Miti di ieri, miti di oggi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Miti di ieri, miti di oggi"

Transcript

1 Scuola Secondaria di I grado Augusto Caperle Miti di ieri, miti di oggi Lettere, pagine di diario, racconti autobiografici A cura degli alunni della classe II B Anno scolastico

2 Presentazione Chi è un mito oggi? Nel parlare comune si indica con questo termine un personaggio del presente (cantante, attore, campione sportivo) o del passato (della storia, dell arte, della musica, delle scienze o della letteratura) che è oggetto della nostra particolare ammirazione, ad esempio perché è stato in grado di raggiungere uno scopo, un obiettivo che tanti possono solo sognare. Ognuno di noi ha un mito ed il sogno di molti è quello di potergli parlare per esprimergli la propria ammirazione, conoscerlo meglio o, semplicemente, per soddisfare qualche curiosità. Solo raramente ciò è possibile, ma perché non immaginare che questo desiderio si realizzi? È quello che, sulle ali della fantasia, hanno fatto i ragazzi della II B, che ai propri personali miti (del presente e del passato) hanno scritto lettere, dedicato pagine di diario; qualcuno ha provato anche ad immedesimarsi in un mito, scrivendo qualche pagina della sua autobiografia. Ecco i risultati del loro lavoro. Buona lettura! 2

3 Indice Presentazione pag. 2 Lettera ad un mito Michael Jordan di Giovanni Benedetti pag. 4 Attila di Edoardo Bissoli pag. 6 Gianna Nannini di Emilia Dal Maso pag. 14 Wiz Khalifa di Riccardo La Manna pag. 16 Mister Bean di Maddalena Mandola pag. 18 Laura Pausini di Alessia Mannino pag. 20 Cristiano Ronaldo di Leonardo Negrini pag. 26 Dante Alighieri di Tommaso Passarella pag. 29 Diego Alberto Milito di Andrea Tezza pag. 33 Salmo di Desiré Tommasi pag. 37 Michael Jordan di Matteo Verdari pag. 41 Caro diario, ho incontrato un mito Michael Jackson di Alessio Corbellari pag. 12 Thomas Sangster di Matilde Pedrinzani pag. 31 Pagine autobiografiche: nei panni di un mito Shrek di Umberto Briani pag. 8 Louisa May Alcott di Laura Ceschi pag. 10 Manuel Neuer di Pietro Mannino pag. 22 Andrea Pirlo di Silvio Martini pag. 24 Massimo Troisi di Aurora Tinazzi pag. 37 Federica Pellegrini di Chiara Todeschini pag. 39 3

4 Lettera ad un mito Michael Jordan Grezzana, 20 Marzo 2015 Carissimo Michael Jordan, io sono un tuo gran fan, e da grande vorrei imitarti, però ho già provato a giocare a basket: ero una schiappa. Ah scusami, non mi sono ancora presentato. Io mi chiamo Giovanni e ho tredici anni, vado alle scuole medie, per essere più precisi sono in seconda media. Come dicevo, avevo cominciato a dedicarmi alla pallacanestro perché avevo deciso di diventare come te, Jordan. All inizio pensavo che sarei diventato bravo però dopo un anno ho smesso: vedendo giocare gli altri mi sono buttato giù di morale. Così adesso sono entrato nella compagnia della società Guarino, dove pratico Atletica. Rimarrò comunque per sempre un tuo fan, ma se non altro ho la possibilità di diventare un campione di atletica, anzi esagero: potrei persino andare alle Olimpiadi! Adesso parliamo di te, di quanto ti sei allenato per diventare il numero uno nel basket, di quante volte sei caduto e ti sei rialzato. Tu, per me, sei una leggenda, pensa che una notte ho sognato perfino che stavo giocando contro di te a pallacanestro. Quando guardo dei video delle tue partite mi 4

5 commuovo anche perché non so come fai a resistere agli avversari, a sopportare i tifosi. Non so se tu avrai tempo di rispondermi con tutti gli impegni che hai, però io vorrei tanto diventare tuo amico. Va be, adesso è meglio che ti rivolga delle domande. Eccole. Per diventare un professionista a quanti anni hai iniziato a giocare a basket? Non vorresti essere una persona comune? Ti piace essere al centro dell attenzione? A me di certo piacerebbe, perché è bello sentirsi amati dalle persone. Sai, ogni volta che vedo una tua foto mi viene il sorriso sulle labbra, quando sono triste penso a quello che faresti tu in quel momento. Quando sono arrabbiato, invece, faccio finta di essere te e gioco a basket. Tu per me sei un idolo. Sei un grande e davvero forte! Be, ora ti saluto. Ciao dal tuo più grande fan, Giovanni Benedetti 5

6 Lettera ad un mito Attila Verona, 20/03/2015 Egregio signor Attila, capo dell Impero Unno, Le scrivo questa lettera per esprimere la mia ammirazione nei suoi confronti e rivolgerle un sacco di domande. Molto probabilmente lei non avrà avuto modo di conoscermi, considerando che tra la mia e la sua nascita sono passati solo 1500 anni. Colgo, allora, l'occasione per presentarmi: sono Edoardo, un ragazzo di dodici anni e vivo a Verona (una città dell Impero romano d'occidente). Come tanti miei coetanei, ho avuto modo di conoscere la sua storia dai libri (dei voluminosi insiemi di pergamene ) di storia, di letteratura, e dal cinema (nella busta troverà due biglietti per la proiezione del film Attila flagello di Dio, si rechi 1000 trotti di cavallo a nord est del fiume Adige e scoprirà il significato di questa parola. 6

7 Qualora soffrisse di problemi cardiaci, però, la invito vivamente a sedersi in ultima fila). La sua storia mi ha molto colpito e vorrei tanto essere il suo più fidato consigliere, quello che la accompagna a cavallo per il regno. Ho però anche alcuni dubbi su di lei. Alcuni storici sostengono che lei fosse molto crudele, distruggesse ogni cosa in maniera insensata e avesse persino mangiato i suoi figli, dopo averli arrostiti nel miele. Altre fonti, provenienti da autori del suo impero, la descrivono, invece, come un uomo coraggioso e molto buono. A questo punto la domanda viene spontanea: chi ha ragione? Avrei anche delle curiosità un po' più frivole alle quali sarei grato rispondesse per avere un'immagine di lei più realistica: in tutti quegli anni passati a cavallo non è mai caduto? E che cosa fa durante il tempo libero? Vorrei sapere ancora molte cose su di lei, ma gliele scriverò la prossima volta. Sono sicuro, infatti, che avrò modo di mandarle altre lettere grazie al mio amico, il Dottor Emmett Lathrop Brown che io chiamo affettuosamente Doc; è lui che con la sua macchina del tempo ci tiene in comunicazione. Spero di ricevere la sua risposta prima del prossimo anno, nel frattempo la saluto, Edoardo Bissoli P.S. Se si creasse un indirizzo , la nostra comunicazione potrebbe essere molto più veloce! Se vuole, la prossima volta le spiego come fare. 7

8 Pagine autobiografiche: nei panni di un mito Shrek Io sono nato dalla penna di William Steig nel 1990, anche se il mondo si è accorto di me nel 2001, grazie ad un film di animazione al quale è stato assegnato il prestigioso premio Oscar nel Sono un bel giovanotto scapolo e verde, vivo da solo in una casa di legno vicina a una palude. Faccio il contadino e il mio passatempo preferito è fare lunghi bagni nel fango profumato (di fogna). Il mio hobby è spaventare le persone che mi capitano a tiro. Purtroppo, qualche tempo fa, nella mia bella casa piena di ragnatele sono arrivati tanti personaggi delle fiabe e la situazione è diventata insopportabile: Pinocchio tirava la coda al lupo di Cappuccetto Rosso, i tre porcellini facevano un gran baccano e Ciuchino non mi mollava mai. Mi sono messo in viaggio con Ciuchino per risolvere la situazione: Lord Farquaad mi avrebbe liberato la casa se io avessi liberato dalla torre Fiona, principessa non tanto carina ma simpatica. Vinta l impresa combattendo con la draghessa, la principessa era pronta a sposare il lord ma Ciuchino mi ha svelato un bellissimo segreto. La simpatica principessa Fiona che di giorno aveva una pelle incolore (rosea), occhi inespressivi (dolci), capelli strani (ondulati), troppo magra 8

9 (linea perfetta) e di bassa statura (altezza proporzionata), al tramonto si trasformava: carnagione verde, occhi sporgenti, capelli ispidi, alta e grassa insomma diventava bellissima! Quando l ho finalmente vista mi sono perdutamente innamorato e ho combattuto per lei con il perfido lord! Con un bacio è stato rotto l incantesimo e Fiona è diventata per sempre un orchessa. Ci siamo sposati e vivremo per sempre Orrendi e contenti.. dimenticavo sono un orco. (Pagina autobiografica scritta da Umberto Briani) 9

10 Pagine autobiografiche: nei panni di un mito Louisa May Alcott Mi chiamo Louisa May Alcott e sono una famosa scrittrice. Dopo molte difficoltà, il mio sogno è diventato realtà. Sono nata a Germantown, in Pennsylvania, il 29 novembre Mio padre si chiamava Amon Bronson e mia madre Abigail May. Avevo anche tre sorelle: Anna, Elizabeth, May ed eravamo molto legate tra noi. Mio padre ha sempre vissuto seguendo grandi ideali filosofici e trascendalistici, parole il cui significato ancora oggi non so ben comprendere. Ciò che invece ho capito molto bene è che tutta la famiglia ha dovuto adottare uno stile di vita che rispettasse i dettami di questa ideologia e cioè vivere in povertà. Ma nonostante questo, direi che la nostra è stata una famiglia abbastanza unita e felice. Avevo sei anni quando ci siamo trasferiti a Concord, nel Massachusetts. Abbiamo abitato per un anno in una comunità chiamata Utopiah Fruitlands, poi in un cottage con annessi due acri di terreno al numero 399 di Lexington Road. 10

11 Non sono mai potuta andare a scuola, ricevevo lezioni private a casa da mio padre e da alcuni amici di famiglia. A causa della nostra difficile condizione economica, ho dovuto iniziare a lavorare molto presto come governante, insegnante occasionale e sarta. Intanto sognavo una vita diversa, leggevo i libri dei miei scrittori preferiti: Goethe e le sorelle Brönte e da essi traevo spunto per scrivere pagine di racconti, esprimendo così la mia creatività. Riuscii anche a pubblicare una mia novella con il titolo di Flower Fables. Avevo, allora, ventidue anni. Ma la felicità di quel momento durò poco perché fui toccata da un dolore immenso: la morte, a causa della scarlattina, di mia sorella Elizabeth. A questo si aggiunse la tristezza per l allontanamento da casa di mia sorella Anna dopo il suo matrimonio. Iniziò così un periodo di sconforto e scoraggiamento a cui reagii dedicandomi a diverse attività: prestai servizio come infermiera volontaria presso l ospedale di Georgetown durante la guerra di secessione, sostenni il movimento a favore dell abolizione della schiavitù, collaborai come giornalista al settimanale The Woman s Journal, che divulgava articoli sui diritti delle donne. In quegli anni ripresi a scrivere riscuotendo anche, con alcune delle mie opere, il giudizio positivo della critica e un buon successo letterario. Poi, un giorno di maggio del 1868, nella tranquillità della Orchard House iniziai a scrivere un racconto traendo ispirazione da vicende realmente vissute: le mie. Terminai la storia a luglio dello stesso anno. Fu subito pubblicata con il nome di Piccole Donne e fu per me la gloria, il mio più grande successo, l opera che rese il mio nome celebre e immortale. E lo è ancora oggi. (Pagina autobiografica scritta da Laura Ceschi) 11

12 Caro diario, ho incontrato un mito Michael Jackson 20 Marzo 2015 Caro diario, oggi sono felicissimo perché sono riuscito finalmente ad incontrare la persona che, fin da quando ero piccolo è stata il mio idolo, il re dell Hip Hop, Michael Jackson. Sì, è vero, tutti sanno che (purtroppo) lui è morto ma un gruppo di scienziati è riuscito a mettere a punto una vera macchina del tempo! Non so ancora bene il perché, ma l hanno fatta provare a me; mi hanno chiesto in che epoca volevo trasportarmi. Io, senza esitare un attimo, ho detto nel Gli scienziati hanno premuto una miriade di tasti sulla macchina la quale ha cominciato a emettere rumori strani, ed in un attimo io mi sono ritrovato nello studio di Michael Jackson! Lui era lì, e mi ha chiesto come avessi fatto ad arrivare fin lì. Io gli ho risposto che era una lunga storia, ma che comunque sono un suo grandissimo fan, 12

13 contemporaneamente ho allungato verso di lui un pezzo di carta ed una penna per chiedergli un autografo. Dopo che me ne ha fatto uno abbiamo iniziato a parlare; Michael mi ha chiesto perché lui mi piacesse così tanto. Ero molto emozionato, ma gli ho risposto che è per diversi motivi: il modo in cui balla, il fantastico ritmo delle sue canzoni, i meravigliosi testi Gli ho espresso tutta l ammirazione che provo verso di lui, fin da quando avevo cinque anni e l ho visto per la prima volta in tv. Da allora ho atteso ogni suo CD, ascoltato ogni sua canzone, seguito persino ogni suo film. Gli ho detto che, quando non potevo comprare un suo CD, andavo su You Tube e ascoltavo tutte le canzoni di quel disco finché non le imparavo praticamente a memoria. In quel momento, per qualche strana ragione, mi è venuto in mente che prima di teletrasportarmi, uno degli scienziati mi aveva detto che sarei potuto restare in un altra epoca solo per un ora. Allora ho salutato Michael e dopo pochi secondi sono scomparso dal suo studio, ritrovandomi l attimo dopo nella macchina del tempo circondato dagli scienziati che volevano conoscere i dettagli del mio viaggio. Io, però, sono subito corso a casa e mi sono messo a scrivere qui la mia fantastica avventura, per ricordarla per sempre. Alessio Corbellari 13

14 Lettera ad un mito Gianna Nannini Verona, 20 marzo 2015 Cara Gianna Nannini, sono Emilia, ho dodici anni e abito a Verona, più precisamente in una piccola contrada chiamata Vendri. Ti adoro e sono una tua fan: le canzoni che scrivi sono le più belle che io abbia mai sentito, molte sono ritmate mentre altre sono armoniose e tranquille. Quando le sento sogno di essere lì con te, dietro le quinte mentre tu provi; mi emoziono ogni volta. Secondo me sei molto coraggiosa perché affronti tutti i tuoi problemi senza dover chiedere aiuto alle persone, neppure a quelle più care. Vorrei avere anch io la tua stessa forza! Sai, io sono paurosa e, spesso, non so affrontare le situazioni difficili da sola, quindi devo chiedere aiuto. Cara Gianna, se avessi la possibilità di incontrarti e stare con te una settimana intera vorrei vedere come lavori. Mi piacerebbe vedere di persona come si incide un disco, come nasce una tua canzone o capire 14

15 cosa si prova ad essere presenti ad un tuo concerto. Non l ho mai detto a nessuno, ma il mio sogno più grande sarebbe che tu salissi sul palco e, davanti a migliaia di persone, mi dedicassi una tua canzone. Visto che ti sto scrivendo, mi piacerebbe rivolgerti un paio di domande su cose che mi hanno sempre incuriosito. Quali emozioni hai provato la prima volta che hai cantato una canzone? Quanto è difficile scrivere una canzone? Vorrei anche sapere da quanti anni canti e se i tuoi amici o i tuoi genitori ti hanno mai dato un soprannome; ovviamente se è così mi piacerebbe conoscerlo! Mi è capitato di vedere un tuo concerto alla televisione e osservando tutte quelle persone mi sono chiesta come hai fatto ad affrontarle. Anch io facendo il saggio di danza mi sono trovata nella stessa situazione ed ero bloccata dalla paura, ma poi mi sono fatta coraggio anche pensando a come ti comportavi tu ed è andato tutto bene. Un giorno spero proprio di incontrarti di persona e, magari, di poter cantare una canzone insieme a te. Per ora spero che risponderai alla mia lettera. Tanti saluti, Emilia Dal Maso 15

16 Lettera ad un mito Wiz Khalifa Verona, 20 marzo 2015 Ciao Wiz Khalifa, sono Riccardo e spero che risponderai a questa lettera. Io so che sei un rapper americano, ascolto molto spesso la tua musica il pomeriggio e perfino la sera. Sono un tuo grande fan da quando un mio amico mi fece sentire una tua canzone. Io ti ammiro molto perché la tua musica mi piace ed hai scritto delle canzoni con cantanti molto famosi, come Snoop dogg oppure Tyga. Ho visto molte tue foto e in particolare mi piace quando hai quell aria rilassata che ti rende molto interessante. Adesso, però, vorrei rivolgerti alcune domande. Ad esempio: a quanti anni hai incominciato a cantare? A cosa ti sei ispirato per scrivere le tue canzoni? Spero che continuerai a produrre canzoni nuove e più belle. 16

17 Se ora ti sto scrivendo, è solo merito di un amico che mi ha spiegato come raggiungerti con questa lettera. La canzone che mi è più piaciuta tra le tue si intitola On my level. Mi piace molto la base ma anche le parole di quel pezzo sono belle. Ok Wiz, è ora di salutarci. Spero di ricevere una tua risposta alle domande che ti ho posto. Ciao, P.S. Se passi da Verona fatti sentire,così ti invito a casa mia. (: Riccardo La Manna 17

18 Lettera ad un mito Mr. Bean Verona, 20/3/2015 Caro Mr. Bean, mi chiamo Maddalena e da quando ero piccola guardo la tua serie in televisione; mi sono sempre piaciute le serie TV comiche. Ho sempre odiato, invece, le telenovele, soprattutto se diventano troppo complicate con le mogli che si scambiano i mariti l una con l altra. Spero che tu non sia una di quelle persone che guarda queste smancerie seduta sul divano, con in mano una scatola di fazzoletti a doppio velo! Le tue commedie mi hanno sempre divertito molto ma ora ho dodici anni e non le trasmettono più, almeno per quello che so io. Ricordo quanto mi piaceva guardare tutte le cose buffe che facevi, anche se sapevo che era una finzione. Ciò che mi faceva più ridere era il tuo legame con Teddy, l orsetto di peluche che portavi sempre con te. 18

19 Tra tutte le puntate, quella che mi è piaciuta di più è stata quella in cui sei andato in un hotel e nella camera hai cambiato le tende perché non ti piacevano. Facendolo, ti sei accorto che la visuale della finestra mostrava soltanto un muro che, successivamente, hai dipinto a fiori. Dopo aver riarredato la camera e aver cambiato anche le lampadine, sei sceso in sala da pranzo, dove hai cominciato a fare a gara con un signore a chi mangiava più ostriche. Il signore si è accorto però che erano scadute e tu, credendo di essere spacciato, hai buttato le ostriche che rimanevano nella borsa della signora accanto. Quando lei, frugando nella borsa, si è accorta del fatto, si è messa a correre urlando. In seguito sei tornato in camera per dormire ma non ci riuscivi per la paura che avevi preso, così hai tirato fuori dalla valigia un quadro con dipinte delle pecore. Visto che perdevi il conto e poi dovevi ricominciare da capo, hai preso la calcolatrice e, dopo aver schiacciato pochi tasti, ti sei addormentato. Oltre a raccontarti l episodio in cui mi sei piaciuto di più, vorrei farti alcune domande. Perché durante gli episodi non parli mai? È perché non ti ricordi le battute, forse? Inoltre, perché porti sempre con te Teddy? Probabilmente ci hai nascosto dei soldi, oppure sei solo fissato con i peluche? Per ultimo ti vorrei chiedere come fai a sopportare la vecchia signora che abita nell appartamento sotto il tuo. Io, se fossi in te, le darei una bastonata! Sei un personaggio davvero speciale. Spero che tu risponda presto! Arrivederci da Maddalena Mandola 19

20 Lettera ad un mito Laura Pausini 20 Marzo 2015 Cara Laura Pausini, è un sacco di tempo che voglio scriverti, ma non ne ho mai avuto la possibilità. Oggi, invece, mi hanno fatto una proposta formidabile, che non potevo non accettare. Posso mandare una lettera ad un personaggio che ammiro molto, e allora ho pensato: Questo è il momento giusto! Così eccomi qui che ti scrivo. Sono molto felice di avere avuto questa possibilità, così finalmente potrò chiedere a qualcuno di esperto un consiglio e capire se anche tu hai vissuto le mie stesse difficoltà. Sono Alessia, ho tredici anni, vivo a Verona in un paese che si chiama Quinto. So che a te piace molto Verona ed io sono molto fiera di questo. Un paio di anni fa sono venuta ad un tuo concerto in Arena, sei stata FANTASTICA! Con la tua voce mi hai incantata: anche io da grande vorrei fare la cantante. Se mi risponderai, mi puoi spiegare come hai fatto a diventare così amata in tutto il mondo? Io ti ammiro molto anche perché un sacco di gente ti adora, non solo per la tua voce ma anche per il tuo modo di fare. 20

21 Spero che le domande che ti farò non ti sembreranno troppo banali o che non ti infastidiscano. Io interpreto musical e mi devo dividere tra danza, teatro, canto corale e canto individuale. Per diventare brava come sei adesso, seguivi tante lezioni private? Quando hai cominciato a cantare eri sicura di quello che avresti voluto fare quando saresti stata più grande? Non capisco perché certi cantanti sono molto bravi e anche simpatici, invece altri si comportano in modo molto antipatico con il loro pubblico. Secondo me dovrebbero essere contenti visto che hanno un sacco di gente che vuole loro molto bene, anche se non sono conosciuti davvero per il loro carattere ma solo per quello che vediamo scritto sui giornali e che capiamo dalle canzoni. Da come cantano e da quanto ci piace il loro timbro di voce, certe volte anche sbagliando, noi decidiamo subito se uno di loro ci sta simpatico oppure no. So bene che le persone non bisogna giudicarle per il loro aspetto esteriore ma bisogna conoscerle bene prima di giudicarle, sia in positivo che in negativo, ma credo che tu sia una persona molto buona e generosa, simpatica e che ci tiene tanto alla sua vita privata. Io ti stimo molto, e per questo spero di poterti incontrare presto. Ti saluto con molto affetto, Alessia Mannino P.S. Spero che leggerai la mia lettera e anche che mi risponderai! 21

22 Pagine autobiografiche: nei panni di un mito Manuel Neuer Mi chiamo Manuel Neuer e il momento più bello della mia vita l ho vissuto a sei anni quando sono stato scelto per giocare nello Schalke 04, dopo ben due anni di provini. Quella scelta della società mi ha cambiato la vita. Mi sono dovuto impegnare sempre al massimo, ho creduto fortemente in me stesso e i miei sforzi hanno dato i loro frutti: mi sono guadagnato la possibilità di giocare quasi tutte le partite dal 1992 al Dopodiché sono stato notato dall allenatore della prima squadra dello stesso club. Nel 2005 ho firmato il contratto e ho giocato per lo stesso club fino al 2011 un totale di 156 partite, diventando titolare e persino capitano. Poi sono successi altri fatti bellissimi: sono stato chiamato a giocare nella nazionale tedesca e acquistato dal Bayern Munchen per 18 milioni; lì, per mia fortuna, sono stato da subito la prima scelta dell allenatore. Nel 2012 sono diventato addirittura capitano del Bayern e da quel momento, senza contare gli infortuni, non ho saltato una sola partita. Da allora sono felicissimo. 22

23 L anno più bello, per me, è stato però il 2014 durante il quale con la mia nazionale ho vinto i mondiali in Brasile senza mai essere sostituito, subendo solamente sette goal e segnandone ben ventitré. Insomma: una differenza reti da record! Ho vinto anche il premio per la miglior difesa con un solo pareggio e otto vittorie. Infine sono stato candidato per il pallone d oro e sono giunto fra i tre finalisti assieme a Cristiano Ronaldo e Lionel Messi. Purtroppo sono arrivato secondo (ha avuto la meglio Ronaldo) però sono comunque soddisfatto del risultato. Spero quindi di continuare a giocare ancora a lungo a questi livelli, facendo bene ed ottenendo altre soddisfazioni. (Pagina autobiografica scritta da Pietro Mannino) 23

24 Pagine autobiografiche: nei panni di un mito Andrea Pirlo Sono Andrea Pirlo, gioco nella Juventus e nella Nazionale Italiana; il mio ruolo è il centrocampista. Durante la mia carriera ho più volte pensato di ritirarmi, ma la passione e i compagni mi hanno sempre fatto cambiare idea. Mi chiamano il Metronomo bresciano e sono stato quattro volte candidato al Pallone d oro. Ho totalizzato 113 presenze con la Nazionale Italiana, partecipando a tre Mondiali e tre Europei. Sono nato a Flero, in provincia di Brescia, nel Ho iniziato la mia avventura calcistica nelle giovanili del Brescia e a 19 anni sono stato acquistato dall Inter. Ho giocato anche nel Milan e adesso sono nella Juventus. Nel 2005, dopo la finale di Milan - Liverpool a Istanbul, per la prima volta ho pensato di abbandonare la carriera da calciatore professionista. Il Milan stava vincendo l incontro 3-0, ma in quarto d ora gli inglesi ci hanno raggiunto. La partita finì in parità e quindi si andò prima ai supplementari senza nessun risultato e dopo ai rigori. Gli inglesi vinsero. Anch io sbagliai un rigore, me lo parò il mitico portiere polacco Dudek. Dopo quella partita è nata una nuova malattia dai molteplici sintomi chiamata "sindrome di Istanbul"; questo può farvi capire la sensazione di fallimento che provammo in quel momento. 24

25 Nel 2006 mi presi una grossa rivincita con la Nazionale in quanto riuscimmo a vincere il 4 titolo mondiale della storia italiana; la finale fu all Olympiastadion di Berlino contro la Nazionale francese. Ho battuto il calcio d angolo al 19 minuto che il mio compagno Materazzi ha insaccato, portando in pareggio il risultato. Alla roulette dei rigori, io ho battuto il primo dei cinque con tanta emozione, mettendolo alle spalle del portiere. Il quinto, poi, è stato battuto da Grosso che ci ha regalato la coppa del mondo. Ricordo ancora la meravigliosa accoglienza che abbiamo ricevuto al nostro ritorno! Abbiamo sfilato per le vie di Roma su un bus scoperto, circondati dalla folla urlante dei tifosi. Nel 2014 avevo deciso di abbandonare la Nazionale, solo però dopo i mondiali in Brasile, per lasciare posto a giocatori più giovani: giocare un mondiale in Brasile era stato sempre il mio sogno fin da bambino e ci tenevo molto. Per fortuna il nuovo commissario tecnico della Nazionale Italiana mi ha convocato. Anche se non abbiamo portato a casa la vittoria, sono contento di aver dato la mia esperienza alla squadra. Non ho ancora preso decisioni definitive riguardo al mio futuro. Spero comunque di avere l occasione di rimanere nel mondo del calcio come allenatore o come scopritore di nuovi talenti, perché credo di avere molto da insegnare alle nuove generazioni. (Pagina autobiografica scritta da Silvio Martini) 25

26 Lettera ad un mito Cristiano Ronaldo Verona, 20 marzo 2015 Caro Cristiano Ronaldo, sono Leonardo Negrini, un ragazzo di dodici anni che ti ammira molto e che, come te, gioca a calcio. Ti scrivo questa lettera perché ti voglio parlare di me e, visto che sei un campione, per avere da te dei consigli. Ho iniziato a giocare a calcio già in prima elementare, quando avevo sei anni e, fino ad ora, non ho mai pensato di fermarmi, o addirittura di cambiare sport. Ho voluto provare perché mi piaceva il pallone e sognavo in futuro di poter giocare in una squadra forte come la tua. Anche a tutti gli altri miei amici piaceva il calcio, così ci siamo iscritti nella squadra del paese. Mi ricordo che, da piccolo, io e la mia favolosa squadra vincevamo tutte le partite, tranne contro le due squadre più forti che erano sempre in lotta fra loro per il primo posto. Io giocavo come punta, quando mi arrivava il 26

27 pallone mi ritrovavo sempre davanti alla porta e tiravo più forte che potevo per essere sicuro che la palla entrasse in rete. Dopo qualche anno, però, la maggior parte dei componenti della mia squadra decise di cambiare sport e siamo rimasti solo in tre. Ci siamo chiesti se mollare tutto oppure se proseguire con la squadra della quale facevano parte altri nostri amici che avevano un anno in più di noi. Abbiamo infine deciso di continuare affrontando questa nuova avventura. Passarono alcuni anni, quando l anno scorso la nostra società si unì a quella del paese vicino ci ritrovammo a giocare in tantissimi. Per fortuna io ero uno tra quelli bravi, così il mister mi faceva giocare più tempo. Mi sono divertito perché nel campionato invernale ci siamo classificati tra gli ultimi, mentre in quello primaverile, dopo tanta fatica e impegno, siamo arrivati addirittura primi. Quest anno, invece, ho iniziato gli allenamenti a novembre perché mi ero rotto il braccio e ho dovuto rimandare la ripresa; quando sono ritornato in squadra avevo meno fiato di tutti e i primi mesi per recuperare sono stati veramente molto impegnativi. Questa è tutta la mia storia. Ti ho voluto raccontare le vicende che ho vissuto in questi magnifici anni di calcio perché tu possa conoscermi un po. Il mio obiettivo praticando questo sport è divertirmi e imparare bene una disciplina che sono contento di praticare. Il tuo modo di giocare mi aiuta a capire tante cose importanti del calcio, come il valore dell impegno e della costanza necessari per migliorare sempre di più. Da te, ho anche imparato quanto è importante costruire con i compagni una squadra unita che insieme cerca la vittoria; ho imparato anche a saper perdere senza arrendermi, ma imparando dagli sbagli. Spero questo racconto ti abbia interessato. Ora vorrei conoscere anche la tua storia calcistica, scoprire cosa facevi alla mia età. Vorrei rivolgerti anche qualche domanda. Tu, da piccolo, in che squadra hai iniziato a giocare? A che età hai iniziato con il calcio?a quanti anni hai cominciato la tua carriera da giocatore professionista? È stata difficile, per te, la scelta di allontanarti fin da giovane dalla famiglia per proseguire il tuo percorso di calciatore? Ora ti saluto e mi raccomando: continua sempre a giocare con la passione e la bravura di oggi. Leonardo Negrini 27

28 P.S. Ricordati che sono un tuo ammiratore. Ti chiedo di non perdere questa lettera, ma di tenerla per potermi rispondere. Ci conto! 28

29 Lettera ad un mito Dante Alighieri Verona, 20 marzo 2015 Caro Dante, che emozione poterti scrivere! Sei un idolo per me: oltre ad aver vissuto una vita dedicata alla tua passione, la poesia, hai sempre cercato di non abbandonare i tuoi ideali. Hai preferito l esilio piuttosto che arrenderti o rinunciare a quello in cui credevi. Hai mostrato coraggio, forza e coerenza. Io, sinceramente, non so se sarei riuscito ad essere così audace: non sarei stato in grado di abbandonare la mia città, la mia famiglia, i miei beni, girovagando per l Italia senza una meta. Dove hai trovato questa forza d animo? Come hai fatto a sopportare l umiliazione dovuta al mendicare ospitalità, tu che sei nato nobile? Nella tua vita hai sofferto molto: hai amato tanto una donna che non ti ha ricambiato. Le hai dedicato versi meravigliosi, descrivendola come un angelo che par che sia una cosa venuta da cielo in terra a miracol mostrare, ma lei non ti ha mai notato. Non ho capito se tu fossi troppo timido per farti avanti o se lei ti abbia rifiutato in partenza, tuttavia deve essere stato terribile quando, a soli ventiquattro anni, Beatrice è morta, lasciandoti disperato. Ti sei comunque sposato con Gemma, ma non credo 29

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari

'' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari '' Vola solo chi osa farlo '' di Alyssia Molinari Io ho tanto coraggio ma certe volte non lo dimostro. Per esempio: io ho coraggio a dire in faccia le cose, ma qualche volta no perché non mi fido e allora

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone Se fossi... Nicole Pesce Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone se fossi un coppa mi lascerei osservare da tutti, ed essere contenta di essere con te, te che mi

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

La donna che si baciava con i lupi

La donna che si baciava con i lupi guido catalano La donna che si baciava con i lupi 2010 LeBolleBlu Edizioni 2014 Miraggi Edizioni www.miraggiedizioni.it Progetto grafico Miraggi Il disegno sulla copertina è di Gipi Finito di stampare

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta:

SOTTO LO STESSO TETTO: La classe 4A presenta: SOTTO LO STESSO TETTO: Gender MainstreaMinG e valorizzazione delle differenze a scuola La classe 4A presenta: Tutti diversi... ma uguali ;-) Nell'anno scolastico 2014/15 la classe 4A dell'i.c. Via d'avarna,

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio!

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio! Piermario Lucchini L importante è che sia... sveglio! Libri Este 2009 Edizioni E.S.T.E. S.r.l Via A. Vassallo, 31 20125 Milano www.este.it info@este.it Prima edizione: novembre 2009 Copertina di Laura

Dettagli