Le rivoluzioni scientifiche come scommessa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le rivoluzioni scientifiche come scommessa"

Transcript

1 1 Le rivoluzioni scientifiche come scommessa R.Migliorato PREMASSA Già dal titolo di questa conversazione si può intuire un riferimento a Kuhn ed al suo concetto di rivoluzione scientifica. Ed è effettivamente così, salvo il fatto, anch'esso annunciato nel titolo, di pensare al cambiamento di paradigma come una scommessa sulle maggiori possibilità che questo, rispetto ai paradigmi concorrenti, ha di conseguire successi nel futuro. Ed è in questo che si potrà vedere forse un riferimento a Feyerabend. Naturalmente cercherò di chiarire tutto questo, ma vorrei fare prima una premessa. Si osserverà probabilmente che in un convegno dedicato al futuro io mi soffermerò in massima parte sul passato, ripercorrendo momenti che ritengo significativi per la storia del pensiero scientifico, ed anche più in generale del pensiero tout cours. Ma credo che questa contraddizione sia solo apparente perché lo sforzo di delineare oggi, ciò che sarà, che potrà esser o che vorremmo che fosse domani, richiede l'impiego di tutte le risorse intellettuali accumulate nel tempo. Richiede dunque il nostro passato, richiede cioè la comprensione sempre più profonda di ciò che siamo, dei significati delle cose e dei problemi che abbiamo di fronte. I PARADIGMI E LE RIVOLUZIONI SCIENTIFICHE. Veniamo dunque al primo dei riferimenti contenuti nel titolo: il concetto di rivoluzione scientifica e quello soggiacente di paradigma. Come è noto lo storico e filosofo della scienza, Thomas Kuhn, si oppone alla tradizione positivista che ha dominato per tanto tempo il pensiero scientifico e che ancora oggi ha un peso non indifferente. Lo ha sicuramente nella opinione comune, cioè quella del cittadino qualsiasi di fronte alla conoscenza scientifica. Ma non è neppure assente nel mondo della ricerca, da parte di specialisti di questo o quel settore. Kuhn, dicevo, si oppone alla concezione positivista in tutte le sue forme, ed anzi considera ancora legato a questa concezione, lo stesso Popper che pure riteneva di aver preso le distanze dal neo-psitivismo o empirismo logico, rappresentano da scienziati e filosofi del primo Novecento, come Moritz Schlick, Rudolf Carnap, Kurt Gödel, Alfred Tarski, e i tanti altri che si riconoscevano nel circolo di Vienna. Quali sono i termini essenziali di questa contrapposizione? Vediamo innanzitutto i caratteri fondamentali che caratterizzano la tradizione positivista: 1. Precisa e netta demarcazione dell'indagine scientifica rispetto ad ogni altra forma di riflessione e di approccio alla conoscenza. 2. Rivendicazione di un ruolo privilegiato se non esclusivo del sapere scientifico, in quanto fondato su metodologie rigorose, chiaramente e oggettivamente definite, dunque in linea di principio non fallibili. 3. Rifiuto della metafisica e di ogni forma di approccio alla conoscenza non fondato su criteri scientifici. Assimilazione di ogni credenza pre-scientifica in un'unico grande insieme in cui confluiscono mito, supestizione, e spesso anche credenze religiose. 4. I fondamenti del metodo scientifico dovrebbero essere, da un lato il fatto oggettivo come prova di validità delle leggi fondamentali e la logica deduttiva come strumento di conoscenza dei fatti particolari. 5. Il punto più delicato riguarda però il rapporto tra l' enunciazione teorica di una legge, per sua natura sempre generale e astratta, e conferma sperimentale, che è riferita necessariamente a fatti singoli e individuali. Il processo che dai fatti individuali dovrebbe condurre alla conoscenza generale non può essere dunque che induttivo. Ma se la deduzione è garantita, fin dai tempi di Aristotele, da un apparato logico formale i cui passi sono tutti necessari e inconfu-

2 tabili (o almeno così sembra), cosa garantisce il punto di arrivo di un procedimento induttivo? Naturalmente all'interno di questo quadro generale si può trovare una grande variabilità e un'ampia articolazione nel tempo. Così, per esempio in origine sembrava possibile una metodologia sistematica volta ad isolare tutte le componenti e le variabili che intervengono in un fenomeno, ipotizzare tutte le possibili interrelazioni tra queste e quindi procedendo per esclusione pervenire a quell'unica possibilità che, essendo vera, dovrebbe essere confermata dalle prove sperimentali: cioè dai fatti. Un esempio paradigmatico è costituito dalla formulazione di leggi sui gas perfetti. Si vogliono spiegare i fenomeni connessi alla comprimibilità dei gas. Una serie di esperimenti mette in luce che vi è un legame tra pressione, temperatura e volume, mentre sono da escludere, come ininfluenti una serie di altri fattori e circostanze. A questo punto tenendo costante, per es. il volume, all'interno di un recipiente si varia la temperatura, misurando le corrispondenti variazioni di pressione e viceversa. Questa versione ottimistica del metodo scientifico, dopo apparenti successi, doveva però dimostrae tutta la sua inadeguatezza le effettive procedure che di volta in volta gli scienziati seguono per affrontare e risolvere problemi. Un'efficace e pungente rappresentazione satirica dell'induttivismo, concepito in questa versione, è data dalla nota storiella del tacchino induttivo di Russel L'originario ottimismo del positivismo induttivo in senso stretto, doveva dunque evolvere tra la fine dell'ottocento e l'inizio del Novecento, in qualcosa di apparentemente meno categorico, ma non privo, tuttavia, di ambizioni di oggettività oltre che di rigore. E' l'induttivismo probabilistico propugnato anche da Bertrand Russel. Dunque se è impossibile pervenire alla certezza assoluta circa la verità di una legge, può dirsi, secondo gli induttivisti probabilistici, che quanto maggiore è la quantità di conferme sperimentali, tanto maggiore è la sua probabilità di essere vera in generale. Una concezione questa, che fonda le proprie pretese di oggettività e rigore sulla teoria matematica delle probabilità. Tuttavia non riuscirà mai a costruire un soddisfacente raccordo tra il concetto vago e impreciso dell'essere probabilmente vero nel mondo dei fenomeni e l'esattezza, questa si, certamnte irrefutabile, ma astratta e priva di contenuti semantici. Della probabilità matematica si è discusso molto ma mi limito a ricordare che dopo la critica serrata De Finetti, l'idea di una probabilità oggettiva è stata definitivamente abbandonata. L'empirismo logico, o neopositivismo, come è stato chiamato il movimento che si raccoglieva attorno al circolo di Vienna, era invece qualcosa di molto più complesso che sembrava sfuggire ad ogni semplificazione di tipo realistico. Frutto di un pensiero maturo e profondo; che faceva tesoro da una parte di tutta l'elaborazione filosofica postcantiana, dall'altro delle rivoluzioni scientifiche del Novecento, dagli sviluppi della psicologia cognitiva, della logica-matematica, della semiotica. Volendo schematizzare al massimo, possiamo individuarne il nucleo nel La costruzione logica del mondo di Rudolf Carnap. Anche perché il titolo stesso contiene già, attraverso la parola costruzione, un'indicazione fondamentale del livello a cui si pone il pensiero neopositivista; quasi a sottolineare come il discorso costruisca consapevolmente i propri oggetti ideali, evitando ogni pronunciamento sulla verità in sé di un presunto mondo reale esistente e in é conoscibile. Sempre schematicamente possiamo riassumere dunque il pensiero di Carnap nella formula. Un'affermazione ha senso, ed è per ciò scientifica, se è suscettibile, con un opportuna catena di riduzioni, di essere tradotta o ad enunciati analitici, o ad enunciati osservativi. Come si vede qui la linea di demarcazione che distingue ciò che è scientifico da ciò che non lo è, non non è nell'essere vero oppure no, ma piuttosto nella possibilità di essere o logicamente analizzato, se è riducibile a enunciati analitici, o di essere confrontato, nel caso opposto, con precisi 2

3 protocolli osservativi, il cui significato e la cui veridicità appartiene in qualche modo ad un livello sottostante. Esaminiamo a questo scopo tre esempi tra loro abbastanza diversi perché il primo riguarda una delle scienze cosiddette dure come la fisica, l'altro la medicina, scienza non esatta ma unanimemente riconosciuta, il terzo la psicoanalisi, una scienza partcolarmente discussa e non sempre riconosciuta come tale. Tutte pur nella loro diversità si trovano però ad essere accomunate se guardate sotto questo punto di vista. Il primo esempio è quello della legge di conservazione dell'energia nella meccanica classica. L'apparato teorico della meccanica non comprende infatti nessuna descrizione oggettiva dell'energia come entità reale, ma solo delle formule matematiche in cui entrano in gioco vari parametri, quali massa tempo, coordinate spaziali. Il calcolo su queste formule consente di dedurre valori di alcuni parametri in funzione di altri e quindi di esprimere i risultati in termini di osservazioni strumentali. Lo sperimentatore, d'altra parte, attraverso una serie di operazioni effettuate in laboratorio produce dei protocolli osservativi da mettere a confronto con le previsioni teoriche. In tal modo le teoria, con le sue previsioni viene messa a confronto non già con una realtà in quanto tale, ma con dei protocolli di laboratorio, che, una volta prodotti, non sono più oggetti di un mondo reale ma espressioni linguistiche, nello stesso linguaggio della teoria e quindi con essa confrontabili. Il secondo esempio parte dal concetto stesso di malattia. Nella pratica professionale di un medico vi è una varietà di esperienze mai rigorosamente confrontabili tra di loro e quindi non suscettibili in sé di diventare scienza se non attraverso il concetto astratto di malattia, che non è mai lo stato effettivo di questo o quel paziente, ma un'entità ideale, descrivibile in astratto mediante la compresenza di un insieme di elementi caratterizzanti. Supponiamo che tra questi vi sia: il paziente accusa forti dolori addominali. Si badi che qui l'elemento caratterizzante non è il dolore addominale in sé, che necessariamente è una sensazione soggettiva dei pazienti e nessuno sperimentatore può verificarla. L'elemento con cui le affermazioni teoriche dovranno misurarsi è invece il fatto che il paziente accusa..., dunque ancora una volta un'espressione linguistica nello stesso linguaggio della teoria. Né le cose cambiano quando al posto di un protocollo di anamnesi ne poniamo uno che deriva da esami di laboratorio. Il terzo esempio riguarda il ricordo in psicanalisi. Che si tratti di ricordare i sogni oppure fatti e pensieri della propria infanzia, ciò che importa non è che il sogno effettivamente sognato abbia avuto davvero i contenuti che il paziente dichiara di ricordare, né tanto meno che i fatti ricordati siano realmente avvenuti in tempo reale di un presunto mondo reale. Anche qui il termine di confronto è quello che si ha tra apparato teorico e protocolli terapeutici. Dunque tra espressioni di uno stesso linguaggio i cui oggetti designati sono sempre entità astratte. Il momento di confronto tra scienza e mondo reale viene invece rinviato ad un diverso livello, quello della prassi e dell'uso della scienza. E' per ciò che Carl Popper, nel prendere le distanze dal neopositivismo lo fa con uno spostamento su un terreno che è pare essere più pragmatico rispetto alle posizioni di Carnap. Popper critica infatti la pretesa che le prove sperimentali, costituite sempre da fatti singoli, possano verificare leggi e teorie generali. Se voglio la verifica sperimentale dell'enunciato tutti i corvi sono neri, per quante esperienze io faccia, il fatto che tutti i corvi osservati risultino effettivamente neri, non prova ancora la verità generale dell'enunciato. Solo la falsificazione di un enunciato è possibile, perché in per falsificarla è sufficiente un solo caso negativo. Da qui la proposta di Popper di utilizzare il criterio della falsificabilità per distinguere gli enunciati scientifici, da quelli che non essendo falsificabili in linea di principio, si dovrebbero considerare privi di contenuto empirico. Nessun controllo sperimentale è possibile su un'enunciato non falsificabile, ci si può credere o non credere indifferentemente da qualunque cosa avvenga e da qualunque esperienza si faccia. Una critica, quella di Popper, certamente valida, a condizione però che le formulazioni neopositiviste siano guardate al livello pragmatico del loro confronto con la realtà fattuale, e non invece non 3

4 come sembrano delinearle Carnap o Gödel, cioè nella loro veste rigorosamente formale, dove i significati sono sospesi, e non ha senso quindi parlare di vero o di falso e dunque di verificazione e falsificazione.... Credo che questa sia una premessa importante per comprendere il mio punto di vista sui concetti di paradigma e di rivoluzione scientifica introdotti da Thomas Kuhn. In La struttura delle rivoluzioni scientifiche, Kuhn parte da una semplice osservazione. Nessun ricercatore, nessuno scienziato si pone come obiettivo quello di falsificare teorie come vorrebbe Popper. Un'osservazione semplice e certamente valida che pero, se presa alla lettera va oltre il segno. Penso infatti che anche Popper non credesse in senso letterale che i singoli ricercatori si ponessero volutamente questo come obiettivo. Mi sembra invece che sia piuttosto la metafora di un processo collettivo attraverso. E' come se gli scienziati tendessero alla ricerca di esperimenti che falsificano una teoria, perché allora e solo allora, secondo Popper si produce un progresso scientifico. Poichè la falsificazione sarebbe l'unica certezza possibile, la scoperta di ciò che è falso dovrebbe già essere di per sé un aumento di conoscenza. Ma ciò che è più importante è il fatto che la falsificazione di una teoria dovrebbe mettere in campo una nuova teoria più comprensiva della precedente. Capace di spiagare sia ciò che la teoria precedente spiegava ed in più anche ciò che l'ha rivelata falsa. L'affermazione di Kuhn va dunque letta come negazione del fatto stesso che il progresso scientifico si identifichi con la falsificazione di una teoria, anzi con il raggiungimento di una qualunque certezza sia pure di segno negativo. E poiché Kuhn è storico della scienza prima di esserne filosofo, il nucleo centrale della sua critica a Popper sta nel negare che mai nella storia il passaggio da una visione scientifica ad una più avanzata si sia mai verificata attraverso la falsificazione di un'ipotesi o di una teoria. Anzi la falsificazione è secondo Kuhn impossibile! Qui io voglio portare almeno un esempio tratto dalla storia della cosmologia. Newton aveva provato come assumendo la legge di gravitazione assieme alle leggi della meccanica, si poteva spiegare il moto ellittico di un pianeta attorno al sole, secondo quanto previsto dalle leggi di Keplero. Misurazioni più accurate avevano poi rilevato anomalie rispetto a questa legge. Ma fin qui è stato facile spiegarle con le interazioni reciproche tra gli stessi pianeti. Ma anche tenendo conto di questo, il moto di Saturno, nella sua parte più esterna, presentava anomalie apparentemente inspiegabili. Era una falsificazione della legge di Newton? Sarebbe stata una conclusione logicamente possibile, ma come sempre avviene si preferì ipotizzare l'influenza di qualcosa di sconosciuto: nel caso specifico un altro pianeta. Che fu pi scoperto ed ebbe il nome di Nettuno. La cosa si ripeté poi con Urano e Plutone. Ebbene, il fatto è che può avvenire ed avviene sempre quando l'esperimento o l'osservazione di fenomeni dà luogo a fatti diversi da quelli teoricamente previsti. Il fatto cioè che invece di dichiarare falsa l'ipotesi scientifica si preferisce ipotizzare l'influenza di qualche agente sconosciuto. Ma fino a quando. Il limite del falsificazionismo di Popper sta proprio nell'incapacità di individuare il confine oltre il quale non sia più possibile cercare giustificazioni ad hoc e sia necessario dichiarare falsa l'ipotesi teorica. Centrali nella visione di Kuhn appaiono invece i concetti di paradigma scientifico e scienza normale. Egli sostiene infatti che la comunità degli scienziati, in condizioni normali tendono a risolvere problemi specifici all'interno di un linguaggio e di un paradigma già consolidato e generalmente accettato nella comunità. Le apparenti contraddizioni tra teoria e modalità con cui si svolgono i fenomeni costituiscono appunto i problemi da risolvere e gli scienziati lo fanno, in periodo di scienza normale utilizzando metodi e concetti che si sono già rivelati utili permettendo di risolvere altri problemi entro lo stesso quadro teorico. Le rivoluzioni scientiche, che punteggiano lo sviluppo della scienza normale, si producono quando si accumula una quantità di problemi che non si riesce sa risolvere in modo soddisfacente all'interno dello stesso paradigma. Ma la scienza è per sua natura conservatrice e dogmatica. E deve esserlo, pena il dissolvimento del rigore scientifico. E' su questo che fondamentalmente si polarizza la polemica che ha visto contrap- 4

5 porsi Thomas Kuhn e Paul Feyerabend, il primo autore di Dogma contro critica e il secondo autore Critica contro dogma. La proposta innovativa, di un paradigma nuovo e rivoluzionario prende sempre l'avvio o da giovani ricercatori o comunque da ricercatori che sono comunque nuovi a quell'ambito di ricerca. In ogni caso non condizionati da una concezione profondamente radicata. Due esempi paradigmatici a questo proposito sono i casi di Albert Einstein all'inizio de Novecento e di Evarist Galois nella metà dell'ottocento. Il senso di tali esempi non sta solo ne tanto nell'indiscutibile genialità dei due allora giovani studiosi, ma dal rapporto con le non meno straordinarie personalità con cui si sono dovuti confrontare. Nel 1905 quando Einstein pubblicò i suoi primi articoli sulla relatività, era solo un giovane e oscuro impiegato dell'ufficio brevetti che si preparava a sostenere l'esame di dottorato. Contemporaneamente uno dei più prestigiosi e geniali scienziati del momento, Henri Poincaré, pubblicava una serie di opere a carattere filosofico da cui traspare assieme alla piena consapevolezza delle difficoltà e degli elementi di crisi in atto nella fisica classica, anche una chiara visione delle vie che potrebbero seguite, nonché gli strumenti culturali per seguirle. Perché allora non fa lui il grande passo? Non è un mistero perché è lui stesso a spiegarlo in la scienza e l'ipotesi e forse più esplicitamente in il valore della scienza. E' quando egli dice che una visione scientifica come quella della geometria euclidea, o della meccanica classica non deve essere abbandonata se non quando non è più possibile salvarla con aggiustamenti, anche quando teorie radicalmente alternative potrebbero apparire risolutive. Si vede da qui il peso della tradizione, la forza del paradigma consolidato. Che invece viene con assoluta leggerezza violato da chi di questa tradizione non è ancora interamente imbevuto. Ancora più significativo è il caso di Evarist Galois, considerato oggi il precursore dell'algebra moderna. Ma allora era solo uno studente d'ingegneria morto a 22 anni e che non era neppure considerato particolarmente brillante dai suoi professori. Il suo antagonista, quello che con sufficienza e disprezzo aveva respinto il manoscritto da lui presentato, era certamente tra i più grandi matematici del Novecento. La sua opera costituisce un vero monumento per quantità e qualità. Fu il primo che diede basi rigorose e inattaccabili all'analisi infinitesimale. Ma in questo caso chi aveva ragione. La mia risposta può apparire paradossale! Al momento dei fatti aveva pienamente ragione Cauchy; dopo l'avrebbe avuto Galois. E tutto ciò semplicemente per un cambiamento di paradigma. Le ragioni di Cauchy erano forti, erano fondate ed erano profonde. Riguardavano il difficile e arduo passaggio tra infinito potenziale e infinito in atto. I metodi disinvolti di Galois dovevano dimostrarsi fecondi al punto da rivoluzionare i fondamenti della matematica. Ma Galois non lo sapeva, ciò non toglie nulla alla sua genialità, anzi forse la accresce, ma è certo che egli semplicemente ignorava le ragioni di Cauchy. Dunque la scienza procede tra dogma da una parte ed eresia dall'atra, tra conservazione e rivoluzione. Due polarità. Ma sbaglieremmo a pensare uno di questi due poli come posivo e l'altro negativo. Il fatto è che la scienza procede, si conserva si riproduce e si rinnova solo nella dialettica tra questi due poli. Altrimenti sarebbe la disgregazione oppure la stagnazione. Ricooro ad un esempio banale Nella provincia di Messina,... Siamo quindi arrivati al punto centrale. Se la scienza cresce e si sviluppa attraverso un processo dialettico tra un polo dogmatico e uno uno eretico-eversivo, cosa garantisce la legittimità scientifica, di un'ipotesi, di un'affermazione, di una teoria, dello stesso paradigma che dopo un periodo di scontro si afferma per essere poi soppiantato da un altro? La maggiore capacità di risolvere problemi. Indubbiamente. Ma che problemi? Con che tipo di soluzioni? Ancora una volta ci si trova di fronte a un muro di contraddizioni e di ambiguità. Perché un problema espresso in un dato linguaggio può perdere significato quando si prova esprimerlo nel linguaggio di un nuovo paradigma. E così anche la nuova soluzione ora soddisfacente, può non esserlo più se cambia il quadro concettuale. Così per 5

6 esempio molti problemi di tipo deterministico sono del tutto privi di significato in meccanica quantistica e il concetto di contemporaneità è sostanzialmente ribaltato nelle teorie relativistiche. Allora ripeto la domanda: cosa decreta la legittimità di una nuova ipotesi o di un nuovo paradigma. La risposta a posteriori può essere molto semplice, perfino scontata: il successo. L'aumento progressivo della durata e della qualità della vita, assieme alla scomparsa o quasi di alcune malattie, sicuramente fornice una complessiva legittimazione forte ai paradigmi della medicina moderna. Così come le straordinarie ricadute tecnologiche nel campo della microelettronica costituisce la più formidabile legittimazione della fisica quantistica. Ma ripeto:, tutto ciò è a posteriori. Cosa può orientare invece gli indirizzi di ricerca verso nuovi paradigmi? Cosa mi fa dire che un indirizzo di ricerca può essere più promettente di un altro. Quale Cauchy di turno deve censurare le ricerche di questo Galois, negandogli risorse per assegnarle a quell'altro? Qui occorre dire che qualunque scelta si faccia non può che essere una scommessa. E questo ci richiama un altro nome dell'epistemologia contemporanea: quello di Paul Feyerabend. Ma ciò che più mi preme è di capire in che senso e in che modo può risolversi la scommessa su un indirizzo di ricerca. A meno che non si intenda per scommessa l'affidarsi al caso come nel gioco della roulette. Ma questo non è certamente auspicabile e non ciò a cui voglio arrivare. Affronteremo allora quest'ultima questione con un passo indietro. Io credo che sebbene Kuhn si sia posto come il più radicale punto di rottura con la tradizione positivista, includendo in questa lo stesso Popper, tuttavia la sua visione della scienza potrebbe recuperare qualche punto importante dell'empirismo logico dell'empirismo logico di Carnap. Un punto importante che appariva invece appannato e in qualche modo emarginato nel falsificazionismo di Popper. Si tratta proprio della distinzione tra la dimensione linguistico-formale dei paradigmi scientifici e la loro valenza pragmatica entro cui la scienza viene vista dall'esterno, viene utilizzata e in definitiva acquista quei significati per cui non è solo più o meno valida o accattivante ma essenziale per il nostro stare al mondo. A tale scopo è interessante richiamare la polemica di Carnap nei confronti della metafisica e in modo particolare lo scontro vivace e non privo di coloriture politiche tra lui e Hedigger. Richiamando quanto ho già detto prima, Carnap negava qualunque valore e relegava al rango di falso problema tutto ciò che non poteva essere definito con chiarezza e che non potesse ricevere una chiara risposta affermativa o negativa in termini logici o di protocollo osservativo. Dunque rigetto totale della metafisica. Heidegger cercava invece in qualche modo, se non di riesumare la metafisica nella sua forma tradizionale, almeno di riempirne il vuoto con qualcosa che potesse dar senso alle tante domande non riducibili al piano logico formale. Per Hedegger, dunque, aveva ragion d'essere anche il discorso ambiguo ed oscuro com'è il caso per esempio di una frase: anche il nulla nullifica divenuta famosa perché presa così duramente di mira da Carnap, fino al punto da farne l'esempio paradigmatico della sua polemica. A questo proposito ritengo interessante citare un osservazione di Friedman in cui egli dice:... tra Heidegger e Carnap sussiste di fatto un notevole accordo. Il pensiero 'metafisico' come quello che Heidegger vuole risvegliare è possibile soltanto sulla base di una preliminare rinuncia all'autorità e al primato della logica e delle scienze esatte. La differenza è che Heidegger accetta con entusiasmo siffatta rinuncia, mentre Carnap è determinato a resistervi ad ogni costo Una scelta dunque tra due termini che appaiono immediatamente inconciliabili, ma solo a condizione che ciascuno dei due punti di vista pretenda di dare del mondo una rappresentazione esclusiva o almeno privilegiata. Ho già sostenuto altrove un punto di vista diverso, secondo cui la rappresentazione scientifica del mondo, fatta di esattezza e precisione, può coesistere con altri approcci diversi, a diversi livelli e in diversi momenti dell'elaborazione culturale. Ma non solo (ed è questo il punto più significativo che voglio sottolineare)! Quelle forme di conoscenza e di rappresentazione del mondo che qui, per contrapposizione all esattezza formale della scienza, chiamerò convenzionalmente oscure, sono intrin- 6

7 secamente legate ai processi di crescita della stessa conoscenza scientifica e, per ciò stesso, ineliminabili, pena l arresto di ogni possibile significativa evoluzione dell'impresa scientifica. In altri termini il discorso scientifico si svolge all'interno di un paradigma altamente formalizzato, nel quale i significati del senso comune sono sempre più allontanati fino a lasciare, nei casi estremi,, un puro apparato sintattico. Come avviene per esempio nella matematica del Novecento, ma non solo. Si pensi alle teorie sulla struttura della materia. Direi anzi, in ultima analisi, che tutte le scienze moderbne, anche quando nel loro linguaggio usano termini del linguaggio comune, in realtà si riferiscono ad entità puramente formali definite solo dagli enunciati teoretici che li riguardano. Ho già fatto l'esempio della medicina, ma cos'è l'homo economicus dell'economia o l'individuo medio delle scienze statistiche? Ma fino a quando la scienza formale non viene a fare i conti con il livello soggiacente, pre-scientifico e informale, in cui le parole e i segni assumono significati, anche se non sempre chiari e non sempre univoci, allora davvero la scommessa di un paradigma diventa un gioco al tappeto verde del casinò. Ecco allora trovato il terreno in cui si gioca la scommessa dei nuovi paradigmi e delle rivoluzioni scientifiche. Tutto ciò non è privo di conseguenze nella determinazione del futuro, se crediamo che la scienza abbia un ruolo decisivo nella sua determinazione. 7 Bibliografia R Carnap, La costruzione logica del mondo, Milano, 1979 D. Gillis, G. Giorello, La filosofia della scienza nel XX secolo. I. Lakatos, A. Musgrave (a cura di) Critica e crescita della conoscenza, Milano, 1976 R. Migliorato, la rivoluzione euclidea e i paradigmi scientifici nei regni ellenistici, Incontri Mediterranei

Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn

Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn Martina Aicardi Kliton Marku Classe 4H Docente coordinatore Prof. Bellonotto Liceo Scientifico O. Grassi Savona, 21 maggio 2013

Dettagli

I LICEO prof. Francesco Barberis

I LICEO prof. Francesco Barberis I LICEO prof. Francesco Barberis Ma guardare che cosa? La REALTA,, i FENOMENI Nel tentativo di coglierne i nessi, i meccanismi, le funzioni e quindi, in ultimo, di coglierne il VERO Il bello è lo splendore

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

La conoscenza scientifica secondo Karl Popper

La conoscenza scientifica secondo Karl Popper La conoscenza scientifica secondo Karl Popper Manlio De Domenico Università degli studi di Catania In quanto le proposizioni della scienza si riferiscono alla realtà, in tanto non sono certe; e in quanto

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

SINCRONICITÀ autori vari

SINCRONICITÀ autori vari SINCRONICITÀ autori vari La sincronicità è un termine introdotto da Carl Jung nel 1950 per descrivere una connessione fra eventi, psichici o oggettivi, che avvengono in modo sincrono, cioè nello stesso

Dettagli

GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642)

GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642) GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642) Opere maggiori: - Sidereus nuncius 1610 - Il Saggiatore 1623 - Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo 1632 - Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

Ipotesi scientifiche ed evidenze osservative

Ipotesi scientifiche ed evidenze osservative Temi filosofici dell ingegneria e della scienza /Informatica B[1] Politecnico di Milano, II Facoltà di ingegneria, a.a. 2009-10 Ipotesi scientifiche ed evidenze osservative Viola Schiaffonati Dipartimento

Dettagli

Nuove prospettive in psicologia clinica e in psicoterapia La svolta paradigmatica Marco Inghilleri

Nuove prospettive in psicologia clinica e in psicoterapia La svolta paradigmatica Marco Inghilleri Nuove prospettive in psicologia clinica e in psicoterapia La svolta paradigmatica Marco Inghilleri L epistemologia applicata alla psicologia clinica La riflessione epistemologica in Psicologia clinica

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

2. Il problema del metodo

2. Il problema del metodo 2. Il problema del metodo 2.1 Lo sviluppo del pensiero filosofico-scientifico tra Cinque e Seicento porta in primo piano il problema del metodo, vero e proprio filo continuo tra vari pensatori che pure

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

1. Il metodo scientifico

1. Il metodo scientifico Psicologia generale Marialuisa Martelli Metodi di Ricerca 1. Il metodo scientifico! Il metodo scientifico: processo fondato sulla raccolta attenta delle prove attraverso descrizioni e misurazioni precise,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO Via Pertini, 1 73020 UGGIANO LA CHIESA (LE) tel 036 17370 fax 036 14535 LEIC4300C@istruzione.it www.comprensivouggiano.it codice

Dettagli

Logica e Filosofia della Scienza M-Z

Logica e Filosofia della Scienza M-Z Logica e Filosofia della Scienza M-Z A.A. 2012-2013 Edoardo Datteri edoardo.datteri@unimib.it INFORMAZIONI GENERALI SUL CORSO Date Inizio: 6 marzo 2013 Fine: giovedì 30 maggio 2013 Orario e aule: Mercoledì

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 La Rete di Andrea Morniroli Premessa In questi ultimi anni è cresciuta

Dettagli

BREVISSIMA INTRODUZIONE ALLA FILOSOFIA DELLA SCIENZA

BREVISSIMA INTRODUZIONE ALLA FILOSOFIA DELLA SCIENZA Roberto Festa Corso di Filosofia della scienza Anno Accademico 2006-2007 BREVISSIMA INTRODUZIONE ALLA FILOSOFIA DELLA SCIENZA Indice Introduzione Capitolo primo. Uno sguardo sulla filosofia della scienza

Dettagli

Errori cognitivi, probabilità e decisioni mediche nella diagnostica di laboratorio. M. Besozzi - IRCCS Istituto Auxologico Italiano

Errori cognitivi, probabilità e decisioni mediche nella diagnostica di laboratorio. M. Besozzi - IRCCS Istituto Auxologico Italiano Errori cognitivi, probabilità e decisioni mediche nella diagnostica di laboratorio M. Besozzi - IRCCS Istituto Auxologico Italiano L argomento... Errori cognitivi Il problema gnoseologico Dati, informazione

Dettagli

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno.

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. MATRIARCATO La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. Matriarcato: non passa giorno senza che qualcosa venga proposto su questo argomento, sia esso un articolo su una rivista

Dettagli

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840.

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. PENSIERO DI LENIN Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. Articolo datato 6 gennaio 1923 e pubblicato sulla «Pravda» del 27 gennaio 1923. ******

Dettagli

SEMIOTICA DEI NUOVI MEDIA L IMPLICITO

SEMIOTICA DEI NUOVI MEDIA L IMPLICITO SEMIOTICA DEI NUOVI MEDIA L IMPLICITO Per definizione implicito è ciò che viene comunicato, senza venir asserito esplicitamente. La maggior parte della nostra comunicazione si basa su processi e contenuti

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' i n e r z i a d e l l ' e n e r g i a L'inerzia dell'energia Questa è la denominazione più corretta, al posto della consueta equivalenza massa energia. Einstein

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Gli obiettivi specifici di apprendimento della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado. M.Marchi Università Cattolica - Brescia

Gli obiettivi specifici di apprendimento della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado. M.Marchi Università Cattolica - Brescia Gli obiettivi specifici di apprendimento della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado M.Marchi Università Cattolica - Brescia L insegnamento della matematica nella scuola della riforma 16

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

LA COMPETENZA SCIENTIFICA OSSERVAZIONE 1

LA COMPETENZA SCIENTIFICA OSSERVAZIONE 1 OSSERVAZIONE 1 Dal documento finale del sottogruppo scientifico della commissione De Mauro, nel gennaio 2003 : Si constata, tuttavia, sia nella popolazione adulta che tra i giovani, un sempre più diffuso

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO Tamara Mazzoleni Convegno C.e.s.c. Lombardia Formatori in rete Costruzione di un percorso. Formazione generale

Dettagli

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio)

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La figura del mediatore culturale è nata negli anni sulla base di precise esigenze,

Dettagli

3.3. La revisione dell esperimento di Michelson e Morley

3.3. La revisione dell esperimento di Michelson e Morley 3.3. La revisione dell esperimento di Michelson e Morley Negli ultimi due anni di vita, dal 1918 al 1920, Righi si dedicò quasi esclusivamente ad un riesame critico minuzioso dell esperimento di Michelson

Dettagli

questa scienza? La sua natura e i suoi metodi

questa scienza? La sua natura e i suoi metodi Che cos è questa scienza? La sua natura e i suoi metodi di Alan F Chalmers Marisa Michelini Storia per la didattica scientifica Itinerario storico nella didattica Argomentazione critica di ipotesi alternative

Dettagli

Come studiare matematica

Come studiare matematica Come studiare matematica Consigli pratici sul metodo di studio Se l uomo non sapesse di matematica non si eleverebbe di un sol palmo da terra. Galileo Galilei Docente di Matematica e Informatica Istituto

Dettagli

IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero

IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero Contenuti: - Concetto di macchina termica - Significato di rendimento di una macchina termica - Il Postulato

Dettagli

2. Semantica proposizionale classica

2. Semantica proposizionale classica 20 1. LINGUAGGIO E SEMANTICA 2. Semantica proposizionale classica Ritorniamo un passo indietro all insieme dei connettivi proposizionali che abbiamo utilizzato nella definizione degli enunciati di L. L

Dettagli

Matematica PRIMO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE

Matematica PRIMO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Attacchi di panico : cosa ci dicono della contemporaneità

Attacchi di panico : cosa ci dicono della contemporaneità S Novarese Attacchi di panico : cosa ci dicono della contemporaneità Gli attacchi di panico sono in aumento, lo dicono le statistiche e ne riceviamo echi nei nostri studi. Anche altri fenomeni patologici

Dettagli

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia a cura di Cristian Fabbi La riflessione sul tema dei diritti ha portato alcune consapevolezze che, per altro, già erano diffuse tra noi, ma che ora

Dettagli

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo Statistica 1 Esercitazioni Dott. 1 1 Dipartimento di Scienze Statistiche e Matematiche S. Vianelli, Università di Palermo ricevimento: lunedì ore 15-17 mercoledì ore 15-17 e-mail: luigi.augugliaro@unipa.it

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Susan Petrilli Il libro di Augusto Ponzio La dissidenza cifrematica è un vero e proprio esercizio di traduzione, nel senso non tanto interlinguale, come passaggio

Dettagli

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello Pagina 1 di 6 Materia FISICA (secondo biennio) Anno Scolastico 2015-2016 Componenti del Consiglio di Materia: Docente Prof. Serafino Maria Antonia (Coordinatore di Materia) Prof. Adobbati Mauro Prof. Baderna

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

LOGICA E LINGUAGGIO. Caserta, 21 febbraio 2011. Dott. Michele Bovenzi

LOGICA E LINGUAGGIO. Caserta, 21 febbraio 2011. Dott. Michele Bovenzi LOGICA E LINGUAGGIO Caserta, 2 febbraio 2 Dott. Michele Bovenzi Una breve introduzione La logica nasce nell antichità come disciplina che studia i principi e le regole del ragionamento, ne valuta la correttezza

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Frege. I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918)

Frege. I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918) Frege I fondamenti dell aritmetica (1884) Senso e significato (1892) Funzione e concetto (1892) Il pensiero Una ricerca logica (1918) Frege 1892 (A) Aristotele è il maestro di Alessandro Magno (B) Aristotele

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

CONSIDERAZIONI SUL RAGIONAMENTO

CONSIDERAZIONI SUL RAGIONAMENTO CONSIDERAZIONI SUL RAGIONAMENTO Luca Cilibrasi Matteo Pascucci Mariana Colucci Mirian Frances Garcia Lavoro per il corso di psicologia cognitiva di Scienze della Comunicazione Siena 2009 - con i docenti

Dettagli

Di media non ce n è una sola!

Di media non ce n è una sola! Di media non ce n è una sola! Livello scolare: 1 biennio Abilità interessate Calcolare i principali valori medi per caratteri quantitativi. Conoscenze Proprietà dei principali valori medi. Nuclei coinvolti

Dettagli

I FONDAMENTI DELLA MATEMATICA

I FONDAMENTI DELLA MATEMATICA I FONDAMENTI DELLA MATEMATICA Concettina Gaccetta 1 Sunto: La scoperta delle geometrie non euclidee ha dimostrato la possibilità di formulare più teorie ugualmente coerenti, riferite agli stessi enti matematici.

Dettagli

Funzioni funzione dominio codominio legge argomento variabile indipendente variabile dipendente

Funzioni funzione dominio codominio legge argomento variabile indipendente variabile dipendente Funzioni In matematica, una funzione f da X in Y consiste in: 1. un insieme X detto dominio di f 2. un insieme Y detto codominio di f 3. una legge che ad ogni elemento x in X associa uno ed un solo elemento

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

Esistenza di Dio L'esistenza di Dio non è provata secondo i canoni attuali della scienza, né lo è il contrario. Benché l'esistenza di Dio non sia logicamente incompatibile con le conoscenze scientifiche

Dettagli

IL CONCETTO DI MODELLO

IL CONCETTO DI MODELLO Titolo: IL CONCETTO DI MODELLO Autore: Elisabetta Caroti Percorsi didattici associati: 1. Investigazioni sul modello particellare 2. Alziamo gli occhi al cielo 3. L'universo in una stanza AVVERTENZA: Le

Dettagli

20 ottobre 2014 Le Ricerche filosofiche I, 80-100 Le Ricerche filosofiche 101-133: regole e confini, la filosofia come attività e 21 ottobre 2014

20 ottobre 2014 Le Ricerche filosofiche I, 80-100 Le Ricerche filosofiche 101-133: regole e confini, la filosofia come attività e 21 ottobre 2014 Università di Bologna Dipartimento di Filosofia e comunicazione Corso di Filosofia del linguaggio LM 2014/15 l ultima foto di Ludwig Wittgenstein 3ª settimana per i corsi di laurea in Semiotica (6 o 12

Dettagli

Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014

Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014 Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014 Docente: Frank Ilde Materia: Matematica Classe: 1^ASA 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi educativo-cognitivi generali che sono stati

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli

Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433.

Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433. Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433. Il volume si presenta come un manuale di introduzione alla teoria della sintassi per studenti universitari di

Dettagli

La chimica e il metodo scientifico. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

La chimica e il metodo scientifico. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti La chimica e il metodo scientifico Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti INTRODUZIONE (I) VIDEO INTRODUZIONE (II) VIDEO INTRODUZIONE (III) Fino alla fine del settecento, la manipolazione dei metalli, degli

Dettagli

cata e permettere all individuo di assimilare con tutto se stesso una verità difficile da accettare.

cata e permettere all individuo di assimilare con tutto se stesso una verità difficile da accettare. Prefazione In quest ultimo ventennio l interesse della psicologia per temi che riguardano la coppia è andato sempre più crescendo. È un argomento che ha sempre appassionato gli studiosi del settore e credo

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

Il Secondo Principio della Termodinamica di Antonio Covello

Il Secondo Principio della Termodinamica di Antonio Covello Il Secondo Principio della Termodinamica di Antonio Covello La termodinamica è il primo esempio di scienza fisica che si differenzia dalla meccanica newtoniana La sua nascita è legata allo sviluppo delle

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

La sicurezza delle tende da interno

La sicurezza delle tende da interno La sicurezza delle tende da interno A cura dell avv. Filippo Cafiero Generalmente quando ci si sofferma a ragionare di sicurezza di tende da interni l attenzione e il pensiero, anche da parte degli operatori

Dettagli

La probabilità frequentista e la legge dei grandi numeri

La probabilità frequentista e la legge dei grandi numeri La probabilità frequentista e la legge dei grandi numeri La definizione di probabilità che abbiamo finora considerato è anche nota come probabilità a priori poiché permette di prevedere l'esito di un evento

Dettagli

LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE

LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE Nota a cura del prof. Francesco Paoletti, Università di Milano - Bicocca Release 1.0, settembre 2005 Indice Introduzione 1. Le tipologie di tesi 2.

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

La superiorità dello spazio (?)

La superiorità dello spazio (?) La superiorità dello spazio (?) Giuseppe Sindoni È facile immaginare un linguaggio che consista soltanto in informazioni e ordini dati in combattimento. - O un linguaggio che consista soltanto in domande

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

RAZIONALITA APERTA E VALORI: DEFINENDO LE NUOVE SFIDE DELL UMANITA. di Graziano Terenzi 1

RAZIONALITA APERTA E VALORI: DEFINENDO LE NUOVE SFIDE DELL UMANITA. di Graziano Terenzi 1 RAZIONALITA APERTA E VALORI: DEFINENDO LE NUOVE SFIDE DELL UMANITA di Graziano Terenzi 1 La tesi sostenuta in questo lavoro è che la complessità e il dinamismo intrinseci del sistema mondiale contemporaneo

Dettagli

Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo. Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione

Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo. Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione S.I.S.S.I.S. - Indirizzo 2 Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione Erasmo Modica erasmo@galois.it Giovanna

Dettagli

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO Numero Terzo Novembre 2007 Editoriale http://www.humana-mente.it Biblioteca Filosofica 2007 - Humana.Mente, Periodico trimestrale di Filosofia, edito dalla

Dettagli

Insegnare ad argomentare nella scuola di base: esperienze e riflessioni sulla formazione degli insegnan7

Insegnare ad argomentare nella scuola di base: esperienze e riflessioni sulla formazione degli insegnan7 Insegnare ad argomentare nella scuola di base: esperienze e riflessioni sulla formazione degli insegnan7 Paolo Boero Scuola di Scienze Sociali e Dipartimento di Matematica Università di Genova Contenuto

Dettagli

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE RELAZIONE DI ADRIANA BOVE INTRODUZIONE Il sistema brevettuale europeo appare fondato su vari principi. Alla previsione, contenuta nell art. 52, I comma CBE, secondo cui un invenzione per essere brevettabile

Dettagli

Cenni di logica & algebra booleana

Cenni di logica & algebra booleana Cenni di algebra booleana e dei sistemi di numerazione Dr. Carlo Sansotta - 25 2 Parte Cenni di logica & algebra booleana 3 introduzione L elaboratore elettronico funziona secondo una logica a 2 stati:

Dettagli

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Dr.ssa Valentina Panella Psicologa - Psicoterapeuta Firenze, 6

Dettagli

Laboratorio di Termodinamica

Laboratorio di Termodinamica Anno Accademico 2003-2004 Prof. Claudio Luci Laboratorio di Termodinamica http://www.roma1.infn.it/people/luci/corso_labotermo.html Introduzione al corso Richiami di termologia Termometri Calorimetria

Dettagli

Categoria e concetto di numero

Categoria e concetto di numero Due nozioni Università degli Studi di Milano Categoria e concetto di numero Sandro Zucchi 2012-2013 Prima di passare ad esaminare le capacità numeriche degli animali, dobbiamo distinguere due nozioni (e

Dettagli

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA A cura del 1 LA MATEMATICA: perché studiarla??? La matematica non è una disciplina fine a se stessa poichè fornisce strumenti importanti e utili in molti settori della

Dettagli

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO Numero Terzo Novembre 2007 Idee per una rilettura Hans Georg Gadamer La ragione nell'età della scienza (Il nuovo melagnolo, Genova 1999) di Scilla Bellucci

Dettagli

STORIA (secondo biennio e quinto anno) Finalità disciplinari generali

STORIA (secondo biennio e quinto anno) Finalità disciplinari generali STORIA E FILOSOFIA I programmi delle nostre discipline si ispirano alla scansione individuata dalle indicazioni provinciali per la definizione dei curricoli della scuola secondaria di secondo grado in

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA Lingua e visione del mondo. Universali linguistici Nei brani

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CLASSE OBIETTIVI COMPETENZE PRIMA Conoscere ed operare con i numeri Contare oggetti o eventi, con la voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo. Leggere

Dettagli

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms. adacher@dia.uniroma3.it

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms. adacher@dia.uniroma3.it Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms adacher@dia.uniroma3.it Introduzione Sistemi e Modelli Lo studio e l analisi di sistemi tramite una rappresentazione astratta o una sua formalizzazione

Dettagli

Scienza e metodo scientifico Antonio Scipioni

Scienza e metodo scientifico Antonio Scipioni Scienza e metodo scientifico Antonio Scipioni Partiamo dalla definizione di scienza: un complesso organico di conoscenze ottenuto con un processo sistematico di acquisizione delle stesse allo scopo di

Dettagli

Introspezione soggettiva e oggettiva

Introspezione soggettiva e oggettiva Introspezione soggettiva e oggettiva "Togliete i nasi ha detto una volta Galilei e spariranno anche gli odori". Quel che ha omesso di dire, però, è che, togliendo gli odori, sparirebbero anche i nasi (parafrasando

Dettagli

7 Indicata, in alcuni scritti, forse con eccessiva enfasi, con tautomappa. 8

7 Indicata, in alcuni scritti, forse con eccessiva enfasi, con tautomappa. 8 Rovistando in soffitta ho messo le mani su un taccuino sgualcito, dai fogli ingialliti, contenente quelli che sembravano, ad una prima occhiata, appunti disordinati. Di solito si recuperano tracce di un

Dettagli