SCOMMESSE SPORTIVE 1 LA PROBABILITÀ. Se indichiamo con A l evento lancio un dado ed esce il numero 6 abbiamo che ( ) 2 LE VARIABILI ALEATORIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCOMMESSE SPORTIVE 1 LA PROBABILITÀ. Se indichiamo con A l evento lancio un dado ed esce il numero 6 abbiamo che ( ) 2 LE VARIABILI ALEATORIE"

Transcript

1 SCOMMESSE SPORTIVE In questo manuale tenterò cercherò di illustrare il meccanismi che a grandi linee regolano il mondo delle scommesse sportive ed indicherò alcuni possibili punti deboli del sistema. Per farlo mi avvarrò il più possibile di grafici e tabelle che a mio parere risultano molto più chiari di una sequenza di parole. Le formule matematiche utilizzate saranno il più possibile semplificate. Tutta questa prima parte introduttiva ha come scopo quello di giungere ad una formulazione della Legge dei Grandi Numeri e di comporre la base per le considerazioni successive. 1 LA PROBABILITÀ Tutti abbiamo dimestichezza con il concetto di probabilità. Sappiamo ad esempio che lanciando un moneta c è una probabilità del 50% che esca testa ed una probabilità del 50% che esca croce. In generale possiamo dire che la probabilità è un valore compreso tra zero e uno che comunemente viene espresso in percentuale oppure con la dicitura c è una possibilità su... La probabilità misura la possibilità che si verifichi un dato evento. Se la probabilità è uguale a zero l evento è impossibile, se la probabilità è uno l evento accadrà certamente. Esempio. Se indichiamo con A l evento lancio un dado ed esce il numero 6 abbiamo che ( ) dove ( ) indica la probabilità dell evento A e il simbolo 1/6 è stata approssimata al secondo decimale. significa circa dal momento che la frazione 2 LE VARIABILI ALEATORIE Un fenomeno aleatorio è un fenomeno che non si può prevedere a priori. L etimologia dell aggettivo deriva da alea che in latino significa dado ( alea iacta est cioè il dado è tratto è la frase che pronunciò Cesare quando varcò il Rubicone ). Una variabile aleatoria è una variabile che ha associata una descrizione di tipo probabilistico. Le variabili aleatorie modellano i processi. Esempio Processo : LANCIO DI UN DADO. Il processo è modellato da una variabile aleatoria che può assumere i valori {1,2,3,4,5,6 }. Possiamo indicare con p(n) la probabilità che la variabile aleatoria assuma il valore n. In questo caso abbiamo che ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) La somma delle probabilità dei valori che una variabile aleatoria può assumere deve essere ovviamente uguale a 1. La funzione p può essere rappresentata in diverse maniere. Una maniera chiara ed elegante sono gli istogrammi (facilmente realizzabili in Excel)

2 Ogni barra dell istogramma rappresenta la probabilità che la variabile aleatoria assuma quel determinato valore. Una variabile aleatoria di questo tipo, dove tutti i possibili valori hanno la stessa probabilità, si dice equidistribuita. Per avere una variabile aleatoria che non sia equidistributia consideriamo il lancio di 2 dadi. In questo caso la variabile aleatoria x rappresenta la somma dei punteggi dei due dadi e può assumere i valori compresi tra 2 e 12. Per calcolare la probabilità di ogni singolo valore dobbiamo distinguere i due dadi, fare ad esempio conto che siano uno rosso e uno verde, e considerare tutte le coppie di valori (punteggio dado rosso, punteggio dado verde). Queste sono in tutto 36. Le rappresentiamo in una tabella di 6 righe per 6 colonne dove all interno mettiamo la somma dei sue valori Come si vede i punteggi totali si dispongono sul linee diagonali all interno della tabella. Abbiamo così che ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( )

3 Come si vede il valore più probabile è 7 seguito dai due nelle immediate vicinanze 6 e 8. Una distribuzione di probabilità di questo tipo è ben presente a chi pratica con assiduità il gioco del Monopoli. In questo gioco ogni giocatore acquista dei terreni sui quali può edificare case ed alberghi. I giocatori muovono il proprio segnalino lanciando due dadi. Quando un giocator finisce su un terreno di proprietà di un avversario deve versargli una certa somma che aumenta in funzione degli edifici che sul terreno sono stati realizzati. Il valore dei terreni e di conseguenza il prezzo da corrispondere aumenta man mano che si procede nel giro. I terreni che richiedono un esborso più economico sono i due siti sulla casella 1 e 3 del gioco (vicolo stretto de vicolo corto) mentre la mazzate più toste si prendono quando si giunge sugli ultimi due terreni, Parco della Vittoria e Viale dei Giardini. Nella casa 10 sita nell angolo in basso a sinistra c è la prigione. Si finisce in essa quando si raggiunge la casa diagonalmente opposta ad essa oppure quando si pesca un cartellino arancione degli imprevisti che vi ci manda. Dalla prigione si esce facendo un numero doppio (11,22, ecc) oppure al terzo tiro con il punteggio realizzato dai dadi pagando un ammenda. Di primo impatto verrebbe da dire che i terreni che rendono maggiormente sono i sue terreni viola ma in realtà simulazioni fatte con il calcolatore hanno dimostrato che non è così. I terreni più redditizi sono quelli sul lato sinistro della figura (gli arancioni ed i marron) dal momento che sono quelli dove si finisce con maggiore

4 probabilità quando si esce di prigione. Allo stesso modo un giocatore che parte dalla casella VIA sa che con una probabilità intorno al 50% finirà o su un terreno azzurro o nella casella degli imprevisti. Nel caso del lancio di 3 dadi la variabile aleatoria che modella la somma dei punti può assumere valori compresi tra 3 e 18. La corrispondente distribuzione delle probabilità è quella illustrata nell istogramma qui sopra. Avevo una professoressa di matematica al liceo che per decidere chi interrogare apriva a caso una pagina del libro e faceva la somma delle cifre del numero di pagina andando poi a pescare il nome corrispondente a quel numero sul registro di classe. Supponendo che la professoressa aprisse il libro in un pagina casuale compresa tra la numero 50 e la numero 100 e che guardasse unicamente le pagine numerate pari si ottiene un istogramma di questo tipo Come si vede la procedura non era delle più eque. I numeri 3 4 e 5 del registro e quelli oltre il 17 (non mi ricordo in quanti fossimo) erano al sicuro mentre coloro che rischiavano di più erano i numeri 9 11 e 13.

5 3 LA MEDIA La media è un parametro statistico fondamentale per avere l ordine di grandezza di una variabile aleatoria. Per calcolare la media di una variabile aleatoria occorre moltiplicare tutti i suoi possibili valori per le corrispondenti probabilità. Esempio La variabile aleatoria x assume i valori 3,4,5 e,6 con ( ) ( ) ( ) ( ) Calcoliamo la sua media ( )( ) ( )( ) ( )( ) ( )( ) Nel caso di variabili aleatorie equidistribuite su un numero n di valori abbiamo che la probabilità che la variabile aleatoria assuma un dato valore è 1/n e dunque la media della variabile aleatoria è data dalla somma di tutti i suoi valori divisa per n. Nel caso di una distribuzione di probabilità simmetrica come quella che si ha nel lancio di due dadi si può verificare che la media coincide con il valore centrale cioè 7. 4 FREQUENZE STATISTICHE Supponiamo ora di eseguire realmente il processo modellato dalla variabile aleatoria per esempio di eseguire 10 lanci di un dado ed ottenere i punteggi Fare la statistica dei risultati ottenuti significa calcolare le frequenze con le quali si sono ottenuti i vari valori cioè contare il numero di volte che è uscito ciascun valore e dividerlo per il numero di prove. In questo caso, se la funzione f indica la frequenza abbiamo ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ). La media dei risultati ottenuti invece è data dalla somma di essi divisa per il numero delle prove. In questo caso abbiamo La lettera maiuscola M è stata usata per distinguere questo concetto di media da quello di media di una variabile aleatoria. 5 LA LEGGE DEI GRANDI NUMERI Chiamiamo probabilità teoriche le probabilità p(x) relative ad una certa variabile aleatoria x mentre le frequenze teoriche ( ) le frequenze che si sono ottenute facendo la statistica su n prove del processo modellato dalla variabile x (nell esempio precedente era n=10). La legge dei grandi numeri dice in sostanza che all aumentare del numero delle prove n le frequenze statistiche tendono sempre più ad avvicinarsi alle medie teoriche. In pratica proseguendo nell esempio di prima si avrebbe che facendo la statistica su un numero maggiore di lanci del dado (1000, 5000, 10000) ecc. le frequenze tenderebbero sempre più ad appiattirsi avvicinandosi al valore 0.17 che è la probabilità teorica.

6 In figura sono stati simulati lanci di un dado con un calcolatore e sono state messe su un grafico le frequenze di uscita del numero 1 via via ottenute. Si vede che a partire da circa il 5000 esimo lancio la frequenza in pratica è indistinguibile dalla probabilità teorica rappresentata dalla linea rossa. Discorso analogo vale anche per le medie. All aumentare del numero delle prove la media statistica M dei valori ottenuti si avvicina sempre di più alla media teorica m della variabile aleatoria che modella il processo. La legge dei grandi numeri viene di sovente citata a sproposito. Per esempio un allenatore potrebbe dire abbiamo perso le prime 4 partite e quindi per la legge dei grandi numeri la quinta dovremmo vincerla. In questo caso si può muovere l obiezione che 5 non è un grande numero. In altri contesti quali il gioco del lotto la legge dei grandi numeri è associata alla teoria dei ritardi. Se ad esempio il numero 1 non esce da 50 estrazioni sulla ruota di Bari si ritiene allora che all estrazione successiva abbia più probabilità degli altri di uscire dal momento che per la legge dei grandi numeri tutte le frequenze di uscita devono tendere a riequilibrarsi. In realtà la probabilità che il numero 1 esca alla 51 estrazione è sempre 5/90 (la ruota del lotto non ha memoria). 6 GIOCHI CON PREMIO PROPORZIONALE ALLA GIOCATA Il lotto, la roulette, le scommesse stesse seguono tutte lo stesso schema di gioco. Il giocatore gioca (o punta ne caso delle scommesse) una certa cifra sull esito di un dato evento (l uscita di una certa combinazione al lotto, un numero della roulette o il risultato di una partita). Il gestore del gioco (banco o agenzia di scommesse) intasca subito la somma giocata. Se il giocatore indovina l esito dell evento gli viene restituita una somma pari all importo che ha giocato moltiplicato per un certo fattore (nelle scommesse questo fattore prende il nome di quota). Se ad esempio giochiamo un euro ed il fattore moltiplicativo è pari a 5 abbiamo che se non indoviniamo perdiamo l euro giocato mentre se vinciamo ci vengono restituiti 5 euro e pertanto il guadagno che ne otteniamo è di 4 euro. Esistono anche altri giochi, quali il superenalotto od il totocalcio, che seguono un altro schema. In questi giochi il numero totale delle puntate dei giocatori forma il monte giocate. Di questo solo una parte, il 38% circa va a formare il montepremi mentre il rimanente 62% viene trattenuto netto dal gestore del gioco. In pratica per ogni euro giocato al superenalotto la SISAL sa già che 62 centesimi saranno suoi mentre i rimanenti 38 dovrà metterli a disposizione dei vincitori. Il montepremi viene suddiviso tra le varie categorie di vincita e di lì spartito tra tutti i vincitori di quella categoria. La differenza tra i due sistemi di gestione del gioco è evidente. La SISAL sa che comunque vadano le cose ad ogni estrazione sarà sempre in attivo di un capitale pari al 62% del monte giocate. La LOTTOMATICA che gestisce il gioco del lotto ha invece un margine di guadagno variabile. Per assurdo potrebbe accadere che un guru vada in televisione suggerendo i 5 numeri vincenti su una data ruota, che un gran numero di giocatori li giochi e che questi escano davvero. In questo caso la LOTTOMATICA fallirebbe. 7 I GIOCHI D AZZARDO Nessun gestore di giochi d azzardo fa della beneficenza e quindi ognuno si tiene un proprio margine di guadagno. Il guadagno deriva dal corrispondere quale fattore moltiplicativo della puntata un valore inferiore a quello onesto. Ad esempio se si partecipa ad un gioco che può avere solo due possibili esiti entrambi con la stessa probabilità il fattore moltiplicativo non sarà 2 ma sarà sempre un valore un po inferiore. In pratica giocando un euro al 50% lo perderemmo mentre al 50% ci verrebbero ridati ad esempio 1.90 euro con un conseguente nostro guadagno di soli 90 centesimi. Il gioco più onesto al mondo è la roulette. Essa si compone di 37 numeri (da 0 a 36) e quindi la probabilità di vincere puntando su di un numero vale 1/37. In caso di vittoria viene restituita la puntata moltiplicata per 36. Facciamo che la variabile aleatoria x rappresenti il nostro guadagno unitario (cioè quello che si ha giocando un euro) ad ogni puntata. Se x è positiva abbiamo effettivamente un guadagno mentre se è negativa abbiamo una perdita. La variabile aleatoria x può assumere solo 2 valori

7 1) Se vinciamo x vale 36-1=35. Ciò avviene con probabilità ( ) 2) Se perdiamo x vale -1. Ciò avviene con probabilità 36/37 Calcoliamo la media della variabile aleatoria x e la chiamiamo guadagno medio g ( ) ( ) ( ) ( ) All aumentare del numero delle giocate il guadagno per ogni euro puntato si attesterà sempre più verso questo valore. Se per esempio facessimo 1000 giocate da un euro ci ritroveremmo a fine serata con una perdita attorno ai 27 euro. La perdita che si ha su grandi numeri di giocate va ovviamente a vantaggio del banco che si ritroverà a fine serata con un guadagno circa pari al 2.7% del totale delle giocate effettuate.

8 In queste 2 figure sono mostrate due simulazioni fatte al calcolatore. Tre giocatori effettuano puntate da un euro. I corrispondenti guadagno sono rappresentati dalle 3 linee rossa blue e verde. La linea nera rappresenta il guadagno del banco. Nella prima simulazione alla fine i 3 giocatori si ritrovano tutti in perdita mentre il banco realizza un forte guadagno. Nella seconda due dei giocatori hanno alla fine un leggero guadagno ma ciò non basta a mandare in perdita il banco dal momento che le vincete sono compensate dalle perdite del giocatore rosso. In generale non è vero che ai giochi d azzardo alla fine ci si rimette sempre (andatelo a chiedere al tipo che vinse 70 milioni di euro al superenalotto). Sta di fatto che nella stragrande maggioranza dei casi con il gioco d azzardo non ci si arricchisce e talvolta ci si rovina. Per dare un idea dell onestà del gioco della roulette consideriamo invece il gioco del lotto. In esso è possibile ad esempio puntare sull estratto semplice (cioè sul fatto che un dato numero esca su una data ruota). Dal momento che gli estratti di una ruota sono 5 ed i numeri 90 abbiamo che la probabilità che un dato numero sia estratto vale 5/90=1/18. La vincita è pagata volte la somma giocata. Come prima, giocando un euro, abbiamo il guadagno x che può assumere 2 valori e cioè con un probabilità pari a 1/18 e -1 con probabilità 17/18. Abbiamo allora che ( ) ( ) Come si vede in questo caso il guadagno del banco è del 38%. Per altre combinazioni giocate (ambo, terno ecc.) i guadagni del banco sono ancora maggiori. 8 LE SCOMMESSE Le scommesse seguono come già detto lo stesso schema dei giochi d azzardo. Il fattore moltiplicativo della puntata si dice quota. A differenza che nei giochi d azzardo la quota non è fissa ma varia da evento ad evento a seconda delle valutazioni che l agenzia di scommesse fa riguardo all esito dell evento. Se la

9 vittoria di una squadra è abbastanza probabile verrà pagata una quota bassa mentre se è improbabile verrà pagata una quota alta. A differenza che nei giochi d azzardo nelle scommesse subentra una componente di abilità. In teoria siamo in grado di guadagnare soldi se siamo più abili della compagnia ad interpretare gli esiti degli eventi sportivi e se puntiamo su quelli secondo noi più favorevoli. Vediamo innanzi tutto il meccanismo di formazione delle quote. Vi sono incontri di calcio dove è possibile praticamente scommettere su tutto (prima squadra che segnerà, minuto del primo gol, numero degli ammoniti ecc ). Talvolta viene quotata anche quale delle squadre tirerà il calcio di inizio. In questo caso la probabilità che sia una o l altra squadra è del 50%. La quota proposta varia da 1.85 a Poniamoci nella migliore delle ipotesi. Stiamo scommettendo su JUVENUS-INTER e puntiamo un euro sul fatto che il calcio di inizio sarà tirato dalla Juventus. Il meccanismo di calcolo del guadagno è lo stesso visto prima. Se la Juventus tira effettivamente il calcio di inizio vinciamo =0.90 euro, se il calcio di inizio è tirato dall Inter perdiamo un euro. ( )( ) ( )( )( ) In pratica in media perdiamo 5 centesimi (cioè il 5% di quanto giocato). Tale perdita corrisponde al guadagno dell agenzia di scommesse. Supponiamo adesso che le opinioni circa l esito finale dell incontro siano sintetizzate in un valore probabilistico. Siano le probabilità che il lo scommettitore assegna ai 3 possibili esiti e le corrispondenti probabilità assegnate dall agenzia di scommesse. Ad esempio potremmo avere una situazione di questo tipo JUVENTUS -INTER p p' 1 50% 40% X 30% 30% 2 20% 30% Come si vede l agenzia di scommesse prevede una partita molto equilibrata mentre lo scommettitore magari per ragioni di tifo vede la Juventus più favorita. Consideriamo una generica quota q data dall agenzia di scommesse per uno dei 3 esiti avente probabilità p. Quanto vale il guadagno della compagnia nell ipotesi di una scommessa da un euro? Identifichiamo questo guadagno come g. In questo caso abbiamo che se lo scommettitore indovina il risultato, cosa che può accadere secondo l agenzia con una probabilità pari a p l agenzia ci rimette q- 1 mentre se lo scommettitore sbaglia il pronostico, cosa che accade con probabilità 1-p l agenzia guadagna 1 euro. Quindi ( )( ) ( ) Adesso supponiamo che l agenzia voglia determinare la quota q che le garantisca un certo guadagno g. Invertendo la formula abbiamo Consideriamo l esempio precedente e che l agenzia voglia un guadagno di 0.05 euro per ogni euro giocato (come nel caso del calcio di inizio visto sopra). Avremo che : Queste sono le quote che l agenzia proporrà agli scommettitori. Ora consideriamo le nostre probabilità p ed andiamo a valutare la scommessa per noi più conveniente In generale se q è la quota proposta e p la corrispondente probabilità da noi assegnata a quell evento abbiamo che scommettendo un euro vinciamo q-1 euro con probabilità p e ne perdiamo 1 con probabilità 1-p

10 Quindi ( ) ( )( ) Quindi con riferimento alla partita in questione avremo ( )( ) ( )( ) ( )( ) Come si vede la scommessa più conveniente, che poi è l unica a guadagno positivo, è per noi quella sul segno 1. Può anche darsi che su di un dato evento nessuna delle possibili opzioni di scommessa risulti conveniente. Ciò accade quando le probabilità che lo scommettitore assegna ai 3 esiti sono uguali o molto vicine a quelle assegnate dall agenzia. Il modello proposto è semplificato all essenziale. Talvolta le quote date dall agenzia vengono determinate sulla base di meccanismi diversi. Per esempio in presenza di una forte concentrazione di puntate su di una dato esito l agenzia ritoccherà quella quota verso il basso ed alzerà le quote degli altri esiti in modo da riequilibrare la situazione ed evitare di rimetterci una somma ingente di denaro nella peggiore delle condizioni. 8.1 TIPOLOGIE DI SCOMMESSE Su di un incontro di calcio sono quotati tutta una serie di tipi di scommesse. Le più comuni, quelle che prenderemo in considerazione sono le seguenti 1) Risultato finale 1 X 2 2) Doppia Chance. Si scommette su due possibili esiti (come le doppie del gioco del totocalcio). Abbiamo quindi 1X (doppia chance in) X2 (doppia chance out) e 12 (doppia chance in-out) 3) Risultato esatto. Negli esempi considereremo le quote date per tutti i possibili risultati nei quali una delle due squadre segna da zero a 4 reti. In totale abbiamo 25 possibili risultati con l aggiunta di un opzione ALTRO che considera tutti gli altri possibili risultati. Quindi in tutto è possibile scommettere su 26 esiti 4) GOL-NON GOL. L opzione GOL significa che tutte e due le squadre segneranno almeno una rete mentre l opzione NON-GOL significa che almeno una delle due squadre non segnerà. 5) UNDER. Le scommesse UNDER 1.5, UNDER 2.5, UNDER 3.5 e UNDER 4.5 comprendono i casi in cui la somma delle reti dell incontro sia inferiore a 1,2,3 o 4 gol rispettivamente. Se ad esempio l esito di un incontro è 1-1 la scommessa fatta su una UNDER 1.5 è persa mentre le scommesse fatte sulle UNDER 2.5, UNDER 3.5 e UNDER 4.5 sono vinte. 6) OVER. Sono il contrario delle under. Le scommesse OVER 1.5, OVER 2.5, OVER 3.5 e over 4.5 comprendono i casi in cui il numero totale di reti sia maggiore di 1,2,3 o 4 reti rispettivamente. Nell esempio dell esito finale 1-1 vincono gli scommettitori che hanno puntato sulle over 1.5 e perdono quelli che hanno giocato le OVER 2.5, OVER 3.5 e over DETERMINAZIONE DELLE PROBABILITÀ CHE L AGENZIA ASSEGNA AGLI ESITI DI UN EVENTO E DEL CORRRISPONDENTE GUADAGNO. In questo paragrafo ci poniamo nell ipotesi che su una data tipologia di scommessa l agenzia si riservi un guadagno g uguale per tutte le opzioni. È possibile esaminando unicamente quote risalire alle probabilità che l agenzia assegna ai vari esiti e al guadagno g? Sappiamo che per un generico evento avente probabilità p e quota q il guadagno g vale. Se consideriamo gli esiti 1X2 abbiamo che deve essere

11 A questo va aggiunto che la somma delle probabilità dei 3 eventi deve essere 1. Ne deriva un sistema di 4 equazioni nelle incognite { Consideriamo un esempio reale JUVENTUS-REAL MADRID Il sistema diventa { Questo sistema può essere risolto con il metodo di sostituzione. Per chi ha dimestichezza con il calcolo matriciale si può utilizzare la funzione che calcola la matrice inversa della matrice del sistema (tale funzione è presente ad esempio in Excel). Nella fattispecie si ottiene Come si vede l agenzia vede la sfida molto equilibrata con la Juventus leggermente favorita (per la cronaca l incontro terminerà con un pareggio). Il guadagno dell agenzia è dell 8%. La matrice del sistema è in generale questa [ ] Se n sono i possibili esiti la matrice ha dimensione n+1 per n+1. Le quote sono sulla diagonale. L ultima riga e l ultima colonna sono una fila di valori 1. Fa eccezione l elemento in basso a destra che è sempre zero. La colonna dei termini noti invece è formata da n+1 valori ANALISI GENERALE DELLE QUOTE DATE PER UNA CERTA PARTITA Facciamo riferimento all incontro UCRAINA-FRANCIA (per la cronaca il risultato finale è stato 2-0) Le quote fornite sono le seguenti quelle riportate in tabella. Evidenziati in blu vi sono possibili esiti e sotto ciascuno di essi la quota corrispondente.

12 SEGNO 1 X 2 1X X2 12 GOL NO GOL 2,90 3,20 2,40 1,52 1,37 1,31 1,90 1,80 U/O U 1,5 U 2,5 U 3,5 U 4,5 O 1,5 O 2,5 O 3,5 O 4,5 2,70 1,57 1,18 1,04 1,38 2,25 4,00 7,00 RIS ,00 16,00 12,00 50,00 25,00 RIS ,00 80,00 66,00 75,00 150,00 RIS ,50 12,00 10,00 40,00 20,00 RIS ,00 50,00 50,00 66,00 100,00 RIS ALTRO 7,50 6,00 15,00 66,00 200,00 33,00 Come si vede le quote massime si hanno sui risultati esatti altamente improbabili (in questo caso il 4-4 quotato a 2). Un altra osservazione che si può fare riguarda l andamento delle quote delle under e delle over. Come si vede le under diminuiscono all aumentare del valore di riferimento mentre le over aumentano e ciò in ragione del fatto che un incontro termina con maggiore probabilità con una somma delle reti bassa anziché alta. Con il metodo visto prima calcoliamo le probabilità assegnate ed i guadagni per le varie tipologie di scommesse. 1) Esito finale. Abbiamo

13 2) Doppia chance. Per calcolare le probabilità delle doppie chance sommiamo tra loro le probabilità ottenute per i singoli esiti Le quote sono calcolate su queste probabilità ed applicando lo stesso guadagno dei pronostici singoli 3) UNDER/OVER P'.UNDER P'.OVER g' 1,5 33,82% 66,18% 8,68% 2,5 58,90% 41,10% 7,53% 3,5 77,22% 22,78% 8,88% 4,5 87,06% 12,94% 9,45% Come si vede i guadagni dell agenzia per le under e le over sono superiori rispetto a quelli che l agenzia realizza sulle opzioni 1X2 e sulle doppie chance. In generale quindi le under e over sono opzioni meno convenienti da giocare rispetto alle precedenti. 4) GOL-NON GOL Anche in questo caso il guadagno della compagnia è superiore a quello che si ha nelle opzioni 1X2 5) RISULTATO ESATTO In questo caso occorre costruire una matrice di 27 righe per 27 colonne e mettere disporre le quote secondo i criteri prima illustrati. Si ottiene la tabella seguente RIS prob 9.65% 4.70% 6.43% 1.54% 3.09% RIS prob 1.54% 0.96% 1.17% 1.03% 0.51% RIS prob 10.29% 6.43% 7.72% 1.93% 3.86% RIS Prob. 1.93% 1.54% 1.54% 1.17% 0.77% RIS ALTRO Prob % 12.86% 5.14% 1.17% 0.39% 2.34% Il guadagno vale %. Puntare sul risultato significa quindi ambire a vincite alte ( si può anche vincere 200 volte la posta in gioco). Si tratta però unicamente di un esca per attirare lo scommettitore. Le quote date dall agenzia sui risultati esatti sono abbondantemente sottostimate ed è lì che l agenzia medesima ha il maggior margine di guadagno. Per avere un idea più chiara di quali siano i risultati più probabili e meno probabili è opportuno utilizzare ancora un istogramma

14 In questo caso i dati sono stati raggruppati sull asse orizzontale per somma totale di reti. Per mancanza di dati non si è potuto proseguire oltre le 4 reti totali segnate (il risultato 5-0 ad esempio non è preso in considerazione dall agenzia) e pertanto tutte le opzioni con più di 4 reti segnate sono raggruppate nella barra ALTRO. Si cede comunque che il risultato più comune è UN CALCOLO ALTERNATIVO DELLE PROBABILITÀ E DEI GUADAGNI La tabella precedente con le probabilità assegnate ad ogni singolo esito ci permette di calcolare le probabilità delle varie altre opzioni (1,X,2, under, over ecc.) in una maniera diversa e confrontare i risultati. Per esempio per calcolare la probabilità di uscita del segno 1 basta sommare le probabilità tutti i risultati nei quali prevale la squadra di casa. Nel caso 1X2 si è fatta l ipotesi che ne caso nell incontro una squadra segni più di 5 gol questa è sempre quella di casa e dunque la probabilità dell opzione ALTRO è stata aggiunta alla probabilità del segno 1. Si sono ottenuti i risultati seguenti 1 X 2 1X X2 12 GOL NOGOL 32,97% 29,85% 37,18% 62,82% 67,03% 70,15% 52,66% 47,34% U1,5 O21,5 U2,5 O2,5 U3,5 O3,5 U4,5 O4,5 30,22% 69,78% 54,22% 45,78% 71,84% 28,16% 86,95% 13,05% Anche in questo caso le righe blu indicano il tipo di giocata e sotto ciascuna opzione vi è la corrispondente probabilità calcolata. Adesso facciamo un confronto tra le probabilità ottenute con questo metodo e quelle ottenute precedentemente analizzando le varie tipologie di scommesse singolarmente.

15 Come si nota esistono delle discrepanze. Le massime si hanno sulle under/over 2.5 e 3.5 e sono dell ordine del 4%-5%. Tali differenze sono dovute ad imperfezioni del nostro modello (il guadagno su ogni possibile opzione di un evento non è costante, l agenzia cerca di indirizzare le giocate su una certa tipologia ecc.) 8.6 LA SCELTA DELLA SCOMMESSA DA EFFETTUARE Come abbiamo visto per scegliere la scommessa a guadagno medio più alto dobbiamo avere una stima delle probabilità dei veri eventi. Questa può venire da considerazioni personali, dalla consultazione di riviste specializzate o quant altro. In ogni caso per vincere dobbiamo essere più bravi degli esperti dell agenzia di scommesse in modo da compensare il margine di guadagno che le agenzie si riservano nelle quotazioni. Un possibile criterio di valutazione è quello di calcolare la media delle probabilità assegnate agli eventi che si sono effettivamente verificati. Esempio GIOCATORE AGENZIA P1 PX P2 P1' PX' P2' ESITO PARTITA 1 45% 25% 30% 40% 30% 30% 1 PARTITA 2 26% 51% 23% 25% 50% 25% X PARTITA 3 22% 52% 26% 20% 50% 30% 1 PARTITA 4 40% 30% 30% 33% 33% 34% 2 PARTITA 5 60% 20% 20% 60% 30% 10% X PARTITA 6 55% 30% 15% 50% 30% 20% 1 PARTITA 7 20% 20% 60% 20% 20% 60% 1 PARTITA 8 55% 40% 5% 50% 40% 10% 1 PARTITA 9 50% 25% 25% 50% 30% 20% 2 PARTITA 10 40% 30% 30% 34% 33% 33% X PARTITA 11 15% 25% 60% 20% 20% 60% X PARTITA 12 35% 45% 20% 30% 40% 30% X prob. Esiti media 35,25% prob. Esiti media 33,92%

16 In tabella sono riportati 12 ipotetici incontri. Sulle prime tre colonne sono riportate le probabilità che il giocatore assegna ad ognuno dei tre esiti mentre sulle colonne dalla quarta alla sesta sono riportate le probabilità assegnate dall agenzia di scommesse. Sull ultima colonna in rosso sono riportati gli esiti effettivi degli incontri. In base a questi è possibile fare un controllo a posteriori cioè andare a vedere che probabilità erano state assegnate dal giocatore e dall agenzia agli eventi che si sono effettivamente verificati e valutare chi sia stato il più bravo. Le probabilità degli esiti che si sono verificati sono evidenziate in verde. Se facciamo la somma delle probabilità evidenziate in verde relative al giocatore otteniamo un media del 35.25%. Se facciamo lo stesso per l agenzia otteniamo il valore 33.92%. Vuol dire che il giocatore ha un metodo di valutare le probabilità migliore di quello dell agenzia e quindi può avere qualche chance di guadagnare scommettendo. Se un test come questo dà esiti negativi, cioè le probabilità medie assegnate dal giocatore sono peggiori od uguali a quelle dell agenzia allora conviene non giocare secondo questi criteri dal momento che ciò comporterebbe alla lunga una perdita sicura come avviene per i giochi d azzardo. Possiamo provare a sfruttare la discrepanza vista prima, cioè quella tra le probabilità degli eventi calcolata direttamente dalle quote di essi e le probabilità degli eventi calcolata in base alle probabilità dei singoli risultati. Facciamo cioè conto che le probabilità sui singoli risultati siano quelle più affidabili e nelle nostre valutazioni prendiamo quali nostre probabilità di riferimento quelle che derivano da essi. Riconsideriamo la tabella relativa ad UCRAINA-FRANCIA. Aggiungiamo le righe con le probabilità delle varie opzioni ed i relativi guadagni medi 1 X 2 1X X2 12 GOL NO GOL 2,90 3,20 2,40 1,52 1,37 1,31 1,90 1, % 29.85% 37.18% 62.82% 67.03% 70.15% 52.66% 47.34% U 1,5 U 2,5 U 3,5 U 4,5 O 1,5 O 2,5 O 3,5 O 4,5 2,70 1,57 1,18 1,04 1,38 2,25 4,00 7, % 44.57% 71.84% 86.95% 69.78% 55.43% 28.16% 13.05% Come si vede la scommessa più conveniente in questo risulta essere la OVER LE MULTIPLE Una scommessa multipla è una scommessa effettuata su più partite ed equivale ad una scommessa nella quale la quota è pari al prodotto delle quote delle opzioni giocate. La scommessa multipla è vinta se tutte le opzioni sulle quali si scommette si realizzano. Esempio Giochiamo il segno 1 su JUVENTUS-UDINESE quotato a 1.70, 1X su ROMA CHIEVO quotato a 1.01 e la OVER 2.5 su NAPOLI-LAZIO quotata a La quota della multipla vale (1.70)(1.01)(2.50)=4.29. Puntando un euro ne riceviamo di ritorno se tutte e 3 le opzioni giocate. Supponiamo ora di avere il solito euro da scommettere e di avere a disposizione due opzioni relative a partite diverse entrambe a guadagno positivo. Esempio ATALANTA-LAZIO segno 1 quotato a 1.52 con probabilità 70 % (guadagno 0.06) e BOLOGNA-FIORENTINA con la OVER 2.5 quotata a 2.30 e probabilità 55% (guadagno 0.23). Conviene giocare l euro sull opzione più conveniente, in questo caso la OVER oppure giocare la multipla?

17 Se giochiamo la multipla la quota vale (1.52)(2.30)=3.50 mentre la probabilità di indovinare entrambi i risultati è pari al prodotto delle due probabilità e cioè (0.70)(0.55)=38.5%. Calcoliamo il guadagno medio della multipla ( )( ) Come si vede il guadagno della multipla è maggiore e quindi la giocata è conveniente. Questo è vero in generale Se e postivi con sono i guadagni medi di due giocate abbiamo che il guadagno medio della multipla vale. Dalle prime due equazioni ricaviamo e e quindi abbiamo ( )( ) Essendo i guadagni positivi per ipotesi si ha che A è positivo e quindi il guadagno della multipla è più grande del guadagno sulla scommessa singola. La multipla tra opzioni a guadagno positivo è sempre conveniente. 8.8 LA STRATEGIA DI GIOCO Le multiple sono dei moltiplicatori di guadagno. Grazie ad esse si possono ottenere dei guadagni medi elevati. All aumentare del guadagno medio abbiamo che diminuisce la probità di vincita (in pratica per avere un guadagno medio pari a 1000 occorre scommettere si tante partite e gli esiti della scommessa si devono realizzare tutti). A questo conviene domandarsi se sia opportuno puntare a guadagni elevati, con la prospettiva di fare magari una sola vincita nella vita come nel caso di un 14 al totocalcio oppure se sia più opportuno accontentarsi di guadagni modesti con vincite più frequenti. Occorre considerare vari fattori 1) La soddisfazione. Vincere un paio di volte nell arco di un campionato è più gratificante che realizzare una vincita sia pur più consistente dopo 10 anni di tentativi. 2) Le eventuali piccole vincite possono essere reinvestite aumentando l importo delle puntate. Un parametro fondamentale per la determinazione della strategia di gioco è la probabilità minima di vincita accettabile. Si tratta della minima probabilità di vincita in un singola scommessa che fa sì che con un alta probabilità vi sia almeno una vincita entro un dato numero di scommesse Esempio Trovare la probabilità minima per la quale si ha con probabilità del 99.9% almeno una vincita in 100 scommesse. Se è la probabilità di vincita in una singola scommessa abbiamo che quella di non vincita vale. Non ho un vincita per 100 scommesse quando per 100 volte si ripete un evento di probabilità e dunque la probabilità che ciò accada vale ( ). Ne deriva che si ha almeno una vincita in 100 concorsi con probabilità ( ). Voglio che ( ) Risolvendo la disequazione ( ) ( ) ( ) Dunque la probabilità minima vale 6.7% e giocando sempre delle multiple la cui probabilità è maggiore od uguale al 6.7% siamo pressoché certi di avere almeno una vincita in 100 giocate. In generale dove è il numero di scommesse che stiamo considerando (nell esempio 100) e è la probabilità di avere almeno una vincita (nell esempio 0.999).

18 In questo grafico la probabilità minima è stata rappresentata in funzione della probabilità di almeno una vincita e parametrizzata con i valori di n 50,100 e 150 che corrispondono all incirca ad un anno, due anni o tre anni di scommesse. Le linee rosse verticali evidenziano delle percentuali di vincita di riferimento. In questo grafico viceversa sono state messe in ascissa il numero delle scommesse che si intendono fare in totale e la probabilità minima è stata parametrizzata in funzione della probabilità di avere almeno una vincita. 8.9 UN MODELLO SEMPLIFICATO Modelliamo il gioco delle scommesse come un gioco d azzardo a guadagno positivo (tipo una roulette nin caso di vittoria 10.5 volte la posta in modo da avere un guadagno medio positivo di 0.05 euro. È concesso

19 anche di giocare delle multiple cioè di scommettere una certa cifra sul fatto che indovineremo l esito esatto per un certo numero consecutivo di giocate. Supponiamo di avere a disposizione 1000 euro da investire. PRIMA STRATEGIA È la più banale. Giochiamo un euro alla volta per 1000 giocate. Mal che vada perdo tutta la somma perdendo le prime 1000 puntate ma ciò è praticamente impossibile. Dal momento che il guadagno medio su un euro giocato è di 5 centesimi dopo 1000 giocate mi ritroverò con un guadagno medio di 50 euro. SECONDA STRATEGIA Giochiamo per 100 volte 10 euro una multipla su 10 puntate. La probabilità di vittoria scende all 1% e la vittoria è pagata volte. Il guadagno medio vale ( )( ). L inconveniente di questa strategia è che il procedimento potrebbe bloccarsi all inizio cioè potrei avere più di 100 giocate senza vincere. Ciò può accadere con una probabilità pari a ( ).Quindi all incirca con una probabilità pari ad 1/3 ci rimettiamo tutti 1000 gli euro e con una probabilità di 2/3 vinciamo in media euro cioè 16 miliardi di euro. TERZA STRATEGIA Faccio una giocata progressiva puntando sempre su una singola. In pratica all inizio e dopo ogni vincita considero il capitale che ho a disposizione e regolo la giocata in modo poter puntare fino alla fine delle 1000 giocate anche senza vincere più. Quindi de C è il capitale che ho a disposizione e n le giocate residue che mi restano da fare giocherò ogni volta C/n euro. Facciamo ad esempio di realizzare una vincita esattamente ogni 10 giocate. Inizialmente giochiamo un euro alla volta. Alla decima giocata abbiamo giocato 10 euro e ne vinciamo Il capitale diviene di Restano da fare 990 giocate e quindi ad goni puntata metteremo 1050/ euro. Dopo 10 giocate sono stati messi 10.6 euro e quindi il capitale è sceso a = euro. Vinciamo (1.06)(10.5)=11.13 e euro ed il capitale sale a euro e così via. Come si vede l incremento del capitale è modesto. Simulazioni fatte al calcolatore indicano un guadagno compreso medio compreso tra i 200 e i 700 euro I CONDIZIONAMENTI Supponiamo di essere assolutamente certi di uno degli esiti di un dato incontro. Questo può derivare da nostre convinzioni personali oppure perché abbiamo saputo che le squadre si sono messe d accordo. Il modo migliore per truccare le partite è farlo sull opzione GOL NON GOL o sulle OVER. In pratica si può dire alle due squadre lasciatevi fare un gol per parte nel primo tempo e nel secondo vinca il migliore. Il condizionamento mette a zero tutte le probabilità delle opzioni che non vanno d accordo con l evento condizionante. Riconsideriamo la tabella relativa alle probabilità dell incontro UCRAINA-FRANCIA e condizioniamo essendo sicuri che entrambe le squadre segneranno almeno una rete RIS prob 9.65% 4.70% 6.43% 1.54% 3.09% RIS prob 1.54% 0.96% 1.17% 1.03% 0.51% RIS prob 10.29% 6.43% 7.72% 1.93% 3.86% RIS Prob. 1.93% 1.54% 1.54% 1.17% 0.77% RIS ALTRO Prob % 12.86% 5.14% 1.17% 0.39% 2.34% Come prima nell opzione ALTRO si dà per scontato che una delle due squadre segni almeno una rete.

20 La somma delle probabilità che restano dopo il condizionamento vale 52.66%. Per trovare le probabilità condizionate dobbiamo dividere le probabilità rimaste per questo valore. Abbiamo questa tabella RIS prob 9.65% 4.70% 12.21% 1.54% 5.87% RIS prob 2.92% 0.96% 2.22% 1.96% 0.97% RIS prob 10.29% 6.43% 14.66% 1.93% 7.33% RIS Prob. 3.67% 1.54% 2.92% 2.22% 1.46% RIS ALTRO Prob % 24.42% 9.76% 2.22% 0.76% 4.44% Come si vede le probabilità degli eventi rimasti sono all incirca raddoppiate. Ora calcoliamo le probabilità dei vari eventi sui quali si può scommettere ed i relativi guadagni.. 1 X 2 1X X2 12 GOL NOGOL 2,9 3,2 2,4 1,52 1,37 1,31 1,9 1,8 30,59% 37,14% 32,26% 67,74% 69,41% 62,86% 100% 0% -0,11 0,19-0,23 0,03-0,05-0,18 0,90-1,00 U 1,5 U 2,5 U 3,5 U 4,5 O 1,5 O 2,5 O 3,5 O 4,5 2,70 1,57 1,18 1,04 1,38 2,25 4,00 7,00 0% 24,42% 51,29% 74,25% 100% 75,58% 48,71% 25,75% -1,00-0,62-0,39-0,23 0,38 0,70 0,95 0,80 Come si vede scommettendo un euro sull opzione sicura GOL si guadagno certamente 90 centesimi. Tuttavia questa non è la scommessa statisticamente più conveniente. Giocando un OVER 3.5 si vince all incirca con una probabilità del 50% ma la quota è alta con un guadagno medio di 0.95 centesimi. Esistono anche forme di condizionamento più complesse che prevedono doppie opzioni. Per esempio potremmo essere al corrente che le due squadre si sono messe d accordo di pareggiare segnando entrambe almeno una rete. In questo caso sono ammissibili unicamente i risultati RIS prob 9.65% 4.70% 12.21% 1.54% 5.87% RIS prob 2.92% 0.96% 2.22% 1.96% 0.97% RIS prob 10.29% 6.43% 14.66% 1.93% 7.33% RIS Prob. 3.67% 1.54% 2.92% 2.22% 1.46% RIS ALTRO Prob % 65.75% 26.28% 5.98% 1.99% 4.44%

21 La tabella per calcolare i guadagni diviene questa 1 X 2 1X X2 12 GOL NOGOL 2,9 3,2 2,4 1,52 1,37 1,31 1,9 1,8 0,00% 100,00% 0,00% 100,00% 100,00% 0,00% 100% 0% -1,00 2,20-1,00 0,52 0,37-1,00 0,90-1,00 U 1,5 U 2,5 U 3,5 U 4,5 O 1,5 O 2,5 O 3,5 O 4,5 2,70 1,57 1,18 1,04 1,38 2,25 4,00 7,00 0% 12,86% 12,86% 92,02% 100% 87,14% 87,14% 7,98% -1,00-0,80-0,85-0,04 0,38 0,96 2,49-0,44 Anche in questo caso l opzione più conveniente è la OVER LE ASSICURAZIONI Supponiamo che due agenzie di scommesse A e B abbiano opinioni diverse sull esito della medesima partita e quindi propongano quote diverse. Esempio agenzia A agenzia B P1 PX P2 P1 PX P2 ROMA-LAZIO 40% 30% 30% 30% 50% 20% Q1 QX Q2 Q1 QX Q2 2,33 3,10 3,10 3,10 1,86 4,65 Abbiamo a disposizione 100 euro. Ci proponiamo di disporre la somma in maniera da essere certi di non rimetterci mai soldi e, sotto questa condizione, massimizziamo il guadagno medio. Chiamiamo con i che può essere A o B e j che può essere 1,X o 2 una delle possibili puntate. Condizioni di non perdita. Se si verifica l esito 1 deve essere Se si verifica l esito X deve essere Se si verifica l esito 2 deve essere Un altra condizione è data dal fatto che la somma di tutte le possibili puntate deve ammontare a 100 euro Il guadagno medio è la quantità da massimizzare Assumiamo che la valutazione che noi diamo dell evento sia una via di mezzo tra quella delle due compagnie. Sia allora che per noi. Dunque ( ) ( ) ( )

22 Dobbiamo quindi risolvere questo problema ( ) soggetto ai vincoli con le variabili tutte non negative. Un problema di questo tipo è detto problema di programmazione lineare (PPL) e viene risolto dall algoritmo del simplesso disponibile nel componente aggiuntivo Risolutore di Excel. La soluzione ottima in questo caso è con massimo di Come era da aspettarsi la soluzione ottima suddivide le puntate tra i tre possibili esiti dell incontro. Se l esito è 1 ho una vincita pari a (32.26)(3.10)-100=0.00 euro. Se l esito dell incontro è X ho una vincita pari a (46.23)(3.10)-100=43.39 mentre se l esito è 2 ho una vincita pari a (21.51)(4.65)-100=0.00 euro. Quindi ho una vincita solo se l esito della partita è X mentre le altre due puntate mi assicurano di non rimetterci nel caso in cui questo esito non si verifichi IL GIOCO SU AGENZIE DIFFERENTI Con il metodo visto sopra guadagnare con le scommesse sarebbe semplice, basterebbe trovare due compagnie che danno quote differenti sul medesimo incontro. In realtà le varie agenzie tendono a fare cartello ed a proporre quote che differiscono di poco Il sito confronta le varie quota ed evidenzia quella più alta per ogni possibile opzione. Riportiamo i dati in una tabella per maggior chiarezza. Indichiamo le varie agenzie con le lettere dell alfabeto. A B C D E F 1 2,50 2,50 2,55 2,40 2,50 2,45 X 2,85 2,80 3,00 2,88 2,90 2,95 2 3,00 3,10 2,95 3,00 3,10 3,10 Applichiamo il metodo del simplesso. Abbiamo i 2 vincoli Occorre decidere quali probabilità assegnamo ai 3 esiti per calcolare il guadagno medio. Le ricaviamo dalle quote della prima compagnia. Abbiamo Calcoliamo in guadagno medio ( )

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità Calcolo delle Probabilità Il calcolo delle probabilità studia i modelli matematici delle cosidette situazioni di incertezza. Molte situazioni concrete sono caratterizzate a priori da incertezza su quello

Dettagli

Introduzione alla probabilità

Introduzione alla probabilità Introduzione alla probabilità CAPITOLO TEORIA Il dilemma di Monty Hall In un popolare show televisivo americano il presentatore mostra al concorrente tre porte chiuse. Dietro a una di esse si cela il premio

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Se si insiste non si vince

Se si insiste non si vince Se si insiste non si vince Livello scolare: 2 biennio Abilità interessate Valutare la probabilità in diversi contesti problematici. Distinguere tra eventi indipendenti e non. Valutare criticamente le informazioni

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

Calcolo combinatorio

Calcolo combinatorio Probabilità e Statistica Esercitazioni a.a. 2009/2010 C.d.L.S.: Ingegneria Civile-Architettonico, Ingegneria Civile-Strutturistico Calcolo combinatorio Ines Campa e Marco Longhi Probabilità e Statistica

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 1. Si lancia una moneta 2 volte: qual è la probabilità che esca TESTA 0 volte? 1 volta? 2 volte? 2. Si lancia una moneta 3 volte:

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k Pordenone Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità UNIVERSITAS STUDIORUM UTINENSIS Giorgio T. Bagni Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Matematica e Informatica

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

Ancora sull indipendenza. Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche

Ancora sull indipendenza. Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche Ancora sull indipendenza Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche A e B Ā e B Ā e B Sfruttiamo le leggi di De Morgan Leggi di De Morgan A B = Ā B A B = Ā B P (Ā B) = P (A B) = 1 P (A B) = 1 (P (A)

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 La ricerca operativa 2 1.1 Introduzione......................................... 2 1.2 Le fasi della ricerca operativa...............................

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO DI GIOCO DELLA ROULETTE (al Casino Municipale di Campione d Italia) adottato con delib. C.C. n. 83 del 2.12.1993 approvata dal CRC con atto n. 13 in data 4.1.1994

Dettagli

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

8. Qual è la probabilità di estrarre da un mazzo di 40 carte napoletane una figura?

8. Qual è la probabilità di estrarre da un mazzo di 40 carte napoletane una figura? www.matematicamente.it Probabilità 1 Calcolo delle probabilità Cognome e nome: Classe Data 1. Quali affermazioni sono vere? A. Un evento impossibile ha probabilità 1 B. Un vento certo ha probabilità 0

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c RSB0001 In quale/i dei disegni proposti l area tratteggiata é maggiore dell area lasciata invece bianca? a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. b) In nessuno dei due. c) Nel disegno contrassegnato

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 IMPAGINAZIONE DELLE REGOLE 1.0 Introduzione 2.0 Contenuto del gioco 3.0 Preparazione 4.0 Come si gioca 5.0 Fine del gioco

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia?

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Danilo Pelusi 1 Gianpiero Centorame 2 Sunto: Il seguente articolo illustra le possibili analogie e differenze tra il calcolo delle

Dettagli

1. Limite finito di una funzione in un punto

1. Limite finito di una funzione in un punto . Limite finito di una funzione in un punto Consideriamo la funzione: f ( ) = il cui dominio risulta essere R {}, e quindi il valore di f ( ) non è calcolabile in =. Quest affermazione tuttavia non esaurisce

Dettagli

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 http://einmatman1c.blog.excite.it/permalink/54003 Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 Trovare un numero e' la prima frase e significa che

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

MATRICI E DETERMINANTI

MATRICI E DETERMINANTI MATRICI E DETERMINANTI 1. MATRICI Si ha la seguente Definizione 1: Un insieme di numeri, reali o complessi, ordinati secondo righe e colonne è detto matrice di ordine m x n, ove m è il numero delle righe

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Esercizi di calcolo combinatorio

Esercizi di calcolo combinatorio CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi di calcolo combinatorio Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability di Sheldon Ross, quinta

Dettagli

CALCOLO COMBINATORIO

CALCOLO COMBINATORIO CALCOLO COMBINATORIO 1 Modi di formare gruppi di k oggetti presi da n dati 11 disposizioni semplici, permutazioni Dati n oggetti distinti a 1,, a n si chiamano disposizioni semplici di questi oggetti,

Dettagli

La guerra delle posizioni

La guerra delle posizioni www.maestrantonella.it La guerra delle posizioni Gioco di carte per il consolidamento del valore posizionale delle cifre e per il confronto di numeri con l uso dei simboli convenzionali > e < Da 2 a 4

Dettagli

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Blu che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Giallo che

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE MODELLI STATISTICI NELLA SIMULAZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Modelli statistici nella simulazione

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E 1865 SARDINIA Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E Attenzione: il regolamento originale va comunque letto. Il presente sunto ha il solo scopo di fare da introduzione e veloce

Dettagli