Il gioco d'azzardo : il fenomeno, i costi e le azioni di cura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il gioco d'azzardo : il fenomeno, i costi e le azioni di cura"

Transcript

1 Dipartimento Dipendenze Treviglio 7 gennaio 2015 Il gioco d'azzardo : il fenomeno, i costi e le azioni di cura E. Beato Responsabile Osservatorio delle Dipendenze ASL di Bergamo

2 Il gioco d'azzardo Definizioni : di cosa stiamo parlando Giocare d azzardo, un fenomeno nuovo? Alcuni dati: dalla raccolta ai costi, dalle stime ai dati sulle persone in trattamento Cosa fare quando il gioco diventa un problema: il contributo del volontario AUSER

3 Il gioco d'azzardo Il termine azzardo deriva dal francese hasard e questo a sua volta dall'arabo az-zahr zahr, che significa dado, uno dei giochi d'azzardo storicamente più antichi

4 Il gioco d'azzardo Definizioni Il gioco d azzardo consiste nello scommettere beni materiali, solitamente soldi ma non solo, su di un esito del gioco che dipende principalmente o quasi esclusivamente dal caso. Per vincere il giocatore deve essere più bravo del sig. Casoe Caso e riuscire a batterlo batterlo

5 Il gioco d'azzardo DEFINIZIONE Art. 721 Codice Penale Sono giochi d azzardo quelli nei quali ricorre il fine di lucro e la vincita o la perdita è interamente o quasi interamente aleatoria. ( )

6 Il gioco d'azzardo Si può parlare di gioco d'azzardo quando: si scommette denaro o un oggetto di valore. la posta è irreversibile (una volta fatta la puntata non è più possibile ritirarla). L esito del gioco dipende principalmente o totalmente dal caso. E bene sapere che nel gioco d azzardo: Tutti gli eventi (es. numeri) hanno eguali possibilità di uscire È impossibile controllare o prevedere l esito degli eventi. L abilità non conta ed é impossibile migliorare la propria performance con l esperienza.

7 Definizioni Giocare d azzardo non è di per sé patologico - Vi sono livelli e intensità diversi di rapporto con questo gioco, ma nessuno di questi va sottovalutato ASL PREVENZIONE ASL Gioco d azzardo Informale e ricreativo Gioco d azzardo problematico Comportamento Fisiologico necessità di consapevolezza dei potenziali rischi Comportamento a rischio per la salute (fisica, mentale e sociale) necessità di diagnosi precoce e di intervento Gioco saltuario Motivazioni legate al divertimento Spesa contenuta Aumento della frequenza Aumento del tempo speso giocando Aumento delle spese CURA Gioco d azzardo patologico Fonte: Linee guida Dipartimento politiche Antidroga Stato di malattia con conseguenze sanitarie e sociali e necessità di diagnosi, cura e riabilitazione Gioco intensivo e/o quotidiano Comparsa del craving (desiderio incontrollabile di giocare) Spese elevate con indebitamento

8 Giocare d azzardo è un fenomeno recente? Ricerche archeologiche ed antropologiche hanno testimoniato la presenza costante del gioco d'azzardo in ogni epoca, stato sociale e cultura.

9 Il Gioco d azzardo ha accompagnato da sempre tutte le culture umane Se ne parla già in testimonianze del a.c., così pure è rintracciabile la presenza di giocatori patologici da Caligola e Nerone, fino a Dostojevskij ( Il giocatore ) Il gioco dei dadi è uno dei più antichi, si praticava già in Egitto, nella Roma Imperiale, in India, in Giappone e in Cina. Il gioco d'azzardo forse più diffuso nell antica Roma insieme ai dadi era la Morra (MICATIO) in cui lo scopo era di indovinare in anticipo la somma delle dita mostrate da entrambi i giocatori. Altro gioco d azzardo molto praticato era navia aut capita (oggi testa o croce) con una moneta.

10 Il gioco d azzardo nella storia, nella letteratura e nella pittura Con il tempo sono nati molti altri giochi, come le scommesse sui cavalli ("lo sport dei re") e, dal 1500, le lotterie. La roulette fu inventata nel XVI secolo dal filosofo Blaise Pascal, mentre le slot-machine nel 1895 dall'americano Charles Fay. Per tutelare tutti i cittadini dai rischi che derivavano dal gioco d azzardo, fin dall epoca repubblicana si era anche cercato di promulgare delle apposite leggi, una fra queste era la Lex Alearia. Questa legge stabiliva quali fossero i giochi proibiti. La letteratura offre diverse testimonianze da Ovidio Ars amatoria scrive: Sic, ne perdiderit, non cessat perdere lusor (Così il giocatore perdente per non restare in perdita continua a perdere) a Dostojevskij il giocatore a Landolfi a Puskin. Nel Vangelo stesso (Giovanni 19,23-24) Si son divise tra loro le mie vesti e sulla mia tunica han gettato la sorte

11 La pittura offre diverse testimonianze "Achille e Aiace che giocano a dadi" anfora circa 540 a.c. "Giocatori di dadi" Georges de La Tour "Soldati che giocano a carte e a dadi" Valentin de Boulogne 1620/22 La crocifissione Mantegna 1456)

12 Giocare d azzardo non è un fenomeno recente, ma in questi anni abbiamo assistito ad una sua forte espansione Volumi del gioco d azzardo Terza azienda italiana per fatturato 4% del PIL i punti autorizzati per il gioco lecito in Italia e in Lombardia(Liuc Papers, Pubblicazione periodica dell Università Carlo Cattaneo LIUC, Novembre 2014) la stima delle imprese legali coinvolte 8 miliardi entrate per lo Stato (stima) da i giocatori patologici

13 CON CONSEGUENZE PESANTI Debiti di gioco «Non ce la faccio più» Quarantenne si uccide col gas di scarico Perde al gioco, si uccide a 18 anni (5 luglio 2013) Perde 23mila euro in un solo giorno. La Asl: "Allarme slot qui a Bergamo" Protagonista della vicenda un imprenditore di Costa Volpino che poi ha insultato il gestore del locale ed è finito in ospedale per un TSO (23 gennaio 2013) Chiuduno, furto dopo la tragedia Il ladro-carabiniere giocava alle slot 17 settembre 2013

14 L evoluzione del gioco d azzardo in Italia Da una posizione proibizionista che risale agli Anni 30(RD 18 giugno 1931 n. 773): fenomeno da contenere e da controllare Si è passati Ad una posizione più permissiva, anni 90, attraverso la legalizzazione, con deroghe legislative, di ciò che prima era vietato, sino ad arrivare ai recenti provvedimenti degli ultimi dieci anni che hanno aumentato a dismisura l immissione legale di una vastissima quantità di giochi. FONTE: INDAGINE CONOSCITIVA - XVI LEGISLATURA XII COMMISSIONE SEDUTA DEL 2 AGOSTO 2012 Motivazione del divieto: valutazione del GA come pericoloso perché basato sull alea e sul lucro Motivazione alla legalizzazione: 1. sottrazione di spazio ai giochi illegali 2. incremento delle entrate dello Stato

15 L evoluzione del gioco d azzardo in Italia Prima degli anni 90 Dagli anni 90 in poi Giudizio di disvalore sul gioco d azzardo: il fenomeno era da contenere e da controllare Posizione più permissiva legalizzazione di diversi giochi 1997 doppia giocata del Lotto, superenalotto sale scommesse 1999 Bingo Dal 2003 via libera a slot machine, a win for life, giochi on line e videolottery/vlt (vedi decreto Abruzzo)

16 L evoluzione del gioco d azzardo in Italia Dal 90 in poi promozione del gioco lecito PUBBLICITÀ OSSESSIVA fatta da testimonial quali divi del calcio o personaggi molto noti OFFERTA DEL GIOCO A RITMO INCALZANTE LOTTO --> da settimanale a bisettimanale a trisettimanale fino al superenalotto LOTTERIE --> da una sola a lotterie istantanee NUOVE FORME DI VINCITA sempre più vicine ai desideri della gente --> win for life ( ,00 per 30 anni) turista per sempre ( 6.000,00 per 20 anni)... TOTOCALCIO dalla schedina alla possibilità di scommettere su tutto( n. goal, solo nel 1 tempo, n. annonizioni, n. espulsioni..)

17 L evoluzione del gioco d azzardo in Italia Dal 90 in poi promozione del gioco lecito Si assiste ad una crescente diffusione IL GIOCO TI CERCA alla cassa dell'autogrill, al supermercato anche proponendoti di giocare il resto del gioco d azzardo, ma senza IL GIOCO E SOTTO CASA lo trovi dal tuo tabaccaio, al bar meccanismi di monitoraggio e di IL GIOCO ENTRA IN CASA NOSTRA/gioco on line. Non devi neanche collegarti, mentre fai altro, ti compare il messaggio, il link e il benefici d'accesso valutazione dei danni sociali, diretti ed indiretti, connessi al fenomeno CALO DI GRADIMENTO DI UN GIOCO? Aumento del payout (probabilità di vincita es. Binngo da 58 a 70%) e riduzione dell'aliquota fiscale

18 L evoluzione del gioco d azzardo in Italia Cambia la funzione sociale del gioco d azzardo Prima degli anni 90 Fattore di socialità: si giocava con altri Legato ad una ritualità in coincidenza con alcune feste Per accedere ad alcuni giochi dovevi recarti ad un Casinò, regole e controllo Tempi lenti: una tombola un pomeriggio Lotto estrazione settimanale Tempi lenti anche nella riscossione Dagli anni 90 in poi Fattore di solitudine Consumo continuo ed incontrollato, scelta individuale Massima prossimità (luoghi reali e virtuali on line), bassissimo controllo Tempi veloci: bingo velocissimo Win for life: ogni 5 Riscossione immediata Fonte: cfr M.Croce da sociale a solitario: l evoluzione del gioco d azzardo in Oltre l eccesso, A.Lucchini, P.E. Cicerone. F.Angeli

19 L evoluzione del gioco d azzardo in Italia Cambia il mercato dei giochi Fortissimo incremento in termini quantitativi e crescente diversificazione e polarizzazione dell offerta Distribuzione percentuale della raccolta per tipologia di gioco (valori percentuali) 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% , giochi a distanza apparecchi 56,1 bingo 57.4 giochi a base ippica giochi a base sportiva lotterie superenalotto lotto Fonte: rielaborazioni Osservatorio Dipendenze/ASL su dati AAMS

20 L evoluzione del gioco d azzardo in Italia Cambia il mercato dei giochi Fortissimo incremento in termini quantitativi e crescente diversificazione e polarizzazione dell offerta 6,2 18,1 Distribuzione percentuale della raccolta per tipologia di gioco (valori percentuali) ,0 54,6 15,9% 7,6% 11,5% 4,6% 1,0% 2,0% 11,7 7,0 2,4 lotto giochi a base sportiva bingo giochi a distanza 57,4% lotterie giochi a base ippica apparecchi Fonte: rielaborazioni Osservatorio Dipendenze/ASL su dati AAMS

21 L evoluzione del gioco d azzardo in Italia Nuove modalità di gioco d azzardo Le modalità di raccolta delle giocate: da una strategia di SVILUPPO CAPILLARE DELLA RETE DI PUNTI VENDITA presenti sul territorio ( punti circa in Italia e in Lombardia), allo SFRUTTAMENTO DELLE POTENZIALITÀ OFFERTE DA INTERNET e della possibilità, attraverso di esso, di relazionarsi direttamente con l utente finale minimizzando tempi e costi della distribuzione dei prodotti di gioco Nel 2013 la raccolta del gioco a distanza ha superato i 13 miliardi di euro (il 15,7% della raccolta complessiva, + 60% circa rispetto al 2012) Fonte: AMMS. 2,8 milioni hanno giocato almeno una volta on line dall autunno 2008 al italiano su 10 maggiorenni Un mercato sempre più innovativo Fonte: Osservatori.netICT&management

22 L evoluzione del gioco d azzardo in Italia Aumenta l entità del volume del gioco La raccoltadai giochi pubblici e delle scommesse sportive in Italia è più che triplicata negli ultimi 8 anni (da 24,8 miliardi di euro nel 2004 a 85 miliardi di euro nel 2013). Terza industria italiana per fatturato Raccolta giochi pubblici e scommesse sportive in miliardi serie storica Incremento 2004 vs % Fonte: rielaborazioni Osservatorio Dipendenze/ASL su dati AAMS

23 L evoluzione del gioco d azzardo in Italia Soldi giocati nel gioco d azzardo nel 2013 popolazione popolazione generale maggiorenne BERGAMO (1) LOMBARDIA (2) ITALIA (2) Fonte: (1) rielaborazioni Osservatorio Dipendenze/ASL su dati M.Fiasco "Il gioco d'azzardo e le sue conseguenze sulla società italiana" tabella 2 e su dati AMMS (2) rielaborazioni Osservatorio Dipendenze/ASL su dati AAMS Seconda Regione dopo l Abruzzo con 1.718,00 popolazione generale e 2.035,00 popolazione maggiorenne Pur sapendo che.

24 .. le probabilità di vincita sono.. SuperEnalotto Le probabilità di fare 6 sono 1 su Lotto Le probabilità di fare cinquina sono 1 su Totogol Le probabilità di fare 7 sono 1 su Win For Life Con 1 euro le probabilità di fare 10+ sono 1 su Gratta&Vinci Miliardario Le probabilità di vincere più di euro sono 1 su Su di biglietti del Gratta&Vinci Miliardario solo 275 vincono più di euro

25 Lo Stato ci guadagna davvero? 2013 entrate erariali dal settore giochi: 8,2 miliardi di euro (fonte:amms), pari al 9,7% della raccolta, cifra che si avvicina al 2008 quando però il fatturato complessivo era la metà dell attuale (fonte MEF) Negli ultimi otto anni le entrate per l erario non hanno seguito il contestuale incremento esponenziale del giro d affari dei giochi d azzardo: nel 2004 un quarto della raccolta complessiva (24,9%) a fronte del 9,7% del Fonte: rielaborazioni Osservatorio Dipendenze/ASL su dati AAMS

26 I nuovi giochiintrodotti negli ultimi anni hanno una tassazione notevolmente inferiore ai precedenti(a vantaggio del pay-outper i giocatori e dell industria del gioco) Versa % di più ma pesa poco 2013 AAMS raccolta erario %erario/raccolta Fonte: rielaborazioni Osservatorio Dipendenze/ASL su dati AAMS distribuzion e % entrate erariali per gioco Più i giochi sono nuovi e meno pagano all Erario distribuzion e % raccolta per gioco lotto , ,00 19,1 14,8 7,5 superenalotto , ,00 46,6 7,8 1,6 lotterie , ,00 15,5 18,2 11,3 giochi a base sportiva , ,00 4,2 2,0 4,5 giochi a base ippica , ,00 4,8 0,5 1,0 bingo , ,00 11,0 2,2 2,0 apparecchi , ,00 9,1 53,3 56,4 giochi a distanza , ,00 0,8 1,2 15,7 totale , ,00 9, ,0

27 Quale è il prezzo? Lo Stato incassa sempre meno in termini di tasse le entrate per lo Stato - in percentuale - scendono incessantemente: si è passati dal 29,4% del 2004 al 9,7% del 2013, sul totale del fatturato (AAMS) Lo Stato è costretto a spese sempre maggiori per far fronte ai costi sociali, in costante aumento, legati al crescente numero di persone dedite al GIOCO D AZZARDO PROBLEMATICO E PATOLOGICO e all INVASIVITÀ DELLE MAFIE 15 miliardi è il fatturato stimato del gioco illegale nel clan gestiscono giochi di vario genere (CNAU) Su 10 casi di usura accertata 4,6 sono riconducibili al gioco d azzardo

28 A che prezzo? I costi sociali dell impatto del gioco d azzardo Molti studi evidenziano come negli anni di incertezza, di stagnazione economica e di drastiche politiche di rientro del debito pubblico, si verifichi un boom del gioco d azzardo. con tutte le conseguenze in termini di ricaduta sui costi sociali e di ritorno negativo sull economia quello che è successo in Italia!

29 Secondo l ISTAT rapporto annuale 2013 i risparmi delle famiglie nel 2012, attestati al 8,2%, toccato i minimi storici A fronte di un evidente contrazione dei consumi familiari e del crollo dei risparmi delle famiglie negli ultimi anni, cresce la voglia di giocare nella speranza del colpo di fortuna.

30 Spesa in giochi d azzardo delle famiglie italiane secondo la loro posizione socio-economica. Dati ISTAT Indagine sui consumi delle famiglie italiane (anni 1999, 2003, 2008) e spesa mensile delle famiglie solo per Lotto, Totocalcio e Gratta & Vinci. Le famiglie con redditi più bassi tendono a spendere una percentuale del loro reddito più alta rispetto alle famiglie più ricche. La spesa in giochi si traduce a tutti gli effetti in una sorta di tassazione volontaria di tipo regressivo ulteriore fattore di disuguaglianza socio-economica. Le famiglie giocatrici più povere: 3% del loro reddito in questo tipo di giochi, vs 1% di quelle più ricche. Relazione tra il reddito famigliare equivalente (ISEE) e la percentuale del reddito speso nei suddetti giochi. Oltre ai problemi derivanti direttamente dal GAP, i giochi di azzardo agiscono come un tassa regressiva aggravando le condizioni economiche delle famiglie più povere. Almeno un giocatore Grafico tratto dall articolo il gioco d azzardo:l iniquità di una tassa volontaria lavoce.info

31 COSTI SOCIALI Impatto del Gioco d azzardo Assenteismo Perdita del posto di lavoro Stress Depressione Ansia Suicidio Scarso rendimento Abbandoni Familiari GAP: Impatto sulla persona VIOLENZE (Domestiche ed altre) Cattive condizioni di salute Difficoltà finanziarie Fallimento Debiti Perdite Patrimoniali Impatto sugli altri Rottura delle relazioni Furto o altri reati USURA Carcerazione Fonte: Australian productivity Commission, 1999 modificato Serpelloni 2013 rielaborazione Osservatorio delle Dipendenze ASL di Bergamo

32 COSTI SOCIALI causati dal gioco patologico Ricerca dell Istituto di ricerca economico di Università di Neuchâtel in collaborazione con il CGCE di Losanna. Per valutare i costi sociali sono state prese in considerazione le seguenti voci: COSTI SANITARI DIRETTI : ricorso al medico di base (del 48% più alto rispetto ai non giocatori), maggiori interventi ambulatoriali psicologici, ricoveri sanitari, cure specialistiche per la dipendenza... COSTI INDIRETTI: perdita di performance lavorativa: ritardi, assenze, minore efficienza (del 28% maggiore rispetto ai non giocatori), perdita di reddito... COSTI PER LA QUALITA DELLA VITA : problemi che ricadono sui familiari quali violenza, rischio di aumento di depressione grave, ansia, deficit di attenzione, bassa resistenza ad altri tipi di dipendenze, idee suicidarie, ossessione per il gioco e per i soldi necessari a giocare... Fonte: CONAGGA

33 COSTI SOCIALI Una parametrazione sul nostro Paese dei dati emersi da quello studio, condotta da CONAGGA (Coordinameto Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo), stima I COSTI SOCIALI causati in Italia dai giocatori d azzardo patologici in 5,5 ai 6,6 miliardi di euro anno I COSTI SOCIALI causati in Italia dai giocatori d azzardo patologici possono essere stimabili in: i costi derivanti da: Future generazioni in gioco Sussidi Separazioni Illegalità e reati (.) + = Fonte: CONAGGA! Costi maggiori delle entrate di 8 miliardi di euro!

34 Persone più vulnerabili su cui concentrare l attenzione Persone con presenza di disturbi comportamentali novelty seeking (propensione al rischio) in particolare giovani Persone con problemi mentali o con uso di sostanze o abuso alcolico. Persone con distrurbi del controllo dell impulsività Persone che hanno false e distorte credenze sulla fortuna e la reale possibilità di vincita al gioco d azzardo Persone anziane con carenti attività ricreative e socializzanti (antinoia) Persone con familiarità di Gioco d Azzardo Patologico Persone prevalentemente si sesso maschile (70%) rispetto a quelle di sesso femminile (30%) Persone separate e/o divorziate persone con vulnerabilità sociale (indigenti, lavoratori precari, pensionati..o appartenenti a contesti familiari poco o per nulla supportivi) Fonte: linee guida Dipartimento politiche Antidroga

35 L evoluzione del gioco d azzardo in Italia In sintesi dal 90 in poi QUALI GLI EFFETTI PERVERSI? Costi sanitari Costi sociali per l'impoveriemento delle famiglie Incremento dell'usura Spese maggiori per controlli amministrativi Evasione fiscale Danni derivanti dal rafforzamento della criminalità Stima dei costi intorno ai 30MD CONTRO I 7,8MD di entrate per lo stato

36 La crescita del fenomeno del gioco d azzardo è sotto gli occhi di tutti, ma.. La dimensione del fenomeno del gioco d azzardo e del gioco d azzardo patologico in Italia è difficilmente stimabile in quanto, ad oggi, non esistono in Italia studi accreditati, esaustivi e validamente rappresentativi del fenomeno.

37 Stima della popolazione italiana interessata dal gioco d azzardo popolazione totale ( ISTAT al 01/01/ 12) 54% Giocatori d azzardo 18-74a (LY) n ,27-3,8%Giocatori d azzardo problematici (popolazione generale) n a % Giocatori d azzardo problematici fascia (indagine SPS2011) n ,5 2,2% Giocatori d azzardo patologici (popolazione generale) n Da 5 30% nellapopolazione con problemi di dipendenza da sostanze Fonte: Dipartimento Politiche Antidroga

38 Stima della popolazione, residente in Italia, in provincia di Bergamo interessata dal gioco d azzardo (applicazione degli stessi indici utilizzati dal DPA) Stima Giocatori d'azzardo popolazion e anni * Popolazione residente al 1/1/ fonte dati ISTAT 54% Stima Giocatori d'azzardo problematici (popolazione generale) Min 1,27% Max 3,8% Giocatori problematic i popolazione %) (indagine SPSS) STIMA GIOCATORI PATOLOGICI (popolazione generale) stima minima 0,5% (Ministe ro della Salute2 012) stima massima 2,2% (Ministero della Salute2012) Provincia di Bergamo Fonte: Osservatorio Dipendenze ASL di Bergamo rielaborazioni su indici di stima del Dipartimento Politiche Antidroga

39 I giocatori d azzardo in trattamento presso i SerT e SMI dell ASL della provincia di Bergamo: trend I dati 2014 appena disponibili verranno pubblicati sul sito ASL al seguente link nella pagina dell Osservatorio delle Dipendenze

40 I giocatori d azzardo patologici in trattamento presso SerT e SMI della provincia di Bergamo: trend ! Stima minima giocatori patologici in provincia di Bergamo n (0,5% popolazione generale) in cura n. 270, lo 0,02 vs 0,5% dei potenziali gamblers Fonte:Osservatorio delle Dipendenze/ASL di Bergamo Sul totale soggetti presenti nei gruppi GA 77 non sono in carico a SerT e SMI (si aggiungono così ai 270) SerT SMI Totale Tutti i soggetti afferti al Progetto Scommettiamo che Smetti sono stati valutati o in carico ai SerT o allo SMI

41 I giocatori d azzardo patologici in trattamento presso SerT e SMI della provincia di Bergamo Caratteristiche n. % TIPO DI CONTATTO Nuovi utenti ,3 (RL 54,0) Utenti già assistiti in precedenza 91 33,7 Totale ,0 GENERE Utenti Maschi ,8 (RL 80,4) Utenti Femmine 60 22,2 (RL 19,6) Totale ,0 Rapporto M/F 3,5* Fonte:Osservatorio delle Dipendenze/ASL di Bergamo ETÀ MEDIA SerT SMI Nuovi utenti 47,7 44,9 Utenti già assistiti in precedenza 46,9 49,7 Totale * TD rapporto M/F pari a 5,3 AD rapporto M/F pari a 4,0

42 ANALISI SULL UTENZA Distribuzione numero utenti GAP per ASL anno ,2% dell utenza Lombarda i secondi per numerosità dopo l ASLdi Milano Fonte: Regione Lombardia/TTRO dati provvisori

43 L accesso ai Servizi in Italia risulta ancora limitato rispetto alla potenziale area di utenza con problemi di Gioco d Azzardo Patologico (tra lo 0,5% e il 2,2% della popolazione generale ) Possibili motivazioni: 1. La dipendenza da gioco risulta tuttora caratterizzata da uno stigma diffuso in modo trasversale, strettamente correlato alla mancanza di informazioni corrette sul problema: chi perde il controllo nel gioco d azzardo è in genere giudicato, e spesso si giudica egli stesso, sulla base di criteri moralistici, come una persona irresponsabile, incapace, inetta. Sentimenti di colpa e di vergogna trattengono spesso dal comunicare le proprie difficoltà ai familiari, agli amici, al medico di famiglia nel chiedere aiuto

44 L accesso ai Servizi in Italia risulta ancora limitato rispetto alla potenziale area di utenza con problemi di Gioco d Azzardo Patologico (tra lo 0,5% e il 2,2% della popolazione generale ) 2. Scarsa percezione dei rischi del gioco d azzardo in un contesto sociale caratterizzato da messaggi ambivalenti e da una massiccia promozione pubblicitaria. 3. Il trattamento non era gratuito come per la tossico o alcoldipendenza (Regione Lombardia per i residenti nel 2014 aveva previsto voucher di cura)

45 L accesso ai Servizi in Italia risulta ancora limitato rispetto alla potenziale area di utenza con problemi di Gioco d Azzardo Patologico (tra lo 0,5% e il 2,2% della popolazione generale ) 4. Si tratta di una domanda che ancora difficilmente emerge in modo spontaneo, e che spesso rischia di non essere individuata se non c è un attenzione specifica e una sensibilizzazione al tema. 5. Difficoltà da parte dei soggetti della rete sanitaria, socio-sanitaria e socio-assistenziale nel riuscire a cogliere la presenza di questo problema Informazione, sensibilizzazione, supporto

46 QUANDO IL GIOCO D AZZARDO DIVENTA UN A MALATTIA COME RICONOSCERLA E COSA FARE

47 Definizioni Giocare d azzardo non è di per sé patologico - Vi sono livelli e intensità diversi di rapporto con questo gioco, ma nessuno di questi va sottovalutato PREVENZIONE CURA Gioco d azzardo Informale e ricreativo Gioco d azzardo problematico Gioco d azzardo patologico!! Fonte: Linee guida Dipartimento politiche Antidroga Comportamento Fisiologico necessità di consapevolezza dei potenziali rischi Comportamento a rischio per la salute (fisica, mentale e sociale) necessitàdi diagnosi precoce e di intervento Stato di malattia con conseguenze sanitarie e sociali e necessità di diagnosi, cura e riabilitazione Gioco saltuario Motivazioni legate al divertimento Spesa contenuta Aumento della frequenza Aumento del tempo speso giocando Aumento delle spese Gioco intensivo e/o quotidiano Comparsa del craving (desiderio incontrollabile di giocare) Spese elevate con indebitamento

48 Indizi Quando diventa una malattia: le caratteristiche del giocatore d azzardo patologico 1. è eccessivamente assorbito dal gioco 2. ha bisogno di giocare quantità crescenti di denaro per raggiungere l eccitazione desiderata 3. ha provato più volte a controllare, ridurre o interrompere il gioco d azzardo senza riuscirci 4. gioca d azzardo per sfuggire a problemi o per alleviare un umore depressivo 5. dopo aver perso denaro al gioco, torna per giocare ancora (rincorrendo le proprie perdite) 6. mente ai familiari, agli amici, ai medici ed alla fine a tutti per nascondere l entità del proprio coinvolgimento nel gioco 7. ha commesso azioni illegali per finanziarsi il gioco d azzardo 8. ha messo a repentaglio o ha perso una relazione affettiva significativa, il lavoro od opportunità scolastiche o di carriera per il gioco d azzardo 9. fa affidamento sugli altri per reperire denaro o per alleviare una situazione finanziaria disperata causata dal gioco d azzardo. Fonte: Linee guida Dipartimento politiche Antidroga

49 Cosa fare la funzione del volontario dell AUSER ASCOLTO E ORIENTAMENTO Richiesta d aiuto esplicita HO UN PROBLEMA CON IL GIOCO D AZZARDO o mio marito/moglie, fratello/sorella.haun problema di GAP Rassicurazione(è possibile affrontare il problema c è chi la può aiutare) e informazione e orientamento alla rete dell offerta (consulenza o diagnosi e cura o supporto/contenimento) Invio al SERT o allo SMI per valutazione, diagnosi e proposta di trattamentoe informazione della possibilitàdi iniziare a frequentare gruppo di auto-mutuo aiuto (GA, CAT, associazione insieme ) Richiesta d aiuto implicita Ho scoperto che mio marito/moglie, fratello/sorella.es. è pieno di debiti.. Aiutare la persona a capire se il problema può essere messo in relazione ad un problema di GAPpensando a quelle che sono le caratteristiche del giocatore patologico (slide precedente) SERT o SMI per una consulenza ATTENZIONE:1. fornire indicazioni sui Sevizi piùvicini alla residenza del soggetto, informando sulla libera scelta del Servizio 2. informare sulla gratuitàdelle prestazioni 3. garantire sulla privacy 4. spiegare differenza tra Servizio specialistico di diagnosi e cura e Gruppi AMA 5. Informare sulla buona collaborazione tra SerT, SMI, gruppi AMA

50 Legge stabilità M per prevenzione, cura del GAP Legge 23 dicembre 2014, n. 190 "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilita'2015) "nell'ambito delle risorse destinate al finanziamento del Servizio Sanitario Nazionale, ai sensi dell'articolo 2, comma 225, a decorrere dall'anno 2015, una quota pari a 50 milioni di euro èannualmente destinata alla prevenzione, alla cura e alla riabilitazione delle patologie connesse alla dipendenza da gioco d'azzardo come definita dall'organizzazione mondiale della sanità". Regione Lombardia A decorrere dal le prestazionia favore delle persone con dipendenza patologica da gioco d azzardo (GAP), fornite da SerTe SMI, saranno da erogare con le stesse modalitàpreviste per le altre tipologie di dipendenza ( ) in regime di gratuità

51 Accoglienza, presa in carico e cura di persone affette da Gioco d Azzardo Patologico/GAP Tutte le prestazioni sono GRATUITE Problema! SerT o SMI (uno in tutta la provincia) SerT di Bergamo, Gazzaniga, Lovere, Ponte San Pietro, Martinengo, Treviglio SMI Centro AGA di Pontirolo Nuovo Valutazione e diagnosi, se GAP, definizione Piano individualizzato di Trattamento Trattamento (PAI) Motivazionale individuale o di gruppo - Cognitivo-comportamentale - Sostegno psicologico - Psicoterapia individuale o familiare o di gruppo - Farmacologico su disturbi psichici correlati - Gestione del craving - Consulenza e orientamento sociale o socio-assistenziale - Consulenze area legale e/o finanziaria - Invio a gruppi di volontariato (AMA, G.A. etc.) - Consulenza a familiari-.

52 SerT e SMI Servizi Ambulatoriali Pubblici Accreditati diagnosi, trattamento degli stati di dipendenza patologica Ambulatorio GAP SerT di Bergamo SerT SMI Ser.T. territori di competenza Bergamo Gazzaniga Lovere Martinengo Treviglio Ponte S.P. Ambiti Territoriali 1 - BERGAMO 2 - DALMINE 3 - SERIATE 4 - GRUMELLO 5 - VALLE CAVALLINA 6 - MONTE BRONZONE E BASSO SEBINO 7 - ALTO SEBINO 8 - VALLE SERIANA 9 - VALLE SERIANA SUPERIORE E VALLE DI SCALVE 10 - VALLE BREMBANA 11 - VALLE IMAGNA E VILLA D ALME 12 - ISOLA BERGAMASCA 13 - TREVIGLIO 14 - ROMANO DI LOMBARDIA

53 I SERVIZI SPECIALISTICI SERT E SMI - CONSULENZA, VALUTAZIONE DIAGNOSI E TRATTAMENTO SERT Indirizzo Telefono BERGAMO Via Borgo Palazzo, 130 Bergamo GAZZANIGA Via Manzoni, 98 Gazzaniga LOVERE Piazza Bonomelli, 8 Lovere MARTINENGO PONTE SAN PIETRO Piazza Maggiore, 11 Martinengo Via Adda, 18/A Ponte San Pietro it TREVIGLIO Via XXV Aprile, 6 Treviglio SMI Indirizzo Telefono Centro AGA via Lombardia, 9 Pontirolo Nuovo PRESTAZIONI GRATUITE

54 Gruppi di Auto-Mutuo-Aiuto Gioco d Azzardo Patologico Associazione insieme - Gruppo Gioco n. 6 gruppi GA Italia-Giocatori Anonimi n. 4 gruppi GA.MANON - Familiari dei Giocatori Anonimi n. 2 gruppi Seppur con modalità diverse tra loro questi i gruppi di auto-mutuo-aiuto basano il loro intervento sull importanza del confronto e del mettere in comune il proprio vissuto di disagio, sofferenza e dipendenza per: trovare reciproca assistenza e sostegno, superare una situazione difficile, soddisfare bisogni condivisi, modificare stili di vita, rinforzare e sostenere la motivazione al cambiamento. A questi si aggiungono i CAT capillarmente diffusi in provincia

55 Gruppi di Auto-Mutuo-Aiuto Gioco d Azzardo Patologico A questi si aggiungono i CAT capillarmente diffusi in provincia n. 1 GA Italia - Giocatori Anonimi n. 1 GA.MANON - (Familiari dei Giocatori Anonimi) TORRE BOLDONE n. 6 Associazione Insieme - Gruppo Gioco BERGAMO n. 2 GA Italia - Giocatori Anonimi DALMINE n. 1 GA Italia - Giocatori Anonimi n. 1 GA.MANON - (Familiari dei Giocatori Anonimi) GRASSOBBIO

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k Pordenone Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità UNIVERSITAS STUDIORUM UTINENSIS Giorgio T. Bagni Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Matematica e Informatica

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: ADOC Codice di accreditamento: NZ01079 Albo e classe di iscrizione: NAZIONALE I CARATTERISTICHE

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Nicola Tosi Mattia Bernasconi Giuliano Poggi Pagina 1 di 15

Nicola Tosi Mattia Bernasconi Giuliano Poggi Pagina 1 di 15 1. QUANDO E DOVE IL GIOCO D AZZARDO È NATO GLI INIZI DEL GIOCO D AZZARDO Il gioco d azzardo risale agli inizi dell umanità. Si presume che il suo scopo fosse quello di conoscere il volere divino. I primi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

LOTTA A CONTRAFFAZIONE

LOTTA A CONTRAFFAZIONE LOTTA A CONTRAFFAZIONE ED ABUSIVISMO COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE VADEMECUM2012 FEDERAZIONEMODAITALIA Via Durini, 14 20122 Milano www.federazionemodaitalia.it COMPRI FALSO? MA LO SAI CHE 1. Chi produce

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Presentazione Si presenta l indagine qualitativa, effettuata con interviste, nel mese di luglio

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO DI GIOCO DELLA ROULETTE (al Casino Municipale di Campione d Italia) adottato con delib. C.C. n. 83 del 2.12.1993 approvata dal CRC con atto n. 13 in data 4.1.1994

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI

SALUTE E BENESSERE MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI MASEC LA CLINICA DEL SALE CENTRI FISIOTERAPICI OTTICA DANILO CROTTI PARRUCCHIERI CENTRI ESTETICI SALUTE E BENESSERE MASEC COS E È la mutua assistenza volontaria dei piccoli imprenditori e delle loro famiglie,

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE

BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Servizio Politiche Giovanili Sociali e Sportive. Politiche di Genere Approvato con Delibera di G.P: n 39/2015 del 19/03/2015 BANDO EDUCARE ALLE DIFFERENZE Allegato A) Il progetto Educare alle differenze-

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

NEUTROMED - TI DÀ UNA MANO

NEUTROMED - TI DÀ UNA MANO codice manifestazione: 14/011 REGOLAMENTO DEL CONCORSO A PREMI DENOMINATO: NEUTROMED - TI DÀ UNA MANO Promosso da HENKEL ITALIA S.p.A. Divisione Cosmetica Soggetto Promotore HENKEL ITALIA S.p.A. Divisione

Dettagli

Alessandro Gandolfo e Valeria De Bonis. Discussion Papers Collana di E-papers del Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa

Alessandro Gandolfo e Valeria De Bonis. Discussion Papers Collana di E-papers del Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Discussion Papers Collana di E-papers del Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Alessandro Gandolfo e Valeria De Bonis Il modello italiano di tassazione del gioco d azzardo: linee guida

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Sostanze prescritte dai medici. Sostanze dopanti. Droghe, nel linguaggio comune. Alcool etabacco. Strumentali o terapeutiche.

Sostanze prescritte dai medici. Sostanze dopanti. Droghe, nel linguaggio comune. Alcool etabacco. Strumentali o terapeutiche. Droga: ogni sostanza dotata di azione farmacologica psicoattiva, la cui assunzione provoca alterazioni dell umore e dell attività mentale. Una classificazione sociologica: Legali Illegali Strumentali o

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Marca da bollo Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Protocollo Oggetto: Richiesta concessione temporanea Impianto Sportivo

Dettagli