LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

Save this PDF as:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE DELEGHE IN ASSEMBLEA"

Transcript

1 LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL DOTT. GIOVANNI MARELLI L art. 67 delle disposizioni di attuazione del codice civile così dispone: Ogni condomino può intervenire all assemblea anche a mezzo di rappresentante. Usando tale espressione, il codice introduce nella disciplina condominiale l istituto giuridico della rappresentanza che è regolato specificatamente negli articoli da 1387 a 1400 del medesimo codice civile. Senza entrare nell esame dettagliato di tale istituto, basterà ricordare che il contratto concluso dal rappresentante in nome dell interesse del rappresentato, nei limiti delle facoltà conferitegli, produce direttamente effetto nei confronti del rappresentato. L atto con il quale un soggetto conferisce ad un altro l incarico di rappresentarlo si chiama procura ; l art codice civile prevede che la procura non ha effetto se non è conferita con le forme prescritte per il contratto che il rappresentante deve concludere. Nell ambito del Condominio la procura in forza della quali il condomino si fa rappresentare in assemblea si identifica con la delega (sulla forma e sul contenuto della quale tra poco si ritornerà). La Cassazione ha confermato con la propria costante giurisprudenza che in materia di delibere condominiali i rapporti tra il condominio rappresentato e il suo rappresentante che interviene in assemblea sono disciplinati dalle regole sul mandato. Il mandato (art codice civile) è il contratto con il quale parte (mandatario) si obbliga a compiere uno o più atti giuridici per conto dell altra (mandante). Il mandato può essere con rappresentanza (se il mandatario ha il potere di agire in nome del mandante) oppure senza rappresentanza.

2 Quando non è richiesta la forma scritta, la prova del mandato può essere data con qualsiasi mezzo, anche tramite presunzioni. La forma della delega Come si è detto, nell ambito assembleare la procura, ossia l atto con il quale un soggetto conferisce ad un altro il potere di rappresentarlo, viene denominata abitualmente delega. Se il regolamento di Condominio non contiene alcuna specifica disciplina sulla forma della delega, le modalità di conferimento della delega stessa sono libere, nulla prevedendo il codice al riguardo. Come sempre peraltro succede, anche per tutti i casi in cui la forma scritta non sia prevista dalla legge ai fini sostanziali della validità del contratto essa rappresenta la modalità migliore per provare il contenuto del contratto medesimo, nell interesse di tutte le parti. Gli usi e le consuetudini ormai consolidati nell ambito condominiale, vedono la delega riprodotta in calce all avviso di convocazione dell assemblea, in una parte del foglio che, debitamente compilata dal condominio delegante, viene staccata e consegnata in assemblea. In ogni caso la delega può essere rilasciata con qualsiasi altro documento scritto. L Amministratore conserverà le deleghe insieme ai verbali di assembla. Dal momento che, come si è detto, la legge non prevede alcuna forma, la delega può essere validamente conferita anche verbalmente: di tale forma si darà atto nel verbale di assemblea ricevendo la dichiarazione in tal senso da parte del delegato. La delega scritta è necessaria quando la deliberazione verte su rapporti che richiedono la forma scritta per la loro validità sostanziale (ad esempio la vendita di una parte comune). Vi sono poi altre modalità di conferimento della delega costituite dalle trasmissioni a mezzo fax o a mezzo posta elettronica. Sia la Corte di Cassazione (Sent. 15/3/1989 n. 1283) sia il Ministro delle Finanze (risol. N del 9/5/1989) hanno riconosciuto valido a tutti gli effetti gli accordi sanciti con il tramite delle tecnologie, soprattutto di quelle via fax, dove siano però chiaramente indicati i dati identificativi delle parti. Pertanto anche la delega per la partecipazione all assemblea condominiale può essere validamente comunicata all Amministratore a mezzo fax. Il Regolamento di Condominio La normativa che prevede il diritto del singolo condomino a partecipare all assemblea non personalmente ma facendosi rappresentare da un altra persona, costituisce norma inderogabile. Ciò significa che il citato diritto deve essere comunque sempre garantito e non può essere abolito o limitato in alcun modo, neppure da un regolamento contrattuale.

3 Dunque l eventuale clausola contenuta in un regolamento, anche contrattuale, che prevedesse l obbligo dei condomini di partecipare alle assemblee personalmente senza possibilità di farsi rappresentare da altri, sarebbe soggetta a nullità assoluta e, come tale, direttamente e semplicemente non applicabile senza necessità di una pronuncia giudiziaria al riguardo. Al contrario il regolamento di condominio può validamente disciplinare, nei termini ritenuti più opportuni caso per caso, le modalità di esercizio del suddetto inderogabile diritto. Saranno di conseguenza valide le clausole di regolamento che dispongono nel senso di: a) limitare le categorie di persone alle quali la delega può essere conferita (ad esempio consentire la delega a favore di soli condomini, esclusi tutti gli estranei, compresi i parenti dei condomini, oppure indicare tra gli estranei le categorie consentite); se il regolamento nulla dispone la delega può essere conferita a chiunque; b) vietare in ogni caso il conferimento di deleghe all Amministratore; c) limitare il numero di deleghe che ciascun delegato può portare in assemblea, al fine di garantire la maggiore collegialità possibile dell assemblea stessa; se il regolamento nulla dispone, non esiste alcun limite di legge al numero di deleghe da poter conferire; d) determinare, ai fini della sua validità, le modalità di conferimento della delega. Posto che è possibile introdurre le limitazioni appena citate ed altre eventuali da individuare caso per caso, si deve chiarire quale regolamento le possa validamente prevedere. Serve il regolamento contrattuale predisposto alla costituzione del Condominio e/o la successiva unanimità dei consensi di tutti i condomini, oppure è sufficiente un regolamento assembleare? Sull argomento la Cassazione ha chiarito i seguenti principi. Come già si è detto sopra, è inderogabile la norma che conferisce al condomino il diritto di farsi rappresentare in assemblea. Questo diritto può però essere oggetto di regolamentazione da parte dell assemblea in riferimento alle concrete modalità di esercizio le quali non sono la negazione bensì l attuazione concreta del diritto medesimo (Cass. 11/8/1982 n. 4530). In attuazione del suddetto principio la Cassazione ha così statuito: La modifica del regolamento condominiale, non contrattuale, adottato con la deliberazione della maggioranza dei partecipanti al condominio, nel senso di limitare il potere dei condomini stessi di farsi rappresentare nelle assemblee, riducendolo a non più di due deleghe, conferite ad altri partecipanti alla comunione per ogni assemblea, non incide sulla facoltà di ciascun condomino di intervenire in questa a mezzo di rappresentante (art. 67 primo comma disp. Att. codice civile), ma regola l esercizio di quel diritto, inderogabile (secondo quanto si evince dal successivo art. 72) a presidio della superiore esigenza di garantire l effettività del dibattito e la concreta collegialità delle assemblee, nell interesse comune dei partecipanti alla comunione, considerati nel loro complesso e singolarmente (Cass. 29/05/1998 n. 5315). Si può dunque concludere che qualsiasi limitazione e/o modalità di esercizio del diritto del condomino di farsi rappresentare in assemblea può essere validamente contenuta in un regolamento assembleare.

4 La delega all Amministratore Se il regolamento non contiene clausole limitative alla possibilità di conferire delega all amministratore del condominio, è stato ritenuto in giurisprudenza che legittimamente l Amministratore possa rappresentare in assemblea i condomini che lo incaricano in tal senso. Si pone però in questi casi la questione del conflitto di interessi che si presenta quando l Amministratore deve esprimere il voto su argomenti che lo riguardano direttamente e personalmente, ossia l approvazione del consuntivo e la nomina e/o revoca dell Amministratore stesso. La giurisprudenza si è espressa decidendo come segue. Quando la delibera di approvazione del rendiconto sia formalmente rispettosa del quorum previsto dall art codice civile, ma in realtà sia stata adottata con voto determinante dell Amministratore munito di delega da parte dei condomini, si considera viziata ai sensi dell art codice civile e quindi annullabile (Trib. Milano 14/7/1988). Ancora il Tribunale di Milano ha dichiarato nulla la delibera di approvazione del preventivo e del consuntivo adottata con volto determinante dell Amministratore, munito di delega da parte di numerosi condomini. Il tribunale ha ricordato che in materia devono essere applicate le norme sul mandato con la conseguenza che l Amministratore non può esprimere il voto in rappresentanza dei condomini assenti che gli hanno conferito la delega, perché in caso contrario cumulerebbe nella sua persona le due parti contrattuali del mandante e del mandatario (Trib. Milano 3 marzo 1997). Contrasti tra condomino e delegato Si possono verificare casi in cui la delega non è correttamente conferita, oppure non è stata conferita affatto, ma il delegato partecipi ugualmente all assemblea ed esprima il voto in nome del condomino rappresentato. Così come può darsi il caso che il delegato non rispetti le istruzioni ricevute ed esprima voto in contrasto con la volontà del condomino rappresentato. Occorre pertanto verificare quali sono le conseguenze di tali comportamenti, sia nell ambito dei rapporti interni tra condomino e delegato sia nei confronti del Condominio. Come già si è detto più sopra, la giurisprudenza della Cassazione ha ritenuto che, in difetto di norme particolari, i rapporti tra il rappresentante intervenuto in assemblea ed il condomino rappresentato sono disciplinati dalle regole sul mandato. In particolare la Cassazione con la sentenza n. 3952/1994 ha così precisato: in materia di condominio negli edifici, l atto del rappresentante, se pure posto in essere nell esercizio del potere attributo al condomino nel proprio interesse, è destinato a produrre effetti giuridici non solo nella sfera del rappresentante (in quanto il voto favorevole del rappresentante preclude al condomino l impugnazione ex art c.c.

5 2 comma), ma anche e soprattutto nei rapporti tra i condomini, posto che contribuisce a formare la cosiddetta volontà del condominio. A norma dell art. 67 comma 1 comma disp. att. codice civile ogni condomino può intervenire in assemblea anche a mezzo di rappresentante. In tema di condominio negli edifici, dunque, non sono previste le rigorose disposizioni concernenti la rappresentanza statuite in materia di società per azioni. In difetto di norme particolari, i rapporti tra il rappresentante ed il condomino rappresentato sono disciplinati dalle regole del mandato, che tuttavia devono essere intese con una certa larghezza, secondo il chiaro intendimento legislativo di agevolare, ovviamente con il rispetto dei principi, il funzionamento dell assemblea dei condomini. Dalla giurisprudenza si afferma che il negozio concluso da falsum procurator è inefficace nei confronti del dominus fino alla ratifica di questi; che tale inefficacia non è rilevabile d ufficio, ma solo su eccezione di parte, che la relativa legittimazione spetta esclusivamente allo pseudo rappresentato, e non già all altro contraente, il quale ai sensi dell art c.c., può unicamente chiedere al falsus procurator il risarcimento dei danni per avere confidato senza propria colpa nella operatività del contratto (Cass. 8/7/1983 n. 4601). Ed ancora la Suprema Corte con sentenza n del 27 marzo 2003 ha così ulteriormente chiarito: I rapporti tra il rappresentante ed il condomino rappresentato sono disciplinati dalle regole del mandato, con la conseguenza che, come si ritiene per l ipotesi del negozio concluso dal falsus procurator, l operato del delegato nel corso dell assemblea è inefficace nei confronti del delegante fino alla ratifica da parte di quest ultimo. L inefficacia tuttavia non è rilevabile d ufficio ma solo su eccezione di parte e la legittimazione e proporre l eccezione spetta esclusivamente al condomino pseudo rappresentato. Dunque se il condomino è stato rappresentato in assemblea da un cosiddetto falsus procurator, cioè da un soggetto privo di regolare incarico di rappresentanza, oppure da un soggetto che ha violato l incarico ricevuto il voto espresso in assemblea dal falsum procurator sarà valido nei confronti del condominio fino a che il condomino interessato non invocherà il vizio della delega in capo al soggetto che ha votato in suo nome e non esprimerà la sua volontà di non ratificare l operato di quest ultimo. Concludendo, l operato del delegato non può essere contestato o discusso dall assemblea, né dall Amministratore, ma solo dal delegante; se il delegato non rispetta le istruzioni dategli dal delegante, è soltanto quest ultimo che ha titolo per agire nei confronti del delegato. I comproprietari e altri casi La delega non deve essere conferita da un comproprietario all altro: è noto infatti che la comproprietà del bene, alla quale corrisponde la contestazione del bene stesso, attribuisce ai comproprietari il diritto di essere convocati tutti all assemblea (bastando peraltro un unico avviso nel caso di abitazione comune). D altra parte ciascun

6 comproprietario rappresenta la intera proprietà e dunque la contestazione che viene considerata una testa con diritto ad un voto. È da ricordare che la giurisprudenza ha chiarito che nel caso di comproprietà a più persone di un piano o porzione di piano di un edificio, queste hanno diritto ad un solo rappresentante, ma la legge non prevede né prescrive particolari formule sacramentali di rappresentanza, ritenendo pertanto abilitato ad intervenire e decidere per l intero il comproprietario che partecipa all assemblea: da ciò deriva che eventuali contratti fra comproprietari vanno e devono essere risolti solo all interno del gruppo. Va poi ricordato che il Tribunale di Milano ha così deciso: La delega a partecipare all assemblea condominiale conferita da un condomino ad un terzo si presume conferita anche dal coniuge comproprietario dell unità immobiliare. Vi è anche il caso in cui all assemblea partecipi un estraneo privo di delega. In tale caso la Cassazione con sentenza n dell 8 agosto 2003 ha precisato che: La partecipazione ad una assemblea di condominio di un soggetto estraneo ovvero privo di legittimazione non si riflette sulla validità della costituzione dell assemblea e delle decisioni assunte in tale sede, qualora risulti che quella partecipazione non ha influito sulla richiesta maggioranza e sul prescritto quorum, né sullo svolgimento della discussione né sull esito della votazione. Può darsi poi il caso che un condomino partecipi all assemblea sia in proprio sia quale delegato di altro condomino, e che abbia da esprimere votazioni differenti, per sé in proprio e per il condomino delegante. Il Tribunale di Milano ha chiarito che al fine della validità di una delibera condominiale, ed in particolare in ordine al raggiungimento del quorum necessario per la votazione, è pienamente legittima, oltre che non contraddittoria, una dichiarazione di volontà del rappresentante in modo diverso da quella espressa dallo stesso in qualità di diretto interessato alla decisione (Tribunale Milano 21/5/1990 n. 3921). Dott. Giovanni Marelli

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili Corso di Amministratore di condominio L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili 1 Assemblea E la sede deliberativa del condominio Attribuzioni dell assemblea (art. 1135 c.c.)

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I L ASSEMBLEA IN GENERALE

INDICE SOMMARIO CAPITOLO I L ASSEMBLEA IN GENERALE CAPITOLO I L ASSEMBLEA IN GENERALE 1. L assemblea ed i suoi poteri... 1 2. I limiti ai poteri dell assemblea in tema di: a) modifica del regolamento di condominio c.d. contrattuale... 3 3. b) approvazione

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

Il Regolamento di Condominio

Il Regolamento di Condominio Il Regolamento di Condominio Aspetti giuridici (vedi articoli 1129 e seguenti del codice civile) E' obbligatorio nominare un amministratore quando il numero dei condomini in un edificio è maggiore di quattro.

Dettagli

SVOLGIMENTO DELL'ASSEMBLEA

SVOLGIMENTO DELL'ASSEMBLEA SVOLGIMENTO DELL'ASSEMBLEA L'Assemblea lo si sa è l'unico organo deliberante del condominio e quindi l'unico organo che può e deve decidere sulla vita del condominio. Questo compito e queste volontà vengono

Dettagli

La costituzione dell assemblea. Sommario

La costituzione dell assemblea. Sommario La costituzione dell assemblea Sommario 1 La riunione di condominio. - 2 La costituzione dell assemblea. - 3 I condòmini presenti per delega. - 4 La procedura. - 5 La partecipazione dell amministratore

Dettagli

FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI

FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI Incontro del 11.04.2014 Avv. Monica Severin Viale Verdi n. 15/G int. 2-3 Treviso Mail: avvseverin@yahoo.it Tel.: 339 2017774 L ASSEMBLEA DEL CONDOMINIO

Dettagli

DIRITTO DI PARABOLA. Per installare una parabola

DIRITTO DI PARABOLA. Per installare una parabola DIRITTO DI PARABOLA Per installare una parabola non occorrono autorizzazioni La giurisprudenza ha affermato che il diritto alla installazione di antenne riconduce al diritto primario alla libera manifestazione

Dettagli

RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss.

RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss. 1 RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss. Regola: coincidenza tra soggetto (parte) in senso formale (autore dell atto) e soggetto (parte) in senso sostanziale (sulla sfera giuridica del quale si producono

Dettagli

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale Alle ipotesi codicistiche originarie del condomino assente o dissenziente la legge di riforma del condominio ha aggiunto la legittimazione

Dettagli

Le fasi iniziali del processo esecutivo

Le fasi iniziali del processo esecutivo Capitolo 4 Le fasi iniziali del processo esecutivo Caso 4.1 Come si procede alla stima dei beni pignorati? A norma dell art. 569, comma 1, c.p.c. il giudice nomina l esperto per procedere alla stima del

Dettagli

Le tabelle millesimali

Le tabelle millesimali La riforma del condominio Le tabelle millesimali Formazione Revisione Impugnazione Camera di Commercio di Torino 11 novembre 2013 avv. Roberto Bella DEFINIZIONE Le tabelle millesimali rappresentano le

Dettagli

L'ASSEMBLEA DI CONDOMINIO

L'ASSEMBLEA DI CONDOMINIO TEORIA E PRATICA DEL DIRITTO SEZIONE I: DIRITTO E PROCEDURA CIVILE 55 ROBERTO TRIOLA MARCO ANDRIGHETTI-FORMAGGINI L'ASSEMBLEA DI CONDOMINIO SECONDA EDIZIONE GIUFFRÉ P*a EDITORE MILANO 2006 INDICE SOMMARIO

Dettagli

7 IL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI

7 IL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI 7 IL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI In questo capitolo, dopo aver introdotto i concetti di condominio e proprietà condominiale, tratteremo degli organi (assemblea e amministratore) e degli strumenti (regolamento

Dettagli

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una porzione di area condominiale Lo spostamento del muro perimetrale, durante i lavori di ristrutturazione

Dettagli

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO Condominio alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO L amministratore dovrà essere più qualificato L amministratore non può essere stato condannato per reati contro la PA L amministratore

Dettagli

Modulo per il conferimento della delega ed istruzioni di voto ad Spafid S.p.A. ai sensi dell art. 135- undecies del Testo unico

Modulo per il conferimento della delega ed istruzioni di voto ad Spafid S.p.A. ai sensi dell art. 135- undecies del Testo unico Modulo per il conferimento della delega ed istruzioni di voto ad Spafid S.p.A. ai sensi dell art. 135- undecies del Testo unico Eurotech S.p.A. Assemblea ordinaria convocata per il giorno 24 aprile 2013

Dettagli

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE CONTRATTO TIPO di AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE 1 CONTRATTO DI AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE Il condominio sito in via.. codice fiscale.., nella persona del sig.., delegato alla sottoscrizione del presente

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

---------------------------------------------- ! " # $ % & $ ' (# # )$ * !"#$#% &#% ' (&!#) % '#% (!% (!#

---------------------------------------------- !  # $ % & $ ' (# # )$ * !#$#% &#% ' (&!#) % '#% (!% (!# ----------------------------------------------! " # $ % & $ ' (# # )$ *!"#$#% &#% ' (&!#) % '#% (!% (!# I N D I C E Art. 1 L Autogestione dei servizi accessori e degli spazi comuni Art. 2 Costituzione

Dettagli

AMMINISTRATORE CONDOMINIALE

AMMINISTRATORE CONDOMINIALE AMMINISTRATORE CONDOMINIALE AI SENSI DELLA LEGGE 220/2012 Percorso formativo L obiettivo del corso Condominiale è quello di formare professionisti nella consulenza condominiale in relazione alla gestione

Dettagli

COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione a Corte di appello di Roma, sezione quarta, sentenza del 13.2.2013.

COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione a Corte di appello di Roma, sezione quarta, sentenza del 13.2.2013. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 ----------------------------------------------- COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione

Dettagli

RECORDATI S.p.A. Modulo di conferimento della delega al rappresentante designato ai sensi dell art. 135-undecies del D. lgs.

RECORDATI S.p.A. Modulo di conferimento della delega al rappresentante designato ai sensi dell art. 135-undecies del D. lgs. RECORDATI S.p.A. Assemblea Ordinaria dei Soci convocata per il giorno 15 aprile 2015 alle ore 10.00 presso la sede legale in Milano, Via M. Civitali n.1, in unica convocazione Modulo di conferimento della

Dettagli

Ivan Meo e Marta Jerovante. IL COMPENSO DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Identificazione e problematiche irrisolte

Ivan Meo e Marta Jerovante. IL COMPENSO DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Identificazione e problematiche irrisolte Ivan Meo e Marta Jerovante IL COMPENSO DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Identificazione e problematiche irrisolte Ivan Meo e Marta Jerovante IL COMPENSO DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Identificazione

Dettagli

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi?

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi? LE RESPONSABILITÀ DELL AMMINISTRATORE A cura di: Avv. Salvatore Chiacchio Unioncasa 1. In cosa si sostanzia la responsabilità dell amministratore? 2. La responsabilità dell amministratore è solo verso

Dettagli

( * ) Bologna 17 ottobre 2013 Seminario tecnico giuridico Palazzo Segni Masetti ----------------- ------------ -----

( * ) Bologna 17 ottobre 2013 Seminario tecnico giuridico Palazzo Segni Masetti ----------------- ------------ ----- 1 ASSOCIAZIONE LIBERI AMMINISTRATORI CONDOMINIALI SEDE DI BOLOGNA - GRUPPO ASCOM CASA- - ADERENTE A CONFCOMMERCIO IMPRESE PER L ITALIA - alac@ascom.bo.it - www.alac.bo.it - Strada Maggiore 23 40125 Bologna

Dettagli

Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Napoli e Provincia

Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Napoli e Provincia Costo del corso 350 massimo 35 partecipanti Corso di Abilitazione alla Professione di Amministratore di Condominio Corso di abilitazione alla professione di Amministratore di Condominio aggiornato alle

Dettagli

TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE

TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE La termoregolazione e contabilizzazione del calore sono poco praticate La ripartizione dei costi del servizio riscaldamento deve essere eseguita rispettando

Dettagli

parti comuni o di loro proprietà esclusiva, quelle colpite da vizio di incompetenza.

parti comuni o di loro proprietà esclusiva, quelle colpite da vizio di incompetenza. 128 parti comuni o di loro proprietà esclusiva, quelle colpite da vizio di incompetenza. «Queste Sezioni Unite ritengono che debbano qualificarsi nulle le delibere prive degli elementi essenziali, le delibere

Dettagli

Il condominio e le barriere architettoniche

Il condominio e le barriere architettoniche Il condominio e le barriere architettoniche Aspetti legali e normativi Avv. Corrado Tarasconi Rimini 4 Dicembre 2007 I riferimenti normativi - Legge 9 gennaio 1989 n. 13 art. 2 - Legge 9 gennaio 1989 n.

Dettagli

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO Trib. Rimini 2.2.2012 commento e testo Giovanni FRANCHI P&D.IT Questa volta è stato il Tribunale

Dettagli

L' Assemblea di Condominio

L' Assemblea di Condominio L' Assemblea di Condominio A cura dell'associazione A.R.A.I. L' assemblea è l organo deliberativo o normativo del condominio e rappresenta nella sua sovranità la suprema volontà dei condomini. I poteri

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEI FABBRICATI IN CONDOMINIO

RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEI FABBRICATI IN CONDOMINIO ANACI VERONA RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEI FABBRICATI IN CONDOMINIO relazione Amministrare il condominio oggi: una professione tra ruoli privati e ruoli pubblici di rilevanza sociale 1. Il rapporto

Dettagli

Regolamento di condominio

Regolamento di condominio Vincenzo Caporale 1 Introduzione Capita spesso che tra condomini si creino dei litigi a causa della presenza di animali domestici nel condominio. In presenza di simili situazioni, è difficile trovare un

Dettagli

ANACI CORSO PER AMMINISTRATORI IMMOBILIARI 2011-2012. Relazione: LE LEGGI SPECIALI NEL CONDOMINIO I^ PARTE - L. 10/91 e L. 13/89

ANACI CORSO PER AMMINISTRATORI IMMOBILIARI 2011-2012. Relazione: LE LEGGI SPECIALI NEL CONDOMINIO I^ PARTE - L. 10/91 e L. 13/89 ANACI CORSO PER AMMINISTRATORI IMMOBILIARI 2011-2012 Relazione: LE LEGGI SPECIALI NEL CONDOMINIO I^ PARTE - L. 10/91 e L. 13/89 Dal 1989 il condomino ha visto un produzione di leggi che da un lato hanno

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE EASYMAMMA. (approvato dall Assemblea straordinaria del 24 maggio 2013)

STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE EASYMAMMA. (approvato dall Assemblea straordinaria del 24 maggio 2013) STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE EASYMAMMA (approvato dall Assemblea straordinaria del 24 maggio 2013) Art. 1 Denominazione, sede, carattere, durata. E costituta l Associazione di promozione

Dettagli

1.1. Il condominio, in genere.

1.1. Il condominio, in genere. 1. Natura, struttura e tipologie del condominio. 1.1. Il condominio, in genere. La giurisprudenza è costante nell affermare che il condominio è un ente di gestione sfornito di personalità giuridica distinta

Dettagli

IL REGOLAMENTO DI CONDOMINIO. Maurizio Voi

IL REGOLAMENTO DI CONDOMINIO. Maurizio Voi IL REGOLAMENTO DI CONDOMINIO Maurizio Voi Il regolamento di condominio è previsto dal codice civile all art. 1138 c.c. L articolo è l unico, nel capo dedicato al condominio, che prevede la necessità del

Dettagli

IL ConDomInIo negli EDIFICI L amministratore DI ConDomInIo

IL ConDomInIo negli EDIFICI L amministratore DI ConDomInIo Prefazione...XVII CAPITOLO I Il condominio negli edifici 1. La definizione di condominio...1 1.1. Il condominio come edificio...1 1.2. Il condominio quale soggetto di diritto...4 2. La definizione di condomino...6

Dettagli

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici Fondazione Forense Modenese Modena 5 ottobre 2012 venerdi 5 ottobre 2012 1 Premessa L arbitrato societario è disciplinato dagli artt. 34 ss. del d. lgs.

Dettagli

Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6

Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6 giunta regionale Allegato D al Decreto n. 114 del 10/07/2014 pag. 1/6 FAC SIMILE DI STATUTO DI ASSOCIAZIONE Nota bene: il presente fac-simile è indicativo e può essere adattato alle specifiche esigenze

Dettagli

Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita'

Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita' Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita' In via del tutto preliminare, osservo che il procedimento penale è una serie di attivita e di attidocumenti susseguentisi nel tempo. Ovviamente,

Dettagli

SOCIETA PER AZIONI VILLA D ESTE. SEDE SOCIALE IN CERNOBBIO - COMO Via Regina, 40 STATUTO

SOCIETA PER AZIONI VILLA D ESTE. SEDE SOCIALE IN CERNOBBIO - COMO Via Regina, 40 STATUTO SOCIETA PER AZIONI VILLA D ESTE SEDE SOCIALE IN CERNOBBIO - COMO Via Regina, 40 STATUTO (Testo approvato dall Assemblea Straordinaria degli Azionisti del 28 giugno 2004) STATUTO DENOMINAZIONE - OGGETTO

Dettagli

L assemblea di Condominio: convocazione, legittimati, quorum costitutivi e deliberativi.

L assemblea di Condominio: convocazione, legittimati, quorum costitutivi e deliberativi. L assemblea di Condominio: convocazione, legittimati, quorum costitutivi e deliberativi. Relazione tenuta dall Avv. Alessandra Alaimo al Convegno Proprietà, condominio e amministratori immobiliari alla

Dettagli

Regolamento di Assemblea Net Insurance S.p.A.

Regolamento di Assemblea Net Insurance S.p.A. Regolamento di Assemblea Net Insurance S.p.A. Approvato dall Assemblea Ordinaria degli Azionisti nella seduta del: 29/01/2015 Emessa da: Funzione Segreteria Societaria in data: 16/01/2015 Validità dal:

Dettagli

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Art. 1 Ambito di applicazione 1. Lo svolgimento dell assemblea ordinaria e straordinaria dei soci della Banca

Dettagli

LA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO E GLI EFFETTI DELLA ISCRIZIONE DEGLI ATTI NEL REGISTRO DELLE IMPRESE

LA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO E GLI EFFETTI DELLA ISCRIZIONE DEGLI ATTI NEL REGISTRO DELLE IMPRESE LA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO E GLI EFFETTI DELLA ISCRIZIONE DEGLI ATTI NEL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. L iscrizione della società nel Registro delle imprese. 2. L iscrizione

Dettagli

Convegno del 8 ottobre 2015 L'elaborazione giurisprudenziale in tema di anatocismo Avvocato Massimiliano Elia

Convegno del 8 ottobre 2015 L'elaborazione giurisprudenziale in tema di anatocismo Avvocato Massimiliano Elia Il tema dell'anatocismo ha acceso in questi anni un vivace dibattito alimentato tanto dal legislatore quanto dalla giurisprudenza, sull'inciso contenuto nell'art. 1283 c.c. - usi contrari- nel quadro della

Dettagli

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti Regolamento per l autogestione degli alloggi E.R.P. e dei relativi servizi accessori e degli impianti e degli spazi comuni condominiali in edifici

Dettagli

Statuto della E.MAlumni Association

Statuto della E.MAlumni Association STATUTO DELLA E.MALUMNI ASSOCIATION ASSOCIAZIONE DEGLI ALUNNI DEL MASTER EUROPEO IN DIRITTI UMANI E DEMOCRATIZZAZIONE Preambolo Noi, Alunni del Master Europeo in Diritti Umani e Democratizzazione, Aspirando

Dettagli

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo Con la sentenza della Corte di Cassazione Sez. III, del 15 aprile 2011, n. 8733, la Corte di Cassazione si è pronunciata

Dettagli

II CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

II CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO II CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO Ai sensi dell art.71 bis, lettera g, Disp. Att. c.c. e del decreto del Ministro della Giustizia n. 140 del 13/8/2014 attuativo della legge

Dettagli

LOCAZIONE DI COSE Durata della locazione immobili ad uso diverso. COMUNIONE E CONDOMINIO Assemblea dei condomini negli edifici, deliberazioni

LOCAZIONE DI COSE Durata della locazione immobili ad uso diverso. COMUNIONE E CONDOMINIO Assemblea dei condomini negli edifici, deliberazioni Durata della locazione immobili ad uso diverso La rinuncia da parte del locatore, in sede di stipula del contratto di locazione ad uso diverso dall'abitazione, alla facoltà di diniego del rinnovo alla

Dettagli

ASSOCIAZIONE DELLA PROPRIETA EDILIZIA DI MODENA-CONFEDILIZIA

ASSOCIAZIONE DELLA PROPRIETA EDILIZIA DI MODENA-CONFEDILIZIA ASSOCIAZIONE DELLA PROPRIETA EDILIZIA DI MODENA-CONFEDILIZIA CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO Responsabile Scientifico: Avv. Alfredo Righi Riva I LEZIONE (4 ore) sabato 21/3/2015

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

PRIMO CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

PRIMO CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO Centro Studi e Formazione PRIMO CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO Ai sensi dell art.71 bis, lettera g, Disp. Att. c.c. e del decreto del Ministro della Giustizia n. 140 del

Dettagli

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Sono legittime le delibere assembleari dirette all approvazione del

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Sono legittime le delibere assembleari dirette all approvazione del PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE Modifica del rendiconto consuntivo Sono legittime le delibere assembleari dirette all approvazione del consuntivo senza che abbiano prima analizzato la situazione finanziaria

Dettagli

2. A oggi c è una scadenza per la formazione periodica dell amministratore?

2. A oggi c è una scadenza per la formazione periodica dell amministratore? L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO: NOMINA E REVOCA A cura di: Avv. Anna Nicola - ANAPI 1. Quali sono i requisiti per essere amministratore (art. 71 bis disp. Att. C.c.)? 2. A oggi c è una scadenza per la

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO Le principali novità introdotte dalla riforma

RIFORMA DEL CONDOMINIO Le principali novità introdotte dalla riforma Nuovo Art. 1117 bis c.c.: Sede : Via B. Buozzi 10 21013 GALLARATE (VA) Tel. 0331/772967 Cell. 334/8172125 RIFORMA DEL CONDOMINIO Le principali novità introdotte dalla riforma Introduce il concetto di supercondominio

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MORASSUT

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MORASSUT Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3112 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MORASSUT Introduzione dell articolo 1122-quater del codice civile, in materia di interventi

Dettagli

2. Bilancio al 31 dicembre 2014, relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale; deliberazioni relative -

2. Bilancio al 31 dicembre 2014, relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale; deliberazioni relative - Assemblea ordinaria 24 aprile 2015 prima convocazione 27 aprile 2015 seconda convocazione Relazione del Consiglio di Amministrazione sulle materie all ordine del giorno redatta ai sensi dell art. 125-ter

Dettagli

STATUTO "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S." ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n.

STATUTO ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S. ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n. STATUTO "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S." ART. 1 E' costituita ai sensi dell'art.10 del Decreto Legislativo 4/12/1997, n. 460, una Associazione denominata: "ASSOCIAZIONE BUSAJO O.N.L.U.S. o in forma abbreviata

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

- CAMERA DI COMMERCIO ITALO-SVEDESE ASSOSVEZIA -

- CAMERA DI COMMERCIO ITALO-SVEDESE ASSOSVEZIA - Denominazione - Sede - Scopo 1. E costituita una Associazione denominata - CAMERA DI COMMERCIO ITALO-SVEDESE ASSOSVEZIA - 2. L Associazione ha sede in Milano, Via Agnello 6/1. Il cambiamento di indirizzo

Dettagli

CONTENUTI DEL CORSO DI FORMAZIONE PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI CONDOMINI E IMMOBILI E SUE REGOLE DI EROGAZIONE

CONTENUTI DEL CORSO DI FORMAZIONE PER LA CERTIFICAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI CONDOMINI E IMMOBILI E SUE REGOLE DI EROGAZIONE CONTENUTI DEL CORSO DI FORMAZIONE AMMINISTRATORI DI CONDOMINI E CONTENUTO DEL CORSO I materiali utilizzati nel corso, il corso stesso e le prove finali d esame devono avere riguardo alle materie indicate

Dettagli

Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare?

Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare? Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare? La realtà commerciale del settore dei beni di consumo tecnici e tecnologici è caratterizzata dalla commercializzazione

Dettagli

BIOERA S.P.A. Assemblea Ordinaria

BIOERA S.P.A. Assemblea Ordinaria BIOERA S.P.A. Assemblea Ordinaria Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione sulle proposte concernenti le materie poste all ordine del giorno ai sensi dell articolo 125-ter del Decreto Legislativo

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI. ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI. ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di tipo culturale denominata MAD EVENTI con sede in Lucca, frazione Monte San Quirico, Via

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico

COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico Analisi del procedimento di variante urbanistica accelerata di Claudio Facchini, dirigente del Settore Sviluppo economico del Comune di Faenza Edizione 1/CF/cf/11.04.2011

Dettagli

NEWS LETTERS ANAP 2014

NEWS LETTERS ANAP 2014 NEWS 1 2014 Le "mappe" del condominio - L'amministratore nella riforma: le attribuzioni Norme art. 1130 cod. civ. art. 1133 cod. civ. art. 63 disp. att. cod. civ. art. 1102 cod. civ. La disciplina dell

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

STATUTO. TITOLO 1 - Denominazione - Sede - Scopo

STATUTO. TITOLO 1 - Denominazione - Sede - Scopo STATUTO TITOLO 1 - Denominazione - Sede - Scopo Articolo 1 - E costituita l associazione senza fini di lucro denominata Information Systems Audit and Control Association (ISACA) Capitolo di Roma, con sede

Dettagli

CONDOMINIO. Lite tra condominio e condomino: spese processuali, ripartizione. Nella lite tra condominio e condomino non trova applicazione, neppure in

CONDOMINIO. Lite tra condominio e condomino: spese processuali, ripartizione. Nella lite tra condominio e condomino non trova applicazione, neppure in CONDOMINIO Lite tra condominio e condomino: spese processuali, ripartizione Nella lite tra condominio e condomino non trova applicazione, neppure in via analogica, la disposizione dell art. 1132 c.c.,

Dettagli

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.4 Gli organi sociali 4.4.1 I soci e l'assemblea

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.4 Gli organi sociali 4.4.1 I soci e l'assemblea 4. La Società di Mutuo Soccorso 4.4 Gli organi sociali 4.4.1 I soci e l'assemblea In considerazione del particolare scopo per il quale le Società di mutuo soccorso vengono costituite, appare chiaro che

Dettagli

REGOLAMENTO CONDOMINIALE CASE COMUNALI DI VIA V.VENETO. Approvato con delibera consiliare nr.81 del 4 ottobre 1996

REGOLAMENTO CONDOMINIALE CASE COMUNALI DI VIA V.VENETO. Approvato con delibera consiliare nr.81 del 4 ottobre 1996 REGOLAMENTO CONDOMINIALE CASE COMUNALI DI VIA V.VENETO Approvato con delibera consiliare nr.81 del 4 ottobre 1996 Art. 01 - Gli appartamenti dei Condomini devono essere destinati esclusivamente ad uso

Dettagli

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Legge 11 dicembre 2012, n. 220 (Gazzetta Ufficiale n. 293 del 17/12/2012 ) (in vigore dal 18 giugno 2013) LE NUOVE COMPETENZE ATTRIBUITE ALL ASSEMBLEA

Dettagli

6. I soggetti del procedimento di convalida.

6. I soggetti del procedimento di convalida. AMBITO OGGETTIVO E SOGGETTIVO DEL PROCEDIMENTO DI CONVALIDA 229 6. I soggetti del procedimento di convalida. I soggetti del procedimento di convalida sono, ovviamente, le parti del rapporto sostanziale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Città di Racconigi ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI RACCONIGI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 42 del 25.10.2011 1 Art. 1 - Istituzione È

Dettagli

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Trasferimenti in sede di separazione e divorzio Domande Frequenti Sommario 1. Prima dell introduzione dell

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 11 del 24 febbraio 2005 e modificato con deliberazione C.C. n. 55 del 20 dicembre 2006 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL

Dettagli

ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE. A cura della dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca

ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE. A cura della dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE A cura della dott.ssa Giuseppina Luciana Barreca La fase introduttiva del processo Contenuto e forma dell atto di pignoramento Art. 492 cod. proc. civ. Corte di Cassazione n.

Dettagli

STATUTO. Associazione Il Larice Club

STATUTO. Associazione Il Larice Club STATUTO Associazione Il Larice Club Art. 1 - L associazione non riconosciuta denominata Associazione IL LARICE CLUB con sede in Carezzate (VA), Via al Lago n.449, è retta dal seguente statuto. La denominazione

Dettagli

Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo

Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo Statuto della associazione senza scopo di lucro Genitori del 2 Circolo Articolo 1 - Costituzione E costituita l associazione Genitori del 2 Circo lo. Essa ha struttura democratica ed è indipendente da

Dettagli

Istituzioni di diritto privato - Volume I - Parte Seconda Capitolo III - 2

Istituzioni di diritto privato - Volume I - Parte Seconda Capitolo III - 2 Istituzioni di diritto privato - Volume I - Parte Seconda Capitolo III - 2 2. Il condominio negli edifici. Ipotesi diversa dalla comunione, sebbene per certi versi analoga, è costituita dal condominio

Dettagli

Definizione. Il regolamento condominiale

Definizione. Il regolamento condominiale Il regolamento condominiale Il regolamento condominiale Il regolamento condominiale è disciplinato dall'art. 1138 c.c. nonché dagli artt. 68, 69 70, 71 e 72 disp. att. c.c. Il codice civile ne individua

Dettagli

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 ASSOCIAZIONE CULTURALE GLI ABRUZZESI A FIRENZE STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 Articolo 1 Costituzione E costituita, con sede in Firenze, l Associazione culturale denominata GLI ABRUZZESI A FIRENZE

Dettagli

NEWSLETTERS ANAP 2014

NEWSLETTERS ANAP 2014 NEWS 20 2014 L impianto idrico L impianto idrico rappresenta uno dei servizi essenziali condominiali, a ben vedere il più importante fra di essi, e l aumentato costo dell acqua che ha avuto luogo negli

Dettagli

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO MILANESE

STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO MILANESE STATUTO DEL CIRCOLO FOTOGRAFICO MILANESE Articolo 1. Denominazione - Natura - Sede - Durata Il Circolo Fotografico Milanese, di seguito CFM o Associazione, è un Ente Culturale, fondato nel 1930, che non

Dettagli

PAOLO BRECCIAROLI. Inosservanza delle norme per la redazione del rendiconto e per la tenuta della documentazione contabile: responsabilità

PAOLO BRECCIAROLI. Inosservanza delle norme per la redazione del rendiconto e per la tenuta della documentazione contabile: responsabilità Inosservanza delle norme per la redazione del rendiconto e per la tenuta della documentazione contabile: responsabilità Milano 18 Maggio 2015 1 1 - CONSIDERAZIONI PRELIMINARI (Principi ed istituti condominiali)

Dettagli

Il/La sottoscritto/a... (indicare il. nome della persona fisica o del legale rappresentante della società)..., nato il...a..., codice fiscale...

Il/La sottoscritto/a... (indicare il. nome della persona fisica o del legale rappresentante della società)..., nato il...a..., codice fiscale... ALL ALER DI MILANO (compilare gli spazi di pertinenza) Il/La sottoscritto/a... (indicare il nome della persona fisica o del legale rappresentante della società)..., nato il...a..., codice fiscale... con

Dettagli

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE INDICE 1. Premessa...3 2. Definizioni...3 3. Individuazione delle Operazioni di maggiore rilevanza...4 4. Operazioni esenti...5 4.1 Piani di compensi

Dettagli

I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio

I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio Relatore Daniele Marchesini Marchesini dott. Daniele 1 Introduzione IL RENDICONTO CONDOMINIALE DOPO LA RIFORMA ESEMPI DI RENDICONTO E DI

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION Art. 1 Costituzione 1. E costituita dall Università degli Studi Roma Tre una Fondazione di diritto privato denominata Fondazione Università

Dettagli

Indice. 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3 INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO I LEZIONE IX IL NEGOZIO GIURIDICO (PARTE II) PROF. DOMENICO RUGGIERO Indice 1 La rappresentanza ---------------------------------------------------------------------------------------3

Dettagli

STATUTO DI QUILTING TUSCIA

STATUTO DI QUILTING TUSCIA STATUTO DI QUILTING TUSCIA Articolo 1. E costituita l associazione culturale denominata Quilting Tuscia. L' associazione è apolitica e non ha scopo di lucro. La durata della associazione è illimitata e

Dettagli

La Sezione del Controllo per la Regione Sardegna

La Sezione del Controllo per la Regione Sardegna Parere n. 7/2007 composta dai magistrati: REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI La Sezione del Controllo per la Regione Sardegna prof. Avv. Giuseppe Palumbi dott. Giorgio Longu avv. Nicola Leone avv. Maria

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli DI CAPITALI TRASFERIMENTO DELLA SEDE LEGALE ALL INTERNO DELLO STESSO COMUNE Documento n. 30 del 18 novembre 2005 La variazione dell indirizzo della sede della società non comporta

Dettagli