Circolare N.155 del 22 novembre 2011. Trasporti eccezionali su gomma. Semplificazione della procedura di richiesta delle autorizzazioni Circolare N.155 del 22 novembre 2011 Trasporti eccezionali su gomma. Semplificazione della procedura di richiesta delle autorizzazioni Trasporti eccezionali su gomma: semplificazione della procedura di

Dettagli

Revisione delle macchine agricole e delle macchine operatrici, ora è operativa Di Girolamo Simonato

Revisione delle macchine agricole e delle macchine operatrici, ora è operativa Di Girolamo Simonato Revisione delle macchine agricole e delle macchine operatrici, ora è operativa Di Girolamo Simonato Con il d.lgs. 285/92 (Nuovo Codice della Strada) all art. 111 era stata disciplinata la revisione della

Dettagli

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. di concerto con IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. di concerto con IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 20 maggio 2015 Revisione generale periodica delle macchine agricole ed operatrici, ai sensi degli articoli 111 e 114 del decreto legislativo 30 aprile

Dettagli

CARROZZATURA CON CASSONE RIBALTABILE

CARROZZATURA CON CASSONE RIBALTABILE CARROZZATURA CON CASSONE RIBALTABILE I veicoli allestiti con carrozzerie di tipo ribaltabile sono costituiti essenzialmente da un controtelaio permanentemente ancorat o all'autotelaio sul quale è appoggiato

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 17 dicembre 2009. Disciplina e procedure per l iscrizione dei veicoli di interesse storico e collezionistico

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO INTERMINISTERIALE 20 maggio 2015 (G.U. n. 149 del 30.6.2015)

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO INTERMINISTERIALE 20 maggio 2015 (G.U. n. 149 del 30.6.2015) MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO INTERMINISTERIALE 20 maggio 2015 (G.U. n. 149 del 30.6.2015) Revisione generale periodica delle macchine agricole ed operatrici, ai sensi degli articoli

Dettagli

APPENDICE 1 DISPOSITIVI OBBLIGATORI DISPOSITIVI FACOLTATIVI

APPENDICE 1 DISPOSITIVI OBBLIGATORI DISPOSITIVI FACOLTATIVI APPENDICE 1 M O T O C I C L I A - Luce posizione anteriore; B - Luce posizione posteriore; D - Luce targa; E - Proiettore; G - Luce di arresto; O - Catadiottro rosso. I - Proiettore fendinebbia Tutti i

Dettagli

Nella fattispecie, le figure richieste dal D.Lgs 81, che richiedono una nomina e una formazione specifica, sono le seguenti:

Nella fattispecie, le figure richieste dal D.Lgs 81, che richiedono una nomina e una formazione specifica, sono le seguenti: Obblighi formativi e aggiornamenti periodici ai sensi del D.Lgs 81/08 s.m.i. Molto spesso ci sentiamo dire: i corsi sulla sicurezza sono obbligatori? Hanno una scadenza? Dopo quanto tempo devono essere

Dettagli

e p.c. OGGETTO: Cambio di destinazione dei veicoli in circolazione. Variazione del numero dei posti.

e p.c. OGGETTO: Cambio di destinazione dei veicoli in circolazione. Variazione del numero dei posti. DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI E PER I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI Direzione Generale della Motorizzazione e della Sicurezza del Trasporto Terrestre PROT. N. 4210M368 Roma, 19.12.2002 Agli

Dettagli

Auditorium Same-Deutz-Fahr Treviglio, 18 febbraio 2016

Auditorium Same-Deutz-Fahr Treviglio, 18 febbraio 2016 Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra - Torino Utilizzo in sicurezza delle attrezzature manuali nel settore agricolo, forestale e manutenzione del verde

Dettagli

Ordinanza concernente le esigenze tecniche per i veicoli stradali (OETV)

Ordinanza concernente le esigenze tecniche per i veicoli stradali (OETV) VI. Ordinanza concernente le esigenze tecniche per i veicoli stradali (OETV) Autofurgoni con sedili supplementari nel vano di carico Art. 11 cpv. 2 lett. e Autoveicoli di trasporto secondo il diritto svizzero

Dettagli

Roma, 4 marzo 2015. Oggetto: Revisione macchine agricole e Formazione operatori - Audizione Commissione Agricoltura del Senato

Roma, 4 marzo 2015. Oggetto: Revisione macchine agricole e Formazione operatori - Audizione Commissione Agricoltura del Senato Roma, 4 marzo 2015 Oggetto: Revisione macchine agricole e Formazione operatori - Audizione Commissione Agricoltura del Senato 1 REVISIONE MACCHINE AGRICOLE 1.1 Analisi del provvedimento La revisione delle

Dettagli

Polizia Locale Basso Adige

Polizia Locale Basso Adige Polizia Locale Basso Adige La circolazione stradale delle macchine agricole Quando vi mettete alla guida di un veicolo agricolo, consideratelo importante come ogni altro mezzo: siate molto attenti sulla

Dettagli

SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI

SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI Ing. Marco CONTI SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI Presentazione dell Accordo Stato-Regioni 22/02/2012 INTRODUZIONE TITOLO III D.Lgs. 81/08

Dettagli

D.lgs 10 settembre 1991, n. 304

D.lgs 10 settembre 1991, n. 304 D.lgs 10 settembre 1991, n. 304 ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE 86/663/CEE DEL CONSIGLIO DEL 22 DICEMBRE 1986 E 89/240/CEE DELLA COMMISSIONE DEL 16 DICEMBRE 1988, RELATIVE AI CARRELLI SEMOVENTI PER MOVIMENTAZIONE,

Dettagli

f) Trattori agricoli o forestali: qualsiasi trattore agricolo o forestale a ruote o cingoli, a motore,

f) Trattori agricoli o forestali: qualsiasi trattore agricolo o forestale a ruote o cingoli, a motore, Abilitazione all uso di piattaforme di lavoro mobili elevabili, gru a torre, gru mobile, gru per autocarro, carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo, trattori agricoli eforestali, macchine movimento

Dettagli

1. Fatto salvo quanto disposto nell'art. 10 e nei commi successivi del presente articolo, ogni veicolo compreso il suo carico deve avere:

1. Fatto salvo quanto disposto nell'art. 10 e nei commi successivi del presente articolo, ogni veicolo compreso il suo carico deve avere: Codice Art.61. Sagoma limite. 1. Fatto salvo quanto disposto nell'art. 10 e nei commi successivi del presente articolo, ogni veicolo compreso il suo carico deve avere: a) larghezza massima non eccedente

Dettagli

Comune di Istrana Servizio P.L.

Comune di Istrana Servizio P.L. I.P.A. Sezione Italiana Esecutivo Regionale Veneto Comune di Istrana Servizio P.L. Associazione Professionale Polizia Locale d'italia Comune di Istrana Il Sindaco Sicuramente questo aspetto della circolazione

Dettagli

Allegato 1 Settore Agricoltura

Allegato 1 Settore Agricoltura BANDO PER IL SOSTEGNO AL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALL INNOVAZIONE TECNOLOGICA in attuazione dell articolo, comma, D.Lgs. 8/008 e s.m.i.

Dettagli

Speciale SPECCHI RETROVISORI PER VEICOLI Tutto quello che c è da sapere sui: Dispositivi per la visione indiretta * di Franco MEDRI

Speciale SPECCHI RETROVISORI PER VEICOLI Tutto quello che c è da sapere sui: Dispositivi per la visione indiretta * di Franco MEDRI Speciale SPECCHI RETROVISORI PER VEICOLI Tutto quello che c è da sapere sui: Dispositivi per la visione indiretta * di Franco MEDRI Con il termine Dispositivi per la visione indiretta (c.d. specchi retrovisori)

Dettagli

10/9/2015 *** NORMATTIVA Stampa ***

10/9/2015 *** NORMATTIVA Stampa *** APPENDICE X Art. 241 (Attrezzature delle imprese e dei consorzi abilitati alla revisione dei veicoli) 1. Le attrezzature e le strumentazioni di cui devono essere dotati le imprese ed i consorzi abilitati

Dettagli

Dipartimento Tecnologie di Sicurezza

Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Dipartimento Tecnologie di Sicurezza ADEGUAMENTO DEI TRATTORI AGRICOLI O FORESTALI CON PIANO DI CARICO (MOTOAGRICOLE) AI REQUISITI DI SICUREZZA IN CASO DI CAPOVOLGIMENTO PREVISTI AL PUNTO 2.4 DELLA PARTE

Dettagli

www.pneumaticisottocontrollo.it

www.pneumaticisottocontrollo.it Settore Lavori Pubblici e Territorio ORDINANZA n. 68 PG. N. 72846 del 04/11/2015 Class. N 2015.011.015.004.5 Oggetto: Disciplina della circolazione stradale in periodo invernale La sottoscritta Barbara

Dettagli

La sicurezza dei TRATTORI agricoli

La sicurezza dei TRATTORI agricoli La sicurezza dei TRATTORI agricoli Nozioni generali applicate ai trattori agricoli o forestali In riferimento al PIANO REGIONALE DEI CONTROLLI IN AGRICOLTURA E SILVICOLTURA Tratte da Linee Guida INAIL/ISPESL,

Dettagli

La sicurezza delle macchine.aggiornamenti e novità

La sicurezza delle macchine.aggiornamenti e novità SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE La sicurezza delle macchine.aggiornamenti e novità Alba, 11 dicembre 2012 Marisa SALTETTI Tecnico della Prevenzione

Dettagli

Provincia di Viterbo Esame 264/91 - Sessione anno 2008

Provincia di Viterbo Esame 264/91 - Sessione anno 2008 Provincia di Viterbo Esame 264/91 - Sessione anno 2008 Circolazione Stradale Il quadriciclo a motore è : A Un ciclomotore a quattro ruote adibito al trasporto di persone B Un motoveicolo adibito al trasporto

Dettagli

REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE

REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE La circolazione dei velocipedi è regolata dall art. 182 del D.Lgs. n. 285/1992 e successive modificazioni ed integrazioni (Codice della

Dettagli

Specifica Tecnica ST 09-00 CARRI TIPO 130 / 132 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro tipo 130 / 132

Specifica Tecnica ST 09-00 CARRI TIPO 130 / 132 ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro tipo 130 / 132 pag. 1/28 SOMMARIO Carro tipo 130 / 132 1.0 - INFORMAZIONI GENERALI... 2 1.1 - Descrizione del prodotto... 2 1.2 - Caratteristiche tecniche del prodotto... 4 1.2.1 - Dimensioni... 4 1.2.2 - Carichi...

Dettagli

PATENTI DI GUIDA (Nota riassuntiva della normativa vigente) 1 - Patente di guida secondo il modello comunitario

PATENTI DI GUIDA (Nota riassuntiva della normativa vigente) 1 - Patente di guida secondo il modello comunitario PATENTI DI GUIDA (Nota riassuntiva della normativa vigente) 1 - Patente di guida secondo il modello comunitario Il 1 luglio 1996 è entrata in vigore la Direttiva n. 91/439/CEE del 29 luglio 1991, recepita

Dettagli

SICUREZZA NELL IMPIEGO DELLE MOTRICI AGRICOLE

SICUREZZA NELL IMPIEGO DELLE MOTRICI AGRICOLE MAMA - DAGA Università degli Studi di Pisa SICUREZZA NELL IMPIEGO DELLE MOTRICI AGRICOLE PROF. ANDREA PERUZZI SICUREZZA NELL IMPIEGO DELLE MOTRICI AGRICOLE Circolazione su strada Posto di guida Organi

Dettagli

--------------------------------------------------------------

-------------------------------------------------------------- D.M. 3 maggio 2001 Recepimento della direttiva 2000/61/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 10 ottobre 2000 che modifica la direttiva 94/55/CE del Consiglio concernente il ravvicinamento delle

Dettagli

Macchine ed attrezzature agricole

Macchine ed attrezzature agricole Convegno SICUREZZA IN AGRICOLTURA: SICURI DI LAVORARE SICURI? 19 giugno 2013 Macchine ed attrezzature agricole Dott. Marco Valentini S.Pre.S.A.L Dip. di Prevenzione ASL RM H DLgs 81/08: Titolo III e allegato

Dettagli

TRASPORTI ECCEZIONALI: I MEZZI D'OPERA ED IL LORO REGIME DI CIRCOLAZIONE

TRASPORTI ECCEZIONALI: I MEZZI D'OPERA ED IL LORO REGIME DI CIRCOLAZIONE Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 30/06/2008. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche Torino Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra

Consiglio Nazionale delle Ricerche Torino Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra Consiglio Nazionale delle Ricerche Torino Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra Rischi nel settore Agricolo Forestale Vezzolano, 24 ottobre 2008 Danilo RABINO CNR-IMAMOTER Macchine agricole

Dettagli

AUTORIZZAZIONI E CLASSIFICAZIONE DEI MEZZI D OPERA

AUTORIZZAZIONI E CLASSIFICAZIONE DEI MEZZI D OPERA AUTORIZZAZIONI E CLASSIFICAZIONE DEI MEZZI D OPERA di Franco MEDRI * L articolo 54, comma 1, lettera n), del Codice della Strada classifica i mezzi d opera come Veicoli o complessi di veicoli dotati di

Dettagli

Classificazione delle macchine agricole MANUALE DELLA CIRCOLAZIONE DELLE MACCHINE AGRICOLE

Classificazione delle macchine agricole MANUALE DELLA CIRCOLAZIONE DELLE MACCHINE AGRICOLE MANUALE DELLA CIRCOLAZIONE DELLE MACCHINE AGRICOLE La motivazione di fondo che ha portato il nostro Distretto di Polizia Locale a creare questo manuale, è rappresentata dalla consapevolezza che è necessario

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DELLE ATTREZZATURE E DURATA minima dei corsi

INDIVIDUAZIONE DELLE ATTREZZATURE E DURATA minima dei corsi Pagina1 Verbania 10/12/2012 Prot. 0068 Spett.le Imprese Consulenti Associazioni datoriali di categoria Associazioni sindacali di categoria OGGETTO: La formazione per l abilitazione specifica degli operatori

Dettagli

AMBIENTE ECOLOGIA SICUREZZA & MEDICINA DEL LAVORO

AMBIENTE ECOLOGIA SICUREZZA & MEDICINA DEL LAVORO CARRELLI ELEVATORI CIRCOLARE N 26 - OTTOBRE 2010 CARRELLI ELEVATORI I carrelli elevatori si utilizzano ormai in quasi tutte le aziende ma... sono ancora troppi gli infortuni anche mortali e sono ancora

Dettagli

REVISIONE AUTO. Che cos è. Il Codice della Strada (art. 80) prevede che i veicoli a motore (ed i loro rimorchi)

REVISIONE AUTO. Che cos è. Il Codice della Strada (art. 80) prevede che i veicoli a motore (ed i loro rimorchi) REVISIONE AUTO Che cos è Il Codice della Strada (art. 80) prevede che i veicoli a motore (ed i loro rimorchi) durante la circolazione siano tenuti in condizioni di massima efficienza, in modo da garantire

Dettagli

Decreto Legislativo 27 gennaio 2010 n. 17

Decreto Legislativo 27 gennaio 2010 n. 17 to Tecnologie di Sicurezza La nuova Direttiva Macchine Vincenzo Laurendi Attuazione In Italia la Direttiva 2006/42/CE è stata attuata con il Decreto Legislativo 27 gennaio 2010 n. 17 Pubblicato sul Supplemento

Dettagli

BAMBINI IN AUTO ecco come trasportarli in modo sicuro

BAMBINI IN AUTO ecco come trasportarli in modo sicuro BAMBINI IN AUTO ecco come trasportarli in modo sicuro Con l'entrata in vigore del Decreto Legislativo 13 marzo 2006 n. 150, è stato modificato l'art. 172 del Codice della Strada: "Uso delle cinture di

Dettagli

Uso in italia del personal transporter

Uso in italia del personal transporter Uso in italia del personal transporter L utilizzo del personal transporter non è, allo stato, regolato da alcuna norma del Codice della Strada italiano. L unica trattazione è una lettera del Ministero

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Speciale Asaps TUTTO SU IL SOVRACCARICO Il calcolo, le sanzioni e i punti da decurtare * di Franco MEDRI

Speciale Asaps TUTTO SU IL SOVRACCARICO Il calcolo, le sanzioni e i punti da decurtare * di Franco MEDRI Speciale Asaps TUTTO SU IL SOVRACCARICO Il calcolo, le sanzioni e i punti da decurtare * di Franco MEDRI Due profili identificano l applicazione dell articolo 167 (Trasporto di cose su veicoli a motore

Dettagli

La manutenzione e l adeguamento di macchine ed attrezzature usate:

La manutenzione e l adeguamento di macchine ed attrezzature usate: Agricoltura Sicura Salute e Sicurezza nelle Attività Agricole e Forestali La manutenzione e l adeguamento di macchine ed attrezzature usate: il ruolo delle linee guida Leonardo Vita Davide Gattamelata

Dettagli

ALLEGATO II Dispositivi di attacco

ALLEGATO II Dispositivi di attacco ALLEGATO II Dispositivi di attacco. : il testo compreso fra i precedenti simboli si riferisce all aggiornamento di Maggio 2011 Nel presente allegato sono riportate le possibili conformazioni dei dispositivi

Dettagli

www.vigilaresullastrada.it

www.vigilaresullastrada.it Com è noto, la lettera d) del 1 comma dell articolo 54 c.d.s. definisce gli autocarri come veicoli destinati al trasporto di cose e delle persone addette all'uso o al trasporto delle cose stesse. Per questo

Dettagli

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge a cura del Servizio Prevenzione e Rischio Tecnologico

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 43 Informativa OGGETTO: Circolazione. Decreto Legge 24 gennaio 2012, n.

Dettagli

La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza

La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza Pubblicato sul Supplemento ordinario n. 36/L alla Gazzetta Ufficiale del 19 febbraio 2010 il Decreto Legislativo 27 Gennaio 2010 n. 17, recante "Attuazione

Dettagli

Codice della strada. a cura di Andrea Montignani e Giorgio Perlini

Codice della strada. a cura di Andrea Montignani e Giorgio Perlini Codice della strada a cura di Andrea Montignani e Giorgio Perlini INCIDENTI STRADALI: CAUSE 60-85% eccesso di velocità guida distratta mancata precedenza mancata distanza di sicurezza assunzione di alcol

Dettagli

www.officinabartolini.it

www.officinabartolini.it NORMATIVA CITATA: Art. 236 - Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo Codice della Strada (D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495), integrato e modificato dall art. 139 del Regolamento recante modifiche

Dettagli

IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE di concerto con IL MINISTRO DELL'INTERNO

IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE di concerto con IL MINISTRO DELL'INTERNO D.M. 3 marzo 1997 - Attuazione della direttiva 95/50/CE del Consiglio dell'unione europea concernente l'adozione di procedure uniformi in materia di controlli su strada di merci pericolose. IL MINISTRO

Dettagli

ARTICOLO 172 DEL CODICE DELLA STRADA modificato dal Decreto Legislativo 13 marzo 2006, N. 150 in vigore dal 14.04.2006

ARTICOLO 172 DEL CODICE DELLA STRADA modificato dal Decreto Legislativo 13 marzo 2006, N. 150 in vigore dal 14.04.2006 ARTICOLO 172 DEL CODICE DELLA STRADA modificato dal Decreto Legislativo 13 marzo 2006, N. 150 in vigore dal 14.04.2006 Con l entrata in vigore, dal 14 aprile 2006, del Decreto Legislativo 13 marzo 2006

Dettagli

Redazione a cura di: Luigi Leccardi, Cristian Librici - Tecnici della Prevenzione - Servizio Verifiche Impianti di Sollevamento

Redazione a cura di: Luigi Leccardi, Cristian Librici - Tecnici della Prevenzione - Servizio Verifiche Impianti di Sollevamento Redazione a cura di: Luigi Leccardi, Cristian Librici - Tecnici della Prevenzione - Servizio Verifiche Impianti di Sollevamento PREMESSA Nei cantieri EXPO sono utilizzate attrezzature di lavoro per sollevamento

Dettagli

(Pubblicato nella G.U. 3 novembre 1987, n. 257.) IL MINISTRO DEI TRASPORTI

(Pubblicato nella G.U. 3 novembre 1987, n. 257.) IL MINISTRO DEI TRASPORTI Decreto Ministeriale - Ministero dei Trasporti - 2 ottobre 1987. "Caratteristiche funzionali e di approvazione dei tipi unificati di «autobus e minibus destinati al trasporto di persone a ridotta capacità

Dettagli

Carrelli per il trasporto e il

Carrelli per il trasporto e il Trasporti interni Carrelli per il trasporto e il sollevamento Classificazione dei carrelli Tipologie esistenti Caratteristiche e prestazioni Predisposizioni antinfortunistiche 2 2005 Politecnico di Torino

Dettagli

Art. 23: OBBLIGHI DEI - FABBRICANTI - FORNITORI OBIETTIVO SERVIZI PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

Art. 23: OBBLIGHI DEI - FABBRICANTI - FORNITORI OBIETTIVO SERVIZI PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SERVIZI PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SPSAL RE DISTRETTO REGGIO CENTRO SEDE di REGGIO EMILIA: Via Amendola, 2 Tel. 0522/335377 (Reggio Emilia, Albinea, Bagnolo, Cadelbosco Sopra, Castelnovo

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli

Servizio Antincendi e Protezione Civile. Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F.

Servizio Antincendi e Protezione Civile. Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F. Servizio Antincendi e Protezione Civile Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F. SCALE PORTATILI Riferimenti normativi: Il D. Lgs. 626/94

Dettagli

E M A N A. il seguente regolamento: Art. 1. Modifiche all articolo 9 del decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n.

E M A N A. il seguente regolamento: Art. 1. Modifiche all articolo 9 del decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 12 febbraio 2013, n. 31. Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente, in materia di veicoli eccezionali e trasporti in condizioni di eccezionalità, di

Dettagli

Circolare N. 117 del 2 Settembre 2015

Circolare N. 117 del 2 Settembre 2015 Circolare N. 117 del 2 Settembre 2015 La revisione delle macchine agricole Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, con il DM 20.5.2015 è stata recentemente disposta la revisione generale,

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE DIREZIONE GENERALE M.C.T.C. IV Direzione Centrale Div. 41 CIRCOLARE N. 104/95

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE DIREZIONE GENERALE M.C.T.C. IV Direzione Centrale Div. 41 CIRCOLARE N. 104/95 MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE DIREZIONE GENERALE M.C.T.C. IV Direzione Centrale Div. 41 CIRCOLARE N. 104/95 Prot. N. 1809/4110/0 D.C. IV n. A042 Roma, 31 maggio 1995 OGGETTO: Pneumatici per

Dettagli

LOGISTICA DEI RIFIUTI ED INCERTEZZE NORMATIVE

LOGISTICA DEI RIFIUTI ED INCERTEZZE NORMATIVE LOGISTICA DEI RIFIUTI ED INCERTEZZE NORMATIVE A cura del Dott. Giovanni Maione I veicoli per il trasporto dei rifiuti solidi constano, essenzialmente, di due parti: un autotelaio ed un cassone per il contenimento

Dettagli

MINISTERO DEI TRASPORTI. Decreto 17 dicembre 1987 n. 553. Gazzetta Ufficiale n. 13 del 18/1/1988

MINISTERO DEI TRASPORTI. Decreto 17 dicembre 1987 n. 553. Gazzetta Ufficiale n. 13 del 18/1/1988 MINISTERO DEI TRASPORTI Decreto 17 dicembre 1987 n. 553 Gazzetta Ufficiale n. 13 del 18/1/1988 Normativa tecnica e amministrativa relativa alle autoambulanze IL MINISTRO DEI TRASPORTI Visto il testo unico

Dettagli

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Staff Comandante Ufficio Informazioni Istituzionali Campagna di sensibilizzazione al Codice della Strada Ripassiamo il Codice.- Con l avvento della primavera, si incrementa l

Dettagli

ALBO NAZIONALE DELLE IMPRESE CHE EFFETTUANO LA GESTIONE DEI RIFIUTI

ALBO NAZIONALE DELLE IMPRESE CHE EFFETTUANO LA GESTIONE DEI RIFIUTI ALBO NAZIONALE DELLE IMPRESE CHE EFFETTUANO LA GESTIONE DEI RIFIUTI Deliberazione 27 settembre 2000, n. 4 Contenuti dell attestazione, a mezzo di perizia giurata, dell idoneità dei mezzi di trasporto di

Dettagli

Sicurezza e requisiti costruttivi delle macchine agricole

Sicurezza e requisiti costruttivi delle macchine agricole CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE SULL USO CORRETTO E SOSTENIBILE DEI PRODOTTI FITOSANITARI LE AZIONI DEI SERVIZI DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE DEL VENETO Sicurezza e requisiti costruttivi delle macchine

Dettagli

Roma, 24.3.2005. e, p.c.: prot. 302 /MOT1. Al Direttore Generale del SIIT per il Lazio, l Abruzzo e la Sardegna Sede. Alla CUNA.

Roma, 24.3.2005. e, p.c.: prot. 302 /MOT1. Al Direttore Generale del SIIT per il Lazio, l Abruzzo e la Sardegna Sede. Alla CUNA. DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI Direzione Generale per la Motorizzazione prot. 302 /MOT1 Al Direttore Generale del SIIT per il Lazio, l Abruzzo e la Sardegna Sede Ai Direttori SIIT settore Trasporti

Dettagli

istruttore di autoscuola

istruttore di autoscuola Standard formativo relativo alla formazione iniziale propedeutica per il conseguimento dell abilitazione e formazione periodica istruttore di autoscuola ai sensi Decreto ministeriale 26 gennaio 2011, n.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Avvertenza...» 8 Premessa alla quinta edizione...» 9 Abbreviazioni...» 13 Enti e sigle...

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Avvertenza...» 8 Premessa alla quinta edizione...» 9 Abbreviazioni...» 13 Enti e sigle... INDICE SOMMARIO Presentazione...................... pag. 7 Avvertenza........................» 8 Premessa alla quinta edizione..........» 9 Abbreviazioni......................» 13 Enti e sigle........................»

Dettagli

Quality Trailers. 2012 serie big trailers dumper

Quality Trailers. 2012 serie big trailers dumper Quality Trailers 2012 serie big trailers dumper Quality trailers SISTEMA ELETTRO-IDRAULICO DI STERZATURA DEGLI ASSI POSTERIORI SEGNALAZIONE EIMA 2004 RIMORCHIO PREDISPOSTO PER IMPIANTO FOTOVOLTAICO TELO

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

Specifica Tecnica ST 11-00 CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro SITFA tipo 146 Bis

Specifica Tecnica ST 11-00 CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA. Carro SITFA tipo 146 Bis Specifica Tecnica ST 11-00 CARRO TIPO 146 BIS ISTRUZIONI PER L UTILIZZO E AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 03/10/2008 pag. 1/23 SOMMARIO Carro SITFA tipo 146 Bis PROVVISORIO 03/10/2008 1.0 - INFORMAZIONI GENERALI...

Dettagli

Limiti di dimensione e di massa nel trasporto cose Limiti di dimensione Sagoma limite. Le dimensioni massime che un veicolo può raggiungere compreso il suo carico. Sagoma del veicolo Le dimensioni di ogni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E - Art.1 OggettO ed ambito di applicazione - Art.2 Definizioni - Art.3 OrariO e sosta dei veicoli riservata al

Dettagli

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti ALCOOL E DROGHE art. 86, comma e 7 art. 87, comma 7 e 8 Guidare in stato di ebbrezza Guida in condizioni di alterazione fisica e psichica

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

Autoscuola Marche - http://www.autoscuolamarche.com/

Autoscuola Marche - http://www.autoscuolamarche.com/ MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 8 gennaio 2013 (Modificato da DM 06/11/2013) Disciplina della prova di controllo delle cognizioni e di verifica delle capacità e dei comportamenti

Dettagli

Capitolo 7, 3 parte Il Veicolo

Capitolo 7, 3 parte Il Veicolo Capitolo 7, 3 parte Il Veicolo 10. Schede veicoli Masse complessive a pieno carico veicoli muniti di pneumatici, con carico unitario medio trasmesso all'area di impronta sulla strada non superiore a 8

Dettagli

Motoveicoli e autoveicoli d epoca e di interesse storico e collezionistico. ing.pietro Amadio Motorizzazione Civile

Motoveicoli e autoveicoli d epoca e di interesse storico e collezionistico. ing.pietro Amadio Motorizzazione Civile Motoveicoli e autoveicoli d epoca e di interesse storico e collezionistico Art. 60 C.d.S. Sono considerati appartenenti alla categoria di veicoli con caratteristiche atipiche i motoveicoli e gli autoveicoli

Dettagli

Vorrei effettuare la revisione presso la Motorizzazione Civile. Cosa devo fare?

Vorrei effettuare la revisione presso la Motorizzazione Civile. Cosa devo fare? Dove posso eseguire la revisione? la revisione può essere effettuata presso gli Uffici Provinciali della Motorizzazione Civile oppure (ma solo per veicoli di massa inferiore od uguale a 3, 5 tonnellate)

Dettagli

UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO *

UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO * UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO * Ai sensi dell art. 1803 del codice civile, approvato con R.D. 16 marzo 1942, n. 262, «il comodato è il

Dettagli