Il colloquio motivazionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il colloquio motivazionale"

Transcript

1 C o l l a n a d i P s i c o l o g i a William R. Miller e Stephen Rollnick Il colloquio motivazionale Terza edizione Aiutare le persone a cambiare Edizione italiana a cura di Gian Paolo Guelfi, Valerio Quercia e Annachiara Scamperle Erickson

2 Indice 9 Nota dei curatori italiani 13 Prefazione alla terza edizione parte Prima 21 CAP. 1 Conversazioni sul cambiamento Che cos è il Colloquio Motivazionale? 33 CAP. 2 Lo spirito del Colloquio Motivazionale 47 CAP. 3 Il metodo del Colloquio Motivazionale Parte seconda Stabilire una relazione. Il fondamento della relazione 65 CAP. 4 Coinvolgimento e non-coinvolgimento del cliente 75 CAP. 5 L ascolto 91 CAP. 6 Le Abilità di Base del Colloquio 103 CAP. 7 L esplorazione dei valori e degli obiettivi Parte terza 123 CAP. 8 Perché Focalizzare? 133 CAP. 9 Trovare una direzione 153 CAP. 10 Quando gli obiettivi differiscono 167 CAP. 11 Scambiare informazioni Parte quarta 195 CAP. 12 L ambivalenza Focalizzare. La direzione strategica Evocare. Preparare al cambiamento 207 CAP. 13 Evocare la motivazione propria della persona 227 CAP. 14 Rispondere alle Affermazioni Orientate al Cambiamento 241 CAP. 15 Rispondere alle Affermazioni Orientate al Mantenimento dello Statu Quo e al Disaccordo

3 261 CAP. 16 Evocare speranza e fiducia 281 CAP. 17 Condurre il colloquio con neutralità 293 CAP. 18 Aumentare la Frattura interiore Parte quinta 309 CAP. 19 Da Evocare a Pianificare Pianificare. Il ponte verso il cambiamento 323 CAP. 20 Sviluppare un piano per il cambiamento 341 CAP. 21 Rafforzare l impegno 351 CAP. 22 Sostenere il cambiamento Parte sesta Il Colloquio Motivazionale nella pratica 365 CAP. 23 Sperimentare il Colloquio Motivazionale 383 CAP. 24 Imparare il Colloquio Motivazionale 399 CAP. 25 Applicare il Colloquio Motivazionale 419 CAP. 26 Integrare il Colloquio Motivazionale Parte settima La valutazione del Colloquio Motivazionale 439 CAP. 27 I risultati della ricerca e l evoluzione del Colloquio Motivazionale 463 CAP. 28 Valutazione delle Conversazioni Motivazionali 483 APPENDICE A Glossario terminologico del Colloquio Motivazionale 495 APPENDICE B Bibliografia sul Colloquio Motivazionale 527 Bibliografia 567 Indice analitico

4 Prefazione alla terza edizione Questa edizione vede la luce 30 anni dopo la prima apparizione del Colloquio Motivazionale. Il concetto di Colloquio Motivazionale nacque da alcune conversazioni avute in Norvegia nel 1982, che portarono all articolo del 1983 nel quale si descriveva per la prima volta il Colloquio Motivazionale. La prima edizione di questo libro, incentrata soprattutto sulle dipendenze, fu pubblicata nel La seconda edizione, pubblicata nel 2002, era molto differente dalla prima, ed era finalizzata a preparare le persone al cambiamento in diverse aree problematiche. Dopo altri dieci anni questa terza edizione è diversa dalla seconda come la seconda era diversa dalla prima. Più di articoli che citano il Colloquio Motivazionale e 200 ricerche cliniche randomizzate sul Colloquio Motivazionale sono stati pubblicati, la maggior parte dopo l uscita della seconda edizione. La ricerca ha fornito nuove importanti conoscenze sui processi e sugli esiti del Colloquio Motivazionale, sulla psicolinguistica del cambiamento e sul modo in cui i professionisti imparano a utilizzare il Colloquio Motivazionale. Tutti questi sviluppi hanno reso evidente che era arrivato il momento di scrivere una nuova edizione. Il modo in cui concepiamo e insegniamo il Colloquio Motivazionale si è evoluto in modo radicale. Come nella seconda edizione, anche questa terza tratta del modo per facilitare il cambiamento in un ampia gamma di problematiche e ambiti d intervento. Offre la nostra più compiuta e aggiornata spiegazione del Colloquio Motivazionale, escludendo le

5 14 Il Colloquio Motivazionale specifiche applicazioni in ambiti particolari che sono state trattate in altri libri (Arkowitz et al., 2008; Hohman, 2012; Naar-King e Suarez, 2011; Rollnick, Miller e Butler, 2008; Westra, 2012). Questa edizione è molto differente e più del 90% del testo è inedito. Anziché proporre le fasi e i principi del Colloquio Motivazionale, in questa edizione abbiamo descritto i quattro processi fondamentali previsti dall approccio Stabilire una relazione, Focalizzare, Evocare e Pianificare e, su questi, abbiamo organizzato il testo. Speriamo che il modello dei quattro processi aiuti a chiarire come il Colloquio Motivazionale si applica nella pratica reale. Abbiamo analizzato come possono essere applicati i quattro processi nel percorso di cambiamento in generale, e non solo nella forma di cambiamento che comporta una dimensione comportamentale. Abbiamo inserito nuove e importanti conoscenze che sono alla base dei processi e della formazione al Colloquio Motivazionale. Abbiamo spiegato che le Affermazioni Orientate al Mantenimento dello Statu Quo sono l opposto delle Affermazioni Orientate al Cambiamento e come si differenziano dai segnali di Disaccordo nella relazione professionale, lasciando da parte il nostro iniziale riferimento al concetto di resistenza. Ci siamo inoltre concentrati su due particolari situazioni che in qualche modo si differenziano dal Colloquio Motivazionale classico, ma ne mantengono la struttura concettuale ed il metodo: il colloquio condotto con neutralità (Capitolo 17) e il colloquio per aumentare la Frattura interiore con le persone che non sono (ancora) ambivalenti (Capitolo 18). Ci sono esempi di nuovi casi, un glossario dei termini del Colloquio Motivazionale e una bibliografia aggiornata. Ulteriori risorse sono reperibili sul sito guilford.com/p/miller2. Abbiamo voluto dare priorità all applicazione pratica del Colloquio Motivazionale, ponendo, alla fine del libro, le nostre riflessioni riguardanti la storia, la teoria, le evidenze scientifiche e le valutazioni sull aderenza al metodo. Anche se sappiamo molto di più di quanto sapevamo dieci anni fa sulla metodologia del Colloquio Motivazionale, quello che non cambia (e non deve cambiare) è lo spirito sul quale si fonda, l atteggiamento cognitivo ed emotivo con cui si applica. Come nelle variazioni di un tema musicale, le tre edizioni sono attraversate da un motivo comune, anche se le specifiche descrizioni del Colloquio Motivazionale si sono evolute nel tempo. Continuiamo a sottolineare che il Colloquio Motivazionale implica una relazione collaborativa con il cliente, una rispettosa evocazione della sua motivazione e consapevolezza di sé e un accettazione assoluta che riconosca il cambiamento come scelta propria della persona, un Autonomia che non può esserle sottratta al di là di quanto si possa a volte desiderare di fare. Per questo motivo abbiamo attribuito una

6 Prefazione alla terza edizione 15 particolare enfasi alla Propensione all aiuto, 1 il quarto elemento dello spirito fondamentalmente umano con il quale desideriamo che il Colloquio Motivazionale venga applicato. Erich Fromm ha descritto una forma di amore incondizionato e disinteressato finalizzato al benessere e alla crescita del prossimo. Nell etica medica viene chiamato beneficialità, nel buddismo metta, nell ebraismo hesed (una caratteristica di un mensch), nell islamismo rahmah e nel cristianesimo del primo secolo agape (Lewis, 1960; Miller, 2000; Richardson, 2012). Comunque la si voglia indicare, Propensione all aiuto significa considerare le persone a cui è rivolto il nostro servizio con quell attitudine valorizzante definita da Buber (1971) come Io-Tu, e mai considerandole oggetti da manipolare (Io-Esso). Alcuni dei processi di influenza interpersonale, che fanno parte del Colloquio Motivazionale, si verificano nelle normali conversazioni (anche senza volerlo) e alcuni vengono utilizzati intenzionalmente in contesti come le vendite, il marketing e la politica, che potrebbero non essere incentrati sulla Propensione all aiuto (anche se a volte lo sono). Nello spirito, il Colloquio Motivazionale si sovrappone alla millenaria saggezza sulla Propensione all aiuto che ha attraversato il tempo e le culture e con la quale le persone hanno negoziato reciprocamente i cambiamenti. Forse è per questo che i clinici che cominciano a conoscere il Colloquio Motivazionale hanno la sensazione di riconoscerlo, come fosse qualcosa che hanno sempre saputo. In un certo senso è così. Ciò che abbiamo cercato di realizzare è stato far sì che il Colloquio Motivazionale potesse essere definito, imparato, osservato e utile. La terminologia Attualmente il Colloquio Motivazionale viene applicato in un ampia varietà di contesti. A seconda dei contesti i destinatari del Colloquio Motivazionale possono essere definiti clienti, pazienti, studenti, operatori in supervisione, utenti, autori di reato o specializzandi. Nello stesso modo coloro che applicano il Colloquio Motivazionale possono essere counselors, educatori, terapisti, coach, professionisti, medici o infermieri. In questo libro abbiamo utilizzato a volte il termine specifico per un definito contesto, ma la gran parte della trattazione sul Colloquio Motivazionale è generica e può essere riferita a molti ambiti. Come convenzione linguistica, normalmente abbiamo usato i termini operatore, medico o professionista con riferimento generico a chi pratica il Colloquio Motivazionale e cliente, o semplicemente persona, come riferimento comune 1 Abbiamo scelto di rendere l inglese «Compassion» con «Propensione all aiuto». [Nota dei Curatori]

7 16 Il Colloquio Motivazionale a chi lo riceve. Analogamente, nei molti esempi di dialoghi clinici offerti nel libro, li abbiamo definiti scambi tra un operatore e un cliente, a prescindere dal contesto. Il termine Colloquio Motivazionale ricorre più di mille volte nel libro e, piuttosto che riscriverlo ogni volta, abbiano deciso di utilizzare l abbreviazione «CM» anche se siano consapevoli che questa abbreviazione ha anche altri significati. 2 Molti altri termini utilizzati nel linguaggio comune hanno un particolare significato nel Colloquio Motivazionale. La maggior parte dei lettori comprenderà subito i significati dalle nostre spiegazioni iniziali e poi dal contesto di riferimento e, nel dubbio, può consultare il glossario dei termini del Colloquio Motivazionale nell Appendice A. Ringraziamenti Siamo in debito con l eccezionale comunità di colleghi conosciuta come MINT (Motivational Interviewing Network of Trainers) 3 per le discussioni stimolanti che ci hanno accompagnato nel corso degli anni nell elaborazione della seconda e nella terza edizione de Il Colloquio Motivazionale. Jeff Allison ha costituito un inesauribile fonte d ispirazione e di idee creative sul Colloquio Motivazionale, contribuendo con metafore, chiarimenti concettuali e moltissime buone idee sul modo di trasmettere il Colloquio Motivazionale agli altri. Lo psicolinguista Paul Amrhein ha fornito stimoli fondamentali sui processi linguistici che sono alla base del Colloquio Motivazionale, influenzando fortemente il modo in cui noi attualmente comprendiamo le Affermazioni Orientate al Cambiamento. La professoressa Theresa Moyers è stata in prima linea nella ricerca sulla formazione e sui processi del Colloquio Motivazionale, contribuendo alla nostra comprensione sul funzionamento del Colloquio Motivazionale applicando il metodo scientifico e anche individuando chiaramente i suoi limiti. Questo è il nono libro che abbiamo personalmente scritto o curato con la Guilford Press, oltre ad aver contribuito come redattori per altri libri della Guilford sul Colloquio Motivazionale. Dato che abbiamo lavorato con molti altri editori, rimaniamo colpiti e riconoscenti per lo straordinario livello di cura, qualità redazionale e attenzione ai dettagli che ha accompagnato la nostra esperienza con la Guilford. È stato molto piacevole, nel corso degli anni, lavorare con revisori editoriali come Jim Nageotte e Kitty Moore magari non nel 2 Nella traduzione italiana si è scelto di scrivere sempre per esteso Colloquio Motivazionale. [N.d.C.] 3 Rete dei Formatori al Colloquio Motivazionale. [N.d.C.]

8 Prefazione alla terza edizione 17 pieno di un ennesima riscrittura, ma sempre per la qualità del prodotto finale. Come in precedenza, la redattrice finale di questo libro, Jennifer DePrima, è stata di grande aiuto nel perfezionare il linguaggio. Infine siamo grati di nuovo a Theresa Moyers per la sua attenta cura del manoscritto, e per i suggerimenti per migliorarne la fluidità e la chiarezza.

9 2 Lo spirito del Colloquio Motivazionale Se tratti una persona per come è, resterà quello che è, ma se la tratti per ciò che dovrebbe e potrebbe essere diverrà ciò che dovrebbe e potrebbe essere. Johann Wolfgang von Goethe Compassione è il desiderio di vedere gli altri liberi dalla sofferenza. Dalai Lama Negli anni Ottanta, quando abbiamo cominciato a insegnare il Colloquio Motivazionale, tendevamo a focalizzare l attenzione sulle tecniche, sul come applicarlo. Con il passare del tempo ci rendemmo conto che, però, si trascurava qualcosa di importante. Guardando i corsisti che applicavano il Colloquio Motivazionale, era come se avessimo insegnato loro le parole e non la musica. Che cosa avevamo omesso di trasmettere? Fu così che iniziammo a scrivere dello spirito fondante del Colloquio Motivazionale e dell atteggiamento cognitivo ed emotivo che sottende (Rollnick e Miller, 1995). Intendiamo la prospettiva di fondo con la quale si pratica il Colloquio Motivazionale. Senza questo spirito fondante, il Colloquio Motivazionale diventa un gioco cinico, un modo per cercare di manipolare le persone e far fare loro ciò che non vogliono fare: l esperto mago induce abilmente lo sventurato cliente a fare la scelta saggia. In breve, si trasforma solo in un altra forma di

10 3 Il metodo del Colloquio Motivazionale Le persone normalmente si lasciano persuadere meglio dalle ragioni che scoprono da sole piuttosto che da quelle scaturite dalla mente degli altri. Blaise Pascal Sei un ostetrica che assiste alla nascita di un bambino. Fallo per bene senza mostrarti e senza agitarti. Facilita l accadere delle cose piuttosto che fare in modo che accada ciò che tu pensi. Se devi prendere il comando delle operazioni, fallo in modo che sia di aiuto alla madre a rimanere libera e responsabile. Quando il bambino nascerà la madre potrà giustamente dire: «Lo abbiamo fatto insieme!». Tao Te Ching I quattro processi del Colloquio Motivazionale Nelle nostre prime due edizioni abbiamo descritto due fasi del Colloquio Motivazionale: costruzione della motivazione (Fase 1) e consolidamento dell impegno (Fase 2). Come semplice linea guida ha un suo valore. Ad esempio: «Fate attenzione a non parlare solo di come cambiare, che è una parte più attinente alla fase 2, prima di aver parlato del perché cambiare, che è attinente alla fase 1». In pratica, però, questa semplice distinzione falliva, non considerando che

11 48 Il Colloquio Motivazionale il processo decisionale spesso ha un andamento più circolare che lineare. Inoltre appariva essere incompleta. I medici, ad esempio, ci hanno riferito che trovano difficoltà ad applicare il Colloquio Motivazionale perché i pazienti non sembrano coinvolti nella relazione. Per alcuni professionisti un altra sfida clinica stava nella difficoltà a considerare nel colloquio tutte le possibili opzioni di cambiamento che ha il paziente e facevano fatica a indirizzare la conversazione. Questo ci ha spinti a riflettere più a fondo sui processi che compongono il Colloquio Motivazionale. Abbiamo deciso di lasciare da parte la logica sequenziale delle «fasi» provando, con i quattro processi, ad avvicinarci a ciò che si vive nella pratica. Per definire questi quattro processi abbiamo scelto di usare l infinito: 1 Stabilire una relazione, Focalizzare, Evocare e Pianificare. Il presente testo è impostato su questi quattro processi. Nel capitolo ci proponiamo di dare una panoramica generale di questi processi che definiscono l andamento del Colloquio Motivazionale. Per certi versi i quattro processi si succedono nell ordine in cui li abbiamo nominati. Senza Stabilire una relazione con il cliente è difficile andare avanti. Come si è già accennato nelle pagine precedenti, per Evocare è necessario Focalizzare chiaramente un argomento. Normalmente decidere se cambiare è un prerequisito per Pianificare come cambiare. Ma i quattro processi sono anche ricorrenti; non terminano nel punto dove comincia il successivo. Considerato che i quattro processi sono sia sequenziali che ricorrenti, abbiamo scelto di rappresentarli come i gradini di una scala (figura 3.1). Ogni processo si sovrappone al precedente, che continua a sussistere in quanto fondamento del seguente. Nel corso del colloquio o del trattamento, si può salire o scendere la scala, tornando al gradino precedente quando è necessario porvi di nuovo attenzione. Stabilire una relazione Ogni rapporto personale inizia con un momento in cui si stabilisce la relazione. Quando le persone richiedono un intervento del servizio, spesso si domandano che tipo sarà il professionista e come saranno trattate. La prima impressione è molto importante, anche se non sarà definitiva (Gladwell, 2007). Durante qualsiasi incontro iniziale, le persone, tra le altre cose, decidono se il professionista è di loro gradimento, se possono fidarsi di lui e se decideranno di tornare al prossimo appuntamento. In alcuni ambiti il numero modale delle visite è uno! 1 In inglese viene usato il tempo gerundio. [N.d.C.]

12 4 Coinvolgimento e non-coinvolgimento del cliente Incontrarsi è un inizio; rimanere uniti è un progresso; lavorare insieme è un successo. Henry Ford Il tipo di cura che il terapista centrato sul cliente desidera realizzare è una cura ingenua, nella quale viene accettato il cliente per come afferma di essere, non con il sospetto, celato nella mente del terapista, che potrebbe essere in realtà diverso. Questo atteggiamento non è dovuto a stupidità da parte del terapista; è il tipo di atteggiamento che più probabilmente porterà alla fiducia, a ulteriori esplorazioni e alla correzione di affermazioni false, appena la fiducia si consolida. Carl Rogers e Ruth Sanford Lo Stabilire una relazione con il cliente costituisce un fattore essenziale per l erogazione di qualsiasi servizio. Nella ricerca sulla psicoterapia, dalla qualità dell alleanza terapeutica tra il cliente e il terapista (soprattutto per come viene percepita dal cliente) si possono prevedere sia la ritenzione in terapia che i suoi esiti. Nella psicoterapia (Henry et al., 1994; Horvath e Greengerg, 1994) e nella cura della salute (Fuertes et al., 2007), le persone che vengono coinvolte attivamente hanno più probabilità di rimanere, aderire e beneficiare del trattamento, a prescindere dal particolare orientamento dell operatore. Nello stesso modo l alleanza terapeutica influisce sui risultati nell ambito educativo (Lacrose et al., 2010) e nella riabilitazione (Evans et al., 2008).

13 66 Il Colloquio Motivazionale Ma in cosa consiste questa alleanza? Che cosa costituisce l alleanza, nella prospettiva psicoterapeutica? Uno schema molto utilizzato (Bordin, 1979) evidenzia tre aspetti del coinvolgimento positivo: 1. Stabilire una relazione collaborativa di fiducia e rispetto reciproco. 2. Accordarsi sugli obiettivi del trattamento. 3. Collaborare nei compiti stabiliti reciprocamente per raggiungere tali obiettivi. Dato che nel Colloquio Motivazionale abbiamo distinto il processo dello Stabilire una relazione da quello del concordare gli obiettivi (Focalizzare; vedi la Parte terza), definiamo lo Stabilire una relazione come il processo con cui si instaura una relazione di aiuto nella fiducia e nel rispetto reciproci. Nella prospettiva del cliente (che è quella che meglio predice la ritenzione in trattamento e i suoi risultati), una persona potrebbe chiedersi: Mi sento rispettato da questo operatore? Questo operatore mi ascolta e mi capisce? Ho fiducia in questa persona? Ho voce in capitolo su quanto accade in questo colloquio? Mi vengono offerte delle scelte o mi devo adeguare a questo approccio tipo «Una misura va bene per tutti»? L operatore è incline a concordare piuttosto che imporre? Alcune trappole iniziali che non aiutano a Stabilire una relazione La base di una relazione collaborativa può essere gettata subito, anche nei primi momenti del colloquio. Quanto s immagina che il cliente parlerà? Si sente tranquillo a dare delle informazioni rendendosi vulnerabile? Mentre l operatore si preoccupa di iniziare, il cliente spesso sta valutando se restare o andare via. Lo Stabilire una relazione, come definito in precedenza, è fortemente minacciato dalla comunicazione della mancanza di reciprocità. I messaggi dell operatore che comunicano: «Qui comando io; deciderò io di cosa parleremo e cosa dovresti fare» implementano, nel cliente, la passività e il distacco dalla relazione, quando servirebbe proprio l opposto, se c è di mezzo un cambiamento personale. È facile partire nella direzione sbagliata, se s incappa in alcune trappole iniziali della comunicazione. Ecco sei di queste trappole. La trappola dell assessment Il primo contatto con l operatore non è necessariamente indicativo di quanto avverrà in seguito, ma questo non sempre è chiaro al cliente. Se si

14 16 Evocare speranza e fiducia La falsa speranza non esiste. Mary Piper La speranza è quella cosa con le piume che si posa nell anima, canta una melodia senza parole, e non si ferma mai. Emily Dickinson Originariamente, il Colloquio Motivazionale è stato ideato come metodo per fare emergere la motivazione al cambiamento all interno di quelle situazioni in cui l importanza di un cambiamento è più evidente all operatore che al cliente. La maggior parte delle nostre discussioni finora si è concentrata su come aumentare nel cliente la percezione dell importanza del cambiamento, tuttavia c è un altro problema clinico che ogni operatore si troverà ad affrontare e per il quale il Colloquio Motivazionale può risultare utile. È il caso in cui il cliente riconosce e comprende chiaramente l importanza del cambiamento, ma gli manca la fiducia di poterlo realizzare. Potrei trovare un lavoro migliore se avessi un diploma di scuola superiore, ma è passato tanto tempo da quando andavo a scuola e non credo di essere in grado di riprendere gli studi. So che fumare fa male, ma ho provato a smettere parecchie volte e proprio non ci riesco. È decisamente necessario comunicare meglio tra di noi, ma non credo che la mia famiglia voglia davvero impegnarsi a provare.

15 262 Il Colloquio Motivazionale Mi piacerebbe mantenermi maggiormente in salute, ma è troppo faticoso per me fare esercizio fisico. Non si fornisce alle persone un servizio utile se le si induce a credere che un cambiamento sia urgente ma al di là della loro portata. Si noti la presenza del «ma» nel mezzo di ognuna di queste frasi. Tutte iniziano con un affermazione che esprime il desiderio, le ragioni e il bisogno di cambiare, poi arriva il problema: «Ma non credo di poterlo fare». La speranza è la convinzione che il cambiamento sia possibile. Un bravo operatore è in grado di «prestare» la propria speranza quando i clienti sono a corto della loro. La fiducia rappresenta il passo ulteriore: non solo il cambiamento è possibile, ma posso contribuire a realizzarlo. Una persona può sperare che il cambiamento arrivi da qualcosa che trascende la propria influenza personale la fortuna (la manna dal cielo), Dio, o un cambiamento delle circostanze esterne senza ritenere di poter far niente in merito. Il Colloquio Motivazionale si occupa di attivare un cambiamento personale, con particolare attenzione alla fiducia. È improbabile che le persone si impegnino a realizzare un cambiamento se non possiedono un po di fiducia che questo sia possibile. La mancanza di fiducia, infatti, può rappresentare un ostacolo perfino nel riconoscere l importanza di un cambiamento. Chi vorrebbe trovarsi a vivere l esperienza di «Devo davvero cambiare, ma non posso»? Non si fornisce alle persone un servizio utile se le si induce a credere che un cambiamento sia urgente ma al di là della loro portata. Il risultato sarebbe ansia e disperazione, e la normale reazione umana sarebbe quella di tentare di ridurre la sofferenza in qualche modo (ad esempio, smettere di pensarci o minimizzare il problema). L importanza e la fiducia sono entrambe componenti chiave della motivazione al cambiamento (Rogers, 1975; Rollnick, Miller e Heather, 1998), e il Colloquio Motivazionale, qualora sia ben condotto, le sostiene entrambe. Qual è il problema? Un modo semplice di rappresentarsi ciò che serve è lo schema a quattro caselle mostrato nella figura Quanto questa persona pensa che sia importante affrontare il problema (o opportunità) e quanta fiducia ha di riuscire a farlo? Questo crea quattro situazioni possibili. La situazione numero 1 rappresenta il sogno di ogni operatore. La persona è consapevole che è importante realizzare un cambiamento e ha fiducia di riuscire a farlo. Questo è il risultato che si propone il Colloquio Motivazionale.

16 17 Condurre il colloquio con neutralità Ciò che sogno, è un arte fatta di equilibrio. Henry Matisse Se arrivate a un bivio della strada, prendetelo. Yogi Berra Il Colloquio Motivazionale è stato in origine sviluppato per uno specifico scopo: rinforzare la motivazione e l impegno delle persone a realizzare un determinato cambiamento. In questo senso il Colloquio Motivazionale influenza la scelta delle persone, sebbene fondamentalmente la scelta di raggiungere un determinato cambiamento rimane sempre una responsabilità del cliente. Ci sono delle situazioni, tuttavia, nelle quali non risulta appropriato spingere la scelta di un cliente verso una direzione specifica. Questo potrebbe derivare dal fatto che non si ha idea di quale potrebbe essere la migliore direzione da prendere per il cliente o perché si ritiene di non dover influenzare la scelta del cliente in un verso o nell altro, pur possedendo un opinione in merito. In questo caso è necessario mantenere un atteggiamento neutrale per non favorire consapevolmente o inconsapevolmente un lato dell ambivalenza del cliente. Si prenda in esame questa ampia gamma di possibili scenari clinici all interno dei quali ci si potrebbe trovare a lavorare con un cliente che sta valutando varie opzioni di scelta:

17 282 Il Colloquio Motivazionale Una coppia che ha richiesto una consultazione per essere aiutata a decidere se adottare un bambino. Un adulto che sta considerando la possibilità di donare un rene a un familiare che ha bisogno di un trapianto. Una donna che deve decidere se abortire. Un adolescente che sta pensando se utilizzare il preservativo durante i rapporti sessuali. Un uomo che ha assunto uno «speedball» (eroina e metanfetamine). Una donna che sta decidendo se lasciare il marito che la maltratta. Un barbone che si sente a suo agio nell abitare in strada. Una donna che sta valutando se inserirsi in un programma di ricerca che stiamo conducendo. Un uomo che pratica l auto-asfissia per ottenere un maggior piacere nell orgasmo. Una donna inviata in trattamento dopo la terza condanna per guida in stato di ebrezza. Un soldato che per noia e disperazione periodicamente gioca alla roulette russa. Una persona che chiama a un telefono amico e che sta pensando di suicidarsi buttandosi da un palazzo. Uno stupratore che sta meditando di fare altre vittime. Per la maggior parte degli operatori, il senso di urgenza nell influenzare la direzione della scelta del cliente varia nelle diverse situazioni rappresentate. In alcuni casi l operatore potrebbe sentire un dovere professionale ed etico nel provare ogni cosa sia in suo potere per incoraggiare la scelta del cliente e il cambiamento verso una determinata direzione. In altri, egli potrebbe ritenere eticamente sbagliato cercare di influenzare il cliente nell intraprendere una determinata strada, ed è possibile che alcuni casi ricadano in una zona grigia dove l operatore si ritrova incerto sul da farsi. In questo capitolo verrà presentata una modalità di counseling in stile Colloquio Motivazionale adatta quando non ci si propone di influenzare la direzione della scelta del cliente. In un certo senso ciò risulta più difficile del muoversi verso una determinata direzione. Le nostre nuove conoscenze psicolinguistiche sul cambiamento rivestono una grande importanza in questo contesto e la conduzione di un colloquio con neutralità richiede di prendere consapevolezza di queste dinamiche sottese al processo di esplorazione delle opzioni possibili.

18 28 Valutazione delle Conversazioni Motivazionali Le persone non possono beneficiare dei trattamenti che non ricevono. Dean Fixsen Dubbi, dubbi, e non credete senza prove sperimentali. William Blake Dai precedenti capitoli nonché dalla ricerca sugli esiti del trattamento eseguito secondo il metodo del Colloquio Motivazionale risulta con chiarezza che non esiste una semplice tecnica del Colloquio Motivazionale da poter essere dispensata come il contenuto di una pillola medicinale. È il processo che si svolge durante la conversazione ad avere una grande importanza, ed esiste una grande variabilità negli esiti, che dipende dalla natura dell interazione. In questo capitolo conclusivo chiudiamo il cerchio tornando all argomento che per primo ci ha condotti al Colloquio Motivazionale: come sviluppare al meglio le conversazioni sul cambiamento. Con gli anni, ci siamo particolarmente concentrati sulla comprensione delle dinamiche di tali conversazioni. Il nostro focus, a questo punto del libro, è su come continuare a imparare dall esperienza, come studiare «le melodie e il ritmo della danza». Questo è un argomento adeguatamente ampio per concludere il libro e nello stesso tempo possiede implicazioni pratiche nella garanzia della qualità di una interazione, permettendoci di rispondere a una domanda molto concreta: «si tratta di un buon Colloquio Motivazionale?».

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor

Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Modulo 6 Sviluppo delle capacità personali Guida per i tutor Estratto dal progetto Foundations for Work per gentile concessione di DiversityWorks (Progetto n. 2012-1-GB2-LEO05-08201) Introduzione Perché

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto.

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto. GUIDA AL COUNSELING. In 40 regole fondamentali cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto di Scott T. Meier e Susan R. Davis - Franco Angeli, 1994 Recensione a cura di MONICA MILANI Questo

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 1 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 2 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR conoscere 1) CONOSCENZA DEL CAMPO DI APPLICAZIONE 2) CONOSCENZA DELL'ANALISI TRANSAZIONALE 3) CONTRATTUALITAʼ

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Precontemplazione. Mantenimento Contemplazione

Precontemplazione. Mantenimento Contemplazione LA RUOTA DEL CAMBIAMENTO (Prochaska J., Di Clemente C., 1980) Precontemplazione Mantenimento Contemplazione Azione Determinazione o Preparazione TEORIA DEGLI STADI DEL CAMBIAMENTO (Prochaska J., Di Clemente

Dettagli

IL COLLOQUIO DI COUNSELING

IL COLLOQUIO DI COUNSELING IL COLLOQUIO DI COUNSELING Università LUMSA di Roma Anno accademico 2014/2015 Dott. P. Cruciani Dott.ssa P. Szczepanczyk Testo di riferimento: Il colloquio di counseling di Vincenzo Calvo Cos è il Counseling

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Le storie sociali. Francesca Vinai e Clea Terzuolo

Le storie sociali. Francesca Vinai e Clea Terzuolo Le storie sociali Francesca Vinai e Clea Terzuolo . Qual è il punto di forza delle Storie Sociali??? PENSIERO VISIVO Uso di strategie visive migliora la comprensione, lo svolgimento delle attività, ma

Dettagli

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che

Dopo la formazione i mentori saranno consapevoli che Modulo 2 Le tecniche del mentor/tutor 2.5. Perché e in che modo le competenze pedagogiche sono importanti per i mentori che lavorano nella formazione professionale (VET) Tempistica Tempo totale 2 ore:

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca PANORAMICA Scopi e obiettivi del trattamento Ridurre i sintomi dell ADHD Ridurre i sintomi in comorbidità Ridurre il

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA Accompagnare i nostri figli nel cammino dell amore di Rosangela Carù QUALE EDUCAZIONE IN FAMIGLIA? Adolescenti Genitori- Educatori Educazione 1. CHI E L ADOLESCENTE?

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

Non lasciarla nell ombra.

Non lasciarla nell ombra. La vita è emozione. Non lasciarla nell ombra. Un ascolto attento e qualificato. Michele Andolina coltiva da sempre una grande passione: il benessere della persona in tutte le sue forme. Considera la cura

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari Cosa è il BULLISMO Il termine bullismo è utilizzato per designare un insieme di comportamenti in cui qualcuno

Dettagli

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA Autostima = giudizio che ognuno dà del proprio valore ( dipende sia da fattori interni che esterni ) EricKson: la stima di sé deve venire da dentro, dal nocciolo di

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015 Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015 Segui sempre le 3 R : Rispetto per te stesso. Rispetto per gli altri. Responsabilità per le tue azioni. (Dalai Lama) Impara le regole,

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

FARE O ESSERE VOLONTARI?

FARE O ESSERE VOLONTARI? Corso di formazione FARE O ESSERE VOLONTARI? Il volontariato come manifestazione dell essere e dell operare a favore dell altro Caritas Ambrosiana Salone Mons. Bicchierai via San Bernardino 4 20122 Milano

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO www.lanotainpiu.it CONDIVIDERE LA MUSICA, PERCHE?: Aderire al lavoro comune e alle sue prerogative:

Dettagli

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA LE DINAMICHE DELLA CRESCITA 1. Viviamo in una situazione di disequilibrio educativo, a causa di: a) fattori strutturali, quali - ritmi di cambiamento sociale, - esposizione ripetuta e prolungata di immagini

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

2. Se un test ha l indice di attendibilità tra -39 e 0, che cosa devi fare con quel test?

2. Se un test ha l indice di attendibilità tra -39 e 0, che cosa devi fare con quel test? INTERPRETAZIONE DEL TEST HT BETA ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Che cosa misura l HT BETA? Il test misura i 10 ingredienti della produttività. Aiuta ad individuare l ingrediente o gli ingredienti

Dettagli

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Tesi di Daniele Gianolini 1. Introduzione La decennale esperienza nell insegnamento individuale della

Dettagli

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i liste di controllo per il manager r il manager liste di controllo per il manager di contr liste di liste di controllo per il manager i controllo trollo per il man liste di il man liste di controllo per

Dettagli

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io Creatività / ingegno Risolvo i problemi in modo diverso Riesco a pensare a cose nuove facilmente Ho idee visionarie Sviluppo nuove opportunità e le metto in pratica

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione Le nostre proposte per un percorso educativo di qualità Roma, 10 Aprile 2015 sala Da Feltre Intervento Claudia Lichene, insegnante di scuola dell infanzia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile Anna Fallco P sico lo g ia e B a sk et Presentazione La dottoressa Anna Falco è entrata a far parte dello staff della Squadra Nazionale A maschile nel

Dettagli

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA LA BIOGRAFIA LINGUISTICA Lavoro di gruppo: Casapollo, Frezza, Perrone e Rossi Classi coinvolte: 5 classi di scuola primaria e 5 classi di scuola secondaria di primo grado Docenti coinvolti: 3 della scuola

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email.

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email. I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email.it CTI Monza, 20 Novembre 2015 Prima parte: comprendere

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Copyright@2015 Alessandro Pedrazzoli

Copyright@2015 Alessandro Pedrazzoli Chi sono? Mi chiamo Alessandro Pedrazzoli. Non lavoro nelle HR (risorse umane), non mi occupo di assumere direttamente dei candidati: mi occupo di Marketing, e in questo ebook ti spiegherò come sfruttarne

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Firenze, 11 dicembre 2013 Nessuno può farvi sentire inferiore senza il vostro consenso. Eleanor Roosevelt Inversione di paradigma da persone

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

La mia autostima. Edizioni Erickson. Deborah Plummer. Dario Ianes Centro Studi Erickson Università di Bolzano www.darioianes.it

La mia autostima. Edizioni Erickson. Deborah Plummer. Dario Ianes Centro Studi Erickson Università di Bolzano www.darioianes.it Edizioni Erickson La mia autostima Dario Ianes Centro Studi Erickson Università di Bolzano www.darioianes.it Deborah Plummer Introduzione L immaginazione come strumento per il cambiamento Imagework: un

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli 1 di 6 Autore di Esami No Problem 1 Titolo I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

la crescita è la chiave

la crescita è la chiave AREA LEADERSHIP PROFESSIONALE IL COACHING Lo strumento di manutenzione dell uomo LeadershipLab Training Gubbio (Perugia) N.Verde 800.960.318 la crescita è la chiave MARCO MERANGOLA Tel 366 37.72.330 Fax

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline?

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Ricordate qualche strategia che vi è stata particolarmente utile nel corso delle

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli