DOCUMENTO 15 MAGGIO. CLASSE 5 a B A.S

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO 15 MAGGIO. CLASSE 5 a B A.S. 2014-2015"

Transcript

1 Istituto Tecnico Commerciale e per Periti Aziendali e Corrispondenti in Lingue Estere V. Bachelet Via Mons. Ruggero Bovelli, 7/ FERRARA TEL. 0532/ ; FAX:0532/202365; Cod. Meccanografico FETD08000Q - Cod.Fisc DOCUMENTO 15 MAGGIO (ai sensi dell art.5 del D.P.R.323 del 23/07/1998) CLASSE 5 a B A.S SOMMARIO IL CONSIGLIO DI CLASSE... 2 GLI ALUNNI... 2 PRESENTAZIONE SINTETICA DEL PERCORSO DI STUDI...3 NORMATIVA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO:...4 IL PROFILO DELLA CLASSE... 4 METODOLOGIE E STRUMENTI... 5 VERIFICHE E VALUTAZIONE... 5 ATTIVITA DI RECUPERO... 6 VALORIZZAZIONE DELLE ECCELLENZE... 6 PROGETTI E ATTIVITA INTEGRATIVE... 6 PROGRAMMI SVOLTI... 7 SIMULAZIONI DELLE PROVE D'ESAME DI STATO...7 CREDITI DOCUMENTATI... 8

2 IL CONSIGLIO DI CLASSE Docenti Disciplina Ore di lezione Cognome Nome Settimanali Annuali Rizzi Antonella Religione Cattolica 1 33 Merlante Riccardo Lingua e Letteratura Italiana Storia Campini Marco Matematica 3 99 Bozzi Francesca Diritto 2 66 Pastorelli Zobeide Scienza delle Finanze 3 99 Polesinanti Cinzia Informatica Bellantone Milena Laboratorio di Informatica e Economia Aziendale 3 99 Tagliani M.Teresa Economia Aziendale e Laboratorio Signani Carla I Lingua Straniera Inglese 3 99 Tieghi Giovanni Educazione Fisica

3 GLI ALUNNI COGNOME NOME Andreati Sara Bizzarri Alice Bortoluzzi Guido Brigandì Andrea Brugnati Jasmine Cardinelli Anna Casola Maria Rosaria Castellani Luca Cretu Alina Ferioli Arianna Finessi Marco Friso Alberto Gonelli Monica Gulmini Nicola Ingargiola Silvia Moussaid Mina Pagliuca Marica Ravani Silvia Recarey Joandys Rizzioli Rachele Toffanin Giada Zagaria Giuseppe Zicarelli Lorenzo 3

4 PRESENTAZIONE SINTETICA DEL PERCORSO DI STUDI I diplomati SIA, accanto ad una buona cultura generale, hanno competenze specifiche nel campo dei macro-fenomeni economici nazionali ed internazionali della normativa civilistica e fiscale dei sistemi e processi aziendali organizzazione pianificazione programmazione amministrazione finanza e controllo degli strumenti di marketing dei prodotti assicurativo-finanziari dell economia sociale integrano le competenze dell ambito professionale anche con competenze informatiche e linguistiche. DISCIPLINE 3^ 4^ 5^ CARATTERISTICHE PRINCIPALI Lingua e letteratura italiana Due lingue straniere: Storia Lingua inglese Seconda lingua comunitaria 3 Inglese e, fino alla classe terza, una seconda lingua comunitaria. Matematica Informatica Economia aziendale Diritto Economia politica Scienze motorie e sportive Competenze informatiche avanzate per l utilizzo dei software applicativi d ufficio, con particolare riferimento al sistema di archiviazione (database e foglio elettronico); Religione Cattolica o att. Alternative competenze relative all organizzazione della comunicazione in rete (siti web) e alla sicurezza informatica. Insegnante tecnico pratico in compresenza (3) (3) (3) 4

5 NORMATIVA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO: 1. Il Piano dell Offerta Formativa; 2. il patto Educativo di Corresponsabilità fra Scuola-Studenti e Famiglie; 3. lo statuto delle Studentesse e degli studenti della scuola secondaria; 4. il Regolamento d Istituto; 5. il Regolamento di disciplina; 6. il Regolamento dei viaggi di istruzione, delle visite guidate e dei viaggi connessi all attività sportiva; 7. la Carta dei servizi. Il Consiglio di Classe adotta come obiettivi i principi fondamentali specificati nel P.O.F. (pag.5). Per quanto riguarda le specifiche competenze, conoscenze e abilità disciplinari (Triennio), si vedano i Piani di lavoro dei singoli docenti. La classe si compone di n 23 alunni, dei quali IL PROFILO DELLA CLASSE n 19 provenienti dalla 4B e n 4 provenienti dalla 5B in quanto ripetenti dell anno scolastico precedente. un allieva, ripetente dell anno scolastico precedente, ha smesso di frequentare alla fine del primo periodo e non risulta pertanto scrutinabile. Nel corso del Triennio, il Consiglio di Classe annota i seguenti fatti rilevanti: fruizione di continuità didattica in Religione, Lingua e Letteratura italiana e Storia, Matematica, Informatica, Ec. Aziendale e Inglese; per Diritto ed Ec. Politica/ Scienze delle Finanze la continuità si è avuta solo dalla classe quarta; in Educazione fisica si sono avvicendati quattro diversi insegnanti nel corso del triennio; partecipazione al percorso di Alternanza Scuola Lavoro nel periodo gennaio-febbraio 2014 ( per un totale di 110 ore); interesse e partecipazione al dialogo didattico: attiva e proficua in buona parte dei componenti, anche se permangono alcuni casi di alunni poco coinvolti; per quanto riguarda gli obiettivi cognitivi si rileva che l impegno, fin dalla terza, è stato piuttosto eterogeneo: un gruppo ha lavorato con diligenza e ha raggiunto buoni e anche ottimi livelli di preparazione in tutte le discipline, altri hanno generalmente limitato il lavoro domestico e l impegno è emerso essenzialmente in occasione delle verifiche, conseguendo così risultati più modesti. Anche nel corso di quest ultimo anno scolastico, l andamento non si è sostanzialmente discostato dagli anni precedenti e il profitto finale è pertanto disomogeneo: alcuni allievi, con impegno costante ed applicazione, hanno conseguito risultati adeguati alle proprie capacità, in alcuni casi anche ottimi; un gruppo più ristretto ha manifestato modalità di lavoro superficiale, uno studio domestico discontinuo e selettivo che ha consentito di raggiungere un livello di preparazione appena sufficiente. frequenza: per alcuni allievi non è stata del tutto regolare comportamento: il comportamento degli allievi, pur a tratti vivace, risulta nel complesso corretto e rispettoso. 5

6 METODOLOGIE E STRUMENTI I docenti, nella specificità delle loro discipline, hanno adottato le seguenti metodologie: METODOLOGIE DISCIPLINE Lezione frontale, anche con sussidi multimediali Discussione guidata Lezione partecipata Attività di laboratorio Simulazioni di casi professionali Interventi di specialisti esterni Tutte Tutte Tutte Informatica, Economia Aziendale, Inglese Informatica, Economia Aziendale Economia Aziendale, Scienza delle Finanze, Educazione Fisica I docenti, nella specificità delle loro discipline si sono avvalsi dei seguenti strumenti: STRUMENTI DISCIPLINE Libri di testo Materiale audio-visivo, giornali, riviste, documenti Calcolatrici e/o tabelle di calcolo Laboratori linguistici, informatici, scientifici Aula video, biblioteca, Aula Magna e palestra interna Visite guidate Tutte Tutte Matematica, Economia Aziendale Informatica, Inglese, Economia Aziendale Tutte Economia Aziendale VERIFICHE E VALUTAZIONE I docenti, nella specificità delle loro discipline usano quanto segue: Modalità di valutazione Griglie Strumenti Discipline Prove Verifica orale Tema Tutte Italiano Verifiche formative per controllare l adeguatezza dei Saggio breve Italiano processi di insegnamento e di Analisi del testo Italiano apprendimento 6

7 Articolo di giornale Relazione Prova strutturata e semi-strutturata Italiano Italiano Tutte tranne italiano Verifiche sommative per la classificazione del profitto, alla fine di ogni unità didattica Risoluzione di problemi e casi professionali Informatica, Economia Aziendale Prova pratica Informatica, Educazione Fisica Traduzione Inglese Mappa concettuale Tutte Produzione di elaborati multimediali per i percorsi d esame Tutte Le griglie di valutazione della condotta e del profitto sono riportate nel sito e nel P.O.F. (pag. 19 e 20). ATTIVITA DI RECUPERO Il Consiglio di classe, oltre al recupero curriculare effettuato da tutte le discipline durante l intero anno scolastico, ha utilizzato anche: Tipo intervento Disciplina Studio autonomo Recupero curricolare Tutte Tutte VALORIZZAZIONE DELLE ECCELLENZE I seguenti alunni, nel Marzo 2015, hanno partecipato al Corso di approfondimento di Matematica(Geometria, Logica, Trigonometria, Algebra) per la preparazione ai test d ingresso universitari: Bizzarri, Brigandì, Cardinelli, Cretu, Ferioli, Gonelli, Toffanin. 7

8 PROGETTI E ATTIVITA INTEGRATIVE Referente nel Cdc Progetto/Attività Motivazione didattica Prof.Merlante Quotidiano in classe Approfondire conoscenza temi di attualità;potenziare capacità critiche ed espressive Prof.Tagliani e Bellantone Prof.Rizzi Prof.Campini Visita aziendale Cinema-Teatro-Musica lo spettacolo continui Educazione Salute (AVIS-ADMO) Coerenza con la progettazione didattica Coerenza con la progettazione didattica Solidarietà Prof.Tieghi Progetto Gruppo sportivo Partecipazione di alcuni allievi alla fase d Istituto di corsa campestre e atletica leggera Prof.Polesinanti Almaorientati Almadiploma Attività di orientamento Partecipazione a Open days Prof.Campini, Rizzi e Merlante Incontro con esperti della Provincia sulla divulgazione delle informazioni personali nel web Viaggio di istruzione a Monaco Approfondimento storico-artistico in linea con il programma didattico Prof.Campini Olimpiadi della matematica Valorizzazione delle eccellenze Prof.Campini Prof.Tagliani Corsi di approfondimento di matematica Convegno su sostenibilità e bilancio ambientale presso Unife- facoltà di Economia Valorizzazione delle eccellenze Approfondimento di argomenti previsti nel programma curriculare Prof.Tagliani Convegno su reddito fiscale Approfondimento di argomenti previsti nel programma curriculare Prof.Tagliani Prof. Pastorelli e Bozzi Convegno su il business plan Convegno: Insolvenzfest presso Unife- facoltà di Approfondimento di argomenti previsti nel programma curriculare Approfondimento di argomenti previsti nel programma curriculare di Diritto e Scienza 8

9 Prof. Bozzi Giurisprudenza Conferenza sui rapporti tra mafia e imprese delle finanze Approfondimento di argomenti previsti nel programma curriculare di Diritto e Scienza delle finanze PROGRAMMI SVOLTI In allegato sono presenti i programmi didattici svolti per le singole discipline. A) PRIMA PROVA SIMULAZIONI DELLE PROVE D'ESAME DI STATO Il Consiglio di classe non ha deliberato di somministrare alcuna simulazione, tuttavia il docente ha proposto prove scritte analoghe alle tipologie d Esame; la griglia valutativa è in allegato A. B) SECONDA PROVA Il Consiglio di classe non ha deliberato di somministrare alcuna simulazione, tuttavia la docente ha proposto prove scritte analoghe alle tipologie d Esame; la griglia valutativa è in allegato B. C) TERZA PROVA In relazione alla terza prova scritta, i docenti hanno ritenuto la tipologia B - Quesiti a risposta singola più idonea delle altre a raggiungere le finalità dell esame, perché consente alla commissione di valutare gli alunni su uno spettro abbastanza ampio di argomenti e contemporaneamente concede al candidato uno spazio adeguato per dimostrare la preparazione e le capacità personali. Per la lingua inglese si adotta una reading comprehension in lingua originale di argomento di cultura generale/commerciale, dalla quale partire per formulare le domande. Le discipline selezionate per la simulazione sono: Scienza delle Finanze; Informatica; Matematica; Inglese. Ai candidati è consentito l uso di: Codice Civile, Vocabolario di Italiano, Vocabolario di Inglese, calcolatrice. Il Consiglio di classe ha somministrato n.1 Simulazione; testi e griglia valutativa negli allegati C e D. D) COLLOQUIO ORALE Si allega una proposta di griglia valutativa (allegato E) 9

10 CREDITI DOCUMENTATI Per le attività volontarie più significative, attuate anche negli anni scolastici precedenti, si presenta il seguente schema riepilogativo: ALUNNI ECDL PET 1 Andreati Sara X STAGE AZIENDALE ESTIVO ALTRO 2 Bizzarri Alice X X 3 X Bortoluzzi Guido 4 X X Brigandì Andrea 5 X X Brugnati Jasmine 6 X X X Cardinelli Anna 7 X Casola M.Rosaria 8 Castellani Luca 9 X X Cretu Alina 10 X Ferioli Arianna TUTOR CORSO CNA TUTOR CORSO CNA Finessi Marco 12 X Friso Alberto 13 Gonelli Monica X X 14 Gulmini Nicola X Ingargiola Silvia 16 X X Moussaid Mina 17 Pagliuca Marica Recarey Joandys 19 X TUTOR CORSO CNA Rizzioli Rachele 20 Toffanin Giada X 21 Zagaria Giuseppe X 22 Zicarelli Lorenzo X 10

11 Il presente Documento è condiviso dai membri del Consiglio della Classe VB, in ciascuna sua parte. Cognome Docenti Nome Disciplina Firma RIZZI ANTONELLA Religione MERLANTE RICCARDO Lingua Lett. Italiana Storia CAMPINI MARCO Matematica BOZZI FRANCESCA Diritto PASTORELLI ZOBEIDE Scienza delle Finanze POLESINANTI CINZIA Informatica Laboratorio BELLANTONE MILENA Ec.Aziendale Informatica TAGLIANI M. TERESA Economia Aziendale e Laboratorio SIGNANI CARLA I Lingua Straniera Inglese TIEGHI GIOVANNI Educazione Fisica Visto, si approva il Dirigente Scolastico Ferrara, 07/05/

12 CLASSE: 5B DISCIPLINA: RELIGIONE DOCENTE: ANTONELLA RIZZI NOTE SULLO SVILUPPO DEL PROGRAMMA Il programma è stato svolto completamene. Il profitto raggiunto è complessivamente più che distinto. Alla classica lezione frontale molto spesso è stata preferita una attiva partecipazione degli alunni attraverso dialoghi che cercavano di coinvolgere l intera classe, con l intenzione di ascoltare degli alunni stessi ogni domanda, curiosità, esperienza e scoperta, anche personale, e quanto altro potesse risultare per essi importante e formativo a favore di una maggiore e migliore conoscenza, accompagnata da una più completa maturazione dell intera persona. Continuamente si sono verificati l interesse, l attenzione e l attiva partecipazione degli alunni, sollecitati al dialogo costante all interno dell intera classe. Le domande degli allievi, le risposte che essi davano alle sollecitazioni dell insegnante, gli eventuali lavori presentati formano l insieme delle valutazioni LIBRO DI TESTO E ALTRO MATERIALE DIDATTICO: M. Contadini, A.Marcuccini, A.P.Cardinali, Nuovi Confronti, vol. U., Elledici TEMPI PREVISTI: ore settimanali 1; ore totali annuali effettivamente svolte 33 L etica della vita nelle religioni PROGRAMMA SVOLTO La vita; il concepimento; l aborto La donna, la famiglia, il matrimonio, il divorzio L eutanasia La pena di morte Incontro di culture e religioni Complessità e diversità del l attuale contesto sociale Manifestazioni di indifferenza, disinteresse e intolleranza I cristiani di fronte a coloro che credono in altre fedi religiose Le relazioni:pace, solidarietà e mondialità Teologia della pace Giustizia, carità, solidarietà Vincere il razzismo 12

13 CLASSE: 5B DISCIPLINA: ITALIANO DOCENTE: MERLANTE RICCARDO NOTE SULLO SVILUPPO DEL PROGRAMMA Il programma preventivato è stato interamente svolto. Gli alunni hanno seguito con interesse lo svolgimento, con buona partecipazione, acquisendo sufficiente sicurezza nell affrontare gli argomenti proposti. Il profitto è mediamente più che sufficiente, con oscillazioni tra una preparazione di tipo mnemonico e una più critica e meditata. In linea di massima sanno relazionare su temi e percorsi trasversali, sanno produrre testi di varia tipologia, utilizzando un linguaggio sufficientemente corretto e preciso. Conoscono il contesto storico-culturale in cui collocare autori e testi, sanno cogliere gli aspetti essenziali dell evoluzione della letteratura del secondo 800 e del 900. Riescono a decodificare testi letterari, a cogliere analogie e differenze e, nei casi migliori, a formulare anche ipotesi personali. LIBRO DI TESTO P.Cataldi, E.Angioloni, S.Panichi, L'esperienza della letteratura. TEMPI PREVISTI: ore settimanali 4 PROGRAMMA SVOLTO L età del Positivismo. Il Naturalismo francese. Il realismo in Italia. Il Verismo. Principi: oggettività e impersonalità, contemporaneità. Differenza tra Naturalismo e Verismo. 800 Verga: Rosso Malpelo; La roba; La lupa. Baudelaire come precursore del Decadentismo. I fiori del male (Corrispondenze; L albatro, Una carogna). Spleen di Parigi (Lo straniero). Aspetti del Decadentismo: estetismo e simbolismo. Huysmans, O. Wilde. Il valore fondamentale della musicalità. Verlaine: Arte poetica, Canzone d autunno. I poeti maledetti. Rimbaud (La mia Bohème) Il Decadentismo italiano. Il ruolo di Pascoli e D Annunzio. Pascoli. Vita, opere e temi. Il fanciullino. Da Myricae (Novembre; Lavandare; X agosto). Da Canti di Castelvecchio (Il gelsomino notturno). D Annunzio: il poeta e il soldato. La vita come opera d arte. Il santuario di Casalbordino (da Il trionfo della morte). La pioggia nel pineto; La sabbia del tempo (da Alcyone). Le avanguardie e la distruzione della tradizione. Il Futurismo. Marinetti (Manifesto del Futurismo). Pirandello. Vita, opere e tematiche. Il caos. Il contrasto essere/apparire, vita/forma. L umorismo. Il fu Mattia Pascal, Uno, nessuno e centomila; Novelle per un anno 13

14 (Ciàula scopre la luna; Il treno ha fischiato). I. Svevo: La coscienza di Zeno. 900 G. Ungaretti. Vita, opere e tematiche. Il poeta soldato: Il porto sepolto. La pagina bianca. La poetica della parola e la rifondazione della poesia. e L allegria: Mattina; Fratelli; San Martino del Carso; Veglia; Soldati; I fiumi. E. Montale. Vita, opere e tematiche. La lezione di Pascoli e D Annunzio. La poetica del negativo. Il «male di vivere». Da Ossi di seppia (Non chiederci la parola; Spesso il male di vivere; Meriggiare pallido e assorto; Cigola la carrucola). Da Occasioni (Non recidere forbice; La casa dei doganieri). L anguilla. S. Quasimodo. Ed è subito sera; Milano agosto 1943; Alla nuova luna. Aspetti della narrativa del dopoguerra: Calvino (I Nostri antenati), Bassani (Storie ferraresi), Primo Levi (Se questo è un uomo). 14

15 CLASSE: 5B DISCIPLINA: ITALIANO DOCENTE: MERLANTE RICCARDO NOTE SULLO SVILUPPO DEL PROGRAMMA Il programma preventivo è stato svolto interamente. Gli alunni hanno partecipato al dialogo educativo in maniera soddisfacente; più discontinua è stata invece l applicazione nello studio domestico. In linea di massima, gli alunni sanno riconoscere il rapporto tra gli eventi storici e il contesto geografico, sociale, antropico e culturale; sanno individuare, nei processi di trasformazione, elementi di persistenza e discontinuità; riconoscono le radici storiche del presente. Il profitto è mediamente più che sufficiente, con oscillazioni tra una preparazione di tipo mnemonico e una, nei casi migliori, più critica e meditata. LIBRO DI TESTO: Bergese-Palazzo, Storia magazine. TEMPI PREVISTI: ore settimanali 2 PROGRAMMA SVOLTO IL SECONDO 800 IL 900 La seconda rivoluzione industriale Il colonialismo La società di massa La guerra franco-prussiana La rivalità delle grandi potenze Italia: dalla presa di Roma all assassinio di Umberto I. La Grande Guerra e la rivoluzione russa Il dopoguerra in Europa Il Fascismo Il Nazismo La seconda guerra mondiale Il dopoguerra in Italia: la nascita della Repubblica; la ricostruzione L Italia dal boom economico agli anni di piombo Decolonizzazione e neocolonialismo. La nascita di Israele La guerra fredda Il crollo del muro di Berlino Verso il terzo millennio 15

16 CLASSE: 5B DISCIPLINA: SC.DELLE FINANZE DOCENTE: PASTORELLI ZOBEIDE NOTE SULLO SVILUPPO DEL PROGRAMMA Il programma è stato svolto interamente rispetto a quanto preventivato. Il profitto raggiunto dalla classe è mediamente sufficiente per buona parte della classe, buono e ottimo per altri. Permangono per alcuni studenti fragilità metodologiche e di collegamento tra gli argomenti. Si può comunque affermare che gli obiettivi cognitivi, pur con le diversificazione evidenziate, sono stati quasi interamente raggiunti. Gli obiettivi extracognitivi non sono stati invece raggiunti da parte dell intera classe, poiché discontinua la partecipazione al dialogo didattico, e così l interesse per la disciplina anch esso discontinuo e concentrato prevalentemente in occasione delle verifiche. LIBRO DI TESTO: F. Poma C.so di Finanza Pubblica TEMPI PREVISTI: ore settimanali 3 Teoria generale della finanza pubblica Evoluzione storica Finanza della sicurezza sociale PROGRAMMA SVOLTO Le politiche della spesa e dell entrata Spese pubbliche Entrate pubbliche Imprese pubbliche L imposta Principi giuridici e amministrativi delle imposte La ripartizione dell onere delle imposte Gli effetti economici delle imposte La politica di bilancio Concetti generali Il sistema italiano di bilancio La finanza locale e i tributi locali (Irap. Imu, Tasi e Tari) Le addizionali La finanza straordinaria e il debito pubblico Il sistema tributario italiano Le imposte sui redditi Irpef, Ires 16

17 CLASSE: 5B DISCIPLINA: INFORMATICA DOCENTE: POLESINANTI CINZIA NOTE SULLO SVILUPPO DEL PROGRAMMA Gli studenti sono in grado di: 1 stendere un progetto gestionale semplice, utilizzando apposita documentazione, costruendo modelli concettuali e logici di dati, gestendo basi di dati con i prodotti software presenti in laboratorio(access, MySql). 2 individuare i componenti di base, hardware e software, necessari per comunicare in reti LAN e WAN, di utilizzare i servizi fondamentali di Internet. 3 realizzare semplici pagine web dinamiche, utilizzando i linguaggi HTML, i fogli di stile e PHP. Tuttavia, si osserva che: molti studenti tendono più all acquisizione di nozioni mnemoniche piuttosto che al perseguimento di una preparazione articolata e ragionata; tutta la classe non è stata agevolata nell'esercizio di una applicazione continua, a causa delle numerose assenze della docente per malattia, della frequenza abbastanza alterna nei mesi di febbraio e marzo a causa di impegni di diverso tipo (quali il viaggio d'istruzione e le sessioni di orientamento) e, infine, della presenza di molte festività per tutto il mese di aprile. La carenza di tempo non ha consentito di affrontare, rispetto al preventivato, l argomento Sistema informativi, riguardante lo sviluppo dei prodotti sw di ultima generazione a sostegno delle aziende, quali ERP, SCM, CRM, né l'argomento sistemi operativi. LIBRO DI TESTO E ALTRO MATERIALE DIDATTICO 1 Agostino Lorenzi - MySql e data base in rete - Atlas 2 Agostino Lorenzi e Richelmo Giupponi - Informatica e reti per i sistemi informativi aziendali - Atlas TEMPI PREVISTI: ore settimanali 5 ore totali annuali effettivamente svolte 120 al 7 maggio. PROGRAMMA SVOLTO DATA BASE, DBMS ed SQL (testo 1 da pag. 10 a pag. 48) Conoscenze Conoscere le diverse fasi della produzione del software (analisi, progettazione, realizzazione e test). Comprendere cosa è un database; elencare funzioni e caratteristiche dei data base: economicità, flessibilità, sicurezza, ecc... Conoscere le caratteristiche principali del modello Entity_Relationship, con entità ed associazioni (e loro istanze). Il data base management system: DDL,DML,QL Conoscere le caratteristiche principali del modello relazionale, con relazioni e loro istanze, vincoli di dominio e vincoli di integrità referenziale; La traduzione di un modello Entity-Relationship in un modello relazionale. Principali operazioni dell algebra relazionale: proiezione, selezione, join, prodotto cartesiano.. Conoscere e descrivere le principali istruzioni SQL: identificatori e tipi dei dati; DDL (create table, alter table, drop table); DML (insert, update e delete); QL (select; operatori between, like e isnull; funzioni di aggregazione; ordinamenti e raggruppamenti; semplici select nidificate soprattutto con l'operatore in). Abilità Modellare dei dati a livello concettuale, producendo diagrammi Entity-Relationship. Modellare dei dati a livello logico, producendo schemi relazionali di data base. Fare interrogazioni su basi di dati relazionali, mediante il linguaggio SQL. 17

18 HTML e IPERTESTI (testo 2 da pag. 216 a pag. 269) Conoscenze Conoscere i più importanti tag HTML: parti strutturali del documento; informazioni sull header; formattazione del testo; collegamenti ipertestuali; immagini; elenchi; tabelle; moduli; fogli di stile cn classi e identificatori. Abilità Realizzare documenti ipertestuali con l ausilio di un editor HTML (DSV). PROGRAMMAZIONE PHP (testo 1 da pag. 436 a pag. 451; dispense integrative) Conoscenze Definire il concetto di algoritmo: concetto di costante e di variabile; variabili numeriche, alfanumeriche, booleane e carattere; espressioni aritmetiche, funzionali, di confronto e logiche; strutture fondamentali degli algoritmi: sequenziale, condizionale, ciclica. Conoscere le regole di un linguaggio di programmazione: Php. Abilità Tradurre un algoritmo in php, con l'uso dell'editor DSV; eliminare errori sintattici e logici. RETI E TRASMISSIONE DATI (testo 2 da pag. 110 a pag. 141; da pag. 152 a pag. 203; esclusi traceroute, host, whois, ssh) Conoscenze Definizione di rete; Reti Wan, Lan; topologie; organizzazione peer to peer e organizzazione client server; Connessioni fisiche (point to point e multipoint) e logiche (point to point e broadcast); Modello ISO/OSI e architettura TCP/IP: livello1 (schede di rete, i principali mezzi trasmessivi, modem e linee telefoniche PSTN- ISDN-ADSL; mezzi trasmissivi dedicati e condivisi; linee simplex, half duplex e full duplex; commutazione di circuito e di pacchetto); livello2 (codifiche dei dati, rilevazione e controllo degli errori, standard Ethernet e CSMA/CD, standard Token Ring; switch e bridge; protocollo PPP ); (*) livello3 (router, indirizzi IP, segmentazione di una rete, indirizzi DNS, ping e ipconfig; protocolli IP e ICMP); livello4(classificazioni degli algoritmi di routing; protocolli TCP e UDP); livelli superiori (porte; hhtp, smtp, pop3, telnet, news, ftp, proxy, dhcp, IRC, VoIP); Internet: principali definizioni (sito, URL, web, dominio.; portali, motori di ricerca; provider, ICANN); navigazione e principali servizi.; IPv6. Intranet ed Extranet. Virtual private network (VPN). Conoscere la definizione e gli aspetti dei principali server e definire alcuni software lato server: Web Server (Internet Information; Service o Apache); Ftp Server (Filezilla come client); Mail Server; Proxy Server; DNS Server; Db Server (MySql); DHCP Server. Firewall. Nota: a partire dal punto (*), gli argomenti non sono stati trattati nel corrente anno scolastico ma sono stati accennati negli anni scolastici precedenti e si conta sull'ultimo mese di scuola per riordinarli e sistematizzarli. DATA BASE IN RETE (testo 1 da pag. 451 a pag. 471) Conoscenze Sapere come ottenere informazioni mediante pagine web dinamiche, utilizzando un web server e un db server. Significato e sintassi delle delle istruzioni mysqli_connect, mysqli_close, mysqli_query, mysqli_fetch array, mysqli_num_rows, mysqli_errno; mysqli_error (escusa mysql_select_db, che non è compresa nell'insieme delle funzioni mysqli). Abilita' Realizzare e gestire basi di dati con il db-server MYSQL ed il db-client Phpmyadmin. Fare interrogazioni sulle basi di dati. 18

19 Scrivere pagine web con moduli di invio dati e pagine php con risultati di interrogazioni su data base o con esecuzione di query DML. Sintetizzare i dati aziendali con l uso di tabelle pivot e scenari di Excel. 19

20 CLASSE: 5B DISCIPLINA: EC. AZIENDALE DOCENTE TAGLIANI MARIA TERESA NOTE SULLO SVILUPPO DEL PROGRAMMA Il programma è stato svolto in tutte le sue parti; la parte riguardante la stesura del business plan è stata svolta limitando la parte applicativa a pochi semplici casi; la parte relativa alla gestione delle imprese bancarie e alle politiche di marketing è stata svolta in modo sintetico per mancanza di tempo 1 Profitto raggiunto, rispetto alle competenze indicate: discreto 2 Obiettivi extracognitivi : la partecipazione al dialogo educativo è stata viva e propositiva per buona parte della classe anche e solo un esiguo numero ha dimostrato scarso coinvolgimento e disinteresse per la disciplina, il metodo di studio è risultato superficiale e poco organizzato solo per una minoranza 3 Obiettivi cognitivi (capacità di analizzare e sintetizzare, capacità di esporre e di prendere decisioni autonome): raggiunti in modo più che sufficiente LIBRO DI TESTO E ALTRO MATERIALE DIDATTICO Autore: Boni Ghigini Robecchi -Trivellato Titolo: Telepass Casa Editrice: Scuole & Azienda PROGRAMMA SVOLTO MODULO 1 IL BILANCIO D ESERCIZIO DELLE SOCIETA DI CAPITALI Le funzioni del bilancio Il processo decisionale di formazione L iter di formazione, i contenuti dei prospetti di bilancio La normativa civilistica relativa ai componenti patrimoniali e reddituali MODULO 2 - LE IMPRESE INDUSTRIALI : ASPETTI ECONOMICO - AZIENDALI Caratteristiche della produzione industriale Classificazioni delle imprese industriali La gestione delle imprese industriali e i suoi processi La gestione delle imprese industriali: i suoi settori, gli aspetti tipici e le principali scelte operative che la caratterizzano Il sistema informativo delle imprese industriali e la sua articolazione La contabilità generale e il bilancio d'esercizio delle imprese industriali MODULO 3 - ANALISI, REVISIONE E CERTIFICAZIONE DEL BILANCIO L interpretazione della gestione e le analisi di bilancio Analisi per indici: la riclassificazione finanziaria dello Stato Patrimoniale e la rielaborazione del Conto Economico a valore aggiunto 20

21 Il coordinamento a sistema degli indici e la loro lettura unitaria Analisi di bilancio per flussi Il rendiconto delle variazioni di capitale circolante netto La revisione della contabilità e del bilancio: norme e procedure MODULO 4 LE IMPOSTE SUL REDDITO D IMPRESA Il reddito fiscale d impresa: concetto e principi generali I ricavi, le plusvalenze e i dividendi La valutazione fiscale delle rimanenze L ammortamento delle immobilizzazioni materiali e immateriali Le spese di manutenzione e riparazione La svalutazione fiscale dei crediti commerciali La liquidazione e il versamento dell Ires MODULO 5 - LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA E IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLA GESTIONE La gestione strategica d impresa come attività programmata La definizione degli obiettivi e l analisi dell ambiente La formulazione e realizzazione del piano strategico Il controllo dei costi: la contabilità analitica Le differenze e le relazioni fra la CO.AN. e la CO.GE. I costi nelle imprese industriali: classificazioni e configurazioni La metodologia del calcolo dei costi di prodotto : raccolta, localizzazione, imputazione La contabilità analitica a costi pieni o Full costing La contabilità a costi variabili o Direct costing L Activity Based Costing La break-even analysis Il controllo di gestione e i suoi strumenti Il budget annuale e la sua articolazione La formazione dei budget settoriali Il controllo budgetario e il sistema di reporting L analisi degli scostamenti nei costi e nei ricavi 21

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli