A Roma altra vittoria PARMALAT: risparmiatore risarcito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A Roma altra vittoria PARMALAT: risparmiatore risarcito"

Transcript

1 A Roma altra vittoria PARMALAT: risparmiatore risarcito Anche il Tribunale di Roma, come era già stato sancito da diversi altri giudici, ha condannato una importante banca italiana al risarcimento di quanto versato da due associati Confconsumatori per l acquisto di titoli Parmalat. Roma, 20/12/2010 (informazione.it - comunicati stampa) Anche il Tribunale di Roma, come era già stato sancito da diversi altri giudici, ha condannato una importante banca italiana al risarcimento di quanto versato da due associati Confconsumatori per l acquisto di titoli Parmalat. Il Tribunale, infatti, ha riscontrato che la banca era contrattualmente inadempiente per non avere assolto agli obblighi informativi previsti dal Regolamento Consob e dal Testo Unico Finanziario (T.U.F.), che prescrivono all istituto di credito di accertarsi della pericolosità del titolo, di comunicare la stessa al cliente e di assumere informazioni relativamente all esperienza del medesimo in materia di investimenti finanziari e per aver venduto i titoli in conflitto di interessi. Nel caso specifico, era accaduto che gli investitori avessero comprato obbligazioni Parmalat Fin, più in particolare bond emessi dalla Parmalat Corporation BV, il 15 marzo Il Tribunale di Roma ha condannato la Banca dopo aver accertato la violazione dei doveri dell intermediario, anche nella fase successiva alla stipulazione del contratto, considerando tali doveri derivanti da norme inderogabili e pertanto in grado di generare obblighi risarcitori per inadempimento contrattuale e produrre la risoluzione del contratto di intermediazione finanziaria. Non solo, la sentenza introduce e conferma un principio importante: ossia che, anche nel caso di sufficiente esperienza maturata dall investitore, la Banca non è esonerata dall adempimento degli obblighi di verificare l adeguatezza dell investimento in quanto la Banca non è mero e passivo esecutore degli ordini di acquisto del cliente ma ha il preciso obbligo di informarlo delle caratteristiche specifiche dell operazione, comunicandogli e spiegandogli, tra l altro, il grado di affidabilità del titolo secondo le agenzie di rating. Come risulta dalla sentenza del Tribunale di Roma dichiara l avv. Barbara D Agostino, che ha tutelato in giudizio gli investitori è impensabile che un intermediario finanziario non si preoccupi di valutare e comunicare la rischiosità dell investimento; è necessario infatti - continua l avv. D Agostino che agli investitori vengano fornite precise informazioni. Non solo: è importante la trasparenza degli istituti bancari che hanno l obbligo di rendere edotti gli investitori del conflitto di interessi. La sentenza è importante conclude l avv. D Agostino perché dimostra che è ormai univoco l orientamento giurisprudenziale in materia di bond Parmalat, grazie a numerose sentenze di condanna degli istituti di credito che hanno, oltretutto, venduto ai risparmiatori quei titoli in pieno conflitto di interessi, essendo creditori delle società del gruppo Parmalat. Derivati, Depfa valuta opzioni dopo sentenza Tar Provincia Pisa venerdì 17 dicembre :41 Stampa quest articolo[-] Testo [+] MILANO, 17 dicembre (Reuters) - Depfa Bank valuta le opzioni a sua disposizione dopo la sentenza del Tar della Toscana che ha avallato la decisione della Provincia di Pisa di annullare un contratto di ristrutturazione del debito siglato con Depfa e Dexia

2 Crediop (DEXI.BR: Quotazione) a causa di costi occulti. A dirlo è un portavoce dell'istituto in un a Reuters: "Depfa sta valutando le sue opzioni". L'altra banca coinvolta ha fatto sapere circa un mese fa di avere intenzione di ricorrere in appello al Consiglio di Stato. Per Dexia, "in base al disposto della sentenza, il contratto di derivati rimane in vigore e continua a produrre gli obblighi reciproci tra le parti". La Provincia di Pisa aveva proceduto con i due istituti nel 2007 a una ristrutturazione del debito che prevedeva la sottoscrizione di un prestito obbligazionario da 95,5 milioni di euro e la sigla di operazioni in derivati a copertura del rischio di tasso. Nel giugno 2009 l'amministrazione provinciale aveva sospeso i pagamenti rateali per poi deliberare l'annullamento del contratto a causa di costi impliciti dell'operazione, mossa contestata dalle banche il cui ricorso è stato però respinto dal tribunale amministrativo toscano. Il Tar toscano ha stabilito infatti la correttezza dei procedimenti di autotutela adottati dalla Provincia che sostiene sia stato violato il principio della convenienza economica a causa dei costi impliciti. Il 9 dicembre scorso anche il Comune di Firenze ha avviato un procedimento di autotutela su sei contratti di interest rate swap siglati con tre banche, sospendendo in via cautelativa i relativi pagamenti per 30 giorni [ID:nMIE6BD0NR]. Vertici Unipol impugnano sanzioni Gruppo e manager multati per scalata tentata alla Bnl 20 dicembre, 21:06 tml ROMA, 20 DIC - Il gruppo Unipol, l'ex presidente Giovanni Consorte e l'ex vice presidente Ivano Sacchetti impugnano al Tar le sanzioni inflitte dalla Consob nel settembre 2009 in relazione al tentativo di acquisire la Bnl, nel Al gruppo era stata inflitta una sanzione di 600mila euro, a Consorte e Sacchetti 300mila euro a testa. Banca centrale appoggia commissione Germania e altri paesi sarebbero contrari 20 dicembre, 16:42 ml(ansa) - ROMA, 20 DIC - La Banca centrale europea appoggia la proposta della Commissione Ue di includere la liquidita' fra i parametri della prossima tornata di stress test sulle banche.molti paesi europei, fra cui la Germania, sarebbero contrari ai test di liquidita'. Crisi: Irlanda, Bce esprime seri timori su salvataggio

3 Potrebbe influire su capacita' Istituto di fornire altri aiuti (ANSA) - ROMA, 20 DIC - La Banca Centrale Europea ha espresso 'serie preoccupazioni' sul pacchetto di salvataggio da 85 miliardi di euro concesso all'irlanda perche' potrebbe influire negativamente sulla facolta' dell'istituto di fornire ulteriori aiuti finanziari a Paesi di Eurolandia. In un opinion paper pubblicato sul proprio sito l'eurotower spiega che la legge per il salvataggio dell'irlanda potrebbe 'minacciare il diritto' della Bce di scegliere il collaterale per coprire i prestiti erogati. 'La Bce ha serie preoccupazioni sul fatto che la bozza di legge abbia insufficienti basi legali su una serie di questioni critiche per l'eurosistema'. Ad esempio 'l'ambito dei diritti delle banche centrali sul collaterale fornito come garanzia a fronte della liquidita' fornita come assistenza d'emergenza', si legge nell'opinion paper, datato 17 dicembre. Inoltre, secondo la Bce, i poteri concessi al ministro delle Finanze irlandese, Brian Lenihan, dalla bozza di legge 'interferiscono in modo significativo' con i diritti degli azionisti e creditori degli istituti finanziari. L'Istituto Centrale quindi ''chiede ulteriori chiarimenti in modo che i diritti delle banche centrali e della Bce, come creditori degli istituti finanziari, non vengano minati'. Nuovo record per il franco, Banca centrale svizzera teme crollo euro Di Francesca Gerosa id= &chkagenzie=tmfi&sez=news&testo=&titolo=nuovo%20record %20per%20il%20franco,%20Banca%20centrale%20svizzera%20teme%20crollo%20euro L'euro potrebbe registrare una forte perdita di valore contro il franco svizzero. Il monito arriva dal presidente della Banca centrale svizzera, Philippe Hildebrand, in un incontro privato con il Governo, stando a quanto riportato ieri dal Sonntag. Secondo il quotidiano, Hildebrand avrebbe detto che, se la crisi sul debito sovrano dell'eurozona dovesse aggravarsi, l'euro potrebbe scendere fino a 0,50 franchi svizzeri. Per evitare un eventuale crollo della moneta unica contro il franco svizzero, che rischierebbe di danneggiare le esportazioni del Paese, Hildebrand avrebbe chiesto al Governo di premere sul Parlamento svizzero affinché supporti la concessione di una linea di credito da 16,5 miliardi di franchi a favore del Fmi. Oggi il franco svizzero ha aggiornato i massimi storici contro l'euro a 1,2702. Attualmente l'euro/franco svizzero scambia a 1,2715. L'euro continua a soffrire il taglio della scorsa settimana del rating dell'irlanda da parte di Moody's e, secondo gli analisti, resterà sotto pressione fino a quando non ci sarà maggiore chiarezza in Europa sulle questioni dei finanziamenti e della liquidità. La Bce ha inoltre espresso "seria preoccupazione" che il pacchetto di salvataggio approvato dal parlamento irlandese sia in conflitto con i diritti dell'istituto sulla scelta del collaterale da accettare nelle operazioni di liquidità, mentre il presidente, Jean Claude Trichet, ha ribadito che Dublino deve applicare "rigorosamente" il piano di salvataggio. In ogni caso per Trichet l'euro è ancora una valuta credibile e l'attuale crisi dell'eurozona non è legata alla moneta unica ma all'incapacità di alcuni Paesi di gestire le proprie finanze pubbliche. "L'euro", ha sottolineato Trichet, "è una valuta credibile. Il problema è di stabilità finanziaria ed è stato causato da alcuni Paesi che non hanno saputo gestire i bilanci come avrebbero dovuto fare".

4 Ogni Stato dovrà fare degli sforzi per contrastare la crisi del debito, ma solo pensare all'ipotesi di un'uscita dall'euro è assurdo, ha spiegato. Anche il cross euro/dollaro è debole: al momento a 1,3154. "Il movimento di deprezzamento dell'euro nei confronti del dollaro è cominciato venerdì", osservano gli strategist di Forex Capital Market, "quando nel pomeriggio è avvenuta la rottura del livello più volte indicato, nell'ultima settimana, a 1,3180". "Molto probabilmente il downgrade dell'irlanda ha innescato il movimento, mentre la presenza di parecchi stop cautelativi di posizioni lunghe ha fatto il resto, portando il cambio a raggiungere un nuovo minimo", sostengono gli esperti. "Per le prossime ore, la rottura di questo importante livello, complica la situazione della moneta unica che ora pare avere buone possibilità di discesa. Il peso delle problematiche legate ai Paesi periferici si è fatto sentire e sarà l'elemento che muoverà di più i mercati da qui a fine anno", concludono a FXCM. BMPS E ASSOCIAZIONI CONSUMATORI: A PRATO INIZIATIVA CONSUMER LAB bmps_e_associazioni_consumatori_a_prato_iniziativa_consumer_lab Chiudi 18:17 13 DIC 2010 (AGI) - Prato, 13 dic. - Banca Monte dei Paschi di Siena e le Associazioni dei Consumatori hanno illustrato oggi a Prato, nel corso della conferenza organizzata per la presentazione del "Consumer- Lab", le nuove iniziative implementate nella provincia in favore dei consumatori. "Consumer Lab" e' un tavolo di lavoro comune e di confronto permanente, attivato da anni tra Banca Monte dei Paschi di Siena e le piu' importanti Associazioni italiane di Consumatori: l'iniziativa presentata oggi a Prato rende la collaborazione ancora piu' efficace. A partire dal 13 e fino al 15 dicembre, infatti, sara' attivo uno specifico "corner" allestito presso la filiale di Banca Monte dei Paschi di Siena di Prato in viale Montegrappa, angolo viale della Repubblica, per recepire le necessita' concrete delle famiglie clienti e non della banca. Allo scopo di individuare le reali esigenze e problematiche dei consumatori locali, per la prima volta una grande banca nazionale si apre all'ascolto non solo degli uffici cittadini delle Associazioni dei Consumatori aderenti ma anche, insieme a loro, di tutta la cittadinanza che voglia sfruttare l'occasione di un apposito "punto d'ascolto". Inoltre, a ulteriore conferma del positivo percorso intrapreso ormai da anni dal Gruppo Montepaschi e dalle Associazioni dei Consumatori legate a Consumer Lab, e' nata da pochi giorni la "Carta dei Diritti e dei Doveri", un nuovo strumento a tutela della clientela bancaria. Nella Guida vengono illustrate le caratteristiche dei principali prodotti bancari, finanziari e assicurativi tra i quali i prestiti al consumo, il conto corrente, il mutuo, i sistemi di pagamento, le polizze e i documenti necessari da esibire per procedere alla richiesta. Durante la conferenza di questa mattina, al tavolo dei relatori si sono alternate le testimonianze di Leandro Polidori, Responsabile Area Compliance e Customer Care di Banca Monte dei Paschi, Marco Belliti, Responsabile della Direzione Territoriale di Prato di Banca Monte dei Paschi, Andrea Frosini, Responsabile provinciale di Adusbef, Mario Frangioli, Vice-presidente Regionale Lega Consumatori, che hanno illustrato le motivazioni e le caratteristiche dell'accordo, il "pacchetto anti-crisi" e le attivita' che Banca Monte dei Paschi di Siena ha elaborato ed implementera' in provincia di Prato per migliorare il rapporto con i clienti. Banca Monte dei Paschi di Siena, inoltre, ha adottato a livello nazionale un pacchetto di misure a sostegno dei clienti in difficolta' a causa della crisi economica: sospensione delle rate di mutuo e prestito personale, rinegoziazione mutui, copertura assicurativa del mutuo contro la perdita da lavoro, protezione delle rate dal rialzo dei tassi ed una guida innovativa per orientare i consumatori nell'indebitamento e rispondere alle esigenze specifiche dei tempi. Crédit Agricole svaluta quota in Intesa San Paolo

5 (Teleborsa) - Roma, 17 dic - A seguito della riunione del consiglio di amministrazione di Crédit Agricole del 16 dicembre 2010, il gruppo bancario annuncia che porrà fine al meccanismo che permette la sua rappresentanza nel Consiglio di Sorveglianza di Intesa Sanpaolo. Lo si legge in una nota. Questa rappresentazione, risultante dall'accordo siglato con Intesa Sanpaolo SpA il 17 febbraio 2010, avrebbe dovuto concludersi entro il 30 giugno Mentre il prezzo attuale quota di Intesa Sanpaolo SpA non sembra riflettere il valore fondamentale del bene, Crédit Agricole SA precisa che essa non ha avviato una procedura a vendere la sua partecipazione nella società nel breve termine. Questa decisione comporterà una riclassificazione nel bilancio della partecipazione del 4,79% di Crédit Agricole SA in Intesa Sanpaolo SpA - con il 4,99% dei diritti di voto - dalla categoria degli azionari affiliati a quello di attività finanziarie disponibili per la vendita. Sulla base dei prezzi di Intesa Sanpaolo SpA, questa riclassificazione rappresenterebbe un impatto negativo sull'utile netto di circa 1,25 miliardi del quarto trimestre del 2010, con un impatto sul capitale Tier 1 ratio e sul Core Tier 1 capital ratio, pubblicati al 30 settembre 2010, di -10 punti base e - 38 punti base rispettivamente. L'impatto sul rapporto globale a partire dalla stessa data sarebbe 28 punti base. Questa decisione è avvenuta poichè i due gruppi stanno lavorando contemporaneamente sui rispettivi piani strategici a medio termine e la comunicazione rispettive di questi piani è prevista per la primavera In questo contesto, non sembra opportuno che Crédit Agricole SA di estendere la propria rappresentanza nel Consiglio di Sorveglianza di Intesa Sanpaolo. Crédit Agricole SA precisa che questa decisione non rimette in discussione i propri calcoli sulla sua capacità di far fronte con i nuovi requisiti di Basilea III UNICREDIT: FIRMATO ACCORDO PER CESSIONE 100% MCC A POSTE ITALIANE UNICREDIT FIRMATO_ACCORDO_PER_CESSIONE_100_PERCENTO MCC_A_POSTE_ ITALIANE ORA-.html (ASCA) - Roma, 20 dic - UniCredit e Poste Italiane hanno firmato in data odierna l'accordo finalizzato alla cessione del 100% di UniCredit MedioCredito Centrale (MCC) a Poste Italiane. MCC diventera', post cessione, il veicolo per la creazione della Banca del Mezzogiorno. Lo comunica una nota di Unicredit. L'operazione prevede che la cessione di MCC avvenga per un corrispettivo pari a 136 milioni di euro, che sara' corrisposto da Poste al momento del trasferimento delle azioni che ci si attende possa avvenire nella primavera 2011, subordinatamente al verificarsi di alcune condizioni, tra cui l'ottenimento da parte di Poste delle autorizzazioni delle competenti autorita' regolamentari. Restera' di pertinenza di UniCredit il risultato di periodo relativo all'esercizio 2010 nonche' quello relativo all'esercizio 2011 fino alla data di trasferimento delle azioni di MCC. CariVerona starebbe valutando il passaggio da Unicredit al Banco Popolare

6 099B2296C6C3%257D&folsession=b799cf37e54109b46257e103ed416bb7 Finanzaonline.com /09:38 CariVerona, il primo azionista italiano di Unicredit con una quota del 4,98%, secondo indiscrezioni di stampa potrebbe considerare di ridurre la sua quota nell istituto di piazza Cordusio per reimpiegarla nel Banco Popolare (attualmente possiede lo 0,05%) attraverso l imminente aumento di capitale da 2 miliardi di euro. "Questo conferma come le grandi banche siano molto distanti dagli interessi locali delle Fondazioni", fanno notare gli analisti di Mediobanca. Gli analisti di piazzetta Cuccia confermano la loro cautela sulle banche italiane: neutral con target price a 2,1 euro per Unicredit, underperform con prezzo obiettivo a 4 euro per il Banco Popolare. Il titolo della banca guidata da Pier Francesco Saviotti mostra un progresso di oltre 2 punti percentuali a Piazza Affari, sostenuta dall upgrade di Goldman Sachs che ha portato il giudizio sull azione a neutral dal precedente sell. Il conta-fallimenti-bancari: dall inizio del 2010 ad oggi sono 154 Un'esclusiva di Reset Italia. Move your money ad-oggi-sono-149/in esclusiva solo su Reset Italia, il tradizionale appuntamento del week-end sui fallimenti bancari in Usa. Dopo tre settimane di stop Tre nuovi nomi si aggiungono alla lista americana delle banche fallite, Appalachian Community Bank, Chestatee State Bank e The Bank of Miami,N.A. La Federal Deposit Insurance Corporation riporta l elenco aggiornato Closing date al 10 Dicembre. Inoltre, l agenzia federale che garantisce i depositi americani, ha avviato circa 50 inchieste penali su ex dirigenti, consiglieri di amministrazione e dipendenti di banche fallite durante la crisi finanziaria per accertare eventuali comportamenti scorretti. Ricordiamo che FDIC ha verificato che sono oltre 700 le banche a rischio per il 2010, e che i fallimenti negli anni precedenti, erano stati 140 nel 2009, 25 nel 2008, solo 3 nel Inoltre, dal 25 settembre 2008 (fallimento di Washington Mutual, il maggiore nella storia) le banche fallite negli Stati Uniti sono state 279. Fra fallimenti e fusioni, il numero degli istituti di credito statunitensi potrebbe ridursi a nel prossimo decennio dalle attuali unita. Lo riporta il Wall Street Journal, sottolineando come le banche continuano a fallire e non sembra esserci una luce alla fine del tunnel. Il movimento, Move your money, spostate i vostri soldi, lanciato su Facebook, che invita gli americani a togliere i depositi dalle grandi banche salvate dallo stato, ha nuovamente recuperato quota fan. Gli esperti come avevano previsto ad inizio anno è stata superata la quota dei fallimenti del La stampa nostrana, specializzata e non, continua a non riportare mai la notizia di questi fallimenti. Forse la notizia è questa. Il silenzio della nostra stampa FINANZA/ 2. Se il Sig. Fiat entra anche in Banca...

7 Gianni Credit lunedì 20 dicembre 2010 In questa noticina si parla, quasi per regola, di banchieri. Per una volta - e forse non sarà sufficiente - è invece il caso di essere attenti ai bancari (e le riflessioni non saranno molto diverse da quelle applicabili a molti cugini del terziario: a cominciare dai giornalisti). Nel settore creditizio è iniziata una nuova stagione di grandi ristrutturazioni aziendali: il rinnovo del contratto nazionale occuperà prevedibilmente tutto il Il confronto tra Abi e sindacati è già molto duro: l Assobancaria stessa ha avviato un piano di esuberi. E più che simbolicamente, il profilo di Sergio Marchionne si staglia anche su migliaia di agenzie bancarie e su centinaia di sale operative. Il precedente riassetto industriale del credito si sviluppò a partire da metà degli anni '90 e coincise con il lungo processo di privatizzazione e concentrazione, continuato anche dopo la nascita dell euro. La tribù dei bancari - uno dei veri corpi sociale del Paese - ne uscì ridotta di un buon 10%, ma soprattutto mutò fisionomia. I para-burocrati con sedici mensilità - aristocrazia di un ceto medio - cominciarono a fare i conti con il mercato aperto: con azionisti privati che nominavano top manager incaricati di creare valore, di contenere i costi e promuovere i ricavi. Le professionalità richieste cambiarono velocemente e radicamente: il bancario-prototipo (il direttore di filale o il dirigente intermedio) era un esperto di affidamenti, di valutazione e controllo del rischio di un prestito a un impresa. La gestione finanziaria era affidata a tesorieri che operavano principalmente su circuiti interbancari non globalizzati. In questa noticina si parla, quasi per regola, di banchieri. Per una volta - e forse non sarà sufficiente - è invece il caso di essere attenti ai bancari (e le riflessioni non saranno molto diverse da quelle applicabili a molti cugini del terziario: a cominciare dai giornalisti). Nel settore creditizio è iniziata una nuova stagione di grandi ristrutturazioni aziendali: il rinnovo del contratto nazionale occuperà prevedibilmente tutto il Il confronto tra Abi e sindacati è già molto duro: l Assobancaria stessa ha avviato un piano di esuberi. E più che simbolicamente, il profilo di Sergio Marchionne si staglia anche su migliaia di agenzie bancarie e su centinaia di sale operative. Il precedente riassetto industriale del credito si sviluppò a partire da metà degli anni '90 e coincise con il lungo processo di privatizzazione e concentrazione, continuato anche dopo la nascita dell euro. La tribù dei bancari - uno dei veri corpi sociale del Paese - ne uscì ridotta di un buon 10%, ma soprattutto mutò fisionomia. I para-burocrati con sedici mensilità - aristocrazia di un ceto medio - cominciarono a fare i conti con il mercato aperto: con azionisti privati che nominavano top manager incaricati di creare valore, di contenere i costi e promuovere i ricavi. Le professionalità richieste cambiarono velocemente e radicamente: il bancario-prototipo (il direttore di filale o il dirigente intermedio) era un esperto di affidamenti, di valutazione e controllo del rischio di un prestito a un impresa. La gestione finanziaria era affidata a tesorieri che operavano principalmente su circuiti interbancari non globalizzati. Nessuna dubita che il giovane laureato europeo - già abituato a partire con redditi low cost - possa esprimere la stessa produttività e qualità professionale dei trentenni di quindici anni fa, ad esempio alle spalle del meno-che-quarantenne Alessandro Profumo al vertice di UniCredit. Però, a differenza di allora, quale spartito strategico dovranno interpretare non è chiaro. Anzi: il ritorno dell economia reale come centro propulsore dell economia, il declino (forse temporaneo) della Borsa e della finanza d impresa, rendono nuovamente attuali le competenze spazio-temporali legate all esperienza e ai territori. Anche se nei prossimi dieci anni la missione corale del sistema bancario sarà l adozione globale di Basilea 3, è assai probabile che il vantaggio competitivo starà invece all estremo opposto: nella capacità di individuare sul mercato a uno a uno i clienti da affidare. Anche perché solo così una banca può ricreare attorno a sé un ambiente fertile per un nuovo sviluppo della banca stessa. Il

8 taglio del costo del lavoro in banca è un vincolo: come per l industria dell auto nel mondo, come per la Fiat. Ma il mercato di una banca italiana (europea) non è globale: i suoi ricavi, anzi, difficilmente prescinderanno dalla capacità di mantenere il suo franchise sulla clientela locale. Rottamare semplicemente i bancari senior, questa volta, potrebbe non essere la ricetta giusta. Abi, vertici della grandi banche e sindacati dovranno lavorare di molto di fantasia. Studiare una flessibilità per i vecchi bancari senza sganciarli dal sistema sarà più difficile che congegnare bonus e stock option. FINANZA/ Arriva la nuova "truffa" dei maghi di Wall Street Mauro Bottarelli venerdì 17 dicembre 2010 Detto fatto, la previsione si è rivelata fondata. Il governo spagnolo ieri è riuscito a collocare solo 2,4 dei 3 miliardi di euro (l ammontare originale era addirittura di 4 miliardi) di titoli di Stato messi all asta, pagando rendimenti sempre più alti: il decennale pagava il 5,446%, mentre l obbligazione a 15 anni è salita al 5,932%, circa il 20% in più rispetto alle aste precedenti. «Il costo per finanziarsi della Spagna è salito in maniera significativa, un qualcosa che riflette la percezione di deterioramento della qualità del credito spagnolo e questo non è un qualcosa di buono per le loro obbligazioni», commentava ieri un analista di Unicredit. «Quando si guarda al quadro complessivo e si considera il piccolo ammontare venduto, con bassa bid-to-cover e alti rendimenti, appare chiaro che i mercati periferici rimangono sotto pressione e in disperato bisogno di supporto dalla politica», conferma Peter Chatwell, analista sui tassi presso Credit Agricole a Londra, banca che non a caso ieri ha disertato l asta spagnola considerandola troppo pericolosa. Nemmeno a dirlo, dopo l asta i bond decennali spagnoli sono calati mandando i rendimenti molto vicini ai livelli massimi da due settimane: immediato l effetto sull indice Ibex della Borsa madrilena e sulle principali piazze europee che hanno bruciato i già magri guadagni del mattino. Insomma, la Spagna è ufficialmente nei guai e presto potrebbe toccare a noi e al Belgio subire la pressione al contagio dei mercati, sempre che il vertice europeo in corso ancora oggi a Bruxelles non decida di fare l unica cosa sensata: ovvero, comprare bonds spagnoli e italiani per calmare la speculazione e abbassare i rendimenti, puntellando le fondamenta un po traballanti dei periferici troppo grossi per essere salvati. Nei fatti, è più che fattibile: i fondi per salvare il Portogallo, detonatore finale della crisi spagnola vista l esposizione iberica verso gli istituti lusitani, sono già contemplati nella facility utilizzata per Grecia e Irlanda e quindi l extra-budget che qualcuno vorrebbe utilizzato per ampliare il fondo salva-stati potrebbe essere utilizzato una tantum per acquistare obbligazioni di Roma e Madrid. Semplice ed efficace, quindi fuori dalla portata delle raffinate menti europee. Vedremo.Ma come vi ho detto la scorsa settimana, tratteggiando gli spettri di crisi che incombono su Usa e Cina, è il quadro mondiale da tenere sott occhio, non soltanto il nostro guaio provinciale col debito (visto che gli Stati Uniti stanno molto ma molto peggio di noi). E cosa sta accadendo a New York? Si stanno creando le condizioni per una bolla che da qui a tre anni potrebbe trasformare la crisi post-lehman in una bazzecola della storia: la next big thing per chi investe, infatti, sono i junk bonds ad alto rendimento, ovvero titoli giudicati spazzatura per la loro alta pericolosità ma che pagano yields (rendimenti) formalmente alti, ma soprattutto offrono profitti stellari. Insomma, si gioca con la dinamite. Parliamo, solo in questo periodo, di 300 miliardi di dollari di debito attraverso nuove emissioni collocate da aziende il cui rating è sotto il grado di investimento.

9 Ma siccome gli americani ci tengono alle forme, hanno immediatamente ribattezzato queste potenziali bombe atomiche in high-yield bonds e mandato in soffitta la sgradevole e appealess definizione di junk bonds : detto fatto, sono l investimento più caldo del 2010, capaci di offrire ritorni fino al 15%. Soltanto l oro ha conosciuto una performance sul prezzo migliore e la gente si lancia con enormi somme di denaro in questo mercato che altro non è che un enorme schema Ponzi, lo stesso utilizzato da Bernard Madoff. Ma anche in Europa questa pratica è diffusa, visto che Credit Suisse ha reso noto come le aziende europee abbiano venduto 51 miliardi di junk bonds denominati in tutte le valute, su del 75% rispetto al record precedente datato 2006: i banchieri, inoltre, si attendono un ulteriore aumento dei volumi per il prossimo anno. Ora, la domanda da porsi non è se per questa gente non sia obbligatorio il ricovero in un centro di salute mentale, ma quanto durerà la festa del junk e a che prezzo. Per Martin Fridson di Bnp Paribas, «molti investitori si trovano di fronte a un dilemma. Non è un tipo di mercato in cui vorresti entrare per un grosso guadagno ciclico a questo punto». Prima di tutto, occorre chiedersi come reagirebbe questo tipo di mercato a un aumento dei tassi d interesse: avrà ancora appeal? Nelle scorse settimane, infatti, le prospettive di una forte crescita economica, spinte anche dal piano di tagli delle tasse in Usa, hanno fatto alzare le aspettative per i tassi d interesse a lungo termine. I rendimenti degli Us Treasury sono saliti e il prezzo del debito del Tesoro sceso, anche se gli alti tassi pagati sui junk bonds rendono il valore del debito meno sensibile a questo aumento dei tassi. Per giudicare questo mercato, chiave per il finanziamento di una moltitudine di aziende, gli investitori guardano sì ai rendimenti, ma anche a quanto i profitti siano alti rispetto a bond meno rischiosi. Paradossalmente, in termini di rendimenti puri, i junk bonds stanno offrendo alcuni dei profitti più bassi di sempre. Stando al benchmark dell indice Bank of America Merrill Lynch, il rendimento sui bond high-yields americani è attorno al 7,9%, contro un livello minimo dei rendimenti del 7,58% toccato nel febbraio 2007, quando le banche decisero di offrire cifre di denaro praticamente senza limiti verso compagnie a rischio.in termine di premio del rischio, il cosiddetto spread, c è una differenza sostanziale rispetto agli anni del boom. Uno degli spread più osservati dell indice Bank of America Merrill Lynch è trattato attorno a 568 punti base su tassi benchmark senza rischio: nel 2007 i ribassi erano attorno ai 241 punti base, quindi per Martin Fridson, «gli spreads offrono un fair value». Proprio per le enormi operazioni di rifinanziamento completate nel 2009 e quest anno, l outlook sul credito per i junk bonds è visto come solido e i tassi di default sono ai minimi storici. D altronde, per JP Morgan la stima per i bond ad alto rendimento e le maturazioni dei prestiti che andranno a chiusura nei prossimi due anni ammonta a 180 miliardi di euro, segnale che offre una chiara via d uscita sia per chi colloca che per chi investe: ecco spiegato l artificiale e solo teorico outlook benigno di cui gode il settore. Ma, perché c è sempre un ma, quanto durerà l appetito a fronte dell incertezza economica? Per Societe Generale, «nel 2011 l ambiente resterà di supporto per il settore junk bond. Bassi livelli di crescita economica e la continuazione di politiche centrali sostanzialmente di accomodamento assicureranno che la ricerca di assets ad alto rendimento aiutino il rifinanziamento del settore high-yield verso il muro di maturazioni obbligazionarie previsto tra il 2012 e il 2015.

10 Insomma, si conta di far capo alle maturazioni future attraverso la favola dell alto rendimento odierno: esattamente uno schema Ponzi, come anticipavo, ovvero pagare alti interessi promessi ai primi investitori con il denaro di quelli giunti dopo. Così, fino al cortocircuito e alla bancarotta. Rischio serio, visto che nel 2011 entreranno nel gioco anche aziende legate a fondi di private equity, dopo il boom di rifinanziamento corporate di quest anno.

11 Cosa potrebbe succedere? Primo, gli investitori decidono di blindare i guadagni di questo rally biennale e buttarsi di nuovo sull azionario drenando liquidità e facendo crollare gli inflows: la vecchia scelta tra valore tattico o strategico del denaro. Secondo, un aumento marcato dei costi per prendere a prestito denaro come reazione a uno shock economico. Di che tipo? Per Steve Miller, direttore della S&P LCD, che traccia la finanza basata sulla leva, la lista è questa: un evento geopolitico, un default sovrano in Europa, un grosso default di una municipalità statunitense, un picco del prezzo del petrolio, una guerra commerciale o una crisi monetaria. Tutti eventi più che probabili nel quadro globale attuale, alcuni già in atto: a New York si gioca alla roulette russa e anche l Europa sembra intenzionata a unirsi al rito come nel film Il cacciatore. Complimenti, la crisi non ci ha davvero insegnato nulla.

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

I rischi sono più vicini di quello che sembrano

I rischi sono più vicini di quello che sembrano Attenzione! I rischi sono più vicini di quello che sembrano 9 maggio, 2011 Dopo un eccezionale rally dell euro, in cui la moneta unica è passata dal livello di 1,25 dollari a 1,5 dollari, le preoccupazioni

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2

Gestione Finanziaria delle Imprese Lezione 2 GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE 1 L EVOLUZIONE DEL SISTEMA BANCARIO Lezione 2 Gli strumenti finanziari a disposizione di un impresa 2 Apertura di credito Sconto di effetti Contratti bancari Anticipo

Dettagli

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio?

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? 14 marzo, 2011 Dovrebbe essere sufficiente dire che il più grande fondo obbligazionario mondiale, Pimco, ha deciso di uscire dal mercato

Dettagli

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Mercati e Valute, 10 aprile 2015 Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Nel primo trimestre dell anno, il forte calo dell Euro nei confronti del Dollaro USA ha reso più attraenti

Dettagli

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 10 luglio)

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 10 luglio) (12-lug-2015) Facciamo prima un breve quadro Intermarket: Valute: L Eur/Usd (1,1157) resta in fase di indecisione- l Usd/Yen (122,75) è in correzione dal 5 giugno. Commodities: il Crb Index (218,25) è

Dettagli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3 Mario Tirelli Situazione congiunturale Le due fasi cicliche europee In Europa 2 fasi congiunturali: I) 2008 (IV trimestre) 2011 (III trimestre) II) 2011 (IV

Dettagli

SE LA BCE FOSSE LA FED

SE LA BCE FOSSE LA FED 38 i dossier www.freefoundation.com SE LA BCE FOSSE LA FED (seconda puntata) quantitative easing in salsa europea? 15 febbraio 2012 a cura di Renato Brunetta Indice 2 Le mosse della Bce Grazie Draghi!

Dettagli

Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro

Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro Il Debito pubblico Italiano ammonta ad oggi a 2248 Mld di Euro di Loretta Napoleoni Tratto dal: Fatto Quotidiano Fonte e link: http://movimentobaseitalia.altervista.org/debito-pubblico-chilo-ha-fatto-se-lo-pagasse/

Dettagli

Il futuro delle banche Martedì 23 Novembre 2010 00:00. di Ilvio Pannullo

Il futuro delle banche Martedì 23 Novembre 2010 00:00. di Ilvio Pannullo di Ilvio Pannullo Ci sono forse dei problemi nel sistema bancario italiano? Se si, quali problemi? A sentire gli stessi uomini che erano in sella quando la macchina della finanza rischiava di travolgere

Dettagli

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi l indice dell attività nazionale elaborato dalla Fed di Chicago.

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi l indice dell attività nazionale elaborato dalla Fed di Chicago. Morning Call 24 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Indice di Borsa di Shanghai: andamento I temi del giorno Proseguono le tensioni sui mercati: questa mattina Shanghai segna un -8,7% e il Nikkei segue con

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Settimanale valute e mercati 3 luglio 2014

Settimanale valute e mercati 3 luglio 2014 Settimanale valute e mercati 3 luglio 2014 Euforia irrazionale, massimi 2000, 2007, 2014? Il mercati azionari accolgono con euforia il macroprudential approach delle banche centrali, mentre valute e obbligazioni

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Marzo 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. L'appuntamento con il rialzo dei tassi si avvicina. Lo ha detto la presidente della

Dettagli

Comunicato stampa: LEHMAN BROS. E GUERRA! Partita da Bari la prima causa contro le Agenzie di rating per Lehman Brothers

Comunicato stampa: LEHMAN BROS. E GUERRA! Partita da Bari la prima causa contro le Agenzie di rating per Lehman Brothers Comunicato stampa: LEHMAN BROS. E GUERRA! Partita da Bari la prima causa contro le Agenzie di rating per Lehman Brothers 04 dicembre 2008 - Trenta risparmiatori difesi dai legali delle tre associazioni

Dettagli

CRONOLOGIA MPS PER ARGOMENTI

CRONOLOGIA MPS PER ARGOMENTI 308 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com CRONOLOGIA MPS PER ARGOMENTI 28 gennaio 2013 a cura di Renato Brunetta CRONOLOGIA MPS 2 1990. Mps acquisita il controllo del Mediocredito Toscano

Dettagli

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE Per puntare sul recupero del dollaro, o per difendere investimenti in valuta da un ulteriore allungo dell euro, i risparmiatori italiani possono

Dettagli

20 marzo 2015. USA: ricchezza netta delle famiglie e sue componenti

20 marzo 2015. USA: ricchezza netta delle famiglie e sue componenti Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 24 ottobre)

Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 24 ottobre) Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale (prezzi chiusura del 24 ottobre) VALUTE: - L Euro/Dollaro resta mediamente debole, ma dai minimi del 3 ottobre è in recupero- ha chiuso a 1,267 - Il cambio

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

CONTI DEPOSITO: LA MOLTIPLICAZIONE INFINITA DELLE ZUCCHE E DELLE OFFERTE SPECIALI (13/09/2011)

CONTI DEPOSITO: LA MOLTIPLICAZIONE INFINITA DELLE ZUCCHE E DELLE OFFERTE SPECIALI (13/09/2011) CONTI DEPOSITO: LA MOLTIPLICAZIONE INFINITA DELLE ZUCCHE E DELLE OFFERTE SPECIALI (13/09/2011) S puntano ormai come funghi offerte per remunerare la liquidità detenuta dagli italiani. Un atto di generosità

Dettagli

Firmato accordo Unicredit-Poste su cessione Mcc per 136 mln euro

Firmato accordo Unicredit-Poste su cessione Mcc per 136 mln euro Firmato accordo Unicredit-Poste su cessione Mcc per 136 mln euro lunedì 20 dicembre 2010 20:59 MILANO (Reuters) - UniCredit e Poste Italiane oggi hanno firmato l'accordo finalizzato alla cessione del 100%

Dettagli

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI 60 Victoria Embankment London EC4Y 0JP ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI Economie divergenti

Dettagli

SOLUZIONE O IMBROGLIO?

SOLUZIONE O IMBROGLIO? 818 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com BAD BANK. SOLUZIONE O IMBROGLIO? 13 febbraio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In questi giorni si sta parlando molto della proposta

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

l Gestione di portafoglio

l Gestione di portafoglio Avanti tutta! Le banche italiane hanno compiuto progressi significativi nella gestione del rischio associato al portafoglio crediti, anche se permangono diversi punti deboli, soprattutto collegati al pricing

Dettagli

Morning Call 10 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Mercati ancora cauti, il petrolio resta sui minimi, Wall Street in calo

Morning Call 10 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Mercati ancora cauti, il petrolio resta sui minimi, Wall Street in calo Morning Call 10 DICEMBRE 2015 Sotto i riflettori Cambio Usd/Yuan: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Mercati ancora cauti, il petrolio resta sui minimi, Wall Street in calo Banche centrali:

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

8 febbraio 2013 Roberto Russo

8 febbraio 2013 Roberto Russo Facciiamo chiiarezza sull Monte deii Paschii! 8 febbraio 2013 Roberto Russo www.assitecasim.it Il Monte dei Paschi di Siena negli ultimi venti giorni è stato al centro di una campagna mediatica senza precedenti

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

Breaking news. Quattro chiare domande

Breaking news. Quattro chiare domande Breaking news La BCE mantiene invariato il suo supporto al sistema bancario in Grecia. L Eurogruppo esclude ulteriori negoziati con la Grecia fino al referendum. Il Primo Ministro greco Tsipras invia una

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Aprile 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. Abbandonato l impegno ad essere pazienti, nell attendere i tempi e le condizioni

Dettagli

Risk Outlook. Divisione Studi Ufficio Studi Economici. Venezia, 20 aprile 2015

Risk Outlook. Divisione Studi Ufficio Studi Economici. Venezia, 20 aprile 2015 Risk Outlook Divisione Studi Ufficio Studi Economici Venezia, 2 aprile 215 Risk Outlook Consob Il Risk Outlook n. 9 è stato curato da: Nadia Linciano (coordinatrice), Valeria Caivano, Eugenia Della Libera,

Dettagli

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi il dato finale sul Pil del Q3 e le vendite delle case esistenti.

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi il dato finale sul Pil del Q3 e le vendite delle case esistenti. Morning Call 22 DICEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice Ibex: andamento I temi del giorno Macro: oggi il dato finale del Pil Usa del terzo trimestre Il voto spagnolo e lo stallo politico pesano su azionario

Dettagli

Storia e Missione. 1946 Fondazione

Storia e Missione. 1946 Fondazione Storia e Missione 1946 Fondazione Fondata nel 1946 da Banca Commerciale Italiana, Credito Italiano e Banco di Roma, le tre banche pubbliche di interesse nazionale Missione: contribuire alla ricostruzione

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

11 dicembre 2015. Capitalizzazione delle società quotate. Capitalizzazione delle società non finanziarie quotate

11 dicembre 2015. Capitalizzazione delle società quotate. Capitalizzazione delle società non finanziarie quotate Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Morning Call 31 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la fiducia delle imprese sale al valore più alto del giugno 2011

Morning Call 31 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la fiducia delle imprese sale al valore più alto del giugno 2011 Morning Call 31 MARZO 2015 Sotto i riflettori Fiducia delle imprese in Italia: andamento I temi del giorno Macro: in Italia la fiducia delle imprese sale al valore più alto del giugno 2011 Tassi: nuovi

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

Investire in bond: quando il gioco si fa duro

Investire in bond: quando il gioco si fa duro Investire in bond: quando il gioco si fa duro No. 3 - Maggio 2013 Investire in bond: quando il gioco si fa duro Dopo la corsa agli elevati rendimenti generalizzati degli ultimi anni, il mercato obbligazionario

Dettagli

Morning Call 18 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene

Morning Call 18 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene Morning Call 18 GIUGNO 2015 Sotto i riflettori Cambio Eur/Usd: andamento I temi del giorno Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene Il Fomc riduce di 25bp le proiezioni

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio Newsletter mercati e valute 22 febbraio 2013 Le minute dell ultima riunione della Federal Reserve mostrano divergenze all interno della Banca Centrale Usa sul piano di stimoli monetari a sostegno dell

Dettagli

Breve approfondimento sulla situazione Greca

Breve approfondimento sulla situazione Greca Breve approfondimento sulla situazione Greca 15 Giugno 2015 2 Premessa Quattro mesi di colloqui tra la Grecia e i suoi creditori non sono bastati a raggiungere un accordo per sbloccare gli aiuti al governo

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

UCI Survey= 3 (Sett. Scorsa 2.98) )

UCI Survey= 3 (Sett. Scorsa 2.98) ) Settimana dal 20 al 27 Aprile Luca Franchi Alessandra Neri Il Reddito Fisso DATI USA E ASTE AUMENTANO IL RISCHIO DI DOWNSIDE Principali determinanti del tasso Bund: T-note ed euro/dollaro 90% 70% 50% 30%

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi No. 8 - Luglio 2014 N. 86 Luglio Dicembre 2014 2013 2 Come negli scorsi anni, anche nel 2014 le politiche monetarie delle principali

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Morning Call 17 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 17 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 17 LUGLIO 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Grecia, oggi il via libera dei Paesi Ue al prestito ponte da 7mld; nuovi fondi Ela per la banche greche

Dettagli

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 7 agosto)

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 7 agosto) (9-ago-2015) Iniziamo con un breve quadro Intermarket: Valute: Eur/Usd (1,0963) è in fase di incertezza anche se sta tentando una ripresa dai minimi del 21 luglio- Usd/Yen (124,229) resta forte ed in ripresa

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Europa: oggi l Ifo e la seconda stima sul Pil in Germania. Stati Uniti: oggi le vendite delle case nuove e la fiducia dei consumatori.

Europa: oggi l Ifo e la seconda stima sul Pil in Germania. Stati Uniti: oggi le vendite delle case nuove e la fiducia dei consumatori. Morning Call 25 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Quotazione del Brent: andamento dal 2008 I temi del giorno Lunedì nero per le borse; oggi Shanghai perde ancora oltre il 7,0% ma i listini europei tentano

Dettagli

Economia Politica H-Z Lezione 16

Economia Politica H-Z Lezione 16 Economia Politica H-Z Lezione 16 Sergio Vergalli vergalli@eco.unibs.it Sergio Vergalli - Lezione 4 1 Capitolo XVIII. Produzione, tasso di interesse E tasso di cambio Vergalli - Eco Pol II HZ Piccola parentesi..

Dettagli

Market movers Europa: oggi la produzione industriale della Francia, Itala e Regno Unito. Stati Uniti: oggi le vendite all ingrosso.

Market movers Europa: oggi la produzione industriale della Francia, Itala e Regno Unito. Stati Uniti: oggi le vendite all ingrosso. Morning Call 10 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Grecia, rendimento del benchmark a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: in rialzo il saldo della bilancia commerciale tedesca a 19,1 mld di euro;

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012

MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012 MoneyExpert.it Diario di Bordo 25 ottobre 2012 - Piigs sotto la lente: il Portogallo - Il dividendo dell euro - Sul ponte sventolo la Bandiera Bianca - Il salvataggio - La cura uccide il malato - Un esercito

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE

BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE BANQUE PRIVÉE EDMOND DE ROTHSCHILD EUROPE Crisi dell Euro: il rischio bancario Giorgio Solcia Vicenza, 25 giugno 2012 Credenze incrollabili...crollate Gli immobili sono un investimento sicuro che non farà

Dettagli

Rassegna 'derivati' 24 marzo

Rassegna 'derivati' 24 marzo Rassegna 'derivati' 24 marzo INDICE RASSEGNA STAMPA Rassegna 'derivati' 24 marzo Si parla di noi Tirreno Pisa 24/03/2012 p. II Battaglia legale sui derivati, due round alla Provincia 1 Borsa E Finanza

Dettagli

Morning Call 14 GENNAIO 2016 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 14 GENNAIO 2016 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 14 GENNAIO 2016 Sotto i riflettori Indice S&P500: andamento I temi del giorno Macro Area euro: calo marcato per la produzione industriale dell Area, a dicembre -0,7% su base mensile Banche

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 Art.1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, l Impresa ha costituito

Dettagli

La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive

La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive La crisi dei mercati e l impatto sull economia reale: evoluzione e prospettive MUTUI SUBPRIME Casus belli LA LEVA/LEVERAGE utilizzata dalle banche RISCHIO POTENZIALE > PATRIMONI DISPONIBILI (fonte R&S

Dettagli

Mercati e Valute, 12 giugno 2015. In bilico Equilibri delicati: l aumento dei rendimenti sui bond minaccia l azionario.

Mercati e Valute, 12 giugno 2015. In bilico Equilibri delicati: l aumento dei rendimenti sui bond minaccia l azionario. Mercati e Valute, 12 giugno 2015 In bilico Equilibri delicati: l aumento dei rendimenti sui bond minaccia l azionario. L indice S&P 500, riporta Bloomberg, quest anno si è mosso con l oscillazione più

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Morning Call 21 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Grecia, ha effettuato il rimborso per 6,8mld a Fmi, Bce e Banca di Grecia

Morning Call 21 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Grecia, ha effettuato il rimborso per 6,8mld a Fmi, Bce e Banca di Grecia Morning Call 21 LUGLIO 2015 Sotto i riflettori Indie FtseMib: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Grecia, ha effettuato il rimborso per 6,8mld a Fmi, Bce e Banca di Grecia Prosegue la tendenza

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Debiti sovrani PRIMA, Crescita o Recessione DOPO. L' incertezza Continua? 1) In scia ai timori di una ricaduta dell'economia globale sta proseguendo la "fuga dal rischio"

Dettagli

EUROPA E RESTO DEL MONDO IN BORSA: IL GIUDIZIO DEI MERCATI

EUROPA E RESTO DEL MONDO IN BORSA: IL GIUDIZIO DEI MERCATI EUROPA E RESTO DEL MONDO IN BORSA: IL GIUDIZIO DEI MERCATI DEBITO EUROZONA LA FUGA DEGLI STRANIERI PIGS, EUROPA ABBIAMO UN PROBLEMA. SALVATAGGI IN CORSO Portogallo 78 miliardi Irlanda 85 miliardi Grecia

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Morning Call 30 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa nel Q4 in crescita del 2,2% trimestrale annualizzato

Morning Call 30 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa nel Q4 in crescita del 2,2% trimestrale annualizzato Morning Call 30 MARZO 2015 Sotto i riflettori Rendimento del benchmark tedesco a 2 anni: andamento I temi del giorno Macro: Pil Usa nel Q4 in crescita del 2,2% trimestrale annualizzato Tassi: resta sui

Dettagli

Iniziamo con alcune considerazioni e di carattere generale.

Iniziamo con alcune considerazioni e di carattere generale. Iniziamo con alcune considerazioni e di carattere generale. -Perché i titoli bancari scendono così tanto? Alle varie spiegazioni che trovate sui vari giornali aggiungo che quando non si sa quanto moneta

Dettagli

Il Settore Bancario USA La Crisi che Non Vuole Finire

Il Settore Bancario USA La Crisi che Non Vuole Finire Il Settore Bancario USA La Crisi che Non Vuole Finire 24 Gennaio 2011 Le principali banche Statunitensi, incluse tra le altre Wells Fargo, Goldman Sachs e Bank of America, hanno evidenziato recentemente

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in Lesmo (MB), Piazza Dante 21/22 Iscritta: all Albo delle Banche al

Dettagli

I mercati non azionari

I mercati non azionari II 1 I titoli di Stato Nel 213 i mercati dei titoli pubblici dell Area euro si sono progressivamente stabilizzati per effetto della riduzione del rischio di disintegrazione della moneta unica. I rendimenti

Dettagli

Morning Call 31 LUGLIO 2015. I temi della settimana. Ad inizio settimana ancora la Borsa di Shanghai

Morning Call 31 LUGLIO 2015. I temi della settimana. Ad inizio settimana ancora la Borsa di Shanghai Morning Call 31 LUGLIO 2015 I temi della settimana Ad inizio settimana ancora la Borsa di Shanghai Fmi: senza ristruttura zione del debito greco non partecipa al terzo programma di aiuti Fed: qualche ulteriore

Dettagli

Il dramma degli sfratti Disoccupazione alle stelle L indice della miseria Salviamo la democrazia Ed è fuga di capitali e non solo

Il dramma degli sfratti Disoccupazione alle stelle L indice della miseria Salviamo la democrazia Ed è fuga di capitali e non solo MoneyExpert.it Diario di Bordo 15 novembre 2012 s-pain Il dramma degli sfratti Disoccupazione alle stelle L indice della miseria Salviamo la democrazia Ed è fuga di capitali e non solo Per ora più sommersa

Dettagli

Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua

Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Eur/Usd: andamento a 5 giorni I temi del giorno Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua Tassi: le aspettative

Dettagli

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 L analisi dei mercati

Dettagli

Morning Call 3 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 3 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 3 LUGLIO 2015 Sotto i riflettori Usa, tasso di disoccupazione: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro Usa: rallenta la crescita dei nuovi occupati, +223mila a giugno; il tasso

Dettagli

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio Newsletter Valute 25 marzo 2013 Gli eventi di maggior interesse della scorsa settimana, che dovrebbero influenzare i mercati anche nella settimana entrante sono: Crisi Cipriota, in questo momento il principale

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

Market movers Europa: oggi la produzione industriale in Germania e la riunione della Banca d Inghilterra. Stati Uniti: oggi le vendite all ingrosso.

Market movers Europa: oggi la produzione industriale in Germania e la riunione della Banca d Inghilterra. Stati Uniti: oggi le vendite all ingrosso. Morning Call 9 APRILE 2015 Sotto i riflettori Tasso implicito del future Euribor 3 mesi dic 2019: andamento I temi del giorno Macro Area euro: vendite al dettaglio in rialzo del 3,0% su base annua; deludono

Dettagli

LA BAD BANK DI PADOAN È «ILLUSIONISMO FINANZIARIO» E INONDA IL MERCATO DI TITOLI TOSSICI

LA BAD BANK DI PADOAN È «ILLUSIONISMO FINANZIARIO» E INONDA IL MERCATO DI TITOLI TOSSICI 1085 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA BAD BANK DI PADOAN È «ILLUSIONISMO FINANZIARIO» E INONDA IL MERCATO DI TITOLI TOSSICI 27 gennaio 2016 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Domande

Dettagli

Le tipologie di rischio

Le tipologie di rischio Le tipologie di rischio In ambito fi nanziario il rischio assume diverse dimensioni, a diversi livelli. La distinzione principale da delineare è fra rischio generico e rischio specifi co, valida per tutti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA AGRICOLA POPOLARE

Dettagli