FIALP CISAL CRI. Permessi e congedi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FIALP CISAL CRI. Permessi e congedi."

Transcript

1 FIALP CISAL CRI Permessi e congedi. Breve guida per il personale CRI. Coordinamento Nazionale Via Ramazzini, Roma Tel. 06/ fax 06/ Sito 1

2 Introduzione Il Coordinamento Nazionale FIALP CISAL CRI vuole ringraziare i colleghi Adriana Cirulli di Bologna ed Aldo Baronti di Roma che hanno permesso la pubblicazione di questo lavoro, prima con una idea e poi, con una faticosa applicazione, creando questa guida agli operatori di Croce Rossa, per meglio districarsi negli istituti normativi e contrattuali relativi a permessi e congedi. La conoscenza delle possibilità offerte dalle norme vigenti è il primo passo per poter godere di diritti faticosamente conquistati, nonché lo spunto per migliorare sempre più, laddove possibile, la vivibilità dello status di lavoratore pubblico, oggi come non mai messo così seriamente in discussione. La vitalità del Nostro Sindacato (permetteteci le maiuscole) è data, tra l altro, proprio dalla collaborazione e dalla professionalità dei nostri associati. Ci auguriamo dunque di aver reso un buon servizio curando la diffusione di questo Vademecum tra i nostri iscritti, e speriamo di poter presto ampliare l offerta con altra analoga documentazione relativa ad argomenti diversi ma di sicuro interesse per i lavoratori. IL COORDINATORE GENERALE (Graziella Maracchioni) 2

3 FIALP CISAL CRI PERMESSI E CONGEDI. BREVE GUIDA PER IL PERSONALE CRI. PERMESSI 5 ALLATTAMENTO 6 ASSEMBLEA SINDACALE 7 CONCORSI O ESAMI 8 CONSIGLIERE COMUNALE O PROVINCIALE 9 CONSULTAZIONE ELETTORALE 10 CONTROLLI PRENATALI 12 DIRITTO ALLO STUDIO 13 DIRITTO DI VOTO 15 DISABILITA DEL DIPENDENTE 16 DISABILITA DI UN PARENTE O AFFINE 17 DISABILITA DI UN MINORE FINO A 3 ANNI 19 DISABILITA DI UN MINORE DA 3 A 18 ANNI 20 DONAZIONE MIDOLLO OSSEO 21 DONAZIONE SANGUE 22 EVENTI E CAUSE PARTICOLARI 23 GIUDICE POPOLARE 24 LUTTO 25 MALATTIA FIGLIO 27 MATRIMONIO 28 MOTIVI PERSONALI O FAMILIARI 29 CONGEDI 31 CONGEDO DI MATERNITA E PATERNITA 32 CONGEDO PARENTALE 33 DISABILITA DI UN FIGLIO, FRATELLO, SORELLA O CONIUGE 35 FORMAZIONE 36 3

4 ALLEGATI 37 ALLEGATO 1 MODELLO TIPO PER LA RICHIESTA DI UN PERMESSO RETRIBUITO PER ALLATTAMENTO. 38 ALLEGATO 2 MODELLO TIPO PER LA RICHIESTA DI UN PERMESSO RETRIBUITO PER LA PARTECIPAZIONE A CONCORSI O ESAMI. 39 ALLEGATO 3 MODELLO TIPO PER LA RICHIESTA DI UN PERMESSO RETRIBUITO PER LA PARTECIPAZIONE A CONSULTAZIONE ELETTORALE. 40 ALLEGATO 4 MODELLO TIPO PER LA RICHIESTA DI UN PERMESSO RETRIBUITO PER EVENTI E CAUSE PARTICOLARI PER DIPENDENTI A TEMPO INDETERMINATO. 41 ALLEGATO 5 MODELLO TIPO PER LA RICHIESTA DI UN PERMESSO RETRIBUITO PER EVENTI E CAUSE PARTICOLARI PER DIPENDENTI A TEMPO DETERMINATO. 42 ALLEGATO 6 MODELLO TIPO PER LA RICHIESTA DI UN PERMESSO RETRIBUITO PER LUTTO PER DIPENDENTI A TEMPO INDETERMINATO. 43 ALLEGATO 7 MODELLO TIPO PER LA RICHIESTA DI UN PERMESSO RETRIBUITO PER LUTTO PER I DIPENDENTI A TEMPO DETERMINATO. 44 ALLEGATO 8 MODELLO TIPO PER LA RICHIESTA DI UN PERMESSO RETRIBUITO PER MALATTIA FIGLIO. 45 ALLEGATO 9 MODELLO TIPO PER LA RICHIESTA DI UN PERMESSO RETRIBUITO PER MATRIMONIO. 46 ALLEGATO 10 MODELLO TIPO PER LA RICHIESTA DI UN PERMESSO RETRIBUITO PER MOTIVI FAMILIARI O PERSONALI. 47 ALLEGATO 11 MODELLO TIPO PER LA RICHIESTA DI CONGEDO PARENTALE. 48 ALLEGATO 12 MODELLO TIPO PER LA RICHIESTA DI CONGEDO STRAORDINARIO. 49 ALLEGATO 13 ESEMPIO CERTIFICATO TIPO ASL PER RICONOSCIMENTO DEI BENEFICI DELLA LEGGE 104/ COORDINAMENTO NAZIONALE VIA RAMAZZINI, ROMA TEL. 06/ FAX 06/ SITO 4

5 PERMESSI 5

6 ALLATTAMENTO Tipologia: permesso. Retribuzione: SI A chi spetta: alla madre, o in alternativa al padre lavoratore, ai genitori adottivi o affidatari. Durata: due ore giornaliere per il primo anno di vita del bambino o per il primo anno di ingresso in famiglia del bambino. Casuale: allattamento. Riferimenti: art. 39 e segg. del d.lgs. 26 marzo 2001, n. 151; art. 14 del C.C.N.L. integrativo 1998/2001; Sentenza della Corte Costituzionale n. 104 del Cosa presentare: istanza alla Sede di servizio specificando gli orari in cui si vorrebbe usufruire dei permessi. Dimmi di più: Il permesso è pari a due ore se l'orario di lavoro è superiore alle 6 ore giornaliere mentre è pari ad un ora se l'orario è inferiore. I periodi di riposo sopra specificati (di due ore o di un ora) sono ridotti della metà se la lavoratrice fruisce dell asilo nido o di altra struttura idonea istituiti dal datore di lavoro. I due periodi di riposo sono cumulabili durante la giornata ovvero possono essere fruiti consecutivamente. La distribuzione delle ore di riposo deve essere concordata tra la madre ed l Amministrazione, tenendo anche conto delle esigenze di servizio. Il permesso compete al padre quando: a. i figli sono affidati al solo padre; b. in caso di morte o grave infermità della madre; c. in alternativa alla madre che non intende avvalersene; d. quando la madre non è lavoratrice dipendente. E escluso il diritto del padre ai riposi orari quando la madre non svolge attività lavorativa, fatta salva l ipotesi di grave infermità di cui alla lett. b. Il permesso non è riconosciuto al padre se la madre è in congedo di maternità o in congedo parentale. In caso di parto plurimo le ore di permesso sono raddoppiate - a prescindere dal numero di gemelli - e le ore aggiuntive rispetto a quelle attuali possono essere utilizzate dal padre anche congiuntamente alla madre. 6

7 ASSEMBLEA SINDACALE Tipologia: permesso. Retribuzione: SI A chi spetta: a tutti i lavoratori. Durata: 30 ore all anno. Casuale: diritto di riunirsi in assemblea. Riferimenti: legge 20 maggio 1970, n. 300; CCNQ del 7 agosto 1998; art. 63 del D.P.R. 16 ottobre 1979, n Cosa presentare: il personale deve indicare, tramite il sistema di rilevazione dell orario utilizzato dalla Sede di appartenenza, sia l orario in cui si allontana dal posto di lavoro che quello in cui rientra al termine dell assemblea. 7

8 CONCORSI o ESAMI Tipologia: permesso. Retribuzione: SI A chi spetta: al personale dipendente (per la CRI non spetta al personale a tempo determinato). Durata: otto giorni all anno. Causale: partecipazione ad un concorso o ad un esame. Riferimenti: art. 19 del C.C.N.L. del Cosa presentare: di norma deve essere compilato preventivamente un modello di richiesta appositamente predisposto dalla Sede di appartenenza. Successivamente, deve essere presentata idonea documentazione giustificativa attestante la partecipazione all esame o al concorso. Dimmi di più: In alternativa possono essere utilizzati i permessi concessi per il diritto allo studio. I permessi per partecipazione a concorso o esami, lutto, gravi motivi personali e familiari e matrimonio possono essere fruiti cumulativamente nell anno solare. Personale a tempo determinato: nei confronti del personale a tempo determinato trovano applicazione le disposizioni previste dall art. 10 della legge 300/70 secondo cui i lavoratori studenti hanno diritto a fruire di permessi giornalieri retribuiti limitatamente ai giorni in cui sia prevista la prova d esame. Perché per la CRI il permesso non spetta al personale a tempo determinato: Ai sensi dell art. 16, comma 6 del C.C.N.L. del 6 luglio 1995, ai dipendenti assunti a tempo determinato possono essere concessi permessi non retribuiti per motivate esigenze fino ad un massimo di dieci giorni complessivi e permessi retribuiti solo in caso di matrimonio. Il citato articolo nel dettare una disciplina specifica, valevole per il personale assunto a termine, individua in modo espresso e tassativo, gli istituti (prevalentemente di carattere normativo) per i quali per i lavoratori a termine viene dettata una disciplina distinta e diversa da quella del restante personale a tempo indeterminato. In particolare, in maniera di assenze, il comma 6, prevede espressamente che al personale a tempo determinato possono essere concessi permessi retribuiti solo in caso di matrimonio, ai sensi dell art. 19, comma 3, del C.C.N.L. del 6 luglio Per effetto di tale disciplina, quindi, i dipendenti a tempo determinato non possono usufruire degli altri permessi retribuiti previsti dallo stesso art. 19 del C.C.N.L. del 6 luglio

9 CONSIGLIERE COMUNALE o PROVINCIALE Tipologia: permesso. Retribuzione: SI A chi spetta: ai lavoratori componenti dei consigli comunali, provinciali, metropolitani, delle comunità montane e delle unioni di comuni nonché dei consigli circoscrizionali dei comuni con popolazione superiore a abitanti. Durata: intera giornata nella quale è convocato il consiglio. Casuale: espletamento funzioni pubbliche elettive. Riferimenti: art. 79 del d.lgs. 18 agosto 2000, n Cosa presentare: idonea documentazione giustificativa. Dimmi di più: Il permesso è in alternativa all aspettativa senza assegni della quale possono fruire gli stessi soggetti. I lavoratori hanno diritto anche a permessi non retribuiti per un massimo di 24 ore mensili qualora risultino necessari all espletamento del mandato. 9

10 CONSULTAZIONE ELETTORALE Tipologia: permesso. Retribuzione: SI A chi spetta: a coloro che adempiono funzioni presso gli Uffici elettorali compresi i rappresentati dei candidati nei collegi uninominali e di lista o di gruppo di candidati. In occasione di referendum, ai rappresentanti dei partiti o gruppi politici e dei promotori del referendum. Durata: per il periodo corrispondente alla durata delle operazioni elettorali. Casuale: partecipazione a consultazioni elettorali. Riferimenti: art. 119 D.P.R. 30 marzo 1957, n. 361; legge del 21 marzo 1990, n. 53, legge del 29 gennaio 1992, n. 69. Cosa presentare: idonea certificazione attestante la chiamata al seggio, le date di effettiva presenza al seggio e la data di chiusura delle operazioni elettorali. Dimmi di più: Il permesso spetta anche in occasione delle elezioni comunali, provinciali e regionali. I giorni di assenza dal lavoro per il periodo corrispondente alla durata delle operazioni di voto e di scrutinio sono considerati lavorativi a tutti gli effetti. I componenti del seggio elettorale o i rappresentanti di lista o comunque impegnati in operazioni connesse, hanno diritto inoltre a recuperare le giornate non lavorative di impegno ai seggi con giorni di recupero da concordare con il datore di lavoro, in rapporto anche con le esigenze di servizio. Il riposo compensativo deve essere goduto con immediatezza, cioè nel periodo immediatamente successivo alle operazioni elettorali. In alternativa al giorno di riposo possono essere corrisposte giornate retribuite. Esempio: A) Con orario di lavoro settimanale distribuito su 5 giorni (dal lunedì al venerdì): - Operazioni di voto: Sabato operazioni passate al seggio dalle 9.00 alle il lavoratore ha diritto a un giorno di riposo o al pagamento di specifiche quote retributive in aggiunta alla normale retribuzione mensile; Domenica operazioni passate al seggio dalle 6.30 alle il lavoratore ha diritto a un giorno di riposo o al pagamento di specifiche quote retributive in aggiunta alla normale retribuzione mensile; - Operazioni di scrutinio: Se le operazioni di scrutinio hanno termine: entro le ore della domenica - i giorni di riposo compensativo saranno 2 ovvero il lunedì e il martedì; dopo le ore il lunedì non dà diritto al riposo ma si intende comunque lavorato, i giorni di riposo saranno sempre 2 ma decorreranno dal martedì. B) Con orario di lavoro settimanale distribuito su 6 giorni (dal lunedì al sabato): - Operazioni di voto: Sabato operazioni passate al seggio dalle 9.00 alle il lavoratore ha diritto ad una giornata retribuita; 10

11 Domenica operazioni passate al seggio dalle 6.30 alle il lavoratore ha diritto a un giorno di riposo o al pagamento di specifiche quote retributive in aggiunta alla normale retribuzione mensile. - Operazioni di scrutinio: Se le operazioni di scrutinio hanno termine: entro le ore della domenica - il giorno di riposo compensativo spettante sarà il lunedì; dopo le ore il lunedì non dà diritto al riposo ma si intende comunque lavorato, il giorno di riposo spettante sarà sempre 1 ma il martedì. In sintesi: le giornate trascorse al seggio coincidenti con giornate lavorative danno diritto ad una giornata retribuita; le giornate trascorse al seggio coincidenti con giornate festive o non lavorative (sabato in caso di settimana corta) danno diritto ad una giornata di riposo o al pagamento di specifiche quote retributive in aggiunta alla normale retribuzione mensile. 11

12 CONTROLLI PRENATALI Tipologia: permesso. Retribuzione: SI A chi spetta: alla lavoratrice gestante. Durata: per l'effettuazione di esami prenatali, accertamenti clinici ovvero visite mediche specialistiche, nel caso in cui questi debbono essere eseguiti durante l'orario di lavoro. Casuale: tutela della maternità. Riferimenti: art. 14 del d.lgs. 26 marzo 2001, n Cosa presentare: idonea certificazione attestante data e orario di effettuazione degli esami, accertamenti o visite specialistiche. 12

13 DIRITTO allo STUDIO Tipologia: permesso. Retribuzione: SI A chi spetta: al personale dipendente (per la CRI non spetta al personale a tempo determinato). Durata: 150 ore all anno. Casuale: partecipazione a corsi destinati al conseguimento di titoli di studio universitari, postuniversitari, di scuole di istruzione primaria, secondaria e di qualificazione professionale, statali, pareggiate o legalmente riconosciute, o comunque abilitate al rilascio di titoli di studio legali o attestati professionali riconosciuti dall'ordinamento pubblico, per la preparazione e successiva discussione della tesi di laurea finale al termine degli studi universitari, per la frequenza di corsi organizzati dall'unione Europea e per sostenere i relativi esami, per la partecipazione a corsi di formazione in materia di integrazione dei soggetti svantaggiati sul piano lavorativo dal punto di vista sociale o psico-fisico. Riferimenti: art. 9 del C.C.N.L. del Cosa presentare: formale istanza al Comitato Centrale Dipartimento Risorse Umane e Organizzazione Servizio 6^ Trattamento Giuridico e Economico Ufficio Stato Giuridico corredata da notizie dettagliate riguardante il corso di studi e l istituto che lo svolge, da certificato di iscrizione, dal numero di esami sostenuti riferiti a corsi universitari e del nulla osta del responsabile dell Unità organizzativa presso cui il dipendente presta servizio. Il termine ultimo per presentare l istanza, verso gli inizi di dicembre, viene indicato di anno in anno da apposita circolare del Comitato Centrale. Successivamente alla fruizione del permesso deve essere presentata idonea documentazione altrimenti i permessi utilizzati vengono considerati aspettativa per motivi personali. Dimmi di più: I permessi sono concessi dal Comitato Centrale che esaminate le istanze pervenute, procede alla formazione di una graduatoria degli aventi diritto e comunica direttamente al dipendente avente diritto l esito dell istanza. Nel caso in cui non si verificasse il raggiungimento del limite massimo del 3% del personale a tempo indeterminato in servizio presso la Croce Rossa Italiana, potranno essere inoltrate altre istanze intorno al mese di maggio, anche questo termine è contenuto nell iniziale circolare inviata dal Comitato Centrale CRI a tutte le Unità relativa al diritto allo studio. Per il personale in servizio a tempo parziale i permessi vengono concessi in misura proporzionata alla tipologia del rapporto di lavoro. Per sostenere gli esami il dipendente, in alternativa, può utilizzare, per il solo giorno della prova, anche i permessi retribuiti per esami previsti dall art. 19, comma 1, del C.C.N.L. del Perché per la CRI il permesso non spetta al personale a tempo determinato: Con riferimento ai permessi per il diritto allo studio, la espressa volontà delle parti negoziali, risultante dalla formulazione testuale dell art. 9 del C.C.N.L. del 14 febbraio 2001 ( Ai dipendenti con rapporto di lavoro a tempo indeterminato ), consente di limitare la portata applicativa del beneficio al solo personale a tempo indeterminato, e non consente di estendere la stessa anche al personale a tempo determinato, qualunque sia la fonte e qualunque sia la durata dello stesso. 13

14 Nei confronti del personale a tempo determinato trovano comunque applicazione le disposizioni previste dall art. 10 della legge n. 300/1970 secondo cui i lavoratori studenti hanno diritto di fruire di permessi giornalieri retribuiti limitatamente ai giorni in cui sia prevista la prova d esame. 14

15 DIRITTO di VOTO Tipologia: permesso. Retribuzione: SI A chi spetta: al lavoratore trasferito di sede nell approssimarsi delle elezioni il quale, anche se abbia provveduto nel prescritto termine di 20 giorni a chiedere il trasferimento di residenza, non abbia ottenuto in tempo l iscrizione nelle liste elettorali della nuova sede di servizio. Durata: un giorno per le distanze da 350 a 700 chilometri; due giorni per le distanze oltre i 700 chilometri o per spostamenti da e per le isole. Casuale: esercizio del diritto di voto. Riferimenti: art. 118 del D.P.R. 30 marzo 1957, n Cosa presentare: idonea certificazione Dimmi di più: Tutti i lavoratori che non si trovassero nella situazione descritta nel A chi spetta, e cioè che abbiano mantenuto la residenza in comune diverso da quello di servizio senza richiedere il cambio di residenza possono eventualmente richiedere altra tipologia di permessi. 15

16 DISABILITA del DIPENDENTE Tipologia: permesso. Retribuzione: SI A chi spetta: al dipendente disabile maggiorenne in situazione di gravità. Durata: alternativamente nel corso del mese di: a. due ore di permesso al giorno per ciascun giorno lavorativo; b. tre giorni interi di permesso ovvero di 18 ore mensili da ripartire nelle giornate lavorative secondo le esigenze, cioè con articolazione anche diversa rispetto a quella delle due ore giornaliere. Causale: tutela della disabilità. Riferimenti: legge 5 febbraio 1992, n Cosa presentare: Per usufruire del diritto di cui alla legge n. 104/1992 il lavoratore deve presentare regolare istanza all Ufficio di appartenenza con allegata la certificazione ASL dalla quale risulti che lo stesso si trovi in situazione di handicap grave, ai sensi dell art. 3, comma 3, della legge 104/1992. Altresì, il dipendente deve indicare quale dei due benefici, punto a. e b. intende utilizzare. Una volta scelto il tipo di permessi (a ore o a giorni) e iniziata, in un determinato mese, la fruizione di permessi scelti, il lavoratore può chiederne la variazione per quel mese esclusivamente per esigenze improvvise opportunamente documentate. Dimmi di più: Tali permessi non possono essere fruiti cumulativamente nello stesso mese, l alternativa è possibile solo in mesi diversi. (esempio: il lavoratore disabile può utilizzare i tre giorni di permesso nel mese di marzo e fruire delle due ore giornaliere in aprile ma non può cumulare tre giorni e due ore nelle stesso mese). I tre giorni di permesso mensile, di cui al punto b., possono essere frazionati ma in questo caso il frazionamento non deve superare le 18 ore mensili di permesso retribuito. 16

17 DISABILITA di un PARENTE o AFFINE Tipologia: permesso. Retribuzione: SI A chi spetta: al dipendente che assista con continuità e in via esclusiva un parente o affine entro il terzo grado portatore di handicap, ancorché non convivente. Durata: alternativamente nel corso del mese di: a. tre giorni interi di permesso; b. 18 ore mensili. Causale: assistenza di un famigliare portatore di handicap. Riferimenti: legge 5 febbraio 1992, n, 104. Cosa presentare: Per usufruire dei diritti di cui alla legge n. 104/1992 i lavoratori devono far pervenire all Ufficio di appartenenza la seguente documentazione: 1. comunicazione del tipo di permesso richiesto ai sensi dell art. 33 della legge n. 104/1992 (permessi ad ore o permessi a giorni); 2. certificazione ASL dalla quale risulti che il familiare assistito si trovi in situazione di handicap grave, ai sensi dell art. 3, comma 3, della legge 104/1992; 3. dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà, resa ai sensi dell art. 47 del DPR n. 445/2000, dalla quale risultino le seguenti informazioni: a. che il familiare disabile non è ricoverato a tempo pieno; b. che il lavoratore sia l unico componente della famiglia che assiste con continuità ed in via esclusiva il famigliare disabile. 4. copia di un documento di riconoscimento. Al fine del rinnovo dei benefici per gli anni successivi deve essere l interessato a presentare entro il 31 marzo di ogni anno la seguente documentazione: a. dichiarazione sostitutiva di certificazione circa l esistenza in vita del familiare disabile per l assistenza del quale sono stati concessi i previsti benefici; b. dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà che da parte della ASL non si è proceduto a rettifica o non è stato modificato il giudizio sulla gravità dell handicap; c. copia di un documento di riconoscimento. Dimmi di più: In base all art. 20 della legge n. 53/2000, i genitori (di figli maggiorenni) e i familiari lavoratori di persone handicappate possono fruire dei giorni di permesso mensile anche se il portatore di handicap non è convivente a condizione che l assistenza sia continua ed esclusiva, requisiti che devono sussistere contemporaneamente. La continuità consiste nell effettiva assistenza del soggetto handicappato, per le sue necessità quotidiane, da parte del lavoratore, genitore o parente del soggetto stesso per il quale vengono richiesti i giorni di permesso. Si precisa che l assistenza non deve essere intesa necessariamente quotidiana, purché questa assuma i caratteri della sistematicità e dell adeguatezza rispetto alle concrete esigenze della persona con disabilità in situazione di gravità. 17

18 Ne consegue che per i benefici previsti dalla legge n. 104/1992, il concetto di assistenza sistematica ed adeguata, ricorre, altresì, quando il lavoratore risiede o lavora anche in luoghi distanti da quello in cui risiede di fatto la persona con disabilità. La esclusività va intesa nel senso che il lavoratore richiedente i permessi deve essere l unico soggetto che presta assistenza alla persona handicappata. Si ritiene che la circostanza che tra i parenti del disabile ci siano altri soggetti che possono prestare assistenza non esclude la fruizione dell agevolazione da parte del lavoratore se questi non chiedono o fruiscono dei permessi (eventualmente perché non impiegati). Secondo l orientamento del Dipartimento della Funzione pubblica n. 13 del 18 febbraio 2008, l assistenza va intesa nel senso che il dipendente richiedente i permessi deve essere l unico lavoratore (soggetto legittimato in base alla normativa specifica) che presta l assistenza al soggetto disabile, vale a dire che non vi sono altri lavoratori prestanti assistenza che fruiscono di questi permessi per quel soggetto. Inoltre il principio dell esclusività non deve necessariamente coincidere con l assenza di qualsiasi altra forma di assistenza pubblica o privata. Rimane tuttavia impregiudicato il principio in base al quale non si ha diritto ai benefici nel caso di ricovero a tempo pieno, intendendosi il ricovero per le intere ventiquattro ore. 18

19 DISABILITA di un MINORE fino a 3 ANNI Tipologia: permesso. Retribuzione: SI A chi spetta: alla lavoratrice madre o, in alternativa, al lavoratore padre, di un minore, fino a tre anni, con handicap in situazione di gravità. Durata: due ore di permesso giornaliere. Causale: assistenza di un minore (da tre a diciotto anni) con handicap in situazione di gravità. Riferimenti: legge 5 febbraio 1992, n Cosa presentare: Per usufruire del congedo retribuito il lavoratore deve presentare regolare istanza all Ufficio di appartenenza con allegata la certificazione ASL dalla quale risulti che il soggetto assistito si trovi in situazione di handicap grave, ai sensi dell art. 3, comma 3, della legge 104/

20 DISABILITA di un MINORE da 3 a 18 ANNI Tipologia: permesso. Retribuzione: SI A chi spetta: alla lavoratrice madre o in alternativa al lavoratore padre, anche adottivi o affidatari, di un minore da tre a diciotto anni, anche non convivente, con handicap in situazione di gravità. Durata: tre giorni di permesso mensili. Causale: assistenza di un minore da tre a diciotto anni con handicap in situazione di gravità. Riferimenti: legge 5 febbraio 1992, n. 104; legge 8 marzo 2000, n. 53. Cosa presentare: Per usufruire del permesso retribuito il lavoratore deve presentare regolare istanza all Ufficio di appartenenza con allegata la certificazione ASL dalla quale risulti che il soggetto assistito si trovi in situazione di handicap grave, ai sensi dell art. 3, comma 3, della legge 104/

21 DONAZIONE MIDOLLO OSSEO Tipologia: permesso. Retribuzione: SI A chi spetta: al dipendente che effettua una donazione di midollo osseo. Durata: intera giornata lavorativa della donazione + giornate per l espletamento delle procedure preliminari alla donazione + giornate di degenza ospedaliera e convalescenza successive alla donazione. Casuale: donazione midollo osseo. Riferimenti: art. 5 della legge 6 marzo 2001, n. 52. Cosa presentare: il dipendente deve presentare idonea documentazione riferita alla donazione. Dimmi di più: Ai sensi dell art. 5 della legge n. 52/2001, il lavoratore dipendente ha permessi retribuiti per il tempo occorrente all espletamento dei seguenti atti: a. prelievo finalizzato all'individuazione dei dati genetici; b. prelievi necessari all'approfondimento della compatibilità con i pazienti in attesa di trapianto; c. accertamento dell'idoneità alla donazione, ai sensi dell'articolo 3 della legge 4 maggio 1990, n Inoltre, il dipendente ha diritto a conservare l intera retribuzione per le giornate di degenza ospedaliera occorrenti al prelievo del sangue midollare, nonché per le successive giornate di convalescenza che l equipe medica che ha effettuato il trapianto ritenga necessarie ai fini del completo ripristino dello stato fisico del donatore stesso. 21

22 DONAZIONE SANGUE Tipologia: permesso. Retribuzione: SI A chi spetta: al dipendente che effettua una donazione di sangue e di emocomponenti. Durata: intera giornata lavorativa. Casuale: donazione sangue. Riferimenti: art. 1 della legge 13 luglio 1967, n. 584; Decreto Ministro Lavoro 8 aprile Cosa presentare: il dipendente deve documentare la donazione con apposita attestazione rilasciata dal medico che ha effettuato il prelievo. Dimmi di più: E fissato in 250 grammi il limite quantitativo minimo che la donazione deve raggiungere per il diritto alla giornata di riposo. 22

23 EVENTI E CAUSE PARTICOLARI Tipologia: permesso. Retribuzione: SI A chi spetta: a tutti i dipendenti. Durata: tre giorni all anno. Casuale: grave infermità del coniuge o di un parente entro il secondo grado o del convivente. Riferimenti: art. 15 del C.C.N.L. integrativo 1998/2001; art. 4 della legge 8 marzo 2000, n. 53. Cosa presentare: il dipendente deve presentare idonea documentazione giustificativa. Dimmi di più: Parentela è il rapporto giuridico che intercorre fra persone che discendono da uno stesso stipite e quindi legate da un vincolo di consanguineità. Sono parenti in linea retta le persone che discendono l una dall altra (genitore-figlio), sono parenti in linea collaterale coloro che, pur avendo uno stipite comune (ad esempio il padre o il nonno), non discendono l una dall altra (fratelli o cugini). Nella linea retta il grado di parentela si calcola contando le persone sino allo stipite comune, senza calcolare il capostipite. Nella linea collaterale i gradi si computano dalle generazioni, salendo da uno dei parenti sino allo stipite comune (da escludere) e da questo discendendo all altro parente. Pertanto, a titolo esemplificativo, avremo: - parenti di primo grado: figli e genitori; - parenti di secondo grado: fratelli e sorelle, nipoti e nonni. Pertanto, il permesso è concesso per la perdita: di un nonno, di un genitore, di un figlio, di un nipote (figlio di un figlio), di un fratello e di una sorella. 23

24 GIUDICE POPOLARE Tipologia: permesso. Retribuzione: SI A chi spetta: al dipendente chiamato a svolgere funzioni di giudice popolare. Durata: intera giornata lavorativa nella quale si tiene l udienza o altre attività connesse alla funzione di giudice popolare. Casuale: partecipazione a giuria popolare. Riferimenti: art. 2 bis della legge 24 marzo 1978, n. 74. Cosa presentare: il dipendente è tenuto ad avvertire preventivamente l amministrazione dell assenza producendo copia del decreto di nomina a giudice popolare ed al rientro, a giustificazione della stessa, dovrà produrre idonea certificazione rilasciata dalla competente autorità giudiziaria. Dimmi di più: l incarico di giudice popolare è assimilato, dalla normativa vigente, all esercizio delle funzioni pubbliche elettive. 24

25 LUTTO Tipologia: permesso. Retribuzione: SI A chi spetta: al personale dipendente. Durata: 3 giorni consecutivi per evento. Causale: perdita del coniuge, di parenti entro il secondo grado e di affini di primo grado. Riferimenti: art. 19 del C.C.N.L. del ; art. 4 della legge 8 marzo 2000, n. 53. Cosa presentare: Successivamente, deve essere presentata idonea documentazione giustificativa. Dimmi di più: Parentela è il rapporto giuridico che intercorre fra persone che discendono da uno stesso stipite e quindi legate da un vincolo di consanguineità. Sono parenti in linea retta le persone che discendono l una dall altra (genitore-figlio), sono parenti in linea collaterale coloro che, pur avendo uno stipite comune (ad esempio il padre o il nonno), non discendono l una dall altra (fratelli o cugini). Nella linea retta il grado di parentela si calcola contando le persone sino allo stipite comune, senza calcolare il capostipite. Nella linea collaterale i gradi si computano dalle generazioni, salendo da uno dei parenti sino allo stipite comune (da escludere) e da questo discendendo all altro parente. Pertanto, a titolo esemplificativo, avremo: - parenti di primo grado: figli e genitori; - parenti di secondo grado: fratelli e sorelle, nipoti e nonni. La affinità è il vincolo fra un coniuge ed i parenti dell altro coniuge (gli affini di ciascun coniuge non sono affini fra di loro). Il grado di affinità è lo stesso che lega il parente di uno dei coniugi. Affini di primo grado sono: Suocero e genero (in quanto la moglie è parente di primo grado con il proprio padre), suocero e nuora. Pertanto, il permesso è concesso per la perdita: di un nonno, di un genitore, di un figlio, di un nipote (figlio di un figlio), di un fratello, di una sorella e di un suocero. Poiché, il CCNL prevede che i giorni di permesso debbano essere consecutivi, i periodi di permesso devono considerarsi non frazionabili e quindi necessariamente continuativi, comprendendo anche i giorni festivi e non lavorativi ricadenti all interno degli stessi. Per quanto riguarda la decorrenza del permesso l art. 19 si limita a prevedere che in caso di lutto il dipendente ha diritto a tre giorni di permesso retribuito senza disporre che i tre giorni debbano necessariamente decorrere dalla data dell evento luttuoso. Sembra quindi coerente ritenere che il permesso possa essere riferito all evento e, quindi, con una decorrenza che può essere spostata di qualche giorno rispetto all evento stesso. Pertanto se il dipendente subisce un lutto di venerdì potrà anche chiedere che il permesso decorra dal lunedì successivo. Se però egli chiede di fruire del permesso con decorrenza dal venerdì, nei tre giorni dovranno inevitabilmente essere conteggiati anche il sabato e la domenica, visto che il CCNL prevede che i tre giorni siano consecutivi. I permessi per partecipazione a concorso o esami, lutto, gravi motivi personali e familiari e matrimonio possono essere fruiti cumulativamente nell anno solare. 25

26 Personale a tempo determinato: nei confronti del personale a tempo determinato trovano applicazione le disposizioni previste dall art. 4 della legge 53/2000 secondo cui la lavoratrice e il lavoratore hanno diritto ad un permesso retribuito di tre giorni lavorativi all'anno in caso di decesso del coniuge o di un parente entro il secondo grado o del convivente, purché la stabile convivenza con il lavoratore o la lavoratrice risulti da certificazione anagrafica. 26

27 MALATTIA FIGLIO Tipologia: permesso. Retribuzione: solo fino al compimento del terzo anno di vita del bambino sono retribuiti 30 giorni per ciascun anno computati complessivamente per entrambi i genitori. A chi spetta: ai genitori lavoratori per ogni figlio fino agli otto anni. Durata: i genitori hanno diritto ad assentarsi alternativamente: - fino ai 3 anni del bambino/a senza limiti temporali; - dai 3 agli 8 anni del bambino/a: 5 giorni lavorativi l'anno per ciascun genitore per ogni bambino/a. Casuale: cura del proprio figlio in caso di malattia. Riferimenti: art. 47 del d.lgs. 26 marzo 2001, n. 151; art. 14 del C.C.N.L. integrativo 1998/2001. Cosa presentare: certificato medico rilasciato da specialista del SSN o da medico convenzionato attestante la malattia del bambino/a. Dimmi di più: Ai congedi per malattia del figlio non si applicano le disposizioni sul controllo della malattia del lavoratore, il bambino/a ammalato non può essere sottoposto a visita fiscale né il genitore che lo accudisce deve rispettare le fasce orarie di reperibilità. Il congedo per malattia del figlio spetta al genitore richiedente anche se l'altro genitore non ne ha il diritto. La disciplina legislativa chiede che il padre e la madre non siano assenti dal lavoro per lo stesso motivo di cura della malattia del figlio. Quindi, il padre lavoratore può chiedere il congedo per la cura della malattia del figlio durante il congedo parentale della madre. 27

28 MATRIMONIO Tipologia: permesso. Retribuzione: SI A chi spetta: al personale dipendente. Durata: 15 giorni consecutivi. Causale: matrimonio del dipendente. Riferimenti: art. 19 del C.C.N.L. del Cosa presentare: Successivamente, deve essere presentata idonea documentazione giustificativa. Dimmi di più: Il termine in occasione lascia aperta la strada all interpretazione da attribuire all espressione. È l evento matrimonio la causa che da il diritto al permesso, mentre l indicazione della data di fruizione è riservata all interessato e quindi non deve necessariamente comprendere il matrimonio. Ovviamente il differimento (cioè l anticipo o il posticipo del permesso rispetto alla data del matrimonio) deve essere ragionevole e comunque riconducibile alle esigenze legate al matrimonio. La questione relativa al periodo di tempo massimo ragionevole non è stata ancora affrontata dalla Croce Rossa. In attesa di una definizione precisa e definitiva si sottolinea che un differimento massimo di due mesi è stato ritenuto compatibile con le esigenze dettate dalla costituzione di un nuovo nucleo familiare da parte dei C.C.N.L. vigenti degli altri comparti. I permessi per partecipazione a concorso o esami, lutto, gravi motivi personali e familiari e matrimonio possono essere fruiti cumulativamente nell anno solare. 28

29 MOTIVI PERSONALI O FAMILIARI Tipologia: permesso. Retribuzione: SI A chi spetta: al personale dipendente (per la CRI non spetta al personale a tempo determinato). Durata: 3 giorni nell anno. Causale: gravi motivi personali o familiari del dipendente. Riferimenti: art. 19 del C.C.N.L. del Cosa presentare: Successivamente, deve essere presentata idonea documentazione giustificativa. Dimmi di più: L art. 46, comma 1, del CCNL del 1998/2001 stabilisce che questi permessi possono essere goduti in maniera frazionata non superiore a 18 ore complessive. Si sottolinea che, a seguito di quanto stabilito all art. 71 della legge n. 133/2008, in caso di fruizione dell intera giornata lavorativa, l incidenza dell assenza sul monte ore a disposizione del dipendente viene computata con riferimento all orario di lavoro che il medesimo avrebbe dovuto osservare nella giornata di assenza. Alla luce di quanto sopra, nel caso in cui l orario lavorativo giornaliero stabilito sia pari a 7 ore e 12 minuti, la fruizione del permesso per l intera giornata comporterà la riduzione del monte ore complessivo (18 ore) delle corrispondenti 7 ore e 12 minuti. Ne consegue che nell ipotesi il dipendente usufruisca di due giornate di permesso pari a 14 ore e 24 minuti potrà beneficiare, in seguito, esclusivamente di un permesso di durata corrispondente al restante monte ore di 3 ore e 36 minuti. I permessi per partecipazione a concorso o esami, lutto, gravi motivi personali e familiari e matrimonio possono essere fruiti cumulativamente nell anno solare. Perché per la CRI non spetta al personale a tempo determinato: Ai sensi dell art. 16, comma 6 del C.C.N.L. del 6 luglio 1995, ai dipendenti assunti a tempo determinato possono essere concessi permessi non retribuiti per motivate esigenze fino ad un massimo di dieci giorni complessivi e permessi retribuiti solo in caso di matrimonio. Il citato articolo nel dettare una disciplina specifica, valevole per il personale assunto a termine, individua in modo espresso e tassativo, gli istituti (prevalentemente di carattere normativo) per i quali per i lavoratori a termine viene dettata una disciplina distinta e diversa da quella del restante personale a tempo indeterminato. In particolare, in maniera di assenze, il comma 6, prevede espressamente che al personale a tempo determinato possono essere concessi permessi retribuiti solo in caso di matrimonio, ai sensi dell art. 19, comma 3, del C.C.N.L. del 6 luglio Per effetto di tale disciplina, quindi, i dipendenti a tempo determinato non possono usufruire degli altri permessi retribuiti previsti dallo stesso art. 19 del C.C.N.L. del 6 luglio

30 PERMESSI BREVI Tipologia: permesso. Retribuzione: NO A chi spetta: a tutti i dipendenti. Durata: fino alla metà dell orario di lavoro giornaliero e non possono comunque superare le 36 ore nel corso dell anno. Casuale: esigenze varie del dipendente. Riferimenti: art. 20 del C.C.N.L. 1994/1997. Cosa presentare: deve essere inoltrata relativa istanza. Dimmi di più: Il dipendente è tenuto a recuperare le ore non lavorate non oltre il mese successivo, nel caso il recupero non venga effettuato vi è una proporzionale decurtazione della retribuzione. 30

31 CONGEDI 31

32 CONGEDO di MATERNITA e PATERNITA Tipologia: congedo. Retribuzione: SI A chi spetta: alla madre, o in alternativa al padre, ai genitori adottivi o affidatari secondo quanto sotto specificato: a. alla madre, in via prioritaria; b. al padre, in caso di grave infermità o morte della madre o abbandono del bambino da parte della madre o affidamento esclusivo, c. ai genitori adottanti o affidatari, madri o padri (nel solo caso in cui la madre abbia rinunciato, se ne aveva diritto, a fruirne o sia deceduta oppure il bambino gli sia stato affidato in via esclusiva); Durata: la durata varia in base a chi usufruisce del congedo secondo il seguente prospetto: 1) alla madre spettano cinque mesi da scegliere nel modo seguente: opzione a. 2 mesi prima del parto e tre mesi dopo il parto; opzione b. 1 mese prima del parto e 4 mesi dopo il parto. 2) al padre spettano 3 mesi di congedo dopo il parto (o il periodo residuo che sarebbe spettato alla lavoratrice); 3) ai genitori adottanti o affidatari, madri o padri spettano i tre mesi successivi dalla data di effettivo ingresso in famiglia del bambino di età non superiore a 6 anni; 4) in caso di affidamento o di adozione internazionale, spettano i tre mesi successivi dalla data di effettivo ingresso in famiglia anche se il minore ha superato i sei anni e sino al compimento della maggiore età. Casuale: tutela della maternità e paternità. Riferimenti: art. 16 e segg. del d.lgs. 26 marzo 2001, n. 151; art. 14 del C.C.N.L. integrativo 1998/2001. Cosa presentare: Prima dell'inizio del periodo di divieto di lavoro le lavoratrici devono consegnare all Amministrazione il certificato medico indicante la data presunta del parto. La lavoratrice è tenuta a presentare, entro trenta giorni, il certificato di nascita del figlio, ovvero la dichiarazione sostitutiva, ai sensi dell'articolo 46 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n Dimmi di più: Durante il congedo di maternità la lavoratrice ha l'obbligo di astenersi dal lavoro. Nel caso di parto prematuro, i giorni non fruiti del congedo di maternità precedenti la data presunta del parto, si aggiungono ai tre mesi successivi al parto stesso. 32

33 CONGEDO PARENTALE Tipologia: congedo. Retribuzione: fino ai tre anni del bambino: I. per intero i primi 30 giorni computati complessivamente per entrambi i genitori; II. il 30% per ulteriori 5 mesi computati complessivamente per entrambi i genitori. Dopo i tre anni il congedo non è retribuito. esempio: 1) la madre prende 10 giorni di congedo per un figlio sotto i tre anni, il padre ancora non ne ha presi il computo dei giorni di congedo è pari a 10, pertanto la retribuzione nei giorni di congedo è al 100%; 2) successivamente il padre prende 10 di congedo per lo stesso figlio sotto i tre anni il computo dei giorni di congedo è pari a 20, pertanto la retribuzione nei giorni di congedo è pari al 100%; 3) successivamente la madre prende 15 di congedo per lo stesso figlio sotto i tre anni il computo dei giorni di congedo è pari a 35, pertanto, avendo superato i 30 giorni computati complessivamente per entrambi i genitori, la retribuzione nei giorni di congedo è pari al 100% per i primi 10 giorni e pari al 30% per i restanti 5; 4) il procedimento è lo stesso per restanti cinque mesi oltre i quali il congedo non è retribuito. esempio: 1) il padre e la madre hanno preso cumulativamente 4 mesi per un figlio minore di tre anni il congedo è stato retribuito al 100% per i primi 30 giorni e al 30% per gli altri 3 mesi, rimangono quindi altri 2 mesi al 30% e 4 mesi non retribuiti; 2) il figlio compie quattro anni il congedo non viene più retribuito, rimangono 6 mesi non retribuiti. A chi spetta: ai genitori lavoratori per ogni figlio fino agli otto anni. Durata: 10 mesi, calcolati complessivamente tra padre e madre. Nell ambito del predetto limite i diritto compete: - alla madre lavoratrice per un periodo non superiore a sei mesi; - al padre lavoratore per un periodo non superiore a sei mesi; - qualora vi sia un solo genitore per un periodo non superiore a dieci mesi. Qualora il padre lavoratore eserciti il diritto di astenersi dal lavoro, per un periodo continuativo o frazionato, non inferiore a tre mesi, il congedo che compete al padre è elevato a sette mesi e il limite complessivo del congedo è elevato a undici mesi. Casuale: tutela maternità e paternità. Riferimenti: d.lgs. 26 marzo 2001, n. 151; art. 14 del C.C.N.L. integrativo 1998/2001. Cosa presentare: relativa domanda, con l indicazione della durata all Ufficio di appartenenza di norma, salvo casi di oggettiva impossibilità, quindici giorni prima della data di decorrenza del periodo di astensione. Il genitore richiedente deve allegare alla domanda: 33

34 1) certificato di nascita (o dichiarazione sostitutiva) da cui risulti la paternità o la maternità (i genitori adottivi o affidatari sono tenuti a presentare il certificato di stato di famiglia che includa il nome del bambino ed il provvedimento di affidamento o adozione); 2) dichiarazione non autenticata di responsabilità dell'altro genitore da cui risulti il periodo di congedo eventualmente fruito per lo stesso figlio; nella dichiarazione occorre indicare il proprio datore di lavoro o la condizione di non avente diritto al congedo; 3) analoga dichiarazione non autenticata di responsabilità del genitore richiedente relativa ai periodi di astensione eventualmente già fruiti per lo stesso figlio; 4) impegno di entrambi i genitori a comunicare le variazioni successive. Dimmi di più: Il congedo spetta al genitore richiedente anche qualora l altro genitore non ne abbia diritto. Il congedo può essere fruito contemporaneamente da entrambi i genitori. La frazionabilità del periodo di congedo parentale avviene, con il dovuto preavviso, per libera scelta del lavoratore o della lavoratrice, ma tra un periodo di congedo e l'altro, anche di un solo giorno, ci deve essere effettiva ripresa dell'attività lavorativa. I giorni non lavorativi e festivi (sabato e domenica) compresi nel periodo di congedo, vengono computati nel calcolo dell'assenza (ad esempio, un periodo fruito dal venerdì al martedì successivo sarà pari a cinque giorni di congedo parentale; un periodo fruito con rientro in servizio il lunedì non comprenderà nel calcolo il sabato e la domenica). ESEMPIO: 1) settimana: dal lunedì al venerdì = congedo parentale; 2) settimana: dal lunedì al venerdì = ferie o malattia; 3) settimana: lunedì = ripresa attività lavorativa. Totale giorni di congedo parentale = 5 (il sabato e la domenica della 1 e della 2 settimana non vanno conteggiati come congedo parentale perché il lunedì della 3 settimana si è rientrati in servizio). 1) settimana: dal lunedì al venerdì = congedo parentale; 2) settimana: dal lunedì al venerdì = ferie o malattia; 3) settimana: dal lunedì al venerdì = congedo parentale; 4) settimana: lunedì = ripresa attività lavorativa. Totale giorni di congedo parentale = 14 (il sabato e la domenica della 1 e della 2 settimana vanno conteggiati come congedo parentale). Poiché tra un periodo e l altro di congedo non vi è stata ripresa lavorativa, il congedo è continuativo e, di conseguenza, le giornate di sabato e domenica comprese tra i periodi vanno conteggiate. 34

35 DISABILITA di un FIGLIO, FRATELLO, SORELLA o CONIUGE Tipologia: congedo. Retribuzione: SI A chi spetta: alla lavoratrice madre o, in alternativa, al lavoratore padre o, dopo la scomparsa, a uno dei fratelli o delle sorelle, coniuge conviventi di un soggetto con handicap in situazione di gravità. Durata: due anni Causale: assistenza di un disabile in situazione di gravità. Riferimenti: art. 42, comma 5, d.lgs. 26 marzo 2001, n Cosa presentare: Per usufruire del congedo retribuito il lavoratore deve presentare regolare istanza all Ufficio di appartenenza con allegata la certificazione ASL dalla quale risulti che il soggetto assistito si trovi in situazione di handicap grave, ai sensi dell art. 3, comma 3, della legge 104/1992. Dimmi di più: La lavoratrice madre o, in alternativa, il lavoratore padre o, dopo la scomparsa, uno dei fratelli o sorelle conviventi di soggetto con handicap in situazione di gravità, può richiedere un periodo di congedo retribuito, continuativo o frazionato, non superiore a due anni. Il congedo è previsto per la durata complessiva di due anni per ogni persona handicappata, e può comunque essere frazionato e alternato tra i due genitori. Con sentenza n. 158/2007 la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittimo l art. 42, comma 5 del d.lgs. 151/2001 nella parte in cui non prevede, in via prioritaria rispetto agli altri congiunti indicati nella norma, anche per il coniuge convivente con soggetto con handicap in situazione di gravità, il diritto a fruire del congedo. Pertanto, il diritto al congedo straordinario retribuito è da intendersi esteso anche al coniuge convivente. 35

36 FORMAZIONE Tipologia: congedo. Retribuzione: NO A chi spetta: ai dipendenti con almeno cinque anni di servizio. Durata: un periodo non superiore a 11 mesi, continuativo o frazionato, nell arco dell intera vita lavorativa. Causale: completamento della scuola dell'obbligo, conseguimento del titolo di studio di secondo grado, del diploma universitario o di laurea, per la partecipazione ad attività formative diverse da quelle poste in essere o finanziate dal datore di lavoro. Riferimenti: art. 5 della legge 8 marzo 2000, n. 53; art. 13 C.C.N.L. integrativo 1998/2001. Cosa presentare: idonea certificazione 36

37 ALLEGATI 37

38 ALLEGATO 1 Modello tipo per la richiesta di un permesso retribuito per allattamento. CROCE ROSSA ITALIANA UFFICIO DEL PERSONALE S E D E Oggetto: Permesso retribuito per allattamento. Il/la sottoscritto/a in servizio presso, comunica che intende beneficiare dei riposi giornalieri previsti dall art. 39 del decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, secondo il seguente prospetto: Mattina dalle ore alle ore... Pomeriggio dalle ore alle ore. Il richiedente Roma,. /. /... 38

39 ALLEGATO 2 Modello tipo per la richiesta di un permesso retribuito per la partecipazione a concorsi o esami. CROCE ROSSA ITALIANA UFFICIO DEL PERSONALE S E D E Oggetto: Permesso retribuito per la partecipazione a concorsi o esami. Il/la sottoscritto/a in servizio presso, chiede ai sensi all art. 19, comma 1, del C.C.N.L. del , di poter usufruire di n... giorni di permesso retribuito, dal. /. /.. al. /. /. Si allega documentazione giustificativa. Il richiedente Roma,. /. /... 39

40 ALLEGATO 3 Modello tipo per la richiesta di un permesso retribuito per la partecipazione a consultazione elettorale. CROCE ROSSA ITALIANA UFFICIO DEL PERSONALE S E D E Oggetto: Permesso retribuito per la partecipazione a consultazione elettorale. Il/la sottoscritto/a in servizio presso, comunica di essere stato/a nominato/a ( presidente, scrutatore, rappresentante di lista) alle prossime elezioni (politiche, amministrative, referendum) che si terranno il.. chiede ai sensi della legge 21 marzo 1990, n. 53, un permesso retribuito per partecipare a tutte le operazioni relative alle suddette elezioni. Allega copia della nomina. Si riserva al rientro in sede di presentare l'attestato di partecipazione. Il richiedente Roma,. /. /... 40

41 ALLEGATO 4 Modello tipo per la richiesta di un permesso retribuito per eventi e cause particolari per dipendenti a tempo indeterminato. CROCE ROSSA ITALIANA UFFICIO DEL PERSONALE S E D E Oggetto: Permesso retribuito per eventi e cause particolari. Il/la sottoscritto/a in servizio presso, chiede ai sensi all art. 15, comma 1, del C.C.N.L. integrativo 1998/2001, di poter usufruire di n... giorni di permesso retribuito, dal. /. /.. al. /. /. Si allega documentazione giustificativa. Il richiedente Roma,. /. /... 41

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Settore Risorse umane, salute e sicurezza TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Riferimenti normativi: Legge 53/2000; D.Lgs. 151/2001 Ccnl 14.9.2000 Dpr 1026/76 - D.Lgs. 119/11 D.Lgs. 5/2012

Dettagli

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008 REPUBBLICA ITALIANA CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827 DIPARTIMENTO REGIONALE DEL PERSONALE, DEI SERVIZI GENERALI, DI QUIESCENZA, PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEL PERSONALE AREA INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino Il comma 14 dell art. 19 Ccnl 2003 finalmente sancisce quello che sosteniamo da tempo: al personale con contratto a tempo determinato si applica

Dettagli

PERMESSI RETRIBUITI. Trattamento economico.

PERMESSI RETRIBUITI. Trattamento economico. PERMESSI RETRIBUITI Istituto Codice assenza ormativa di riferimento Disciplina Permessi per concorsi ed esami 0012 Art.19 CCNL 6.07.95 Art.77 CCDI 18.10.05 Al personale con rapporto di lavoro a tempo indeterminato

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica

MATERNITA E PATERNITA. Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica MATERNITA E PATERNITA Le fonti del diritto: Leggi, circolari e contratto Disposizioni Modulistica LEGGI e CIRCOLARI D.lgs. 151/2001 http://www.slp-cisl.it/elementi/testo%20unico%20maternità%20e%20paternità.pdf

Dettagli

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA 400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Le norme in materia sono contenute nel d. lgs. 151/2001 e, per ciò che riguarda le disposizioni relative ai minori in adozione o affidamento, sono state introdotte

Dettagli

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7 SOMMARIO Sommario Presentazione Congedo di maternità Congedo di paternità Congedi parentali Riposi giornalieri Congedi per malattia del bambino Tutela del lavoratore in caso di lavoro notturno 2 3 4 4

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ C I R C O L A R E

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ C I R C O L A R E DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9807.F.6.2 Roma, 6.8.2001 C I R C O L A R E OGGETTO: Legge 8 marzo 2000, n. 53 recante Disposizioni per il sostegno

Dettagli

100 PERMESSI RETRIBUITI

100 PERMESSI RETRIBUITI 100 PERMESSI RETRIBUITI. I permessi retribuiti spettano al dipendente, in presenza dei presupposti richiesti dal contratto o da altre disposizioni di legge, senza decurtazione della retribuzione e della

Dettagli

REGOLAMENTO. Concessione permessi retribuiti

REGOLAMENTO. Concessione permessi retribuiti REGOLAMENTO Concessione permessi retribuiti ART. 1 Oggetto Il presente regolamento, in conformità con quanto disposto dall art.21 del C.C.N.L. 01/09/1995 del Comparto Sanità e dagli artt.22 e 23 del C.C.N.L.

Dettagli

SCHEDA N. 2. Scheda n.2 permessi retribuiti specifici

SCHEDA N. 2. Scheda n.2 permessi retribuiti specifici SCHEDA N. 2 PERMESSI RETRIBUITI SPECIFICI (art. 11 e art. 40 C.C.P.L. di comparto) Riflessi sul rapporto di lavoro I giorni di permesso retribuito sono utili a tutti gli effetti e non riducono le ferie.

Dettagli

FAQ - Congedo maternità

FAQ - Congedo maternità FAQ - Congedo maternità 1 - Congedo di Maternità: Sono concessi permessi per visite mediche durante la gravidanza? Per gli accertamenti clinici, le visite mediche specialistiche o gli esami prenatali effettuati

Dettagli

Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese

Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese REGIONE LIGURIA Azienda Sanitaria Locale 4 Guida per le future mamme ed i futuri papà dipendenti della ASL 4 Chiavarese Indice Premessa pag. 3 Parte Prima: i diritti dei genitori 1. Permessi per controlli

Dettagli

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Le parti, visto la Legge n 53 dell 8 Marzo 2000, concernente i Congedi Parentali, hanno convenuto sull opportunità di aggiornare la disciplina contrattuale di tale Istituto

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE OGGETTO: Legge 5 febbraio 1992, n. 104 (legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP La persona handicappata maggiorenne in situazione di gravità

Dettagli

Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale. giustificarsi al rientro in servizio con idonea documentazione:

Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale. giustificarsi al rientro in servizio con idonea documentazione: TUTTO SUI PERMESSI NEL GRUPPO INTESASANPAOLO- AGGIORNATO 2013 Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale 1) Al Personale possono essere concessi permessi retribuiti, da giustificarsi

Dettagli

PRONTUARIO ALCUNE QUESTIONI DI CARATTERE GENERALE

PRONTUARIO ALCUNE QUESTIONI DI CARATTERE GENERALE CGIL FP CGIL FUNZIONE PUBBLICA FEDERAZIONE PROVINCIALE DI NUORO Via Oggiano, 15 08100 N U O R O - Tel. 0784/37639 Fax 0784/35853 CONGEDI PARENTALI FAMILIARI FORMATIVI PERMESSI PER LAVORATORI DISABILI GRAVI

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO. Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO.

PROVINCIA DI LIVORNO. Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO. PROVINCIA DI LIVORNO CIRCOLARE N. 1/2014 Ai Dirigenti Ai dipendenti Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO. Alla luce delle modifiche intercorse a seguito

Dettagli

In caso di parto prematuro, è possibile recuperare dopo la nascita il periodo non fruito.

In caso di parto prematuro, è possibile recuperare dopo la nascita il periodo non fruito. CONGEDO DI MATERNITÀ/CONGEDO DI PATERNITÀ Contratto intercompartimentale 2001-2004 Alto Adige Congedo di maternità: astensione obbligatoria dal lavoro della madre lavoratrice. Congedo di paternità: astensione

Dettagli

Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap

Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap Aggiornato alla Circ. INPS n^ 159 del 15/11/2013 La Corte Costituzionale con la recente sentenza n. 203 del 3 luglio 2013 ha dichiarato l

Dettagli

200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01.

200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01. 200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01. I permessi retribuiti per la tutela dell handicap sono stati introdotti dalla legge n. 104/1992, come

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "ARCANGELO GHISLERI"

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ARCANGELO GHISLERI Al Dirigente Scolastico I.I.S. A. GHISLERI CREMONA Il/la sottoscritto/a nato/a il a (Prov. ) residente a (Prov. ) in Via n, in servizio presso questa Istituzione scolastica in qualità di, C H I E D E di

Dettagli

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 La legge riconosce ai lavoratori disabili e ai loro familiari il diritto di fruire, in presenza di determinate condizioni, di permessi retribuiti o di congedi

Dettagli

I DIRITTI A TUTELA DELLA GENITORIALITÀ

I DIRITTI A TUTELA DELLA GENITORIALITÀ I DIRITTI A TUTELA DELLA GENITORIALITÀ A cosa hanno diritto i lavoratori e le lavoratrici che diventano genitori 1 A chi è rivolta la brochure? Destinatari La presente brochure sui diritti a tutela della

Dettagli

Segreteria Provinciale Consap Palermo

Segreteria Provinciale Consap Palermo Segreteria Provinciale Consap Palermo Mini guida ai diritti di Maternità e Paternità L entrata in vigore del D.Lgs. 26 marzo 2001, n.151 come Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di tutela

Dettagli

Il/la sottoscritto/a. nato/a il a ( Prov. ) residente a ( Prov. ) in Via/Piazza n, in servizio presso questa Istituzione scolastica in qualità di,

Il/la sottoscritto/a. nato/a il a ( Prov. ) residente a ( Prov. ) in Via/Piazza n, in servizio presso questa Istituzione scolastica in qualità di, Al Dirigente Scolastico Licei Sperimentali «G.A. Pujati» SACILE Il/la sottoscritto/a nato/a il a ( Prov. ) residente a ( Prov. ) in Via/Piazza n, in servizio presso questa Istituzione scolastica in qualità

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna)

MATERNITÀ E CONGEDI. A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) MATERNITÀ E CONGEDI A cura di Monica Lattanzi (Coordinatrice Uffici Vertenze CISL USR Emilia Romagna) Astensione Obbligatoria o Congedo di Maternità La tutela accordata dalla legge alle lavoratrici madri

Dettagli

Breve guida al congedo di paternità (aggiornata al 13 novembre 2010)

Breve guida al congedo di paternità (aggiornata al 13 novembre 2010) Breve guida al congedo di paternità (aggiornata al 13 novembre 2010) La legge riconosce al padre lavoratore dipendente il diritto al congedo parentale, anche nel caso in cui la madre non ne abbia diritto

Dettagli

SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI

SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI Banca Fideuram S.p.A. SINTESI SULLE NORME IN MATERIA DI CONGEDI DI MATERNITA, PATERNITA E PARENTALI Il documento è stato realizzato in collaborazione con la Fisac Cgil di Banca Fideuram 1 CONGEDO DI MATERNITÀ/PATERNITÀ:

Dettagli

Quaderno: Il rapporto di Lavoro Istituti di maggior rilievo

Quaderno: Il rapporto di Lavoro Istituti di maggior rilievo Quaderno: Il rapporto di Lavoro Istituti di maggior rilievo Versione 1.0 17/11/2009 Giustificativo Pagina 1 Aspettativa altra esperienza lavorativa 3 2 Aspettativa dottorato di ricerca e borse di studio

Dettagli

CONGEDO STRAORDINARIO RETRIBUITO DELLA DURATA DI DUE ANNI PER ASSISTERE I FIGLI CON HANDICAP GRAVE.

CONGEDO STRAORDINARIO RETRIBUITO DELLA DURATA DI DUE ANNI PER ASSISTERE I FIGLI CON HANDICAP GRAVE. CONGEDO STRAORDINARIO RETRIBUITO DELLA DURATA DI DUE ANNI PER ASSISTERE I FIGLI CON HANDICAP GRAVE. a cura di Libero Tassella, dalla Gilda di Napoli 12/11/2005 1. I Destinatari del congedo. La lavoratrice

Dettagli

CONGEDO PARENTALE 2015

CONGEDO PARENTALE 2015 CONGEDO PARENTALE 2015 Si riportano di seguito le modifiche, tardive e parziali, apportate a tale istituto dal Jobs act con validità limitata al periodo dal 25 giugno al 31 dicembre 2015 Art. 32 decreto

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali

LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali LE GUIDE DELLA FABI Maternità e congedi parentali 1 1. LA GRAVIDANZA 1.1. QUANDO COMUNICARE IL PROPRIO STATO La legge non stabilisce alcun obbligo di comunicare il proprio stato prima degli ultimi due

Dettagli

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Il Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 è il Testo Unico che ha riunito e riordinato le leggi in

Dettagli

Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142)

Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142) Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142) FERIE... 2 FESTIVITÀ... 2 PERMESSI... 2 PERMESSI BREVI... 2 PERMESSI PER FORMAZIONE... 3 PERMESSI PER

Dettagli

Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione

Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione Federazione Nazionale Assicuratori Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione A CURA DELLA COMMISSIONE FEMMINILE...hanno collaborato: Carla Prassoli Rita Mazzarella Armando

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA FERIE E FESTIVITA' (art. 13 e 14 CCNL 29/11/2007). C H I E D E

OGGETTO: RICHIESTA FERIE E FESTIVITA' (art. 13 e 14 CCNL 29/11/2007). C H I E D E OGGETTO: RICHIESTA FERIE E FESTIVITA' (art. 13 e 14 CCNL 29/11/2007). di poter usufruire dei seguenti periodi di: C H I E D E a) FERIE A.S..../... dal.../.../... al.../.../... gg.... dal.../.../... al.../.../...

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ASPETTATIVA PER ACCUDIRE AL FIGLIO QUESITI (posti in data 28 ottobre 2009) 1) È possibile chiedere all'azienda un periodo di aspettativa senza assegni per accudire al figlio dell età di tre anni?

Dettagli

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE * QUALI SONO I NUOVI DIRITTI E LE NUOVE OPPORTUNITA PER I NEO-GENITORI? ASPETTATIVA OBBLIGATORIA: - Resta l aspettativa obbligatoria

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

Ai Rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali Territoriali di Comparto CIRCOLARE N. 11

Ai Rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali Territoriali di Comparto CIRCOLARE N. 11 Area Risorse e Sistemi Settore Personale e Sviluppo Organizzativo Unità Organizzativa Personale Tecnico ed Amministrativo e Dirigenti Ai Presidi di Facoltà Ai Direttori di Dipartimento A tutto il Personale

Dettagli

Introduzione PAG. 3. Permessi per esami prenatali PAG. 5. Astensione anticipata dal lavoro PAG. 6. Congedo di maternità PAG. 7

Introduzione PAG. 3. Permessi per esami prenatali PAG. 5. Astensione anticipata dal lavoro PAG. 6. Congedo di maternità PAG. 7 SOMMARIO Introduzione PAG. 3 DIRITTI DELLA MAMMA QUANDO E IN ATTESA Permessi per esami prenatali PAG. 5 Astensione anticipata dal lavoro PAG. 6 Congedo di maternità PAG. 7 DIRITTI DEI GENITORI FINO AL

Dettagli

Verbale di accordo. tra

Verbale di accordo. tra Verbale di accordo In Verona, il giorno 11 gennaio 2008 Banca Popolare di Verona - S.Geminiano e S.Prospero S.p.A.; Banca Popolare di Novara S.p.A.; Società Gestione Servizi BP S.p.A.; Banca Aletti & C

Dettagli

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità 1 GUIDA AI CONGEDI PER LA CONCILIAZIONE Questo testo riscritto dal Comitato Unico di garanzia della Provincia di Varese raccoglie le principali informazioni utili per orientarsi nell ambito dei congedi

Dettagli

VITERBO LEGGE 104/92

VITERBO LEGGE 104/92 VITERBO LEGGE 104/92 D.lgs n.151/2001 1 ARAN Comparto del personale delle Regioni e delle Autonomie locali LA DISCIPLINA DEI PERMESSI E DEI CONGEDI PER LA TUTELA DEI DISABILI SOMMARIO SCHEDA N. 1 pag.

Dettagli

I diritti e le tutele

I diritti e le tutele I diritti e le tutele di chi lavora nella Formazione professionale L UN UTILE MODULISTICA DA USARE IN CASO DI NECESSITÀ aggiornamento nella professione, il giusto riposo, la possibilità di curarsi in caso

Dettagli

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico di Silvia Maria Cinquemani A) A FAVORE DEI BAMBINI 1.RICONOSCIMENTO DI INVALIDITÀ

Dettagli

CONGEDO MATRIMONIALE PERMESSI PER LA PROTEZIONE CIVILE - SOCCORSO ALPINO PERMESSI PER LO STUDIO PERMESSI DONAZIONE SANGUE

CONGEDO MATRIMONIALE PERMESSI PER LA PROTEZIONE CIVILE - SOCCORSO ALPINO PERMESSI PER LO STUDIO PERMESSI DONAZIONE SANGUE CONGEDO MATRIMONIALE PERMESSI PER LA PROTEZIONE CIVILE - SOCCORSO ALPINO PERMESSI PER LO STUDIO PERMESSI DONAZIONE SANGUE PERMESSI PER I SEGGI ELETTORALI Segreteria Provinciale di Cremona Viale Trento

Dettagli

Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92

Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92 Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92 12 maggio 2012 Dr.ssa Fabrizia Capitani Assistente Sociale Azienda Ospedaliero-Universitaria S. Orsola- Malpighi Bologna La procedura

Dettagli

MODELLI DI DOMANDA PER FRUIRE DELLE ASSENZE

MODELLI DI DOMANDA PER FRUIRE DELLE ASSENZE MODELLI DI DOMANDA PER FRUIRE DELLE ASSENZE PERSONALE DELLA SCUOLA CON RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO PERSONALE I.T.I. OGGETTO: domanda per ferie nel corso dell anno scolastico

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULL UTILIZZO DEI PERMESSI RETRIBUITI DI CUI ALLA LEGGE 5.2.1992, N.104 E S.M.I.

REGOLAMENTO AZIENDALE SULL UTILIZZO DEI PERMESSI RETRIBUITI DI CUI ALLA LEGGE 5.2.1992, N.104 E S.M.I. REGOLAMENTO AZIENDALE SULL UTILIZZO DEI PERMESSI RETRIBUITI DI CUI ALLA LEGGE 5.2.1992, N.104 E S.M.I. 1 Art. 1 Riferimenti normativi Legge 5.2.1992, n.104 Legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

Verbale di accordo. tra. Banca Popolare di Verona - S.Geminiano e S.Prospero S.p.A.;

Verbale di accordo. tra. Banca Popolare di Verona - S.Geminiano e S.Prospero S.p.A.; Verbale di accordo In Verona, il giorno 11 gennaio 2008 Banca Popolare di Verona - S.Geminiano e S.Prospero S.p.A.; Banca Popolare di Novara S.p.A.; Società Gestione Servizi BP S.p.A.; Banca Aletti & C

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia Dipartimento dell'amministrazione Penitenziaria Il Capo del Dipartimento f.f. Circolare nr. 0186333-2001 del 26.07.2001 OGGETTO: Legge 8 marzo 2000, n.53 recante Disposizioni

Dettagli

Congedi parentali, congedi straordinari, prolungamento dell'astensione di maternità: novità dall'inps

Congedi parentali, congedi straordinari, prolungamento dell'astensione di maternità: novità dall'inps www.handylex.org Carlo Giacobini, Responsabile del Centro per la documentazione legislativa, UILDM - Direzione Nazionale Congedi parentali, congedi straordinari, prolungamento dell'astensione di maternità:

Dettagli

Circolare N.26 del 12 Febbraio 2013. Permessi elettorali. Guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013

Circolare N.26 del 12 Febbraio 2013. Permessi elettorali. Guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013 Circolare N.26 del 12 Febbraio 2013 Permessi elettorali. Guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013 Permessi elettorali: guida alle elezioni del 24-25 febbraio 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Polo Universitario della Provincia di Agrigento

Polo Universitario della Provincia di Agrigento Polo Universitario della Provincia di Agrigento DIRETTIVA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE AA.GG. N. 3 del _15/02/2013_ OGGETTO: GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE

Dettagli

Guida ai diritti e ai Congedi Parentali

Guida ai diritti e ai Congedi Parentali Guida ai diritti e ai Congedi Parentali La presente guida è stata curata da Loretta Moroni. Hanno collaborato il dipartimento di Organizzazione e la Segreteria della Funzione Pubblica di Ravenna. Anno

Dettagli

FALCRI. donna I NOSTRI CONGEDI. Bianca Desideri. a cura di. Rosaria Capodanno. a cura di DONNE E SALUTE. Coordinamento Nazionale FalcriDonna

FALCRI. donna I NOSTRI CONGEDI. Bianca Desideri. a cura di. Rosaria Capodanno. a cura di DONNE E SALUTE. Coordinamento Nazionale FalcriDonna FALCRI donna I NOSTRI CONGEDI a cura di Bianca Desideri Coordinamento Nazionale FalcriDonna DONNE E SALUTE a cura di Rosaria Capodanno Centro Studi La Fenice I NOSTRI CONGEDI 1. Permessi visita medica

Dettagli

Permessi per l assistenza alle persone con disabilità

Permessi per l assistenza alle persone con disabilità Permessi per l assistenza alle persone con disabilità Con l emanazione della Circolare n. 13 del 6 dicembre 2010, il Dipartimento della Funzione Pubblica detta le disposizioni applicative dell art. 24

Dettagli

Introduce inoltre novità per ciò che riguarda i congedi per cura e per formazione.

Introduce inoltre novità per ciò che riguarda i congedi per cura e per formazione. Introduzione La legge 53/2000 (conosciuta con il titolo di Congedi Parentali) e altre norme ad essa collegata introducono rilevanti modifiche a importanti leggi dello Stato quali: La Legge 1204 del 30/12/1971

Dettagli

I diritti in moduli settembre 2006

I diritti in moduli settembre 2006 I diritti in moduli settembre 2006 Indice Nota: per accedere ai singoli moduli fare click sul titolo del modulo stesso 1. Aspettativa per mandato amministrativo (Personale a tempo indeterminato) 2. Aspettativa

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

Circolare N. 68 del 7 Maggio 2015

Circolare N. 68 del 7 Maggio 2015 Circolare N. 68 del 7 Maggio 2015 La gestione dei permessi elettorali in vista delle elezioni amministrative 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, durante il corrente mese di

Dettagli

Congedi parentali Sostegno della maternità e della paternità

Congedi parentali Sostegno della maternità e della paternità Congedi parentali Sostegno della maternità e della paternità FILLEA ARTICOLI DI LEGGE CONTROLLI PRENATALI Art. 14 L.151/2001 Sono previsti permessi retribuiti per l effettuazione di esami prenatali, accertamenti

Dettagli

Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002

Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002 LEGGE 104 CONGEDO STRAORDINARIO Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002 Legge 104/92 Art. 33 Tra i quesiti che ci pervengono quotidianamente da, lavoratori, delegati sindacali, membri di Associazioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 3 Circolo Didattico Giovanni XXIII 87064 Corigliano Calabro (CS)

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 3 Circolo Didattico Giovanni XXIII 87064 Corigliano Calabro (CS) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 3 Circolo Didattico Giovanni XXIII 87064 Corigliano Calabro (CS) Prot.n.4389 del12.10.2010 Al personale docente e ATA OGGETTO: informativa sulla

Dettagli

Modifica delle norme di tutela della maternità. Flessibilità del l congedo di maternità

Modifica delle norme di tutela della maternità. Flessibilità del l congedo di maternità Modifica delle norme di tutela della maternità È stato pubblicato sulla G.U. n. 144 del 26 giugno 2015 Supplemento ordinario n. 34, il Decreto Legislativo 15 giugno 2015, n. 80 "Misure per la conciliazione

Dettagli

CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO

CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO di avvocato Erika Lievore 1 CONGEDO di MATERNITA (EX ASTENSIONE OBBLIGATORIA) DURATA ASTENSIONE OBBLIGATORIA DAL LAVORO: 5 MESI (2 MESI PRECEDENTI E 3 MESI SUCCESSIVI

Dettagli

21 - HANDICAP. 6 ha disposto che le persone, affette da sindrome di Down 7, possano essere dichiarate in. 9 dall altro, non essendo

21 - HANDICAP. 6 ha disposto che le persone, affette da sindrome di Down 7, possano essere dichiarate in. 9 dall altro, non essendo 21 - HANDICAP 21.1 NOZIONI GENERALI Secondo la legge 1 una persona è disabile, ovvero ha un handicap, quando è affetta da un minorazione (fisica, psichica o sensoriale) che provochi difficoltà di apprendimento,

Dettagli

I diritti e le tutele

I diritti e le tutele I diritti e le tutele per chi lavora nell università L e leggi e i contratti collettivi hanno sancito per i lavoratori dipendenti una serie di diritti e di tutele per i tanti casi della vita in cui altre

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICI E SERVIZI. APPENDICE. Regolamento sull orario di lavoro.

REGOLAMENTO UFFICI E SERVIZI. APPENDICE. Regolamento sull orario di lavoro. COMUNE DI STRIANO (Provincia di Napoli) Via Sarno, 80040 Striano Tel. 081.8276202 Fax 081. 8276103 P.I. 01254261215 - C.F. 01226000634 segreteria@comune.striano.na.it www.comune.striano.na.it REGOLAMENTO

Dettagli

ASTENSIONE OBBLIGATORIA

ASTENSIONE OBBLIGATORIA ASTENSIONE OBBLIGATORIA - ASTENSIONE FACOLTATIVA - ASSENZA PER MALATTIA DEL BAMBINO ASTENSIONE OBBLIGATORIA QUADRO RIEPILOGATIVO DESCRIZIONE NORMA GENERALE RETRIBUZIONE NOTE Durata dell astensione prima

Dettagli

DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO. Art. 1 Generalità

DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO. Art. 1 Generalità DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO Art. 1 Generalità Il presente disciplinare è volto a normare l'articolazione dell'orario di lavoro per tutto il personale dell'istituto sulla base di quanto previsto dalla

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI:

RIFERIMENTI NORMATIVI: VADEMECUM MATERNITA' Testo unico n 151 del 26 Marzo 2001 due sono gli istituti che intervengono sulla materia Inail e Inps. La gravidanza è un evento del tutto normale nella vita di una donna e non comporta,

Dettagli

1. Congedi per gravi e documentati motivi familiari (art. 42, comma 5,D.Lgs. 26.3.2001, n. 151)

1. Congedi per gravi e documentati motivi familiari (art. 42, comma 5,D.Lgs. 26.3.2001, n. 151) Direzione Centrale delle Prestazioni Roma, 26 Aprile 2002 Circolare n. 85 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO COMUNE DI CAMPEGINE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

I permessi per i genitori

I permessi per i genitori I permessi per i genitori Questa materia in questione é regolata dalla legge e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria e dell'artigianato

Dettagli

ANFFAS Brescia Onlus SERVIZIO ACCOGLIENZA E INFORMAZIONE SAI?

ANFFAS Brescia Onlus SERVIZIO ACCOGLIENZA E INFORMAZIONE SAI? PERMESSI e CONGEDI PARENTALI (art. 33 L. 104/92) solo per genitori, parenti o affini di una persona riconosciuta in SITUAZIONE DI HANDICAP GRAVE (certificazione di gravità ex art. 3 c. 3 L104/92); solo

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI PER I GENITORI, ANCHE ADOTTIVI DI MINORI CON HANDICAP. Definizione introduttiva

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI PER I GENITORI, ANCHE ADOTTIVI DI MINORI CON HANDICAP. Definizione introduttiva GUIDA AI CONGEDI PARENTALI PER I GENITORI, ANCHE ADOTTIVI DI MINORI CON HANDICAP Definizione introduttiva L istituto dei congedi parentali (astensione facoltativa dal posto di lavoro del lavoratore o della

Dettagli

CCNL PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA ALIMENTARE. Data di stipulazione 6 maggio 2004 CCNL DIPENDENTI DEI CONSORZI AGRARI. Data di stipulazione

CCNL PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA ALIMENTARE. Data di stipulazione 6 maggio 2004 CCNL DIPENDENTI DEI CONSORZI AGRARI. Data di stipulazione CCNL PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA ALIMENTARE 6 maggio 2004 CCNL DIPENDENTI DEI CONSORZI AGRARI Art. 34 Artt. 27 e 37 CONGEDI PARENTALI / PER MOTIVI FAMILIARI / PERMESSI VARI In caso di matrimonio avente effetti

Dettagli

Direzione Centrale Sviluppo e Gestione risorse umane

Direzione Centrale Sviluppo e Gestione risorse umane Direzione Centrale Sviluppo e Gestione risorse umane Roma, 29 Luglio 2002 Circolare n. 139 Allegati 6 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Dettagli

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO (1 ORA SE LA DURATA DELL ORARIO GIORNALIERO DI LAVORO È INFERIORE A SEI ORE) I genitori, alternativamente, di un minore al quale

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

Soggetti interessati alla L. 104 /1992

Soggetti interessati alla L. 104 /1992 «COMPLESSI EQUILIBRI» La Conciliazione famiglie e lavoro in tutte le sue declinazioni Alleanza territoriale Sud Est Asl MILANO 2 Congedi e permessi per la cura dei portatori di handicap LEGGE 104/1992

Dettagli

INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992

INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992 INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992 1) Premessa - legislazione di riferimento Il legislatore, con la legge n. 104/1992 ha attribuito un complesso di provvidenze

Dettagli

Piazza 14 Dicembre 1944 n.5 28019 SUNO (NO) CODICE FISCALE 00419850037 e-mail: c.pontini@comune.suno.novara.it COMUNE DII SUNO

Piazza 14 Dicembre 1944 n.5 28019 SUNO (NO) CODICE FISCALE 00419850037 e-mail: c.pontini@comune.suno.novara.it COMUNE DII SUNO Tel. 0322885510 Fax 0322858042 COMUNE DI SUNO Piazza 14 Dicembre 1944 n.5 28019 SUNO (NO) CODICE FISCALE 00419850037 e-mail: c.pontini@comune.suno.novara.it www.comune.suno.novara.it GUIIDA AL LAVORO PER

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ASPETTATIVA E BENEFICI DELLA LEGGE 104 QUESITO (posto in data 26 marzo 2014) Sono un dirigente medico di sessanta anni, con trentacinque anni di anzianità. In seguito a gravi patologie mi è stata

Dettagli

Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it

Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it Nel corso dell ultimo anno, le agevolazioni lavorative e gli incentivi per favorire l assistenza alle persone disabili sono stati

Dettagli

I CONGEDI FAMILIARI PROGETTO BUON LAVORO MAMMA. La tutela della lavoratrice madre. Dipartimento di Prevenzione CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E FORMAZIONE

I CONGEDI FAMILIARI PROGETTO BUON LAVORO MAMMA. La tutela della lavoratrice madre. Dipartimento di Prevenzione CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E FORMAZIONE Dipartimento di Prevenzione CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E FORMAZIONE PROGETTO BUON LAVORO MAMMA La tutela della lavoratrice madre I CONGEDI FAMILIARI CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E FORMAZIONE Piazza Matteotti,

Dettagli

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO NAZIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO NAZIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO Il Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151, "Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma dell'articolo 15 della legge 8 marzo

Dettagli

DOMANDA DI PERMESSI PER L ANNO.

DOMANDA DI PERMESSI PER L ANNO. Mod.Hand 1 (genitori di Minori) ALL ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Sede di - Area prestazioni a sostegno del reddito - ALL AZIENDA Via n. DOMANDA DI PERMESSI PER L ANNO. (d.gs. 151/2001, art.

Dettagli

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per Congedo di maternità Estensione del divieto, interruzione della gravidanza, flessibilità del congedo di maternità, documentazione, trattamento economico e normativo, mobilità, prolungamento del diritto

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 13 luglio 2015 Circolare n 12/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Jobs Act pubblicato il decreto per la conciliazione dei tempi di cura, di vita e di lavoro È entrato in vigore

Dettagli

DOMANDA DI ACCESSO AL TELELAVORO

DOMANDA DI ACCESSO AL TELELAVORO Posteitaliane 1 DOMANDA DI ACCESSO AL TELELAVORO Risorse Umane e Organizzazione (Gestione competente). CC Responsabile struttura organizzativa di appartenenza. CC Risorse Umane e Organizzazione FRSI/Politiche

Dettagli

Cognome Nome Nato a il Residente a. Recapito telefonico dipendente a tempo indeterminato/determinato in qualità di

Cognome Nome Nato a il Residente a. Recapito telefonico dipendente a tempo indeterminato/determinato in qualità di Richiesta di congedo straordinario per assistenza al genitore con disabilità grave (art. 42 comma 5 del D. Lgs. n. 151/2001, come modificato dalla Legge n. 350/2003 e dal D.lgs. 18.07.2011, n 119) Al Direttore

Dettagli

A cura di Maria Dominique Feola Ultimo aggiornamento 14 aprile 2008

A cura di Maria Dominique Feola Ultimo aggiornamento 14 aprile 2008 I genitori che lavorano hanno diritto ad una serie di benefici atti a salvaguardare la loro salute a consentire loro di conciliare le esigenze lavorative con la cura dei figli ad impedire che, sul luogo

Dettagli