ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO E n r i c o F e r m i

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO E n r i c o F e r m i"

Transcript

1 Documento del Consiglio di Classe Classe 5ª B INF - a s. 2012/2013 Pagina 1 di 27 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO E n r i c o F e r m i Via Capitano Di Castri FRANCAVILLA FONTANA (BR) Specializzazioni: Trasporti e Logistica - Elettronica ed Elettrotecnica - Informatica e Telecomunicazioni Meccanica, Meccatronica ed Energia Tel. e fax 0831/ (centr.) 0831/ (pres.) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER LA COMMISSIONE ESAMINATRICE (ART.5 del Regol., D.P.R , n.323) a.s. 2012/2013 Classe 5 a sez. B INFORMATICA INDUSTRIALE Approvato dal C.d.C. nella seduta del 10/05/2013

2 Documento del Consiglio di Classe Classe 5ª B INF - a s. 2012/2013 Pagina 2 di 27 ELENCO DEI CANDIDATI INTERNI... 3 ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA CLASSE... 4 PROGETTO INTERCLASSE... ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. OBIETTIVI REALIZZATI IN TERMINI DI CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA... 5 RELIGIONE... 5 ITALIANO... 6 STORIA... 6 MATEMATICA GENERALE, APPLICATA E LABORATORIO... 7 CALCOLO DELLE PROBABILITÀ, STATISTICA, RICERCA OPERATIVA E LABORATORIO... 7 ELETTRONICA E LABORATORIO... ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. INFORMATICA GENERALE, APPLICAZIONI TECNICO-SCIENTIFICHE E LABORATORIO... 8 SISTEMI, AUTOMAZIONE E LABORATORIO... 8 EDUCAZIONE FISICA... ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. CONTENUTI DISCIPLINARI, METODI, MEZZI E TEMPI... 9 RELIGIONE... ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. ITALIANO... ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. STORIA... ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. LINGUA INGLESE MATEMATICA GENERALE, APPLICATA E LABORATORIO CALCOLO DELLE PROBABILITÀ, STATISTICA, RICERCA OPERATIVA E LABORATORIO...ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. ELETTRONICA E LABORATORIO... ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. INFORMATICA GENERALE, APPLICAZIONI TECNICO-SCIENTIFICHE E LABORATORIO SISTEMI, AUTOMAZIONE E LABORATORIO... ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. EDUCAZIONE FISICA... ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. ATTIVITÀ EXTRACURRICULARI ATTIVITÀ DI RECUPERO E DI POTENZIAMENTO CRITERI E STRUMENTI DELLA VALUTAZIONE ACCERTAMENTI PLURIDISCIPLINARI E TERZA PROVA PROVE SCRITTE, GRAFICHE E PRATICHE EFFETTUATE LIBRI DI TESTO ADOTTATI IL CONSIGLIO DI CLASSE.21 ALLEGATI....22

3 Documento del Consiglio di Classe Classe 5ª B INF - a s. 2012/2013 Pagina 3 di 27 ELENCO DEI CANDIDATI INTERNI 1. ALTAVILLA ROSSELLA 2. CAVALLO FRANCESCO 3. CHIRICO ANGELO 4. D ADAMO GIOVANNI 5. DE LIVRANO ANTONIO 6. FANELLI ANTONIO 7. FILOMENO GIANPIERO 8. FINO GIANMARCO 9. FORNARO COSIMO 10. LA VOTA FABIOLA 11. LUPO SIMEI 12. MICCOLI JEANPIERRE 13. RIZZO ALESSANDRO 14 SCHIENA DEBORA 15 TAURISANO PIETRO 16 TAURISANO VALERIO 17 TOMASELLI CARMINE 18 VALENTE GIOVANNI ESTERNI 19 VITALE MICHELE Alunni iscritti: 19; Frequentanti: 18;

4 Documento del Consiglio di Classe Classe 5ª B INF - a s. 2012/2013 Pagina 4 di ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA CLASSE Alunni iscritti: 19; frequentanti : 18; n ore settimanali di lezione: 32, di cui in laboratorio: 9 Frequenza: la classe ha fatto registrare una frequenza generalmente regolare ad eccezione di qualche caso particolare. Discipline Docente Ore sett. RELIGIONE Invidia Francesco 1 ITALIANO Stecchini Anna Maria 3 STORIA D Ippolito Giovanna 2 LINGUA INGLESE Sparviero Maria 3 MATEMATICA generale, applicata e laboratorio CALCOLO delle probabilità, statistica, ricerca operativa e laboratorio ELETTRONICA e laboratorio Simone Antonia Martina Giorgia Sgura Angelo Martina Giorgia De Paolis Pietro Lupo Guido INFORMATICA generale, applicazioni tecnico-scientifiche e laboratorio SISTEMI, automazione e laboratorio Pichero Vincenzo Martina Alessandra Ricco Maurizio Nassisi Vincenzo Giorgio ED. FISICA Galasso Maria Susanna PROGETTO INTERCLASSE TITOLO : Programmazione Web a tre livelli " DISCIPLINE COINVOLTE : INFORMATICA nelle due classi di quinta. PROGETTO da attivare nel 2 periodo didattico (pentamestre) Durante i consigli di classe delle Classi 5AI e 5BI si è stabilito di attivare un esercitazione a carattere progettuale, da sperimentare in ambito interclasse nelle 5 e classi di informatica, a partire dal mese di febbraio, incentrando le attività sulla programmazione a tre livelli per sviluppare una metodologia di analisi, progettazione e sviluppo di applicazioni Web. Il tema prescelto è stato quello indicato nella seconda prova di esame dell anno scolastico 2011/2012. Referente il prof. Pichero che insegna Informatica nelle classi 5AI e 5BI.

5 Documento del Consiglio di Classe Classe 5ª B INF - a s. 2012/2013 Pagina 5 di 27 Obiettivi: Sperimentare mediante lavori di gruppo la progettazione e la realizzazione di applicazioni Web anche con accesso ad una Area Riservata, scegliendo come riferimento l ambito descritto nella seconda prova d esame di giugno 2012, dove sono evidenziate le competenze richieste agli alunni in sede di esame. Competenze: Conoscenza della realtà applicativa Web (TCP/IP, http, PHP, MySQL, Javascript, CSS, utilizzo di form con metodo GET e POST) per realizzare funzionalità in rete con l impiego di Database. Fase progettuale: Analizzare le esigenze dell ambito applicativo prescelto e realizzare la documentazione di progetto per i lavori di gruppo, con indicazioni di dettaglio sulla realizzazione delle pagine Web e della base di dati. Fase di sviluppo: Suddivisione dei compiti, fra i vari gruppi che cooperano, per la realizzazione del progetto, con i seguenti compiti: 1. Analizzare i servizi da realizzare (pubblici e in area riservata); 2. Realizzare e documentare la struttura logica della base dei dati; 3. Realizzare e documentare la funzionalità delle applicazioni Web; 4. Testare la funzionalità del sistema. Attrezzature utilizzate in laboratorio nella fase di sviluppo: Le attività di realizzazione e di test sono state eseguite sui computer in rete LAN del laboratorio di Informatica impiegando i software di seguito elencati: Editor di testi per la realizzazione pagine HTML e PHP; Server di laboratorio con funzione di: Webserver (Apache) Interprete PHP FTP Server (Filezilla) Database Server (MySQL) MySQL QueryBrowser; FTP client (Filezilla); Browser Internet Explorer e Mozilla Firefox. Gli studenti, durante la realizzazione pratica del progetto, hanno sperimentato la pianificazione e la gestione del lavoro di gruppo oltre all integrazione delle conoscenze per l acquisizione delle necessarie competenze operative. Seppur con qualche difficoltà e con la motivazione non sempre adeguata al rispetto dei tempi prefissati, tutti gli studenti hanno dato il proprio contributo e qualcuno in modo molto significativo, e con continuità, alla realizzazione del progetto. Attualmente gli studenti lavorano sulle fasi 3 e 4 del progetto con risultati nel complesso accettabili e si prevede che per il termine delle attività didattiche si possa completare la prima realizzazione del progetto e documentare le funzionalità minime dell applicazione Web. OBIETTIVI REALIZZATI in termini di CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA RELIGIONE CONOSCENZE Acquisizione della capacità di conoscere e comprendere le regole ed il funzionamento del linguaggio religioso; incontro del fatto religioso nella storia nelle sue principali espressioni; acquisizione della struttura e delle caratteristiche storico letterarie della fonte biblica; capacità di comprensione non semplicistica del fatto religioso e della tradizione cattolica nella realtà storica in cui si vive.

6 Documento del Consiglio di Classe Classe 5ª B INF - a s. 2012/2013 Pagina 6 di 27 COMPETENZE E CAPACITA Saper cogliere la propria realtà di adolescente in crescita in rapporto ad una proposta di valori umani, religiosi e sociali; abilitare l alunno a porsi correttamente le questioni sul senso della vita ed a confrontarsi con i diversi sistemi di significato, esprimendo le proprie convinzioni e rispettando quelle altrui. ITALIANO Gli obiettivi programmati sono stati generalmente raggiunti. In particolare, lo studente conosce l evoluzione della lingua italiana e sa riflettere sui fenomeni linguistici; conosce le linee essenziali dello svolgimento storico della letteratura italiana dal Naturalismo al Decadentismo; sa decodificare e contestualizzare i testi degli autori considerati per coglierne i significati; sa produrre testi scritti di diverso tipo: analisi e commento di testi letterari e no, saggio breve, articolo di giornale, temi di argomento generale e di argomento storico; sa esporre con chiarezza e correttezza formale, oralmente e per iscritto, argomenti letterari e di attualità culturale, tecnologica, scientifica, sociale e di costume; sa utilizzare i sussidi ai fini della ricerca (vocabolario, saggi critici, libri di testo e di consultazione); è in grado di riflettere e di comunicare criticamente su temi di attualità socio-culturale e su esperienze personali. STORIA Gli obiettivi programmati sono stati generalmente raggiunti. In particolare, lo studente conosce gli eventi fondamentali della storia europea ed extraeuropea tra la fine dell Ottocento e il Novecento, fino al periodo della guerra fredda; è in grado di utilizzare termini e concetti storiografici per la comprensione di documenti storici; è in grado di indicare i rapporti di causa ed effetto all interno di un determinato quadro storico; sa utilizzare conoscenze e competenze per orientarsi nel presente per valutare le differenze rispetto al passato, riesce inoltre a riconoscere gli elementi costitutivi di un fenomeno storico. LINGUA INGLESE Gli studenti mediamente sono in grado di: Riconoscere e utilizzare le principali strutture grammaticali e morfosintattiche affrontate; Identificare e comprendere i principali contenuti di un testo su argomenti specifici relativi al settore di indirizzo e coglierne i dettagli più significativi applicando le diverse tecniche di lettura; Riconoscere il linguaggio specifico adoperato nell ambito dell informatica; Esporre in modo semplice i punti principali di argomenti trattati utilizzando una terminologia tecnica appropriata, sia pure a livello minimale; Trasporre in lingua italiana testi di tipo generale o specifico; Rispondere a domande di tipo aperto relativamente a determinati argomenti trattati in microlingua; Effettuare semplici resoconti su argomenti inerenti al settore di indirizzo.

7 Documento del Consiglio di Classe Classe 5ª B INF - a s. 2012/2013 Pagina 7 di 27 MATEMATICA generale, applicata e laboratorio Gli obiettivi programmati sono stati mediamente raggiunti. In particolare, lo studente - Conosce i concetti del calcolo infinitesimale e differenziale. - Sa affrontare consapevolmente lo studio di semplici funzioni reali di una variabile reale. - E in grado di applicare lo studio di funzioni in vari contesti. - Conosce i concetti di integrale indefinito, definito e improprio di una funzione reale di variabile reale e i principali procedimenti per il loro calcolo. - Sa calcolare integrali utilizzando i vari metodi. - Sa determinare aree, volumi e la lunghezza di un arco di curva. - Ha acquisito il concetto di equazione differenziale e di integrale di un equazione differenziale. - Sa risolvere semplici equazioni differenziali a variabili separabili, equazioni differenziali lineari del primo ordine ed equazioni differenziali lineari del secondo ordine, omogenee e non omogenee a coefficienti costanti. - Ha la consapevolezza della logica in ambito matematico. - Ha la capacità di utilizzare le conoscenze e le competenze acquisite nell ambito matematico per affrontare situazioni problematiche di varia natura. CALCOLO delle probabilità, statistica, ricerca operativa e laboratorio - Conoscere e formare un atteggiamento mentale che sia in grado di utilizzare proficuamente le potenzialità di indagine e di analisi del reale, proprie del contesto informatico. - Fornire strumenti che siano in grado di disciplinare e orientare i metodi induttivi e le conoscenze empiriche. - Conoscere i fondamenti teorici della disciplina. - Conoscere l impostazione dei problemi affrontati sia in modo teorico che pratico. - Saper applicare le tecniche nel contesto informatico; saper organizzare un foglio di lavoro, costruire grafici e interpretare i risultati ottenuti. L'attività di laboratorio ha contribuito al raggiungimento degli obiettivi indicati. ELETTRONICA e laboratorio Saper spiegare ed applicare le principali configurazioni degli amplificatori operazionali. Conoscere le caratteristiche del µa741e le sue applicazioni nei circuiti elettronici. Saper esporre in forma scritta, anche con l'ausilio di schemi e di grafici, in un tempo assegnato, il funzionamento di uno o più stadi equipaggiati con amplificatori operazionali. Saper esporre in forma orale le principali applicazioni degli amplificatori operazionali. Saper risolvere semplici progetti di circuiti con circuiti integrati lineari. Disponendo delle tabelle dei dati, saper scegliere un integrato in riferimento alle prestazioni richieste. Disponendo delle tabelle dei dati, saper scegliere un dispositivo di potenza in riferimento alle prestazioni richieste.

8 Documento del Consiglio di Classe Classe 5ª B INF - a s. 2012/2013 Pagina 8 di 27 INFORMATICA generale, applicazioni tecnico-scientifiche e laboratorio Gli obiettivi programmati sono stati mediamente raggiunti. In particolare, lo studente: Ha acquisito abilità tecniche e competenze operative utili per l analisi dei dati in un assegnato problema; È in grado di verificare la correttezza di un procedimento risolutivo, mediante l'uso di applicazioni che utilizzano un database relazionale; Ha sperimentato competenze essenziali per utilizzare un moderno sistema DBMS in rete; Ha sperimentato metodologie d'organizzazione del lavoro utili per la documentazione; Conosce i campi applicativi e le metodologie della progettazione delle basi di dati; Comprende e sa analizzare criticamente gli aspetti tecnici e organizzativi per la memorizzazione dei dati rilevanti di un assegnata situazione reale di media complessità; È in grado di progettare semplici applicazioni Web per l accesso ai database da pagine attive che utilizzano linguaggi di scripting lato server. Conosce gli elementi di base della crittografia con chiave pubblica e della comunicazione in rete con protocollo https. SISTEMI, automazione e laboratorio Gli alunni hanno raggiunto le seguenti conoscenze, competenze e capacità: - Conoscono le reti di calcolatori; - Conoscono le caratteristiche dei livelli principali del modello ISO/OSI; - Conoscono il modello TCP/IP; - Conoscono il protocollo HTTP,FTP,ARP,SMTP,POP; - Sanno riconoscere e realizzare cavi ethernet UTP; - Sono in grado di realizzare e configurare una rete di computer LAN e WLAN; - Conoscono i protocolli fondamentali dei modelli ISO/OSI e TCP/IP; - Hanno capacità di analizzare e risolvere problemi inerenti ad una rete; - Conoscono i dispositivi di rete; - Conoscono i fondamenti del linguaggio PHP; - Conoscono il linguaggio HTML. - Sanno realizzare applicazioni web che utilizzano script client side e server side EDUCAZIONE FISICA 1) Sa svolgere attività per potenziare le qualità fisiche 2) Utilizza le qualità neuro- muscolari in modo adeguato e razionale 3) Ha acquisito capacità operative e sportive. 4) Ha conoscenze teorico-pratiche riguardo le attività sportive sia individuali che di squadra e sulle metodologie di allenamento delle capacità condizionali

9 Documento del Consiglio di Classe Classe 5ª B INF - a s. 2012/2013 Pagina 9 di 27 CONTENUTI DISCIPLINARI, METODI, MEZZI E TEMPI RELIGIONE Contenuti Metodi/Mezzi Tempi La conoscenza. La libertà. La legge. L autorità. Lezione dialogata. Primo Trimestre La dignità della persona umana. Il valore della vita. Lezione dialogata Primo trimestre Il significato dell amore umano, del lavoro, Lezione dialogata Pentamestre dell impegno per una promozione dell uomo nella giustizia e nella verità. Le premesse metodologiche per un corretto Lezione dialogata Pentamestre approccio al fenomeno religioso: realismo, ragionevolezza, incidenza della moralità sulla dinamica del conoscere. ITALIANO Titolo dei moduli o delle tematiche Argomenti svolti Periodo di svolgimento La cultura del Positivismo Incontro con l autore : Giovanni Verga La cultura filosofica:il Positivismo; Naturalismo francese; Verismo italiano: poetiche e contenuti; Il Romanzo naturalista e verista; La Belle Epoque; La nascita della Psicanalisi. La vita; Le opere; Il pensiero e la poetica; Analisi dei testi letterali: La lupa tratta dalla Vita dei campi ; Libertà dalle Novelle Rusticane ; Lettura e analisi di alcuni brani dell opera I Malavoglia ; Lettura nelle linee generali della raccolta Il Ciclo dei vinti. Settembre-Ottobre 2012 Novembre-Dicembre 2012 L età del Simbolismo e del I luoghi, i tempi, le parole chiave: Simbolismo e Decadentismo; L Estetismo; Il dandy e il poeta- vate; La figura dell esteta; Gennaio-Febbraio 2013

10 Documento del Consiglio di Classe Classe 5ª B INF - a s. 2012/2013 Pagina 10 di 27 Decadentismo Il poeta maledetto; L arte nel Decadentismo: il Simbolismo. Incontro con l autore: Giovanni Pascoli La vita; Le opere; Il pensiero e la poetica; Pascoli e la poetica italiana del Novecento; La poetica del Fanciullino Analisi dei testi poetici: Novembre tratto da Myricae Assuolo e Temporale ; La mia sera tratta dai Canti di Castelvecchio. Febbraio 2013 Incontro con l autore: Gabriele D Annunzio La Letteratura tra le due Guerre Incontro con l autore: Giuseppe Ungaretti La vita; Le opere; Il pensiero e la poetica; Il Panismo estetizzante; I romanzi dell estetismo; Sintesi del Piacere ; Lettura di un testo tratto dall opera dal titolo Ritratto di un esteta ; Analisi delle poesie: La pioggia nel pineto e La sera fiesolana tratte dalle Laudi. La Grande Guerra nella coscienza dell intellettuali; Le poetiche e la letteratura; La lirica italiana. La vita; Le opere; Il pensiero e la poetica; Prima fase: la sperimentazione; Seconda fase: il recupero della tradizione; Terza fase: le ultime raccolte; L influenza sulla poesia del Novecento; Analisi della lirica Il porto sepolto. Febbraio-Marzo 2013 Marzo-Aprile 2013 Aprile 2013

11 Documento del Consiglio di Classe Classe 5ª B INF - a s. 2012/2013 Pagina 11 di 27 Incontro con l autore: Italo Svevo La vita; Le opere; Il pensiero e la poetica; La coscienza di Zeno. Aprile-Maggio 2013 Incontro con l autore: Luigi Pirandello La vita; Le opere; Il pensiero e la poetica; La rivoluzione teatrale; L umorismo; Analisi dell opera Il fu Mattia Pascal. Maggio 2013 Analisi della Divina Commedia Introduzione al Paradiso. Maggio-Giugno 2013 STORIA Contenuti Metodi Mezzi periodi Situazione storico politica e sociale dell Italia dopo il I problemi dopo l unità d Italia Lezione frontale Testo scolastico Settembre ottobre 2012 L inizio del XX secolo: situazione politica e fermenti sociali Lezione frontale Dibattito in classe Testo scolastico Novembre 2012 Dicembre 2012 La prima guerra mondiale Lezione frontale Testo scolastico Gennaio 2013 L Europa dopo la grande guerra Lezione frontale Dibattito in classe Testo scolastico Febbraio 2013

12 Documento del Consiglio di Classe Classe 5ª B INF - a s. 2012/2013 Pagina 12 di 27 La situazione internazionale negli anni Venti e Trenta Lezione frontale Dibattito in classe Testo scolastico Dispense Marzo 213 Aprile 2013 La seconda guerra mondiale Lezione frontale Dibattito in classe Dispense Aprile 2013 (II parte) Maggio 2013 (I parte) Tra guerra fredda e distensione Lezione frontale Dispense Maggio 2013 (II parte) LINGUA INGLESE CONTENUTI METODI / MEZZI TEMPI Grammar Revisione e consolidamento di alcune strutture grammaticali affrontate lo scorso anno scolastico. Trattazione e approfondimento di nuove strutture: The Past(2): past simple vs present perfect simple; present perfect continuous; duration form, uso di since e for ; past simple vs past continuous ; past perfect; past perfect simple; the Passive voice: present and past simple; passive: other tenses. Grammar Trasformazione delle frasi dalla forma attiva alla forma passiva The Passive: passive followed by two objects; prepositions by e with Micro-language Programming (unit 10) - Different Programming Languages text 1 (part one) - Software construction (part 2) - Steps Involved in Programming text 2 - Object-Oriented Programming C++ / classes and objects text 3 - The Visual Basic Programming Language text 4 Grammar Relative pronouns and relative clauses: Defining and non-defining relative clauses Micro-language Popular Productivity Software (unit 11) - Word Processing Software text 1 - Spreadsheets: definition and functions text 2, par. 4, 9, 10 - Managing Your Data (text 3) Micro-language Networks (unit 12) - Networks: network topologies text 1 - LANs and WANs text 2 (part one-part Libro di testo Lezione dialogata e frontale Attività di produzione scritta e orale Materiale dal testo Lezione dialogata e frontale Attività di produzione scritta e orale Lavoro individuale e di gruppo Discussione collettiva Appunti del docente Libro di testo Lezione dialogata e frontale Attività di produzione scritta e orale Lavoro individuale e di gruppo Discussione collettiva Materiale utile ad approfondimenti Appunti del docente Libro di testo Lezione dialogata e frontale Attività di produzione scritta e orale Lavoro individuale e di gruppo Settembre/ Ottobre 2012 Novembre/ Dicembre 2012 Gennaio/ Febbraio 2013 Febbraio/ Marzo 2013

13 Documento del Consiglio di Classe Classe 5ª B INF - a s. 2012/2013 Pagina 13 di 27 two Pros and cons of LANs - How an Ethernet works text 3 - What s the Internet? text 4 Micro-language Getting Connected (unit 13) - Standards and Protocols: text 1: ISO and OSI model (part one) / Internet Protocols and Standards (part two) - Connecting to the Internet text 2 Micro-language Getting Connected (unit 13) - Links to the net: Hubs, Bridges, Repeaters, Routers text 4 Common Internet Tools (unit 14) - The World Wide Web: Hypertext Markup Language text 1 Communicating on the Net (unit 15) - Electronic Mail text 1 Discussione collettiva Ricerca autonoma di materiale utile ad approfondimenti Libro di testo Lezione dialogata e frontale Lavoro individuale e di gruppo Discussione collettiva Ricerca autonoma di materiale utile ad approfondimenti Libro di testo Lezione dialogata e frontale Lavoro individuale e di gruppo Discussione collettiva Ricerca autonoma di materiale utile ad approfondimenti Marzo/ Aprile 2013 Maggio/ Giugno 2013 MATEMATICA generale, applicata e laboratorio CONTENUTI METODI / MEZZI TEMPI Studio e grafici di funzioni reali di una variabile reale. Ripetizione delle derivate di funzioni reali di variabile reale. Integrali indefiniti. Funzioni primitive. Integrali indefiniti immediati. Metodi elementari di integrazione indefinita. Integrazione per decomposizione. Integrazione di funzioni circolari inverse e integrazione di funzioni razionali fratte. Integrazione per cambiamento di variabile. Integrazione per parti. Integrazione definita. Calcolo di aree di figure piane, del volume di solidi di rotazione e della lunghezza di un arco di curva. Problemi. Lezione frontale e dialogata per Settembre 2012 presentare gli argomenti e per generalizzare i contenuti; discussione collettiva; presentazione di un problema e relativa discussione per cercare insieme la soluzione; risoluzione guidata e autonoma di esercizi di diverso livello di difficoltà. Uso continuo della lavagna tradizionale. Libro di testo. Appunti in aula. Laboratorio di informatica Idem come sopra Ottobre Novembre 2012 Idem come sopra Dicembre Idem come sopra Gennaio Febbraio 2013 Integrali impropri del primo e Idem come sopra Febbraio 2013

14 Documento del Consiglio di Classe Classe 5ª B INF - a s. 2012/2013 Pagina 14 di 27 secondo tipo. Equazioni differenziali del primo ordine, a variabili separabili e lineari. Risoluzione di problemi di Cauchy. Idem come sopra Febbraio -Marzo - Aprile - Maggio 2013 Equazioni differenziali del 2 ordine lineari omogenee e non omogenee a coefficienti costanti. Risoluzione di problemi di Cauchy di natura diversa. CALCOLO delle probabilità, statistica, ricerca operativa e laboratorio CONTENUTI OBIETTIVI OPERATIVI E COGNITIVI TEMPI Attività di rafforzamento e Recuperare e rafforzare i principali contenuti Settembre 2012 recupero. dell anno precedente. Inferenza statistica: il campionamento. Conoscere le regole usate dall inferenza statistica. Utilizzare vari schemi di campionamento Ottobre / Novembre / Dicembre 2012 Teoria della stima. Predisporre induzioni sulla popolazione. Costruire intervalli di confidenza delle stime. Gennaio / Aprile 2013 Verifica delle ipotesi. Predisporre ed interpretare test di verifica delle Maggio / LABORATORIO La simulazione per lo studio di problemi. ipotesi Conoscere le tecniche di rappresentazione dei risultati ottenuti e saperle applicare anche nel contesto informatico. Giugno 2013 Giugno 2013 ELETTRONICA e LABORATORIO CONTENUTI METODI / MEZZI TEMPI Amplificatori operazionali: applicazioni lineari: amplificatore invertente; non invertente; differenziale; sommatore invertente e non invertente; integratore invertente; derivatore invertente. Amplificatori operazionali: applicazioni non lineari: comparatori di tensione; trigger di Schmitt; sistemi di controllo. Generatori di segnali analogici non sinusoidali: generatori di onde rettangolari e quadre con A.O.; generatore di onde triangolari; multivibratore monostabile e astabile con timer integrato NE 555. Lezioni frontali, esercitazioni in laboratorio. Libro di testo, manuali tecnici, data sheet. Lezioni frontali, esercitazioni in laboratorio. Libro di testo, manuali tecnici, data sheet. Lezioni frontali, esercitazioni in laboratorio. Libro di testo, manuali tecnici, data sheet. 36 h Sett. - Nov h Nov h Dic Genn.2013

15 Documento del Consiglio di Classe Classe 5ª B INF - a s. 2012/2013 Pagina 15 di 27 Convertitore analogico-digitale e digitale-analogico; convertitori V/I ; raddrizzatori di precisione; tiristori. Elementi di telecomunicazioni. Lezioni frontali, esercitazioni in laboratorio. Libro di testo, manuali tecnici, data sheet 70 h Febb. Maggio Giugno 2013 INFORMATICA generale, applicazioni tecnico-scientifiche e laboratorio CONTENUTI METODI / MEZZI TEMPI ANALISI E PROGETTAZIONE DI BASI DI DATI: Organizzazione logica delle basi di dati; Entità, Attributi e Associazioni. Schema E/R come modello della realtà dei dati. Caratteristiche dei database e linguaggi specifici: SQL (DDL, DML, QL). Modello logico relazionale. Approccio alla progettazione dei database in modalità struttura di Access. Relazioni fra tabelle in Access. Operazioni su relazioni (Selezione, Proiezione, Congiunzione). Relazioni normalizzate: 1FN, 2FN, 3FN. DATABASE E LINGUAGGIO SQL: Comandi DDL presenti in SQL (Create, Drop, Alter). Comandi DML presenti in SQL (Insert, Delete, Update ). Il comando Select per le azioni di QL. JOIN (Inner, Left, Right). Comandi per l ordinamento ed il raggruppamento di record (Order By, Group By, Having). Funzioni di aggregazione (Min, Max, Avg, Count). Condizioni di ricerca (Between, In, Like, Is Null); Clausole (All, Any, In, Exists). Select annidate. Funzioni per la manipolazione delle date (Year, Month, Day, Date_Format, Datediff) DBMS MYSQL ARCHITETURA CLIENT/SERVER: Architettura Client/Server del DBMS Open Source MySQL in rete LAN. Componente Cliente (Mysql QueryBrowser). Creazione di database in MySQL utilizzando comandi SQL nel QueryBrowser (creazione tabelle relazionate, inserimento dati, query di selezione ed aggregazione). Sviluppo di casi reali di piccola e media complessità. APPLICAZIONI WEB CLIENT/SERVER CON ARCHITETTURA A TRE LIVELLI: Architettura a tre livelli delle applicazioni Web Client/Server (Browser, Web Server, Database Server). Tipologie e modelli funzionali (APACHE+PHP+MySQL). Importanza del Tag FORM nella pagina HTML. Invio di dati dal FORM all applicazione PHP. Estrazione dei dati inviati dal Client ($_GET[], $_POST[]). Accesso al database Mysql da una pagina PHP (mysql_connect, Lezioni frontali/appunti del docente/ Esercitazioni in classe e in laboratorio- Libro di testo. Lezioni frontali/appunti del docente/ Esercitazioni in classe e in laboratorio- Libro di testo. Lezioni frontali/applicativi Open Source prelevati da Internet/ Esercitazioni in classe e in laboratorio- Libro di testo. Lezioni frontali/appunti del docente/ Esercitazioni in classe e in laboratorio- Libro di testo. Settembre- Ottobre Ottobre- Dicembre Dicembre- Gennaio Febbraio- Giugno

16 Documento del Consiglio di Classe Classe 5ª B INF - a s. 2012/2013 Pagina 16 di 27 mysql_select_db, mysql_ query, mysql_ fetch_array, mysql_close). Gestione delle sessioni in PHP. Elaborazione del ResultSet e formattazione in HTML della risposta al Browser. Esempi applicativi per le funzioni di gestione dei record (inserimento, modifica, cancellazione, ricerca). Sicurezza dei dati scambiati in rete e crittografia: crittografia a chiave simmetrica e asimmetrica. Crittografia con chiave pubblica. https ed SSL. SISTEMI, automazione e laboratorio LINGUAGGIO HTML: formattazione testo,immagini,links, tabelle,elenchi, form, frames, CSS. Importanza del Tag FORM nella pagina HTML. Lezioni frontali/appunti del docente/ Esercitazioni in classe e in laboratorio- Libro di testo. Settembre- Dicembre 2012 Segnali analogici, digitali, tecniche di trasmissione TDM, FDM, concetto di trasmissione in banda base e traslata. Mezzi trasmissivi Lezioni frontali/appunti del docente/ Esercitazioni in classe e in laboratorio- Libro di testo. Settembre novembre 2012 Concetto di rete, tipologie di reti, modello osi, reti ethernet, fast ethernet, funzionamento dei devices di rete routers switch. Mac address Lezioni frontali/appunti del docente/ Esercitazioni in classe e in laboratorio- Libro di testo. Dicembre 2012 Gennaio 2013 Protocollo TCP/IP, spazio degli indirizzi, protocollo arp,http, ftp, smtp, pop tipologia di indirizzi, ip datagram, ip routing, protocollo arp. Esercitazione con pachet tracer, simulazione di reti segmentati con switchs e routers. Concetto di DNS e DHCP simulati in ambiente packet tracers. Analisi dei protocolli arp e http mediante analisi pacchetto pdu in ambiente packet tracer.tecniche di subnetting. Concetto di porte selezione servizi web server, Esercitazioni con packet tracers, slides cisco tutorial su you tube della cisco. protocollo arp, protocollo tcp/ip con tutorial in inglese presenti in internet Febbraio- Aprile 2013

17 Documento del Consiglio di Classe Classe 5ª B INF - a s. 2012/2013 Pagina 17 di 27 Architettura a tre livelli delle applicazioni Web Client/Server (Browser, Web Server, Database Server). Tipologie e modelli funzionali (APACHE+PHP+MySQL). Invio di dati dal FORM all applicazione PHP. Accesso al database Mysql da una pagina PHP (connect, select_db, query, close). Elaborazione delle query e formattazione in HTML della risposta al Browser. Realizzazione di un sito web gestione FORUM Lezioni frontali/appunti del docente/ Esercitazioni in classe e in laboratorio- Libro di testo. tutorial su internet. Il sottoscritto ha personalmente realizzato un sito web in php javascript e mysql registrato sotto l url con lo scopo di fornire uno strumento didattico di esempio di sito web con le funzioni base. Il sito ha le funzionalità di: sondaggi, banner rotativo e un forum, quest ultimo su specifica richiesta degli studenti della 5 AI. Dal mese di aprile il sottoscritto ha proceduto alla realizzazione del forum in php presente sulsito ci cui sopra,, con lo scopo di preparazione alla prova scritta di maturità, seguendo il tutorial americano da cui si è preso spunto GENNAIO MAGGIO 2013

18 Documento del Consiglio di Classe Classe 5ª B INF - a s. 2012/2013 Pagina 18 di 27 EDUCAZIONE FISICA Contenuti Metodi / Mezzi Tempi Qualità Fisiche: resistenza, forza, velocità, mobilità articolare. Corse con ritmo costante ed alterno(test di Cooper); Circuit Training di forza (potenziamento mm addominali, braccia,dorsali). Coordinazione generale e segmentaria, Spalliera:verticale in sospensione,squadra rovesciata Capacità operative e sportive: Sport individuali dell atletica leggera,lancio del disco,corsa ad HS,staffetta Giochi sportivi Conoscenze tecniche e teorico-pratiche delle attività sportive individuali e di squadra : Conoscenza della tecnica degli sport individuali e del regolamento di quelli di squadra Conoscenze teoriche sulla Resistenza generale e speciale,sue metodologie di allenamento e presupposti fisiologici. Tecnica e regolamento del lancio del disco. Cinesiologia dei muscoli addominali,del cingolo omerale e dell arto superiore. Linguaggio del corpo. Tecnica e regolamento della corsa ad HS e della staffetta. (alunni esonerati) Globale,analitico. Attrezzature ed impianti ginnici OTTOBRE-NOVEMBRE:2012 resistenza, mobilità, giochi sportivi. DICEMBRE 2012-GENNAIO:2013 forza, rapidità, giochi sportivi. FEBBRAIO-MARZO:2013 forza,sport individuali,di squadra, grandi attrezzi APRILE-MAGGIO: sport individuali e di squadra. 2013

19 Documento del Consiglio di Classe Classe 5ª B INF - a s. 2012/2013 Pagina 19 di 27 ATTIVITÀ EXTRACURRICULARI ATTIVITÀ DI RECUPERO E DI POTENZIAMENTO ATTIVITÀ DI RECUPERO METODI / MEZZI TEMPI Tutte le discipline Pausa didattica Gennaio ATTIVITÀ DI RECUPERO IN ITINERE METODI / MEZZI TEMPI Tutte le discipline Lavoro individuale e di gruppo Lezione dialogata Esercitazioni in laboratorio Quando ritenuto necessario durante tutto l anno scolastico CRITERI E STRUMENTI DELLA VALUTAZIONE Secondo i criteri generali espressi dal Collegio dei Docenti, la valutazione è sempre un confronto fra dati osservativi e costrutti teorici. I dati osservativi riguardano i comportamenti degli alunni, la loro partecipazione alla vita della scuola, i rapporti con i docenti, l assiduità e l interesse per le discipline di studio. I costrutti teorici sono costituiti dalle interazioni studente-docente (colloqui, interrogazioni ) e dalle prove scritte, grafiche e pratiche. I criteri di sufficienza sono attribuiti tenendo conto contemporaneamente sia del metodo funzionale (rispondenza delle prove al conseguimento degli obiettivi, a partire da quelli minimi) che del metodo statistico (in riferimento alla situazione generale della classe ed ai mezzi utilizzati). Corrispondenza tra il conseguimento degli obiettivi ed il voto attribuito a ciascuna valutazione: Obiettivo non raggiunto Voto < 4 Obiettivo parzialmente raggiunto 4 <= Voto < 6 Obiettivo minimo raggiunto 6 <= Voto < 7 Obiettivo raggiunto con apprezzabili prestazioni. 7 < = Voto < = 8 Obiettivo raggiunto con ottime prestazioni e apporti critici personali 9 < = Voto < = 10 ACCERTAMENTI PLURIDISCIPLINARI E TERZA PROVA Per quanto attiene la terza prova e l accertamento pluridisciplinare che con questa si vuole effettuare, il Consiglio di Classe, tenuto conto - degli obiettivi generali e cognitivi definiti nella programmazione didattica, - della individuazione, da parte del MIUR, della disciplina di Informatica generale quale oggetto della 2^ prova scritta nell Esame di Stato, - che potenzialmente ciascuna disciplina può essere oggetto della terza prova dell Esame di Stato (tranne quelle relative alla prima e alla seconda prova scritta), ha ritenuto di effettuare due simulazioni della terza prova dell Esame di Stato rispondenti alla tipologia Mista (4 quesiti a risposta chiusa e 2 quesiti a risposta aperta, ad eccezione della prova di Inglese che ha utilizzato solo 3 quesiti a risposta aperta), aventi come oggetto le seguenti discipline: Matematica - Calcolo - Inglese Sistemi - Storia

20 Documento del Consiglio di Classe Classe 5ª B INF - a s. 2012/2013 Pagina 20 di 27 Il C.d.C. suggerisce alla Commissione di proporre nella terza prova scritta la tipologia mista come risulta dalla simulazione allegata, alla luce dei risultati emersi. ( vedi allegati delle prove effettuate in data 21/03/2013 e 22/04/2013 ) PROVE SCRITTE, GRAFICHE E PRATICHE EFFETTUATE DATA. TEMPO ASSEG. MATERIA TIPOLOGIA 18/11/ ore ITALIANO Tema saggio di letteratura. Analisi del testo 9/12/ ora 24/2/ ore Prova strutturata, tip. A Tema saggio di letteratura. Analisi del testo 8/3/ ora Prova strutturata, tip. A 30/3/ ore 18/01/2012 1ora STORIA 27/03/ min 24/04/ min Simulazione prima prova d esame. Tracce ministeriali sessione 2009 Questionario tipologia C Simulazione terza prova scritta d esame Tipologia B/C Simulazione terza prova scritta d esame Tipologia B 16/10/ ora 23/02/ ora 21/03/ minuti 22/04/ minuti Inglese Grammatica Inglese Grammatica Microlingua Inglese Microlingua Inglese Microlingua Prova semistrutturata Grammatica: Prova semistrutturata Microlingua: Quesiti a risposta aperta Prima simulazione terza prova: 3 quesiti a risposta aperta (tipologia B) Seconda simulazione terza prova3 quesiti a risposta aperta (tipologia B) 29/10/2012 1h MATEMATICA Tipologia B 06/12/2012 1h Tipologia B

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Classe: 1 A U SEI 17,75 No No Mo ITALIANO GRAMMATICA 9788842448839 GINI GIANNI / SINGUAROLI MASSIMILIANO GRAM.COM / EDIZIONE BLU - VOL. UNICO U B.MONDADORI 25,20 No Si No ITALIANO ANTOLOGIE 9788826814865

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788835038399 MANGANOTTI RENATO / INCAMPO NICOLA TIBERIADE / EDIZIONE PLUS U LA SCUOLA EDITRICE 14,10 No Si No ITALIANO GRAMMATICA

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Istituto Statale Superiore Ernesto Balducci Via Aretina, 78/a 50065 Pontassieve (FI) tel. 055/8316806 fax 055/8316809 www.istitutobalducci.it - mail presidenza@istitutobalducci.it Codice fiscale n. 94052770487

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli