Cooperazione di Agenti Informatici Corso di Laurea Specialistica in Informatica A.A. 2008/09 Prof. Alberto Postiglione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cooperazione di Agenti Informatici Corso di Laurea Specialistica in Informatica A.A. 2008/09 Prof. Alberto Postiglione"

Transcript

1 ooperazione di genti Informatici orso di Laurea Specialistica in Informatica /09 Prof. lberto Postiglione UD.2: Esempi di Giochi Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 ibliografia e Sitografia 06/04/2009 Dia 2 Lucchetti, Roberto Di duelli, scacchi e dilemmi. La teoria matematica dei giochi. runo Modadori Editore, 200 Pagine 25 Lucchetti, Roberto TEORI DEI GIOHI: una scienza bambina. (http:// /archivio/teoriagiochi.htm) Da Matematica, rivista online del gruppo di ricerca PRISTEM - Eleusi dell Università occoni di Milano. M. Guidotti Teoria dei giochi breve introduzione (http://www.galenotech.org/strategie.htm)

2 Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 ibliografia e Sitografia 06/04/2009 Dia 3 F. elotti e G. Gambarelli Sistemi elettorali e Teoria dei Giochi (http://matematica.unibocconi.it/archivio/sistemielettorali.htm# ) Da Matematica, rivista online del gruppo di ricerca PRISTEM - Eleusi dell Università occoni di Milano. Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 GIOHI NON OOPERTIVI Vediamo adesso alcuni esempi di Giochi NON OOPERTIVI 06/04/2009 Dia 4 I giocatori non cooperano tra di loro (semplicemente perché non sono interessati a farlo) La teoria dei giochi è nata descrivendo giochi in cui si formano coalizioni (giochi cooperativi) Nash ha poi dato sviluppo al ramo dei Giochi Non ooperativi 2

3 Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 Esempio : Test scolastico In Italia la valutazione di un compito è assoluta 06/04/2009 Dia 5 Negli US è relativa : il professore assegna Il voto massimo (m) al compito migliore Il voto minimo (p) al compito peggiore Divide poi l intervallo (p,m) in varie parti e assegna ad ogni studente un voto in base a questa scala di valutazione Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 Esempio : Test scolastico 06/04/2009 Dia 6 Il sistema adottato negli US tende a scoraggiare gli accordi tra studenti E se gli studenti si accordassero nel rispondere tutti allo stesso numero di domande? Il professore potrebbe assegnare a tutti il voto minimo Senza considerare la presenza di studenti carogna! iutare un collega può significare che il mio compito verrà valutato peggio del suo 3

4 Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 06/04/2009 Dia 7 Esempio : Test scolastico (metodo italiano) Il professore propone un test di 30 domande a una classe di 5 allievi Il suo criterio di valutazione è il seguente: Risposte esatte Voto Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 06/04/2009 Dia 8 Esempio : Test scolastico (metodo italiano) Ogni studente può studiare Molto (M) bbastanza () Poco (P) Quanto si è disposti a perdere sul voto studiando di meno? Per calcolare il suo grado di soddisfazione sul risultato del test, ogni studente decide di applicare al suo voto un coefficiente k, riportato nella seguente tabella Livello di studio Molto bbastanza Poco oefficiente /2 2/3 4

5 Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 06/04/2009 Dia 9 Esempio : Test scolastico (metodo italiano) Si consideri infine il numero di risposte (e il voto relativo) alle quali ogni studente è in grado di rispondere in base al suo livello di impegno nello studio: Livello di studio Studente Marta Franco Luigi Maria Roberto Molto Domande Voto bbastanza Domande Voto Poco Domande Voto Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 06/04/2009 Dia 0 Esempio : Test scolastico (metodo italiano) Marta deve cercare il massimo tra (/2*0, 2/3*9, *8), cioè il massimo tra (5, 6, 8) Per Marta studiare poco è più favorevole Maria deve cercare il massimo tra (/2*7, 2/3*4, *2), cioè il massimo tra (3.5, 2.66, 2) Per Maria studiare molto è più favorevole 5

6 Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 06/04/2009 Dia Esempio : Test scolastico (metodo US) Siano p ed m i risultati peggiori e migliori (cioè il numero minimo e massimo di risposte corrette). La valutazione del compito viene così stabilita (prova con m=0 e p=0): Risposte esatte /0(9m+p) risposte esatte m /0(8m+2p) risposte esatte < /0(9m+p) /0(7m+3p) risposte esatte < /0(8m+2p) /0(6m+4p) risposte esatte < /0(7m+3p) /0(5m+5p) risposte esatte < /0(6m+4p) /0(4m+6p) risposte esatte < /0(5m+5p) /0(3m+7p) risposte esatte < /0(3m+6p) /0(2m+8p) risposte esatte < /0(2m+7p) /0(m+9p) risposte esatte < /0(m+8p) p risposte esatte < /0(m+9p) Voto Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 06/04/2009 Dia 2 Esempio : Test scolastico (metodo US) Il professore ha diviso l intervallo (p,m) in 0 parti uguali, assegnando 0 al risultato che cade nell intervallo più a destra e a quello che cade nell intervallo più a sinistra Studente Molto Marta 30 Franco 26 Luigi 24 Maria 9 Roberto 6 Livello di studio bbastanza Poco Marta sa che impegnandosi bbastanza riuscirebbe comunque ad ottenere il massimo (26 domande) che può essere ottenuto solo da Franco se si impegnasse Molto. 6

7 Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 06/04/2009 Dia 3 Esempio : Test scolastico (metodo US) E se Marta si impegnasse Poco? In quali condizioni riuscirebbe a raggiungere comunque il massimo? Sarebbe sufficiente che Franco non si impegnasse Molto Oppure che il peggiore studente non rispondesse a più di 5 domande. Infatti in questo case il numero di domande a cui risponderebbe Marta in caso di Poco studio (24) cadrebbe sempre nel primo intervallo (in cui può al più esserci 26). Per calcolare matematicamente il valore di p basta impostare la diseguaglianza /0(9m+p) < 24 on m=26. Quindi /0(234+p)<24. Per cui p< Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 Esempio 2: il gioco dei fiammiferi 06/04/2009 Dia 4 Stato iniziale: 2 mucchietti di 2 fiammiferi ciascuno Evoluzione: 2 giocatori, a turno, levano o 2 fiammiferi da un solo mucchietto Stato finale: Nessun fiammifero rimanente Risultato: chi toglie l ultimo perde. 7

8 Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 Esempio 2: il gioco dei fiammiferi 06/04/2009 Dia 5 GIOO FINITO Ogni giocatore ha a disposizione un numero finito di mosse Il gioco si conclude dopo un numero finito di mosse INFORMZIONE PERFETT. Infatti entrambi i giocatori conoscono tutta la storia passata, le possibili evoluzioni future e nessuna mossa è segreta per alcuno Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 Esempio 2: il gioco dei fiammiferi <<INSERIRE LERO DEL GIOO>> 06/04/2009 Dia 6 8

9 Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 Esempio 3: Roulette Russa 06/04/2009 Dia 7 Stato iniziale: 2 giocatori e una rivoltella a sei colpi, con un colpo solo nel tamburo. Evoluzione: ogni giocatore mette euro nel piatto. Se il giocatore passa, mette euro nel piatto, altrimenti ne aggiunge e preme il grilletto. Se sopravvive allo sparo, rigira il tamburo e passa la pistola al secondo. Risultato: se entrambi sono vivi, si dividono il piatto; se sono morti il piatto è perso; se (solo) uno sopravvive, il piatto è suo. Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 Esempio 3: Roulette Russa 06/04/2009 Dia 8 La struttura ad albero del gioco è descritta nella figura seguente, dove in ogni situazione finale è riportato il corrispondente guadagno del primo giocatore. Mossa del primo giocatore Mossa del secondo giocatore Si noti che in questo gioco ogni giocatore fa una sola mossa. Il grafo sarebbe molto più complesso per giochi con un grande numero di mosse Per curiosità: converrebbe sparare ad entrambi 9

10 Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 Esempio 3: Roulette Russa 06/04/2009 Dia 9 In questo caso oltre alla vincita del gioco sono presenti anche delle vincite in danaro. Il gioco è detto a SOMM ZERO, in quanto ciò che perde uno lo vince l altro. Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 Esempio 4: La Morra inese 06/04/2009 Dia 20 I giocatori operano una scelta simultanea tra 3 oggetti: RT SSSO FORII arta vince con Sasso ma perde con Forbici Sasso vince con Forbici ma perde con arta Forbici vince con arta ma perde con Sasso 0

11 Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 Esempio 4: La Morra inese 06/04/2009 Dia 2 Il gioco lo si rappresenta utilizzando un formato matriciale, la matrice dei pagamenti nella quale corrisponde a Vincita dell attore che gioca sulle righe, 0 corrisponde Pareggio, - corrisponde a perdita dell attore che gioca sulle righe La mossa del giocatore corrisponde alla scelta di una riga e quella del giocatore 2 corrisponde alla scelta di una colonna Giocatore 2 arta Sasso Forbici arta 0 - Giocatore Sasso - 0 Forbici - 0 Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 Esempio 4: La Morra inese 06/04/2009 Dia 22 Non esiste una scelta a-priori razionale che garantisca la vincita a un qualsiasi giocatore (come avveniva invece per il gioco dei fiammiferi) Non è possibile prevedere, cioè, una scelta razionale da parte dei due giocatori

12 Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 Esempio 4: La Morra inese 06/04/2009 Dia 23 In questo caso spesso intervengono altri fattori a guidare le mosse dei giocatori d esempio, se il primo giocatore non gioca mai Sasso, il secondo potrebbe accorgersene e non giocare mai arta e quindi garantirsi maggiori possibilità di vittoria (avrebbe a disposizione 2 casi favorevoli e solo sfavorevole su 4) Giocatore 2 arta Sasso Forbici arta 0 - Giocatore Sasso - 0 Forbici - 0 Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 Esempio 5: La battaglia dei Sessi 06/04/2009 Dia 24 Laura e Luigi decidono di passare la serata fuori casa Laura preferisce lo Stadio e Luigi preferisce il inema La matrice che rappresenta le preferenze potrebbe essere: Luigi inema Stadio Laura inema Stadio (5, 0) (-, -) (-, -) (0, 5) In questo caso esistono 2 soluzioni possibili che, per i giocatori, non sono equivalenti (come sarebbe per un generico problema di ottimo) Nella teoria dei giochi la presenza di più equilibri costituisce una difficoltà maggiore. 2

13 Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 Esempio 6: Una votazione 06/04/2009 Dia 25 3 uomini politici devono decidere come aumentare le entrate Le possibilità sono 3 Diminuire le spese (provvedimento ) umentare le tasse (provvedimento ) Indebitare lo stato (provvedimento ) Politico Paperone Paperino Topolino Preferenze (in ordine decrescente) Nel caso in cui non si trovi un accordo di maggioranza il provvedimento adottato sarà quello del presidente (Paperone) Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 Esempio 6: Una votazione 06/04/2009 Dia 26 Per analizzare il gioco bisognerebbe costruire una matrice tridimensionale. Noi costruiremo 3 matrici bidimensionali Topolino sceglie Paperino Topolino sceglie Paperino Topolino sceglie Paperino Paperone Paperone Paperone 3

14 Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 Esempio 6: Una votazione 06/04/2009 Dia 27 onsiderazione numero : L assioma della razionalità impone a Paperone di votare per il provvedimento (quello di suo maggior gradimento), perché Se Paperino e Topolino votano entrambi per lo stesso provvedimento (, o ), il voto di Paperone è ininfluente Se Paperino e Topolino non votano entrambi per lo stesso provvedimento (, o ), il voto di Paperone è determinante Ipotizzando quindi che Paperone voti sempre per, ci siamo ricondotti ad una sola matrice Paperone sceglie Paperino Topolino Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 Esempio 6: Una votazione 06/04/2009 Dia 28 onsiderazione numero 2: (eliminazione di strategie dominate) Paperino e Topolino non voteranno per il provvedimento a loro più sgradito ( per Paperino e per Topolino), quindi la matrice si riduce ulteriormente alla seguente: Paperone sceglie Paperino Topolino hiaramente i due uomini politici si accorderanno su che entrambi preferiscono ad 4

15 Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 GIOHI OOPERTIVI 06/04/2009 Dia 29 Vediamo adesso alcuni esempi di Giochi OOPERTIVI Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 06/04/2009 Dia 30 Esempio 7: La suddivisione di una somma 3 fratelli (ldo, Giovanni e Giacomo) devono dividersi Euro, a condizione che si mettano d accordo (a maggioranza) Ogni possibile coppia di fratelli sarebbe vincente (rappresentando la maggioranza) 5

16 Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 06/04/2009 Dia 3 Esempio 7: La suddivisione di una somma ldo e Giovanni decidono inizialmente di dividersi a metà. Prima di concludere, Giacomo va da ldo e gli propone: ad ldo (che incasserebbe di più rispetto a ) a Giacomo ldo torna da Giovanni e gli propone: ad ldo (che incasserebbe di più rispetto a e 2) a Giovanni (meno rispetto a, ma di più rispetto a 2) Giovanni accetta perché altrimenti perderebbe tutto. Ma prima di procedere va da Giacomo e gli propone: a Giacomo a Giovanni E così via, all infinito Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 06/04/2009 Dia 32 Esempio 7: La suddivisione di una somma (pproccio NON ooperativo) L unica soluzione possibile è che il padre si tenga la somma di danaro, perché i figli non hanno trovato l accordo. (pproccio ooperativo) In alternativa, il buon senso propone di suddividere la somma in 3 parti uguali. 6

17 Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 06/04/2009 Dia 33 Esempio 8: La suddivisione degli utili L esempio che segue spiega perché in alcune condizioni i piccoli partiti presenti in una coalizione ottengano molto di più di quanto la loro forza farebbe ipotizzare, mentre altri possono anche non ottenere nulla. Supponiamo che, all interno di una coalizione omogenea (es centrosinistra o centrodestra), i rapporti di forza siano i seguenti: Partito D Percentuale 0% 2% 30% 39% Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 06/04/2009 Dia 34 Esempio 8: La suddivisione degli utili In questi casi si applica una tecnica (detta indice di Shapley) che porta alla seguente suddivisione delle poltrone ministeriali: Partito D Ministeri 0 /3 /3 /3 7

18 Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 06/04/2009 Dia 35 Esempio 8: La suddivisione degli utili Perché questa soluzione è accettata (ci sono partiti che non ottengono nulla, altri che ottengono meno della loro forza e altri che ottengono di più)? Nella coalizione la presenza di non è mai determinante nel prendere le decisioni a maggioranza Ogni altro componente è invece determinante quando si associa ad un altro componente (purchè non sia ) La ripartizione non è moralmente equa, ma riflette il fatto che la presenza di nel prendere decisioni è superflua. Prof lberto Postiglione ooperazione di genti Informatici (08/09) UD.2 06/04/2009 Dia 36 Esempio 9: Sistemi Elettorali e Teoria dei Giochi 8

Multiagent systems. Christian Schunck, Ph.D. UD 1.2: Esempi di Giochi

Multiagent systems. Christian Schunck, Ph.D. UD 1.2: Esempi di Giochi Multiagent systems Sistemi i di Agenti Christian Schunck, Ph.D. UD 1.2: Esempi di Giochi Christian Schunck,Ph.D. Multiagent Systems Sistemi di Agenti UD 1.1 30/03/2010 Dia 2 TIPOLOGIE DI GIOCHI SOMMA COSTANTE/NON

Dettagli

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

Teoria dei giochi. 1. Introduzione ed esempi. Slides di Teoria dei Giochi, Vincenzo Cutello 1

Teoria dei giochi. 1. Introduzione ed esempi. Slides di Teoria dei Giochi, Vincenzo Cutello 1 Teoria dei giochi 1. Introduzione ed esempi Vincenzo Cutello 1 Cos è la teoria dei giochi? Da Wikipedia: La teoria dei giochi è la scienza matematica che analizza situazioni di conflitto e ne ricerca soluzioni

Dettagli

In Action with Math. Competizione e Strategia: Teoria dei Giochi. Giulia Bernardi, Roberto Lucchetti. 5 novembre 2014

In Action with Math. Competizione e Strategia: Teoria dei Giochi. Giulia Bernardi, Roberto Lucchetti. 5 novembre 2014 In Action with Math Competizione e Strategia: Teoria dei Giochi Giulia Bernardi, Roberto Lucchetti 5 novembre 2014 1 / 16 Roulette russa Altri esempi Teorema di Zermelo Descrizione del gioco Due giocatori

Dettagli

TEORIA DEI GIOCHI Parte 2 Matematica nella realtà Università Bocconi

TEORIA DEI GIOCHI Parte 2 Matematica nella realtà Università Bocconi TEORIA DEI GIOCHI Parte 2 Matematica nella realtà Università Bocconi Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano 17 Dicembre 2010 Giochi in forma estesa, fino a Zermelo Un modo matematico per descrivere

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 8 marzo 2012 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2012.html DECISORI RAZIONALI INTERAGENTI di Fioravante Patrone,

Dettagli

Teoria dei Giochi Prova del 30 Novembre 2012

Teoria dei Giochi Prova del 30 Novembre 2012 Cognome, Nome, Corso di Laurea, email: Teoria dei Giochi Prova del 30 Novembre 2012 Esercizio 1. Si consideri il seguente gioco. Il primo giocatore può scegliere un numero tra {1,3,,6}; il secondo giocatore

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 26 marzo 2015 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2015.html COOPERAZIONE Esempio: strategie correlate e problema

Dettagli

Esercizi d esame di Teoria dei Giochi

Esercizi d esame di Teoria dei Giochi Esercizi d esame di Teoria dei Giochi Dario Bauso Esempio Svolto Dato il seguente gioco a due giocatori a somma zero si calcolino P P 1 0-3 3 1. il loss ceiling J,. il gain floor J, 3. l equilibrio di

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Esame di Microeconomia: Soluzioni. VERSIONE A Esercizio 1

Esame di Microeconomia: Soluzioni. VERSIONE A Esercizio 1 Esame di Microeconomia: Soluzioni Università di Bari - Corso di laurea in Economia e Commercio prof. Coco e dott. Brunori 30-01-2012 VERSIONE A Esercizio 1 Carmen e Tosca sono due sorelle hanno una funzione

Dettagli

Esercizio 1 Dato il gioco ({1, 2, 3}, v) con v funzione caratteristica tale che:

Esercizio 1 Dato il gioco ({1, 2, 3}, v) con v funzione caratteristica tale che: Teoria dei Giochi, Trento, 2004/05 c Fioravante Patrone 1 Teoria dei Giochi Corso di laurea specialistica: Decisioni economiche, impresa e responsabilità sociale, A.A. 2004/05 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

Sequestro di persona a scopo di estorsione: una nuova teoria di gioco

Sequestro di persona a scopo di estorsione: una nuova teoria di gioco www.xos.it : 2008 Osvaldo Duilio Rossi : SEQUESTRO DI PERSONA A SCOPO DI : 1 OSVALDO DUILIO ROSSI Sequestro di persona a scopo di estorsione: una nuova teoria di gioco Ho integrato con ulteriori riflessioni

Dettagli

Giochi ripetuti. Gianmaria Martini

Giochi ripetuti. Gianmaria Martini Giochi ripetuti Gianmaria Martini INTRODUZIONE In molte situazioni strategiche l elemento temporale ha un ruolo rilevante, nel senso che le scelte vengono ripetute nel tempo. I giochi ripetuti studiano

Dettagli

e Paradosso del Gelataio

e Paradosso del Gelataio e Paradosso del Gelataio Cos'è la Teoria dei Giochi Astrazione del processo decisionale Scelte comportamentali e strategiche Effetti delle scelte proprie e altrui Analisi del comportamento razionale Gioco

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

Vincere a testa o croce

Vincere a testa o croce Vincere a testa o croce Liceo B. Russell - Cles (TN) Classe 3D Insegnante di riferimento: Claretta Carrara Ricercatrice: Ester Dalvit Partecipanti: Alessio, Christian, Carlo, Daniele, Elena, Filippo, Ilaria,

Dettagli

Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario

Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario Scelta fra lavoro e tempo libero con un po di matematica e qualche esercizio Appendice al capitolo 3 Mario Mario frequenta la facoltà di Biologia dell Università di Vattelapesca. Vuole avere un buon voto

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Rispetto ai problemi in condizioni di ignoranza, oltre all insieme Ω dei possibili scenari, è nota una funzione di

Dettagli

Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione

Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione Appunti a cura di Stefano Moretti, Silvia VILLA e Fioravante PATRONE versione del 26 maggio 2006 Indice 1 Equilibrio bayesiano perfetto 2 2 Giochi

Dettagli

DILEMMA O NON DILEMMA, QUESTO È IL DILEMMA!

DILEMMA O NON DILEMMA, QUESTO È IL DILEMMA! MADD-SPOT, 1, 2015 DILEMMA O NON DILEMMA, QUESTO È IL DILEMMA! DI LUCIA PUSILLO La Teoria dei Giochi si occupa in generale delle tecniche matematiche per analizzare situazioni in cui due o più individui

Dettagli

Esercizi di Ricerca Operativa II

Esercizi di Ricerca Operativa II Esercizi di Ricerca Operativa II Raffaele Pesenti January 12, 06 Domande su utilità 1. Determinare quale è l utilità che un giocatore di roulette assegna a 100,00 Euro, nel momento che gioca tale cifra

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: stabilità, errore a regime e luogo delle radici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail:

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA MICROECONOMIA [F O] / Prova finale 14 Gennaio 2005. Nome.. Cognome. Matricola. Corso di laurea: CLEMI CLEA CLSES

INTRODUZIONE ALLA MICROECONOMIA [F O] / Prova finale 14 Gennaio 2005. Nome.. Cognome. Matricola. Corso di laurea: CLEMI CLEA CLSES INTRODUZIONE ALLA MICROECONOMIA [F O] / Prova finale 14 Gennaio 2005 A Nome.. Cognome. Matricola. Corso di laurea: CLEMI CLEA CLSES Istruzioni: rispondete alle domande segnando con una crocetta la lettera

Dettagli

La scelta in condizioni di incertezza

La scelta in condizioni di incertezza La scelta in condizioni di incertezza 1 Stati di natura e utilità attesa. L approccio delle preferenza per gli stati Il problema posto dall incertezza riformulato (state-preference approach). L individuo

Dettagli

Giochi e decisioni strategiche

Giochi e decisioni strategiche Teoria dei Giochi Giochi e decisioni strategiche Strategie dominanti L equilibrio di Nash rivisitato Giochi ripetuti Giochi sequenziali Minacce impegni e credibilità Deterrenza all entrata 1 Giochi e decisioni

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 3 marzo 2015 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2015.html MODALITÀ DI ESAME È previsto un appello alla fine

Dettagli

1 Giochi a due, con informazione perfetta e somma zero

1 Giochi a due, con informazione perfetta e somma zero 1 Giochi a due, con informazione perfetta e somma zero Nel gioco del Nim, se semplificato all estremo, ci sono due giocatori I, II e una pila di 6 pedine identiche In ogni turno di gioco I rimuove una

Dettagli

MATEMATICA PER LO STUDIO DELLE INTERAZIONI STRATEGICHE: TEORIA DEI GIOCHI

MATEMATICA PER LO STUDIO DELLE INTERAZIONI STRATEGICHE: TEORIA DEI GIOCHI MATEMATICA PER LO STUDIO DELLE INTERAZIONI STRATEGICHE: TEORIA DEI GIOCHI Anna TORRE 1 1 INTRODUZIONE La teoria dei giochi è una disciplina matematica molto recente. La sua nascita viene convenzionalmente

Dettagli

Corso di Politica Economica Teoria delle votazioni

Corso di Politica Economica Teoria delle votazioni Corso di Politica Economica Teoria delle votazioni Prof. Paolo Buonanno Università degli Studi di Bergamo Funzione di Benessere Sociale Problema della scelta di un punto socialmente ottimale lungo la frontiera

Dettagli

Teoria dei giochi. Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico

Teoria dei giochi. Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico Teoria dei giochi Teoria che analizza in modo formale l interazione strategica di soggetti razionali che agiscono in modo strategico Situazione strategica Sette persone si recano insieme al ristorante

Dettagli

LA CRESCITA DELLE POPOLAZIONI ANIMALI

LA CRESCITA DELLE POPOLAZIONI ANIMALI LA CRESCITA DELLE POPOLAZIONI ANIMALI Riccardo Scipioni Generalmente, con il termine crescita di una popolazione si intende l aumento, nel tempo, del numero di individui appartenenti ad una stessa popolazione.

Dettagli

Teoria dei Giochi. Teoria dei Giochi

Teoria dei Giochi. Teoria dei Giochi Teoria dei Giochi E uno strumento decisionale, utile per operare previsioni sul risultato quando un decisore deve operare in concorrenza con altri decisori. L ipotesi principale su cui si basa la TdG è

Dettagli

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia.

Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Richiami essenziali: Utilità scontata (US) attiene alla scelta/allocazione tra oggi e domani (i.e. risparmio ottimo). Elemento psicologico: propensione alla parsimonia. Tasso di sconto intertemporale soggettivo

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 10: Introduzione alla Teoria dei Giochi David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013. Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it

Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013. Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013 Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it Teoria dei giochi Cos è un gioco? Si definisce come gioco una situazione in cui ciascuno dei

Dettagli

Vincere a testa o croce

Vincere a testa o croce Vincere a testa o croce Liceo Scientifico Pascal Merano (BZ) Classe 2 Liceo Scientifico Tecnologico Insegnante di riferimento: Maria Elena Zecchinato Ricercatrice: Ester Dalvit Partecipanti: Jacopo Bottonelli,

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 5 marzo 25 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo25.html MODALITÀ DI ESAME È previsto un appello alla fine

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Richiami di microeconomia

Richiami di microeconomia Capitolo 5 Richiami di microeconomia 5. Le preferenze e l utilità Nell analisi microeconomica si può decidere di descrivere ogni soggetto attraverso una funzione di utilità oppure attraverso le sue preferenze.

Dettagli

Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni

Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni Si tratta di problemi elementari, formulati nel linguaggio ordinario Quindi, per ogni problema la suluzione proposta è sempre

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2015/16 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania, Margherita Scoppola e Francesco Aiello) 6-1

Dettagli

Esercizi di Teoria dei Giochi

Esercizi di Teoria dei Giochi Esercizi di Teoria dei Giochi ultimo aggiornamento: 11 maggio 2010 1. Si consideri il gioco fra 2 giocatori rappresentato (con le notazioni standard) dalla seguente matrice: (3, 1) (5, 0) (1, 0) (2, 6)

Dettagli

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10 Lecture 20: 28 Maggio 2010 Cycle Monotonicity Docente: Vincenzo Auletta Note redatte da: Annibale Panichella Abstract In questa lezione

Dettagli

GIUSTIFICARE LE RISPOSTE. Non scrivere la soluzione di esercizi diversi su uno stesso foglio.

GIUSTIFICARE LE RISPOSTE. Non scrivere la soluzione di esercizi diversi su uno stesso foglio. Teoria dei giochi applicata alle scienze sociali Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale, Politecnico di MI, 2006/07 I prova intermedia, 19 dicembre 2006, foglio A Tempo: 2 ore e 1/2; risolvere 3

Dettagli

Statistica e biometria. D. Bertacchi. Variabili aleatorie. V.a. discrete e continue. La densità di una v.a. discreta. Esempi.

Statistica e biometria. D. Bertacchi. Variabili aleatorie. V.a. discrete e continue. La densità di una v.a. discreta. Esempi. Iniziamo con definizione (capiremo fra poco la sua utilità): DEFINIZIONE DI VARIABILE ALEATORIA Una variabile aleatoria (in breve v.a.) X è funzione che ha come dominio Ω e come codominio R. In formule:

Dettagli

Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea

Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea Funzionamento di un mercato ben organizzato Nel Pitgame i giocatori che hanno poche informazioni private interagiscono

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Ulteriori problemi di fisica e matematica

Ulteriori problemi di fisica e matematica Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Firenze Agosto 2010 Ulteriori problemi di fisica e matematica Giovanni Romano Perché un raggio di luce proveniente dal Sole e fatto passare attraverso

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole -

Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole - Analisi matriciale delle reti di Petri (P/T) - sifoni e trappole - - richiami preliminari sulle proprietà strutturali - Abbiamo visto che alcune caratteristiche dei sistemi dinamici (DES compresi) non

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Intelligenza Artificiale

Intelligenza Artificiale Intelligenza Artificiale Esercizi e Domande di Esame Tecniche di Ricerca e Pianificazione Esercizi Griglia Si consideri un ambiente costituito da una griglia n n in cui si muove un agente che può spostarsi

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 1 VARIABILI QUALITATIVE

STATISTICA DESCRITTIVA - SCHEDA N. 1 VARIABILI QUALITATIVE Matematica e statistica: dai dati ai modelli alle scelte www.dima.unige/pls_statistica Responsabili scientifici M.P. Rogantin e E. Sasso (Dipartimento di Matematica Università di Genova) STATISTICA DESCRITTIVA

Dettagli

Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale

Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale Università degli Studi di Teramo Corso di Laurea in Scienze del Turismo e dell'organizzazioni delle Manifestazioni Sportive Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale A. A. 2011/2012 1 Le scelte del consumatore

Dettagli

Teoria dei giochi e calcoli strategici: dalla guerra fredda alle aste on-line

Teoria dei giochi e calcoli strategici: dalla guerra fredda alle aste on-line Teoria dei giochi e calcoli strategici: dalla guerra fredda alle aste on-line Vincenzo Bonifaci Istituto di Analisi dei Sistemi ed Informatica Consiglio Nazionale delle Ricerche, Roma Cos è la Teoria dei

Dettagli

OLIGOPOLIO. Introduzione

OLIGOPOLIO. Introduzione OLIGOPOLIO Introduzione Nelle precedenti lezioni abbiamo visto differenti forme di mercato quali la concorrenza perfetta e il monopolio. Queste due strutture di mercato sono assai diverse 1, tuttavia entrambe

Dettagli

Come si analizza un gioco

Come si analizza un gioco Come si analizza un gioco Parte I Giochi ad informazione completa Alberto Abbondandolo Filippo Giuliani Alessandro Montagnani Università di Pisa Settimana di orientamento in Matematica 2010 Cosa è un gioco

Dettagli

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL)

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) 1. Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei Personal computer. Essi

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

La Matematica dei Giochi

La Matematica dei Giochi Capitolo 1 La Matematica dei Giochi 1.1 Introduzione Che cosa fanno i bambini non appena cominciano a interagire col mondo esterno? Cominciano a giocare. Che cosa accomuna l umanità da sempre, gli antichi

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Economia Applicata ai sistemi produttivi 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Schema della lezione di oggi Argomento della lezione: il comportamento del consumatore. Gli economisti assumono che il

Dettagli

Pokerclub Texas Hold em modalità torneo

Pokerclub Texas Hold em modalità torneo Regole di gioco Pokerclub Texas Hold em modalità torneo Scopo del gioco Lo scopo del gioco Pokerclub Texas Hold em è riuscire a tenere per sé tutte le chips. Man mano che i giocatori finiscono le chips

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 9 marzo 2010 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2010.html TEOREMI DI ESISTENZA TEOREMI DI ESISTENZA Teorema

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA BANCARIA FINANZIARIA ED ASSICURATIVA (Classe 7) Corso di Matematica per l Economia (Prof. F. Eugeni) TEST DI INGRESSO Teramo, ottobre 00 SEZIONE

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

I N T R O D U Z I O N E

I N T R O D U Z I O N E REGOLAMENTO INTRODUZIONE Anno Domini è un gioco di strategia e conquista. ambientato nel medioevo. Il miglior modo per imparare a giocare è quello di leggere attentamente il regolamento, passo dopo passo.

Dettagli

CENNI DI TEORIA DEI GIOCHI (Cap. 13 del libro di testo di micro)

CENNI DI TEORIA DEI GIOCHI (Cap. 13 del libro di testo di micro) CENNI DI TEORIA DEI GIOCHI (Cap. 13 del libro di testo di micro) CHI NE E' IL PADRE FONDATORE? J. Von Neumann COSA STUDIA? La Teoria dei giochi analizza matematicamente l interazione tra individui che

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 6-1 Struttura della presentazione Domanda e

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

ROULETTE: REGOLE DI BASE

ROULETTE: REGOLE DI BASE ROULETTE: REGOLE DI BASE La Roulette Europea (singolo 0) e' divisa in 37 spazi uguali numerati con 0 e da 1 a 36. Lo spazio dello zero e' verde mentre gli altri sono rossi o neri. La ruota bilanciata,

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia Corso di Economia Politica (a.a. 007-8) Esercitazioni - Microeconomia Capitolo 6: Problemi 5, 6, 8, 9 Capitolo 7: Problemi 1,, 4 Capitolo 8: Problemi 3, 10 Capitolo 9: Problemi 3, 4, 7, 9 Capitolo 10:

Dettagli

Economia Pubblica Rischio e Incertezza

Economia Pubblica Rischio e Incertezza Economia Pubblica Rischio e Incertezza Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Seconda parte del corso di Economia Pubblica I problemi dell

Dettagli

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete.

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Le equazioni Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Definizione e caratteristiche Chiamiamo equazione l uguaglianza tra due espressioni algebriche,

Dettagli

LA STATISTICA NEI TEST INVALSI

LA STATISTICA NEI TEST INVALSI LA STATISTICA NEI TEST INVALSI 1 Prova Nazionale 2011 Osserva il grafico seguente che rappresenta la distribuzione percentuale di famiglie per numero di componenti, in base al censimento 2001. Qual è la

Dettagli

5.4 Solo titoli rischiosi

5.4 Solo titoli rischiosi 56 Capitolo 5. Teoria matematica del portafoglio finanziario II: analisi media-varianza 5.4 Solo titoli rischiosi Suppongo che sul mercato siano presenti n titoli rischiosi i cui rendimenti aleatori sono

Dettagli

Esercizi Modulo Impresa. Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare

Esercizi Modulo Impresa. Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare Esercizi Modulo Impresa Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare Esercizio 1 lez.6 Una donna che lavora in un negozio di fotocopie guadagnando

Dettagli

Esercitazione del 5/10/09

Esercitazione del 5/10/09 Esercitazione del 5/10/09 A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) Corso di Microeconomia, Docente Luigi Marattin 1 Esercizi. 1.1 Le curve di domanda e di offerta in un dato mercato sono date da:

Dettagli

Matematica Discreta 2005 Esercizi di preparazione

Matematica Discreta 2005 Esercizi di preparazione Matematica Discreta 2005 Esercizi di preparazione Esercizio 1. Supponiamo di avere un rettangolo di cartone di dimensioni intere n e m e di tagliarlo successivamente secondo la seguente regola: togliamo

Dettagli

USO DI EXCEL COME DATABASE

USO DI EXCEL COME DATABASE USO DI EXCEL COME DATABASE Le funzionalità di calcolo intrinseche di un foglio di lavoro ne fanno uno strumento eccellente per registrarvi pochi dati essenziali, elaborarli con formule di vario tipo e

Dettagli

Regole di gioco Roulette Mobile

Regole di gioco Roulette Mobile Regole di gioco Roulette Mobile European Classic Roulette European Premium Roulette European VIP Roulette Regole di gioco European Classic Roulette Il gioco si svolge esclusivamente nella modalità a solitario,

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

LE BOTTEGHE DELL INSEGNARE MATEMATICA

LE BOTTEGHE DELL INSEGNARE MATEMATICA LE BOTTEGHE DELL INSEGNARE Report dei lavori svolti durante la Convention Protagonisti nella scuola per la crescita della società Bologna 13-14 ottobre 2012 MATEMATICA Matematici, mettiamoci in gioco Responsabile

Dettagli

Lezione 3 Esercitazioni

Lezione 3 Esercitazioni Lezione 3 Esercitazioni Forlì, 26 Marzo 2013 Teoria della produzione Esercizio 1 Impiegando un fattore produttivo (input) sono stati ottenuti i livelli di produzione (output) riportati in tabella. Fattore

Dettagli

Probabilità discreta

Probabilità discreta Probabilità discreta Daniele A. Gewurz 1 Che probabilità c è che succeda...? Una delle applicazioni della combinatoria è nel calcolo di probabilità discrete. Quando abbiamo a che fare con un fenomeno che

Dettagli

TEORIA DEI GIOCHI Parte 1. Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano

TEORIA DEI GIOCHI Parte 1. Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano TEORIA DEI GIOCHI Parte 1 Matematica nella realtà Università Bocconi Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano 10 Dicembre 2010 Che significa teoria dei giochi? Gioco: Due o più individui partono da una

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Nel gioco Mercurius, i giocatori interpretano i ruoli di potenti e ricchi borghesi nell Olanda del XVII secolo, il cui obiettivo è di moltiplicare la

Nel gioco Mercurius, i giocatori interpretano i ruoli di potenti e ricchi borghesi nell Olanda del XVII secolo, il cui obiettivo è di moltiplicare la Nel gioco Mercurius, i giocatori interpretano i ruoli di potenti e ricchi borghesi nell Olanda del XVII secolo, il cui obiettivo è di moltiplicare la propria ricchezza, speculando sulla borsa di Amsterdam.

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale adattamento italiano di Novella Bottini 1 Struttura della presentazione Domanda e offerta relative Benessere e ragioni di scambio Effetti della

Dettagli

Yellowstone Park Designed by Uwe Rosenberg Published by Amigo, 2003

Yellowstone Park Designed by Uwe Rosenberg Published by Amigo, 2003 Yellowstone Park Designed by Uwe Rosenberg Published by Amigo, 2003 Giocatori: 2-5 Tempo: 45 minuti Età: 8+ Traduzione: Sargon Introduzione Benvenuti in Yellowstone Park, la casa degli animale feroci e

Dettagli

LA RILEVAZIONE DEI DATI STATISTICI

LA RILEVAZIONE DEI DATI STATISTICI LA RILEVAZIONE DEI DATI STATISTICI 0. Introduzione La statistica è la disciplina che studia i fenomeni collettivi allo scopo di metterne in evidenza le regolarità. Il vocabolo Statistica deriva dal latino

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

TEORIA DEI GIOCHI Marco Alderighi

TEORIA DEI GIOCHI Marco Alderighi TEORIA DEI GIOCHI Marco Alderighi Esempio. La maggiore produttrice di autovetture italiane (Fiat) nel prendere le decisioni di quando introdurre un nuovo modello sul mercato, con quali accessori, con quali

Dettagli

Tasso di interesse e capitalizzazione

Tasso di interesse e capitalizzazione Tasso di interesse e capitalizzazione Tasso di interesse = i = somma che devo restituire dopo un anno per aver preso a prestito un euro, in aggiunta alla restituzione dell euro iniziale Quindi: prendo

Dettagli