Ma il Gioco d Azzardo è sempre così. E può essere anche pazzo, imprevedibile, perfino crudele. Il Gioco d Azzardo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ma il Gioco d Azzardo è sempre così. E può essere anche pazzo, imprevedibile, perfino crudele. Il Gioco d Azzardo."

Transcript

1 1 La mia filosofia (A onor del vero questo non è un racconto tradizionalmente inteso! Però c è un protagonista, c è una storia, delle storie, ci sono dei pensieri, dei ricordi, delle immagini, c è del suspense e una breve autobiografia del protagonista. Quindi c è movimento, azione. E allora mettiamolo qui! E sentiamo che dice il protagonista, che parla naturalmente in prima persona.) A questo punto a furia di scrivere pezzi che mi riguardano ( Scrivere per crescere come dice la Metzger) e a furia di vivere, ovviamente, e guardarmi attorno usando la consapevolezza in modo utile (non è di tutti) credo proprio di aver capito o di cominciare a capire quello che penso sul mondo, sul passato e sul futuro, insomma da dove vengo, chi sono e dove vado. Ma perché? Non lo sapevo prima? Sì, ma adesso mi divertirò a fare una specie di sistemazione più razionale, come se si trattasse di una specie di mia filosofia. Ovvero come se si trattasse del mio modo di vedere la vita secondo quanto ho riflettuto, approfondito e scritto finora, soprattutto in questo zona archeologica che mi piace chiamare dove ci sono cose mie (romanzi, racconti, poesie, saggi) oltre al bidone dove, quasi giornalmente, trovo argomenti da buttarci dentro. E dove alla fine ci butterò anche quello che sto scrivendo adesso. Non mi è mai successo di considerare quello che scrivo come materiale da studiare per conoscermi meglio. Mi sento nello stesso tempo un archeologo e un oggetto di ricerca, Schliemann e Troia, insieme. Che fare? Non devo fare altro (come sto facendo) che andare a rileggere quello che c è dentro il bidone, ma non solo. Spesso io non mi rendo neanche conto di quello che scrivo, viene fuori tutto di gètto, ho bisogno di buttare fuori (scrivere è buttare fuori) il magma che ho dentro. Conosci te stesso, no? diceva quel Grande. Che questa mia ricerca archeologica e insieme paleontologica interessi a qualcun altro (oltre a me) poco importa. Forse tre, quattro persone le conosco, le amo, mi conoscono, mi amano. E allora scrivo per loro. Ok, I.?, ok, A.?, ok, F.?, ok, S.?, ok, M.?, ok, D.?, ok, S.F.?, ok, V.?, ok, G.?, ok, M.A.? ok, K.?, ok, R.? ok, T.? Però! Conosco un sacco di gente! Non credevo. Adesso che ci penso è la terza volta, nel mio bidone, che affronto il tema del gioco. Ma intanto è possibile che le altre volte sia partito da altre stazioni, è possibile che abbia solo sfiorato quello che voglio dire adesso, o è anche possibile che mi stia

2 2 ripetendo. Pazienza. Adesso la partenza è precisa. Nitida. Programmatica. Non si tratta di aneddoti o di illuminazioni momentanee, di ricordi o di sfoghi, di cronache o di pamphlet. Voglio parlare di come vedo il mondo, la vita, gli altri, i rapporti, la società nel complesso, la religione, le religioni. Dunque... Tutto quello che vediamo, tocchiamo, sperimentiamo, tutto quello che trasformiamo o vogliamo trasformare, tutto quello che viviamo, tutto ciò che ci angoscia, ci blocca, ci nutre, ci distrugge, tutto appartiene al mondo del casuale. Diciamo pure al Caso. Cioè, il gioco d azzardo che noi esseri umani abbiamo inventato (dove il caso la fa da padrone) non è che la rappresentazione simbolica del gioco della Vita e del Mondo. In pratica del gioco della Vita e della Morte. Chi non gioca d azzardo nelle bische più squallide, per strada nelle fiere, nelle sale da gioco clandestine, nei casinò di Las Vegas, chi non lo fa deve almeno farlo nella vita. Che lo voglia o no. Deve almeno accettarlo di buon grado o subirlo. Anche se non sa di farlo. Anche se non gli piace l idea. Come si viene a questo mondo, come si entra nella vita è un azzardo. Ogni giornata che passiamo da bambini e adolescenti è un azzardo. (Qualche secolo fa la sopravvivenza dei neonati era bassissima. Chi metteva al mondo dei figli giocava d azzardo. E le vincite erano rare. Si facevano molti bambini per ovviare a queste circostanze negative. Sia fra la gente umile che fra i regnanti.) Quando ci si sveglia al mattino e si affronta la giornata, a qualsiasi livello sociale, è come giocare d azzardo. Può succedere di tutto: si diventa ricchi, si diventa poveri, ci sia ammala, si ha un incidente, si rimane paralizzati! E spesso (sempre?) tutto questo non lo si prevede, non lo si prepara, non lo si programma. Semplicemente affrontiamo continuamente dei rischi, delle vittorie, delle sconfitte. Si decide di attraversare una strada, è un azzardo. Si conosce una persona nuova e la si frequenta, è un azzardo. Quante situazioni di violenza da casi come quest ultimo. Non riesco a togliermi dalla testa il fatto di quell aereo che stava volando in Germania per addestramento quando qualcosa non funzionò, il pilota si buttò col paracadute salvandosi e l aereo andò a schiantarsi su un cascinale isolato in campagna dove un ragazzo (figlio dei contadini del posto, tutti a lavorare nel loro podere) stava studiando per laurearsi e abbandonare la vita dei campi. Non ce la fece. Morì prima. Il Caso.

3 3 Non riesco a togliermi dalla mente l episodio di quella bambina che stava camminando per una strada alberata sotto un uragano, a Roma, quando un colpo di vento sradicò addirittura una pianta, proprio quando lei ci passava sotto, tanto che le crollò addosso e la uccise. Episodi come questi ne vediamo a migliaia sui giornali, in TV. Anche quelli in cui uno perde l aereo che va a schiantarsi da qualche parte per cui lui si salva. Culo? Sì. Ovvero Caso. Perché succedono? Sono programmati? No. Evidentemente. Sono casuali. Altrimenti bisognerebbe tirare in ballo un Dio che non solo ha creato tutto, ma organizza tutto, anzi Tutto; anche il futuro del singolo, anche gli episodi di cui sopra. Assurdo. Perfino i teorici della religione dicono che esiste il libero arbitrio con cui ognuno può scegliere la sua Vita. Eppure, credimi, te lo dice uno che ha già vissuto per un po, e intensamente, tutto quello che succede appartiene a un gioco d azzardo, il quale gioco d azzardo, per antonomasia, appartiene al gioco del Caso. Uno gioca e spera, può fare anche dei calcoli, ma così, tanto per passare il tempo, può usare dei sistemi, tanto per aumentare la suspense. Ma alla roulette un numero può non uscire anche per una settimana. Poi a un dato momento uscirà, per la teoria dei grandi numeri (vedi) ma non per la tua insistenza o per la tua determinazione. Certo uno che vuole fare il medico e studia da medico e si laurea con lode e magari è figlio di un medico noto, finisce che fa il medico, ma qui non si tratta di un gioco d azzardo, qui si tratta di un progetto preciso che può andare in porto oppure no, e in genere si può credere che andrà in porto. Non voglio togliere le speranze a milioni di studenti programmati. Il gioco d azzardo è all interno della struttura. A prescindere che un essere umano faccia il medico o la ballerina. Io volevo fare tante cose (più avanti probabilmente traccerò una mia breve biografia; sarà sintomatica), soprattutto lo scultore e ho studiato anni per farlo, poi sono finito in una scuola d attori e ho fatto l attore. Per un po. Poi il Caso ha voluto per me altri imprevisti. Mia madre voleva fare la ballerina, ha fatto la ballerina, anzi, la danzatrice come diceva lei, per un po (c è perfino in rete), poi ha subìto un incidente a un ginocchio, un incidente grave, e ha dovuto cambiare mestiere. Mia nonna voleva fare la pianista e ha fatto la pianista e l insegnante di pianoforte per tutta la vita. Non tutti quelli che studiano medicina faranno il medico. Mi spiace ma è così. Ripeto la vita e le nostre scelte sono sempre un azzardo. Il nostro libero arbitrio può funzionare ma può anche essere perché abbiamo puntato sul numero giusto. Casualmente.

4 4 D altra parte non vedo altre risposte. Ci sono persone, la maggioranza (miliardi) che credono in Qualcuno Creatore e Signore di Tutto, Onnisciente, Onnipotente, Onnipresente e altre cose Per cui, come dice un proverbio, non si muove foglia che Dio non voglia. Quindi o Tutto è in mano Sua e Lui può fare il bello e il cattivo tempo, come gli gira, oppure può aver fatto solo una Azione, aver creato Tutto e averci messo a questo mondo, mantenendo però dentro di noi il Libero Arbitrio, e ci sono degli studiosi su questo argomento che con ragionamenti e arzigogoli capziosi (ve lo dice uno che ha studiato dai gesuiti) (casualmente) si sforzano di sostenere che Tutto è in mano nostra. E ci sono dei religiosi che dicono che Tutto ha una sua ragione d essere e Tutto finirà bene, purché si seguano le regole dei dieci comandamenti. Allora c è il Paradiso che ci attende. Altrimenti c è l Inferno. O il Purgatorio se abbiamo commesso solo dei peccatucci! Boh, mi sembra una favola per bambini deficienti! Per i musulmani buoni ci sono perfino delle vergini a loro disposizione, mi risulta. E per le donne? Non ho capito bene. Non ho motivo di credere in questo Qualcuno perché altrimenti devo considerare quest Essere un pazzo, sconsiderato e sadico, perché altrimenti non succederebbero degli eventi così traumatici (sto parlando di catastrofi in cui muoiono milioni di innocenti, fra terremoti, guerre, malattie, sto parlando di stupri di massa, criminalità dilagante, dell imbecillità imperante, ecc ) eventi che sono incomprensibili se li vogliamo attribuire a Qualcuno Onnisciente, Onnipresente, ecc e soprattutto a un Essere che è Bontà infinita! (È di questo soprattutto che si ha bisogno, noi poveri cuccioli!) Mentre invece non sono così misteriosi, questi eventi, se li attribuiamo al Caso, che gioca le sue mosse che sono casuali, non dimentichiamolo, e per niente appartenenti ad un progetto. Ma il Gioco d Azzardo è sempre così. E può essere anche pazzo, imprevedibile, perfino crudele. Il Gioco d Azzardo. (Sono arrivato fin qui, nel bidone. Ora andiamo avanti col racconto della mia vita. Mi sento anche più libero!) Avevo un giardino anni fa. Non era coltivato in modo molto razionale. Lo lasciavo grezzo. Come veniva veniva. Ogni tanto ci piantavo o seminavo qualche pianta nuova. Ogni tanto tagliavo qualche pianta malata. Fatto sta, mi ricordo, che il giardino cambiava spesso. Anche coi miei interventi (che per lui costituivo il caso, non dimentichiamolo) il giardino viveva, prosperava o si riduceva a sterpaglia senza senso. Dipendeva dal

5 5 tempo, dal clima, dalle cure che gli dedicavo. A volte era bellissimo, a volte era bruttissimo. Nelle estati torride, per esempio, si seccava tutto. Ma non moriva. Qualche erba, qualche fiore, qualche piantina nascevano sempre. A volte portavo a casa delle piante nuove. Dipendeva anche dai miei umori, dal passaggio di animali nella mia vita, cani, gatti, topi, formiche, acari, funghi, ecc Dipendeva dalle mie storie sentimentali. Viveva, prolificava, si adattava, pativa, sopravviveva. Secondo il suo Caso. Insomma stava giocando il suo gioco (in cui io ero certamente una delle variabili) che a volte gli andava bene, a volte gli andava male. Soprattutto quando partivo. Allora io credo che come veniamo al mondo siamo proiettati dentro un Gioco che non è stato inventato da Nessuno, ma si è formato così nei miliardi di anni che ha impiegato per arrivare fino a noi. Un Gioco in cui, per un bel po di miliardi di anni l uomo non c era ancora. Eppure c era già il Gioco. Un Gioco che procedeva in un certo modo, secondo certe regole che Nessuno ha formulato ma che si sono formate da sé. Magari mutandosi via via a seconda delle necessità perché il Gioco potesse continuare. È il gioco dell evoluzione. Tra parentesi l evoluzione non è programmata per migliorare le cose! È semplicemente un adattamento continuo a seconda di tante variabili e situazioni casuali ma vincenti al momento. Perché c era anche il rischio che a un certo punto tutto se ne andasse in malora. E la terra continuasse a girare attorno al sole ma senza vita; fra l altro è questo che potrebbe succedere se i Grandi della terra (mamma mia come sono piccini anche i Grandi della terra nei confronti dell Universo!) se i Grandi non trovassero un accordo nell immediato futuro, ripeto, nell immediato futuro, ripeto ancora, nell immediato futuro!!! Non dimentichiamo che, per esempio, il pianeta Venere è un pianeta caldissimo e per questo inerte, disabitato. Pare che lo sia diventato! C è un rischio del genere anche per noi? Comunque fra 4, 5 miliardi di anni, al Sole succederà qualcosa. Imploderà, che ne so, e si formerà un buco nero che attirerà la terra dentro il buco, con tutto ciò che è rimasto, o si espanderà inglobando la terra con tutto ciò che è stato fatto (Piramidi, Tour Eiffel, la Statua della Libertà, il Ponte sullo Stretto di Messina!) e con tutti gli eventuali nostri eredi (se ancora ci saranno!). E Dio? Che fra le Sue qualità dispone anche dell Eternità? A meno che non si preoccupi tanto di noi quanto del suo Giocattolo! Che comunque funziona, e funzionerà chissà per quanto tempo. Perché l Universo si espande, ma fino a quando? E poi? Mi viene da pensare: certo che un Dio simile si diverte di

6 6 più con tutto quello che succede sulla nostra Terra che col pianeta Venere o Marte. Ma il Dio di cui si parla tanto (lo Spirito? l Essenza delle cose? il Divino che qualcuno pensa esista anche in noi) non credo che si diverta di queste ciance! Siamo noi che ne facciamo una creatura simile a noi (con le nostre ciance) e non Lui che fece l Uomo a Sua immagine e somiglianza. Dio non ha niente a che vedere con l Essere Umano. Questo è il Gioco di cui parlavo. Un Gioco che c era già prima dell uomo, (e quindi anche prima di Dio!), e che ha cominciato a manifestarsi quando ebbe luogo il Big Bang. Ma forse c era anche prima. Quindi non sto parlando di Qualcuno che cominciò il Gioco, ma sto parlando di un Gioco (o forse è più giusto chiamarlo Meccanismo) che si formò via via nel tempo e nello spazio. Ma forse anche prima del tempo e dello spazio. Ci sono teorie interessanti sul Prima del Big Bang. Quello che mi interessa sottolineare è il fatto della Casualità. Non era necessario che l Universo nascesse in questo modo. È venuto fuori così per caso! Questa è la mia visione del mondo e della vita. Questa è la mia filosofia. Questo è quello in cui credo. Ma anche Dio c era prima di Tutto, dicono i credenti! E non fece la terra e l Uomo per divertirsi! E allora? Come la mettiamo? Lo fece perché? Così, improvvisamente gli saltò il ticchio? Si stava annoiando? Non mi convince. Non è da Dio! Da un Dio come qualcuno vuole considerarlo. Io non so cosa ci fosse prima. Molti scienziati ci hanno studiato e stanno studiando. Ci sono molte teorie. Insomma non è che ci fosse il niente e poi a un certo punto è successo il Big Bang. E anche per i creazionisti quando Dio creò l uomo e la donna non poté creare nello stesso tempo cielo e terra. L idea dei sei giorni della creazione significa qualcosa di graduale. La terra impiegò miliardi di anni per arrivare al punto in cui poteva nascere la vita. Quindi i sei giorni della creazione sono solo una metafora. Fatto sta che molti scienziati sono d accordo che prima del Big Bang c era qualcosa! Forse un universo in contrazione, per arrivare al punto in cui qualcosa di estremamente piccolo esplose e ricominciò a formarsi l universo in espansione. E circa quattro miliardi di anni fa si formò la terra, e circa / anni fa, probabilmente in Africa, cominciò a esistere l homo sapiens. E cominciò il gioco in cui l uomo prese il sopravvento. E diventò protagonista. Si fece protagonista. Casuale? Per me è un fatto casuale, come tutta la mia vita è un gioco in cui il Caso l ha fatta da padrone. Anche se ogni tanto, spesso (?) anch io ciò messo una mano perché il Caso si com-

7 7 portasse in un certo modo, perché il gioco andasse avanti in un certo modo, giocando (io) d astuzia, barando? (forse) nel modo che ci è concesso di farlo, quando e se lo si fa. Cioè, cos è successo? (la mia mente non la smette di ipotizzare) È successo che casualmente, come in ogni gioco d azzardo Attenzione, non sto parlando di gioco sportivo in cui prevale il campione più bravo o più allenato. Anche se a volte in un gioco come il calcio o il golf, la palla o la pallina, per via di un refolo di vento o per via di una mischia incontrollabile il pallone finisce casualmente in rete o la pallina finisce casualmente in buca! Sto parlando di un gioco d azzardo, in cui l esito non dipende tanto dalla bravura del giocatore quanto dal gioco della sorte per cui a un giocatore arrivano tre carte di un certo tipo e poi altre due carte dello stesso tipo per cui il giocatore vince. Oppure un giocatore punta su un numero e la roulette gira gira finché esce quel numero e il giocatore vince. Io intendo che la vita e il mondo appartengono a questo tipo di gioco, in cui non ti puoi aspettare niente se non che la fortuna ti assista. Anche se, lo ammetto, buona parte delle chances possono venire fuori dalla furbizia, intelligenza, abilità, esperienza del giocatore. Allora è successo che casualmente (nei primi tempi della vita sulla terra non si può parlare di intelligenza o di furbizia o di esperienza) i fatti sono andati così. La terra, inabitabile per i primi miliardi di anni, a poco a poco si è evoluta, si è formata l acqua, si sono formate le nuvole, la pioggia, le piante, l ossigeno, ecc... Come per preparare il terreno all arrivo dell animale homo. Finché siamo arrivati all homo sapiens sapiens. Qualcuno può gridare al miracolo. Ma anche vincere al superenalotto può essere considerato un miracolo. Avete idea di quanti fattori positivi bisogna azzeccare. Qui, nel bidone, c è un pezzo (titolo eccheccazzo! ) che ho scritto dopo che una goccia dal cielo mi ha preso proprio in piena testa mentre camminavo per strada. Quante probabilità c erano che da una nuvola partisse una goccia che beccasse proprio la mia zucca? Una su miliardi! Eppure è successo. Ogni tanto succede un miracolo, a Lourdes, a Fatima, ecc Cosa ne sappiamo degli sconvolgimenti interni di tipo psicologico, psicofisico, della pressione esterna e quindi interna che può verificarsi in mezzo a migliaia di persone che pregano? Allora è arrivato l homo sapiens sapiens e ha cominciato il suo viaggio che l ha portato al momento attuale in cui i potenti della terra si riuniscono perché c è il problema di salvare la terra dal surriscaldamento, ecc Possibile che l essere intelligente per eccellenza possa combinare questi guai? E chiaro che non

8 8 se l aspettava, è chiaro che siamo in balia dell Imprevedibile. Anche la Storia recente, il fascismo, il nazismo, il comunismo, le leggi di mercato, il mercato libero, le crisi finanziarie, la situazione italiana recente, che in altri momenti sarebbe andata a finire diversamente, tutto fa parte di questo Gioco ininterrotto che continua senza finire mai perché quando finirà (almeno per noi) sarà finito il nostro mondo (se ci arriviamo!). Questo non significa che dobbiamo stare passivi a subire le conseguenze del Gioco. Perché anche i nostri interventi fanno parte del Gioco, e in un gioco d azzardo una mossa (casuale o pensata) può anche determinare una vittoria o una sconfitta. Quindi studiamo, impariamo, esercitiamoci, esploriamo, creiamo, divertiamoci, soffriamo, piangiamo, ridiamo, incazziamoci, ribelliamoci può darsi che ci vada bene (per qualcuno, per un certo momento, finché dura!). La Storia, attraverso gli storici, insegna anche altre versioni o altre teorie. Io credo nella mia. Finalmente. Alla mia età. Devo pure aver capito qualcosa; o devo pure credere di aver capito qualcosa. Ogni tanto (una volta spesso) ho pensato alla morte come soluzione di una vita di cui non capivo (e continuo a non capire) la ragione, lo scopo, il perché, il cui prodest. Una volta, non ricordo se l ho scritto o l ho pensato, ma di fronte al suicidio di un uomo che aveva sbagliato una serie di comportamenti che gli aveva arrecato disdoro e disonore (succede), io mi dissi: ecco un occasione sprecata; io sono un uomo curioso; mi sarebbe piaciuto sapere come sarebbe andata a finire la storia di quell uomo se non avesse posto termine alla sua storia! Ma è facile blaterare sui giochi altrui. Ci sono delle volte che anch io desidero la morte, la fine, entrare nel Nulla, nel Vuoto, per stanchezza, per sfiducia, per mancanza di fede, non in Dio, ma nell Uomo, questa specie di Uomo che è venuta fuori e a cui appartengo. Ma non è facile. Abbiamo dentro di noi un sistema immunitario che tende a tenerci in vita qualsiasi cosa succeda. Una specie di autovaccino contro il suicidio. Diceva un criminale arrestato dopo tanti pedinamenti e acquisizione di prove e condannato all ergastolo, diceva a chi si meravigliava che non si fosse difeso, fuggito, diceva dopo essersi arreso tranquillamente: meglio la galera che la morte, no? Non so come e dove collocare un altro episodio che mi colpì. Quello di un medico giapponese, noto, che viveva a Roma, con una sua clientela che lo stimava. Un giorno si fece harakiri lasciando scritto una lettera in cui diceva: sono entrato in questo mondo senza volerlo, voglio andarmene quando decido io. Lui era andato oltre il sistema immunitario.

9 9 Questa mia visione delle cose non è che mi porti a fregarmene di tutto e di tutti. Siccome non so a che Gioco sto giocando, non conosco le regole, a volte le intuisco, ma spesso cambiano, può darsi che a un certo punto io mi trovi nella serie vincente (vincente per me!). Quindi proseguo nel mio cammino, prendo delle decisioni, collaboro con altri, mi intestardisco, pretendo, mi illumino, mi illudo, mi disilludo, credo in quello che faccio, mi rimangio la parola, faccio arte, insegno arte come la vedo io, poi sono cazzi loro (dei miei allievi)! Ognuno è dentro il suo gioco personale e tutti sono dentro il Gioco di questa vita, di questo mondo. Vorrei ricordare qui l episodio che racconto nel bidone dal titolo Ommadonna. Una ragazza bella, vitale, che incontravo in a- scensore ogni tanto Ma vai a leggere l originale. Vale la pena. Sempre per cercare di capire qualcosa di più. Quando ero giovane ho fatto teatro politico. Vedevo le cose da sinistra, anzi da una sinistra estrema. Mia madre temeva per me! Ma la mia Vita era quella, non potevo farci niente. Stavo giocando al mio Gioco che era dentro di me, non tanto perché sono nato così, ma perché sono diventato così. Poi sono cambiato nuovamente, a poco a poco, attraverso altre avventure, altre storie, attraverso il lancio di altri dadi che sono intervenuti per cambiare il mio atteggiamento mentale, i miei comportamenti, il mio inconscio. Non dimentichiamo che abbiamo un inconscio, anzi, un Inconscio potente. Oserei dire che soprattutto è lui che decide il nostro futuro. O per lo meno il nostro adattamento con una nuova realtà. Confesso: può nascere anche una stanchezza, tipo uffa che palle! questa vita. A volte, anche qui, ho scritto questa vita di merda! Era il periodo. E fortunatamente questo sito mi permette di seguire passo passo le mie evoluzioni dello stato del momento, dello stato psicologico, del carattere, insomma di seguire le varie tappe di questo gioco in cui ti capita spesso di gettare i dadi (il caso) e non sempre ti sono favorevoli. Anche perché forse, a volte, sono altri che li gettano sul tappeto verde della nostra vita. Questo è un periodo per me molto creativo. Non scrivo soltanto, non penso soltanto, non mi diletto a sciorinare quello che penso. Mi rendo conto che ho due o tre chances nella mia vita attuale: 1) lavorare per guadagnarmi da vivere e il lavoro che faccio mi piace; 2) scrivere, pensare e scrivere, inventare e scrivere; 3) disegnare, dipingere, non mi interessa se sono

10 10 bravo, unico, nuovo: disegno e dipingo, mi piace. Salvo la prima chance, in cui devo sottostare a delle regole di luogo e di tempo (c è di mezzo altra gente), per le altre due chance mi comporto così: quando mi rendo conto che comincio ad annoiarmi di quello che faccio (sento che sta sorgendo il famoso che ppalle! ) (lo scrivo con due p perché è più efficace!) cambio registro, cambio stanza, cambio modo di esprimermi e di creare: passo dal disegno alla scrittura alla lettura alla visione di un film, tanto poi ho scoperto che tutto mi porta a dire che ppalle! Ci sono tante curiosità che mi intrigano. Le prime cose che mi vengono in mente? Se Tutto fosse stato creato da un Creatore che tutto vede e a tutto provvede fra l altro (!?), perché sarebbero stati creati i dinosauri per poi eliminarli dalla faccia della terra prima ancora che venisse l uomo? A che pro? Per Gioco? Per Caso? Per un errore? Per un esperimento? Qualcosa è sfuggito di mano al Creatore? Una meteora imprevista ha rovinato tutto il progetto? Ma c era un progetto? Vattelapesca! Poi come mai ci sono degli animali così stravaganti nei comportamenti che uno si chiede: ma perché esistono? Vogliamo nominarne qualcuno? Perché la mantide religiosa, famosa per quello che fa? A che scopo? D accordo ci sono dei naturalisti che spiegano tutto. Ma perché esiste? C è tutto un sistema ben organizzato in natura per cui ognuno è utile. Però mi diverto a citare qui alcune righe di Konrad Lorenz, noto studioso della natura e degli esseri viventi. Come scienziato e studioso dei processi di adattamento considero un fenomeno quello della Sacculina Carcini, il granchio parassita che esce dall uovo sotto forma di larva di nauplio, con il cervello, gli organi di senso, la bocca, gli organi digerenti, provvisto di tutti i moduli comportamentali necessari alla ricerca di un ospite, nella fattispecie un granchio delle sabbie, e che quando vi si è installato, distrugge tutti questi organi per trasformarli in una rete di tessuti che diramano nel corpo dell ospite che gli fornisce il nutrimento per via osmotica. L unico organo ancora funzionale che ancora gli resta è una grande ghiandola sessuale che gli permette di generare innumerevoli discendenti. Da persona sensibile devo confessare che provo orrore per questo animale e che quando mi trovo su una spiaggia non posso fare a meno di liberare da lui il granchio che lo ospita. Uccidere questo animale mi procura quasi un senso di piacere.

11 11 Allora? Andiamo avanti. Non dimentico che sono curioso. Che la curiosità è una delle qualità per formare un buon attore. E non dimentico che l uomo comune, che vive e stabilisce rapporti (per forza, è un animale sociale), non dimentico che l uomo comune è comunque un attore. Ma di questo ne ho già parlato in questo sito nel mio saggio Attori! (identità, personalità). Una sorta di breve autobiografia. Veniamo a una serie di esempi pratici. Vuoi sapere (rapidamente) la storia del Gioco d azzardo che il Caso mi ha propinato nella vita? Fra l altro insisto: il Caso non è un Entità intelligente, o peggio Onnisciente, Onnipotente, Onnipresente che crea le situazioni, le prevede, le organizza, ecc Non è un Soggetto che ha come scopo di preparare le vite degli Oggetti che siamo noi, poveri esseri viventi in sua balìa. No, assolutamente. Se no saremmo daccapo. Allora ci sarebbe un Creatore chiamato Caso che è responsabile di Tutto. Il Caso è un Astrazione, è un Idea che l uomo ha inventato per trovare un altra risposta più idonea e meno fantasiosa a quella di un Dio Creatore che sta nell Alto dei Cieli. E che se, pregato o, almeno un tempo, oggetto di sacrifici animali, può renderci la vita meno difficile. In quanto la vita è difficile, soprattutto perché è imprevedibile. Ossia in mano al Caso. Il Caso è un meccanismo, come la roulette è un meccanismo mosso dall imprevedibilità. Non possiamo dire che è colpa o merito della roulette se noi vinciamo o perdiamo al Casinò. È il Caso, l Imprevedibile, che non dipende da nessuna legge né crea nessuna legge. Anche la teoria dei grandi numeri, per cui aumentano le probabilità che si ripresenti un evento, se viene ripetuto più volte, è una legge aleatoria. Se per dieci volte esce il nero non è detto che l undicesima volta debba uscire il rosso. È solo più probabile, tutto qua e la probabilità aumenta se continua a u- scire il nero. Quindi il Caso è qualcosa su cui non ci si può fidare. Mentre su Dio, su Allah, ecc ci si può fidare perché li abbiamo creati apposta per poterci fidare di Qualcuno. Perfino chi crede in Dio in modo radicale non può perdere la fede dopo una catastrofe. Ho scritto un pezzo sul bidone (chiamato proprio cattivo ) in cui riporto questo fatto. E allibisco. Allora vuoi sapere cosa mi è successo? In pratica vuoi conoscere la mia vita in qualche particolare che ritengo interessante? Il Caso ha voluto che nascessi da una ragazza madre, madre straordinaria (che fra l altro mi ha lasciato fare tutto quello che

12 12 volevo: il pittore, lo scultore, il pianista, l attore, lo scrittore ). Non mi ha mai detto di no quando volevo intraprendere una certa attività che mi piaceva. Finita la maturità per la maggior parte dei ragazzi del ceto medio si presenta subito il dilemma dell Università. Il caso ha voluto che l amico che più frequentavo si dilettasse di pittura e io lo seguivo a volte in campagna per vedere cosa facesse di bello. Bene. Così ho deciso di entrare a Brera, che è l Accademia di belle arti, e ci sono entrato. Mentre il mio amico fece legge! Prima a pittura, poi a scultura. Chissà! Se il mio migliore amico fosse stato un patito dello sport o della fisica, forse mi sarei appassionato di sport o di scienze. Poi il caso ha voluto che un giorno passasse da Milano Marcel Marceau (un mimo famoso all epoca) con un suo spettacolo. Io non ero mai andato a teatro. Mi sono fermato davanti al Piccolo Teatro, ho visto delle fotografie di Marcel Marceau, ho deciso di assistere alla rappresentazione. Non dormii tutta la notte. Il giorno dopo mi i- scrissi a una scuola di mimo. Il caso ha voluto che la scuola di mimo avesse un cortile che confinava con la scuola di recitazione del Piccolo Teatro di Milano. Conobbi dei ragazzi allievi attori, decisi di passare a recitazione. Mi presero e quando finii i due anni entrai subito al Piccolo. Dove il caso volle che conobbi Enrico Rame, fratello di Franca Rame che era già la moglie di Dario Fo. Per cui Enrico mi presentò a Dario che mi fece un provino e mi scritturò per due stagioni. Il terzo anno rifiutai di continuare con Dario. Volevo fare altre esperienze. Per qualche mese rimasi disoccupato. Quando una sera, a mezzanotte (il caso!) mi telefonò un attore che avevo conosciuto con Dario e mi disse che il Teatro Stabile di Torino (che recitava al Teatro Nuovo di Milano) cercava un giovane attore che sostituisse uno che si era ammalato. Avevano addirittura interrotto le repliche. Io corsi a conoscere il regista che mi diede la parte da studiare a memoria per il giorno dopo, cosa che feci regolarmente studiando di notte. Andò bene ed entrai nello Stabile di Torino per due anni. Il caso volle che a Torino conobbi un regista di Bologna che stava montando uno spettacolo medioevale per l Università e io gli andavo bene per il protagonista. Quindi diedi le dimissioni a Torino e andai a Bologna dove il caso volle che si stava formando il Teatro Stabile di Bologna. Mi videro nello spettacolo medioevale e mi scritturarono per altri due anni a Bologna. Poi il caso volle che a Bologna conobbi un attore che l anno successivo era stato scritturato allo Stabile di Firenze, ma aveva un film e quindi non poteva rispettare il contratto, per cui mi consigliò al regista di Firenze che mi prese e stetti a

13 13 Firenze per un po di anni. A Firenze conobbi Isabella che sarebbe diventata la mia compagna di vita e di lavoro. Infatti con lei decidemmo di fare compagnia da soli, io e lei, e lavorammo insieme per molti anni ottenendo ovunque un grande successo. Il caso volle che un giorno a Milano, dove recitavo insieme a Isabella, nell inseguire un autobus per raggiungere l albergo, io caddi in mezzo alla strada, mi portarono al pronto soccorso dove diagnosticarono un problema di cuore. Continuai a recitare per ancora un po di tempo finché dovetti subire un intervento di sostituzione di una valvola cardiaca. Per una anno smisi di recitare. Quando un giorno a Roma un amico che aveva una piccolo teatro mi propose di aprire una scuola di recitazione (i medici mi avevano consigliato di smettere di recitare). Io accettai la proposta e fondai Teatro Azione. La prima lezione del primo anno c erano tre ragazzi. Passò il tempo, gli allievi diventarono dopo quindici anni quasi trecento. E ora sono qua che scrivo della mia vita. Se non avessi conosciuto nella mia scuola un allievo esperto in computer non mi sarebbe venuta l idea di avere un sito in cui scrivere e pubblicare anche roba altrui. E scrivere quello che ora sto scrivendo su questo sito. Il signor Caso ha voluto ops, il signor Caso non esiste, non c è nessun Signor Caso che vuole, semplicemente si sono verificate delle circostanze che mi hanno portato a questo momento che sto vivendo, in cui mi diverto a raccontare una sintesi della storia della mia vita in cui il Caso ebbe una parte fondamentale. Perché secondo la mia filosofia il Caso è un entità fondamentale ma astratta. Non è un Tizio che programma e decide o si diverte a provocare disastri e fortune. Ma è una specie di flipper con tante palline che girano e girano, urtano delle molle che le respingono, si respingono a vicenda finché tutte, a poco a poco, finiscono in un buco da dove tornano fuori e ricominciano da capo. Questo è il Signor Caso. E per tutti il Signor Caso (cioè il Signor Flipper) comincia a muovere le sue palline nel momento in cui entriamo in questa vita, comincia il gioco d azzardo di cui sto parlando, e di cui posso dire che a me è andata proprio bene. Era un azzardo che valeva la pena di affrontare. Ma che ne sapevo!? Tutto nacque nel momento in cui decisi di non fare l Università e tutto nacque perché mia madre me lo permise. E tutto nacque perché mia madre si innamorò di mio padre che poi la lasciò quando seppe che era incinta! Il resto poi venne di conseguenza. Ma è tutta, ora posso dirlo, è tutta una sfida, un gioco delle parti, è tutta fortuna, o, lasciamelo dire, è tutto culo, io ce l ho avuto, anche se ho smesso di recitare. Ma se non avessi smes-

14 14 so non sarei qui a intrattenerti con queste pagine e le altre pagine di questo sito e le prossime pagine. Che, fra l altro, mi divertono. Insomma forse mi divertirei diversamente. Ma certamente ora mi sto divertendo per quel che mi basta e avanza. Forse potevo divertirmi di più, forse potevo diventare ricco e famoso, forse ora sarei in Nuova Zelanda (paese che mi ha sempre affascinato) o in Canada, in una casetta su un lago in mezzo a un bosco. Ma il gioco dei dadi poteva portarmi anche su una sedia a rotelle o a vivere in una favela brasiliana. O ad essere già morto: per incidente, pallottola vagante, malasanità, terremoto, tsunami, cancro, albero strappato dal vento e piombato sulla mia macchina, tutte cose che sono successe e succedono regolarmente e che certamente non sono volute da Dio). A me il gioco dei dadi poteva portarmi in galera per aver ucciso la mia donna (per gelosia?). È successo a uno, in questi giorni. Una persona che sembrava così normale, dicono i vicini. Anime ambiziose ascoltate: il sesso è la rovina della vita! Ha scritto Edgar Lee Masters nella sua Antologia di Spoon River. Ultimo (per ora) contributo all analisi della mia vita, del mondo, della nascita, della morte, del Gioco come meccanismo che ci governa, della voglia di vivere, della voglia di morire: a volte mi assale la noia. Ho vissuto tutto quello che un essere umano può sperimentare: amore, amicizia, sesso, benessere, notorietà, senso dell arte, della creatività... Non ho avuto figli, ma non li ho voluti e questo mi ha creato problemi con le donne con cui ho passato alcuni periodi della mia vita. Perché non li ho voluti? I motivi ci sono, sparsi qua e là, in vari episodi di cui ho parlato in questo sito (romanzi, racconti, poesie, il bidone...). Ricordo quando una truccatrice in televisione dove lavoravo come attore, una volta mi disse: lei ha dei figli signor Censi! No risposi. Come mai? Non li voglio, non mi interessano. Che egoista! concluse la truccatrice. Ricordo anche quando in una discussione fra amici (tutti scapoli, per il momento) concludemmo che i figli si fanno per egoismo, perché un figlio è solo una dimostrazione della propria e- sistenza. E ognuno di noi spesso ha bisogno di dimostrare che esiste! Oppure c è una forza della natura che ci spinge (noi inconsapevoli) a procreare perché questa è la Vita. Allora, chi ha ragione? Chi è l egoista? In fondo il mio Gioco non è stato un gioco perdente. Eppure a volte la vita mi viene a noia. Mi sembra di aver vissuto abbastanza. Vorrei non svegliarmi più. Com è bella l esperienza dell

15 15 anestesia totale. Vorrei entrare in uno stato di anestesia (in cui non ci si accorge quando si perde conoscenza) e non svegliarmi più! Cosa mi trattiene dal fare come il giapponese? Perché non so maneggiare una spada? Ma ci sono tanti altri modi! Il fatto è che ho sempre in mente dei progetti e vorrei portarli a termine. Mi sembra di lasciare un idea di me incompleta e carente. Dentro di me ci sono tante altre cose! Ma in fondo, che mi frega? So che quello che dico non è facile da digerire, non è facile da accettare, da condividere. Quali sono i rospi soprattutto? Sono tre. 1) Accettare la totale mancanza di un Qualcuno da pregare, magari ogni tanto, perché ci dia una mano nella vita e ci accolga poi quando ce ne andiamo. L idea che non ci sia Nessuno è insopportabile. 2) Non mettere al mondo figli. È inaccettabile. È disumano. I figli sono un prolungamento di noi che ci estende nell eternità. Poi i figli significano avere una famiglia, essere una famiglia, un corpo sociale di cui siamo responsabili e su cui contare quando si è vecchi. 3) La solitudine evidente, concreta, difficile da sopportare in certe occasioni, con certe esigenze interne insopprimibili. La solitudine può sembrare quasi una sconfitta. Non ho costruito niente in questa vita! Sono rimasto solo. Io credo che il nostro migliore amico (migliore amica) siamo noi stessi (noi stesse). Il problema è stare bene con se stessi. Non c è nessuno che ci capisce di più e ci tollera, ci sopporta, ci può divertire, per sempre. Se non si arriva a questo non c è che la strada che ha scelto il giapponese. Io ora sono solo. Però con tanti amici. Che non stanno con me, non condividono i miei spazi, il mio tempo. Ma va bene così. In tutto quello che ho detto io credo, ne sono convinto. Non ho pentimenti di quello che ho fatto, di quello che non ho fatto, di come la penso, di come sto progettando il futuro, di ciò che mi attende. Anche se non posso dire che tutto è il risultato di scelte mie personali, mi sta bene il risultato dei famosi dadi che il Caso ha giocato per me. E poi comunque la mia vita non è finita qui. Ci saranno ancora degli imprevisti. Lo spero. Se c è una cosa che non sopporto è la routine, ovvero la noia. Ci risentiamo fra un po di tempo. Quando? Anche questo non lo so. Appartiene al Gioco. Quando mi capiterà un fatto (esterno o interno) che mi spingerà davanti a questa tastiera. Quando una certa pallina si deciderà ad entrare in un certo buco.

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW La filosofia del viaggio nel tempo di ROBERTA SPARROW Traduzione a cura di Paolo Xabaras Montalto In lingua originale lo trovate sul sito ufficiale del film: http://www.donniedarko.com o presso il sito:

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari '' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari Io ho tanto coraggio ma certe volte non lo dimostro. Per esempio: io ho coraggio a dire in faccia le cose, ma qualche volta no perché non mi fido e allora

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli La realtà non è come ci appare carlo rovelli 450 a.e.v. Anassimandro cielo terra Anassimandro ridisegna la struttura del mondo Modifica il quadro concettuale in termine del quali comprendiamo i fenomeni

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli