Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni"

Transcript

1 Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni Si tratta di problemi elementari, formulati nel linguaggio ordinario Quindi, per ogni problema la suluzione proposta è sempre fatta in DUE passi Primo passo: si individua un modello matematico atto a descrivere il problema Secondo passo: si procede al calcolo all interno del modello matematico scelto SEGNALAZIONI DI ERRORI SONO GRADITE Esercizio Data un urna contenente 3 palline bianche e 4 nere, si effettuano 3 estrazioni, senza restituzione, da tale urna Se vengono estratte 2 palline bianche ed nera, il gioco ha termine, altrimenti si reinseriscono le tre palline estratte nell urna, e si ripete la procedura Si determini la probabilità che il gioco termini alla terza prova Soluzione Sia A i {vengono estratte 2 palline bianche ed nera alla i-esima ripetizione della procedura} Gli A i formano una successione di prove di Bernoulli con probabilità di successo P (A ) 2)( (3 4 ) p La probabilità che il gioco termini ( 7 3) alla terza prova è ( p) 2 p Esercizio 2 Da un urna, contenente 7 palline bianche e 6 nere, vengono effettuate 3 estrazioni Dopo ogni estrazione, la pallina estratta viene rimessa nell urna insieme ad un ulteriore pallina dello stesso colore Si determini la probabilità di ottenere 2 palline bianche ed nera Soluzione Indichiamo con B i l evento pallina bianca alla i-esima estrazione, con N i l evento pallina nera alla i-esima estrazione e con A l evento si ottengono 2 palline bianche ed nera nelle 3 estrazioni Allora, A (B B 2 N 3 ) (B N 2 B 3 ) (N B 2 B 3 ), e si tratta di una unione di tre eventi a due a due incompatibili Quindi P (A) è la somma delle probabilità di quei tre eventi Calcoliamo la probabilità del primo P (B B 2 N 3 ) P (B )P (B 2 B )P ((N 3 B B 2 ) Si usa lo stesso procedimento per calcolare la probabilità degli altri due eventi, e si vede subito che sono uguali a quella del primo (i denominatori restano 3, 4 e 5 in questo ordine, ed i numeratori restano 7, 8 e 6 in un ordine diverso Segue che P (A) Esercizio 3 Un urna contiene 2 palline, di cui b bianche e v verdi, con b, v > 0 Consideriamo le possibili composizioni dell urna equiprobabili Un amico estrae, senza farla vedere, una pallina dall urna e ne osserva il colore Poi rimette la pallina nell urna, aggiungendo una pallina dello stesso colore e togliendone una dell altro colore Completata questa operazione, l urna viene aperta e si trovano 5 palline bianche e 7 verdi Calcolare la probabilità che la composizione iniziale fosse di 6 palline bianche e 6 verdi Soluzione Le possibili composizioni dell urna sono riconoscibili dal numero di palline bianche presenti nell urna Poiché b, v > 0, l urna contiene almeno pallina bianca, ma non ne contiene più di Ci sono quindi possibili composizioni dell urna Indichiamo con H i l evento l urna contiene esattamente i palline bianche, i,, Per ipotesi P (H i ) per ogni i,, Solo due di queste composizioni sono compatibili con ciò che si trova nell urna quando

2 2 questa viene aperta Precisamente, sia A l evento si trovano 5 palline bianche e 7 verdi al termine dell operazione Allora P (A H i ) 0 a meno che i 4 oppure i 6 Inoltre P (A H 4 ) P (l amico estrae pallina bianca H 4 ) 4 2 e P (A H 6 ) P (l amico estrae pallina verde H 6 ) 6 2 Il testo richiede di calcolare P (H 6 A Per il teorema di Bayes e le considerazioni precedenti, P (A H 6 )P (H 6 ) P (H 6 A) i P (A H i)p (H i ) P (A H 6 )P (H 6 ) 6 P (A H 4 )P (H 4 ) + P (A H 6 )P (H 6 ) Esercizio 4 Da un urna, contenente 3 palline bianche, 4 palline nere, e 2 palline rosse vengono estratte 4 palline senza restituzione Si determini la probabilità di ottenere pallina bianca, 2 palline nere ed pallina rossa Soluzione Ci sono ( ( 9 4) modi di estrarre le 4 palline dall urna, e si tratta di 9 ) 4 casi possibili ed equiprobabili Il numero di quaterne di palline che soddisfano la richiesta del testo è ( 3 )( 4 2)( 2 ) ( La probabilità richiesta è quindi 3 )( 4 2)( 2 ) ( 9 4) Esercizio 5 Un urna contiene pallina bianca ed pallina nera A turno due giocatori prelevano a caso una pallina, con restituzione Vince il primo che prende pallina bianca Trovare la probabilità che vinca quello che inizia Soluzione Gli eventi A i {esce pallina bianca alla i-esima estrazione} formano una successione di prove di Bernoulli con probabilità di successo 2 Vince il giocatore che inizia se il primo A i che si verifica ha l indice i dispari In altri termini, vince il giocatore che inizia se si verifica l evento A (A c A c 2 A 3 ) (A c A c 2 A c 3 A c 4 A 5 ) Si tratta di una unione di eventi a due a due incompatibili Inoltre gli eventi all interno di ciascuna parentesi sono indipendenti La probabilità richiesta è quindi 2 + ( 2 )3 + ( 2 ) Esercizio 6 Si tenta di aprire una porta usando un mazzo di chiavi in sequenza, a partire da una chiave scelta a caso (non si ritenta mai con una chiave già provata) Si trovi la probabilità di riuscire al k-esimo tentativo, k n Soluzione Si immaginino le chiavi numerate da ad n Scegliere le chiavi in sequenza equivale a scegliere una permutazione dei numeri {,, n} Siccome la scelta è casuale, le permutazioni sono equiprobabili Ci sono in tutto n! permutazioni La porta viene aperta al k-esimo tentativo se la permutazione scelta ha la cifra k al k-esimo posto Di tali permutazioni ce ne sono (n )! La probabilità richiesta è quindi (n )! n! n Esercizio 7 (Durrett EP, 52) Un piccolo insediamento è costituito da 5 famiglie, ciascuna composta da 4 persone Una certa malattia ha colpito 6 individui Ammesso che la malattia colpisca a caso, calcolare la probabilità che (a) solo due famiglie abbiano almeno un malato; (b) solo una famiglia sia senza malati; (c) tutte le famiglie abbiano qualcuno malato Soluzione Numeriamo le persone e le famiglie, per esempio immaginando che la prima famiglia sia composta dalle persone da a 4, la seconda da quelle da 5 a 8, e così via Consideriamo dapprima le persone Siccome la malattia colpisce a caso, chiamando successo alla prova i-esima l evento A i {la persona i-esima

3 3 viene colpita dalla malattia}, si hanno 20 prove di Bernoulli con probabilitá di successo 6 20 Consideriamo adesso le famiglie e gli eventi B j {la j-esima famiglia ha almeno un malato} Quindi l evento B dipende solo dagli eventi da A ad A 4, l evento B 2 dipende solo dagli eventi da A 5 ad A 8, e così via Siccome gli eventi A i sono indipendenti, ed i B j dipendono da quaterne di A i che non hanno elementi in comune, anche gli eventi B j sono indipendenti Inoltre sono equiprobabili Infatti, P (B j ) P (almeno un successo in 4 prove) P (nessun successo in 4 prove) ( 6 20 )4 p Allora anche gli eventi B j sono prove di Bernoulli Con riferimento ad essi, adesso il successo alla prova j-esima è l evento B j, ed abbiamo quindi 5 prove di Bernoulli con probabilità di successo p Ne segue che P (solo due famiglie abbiano almeno un malato) ( ) 5 P (esattamente 2 successi su 5 prove) p 2 ( p) 3, 2 P (solo una famiglia sia senza malati) ( ) 5 P (esattamente 4 successi su 5 prove) p 4 ( p), 4 P (tutte le famiglie abbiano qualcuno malato) P (5 successi su 5 prove) p 5 Esercizio 8 Una studentessa risponde ad un test che contiene 0 domande, ciascuna con 4 risposte indicate, di cui esattamente una è giusta La studentessa non ha seguito le lezioni e risponde scegliendo a caso, per ciascuna domanda, tra le 4 risposte indicate Qual è la probabilità che dia esattamente 3 risposte giuste? Soluzione Rispondendo a caso, la studentessa fa 0 prove di Bernoulli con probabilità di successo 4 La probabilità richiesta è ( ) 0 3 ( 4 )3 ( 3 4 )7 Esercizio 9 Un dado viene lanciato 8 volte Qual è la probabilità di ottenere esattamente 2 volte il numero 3? Soluzione Gli 8 lanci possono essere visti come 8 prove di Bernoulli con probabilità di successo 6, intendendo per successo l uscita del 3 La probabilità richiesta è ( ) 8 2 ( 6 )2 ( 5 6 )6 Esercizio 0 Due studentesse, Alice ed Elisabetta, frequentano il corso di Statistica Alice va a lezione l 80% delle volte, Elisabetta il 60% delle volte, e le loro assenze sono indipendenti In un dato giorno, calcolare la probabilità che (a) almeno una delle due studentesse sia in classe; (b) esattamente una delle due studentesse sia in classe Soluzione Indichiamo con A l evento Alice è in classe, e con E l evento Elisabetta è in classe Sulla base delle informazioni date dal testo, si può formalizzare la situazione dicendo che P (A) 80 60, P (E), e gli eventi A ed E sono indipendenti Allora poiché A ed E sono indipendenti P (A E) P (A)P (E), e si ottiene P (almeno una delle due studentesse sia in classe) P (A E) P (A) + P (E) P (A E) P (A) + P (E) P (A)P (E),

4 4 P (esattamente una delle due studentesse sia in classe) P ( (A E c ) (A c E) ) P (A E c ) + P (A c E) perché l unione è di eventi incompatibili P (A)P (E c ) P (A c )P (E) di nuovo per l indipendenza P (A)( P (E)) + ( P (A))P (E) Sostituendo i valori di P (A) e P (E) si conclude Esercizio Tre studenti hanno ciascuno probabilità /3 di risolvere un certo problema, ed agiscono indipendentemente l uno dall altro Qual è la probabilità che almeno uno risolva il problema? Soluzione Sia A i l evento lo studente i-esimo risolve il problema Le informazioni fornite dal testo permettono di formalizzare la situazione dicendo che gli eventi A i sono indipendenti ed hanno probabilità 3 Allora la probabilità richiesta è P (A A 2 A 3 ) P (A c A c 2 A c 3) P (A c )P (A c 2)P (A c 3) ( 2 3 )3 Esercizio 2 Quanti bambini deve fare una coppia per avere probabilità maggiore di 0, 75 di ottenere almeno 2 femmine? Soluzione Sia A i l evento nasce una femmina all i-esimo tentativo Formalizziamo dicendo che gli eventi A i sono prove di Bernoulli con probabilità di successo 2 Allora, fissato n 2, se la coppia fa n bambini la probabilità che ottenga almeno 2 femmine è P (ne ottiene 0 oppure ne ottiene ) P (0 successi su n prove) P (esattamente successo su n prove) ( ) n 0 ( 2 )n ( ) n ( 2 )n ( 2 )n n( 2 )n f(n) Al crescre di n anche f(n) cresce Il numero di bambini che deve fare la coppia è quindi il più piccolo n tale che f(n) supera 0,75 Viene n Esercizio 3 Un amico lancia 2 volte una moneta e vi dice che almeno una volta è venuto testa Qual è la probabilità che al primo lancio sia venuto testa? Soluzione Sia A i l evento esce testa al lancio i-esimo Gli eventi A i sono prove di Bernoulli con probabilità di successo 2 Il testo chiede di calcolare P (A A A 2 ) In particolare, per l indipendenza degli A i si ha P (A A 2 ) P (A )P (A 2 ) Allora, P (A A A 2 ) P (A (A A 2 )) P (A A 2 ) P (A ) P (A ) + P (A 2 ) P (A A 2 ) P (A ) P (A ) + P (A 2 ) P (A )P (A 2 ) 2 3 Esercizio 4 Un urna contiene 8 palline rosse, 7 palline blu e 5 palline verdi Si estraggono (senza restituzione) 2 palline, che risultano di colori differenti Data quest informazione, qual è la probabilità che si tratti di una pallina rossa e di una blu? Soluzione Sia A rb l evento si sono estratte una pallina rossa ed una blu, e sia B l evento le due palline estratte sono di colori differenti Il testo richiede di calcolare P (A B) Per definizione P (A B) P (A B) P (B) Siccome A B, P (A ( 20 2 ) Indichiamo con A rv l evento si sono estratte una pallina rossa ed una verde, e con A bv l evento si sono estratte una pallina blu ed B) P (A) (8 )( 7 )( 5 0)

5 5 una verde Gli eventi A rb,a rv,a bv sono a due a due incompatibili e la loro unione è B Quindi P (B) P (A rb ) + P (A rv ) + P (A bv ) )( (8 7 )( 5 0) + )( (8 7 0)( 5 ) + 0)( (8 7 )( 5 ) ( 20 2 ) ( 20 2 ) ( 20 2 ) Esercizio 5 In una cittadina il 60% degli abitanti è abbonato al giornale a, il 40% al giornale b, ed il 30% ad entrambi Si prende una persona a caso tra quelle che sono abbonate ad almeno uno dei due giornali Qual è la probabilità che questa persona sia abbonata al giornale a? Soluzione Sia A l evento la persona è abbonata al giornale a, e B l evento la persona è abbonata al giornale b Le informazioni nel testo portano a modellare la situazione dicendo che P (A) 60 calcolare P (A A B) P (A) P (A)+P (B) P (A B) , P (B), P (A B), e che dobbiamo Si ha che P (A A B) P [A (A B)] P (A B) P (A) P (A B) Esercizio 6 Supponiamo che, in un certo paese, la probabilità che un uomo sposato voti sia 0,45, la probabilità che una donna sposata voti sia 0,4, e la probabilità che una donna sposata voti, dato che suo marito vota, sia 0,6 Presa una coppia sposata a caso, calcolare la probabilità che (a) entrambi votino; (b) l uomo voti, dato che sua moglie vota Soluzione Consideriamo la coppia scelta Sia A l evento la donna vot, e B l evento l uomo voti Le informazioni nel testo portano a modellare la situazione dicendo che P (A) 0, 4, P (B) 0, 45, P (A B) 0, 6, e che si deve calcolare (a) P (A B), (b) P (B A) Si ha P (A B) P (A B)P (B) 0, 6 0, 45 e P (B A) P (B A) P (A) 0,6 0,45 0,4 Esercizio 7 Dovete andare a prendere un amico all aereoporto, una certa mattina La vostra esperienza vi dice che l aereo arriva in ritardo il 70% delle volte quando piove, ma solo il 20% delle volte quando non piove Le previsioni del tempo per quella mattina danno pioggia al 40% Qual è la probabilità che l aereo arrivi in ritardo? Soluzione Consideriamo la mattina in questione Sia A l evento l aereo arriva in ritardo, e sia B l evento piove Usando le informazioni del testo si può dire che P (A B) 70, P (A Bc ) 20 40, P (B), e che dobbiamo calcolare P (A) Per il teorema delle probabilità totali P (A) P (A B)P (B) + P (A B c )P (B c ) ( ) Esercizio 8 Il 5% degli uomini e lo 0,25% delle donne è cieco ai colori Si può calcolare la probabilità che una persona cieca ai colori sia un uomo? Soluzione Prendiamo a caso una persona Sia A l evento la persona è un uomo e B l evento la persona è cieca ai colori Il testo ci porta a dire che P (B A) 5, P (B Ac ) 25 00, Si vorrebbe calcolare P (A B) Per il teorema P (B A)P (A) di Bayes, si ha che P (A B) P (A) P (B A)P (A)+P (B A c )P (A c ) 5 5 P (A)+P ( )( P (A), ma non si può concludere il conto perché non conosciamo P (A) Esercizio 9 Il test della proteina alpha fetale viene usato per individuare la spina bifida nei feti La spina bifida è presente in su 000 nati La letteratura sul test indica che nel 5% dei casi un feto normale causa una reazione positiva Assumiamo che il test sia sempre positivo quando la spina bifida c è Ad una donna viene

6 6 comunicato che il test è positivo Qual è la probabilità che il suo bambino abbia la spina bifida? Soluzione Sia A l evento il feto ha la spina bifida e B l evento il test è positivo Sulla base del testo si può dire che P (A) 0, P (B Ac ) 5, P (B A) Si deve calcolare P (A B) Per il teorema di Bayes P (A B) P (B A)P (A) P (B A)P (A)+P (B A c )P (A c ) ( 0 ) Esercizio 20 Una donna ha un fratello con l emofilia, ma i suoi genitori non hanno la malattia Poiché l emofilia è causata da un gene recessivo h sul cromosoma X, si può dedurre che la madre della donna è una portatrice sana (cioè ha il gene dell omofilia h su uno dei suoi cromosomi X ed il gene sano H sull altro cromosoma X) Poiché la donna ha ricevuto un cromosoma X dalla madre ed uno dal padre, c è probabilità /2 che essa sia portatrice sana, e, in tal caso, c è probabilità /2 che i suoi figli maschi (con padre senza la malattia) abbiano la malattia Se la donna ha due figli maschi senza la malattia, qual è la probabilità che sia una portatrice sana? Soluzione Sia A l evento la donna è una portatrice sana, B i l evento l iesimo figlio maschio ha la malattia, con i, 2 Per la natura del problema, la donna è sana oppure è una portatrice sana, e si può anche dire che B e B 2 sono indipendenti, nell ipotesi che la donna sia portatrice sana Inoltre, P (B A) P (B 2 A) 2, e P (A) 2 Dobbiamo calcolare P (A B B 2 ) Per il teorema di Bayes, P (A B B 2 ) P (B B 2 A)P (A) B B 2 A c )P (A c )+B B 2 A)P (A) P (B A)P (B 2 A)P (A) P (B A)P (B 2 A)P (A)+P (B B 2 A c )P (A c ) Esercizio 2 Una compagnia aerea vende 200 biglietti per un aereoplano con 98 posti, sapendo che la probabilità che un passeggero non si presenti è 0,0 Calcolare la probabilità che ci siano posti per tutti i passeggeri che si presentano Soluzione Anche se non è molto realistico, assumiamo che i passeggeri agiscano indipendentemente l uno dall altro Allora, posto A i (l iesimo passeggero si presenta), gli eventi A i sono 200 prove di Bernoulli con probabilità di successo 0, 99 Sia X il numero di passeggeri che si presentano La distribuzione di X è quella del numero si successi in 200 prove di Bernoulli(0,99), ovvero P (X k) ( ) 200 k (0, 99) k (0, 0) 200 k Allora P (tutti i passeggeri trovano posto) P (X 98) P (X 99) P (X 200) 200(0, 99) 99 0, 0 (0, 99) 200 Esercizio 22 Un uomo gioca alla roulette (una roulette che ha il doppio 0) e punta euro sul nero per 9 volte di seguito Ogni volta vince euro con probabilità 8/38 e perde euro con probabilità 20/38 Qual è il suo guadagno atteso? Soluzione Sia X il suo guadagno complessivo, e sia X i il suo guadagno la i- esima volta che gioca Si ha che E(X i ) , e quindi E(X) E(X + + X 9 ) E(X ) + + E(X 9 )

Ancora sull indipendenza. Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche

Ancora sull indipendenza. Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche Ancora sull indipendenza Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche A e B Ā e B Ā e B Sfruttiamo le leggi di De Morgan Leggi di De Morgan A B = Ā B A B = Ā B P (Ā B) = P (A B) = 1 P (A B) = 1 (P (A)

Dettagli

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità Calcolo delle Probabilità Il calcolo delle probabilità studia i modelli matematici delle cosidette situazioni di incertezza. Molte situazioni concrete sono caratterizzate a priori da incertezza su quello

Dettagli

Esercizi di calcolo combinatorio

Esercizi di calcolo combinatorio CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi di calcolo combinatorio Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability di Sheldon Ross, quinta

Dettagli

ESERCIZI. x + 3 x 2 1. a) y = 4x2 + 3x 2x + 2 ; b) y = 6x2 x 1. (x + 2) 2 c) y =

ESERCIZI. x + 3 x 2 1. a) y = 4x2 + 3x 2x + 2 ; b) y = 6x2 x 1. (x + 2) 2 c) y = ESERCIZI Testi (1) Un urna contiene 20 palline di cui 8 rosse 3 bianche e 9 nere; calcolare la probabilità che: (a) tutte e tre siano rosse; (b) tutte e tre bianche; (c) 2 rosse e una nera; (d) almeno

Dettagli

Calcolo combinatorio

Calcolo combinatorio Probabilità e Statistica Esercitazioni a.a. 2009/2010 C.d.L.S.: Ingegneria Civile-Architettonico, Ingegneria Civile-Strutturistico Calcolo combinatorio Ines Campa e Marco Longhi Probabilità e Statistica

Dettagli

CALCOLO COMBINATORIO

CALCOLO COMBINATORIO CALCOLO COMBINATORIO 1 Modi di formare gruppi di k oggetti presi da n dati 11 disposizioni semplici, permutazioni Dati n oggetti distinti a 1,, a n si chiamano disposizioni semplici di questi oggetti,

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 1. Si lancia una moneta 2 volte: qual è la probabilità che esca TESTA 0 volte? 1 volta? 2 volte? 2. Si lancia una moneta 3 volte:

Dettagli

Esercizio 1. Svolgimento

Esercizio 1. Svolgimento Esercizio 1 Vengono lanciate contemporaneamente 6 monete. Si calcoli: a) la probabilità che si presentino esattamente 2 testa ; b) la probabilità di ottenere almeno 4 testa ; c) la probabilità che l evento

Dettagli

Introduzione alla probabilità

Introduzione alla probabilità Introduzione alla probabilità CAPITOLO TEORIA Il dilemma di Monty Hall In un popolare show televisivo americano il presentatore mostra al concorrente tre porte chiuse. Dietro a una di esse si cela il premio

Dettagli

Lezioni di STATISTICA MATEMATICA A

Lezioni di STATISTICA MATEMATICA A Università di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Lezioni di STATISTICA MATEMATICA A Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Laurea in Ingegneria dei Materiali - Anno Accademico 010/11

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k Pordenone Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità UNIVERSITAS STUDIORUM UTINENSIS Giorgio T. Bagni Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Matematica e Informatica

Dettagli

8. Qual è la probabilità di estrarre da un mazzo di 40 carte napoletane una figura?

8. Qual è la probabilità di estrarre da un mazzo di 40 carte napoletane una figura? www.matematicamente.it Probabilità 1 Calcolo delle probabilità Cognome e nome: Classe Data 1. Quali affermazioni sono vere? A. Un evento impossibile ha probabilità 1 B. Un vento certo ha probabilità 0

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA SCHEDA DIDATTICA N 1

FACOLTA DI INGEGNERIA SCHEDA DIDATTICA N 1 FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO CORSO DI STATISTICA E CALCOLO DELLE PROBABILITA PROF. PASQUALE VERSACE SCHEDA DIDATTICA N ARGOMENTO: CALCOLO DELLE PROBABILITA

Dettagli

Lo schema di Bernoulli (o delle prove indipendenti): un esempio di modello probabilistico applicabile a diversi contesti

Lo schema di Bernoulli (o delle prove indipendenti): un esempio di modello probabilistico applicabile a diversi contesti Lo schema di Bernoulli (o delle prove indipendenti): un esempio di modello probabilistico applicabile a diversi contesti Rita Giuliano (Pisa) 0. Introduzione. È ormai acquisizione comune il fatto che uno

Dettagli

CALCOLO COMBINATORIO E PROBABILITA

CALCOLO COMBINATORIO E PROBABILITA CALCOLO COMBINATORIO E PROBABILITA Con calcolo combinatorio si indica quel settore della matematica che studia i possibili modi di raggruppare ed ordinare oggetti presi da un insieme assegnato, con l obiettivo

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Capitolo 8 - Introduzione alla probabilità

Capitolo 8 - Introduzione alla probabilità Appunti di Teoria dei Segnali Capitolo 8 - Introduzione alla probabilità Concetti preliminari di probabilità... Introduzione alla probabilità... Deinizione di spazio degli eventi... Deinizione di evento...

Dettagli

DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE

DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE variabile casuale (rv): regola che associa un numero ad ogni evento di uno spazio E. variabile casuale di Bernoulli: rv che può assumere solo due valori (e.g.,

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Probabilità e statistica. Veronica Gavagna

Probabilità e statistica. Veronica Gavagna Probabilità e statistica Veronica Gavagna Testa o croce? Immaginiamo di lanciare una moneta facendola cadere su un piano liscio chiunque dirà che la probabilità dell evento testa sarà del 50%, al pari

Dettagli

Lezione 10. La Statistica Inferenziale

Lezione 10. La Statistica Inferenziale Lezione 10 La Statistica Inferenziale Filosofia della scienza Secondo Aristotele, vi sono due vie attraverso le quali riusciamo a formare le nostre conoscenze: (1) la deduzione (2) l induzione. Lezione

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

La variabile casuale Binomiale

La variabile casuale Binomiale La variabile casuale Binomiale Si costruisce a partire dalla nozione di esperimento casuale Bernoulliano che consiste in un insieme di prove ripetute con le seguenti caratteristiche: i) ad ogni singola

Dettagli

La guerra delle posizioni

La guerra delle posizioni www.maestrantonella.it La guerra delle posizioni Gioco di carte per il consolidamento del valore posizionale delle cifre e per il confronto di numeri con l uso dei simboli convenzionali > e < Da 2 a 4

Dettagli

Test per portatori sani

Test per portatori sani 16 Test per portatori sani Tutti i nomi originali in questo opuscolo sono stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati. Queste informazioni sono state elaborate dal Genetic Interest Group.

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova SCUOLA MEDIA STATALE GIULIANO DA SANGALLO Via Giuliano da Sangallo,11-Corso Duca di Genova,135-00121 Roma Tel/fax 06/5691345-e.mail:scuola.sangallo@libero.it SELEZIONE INTERNA PER LA MARATONA DI MATEMATICA

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

19. Inclusioni tra spazi L p.

19. Inclusioni tra spazi L p. 19. Inclusioni tra spazi L p. Nel n. 15.1 abbiamo provato (Teorema 15.1.1) che, se la misura µ è finita, allora tra i corispondenti spazi L p (µ) si hanno le seguenti inclusioni: ( ) p, r ]0, + [ : p

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE MODELLI STATISTICI NELLA SIMULAZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Modelli statistici nella simulazione

Dettagli

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α?

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? QUESITO 1 Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? Applicando il Teorema dei seni si può determinare il valore di senza indeterminazione, in quanto dalla

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 Dott. Giuseppe Pandolfo 30 Settembre 2013 Popolazione statistica: insieme degli elementi oggetto dell indagine statistica. Unità statistica: ogni elemento della popolazione

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

MASTERCOM. L indirizzo internet per accedere al registro elettronico è: https://82.185.224.202/mastercom/index.php.

MASTERCOM. L indirizzo internet per accedere al registro elettronico è: https://82.185.224.202/mastercom/index.php. MASTERCOM La piattaforma MASTERCOM funziona con Mozilla Firefox. L indirizzo internet per accedere al registro elettronico è: https://82.185.224.202/mastercom/index.php. Tramite l indirizzo https://82.185.224.202/registro/index.php

Dettagli

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO DI GIOCO DELLA ROULETTE (al Casino Municipale di Campione d Italia) adottato con delib. C.C. n. 83 del 2.12.1993 approvata dal CRC con atto n. 13 in data 4.1.1994

Dettagli

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile.

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ Statistica5 23/10/13 Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. Se si afferma che un vitello di razza chianina pesa 780 kg a 18

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Blu che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Giallo che

Dettagli

Se si insiste non si vince

Se si insiste non si vince Se si insiste non si vince Livello scolare: 2 biennio Abilità interessate Valutare la probabilità in diversi contesti problematici. Distinguere tra eventi indipendenti e non. Valutare criticamente le informazioni

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi :

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologia Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Confronto tra due medie Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in

Dettagli

Esempi introduttivi Variabili casuali Eventi casuali e probabilità

Esempi introduttivi Variabili casuali Eventi casuali e probabilità Esempi introduttivi Esempio tipico di problema della meccanica razionale: traiettoria di un proiettile. Esempio tipico di problema idraulico: altezza d'acqua corrispondente a una portata assegnata. Come

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

La Bella Addormentata e altre illusioni probabilistiche. volcic@unical.it

La Bella Addormentata e altre illusioni probabilistiche. volcic@unical.it La Bella Addormentata e altre illusioni probabilistiche Aljoša Volčič volcic@unical.it Firenze, 25 novembre 2009 1 Che cosa è la probabilità? La probabilità di un evento A è la misura del grado di fiducia

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO Così come avviene per i numeri ( 180 = 5 ), la scomposizione in fattori di un polinomio è la trasformazione di un polinomio in un prodotto di più polinomi irriducibili

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio.

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio. Appunti di Analisi Matematica Docente:Fabio Camilli SAPIENZA, Università di Roma A.A. 4/5 http://www.dmmm.uniroma.it/~fabio.camilli/ (Versione del 9 luglio 5) Note scritte in collaborazione con il prof.

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1)

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1) Esercizi sulle distribuzioni binoiale e poissoniana Esercizio n. Una coppia ha tre figli. Calcolare la probabilità che abbia non più di un aschio se la probabilità di avere un aschio od una feina è sepre

Dettagli

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1 DIAGRAMMI A BLOCCHI TEORIA ED ESERCIZI 1 1 Il linguaggio dei diagrammi a blocchi è un possibile formalismo per la descrizione di algoritmi Il diagramma a blocchi, o flowchart, è una rappresentazione grafica

Dettagli

Matematica Discreta PARTE II

Matematica Discreta PARTE II Matematica Discreta PARTE II Giuseppe Lancia Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Indice 1 Piccioni e buche 1 1.1 Il principio della piccionaia, forma semplice............................

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ;

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; 1. Un triangolo ha area 3 e due lati che misurano 2 e 3. Qual è la misura del terzo lato? : L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; nel nostro

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 IMPAGINAZIONE DELLE REGOLE 1.0 Introduzione 2.0 Contenuto del gioco 3.0 Preparazione 4.0 Come si gioca 5.0 Fine del gioco

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Titolo della lezione Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Introduzione Analisi univariata, bivariata, multivariata Analizzare le relazioni tra i caratteri, per cercare

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale

4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale 4 Quarta lezione: Spazi di Banach e funzionali lineari. Spazio duale Spazi Metrici Ricordiamo che uno spazio metrico è una coppia (X, d) dove X è un insieme e d : X X [0, + [ è una funzione, detta metrica,

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli