L EVOLUZIONE DEGLI STUDI DI STRATEGIA *

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L EVOLUZIONE DEGLI STUDI DI STRATEGIA *"

Transcript

1 L EVOLUZIONE DEGLI STUDI DI STRATEGIA * di Antonio Ricciardi * Estratto da Fabbrini G. e Montrone A. (a cura di), Economia aziendale. Aspetti evolutivi, letture e casi aziendali,volume II, Franco Angeli, Milano, in corso di pubblicazione 0

2 L EVOLUZIONE DEGLI STUDI DI STRATEGIA di Antonio Ricciardi 1. Premessa Gli studi sulla strategia aziendale sono preceduti da un filone di studi di politica aziendale. Negli Stati Uniti, gli studi di politica aziendale vengono introdotti in ambito universitario nel 1911, quando viene istituito il primo corso di business policy presso la Harvard Business School per fornire risposta alle esigenze dei manager di definire regole di comportamento per governare le aziende. La business policy, caratterizzata da un forte orientamento al problem solving tipico delle business school, pur sforzandosi di individuare regole e comportamenti da adottare al verificarsi di determinate situazioni, resta una disciplina di natura operativa e con scarso fondamento teorico. 1 In altre parole, «in assenza di una solida impostazione teorica di base, la business policy ha assunto una connotazione soggettiva, concentrata soprattutto sulla definizione e sull analisi di strumenti decisionali per il perseguimento di obiettivi specifici, rinunciando in questo modo ad un preliminare studio del significato oggettivo dei fenomeni aziendali». 2 Situazione diversa si presenta invece in Italia e in Germania, dove si afferma una disciplina economico-aziendale con una propria autonomia scientifica. L obiettivo è fondare una scienza applicativa che, attraverso astrazioni teoriche, fosse in grado di individuare regole di comportamento utili all operare concreto delle imprese. A differenza della business policy americana, gli studi di economia a- ziendale della Scuola di Colonia e quelli italiani dello Zappa hanno avuto quale fine la ricerca di un equilibrio generale per l impresa in relazione con l ambiente esterno e le variabili interne. 1 Gli studi di business policy restano vincolati a precise esigenze di carattere professionale ed hanno suscitato uno scarso interesse da parte degli studiosi. Cfr. ONIDA, Le discipline economico aziendali. 2 Cfr. BERETTA ZANONI, Strategia e Politica Aziendale. Negli studi italiani e internazionali, p. 5. 1

3 2. Gli studi di strategia: concetti introduttivi La parola strategia (dal greco strategía che significa comando dell esercito) è mutuata dal linguaggio militare e numerosi studiosi hanno trattato di strategia facendo tesoro dei principi strategici militari. 3 Mentre nelle scienze aziendali, la strategia riguarda l'individuazione di fini e di obiettivi da conseguire attraverso l'adozione di adeguate linee di azione e l'impiego delle risorse necessarie per ottenerli, 4 nell'accezione militare, lo stratega è colui che organizza e coordina le risorse belliche al fine di raggiungere gli obiettivi (offensivi o difensivi) prefissati. Il concetto di strategia si diffuse nella pratica manageriale statunitense nella seconda metà del '900 e solo successivamente venne elaborato dagli studiosi di management. 5 L orientamento professionale che ha caratterizzato gli studi di strategia ha prodotto rilevanti carenze metodologiche e di sistematizzazione teorica. In particolare, il taglio prevalentemente pragmatico degli studi nordamericani ha comportato come conseguenze: un accumulo di conoscenze parziali ed esperienze particolari legate al caso concreto oggetto di studio, con evidenti difficoltà ad individuare regole di condotta valide per tutte le imprese; ha favorito l'elaborazione di concetti di strategia profondamente diversi e difficilmente comparabili, per cui si è resa problematica una sistemazione teorica dell'argomento; ha evidenziato una forte tendenza al precettismo, cioè a fornire per ciascun evento indagato regole e indicazioni precise, la cui efficacia non era sempre verificata. 6 Sotto questo profilo, le prime definizioni del concetto di strategia nei testi specialistici appaiono superficiali, poco approfondite, a volte non e- splicitate, mentre i contributi dei diversi autori non evidenziano collegamenti teorici e concettuali con altre scuole e si presentano estremamente diversi tra loro. 7 Fatta questa premessa, attraverso un rapido esame di alcune delle principali definizioni date dagli studiosi di management sul concetto di strate- 3 Per ulteriori approfondimenti si vedano, tra gli altri: CLAUSEWITZ, Della guerra; SCHELLING, The Strategy of Conflict; JAMES, Business Wargame. 4 Al riguardo si veda il capitolo L orinetamento, la gestione e la pianificazione strategica dell impresa nel I Tomo di questo libro. 5 Furono infatti le società di consulenza a gettare i fondamenti della disciplina, sviluppandone i contributi più stimolanti. Lo strumento strategico delle matrici di portafoglio venne ideato, ad esempio, alla fine degli anni sessanta da una delle principali società di consulenza americane, la Boston Consulting Group e successivamente ripreso e rielaborato da un altra società di consulenza, la McKinsey. Cfr. AA.VV., Perspectives on Corporate Strategy. 6 Cfr. FABBRINI, Le strategie aziendali, pp Cfr. ZAN, Strategia d impresa: problemi di teoria e di metodo. 2

4 gia, proveremo a seguire l evoluzione che la nozione del fenomeno ha subito nel corso del tempo. 2.1 La scuola di Harvard I primi studi organici sulla strategia aziendale sono attribuiti alla scuola di Harvard che ha tra i suoi maggiori rappresentanti Alfred Chandler e Kennet Andrews. In realtà, il primo autore ad affrontare il tema della strategia, seppure in maniera ancora non organica, fu Peter Drucker (1954). Drucker definiva la strategia come lo strumento utilizzato dall'impresa per rispondere a domande come qual è la nostra attività?, quale sarà la nostra attività? e quale dovrebbe essere?, considerati i vincoli e le opportunità dell'ambiente esterno. 8 DRUCKER Quando chiedersi «qual è la nostra attività?» La maggior parte dei manager, se mai si pongono questa domanda, lo fanno quando l impresa è in difficoltà. Tuttavia, aspettare finché un impresa è in crisi è come giocare alla roulette russa: è segno di un management irresponsabile. La domanda dovrebbe essere posta al momento della nascita di un impresa, in particolare se si tratta di un impresa che ha ambizioni di crescita. Sarebbe bene se un impresa del genere partisse con una chiara concezione imprenditoriale. Non è facile per il management di una società che ha successo porsi la domanda di cui stiamo trattando. Tutti pensano in quel momento che la risposta sia così ovvia da non meritare una discussione. Non è mai gradito mettere in discussione il successo. Gli antichi greci sapevano che la punizione per l arroganza del successo era severa. Il management che non si chiede «qual è la nostra attività?» quando l azienda è prospera, in realtà è presuntuoso, pigro ed arrogante. In breve il successo dell azienda si trasformerà in un fallimento. Quando un management realizza gli obiettivi dell impresa, è allora che esso dovrebbe chiedersi «qual è la nostra attività?». Ciò richiede autocritica e responsabilità: ma l alternativa è il declino. 8 Cfr. DRUCKER, The practice of mangement. 3

5 «Quale sarà la nostra attività?» Prima o poi anche la risposta più corretta alla domanda «qual è la nostra attività?» diventa superata. Pochissime definizioni dello scopo e delle scelte di fondo di un impresa sono destinate a durare 30 o 50 anni: una validità di 10 anni è probabilmente quanto ci si può normalmente aspettare. Interrogandosi sull attività e la funzione della propria impresa, il management deve perciò aggiungere anche «quale sarà? quali mutamenti nell ambiente circostante è già possibile intravedere, che possano avere un influenza determinante sulle caratteristiche, sulla funzione e sullo scopo della nostra impresa?» e «come inserire ora queste anticipazioni nella nostra teoria dell impresa, nei suoi obiettivi, nelle sue strategie e nella progettazione del lavoro?» Il mercato, le sue capacità potenziali e le sue tendenze costituiscono il punto di partenza. Che ampiezza potrà avere il mercato della nostra impresa in un arco di 5 o 10 anni, supponendo che non vi siano cambiamenti fondamentali nei clienti, nella struttura del mercato stesso o nella tecnologia? E quali fattori potranno aiutarci a verificare la validità o meno di queste proiezioni? Il management ha bisogno di prevedere i mutamenti nella struttura del mercato derivanti dai mutamenti dell economia, della moda o del gusto; e dalle iniziative della concorrenza. E la concorrenza deve sempre essere definita secondo la concezione che il cliente ha del prodotto o del servizio che egli compera (e per concorrenza si deve intendere quella indiretta non meno di quella diretta). Infine, il management deve chiedersi quali esigenze del cliente non vengono adeguatamente soddisfatte dai prodotti o servizi a sua disposizione. La capacità di porsi questa domanda e di rispondervi correttamente di solito distingue un azienda in espansione autonoma da un altra che dipende per il proprio sviluppo dalla crescita generale del settore industriale o dell economia: chiunque si accontenti di sollevarsi con un ondata ricadrà inevitabilmente con essa. «Quale dovrebbe essere la nostra attività?» La domanda «quale sarà la nostra attività?» ha come scopo l adattamento ai mutamenti che si prevedono, mira a modificare, estendere e sviluppare l attività esistente. Ma è necessario chiedersi anche «quale dovrebbe essere la nostra attività?», cioè quali occasioni si stanno presentando o si possono creare per realizzare lo scopo e la funzione dell impresa trasformandola in una diversa impresa. È assai probabile che, non ponendosi questa domanda, molte imprese perdano le loro migliori occasioni. Fonte: DRUCKER, Manuale di management: compiti, responsabilità, metodi, pp

6 Nel 1957, Selznick, all interno del saggio Leadership in Administration, 9 sostiene che, nel determinare gli obiettivi, l impresa debba considerare non solo opportunità e minacce provenienti dall ambiente esterno, ma anche i propri punti di forza e di debolezza, al fine di evidenziare cosa essa sia in grado di fare e come debba fare, tenuto conto dei condizionamenti esterni. Momento propedeutico alla determinazione dei fini diventa l individuazione delle competenze distintive. È Selznick, infatti, a coniare per primo il termine di competenze distintive, poi ripreso dalla scuola di Harvard. Da queste prime elaborazioni teoriche sul concetto strategico si sviluppa, all'inizio degli anni Sessanta, presso la Scuola di Harvard, l'approccio "classico" alla strategia aziendale. Il principale rappresentante della Scuola, lo storico d impresa Alfred Chandler (1962), 10 definisce la strategia come la determinazione delle finalità e degli obiettivi fondamentali a lungo termine di un impresa e l adozione delle politiche necessarie per la loro realizzazione. L'Autore, inoltre, delinea un'immagine di impresa aperta e reattiva nei confronti dell'evoluzione dell'ambiente esterno: le imprese interpretano i segnali provenienti dal contesto esterno e rispondono mediante l elaborazione delle strategie; i risultati delle strategie dipendono, pertanto, dalla capacità dell'impresa di interpretare gli input che provengono dall'ambiente esterno. Tuttavia, l'elemento più rilevante della teoria di Chandler riguarda il rapporto tra strategia e struttura organizzativa: l'adattamento dell'impresa nei confronti dell'evoluzione ambientale comporta un assetto organizzativo adeguato e coerente. La scelta strategica deve essere sempre impostata in rapporto alla struttura organizzativa aziendale: un mutamento del disegno strategico implica, necessariamente, un adattamento del modello organizzativo e quando ciò non avviene l'attuazione della strategia può incontrare ostacoli tali da pregiudicarne i risultati. CHANDLER Si può definire strategia la determinazione delle mete fondamentali e degli o- biettivi di lungo periodo di un impresa, la scelta dei criteri di azione e il tipo di allocazione delle risorse necessarie alla realizzazione degli obiettivi suddetti. La decisione di espandere il volume di affari, di creare impianti e filiali lontane dalla sede originaria, di entrare in nuovi settori di attività o diversificare l attività tra molte linee di produzione comportano la definizione nuovi obiettivi di fondo. Si devono stabilire nuovi criteri d azione e si devono ridistribuire le risorse per 9 SELZNICK, Leadership in Administration: a Sociological Interpretation. 10 Cfr. CHANDLER, Strategy and structure: chapters in the history of Americcan industrial entreprise. 5

7 conseguire questi risultati e mantenere ed espandere le attività dell impresa in nuove aree; questo può avvenire in risposta ai mutamenti della domanda, alla diversificazione delle fonti di rifornimento, alle fluttuazioni economiche generali e all azione della concorrenza. L adozione di una strategia non solo può portare all assunzione di un nuovo tipo di personale e di nuove risorse e alterare l orizzonte economico dei responsabili dell impresa, ma può avere altresì un profondo effetto sulle forme organizzative adottate. Si può definire struttura lo schema d organizzazione attraverso il quale l impresa viene amministrata. Questo schema, formalmente o informalmente definito, presenta due aspetti: comprende anzitutto i canali di autorità e di comunicazione fra i diversi uffici amministrativi e i diversi funzionari e, in secondo luogo, le informazioni e i dati che percorrono questi canali. Sia i primi che i secondi sono elementi essenziali per assicurare un efficace attività di coordinamento, valutazione e pianificazione, e per raggiungere gli obiettivi di fondo, porre in essere le decisioni di politica aziendale e concentrare tutte le risorse dell impresa. Queste ultime sono costituite dal capitale finanziario, dalle attrezzature (impianti, macchinari, uffici, magazzini), dalle organizzazioni di marketing e di acquisto, dalle fonti di materie prime, dai laboratori di ricerca e di progettazione, e, cosa più importante di tutte, dalle capacità tecniche e amministrative del personale. La tesi che si può dedurre da queste semplici proposizioni è che la struttura consegue alla strategia e che il tipo più complesso di struttura è il risultato della concatenazione di diverse strategie di base. La crescita delle dimensioni dell azienda ha avuto come conseguenza la creazione di un ufficio amministrativo che gestisse una funzione in un area locale. Lo sviluppo mediante la dispersione geografica ha portato con sé il bisogno di una struttura dipartimentale e di centri direttivi per amministrare le diverse unità di settore. La decisione di espandersi all interno di nuovi tipi di funzioni ha richiesto la costituzione di un ufficio centrale e di una struttura dipartimentale, mentre la crescita di nuovi rami di produzione o il continuo sviluppo su scala nazionale e internazionale hanno portato alla formazione di una struttura multidivisionale con un ufficio generale preposto all amministrazione delle diverse divisioni. Fonte: CHANDLER, Strategia e struttura: storia della grande impresa americana, pp Il concetto di strategia viene sviluppato ulteriormente da parte di Andrews (1971), 11 che formula uno dei primi modelli prescrittivi della strategia aziendale. Secondo questo Autore, la strategia va intesa come un insieme di obiettivi, scopi o fini e delle principali politiche e piani operativi per raggiungere tali fini, espressi in modo da definire il business in cui l impresa opera o dovrà operare e che tipo d azienda è o dovrà essere, la 11 Cfr. ANDREWS, The concept of corporate strategy. 6

8 natura del contributo economico o non economico che intende apportare agli azionisti, ai dipendenti, ai consumatori, alla comunità. Fig. 1 - Il concetto di strategia secondo Andrews Identificazione delle opportunità/minacce ambientali Valutazione dei punti di forza/debolezza dell impresa Cosa potrebbe fare Cosa può fare Analisi della Strategia Analisi della situazione esterna dell impresa situazione interna Cosa dovrebbe fare Cosa vuole fare Riconoscimento delle responsabilità sociali dell impresa Esplicitazione dei valori/aspirazioni individuali della direzione Fonte: Ns adattamento da CODA (1988) In base a questa impostazione, l'attuazione delle strategie dipende dall analisi sia della situazione esterna sia di quella interna. Dall analisi della prima si identificano, in primo luogo, le opportunità e le minacce ambientali e si rileva in tal modo ciò che potrebbe fare l azienda; in secondo luogo, attraverso il riconoscimento delle responsabilità sociali dell impresa si indica ciò che dovrebbe fare l impresa. Dall analisi della situazione interna si identificano in primo luogo i punti di forza e di debolezza e quindi le potenzialità dell impresa (cosa può fare); in secondo luogo, si esplicitano i valori e la mission dell azienda (cosa vuole fare). L elaborazione della strategia secondo Andrews è quindi molto ampia, tipica della Scuola di Harvard, ed è il frutto di risposte alle domande: cosa potrebbe fare, cosa dovrebbe fare, cosa può fare, cosa vuole fare l azienda. 7

9 ANDREWS Corporate strategy is the pattern of decisions in a company that determines and reveals its objectives, purposes, or goals, produces the principal policies and plans for achieving those goals, and defines the range of business the company is to pursue, the kind of economic and human organization it is or intend to be, and the nature of the economic and noneconomic contribution it intends to make to its shareholders, employees, customers, and communities. Fonte: Andrews, The Concept of Corporate Strategy, p L approccio alla strategia in senso stretto di Ansoff e la scuola comportamentalista Ansoff riduce il concetto di strategia alle modalità attraverso cui l'impresa si propone di realizzare fini e obiettivi di fondo. La strategia, in tale prospettiva, si configura come un insieme di decisioni volte a raggiungere gli obiettivi che, a loro volta, rappresentano un input formulato a monte. Ne scaturisce una formulazione di strategia molto ridimensionata, di tipo esclusivamente strumentale, che presenta forti analogie con la pratica militare: nelle guerre, infatti, non si ricercano le motivazioni (gli obiettivi) ma solo le modalità per vincerle (strumenti). 12 Il management non deve determinare gli obiettivi da perseguire, ma solo le modalità attraverso le quali raggiungere i risultati preventivati. Forte enfasi viene posta sul processo di pianificazione. La pianificazione strategica, infatti, altamente formalizzata consente di procedere all elaborazione della strategia attraverso un processo consapevole e controllato. ANSOFF La strategia è una serie di regole decisionali che guidano il comportamento dell organizzazione. [ ] Una strategia è contraddistinta da diverse caratteristiche: 12 «L'analogia con la strategia militare si può estendere anche ai soggetti che sono responsabili dell'elaborazione della strategia: i generali non dichiarano guerra, ma decidono con quale strategia combatterla. Per questo motivo Ansoff, nei suoi studi, dedica particolare attenzione al management, come fosse lo stato maggiore di un esercito che non interviene sulle motivazioni del conflitto ma soltanto sul modo con cui combatterlo». Cfr. BERETTA ZANONI, Strategia e Politica Aziendale. Negli studi italiani e internazionali, pp

10 1) il processo di formulazione della strategia non sfocia in azioni immediate. Stabilisce piuttosto le direttive di crescita e di sviluppo della posizione dell azienda; 2) perciò la strategia deve essere usata successivamente per generare progetti strategici attraverso un processo di ricerca. Il ruolo della strategia nella ricerca è anzitutto di focalizzarla su aree definite dalla strategia stessa e, in secondo luogo, di scartare le opportunità non coerenti con la strategia; 3)quindi la strategia risulta inutile quando la dinamica storica di un organizzazione la porterà nella direzione desiderata: come a dire, quando il processo è già focalizzato sulle aree preferite; 4) al momento della formulazione della strategia non è possibile enumerare tutte le possibilità di progetti che potranno essere individuate. Perciò la formulazione della strategia deve basarsi su informazioni estremamente aggregate, incomplete e incerte relative alle classi di alternative; 5) quando la ricerca scopre alternative specifiche, le informazioni più precise, meno aggregate che diventano disponibili possono mettere in dubbio la saggezza della scelta strategica iniziale. Dunque per un uso positivo della strategia, occorre un feedback strategico; 6) poiché per scartare progetti si usano sia la strategia che gli obbiettivi, essi sembrano la stessa cosa e invece sono ben differenti. Gli obbiettivi rappresentano i fini che l impresa cerca di raggiungere, mentre la strategia è il mezzo per raggiungerli. Gli obbiettivi sono regole decisionali di livello elevato. Una strategia valida per un insieme di obbiettivi, può perdere la sua validità al mutare degli obbiettivi dell organizzazione; 7) infine, strategia e obbiettivi sono intercambiabili; entrambi in momenti e a livelli diversi dell organizzazione. Così, ad esempio, alcuni attributi della prestazione (la quota di mercato, ad esempio) possono essere l obbiettivo dell azienda ad un certo momento e la sua strategia in un altro. Fonte: ANSOFF, Organizzazione innovativa, pp Con Ansoff, ci troviamo di fronte ad un approccio di tipo razionalistico, approccio che accomuna gli studi di strategia fino alla fine degli anni '70: il manager, soggetto razionale, identifica gli obiettivi da raggiungere, elabora le alternative di azione e seleziona la scelta ottimale. Si tratta, dunque, di un approccio normativo, ossia finalizzato all'individuazione della scelta ottimale perseguibile. 13 L'impostazione razionalistica si concentra sulla formulazione della strategia mentre trascura tutti i fattori, anche di natura psicologica che contribuiscono alla formazione della strategia. Questa impostazione è stata am- 13 Cfr. VOLPATO, Per una corretta lettura delle problematiche strategiche. 9

11 piamente criticata soprattutto dalla Scuola comportamentalista. «La formulazione della strategia, secondo questa Scuola, è un processo estremamente complesso, che coinvolge elementi anche inconsci del pensiero umano, può essere anche imprevisto e non deliberato, ossia può sviluppare risultati inavvertitamente e spesso attraverso un processo di apprendimento continuo. A differenza delle procedure formali, la vera essenza della formulazione della strategia è, per questi studiosi, il suo processo di apprendimento che stimola l'intuizione e la creatività. Il processo strategico si presenta così come un sistema di decisioni-azioni difficilmente gestibili attraverso l'ausilio di strumenti e modelli analitico-formali e nell'ambito del quale più che le variabili di natura economico-quantitativa hanno importanza le variabili legate alla cultura aziendale e agli aspetti motivazionali». 14 Alla fine degli anni '70 Richard Normann (1979), 15 uno dei principali rappresentanti della scuola comportamentalista, critica esplicitamente l utilizzo del modello razionale di Ansoff per problematiche quali la scelta della strategia e la formulazione delle politiche, suggerendo di trattare tali fenomeni come processi di apprendimento: le strategie si formano sul campo attraverso una continua interazione con l ambiente. Nel pensiero di Normann la strategia è vista come il risultato di un processo di apprendimento continuativo (learning by doing), sorretto da un'idea guida (business idea) che consente all azienda di distinguersi in ogni segmento di mercato dai propri concorrenti. Sulla scia di Normann si pone Henry Mintzberg (1994), che pone l'accento su un concetto centrale per la nuova letteratura strategica, la vision, l idea forte e facilmente comprensibile che guida l azienda e ne determina il posizionamento sui diversi mercati ed è al tempo stesso il progetto condiviso dai membri dell azienda. Le strategie di maggiore successo sono visioni, non piani. 16 E importante pertanto sottolineare la differenza esistente tra pensiero strategico e programmazione strategica. Il pensiero strategico implica creatività e non può essere confuso con il concetto di programmazione strategica, che è invece solo l articolazione e l elaborazione di strategie o visioni già esistenti. I pianificatori non devono creare le strategie ma fornire i dati, aiutare i manager a pensare strategicamente e programmare la vision. La pianificazione strategica non è il pensiero strategico. Uno è analisi e l altro è sintesi. In questa prospettiva, fattori chiave di successo per l'impresa diventano la conoscenza e i processi di apprendimento che si svolgono attraverso complessi sistemi di relazioni. 14 Cfr. SICCA, La gestione strategica dell'impresa, p Cfr. NORMANN, Le condizioni di sviluppo dell impresa. 16 Cfr. MINTZBERG, Pianificazione strategica: l'ascesa e la caduta. 10

12 2.3 La strategia competitiva: Porter Negli anni Ottanta, Porter pubblica i libri Competitive Strategy (1980) e Competitive Advantage (1985). Secondo l Autore, la strategia è «la messa a fuoco di una formula circa il modo di competere di un impresa, gli obiettivi da raggiungere e le politiche necessarie per realizzare detti obiettivi» e la strategia deve guidare l impresa a trovare una posizione dalla quale si possa difendere dalle iniziative della concorrenza o influenzarle a proprio vantaggio. I meccanismi concorrenziali rivestono, dunque, un ruolo decisivo nel processo di formulazione della strategia. L intensità della concorrenza in un determinato settore dipende, secondo Porter, da cinque fattori competitivi: le imprese concorrenti esistenti, i clienti, i fornitori, i prodotti sostitutivi e i potenziali nuovi entranti. Questi fattori, che Porter definisce come concorrenza allargata, determinano l attrattività del settore. Una volta identificati ed analizzati gli elementi della concorrenza allargata, l impresa individua i propri punti di forza e di debolezza che ne determinano la posizione rispetto ai cinque fattori fondamentali e in tal modo può elaborare la strategia. In particolare, l impresa può puntare a conquistare una certa posizione competitiva e successivamente a difenderla dagli attacchi della concorrenza; oppure può puntare a migliorare costantemente la sua posizione competitiva alterando l equilibrio delle forze competitive o cercando di anticipare i cambiamenti della struttura concorrenziale. Le strategie si configurano, dunque, come linee di condotta tese a creare una posizione meno vulnerabile all interno di un settore e a consentire all impresa di raggiungere risultati economici superiore a quelli dei concorrenti. «La base fondamentale di una prestazione a lungo termine, superiore alla media, è il vantaggio competitivo sostenibile. Sebbene un impresa possa avere una miriade di punti di forza e di debolezza al confronto con i propri concorrenti, per conseguire il vantaggio competitivo occorre elaborare tre strategie di base: la leadership di costo, la differenziazione, la focalizzazione». 17 Leadership di costo La leadership di costo è forse la più chiara delle tre strategie di base. Con essa, un impresa si propone di diventare il produttore a più basso costo nel proprio settore industriale. L azienda ha un vasto campo d azione, serve molti segmenti del settore e può anche operare in settori collegati: l ampiezza di operatività dell impresa è spesso importante per il suo vantaggio di costo. Le fonti del van- 17 PORTER, Competitive Advantage (Trad.it. Il vantaggio competitivo, p.18). 11

13 taggio di costo sono varie e dipendono dalla struttura del settore industriale. Tra queste fonti si possono includere il perseguimento di economie di scala, tecnologie esclusive, accesso preferenziale alle materie prime. [ ] Se un azienda può raggiungere e mantenere una leadership generale di costo, allora avrà prestazioni superiori alla media nel proprio settore, a patto che riesca a ottenere prezzi uguali o vicini alla media del settore. A prezzi equivalenti o più bassi di quelli dei propri concorrenti, la posizione di basso costo si traduce in profitti più alti. Un leader di costo, tuttavia, non può ignorare le basi della differenziazione. Se il suo prodotto non viene percepito dai clienti come paragonabile o accettabile, il leader di costo sarà costretto a tenere i suoi prezzi molto più bassi di quelli della concorrenza per riuscire a vendere: questo può annullare i benefici della sua favorevole posizione. [ ] Differenziazione La seconda strategia di base è la differenziazione. In questo caso un azienda mira a essere unica nel proprio settore industriale in rapporto ad alcune variabili ritenute molto importanti dai clienti. Essa scegli una o più caratteristiche che sono percepite come importanti da molti clienti in un settore, e si mette nella condizione di soddisfare quei bisogni in modo ineguagliabile. Tale unicità viene compensata con prezzi superiori alla media. I metodi per la differenziazione sono specifici per ciascun settore industriale. La differenziazione può basarsi sul prodotto stesso, sul sistema di consegna con cui viene distribuito, sul tipo di approccio al marketing e su una vasta gamma di altri fattori. [ ] Un impresa che riesce a realizzare e mantenere la differenziazione otterrà risultati superiori alla media nel proprio settore se il margine sui suoi prezzi resterà superiore ai costi extra, sostenuti per rendersi unica. Chi intende differenziarsi, quindi, dovrà sempre cercare dei metodi che portino a un vantaggio, in termini di prezzo, maggiore del costo di differenziazione. Focalizzazione La terza strategia di base è la focalizzazione. Questa strategia è alquanto diversa dalle altre, perché si basa sulla scelta di un area ristretta di competizione all interno di un settore industriale. Chi si focalizza sceglie un segmento o un gruppo di segmenti nel settore e adatta la propria strategia per servirli a esclusione degli altri. Perfezionando la propria strategia per i segmenti scelti come obiettivo, chi si focalizza cerca di ottenere un vantaggio competitivo nei segmenti prescelti anche se non possiede un vantaggio competitivo generale. 12

14 La strategia della focalizzazione ha due varianti: la focalizzazione sui costi, in cui un impresa persegue un vantaggio di costo nel segmento prescelto, e la focalizzazione sulla differenziazione, in cui un impresa persegue la differenziazione nel segmento prescelto. [ ] Focalizzandosi sui costi si sfruttano le differenze di comportamento dei costi in alcuni segmenti, mentre focalizzandosi sulla differenziazione si sfruttano le speciali esigenze dei clienti in certi segmenti. Tali differenze implicano che questi segmenti siano serviti male dai concorrenti che, avendo obiettivi più ampi, servono questi segmenti contemporaneamente ad altri. Chi si focalizza può perciò ottenere ilo vantaggio competitivo dedicandosi esclusivamente a quei segmenti. [ ] Fonte: PORTER, Il vantaggio competitivo, p. 19 e segg. 2.4 La resource-based theory: Hamel e Prahalad L analisi condotta da Porter, che sposta l attenzione sulle fonti del vantaggio competitivo, costituisce la base teorica della resource-based theory, diffusa dall opera di Hamel e Prahalad. Secondo Hamel e Prahalad (1989) 18 le nuove radici del vantaggio competitivo sono costituite dalle risorse interne dell azienda, ed in particolare dalle competenze chiave che esse sono riuscite a sviluppare nel corso del tempo. Le competenze chiave, per usare la metafora di Hamel e Prahalad, sono le radici che nutrono i prodotti finali. La competizione tra aziende non può pertanto essere giocata sui prodotti finiti, ma sulla capacità del management di consolidare, sviluppare e integrare abilità e conoscenze presenti dentro e fuori l'azienda. Nel breve periodo, la competitività di un azienda deriva dal rapporto prezzo/prestazione dei prodotti correnti. Ma i sopravvissuti alla prima ondata di concorrenza globale, siano essi giapponesi o occidentali, vanno tutti indirizzandosi verso standard di prodotto simili ed eccezionali in termini di costo e di qualità: pur essendo l ostacolo minore per continuare a competere, essi diventano sempre meno importanti come fonte del vantaggio comparato. Alla lunga, la capacità competitiva dipende dall abilità di creare, a un costo più basso e più velocemente dei concorrenti, le competenze distintive che danno vita a prodotti non previsti. Le vere fonti di vantaggio competitivo risiedono nell abilità del management di consolidare capacità produttive e tecnologiche al livello di tutta l azienda in 18 Cfr. HAMEL e PRAHALAD, Strategic intent. 13

15 competenze che possono permettere alle singole attività di adattarsi velocemente a occasioni in continua evoluzione. Fonte: PRAHALAD e HAMEL, Le competenze distintive dell azienda, p. 309 L impresa deve essere considerata come un portafoglio di competenze le quali consentono di sfruttare in modo originale ed unico opportunità cui difficilmente potrebbero accedere altre imprese con competenze diverse. Dal momento che sono le competenze distintive a determinare il vantaggio competitivo, compito fondamentale del management è implementare un architettura strategica che fissi gli obiettivi di creazione delle competenze, che indichi «ciò che dobbiamo fare ora per intercettare il futuro». 19 L architettura strategica deve indicare all azienda quali competenze cominciare a sviluppare, quali clienti cominciare a studiare, quali nuovi canali cominciare ad esplorare per proiettarsi nel futuro. L architettura strategica è un programma generico per avvicinarsi alle opportunità e l esigenza cui risponde non è capire quello che dobbiamo fare per ottimizzare le nostre entrate o la quota in un mercato già esistente di prodotti, ma capire che cosa dobbiamo fare oggi, in termini di acquisizione di competenze, per prepararci a conquistare una consistente fetta delle future entrate in un area di opportunità che sta aprendosi. Fonte: HAMEL e PRAHALAD, Alla conquista del futuro, p. 123) Un azienda che è non capace di definire se stessa e i propri concorrenti in termini di competenze distintive rischia di non cogliere le opportunità di crescita, di fare investimenti insufficienti nella creazione di quelle competenze che consentiranno in futuro di accelerare il ritmo di sviluppo e di perdere skill importanti nella cessione di aree d affari ritenute poco redditizie. Al contrario, un azienda potrà cogliere le opportunità future se sa individuare le competenze distintive esistenti, se è capace di elaborare un programma di acquisizione delle competenze distintive non possedute dall azienda ma necessarie al conseguimento del vantaggio competitivo, se incentiva lo sviluppo interno di competenze e riesce ad ampliarne al massimo le occasioni di applicazione attraverso la loro distribuzione alle varie 19 HAMEL e PRAHALAD, Alla conquista del futuro, p

16 unità dell impresa, se adotta adeguate strategie di protezione e difesa delle competenze Le strategie interattive: Normann e Ramirez Normann e Ramirez (1995), 21 partendo dalla comprensione dei nuovi meccanismi di creazione del valore, ripensano le logiche di conduzione dell impresa e la stessa nozione di strategia. Secondo questi Autori, l azienda crea valore attraverso l interazione tra le proprie competenze, quelle dei fornitori, dei concorrenti e dei clienti. Di fronte ad un periodo di grandi trasformazioni, fortemente condizionato dalla rapida evoluzione delle variabili ambientali, la scelta di sostenere lo sviluppo dell'azienda mediante relazioni esterne consente di ottenere quella flessibilità indispensabile per operare in uno scenario le cui prospettive sono caratterizzate da un'elevata incertezza. 22 Queste forme di cooperazione con operatori esterni si sviluppano su diverse direzioni e si concretizzano mediante la realizzazione di accordi su fasi di lavorazione, su specifici processi produttivi e, in alcuni casi, sulla riconfigurazione dell'intera catena del valore. Attraverso la realizzazione di accordi di cooperazione, le aziende partecipanti non solo hanno il vantaggio di ridurre l entità, i tempi e i rischi degli investimenti necessari per la realizzazione di nuove iniziative ma possono, se l accordo è equilibrato, scambiare esperienze su metodi di lavoro, 20 HAMEL e PRAHALAD, Alla conquista del futuro, pp. 253 e segg. Con strategie di protezione e difesa delle competenze si fa riferimento ai meccanismi messi in atto dalle imprese per evitare di perdere skill fondamentali. «La leadership nelle competenze distintive si può perdere in molti modi. Le competenze possono esaurirsi per mancanza di fondi, essere suddivise tra le varie divisioni di un azienda (soprattutto quando nessun dirigente si sente pienamente responsabile della gestione delle competenze), possono essere cedute involontariamente ai partner di un alleanza o andare perse in seguito alla vendita di un business poco redditizio». HAMEL e PRAHALAD, Alla conquista del futuro, p Cfr NORMANN e RAMIREZ, Le strategie interattive di impresa. Dalla catena alla costellazione del valore. 22 Tenuto conto che in alcuni contesti l'organizzazione per aree funzionali rimane tuttora valida presentando livelli di efficienza adeguati, quello che si rileva è che le forme tradizionali dell'organizzazione d'impresa, caratterizzate da strutture verticali, funzionalmente gerarchizzate, in cui autorità formale e norme scritte ne rappresentavano i meccanismi di coordinamento e controllo, sono entrate in crisi e sostituite da strutture più flessibili, deverticalizzate e decentrate, caratterizzate da continui scambi d informazione, legami orizzontali, interazioni tra aziende. Le stesse manovre di crescita vengono realizzate sempre più frequentemente mediante accordi e coinvolgimento di imprese esterne e sempre meno mediante investimenti diretti, pianificati e realizzati all interno di una singola impresa. RICCIARDI, L outsourcing strategico. Modalità operative, tecniche di controllo ed effetti sugli equilibri di gestione. 15

17 accedere a nuovi modelli organizzativi, apprendere processi di innovazione tecnologica. Si afferma, pertanto, un concetto di azienda fortemente dinamico nei suoi confini e nelle sue relazioni. «L'ottica strategica non può quindi fermarsi ad una configurazione di impresa come sistema coordinato di fattori produttivi, ma richiede piuttosto un approccio diverso, in cui le relazioni interne ed esterne fanno da trama per assicurare il successo». 23 In tal modo le logiche della competizione tendono a modificarsi radicalmente: la collaborazione tra imprese, la decisa tendenza al coinvolgimento di attori esterni in una logica di specializzazione e complementarietà per lo svolgimento di attività un tempo considerate di pertinenza esclusiva dell impresa, 24 tendono a scardinare «l'approccio strategico più consolidato, quello cioè che identificava la strategia con la lotta competitiva, che a partire dagli anni '80 è stato assunto come "credo" da tutti gli studiosi di economia di impresa, ed ha rappresentato la guida all'azione strategica di molte imprese». 25 Lavorare insieme per produrre valore La strategia è l arte di creare un valore. Essa, infatti, fornisce le strutture intellettuali, i modelli concettuali e le ipotesi di gestione che permettono ai manager di un impresa di identificare le opportunità di trasferire valore ai propri clienti e di distribuire questo valore con profitto. Sotto questo aspetto, la strategia è il modo in cui un azienda definisce il proprio business e fa interagire le uniche due risorse che hanno realmente un peso nell economia attuale: le conoscenze e le relazioni ovvero le competenze di un organizzazione e i suoi clienti. Tuttavia, in un ambiente competitivo in rapido mutamento, anche la logica fondamentale del processo di creazione di valore tende a mutare e lo fa in un modo che la formulazione di un chiaro pensiero strategico diventa contemporaneamente più importante e più difficile. Il nostro tradizionale concetto di valore è fondato su presupposti e modelli propri di un economia industriale. Secondo questa visione, ogni azienda occupa una specifica posizione in una catena del valore. A monte, i fornitori procurano gli input. A uno stadio intermedio l impresa aggiunge valore a tali input e, in seguito, li passa, a valle, al successivo attore della catena: il cliente (che può essere sia un altra azienda sia il consumatore finale). Da questo punto di vista, la strategia corrisponde innanzitutto all arte di posizionare un impresa al punto giusto della catena del valore, corrispondente al business di prodotti, ai segmenti di mercato appropriati, alle giuste attività che creano valore aggiunto. 23 Cfr. SICCA, La gestione strategica dell'impresa, p Cfr. LIPPARINI, Architettare relazioni inter-impresa, p Cfr. SICCA, La gestione strategica dell'impresa, p

18 Oggi, tuttavia, questa interpretazione del valore è altrettanto datata quanto la vecchia catena di montaggio che essa sembra richiamare e tale è anche la visione della strategia che ne consegue. La competizione globale, i mercati in continuo mutamento e le nuove tecnologie aprono, in modo significativo, nuove strade per la creazione del valore. Le possibilità aperte alle aziende, ai clienti e ai fornitori si stanno moltiplicando in un modo che neppure Henry Ford avrebbe mai immaginato. [ ] Il punto focale, quindi, della loro analisi strategica non è la singola impresa o il settore industriale ma lo stesso sistema di creazione del valore all interno del quale diversi attori economici, fornitori, partner, clienti, lavorano insieme per coprodurre valore. La loro linea d azione strategica chiave è la riconfigurazione dei ruoli e dei rapporti all interno di questa costellazione di attori al fine di mobilitare la creazione del valore in nuove forme e da parte di nuovi soggetti. Il loro obiettivo strategico sottostante, inoltre, è la creazione di una corrispondenza, in continuo miglioramento, tra competenze e clienti. Fonte: NORMANN e RAMIREZ, Lavorare insieme per produrre valore, pp Considerazioni conclusive I diversi Autori ai quali si è fatto riferimento nel capitolo propongono definizioni diverse del concetto di strategia aziendale. Le differenze sono da attribuire non soltanto ad impostazioni teoriche diverse, ma anche al diverso contesto storico di riferimento. Da un lato, infatti, tutti sostengono che la strategia deve consentire di gestire l impresa in rapporto all evoluzione dell ambiente esterno; dall altro lato, mutano i metodi di gestione indicati perché muta il contesto esterno. Da un ambiente stabile (che poteva essere agevolmente governato attraverso gli strumenti della pianificazione di lungo periodo) si passa ad un ambiente fortemente dinamico. E man mano che tale dinamicità diventa più intensa, le fonti del vantaggio competitivo diventano le competenze delle imprese che consentono di agire sui costi o sul valore del prodotto offerto (Porter), di creare una rottura con l ambiente esterno attraverso la creazione di nuovi spazi competitivi e nuovi mercati (Hamel), di interagire con clienti, fornitori e concorrenti al fine di creare nuova conoscenza (Normann e Ramirez). 17

19 DOMANDE DI AUTOVERIFICA 1. Nell ambito della Scuola di Harvard si forniscano le definizioni di strategia secondo Chandler e secondo Andrews 2. Indicare le principali differenze tra Scuola razionalista e Scuola comportamentalista circa la definizione e l'implementazione della strategia aziendale 3. Illustrare le tre strategie di base individuate da Porter 4. Le relazioni interaziendali sono ormai riconosciute tra le principali risorse intangibili dell'impresa. Quali benefici possono derivare nella gestione delle attività d'impresa da accordi strategici di collaborazione fra imprese? BIBLIOGRAFIA AA.VV., Perspectives on Corporate Strategy, Boston, Mass, The Boston Consulting Group, Inc., ANDREWS K. R., The concept of corporate strategy, Homewood, Illinois, Irwin, ANSOFF H. I., Corporate strategy, New York, McGraww-Hill, 1965 (trad. it. Strategia aziendale, Milano, Etas Kompass, 1969). ANSOFF H. I., Implanting strategic management, New York, Prentice/Hall International, 1984 (trad. it. Organizzazione innovativa, Milano, Ipsoa, 1987). BERETTA ZANONI A., Strategia e politica aziendale. Negli studi italiani e internazionali, Milano, Giuffré, CANZIANI A., La strategia aziendale, Milano, Giuffré, CHANDLER A. D. JR., Strategy and structure: chapters in the history of the American industrial entreprise, Cambridge, Massachusets, The M.I.T. Press, 1962 (trad. it. Strategia e struttura: storia della grande impresa a- mericana,milano, Franco Angeli, 1976). CLAUSEWITZ C. V., Della guerra, Milano, Mondadori, DRUCKER P., The practice of mangement, New York, Harper and Row, DRUCKER P., Management: tasks, responsibilities, practices, New York, Harper and Row, 1974 (trad. it. Manuale di Management, Milano, Etas Libri, 1986). FABBRINI G., Le strategie aziendali, Firenze, Alecci Grafica,

20 GRANT R. M., Contemporary strategy anlysis. Concepts, techniques, applications, Oxford, Basil Blackwell, 1991 (trad. it. L'analisi strategica nella gestione aziendale. Concetti, tecniche, applicazioni, Bologna, Il Mulino, 1994). HAMEL G. E PRAHALAD C. K., Le competenze distintive dell azienda, in MONTGOMERY C. A. e PORTER M. E., Strategia: il vantaggio competitivo secondo i guru della Harvard Business School, Milano, Il Sole 24 Ore Libri, HAMEL G. E PRAHALAD C. K., Strategic intent, in Harvard Business Review, n.3, HAMEL G. E PRAHALAD C. K., Alla conquista del futuro, Milano, Il Sole 24 Ore Libri, HOFER C. W. E SCHENDEL D., Strategy formulation: analytical concepts, St. Paul Mn, West publishing Company, 1978 (trad. it. La formulazione della strategia aziendale, Milano, F. Angeli, 1984). JAMES B.G., Business Wargames, Harmondsworth, Penguin Books, LIPPARINI A., Architettare relazioni inter-impresa, in Sviluppo & Organizzazione, n. 153, MINTZBERG H., Pianificazione strategica: l'ascesa e la caduta, in Harvard Business Review, edizione italiana, settembre- ottobre, MINTZBERG H., Ascesa e declino della pianificazione, Milano, Isedi, NORMANN R., Le condizioni di sviluppo dell impresa, Milano, Etas Libri, NORMANN R. e RAMIREZ R., Lavorare insieme per produrre valore, in Harvard Business Review, edizione italiana, marzo-aprile, NORMANN R. RAMIREZ R., Le strategie interattive di impresa. Dalla catena alla costellazione del valore, Milano, Etas Libri, ONIDA P., Le discipline economico aziendali: oggetto e metodo,milano, Giuffrè, PORTER M. E., Competitive Advantage, New York, Free Press, 1985 (trad. it. Il vantaggio competitivo, Milano, Edizioni di Comunità, 1988). PORTER M. E., Competitive Strategy: techniques for analyzing industries and competitors, New York, The Free Press, 1980 (trad. it. La strategia competitiva. Analisi per le decisioni, Bologna, Tipografia Compositori, 1982). RICCIARDI A., L outsourcing strategico. Modalità operative, tecniche di controllo ed effetti sugli equilibri di gestione, Milano, FrancoAngeli, SCHELLING T.C., The Strategy of Conflict, Cambridge, Mass., Harvard University Press,

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE INDICE 1. Crescita aziendale e contesto esterno 2. Crescita aziendale e contesto interno 3. Crescita quantitativa e sviluppo qualitativo 4. Le dimensioni rilevanti dello sviluppo qualitativo 5. Le modalità

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014)

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Introduzione L'obiettivo primario della società di partecipazione

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci!

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Misurazione del potenziale di nuovi prodotti in lancio sulla base della permeabilità del mercato Come esperti di marketing,

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli