In questo numero di DEV affrontiamo un argomento molto dibattuto e di moda in

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "In questo numero di DEV affrontiamo un argomento molto dibattuto e di moda in"

Transcript

1

2 Editoriale di Roberto Casarini Non trovo più il mio Sistema Operativo In questo numero di DEV affrontiamo un argomento molto dibattuto e di moda in questo periodo, Ajax, Asynchronous JavaScript and XML. Come è facile intuire dal titolo dello speciale, il compito di DEV per questo numero estivo è offrire un ampia panoramica (a 360 gradi appunto!) su un argomento cardine per lo sviluppo Web. Le abitudini di navigazione cambieranno e qualcuno sta cominciando già adesso ad avvertire un senso piacevole di trovarsi davanti a qualcosa che assomiglia molto a una vera applicazione, altri ancora diranno che alla base non c e alcun cambiamento. Il principale vantaggio attribuito ad AJAX è l alta velocità di risposta dell applicazione senza ridondanza nella trasmissione dei contenuti, mutando in parte il concetto di pagina web (se così vogliamo continuare a chiamarla). Finalmente avremo la possibilità di sfruttare le potenzialità del Web tramite browser, grazie a vere applicazioni Web native, e non a pagine adattate ad applicazioni. Lo scenario relativo al WebOS offre molti spunti di riflessione, la possibilità di avere una sorta di sistema operativo (seppur minimale) fruibile tramite browser fa tornare in mente vecchi ricordi. L alta diffusione di Internet con l aumento annuale della banda e il raggiungimento di tecnologie più interattive per lo sviluppo del Web, fanno dedurre in un futuro non troppo remoto, la possibilità di raggiungere da remoto, ovunque siamo, la nostra postazione di lavoro virtuale installata presso un provider, con un semplice terminale collegato alla rete (wireless?). I vantaggi sono molteplici: non richiederebbe nessuna istallazione (una registrazione è ben meno frustrante di una formattazione e di un istallazione di un sistema) e la manutenzione è del tutto delegata al provider. Inoltre, l essere tutto naturalmente integrato nel Web apre nuove prospettive per nuovi servizi. Già qualche anno fa con l introduzione di soluzioni portabili, come le distribuzioni Linux Live, avevamo potuto assaporare il piacere di portarci comodamente in tasca la nostra linux box (a proposito in questo numero parte una serie di articoli sulla realizzazione di una distro Live USB Linux), ma con lo scenario Ajax, ovvero il WebOS, non dovremmo neanche preoccuparci di mettere in borsa i dispositivi di massa con una copia della nostra postazione di lavoro. Ovviamente lo sviluppo di queste soluzioni è strettamente legato allo sviluppo dei browser, che stanno assumendo le sembianze di veri e propri ambienti di esecuzione, più che semplici visualizzatori di pagine. Alla fine si tratterà di scegliere dove mettere la nostra postazione di lavoro: in tasca, in rete o? Alcuni spunti su cui riflettere sono già individuabili nelle pagine dello speciale di questo numero... caliente. 3 <<

3 LA RIVISTA CHE TI INSEGNA A PROGRAMMARE sommario n. 142 Luglio/Agosto 2006 Lo speciale di questo numero: Ajax a 360 gradi 6 15 WebOS e AJAX, matrimonio riuscito! di Simone Colombara 20 Google Web Toolkit: Scrivere applicazioni AJAX in Java di Andrea Cacciarru 26 Librerie AJAX per Java di Luca Fabiani 31 Tutti pazzi per AJAX con Direct Web Remoting 2.0 milestone 2 di Francesco Tinti 37 ASP.NET 2.0 e Ajax di Gian Maria Ricci Programmazione Sei agli inizi? Non riesci a risolvere i primi problemi? Niente paura! Iscriviti alle mailing-list Infomedia! e I listati e i programmi di utilità che corredano gli articoli sono prelevabili gratuitamente dal sito oppure da ftp://ftp.infomedia.it/pub/dev./listati/ 42 Automazione - La libreria Libnodave di Fulvio Mazzeo 46 Database - Note di Data Warehouse: Le Dimensioni di analisi PARTE I di Massimo Cenci 51 C++ - OpenCV, una completa libreria open source per la computer vision di Matteo Lucarelli 56 Java - JADE e sistemi basati su agenti di Michele Mazzucchi 62.NET - Live-Update mediante Enterprise Library ed Updater Application Block di Alessandro Giorgetti 68 Sicurezza - Programmare WinPcap di Antonio Magrì Rubriche NEW 74 Algomatica del doctor Brom - Numeri riciclati e autodefiniti di Maurizio Codogno 91 Extended Mode - Intervista a Wouter van Oortmerssen di Raffaele Formato 96 CrackMe Web Edition - Il mio libro preferito a cura di Fabio Scagliola 97 Reportage - PhpDay 2006 di Max Arcidiacono

4 75 Livello 1 C# & PHP: File sharing via http - Parte 1 di Francesco De Angelis In Prova Numero 94 Numero Livello 1 I comandi meno conosciuti della console di Linux di Matteo De Felice 85 Livello 1 In chiave di Linux - parte 1 di Matteo Lucarelli di Paolo De Nictolis 6 Lattix LDM for.net di Paolo De Nictolis 93 Ai lettori Java ME World a cura di Stefano Sanna Homo homini lupus? 14 DEV in DirICTo a cura di Massimo Farina Modifiche ed integrazioni al codice dell amministrazione digitale: nuovi ritocchi sul documento informatico e le firme elettroniche 19 Free Reading a cura di Lorenzo Vandoni Ajax 36 Planet Open Source a cura di Alessio Saltarin #3 Prodotti complementari 50 Developer s Tools a cura di Lorenzo Vandoni HashTrie The Software Side Of Your Mind Numero 142 Luglio/Agosto 2006 Anno XIV Direttore Responsabile Marialetizia Mari Coordinamento Editoriale Roberto Casarini Collaboratori Max Arcidiacono, Andrea Cacciarru, Massimo Cenci, Maurizio Codogno, Simone Colombara, Matteo De Felice, Paolo De Nictolis, Luca Fabiani, Massimo Farina, Raffaele Formato, Alessandro Giorgetti, Matteo Lucarelli, Antonio Magrì, Fulvio Mazzeo, Michele Mazzucchi, Gian Maria Ricci, Alessio Saltarin, Stefano Sanna, Fabio Scagliola, Francesco Tinti, Lorenzo Vandoni Grafica e Impaginazione Valentina Mucci Gruppo Editoriale Infomedia srl Via Valdera P Ponsacco (PI) Tel (r.a.) Fax Direzione Natale Fino Divisione Libri Lisa Vanni Marketing & Advertising Tel Supporto Sistemistico Amministrazione Sara Mattei Segreteria Enrica Nassi Stampa Betagraf Spa - Funo di Argelato (BO) Distribuzione Parrini & C. (Roma) Ufficio Abbonamenti Tel Fax Si prega di inviare i comunicati stampa e gli inviti stampa per la redazione all'indirizzo: La riproduzione con qualsiasi mezzo di illustrazioni e di articoli pubblicati sulla rivista, nonchè la loro traduzione, è riservata e non può avvenire senza espressa autorizzazione dell'editore. I manoscritti e le illustrazioni inviati alla redazione non saranno restituiti anche se non pubblicati e l'editore non si assume alcuna responsabilità per il caso che si tratti di esemplari unici. "DEV. Developing Software & Solutions" è una rivista del Gruppo Editoriale Infomedia S.r.l. Direzione e Amministrazione Via Valdera P., Ponsacco Registrazione presso il Tribunale di Pisa n. 21 del Contenuto pubblicitario inferiore al 45%

5 di Paolo De Nictolis > Morfik WebOS AppsBuilder Si basa sul paradigma di Access questo IDE australiano. Nella corsa alla conquista di AJAX e di quello che molti chiamano il Web 2.0 entra anche questo progetto australiano, dove WebOS nel nome denota la volontà di costruire applicazioni indipendenti dal sistema operativo sottostante. Per la verità, stiamo parlando della versione per il mercato consumer: è previsto anche un prodotto per quello corporate, dal nome provvisorio di Classic Web Apps Builder. Il paradigma di lavoro è quello, portato al successo da Delphi e Visual Basic, del pannello o Form su cui disegnare la propria applicazione, sfruttando uno dei quattro linguaggi supportati: Object Pascal, Basic, Java e C#; naturalmente, Asynchronous JavaScript and XML serve proprio per permettere lo scambio di informazioni su una singola pagina Web invece che fra pagine differenti, realizzando così la Form. Inoltre, un semplice rebuild della Rich Internet Application sviluppata consentirà di avere una soluzione desktop; non solo, sarà possibile scegliere se la destinazione dovrà essere Windows o Linux: la traduzione sarà compito del core engine sottostante, al quale si è anche sacrificata la compatibilità al 100% con le specifiche dei quattro linguaggi utilizzabili. L interfaccia è stata modellata, per comodità dello sviluppatore, su quella del familiare Microsoft Access, prendendo poi le funzionalità chiave di Visual Studio, Eclipse e degli IDE Borland. Grazie alla cortesia di Fuad Ta eed, uno dei promotori del progetto, abbiamo potuto aderire al Pioneer s Program e testare la versione beta più recente del prodotto. FIGURA 1 Caratteristiche del prodotto Il processo JavaScript Synthesis Technology (JST) di WebOS AppsBuilder genera sia codice ad alto livello, che un eseguibile ottimizzato per la macchina target Il motto di Morfik è: un linguaggio, quattro sintassi. Più precisamente, Morfik ha richiesto la creazione di un nuovo linguaggio, specifico per la produzione di applicazioni Web, ma a tutti gli effetti se ne usa una delle quattro sintassi possibili. Ciò che è forse più importante, è la possibilità di creare un applicazione a partire da moduli indipendenti, ognuno scritto nel linguaggio di propria scelta. WebOS AppsBuilder supporta anche la creazione visuale di report, in maniera simile a quanto accade per le form. Naturalmente, oggi come oggi qualsiasi applicazione ha bisogno di un database, e l IDE della Morfik incorpora un server Firebird 2.0. Nella scelta fra generazione di eseguibili ottimizzati per il processore e di codice intermedio per l esecuzione su ogni piattaforma per cui sia disponibile una macchina virtuale, Morfik ha deciso di adottare entrambe le strade: dapprima viene generato codice intermedio in Object Pascal, per poi avere, con una seconda compilazione, codice assembly specifico per la macchina, che viene poi linkato con un modulo core di Apache per avere, allo stesso tempo, un Web ed un Application server in un singolo file, denominato XApp. Questo processo, piuttosto complesso e riassunto nella Figura 1, è stato battezzato JavaScript Synthesis Technology (JST). Il codice sorgente passa dapprima attraverso un parser, che include un tokenizer ed un analizzatore di sintassi. L output del parser viene usato per generare una dettagliata mappa semantica dell intera applicazione (ricordiamo che tutti e quattro i linguaggi utilizzabili sono, oltre che OO, anche fortemente tipizzati). È questa mappa ad essere infine compilata in codice JavaScript che fa uso della tecnologia AJAX. La Figura 2 mostra, più ad alto livello, tutti i moduli di Morfik coinvolti nella creazione dell applicazione; si noti in particolare che l applicazione generata, xapp.exe, incorpora varie DLL che la rendono un eseguibile stand-alone a tutti gli effetti. Per quanto il prodotto sia ancora in beta, è stata posta particolare cura nella creazione della documentazione, ovvero del manuale per l utente e di quello per lo sviluppatore, reperibili nella sezione Downloads/Other del sito Nella stessa sezione abbiamo trovato particolarmente utili i tutorial in Flash ed i documenti di approfondimento sulla vision del WebOS e sulle novità apportate al mondo dello sviluppo da AJAX, mentre a chi apprende per esempi giove- >> 6

6 FIGURA 2 I moduli di Morfik coinvolti nella creazione di una applicazione; si noti in particolare che l applicazione generata, xapp.exe, incorpora varie DLL che la rendono un eseguibile stand-alone a tutti gli effetti. ranno i Labs nell area Dev2dev, che è possibile vedere in azione sul sito stesso. Installazione e primo utilizzo Il file di setup pesa una quarantina di Mb e crea, senza richiedere particolari scelte all utente, un collegamento sul desktop dal quale lanciare l IDE. Per l attivazione del prodotto è richiesta la registrazione (gratuita) al Pioneer s Program, fornendo l identificativo della macchina generato dal programma. Nella cartella di installazione troviamo, oltre a parte degli esempi scaricabili dal sito, gli eseguibili di Firebird e le librerie di run-time per Windows e Linux, oltre a quelle di debug ed all help in formato CHM; stranamente non vengono installati i due manuali citati. È consigliabile leggere il Beta Test Agreement. L IDE, presenta subito una razionale pagina di partenza, dalla quale è possibile lanciare il wizard per un nuovo progetto, aprirne uno già presente (sia dall apposito pulsante di browsing, che dalla lista dei progetti recenti), leggere uno dei tutorial o aprire un progetto di esempio. Un vero peccato che in questa versione non sia ancora presente, nel menu Tools, la scelta di un template di stile grafico. Nella migliore tradizione dell infante di fronte al barattolo della marmellata, lanciamo subito il wizard. Il progetto, con estensione.mxs, verrà inserito di default nella cartella dei Samples, sì che da buoni Pioneer possiamo effettuarne l upload sui server di Morfik per metterlo a disposizione della comunità. A parte il tipo di progetto (oltre ad una WebOs App, nella versione definitiva potremo creare un JavaScript Maker; quest ultima voce è attualmente disabilitata), la scelta più importante è se i file di progetto saranno memorizzati in modalità embedded (all interno del main project) o individual (in singoli file separati). Vi consigliamo di non cedere mai alla tentazione di usare la prima semplice opzione, ma di scegliere sempre la seconda, assai utile se abbiamo un sistema di controllo del codice sorgente come CVS; ad ogni buon conto, nel menu File è presente una voce Convert Project che permette di passare dall una modalità all altra. Scegliamo, infine, uno dei quattro linguaggi utilizzabili (quello predefinito è il Morfik Pascal), anche se potremo scegliere linguaggi differenti per differenti form e moduli nel nostro progetto. Si presti attenzione al fatto che, anche se le versioni Morfik dei quattro linguaggi supportati sono sintatticamente simili a quelle originali, sono semanticamente differenti; in particolare, non potremo utilizzare le librerie di runtime o i framework originali. Ed ecco pronto il nostro IDE: come primo, semplice progetto abbiamo scelto di creare la più banale delle form, con 7 <<

7 una label che cambia colore alla pressione di un pulsante. Di default, viene creata una form Index ed un modulo Globals ; sulla sinistra possiamo vedere la barra in stile Outlook con gli elementi di progetto (cliccando sul contenitore System troveremo una voce Relationships utilizzabile per disegnare la base dati della nostra applicazione), cliccando sui quali, in stile Access, gli elementi di progetto nel pannello centrale verranno filtrati. Le due toolbox sulla sinistra mostrano le proprietà dell elemento correntemente selezionato ed una vista ad albero degli elementi di progetto, mentre in basso troviamo gli elementi utili al debug quali lo stack delle chiamate o l output del programma; è ovvio invece il significato dei pulsanti sulla destra, che aprono dei nuovi tab nel pannello centrale. Un doppio clic sulla form Index, e ci troviamo nel Forms Designer: una volta ancorata la finestra delle proprietà, lo sviluppatore Access si troverà davvero a casa sua. Eppure, stiamo progettando un applicazione per il Web! Dobbiamo ora concentrare la nostra attenzione sui tre pulsanti Designer, Browser e Server ai piedi del pannello centrale, evidenziati in figura: tramite questi passeremo dal designer visuale, agli editor di codice rispettivamente per il lato client (sul browser) e per il lato server. Naturalmente, per il nostro semplice esempio scriveremo solo codice lato client. In puro stile VBA, selezioniamo il pulsante nel Designer e nella tab Properties selezioniamo la scheda Event e clicchiamo due volte sull evento OnClick : nella finestra Browser verrà automaticamente creato lo scheletro per la relativa Procedure, che completeremo con un semplice If Then Else: namespace Index public class Index : Form published TextLabel lbltesto; published Button btncambiacolore; published message void btncambiacoloreclick(tdomevent Event) if (lbltesto.fontcolor == $00000) lbltesto.fontcolor = $0000FF; lbltesto.fontcolor = $00000; Abbiamo evidenziato l unica parte di codice da scrivere a mano ; purtroppo, sebbene sia supportata la coloured syntax, non lo è l IntelliSense, ed in qualche caso anche l indentazione del codice non è gestita in maniera uniforme. Ancora, le usuali scorciatoie da tastiera CTRL+X, CTRL+C e CTRL+V non funzionano, ed in qualche caso anche i menu contestuali per il copia-e-incolla vengono meno: davvero un bel problema! Molti di voi avranno notato che il codice è radicalmente diverso da quello che avremmo scritto con Visual Studio: using System; using System.Data; using System.Configuration; using System.Web; using System.Web.Security; using System.Web.UI; using System.Web.UI.WebControls; using System.Web.UI.WebControls.WebParts; using System.Web.UI.HtmlControls; public partial class _Default : System.Web.UI.Page protected void Page_Load(object sender, EventArgs e) protected void btncambiacolore_click(object sender, EventArgs e) if (this.lbltesto.forecolor == System.Drawing.Color.Black) this.lbltesto.forecolor = System.Drawing.Color.Red; this.lbltesto.forecolor = System.Drawing.Color.Black; Come già ricordato, Morfik usa un superset dei linguaggi supportati, utilizzando Virtual Pascal per le librerie di build: è questo il motivo per cui, per esempio, possiamo usare una sintassi C#-like in uno skeleton con le tipiche dichiarazioni di classe, di variabili e di eventi del Pascal. Ancora, poiché non sono supportate le librerie native, non avremmo potuto in alcun modo utilizzare il namespace System.Drawing.Color. In effetti, per un progetto così semplice abbiamo creato quattro versioni, con tutti e quattro i linguaggi, trovando che per le semplici istruzioni custom possiamo utilizzare una sintassi molto simile per le coppie Pascal-Basic e C#-Java, come mostra la seguente tabella: Morfik Pascal if txttesto.fontcolor = $ then txttesto.fontcolor:= $0000FF txttesto.fontcolor := $000000; Morfik Basic If lbltesto.fontcolor = $00000 Then lbltesto.fontcolor = $0000FF Else lbltesto.fontcolor = $00000 End If Morfik C# if (lbltesto.fontcolor == $00000) lbltesto.fontcolor = $0000FF; lbltesto.fontcolor = $00000; Morfik Java if (lbltesto.fontcolor == $00000) lbltesto.fontcolor = $0000FF; lbltesto.fontcolor = $00000; Abbiamo invero avuto qualche difficoltà per arrivare a queste sintassi, non tanto per la mancanza dell autocompletamento, quanto perché il file di help, e la documentazione in generale, sono ancora carenti sull aspetto del debugging. Curiosamente, avevamo usato il simbolo # nel nome del progetto in C#: l IDE ce lo ha fatto creare e lavorarci >> 8

8 su, creando anche una cartella col nome corretto in Samples, salvo che poi non ce lo ha fatto riaprire perchè nella lista dei progetti il simbolo non viene riconosciuto. I tempi di compilazione sono lunghi: fra i 16 ed i 24 secondi per un applicazione così semplice, su un Pentium Mobile a 2 GHz con 1 GB di RAM; dobbiamo naturalmente tenere conto del fatto che viene generato codice intermedio crossplatform. Comunque, il problema riguarda solo la prima compilazione, giacché per le successive possiamo scegliere di fare un Make, che effettua la sola compilazione incrementale dei file modificati dall ultimo Compile. Le informazioni di compilazione nel menu Compile sono un altra feature che manca in questa versione; come al solito, è molto istruttivo un giro nelle Options del menu Tools, dalle quali apprendiamo, per esempio, come configurare la porta del web server Apache incluso in Morfik su cui verrà eseguita l applicazione, piuttosto che il fatto che è possibile generare codice ottimizzato per varie versioni di Intel x86 a 32 bit o PowerPC, ma non per processori a 64 bit. Purtroppo, nella versione provata, gli errori di compilazione portano molto spesso ad una Access Violation del modulo Morfik.exe, anche se l IDE non è andato mai in crash. Al momento dell esecuzione, è un po noioso dover specificare, per ogni XApp, l eseguibile del browser, oltre ad aprire un eccezione nel firewall di Windows XP Service Pack 2. La prima esecuzione del programma richiede qualche secondo, ma le successive sono immediate. La sorpresa più bella, però, arriva esaminando la cartella generata per il progetto, disponibile nel file LabelColourCSharp (presente nel server FTP di questo numero), decisamente un po corposa (13 Mb), che contiene oltre all eseguibile le librerie di build, da sole oltre 10 Mb, la cartella cache con i file necessari ad Apache, i sorgenti ed i file di progetto in formato binario di Morfik. A patto di copiare, oltre all eseguibile, i file.mxd e.mxr associati, possiamo eseguire LabelColour.exe su qualsiasi macchina sulla quale siano installati Apache e Firebird (la cartella _nomeprogetto Cache verrà automaticamente ricreata), eventualmente modificando il processore target in fase di compilazione: un risultato assolutamente eccezionale! Per la release definitiva, non possiamo non auspicare che venga incluso nella cartella di progetto il run-time di Apache e Firebird, soprattutto considerando che il tool Project Installation, insieme a quello correlato per la gestione degli account e dei gruppi, devono ancora essere inclusi nel prodotto. FIGURA 3 Un progetto completo: l agenda telefonica Per mostrare un progetto completo, che mettesse insieme tutte le componenti con cui è possibile costruire un applicazione in Morfik (tabelle, query, form, report e web services, questi ultimi purtroppo non ancora documentati) abbiamo scelto di creare un agenda di appuntamenti. Nel form principale richiamiamo le varie voci disponibili; oltre all usuale gestione dei contatti (creazione/modifica/ cancellazione), c è la possibilità di definire un appuntamento (di un determinato tipo, scelto da una tabella di categorie) per un contatto. Sia la modifica/cancellazione, che la definizione di un appuntamento sfruttano una casella di testo per la ricerca del contatto; per la cancellazione implementeremo un Web Service che acceda alla base dati. Completano il progetto la reportistica dei contatti e degli appuntamenti per un contatto. Cominciamo, naturalmente, col definire la base dati della nostra applicazione. Dopo aver creato un nuovo progetto, portiamoci sulla voce Tables e scegliamo di creare una nuova tabella utilizzando il wizard. Una volta scelto il nome, possiamo procedere ad aggiungere i vari campi, tramite una dialog che a scelta può mostrare solo le informazioni fondamentali, o anche quelle estese. Nella figura sono mostrati i campi che è possibile creare, oltre agli usuali text, memo, number e datetime; per quest ultimo si può ad esempio scegliere fra vari formati (timestamp, solo data o solo ora, formato esteso e così via), mentre di un immagine, un documento o un oggetto multimediale si può La finestra per la definizione di vincoli relazionali nella nostra base dati. In questa e nelle due precedenti figure, la somiglianza con Access è assoluta. 9 <<

9 semplicemente inserire un link alla loro posizione del file system, così come incorporarli in Firebird. Anche qui, dopo aver eventualmente definito una chiave primaria, una volta terminato il wizard, avremo a disposizione un interfaccia assolutamente Access-like sia per la progettazione dei campi che per l inserimento dei dati. L interfaccia di inserimento, in particolare, offre sia un editor per i campi memo che una dialog di caricamento dei dati multimediali, oltre ad un calendario per l inserimento delle date; alcune volte può essere comodo lavorare su una dialog che mostra i campi del record selezionato, tramite il pulsante View Current Record nella barra degli strumenti in basso. La finestra di progettazione dei campi permette di definire, in analogia ad Access, delle regole di validazione, che però non offrono alcun wizard. Una volta create le nostre tabelle, definiremo i vincoli relazionali utilizzando l editor Relationship citato (Figura 3): anche qui, uno strumento assolutamente simile all analogo di Access. Per la nostra prima form, quella di inserimento dei contatti, useremo il wizard di Morfik per creare una data entry form a partire dalla tabella tblcontatti. Nella finestra principale Project, dobbiamo ciccare sulla voce Forms e scegliere Create form by using wizard. Il punto chiave del wizard è, naturalmente, quello in cui leghiamo i campi della form ad una sorgente dati, che può essere una tabella o una query: anche qui, l editor visuale di query è del tutto simile al QBE di Access. Possiamo poi scegliere se creare una Single form, adatta per l inserimento dati, o una Continuous form, che mostra i record in sola lettura, adatta per il reporting, l ordinamento ed il raggruppamento. Per permettere il solo inserimento dati, scegliamo di aggiungere la barra di navigazione, nella quale però inseriamo i soli pulsanti Submit e Cancel (per il reset dei campi inseriti); è possibile anche fare qualche personalizzazione grafica, prestando però attenzione al fatto che ogni volta dovremo poi ri-selezionare i pulsanti da far comparire. Scegliamo anche di far generare automaticamente i controlli per ogni campo della tabella, togliendo dalla form i controlli associati al campo chiave ed alla data di creazione tramite Customize. Al termine dovremo fare un po di editing per dare dei nomi più significativi alle label e per aggiungere un intestazione ed un piè di pagina, oltre ad aggiungere un controllo FileUploader, dove nelle proprietà, alla voce Data/DataField, specificheremo dal menu a discesa il campo della tabella che contiene la foto del contatto. Inseriamo la semplice istruzione che crea un nuovo record nell evento WebFormReady ; in stile Visual Basic, basta fare doppio clic nella voce OnReady della scheda Event delle proprietà del form: e la nostra form di inserimento dati è pronta e funzionante (Figura 4). Nel form principale, Index, aggiungiamo i pulsanti che richiameranno le varie feature della nostra applicazione (Figura 5). Sono presenti le consuete guide per l allineamento dei pulsanti, ma non è possibile per esempio selezionarne più d uno col CTRL-clic e ridimensionarli in maniera omogenea. Ci occupiamo per prima della Lista Contatti, per la quale utilizzeremo i Reports. Lanciamo in esecuzione il wizard, che è molto simile a quello per creare una Data Form: dovremo anche qui specificare la tabella/query che funge da sorgente dei dati, ed i campi da mostrare. Come sorgente dati, abbiamo creato in maniera visuale la query SELECT FROM leftchar( SurnameContact, 1) AS FirstChar, tblcontatti. SurnameContact, tblcontatti. NameContact, tblcontatti. AddressContact, tblcontatti. MobileContact, tblcontatti. PhotoContact tblcontatti Il wizard offre, sulla carta, anche un editor di regole TEST TEST published message void WebFormReady(ref Boolean Ready) NewRecord(null); FIGURA 4 Il nostro form di inserimento contatti. Si noti il File Uploader per caricare la foto del contatto. >> 10

10 per l ordinamento ed il raggruppamento dei risultati, ma ogni tentativo di lanciarlo ha portato sulla nostra macchina ad un errore di Access Violation in Morfik.exe: poco male, comunque, perché appena il nostro report è pronto nel designer, dopo avere sistemato un po la disposizione dei campi, basta fare clic col tasto destro in un punto vuoto e scegliere l opzione Sorting and Grouping per avere una comoda finestra di dialogo. Qualche inevitabile aggiustamento iterativo dell aspetto, FIGURA 5 ed ecco pronto senza troppa fatica un report in PDF sulla nostra base dati. Per le ultime due feature dell applicazione ci avvarremo della possibilità, offerta da Morfik, di creare delle form che sono dei contenitori di altre form, richiamate a runtime col paradigma HTML dei frame, passando dei parametri tramite la collection Parameters, accessibile dal menu contestuale di una form. In particolare, nel nostro caso abbiamo l esigenza comune di cercare determinati contatti, per la modifica/cancellazione, e per visualizzare la lista degli appuntamenti o crearne di nuovi. Creeremo allora una form comune, SearchAndList, con una casella di testo ed un pulsante: il contenuto della casella di testo verrà passato come parametro ad una query che estrae contatti dal database con una clausola LIKE. In entrambi i casi, caricheremo nel contenitore etichettato come MainArea una form con l elenco dei contatti restituiti dalla query, dando una volta la possibilità di effettuare la modifica/ cancellazione, e la seconda quella di introdurre un nuovo appuntamento, o mostrare il report degli appuntamenti per ogni contatto. Questo paradigma si presta bene sia alla progettazione top-down che a quella bottom-up; in ogni caso, favorisce la modularizzazione dell applicazione ed il riuso di componenti. Cominciamo con la modifica/cancellazione. Creiamo innanzitutto una banale query qryelencacontatti, che recupera alcuni campi dalla tabella dei contatti, per tutti i record che contengono la stringa di ricerca nel nome o nel cognome: SELECT ALL tblcontatti. IDContatto, tblcontatti. SurnameContact, tblcontatti. NameContact, tblcontatti. MobileContact, tblcontatti. PhotoContact FROM tblcontatti WHERE ( tblcontatti. SurnameContact Like % prmstrricerca % ) OR ( tblcontatti. NameContact Like % prmstrricerca % ) Il form principale, ovvero la Home Page, della nostra applicazione Da questa query, tramite il solito wizard, creiamo una form subeditdeletecontacts, cui aggiungiamo due pulsanti per la modifica e la cancellazione (Figura 6); la label con l identificativo del contatto ha la proprietà Visibile impostata a False, e serve solo per tenere traccia di quale contatto andremo a modificare/cancellare. Per evitare lunghi ed infruttuosi debug, si tenga presente che, ogni volta che si cambia una query sottostante, occorre rieffettuare il binding alla Data Source dalle Properties della form, scegliendo di nuovo la stessa query. Dobbiamo ora passare a subeditdeletecontacts la stringa di ricerca. In Morfik Pascal, è estremamente semplice utilizzare un parametro: una volta che questo è stato definito nella dialog Parameters, può essere utilizzato direttamente nel codice. Purtroppo, la versione attuale di Morfik presenta invece un problema per quanto riguarda il passaggio dei parametri in Morfik C# (il linguaggio che abbiamo utilizzato per l esempio): a causa della compilazione in un singolo passo, le dichiarazioni dei parametri vengono processate dopo il codice utente, per cui qualsiasi riferimento ai parametri dal codice sorgente causa un errore di compilazione. Per la release definitiva questo problema verrà sicuramente risolto; per il momento, abbiamo ovviato in maniera simile agli usuali linguaggi per il Web, usando la collection CurrentParameters per prendere i parametri dalla querystring, come nel seguente snippet di codice in cui valorizziamo l header di una pagina con un titolo passato come parametro: lblheader.caption = CurrentParameters.GetParamValue( prmheaderlabel ); Fatta questa premessa, dalla form principale SearchAndList invochiamo subeditdeletecontacts passando la stringa di ricerca come parametro: published message void btnricercacontattoclick(tdomevent Event) if (txttosearch.text!= ) OpenForm( subeditdeletecontacts, SearchAndList:MainArea, prmstrricerca= + txttosearch.text + ); 11 <<

11 FIGURA 6 La subform che permette la modifica/cancellazione di un contatto ShowMessage( Inserire per cortesia una parola chiave per la ricerca ); Sei sicuro di voler procedere? )) RunWebService( DeleteContact, prmcontactid= + lblhiddencontactid. Caption + ); Il risultato è mostrato in Figura 7. Per effettuare la modifica dei dati di un contatto, faremo un po di refactoring: perché, infatti, non sfruttare la stessa form che usiamo per l inserimento? Rinominiamo allora la form come InsertEditContact, e richiamiamola al clic sul pulsante Modifica passandogli come parametro l identificativo del contatto: OpenForm( InsertEditContact,, prmcontactid= + lblhiddencontactid. Caption + ); Modifichiamo poi il metodo invocato dopo la creazione di InsertEditContact in modo che tenga conto dell eventuale presenza del parametro: nel qual caso, la form si posizionerà sul record opportuno tramite il comando SQLFilter : published message void WebFormReady(ref Boolean Ready) ContactIDParam = CurrentParameters.GetParamValue( prmcontactid ); if (ContactIDParam == ) txtintestazione.caption = Inserimento di un nuovo contatto ; NewRecord(null); txtintestazione.caption = Modifica dei dati di un contatto ; SQLFilter = IDContatto = + ContactIDParam + ; Per quanto riguarda la cancellazione di un record, la effettueremo invocando un Web Service che accede alla base dati e restituisce un messaggio sul risultato della cancellazione, previa opportuna richiesta di conferma: published message void btneliminaclick(tdomevent Event) if (ConfirmAction( Stai per cancellare dalla faccia della Terra + Control_ NameContact.Text + + Control_SurnameContact.Text +. L autocomposizione ci dà, stavolta, ben poco aiuto nella creazione del Web Service DeleteContact, per il quale dovremo scrivere a mano il codice lato server, una classe che eredita da Web Service della quale viene fatto l override del metodo Execute, e quello lato client, che fa l override del metodo HandleResponse che gestisce la risposta da presentare all utente. Lato server viene usata la classe TSQLCommand, creando un comando SQL ed aggiungendogli i necessari parametri: namespace DeleteContact public class DeleteContact : WebService published Integer prmcontactid; public override void Execute() TSQLCommand SQLCommand; SQLCommand = CreateSQLCommand( DELETE FROM tblcontatti try SQLCommand.Prepare; WHERE IDContatto =: IDContatto ); SQLCommand.ParamByName( IDContatto ).AsInteger = SQLCommand.Execute; finally DestroySQLCommand(SQLCommand); public webmethod void DeleteContact_(pointer SOAPSERVER, prmcontactid; Integer prmcontactid); Si noti anche la firma che identifica la classe come un Web Service pubblico. Sul browser creiamo un client SOAP >> 12

12 che, banalmente, mostra il risultato dell operazione con un alert: namespace DeleteContact public class DeleteContact : SoapClient published Integer prmcontactid; public override void HandleResponse() if (FaultCode == ) showmessage( Il record è stato cancellato ); showmessage( Si è verificato un errore nella cancellazione ); L ultima funzionalità, ovvero l inserimento di un nuovo appuntamento per un contatto o la visualizzazione della lista degli appuntamenti, presenta ben poche novità. In primo luogo, dovremo naturalmente modificare un po la routine che gestisce il clic sul pulsante associato alla stringa di ricerca, ovvero btnricercacontattoclick, distinguendo in base al parametro passato come intestazione della form se occorre richiamare la subform precedente o la nuova subinsertshowappointments, che sarà costruita a partire dalla query qryelencacontatti, aggiungendo solo i pulsanti Inserisci Appuntamento e Lista Appuntamenti invece di Modifica ed Elimina. Questa form, in effetti, è stata creata semplicemente copiando, dalla finestra Forms di Morfik, la precedente subeditdeletecontacts con un nuovo nome, modificando ovviamente il codice associato ai pulsanti ed il loro nome. Il clic sul pulsante Inserisci appuntamento invocherà la form che inserisce un nuovo record nella tabella degli appuntamenti, creata in maniera assolutamente analoga a quella per l inserimento di un contatto, passandogli come parametro l identificativo del contatto, oltre al nome e cognome che verranno visualizzati nell intestazione: CurrentParameters.GetParamValue ( prmcontactid ); Surname = CurrentParameters.GetParamValue( prmcontactsurname ); Name = CurrentParameters.GetParamValue( prmcontactname ); strheader = Nuovo appuntamento per + Name + + Surname; TextLabel_DocumentHeader.Caption = strheader; Control_OrarioAppuntamento.Text = hh.mm ; Control_IDCategoriaAppuntamento.Text = 4 ; I controlli con l identificativo del contatto e la categoria di appuntamento sono nascosti, impostando a False la proprietà Visible. Per quanto concerne la categoria di appuntamento, avremmo voluto naturalmente implementare una casella a discesa che prendesse dalla tabella delle categorie l identificativo e la descrizione, mostrasse all utente la descrizione e memorizzasse nella tabella degli appuntamenti l identificativo. Purtroppo, un modo così naturale per costruire una casella a discesa sarà implementato solo per la release definitiva; esistono dei complicati artifici per realizzare la funzionalità (potete dare un occhiata al progetto di esempio LookupComboBox ), ma abbiamo preferito più semplicemente valorizzare tale campo ad un valore standard. Anche così il risultato non è male. Infine, costruiremo nel solito modo il report degli appuntamenti, a partire dalla query parametrica: SELECT ALL tblappuntamenti. DescAppuntamento, tblappuntamenti. LuogoAppuntamento, tblappuntamenti. DataAppuntamento, tblappuntamenti. OrarioAppuntamento, tblappuntamenti. NoteAppuntamento FROM tblappuntamenti WHERE tblappuntamenti. IDContatto = prmcontactid ORDER BY tblappuntamenti. DataAppuntamento ASC, tblappuntamenti. OrarioAppuntamento ASC OpenForm( InsertAppointment,, prmcontactid= + lblhiddencontactid. Caption +, prmcontactname= + Control_NameContact.Text +, prmcontactsurname= + Control_SurnameContact.Text + ); Nel codice lato browser della form InsertAppointment, sull evento OnReady inseriamo il seguente codice: TEST TEST published message void WebFormReady(ref Boolean Ready) NewRecord(null); //accertarsi che ViewMode sia vmsingle Control_IDContatto.Text = TEST FIGURA 7 TEST La stringa di ricerca inserita nella form principale viene passata come parametro alla subform 13 <<

13

Strumenti per lo sviluppo del software

Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software è l attività centrale del progetto e ha lo scopo di produrre il codice sorgente che, una volta compilato e messo

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Ambienti di programmazione.net Lezione n. 1

Ambienti di programmazione.net Lezione n. 1 Il Framework Redistribuitable Package e il Framework Sdk (Software Development Kit) 1.1 Italian Presentazione del corso Con l avvento della piattaforma applicativa.net Microsoft è riuscita a portare un

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010

Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012. Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 Fondamenti di Informatica T-1 CdS Ingegneria Informatica a.a. 2011/2012 Introduzione a Visual Studio 2005/2008/2010 1 Outline Solution e Project Visual Studio e linguaggio C Visual Studio schermata principale

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI NUOVO PORTALE ANCE MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI DEI CONTENUTI ACCESSO AL MENU PRINCIPALE PAG. 3 CREAZIONE DI UNA NUOVA HOME PAGE 4 SELEZIONE TIPO HOME PAGE 5 DATA

Dettagli

Corso Eclipse. Prerequisiti. 1 Introduzione

Corso Eclipse. Prerequisiti. 1 Introduzione Corso Eclipse 1 Introduzione 1 Prerequisiti Uso elementare del pc Esecuzione ricerche su Internet Esecuzione download Conoscenza elementare della programmazione 2 1 Cos è Eclipse Eclipse è un IDE (Integrated

Dettagli

Introduzione a Visual Studio 2005

Introduzione a Visual Studio 2005 Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria Elettronica e Telecomunicazioni a.a. 2008/2009 Introduzione a Visual Studio 2005 Outline Solutions e Projects Visual Studio e il linguaggio C Visual

Dettagli

Capitolo 1 Introduzione a Gambas

Capitolo 1 Introduzione a Gambas Capitolo 1 Introduzione a Gambas Gambas è stato creato inizialmente da Benoit Minisini, un residente della periferia di Parigi. Secondo Benoit, Gambas è un linguaggio Basic con estensioni per la programmazione

Dettagli

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Web service Hello world con Visual Studio 2012 Si tratta di un semplice esempio di web service, infatti come tutti I programmi

Dettagli

BREVE GUIDA ALL UTILIZZO DI BFTC

BREVE GUIDA ALL UTILIZZO DI BFTC BREVE GUIDA ALL UTILIZZO DI BFTC Rev. 1.0.0 11 Ottobre 2014 Digital Technology Art srl Digital Technology Art srl BFTC Introduzione 1 INDICE INTRODUZIONE INSTALLAZIONE IMPOSTARE IL PLUG IN CREARE UN NUOVO

Dettagli

Modulo 8. Strumenti di produzione Strumenti. Gli strumenti più utilizzati per produrre pagine Web sono essenzialmente due:

Modulo 8. Strumenti di produzione Strumenti. Gli strumenti più utilizzati per produrre pagine Web sono essenzialmente due: Pagina 1 di 6 Strumenti di produzione Strumenti Gli strumenti più utilizzati per produrre pagine Web sono essenzialmente due: 1. Netscape Composer, gratuito e scaricabile da netscape.org assieme al browser

Dettagli

PROGRAMMA CORSI DI INFORMATICA

PROGRAMMA CORSI DI INFORMATICA PROGRAMMA CORSI DI INFORMATICA Kreativa realizza corsi di informatica di base e corsi di office di diversi livelli, per utenti privati, dipendenti e aziende CORSO INFORMATICA DI BASE PER AZIENDE Modulo

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

BIMPublisher Manuale Tecnico

BIMPublisher Manuale Tecnico Manuale Tecnico Sommario 1 Cos è BIMPublisher...3 2 BIM Services Console...4 3 Installazione e prima configurazione...5 3.1 Configurazione...5 3.2 File di amministrazione...7 3.3 Database...7 3.4 Altre

Dettagli

FileMaker 12. Guida ODBC e JDBC

FileMaker 12. Guida ODBC e JDBC FileMaker 12 Guida ODBC e JDBC 2004 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker, Inc.

Dettagli

PC Crash Course: OBIETTIVI

PC Crash Course: OBIETTIVI PC Crash Course: OBIETTIVI 1. PC: uno strumento 2. Microsoft Windows XP: alcuni concetti chiave della interfaccia grafica 3. File System: file, direttori, link, 4. Il prompt dei comandi 5. Un occhiata

Dettagli

La posta elettronica. ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale

La posta elettronica. ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale La posta elettronica ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Posta elettronica E mail Elettronica Posta In questo argomento del nostro corso impareremo

Dettagli

6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic

6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic LIBRERIA WEB 6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic PROGETTO Il centro sportivo Olympic organizza corsi di tipo diverso: nuoto, danza, karate, ecc. Ogni corso ha un unico istruttore prevalente,

Dettagli

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito LEZIONE 3 Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito Figura 12 pannello di controllo di Drupal il back-end Come già descritto nella lezione precedente il pannello di amministrazione

Dettagli

Esercitazione 8. Basi di dati e web

Esercitazione 8. Basi di dati e web Esercitazione 8 Basi di dati e web Rev. 1 Basi di dati - prof. Silvio Salza - a.a. 2014-2015 E8-1 Basi di dati e web Una modalità tipica di accesso alle basi di dati è tramite interfacce web Esiste una

Dettagli

Tale attività non è descritta in questa dispensa

Tale attività non è descritta in questa dispensa Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2014 1 Nota preliminare L installazione e l uso di Eclipse richiede di aver preliminarmente installato Java SE SDK Tale attività non è descritta in questa

Dettagli

Manuale dell editor del menu di KDE

Manuale dell editor del menu di KDE Manuale dell editor del menu di KDE Milos Prudek Anne-Marie Mahfouf Lauri Watts Traduzione della documentazione: Vincenzo Reale Aggiornamento traduzione della documentazione: Nicola Ruggero Traduzione

Dettagli

Basi di dati Microsoft Access

Basi di dati Microsoft Access Basi di dati Microsoft Access Importare dati esterni Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Breve Introduzione a Microsoft Access 2007 Microsoft Access 2007 è

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

Introduzione all'uso di

Introduzione all'uso di Introduzione all'uso di Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica.

Dettagli

1 Introduzione...1 2 Installazione...1 3 Configurazione di Outlook 2010...6 4 Impostazioni manuali del server... 10

1 Introduzione...1 2 Installazione...1 3 Configurazione di Outlook 2010...6 4 Impostazioni manuali del server... 10 Guida per l installazione e la configurazione di Hosted Exchange Professionale con Outlook 2010 per Windows XP Service Pack 3, Windows Vista e Windows 7 Edizione del 20 febbraio 2012 Indice 1 Introduzione...1

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Migrazione di HRD da un computer ad un altro

Migrazione di HRD da un computer ad un altro HRD : MIGRAZIONE DA UN VECCHIO PC A QUELLO NUOVO By Rick iw1awh Speso la situazione è la seguente : Ho passato diverso tempo a impostare HRD e a personalizzare i comandi verso la radio, le frequenze preferite,

Dettagli

Configurazione Stampe

Configurazione Stampe Configurazione Stampe Validità: Febbraio 2013 Questa pubblicazione è puramente informativa. SISECO non offre alcuna garanzia, esplicita od implicita, sul contenuto. I marchi e le denominazioni sono di

Dettagli

L interfaccia di P.P.07

L interfaccia di P.P.07 1 L interfaccia di P.P.07 Barra Multifunzione Anteprima delle slide Corpo della Slide Qui sotto vediamo la barra multifunzione della scheda Home. Ogni barra è divisa in sezioni: la barra Home ha le sezioni

Dettagli

Database e Microsoft Access. Ing. Antonio Guadagno

Database e Microsoft Access. Ing. Antonio Guadagno Database e Microsoft Access Ing. Antonio Guadagno Database e Microsoft Access Un Database non è altro che un insieme di contenitori e di strumenti informatici che ci permette di gestire grossi quantitativi

Dettagli

Layout dell area di lavoro

Layout dell area di lavoro Layout dell area di lavoro In Windows, Dreamweaver fornisce un layout che integra tutti gli elementi in una sola finestra. Nell area di lavoro integrata, tutte le finestre e i pannelli sono integrati in

Dettagli

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti Guida rapida all uso di Moodle per i docenti L intento di questa guida rapida è mostrare, in poche pagine, come diventare operativi in breve tempo con Moodle e riuscire a popolare il proprio corso con

Dettagli

WGDESIGNER Manuale Utente

WGDESIGNER Manuale Utente WGDESIGNER Manuale Utente Pagina 1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 1.1 Requisiti hardware e software... 3 2 Configurazione... 3 3 Installazione... 4 3.1 Da Webgate Setup Manager... 4 3.2 Da pacchetto autoestraente...

Dettagli

E' sempre valido il comando che si usa anche con Outlook Express e con Windows Mail: shift più control più V.

E' sempre valido il comando che si usa anche con Outlook Express e con Windows Mail: shift più control più V. Microsoft Outlook 2007. Di Nunziante Esposito. `*************` Decima ed ultima parte: Varie. `***********` Dopo aver impostato al meglio le opzioni ed il layout di questo browser, e dopo le indicazioni

Dettagli

Gestione del database Gidas

Gestione del database Gidas Gestione del database Gidas Manuale utente Aggiornamento 20/06/2013 Cod. SWUM_00535_it Sommario 1. Introduzione... 3 2. Requisiti e creazione del Database Gidas... 3 2.1.1. SQL Server... 3 2.1.2. Requisiti

Dettagli

ISTRUZIONI PASSO PASSO PER CREARE UN SITO CON JOOMLA SU ALTERVISTA

ISTRUZIONI PASSO PASSO PER CREARE UN SITO CON JOOMLA SU ALTERVISTA ISTRUZIONI PASSO PASSO PER CREARE UN SITO CON JOOMLA SU ALTERVISTA REGISTRARSI AL SITO ALTERVISTA, PER OTTENERE SPAZIO WEB GRATUITO o Andare sul sito it.altervista.org o Nel riquadro al centro, scrivere

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

Novità di Visual Studio 2008

Novità di Visual Studio 2008 Guida al prodotto Novità di Visual Studio 2008 Introduzione al sistema di sviluppo di Visual Studio Visual Studio Team System 2008 Visual Studio Team System 2008 Team Foundation Server Visual Studio Team

Dettagli

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA (Vers. 4.5.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Documenti... 8 Creazione di un nuovo documento... 9 Ricerca di un documento... 17 Calcolare

Dettagli

PhoneSuite Manuale dell utente. Istruzioni preliminari: installazione e primo impiego di Phone Suite

PhoneSuite Manuale dell utente. Istruzioni preliminari: installazione e primo impiego di Phone Suite PhoneSuite Manuale dell utente Istruzioni preliminari: installazione e primo impiego di Phone Suite Il software PhoneSuite può essere utilizzato direttamente da CD o essere installato sul PC. Quando si

Dettagli

Cimini Simonelli - Testa

Cimini Simonelli - Testa WWW.ICTIME.ORG Joomla 1.5 Manuale d uso Cimini Simonelli - Testa Cecilia Cimini Angelo Simonelli Francesco Testa Joomla 1.5 Manuale d uso V.1-31 Gennaio 2008 ICTime.org non si assume nessuna responsabilità

Dettagli

Servizi web in LabVIEW

Servizi web in LabVIEW Servizi web in LabVIEW Soluzioni possibili, come si utilizzano. 1 Soluzioni possibili WEB SERVER Dalla versione 5.1 di LabVIEW è possibile implementare un Web server che consente di operare da remoto sul

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO OFFICE BASE (48 ORE)

PROGRAMMA DEL CORSO OFFICE BASE (48 ORE) PROGRAMMA DEL CORSO OFFICE BASE (48 ORE) Il programma del corso Office Base è costituito da 5 moduli (Word, Excel, PowerPoint, Access, Internet, Posta elettronica, Teoria e sistemi operativi) di cui elenchiamo

Dettagli

Basi di dati. Microsoft Access. Cosa è. Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Come iniziare. Aprire un database. Creare un database. Creare un database

Basi di dati. Microsoft Access. Cosa è. Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Come iniziare. Aprire un database. Creare un database. Creare un database Cosa è Basi di dati Pietro Pala (pala@dsi.unifi.it) Microsoft Access Access è un DBMS relazionale in grado di supportare: Specifica grafica dello schema della base dati Specifica grafica delle interrogazioni

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015]

Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015] Manuale d uso Software di parcellazione per commercialisti Ver. 1.0.3 [05/01/2015] Realizzato e distribuito da LeggeraSoft Sommario Premessa... 2 Fase di Login... 2 Menù principale... 2 Anagrafica clienti...

Dettagli

Stampa unione in Word 2010 Stampe multiple personalizzate

Stampa unione in Word 2010 Stampe multiple personalizzate Stampa unione in Word 2010 Stampe multiple personalizzate Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2010 Quando bisogna inviare documenti personalizzato a molte persone una funzione

Dettagli

eascom MANUALE per UTENTI A cura di eascom 2012 www.eascom.it

eascom MANUALE per UTENTI A cura di eascom 2012 www.eascom.it MANUALE per UTENTI A cura di eascom 2012 www.eascom.it Indice Introduzione... 3 Perchè Wordpress... 3 Pagina di accesso all amministrazione... 3 Bacheca... 4 Home... 4 Aggiornamenti... 5 Articoli... 6

Dettagli

ATLAS 2.X : CONTROLLI PRE ESAME

ATLAS 2.X : CONTROLLI PRE ESAME ATLAS 2.X : CONTROLLI PRE ESAME Configurazione di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni

Dettagli

Le principali novità di Windows XP

Le principali novità di Windows XP Le principali novità di Windows XP di Gemma Francone supporto tecnico di Mario Rinina La nuova versione di Windows XP presenta diverse nuove funzioni, mentre altre costituiscono un evoluzione di quelle

Dettagli

New Team Up in English Flip-Book Guida all uso

New Team Up in English Flip-Book Guida all uso New Team Up in English Flip-Book Indice 1 Introduzione p. 3 2 Procedura d avvio p. 4 2. 1 Procedura per PC WIN p. 4 2. 2 Procedura per Mac p. 4 2. 3 Procedura per Linux p. 4 3 Creazione del profilo p.

Dettagli

Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office

Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office Guida Pratica Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office Integrare FileMaker Pro con Office pagina 1 Sommario Introduzione... 3 Prima di iniziare... 4 Condivisione di dati tra FileMaker Pro e Microsoft

Dettagli

Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi

Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi 1 ACCESS Gli archivi Gli archivi sono un insieme organizzato di informazioni. Aziende Clienti e fornitori Personale Magazzino Enti pubblici

Dettagli

Telematica II 5. Esercitazione/Laboratorio 1

Telematica II 5. Esercitazione/Laboratorio 1 IDE Ambiente di sviluppo IDE - Integrated Development Environment Telematica II 5. Esercitazione/Laboratorio 1 e un Ambiente di Sviluppo Integrato che consente di creare in modo semplice progetti composti

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA

7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA 7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA La principale utilità di un programma di posta elettronica consiste nel ricevere e inviare messaggi (con o senza allegati) in tempi brevissimi. Esistono vari programmi di

Dettagli

RenderCAD S.r.l. Formazione

RenderCAD S.r.l. Formazione Corso Descrizione La durata di questo corso è complessivamente di ore 150 di cui 85 ore di teoria, 35 ore di pratica e 30 ore di stage in azienda. Nel nostro territorio esiste una richiesta di tale figura,

Dettagli

principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni

principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni COS È? principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni un programma gratuito: la versione base offre 300 MB di spazio disco

Dettagli

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database Basi di dati Introduzione Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database OpenOffice.org (www.openoffice.org) è un potente software opensource che ha, quale scopo primario,

Dettagli

MODULO 5 DATA BASE PROGRAMMA. Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB

MODULO 5 DATA BASE PROGRAMMA. Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB MODULO 5 DATA BASE MODULO 5 - DATA BASE 1 PROGRAMMA Introduzione: concetti generali di teoria Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB Utilizzo di Access pratica sulla creazione e l utilizzo

Dettagli

MOBS Flussi informativi sanitari regionali

MOBS Flussi informativi sanitari regionali Indicazioni per una corretta configurazione del browser Versione ottobre 2014 MOBS--MUT-01-V03_ConfigurazioneBrowser.docx pag. 1 di 25 Uso: ESTERNO INDICE 1 CRONOLOGIA VARIAZIONI...2 2 SCOPO E CAMPO DI

Dettagli

Manuale di Lokalize. Nick Shaforostoff Traduzione italiana: Pino Toscano

Manuale di Lokalize. Nick Shaforostoff Traduzione italiana: Pino Toscano Nick Shaforostoff Traduzione italiana: Pino Toscano 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Editor 6 2.1 Finestra principale..................................... 6 2.2 Barre degli strumenti....................................

Dettagli

v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente

v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente v. 1.0-7-11-2007 Mistral ArchiWeb 2.0 Manuale utente Sommario 1. INTRODUZIONE...3 2. DESCRIZIONE FUNZIONALITÀ...3 2.1. LOGIN...3 2.2. SCHEDA ARCHIVIO...3 2.3. GESTIONE ARCHIVI...4 2.3.1 Creazione nuovo

Dettagli

CREARE UNA TAB DI FACEBOOK SULLA PAGINA AZIENDALE

CREARE UNA TAB DI FACEBOOK SULLA PAGINA AZIENDALE CREARE UNA TAB DI FACEBOOK SULLA PAGINA AZIENDALE Autore: KATIA D ORTA (@katiatrew) in collaborazione con MARISA FAUSONE (@Mfausone) 1 Questa guida è liberamente scaricabile sul sito cowinning.it 2 Questa

Dettagli

Funzioni principali di Dropbox

Funzioni principali di Dropbox ICT Rete Lecco Generazione Web - Progetto FARO Dropbox "Un luogo per tutti i tuoi file, ovunque ti trovi" Dropbox è il servizio di cloud storage più popolare, uno tra i primi a fare la sua comparsa nel

Dettagli

OSSIF WEB. Manuale query builder

OSSIF WEB. Manuale query builder OSSIF WEB Manuale query builder - Maggio 2010 1) Sommario 1) SOMMARIO... 2 INTRODUZIONE... 3 Scopo del documento... 3 Struttura del documento... 3 Descrizione dell interfaccia grafica... 3 SELEZIONE DI

Dettagli

Profim2000 Rete (Guida operativa)

Profim2000 Rete (Guida operativa) Profim2000 Rete (Guida operativa) :: INDICE :: 1 INSTALLAZIONE... 3 1.1 REQUISITI MININI... 3 1.2 VERIFICA IMPOSTAZIONI NUMERO DI ISCRIZIONE ALL ORDINE... 3 1.3 PRELEVAMENTO DEL FILE DI INSTALLAZIONE...

Dettagli

qui possiamo scegliere se creare un nuovo Database oppure aprire un Database già esistente. Fatto ciò avremo questa seconda schermata:

qui possiamo scegliere se creare un nuovo Database oppure aprire un Database già esistente. Fatto ciò avremo questa seconda schermata: Creare un Database completo per la gestione del magazzino. Vedremo di seguito una guida pratica su come creare un Database per la gestione del magazzino e la rispettiva spiegazione analitica: Innanzitutto

Dettagli

Alcune configurazioni del browser Internet Explorer e del runtime Java necessarie per utilizzare l'interfaccia GIS del sistema gestionale ARTEA.

Alcune configurazioni del browser Internet Explorer e del runtime Java necessarie per utilizzare l'interfaccia GIS del sistema gestionale ARTEA. 16 maggio 2011 Alcune configurazioni del browser Internet Explorer e del runtime Java necessarie per utilizzare l'interfaccia GIS del sistema gestionale ARTEA. Leonardo Danza - leonardo.danza@artea.toscana.it

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file 2.1 L AMBIENTE DEL COMPUTER 1 2 Primi passi col computer Avviare il computer Spegnere correttamente il computer Riavviare il computer Uso del mouse Caratteristiche

Dettagli

Guida per l utente. Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it. FotoMax editor è il software gratuito di

Guida per l utente. Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it. FotoMax editor è il software gratuito di Guida per l utente Versione 2.5.4 - gennaio 2011 info@fotostampadiscount.it FotoMax editor è il software gratuito di Indice Contenuti Introduzione... pag. 1 Copyright e contenuti... 2 Privacy... 2 Download

Dettagli

Cultura Tecnologica di Progetto

Cultura Tecnologica di Progetto Cultura Tecnologica di Progetto Politecnico di Milano Facoltà di Disegno Industriale - DATABASE - A.A. 2003-2004 2004 DataBase DB e DataBase Management System DBMS - I database sono archivi che costituiscono

Dettagli

Introduzione a Microsoft Word 2007

Introduzione a Microsoft Word 2007 Introduzione a Microsoft Word 2007 Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2007 Non ostante che Microsoft Office 2007 sia uscito da un po di tempo, molte persone ancora non sono

Dettagli

NetSpot Console Manuale dell'utente

NetSpot Console Manuale dell'utente NetSpot Console Manuale dell'utente NetSpot Console Prefazione Questo manuale contiene le descrizioni di tutte le funzioni e delle istruzioni operative per NetSpot Console. Si consiglia di leggerlo con

Dettagli

Libri digitali interattivi. Guida all uso

Libri digitali interattivi. Guida all uso Libri digitali interattivi Guida all uso 1.Introduzione p. 3 2. Home page del libro digitale p. 3 2.1 Gestione e creazione del profilo p. 4 2.2 Il profilo docente p. 4 2.3 Il profilo studente p. 4 3 L

Dettagli

Configurare attività e risorse in Moodle Parte I - Versione 1 non definitiva. a cura di Patrizio Porcelli. Pag. 1

Configurare attività e risorse in Moodle Parte I - Versione 1 non definitiva. a cura di Patrizio Porcelli. Pag. 1 a cura di Patrizio Porcelli Pag. 1 Uno sguardo d insieme ad un corso in Moodle Pag. 2 Inserire attività e risorse in Moodle Configurare attività e risorse in Moodle Parte I - Versione 1 non definitiva

Dettagli

La pagina di Explorer

La pagina di Explorer G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 11 A seconda della configurazione dell accesso alla rete, potrebbe apparire una o più finestre per l autenticazione della connessione remota alla rete. In linea generale

Dettagli

Lavorare con i Fireworks pop-up menus in Dreamweaver

Lavorare con i Fireworks pop-up menus in Dreamweaver Lavorare con i Fireworks pop-up menus in Dreamweaver Su una pagina Web, un menu pop-up è uno strumento di navigazione che rimane nascosto fino a che l utente non sposta il puntatore del mouse sopra un

Dettagli

Userform : Come crearle

Userform : Come crearle Ads by GoogleFree Excel Tutorial A Dedicated Website To Free Excel Tutorial Your-Tutorial.infoOffice Open XML Work With XML Data Saved in Office 2007 Documents. Try Free! www.altova.com/officeopenxml Finora

Dettagli

Introduzione. A chi si rivolge questo libro. Gli argomenti trattati

Introduzione. A chi si rivolge questo libro. Gli argomenti trattati Introduzione Il successo straordinario di iphone e ipad degli ultimi quattro anni ha confermato che gli sviluppatori di applicazioni si trovano al centro di un nuovo mondo di soluzioni mobili, sofisticate

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE. Relazione elaborato di progettazione e produzione multimediale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE. Relazione elaborato di progettazione e produzione multimediale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE Relazione elaborato di progettazione e produzione multimediale AllPainters.Net SISTEMA PER LA GENERAZIONE DI SITI GRATUITI PER PITTORI Autori: - Bandini Roberto - Ercoli

Dettagli

Dispense Corso Access

Dispense Corso Access Dispense Corso Access Introduzione La dispensa più che affrontare Access, dal punto di vista teorico, propone l implementazione di una completa applicazione Access, mettendo in risalto i punti critici

Dettagli

INTERNAV MANUALE DI INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE

INTERNAV MANUALE DI INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE INTERNAV MANUALE DI INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE InterNav 2.0.10 InterNav 2010 Guida all uso I diritti d autore del software Intenav sono di proprietà della Internavigare srl Versione manuale: dicembre

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

MODULO DOMANDE INDICE

MODULO DOMANDE INDICE INDICE INDICE... 2 IL PROGRAMMA... 3 LA VIDEATA PRINCIPALE... 4 IL MENU FILE... 7 Esportare i file... 9 LA FINESTRA DELLA RISPOSTA... 11 TUTTI I MODI PER INSERIRE IL TESTO... 11 I Collegamenti... 12 MODELLI

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso

Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso 11.8 L editor di temi grafici A partire dalla versione 11.5, Instant Developer contiene uno strumento di aiuto alla personalizzazione dei temi grafici e degli

Dettagli

Dispensa per corsi FSE For.em. Lezioni pratiche per il software in corso di apprendimento. prof.apollonio

Dispensa per corsi FSE For.em. Lezioni pratiche per il software in corso di apprendimento. prof.apollonio Dispensa per corsi FSE For.em Lezioni pratiche per il software in corso di apprendimento. prof.apollonio Introduzione I due programmi proposti sono scelti al fine di fornire la capacità di lavorare con

Dettagli

Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC

Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC 1 Introduzione Indice Accesso all applicazione 3 Installazione di Vodafone Applicazione Centralino 3 Utilizzo dell Applicazione Centralino con accessi ad internet

Dettagli

Che cos è un programma di presentazione

Che cos è un programma di presentazione Che cos è un programma di presentazione I programmi per la creazione di presentazioni, come PowerPoint, sono software che consentono di costruire documenti informatici multimediali, vale a dire una sequenza

Dettagli

Creare e formattare i documenti

Creare e formattare i documenti Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Elaborazione di testi Creare e formattare i documenti 1 IL WORD PROCESSOR I programmi per l elaborazione di testi ( detti anche di videoscrittura

Dettagli

Installazione MS SQL Express e utilizzo con progetti PHMI

Installazione MS SQL Express e utilizzo con progetti PHMI Installazione MS SQL Express e utilizzo con progetti PHMI Introduzione La nota descrive l utilizzo del database Microsoft SQL Express 2008 in combinazione con progetti Premium HMI per sistemi Win32/64

Dettagli

Breve guida ai principale comandi di Microsoft Word 2010. Corso PON " I Pitagorici Digitali"

Breve guida ai principale comandi di Microsoft Word 2010. Corso PON  I Pitagorici Digitali Breve guida ai principale comandi di Microsoft Word 2010 Corso PON " I Pitagorici Digitali" 1 In questa breve guida saranno raccolti le principale funzionalità attivabili su Word 2010 in funzione degli

Dettagli

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata.

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata. Microsoft Word 2007 Microsoft Office Word è il programma di elaborazione testi di Microsoft all interno del pacchetto Office. Oggi Word ha un enorme diffusione, tanto da diventare l editor di testi più

Dettagli

PIATTAFORMA ecol per il Corso di Laurea in Ingegneria Informatica OnLine. MANUALE STUDENTE v. 3.0 del 12/09/2008 INDICE

PIATTAFORMA ecol per il Corso di Laurea in Ingegneria Informatica OnLine. MANUALE STUDENTE v. 3.0 del 12/09/2008 INDICE PIATTAFORMA ecol per il Corso di Laurea in Ingegneria Informatica OnLine MANUALE STUDENTE v. 3.0 del 12/09/2008 INDICE Introduzione 1. Requisiti di sistema 2. Accesso alla piattaforma didattica 2.1. Informazioni

Dettagli

L ambiente di sviluppo Android Studio

L ambiente di sviluppo Android Studio L ambiente di sviluppo Android Studio Android Studio è un ambiente di sviluppo integrato (IDE, Integrated Development Environment) per la programmazione di app con Android. È un alternativa all utilizzo

Dettagli

INDICE MODLO DOMANDE. epico! è distribuito nelle seguenti versioni:

INDICE MODLO DOMANDE. epico! è distribuito nelle seguenti versioni: INDICE Il programma... 3 La videata principale... 4 Il menu File... 7 º Esportare i file... 10 La finestra della Risposta... 12 º Tutti i modi per inserire il testo... 13 º I Collegamenti... 13 Modelli

Dettagli