PROGRAMMA DEL MESE DI GENNAIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA DEL MESE DI GENNAIO"

Transcript

1 PROGRAMMA DEL MESE DI GENNAIO Il Presidente Incoming Alberto Albertacci ci intratterrà sulla malattia della polio e sui progressi compiuti, anche grazie agli interventi del Rotary International, per debellarla. La cucina in Toscana al tempo dei Medici Celebreremo insieme agli amici dell Accademia Italiana della cucina i 25 anni della loro attività in Prato. Relatore Giovanni Cipriani, professore di storia moderna e storia della Toscana moderna alla Facoltà di Lettere dell Università di Firenze. Interverranno : - il prof. Giampiero Nigro, delegato della Delegazione di Prato dell Accademia, che ricorderà l attività venticinquennale svolta in Prato da questa associazione; - Gian Marco Mazzanti, che illustrerà il suo libro La buona cucina toscana Edizione Accademia dell Iris. Il 17 gennaio si festeggia SANT ANTONIO ABATE : il menù sarà pertanto ispirato a quel simpatico maialetto che appare spesso nell iconografia del Santo. Interverrà il Dott. Francesco Bettarini, giovane storico pratese, con dottorato in Storia Medioevale, che ci presenterà il proprio ultimo progetto editoriale dal titolo: Crisi economica e migrazioni collettive: storia della comunità pratese di Ragusa ( ), al finanziamento della cui pubblicazione il nostro Club ha concorso. Sarà presente anche il Prof. Giuliano Pinto, docente di Storia Medioevale presso l Università di Firenze e Presidente della Deputazione di Storia Patria per la Toscana Martedì 10 Gennaio Conviviale diurna ore 13,00 Hotel Palace Martedì 17 Gennaio Conviviale serale ore 20,15 Hotel Palace Martedì 24 Gennaio Conviviale diurna ore 13,00 Hotel Palace G E N N A I O INTERCLUB con il Rotary Club Prato Filippo Lippi ospite Pamela Villoresi, che ci esporrà il suo progetto per il Centro Internazionale di aiuto all'infanzia. Martedì 31 Gennaio Conviviale serale ore 20,15 Hotel Palace Alle conviviali serali sono attesi anche le gentili signore e i soci del Rotaract. 1

2 Conviviale del 6 Dicembre: Visita del Governatore del nostro Distretto 2070, Pier Luigi Pagliarani Il Governatore Pier Luigi Pagliarani, il Presidente Borgioli e Consorti al tavolo presidenziale Il Governatore durante il suo discorso Il fatidico rintocco 2

3 Festa degli Auguri il presidente Marco Borgioli introduce la serata soci e consorti Babbo Natale e i regali!..quanta bella gioventù giovani rotariani 3

4 Fatterelli e riflessioni di Gianni Limberti SANT ANTONIO, SANT ANTONIO LU NEMICE DILLO DEMONIO Il 17 gennaio si celebra Sant Antonio Abate, il cui culto è fra i più diffusi della cristianità, sia in oriente che in occidente. La sua biografia tramandataci da testi molto antichi - è molto scarna, addirittura schematica. Nato nel 252 a Koma, nel medio Egitto, lascia una famiglia benestante, donando tutti i suoi beni ai poveri, per andare a vivere da eremita. È considerato il capofila dei Padri del deserto ed è invocato come taumaturgo, protettore e dispensatore di grazie in diverse circostanze. È il protettore del mondo agricolo, delle coltivazioni e degli animali. In un documento del XIII secolo conservato nella Pieve di San Giovanni nella campagna senese si legge Io Roggero di Podio essendosi ammalato un mio cavallo, mi voto come oblato a Sant Antonio e prometto di dargli ogni anno due soldi d argento. Dai registri della Pieve non si sa se il cavallo guarì oppure no. Antonio sembra aver assunto nell immaginario popolare un ruolo analogo a quello del Signore degli Animali, una sorta di demone della prosperità che nel mondo pagano primitivo rurale era considerato in grado di garantire il successo della caccia e il benessere della comunità. Il santo abate è invocato come dispensatore generoso di ogni ricchezza rurale, l Oratorio di Sant Antonio Abate oggi protettore dalle avversità naturali, garante della salute delle bestie, tutelandole nel loro rapporto con i padroni, punendo non solo chi ruba gli animali, ma anche chi li tratta con disprezzo e violenza. Nelle stalle non manca mai l immagine del Santo, spesso a colori, ritratto in 4

5 mezzo ad ogni tipo di animale. Da alcuni anni è ripresa l usanza, proprio il 17 gennaio, di portare gli animali in Chiesa per farli benedire. Arrivano così cani, gatti, uccellini, persino conigli, tartarughe e altre bestiole. Ecco alcuni titoli dalle cronache locali : La Nazione del 20 gennaio 2009 : Dai cavalli ai pesciolini alla chiesa di Vaiano. Benedizione da tutto esaurito per Sant Antonio; 15 gennaio 2010 Panini benedetti, lotteria e pony per Sant Antonio; 16 gennaio 2010 Cari animali vi benedico. Su mucche, pecore e galline la mano di Sant Antonio. Nel descrivere i festeggiamenti il giornalista racconta Il Vescovo Simoni si è recato in mattinata a Capezzana dove ha benedetto nel piazzale cani, gatti, cavalli ma anche criceti e pesci rossi. Per tradizione i fornai cuociono i dolci panini di Sant Antonio, e molti li vendono già benedetti. Pensando forse al plusvalore conferito dalla benedizione, i prezzi lievitano (siamo o non siamo dal fornaio?) : nel 2007 erano arrivati a 27 euro il chilo (!) e il parroco di San Giusto tuonava dal pubblico Cari fedeli, attenti alle speculazioni dei panini. È una questione etica e inaccettabile dal punto di vista religioso. Molti sono i capolavori nella storia dell arte che illustrano episodi della vita del santo eremita. Il tema che più ha affascinato gli artisti è senz altro il demonio che, sotto varie forme, assale Antonio per farlo desistere dall intrapreso cammino ascetico verso la santità. Due fra i massimi capolavori di Jeronimus Bosch hanno per soggetto Le tentazioni di Sant Antonio : il Trittico (1505-6) oggi a Lisbona e la grande pala al Museo del Prado di Madrid (1510). Affascinante per la sua bellezza e complessità la pala di Isenheim di Matthias Grunewald ( )che si può ammirare nella navata della chiesa sconsacrata, ristrutturata per ospitare solo questo capolavoro, nel Museo Unterlinden di Colmar (Alsazia). Ed ancora l incisione di Schongauer (XV secolo), il maestro di Durer, con i diavolacci che tirano il la lunetta di Della Robbia santo da tutte le parti, trascinandolo per la barba fluente. Una acquaforte di Pieter Brueghel il giovane (1556). Un dipinto del 1553 di Paolo Caliari detto Il Veronese, commissionato del Cardinale Gonzaga per la cattedrale di Mantova. Il quadro di Paul Cézanne ( )così conturbante che sembra tentare anche lo spettatore, custodito nella collezione Buhrle a Zurigo. Per arrivare al dipinto del 1946 di Salvador Dalì (Bruxelles) che segna una svolta della sua concezione della pittura. Nella letteratura basterà ricordare La tentation de saint Antoine che Gustave Flaubert finì di scrivere nel 1849, ma che si decise a pubblicare solo nel Per la stesura dell opera, ricorda l autore nel suo diario, fu determinante la rappresentazione delle tentazioni con le marionette di Père Lagrain alla fiera di Rouen, ma l ispirazione gli era venuta vedendo l opera di Brueghel. Il tema affascina ancora ai nostri giorni. Nel 2006, ad esempio, è andato in scena all Operà di Parigi La tentation de Saint Antoine con musiche jazz, gospel e rhythm n blues. Se ne è appropriato anche il folclore popolare, come testimoniano gli ingenui versi di una canzoncina, Sant Antonio nel deserto, nelle sue tante versioni dialettali, che si canta nelle fiere e nelle feste paesane la sera del 16 gennaio ca dimane è Sant Antonio/ lu nemice dillo demonio. Le tentazioni sono diventate dispettucci del diavolo : Sant Antonio allu diserte / se cuciva li calzuna / Satanasso per dispiette / gli freghette li buttuna / Sant Antonio se ne frega / con li spago se li lega. E così per le forchette, i piatti ecc. Ma anche i sant uomini hanno sangue nelle vene, e alla fine Sant Antonio s arrabbiette e ben bene lo sculaccette. / Fu così che Sant Antonio / vincette lu demone. Anche a Prato non mancano testimonianze del culto al santo eremita. Tra la piazza Sant Antonino e quella di Santa Maria in Castello vi è l unico edificio sacro ancora a lui intitolato, l oratorio di Sant Antonio Abate. 5

6 Eretto in antico dalla devozione rurale sulla via del Ferro, nel popolo di San Martino a Paperino (non ve n è più traccia),divenuto nel XV secolo sede della Commenda dell Ordine dei Cavalieri Gerosolimitani o di Malta sotto il patronato della famiglia Ginori, nel 1492 o 1494 (la data sul gradino del presbiterio dell edificio attuale non è ben leggibile) si trasferisce nell attuale oratorio dentro le mura, costruito a spese dei Ginori. Il portale in pietra sulla facciata reca ancora il loro stemma: una fascia obliqua con dentro tre stelle, che ritorna anche nella croce in ferro sulla sommità. Sulla porta di ingresso una lunetta con Sant Antonio Abate fra due angeli, copia qui collocata nel 1923 per motivi di conservazione al posto dell originale eseguito nel 1495 da Andrea della Robbia ed oggi nel Museo Civico. Nell interno, sopra l altar maggiore Predica di Sant Antonio di Pietro Marchesini (1717) e sotto la mensa, la croce dell Ordine di Malta. Due sono i cicli pittorici di grande pregio e importanza che illustrano episodi della vita del santo che si posso ammirare a Prato. Dal chiostro di San Francesco si accede alla Cappella Migliorati, ornata di splendidi affreschi (1395 ca) attribuiti alla scuola del neo-giottesco Pietro Gerini. Le storie della vita di Sant Antonio occupano le due pareti a sinistra entrando. In alto, di particolare suggestione, la scena della distribuzione dei beni ai poveri. Il giovane Antonio, udito il precetto evangelico Dona i tuoi averi ai poveri e seguimi è al centro di un loggiato intento a distribuire tutti i suoi beni a una moltitudine di storpi e ciechi a rappresentare l umanità sofferente. Una parte degli affreschi risultano purtroppo persi per la costruzione della base del campanile della chiesa. Il visitatore rimane colpito dallo straordinario verismo della rappresentazione della natura : rocce, alberi, piante, animali fanno rivivere davanti a noi il mondo del romitaggio. Si notino anche i particolari : ad esempio, sotto una gran palma, un uccello che osserva molto interessato una cavalletta poco distante. Usciamo ora di città e andiamo a San Giusto, in via nella pala di Puccio di Simone (1353), in basso, i due maialini con la cinta Cava. Qui troviamo il trecentesco Oratorio di San Bartolomeo. All interno le sue pareti sono quasi completamente affrescate ad opera, si pensa, dalla bottega di Agnolo Gaddi, il figlio di Taddeo, il più celebre allievo di Giotto. Negli anni dal 1392 al 1395 Agnolo ed i suoi aiutanti stavano affrescando la cappella del Sacro Cingolo in Duomo e i padri serviti, cui apparteneva l oratorio di via Cava, avrebbero approfittato dell occasione di trovare in territorio pratese una bottega fiorentina così famosa. Nella parete destra storie della vita di Sant Antonio. I diavolacci che assalgono l eremita sono raffigurati secondo le credenze popolari e religiose dell epoca, riproducendo, forse inconsapevolmente, le immagini medioevali dell aldilà e del mondo demoniaco, come se l artista si fosse lasciato trasportare dalla fantasia attirata da ciò che è orrido e misterioso insieme. Anche limitando l indagine al solo territorio pratese, un elenco delle raffigurazioni del Santo sarebbe comunque troppo lungo. Ne citerò tre: il grande affresco sulla facciata della chiesa di Figline, quello sulla parete sinistra all interno della Badia di Montepiano e la pala del Granacci (Madonna e santi) nella chiesa di San Giovanni alla Rocca di Montemurlo. Ma non posso non ricordare un opera straordinaria, un autentico capolavoro. Quando il monaco carmelitano Filippo Lippi eseguiva i suoi celeberrimi affreschi in Duomo era 6

7 anche cappellano del monastero delle clarisse di Santa Margherita (edificio oggi ancora esistente nella omonima via; rimane la chiesa, recentemente restaurata, mentre gli altri locali hanno destinazioni diverse : scuola per parrucchieri, fioreria, casa da tè). Vista una graziosissima giovane suora, Lucrezia Buti, chiese alla superiora di poterla avere come modella per una Madonna. Giovane lui, giovane lei, si piacquero, buttarono le tonache alle ortiche, trionfò l amore e nel 1457 nacque Filippino. Da un frate e una monaca, non sposati! Che scandalo e che chiacchiere nella Prato, nella Firenze, nel Granducato del Quattrocento! Dovette intervenire Cosimo dei Medici che ottenne dal Papa Pio II la dispensa per i due giovani scapestrati. Anche la Chiesa di Prato fu tollerante. Tolse a Filippo l ufficio di cappellano (era il minimo ) ma gli confermò l incarico per gli affreschi in Duomo, ai quali lavorò fino al Nel 1498 l importante famiglia pratese Tieri commissiona a Filippino in realtà si chiama Filippo come il padre, ma è invalso l uso del diminutivo per distinguerlo un Tabernacolo sulla facciata di una casa davanti alle monache di Santa Margherita, in angolo fra le odierne vie Santa Margherita e Sant Antonio. Proprio accanto all abitazione di proprietà di Filippino dove si è ritirata la madre ormai vedova, tornata così davanti a quel convento da cui l aveva rapita Filippo. Segni dei tempi quanto mutati! Al pian terreno della casa della bellissima Lucrezia (D Annunzio svenne quando la vide nelle sembianze di Salomè danzante negli affreschi del Duomo) c è la rosticceria LinXin, uno dei primi negozi in Prato gestito da cinesi. l odierna facciata di quella che fu la Locanda Stella Scrive il Vasari che questo tabernacolo è molto bello e lodato per esservi una Nostra Donna e bellissima e modestissima con un coro di Serafini in campo di splendore : il che sofisticamente [ è un argomento che] dimostra che egli cercava penetrare con lo ingegno nelle cose del Cielo. Anche D Annunzio, che fu a Prato, nel Collegio Cicognini, dal 1874 al 1881, rimase affascinato da quel tabernacolo : Filippino in sul canto al Mercatale / quante volte intravidi pe razzanti / vetri del tabernacolo i tuoi santi / come i fiori d un orto angelicale! Fiori tu desti alla città natale. (da Le città del silenzio) Oggi, su quella facciata, al posto del tabernacolo molto bello e lodato vi sono due targhe, poste nel 1957 per il quinto centenario della nascita di Filippino. Su una sono i versi di D Annunzio citati e l altra ricorda che il 7 marzo 1944 un terribile bombardamento aereo travolse il tabernacolo che qui Filippino Lippi aveva dipinto nel 1498 riducendolo in minutissimi frammenti. Leonetto Tintori, celebre in Italia e all estero per l arte del restauro e per altre qualità artistiche, di fronte a tanto scempio, chiama in aiuto i suoi allievi. Raccolgono le macerie e incredibilmente riescono, con un pazientissimo lavoro, a ridare vita a quel tesoro, che oggi si può ammirare nel Museo Civico (provvisoriamente nel Museo di San Domenico). Restiamo nei paraggi. All inizio di quella che è oggi via dei Tintori (numero civico 112) alla metà del 1400 ha sede l Osteria della Stella, così detta da una stella rossa in campo bianco dipinta sulla facciata. Dietro a questa osteria, è il canto detto delle tre gore perché in questo punto le acque che venivano dal Bisenzio, incanalate al Cavalciotto di Santa Lucia, si dividevano in tre gore, con tre direzioni diverse. Dietro a quell osteria nel 1450 un tal Antonio di Cambio di Ferro di Porta S. Giovanni fa costruire un oratorio dedicato a Sant Antonio Abate col titolo di Spedale, con obbligo di tenervi quattro letti. 7

8 Come mai un ospedale dentro le mura intitolato ad un santo protettore degli animali e delle coltivazioni agricole? Dobbiamo fare un salto acrobatico, indietro nel tempo, ai primi secoli del medioevo. Nel nord Italia e in gran parte dell Europa si mangiava più segale che frumento : più facile la coltivazione e maggiore l adattamento ad ogni tipo di terreno. Durante le annate umide e piovose un fungo parassita si insediava nella segale che prendeva un sapore sgradevole, ma nelle annate di scarso raccolto veniva consumata ugualmente. In tempo di carestia è buono anche il pan di veccia. Quel fungo era però molto tossico, e non diveniva innocuo nemmeno con la cottura. Macinando la segale allo stesso mulino, si intossicava tutta la comunità, provocando spaventose epidemie con infiammazioni, ulcere, cancrene e morte più o meno rapida. Pareva che lo corpo fosse divorato da gran foco, scrive un cronista, ma nessuno sapeva spiegare quel gran male. Un castigo di Dio, un fuoco sacro. Certo non si dava colpa alla segale. Solo nel 1596 la facoltà di medicina di Marburgo dimostrerà che il fuoco sacro sia da attribuire all intossicazione da segale infettata dal fungo. Alla malattia verrà dato il nome scientifico di ergotismo dal nome della tossina del fungo, ergotina. Anche in Italia e nei paesi mediterranei periodicamente si scatenavano epidemie di fuoco sacro. Solo nell Ottocento si capì che in queste regioni sintomi simili indicavano una malattia completamente diversa, e gli si dette nome Herpes Zoster. Due parole greche, serpente e cintura per una patologia che si manifesta come un serpente di fuoco che si annida all interno del corpo. Oggi sappiamo che essa è causata dalla riattivazione (per cause ancora non ben conosciute) del virus della varicella in soggetti che per un motivo qualsiasi ne siano venuti a contatto. Il virus si annida nelle cellule del sistema nervoso e può rimanere inattivo anche per tutta la vita. Solo con la scoperta di farmaci antivirus questa malattia non è più mortale. S. Antonio Abate nel Tabernacolo di Filippino Lippi Ma come divenne Sant Antonio l invocato guaritore di queste infezioni che ardevano le membra come fuoco e che- confusa l una per l altra il popolo chiamava fuoco di Sant Antonio? Nel X secolo le reliquie del Santo miracolosamente ritrovate, dopo varie peripezie vengono trasportate da Costantinopoli a Limoges. Appena arrivate in Francia cessa subito si gridò al miracolo - una epidemia di fuoco sacro, di ergotismo. Per ringraziamento la devozione popolare chiede che le reliquie siano ben custodite. Si trovano i fondi per costruire una abbazia, viene fondato l ordine degli Antoniani che ha come scopo l assistenza e la cura dei malati del fuoco. Rimedio ritenuto il più efficace è il balsamo di Sant Antonio, un unguento formato con grasso di maiale e erbe. Per questo gli Antoniani allevano maiali e probabilmente per questo che nelle immagini sacre ai piedi del santo appare un maiale, quasi sempre con la pelliccia scura e una riga bianca intorno a schiena e pancia. Quella che oggi chiamiamo cinta senese. Ed anche quando norme dettate per l igiene e il decoro dei centri urbani proibiscono di allevare e tenere liberi animali nelle città, gli antoniani, per privilegio speciale della Santa Sede, possono continuare a farlo. Anzi, i loro maiali girano liberi e gli abitanti danno loro da mangiare. Praticamente i monaci si trovano un capitale accumulato per la generosità degli altri e ricavano cibo, denaro e un prezioso (a chi può, lo si fa pagare caro) componente per le cure dei malati di fuoco sacro quando, al tempo debito, a gennaio, gli animali vengono macellati. Ma i problemi che provocano questi simpatici animali a zonzo per le vie cittadine non sono pochi. 8

9 Nel 1461 un provvedimento del Comune di Bologna annulla il privilegio del porco con efficaci motivazioni : Spinti dalla fame [i maiali] mescolano mille rifiuti e immondizie, provocano fetore nelle abitazioni, negli orti e nei giardini dei cittadini, nei monasteri e nelle chiese, corrono per la città provocando danni e dilaniando con i denti molti sacchi pieni di frumento e farina preparati per essere macinati e spargendone il contenuto, causando disonore e vergogna per tutta la città. Provvedimenti simili vengono adottati piano piano in tutte le città. I maiali dei monaci sono banditi dagli spazi urbani. Gli ospedali degli antoniani, tra la fine del Quattrocento e il Cinquecento, col venir meno della maggior parte delle rendite provenienti dall allevamento dei maiali a spese della comunità, e per varie altre cause, entrano in crisi. Anche a Prato lo Spedale di Sant Antonio al Canto alle tre gore, forse non per gli stessi motivi ma comunque proprio in quagli anni, va in crisi. Viene trasformato in ostello per dare ospitalità a donne pellegrine di passaggio che non hanno i denari per pagare il soggiorno nell attigua locanda Stella. Mi piace pensare ma forse è pura fantasia che è proprio a ricordo dell antico ospedale di Sant Antonio che nel tamburo del tabernacolo non lontano dal canto alle tre gore Filippino abbia dipinto, dietro alla figura della Madonna, un Sant Antonio Abate di robusta, burbera efficacia, mirabilmente eseguito anche nei dettagli ( si possono contare i peli della barba!). E che la via parallela a quella oggi detta di Santa Margherita si chiama via Sant Antonio perché arriva nella zona di quell antico ospedale. Gianni Limberti Festa di carnevale CASINÒ ROYALE 21 Febbraio 2012 Villa Montalto (FI) Interclub con il Rotary Fiesole Con largo anticipo, in modo da potervi organizzare, si comunica lo svolgimento della Festa di Carnevale per Martedì Grasso. Partecipazione in maschera (non obbligatoria ma auspicabile) e, al termine della conviviale, in una sala opportunamente allestita si potrà giocare alla roulette e a backgammon. I premi saranno con coppe e/o targhe. Per chi non gioca, in un altra sala avremo la possibilità di ballare con accompagnamento musicale, (DJ o cantante/intrattenitore). Alle gran buffet di dolci. Costi (indicativi) - conviviale 50 EURO - allestimento casinò e croupier nonché DJ/cantante da quantificare esattamente, (comunque intorno a 2.000,00 euro). Maggiore è la partecipazione e logicamente minore sarà l incidenza sui singoli partecipanti. Presumendo una partecipazione di 200 persone, si avrebbe un costo pro capite di 10,00 euro. Chi fosse interessato, può rivolgersi alla segreteria del Club. 9

10 Rotary e ONU celebrano una relazione speciale A cura di Ryan Hyland Rotary International News, 11 novembre - Oltre Rotariani, dirigenti ONU, partecipanti ai programmi giovanili del Rotary ed i loro ospiti hanno celebrato la relazione speciale tra ONU e Rotary il 5 novembre. La Giornata Rotary-ONU, festeggiata ogni anno alla sede centrale delle Nazioni Unite a New York, ha incluso pannelli su salute, acqua e alfabetizzazione, per evidenziare i progetti Rotary che promuovono gli obiettivi delle Nazioni Unite e migliorano le condizioni di vita in tutto il mondo. Kiyo Akasaka, segretario generale per le comunicazioni e le informazioni pubbliche, ha lodato il Rotary per la sua continua collaborazione con le Nazioni Unite per migliorare la salute dei bambini in tutto il mondo, e per i contributi per l'eradicazione della polio. "La nostra visione condivisa di un mondo più sicuro e sano ci porta oggi a riunirci qui", ha dichiarato Akasaka. "È il vostro modello di Servire al di sopra di ogni interesse personale ed i grandi risultati nel migliorare la salute, che rendono Rotary uno dei partner più importanti dell'onu". Festeggiano il compleanno Curzio Herschmann 6 Gennaio Sandro Billero 6 gennaio Ennio A. Carnevale 7 Gennaio Renzo Giovannelli 7 Gennaio Francesco Squilloni 9 Gennaio Giammarco Piacenti 16 Gennaio Franco Tonato 27 Gennaio Marco Landi 29 Gennaio tanti auguri a tutti! SEDE MONDIALE: ONE ROTARY CENTER 1560 SHERMAN AVENUE EVANSTON, Illinois USA Presidente Internazionale: Kalyan Banerjee (Rotary Club Vapi, Gujarat, India) Ufficio Europa-Africa: Rotary International Vitikonerstrasse 15 CH 8032 ZURIGO - Annata Rotariana (55 anno) Distretto 2070 Governatore: Pier Luigi Pagliarini, R.C. Cesena Assistente del Governatore: Nello Mari (R.C. Pistoia Montecatini Terme "Marino Marini") per i Rotary Club area Toscana 1: Prato Prato Filippo Lippi Empoli Fucecchio S.Croce sull Arno, Pistoia Montecatini, Pistoia Montecatini Marino Marini, San Miniato. ROTARY INTERNATIONAL Segreteria del Distretto 2070 Piazza Leonardo Sciascia, CESENA (FC) Tel Fax web: ROTARY CLUB PRATO c/o Hotel Palace, Via Pier della Francesca, Prato Segreteria (Sig.ra Antonella Grassi) tel fax Home page: RIUNIONI CONVIVIALI: HOTEL PALACE - PRATO Via Pier della Francesca 71 Il 1 e 3 martedì di ogni mese alle ore Il 2 e 4 martedì alle ore 20,15 10

BOLLETTINO DI INFORMAZIONE ROTARIANA E CULTURA RISERVATO AI SOCI

BOLLETTINO DI INFORMAZIONE ROTARIANA E CULTURA RISERVATO AI SOCI 2070 DISTRETTO Annata Rotariana 2008-2009 - Anno 52 BOLLETTINO DI INFORMAZIONE ROTARIANA E CULTURA RISERVATO AI SOCI PROGRAMMA FEBBRAIO 2009 Mese dell intesa mondiale Presidente Segretario Tesoriere Prefetto

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Lingua e Storia dell'arte

Lingua e Storia dell'arte Lingua e Storia dell'arte Una completa immersione nella lingua italiana, nell'arte, nella storia e nella cultura italiana Il corso completo si articola in due settimane: la prima sarà dedicata al Medioevo,

Dettagli

L U G I O S T. Cari Amici, Mario Fedi

L U G I O S T. Cari Amici, Mario Fedi Cari Amici, un caro saluto a tutti Voi ed alle Vostre famiglie. Siamo all'inizio dell'annata rotariana 2013-2014 che mi vede impegnato, grazie alla Vostra fiducia, nel ruolo di Presidente del Club. Spero

Dettagli

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE Con il Patrocinio di:» Le Delegazioni FAI della Regione Molise ringraziano Controllare

Dettagli

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli

La lettera del presidente

La lettera del presidente Settembre 2010 Ai Soci del Rotaract Club Prato. al Presidente del Rotary Club Filippo Lippi, al Presidente del Rotary Club Prato, al Governatore Rotary per il 2010/11, al Presidente della commissione distrettuale

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Il Cammino del Sacro Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Cammino del Sacro: il Museo diocesano, il Duomo e le altre chiese monumentali della città, tutti straordinariamente ricchi

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it La dolce

Dettagli

ROTARACT CLUB PRATO LA LETTERA DEL PRESIDENTE. Bollettino di Dicembre 2015 A.R. 2015/2016

ROTARACT CLUB PRATO LA LETTERA DEL PRESIDENTE. Bollettino di Dicembre 2015 A.R. 2015/2016 ROTARACT CLUB PRATO Ai soci del RotaractClub Prato E p. c. al algovernatore 2015/ 16 dei Rotary Club, Distretto 2071; al Presidente 2015/ 16 della Commissione Rotary -Rotaract, Distretto 2071; al Presidente

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 4 uscita del 27 ottobre 2014 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Cosa abbiamo vissuto...

Cosa abbiamo vissuto... Dies Bernardinianus Dies Bernardinianus Nei giorni dal 17 al 20 maggio il Centro Culturale delle Grazie e l Associazione Amici di S. Bernardino di Lallio, u- nitamente alle rispettive Parrocchie e in collaborazione

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Il Quattrocento e il Cinquecento tra immagini, scultura e storia.

Il Quattrocento e il Cinquecento tra immagini, scultura e storia. Il Quattrocento e il Cinquecento tra immagini, scultura e storia. Il XV secolo a Pescia e in Valleriana. Fig. 1. Giovanni di Bartolomeo Cristiani?, Madonna col Bambino tra i santi Giovanni Battista, Giovanni

Dettagli

PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI

PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI Per gruppi di catechismo e oratori PROPOSTE PER GRUPPI DI CATECHISMO E ORATORI Il, inaugurato nel novembre 2001, sorge nei Chiostri di Sant Eustorgio, uno dei luoghi più significativi della città per quanto

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

Guida didattica all unità 4 La città in festa

Guida didattica all unità 4 La città in festa Destinazione Italiano Livello 2 Guida didattica all unità 4 La città in festa 1. Proposta di articolazione dell unità 1. Come attività propedeutica, l insegnante svolge un attività di anticipazione, che

Dettagli

PERCORSO DANTESCO A VERONA

PERCORSO DANTESCO A VERONA PERCORSO DANTESCO A VERONA In giro per Verona sulle orme di Dante SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CAVALCHINI - MORO PIAZZA BRA Al tempo di Dante non esistevano i palazzi che vediamo ora, c'erano solo

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

HOTEL LEOPOLDA *** Via Ponte alle Mosse 65 50144 Firenze Tel 055 333070 Email : hotel.leopolda@tiscalinet.it web site : www.hotelleopolda.

HOTEL LEOPOLDA *** Via Ponte alle Mosse 65 50144 Firenze Tel 055 333070 Email : hotel.leopolda@tiscalinet.it web site : www.hotelleopolda. Object 1 HOTEL LEOPOLDA *** Via Ponte alle Mosse 65 50144 Firenze Tel 055 333070 Email : hotel.leopolda@tiscalinet.it web site : www.hotelleopolda.com Benvenuti a Firenze e nel nostro Hotel Leopolda. La

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

La nascita della pittura occidentale

La nascita della pittura occidentale La nascita della pittura occidentale 1290-1295, tempera su tavola, Firenze, Basilica di Santa Maria Novella E' una tavola dipinta a tempera, dalle dimensioni di 578 cm di altezza e 406 cm di larghezza.

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona)

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) Unità 1 In prima e in seconda ITIS noi studiamo I PROMESSI SPOSI. Che cosa è? I Promessi

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Arte a Figline Da Paolo Uccello a Vasari

Arte a Figline Da Paolo Uccello a Vasari Arte a Figline Da Paolo Uccello a Vasari Figline Valdarno Palazzo Pretorio 19 ottobre 2013 19 gennaio 2014 la città degli uffizi Città di Figline Valdarno Assessorato alla Cultura Provincia di Firenze

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Mi appresto inoltre a riepilogare sinteticamente quanto abbiamo vissuto nel mese passato.

Mi appresto inoltre a riepilogare sinteticamente quanto abbiamo vissuto nel mese passato. Cari amici, siamo giunti ormai a metà di questa annata e scrivere queste poche righe è diventata una consuetudine piacevole. E come tenere un diario, anche se la parola stessa evoca ben altra frequenza.

Dettagli

Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia

Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia Proposta di restauro ex-convento domenicano di San Clemente in Brescia Chiesa san Clemente Chiostro piccolo Cortile e Loggia dei frati Chiostro grande Situazione oggi Progetto del chiostro grande Associazione

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

I. Presentazione generale della Toscana

I. Presentazione generale della Toscana I. Presentazione generale della Toscana UN PO DI STORIA La Toscana è la terra dove tanto tempo fa nasce la civlità etrusca. Gli Etruschi sono un popolo molto civile, esperto in agricoltura, nella lavorazione

Dettagli

Ritrovo ore 14,30 Piazza S. Croce sotto statua Dante / Durata visita circa ore 2,00

Ritrovo ore 14,30 Piazza S. Croce sotto statua Dante / Durata visita circa ore 2,00 Cari amici, Vi proponiamo un nuovo programma di visite guidate a Chiese e Musei nei prossimi Mesi di Gennaio-Febbraio e Marzo 2016, con la Guida di Giampiero Graziani. Costo di iscrizione e partecipazione

Dettagli

Alziamo gli occhi al cielo

Alziamo gli occhi al cielo 1914-2014 Alziamo gli occhi al cielo Centenario dalla realizzazione degli affreschi della chiesa SS. Trinità di Samarate. Dagli archivi parrocchiali... Nel 1912 l allora parroco Don Antonio Spreafico esprime

Dettagli

LA GITA NEL SALENTO. Il Presidente

LA GITA NEL SALENTO. Il Presidente LA GITA NEL SALENTO La gita autunnale del Club alla scoperta di bellezze artistiche nonché enogastronomiche della nostra penisola sta diventando quasi una tradizione. Quest anno sempre sotto la guida del

Dettagli

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989 La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I Domenica, 17 dicembre 1989 Alla popolazione del quartiere Una visita ad un quartiere difficile quella che compie

Dettagli

PROGRAMMA DEL MESE DI OTTOBRE

PROGRAMMA DEL MESE DI OTTOBRE Cari Amici, riprendiamo dopo la pausa delle ferie il consueto appuntamento con il nostro bollettino. Nel mese di Settembre, appena trascorso, abbiamo avuto varie occasioni per incontrarci e Vi ringrazio

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

www.castrichinirestauri.com

www.castrichinirestauri.com La scoperta di questo grande affresco, circa 32 mq., è avvenuta agli inizi degli anni 70 del secolo scorso e si è rivelata particolarmente rilevante per la storia dell arte italiana perché è la prima rappresentazione

Dettagli

Una passeggiata tra storie d'amore e di fantasmi. Da SS. Annunziata alla Chiesa di Dante.

Una passeggiata tra storie d'amore e di fantasmi. Da SS. Annunziata alla Chiesa di Dante. Una passeggiata tra storie d'amore e di fantasmi. Da SS. Annunziata alla Chiesa di Dante. Itinerario Libero non Guidato Segui il nostro consiglio, prendi per mano tua moglie o la tua fidanzata e portala

Dettagli

Illustrato da Michele Bettio

Illustrato da Michele Bettio Da una conversazione avvenuta in viaggio Simona: Sai Giorgio, sono stata ad una conferenza di Eugenio Perazza, fondatore di Magis Design. Ha raccontato una bella storia, si intitola Martino Testadura.

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Il corriere dell arte

Il corriere dell arte Il corriere dell arte della II D - a cura di Rebecca Vaudetto e Davide Cozzi, docente Giusi Raimondi Numero 1/2011 DA VEDERE LIGABUE La giungla nella Bassa È la produzione pittorica del più grande pittore

Dettagli

Unità III Gli animali

Unità III Gli animali Unità III Gli animali Contenuti - Fattoria - Zoo - Numeri Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Roberto racconta L Orsoroberto si presenta e racconta ai bambini un poco di sé. L Orsoroberto ama mangiare il miele,

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor!

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015 Canto d'inizio: 1 TERRA TUTTA DÀ LODE A DIO R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! 1. Servite Dio nell allegrezza, 2. Sì, il Signore

Dettagli

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65 La Facciata Ci vollero tre secoli per scolpire nella pietra, modellare nel bronzo e figurare con tessere di mosaico il volto del Duomo, delineandolo attraverso un articolato programma narrativo incentrato

Dettagli

Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo

Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo Sondalo, in Valtellina, 940 metri sul livello del mare, si trova a pochi passi dai grandi centri turistiche dell'alta valle e sorge ai piedi del Parco

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli

anno 2015 Le visite sono riservate ai soli iscritti

anno 2015 Le visite sono riservate ai soli iscritti PROGRAMMA CULTURALE anno 2015 Le visite sono riservate ai soli iscritti Per prenotazioni: tel. 055 4472435-4472450 dal lunedi al venerdi dalle ore 10:00 alle ore 12:00 spisesto@firenze.tosc.cgil.it La

Dettagli

2070 DISTRETTO INTERNAZIONALE. Numero 4-10 9 Gennaio 2009. Pagina 1 di 10

2070 DISTRETTO INTERNAZIONALE. Numero 4-10 9 Gennaio 2009. Pagina 1 di 10 NOTIZIARIO Pagina 1 di 10 Gennaio :: Mese della Sensibilizzazione al Rotary Servire al di sopra degli interessi personali LE PAROLE E LA SAGGEZZA DI PAUL HARRIS Il Rotary è la porta della amicizia. Lasciamola

Dettagli

Gita alla fattoria. Gli animali (cavallo, cane, mucca ) Elementi naturali (fiore, albero, prato...)

Gita alla fattoria. Gli animali (cavallo, cane, mucca ) Elementi naturali (fiore, albero, prato...) Funzioni comunicative Lessico Morfosintassi Esprimere e motivare preferenze riguardo agli animali (Il mio animale preferito è... perché ) Raccontare un evento accaduto nel passato Comprendere un testo

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

I bassifondi del Barocco

I bassifondi del Barocco I bassifondi del Barocco mostra 7 ottobre 2014-18 gennaio 2015 LIBRETTO RAGAZZI 7-12 anni CHE COS É IL BAROCCO? Ciao, io sono il Piccolo Ferdinando e conosco Villa Medici come le mie tasche. Se vuoi ti

Dettagli

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO Voci Narrazione di Claudio Milani Con Claudio Milani Testo Francesca Marchegiano Illustrazioni e Scene Elisabetta Viganò, Armando Milani Musiche e canzoni Sulutumana, Andrea Bernasconi Cantante lirica

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

F IRENZE CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE

F IRENZE CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA F IRENZE CAPOLAVORO

Dettagli

PROGRAMMA ANNO ROTARIANO 2008-09

PROGRAMMA ANNO ROTARIANO 2008-09 PROGRAMMA ANNO ROTARIANO 2008-09 09 Rotary Club Firenze Sesto Calenzano PRESIDENTE: Antonio Salerno VICE PRESIDENTE: Marco Baglioni SEGRETARIO: Luca Capecchi PREFETTO: Alessio Paoli CONSIGLIERI: Marco

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

Li inviò a due a due

Li inviò a due a due FEBBRAIO 2015 Adorazione eucaristica dell Istituto Santa Famiglia Li inviò a due a due Proseguiamo la riflessione e preghiera sulla Chiesa in uscita missionaria a partire questa volta dalle indicazioni

Dettagli

Tendenze nella società attuale

Tendenze nella società attuale 1. Introduzione Per molti anni sono stato cappellano del centro di accoglienza per bambini e giovani Theresienheim di Offenbach. Negli ultimi dieci anni la liturgia è stata organizzata sempre nel modo

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

2070 DISTRETTO ROTARY INTERNATIONAL. Numero 3-11 6 Gennaio 2008. Pagina 1 di 10

2070 DISTRETTO ROTARY INTERNATIONAL. Numero 3-11 6 Gennaio 2008. Pagina 1 di 10 NOTIZIARIO Pagina 1 di 10 Gennaio :: Mese della Sensibilizzazione del Rotary Servire al di sopra degli interessi personali LE PAROLE E LA SAGGEZZA DI PAUL HARRIS Chi sa abbandonarsi nell interesse di una

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Speciale Gruppi 2 0 1 5

Speciale Gruppi 2 0 1 5 La Nostra Toscana Chianti Valdarno Casentino Firenze Speciale Gruppi 2 0 1 5 In collaborazione con Informazioni e prenotazioni Mazzanti Viaggi - La Montagna Fiorentina Srl Via Kennedy, 5 50066 Reggello

Dettagli

LeMOBYGuide. Sagre e feste Un anno di celebrazioni tra riti e musica. Volume 22

LeMOBYGuide. Sagre e feste Un anno di celebrazioni tra riti e musica. Volume 22 LeMOBYGuide Sagre e feste Un anno di celebrazioni tra riti e musica Volume 22 Un concentrato di culture Terra sincera seppur misteriosa, isola frequentata da millenni per via della favorevole posizione

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

In cammino verso ADORAZIONE EUCARISTICA CHIAMATI ALLA MISSIONE ANNO 2015 MESE DI SETTEMBRE

In cammino verso ADORAZIONE EUCARISTICA CHIAMATI ALLA MISSIONE ANNO 2015 MESE DI SETTEMBRE In cammino verso Cristo ADORAZIONE EUCARISTICA CHIAMATI ALLA MISSIONE ANNO 2015 MESE DI SETTEMBRE 1 Introduzione: Cel.: Ogni vocazione umana è una chiamata. Interrogarsi sulla propria vocazione vuol dire

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno...

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno... VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO Comprensione della lettura Scuola..........................................................................................................................................

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

ATTIVITA DI ANIMAZIONE MESE DI DICEMBRE 2015

ATTIVITA DI ANIMAZIONE MESE DI DICEMBRE 2015 ATTIVITA DI ANIMAZIONE MESE DI DICEMBRE 2015 Centro Diurno Stella Polare Attività del mattino:lettura del giornale, racconti, rot informale, attività motoria di gruppo e individuale, attività di laboratorio

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SC. 2007-08 IL BARATTO GRUPPO ANNI 4 INS: AIOLFI ANNA L ACQUISTO DIVISI IN TRE PICCOLI GRUPPI I BAMBINI OSSERVANO E COMMENTANO L IMMAGINE A.Ajello -A.S.

Dettagli