Descrizione Tecnica DC Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Descrizione Tecnica DC Bologna"

Transcript

1 14 Marzo 2012

2 Pagina 2 di 16 Sommario 1. Introduzione Scopo del documento Applicabilità Caratteristiche Logistiche Ubicazione Descrizione e dimensioni Attrezzature Accessorie Caratteristiche Infrastrutturali del DC Impianto elettrico per l alimentazione degli apparati IT Impianto di Refrigerazione per degli apparati IT Caratteristiche solai/pavimentazioni delle sale sistemi Struttura fisica di rete LAN Sicurezza Fisica Monitoraggio Impianti industriali SLA del Centro Infrastrutture Accessorie Certificazioni...16

3 Pagina 3 di Introduzione Per Data Center si intende una struttura fisica, normalmente un edificio compartimentato, progettato ed allestito per ospitare e gestire un numero elevato di apparecchiature e infrastrutture informatiche e i dati ivi contenuti, allo scopo di garantirne la sicurezza fisica e gestionale. L infrastruttura dei Data Center di Telecom Italia consta di 8 siti fisici distribuiti sul territorio nazionale e 4 centri servizi regionali, collegati tra loro da un anello a larga banda di grande capacità. Questa infrastruttura tecnologica. I Data Center Telecom Italia ospitano funzioni core delle aziende del Gruppo Telecom Italia, e i sistemi per i clienti mercato. 2. Scopo del documento Il presente documento ha lo scopo di illustrare, ad uso del marketing operativo, le caratteristiche infrastrutturali riferite al Data Center Telecom Italia di Bologna e costituisce la documentazione tecnica di riferimento necessaria per la contrattualizzazione di servizi ICT (housing, colocation) dell offerta DCS di Telecom Italia. Le descrizioni e le informazioni riportate prevedono un livello di dettaglio, coerente con gli usi previsti dal documento. Nel documento non vengono riportati parametri legati alla disponibilità corrente di spazi etc. che devono essere verificate in fase di presale. 3. Applicabilità Il documento si riferisce alle infrastrutture del Centro Data Center Telecom Italia di Bologna aggiornate alla data della release del documento. Infrastrutture, processi, prassi operative e strumenti possono subire evoluzioni migliorative che verranno riportate nella release successiva del documento.

4 Pagina 4 di Caratteristiche Logistiche 4.1. Ubicazione Il complesso immobiliare che ospita il Data Center Telecom Italia di Bologna è ubicato in Bologna via della centralinista 3, nel quadrante urbano NORD/EST della città di Bologna in una zona industriale denominata Le Roveri. L insediamento, destinato urbanisticamente alla creazione di nuovi poli tecnologici, offre ottimi servizi di comunicazione e trasporto (SUBURBANA+TANGENZIALE) 4.2. Descrizione e dimensioni Il complesso edilizio presenta un area dedicata alle Sale Sistemi più un area esterna dedicata agli uffici. Le Sale Sistemi si sviluppano su uno spazio complessivo di 4881 mq, diviso in 24 sale di cui 504 mq sono destinati a sale TLC, realizzate al piano terra ed al piano seminterrato: sono presenti inoltre tre ambienti attrezzati come camere Lampertz e due come nastroteche. Oltre alle Sale Sistemi sono presenti al piano interrato infrastrutture dedicate a servizi core di Telecom Italia, mentre al piano terra è allestita un area dedicata a servizi per i clienti Attrezzature Accessorie Il Data Center di Bologna è fornito delle seguenti attrezzature accessorie: - montacarichi, per il sollevamento di server di grandi dimensioni; - ascensori per la movimentazione del personale - Ampio magazzino, per il posizionamento temporaneo delle merci in ingresso e in uscita; - parcheggio auto interno, fruibile da personale interno ed esterno (su base di specifici accordi); - mensa, fruibile sia per il personale interno che esterno

5 Pagina 5 di Caratteristiche Infrastrutturali del DC 5.1. Impianto elettrico per l alimentazione degli apparati IT L impianto è stato realizzato con più stadi di ridondanza, il primo riguarda l alimentazione in media tensione garantita da 2 cabine separate: 1a cabina: 6 trasformatori da 2000 kva di cui uno costituisce la riserva 2a cabina: 4 trasformatori da 2000 kva di cui uno costituisce la riserva Sono presenti 6 gruppi elettrogeni di soccorso ed in particolare: GE x1800kVA + 1x1200 kva in parallelo, in ridondanza N+1 GE 5-6 2x2000kVA in parallelo, in ridondanza N+1 La distribuzione elettrica è realizzata tramite una distribuzione principale che dal quadro di parallelo degli UPS si ramifica via cavo nei quadri elettrici di sala tutti in doppia sezione. Esiste inoltre una distribuzione parallela di soccorso alimentata direttamente dagli UPS tramite sezionatori a due vie. La distribuzione agli apparati di sala è invece realizzata in cavo e prese interbloccate IEC, in configurazione dual cord (A+B) derivata dai quadri di sala realizzati in doppia sezione completamente ridondata. La continuità di erogazione dell energia è garantita da due stazioni di continuità ognuna formata da sei gruppi UPS da 500kVA dedicati alle sale sistemi del DC: l impianto è progettato con il criterio della ridondanza N+1 per quanto riguarda la prima delle due stazioni, mentre la seconda, di più recente realizzazione, risponde al criteri A(n+1)+B(n+1) ; agli UPS si attestano 12 gruppi di batterie di tipo ermetico al piombo, che garantiscono il funzionamento del Centro a pieno carico per un tempo di almeno 20 minuti in assenza di alimentazione. Al fine di garantire ulteriormente la fornitura di energia sono comunque disponibili in tutto 6 gruppi elettrogeni, dei quali 3 da 1800 KVA ciascuno, 1 da 1200 kva ed altri 2 da 2000 kva cadauno. Tali gruppi sono in grado di soddisfare completamente la richiesta di energia in caso di assenza prolungata di energia in rete. Per il completamento della ridondanza dell alimentazione elettrica anche per i server monoalimentati, su base progettuale e al fine di aumentare i livelli di servizio desiderati, è possibile inoltre installare sui rack degli switch di corrente (STS, Source Transfer Switch). Con tali apparati i server monopresa (e dunque monoalimentati) possono fruire dell alimentazione da una presiera o da un altra, nel caso in cui una delle due sia fuori servizio (per failure o intervento programmato di manutenzione). In caso di interruzione improvvisa della distribuzione di corrente da parte di un interruttore, da una sezione di quadro di sala, o della singola presa attestata su di essa,

6 Pagina 6 di 16 l STS è in grado di commutare automaticamente sull altra presa con un transitorio di 6 ms. L STS è utilizzabile anche per i server aventi un numero dispari di alimentazioni, poiché rendono la terza alimentazione ridondata (e dunque in caso di fault singolo si disporrà sempre di almeno due alimentazioni). Anche per gli apparati non rackable monoalimentati (rari casi) sono disponibili, con realizzazione su base progettuale, speciali STS Impianto di Refrigerazione per degli apparati IT Per mantenere costante la temperatura all interno dei locali Data Center sono disponibili 4 gruppi frigoriferi con condensazione ad aria per un totale di 4500 kwf. L impianto è stato progettato con il criterio dell affidabilità di tipo N+1. La distribuzione dell acqua refrigerata è garantita tramite un anello di circolazione alimentato da 6 pompe in ridondanza n+1 A supporto dell impianto di raffreddamento è presente una banca del ghiaccio servita da un Gruppo Frigo RC GROUP dedicato; l impianto genera acqua refrigerata che, attraverso un circuito idraulico di mandata e ritorno, giunge nella vasca di accumulo ghiaccio, sita nell interrato, passando attraverso una fitta rete di tubi che si trovano immersi nell acqua glicolata presente nella vasca d accumulo. Nella fase generazione ghiaccio si forma uno spessore di ghiaccio che avvolge i tubi.. Nella fase di utilizzo invece, attraverso il controllo del sistema BMS, l acqua glicolata, presente nella vasca d accumulo, passando attraverso i 2 scambiatori refrigera l acqua del circuito di refrigerazione industriale principale, che in uscita dagli scambiatori è miscelata all occorrenza (temperature troppo basse), attraverso una valvola a tre vie, con l acqua di ritorno dallo stesso circuito di refrigerazione industriale principale. Gli impianti di condizionamento e di raffreddamento sono concepiti per poter smaltire tutto il calore generato dagli apparati IT, corrispondente all energia elettrica assorbita, garantendo una temperatura ambiente, misurata nei corridoi freddi (corridoi in cui è immessa l aria di raffreddamento), fino a 24+1 C ed umidità relativa compresa tra il 30% e il 70% Caratteristiche solai/pavimentazioni delle sale sistemi Il pavimento è certificato per poter sostenere una pressione statica massima di 2000 Kg/mq (nel caso di appoggio distribuito). Il vincolo del peso dei server e dei rack non costituisce in genere una criticità per il Data Center; se i rack installati sono standard (ITT 22, ITT 19 *80, ITT 19*100) non esistono configurazioni critiche. Per eventuali apparati non rackable di peso eccezionale è comunque possibile gestire il fuori-standard, creando delle strutture di rinforzo ad hoc.

7 Pagina 7 di Struttura fisica di rete LAN La distribuzione della rete di connessione dati avviene partendo dalla sala TLC (Centro Stella) dove vengono attestati i flussi di comunicazione esterna di Telecom italia: le dorsali che costituiscono il livello due sono realizzate in fibra ottica e attestate su coppie di permutatori switch layer 2 di sala. Da tali coppie parte il cablaggio strutturato verso gli apparati che vengono forniti da patch panel con 24 punti lan, offrendo la possibilità per i server forniti da più di una scheda di rete, di garantire la ridondanza del punto rete. Lo standard di cablaggio è la Categoria 6 in cavo rame Ethernet Gigaspeed, fornito di connettori RJ45. E comunque possibile, su base progetto, la possibilità di realizzare cablaggi in fibra ottica o altro come fuori-standard.

8 Pagina 8 di Sicurezza Fisica Sistemi antincendio E presente nel Centro un impianto di rilevazione fumi SIEMENS con sensori ottici posizionati sotto pavimento, in ambiente e nel controsoffitto. Tale impianto pilota in maniera automatica l impianto di spegnimento realizzato con gas FM200 e Aerosol. Sono inoltre presenti mezzi estinguenti mobili in linea con quanto previsto dalle leggi e normative vigenti E inoltre presente anche per le sale apparati un sistema di ricircolo dell aria primaria che si seziona automaticamente in caso di allarme incendio. Sistemi antiallagamento E presente un sistema antiallagamento a pavimento, che si attiva tramite rilevazione condotta con sensori a banda perimetrale.

9 Pagina 9 di 16 Protezione Fisica e Gestione Accessi Le misure di sicurezza fisica poste a protezione del Data Center sono: Perimetro di sicurezza esterno: recinzione perimetrale che delimita il confine di proprietà composta da una protezione passiva antiscavalcamento con altezza minima di 3 m. le aree esterne sono monitorate da barriere infrarossi e/o sistemi di videoanalisi e sistemi di videosorveglianza con videoregistrazione. accesso pedonale selettivo/singolo accesso veicolare selettivo ronda armata Perimetro di sicurezza interno presidio di vigilanza per controlli aree interne ed esterne, supervisione allarmi, gestione Visitatori con consegna badge in osservanza a disposizioni aziendali e specifiche per i Data Center di Telecom Italia Presidio di reception per la gestione degli accessi tornelli a braccio triplice prospicienti al locale del presidio vigilanza e reception Perimetro di massima sicurezza interno Varco di accesso sala sistemi dotato di protezione passiva interbloccato. Sistema di controllo accessi con gestione delle liste ABILITATI sensori magnetici stato porta in grado di rilevare lo stato della porta. uscite d emergenza dotate di sensori stato porta. Tutti gli allarmi sono remotizzati al presidio di vigilanza. Protezioni procedurali identificazione visiva personale a mezzo nastri porta badge di identificazione Procedura accesso ai siti Telecom Italia Procedura accesso ai Data center L edificio che ospita il Data Center di Bologna è interamente recintato ed è provvisto di impianto perimetrale antintrusione a fili tesi e TVCC perimetrale. Il controllo accessi dell edificio viene effettuato tramite un servizio di vigilanza h24. Il personale di vigilanza, oltre a controllare il regolare accesso del personale dipendente, effettua un accurato controllo dell identità del personale esterno preventivamente autorizzato all accesso in sede. L ingresso alla sede avviene passando un primo livello di controllo effettuato con cancello esterno; successivamente, tramite l utilizzo di badge personali, è obbligatorio

10 Pagina 10 di 16 transitare attraverso i tornelli a tutta altezza che sono collegati ad un sistema centralizzato di security aziendale. Tale livello di ingresso è a sua volta controllato da personale del corpo di guardia che è anche incaricato di rilasciare badge provvisori al personale esterno autorizzato, previo riconoscimento e trattenimento di documento personale. L accesso all area Sale Sistemi è ulteriormente protetto tramite un passaggio obbligato attraverso due livelli di bussole. Per quanto attiene l accesso alle singole Sale Sistemi, esso avviene tramite lettori badge e/o tramite chiave/badge per l ingresso nella cage.

11 Pagina 11 di Monitoraggio Impianti industriali All interno delle Sale Sistemi è presente un sistema di supervisione B.M.S. ( Building Management System) per il monitoraggio degli impianti industriali (meccanico ed elettrico), la rilevazione della temperatura e dell umidità di sala. Il monitoraggio avviene tramite due postazioni una allocata presso i servizi di manutenzione impianti ed una seconda presso il Presidio dei Data Center, tali postazioni oltre a mostrare l'andamento degli impianti in tempo reale, forniscono le segnalazione di eventuali anomalie di funzionamento e l'andamento delle variabili ambientali di temperatura ed umidita'. Gli operatori vengono avvisati delle anomalie non solo mediante segnalazione a monitor ma anche con segnalazione acustica e per gli eventi piu' gravi via sms verso i cellulari di servizio. Software a corredo poi traccia tutti gli interventi e fornisce statistiche e dati di trend di qualsiasi variabile controllata. Gli impianti controllati da B.M.S. sono: Cabina elettrica di ricevimento MT; Cabina elettrica di trasformazione MT/bt; Quadri elettrici (generali bt, generale continuità A+B, sale sistemi); UPS Trasformatori MT/bt Condizionatori sale sistemi Gruppi Frigo Gruppi Elettrogeni Elettropompe impianto ad acqua refrigerata Multimetri Sonde di temperatura e umidità

12 Pagina 12 di SLA del Centro Nel presente paragrafo vengono presentati i livello di servizio garantiti per le componenti logistiche del Data Center di Bologna distinti per apparati dotati di doppia alimentazione oppure nel caso di assenza di doppia alimentazione e, per apparati non dotati di doppia alimentazione, viene distinto il livello di servizio garantito in caso di utilizzo o meno di un STS. Gestione impiantistica industriale parte elettrica Parametri Prestazionali Monitorati SLA di riferimento Disponibilità annua per apparati con doppia alimentazione. 99,98%. Disponibilità annua per apparati non dotati di doppia alimentazione per i quali si sia utilizzato un STS (Source Transfer Switch). 99,7 %. Disponibilità annua per apparati non dotati di doppia alimentazione 99,5 %. Continuità operativa in caso di blackout alimentazione da cabina primaria. Tempo di intervento in caso di guasto Tempo ripristino guasti I sistemi di continuità UPS garantiscono l alimentazione senza interruzione agli apparati mediante le batterie, per il tempo necessario all avvio ed inserimento sull impianto dei GE tramite sistema di commutazione automatica, operazione che si compie nel giro di alcuni minuti (di norma entro 5 minuti al massimo) Entro 4 ore Entro 8 ore dall inizio dell intervento E comunque presente nel Centro un servizio di Presidio impianti tecnologici che offre una copertura h giorni annui per supporto a fronte di eventuali fault impiantistici.

13 Pagina 13 di 16 Gestione impiantistica industriale parte meccanica Parametri Prestazionali Monitorati SLA di riferimento Disponibilità annua 99,7% Tempo di intervento in caso di guasto Tempo ripristino guasti Condizioni ambientali garantite nelle sale dati Entro 4 ore Entro 8 ore dall inizio dell intervento Estate/Inverno Temperatura corridoi freddi: C Umidità relativa: 30%< HR < 70% Ricambi d aria pari ad un minimo di 1,5 volumi/ora E comunque presente nel Centro un servizio di Presidio impianti tecnologici che offre una copertura h giorni annui per supporto a fronte di eventuali fault impiantistici. Gestione Sicurezza Fisica Parametri Prestazionali Monitorati Presidio guardiania Conservazioni immagini registrate e tipo di supporto Tempi intervento in caso di allarmi SLA di riferimento on site h24 Se attivato il servizio, 24 ore di latenza su supporto digitale Immediato considerando il presidio on site

14 Pagina 14 di Infrastrutture Accessorie Nell ambito delle infrastrutture del Data Center di Bologna è possibile usufruire su base progettuale delle strutture accessorie di seguito descritte Rack I rack forniti da Telecomitalia SpA sono costruiti ai fini di permettere l alloggiamento di qualsiasi tipo di server indipendentemente dal costruttore, nel pieno rispetto degli standard di alloggiamento e di alimentazione elettrica/dissipazione termica dell IDC. Sono disponibili in 4 Modelli base: Rack ITT 19*80 (600 mm di larghezza esterna, 800 mm di profondità esterna, 45U lorde di altezza). Rack ITT 19*100 (600 mm di larghezza esterna, 1000 mm di profondità esterna, 45U lorde di altezza). Rack ITT 22*100 (800 mm di larghezza esterna, 1000 mm di profondità esterna, 45U lorde di altezza). Half Rack (disponibile nelle 2 versioni 19*80 e 19*100 con due porzioni completamente separate). Le dimensioni massime dei server installabili che fanno riferimento alle dimensioni interne nette dei rack, sono le seguenti: ITT 19*80: 480 mm di larghezza (ovvero 19 ), 720 mm di profondità, 38U di altezza ITT 19*100: 480 mm di larghezza (ovvero 19 ), 880 mm di profondità, 38U di altezza ITT 22*100: 550 mm di larghezza (ovvero 22 ), 880 mm di profondità, 38U di altezza HALF-RACK: 480 mm di larghezza (ovvero 19 ), 720/880 mm di profondità, 18U di altezza per ognuna delle 2 porzioni. Cage E possibile creare delle strutture ad hoc per la compartimentazione di una superficie dedicata all interno della sala, definite cage, delimitate da pareti grigliate; la predisposizione di una cage consente di gestire l accesso esclusivo alla zona compartimentata, anche tramite un lettore badge, consentendo gli accessi allo staff addetto oltre che al personale preposto alle pulizie, alla manutenzione ed alla vigilanza e di monitorare tali accessi.

15 Pagina 15 di 16 La struttura di parte grigliata utilizzata per la compartimentazione, consente sia di avere un grado di sicurezza maggiore di un ambiente condiviso in un contesto comunque di elevata sorveglianza sia di sfruttare correttamente/completamente l impianto di raffreddamento del Data Center, garantendo il passaggio dell aria ed evitando microclimi. La struttura divisoria utilizzata per la compartimentazione ha le seguenti caratteristiche: Parete mobile autoportante realizzata con moduli interasse pari a 500/1000/12000 mm, altezza variabile e spessore pari a 104 mm. La struttura autoportante realizzata con profili tubolari in acciaio zincato Il rivestimento realizzato con pannelli sagomati a guscio in lamiera d acciaio plastificato. Il rivestimento può essere cieco o forato, per preservare la fruibilità degli impianti condivisi per il condizionamento, antincendio, ecc. Il modulo porta è realizzato con un telaio di acciaio plastificato, dotato di maniglione antipanico e predisposizione per serratura elettrica (badge) I profili di raccordo d angolo e di completamento sono in lamiera d acciaio plastificato.

16 Pagina 16 di Certificazioni Il Data Center ha ottenuto certificazioni di qualità riferite all infrastruttura ed ai processi: ISO 27001:2005 ISO 9001:2008

Il presente documento ha lo scopo di illustrare le caratteristiche infrastrutturali dell IDC IT Telecom di Torino.

Il presente documento ha lo scopo di illustrare le caratteristiche infrastrutturali dell IDC IT Telecom di Torino. DATA CENTER - TORINO 1 Obiettivo Il presente documento ha lo scopo di illustrare le caratteristiche infrastrutturali dell IDC IT Telecom di Torino. 2 Caratteristiche logistiche 2.1 Ubicazione Il Data Center

Dettagli

POMEZIA 1 ospita 10 sale sistemi (8 di produzione e 2 TLC) per complessivi 1992 mq.

POMEZIA 1 ospita 10 sale sistemi (8 di produzione e 2 TLC) per complessivi 1992 mq. I Data Center Telecom Italia di Pomezia Il Data Center utilizzato per l erogazione dei servizi di Hosting ed Housing nell ambito del contratto SPC è situato a Pomezia, alle porte di Roma, nella zona industriale,

Dettagli

Specifiche caratteristiche richieste

Specifiche caratteristiche richieste Specifiche caratteristiche richieste TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 1/12/2013. Il canone di locazione verrà, in ogni caso, corrisposto a far data dal primo giorno del mese

Dettagli

Specifiche caratteristiche richieste

Specifiche caratteristiche richieste Specifiche caratteristiche richieste TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 1/12/2013. Il canone di locazione verrà in ogni caso corrisposto a far data dal primo giorno del mese

Dettagli

Sommario. Direzione SISTI. Gestione Sistemi. Pagina 1 di 14

Sommario. Direzione SISTI. Gestione Sistemi. Pagina 1 di 14 Sommario 1 Logistica... 2 1.1 Controllo accesso e Videosorveglianza... 2 1.2 Sistema antincendio... 3 1.3 Sistema antiallagamento... 5 1.4 Condizionamento... 6 1.5 Alimentazione elettrica... 10 1.5.1 Gruppo

Dettagli

Caratteristiche Infrastrutturali del sito di DR

Caratteristiche Infrastrutturali del sito di DR Allegato 1 alle Modalità presentazione domanda partecipazione Gara procedura ristretta n. 1/2010 (servizio disaster recovery) Caratteristiche Infrastrutturali del sito di DR Il presente allegato elenca

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network)

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Provincia autonoma di Trento Servizio Semplificazione e Sistemi Informativi ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Pagina 1 di 11 INDICE 1 PREMESSA 2 LE COMPONENTI

Dettagli

ICT IMPIANTI PRESENTAZIONE AZIENDALE

ICT IMPIANTI PRESENTAZIONE AZIENDALE ICT IMPIANTI PRESENTAZIONE AZIENDALE La nostra missione L Azienda ICT Impianti nasce dall idea di un progetto di sicurezza a 360 gradi e cioè quello di unire i concetti di sicurezza informatica alle tecniche

Dettagli

Povo2. Nuovo Datacenter d Ateneo. Trasloco sala macchine domenica 14 dicembre 2014

Povo2. Nuovo Datacenter d Ateneo. Trasloco sala macchine domenica 14 dicembre 2014 Povo2 Nuovo Datacenter d Ateneo Trasloco sala macchine domenica 14 dicembre 2014 Tutti i sistemi presenti nell attuale sala macchine di Povo 0 verranno traslocati nel nuovo datacenter unico d Ateneo realizzato

Dettagli

LA SOLUZIONE IDEALE PER I MEDI E PICCOLI DATA CENTER

LA SOLUZIONE IDEALE PER I MEDI E PICCOLI DATA CENTER LA SOLUZIONE IDEALE PER I MEDI E PICCOLI DATA CENTER OTTIMO controllo della temperatura, anche con carichi critici, indipendentemente dalle condizioni ambientali bassi consumi di ENERGIA alimentazione

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 31/10/2015. Il canone di locazione verrà corrisposto a far data dal giorno successivo alla consegna. INFORMAZIONI GENERALI Il presente documento

Dettagli

ALLEGATO A TERMINI DI CONSEGNA

ALLEGATO A TERMINI DI CONSEGNA TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 01/07/2016. Il canone di locazione verrà corrisposto a far data dal giorno successivo alla consegna. INFORMAZIONI GENERALI Il presente documento

Dettagli

Università degli Studi di Parma Dipartimento di Fisica http://www.fis.unipr.it. La sicurezza aziendale a 360 La sicurezza periferica e ambientale

Università degli Studi di Parma Dipartimento di Fisica http://www.fis.unipr.it. La sicurezza aziendale a 360 La sicurezza periferica e ambientale Università degli Studi di Parma Dipartimento di Fisica http://www.fis.unipr.it La sicurezza aziendale a 360 La sicurezza periferica e ambientale Cesare Chiodelli http://www.eleusysgroup.com La sicurezza

Dettagli

Vendita capannone industriale ubicato in Via Enea Stefani n 3 40138 Bologna (BO) (Zona Industriale Roveri)

Vendita capannone industriale ubicato in Via Enea Stefani n 3 40138 Bologna (BO) (Zona Industriale Roveri) Vendita capannone industriale ubicato in Via Enea Stefani n 3 40138 Bologna (BO) (Zona Industriale Roveri) Pagina 1 di 6 La ns. società Gentili S.p.A. ha recentemente posto in vendita un immobile di sua

Dettagli

Allegato DP 8 Immobile per Direzione provinciale di Brescia (Ufficio territoriale e Ufficio provinciale di Brescia)

Allegato DP 8 Immobile per Direzione provinciale di Brescia (Ufficio territoriale e Ufficio provinciale di Brescia) Direzione regionale della Lombardia Allegato DP 8 Immobile per Direzione provinciale di Brescia (Ufficio territoriale e Ufficio provinciale di Brescia) Protocollo n. 58662 del 4 aprile 2016 REQUISITI DEGLI

Dettagli

SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA PROTEZIONE PERIMETRALE

SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA PROTEZIONE PERIMETRALE Pag.1 Le tipologie impiantistiche in cui Elettro Light è in grado di garantire un eccellente know-how e altissimi livelli di performance possono essere sintetizzate come segue: SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA

Dettagli

Direzione regionale della Lombardia

Direzione regionale della Lombardia Direzione regionale della Lombardia Allegato 1 REQUISITI DEGLI IMMOBILI DELL AGENZIA ENTRATE DOTAZIONE SPAZI FUNZIONALE E RELATIVE DIMENSIONI Gli immobili da destinare a sede dell Agenzia delle Entrate

Dettagli

COOLSIDE box R410A SERVER - RACKS CLIMATIZZATI PER INSTALLAZIONE DIRETTA IN AMBIENTE INVERTER E C

COOLSIDE box R410A SERVER - RACKS CLIMATIZZATI PER INSTALLAZIONE DIRETTA IN AMBIENTE INVERTER E C COOLS SERVER - RACKS CLIMATIZZATI PER INSTALLAZIONE DIRETTA IN AMBIENTE COOLSIDE box INVERTER R410A E C 2 COOLSIDE box INTRODUZIONE COOLSIDE BOX è un sistema split composto da una unità motocondensante

Dettagli

1. PREMESSA 2. DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO 3. FINALITA DELL INTERVENTO 4. IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO 5. OPERE IMPIANTISTICHE

1. PREMESSA 2. DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO 3. FINALITA DELL INTERVENTO 4. IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO 5. OPERE IMPIANTISTICHE 1. PREMESSA 2. DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO 3. FINALITA DELL INTERVENTO 4. IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO 5. OPERE IMPIANTISTICHE 1. PREMESSA L intervento è da realizzare su un edificio esistente

Dettagli

DATA CENTER. L innovazione passa di qui. E attraversa l Italia.

DATA CENTER. L innovazione passa di qui. E attraversa l Italia. DATA CENTER L innovazione passa di qui. E attraversa l Italia. 1 2 InfoCamere gestisce il patrimonio informativo delle Camere di Commercio italiane attraverso un unico Data Center situato a Padova, collegando

Dettagli

Controllo degli Accessi

Controllo degli Accessi Controllo degli Accessi Sistema all avanguardia che consente il controllo di varchi e porte, attraverso terminali e software adatti ad ogni singola esigenza. Controllo Accessi Garanzia di sicurezza di

Dettagli

SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010

SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010 Aggiornamenti sulla normativa e casi pratici

Dettagli

ITS - Infrastrutture Tecnologie e Servizi SRL Sede Legale: Sede Operativa: Tel. Fax email: Partita Iva / Codice fiscale:

ITS - Infrastrutture Tecnologie e Servizi SRL Sede Legale: Sede Operativa: Tel. Fax email: Partita Iva / Codice fiscale: tolightyourbusiness DIVISIONE IMPIANTI Progettazione. Esecuzione. Certificazione. Gestione DIVISIONE IMPIANTI PROGETTAZIONE ESECUZIONE E GESTIONE Avendo al proprio interno una divisione tecnica professionalmente

Dettagli

GHE Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza

GHE Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza Display I deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza della serie sono stati progettati per garantire la deumidificazione

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

SF<= 30mq X postazione di lavoro

SF<= 30mq X postazione di lavoro REQUISITI DEGLI IMMOBILI: DPVE UTVE2 DOTAZIONE SPAZI FUNZIONALE E RELATIVE DIMENSIONI Gli immobili da destinare ad uffici dell Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale di Venezia e Ufficio Territoriale

Dettagli

QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI

QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI GENERALITA': Il quadro elettrico oggetto della presente specifica è destinato al comando e al controllo di gruppo elettrogeni automatici

Dettagli

Our Business Your Continuity

Our Business Your Continuity Our Business Your Continuity Slide tecniche Business Factory I.NET Perché una Business Factory L informazione è il fulcro dell incremento di produttività Alan Greenspan Le attuali necessità di lavoro per

Dettagli

AMPLIAMENTO DEL PERCORSO MUSEALE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SUGLI IMPIANTI

AMPLIAMENTO DEL PERCORSO MUSEALE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SUGLI IMPIANTI 1 COMUNE DI CASTIGLIONE DEL LAGO (PROVINCIA DI PERUGIA) PROGRAMMA URBANO COMPLESSO PUC 2/2008 (D.G.R.351/08) LA CITTA DEL LAGO CENTRO STORICO AREA MONUMENTALE AMPLIAMENTO DEL PERCORSO MUSEALE PROGETTO

Dettagli

Il controllo dell efficienza energetica nei Data Center. Valentino Violani, Npo Consulting srl

Il controllo dell efficienza energetica nei Data Center. Valentino Violani, Npo Consulting srl Il controllo dell efficienza energetica nei Data Center Valentino Violani, Npo Consulting srl Profilo del System Integrator Saia PCD Npo Consulting srl è una società di system integration nata nel 2007

Dettagli

AREA SERVIZI TECNICI Ufficio Procedure di Realizzazione dei Progetti

AREA SERVIZI TECNICI Ufficio Procedure di Realizzazione dei Progetti AREA SERVIZI TECNICI Ufficio Procedure di Realizzazione dei Progetti EDIFICIO PER RESIDENZA DI STUDENTI UNIVERSITARI SITUATO NEL COMUNE DI FIRENZE - VIA DEL MEZZETTA PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA

Dettagli

2. DESCRIZIONE IMPIANTO

2. DESCRIZIONE IMPIANTO INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Impianto di condizionamento... 2.2 Regolazione... 3 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELL IMPIANTO PROPOSTO 3.1 Tecnologia ad inverter... 3.2 Carica automatica del

Dettagli

Sede di Milano Palazzo Lombardia

Sede di Milano Palazzo Lombardia Informazioni sui rischi specifici esistenti, sulle misure di prevenzione e protezione e di emergenza adottate presso: Sede di Milano 1. ATTIVITA PRESENTI NELLA SEDE è un grande complesso edilizio pubblico

Dettagli

Techne s.r.l. società di servizi per lo sviluppo di energia da fonti rinnovabili. TECHNE S.r.l. via degli orti, 2 Marsciano (PG)

Techne s.r.l. società di servizi per lo sviluppo di energia da fonti rinnovabili. TECHNE S.r.l. via degli orti, 2 Marsciano (PG) Techne s.r.l. società di servizi per lo sviluppo di energia da fonti rinnovabili. LA SOCIETA Techne è una società di servizi che nasce per favorire lo sviluppo di energia da fonti rinnovabili. Techne,

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO REHAU: POMPE DI CALORE. Edilizia Automotive Industria

CAPITOLATO D APPALTO REHAU: POMPE DI CALORE. Edilizia Automotive Industria CAPITOLATO D APPALTO REHAU: POMPE DI CALORE REHAU S.p.A. Filiale di Milano Via XXV Aprile 54 Cambiago (MI) Telefono 02 9594.11 Fax 02 95941250 www.rehau.com Sede legale: Via XXV Aprile 54 20040 Cambiago

Dettagli

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia 1. PREMESSA Nella presente relazione sono illustrati i criteri di scelta delle soluzioni progettuali adottate, in relazione alla classificazione dei luoghi ed in ottemperanza alle norme tecniche di riferimento.

Dettagli

DEUCLIMATIZZATORE DP 24RD

DEUCLIMATIZZATORE DP 24RD DEUCLIMATIZZATORE DP 24RD 1 Indice 1. Descrizione del prodotto 3 1.1 Funzionamento con aria neutra 3 1.2 Funzionamento in integrazione 4 2. Descrizione componenti principali 5 2.1 Predisposizione e ingombri

Dettagli

SISTEMI DI CONTROLLO ACCESSI

SISTEMI DI CONTROLLO ACCESSI WWW.PARCHEGGI.COM Advanced access control solutions SISTEMI DI CONTROLLO ACCESSI SESAMO ACCESSI Registrare gli eventi Fornire la visibilità sugli eventi Controllare gli eventi Generare eventi di consenso

Dettagli

ALLEGATO 1 A Configurazione e caratteristiche tecniche, operative e funzionali minime dei dispositivi medici richiesti.

ALLEGATO 1 A Configurazione e caratteristiche tecniche, operative e funzionali minime dei dispositivi medici richiesti. ALLEGATO 1 A Configurazione e caratteristiche tecniche, operative e funzionali minime dei dispositivi medici richiesti. LOTTO N. 6 ARTICOLO N. 1 AGITATORE-INCUBATORE PIASTRINICO LINEARE Importo a base

Dettagli

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI Relazione Illustrativa impianti elettrico e speciali - Pag.1 SOMMARIO SOMMARIO... 1 1. OGGETTO E LIMITI DELLA FORNITURA... 2 2. ELENCO ELABORATI... 3 3. DESTINAZIONE e CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI... 3 4.

Dettagli

IMPIANTI TECNOLOGICI Via Antonio Veranzio 101-105 Cap. 00143 Roma -Italia

IMPIANTI TECNOLOGICI Via Antonio Veranzio 101-105 Cap. 00143 Roma -Italia IMPIANTI TECNOLOGICI Via Antonio Veranzio 101-105 Cap. 00143 Roma -Italia Versione1.4 2013 L AZIENDA La Brugnoli Impianti nasce come ditta individuale nel 1990 e si costituisce in società a responsabilità

Dettagli

menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE

menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE Principio di funzionamento Nelle piscine medio grandi, la normativa prevede una ricambio giornaliero dell acqua totale delle vasche, nella

Dettagli

Allegato 1 INFORMAZIONI MINIME RICHIESTE

Allegato 1 INFORMAZIONI MINIME RICHIESTE Allegato 1 INFORMAZIONI MINIME RICHIESTE Per partecipare al PREMIO DOMOTICA ED ENERGIE RINNOVABILI 2012, di ogni realizzazione occorre riportare, nella relazione descrittiva, le informazioni elencate di

Dettagli

PROTECNO ENGINEERING SRL

PROTECNO ENGINEERING SRL Periodo della prestazione 1999 Committente ULSS n 4 Alto Vicentino Thiene (Vi) Titolo dell opera Costruzione di 2 RSA ad indirizzo riabilitativo mentale perl ULSS n 4 Alto vicentino Categoria di lavori

Dettagli

GOVERNANCE, RISK & COMPLIANCE: Rev. Nov. 2014. Un software a supporto

GOVERNANCE, RISK & COMPLIANCE: Rev. Nov. 2014. Un software a supporto GOVERNANCE, RISK & COMPLIANCE: Rev. Nov. 2014 Un software a supporto Novembre 2014 Governance, risk & compliance Una gestione integrata ed efficiente della GRC Deleghe & poteri Impostazione e monitoraggio

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO EDILIZIO EX CPTA DI VIA NAPOLEONE COLAJANNI IN RAGUSA, DA ADIBIRE A CENTRO POLIFUNZIONALE PER L'INSERIMENTO SOCIALE E LAVORATIVO

Dettagli

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Finalità del corso Il corretto allestimento delle cabine di trasformazione MT/BT di utente, anche per

Dettagli

Tecno SuperServer TOP DATA CENTER PERFORMANCES. Copyright 2008 Tecnosteel SRL All rights reserved

Tecno SuperServer TOP DATA CENTER PERFORMANCES. Copyright 2008 Tecnosteel SRL All rights reserved TOP DATA CENTER PERFORMANCES Ventole ad alta portata ed ingressi cavi indipendenti La soluzione Tecnosteel per soddisfare le esigenze specifiche dei nuovi Data-Center. Tra le principali caratteristiche

Dettagli

VERAK S-MAX Armadio standard 19 per alloggiamento server

VERAK S-MAX Armadio standard 19 per alloggiamento server Armadio standard 19 per alloggiamento server 1 2 Sommario Specifiche materiali Profilati verticali: acciaio 1.5 mm Intelaiature terminali: acciaio 1.5 mm Montanti 19 : acciaio 2.0 mm Supporti laterali

Dettagli

Un edificio, adibito ad albergo, è costituito da tre piani fuori terra e da un piano interrato.

Un edificio, adibito ad albergo, è costituito da tre piani fuori terra e da un piano interrato. In questo numero riportiamo uno svolgimento possibile al quesito posto dal Ministero per l esame di stato di abilitazione all esercizio della libera professione di perito industriale della sessione 2008.

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

RELAZIONE GENERALE. 1. Descrizione dell intervento da realizzare

RELAZIONE GENERALE. 1. Descrizione dell intervento da realizzare RELAZIONE GENERALE 1. Descrizione dell intervento da realizzare 1.1 Ubicazione dell intervento L intervento prevede la realizzazione di laboratori scientifici eterogenei: laboratorio di chimica ambientale,

Dettagli

INSIEL- Informatica per il Sistema degli Enti Locali S.p.A con socio unico IM 065-15 AVVISO DI RICERCA DI IMMOBILE AD USO UFFICIO

INSIEL- Informatica per il Sistema degli Enti Locali S.p.A con socio unico IM 065-15 AVVISO DI RICERCA DI IMMOBILE AD USO UFFICIO INSIEL- Informatica per il Sistema degli Enti Locali S.p.A con socio unico IM 065-15 AVVISO DI RICERCA DI IMMOBILE AD USO UFFICIO Insiel S.p.A., con sede legale in Trieste Via San Francesco 43, ricerca

Dettagli

REQUISITI DEGLI IMMOBILI: DR

REQUISITI DEGLI IMMOBILI: DR REQUISITI DEGLI IMMOBILI: DR DOTAZIONE SPAZI FUNZIONALE E RELATIVE DIMENSIONI Gli immobili da destinare ad uffici dell Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Veneto devono essere dotati di spazi

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI Dimensioni edificio - Volume: mc. 35.000 - Superficie: mq. 4.537 Autorimessa - Superficie: mq. 970 - Altezza: mt. 3,70 - Interrata con n 32 posti auto. Hall d ingresso

Dettagli

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1. IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI 1.1 ELENCO DEGLI IMPIANTI Saranno realizzati i seguenti impianti elettrici e speciali: - modifica al quadro generale di distribuzione esistente (QOO1) esistente - alimentazione

Dettagli

SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie

SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie SPVI: Sistema di Supervisione Integrata per gallerie ferroviarie SPVI è l abbreviazione di Supervisione Integrata : un sistema di monitoraggio e controllo delle installazioni tecnologiche per la sicurezza

Dettagli

Sistemi di distribuzione a MT e BT

Sistemi di distribuzione a MT e BT Sistemi di distribuzione a MT e BT La posizione ottima in cui porre la cabina di trasformazione coincide con il baricentro elettrico, che il punto in cui si pu supporre concentrata la potenza assorbita

Dettagli

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112 MASAJA - MASAJA INOX Le caldaie a legna MASAJA e MASAJA INOX possono essere alimentate con tronchetti di lunghezza massima, a seconda dei modelli, da 500 a 1.060 mm. Corpo caldaia costituito da due elementidi

Dettagli

IMPIANTO TRIGENERAZIONE A OLIO VEGETALE NOVATEC900BIO

IMPIANTO TRIGENERAZIONE A OLIO VEGETALE NOVATEC900BIO NOVARE Sistemi Innovativi Srl Headquarters Via Terre Risaie,23 ZI 84131 Salerno C.F e Partita IVA 04427090651 - REA Salerno 366529 Tel. Fax +39 089.301455 +39 089.3061913 Progetti integrati per la massimizzazione

Dettagli

L Azienda. Si.El.Co. Srl opera nel settore informatico dal 1977.

L Azienda. Si.El.Co. Srl opera nel settore informatico dal 1977. Si.El.Co. Srl opera nel settore informatico dal 1977. L Azienda È una azienda specializzata nella vendita e assistenza di hardware, software e servizi informatici composta da un organico di circa settanta

Dettagli

DESCRIZIONE IMPIANTO. IMPIANTO MONTAUTO A PANTOGRAFO Modello DUO BOX Mod. PB1 con persona a bordo

DESCRIZIONE IMPIANTO. IMPIANTO MONTAUTO A PANTOGRAFO Modello DUO BOX Mod. PB1 con persona a bordo DESCRIZIONE IMPIANTO Ascensore per auto a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche per traslazione di autovetture tra piani definiti a pantografo senza coperchio di chiusura fossa e CON PERSONA

Dettagli

BLADE S-MAX Armadio per alloggiamento di Server Blade

BLADE S-MAX Armadio per alloggiamento di Server Blade Armadio per alloggiamento di Server Blade Sommario Specifiche materiali Profilati verticali: acciaio 1.5 mm Intelaiature terminali: acciaio 1.5 mm Montanti 19 : acciaio 2.0 mm Supporti laterali per montanti:

Dettagli

MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO A SPLIT DEGLI IMMOBILI DEL PATRIMONIO REGIONALE ALLEGATO 2 ELENCO PREZZI

MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO A SPLIT DEGLI IMMOBILI DEL PATRIMONIO REGIONALE ALLEGATO 2 ELENCO PREZZI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE ENTI LOCALI E FINANZE SERVIZIO TECNICO MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI

Dettagli

CLIMATIZZAZIONE Centrale termica Centrale frigorifera Centrale trattamento aria CED e locali tecnici Altri uffici

CLIMATIZZAZIONE Centrale termica Centrale frigorifera Centrale trattamento aria CED e locali tecnici Altri uffici SUBALLEGATO 5 SEDE: Torino, Corso Ciriè 18 DATI DI CONSISTENZA IMPIANTISTICA CLIMATIZZAZIONE Impianti centralizzati Impianti autonomi Centrale termica Centrale frigorifera Centrale trattamento aria CED

Dettagli

INNOVAZIONE FIOCCHETTI NUOVA GAMMA DI FRIGORIFERI FIOCCHETTI

INNOVAZIONE FIOCCHETTI NUOVA GAMMA DI FRIGORIFERI FIOCCHETTI INNOVAZIONE FIOCCHETTI NUOVA GAMMA DI FRIGORIFERI FIOCCHETTI Le ultime novità dell elettronica entrano nel campo del freddo medicale per garantire massime prestazioni e sicurezza ai vostri prodotti. TOUCH

Dettagli

TOUCH SEMPLICE AFFIDABILE COMPLETO

TOUCH SEMPLICE AFFIDABILE COMPLETO TOUCH SEMPLICE AFFIDABILE COMPLETO CHECK LIST Risoluzione 0.1 C - Accuratezza 0.1 C (*) Display 7 Touch screen Registrazione continua delle temperature Illuminazione a LED Porta USB - SD - SIM con accesso

Dettagli

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA CHE COS È IL TELERISCALDAMENTO Gruppo Società Gas Rimini - SGR Servizi S.p.A. 47924 Rimini Via Chiabrera 34 b Tel. 0541 303030 Fax 0541 380344 e-mail

Dettagli

COME RISPARMIARE ENERGIA NEI DATA CENTRE

COME RISPARMIARE ENERGIA NEI DATA CENTRE Dddd COME RISPARMIARE ENERGIA NEI DATA CENTRE ROMA 30 ottobre 2012 Dddd I DATA CENTRE: esperienze dal campo Lino.Freschini@gmail.com Perche e cosi diversa la progettazione di un DC rispetto ad un altra

Dettagli

La server farm e i data center del CSI Piemonte. Stefano Lista Responsabile Area Server Farm e Reti

La server farm e i data center del CSI Piemonte. Stefano Lista Responsabile Area Server Farm e Reti La server farm e i data center del CSI Piemonte Stefano Lista Responsabile Area Server Farm e Reti La strategia ICT in Piemonte Infrastrutture su tutto il territorio per ridurre il digital divide Basi

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

P E S C H I E R A D E L G A R D A

P E S C H I E R A D E L G A R D A SOTEL s i c u r e z z a e s i s t e m i ha realliizzato gllii iimpiiantii speciiallii per ill Garda Resort Village P E S C H I E R A D E L G A R D A Sotel Sicurezza S.r.l. via armando diaz n 45-25121 brescia

Dettagli

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il presente documento riguarda il progetto esecutivo per la sostituzione della centrale termica a servizio della Villa Andrea facente parte del complesso Ville Ponti in Varese. E inoltre compresa l installazione

Dettagli

UNI EN 54 11 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d incendio Parte 11: Punti di

UNI EN 54 11 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d incendio Parte 11: Punti di CONVEGNO ZENITAL FORUM ANTINCENDIO 2011 Milano, 26 ottobre 2011 Ing. Maurizio D Addato Si riportano le principali: Norme EN54 PUBBLICATE ED ARMONIZZATE UNI EN 54 1 Sistemi di rivelazione e di segnalazione

Dettagli

HABITAT ITALIANA s.r.l. Via Serenissima, 7 25135 Brescia - Italy. Tel.+390302350081 fax+390303363050 www.habitatitaliana.it

HABITAT ITALIANA s.r.l. Via Serenissima, 7 25135 Brescia - Italy. Tel.+390302350081 fax+390303363050 www.habitatitaliana.it 1.1 INTRODUZIONE Scopo della presente offerta è la fornitura presso la casa di riposo del sistema di sorveglianza e controllo delle evasioni di ospiti non consapevoli con limitate capacità cognitive. 1.2

Dettagli

QUALITÀ, ASSISTENZA, MANUTENZIONE... UNA RICETTA PER SODDISFARE AL MEGLIO LE ESIGENZE DEI CLIENTI.

QUALITÀ, ASSISTENZA, MANUTENZIONE... UNA RICETTA PER SODDISFARE AL MEGLIO LE ESIGENZE DEI CLIENTI. Sicuri e protetti. QUALITÀ, ASSISTENZA, MANUTENZIONE... UNA RICETTA PER SODDISFARE AL MEGLIO LE ESIGENZE DEI CLIENTI. SISTEMI ANTIFURTO ANTINTRUSIONE Realizzati per garantire la protezione del bene e

Dettagli

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO

IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO IV Conferenza Nazionale sui Dispositivi Medici IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEI GAS MEDICINALI E DEL VUOTO La Norma UNI EN ISO 7396-1 Ing. Carlo M. Giaretta Commissione Tecnica U4204 dell UNI Apparecchi per

Dettagli

DATI STATISTICI 2009

DATI STATISTICI 2009 DATI STATISTICI 2009 2/20 3/20 4/20 5/20 6/20 7/20 8/20 ALLEGATO 2 - PROGETTO 'SICUREZZA' 9/20 1.1 PREMESSA Per una struttura di servizio come il Centro Residenziale, la soddisfazione dell utenza costituisce

Dettagli

Documento illustrativo per automazione di residenze universitarie e servizi universitari. www.apice.org apice@apice.org

Documento illustrativo per automazione di residenze universitarie e servizi universitari. www.apice.org apice@apice.org Documento illustrativo per automazione di residenze universitarie e servizi universitari 1. INTRODUZIONE APICE è dal 1990 un azienda italiana specializzata nella produzione di dispositivi per il controllo

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO. Art. 1. PREMESSA. Art. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA. Art. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO

DISCIPLINARE TECNICO. Art. 1. PREMESSA. Art. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA. Art. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO INDICE ART. 1. PREMESSA... 2 ART. 2. SERVIZIO DI REPERIBILITA... 2 ART. 3. GESTIONE DELLE RICHIESTE DI INTERVENTO... 2 ART. 4. PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 2 ART. 5. REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI...

Dettagli

Communicate Properly

Communicate Properly Communicate Properly panoramica Next-plan è un portale di progetto accessibile via Internet che permette a utenti distanti nello spazio di condividere documenti e scambiare informazioni nell ambito di

Dettagli

ELETTROABRUZZOS.r.l. Sistema di Gestione Certificato UNI EN ISO 9001:2008

ELETTROABRUZZOS.r.l. Sistema di Gestione Certificato UNI EN ISO 9001:2008 ELETTROABRUZZOS.r.l Sistema di Gestione Certificato IMPIANTI ELETTRICI INDUSTRIALI FOTOVOLTAICI CONDIZIONAMENTO GRUPPI ELETTROGENI QUADRI ELETTRICI ASSISTENZA TECNICA Impianti elettrici industriali - Fotovoltaici

Dettagli

COMUNE DI GAVARDO (BS)

COMUNE DI GAVARDO (BS) COMUNE DI GAVARDO (BS) Progetto Definitivo IMPIANTO DI COGENERAZIONE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA DA BIOMASSE LEGNOSE doc. N 006_2014 H02 00 DESCRIZIONE FUNZIONALE SETTEMBRE 2014 IL

Dettagli

INFORMATIVA RISCHI ESISTENTI ai sensi dell'art. 26 comma 1 lett. b del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

INFORMATIVA RISCHI ESISTENTI ai sensi dell'art. 26 comma 1 lett. b del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. INFORMATIVA RISCHI ESISTENTI ai sensi dell'art. 26 comma 1 lett. b del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE DI LAVORO Scheda riepilogativa sui rischi esistenti presso la sede di Via Vitorchiano, in cui operano i

Dettagli

WHITE PAPER SmartAisle e il contenimento del corridoio freddo

WHITE PAPER SmartAisle e il contenimento del corridoio freddo WHITE PAPER SmartAisle e il contenimento del corridoio freddo Introduzione Per ogni euro speso per alimentare il proprio data center possiamo dire che ci sia una buona percentuale spesa per raffreddarlo,

Dettagli

Site Preparation Global Services è un System integrator che dal 2012 unisce in un unico progetto imprenditoriale competenze e know how provenienti

Site Preparation Global Services è un System integrator che dal 2012 unisce in un unico progetto imprenditoriale competenze e know how provenienti Site Preparation Global Services è un System integrator che dal 2012 unisce in un unico progetto imprenditoriale competenze e know how provenienti dal Settore impiantistico, civile e industriale, e dal

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Servizio Energetico negli Edifici di Proprietà e Competenza Provinciale Periodo 2009-2014 ALLEGATO A6

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Servizio Energetico negli Edifici di Proprietà e Competenza Provinciale Periodo 2009-2014 ALLEGATO A6 ALLEGATO A6 Sistema di Telecontrollo Il sistema informatico, di proprietà ed in dotazione all Amministrazione, per la gestione degli impianti termici è il modello STR3000, prodotto da Teckna S.r.l., con

Dettagli

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche CAPITOLATO Sistema di automazione domestica Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base Pagina 1 di 11 25/09/06 Introduzione Divisione My Home Da alcuni anni si sta assistendo ad una radicale trasformazione

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI SESTRI LEVANTE PROGETTO DEFINITIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL PALAZZO FASCIE ROSSI POLO CULTURALE E MUSEALE PER LA CITTA E PER IL TIGULLIO ORIENTALE IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

Dettagli

QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI

QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI QUADRO ELETTRICO AUTOMATICO DI COMANDO E CONTROLLO PER GRUPPI ELETTROGENI GENERALITA': il quadro elettrico, oggetto della presente specifica, è destinato al comando e controllo di gruppi elettrogeni automatici

Dettagli

> HMW LT POMPE DI CALORE ACQUA - ACQUA E BRINE - ACQUA PER INSTALLAZIONE ESTERNA O INTERNA. Gamma disponibile. Descrizione dell unità.

> HMW LT POMPE DI CALORE ACQUA - ACQUA E BRINE - ACQUA PER INSTALLAZIONE ESTERNA O INTERNA. Gamma disponibile. Descrizione dell unità. > HMW LT POMPE DI CALORE ACQUA - ACQUA E BRINE - ACQUA PER INSTALLAZIONE ESTERNA O INTERNA ECO-FRIENDLY Gamma disponibile REFRIGERANT GAS Tipologia di unità IH Pompa di calore IP Pompa di calore reversibile

Dettagli

Corso Umberto I, 232 Via D. Gentile, 72 ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI UNA CASA DI CURA POLISPECIALISTICA

Corso Umberto I, 232 Via D. Gentile, 72 ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI UNA CASA DI CURA POLISPECIALISTICA Ing. ARMANDO FERRAIOLI P. I. ANTONIO CROCETTA Corso Umberto I, 232 Via D. Gentile, 72 84013-CAVA DE TIRRENI (SA) 81020-S. NICOLA LA STRADA (CE) ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI UNA CASA DI CURA

Dettagli

Regolamento del servizio di server housing presso la Divisione Infrastrutture e Servizi Informativi

Regolamento del servizio di server housing presso la Divisione Infrastrutture e Servizi Informativi Regolamento del servizio di server housing presso la PREMESSA...1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOUSING...1 Aspetti compresi nel servizio...2 Aspetti esclusi dal servizio...2 GESTIONE DEL SERVIZIO DI HOUSING...3

Dettagli

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

REQUISITI DEGLI IMMOBILI DELL AGENZIA ENTRATE

REQUISITI DEGLI IMMOBILI DELL AGENZIA ENTRATE REQUISITI DEGLI IMMOBILI DELL AGENZIA ENTRATE L Agenzia delle Entrate Direzione Regionale dell Emilia Romagna, ha necessità di individuare un immobile da condurre eventualmente in locazione e da adibire,

Dettagli

L AZIENDA CERTIFICAZIONI

L AZIENDA CERTIFICAZIONI L AZIENDA La Novasistemi è nata nel 1990 come azienda di impiantistica nel settore dell energia civile ed industriale. Nel corso degli anni, grazie all impegno ed allo sviluppo del proprio organico, è

Dettagli

DATI TECNICI DI PROGETTO Condizioni termoigrometriche esterne: Stagione Temperatura ( C) Umidità relativa (%) Inverno -5 85 Estate 32 50

DATI TECNICI DI PROGETTO Condizioni termoigrometriche esterne: Stagione Temperatura ( C) Umidità relativa (%) Inverno -5 85 Estate 32 50 RELAZIONE GENERALE Oggetto del presente progetto è la messa a norma dell impianto di ricambio d aria dei locali di Didattica degli edifici sportivi siti in Via Montelungo e Via Casorati. Attualmente, infatti,

Dettagli

Stazione Elettrica. Val d Adige

Stazione Elettrica. Val d Adige Stazione Elettrica Val d Adige Stazione Elettrica Val d Adige La storia Già alla fine degli anni 90 Azienda Energetica prendeva atto della necessità di sostituire l esistente Cabina Primaria di Vilpiano

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli