Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro"

Transcript

1 Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx

2 ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI 1 Elenco anagrafico dei lavoratori L elenco anagrafico provinciale dei lavoratori è istituito ai sensi del DPR 7 luglio 2000, n. 442, ed è relativo ai cittadini appartenenti ad uno stato dell Unione Europea domiciliati in provincia di Trento. Il lavoratore non comunitario può essere iscritto nell anagrafe dei lavoratori dal Centro per l impiego competente qualora ricorrano le condizioni previste dal D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286 e ss.mm. L elenco anagrafico provinciale dei lavoratori è gestito dall Agenzia del lavoro, di cui alla L.P. 16 giugno 1983, n. 19 e successive modificazioni ed integrazioni; è responsabile del trattamento dei relativi dati il Dirigente dell Agenzia del lavoro. L elenco anagrafico provinciale dei lavoratori è gestito, in armonia col sistema informatico adottato, nel rispetto dei principi di cui al D.Lgs. 21 aprile 2000, n. 181 e ss.mm. e degli indirizzi generali definiti a livello nazionale. Esso ha scopo conoscitivo e assume, nei confronti dei lavoratori interessati, un valore dichiarativo sullo stato dei medesimi, presente e passato, sul mercato del lavoro. Le informazioni contenute nell elenco anagrafico costituiscono anche il dato ufficiale di certificazione dell attività lavorativa svolta; a tal fine i lavoratori interessati possono presentare al Centro per l impiego competente il libretto di lavoro o idonea documentazione in loro possesso a firma del datore di lavoro, allo scopo di consentire la memorizzazione di informazioni relative a rapporti di lavoro non registrati nell anagrafe. L inserimento nell elenco anagrafico dei lavoratori avviene: α) a seguito di richiesta presso il Centro per l impiego competente per domicilio, inteso quale luogo in cui il lavoratore stabilisce la sede principale dei propri affari ed interessi, da parte di coloro che sono in cerca di lavoro, in quanto inoccupati, disoccupati, nonché occupati in cerca di altro lavoro. A tal fine il lavoratore è tenuto a fornire gli elementi conoscitivi necessari. Per quanto riguarda i lavoratori disoccupati, la gestione della relativa condizione è disciplinata dal successivo art. 3; lo stato di occupato in cerca di altra occupazione è attribuito a condizione che lo stesso si avvalga di uno o più servizi del Centro per l Impiego. β) d ufficio, nei confronti dei lavoratori per i quali il Centro per l impiego riceve una delle seguenti tipologie di informazioni: - comunicazioni obbligatorie provenienti dai datori di lavoro, dalle società di fornitura di lavoro somministrato e dai soggetti autorizzati o accreditati a svolgere attività di mediazione tra domanda e offerta di lavoro; 2

3 - dati provenienti dai soggetti competenti relativamente all assolvimento dell obbligo scolastico e formativo; - comunicazioni fornite dagli istituti previdenziali e dagli organi ispettivi in materia di lavoro; - comunicazioni provenienti da altri uffici pubblici, da soggetti autorizzati, accreditati o convenzionati; - dati provenienti da altri organismi competenti in materia di immigrazione. Il dettaglio delle informazioni relative all elenco anagrafico è determinato dal Consiglio di Amministrazione dell Agenzia del lavoro, in armonia col sistema informatico adottato, tenuto conto dei principi generali indicati a livello nazionale. All atto dell inserimento, a fini statistici, al lavoratore è attribuita la qualifica professionale che egli stesso dichiara quale qualifica principale, utilizzando la nomenclatura e la codifica come definite a livello nazionale. In caso di inserimento d ufficio, la qualifica principale fa riferimento a quella attribuita al lavoratore nell ultimo rapporto di lavoro. All atto dell inserimento, si procede alla classificazione dei lavoratori, in armonia con i principi indicati a livello nazionale, mediante elementi utili per identificarli in modo omogeneo e uniforme. L elenco anagrafico provinciale dei lavoratori è integrato ed aggiornato dal soggetto gestore con le informazioni fornite direttamente dal lavoratore oppure d ufficio, sulla base delle informazioni pervenute secondo le medesime modalità di cui alla precedente lettera b) o di informazioni utili trasmesse da soggetti pubblici o privati con esso convenzionati. I lavoratori inseriti nell elenco anagrafico possono essere identificati e selezionati sulla base delle loro caratteristiche o per particolari tipologie di rapporto di lavoro. 2 Gestione dell elenco anagrafico Le operazioni di trattamento dei dati relativi all elenco anagrafico dei lavoratori, concernenti l inserimento, aggiornamento, conservazione, cancellazione, diffusione, comunicazione e trasferimento, relative a ciascun lavoratore, sono di norma svolte dal Centro per l impiego nel cui ambito territoriale si trova il domicilio del medesimo. Le operazioni di aggiornamento, cancellazione e trasferimento delle informazioni sono effettuate su dichiarazione dell interessato e/o d ufficio, secondo le modalità previste dal presente documento. Il domicilio del lavoratore è il luogo che identifica il Centro per l impiego competente a gestire le informazioni del lavoratore, a svolgere le relative funzioni amministrative e ad erogare i servizi per l impiego, comprese le attività di prevenzione della disoccupazione di lunga durata. Nei casi in cui l inserimento in anagrafe non avvenga a seguito di presentazione del lavoratore, si fa riferimento 3

4 alle risultanze documentali. Nel caso di trasferimento del domicilio, il lavoratore che intende avvalersi dei servizi per l impiego è tenuto a presentarsi al Centro per l impiego nel cui ambito territoriale è ubicato il luogo del nuovo domicilio; quest ultimo richiede al Centro per l impiego di provenienza il trasferimento dei dati relativi alla scheda anagrafico professionale del lavoratore ed una presa d atto dell avvenuto trasferimento. Tale presa d atto costituisce il provvedimento che concretizza l effettivo passaggio di competenza in ordine al trattamento dei dati. I lavoratori rimangono inseriti nell elenco anagrafico per tutta la durata della vita lavorativa, salvo il verificarsi di una o più delle seguenti condizioni: - richiesta di cancellazione da parte del lavoratore; - superamento dei 70 anni di età; - decesso del lavoratore, verificato anche sulla base dei dati messi a disposizione da altri Servizi della Provincia Autonoma di Trento; - scadenza del permesso di soggiorno o comunque assenza di domicilio dal territorio provinciale da più di cinque anni, se lavoratore proveniente da un paese non appartenente all Unione Europea. In applicazione dell art. 5, comma 3 del DPR 7 luglio 2000, n. 442, le persone in cerca di lavoro, in possesso di carta elettronica personale abilitata all accesso alle banche dati del Sistema Provinciale Informativo del lavoro, possono svolgere direttamente operazioni di accertamento, verifica, certificazione dello stato di disoccupazione e di inserimento delle informazioni sull ultima attività lavorativa prestata, fermo restando che, ai fini delle risultanze dell anagrafe del lavoro, prevalgono i dati forniti dal datore di lavoro, qualora discordanti. 4

5 ART. 2. SCHEDA ANAGRAFICO PROFESSIONALE 1 Istituzione della scheda anagrafico professionale Esclusivamente per coloro che intendono usufruire dei servizi pubblici all impiego, erogati dal Centro competente per domicilio, è compilata una scheda nella quale, a parziale integrazione dei dati contenuti nell elenco anagrafico, sono memorizzate, in armonia col sistema informatico adottato, le informazioni espresse dal lavoratore relativamente alle esperienze formative e professionali ed alle disponibilità occupazionali. E responsabile del trattamento dei relativi dati il Dirigente dell Agenzia del lavoro. Al fine di promuovere l occupazione, favorire l inserimento al lavoro e l accesso ad attività di orientamento e formazione professionale, nonché agevolare l incontro fra domanda ed offerta di lavoro, fermo restando quanto stabilito dagli artt. 10 e 11 del D.Lgs 23 dicembre 1997, n 469 e ss.mm., l Agenzia del Lavoro può comunicare e diffondere, anche per via telematica, i dati personali relativi alla scheda anagrafico professionale, senza che sia necessario il consenso degli interessati, ferme restando le disposizioni di cui all art. 13 del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 e, comunque, con l esclusione di quelli sensibili o attinenti a provvedimenti giudiziari. Qualora il lavoratore, a seguito di cambio di domicilio, si rivolga ad un Centro per l impiego di altra provincia, quest ultimo può richiedere il trasferimento della scheda anagrafico professionale, adottando la medesima procedura individuata relativamente ai dati dell elenco anagrafico. 2 Gestione della scheda anagrafico professionale Le operazioni di trattamento dei dati concernenti la scheda anagrafico professionale (inserimento, aggiornamento, conservazione, cancellazione, comunicazione e trasferimento) sono di norma svolte dal Centro per l Impiego nel cui ambito territoriale si trova il domicilio del lavoratore. Il Centro per l impiego competente per domicilio acquisisce le informazioni da inserire nella scheda anagrafico professionale individuale attraverso le informazioni fornite dal lavoratore all atto della presentazione e/o del colloquio e, in subordine, mediante: - le comunicazioni di cui all articolo 1 del presente provvedimento; - da ogni altra fonte che segnali lo svolgimento da parte del lavoratore di esperienze scolastiche, formative, lavorative o comunque di natura professionale. Nella memorizzazione delle informazioni relative alla professionalità del lavoratore, il Centro per l impiego utilizza il sistema di codifica e la nomenclatura delle qualifiche professionali secondo le indicazioni eventualmente definite a livello nazionale. 5

6 Per la definizione della scheda od il suo aggiornamento non è necessaria la compilazione di moduli o la sottoscrizione di formulari. Al fine di fruire di eventuali servizi preselettivi, i lavoratori iscritti nell elenco anagrafico attivano e confermano nel tempo l apposita scheda anagrafico professionale presso il Centro per l Impiego competente tramite intervista o colloquio, anche telefonico, oppure tramite appositi servizi telematici. 6

7 ART. 3. STATO DI DISOCCUPAZIONE 1 Definizione e accertamento dello stato di disoccupazione Lo stato di disoccupazione è la condizione del soggetto in età lavorativa, privo di lavoro e che sia immediatamente disponibile allo svolgimento ed alla ricerca di un attività lavorativa, secondo le regole e le modalità definite con i servizi competenti nel Patto di servizio o dall eventuale Piano di Azione Individuale. Ai fini dell accertamento, da parte del servizio competente così come definito dal D.lgs. 181/2000 (di seguito denominato, più brevemente, servizio competente), dello stato di disoccupazione, la persona in età lavorativa deve dichiarare, ai sensi del DPR 28 dicembre 2000, n. 445: a) l assenza di un occupazione, in quanto non svolge alcuna attività lavorativa e non ha in atto alcun rapporto di lavoro subordinato a tempo pieno o parziale, né svolge un attività di lavoro autonomo, anche parasubordinato, o in associazione, o di impresa; b) l eventuale attività lavorativa precedentemente svolta, precisandone la data di inizio e di conclusione, e l immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa (DID). Il possesso di partita IVA non è indicatore diretto di uno stato di occupazione. La dichiarazione può essere consegnata o trasmessa secondo le seguenti modalità: a) presentandosi personalmente presso il Centro per l impiego di domicilio o presso eventuali altri organismi autorizzati o accreditati a svolgere le relative funzioni, convenzionati con l Agenzia del lavoro; b) avvalendosi dei servizi informatici messi a disposizione dall Agenzia del lavoro attraverso il proprio sito internet, secondo le modalità da essa definite; c) avvalendosi della modalità prevista dall art. 4, comma 38 della legge 28 giugno 2012, n. 92, che prevede, nel caso di presentazione di una domanda di indennità nell ambito dell Aspi, che la DID possa essere resa dall interessato direttamente all INPS, che provvede a trasmetterla al servizio competente attraverso il proprio sistema informativo; Nei casi di cui alle lettere b) e c) la persona interessata deve presentarsi, entro i successivi 60 giorni, al servizio competente per la stipula del Patto di servizio, confermando in tal modo il proprio stato di disoccupazione, pena la perdita dello stato medesimo a decorrere dal sessantunesimo giorno. Qualora la data di cessazione dell ultimo rapporto di lavoro dichiarata dal lavoratore preceda quella comunicata dal datore di lavoro attraverso il sistema delle comunicazioni obbligatorie di cui all art. 6, sono fornite le seguenti indicazioni: - nel caso in cui la data di cessazione dichiarata dal lavoratore preceda di un numero di giorni inferiore a 15 la data di fine rapporto comunicata dal datore di lavoro, il riconoscimento e la 7

8 decorrenza dello stato di disoccupazione del lavoratore saranno posticipati, d ufficio, al giorno successivo a quello di cessazione del rapporto di lavoro comunicato attraverso il sistema delle comunicazioni obbligatorie; - qualora la data di cessazione dell ultimo rapporto di lavoro comunicata dal datore di lavoro sia successiva alla data di fine rapporto dichiarata dal lavoratore di un numero di giorni pari o superiore a 15, quella dichiarazione di immediata disponibilità non viene considerata valida e il lavoratore è invitato a rilasciare una nuova dichiarazione. E in età lavorativa la persona che ha concluso il periodo di istruzione obbligatorio ed ha un età non inferiore ai 16 anni compiuti e non supera il limite di età per l accesso alla pensione di vecchiaia stabilito dalla normativa in materia in via ordinaria per la generalità dei lavoratori. Per l anno 2014 tale limite è di 66 anni e tre mesi di età. L Agenzia del lavoro informa esplicitamente il disoccupato sulle cause che comportano la perdita dello stato di disoccupazione, anche attraverso un illustrazione sul proprio sito internet delle relative regole. Al lavoratore disoccupato viene attribuita la classificazione prevista dall art. 1 del D. lgs. 181/2000 e ss.mm. 8

9 2 Immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa L'immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa consiste nella disponibilità ad accettare una congrua offerta di lavoro. L'offerta di lavoro deve ritenersi congrua in presenza dei seguenti requisiti/condizioni: a) corrispondenza al profilo professionale del rapporto di lavoro precedentemente concluso oppure per il/i quale/i il lavoratore ha eventualmente concordato la propria disponibilità al momento della sottoscrizione del Patto di servizio o dell eventuale Piano di Azione Individuale; b) rapporto di lavoro a tempo pieno ed indeterminato, oppure a tempo determinato o somministrato di durata superiore a sei mesi; c) sede di lavoro ubicata nel raggio di cinquanta chilometri dalla residenza (o dal domicilio del lavoratore, se più vicino) oppure, in alternativa, che sia raggiungibile mediamente in 80 minuti con i mezzi di trasporto pubblici. Trascorsi 6 mesi di disoccupazione il requisito richiamato alla lettera a) perde di validità. Per i percettori di ammortizzatori sociali e di sussidi l offerta congrua è quella definita dalle disposizioni normative vigenti in materia. 3 Conservazione dello stato di disoccupazione Eventuali attività che assicurino un reddito annuale (01 gennaio 31 dicembre) non superiore al reddito minimo personale complessivo escluso da imposizione, sulla base delle disposizioni vigenti in materia per l anno fiscale in corso, consentono di acquisire o conservare lo stato di disoccupazione, in conformità alle seguenti disposizioni: 1. Il reddito da considerare è quello percepito successivamente alla dichiarazione di immediata disponibilità resa al servizio competente e riferito all anno solare (01 gennaio 31 dicembre) in corso ed è desunto, per quanto attiene al rapporto di lavoro subordinato, da elementi oggettivi quali: buste paga o dichiarazioni dei datori di lavoro; 2. le soglie di reddito da considerare sono quelle vigenti all atto della dichiarazione e sono relative agli importi lordi complessivi corrispondenti alla deduzione concessa per i redditi da lavoro dipendente (o fiscalmente assimilati) oppure per i redditi da impresa o derivanti dall esercizio di professioni. In caso di concorso di più tipologie lavorative il cumulo dei redditi non potrà superare la soglia di reddito, determinata dalle norme finanziarie, più elevata, fermo restando che ciascuna tipologia rimanga entro il corrispondente limite di 9

10 reddito massimo. Le soglie massime individuate restano tali a prescindere dalla durata dell attività lavorativa; 3. la soglia di reddito non si applica ai soggetti impegnati in Lavori Socialmente Utili ai sensi della legislazione nazionale o della normativa provinciale (ai sensi del Documento degli Interventi di politica del lavoro e dei rapporti attivati ai sensi della L. n. 32/1990), ovvero nelle attività formative previste nell ambito dei relativi progetti; per quanto riguarda le prestazioni occasionali di tipo accessorio e per i tirocini formativi e di orientamento, la permanenza in stato di disoccupazione è prevista indipendentemente dai limiti di reddito. Fatto salvo il cambiamento di stato occupazionale effettuato d ufficio a seguito di comunicazioni obbligatorie oppure su dichiarazione del lavoratore interessato, l acquisizione o la conservazione dello stato e dell anzianità di disoccupazione è effettuata dal servizio competente secondo le seguenti modalità. Entro 15 giorni di calendario dall inizio di una attività lavorativa può essere presentata una dichiarazione di non superamento della soglia di reddito in via presuntiva, eventualmente desumibile da elementi oggettivi quali buste paga o dichiarazioni del datore di lavoro oppure dell interessato, nel caso di lavoro autonomo e di libera professione. Per il diritto alla conservazione dello stato di disoccupazione vanno considerati anche i redditi derivanti da attività lavorative, svolte in vigenza dello stato di disoccupazione nell anno solare di riferimento, in periodi di sospensione dello stato di disoccupazione. Qualora il lavoratore sia in stato di disoccupazione prima di iniziare attività lavorativa che consente la conservazione, ma presenti domanda di conservazione oltre 15 gg dall inizio, lo stato di disoccupazione ricomincia a decorrere dalla data della domanda di conservazione; in tal caso, il periodo che intercorre tra la data di inizio del rapporto di lavoro e la data di presentazione dell istanza può essere considerato di sospensione dello stato di disoccupazione, qualora ricorrano le condizioni previste. Qualora il lavoratore non sia in stato di disoccupazione prima di iniziare l attività lavorativa che consente la conservazione, può in qualsiasi momento presentare dichiarazione di immediata disponibilità, con riconoscimento dello stato di disoccupazione a decorrere da tale data. Per l acquisizione dello stato di disoccupazione durante lo svolgimento di attività lavorativa, si considera anche il reddito pregresso, nell anno solare, del rapporto di lavoro in corso. Spetta al lavoratore dichiarare e dimostrare, qualora richiesto, al servizio competente il mancato superamento del reddito minimo e comunicare tempestivamente ogni variazione del reddito che comporti il superamento dello stesso. 10

11 All atto di un eventuale successiva attività di lavoro, la dichiarazione cessa la sua efficacia e, nel caso in cui non sia superata la soglia massima di reddito, deve essere presentata una nuova dichiarazione. L effettivo superamento della soglia annuale di reddito comporta il disconoscimento di periodi di lavoro precedentemente considerati compatibili con lo stato di disoccupazione nell anno di riferimento; tale disconoscimento non ha effetto su eventuali incentivi previsti dalla legislazione statale o dalla normativa provinciale in caso di assunzione, se concessi precedentemente alla data in cui avviene il disconoscimento. In caso di attività lavorativa per la quale non sia prevista l obbligatorietà di comunicazione da parte del datore di lavoro, il lavoratore deve dichiarare, nell anno solare in corso, tale attività; in relazione ad essa, possono essere applicate le modalità di riconoscimento dello stato e dell anzianità di disoccupazione. Per i lavoratori che svolgono attività lavorativa di durata pari o inferiore a sei mesi, nei casi in cui non si supera la soglia di reddito minimo, è possibile applicare il criterio della conservazione e non della sospensione dello stato di disoccupazione. 4 Sospensione dello stato di disoccupazione L accettazione di un offerta di lavoro subordinato di durata pari o inferiore a sei mesi, calcolati secondo la durata di calendario del rapporto di lavoro, comporta una sospensione dello stato di disoccupazione. Il riferimento temporale è relativo alla durata effettiva del rapporto di lavoro, comprensiva di eventuali proroghe o riassunzioni senza soluzione di continuità. La sospensione dello stato di disoccupazione si applica d ufficio all inizio della prestazione, nel caso di rapporti di lavoro la cui durata inizialmente prevista sia pari o inferiore al limite dei sei mesi. L anticipata risoluzione di un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato o determinato superiore a sei mesi determina la sospensione dello stato di disoccupazione, nel caso in cui il periodo effettivamente lavorato sia pari o inferiore a sei mesi. In tal caso, per recuperare l anzianità di disoccupazione pregressa, il lavoratore deve effettuare la richiesta di ripristino dell anzianità al servizio competente entro 15 giorni di calendario decorrenti dall anticipata risoluzione del rapporto di lavoro; l Agenzia del lavoro può attivare sistemi automatici di attribuzione della sospensione dello stato di disoccupazione che sollevano il lavoratore da tale obbligo. Il Centro per l impiego deve disporre la sospensione dello stato di disoccupazione anche nei confronti dei lavoratori il cui rapporto di lavoro è stato riconosciuto subordinato in seguito ad un accertamento effettuato dagli organi competenti, purché la durata effettiva della prestazione lavorativa sia pari o inferiore ai sei 11

12 mesi; in questo caso l istanza deve essere presentata entro 15 giorni di calendario decorrenti dal ricevimento della comunicazione da parte degli organi competenti. 12

13 5 Verifica dello stato di disoccupazione Il lavoratore deve svolgere azioni di ricerca attiva di lavoro. Tale condizione è oggettivamente verificata dalla presentazione del lavoratore alle convocazioni del servizio competente, dal rispetto delle azioni concordate nell ambito del Patto di Servizio o del relativo Piano di Azione Individuale, dalla sua adesione e regolare partecipazione alle attività aventi per oggetto lo svolgimento di servizi di orientamento e/o di ricerca e valutazione di opportunità occupazionali e/o di formazione e/o di riqualificazione e/o di tirocinio e/o di altre forme di inserimento lavorativo oppure è desunta dalle informazioni comunque in possesso dei Centri per l impiego in relazione allo svolgimento di rapporti di lavoro a termine o temporanei o iniziative formative e per l inserimento lavorativo. Il domicilio costituisce il riferimento per ogni comunicazione del servizio competente al disoccupato; quest ultimo è pertanto tenuto ad assicurare la propria reperibilità presso il citato domicilio, nonché a comunicare al servizio competente, entro 5 giorni, ogni variazione del medesimo e del numero di telefono. Il servizio competente verifica la permanenza dello stato di disoccupazione controllando il rispetto delle condizioni definite al precedente punto 1. Il lavoratore è tenuto a presentarsi comunque almeno una volta in ciascun anno solare, a decorrere da quello successivo a quello di accertamento dello stato di disoccupazione, presso il servizio competente per confermare tale stato, rendendo una nuova dichiarazione di immediata disponibilità. In caso contrario esso perde lo stato di disoccupazione a decorrere dall 1 gennaio dell anno successivo. Tale regola è inserita nel Patto di servizio. E esentato dalla conferma di immediata disponibilità il lavoratore che nell anno considerato abbia svolto attività lavorativa soggetta a conservazione o sospensione dello stato di disoccupazione. La mancata conferma annuale di immediata disponibilità porta alla perdita dello stato di disoccupazione, secondo le procedure di cui al punto 9 del presente articolo. 6 Durata dello stato di disoccupazione Lo stato di disoccupazione decorre dal momento in cui il lavoratore effettua la dichiarazione indicata all art. 3 punto 1, secondo periodo, del presente documento. La durata dello stato di disoccupazione si calcola in mesi commerciali: i periodi fino a giorni quindici, all interno di un unico mese, non si computano, mentre i periodi superiori a giorni quindici si computano come un mese intero. 13

14 7 Perdita dello stato di disoccupazione La perdita dello stato di disoccupazione è disposta dal servizio competente allorché ricorra almeno una delle seguenti condizioni: a. assunzione, compresa l instaurazione di un rapporto di lavoro a chiamata, o svolgimento di una attività autonoma o di impresa, salvo i casi di compatibilità previsti da liste speciali; b. mancata presentazione presso il servizio competente, entro i successivi 60 giorni dalla data di dichiarazione di immediata disponibilità, effettuata con le modalità previste dall articolo 3, punto 1, secondo periodo, lettere b) e c); c. mancata presentazione, a cadenza annuale, per confermare lo stato di disoccupazione, oppure alle convocazioni eventualmente disposte dal servizio competente per la verifica e la conferma dello stato di disoccupazione; d. mancata comunicazione, entro 5 giorni, della variazione di domicilio, oppure assenza dal domicilio (irreperibilità) per un periodo continuativo superiore a 15 giorni di calendario; e. mancata sottoscrizione del Patto di servizio o dell eventuale Piano di Azione Individuale; f. mancato svolgimento dei servizi o delle azioni concordate nel Patto di servizio o nell eventuale Piano di Azione Individuale, salvo cause di forza maggiore; g. mancata adesione a una offerta formativa proposta dall Agenzia del lavoro, anche nell ambito del Patto di servizio o dell eventuale Piano di Azione Individuale, ubicata nel raggio di 50 chilometri dal comune di residenza o di domicilio del lavoratore, se più vicino, o comunque raggiungibile mediamente in ottanta minuti con mezzi pubblici; h. frequenza di offerta formativa inferiore all 80% delle ore previste, salvo adeguata giustificazione; i. rifiuto di una proposta di lavoro congrua, offerta dal servizio competente, avente le caratteristiche indicate al precedente punto 2; j. mancata presentazione o adesione alle iniziative di ricerca attiva del lavoro e di lavori socialmente utili; k. dimissioni durante il periodo di prova relativamente a proposte di lavoro accettate, per almeno due volte consecutive; l. assenza ingiustificata alla prova selettiva o mancata presa di servizio presso un'amministrazione pubblica. 14

15 La perdita dello stato di disoccupazione è comunicata all interessato tramite raccomandata A/R, salvo i casi di cui alle lettere a), per i quali il cambiamento dello stato occupazionale è automatico, e di cui alle lettere c) d) f) e g), per i quali viene adottata la procedura di cui al punto 9 del presente articolo. Cause di forza maggiore ed altri impedimenti oggettivi costituiscono un giustificato motivo per la mancata presentazione alla convocazione del servizio competente o per il mancato svolgimento delle iniziative previste alle lettere f), g), h), i) ed j). Costituiscono cause di forza maggiore, fra le altre, le seguenti situazioni: malattia, infortunio, servizio civile, stato di gravidanza limitatamente ai periodi di astensione obbligatoria nonché negli altri casi di impedimenti ostativi riconosciuti tali sulla base di disposizioni di legge vigenti in materia. Il mancato superamento del periodo di prova non determina la perdita dello stato di disoccupazione. In tal caso, il lavoratore deve effettuare la richiesta di ripristino dell anzianità al servizio competente entro 15 giorni lavorativi dalla cessazione del rapporto di lavoro. Mantiene lo stato di disoccupazione il lavoratore utilizzato in lavori socialmente utili, ai sensi dell art. 8 del decreto legislativo 1 dicembre 1997, n. 468 indipendentemente dal reddito percepito, nonché negli altri casi espressamente previsti dalla normativa in materia. 15

16 8 Attestazione dello stato di disoccupazione L articolo 2 del D.Lgs. 181/2000 dispone che lo stato di disoccupazione può essere attestato mediante una dichiarazione sostitutiva, resa ai sensi della normativa sull autocertificazione (DPR 8/12/2000 n. 445 Testo Unico in materia di documentazione amministrativa ). A tal riguardo, si richiama la disposizione introdotta in materia dall art. 15 della legge 183/2011, che prevede che le certificazioni rilasciate dalla Pubblica amministrazione in ordine a stati, qualità personali e fatti siano valide e utilizzabili solo nei rapporti tra privati, mentre nei rapporti con gli organi della Pubblica Amministrazione e gestori di pubblici servizi i certificati e gli atti di notorietà sono sempre sostituiti dalle dichiarazioni sostitutive. Tale previsione si applica anche alla certificazione dello stato di disoccupazione, che potrà essere richiesta e rilasciata solo nei rapporti tra privati. Qualora si debba procedere, su richiesta dell amministrazione interessata, ad un controllo, anche a campione, in merito alla dichiarazione sostitutiva, il Centro per l impiego pone a disposizione, anche con modalità telematica, le informazioni desunte dall elenco anagrafico dei lavoratori. Per i lavoratori inseriti in liste speciali, il controllo va effettuato con riguardo alle risultanze delle predette liste. Le persone che hanno superato l età lavorativa possono chiedere ed ottenere il riconoscimento dello stato di disoccupazione esclusivamente al fine di accedere a misure sociali, assistenziali, sanitarie, previdenziali o di sostegno al reddito, fino al limite massimo di 70 anni di età previsto per la permanenza nell elenco anagrafico dei lavoratori. Esclusivamente ai medesimi fini è possibile procedere al riconoscimento dello stato di disoccupazione nei confronti di persone che hanno un impedimento alla presentazione personale presso l ufficio competente dovuto a ricovero ospedaliero o detenzione, oppure ricovero coatto in comunità terapeutica. 9 Modalità di convocazione dei lavoratori Il lavoratore è convocato dal servizio competente e/o dall Agenzia del lavoro per lo svolgimento di interviste periodiche, l offerta di misure di politica attiva o di opportunità lavorative, mediante raccomandata A/R o nota consegnata a mano oppure mediante appuntamento fissato nel patto di servizio o nel piano di azione individuale, con l indicazione della data e dell ora dell appuntamento, di un periodo, compreso fra due date, nel quale presentarsi oppure prevedendo un termine ultimo di presentazione. Decorsi quindici giorni dalla data dell appuntamento, dalla conclusione del periodo o dal termine ultimo di presentazione indicato, il lavoratore che non si è presentato personalmente oppure che non 16

17 ha ritirato la raccomandata (compiuta giacenza) o comunque che non è risultato reperibile presso il domicilio dichiarato, perde lo stato di disoccupazione con decorrenza dal giorno successivo all appuntamento, alla conclusione del periodo o al termine ultimo indicato, fatta salva la possibilità di certificare entro i 15 giorni successivi da tale data un ricovero ospedaliero od una malattia o altra situazione di impedimento oggettivo; qualora sia ritenuto giustificato il motivo di mancata presentazione, il lavoratore viene riammesso allo stato di disoccupazione senza soluzione di continuità. Il servizio competente procede, anche periodicamente, alle conseguenti modificazioni delle posizioni nell anagrafe dei lavoratori, tenendo conto delle decorrenze individuali, e le pubblicizza mediante apposito avviso di pubblicazione atti nell ambito dei locali del servizio competente nei 15 giorni di calendario successivi allo svolgimento delle operazioni. L ipotesi di mancata presentazione o adesione alle iniziative di ricerca attiva di lavoro viene accertata a seguito di: a) convocazione da parte del servizio competente, secondo le modalità previste dal presente punto; b) idonea comunicazione al servizio competente da parte del soggetto gestore dell iniziativa promossa dall Agenzia del lavoro o, comunque in raccordo con la medesima, da altri servizi della Provincia Autonoma di Trento; c) idonea comunicazione al servizio competente da parte del datore di lavoro interessato, indicante la mancata adesione alla convocazione a colloquio di selezione conseguente ad attività preselettiva. Le iniziative di cui alle precedenti lettere b) e c) sono rivolte ai lavoratori secondo le modalità prescelte dai soggetti terzi; in tali casi il lavoratore è convocato presso il servizio competente per addurre eventuali giustificazioni. Qualora tali giustificazioni non siano ritenute sufficientemente valide, il servizio competente può comunque decidere la perdita dello stato di disoccupazione. Tale perdita è notificata con lettera raccomandata A/R. La proposta di lavoro è formulata, in base ad espressa delega da parte del datore di lavoro potenziale, direttamente dal servizio competente, secondo le procedure previste dal presente punto. 17

18 ART. 4 OBIETTIVI ED INDIRIZZI OPERATIVI AL FINE DI FAVORIRE L INCONTRO TRA DOMANDA ED OFFERTA DI LAVORO E DI CONTRASTARE LA DISOCCUPAZIONE DI LUNGA DURATA I lavoratori inseriti nell elenco anagrafico provinciale di cui all art. 1 che si trovano in stato di disoccupazione accedono ai servizi ed agli interventi dell Agenzia del lavoro secondo quanto previsto dal Documento degli interventi di politica del lavoro. Le azioni di ricerca attiva di lavoro e gli interventi di politica del lavoro possono essere concordati e specificati nell ambito di un Patto di servizio e all eventuale Piano di Azione Individuale stipulati fra lavoratore e Centro per l impiego. Il Patto di servizio o il Piano di Azione Individuale possono prevedere azioni, interventi e tempi inferiori rispetto agli interventi minimi indicati successivamente, che si devono pertanto ritenere vincolanti solo nell eventuale assenza di misure concordate. Gli interventi minimi previsti in favore dei lavoratori in stato di disoccupazione sono i seguenti: a) colloquio di orientamento, da effettuarsi entro tre mesi dall inizio dello stato di disoccupazione; b) proposta di adesione ad iniziative di inserimento lavorativo o di formazione o riqualificazione professionale o altra misura che favorisca la integrazione professionale, da formularsi entro quattro mesi dall inizio dello stato di disoccupazione nei confronti degli adolescenti, dei giovani e delle donne in reinserimento lavorativo ed entro sei mesi nei confronti degli altri lavoratori. Nei confronti di beneficiari di ammortizzatori sociali per i quali lo stato di disoccupazione costituisca requisito, è prevista l attività di cui alla precedente lettera a), una iniziativa di orientamento collettivo (tecniche di ricerca del lavoro) entro i sei mesi di anzianità di disoccupazione, una attività formativa della durata di almeno due settimane entro i dodici mesi di anzianità di disoccupazione ed una iniziativa di inserimento lavorativo entro la fine della percezione del sostegno al reddito. Nei confronti di beneficiari di CIG o di altre prestazioni in costanza di rapporto di lavoro, che comportino la sospensione a zero ore dall attività lavorativa per un periodo superiore ai sei mesi, sono proposte attività formative di durata non inferiore a due settimane. I lavoratori, siano essi in stato di disoccupazione o occupati alla ricerca di altra occupazione, possono in ogni caso accedere ai servizi ed interventi dell Agenzia del lavoro con modalità diretta, a prescindere dagli interventi minimi sopra previsti, secondo le procedure organizzative in essere ed i tempi definiti presso il Centro per l impiego competente. 18

19 ART. 5. LISTE SPECIALI 1 Disposizioni generali In provincia di Trento rimangono in vigore le liste previste dalla legislazione nazionale e quelle predisposte ai sensi della normativa provinciale, ed in particolare: a) elenco dei lavoratori disabili ed altre categorie protette di cui alla legge 12 marzo 1999, n. 68; b) lista di mobilità di cui all articolo 6, legge 23 luglio 1991, n. 223 e successive modificazioni ed integrazioni; c) eventuali liste predisposte al fine dell attuazione delle azioni in materia di lavori socialmente utili previste nel Documento degli Interventi di politica del lavoro. 2 Gestione delle liste speciali Le liste speciali di cui alle lettere a), b), c), d) di cui al precedente punto 1 sono gestite dall Agenzia del lavoro, anche tramite i Centri per l impiego. Le liste speciali di cui alle lettere b), c) e d) possono essere tecnicamente gestite mediante un unica lista che evidenzi l appartenenza dei lavoratori alle diverse tipologie indicate. I dati dei lavoratori iscritti nelle liste speciali sono inseriti d ufficio nell elenco anagrafico, all interno del quale è evidenziata la loro particolare appartenenza, nonché evidenziata la modifica della relativa situazione a seguito della gestione delle liste stesse. Lo stato di disoccupazione è riconosciuto d ufficio, con decorrenza dalla data di presentazione della domanda alla lista speciale, ai lavoratori iscritti alle liste di cui alle precedenti lettere a), b), c), per i quali vige solo un effetto indiretto sull anagrafe dei lavoratori dato dalla gestione delle liste speciali. Ai lavoratori che hanno presentato domanda per l iscrizione in liste speciali è riconosciuto, qualora essa abbia avuto esito negativo, lo stato di disoccupazione con decorrenza dalla data della citata domanda. Per quanto riguarda liste speciali di cui alle lettere a) e b) del presente documento, si fa riferimento alle specifiche disposizioni di legge, ed in particolare: α) la disciplina in materia di cancellazione è quella prevista dall art. 9 della L. 223/91 e dall art. 10, comma 6 della L. 68/99; β) le attività informative nei confronti dei datori di lavoro e lavoratori volte a favorire l inserimento lavorativo del disabile in attuazione della L. 68/99 sono realizzate conformemente alla stessa disciplina. 19

20 Per i lavoratori in lista di mobilità è ammesso lo svolgimento di attività lavorativa in forma autonoma, dalla quale derivi un reddito annuale (01 gennaio 31 dicembre) non superiore al reddito minimo personale complessivo escluso da imposizione. L istituzione e la gestione della lista speciale relativa all elenco e alla graduatoria dei lavoratori disabili sono precisate da un apposita deliberazione della Giunta Provinciale (Disciplina provinciale dell'elenco e delle graduatorie previsti dall'art. 8 della legge 12 marzo 1999, n. 68). Ai lavoratori disabili cancellati dalla lista speciale di cui alla L. 68/99 per perdita di requisiti a seguito della riduzione dello stato invalidante, può essere riconosciuta l anzianità di disoccupazione maturata nell ambito della lista speciale, purché presenti la dichiarazione di immediata disponibilità, entro 30 giorni dalla data di comunicazione del provvedimento da parte dell Agenzia del Lavoro. L Agenzia del Lavoro eroga ai lavoratori disabili i servizi e gli interventi di politica del lavoro appositamente previsti dal Documento degli interventi di politica del lavoro al fine di favorirne un inserimento mirato conforme alle capacità lavorative; pertanto le disposizioni di cui al precedente art. 4 non si applicano a tali lavoratori. L appartenenza all elenco anagrafico di cui all art. 1 di persone disabili è subordinata al possesso delle potenzialità necessarie per un inserimento lavorativo, valutate dalla competente Commissione. 20

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Campo di applicazione) 1. Il presente Contratto

Dettagli

Manuale per i lavoratori del settore privato

Manuale per i lavoratori del settore privato Manuale per i lavoratori del settore privato in materia di conciliazione vita/lavoro: diritti e opportunità A cura di Raffaella Calasso Responsabile Ufficio Legale Aeroporti di Puglia S.p.a., in collaborazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI 00187 Roma Via di San Basilio, 72 Tel. +39 06.42.00.84 Fax +39 06.42.00.84.44/5 www.cnpi.it cnpi@cnpi.it C.F. 80191430588 Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTÙ E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Ufficio per il servizio civile nazionale Bando per la selezione di n.18.793 volontari da impiegare in progetti

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO N. 6 DEL 18 Gennaio 2007. Con preghiera di massima diffusione

ORDINE DI SERVIZIO N. 6 DEL 18 Gennaio 2007. Con preghiera di massima diffusione DIVISIONE II U.P.T.A. e.p.c. Ai Capi Divisione Ai Capi Ufficio Ai Capi Settore Ai Segretari Amministrativi dei Dipartimenti Ai Responsabili dei Laboratori Ai Responsabili delle Biblioteche Ai Presidi di

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE

LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE LE AGEVOLAZIONI PER LE ASSUNZIONI DI PERSONALE Le normative finalizzate alle agevolazioni in materia di assunzione di personale sono state, nel corso degli anni, oggetto di continue innovazioni, cambiamenti,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA EROGATI DAL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA INDICE GENERALE SEZIONE I CARATTERISTICHE DEL SISTEMA LOCALE PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO ART. 1 PRINCIPI DI RIFERIMENTO ART. 2 FINALITA GENERALI

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Il Presidente del Consiglio dei Ministri Vista la legge 8 luglio 1998, n. 230, recante Nuove norme in materia di obiezione di coscienza, e successive modificazioni ed integrazioni; Vista la legge 6 marzo

Dettagli

Modello operativo di accreditamento

Modello operativo di accreditamento Modello operativo di accreditamento degli operatori pubblici e privati per l erogazione dei servizi di istruzione e formazione professionale e dei servizi per il lavoro Elenco dei soggetti accreditati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI

ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI Segreteria Nazionale UIL Pubblica Amministrazione Ufficio studi e formazione NORME CONTRATTUALI DEL COMPARTO ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI aggiornate con le novità introdotte dal CCNL 2008-2009 UIL Pubblica

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare

Dettagli

Il Testo Unico sull apprendistato e la sua applicazione

Il Testo Unico sull apprendistato e la sua applicazione Il Testo Unico sull apprendistato e la sua applicazione Il Testo Unico sull apprendistato, le intese Stato-Regioni, gli interpelli, gli accordi e le prassi adottate a cura di Studio di consulenza aziendale

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E LA REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLE MANSIONI, IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N. 183. IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

ARAN SICILIA AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA

ARAN SICILIA AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA ARAN SICILIA AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLA REGIONE SICILIANA CONTRATTO COLLETTIVO REGIONALE DI LAVORO DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE DELLA REGIONE SICILIANA E DEGLI ENTI DI CUI

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Bando per la selezione di 1.526 volontari da impiegare in progetti di servizio civile nazionale nella Regione

Dettagli

Comune di Rovigo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI N.C.C.

Comune di Rovigo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI N.C.C. Comune di Rovigo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA TAXI N.C.C. Regolamento degli Autoservizi Pubblici non di linea con autovettura Taxi -N.C.C. TITOLO I - NORME GENERALI

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche.

PREMESSA. L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. PREMESSA L opuscolo tratta la disciplina dei rapporti di lavoro alle dipendenze pubbliche. delle amministrazioni Una cospicua parte è dedicata al concorso, che costituisce la principale procedura con la

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo Direzione Generale

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo Direzione Generale Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo Direzione Generale DECRETO n 2228 IL DIRETTORE GENERALE Visto il D.P.R.10.1.1957, n.3 e successive

Dettagli

Información recompilada por: Emilia Seoane Pérez, conselleira EURES (EURopean Employment Services) e profesora da Universidade de Vigo

Información recompilada por: Emilia Seoane Pérez, conselleira EURES (EURopean Employment Services) e profesora da Universidade de Vigo ITALIA CONDICIÓNS DE VIDA E DE TRABALLO Come trovare lavoro BUSCA DE EMPREGO Per trovare un lavoro in Italia è necessario iscriversi ai centri per l impiego. La persona alla ricerca di un'occupazione deve

Dettagli

TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE TITOLO IV RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 120 RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE I Consorzi, ove ritengano di avvalersi della facoltà di ricorrere a rapporti di lavoro a tempo parziale ai sensi

Dettagli

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza,7,9,11-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 R E

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

GUIDA ALLE ASSUNZIONI AGEVOLATE A cura del Dott. Eufranio MASSI Dirigente della Direzione provinciale del Lavoro di Modena

GUIDA ALLE ASSUNZIONI AGEVOLATE A cura del Dott. Eufranio MASSI Dirigente della Direzione provinciale del Lavoro di Modena AREA PERSONALE E LAVORO Servizi all Impiego Telefono +39 0425 386430 Telefax +39 0425 386410 servizio.lavoro@provincia.rovigo.it Via L. Ricchieri (detto Celio), 10 45100 Rovigo ISO 9001:2008 Cert. n. 9159.PRDR

Dettagli

Art. 1 Norme in materia di intervento straordinario di integrazione salariale. -

Art. 1 Norme in materia di intervento straordinario di integrazione salariale. - LA NORMATIVA SUL LAVORO - LEGGE 223/91 "NORME IN MATERIA DI CASSA INTEGRAZIONE, MOBILITA', TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE, ATTUAZIONE DI DIRETTIVE DELLA COMUNITA' EUROPEA, AVVIAMENTO AL LAVORO ED ALTRE

Dettagli