Indagine sulle strategie decisionali dei manager: settore pubblico vs. settore privato. Rapporto conclusivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indagine sulle strategie decisionali dei manager: settore pubblico vs. settore privato. Rapporto conclusivo"

Transcript

1 Strategie decisionali manager pubblici vs. privati 1 Indagine sulle strategie decisionali dei manager: settore pubblico vs. settore privato Rapporto conclusivo Progetto di ricerca SSPA Responsabile del Progetto Prof. Riccardo Viale, SSPA ROMA Coordinatori della ricerca Dott. Linda Lanzillotta Università di Roma 3 e Prof. Rino Università di Padova Gruppo di ricerca Prof. Nicolao Bonini Dott. Lucia Savadori Dott. Katya Tentori Dott. Davide Diamantini Università di Trento e Università di Milano-Bicocca Dicembre 2004

2 Strategie decisionali manager pubblici vs. privati 2 Indice 1. Introduzione p Le decisioni nei manager p La rappresentazione del rischio p L ottimismo ingiustificato (optimistic bias) p Lo stile decisionale p Bias ed euristiche nella strategia decisionale p L'incorniciamento del problema ed il principio dell invarianza p L euristica della rappresentatività p Bilanci mentali focalizzati ed il principio di dominanza p Valutazione e previsione: l effetto dell ancoraggio p I manager i bias e le euristiche p Riassunto degli obiettivi della ricerca p Metodo p Lo strumento p La procedura di raccolta dati p Il campione p Risultati p Il potere gestionale dei manager nel settore pubblico e nel settore privato p La dinamicità dei manager nel settore pubblico e privato p La rappresentazione del rischio p L ottimismo ingiustificato (optimistic bias) p Stile decisionale p Suscettibilità all effetto framing (incorniciamento) p La fallacia del giocatore (o euristica della rappresentatività) p Bilanci mentali focalizzati ed il principio di dominanza p Effetto ancoraggio p Conclusioni dell indagine p.49 Bibliografia p.51 Appendice: Questionario p.54

3 Strategie decisionali manager pubblici vs. privati 3 1. Introduzione Il manager pubblico costituisce uno snodo cruciale del processo di formazione delle politiche di settore, della loro implementazione e attuazione da parte dell'organismo politicoistituzionale di riferimento. Il management pubblico include tutti quei soggetti e quei ruoli ai quali viene demandato l espletamento delle funzioni direzionali e operative nei diversi settori in cui si articola l attività della pubblica amministrazione centrale e periferica. Il manager pubblico svolge, quindi, una funzione direzionale e operativa subordinata alla funzione strategica generale prevalentemente espletata dalla direzione politica. Tale funzione deve perciò essere fortemente orientata al servizio e al raggiungimento degli obiettivi definiti e proposti dalla direzione politica, ossia deve essere in grado di: a) interpretare volontà, aspettative e indicazioni del decisore politico; b) fornire gli input necessari alla struttura operativa; c) valutare l'impatto delle politiche implementate dall organismo politico-istituzionale. Si tratta dunque di una figura caratterizzata da abilità generali che consentano di prospettare comportamenti ed azioni strategiche coerenti con gli obiettivi dell organismo politico-istituzionale. Il manager è quindi un attivo costruttore e selezionatore di strategie decisionali, orientato a risolvere in modo originale situazioni che possono presentare un elevato grado di complessità, conflittualità ed incertezza. Dal momento che l attività decisionale costituisce un momento centrale dell attività manageriale vi è stato da sempre un forte interesse per tale tematica, non accompagnato tuttavia da ricerche specifiche che abbiano avuto per oggetto i processi decisionali nei manager pubblici. Inoltre gli stessi modelli in genere proposti come riferimento normativo si sono rivelati spesso inadeguati nella descrizione e, soprattutto, nella previsione del comportamento effettivamente attuato dai manager loro funzioni decisionali. La definizione di manager nell ambito della pubblica amministrazione insiste sul potere discrezionale nella scelte degli strumenti e nella gestione delle risorse umane/finanziarie per il raggiungimento degli obiettivi imposti dalla direzione politica che sono propri di tale figura e che la rendono per certi versi simile al ruolo del manager privato. Tuttavia rispetto a quest ultimo, il potere decisionale del manager pubblico è condizionato da quelle stesse norme che lo affermano, così come la sua discrezionalità decisionale è vincolata dalle disposizioni di legge che stabiliscono le modalità formali e sostanziali entro cui può espletarsi.

4 Strategie decisionali manager pubblici vs. privati 4 Infine, il management pubblico si caratterizza per due aspetti fondamentali: un rapporto di lavoro conforme alle regole generali del pubblico impiego e un autorità riferita allo status professionale distinto dallo status politico Le decisioni nei manager Le decisioni manageriali sia in ambito pubblico che in ambito privato dovrebbero essere prese seguendo una sequenza di fasi che garantirebbe una razionalità di processo qualsiasi sia il dominio entro il quale tali decisioni vengono prese (Friedman, 1957). Il modello in base al quale le decisioni manageriali dovrebbero essere prese prevede sei fasi principali. La prima fase si riferisce alla definizione del problema. In questa fase il decisore delinea il problema decisionale valutandone la complessità, l ampiezza e definendo l obiettivo da raggiungere. Spesso i manager commettono l errore di definire il problema nei termini di una soluzione proposta o diagnosticando il problema sulla base dei sintomi espressi dal problema stesso. La seconda fase riguarda l identificazione dei criteri in base ai quali la decisione verrà presa. Il manager razionale dovrebbe individuare tutti i criteri rilevanti che gli consentano, alla fine del processo di analisi, di scegliere l opzione che meglio soddisfa le sue attese. La terza fase riguarda la ponderazione dei criteri. Infatti gli stessi criteri possono essere diversamente pesati dai manager a seconda dell ambito nel quale operano. Ad esempio il rischio associato a certe operazioni può essere diversamente valutato dallo stesso manager a seconda della cultura aziendale dell organizzazione nella quale lavora. La quarta fase si riferisce alla generazione delle alternative. In questa fase del processo decisionale devono essere individuati i diversi corsi di azione e molto spesso i manager, come i normali decisori, sono incapaci di produrre un numero apprezzabile di alternative di scelta a causa di una serie di vincoli, come la pressione temporale, a cui sono spesso sottoposti. La quinta fase è quella in cui il decisore effettua la comparazione tra le diverse alternative su ciascun criterio. Spesso questa è la fase più complessa e difficile poiché al manager viene richiesto di fare delle previsioni sulle conseguenze associate alle alternative. La sesta fase, infine, riguarda la computazione della decisione ottimale che prelude l espressione della preferenza. Le operazioni che il decisore razionale dovrebbe effettuare consistono nel moltiplicare le conseguenze attese di ogni alternativa per il valore di ciascun criterio ponderato come indicato nella fase tre. Alla fine di queste operazioni il manager che si comporti in

5 Strategie decisionali manager pubblici vs. privati 5 maniera perfettamente razionale dovrebbe scegliere il corso di azione che riporta il più elevato valore atteso. Le decisioni difficilmente vengono prese dal manager seguendo questo processo dato che il sistema cognitivo umano è condizionato da una serie di vincoli come ad esempio le quantità e la qualità delle informazioni disponibili, dai limiti della memoria e dai vincoli dei processi inferenziali che rendono praticamente impossibile l adozione di una soluzione ottimale. Anche l adozione di una strategia decisionale è alquanto problematica. Razionalmente i manager dovrebbero adottare delle regole decisionali cosiddette compensatorie, ovverosia quelle strategie che permettono di controbilanciare tra loro i valori di attrattività delle opzioni in relazione ai diversi criteri. Per fare un esempio, la scelta di acquistare un appartamento molto costoso più essere motivata dal fatto che è in una posizione da noi giudicata molto apprezzabile, i valori rispetto ai due criteri si controbilanciano. In base a tali regole un individuo sceglie un'alternativa che presenta un valore elevato rispetto ad un certo criterio tale da compensare il sacrificio rispetto ad altri criteri che in sé potrebbero essere apprezzabili. Per poter applicare tali procedure è necessario, però, che le opzioni o gli attributi che le descrivono siano tra loro commensurabili. Nell esempio precedente la difficoltà sta nel grado con cui riesco a rappresentarmi su di un unica dimensione il costo e la posizione dell appartamento, in modo da poterli confrontare. Le strategie di tipo non-compensatorio vengono generalmente utilizzate da un individuo per quei problemi decisionali in cui non è possibile la commensurabilità delle opzioni o dei criteri, oppure quando non è possibile la compensazione tra le attrattività delle singole opzioni o criteri presi in considerazione. In altre parole l'attrattività limitata di un'opzione rispetto ad un certo criterio non può venir compensata con la maggior attrattività della stessa opzione rispetto ad un altro criterio. Un esempio tipico di strategie non compensatorio è la strategia denominata "eliminazione per aspetti". In base a questa strategia ogni criterio viene selezionato con una probabilità proporzionale alla sua importanza. Dopo tale selezione, tutte le alternative vengono confrontate rispetto al criterio individuato e quelle con un valore basso vengono via via eliminate. Si procede quindi all individuazione di un altro criterio; il procedimento si conclude quando resta una sola opzione. Per fare un esempio, se stiamo valutando l acquisto di un appartamento potremmo scegliere di prendere in considerazione solo quelli che costano meno di una certa cifra. In questo modo, imporremmo un cut-off sul criterio prezzo, attraverso cui operare una veloce scrematura delle possibili alternative. Da un lato questa procedura semplifica il problema di scelta, dall altro però, impedisce definitivamente ad una certo numero di opzioni di essere potenziali candidati. Potremmo

6 Strategie decisionali manager pubblici vs. privati 6 scoprire invece che alcune caratteristiche molto particolari di un opzione sarebbero state in grado di compensare un costo maggiore e saremmo stati più soddisfatti se avessimo chiesto, ad esempio, un mutuo più grande, ma avessimo considerato l acquisto di un appartamento anche se costava più del cut-off da noi stabilito. Diversi studi hanno rilevato differenze tra i manager e le persone appartenenti ad altre categorie. Queste differenze riguardano prevalentemente la percezione del rischio (MacCrimmon e Wehrung, 1986; Shapira, 1994). In generale, ciò che i manager si aspettano da situazioni rischiose sono dei risultati negativi, non positivi. E stato anche visto che i manager non considerano il rischio come un concetto probabilistico, nel senso che la grandezza della possibile perdita assume tanta importanza quanta ne assume l incertezza legata al rischio stesso. L esposizione al rischio non viene valutata con calcoli statistici e stime probabilistiche, ma con pochi concetti che permettono al manager di percepire la grandezza del rischio, senza, però, il bisogno di quantificarlo. L esigenza dei dirigenti, infatti, non è di definire la quantità del rischio (cosa che considerano molto difficile per l impossibilità di tenere in considerazione tutte le variabili coinvolte), ma di percepirne la grandezza, in modo da poter decidere, qualora questa fosse troppo estesa, di non assumerlo. Shapira considera i manager come degli agenti attivi che esercitano una forma di controllo sulle scelte rischiose grazie alle loro capacità professionali, limitando i possibili danni. Nonostante questo, riconosce anche due fattori che sembrano influenzare l atteggiamento di un manager verso il rischio, ovvero, l incentivazione e l esperienza. Shapira parte dal presupposto che ogni persona ha delle motivazioni intrinseche che la rendono incline al rischio e che diventano parte della personalità determinando, così, i successivi comportamenti. Queste motivazioni sono dettate probabilmente anche dagli incentivi e dai codici di comportamento dirigenziali dell organizzazione nella quale il manager è impiegato, determinando, così, un differente atteggiamento. Alcuni dati, non ancora pubblicati, suggeriscono che l approccio al rischio dei manager appartenenti al settore pubblico possa essere diverso da quello dei manager appartenenti al settore privato (Sechi, 1999/00). Questi dati rivelano che i manager tanto del settore pubblico quanto di quello privato credono che esista una relazione tra rischio e incertezza, ma questa convinzione è maggiore nei primi rispetto ai secondi. Entrambi considerano il rischio molto simile al gioco d azzardo, con la differenza che ritengono di avere un buon controllo sul rischio grazie alle loro abilità professionali, ma sentono di non aver nessun tipo di controllo sul gioco d azzardo, sul quale è efficace, invece, solamente la fortuna. Entrambi ritengono, inoltre, che il rischio sia associato sempre positivamente al profitto, il quale, però, può essere indipendente dal rischio stesso.

7 Strategie decisionali manager pubblici vs. privati 7 Una percentuale maggiore di manager che operano nel privato, associa al rischio soprattutto risultati positivi, anche se la maggior parte delle due categorie lo associa sia a risultati positivi che negativi. Il comportamento più frequente che manager pubblici e privati dichiarano di adottare in situazioni considerate rischiose è di cercare il modo di ridurre il rischio stesso o di renderlo più calcolabile La rappresentazione del rischio La percezione del grado di rischio (Risk Perception) associato a diverse attività, tecnologie e sostanze compiuta dalle persone che non hanno una conoscenza di settore specifica si discosta normalmente da quella basata sui dati statistici epidemiologici (Risk Assessment o Risk Analysis). La percezione del rischio è infatti frutto di un ragionamento intuitivo che si basa sulla rappresentazione che l individuo ha in quel momento del problema, sulle informazioni possedute e sul grado di rilevanza attribuito alle informazioni, nonché sulle strategie cognitive di elaborazione adottate che sono per lo più implicite, ovvero automatiche e non necessariamente coscienti. Nell analisi di rischio (Risk Assessment), viceversa, è il tentativo di quantificare le possibili conseguenze negative di un azione o di uno stato di cose. Nonostante il termine rischio si adatti a descrivere fenomeni fisici di natura ben solida e concreta (es. il rischio di terremoto, il rischio di incidente, il rischio di pioggia, il rischio di contagio), non vi è una operazionalizzazione universalmente valida e precisa di questo concetto. In questo senso l analisi di rischio (Risk Assessment) è come altri concetti astratti quali il benessere di un economia, per il quale non c è un unico indicatore e l indice finale varia al variare degli indicatori che si utilizzano per calcolarlo. Tuttavia, a livello generale, la maggior parte delle definizioni fa riferimento al rischio come alla probabilità che accada una conseguenza negativa x la gravità della possibile conseguenza negativa. Un rischio può essere quindi descritto come una funzione della probabilità e della gravità delle possibili conseguenze future. Di solito per non incorrere in polemica circa gli indicatori usati per la stima, si sceglie di utilizzare, quando possibile, la conseguenza più facilmente quantificabile e chiaramente indesiderabile, ovvero, costi monetari. Tuttavia, ciascuno di noi sa che il rischio può anche riferirsi alla perdita di posti di lavoro, o alla perdita di immagine per l azienda o ad altri fattori ancora che non sono tutti monetarizzabili. Analogamente, esistono diverse forme di probabilità che possono essere usate: la probabilità media individuale di subire un certo costo, la probabilità che un certo numero di persone possa subire un costo, la probabilità in un certo

8 Strategie decisionali manager pubblici vs. privati 8 intervallo di tempo o in base ad un certo grado di esposizione, per citarne alcune. Una volta definita la probabilità questa, a volte, viene moltiplicata per la gravità della conseguenza per dare un valore atteso di danno entro un certo periodo di tempo. Questi modi diversi di misurare il rischio discendono da diverse definizioni del costrutto che vengono usate a seconda degli obiettivi e del settore di indagine. La scelta di una misura piuttosto che un altra è un elemento che riduce l oggettività della misurazione del rischio. La ricerca psicologica sulla percezione del rischio ha come obiettivo quello di raccogliere i giudizi intuitivi del grado di rischio percepito e di determinare le ragioni che spingono le persone comuni a giudicare alcuni rischi più o meno pericolosi di altri. Spesso si è costatato che vi è disaccordo tra gli esperti e la gente comune sul livello di rischio associato a diverse attività (es. nucleare, biotecnologie) (Vlek e Stallen, 1980; Slovic, Fischhoff, Lichtenstein, 1984; Savadori, Rumiati, Bonini, 1998). Tali divergenze sono imputabili per lo più al fatto che, diversamente dagli altri individui, gli esperti possono far ricorso a dati obiettivi. Ciò che si è appreso da vent anni di ricerca sul rischio è che le persone (anche gli esperti) quando percepiscono il rischio non si basano sui parametri prima menzionati di probabilità e gravità del danno ma lo fanno sulla base di un insieme di fattori cognitivi che, a seconda del tipo di rischio, mediano in misura maggiore o minore la sensibilità individuale. In questo senso il rischio è un concetto multi-dimensionale (Savadori et al., 2004). Ad esempio, alcuni rischi sono giudicati elevati perché non possiamo controllarli personalmente (es. volare in aereo vs. guidare la macchina), altri perché l assunzione non è volontaria ma ci viene imposta da altri (es. fumo da sigaretta vs. onde elettromagnetiche), altri ancora perché producono dei danni catastrofici piuttosto che cronici (es. 11 settembre vs. vittime incidenti stradali). Le dimensioni, che fino ad oggi sono risultati essere degli importanti mediatori della percezione del rischio sono elencati in tabella 1. Dimensioni della percezione del rischio 1. Il grado in cui la sostanza o attività suscita reazioni di paura 2. Il grado in cui l attività o la sostanza pone a rischio le generazioni future 3. La gravità delle possibili conseguenze negative 4. Il grado in cui le conseguenze negative colpiscono molte persone tutte insieme, piuttosto che molte persone ma isolate ed a distanza di tempo 5. Il grado in cui noi ci sentiamo personalmente esposti al rischio 6. Il numero di persone esposte al rischio 7. Quanto la scienza conosce il rischio specifico 8. Quanto l assunzione è volontaria o imposta da terzi 9. Quanto gli effetti sono immediati o differiti nel tempo

9 Strategie decisionali manager pubblici vs. privati Quanto gli effetti sono osservabili 11. Quanto riteniamo di conoscere il rischio 12. Quanto il rischio è nuovo 13. Quanto riteniamo di poter controllare personalmente il rischio 14. Il grado in cui il rischio pone problemi di etica/morale 15. La misura in cui l attività o sostanza offre dei benefici 1.3. L ottimismo ingiustificato (optimistic bias) La stima del grado di rischio è una delle componenti principali di ogni processo decisionale. Le stime di rischiosità utilizzate intuitivamente nella vita di tutti i giorni si basano per lo più su giudizi soggettivi, definiti in letteratura come percezione del rischio (Slovic, 1987). Si può supporre che una stima intuitiva venga utilizzata tanto più frequentemente in quelle situazioni che richiedono valutazioni specifiche e contingenti: ad esempio quando si devono condurre interventi complessi ed eterogenei in situazione di stress temporale, come nell attività del manager. La percezione del rischio è quindi una stima di natura soggettiva e perciò esposta a distorsioni. La ricerca in quest ambito ha rilevato un nutrito repertorio di queste distorsioni o bias. Ad esempio, vi é la tendenza a sovrastimare la probabilità di eventi negativi ad alto impatto emotivo e quindi facilmente evocabili come le morti violente; questa distorsione é determinata dall euristica della disponibilità (Tversky e Kahneman, 1974). Un altra tendenza sistematica, definita illusione di controllo, consiste nella sottostima della probabilità che un evento abbia conseguenze negative se si ritiene di avere un controllo personale su di esso (Vlek e Hendrix, 1988). Ciò si verifica ad esempio quando stimando il rischio di incidente diamo una stima minore se siamo noi alla guida del veicolo anziché nei panni del passeggero (McKenna,1993). Weinstein (1980) è stato il primo ad osservare un bias che emerge quando si formulano giudizi comparativi tra la propria vulnerabilità ad un evento negativo e quella di altre persone. In queste stime di rischio emerge la tendenza a sottostimare la probabilità personale di incorrere in una situazione negativa rispetto alla media delle altre persone. In altre parole, ci si ritiene personalmente meno esposti ad eventi negativi rispetto agli altri. Questo fenomeno pervasivo è stato denominato bias ottimistico, (Weinstein, 1980). Il bias ottimistico, non é un tratto di personalità come l ottimismo disposizionale (Scheier e Carver, 1987) bensì una distorsione cognitiva sistematica della valutazione della propria probabilità di incorrere in un evento negativo. Il bias ottimistico è stato spiegato come frutto dell opera congiunta di due meccanismi. Il primo di questi consiste nel sovrastimare la numerosità e l efficacia dei comportamenti

10 Strategie decisionali manager pubblici vs. privati 10 precauzionali messi in atto da se stessi, rispetto a quelli messi in atto dagli altri. I comportamenti messi in atto dalla persona, infatti, sono più visibili e disponibili in fase di ricordo, rispetto a quelli messi in atto dagli altri. Al momento di giudicare il proprio grado di esposizione al rischio, quindi, la valutazione viene effettuata sulla base di un ricordo degli eventi distorto a favore della propria persona (Weinstein, 1980; 1984). Il secondo meccanismo è di carattere motivazionale. Se da un lato, il giudizio comparativo è un operazione adattiva che l individuo compie per misurarsi con i rischi presenti nel suo ambiente, dall altro lato, proprio per questo suo carattere adattivo deve anche rispondere al bisogno di mantenere una visione positiva di sé e proteggere l autostima. L immagine di sé sarebbe sminuita se venissero percepiti senza distorsioni ottimistiche i rischi impliciti in attività pericolose che si compiono deliberatamente e gratuitamente come fumare o guidare senza cinture (Segerstrom, McCarthy, Carvey, Gross, Jarvik, 1993; Kunda 1987). Rimanendo in ambito motivazionale, anche la tendenza al pensiero desiderativo (wishfull thinking) potrebbe contribuire a ridurre la percezione del rischio personale. Il bias ottimistico è quindi spiegabile come effetto di processi sia cognitivi che motivazionali. Numerose ricerche si sono orientate a definire in quali condizioni questo bias viene amplificato ed in quali esso viene ridotto. La letteratura ha mostrato che il bias cresce quando si stimano attività messe in atto in modo attivo, cioè attività le cui conseguenze negative possono essere limitate dalla nostra abilità nel gestire la situazione (es. guidare). Il bias diminuisce invece quando si valutano situazioni passive verso le quali sentiamo di non avere alcun potere (es. vivere in una zona ad elevato inquinamento atmosferico), (Perloff, 1983 e 1987). Si tende quindi a manifestare con maggior forza il bias se si percepiscono le attività rischiose come personalmente controllabili e se si ritiene di possedere abilità adeguate per controllarle efficacemente; in altri termini, il bias cresce se, relativamente a quella situazione, si ha un locus of control interno unito ad una elevata stima di auto-efficacia (Horrens e Buunk, 1993; Otten e Van Der Plight, 1996). Viceversa, il bias ottimistico diminuisce o sparisce quando si valutano situazioni in cui non si ha la possibilità di agire per ridurre il rischio e quando il target di confronto, cioè il gruppo con cui si confronta il rischio personale, è percepito come simile, vicino o affettivamente legato a sé (Quadrel, Fischhoff, Doris, 1993). Infine è stato rilevato che in alcune condizioni il bias ottimistico non solo sparisce ma viene sostituito da una tendenza opposta denominata bias pessimistico (Dolinsky, Gromsky e Zawinsza, 1986). Questa tendenza sembra dipendere dalla natura della situazione rischiosa. Il bias ottimistico sembra emergere per rischi di natura incidentale, potenziale e familiare mentre il bias contrario sembra comparire per rischi percepiti come comuni, reali e non familiari (es. effetti sulla salute

11 Strategie decisionali manager pubblici vs. privati 11 legati a radiazioni a seguito di un incidente nucleare realmente accaduto). Nel primo caso, infatti, un atteggiamento ottimistico può aiutare a liberarsi dall ansia e quindi ad affrontare più tranquillamente le attività quotidiane, nel secondo caso, invece risulterebbe più adattivo attuare un comportamento di ricerca di informazioni per poter mettere in pratica le dovute precauzioni contro i rischi reali e presenti. Il bias pessimistico sarebbe quindi funzionale ed adattivo perché induce la persona in pericolo a prestare più attenzione ai rischi e ad impegnarsi maggiormente nelle azioni preventive (Norem e Cantor, 1986). Tra i fattori che influenzano le stime di rischio la ricerca ha spesso segnalato il fattore esperienza (expertise), (Slovic, 1987; Savadori, Rumiati e Bonini, 1998; Weinstein, 1989). Confrontando le stime di rischio prodotte da soggetti esperti con quelle di soggetti inesperti emerge che i primi tendono a fondare le loro valutazioni su una quantificazione delle perdite di vite umane potenziali mentre i secondi si basano prevalentemente su caratteristiche della situazione percepite soggettivamente (Savadori et al.,1998). Le ricerche che hanno studiato il fattore expertise tuttavia, studiano le stime di persone esperte nel senso di individui che per professione stimano il grado di rischio (es. assicuratori, analisti della decisione, responsabili delle tecnologie rischiose ecc.) ed attraverso questa occupazione hanno acquisito una facilità di accesso ad informazioni statistiche legate ai rischi. L expertise non viene quindi intesa come esperienza reale di situazioni di pericolo ma come conoscenza statistica astratta (Hendrickx e Vlek, 1991). Questa limitazione risulta tanto più evidente quanto più la ricerca sul rischio mette in luce come le stime di rischio associato ad eventi complessi si basano più su considerazioni riguardo ai processi che conducono ad un esito negativo, piuttosto che sulla frequenza con cui questi si sono verificati nel passato (Hendrickx e Vlek, 1991). In altri termini, nelle situazioni complesse i soggetti tendono a valutare il rischio costruendo, sulla base di elementi derivati dalla loro personale esperienza, degli scenari mentali in cui anticipano lo svolgersi di un evento negativo figurandosi così la plausibilità delle varie conseguenze possibili ( euristica della simulazione, Kahneman e Tversky, 1982) Lo stile decisionale La presa di decisione è un processo intellettivo che porta a dare delle risposte comportamentali in determinate circostanze che si concretizzano con la scelta di una alternativa o corso di azione. Ciascun individuo raggiunge una scelta tra alternative usando procedure diverse.

12 Strategie decisionali manager pubblici vs. privati 12 Lo stile decisionale descrive il modo con il quale un manager prende decisioni. Lo stile decisionale di un manager si riflette nel modo con il quale agisce in determinati contesti. Per poter decidere in maniera efficace, come anticipato dell introduzione, si ritiene necessario seguire una serie di passi: 1. definizione del problema 2. generazione delle alternative 3. definire i costi ed i benefici di ciascuna alternativa 4. selezionare l alternativa 5. valutare la decisione Come ciascun individuo esegue queste cinque fasi determina il grado in cui lo stile decisionale che ha adottato è analitico oppure impulsivo (Rowe e Boulgarides, 1994). Lo stile analitico implica una ricerca accurata per le informazioni, una considerazione di un volume elevato di informazioni, una tolleranza minore per l ambiguità. Naturalmente lo stile analitico comporta anche tempi maggiori di decisione e maggiore costo in termini di attenzione e ragionamento. Lo stile analitico è il più adatto per gestire le situazioni nuove, non familiari e inaspettate. I decisori che adottano uno stile analitico prediligono le informazioni scritte e sono molto orientati ai dettagli, a scapito della velocità, ma a vantaggio dell accuratezza. Diversamente il manager con uno stile decisionale impulsivo tende a richiedere molta meno informazione quando decide, tende a basarsi sull intuito e su una serie di euristiche che a volte sono moto funzionali e a volte inducono in errore. Questo stile decisionale si adatta bene per quelle situazioni dove il problema che si presenta è assimilabile a problemi già affrontati prima, per i quali il manager ha già una serie di strategie disponibili o ha già un opinione intuitiva al riguardo. Questo stile ha il vantaggio di essere veloce, ma lo svantaggio di essere poco accurato Bias ed euristiche nella strategia decisionale Lo studio della presa di decisione risale agli inizi degli anni cinquanta (Edwards, 1954). Però, l approccio psicologico allo studio della decisione è dovuto agli studi pionieristici di Tversky, Slovic, Lichtenstein, Kahneman e colleghi compiuti tra gli anni sessanta e settanta (Kahneman e Tversky, 1979; Lichtenstein e Slovic, 1971; Tversky, 1969). L approccio psicologico allo studio della decisione è noto come teoria delle euristiche e degli errori di giudizio e decisione. Con la teoria delle euristiche ed errori, contrariamente agli studi precedenti, non solo si cercava di controllare se ed in quali condizioni le preferenze espresse dagli individui violassero la

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8)

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) RAZIONALITÀ LIMITATA Secondo Herbert Simon, gli individui non sono in grado di comportarsi come i soggetti perfettamente razionali

Dettagli

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next

La decisione. Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05. Contents First Last Prev Next La decisione Claudia Casadio Logica e Psicologia del Pensiero Laurea Triennale - Indirizzo Gruppi A.A. 2004-05 Contents 1 Dimensioni della decisione................................... 3 2 Modalità della

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva PSICOLOGIA COGNITIVA L attribuzione causale Attribuzione causale Nel processo di formazione di impressioni siamo altresì interessati a cogliere le cause, le determinanti di un comportamento ATTRIBUZIONE

Dettagli

Variabili situazionali e differenze individuali nei processi decisionali

Variabili situazionali e differenze individuali nei processi decisionali Seconda Università di Napoli Facoltà di Economia - Dipartimento di Diritto ed Economia Facoltà di Psicologia - Dipartimento di Psicologia 20 e 21 maggio 2010 Economia cognitiva e sperimentale: decisioni

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

La Gestione della Complessità

La Gestione della Complessità La Gestione della Complessità Only variety can destroy variety (Ross. W. Ashby) Prof. Claudio Saita 1 La struttura del modello cognitivo proposto, conosciuto più comunemente in letteratura come la legge

Dettagli

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI Corso di Psicologia Cognitiva (Prof. Lorella Lotto) Facoltà di Lettere e Filosofia Corso

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza Capitolo 6 Economia dell informazione e scelta in condizioni di incertezza ECONOMIA DELL INFORMAZIONE L informazione è un fattore importante nel processo decisionale di consumatori e imprese Nella realtà,

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

Università Ca Foscari Venezia. Consob - Luiss - 4 Giugno 2010

Università Ca Foscari Venezia. Consob - Luiss - 4 Giugno 2010 La percezione del rischio Ugo Rigoni Università Ca Foscari Venezia Il rischio nella prospettiva della finanza classica Prerequisiti Un ipotesi statistica: rendimenti distribuiti normalmente Un ipotesi

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it vers.20042012 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale. Il contenuto non è

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Giudizio Probabilistico

Giudizio Probabilistico Giudizio Probabilistico COME LE PERSONE NON ESPERTE VALUTANO GLI EVENTI INCERTI Fondamenti di Psicologia Generale Cap. 20 Dott.ssa Stefania Pighin - stefania.pighin@unitn.it Psicologia del Pensiero Come

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI BENEFICI Fondamento dell ANALISI COSTI BENEFICI è l idea che un progetto o una politica possono essere considerati validi dal punto di vista della società se i benefici

Dettagli

Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità

Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Giudizio, decisione e violazione degli assiomi di razionalità Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di Scienze

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Elementi di economia Economia dell informazione

Elementi di economia Economia dell informazione Elementi di economia Economia dell informazione Dott.ssa Michela Martinoia michela.martinoia@unimib.it Corso di laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale A.A. 2014/15 Informazione completa Significa

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini

gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini gruppo skema consulenza d azienda skema investment srl progetti di investimento Responsabile: Franco Bulgarini vers 17092013 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale.

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 24 Il mercato dei beni Prof. Gianmaria Martini Domanda ed offerta Uno degli schemi logici fondamentali dell analisi economica

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico?

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? Davide Natale Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? 1) Perché il mercato fallisce? Il mercato fallisce prevalentemente a causa della presenza di tre fenomeni, che

Dettagli

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline?

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Ricordate qualche strategia che vi è stata particolarmente utile nel corso delle

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

Dispensa 4. June 11, 2009

Dispensa 4. June 11, 2009 Dispensa 4 June 11, 2009 1 Il mercato dei bidoni Il problema della selezione avversa è dovuto al fatto che l agente detiene informazioni private (delle quali il principale non è a conoscenza) prima della

Dettagli

L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM

L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM L impegno e l abbandono dei giovani nello sport. Il progetto europeo PAPA e l Empowering Coaching TM Tenero, 25-26.01.2013 Prof. Philippe Sarrazin Laboratorio sport e ambiente sociale Università J. Fourier,

Dettagli

Company Overview. Settembre 2015 www.pangeaformazione.it

Company Overview. Settembre 2015 www.pangeaformazione.it Company Overview Settembre 2015 www.pangeaformazione.it Chi siamo! L azienda Siamo specializzati nella progettazione di modelli statistico-matematici a supporto delle decisioni strategiche, fornendo anche

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con Chi si difende da chi? E perché? I dati della prima ricerca nazionale sulla Medicina Difensiva Roma, 23 novembre 2010 Senato della Repubblica, Sala Capitolare in collaborazione con Chi si difende da chi?

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e

L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se

Dettagli

come nasce una ricerca

come nasce una ricerca PSICOLOGIA SOCIALE lez. 2 RICERCA SCIENTIFICA O SENSO COMUNE? Paola Magnano paola.magnano@unikore.it ricevimento: martedì ore 10-11 c/o Studio 16, piano -1 PSICOLOGIA SOCIALE COME SCIENZA EMPIRICA le sue

Dettagli

Calcolo delle probabilità

Calcolo delle probabilità Calcolo delle probabilità Laboratorio di Bioinformatica Corso A aa 2005-2006 Statistica Dai risultati di un esperimento si determinano alcune caratteristiche della popolazione Calcolo delle probabilità

Dettagli

Analisi Costi-Benefici

Analisi Costi-Benefici Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Analisi Costi-Benefici Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Scelta pubblica Intervento pubblico realizzazione di progetti esempi: infrastrutture,

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Esercitazione n.2 Inferenza su medie

Esercitazione n.2 Inferenza su medie Esercitazione n.2 Esercizio L ufficio del personale di una grande società intende stimare le spese mediche familiari dei suoi impiegati per valutare la possibilità di attuare un programma di assicurazione

Dettagli

Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety

Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety dott. Matteo Rossi Le istanze sociali e gli indirizzi strategici La gestione delle problematiche di safety incide sulla redditività

Dettagli

La Teoria Moderna del Consumo

La Teoria Moderna del Consumo La Teoria Moderna del Consumo Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it Spesa per consumi Il consumo è la componente predominante della

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Metodi statistici per le ricerche di mercato

Metodi statistici per le ricerche di mercato Metodi statistici per le ricerche di mercato Prof.ssa Isabella Mingo A.A. 2013-2014 Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione Corso di laurea Magistrale in «Organizzazione e marketing per

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali di Giuseppe Zillo e Elisabetta Cecchetto (*) La valutazione degli effetti delle variazioni dei tassi di

Dettagli

Lezione 25 (BAG cap. 23)

Lezione 25 (BAG cap. 23) Lezione 25 (BAG cap. 23) Il ruolo della politica economica Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Quale dovrebbe essere il ruolo della politica economica? Un giusto mix di politica

Dettagli

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO

PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO PROGETTO INDAGINE DI OPINIONE SUL PROCESSO DI FUSIONE DEI COMUNI NEL PRIMIERO L indagine si è svolta nel periodo dal 26 agosto al 16 settembre 2014 con l obiettivo di conoscere l opinione dei residenti

Dettagli

Psicologia Sociale A.A. 2011/12. Le Euristiche. Dr.ssa Francesca Riccardi Dr.ssa Francesca G. Naselli

Psicologia Sociale A.A. 2011/12. Le Euristiche. Dr.ssa Francesca Riccardi Dr.ssa Francesca G. Naselli Psicologia Sociale A.A. 2011/12 Le Euristiche Dr.ssa Francesca Riccardi Dr.ssa Francesca G. Naselli Decisione & Incertezza A 3 gruppi di studenti venne chiesto di immaginare di dover sostenere un esame

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

Capitolo 7. Comportamento prosociale

Capitolo 7. Comportamento prosociale Capitolo 7 Comportamento prosociale 1 Argomenti Origini del comportamento prosociale Apatia dello spettatore Determinanti del comportamento di aiuto 2 Cos è il comportamento prosociale? Comportamento prosociale:

Dettagli

Capitolo 4 Probabilità

Capitolo 4 Probabilità Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 4 Probabilità Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara Docenti: Dott.

Dettagli

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1.

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. 6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. Introduzione Secondo un recente studio comparativo dell OECD, gli Stati Uniti hanno

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA A.A. 2008-2009 ANNA TEMPIA 6 LEZIONE CENNI AL DECENTRAMENTO FISCALE (PARTE SECONDA) BIBLIOGRAFIA: P. Bosi

Dettagli

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET LA COSTRUZIONE DI UN BUDGET Prof. Francesco Albergo Docente di PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Corso di Laurea in Economia Aziendale Curriculum in Gestione Aziendale Organizzata UNIVERSITA degli Studi di Bari

Dettagli

CAPITOLO 8 LA VERIFICA D IPOTESI. I FONDAMENTI

CAPITOLO 8 LA VERIFICA D IPOTESI. I FONDAMENTI VERO FALSO CAPITOLO 8 LA VERIFICA D IPOTESI. I FONDAMENTI 1. V F Un ipotesi statistica è un assunzione sulle caratteristiche di una o più variabili in una o più popolazioni 2. V F L ipotesi nulla unita

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo la precedente esposizione delle competenze della leadership secondo il modello di Goleman-Boyatzis-McKee,

Dettagli

HIVoices - la ricerca

HIVoices - la ricerca HIVoices - la ricerca Articolo pubblicato sul blog Cassero Salute l 11 febbraio 2012 www.casserosalute.it/blog/?p=959 Anche in Italia, i gay HIV+ costituiscono una parte importante sia della popolazione

Dettagli

DOTT.SSA MANUELA ZORZI. Convegno di Psicologia Positiva Padova 26 ottobre 2013

DOTT.SSA MANUELA ZORZI. Convegno di Psicologia Positiva Padova 26 ottobre 2013 DOTT.SSA MANUELA ZORZI Convegno di Psicologia Positiva Padova 26 ottobre 2013 Amare se stessi Sento Mi accetto Mi voglio bene. Mi piaccio Sono orgoglioso/a di me Penso Io valgo Sono bravo/a Sono in grado

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli Servqual: applicazioni e limiti del modello Tonino Pencarelli servqual Il Servqual è costituito da due serie di 22 domande predefinite: la prima serie di domande misura le aspettative generiche dei clienti

Dettagli

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota Capitolo 2 Misurazione del sistema macroeconomico Francesco Prota Piano della lezione La misurazione delle sei variabili chiave Tasso di cambio Mercato azionario Tassi di interesse Tasso di inflazione

Dettagli

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte CORSO DI FORMAZIONE A.S.L. TO4 Comunicazione e prevenzione: strategie efficaci per trasmettere messaggi di salute rivolti a target diversi di popolazione Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello

Dettagli

Lezione 1 Introduzione

Lezione 1 Introduzione Lezione 1 Introduzione Argomenti Cosa è l Economia politica I principi fondamentali dell Economia politica Cosa studia l Economia politica Perché studiare l Economia politica 1.1 COSA È L ECONOMIA POLITICA

Dettagli

FINANZA AZIENDALE. - secondo modulo - anno accademico 2008/2009

FINANZA AZIENDALE. - secondo modulo - anno accademico 2008/2009 FINANZA AZIENDALE - secondo modulo - anno accademico 2008/2009 LEZIONE Rischio e rendimento Alcuni concetti introduttivi 2 Alcuni concetti introduttivi () Nella prima parte del corso l attenzione è venuta

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative

Capitolo 17. Mercati con asimmetrie informative Capitolo 17 Mercati con asimmetrie informative Argomenti discussi Incertezza sulla qualità nel mercato dei bidoni Segnalazione Moral Hazard (azzardo morale) Micro F. Barigozzi 2 Perchè il mercato fallisce

Dettagli

EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI

EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI EFFICIENZA DEI MERCATI FINANZIARI A.A. 2015/2016 Prof. Alberto Dreassi adreassi@units.it DEAMS Università di Trieste ARGOMENTI L ipotesi di mercato efficiente Evidenze empiriche pro e contro l EMH Altre

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari tra mercato e intervento pubblico Tutti i sistemi

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY

Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Università degli studi di Padova OPTIMISM, HOPE AND SATISFACTION IN ADULTS WUTH AND WITHOUT INTELLECTUAL DISABILITY Schirone Maria Giovanna 2011 La psicologia positiva la Psicologia Positiva non è niente

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del Comitato Regionale

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Cognitive biases and heuristics. Lumsa 18 maggio 2015

Cognitive biases and heuristics. Lumsa 18 maggio 2015 Cognitive biases and heuristics Lumsa 18 maggio 2015 Homo oeconomicus Razionalità delle decisioni: massimizzazione dell utilità attesa, updating bayesiano, aspettative razionali. Psicologi (ed economisti

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE 28.12.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 344/65 RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 17 dicembre 2007 relativa ai mercati rilevanti di prodotti e servizi del settore

Dettagli

Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria

Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria 19 novembre 2013 Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria Studio su Scuola, Università e Lavoro dei giovani Milanesi tra il 1985 e il 2011 Autori: Massimo Anelli e Giovanni Peri (UC Davis) Introduzione

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

LE DECISIONI. Fondamenti di Psicologia Cognitiva AA 2013-14

LE DECISIONI. Fondamenti di Psicologia Cognitiva AA 2013-14 LE DECISIONI Fondamenti di Psicologia Cognitiva AA 2013-14 1 La scelta razionale Dove mi iscrivo: Arti o Design? Probabilità che diminuisca il mercato del lavoro nei prossimi X anni Arti Design... 2 La

Dettagli

La profilatura del rischio nel contesto della Direttiva MiFID: stato dell arte e prospettive future Nicoletta Marinelli Università degli Studi di Macerata Ricercatrice in Economia degli Intermediari Finanziari

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Indagine sul servizio di igiene urbana nella città di Roma

Indagine sul servizio di igiene urbana nella città di Roma Indagine sul servizio di igiene urbana nella città di Roma (luglio 2010) INDAGINE SUL SERVIZIO DI IGIENE URBANA NELLA CITTA DI ROMA Luglio 2010 Il rapporto è stato redatto da: Flaminia Violati Indagine

Dettagli

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI 5-1. I politici ambientalisti spesso sostengono che è redditizio per le imprese perseguire una strategia amica dell ambiente (per esempio, costruendo fabbriche

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli