L EVOLUZIONE DEGLI STUDI DI STRATEGIA *

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L EVOLUZIONE DEGLI STUDI DI STRATEGIA *"

Transcript

1 L EVOLUZIONE DEGLI STUDI DI STRATEGIA * di Antonio Ricciardi * Estratto da Fabbrini G. e Montrone A. (a cura di), Economia aziendale. Aspetti evolutivi, letture e casi aziendali,volume II, Franco Angeli, Milano, in corso di pubblicazione 0

2 L EVOLUZIONE DEGLI STUDI DI STRATEGIA di Antonio Ricciardi 1. Premessa Gli studi sulla strategia aziendale sono preceduti da un filone di studi di politica aziendale. Negli Stati Uniti, gli studi di politica aziendale vengono introdotti in ambito universitario nel 1911, quando viene istituito il primo corso di business policy presso la Harvard Business School per fornire risposta alle esigenze dei manager di definire regole di comportamento per governare le aziende. La business policy, caratterizzata da un forte orientamento al problem solving tipico delle business school, pur sforzandosi di individuare regole e comportamenti da adottare al verificarsi di determinate situazioni, resta una disciplina di natura operativa e con scarso fondamento teorico. 1 In altre parole, «in assenza di una solida impostazione teorica di base, la business policy ha assunto una connotazione soggettiva, concentrata soprattutto sulla definizione e sull analisi di strumenti decisionali per il perseguimento di obiettivi specifici, rinunciando in questo modo ad un preliminare studio del significato oggettivo dei fenomeni aziendali». 2 Situazione diversa si presenta invece in Italia e in Germania, dove si afferma una disciplina economico-aziendale con una propria autonomia scientifica. L obiettivo è fondare una scienza applicativa che, attraverso astrazioni teoriche, fosse in grado di individuare regole di comportamento utili all operare concreto delle imprese. A differenza della business policy americana, gli studi di economia a- ziendale della Scuola di Colonia e quelli italiani dello Zappa hanno avuto quale fine la ricerca di un equilibrio generale per l impresa in relazione con l ambiente esterno e le variabili interne. 1 Gli studi di business policy restano vincolati a precise esigenze di carattere professionale ed hanno suscitato uno scarso interesse da parte degli studiosi. Cfr. ONIDA, Le discipline economico aziendali. 2 Cfr. BERETTA ZANONI, Strategia e Politica Aziendale. Negli studi italiani e internazionali, p. 5. 1

3 2. Gli studi di strategia: concetti introduttivi La parola strategia (dal greco strategía che significa comando dell esercito) è mutuata dal linguaggio militare e numerosi studiosi hanno trattato di strategia facendo tesoro dei principi strategici militari. 3 Mentre nelle scienze aziendali, la strategia riguarda l'individuazione di fini e di obiettivi da conseguire attraverso l'adozione di adeguate linee di azione e l'impiego delle risorse necessarie per ottenerli, 4 nell'accezione militare, lo stratega è colui che organizza e coordina le risorse belliche al fine di raggiungere gli obiettivi (offensivi o difensivi) prefissati. Il concetto di strategia si diffuse nella pratica manageriale statunitense nella seconda metà del '900 e solo successivamente venne elaborato dagli studiosi di management. 5 L orientamento professionale che ha caratterizzato gli studi di strategia ha prodotto rilevanti carenze metodologiche e di sistematizzazione teorica. In particolare, il taglio prevalentemente pragmatico degli studi nordamericani ha comportato come conseguenze: un accumulo di conoscenze parziali ed esperienze particolari legate al caso concreto oggetto di studio, con evidenti difficoltà ad individuare regole di condotta valide per tutte le imprese; ha favorito l'elaborazione di concetti di strategia profondamente diversi e difficilmente comparabili, per cui si è resa problematica una sistemazione teorica dell'argomento; ha evidenziato una forte tendenza al precettismo, cioè a fornire per ciascun evento indagato regole e indicazioni precise, la cui efficacia non era sempre verificata. 6 Sotto questo profilo, le prime definizioni del concetto di strategia nei testi specialistici appaiono superficiali, poco approfondite, a volte non e- splicitate, mentre i contributi dei diversi autori non evidenziano collegamenti teorici e concettuali con altre scuole e si presentano estremamente diversi tra loro. 7 Fatta questa premessa, attraverso un rapido esame di alcune delle principali definizioni date dagli studiosi di management sul concetto di strate- 3 Per ulteriori approfondimenti si vedano, tra gli altri: CLAUSEWITZ, Della guerra; SCHELLING, The Strategy of Conflict; JAMES, Business Wargame. 4 Al riguardo si veda il capitolo L orinetamento, la gestione e la pianificazione strategica dell impresa nel I Tomo di questo libro. 5 Furono infatti le società di consulenza a gettare i fondamenti della disciplina, sviluppandone i contributi più stimolanti. Lo strumento strategico delle matrici di portafoglio venne ideato, ad esempio, alla fine degli anni sessanta da una delle principali società di consulenza americane, la Boston Consulting Group e successivamente ripreso e rielaborato da un altra società di consulenza, la McKinsey. Cfr. AA.VV., Perspectives on Corporate Strategy. 6 Cfr. FABBRINI, Le strategie aziendali, pp Cfr. ZAN, Strategia d impresa: problemi di teoria e di metodo. 2

4 gia, proveremo a seguire l evoluzione che la nozione del fenomeno ha subito nel corso del tempo. 2.1 La scuola di Harvard I primi studi organici sulla strategia aziendale sono attribuiti alla scuola di Harvard che ha tra i suoi maggiori rappresentanti Alfred Chandler e Kennet Andrews. In realtà, il primo autore ad affrontare il tema della strategia, seppure in maniera ancora non organica, fu Peter Drucker (1954). Drucker definiva la strategia come lo strumento utilizzato dall'impresa per rispondere a domande come qual è la nostra attività?, quale sarà la nostra attività? e quale dovrebbe essere?, considerati i vincoli e le opportunità dell'ambiente esterno. 8 DRUCKER Quando chiedersi «qual è la nostra attività?» La maggior parte dei manager, se mai si pongono questa domanda, lo fanno quando l impresa è in difficoltà. Tuttavia, aspettare finché un impresa è in crisi è come giocare alla roulette russa: è segno di un management irresponsabile. La domanda dovrebbe essere posta al momento della nascita di un impresa, in particolare se si tratta di un impresa che ha ambizioni di crescita. Sarebbe bene se un impresa del genere partisse con una chiara concezione imprenditoriale. Non è facile per il management di una società che ha successo porsi la domanda di cui stiamo trattando. Tutti pensano in quel momento che la risposta sia così ovvia da non meritare una discussione. Non è mai gradito mettere in discussione il successo. Gli antichi greci sapevano che la punizione per l arroganza del successo era severa. Il management che non si chiede «qual è la nostra attività?» quando l azienda è prospera, in realtà è presuntuoso, pigro ed arrogante. In breve il successo dell azienda si trasformerà in un fallimento. Quando un management realizza gli obiettivi dell impresa, è allora che esso dovrebbe chiedersi «qual è la nostra attività?». Ciò richiede autocritica e responsabilità: ma l alternativa è il declino. 8 Cfr. DRUCKER, The practice of mangement. 3

5 «Quale sarà la nostra attività?» Prima o poi anche la risposta più corretta alla domanda «qual è la nostra attività?» diventa superata. Pochissime definizioni dello scopo e delle scelte di fondo di un impresa sono destinate a durare 30 o 50 anni: una validità di 10 anni è probabilmente quanto ci si può normalmente aspettare. Interrogandosi sull attività e la funzione della propria impresa, il management deve perciò aggiungere anche «quale sarà? quali mutamenti nell ambiente circostante è già possibile intravedere, che possano avere un influenza determinante sulle caratteristiche, sulla funzione e sullo scopo della nostra impresa?» e «come inserire ora queste anticipazioni nella nostra teoria dell impresa, nei suoi obiettivi, nelle sue strategie e nella progettazione del lavoro?» Il mercato, le sue capacità potenziali e le sue tendenze costituiscono il punto di partenza. Che ampiezza potrà avere il mercato della nostra impresa in un arco di 5 o 10 anni, supponendo che non vi siano cambiamenti fondamentali nei clienti, nella struttura del mercato stesso o nella tecnologia? E quali fattori potranno aiutarci a verificare la validità o meno di queste proiezioni? Il management ha bisogno di prevedere i mutamenti nella struttura del mercato derivanti dai mutamenti dell economia, della moda o del gusto; e dalle iniziative della concorrenza. E la concorrenza deve sempre essere definita secondo la concezione che il cliente ha del prodotto o del servizio che egli compera (e per concorrenza si deve intendere quella indiretta non meno di quella diretta). Infine, il management deve chiedersi quali esigenze del cliente non vengono adeguatamente soddisfatte dai prodotti o servizi a sua disposizione. La capacità di porsi questa domanda e di rispondervi correttamente di solito distingue un azienda in espansione autonoma da un altra che dipende per il proprio sviluppo dalla crescita generale del settore industriale o dell economia: chiunque si accontenti di sollevarsi con un ondata ricadrà inevitabilmente con essa. «Quale dovrebbe essere la nostra attività?» La domanda «quale sarà la nostra attività?» ha come scopo l adattamento ai mutamenti che si prevedono, mira a modificare, estendere e sviluppare l attività esistente. Ma è necessario chiedersi anche «quale dovrebbe essere la nostra attività?», cioè quali occasioni si stanno presentando o si possono creare per realizzare lo scopo e la funzione dell impresa trasformandola in una diversa impresa. È assai probabile che, non ponendosi questa domanda, molte imprese perdano le loro migliori occasioni. Fonte: DRUCKER, Manuale di management: compiti, responsabilità, metodi, pp

6 Nel 1957, Selznick, all interno del saggio Leadership in Administration, 9 sostiene che, nel determinare gli obiettivi, l impresa debba considerare non solo opportunità e minacce provenienti dall ambiente esterno, ma anche i propri punti di forza e di debolezza, al fine di evidenziare cosa essa sia in grado di fare e come debba fare, tenuto conto dei condizionamenti esterni. Momento propedeutico alla determinazione dei fini diventa l individuazione delle competenze distintive. È Selznick, infatti, a coniare per primo il termine di competenze distintive, poi ripreso dalla scuola di Harvard. Da queste prime elaborazioni teoriche sul concetto strategico si sviluppa, all'inizio degli anni Sessanta, presso la Scuola di Harvard, l'approccio "classico" alla strategia aziendale. Il principale rappresentante della Scuola, lo storico d impresa Alfred Chandler (1962), 10 definisce la strategia come la determinazione delle finalità e degli obiettivi fondamentali a lungo termine di un impresa e l adozione delle politiche necessarie per la loro realizzazione. L'Autore, inoltre, delinea un'immagine di impresa aperta e reattiva nei confronti dell'evoluzione dell'ambiente esterno: le imprese interpretano i segnali provenienti dal contesto esterno e rispondono mediante l elaborazione delle strategie; i risultati delle strategie dipendono, pertanto, dalla capacità dell'impresa di interpretare gli input che provengono dall'ambiente esterno. Tuttavia, l'elemento più rilevante della teoria di Chandler riguarda il rapporto tra strategia e struttura organizzativa: l'adattamento dell'impresa nei confronti dell'evoluzione ambientale comporta un assetto organizzativo adeguato e coerente. La scelta strategica deve essere sempre impostata in rapporto alla struttura organizzativa aziendale: un mutamento del disegno strategico implica, necessariamente, un adattamento del modello organizzativo e quando ciò non avviene l'attuazione della strategia può incontrare ostacoli tali da pregiudicarne i risultati. CHANDLER Si può definire strategia la determinazione delle mete fondamentali e degli o- biettivi di lungo periodo di un impresa, la scelta dei criteri di azione e il tipo di allocazione delle risorse necessarie alla realizzazione degli obiettivi suddetti. La decisione di espandere il volume di affari, di creare impianti e filiali lontane dalla sede originaria, di entrare in nuovi settori di attività o diversificare l attività tra molte linee di produzione comportano la definizione nuovi obiettivi di fondo. Si devono stabilire nuovi criteri d azione e si devono ridistribuire le risorse per 9 SELZNICK, Leadership in Administration: a Sociological Interpretation. 10 Cfr. CHANDLER, Strategy and structure: chapters in the history of Americcan industrial entreprise. 5

7 conseguire questi risultati e mantenere ed espandere le attività dell impresa in nuove aree; questo può avvenire in risposta ai mutamenti della domanda, alla diversificazione delle fonti di rifornimento, alle fluttuazioni economiche generali e all azione della concorrenza. L adozione di una strategia non solo può portare all assunzione di un nuovo tipo di personale e di nuove risorse e alterare l orizzonte economico dei responsabili dell impresa, ma può avere altresì un profondo effetto sulle forme organizzative adottate. Si può definire struttura lo schema d organizzazione attraverso il quale l impresa viene amministrata. Questo schema, formalmente o informalmente definito, presenta due aspetti: comprende anzitutto i canali di autorità e di comunicazione fra i diversi uffici amministrativi e i diversi funzionari e, in secondo luogo, le informazioni e i dati che percorrono questi canali. Sia i primi che i secondi sono elementi essenziali per assicurare un efficace attività di coordinamento, valutazione e pianificazione, e per raggiungere gli obiettivi di fondo, porre in essere le decisioni di politica aziendale e concentrare tutte le risorse dell impresa. Queste ultime sono costituite dal capitale finanziario, dalle attrezzature (impianti, macchinari, uffici, magazzini), dalle organizzazioni di marketing e di acquisto, dalle fonti di materie prime, dai laboratori di ricerca e di progettazione, e, cosa più importante di tutte, dalle capacità tecniche e amministrative del personale. La tesi che si può dedurre da queste semplici proposizioni è che la struttura consegue alla strategia e che il tipo più complesso di struttura è il risultato della concatenazione di diverse strategie di base. La crescita delle dimensioni dell azienda ha avuto come conseguenza la creazione di un ufficio amministrativo che gestisse una funzione in un area locale. Lo sviluppo mediante la dispersione geografica ha portato con sé il bisogno di una struttura dipartimentale e di centri direttivi per amministrare le diverse unità di settore. La decisione di espandersi all interno di nuovi tipi di funzioni ha richiesto la costituzione di un ufficio centrale e di una struttura dipartimentale, mentre la crescita di nuovi rami di produzione o il continuo sviluppo su scala nazionale e internazionale hanno portato alla formazione di una struttura multidivisionale con un ufficio generale preposto all amministrazione delle diverse divisioni. Fonte: CHANDLER, Strategia e struttura: storia della grande impresa americana, pp Il concetto di strategia viene sviluppato ulteriormente da parte di Andrews (1971), 11 che formula uno dei primi modelli prescrittivi della strategia aziendale. Secondo questo Autore, la strategia va intesa come un insieme di obiettivi, scopi o fini e delle principali politiche e piani operativi per raggiungere tali fini, espressi in modo da definire il business in cui l impresa opera o dovrà operare e che tipo d azienda è o dovrà essere, la 11 Cfr. ANDREWS, The concept of corporate strategy. 6

8 natura del contributo economico o non economico che intende apportare agli azionisti, ai dipendenti, ai consumatori, alla comunità. Fig. 1 - Il concetto di strategia secondo Andrews Identificazione delle opportunità/minacce ambientali Valutazione dei punti di forza/debolezza dell impresa Cosa potrebbe fare Cosa può fare Analisi della Strategia Analisi della situazione esterna dell impresa situazione interna Cosa dovrebbe fare Cosa vuole fare Riconoscimento delle responsabilità sociali dell impresa Esplicitazione dei valori/aspirazioni individuali della direzione Fonte: Ns adattamento da CODA (1988) In base a questa impostazione, l'attuazione delle strategie dipende dall analisi sia della situazione esterna sia di quella interna. Dall analisi della prima si identificano, in primo luogo, le opportunità e le minacce ambientali e si rileva in tal modo ciò che potrebbe fare l azienda; in secondo luogo, attraverso il riconoscimento delle responsabilità sociali dell impresa si indica ciò che dovrebbe fare l impresa. Dall analisi della situazione interna si identificano in primo luogo i punti di forza e di debolezza e quindi le potenzialità dell impresa (cosa può fare); in secondo luogo, si esplicitano i valori e la mission dell azienda (cosa vuole fare). L elaborazione della strategia secondo Andrews è quindi molto ampia, tipica della Scuola di Harvard, ed è il frutto di risposte alle domande: cosa potrebbe fare, cosa dovrebbe fare, cosa può fare, cosa vuole fare l azienda. 7

9 ANDREWS Corporate strategy is the pattern of decisions in a company that determines and reveals its objectives, purposes, or goals, produces the principal policies and plans for achieving those goals, and defines the range of business the company is to pursue, the kind of economic and human organization it is or intend to be, and the nature of the economic and noneconomic contribution it intends to make to its shareholders, employees, customers, and communities. Fonte: Andrews, The Concept of Corporate Strategy, p L approccio alla strategia in senso stretto di Ansoff e la scuola comportamentalista Ansoff riduce il concetto di strategia alle modalità attraverso cui l'impresa si propone di realizzare fini e obiettivi di fondo. La strategia, in tale prospettiva, si configura come un insieme di decisioni volte a raggiungere gli obiettivi che, a loro volta, rappresentano un input formulato a monte. Ne scaturisce una formulazione di strategia molto ridimensionata, di tipo esclusivamente strumentale, che presenta forti analogie con la pratica militare: nelle guerre, infatti, non si ricercano le motivazioni (gli obiettivi) ma solo le modalità per vincerle (strumenti). 12 Il management non deve determinare gli obiettivi da perseguire, ma solo le modalità attraverso le quali raggiungere i risultati preventivati. Forte enfasi viene posta sul processo di pianificazione. La pianificazione strategica, infatti, altamente formalizzata consente di procedere all elaborazione della strategia attraverso un processo consapevole e controllato. ANSOFF La strategia è una serie di regole decisionali che guidano il comportamento dell organizzazione. [ ] Una strategia è contraddistinta da diverse caratteristiche: 12 «L'analogia con la strategia militare si può estendere anche ai soggetti che sono responsabili dell'elaborazione della strategia: i generali non dichiarano guerra, ma decidono con quale strategia combatterla. Per questo motivo Ansoff, nei suoi studi, dedica particolare attenzione al management, come fosse lo stato maggiore di un esercito che non interviene sulle motivazioni del conflitto ma soltanto sul modo con cui combatterlo». Cfr. BERETTA ZANONI, Strategia e Politica Aziendale. Negli studi italiani e internazionali, pp

10 1) il processo di formulazione della strategia non sfocia in azioni immediate. Stabilisce piuttosto le direttive di crescita e di sviluppo della posizione dell azienda; 2) perciò la strategia deve essere usata successivamente per generare progetti strategici attraverso un processo di ricerca. Il ruolo della strategia nella ricerca è anzitutto di focalizzarla su aree definite dalla strategia stessa e, in secondo luogo, di scartare le opportunità non coerenti con la strategia; 3)quindi la strategia risulta inutile quando la dinamica storica di un organizzazione la porterà nella direzione desiderata: come a dire, quando il processo è già focalizzato sulle aree preferite; 4) al momento della formulazione della strategia non è possibile enumerare tutte le possibilità di progetti che potranno essere individuate. Perciò la formulazione della strategia deve basarsi su informazioni estremamente aggregate, incomplete e incerte relative alle classi di alternative; 5) quando la ricerca scopre alternative specifiche, le informazioni più precise, meno aggregate che diventano disponibili possono mettere in dubbio la saggezza della scelta strategica iniziale. Dunque per un uso positivo della strategia, occorre un feedback strategico; 6) poiché per scartare progetti si usano sia la strategia che gli obbiettivi, essi sembrano la stessa cosa e invece sono ben differenti. Gli obbiettivi rappresentano i fini che l impresa cerca di raggiungere, mentre la strategia è il mezzo per raggiungerli. Gli obbiettivi sono regole decisionali di livello elevato. Una strategia valida per un insieme di obbiettivi, può perdere la sua validità al mutare degli obbiettivi dell organizzazione; 7) infine, strategia e obbiettivi sono intercambiabili; entrambi in momenti e a livelli diversi dell organizzazione. Così, ad esempio, alcuni attributi della prestazione (la quota di mercato, ad esempio) possono essere l obbiettivo dell azienda ad un certo momento e la sua strategia in un altro. Fonte: ANSOFF, Organizzazione innovativa, pp Con Ansoff, ci troviamo di fronte ad un approccio di tipo razionalistico, approccio che accomuna gli studi di strategia fino alla fine degli anni '70: il manager, soggetto razionale, identifica gli obiettivi da raggiungere, elabora le alternative di azione e seleziona la scelta ottimale. Si tratta, dunque, di un approccio normativo, ossia finalizzato all'individuazione della scelta ottimale perseguibile. 13 L'impostazione razionalistica si concentra sulla formulazione della strategia mentre trascura tutti i fattori, anche di natura psicologica che contribuiscono alla formazione della strategia. Questa impostazione è stata am- 13 Cfr. VOLPATO, Per una corretta lettura delle problematiche strategiche. 9

11 piamente criticata soprattutto dalla Scuola comportamentalista. «La formulazione della strategia, secondo questa Scuola, è un processo estremamente complesso, che coinvolge elementi anche inconsci del pensiero umano, può essere anche imprevisto e non deliberato, ossia può sviluppare risultati inavvertitamente e spesso attraverso un processo di apprendimento continuo. A differenza delle procedure formali, la vera essenza della formulazione della strategia è, per questi studiosi, il suo processo di apprendimento che stimola l'intuizione e la creatività. Il processo strategico si presenta così come un sistema di decisioni-azioni difficilmente gestibili attraverso l'ausilio di strumenti e modelli analitico-formali e nell'ambito del quale più che le variabili di natura economico-quantitativa hanno importanza le variabili legate alla cultura aziendale e agli aspetti motivazionali». 14 Alla fine degli anni '70 Richard Normann (1979), 15 uno dei principali rappresentanti della scuola comportamentalista, critica esplicitamente l utilizzo del modello razionale di Ansoff per problematiche quali la scelta della strategia e la formulazione delle politiche, suggerendo di trattare tali fenomeni come processi di apprendimento: le strategie si formano sul campo attraverso una continua interazione con l ambiente. Nel pensiero di Normann la strategia è vista come il risultato di un processo di apprendimento continuativo (learning by doing), sorretto da un'idea guida (business idea) che consente all azienda di distinguersi in ogni segmento di mercato dai propri concorrenti. Sulla scia di Normann si pone Henry Mintzberg (1994), che pone l'accento su un concetto centrale per la nuova letteratura strategica, la vision, l idea forte e facilmente comprensibile che guida l azienda e ne determina il posizionamento sui diversi mercati ed è al tempo stesso il progetto condiviso dai membri dell azienda. Le strategie di maggiore successo sono visioni, non piani. 16 E importante pertanto sottolineare la differenza esistente tra pensiero strategico e programmazione strategica. Il pensiero strategico implica creatività e non può essere confuso con il concetto di programmazione strategica, che è invece solo l articolazione e l elaborazione di strategie o visioni già esistenti. I pianificatori non devono creare le strategie ma fornire i dati, aiutare i manager a pensare strategicamente e programmare la vision. La pianificazione strategica non è il pensiero strategico. Uno è analisi e l altro è sintesi. In questa prospettiva, fattori chiave di successo per l'impresa diventano la conoscenza e i processi di apprendimento che si svolgono attraverso complessi sistemi di relazioni. 14 Cfr. SICCA, La gestione strategica dell'impresa, p Cfr. NORMANN, Le condizioni di sviluppo dell impresa. 16 Cfr. MINTZBERG, Pianificazione strategica: l'ascesa e la caduta. 10

12 2.3 La strategia competitiva: Porter Negli anni Ottanta, Porter pubblica i libri Competitive Strategy (1980) e Competitive Advantage (1985). Secondo l Autore, la strategia è «la messa a fuoco di una formula circa il modo di competere di un impresa, gli obiettivi da raggiungere e le politiche necessarie per realizzare detti obiettivi» e la strategia deve guidare l impresa a trovare una posizione dalla quale si possa difendere dalle iniziative della concorrenza o influenzarle a proprio vantaggio. I meccanismi concorrenziali rivestono, dunque, un ruolo decisivo nel processo di formulazione della strategia. L intensità della concorrenza in un determinato settore dipende, secondo Porter, da cinque fattori competitivi: le imprese concorrenti esistenti, i clienti, i fornitori, i prodotti sostitutivi e i potenziali nuovi entranti. Questi fattori, che Porter definisce come concorrenza allargata, determinano l attrattività del settore. Una volta identificati ed analizzati gli elementi della concorrenza allargata, l impresa individua i propri punti di forza e di debolezza che ne determinano la posizione rispetto ai cinque fattori fondamentali e in tal modo può elaborare la strategia. In particolare, l impresa può puntare a conquistare una certa posizione competitiva e successivamente a difenderla dagli attacchi della concorrenza; oppure può puntare a migliorare costantemente la sua posizione competitiva alterando l equilibrio delle forze competitive o cercando di anticipare i cambiamenti della struttura concorrenziale. Le strategie si configurano, dunque, come linee di condotta tese a creare una posizione meno vulnerabile all interno di un settore e a consentire all impresa di raggiungere risultati economici superiore a quelli dei concorrenti. «La base fondamentale di una prestazione a lungo termine, superiore alla media, è il vantaggio competitivo sostenibile. Sebbene un impresa possa avere una miriade di punti di forza e di debolezza al confronto con i propri concorrenti, per conseguire il vantaggio competitivo occorre elaborare tre strategie di base: la leadership di costo, la differenziazione, la focalizzazione». 17 Leadership di costo La leadership di costo è forse la più chiara delle tre strategie di base. Con essa, un impresa si propone di diventare il produttore a più basso costo nel proprio settore industriale. L azienda ha un vasto campo d azione, serve molti segmenti del settore e può anche operare in settori collegati: l ampiezza di operatività dell impresa è spesso importante per il suo vantaggio di costo. Le fonti del van- 17 PORTER, Competitive Advantage (Trad.it. Il vantaggio competitivo, p.18). 11

13 taggio di costo sono varie e dipendono dalla struttura del settore industriale. Tra queste fonti si possono includere il perseguimento di economie di scala, tecnologie esclusive, accesso preferenziale alle materie prime. [ ] Se un azienda può raggiungere e mantenere una leadership generale di costo, allora avrà prestazioni superiori alla media nel proprio settore, a patto che riesca a ottenere prezzi uguali o vicini alla media del settore. A prezzi equivalenti o più bassi di quelli dei propri concorrenti, la posizione di basso costo si traduce in profitti più alti. Un leader di costo, tuttavia, non può ignorare le basi della differenziazione. Se il suo prodotto non viene percepito dai clienti come paragonabile o accettabile, il leader di costo sarà costretto a tenere i suoi prezzi molto più bassi di quelli della concorrenza per riuscire a vendere: questo può annullare i benefici della sua favorevole posizione. [ ] Differenziazione La seconda strategia di base è la differenziazione. In questo caso un azienda mira a essere unica nel proprio settore industriale in rapporto ad alcune variabili ritenute molto importanti dai clienti. Essa scegli una o più caratteristiche che sono percepite come importanti da molti clienti in un settore, e si mette nella condizione di soddisfare quei bisogni in modo ineguagliabile. Tale unicità viene compensata con prezzi superiori alla media. I metodi per la differenziazione sono specifici per ciascun settore industriale. La differenziazione può basarsi sul prodotto stesso, sul sistema di consegna con cui viene distribuito, sul tipo di approccio al marketing e su una vasta gamma di altri fattori. [ ] Un impresa che riesce a realizzare e mantenere la differenziazione otterrà risultati superiori alla media nel proprio settore se il margine sui suoi prezzi resterà superiore ai costi extra, sostenuti per rendersi unica. Chi intende differenziarsi, quindi, dovrà sempre cercare dei metodi che portino a un vantaggio, in termini di prezzo, maggiore del costo di differenziazione. Focalizzazione La terza strategia di base è la focalizzazione. Questa strategia è alquanto diversa dalle altre, perché si basa sulla scelta di un area ristretta di competizione all interno di un settore industriale. Chi si focalizza sceglie un segmento o un gruppo di segmenti nel settore e adatta la propria strategia per servirli a esclusione degli altri. Perfezionando la propria strategia per i segmenti scelti come obiettivo, chi si focalizza cerca di ottenere un vantaggio competitivo nei segmenti prescelti anche se non possiede un vantaggio competitivo generale. 12

14 La strategia della focalizzazione ha due varianti: la focalizzazione sui costi, in cui un impresa persegue un vantaggio di costo nel segmento prescelto, e la focalizzazione sulla differenziazione, in cui un impresa persegue la differenziazione nel segmento prescelto. [ ] Focalizzandosi sui costi si sfruttano le differenze di comportamento dei costi in alcuni segmenti, mentre focalizzandosi sulla differenziazione si sfruttano le speciali esigenze dei clienti in certi segmenti. Tali differenze implicano che questi segmenti siano serviti male dai concorrenti che, avendo obiettivi più ampi, servono questi segmenti contemporaneamente ad altri. Chi si focalizza può perciò ottenere ilo vantaggio competitivo dedicandosi esclusivamente a quei segmenti. [ ] Fonte: PORTER, Il vantaggio competitivo, p. 19 e segg. 2.4 La resource-based theory: Hamel e Prahalad L analisi condotta da Porter, che sposta l attenzione sulle fonti del vantaggio competitivo, costituisce la base teorica della resource-based theory, diffusa dall opera di Hamel e Prahalad. Secondo Hamel e Prahalad (1989) 18 le nuove radici del vantaggio competitivo sono costituite dalle risorse interne dell azienda, ed in particolare dalle competenze chiave che esse sono riuscite a sviluppare nel corso del tempo. Le competenze chiave, per usare la metafora di Hamel e Prahalad, sono le radici che nutrono i prodotti finali. La competizione tra aziende non può pertanto essere giocata sui prodotti finiti, ma sulla capacità del management di consolidare, sviluppare e integrare abilità e conoscenze presenti dentro e fuori l'azienda. Nel breve periodo, la competitività di un azienda deriva dal rapporto prezzo/prestazione dei prodotti correnti. Ma i sopravvissuti alla prima ondata di concorrenza globale, siano essi giapponesi o occidentali, vanno tutti indirizzandosi verso standard di prodotto simili ed eccezionali in termini di costo e di qualità: pur essendo l ostacolo minore per continuare a competere, essi diventano sempre meno importanti come fonte del vantaggio comparato. Alla lunga, la capacità competitiva dipende dall abilità di creare, a un costo più basso e più velocemente dei concorrenti, le competenze distintive che danno vita a prodotti non previsti. Le vere fonti di vantaggio competitivo risiedono nell abilità del management di consolidare capacità produttive e tecnologiche al livello di tutta l azienda in 18 Cfr. HAMEL e PRAHALAD, Strategic intent. 13

15 competenze che possono permettere alle singole attività di adattarsi velocemente a occasioni in continua evoluzione. Fonte: PRAHALAD e HAMEL, Le competenze distintive dell azienda, p. 309 L impresa deve essere considerata come un portafoglio di competenze le quali consentono di sfruttare in modo originale ed unico opportunità cui difficilmente potrebbero accedere altre imprese con competenze diverse. Dal momento che sono le competenze distintive a determinare il vantaggio competitivo, compito fondamentale del management è implementare un architettura strategica che fissi gli obiettivi di creazione delle competenze, che indichi «ciò che dobbiamo fare ora per intercettare il futuro». 19 L architettura strategica deve indicare all azienda quali competenze cominciare a sviluppare, quali clienti cominciare a studiare, quali nuovi canali cominciare ad esplorare per proiettarsi nel futuro. L architettura strategica è un programma generico per avvicinarsi alle opportunità e l esigenza cui risponde non è capire quello che dobbiamo fare per ottimizzare le nostre entrate o la quota in un mercato già esistente di prodotti, ma capire che cosa dobbiamo fare oggi, in termini di acquisizione di competenze, per prepararci a conquistare una consistente fetta delle future entrate in un area di opportunità che sta aprendosi. Fonte: HAMEL e PRAHALAD, Alla conquista del futuro, p. 123) Un azienda che è non capace di definire se stessa e i propri concorrenti in termini di competenze distintive rischia di non cogliere le opportunità di crescita, di fare investimenti insufficienti nella creazione di quelle competenze che consentiranno in futuro di accelerare il ritmo di sviluppo e di perdere skill importanti nella cessione di aree d affari ritenute poco redditizie. Al contrario, un azienda potrà cogliere le opportunità future se sa individuare le competenze distintive esistenti, se è capace di elaborare un programma di acquisizione delle competenze distintive non possedute dall azienda ma necessarie al conseguimento del vantaggio competitivo, se incentiva lo sviluppo interno di competenze e riesce ad ampliarne al massimo le occasioni di applicazione attraverso la loro distribuzione alle varie 19 HAMEL e PRAHALAD, Alla conquista del futuro, p

16 unità dell impresa, se adotta adeguate strategie di protezione e difesa delle competenze Le strategie interattive: Normann e Ramirez Normann e Ramirez (1995), 21 partendo dalla comprensione dei nuovi meccanismi di creazione del valore, ripensano le logiche di conduzione dell impresa e la stessa nozione di strategia. Secondo questi Autori, l azienda crea valore attraverso l interazione tra le proprie competenze, quelle dei fornitori, dei concorrenti e dei clienti. Di fronte ad un periodo di grandi trasformazioni, fortemente condizionato dalla rapida evoluzione delle variabili ambientali, la scelta di sostenere lo sviluppo dell'azienda mediante relazioni esterne consente di ottenere quella flessibilità indispensabile per operare in uno scenario le cui prospettive sono caratterizzate da un'elevata incertezza. 22 Queste forme di cooperazione con operatori esterni si sviluppano su diverse direzioni e si concretizzano mediante la realizzazione di accordi su fasi di lavorazione, su specifici processi produttivi e, in alcuni casi, sulla riconfigurazione dell'intera catena del valore. Attraverso la realizzazione di accordi di cooperazione, le aziende partecipanti non solo hanno il vantaggio di ridurre l entità, i tempi e i rischi degli investimenti necessari per la realizzazione di nuove iniziative ma possono, se l accordo è equilibrato, scambiare esperienze su metodi di lavoro, 20 HAMEL e PRAHALAD, Alla conquista del futuro, pp. 253 e segg. Con strategie di protezione e difesa delle competenze si fa riferimento ai meccanismi messi in atto dalle imprese per evitare di perdere skill fondamentali. «La leadership nelle competenze distintive si può perdere in molti modi. Le competenze possono esaurirsi per mancanza di fondi, essere suddivise tra le varie divisioni di un azienda (soprattutto quando nessun dirigente si sente pienamente responsabile della gestione delle competenze), possono essere cedute involontariamente ai partner di un alleanza o andare perse in seguito alla vendita di un business poco redditizio». HAMEL e PRAHALAD, Alla conquista del futuro, p Cfr NORMANN e RAMIREZ, Le strategie interattive di impresa. Dalla catena alla costellazione del valore. 22 Tenuto conto che in alcuni contesti l'organizzazione per aree funzionali rimane tuttora valida presentando livelli di efficienza adeguati, quello che si rileva è che le forme tradizionali dell'organizzazione d'impresa, caratterizzate da strutture verticali, funzionalmente gerarchizzate, in cui autorità formale e norme scritte ne rappresentavano i meccanismi di coordinamento e controllo, sono entrate in crisi e sostituite da strutture più flessibili, deverticalizzate e decentrate, caratterizzate da continui scambi d informazione, legami orizzontali, interazioni tra aziende. Le stesse manovre di crescita vengono realizzate sempre più frequentemente mediante accordi e coinvolgimento di imprese esterne e sempre meno mediante investimenti diretti, pianificati e realizzati all interno di una singola impresa. RICCIARDI, L outsourcing strategico. Modalità operative, tecniche di controllo ed effetti sugli equilibri di gestione. 15

17 accedere a nuovi modelli organizzativi, apprendere processi di innovazione tecnologica. Si afferma, pertanto, un concetto di azienda fortemente dinamico nei suoi confini e nelle sue relazioni. «L'ottica strategica non può quindi fermarsi ad una configurazione di impresa come sistema coordinato di fattori produttivi, ma richiede piuttosto un approccio diverso, in cui le relazioni interne ed esterne fanno da trama per assicurare il successo». 23 In tal modo le logiche della competizione tendono a modificarsi radicalmente: la collaborazione tra imprese, la decisa tendenza al coinvolgimento di attori esterni in una logica di specializzazione e complementarietà per lo svolgimento di attività un tempo considerate di pertinenza esclusiva dell impresa, 24 tendono a scardinare «l'approccio strategico più consolidato, quello cioè che identificava la strategia con la lotta competitiva, che a partire dagli anni '80 è stato assunto come "credo" da tutti gli studiosi di economia di impresa, ed ha rappresentato la guida all'azione strategica di molte imprese». 25 Lavorare insieme per produrre valore La strategia è l arte di creare un valore. Essa, infatti, fornisce le strutture intellettuali, i modelli concettuali e le ipotesi di gestione che permettono ai manager di un impresa di identificare le opportunità di trasferire valore ai propri clienti e di distribuire questo valore con profitto. Sotto questo aspetto, la strategia è il modo in cui un azienda definisce il proprio business e fa interagire le uniche due risorse che hanno realmente un peso nell economia attuale: le conoscenze e le relazioni ovvero le competenze di un organizzazione e i suoi clienti. Tuttavia, in un ambiente competitivo in rapido mutamento, anche la logica fondamentale del processo di creazione di valore tende a mutare e lo fa in un modo che la formulazione di un chiaro pensiero strategico diventa contemporaneamente più importante e più difficile. Il nostro tradizionale concetto di valore è fondato su presupposti e modelli propri di un economia industriale. Secondo questa visione, ogni azienda occupa una specifica posizione in una catena del valore. A monte, i fornitori procurano gli input. A uno stadio intermedio l impresa aggiunge valore a tali input e, in seguito, li passa, a valle, al successivo attore della catena: il cliente (che può essere sia un altra azienda sia il consumatore finale). Da questo punto di vista, la strategia corrisponde innanzitutto all arte di posizionare un impresa al punto giusto della catena del valore, corrispondente al business di prodotti, ai segmenti di mercato appropriati, alle giuste attività che creano valore aggiunto. 23 Cfr. SICCA, La gestione strategica dell'impresa, p Cfr. LIPPARINI, Architettare relazioni inter-impresa, p Cfr. SICCA, La gestione strategica dell'impresa, p

18 Oggi, tuttavia, questa interpretazione del valore è altrettanto datata quanto la vecchia catena di montaggio che essa sembra richiamare e tale è anche la visione della strategia che ne consegue. La competizione globale, i mercati in continuo mutamento e le nuove tecnologie aprono, in modo significativo, nuove strade per la creazione del valore. Le possibilità aperte alle aziende, ai clienti e ai fornitori si stanno moltiplicando in un modo che neppure Henry Ford avrebbe mai immaginato. [ ] Il punto focale, quindi, della loro analisi strategica non è la singola impresa o il settore industriale ma lo stesso sistema di creazione del valore all interno del quale diversi attori economici, fornitori, partner, clienti, lavorano insieme per coprodurre valore. La loro linea d azione strategica chiave è la riconfigurazione dei ruoli e dei rapporti all interno di questa costellazione di attori al fine di mobilitare la creazione del valore in nuove forme e da parte di nuovi soggetti. Il loro obiettivo strategico sottostante, inoltre, è la creazione di una corrispondenza, in continuo miglioramento, tra competenze e clienti. Fonte: NORMANN e RAMIREZ, Lavorare insieme per produrre valore, pp Considerazioni conclusive I diversi Autori ai quali si è fatto riferimento nel capitolo propongono definizioni diverse del concetto di strategia aziendale. Le differenze sono da attribuire non soltanto ad impostazioni teoriche diverse, ma anche al diverso contesto storico di riferimento. Da un lato, infatti, tutti sostengono che la strategia deve consentire di gestire l impresa in rapporto all evoluzione dell ambiente esterno; dall altro lato, mutano i metodi di gestione indicati perché muta il contesto esterno. Da un ambiente stabile (che poteva essere agevolmente governato attraverso gli strumenti della pianificazione di lungo periodo) si passa ad un ambiente fortemente dinamico. E man mano che tale dinamicità diventa più intensa, le fonti del vantaggio competitivo diventano le competenze delle imprese che consentono di agire sui costi o sul valore del prodotto offerto (Porter), di creare una rottura con l ambiente esterno attraverso la creazione di nuovi spazi competitivi e nuovi mercati (Hamel), di interagire con clienti, fornitori e concorrenti al fine di creare nuova conoscenza (Normann e Ramirez). 17

19 DOMANDE DI AUTOVERIFICA 1. Nell ambito della Scuola di Harvard si forniscano le definizioni di strategia secondo Chandler e secondo Andrews 2. Indicare le principali differenze tra Scuola razionalista e Scuola comportamentalista circa la definizione e l'implementazione della strategia aziendale 3. Illustrare le tre strategie di base individuate da Porter 4. Le relazioni interaziendali sono ormai riconosciute tra le principali risorse intangibili dell'impresa. Quali benefici possono derivare nella gestione delle attività d'impresa da accordi strategici di collaborazione fra imprese? BIBLIOGRAFIA AA.VV., Perspectives on Corporate Strategy, Boston, Mass, The Boston Consulting Group, Inc., ANDREWS K. R., The concept of corporate strategy, Homewood, Illinois, Irwin, ANSOFF H. I., Corporate strategy, New York, McGraww-Hill, 1965 (trad. it. Strategia aziendale, Milano, Etas Kompass, 1969). ANSOFF H. I., Implanting strategic management, New York, Prentice/Hall International, 1984 (trad. it. Organizzazione innovativa, Milano, Ipsoa, 1987). BERETTA ZANONI A., Strategia e politica aziendale. Negli studi italiani e internazionali, Milano, Giuffré, CANZIANI A., La strategia aziendale, Milano, Giuffré, CHANDLER A. D. JR., Strategy and structure: chapters in the history of the American industrial entreprise, Cambridge, Massachusets, The M.I.T. Press, 1962 (trad. it. Strategia e struttura: storia della grande impresa a- mericana,milano, Franco Angeli, 1976). CLAUSEWITZ C. V., Della guerra, Milano, Mondadori, DRUCKER P., The practice of mangement, New York, Harper and Row, DRUCKER P., Management: tasks, responsibilities, practices, New York, Harper and Row, 1974 (trad. it. Manuale di Management, Milano, Etas Libri, 1986). FABBRINI G., Le strategie aziendali, Firenze, Alecci Grafica,

20 GRANT R. M., Contemporary strategy anlysis. Concepts, techniques, applications, Oxford, Basil Blackwell, 1991 (trad. it. L'analisi strategica nella gestione aziendale. Concetti, tecniche, applicazioni, Bologna, Il Mulino, 1994). HAMEL G. E PRAHALAD C. K., Le competenze distintive dell azienda, in MONTGOMERY C. A. e PORTER M. E., Strategia: il vantaggio competitivo secondo i guru della Harvard Business School, Milano, Il Sole 24 Ore Libri, HAMEL G. E PRAHALAD C. K., Strategic intent, in Harvard Business Review, n.3, HAMEL G. E PRAHALAD C. K., Alla conquista del futuro, Milano, Il Sole 24 Ore Libri, HOFER C. W. E SCHENDEL D., Strategy formulation: analytical concepts, St. Paul Mn, West publishing Company, 1978 (trad. it. La formulazione della strategia aziendale, Milano, F. Angeli, 1984). JAMES B.G., Business Wargames, Harmondsworth, Penguin Books, LIPPARINI A., Architettare relazioni inter-impresa, in Sviluppo & Organizzazione, n. 153, MINTZBERG H., Pianificazione strategica: l'ascesa e la caduta, in Harvard Business Review, edizione italiana, settembre- ottobre, MINTZBERG H., Ascesa e declino della pianificazione, Milano, Isedi, NORMANN R., Le condizioni di sviluppo dell impresa, Milano, Etas Libri, NORMANN R. e RAMIREZ R., Lavorare insieme per produrre valore, in Harvard Business Review, edizione italiana, marzo-aprile, NORMANN R. RAMIREZ R., Le strategie interattive di impresa. Dalla catena alla costellazione del valore, Milano, Etas Libri, ONIDA P., Le discipline economico aziendali: oggetto e metodo,milano, Giuffrè, PORTER M. E., Competitive Advantage, New York, Free Press, 1985 (trad. it. Il vantaggio competitivo, Milano, Edizioni di Comunità, 1988). PORTER M. E., Competitive Strategy: techniques for analyzing industries and competitors, New York, The Free Press, 1980 (trad. it. La strategia competitiva. Analisi per le decisioni, Bologna, Tipografia Compositori, 1982). RICCIARDI A., L outsourcing strategico. Modalità operative, tecniche di controllo ed effetti sugli equilibri di gestione, Milano, FrancoAngeli, SCHELLING T.C., The Strategy of Conflict, Cambridge, Mass., Harvard University Press,

Scaletta della lezione:

Scaletta della lezione: LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA Scaletta della lezione: 1. Evoluzione del concetto di pianificazione strategica 2. Alcuni significati di strategia 3. Il processo decisionale strategico: la SWOT analysis 4.

Dettagli

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali.

Analisi SWOT. L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte, che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. Analisi SWOT È stata sviluppata più di 50 anni fa come supporto

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

La scelta della strategia di marketing

La scelta della strategia di marketing LA SCELTA DELLA STRATEGIA DI L obiettivo che l impresa deve perseguire in questa fase è quello di individuare la strategia di marketing che sia in grado di offrire all impresa il mezzo per realizzare i

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA LEZIONE N. 2 L attività di Marketing e le Strategie d Impresa Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA

Dettagli

STRATEGIA COMPETITIVA. Gestione strategica ed operativa. Obiettivi strategici

STRATEGIA COMPETITIVA. Gestione strategica ed operativa. Obiettivi strategici STRATEGIA COMPETITIVA Nei confronti dell evoluzione dell ambiente esterno, l imprenditore può adottare differenti atteggiamenti: atteggiamento di attesa: risposta al verificarsi di cambiamenti ambientali;

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

La valutazione dell idea di business: analisi del mercato e del contesto competitivo

La valutazione dell idea di business: analisi del mercato e del contesto competitivo CORSO ABC DEL BUSINESS PLAN - VENEZIA La valutazione dell idea di business: analisi del mercato e del contesto competitivo a cura di Stefano Micelli Aprile 2005 Business Plan Che cos è il BP? Il BP può

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Strategia? La parola strategia è una di quelle che oggi si sentono più spesso sulla bocca di tutti, managers, consulenti, guru, ecc. Oggi è necessario avere una strategia, per essere più competitivi, per

Dettagli

Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale

Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale C.so di Laurea STAG O (S.Severo) Lezione n.1: a) Richiami di concetti di teoria dell'impresa; b) Le strategie aziendali; c) Stima delle colture arboree da frutto

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Argomenti affrontati: Pianificazione aziendale e pianificazione di marketing Tendenze evolutive nella

Dettagli

Capitolo 2 : LA GESTIONE STRATEGICA NELLA REALTA

Capitolo 2 : LA GESTIONE STRATEGICA NELLA REALTA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Capitolo 2 : LA GESTIONE STRATEGICA NELLA REALTA GIORGIO BAIOCCHI

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

LA GESTIONE STRATEGICA

LA GESTIONE STRATEGICA LA GESTIONE STRATEGICA DALLA TEORIA ALLA REALTA A cura di: Massimo Giammattei ARGOMENTI Un caso specifico. HONDA L evoluzione della teoria; Alcuni diversi approcci alla gestione strategica; Le critiche

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

Materiale didattico slides cap. 1 Costa Gianecchini pagg. 3-13 Marchiori M. Le persone nelle imprese. Gli approcci di governo

Materiale didattico slides cap. 1 Costa Gianecchini pagg. 3-13 Marchiori M. Le persone nelle imprese. Gli approcci di governo Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane Terza lezione 15102014 Le origini storico- teoriche: I debi2 nei cfr delle teorie dell impresa Le relazioni tra ambiente- strategia- stru;ura- ges2one risorse umane

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo Capitolo XVII La gestione del processo innovativo Il ruolo dell innovazione nell economia dell immateriale L innovazione ha assunto un ruolo particolarmente significativo come variabile esplicativa della

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it La scelta della strategia di marketing I Mktg-L04 Principali scenari di sviluppo

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Argomenti affrontati: Pianificazione aziendale e pianificazione di marketing Tendenze evolutive nella

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO

LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO La pianificazione strategica può essere definita come il processo manageriale volto a mantenere una corrispondenza efficace tra gli obiettivi e le risorse

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Marketing è un che si occupa dello studio descrittivo del mercato dell analisi dell interazione del mercato e degli utilizzatori con l impresa

Marketing è un che si occupa dello studio descrittivo del mercato dell analisi dell interazione del mercato e degli utilizzatori con l impresa Il Marketing è un ramo dell'economia che si occupa dello studio descrittivo del mercato e dell analisi dell interazione del mercato e degli utilizzatori con l impresa. Il termine prende origine dall'inglese

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Foto indicativa del contenuto del modulo. Materiale Didattico Organizzazione Aziendale

Foto indicativa del contenuto del modulo. Materiale Didattico Organizzazione Aziendale Foto indicativa del contenuto del modulo Materiale Didattico Organizzazione Aziendale 3 Strategia d impresa (Introduzione al problema strategico) 4 Premessa Tema caratterizzato da ampispazi di indeterminatezza

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE CONOSCENZE La strategia di espansione internazionale rientra nelle strategie corporate di sviluppo

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti MA.VE.CO. Consulting www.maveco-consulting.it Viale Stazione,43-02013 Antrodoco (Rieti) Tel. 0746-578699 e-mail : info@maveco-consulting.it Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Lezione 1 Introduzione

Lezione 1 Introduzione Lezione 1 Introduzione Argomenti Cosa è l Economia politica I principi fondamentali dell Economia politica Cosa studia l Economia politica Perché studiare l Economia politica 1.1 COSA È L ECONOMIA POLITICA

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Gruppo 9: Locatelli Milesi Pieremilio Moretti Sabrina Pasinetti Mara Trapletti Denise Sonzogni Francesco

Gruppo 9: Locatelli Milesi Pieremilio Moretti Sabrina Pasinetti Mara Trapletti Denise Sonzogni Francesco Gruppo 9: Locatelli Milesi Pieremilio Moretti Sabrina Pasinetti Mara Trapletti Denise Sonzogni Francesco Al momento del lancio di una nuova impresa l imprenditore deve affrontare 4 domande collegate tra

Dettagli

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000)

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) CAPITOLO 1 Mario Cislaghi AICQ-CI La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) IL CLIENTE AL CENTRO

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA AZIENDALE STRATEGIA AZIENDALE CONOSCENZE IL CONCETTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO DI FONDO (OSF) L orientamento strategico di fondo delle imprese si basa su una nozione

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Contenuti: - Capitolo 8 - Capitolo 9 - Capitolo 10 - Capitolo 11 - Capitolo 12 IL CICLO DI DIREZIONE AZIENDALE PROGRAMMAZIONE (atti di

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia ICT e strategie Information Systems Design L influenza delle ICT sulla strategia 1. Miglioramento dei processi decisionali strategici e di pianificazione e controllo 2. Strumento per perseguire la strategia

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Allegato alla delibera di G.P. n. del PROVINCIA DI PESARO E URBINO SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE ED ORGANIZZATIVA DEI DIPENDENTI DEI LIVELLI IVI COMPRESI GLI INCARICATI DI P.O. E

Dettagli

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica Provincia Autonoma di Trento Dipartimento turismo, commercio, promozione e internazionalizzazione tsm Trentino School of Management SMT Scuola di Management del Turismo CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Le competenze di fundraising nel Non Profit Il Fundraising da tecnica di raccolta fondi ad attività di progettazione strategica: i cinque ambiti di applicazione

Dettagli

Strategie e percorsi alternativi di sviluppo aziendale

Strategie e percorsi alternativi di sviluppo aziendale Lezione 7 Strategie e percorsi alternativi di sviluppo aziendale prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 I percorsi di sviluppo: la formulazione delle strategie

Dettagli

Lezione 3. Analisi del divario strategico. Valutazione delle alternative. La pianificazione strategica (segue)

Lezione 3. Analisi del divario strategico. Valutazione delle alternative. La pianificazione strategica (segue) Lezione 3 La pianificazione strategica (segue) Analisi del divario strategico Quali risorse sono necessarie? Quali risorse non sono sfruttate al meglio? Valutazione quali-quantitativa Valutazione delle

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Struttura di mercato e incentivi a investire

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 LEZIONE GESTIONE STRATEGICA DEGLI ACQUISTI DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 1.1. Prima

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Gestione dei processi di vendita Master di I livello L Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management, attraverso il Bando

Dettagli

1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali

1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali 1.2 Il concetto di settore nella teoria economica: criteri economici e regole empiriche di definizione dei confini settoriali OBIETTIVI SPECIFICI COMPRENDERE L INCERTEZZA INTRINSECA NELLA DEFINIZIONE DEI

Dettagli

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1. EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI QUALITÀ 2. DEFINIZIONE DI QUALITÀ 3. IL SISTEMA QUALITÀ 4. CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ 5. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO 6. LA NORMA UNI EN ISO 8402 1.

Dettagli

LE STRATEGIE CORPORATE IN UN IMPRESA MULTIBUSINESS

LE STRATEGIE CORPORATE IN UN IMPRESA MULTIBUSINESS UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTÀ DI ECONOMIA Corso di Laurea Specialistica in Marketing e Comunicazione per le Aziende LE STRATEGIE CORPORATE IN UN IMPRESA MULTIBUSINESS G. Pellicelli

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELL IDEA DI BUSINESS: DEL CONTESTO COMPETITIVO

LA VALUTAZIONE DELL IDEA DI BUSINESS: DEL CONTESTO COMPETITIVO LA VALUTAZIONE DELL IDEA DI BUSINESS: ANALISI DEL MERCATO E DEL CONTESTO COMPETITIVO Prof. Paolo Gubitta Obiettivi dell incontro L incontro si propone di rispondere a queste domande: come si fa a dire

Dettagli

Virgin: un impresa diversificata. Fonte: Grant (2005)

Virgin: un impresa diversificata. Fonte: Grant (2005) Virgin: un impresa diversificata Fonte: Grant (2005) 1 Le motivazioni alla base della diversificazione Mancanza di opportunità nel settore di origine Sfruttamento di attuali risorse e competenze eccellenti

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

STRATEGIE D IMPRESA. Guida alla studio del libro di testo (Fontana Caroli) per gli studenti frequentanti (in sequenza)

STRATEGIE D IMPRESA. Guida alla studio del libro di testo (Fontana Caroli) per gli studenti frequentanti (in sequenza) STRATEGIE D IMPRESA Guida alla studio del libro di testo (Fontana Caroli) per gli studenti frequentanti (in sequenza) Cap. 5.1 e Cap. 5.2 (da indicazioni precedenti) segue Cap. 4.2 + 6.5 Cap. 5.3 (esclusi

Dettagli

Le strategie internazionali

Le strategie internazionali Le strategie internazionali Le strategie internazionali costituiscono alternative di fondo seguite nella costruzione e/o nel rafforzamento del vantaggio competitivo in ambito internazionale (Valdani &

Dettagli

SCG 01 Appunti slides

SCG 01 Appunti slides SCG 01 Appunti slides il successo o l insuccesso del CdG è conseguenza dell adeguatezza o meno al grado di complessità dei problemi di governo d impresa 4 Le carenze nel controllo di gestione. 2 domande:

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli