First Debian Package Tutorial

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "First Debian Package Tutorial"

Transcript

1 Pèter Szabò Questo tutorial fornisce le istruzioni per la creazione di pacchetti deb per Debian GNU/Linux partendo da un file sorgente in formato tar.gz e le istruzioni per la creazione di un repository di pacchetti Debian sia locale che in rete. Traduzione ed adattamenti in italiano a cura di Hugh Hartmann <hhartmann[at]libero.it> e revisione a cura di Kriss <chgwor[at]tin.it>. Sommario 1. Introduzione Scopo di questo tutorial Perché creare un pacchetto Debian Installazione di pacchetti necessari Scaricare ed estrarre il file sorgente.tar.gz Leggere la documentazione relativa alla creazione di pacchetti Debian Realizzare prima il pacchetto nel modo non-debian Eseguire autoconf Realizzare il pacchetto nel modo Debian: deb-make Creare il Makefile Modificare il Makefile.in o il Makefile Modificare il file debian/rules Modificare il file debian/control Modificare il file debian/dirs Modificare il file debian/changelog Modificare gli altri file debian/* in modo adeguato I file debian/*.ex non necessari Aggiungere una voce dch -i Eseguire debian/rules build Eseguire debian/rules source Creare i file del pacchetto.deb Modificare il file files e aggiornare il CVS Creare un file diff/patch Installare il pacchetto Modificare gli altri file Sottoporre il file.patch all autore del software...11

2 22. Rendere pubblico il proprio pacchetto.deb sul proprio sito web Creare un repository di pacchetti Debian Creare un repository di pacchetti Debian in rete FAQ...13

3 1. Introduzione Questo tutorial vi insegnerà a realizzare un pacchetto Debian (.deb) da un file sorgente tar.gz e ad impostare un repository di pacchetti Debian in modo che ognuno possa installare i vostri pacchetti (e le loro relative dipendenze) con una singola chiamata di apt-get install Scopo di questo tutorial Questo documento può servire come tutorial per i principianti e come promemoria per quelli che hanno già alcune esperienze con il sistema Debian GNU/Linux e con i relativi strumenti di gestione dei pacchetti deb. Si descriverà la maniera con deb-make, lavorando su sistemi Debian Woody e Sid. Lo strumento deb-make rende molto facile la realizzazione di un pacchetto Debian dalla distribuzione sorgente tar.gz di un programma. Usando questa guida si può creare ed installare il primo pacchetto Debian in 60 minuti. 2. Perché creare un pacchetto Debian Questi sono i vantaggi più importanti della creazione di un pacchetto Debian: si può installare il programma rapidamente su molte macchine con dpkg -i o con apt-get install ; si può rimuovere il pacchetto con dpkg -r o con dpkg --purge ; le dipendenze sono verificate prima dell installazione con dpkg -i ; attraverso apt-get install si scaricano e si installano tutte le dipendenze (cioè tutti i pacchetti da cui dipende un determinato pacchetto) in modo semi-automatico; si possono distribuire i file *.deb ai propri amici che non sono ancora in grado di compilare il software da soli. 3. Installazione di pacchetti necessari Per la creazione di un pacchetto deb sono necessari i seguenti pacchetti: doc-debian: per la directory /usr/share/doc/debian/faq debian-policy: per il file /usr/share/doc/debian-policy/policy.txt.gz (questo pacchetto sostituisce il packaging-manual) dpkg: la versione più recente del gestore dei pacchetti debian apt: la versione più recente dell altro gestore dei pacchetti debian make g++ gcc perl autoconf sed: un ambiente minimo per la compilazione debmake: per l eseguibile /usr/bin/deb-make devscripts: per lo script Perl /usr/bin/dch (solo i file dch e debchange di questo pacchetto sono necessari) fakeroot: per l eseguibile /usr/bin/fakeroot Per installare i pacchetti precedenti eseguire da root: 3

4 apt-get update apt-get install doc-debian debian-policy apt-get install dpkg apt apt-get install make g++ gcc perl autoconf sed apt-get install debmake devscripts fakeroot 4. Scaricare ed estrarre il file sorgente.tar.gz Usare wget(1) o il proprio gestore di download preferito per scaricare i sorgenti di un pacchetto software non-debian. Per estrarre il file sorgente usare: tar xzvf NOMEFILE.tar.gz (o tar xvf NOMEFILE.tar) Rinominare la directory del pacchetto (cioè la directory creata da tar quando estrae l archivio) a nomepacchetto-versione. Si possono avere tanti trattini (-) nel nome del pacchetto quanti se ne desiderano, ma non devono esserci spazi o segni di sottolineatura (_). Per favore si modifichino tutte le lettere maiuscole in minuscole. Eseguire il comando appropriato cvs import se si progetta di includere questo pacchetto nel proprio repository CVS. 5. Leggere la documentazione relativa alla creazione di pacchetti Debian Prima della creazione di qualsiasi pacchetto Debian si è pregati di leggere la seguente documentazione: leggere attentamente: man 1 debmake scorrere rapidamente: man 1 debstd leggere attentamente: /usr/share/doc/debmake/howto.first_time leggere attentamente: /usr/share/doc/debmake/readme.debian Ricordarsi la posizione della seguente documentazione per una successiva lettura: man 1 debstd /usr/share/doc/debian-policy/policy.txt.gz: Debian Packaging Manual /usr/share/doc/debian/faq/index.html 6. Realizzare prima il pacchetto nel modo non-debian Seguire la procedura usuale per la compilazione di un pacchetto UNIX, completamente scorrelata alla Debian. (il tempo di questo passaggio non è parte dei 60 minuti necessari alla creazione del primo pacchetto Debian. Questa procedura può richiedere 2 minuti o 2 giorni, dipendentemente del proprio sistema e dalla propria esperienza). Se ci si aspetta di essere uno sperimentatore in questa area, la procedura descritta qui non è cosi dettagliata. 4

5 Scorrere rapidamente i file README e INSTALL Prima scaricare e installare tutte le dipendenze del pacchetto Fare qualsiasi cosa presente nelle istruzioni in README o INSTALL Eseguire./configure --help Eseguire./configure con gli argomenti appropriati Eseguire make Eseguire make test o make check se appropriato Passaggio opzionale: eseguire make install per testarlo, eseguire make uninstall per disinstallarlo (non sempre disponibile!) Ricordarsi delle modifiche che si sono fatte per rendere il software compilabile sul proprio sistema. Possibilmente si sottopongano queste modifiche all autore del software Eseguire autoconf Eseguire autoconf solo se esiste un file configure.in, ma non il file configure. Eseguire anche automake se esiste un file *.am. Molti utenti non necessitano di eseguire autoheader. 7. Realizzare il pacchetto nel modo Debian: deb-make Eseguire deb-make o deb-make native (se non si prevede di creare un file diff) all interno della directory del pacchetto. Se si vuole creare un file diff successivamente, si deve sapere che deb-make crea la directory nomepacchetto-ver.sione.orig contenente i file del pacchetto originale. Sovrascrivere questa directory con il reale contenuto originale se sono state fatte delle modifiche dopo aver estratto il sorgente.tar.gz. 8. Creare il Makefile Creare il Makefile a meno che non esista già. Solo tre target (obiettivi) sono necessari. Di seguito vengono forniti esempi di Makefile: Esempio di Makefile per un semplice programma in C (foo.c):.phony: all install clean all: gcc -s -O2 -W -Wall foo.c -o foo # ^^^ si aggiunga -pedantic e/o -ansi se si preferisce clean: rm -f *.o foo install: cp foo $(DESTDIR)/usr/bin/foo chmod 755 $(DESTDIR)/usr/bin/foo cp -p foo.man $(DESTDIR)/usr/man/man1/foo.1 chmod 644 $(DESTDIR)/usr/man/man1/foo.1 5

6 rm -rf $(DESTDIR)/usr/share/doc/foo cp -a docs $(DESTDIR)/usr/share/doc/foo Esempio di Makefile per uno script Perl (foo.pl):.phony: all install clean "Non necessario per compilare :-)" clean: ; install: grep -q ^=begin foo.pl && pod2man foo.pl foo.1 [ -f foo.1 ] && cp -p foo.1 $(DESTDIR)/usr/man/man1/foo.1 chmod 644 $(DESTDIR)/usr/man/man1/foo.1 chmod 755 $(DESTDIR)/usr/bin/foo cp -p foo.man $(DESTDIR)/usr/man/man1/foo.1 Si deve installare il tutto in $(DESTDIR) e non in / Modificare il Makefile.in o il Makefile Questa è la sintassi del Makefile, in questo modo i tab all inizio della linea sono significativi. Non si deve convertire i tab in spazi o viceversa, e si preservi l indentazione originale di ogni linea. Se c è un file Makefile.in (e un possibile script configure ) allora si modifichi Makefile.in. Altrimenti si modifichi il Makefile. Se esiste un target install:, verificare che esso installi ogni cosa sotto la $(prefix) o $(DESTDIR). Se non esiste, aggiungere $(DESTDIR) prima di ogni nome di file e di directory del target. Impostare la variabile CFLAGS (che contiene flag aggiuntivi per il compilatore C gcc) in maniera adeguata alle proprie necessità. Esempi: CFLAGS = -s -O2 -W -Wall CLAGSS = -g -W -Wall CFLAGS = -s -O2 -W -Wall -ansi -pedantic CFLAGS = -s -O2 -W -Wall -ansi -pedantic -Wstrict-prototypes -Wtraditional -Wnested-externs -Winline -Wpointer-arith -Wbad-function-cast -Wcast-qual -Wmissing-prototypes -Wmissing-declarations -Wunused 9. Modificare il file debian/rules Anche il file debian/rules ha la sintassi come il Makefile, così i tab all inizio della linea risultano significativi. Quindi, non si devono convertire i tab in spazi e viceversa e si deve preservare l indentazione originale di ogni linea. Modificare la linea contenente $(MAKE) install nel modo seguente: (indentazione con un singolo carattere tab all inizio) $(MAKE) install prefix= pwd /debian/tmp/usr DESTDIR= pwd /debian/tmp 6

7 Se c è una riga breve dopo build: contenente./configure aggiungere le opzioni appropriate per lo script configure. La maggior parte delle volte non è necessaria alcuna opzione (eccetto per --prefix=usr). Per favore consultare il file README del pacchetto e/o./configure --help per le opzioni addizionali. Aggiornare la linea contenente $(MAKE) CFLAGS= a $(MAKE) se non si vuole che debian/rules sovrascriva il CFLAGS che si è impostato nel Makefile o nel Makefile.in. Aggiungere le righe seguenti alla sezione clean: -rm -f core DEADJOE a.out -rm -f config.status config.cache config.h -rm -rf autom4te.cache Aggiungere le seguenti righe:.phony: source source: clean DIR=" pwd ";DIR="$${DIR##*/}"; cd.. && dpkg-source -b "$$DIR" 10. Modificare il file debian/control Aggiungere/modificare le seguenti voci nella prima sezione (Source:): Maintainer: mettere il proprio nome e indirizzo appropriato Build-Depends: elencare tutti i pacchetti Debian richiesti per la costruzione di questo pacchetto. Includere sempre il pacchetto debmake Esempi: Build-Depends: debmake, gcc, make, sed, bash Build-Depends: debmake, g++, perl, wget wget-ssl, libz-dev Aggiungere/modificare le seguenti voci nella seconda sezione (Binary:): Depends: rimuovere ${shlibs:depends} a meno che non si compilino programmi (e si creino binari ELF). Aggiungere una virgola a ogni dipendenza (eccetto per le librerie necessarie per i binari ELF) Esempi: Depends: mtools, bash, grub, sed Depends: ${shlibs:depends}, apache (>= 1.1) apache-ssl Recommends: consigli di pacchetti importanti (necessario per molti utenti) Suggests: suggerimento di pacchetti meno importanti (altri pacchetti che accrescono la funzionalità di questo pacchetto) Replaces: pacchetti che hanno uno o più file che questo pacchetto sostituisce Description: una singola linea di descrizione di questo pacchetto. Aggiungere una (ulteriore) descrizione di più righe dopo questa, indentata con uno spazio 7

8 Esempio: Description: convert raster images to EPS and PDF and others sam2p is a UNIX command line utility written in ANSI C++ that converts many raster (bitmap) image formats into Adobe PostScript or PDF files. The images are not vectorized. sam2p gives full control to the user to specify standards-compliance, compression, and bit depths. In some cases sam2p can compress an image 100 times smaller than the PostScript output of many other common image converters. sam2p provides ZIP, RLE and LZW (de)compression filters even on Level1 devices.. Questo è il secondo paragrafo. First Debian Package Tutorial Per il formato delle voci Depends: e Build-Depends si consulti il Debian Packaging Manual (descritto nella sezione "Leggere la documentazione relativa alla creazione di un pacchetto Debian". Consultare /var/lib/dpkg/status per diversi esempi di Depends etc. Non è necessario fornire una voce per Version:, deb-make la estrarrà dal file debian/changelog. 11. Modificare il file debian/dirs Aggiungere tutte le directory necessarie, ma non quelle create dal target install: nel Makefile o nel Makefile.in. Esempio: usr/bin usr/sbin usr/share/man/man1 12. Modificare il file debian/changelog Modificare la riga contenente il numero di versione, aggiungere una versione relativa alla costruzione del pacchetto. Esempio: vecchia riga: sam2p (0.43) unstable; urgency=low nuova riga: sam2p (0.43-1) unstable; urgency=low 13. Modificare gli altri file debian/* in modo adeguato Nella maggioranza dei casi tutti gli altri file sono a posto. I file debian/*.ex contengono degli esempi. Se è necessaria la loro funzionalità, rinominarli senza l estensione.ex (example) e modificarli in modo appropriato. 8

9 13.1. I file debian/*.ex non necessari Rimuovere i file debian/*.ex non necessari. 14. Aggiungere una voce dch -i Assicurarsi che la propria variabile d ambiente EDITOR sia impostata correttamente. Le impostazioni più comuni sono: export EDITOR=vi export EDITOR=emacs export EDITOR=joe export EDITOR=mcedit export EDITOR=nano export EDITOR=nano-tiny Opzionalmente, aggiungere una di queste impostazioni di editor al proprio ~/.bashrc e al ~/.bash_profile. Eseguire dch -i per aggiungere la documentazione per la nuova versione del pacchetto appena creato. Si avvierà il proprio editor, e si posizionerà il cursore alla linea che inizia con un *. Aggiungere qui la documentazione appropriata. Esempio: sam2p (0.43-2) unstable; urgency=low * Added proper Description:, Depends: and Build-Depends: to debian/changelog, modified the Makefile to respect $(DESTDIR) etc. -- Szabó Péter Fri, 7 Feb :11: sam2p (0.43-1) unstable; urgency=low * Initial Debian release. -- Szabó Péter Fri, 7 Feb :04: Local variables: mode: debian-changelog End: Assicurarsi che l informazione della versione ( nell esempio) sia corretta, dev essere maggiore di quella della precedente esecuzione di debian/rules binary. Si può omettere la documentazione se si ha una fretta notevole ma si devono sempre verificare i numeri della versione. Mai salvare un file non conforme alla sintassi, perché questo impedirà di costruirsi altri binari. Se non si è sicuri, prima fare un backup, o guardare i vari file /usr/share/doc/*/changelog.gz. Usare dch -a per aggiungere altri cambiamenti documentati (una voce extra che inizia con * ) all attuale versione del pacchetto costruito. 9

10 15. Eseguire debian/rules build Eseguire debian/rules build per costruire i binari. Questo (processo) può richiedere diverso tempo. Eseguirà il configure ogni volta che è richiamato. Questa è un operazione normale. Se ci sono messaggi di errore, fissare gli errori, rimuovere il file build, possibilmente eseguendo debian/rules clean e ripetere ancora questo passaggio. 16. Eseguire debian/rules source Eseguire debian/rules source per costruire i file sorgente.tar.gz e.dsc. Questo passaggio è opzionale. È generalmente giudizioso creare questi archivi sorgenti, perché possono essere caricati dentro un repository di pacchetti Debian, e così gli altri utenti saranno capaci di ricompilare il pacchetto appena rilasciato con il comando: apt-get -b source nomepacchetto Vedere i repository dei pacchetti Debian successivamente in questo tutorial. 17. Creare i file del pacchetto.deb Verificare che la versione costruita sia corretta e nella parte più alta del file debian/changelog. Eseguire: rm -f *~ fakeroot debian/rules build 18. Modificare il file files e aggiornare il CVS Se esiste un file files (non debian/files ) contenente i nomi dei file importanti, aggiungere a questo tutti i file debian/*, eccetto per debian/files* e debian/substvars -- ma prima si dovrebbe eseguire debian/rules clean. Eseguire cvs add debian/* per includere questi file nel CVS (se applicabile). 19. Creare un file diff/patch Questo passaggio è opzionale. Eseguire qualcosa come: debian/rules clean (cd..; diff -ru nomepacchetto-ver.sione{.orig,} >nomepacchetto-ver.sione.patch) 20. Installare il pacchetto Installare il pacchetto con dpkg -i. Si deve dare questo comando come root (non fakeroot). Eseguire qualcosa come: 10

11 dpkg -i../nomepacchetto_versione_i386.deb 21. Modificare gli altri file Se c è qualcosa che non funziona con il pacchetto installato, modificare i file nella directory sorgente e tornare alla sezione "Creare il Makefile" Sottoporre il file.patch all autore del software Se non si è l autore del software, inviare un file.patch all autore, così che possa incorporare il vostro lavoro di porting e/o di fissaggio di bug nelle versioni successive del software. 22. Rendere pubblico il proprio pacchetto.deb sul proprio sito web Così altri utenti possano beneficiare del vostro lavoro. Non ci si dimentichi di comprimere nuovamente l albero del sorgente originale a un file.tar.gz, e rendere pubblico anche i sorgenti, così anche gli utenti non Debian possano beneficiare del vostro lavoro, e il programma sia disponibile compilato in differenti versioni di libc. 23. Creare un repository di pacchetti Debian Così ogni utente del proprio sistema può installare i vostri pacchetti con apt-get install e ricompilarli con apt-get -b source. Non è necessario essere root per creare un repository di pacchetti. Verrà spiegato il caso più semplice, senza sub-directory o conflitti di nomi dei pacchetti. Step0. Eseguire: apt-get install dpkg-dev gzip bash Step1. Creare una directory vuota che conterrà tutti i pacchetti Debian (sorgenti e binari) che si vogliono distribuire. Chiamarla /var/ftp/debian-local. Lasciarla sulla macchina fooserver.org. Step2. Creare un file vuoto /var/ftp/debian-local/override Step3. Creare un file eseguibile /var/ftp/debian-local/update.sh : #! /bin/bash -- set -ex MYDIR="${0%/*}"; [ "$MYDIR"!= "$0" ] && cd "$MYDIR" [ -f update.sh ] [ -f Override ] dpkg-scanpackages. Override > Packages; gzip -f Packages dpkg-scansources. Override > Sources ; gzip -f Sources Comprimere con gzip il file Packages e Sources che saranno indispensabili per i repository FTP e HTTP descritti successivamente in questo tutorial. 11

12 Step4. Come aggiungere la righe seguenti al file /etc/apt/sources.list: deb file:/var/ftp/debian-local./ deb-src file:/var/ftp/debian-local./ Step5. Copiare alcuni pacchetti binari (*.deb) in /var/ftp/debian-local/ Step6. Copiare alcuni pacchetti sorgenti (*.tar.gz, *.dsc) in /var/ftp/debian-local/ Step7. Eseguire /var/ftp/debian-local/update.sh Step8. Come eseguire apt-get update Step9. Come tentare la compilazione e l installazione di alcuni pacchetti: apt-get -d install nomepacchetto apt-get install nomepacchetto apt-get -b source nomepacchetto Step10. Ripetere dallo Step5 se si hanno dei nuovi pacchetti da aggiungere al repository 24. Creare un repository di pacchetti Debian in rete In questo modo chiunque può installare sul proprio sistema i vostri pacchetti con apt-get install e ricompilarli con apt-get -b source. Step21. Prima seguire i passaggi di {Creare un repository di pacchetti Debian}. Step22. Creare un file vuoto /var/ftp/debian-local/release. Per un confronto, viene mostrato un esempio di file Release da un sito Debian: Archive: stable Version: 3.0r1a Component: contrib Origin: Debian Label: Debian Architecture: i386 Step23. Impostare un server FTP. Questo sistema dovrebbe funzionare anche con un server HTTP ma non viene descritto in questo testo. Il modo possibilmente più facile di configurare un server FTP temporaneo se non si è root è il seguente: # Dare questi comandi in una nuova finestra di terminale: wget tar xzvf pts-ftpd-latest.tar.gz cd pts-ftpd-1* debian/rules build cp bftpd.noss /var/ftp/debian-local/pts-ftpd chmod 111 /var/ftp/debian-local/pts-ftpd cd /var/ftp/debian-local 12

13 ./pts-ftpd -Na Ora pts-ftpd è avviato. I messaggi di log sono scritti al terminale. La prima riga contiene l URL in cui il server è disponibile. Per fermarlo, chiudere la finestra del terminale o premere CTRL-C. L URL è ftp://fooserver.org:2121/. Verificare che il file ftp://fooserver.org:2121/packages.gz sia scaricabile. Step24. Come aggiungere le seguenti righe al file /etc/apt/sources.list: deb ftp://fooserver.org:2121/./ deb-src ftp://fooserver.org:2121/./ Se si hanno voci simili a o file:/ (in /etc/apt/sources.lists) per fooserver.org, si devono togliere i commenti. Step25. Come eseguire apt-get update Step26. Come tentare di compilare e installare alcuni pacchetti: apt-get -d install nomepacchetto apt-get install nomepacchetto apt-get -b source nomepacchetto Step27. Se si hanno nuovi pacchetti da aggiungere al repository: ripetere i passaggi 5--7 di {Creare un repository di pacchetti Debian} e poi dal passaggio 2.5 Step28. Pubblicare un link al proprio repository sulla propria home page 26. Divertirsi con i propri pacchetti Debian! Questa è la fine del tutoria step-by-step. 25. FAQ D1. Come si possono creare due file.deb da un singolo file.tar.gz? R1. Questo è sotto-documentato. Aggiungere voci multiple al campo Package: nel file debian/control. Duplicare alcuni file nella directory debian. Aggiungere le voci appropriate nel campo Replaces: per i file di documentazione. D2. Come si possono creare due file.deb da un singolo file.tar.gz, con differenti opzioni di --configure? R2. Modificare la sezione build: del file debian/rules di conseguenza. Dopo di che si è lasciati al proprio destino. 13

Distribuzione del software

Distribuzione del software Distribuzione del software Enrico Tassi (slides originali di Stefano Zacchiroli) Dipartimento di Scienze dell informazione, Università di Bologna March 9, 2009 Applicativi distribuiti in forma sorgente

Dettagli

Differenze fra Pacchetti

Differenze fra Pacchetti Differenze fra Pacchetti Gran parte del software distribuito con i sistemi GNU è sottoposto alla licenza GNU-GPL (GNU general public license), che impone la disponibilità dei sorgenti. Per questo motivo,

Dettagli

Applicativi distribuiti in forma sorgente

Applicativi distribuiti in forma sorgente Pacchetti Applicativi distribuiti in forma sorgente le licenze di applicativi software libero garantiscono l'accesso ai sorgenti conseguenza pratica sulla distribuzione: la totalità di tali applicativi

Dettagli

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti APRS su Linux con Xastir Installazione dai sorgenti L installazione di Xastir Per installare Xastir non è richiesto essere un guru di Linux, anche se una conoscenza minima della piattaforma è necessaria.

Dettagli

Utilizzo di putty. L uso base e molto semplice: richiede solo di specificare:

Utilizzo di putty. L uso base e molto semplice: richiede solo di specificare: Utilizzo di putty Client ssh liberamente utilizzabile (www.chiark.greenend.org.uk/~sgtatham/putty/download.html) Tra le molte opzioni di configurazione di putty sono utili: Window - Translation: per selezionare

Dettagli

Gestione del software

Gestione del software Gestione del software Installazione e gestione repository Andrea Gussoni andrealinux1@gmail.com Corsi Gnu/Linux Avanzati 2014 Andrea Gussoni Gestione Software Corsi Linux Avanzati 2014 1 / 31 Introduzione

Dettagli

GUFICon #5 Milano, 2/3 Ottobre 2004

GUFICon #5 Milano, 2/3 Ottobre 2004 Creare un port per FreeBSD GUFICon #5 Milano, 2/3 Ottobre 2004 Filippo Natali filippo.natali@widestore.net Creare un port per FreeBSD p.1/20 I ports di FreeBSD Offrono un sistema semplice di gestione dei

Dettagli

Gestione del software

Gestione del software Gestione del software Forse, più di altri, definisce il ruolo dell'amministratore di sistema. Funzionalità di un sistema di gestione del software interfaccia uniforme (comportamento uniforme) e semplice

Dettagli

Laboratory for Advanced Planning and Simulation Project. Installazione di Debian 3.0 su Workstation HP x4000. Gianstefano Monni, e Gabriella Pusceddu

Laboratory for Advanced Planning and Simulation Project. Installazione di Debian 3.0 su Workstation HP x4000. Gianstefano Monni, e Gabriella Pusceddu Laboratory for Advanced Planning and Simulation Project Installazione di Debian 3.0 su Workstation HP x4000. Gianstefano Monni, e Gabriella Pusceddu Installazione di Debian 3.0 su Workstation HP x4000

Dettagli

Shell di Linux e Comandi Utente

Shell di Linux e Comandi Utente Shell di Linux e Comandi Utente Sistemi Operativi Roberto Aringhieri DTI Crema - Università degli Studi di Milano Sistemi Operativi - Shell di Linux e Comandi Utente Roberto Aringhieri p.1/23 Outline Accesso

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Pacchetti di applicazioni per GNU/Linux

Pacchetti di applicazioni per GNU/Linux 99 Pacchetti di applicazioni per GNU/Linux Capitolo 7 7.1 Applicativi originali distribuiti in forma sorgente.......................... 99 7.2 Fasi tipiche di una compilazione e installazione...............................100

Dettagli

IBM SPSS Statistics - Essentials for Python- Istruzioni di installazione per Linux

IBM SPSS Statistics - Essentials for Python- Istruzioni di installazione per Linux IBM SPSS Statistics - ssentials for Python- Istruzioni di installazione per Linux Le istruzioni riportate di seguito sono relative all installazione di IBM SPSS Statistics - ssentials for Python su sistemi

Dettagli

Pacchetti di applicazioni per GNU/Linux

Pacchetti di applicazioni per GNU/Linux 99 Pacchetti di applicazioni per GNU/Linux Capitolo 7 7.1 Applicativi originali distribuiti in forma sorgente.......................... 99 7.2 Fasi tipiche di una compilazione e installazione...............................100

Dettagli

Gestione progetti. software. Ingegneria Informatica e dell'informazione. Michelangelo Diligenti. diligmic@dii.unisi.it

Gestione progetti. software. Ingegneria Informatica e dell'informazione. Michelangelo Diligenti. diligmic@dii.unisi.it Gestione progetti software Michelangelo Diligenti Ingegneria Informatica e dell'informazione diligmic@dii.unisi.it Sommario Cosa fare quando il progetto software diviene grande?.cc e.h Makefiles per gestire

Dettagli

Creare dei DVD dei repository Debian (o Ubuntu)

Creare dei DVD dei repository Debian (o Ubuntu) Creare dei DVD dei repository Debian (o Ubuntu) Oggi, dopo un bel po di tempo di inattività, vi spiego come fare a creare dei CD/DVD partendo dai repository online di Debian, Ubuntu o di qualunque altro

Dettagli

Università degli Studi di Verona. Linux Ubuntue ilcompilatorec. Dicembre 2014 - Sergio Marin Vargas. Dipartimento di Biotecnologie

Università degli Studi di Verona. Linux Ubuntue ilcompilatorec. Dicembre 2014 - Sergio Marin Vargas. Dipartimento di Biotecnologie Università degli Studi di Verona Dipartimento di Biotecnologie Laurea in Biotecnologie Corso di Informatica2014/2015 Linux Ubuntue ilcompilatorec Dicembre 2014 - Sergio Marin Vargas Caratteristiche di

Dettagli

Gestione progetti software

Gestione progetti software Gestione progetti software Michelangelo Diligenti Ingegneria Informatica e dell'informazione diligmic@dii.unisi.it Sommario Cosa fare quando il progetto software diviene grande?.cc e.h Makefiles per gestire

Dettagli

Tecnologie Open Source per Giuristi

Tecnologie Open Source per Giuristi Tecnologie Open Source per Giuristi GIOVEDI 20 APRILE 13.30 16.30 GIOVEDI 27 APRILE 13.30 16.30 Università degli studi di Bologna, facoltà di Giurisprudenza Laboratorio CIRSFID II piano, Palazzo Malvezzi

Dettagli

DevC++ vers. 4.9.9.2 Manuale d uso

DevC++ vers. 4.9.9.2 Manuale d uso DevC++ vers. 4.9.9.2 Manuale d uso Liceo Scientifico N. TRON di SCHIO (VI) Sommario 1 INTRODUZIONE... 3 2 SETUP... 5 2.1 Procedura di installazione... 5 2.2 Configurazione... 7 2.2.1 Opzioni dell ambiente...

Dettagli

NOZIONI BASE PER ESERCITAZIONI

NOZIONI BASE PER ESERCITAZIONI NOZIONI BASE PER ESERCITAZIONI Shahram Rahatlou Laboratorio di Calcolo, Anno Accademico 2015-16 http://www.roma1.infn.it/people/rahatlou/labcalc/ Sistema Operativo Hardware Software n Routine e programmi

Dettagli

LPIC-1 Junior Level Linux Certification

LPIC-1 Junior Level Linux Certification Corso 2012/2013 Introduzione a GNU/Linux Obiettivi Il percorso formativo ha l obiettivo di fornire ai partecipanti le competenze basilari necessarie per installare, configurare e gestire un server/workstation

Dettagli

Corso di avvicinamento al Software Libero

Corso di avvicinamento al Software Libero Corso di avvicinamento al Software Libero Lunedi 6 Febbraio Parte 4 Archiviazione Install1 tgz = tar + gzip tar tape archive gzip GNUzip compress (unix) tgz = tar + gzip tar tape archive

Dettagli

PRECORSO DI INFORMATICA. Laboratorio Seconda Parte

PRECORSO DI INFORMATICA. Laboratorio Seconda Parte PRECORSO DI INFORMATICA Laboratorio Seconda Parte ARGOMENTI DI OGGI Configurazione delle stampanti Utilizzo della stampante Editor di testo Scrivere un semplice programma in C/C++ Compilazione Programmi

Dettagli

NOTE PER UTILIZZO COMPILATORE FORTRAN CON LINUX

NOTE PER UTILIZZO COMPILATORE FORTRAN CON LINUX NOTE PER UTILIZZO COMPILATORE FORTRAN CON LINUX Queste pagine sono estratte dalle note del corso "Abilità Informatiche: Introduzione a Unix", Alessandra Seghini Per stampare questo documento si consiglia

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux. Update 5. Manuale d'installazione

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux. Update 5. Manuale d'installazione Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux Update 5 Manuale d'installazione Sommario 1 Prima dell'installazione... 3 1.1 Componenti di Acronis Backup & Recovery 10... 3 1.1.1 Agente per Linux... 3 1.1.2

Dettagli

Sicurezza su linux... e considerazioni varie. Gianluca Antonacci email: giaaan@tin.it

Sicurezza su linux... e considerazioni varie. Gianluca Antonacci email: giaaan@tin.it Sicurezza su linux... e considerazioni varie Gianluca Antonacci email: giaaan@tin.it Sommario Protezione del PC: firewall e antivirus - configurazione di Firestarter - configurazione di ClamAV Indicizzazione

Dettagli

Guida di installazione per Fedora core 4

Guida di installazione per Fedora core 4 Guida di installazione per Fedora core 4 Centro Servizi per la Ricerca Università di Pisa Dipartimento di Informatica Guida di installazione per Fedora core 4 Centro Servizi per la Ricerca Copyright 2005

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11.5 Server for Linux. Manuale d'installazione

Acronis Backup & Recovery 11.5 Server for Linux. Manuale d'installazione Acronis Backup & Recovery 11.5 Server for Linux Manuale d'installazione Informazioni sul copyright Copyright Acronis International GmbH, 2002-2012. Tutti i diritti riservati. "Acronis" e "Acronis Secure

Dettagli

Come installare Python

Come installare Python Capitolo 2 Come installare Python Per poter installare Python, dovremo scaricare la versione adeguata alla nostra piattaforma e, contestualmente, troveremo le istruzioni più aggiornate per l installazione.

Dettagli

Il comando Make: : uno strumento per la compilazione ed esecuzione di software applicativo. A. Murli - Cacolo Scientifico a.a.

Il comando Make: : uno strumento per la compilazione ed esecuzione di software applicativo. A. Murli - Cacolo Scientifico a.a. Il comando Make: : uno strumento per la compilazione ed esecuzione di software applicativo a.a.2007/2008 1 Un software si compone di diversi moduli, generalmente memorizzati in file diversi. Il programma

Dettagli

FileMaker Server 11. Guida all'aggiornamento dei plug-in

FileMaker Server 11. Guida all'aggiornamento dei plug-in FileMaker Server 11 Guida all'aggiornamento dei plug-in 2010 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker è un marchio di

Dettagli

GNU/Linux Concetti di base

GNU/Linux Concetti di base GNU/Linux Concetti di base Sommario GNU/Linux Open Source e GPL Login/Logout Shell e comandi Files Stdin, stdout Redirezione e pipe Filesystem 2 Cos'è Linux Linux è basato su UNIX (filosofia, comandi,

Dettagli

Terza lezione: Directory e File system di Linux

Terza lezione: Directory e File system di Linux Terza lezione: Directory e File system di Linux DIRECTORY E FILE SYSTEM Il file system di Linux e Unix è organizzato in una struttura ad albero gerarchica. Il livello più alto del file system è / o directory

Dettagli

Guida di installazione per Fedora 7

Guida di installazione per Fedora 7 Guida di installazione per Fedora 7 Centro Servizi per la Ricerca Università di Pisa Dipartimento di Informatica Guida di installazione per Fedora 7 Centro Servizi per la Ricerca Copyright 2007 Dipartimento

Dettagli

Ridirezione su/da file

Ridirezione su/da file Combinare i comandi Ogni processo è associato a tre flussi di I/O standard: lo standard input dal quale riceve gli ingressi (normalmente la tastiera) lo standard output sul quale produce le uscite regolari

Dettagli

Installare Joomla! su Linux (Ubuntu)

Installare Joomla! su Linux (Ubuntu) Installare Joomla! su Linux (Ubuntu) di Salvatore Schirone versione 0.3 Sommario In questo piccolo tutorial viene mostrato l instalazione in locale di joomla! in ambinente Linux. Si farà riferimento esplicito

Dettagli

LABORATORI DI INFORMATICA. CONDIVISIONE, CLOUD e CONTROLLO REMOTO IMPLEMENTAZIONE DI UNA GESTIONE EFFICIENTE

LABORATORI DI INFORMATICA. CONDIVISIONE, CLOUD e CONTROLLO REMOTO IMPLEMENTAZIONE DI UNA GESTIONE EFFICIENTE LABORATORI DI INFORMATICA CONDIVISIONE, CLOUD e CONTROLLO REMOTO IMPLEMENTAZIONE DI UNA GESTIONE EFFICIENTE Tutti i laboratori di informatica, come la gran parte delle postazioni LIM, sono stati convertiti

Dettagli

20.4 Installazione di programmi già compilati

20.4 Installazione di programmi già compilati Applicativi distribuiti in forma sorgente o compilata 235 20.2 Fasi tipiche di una compilazione e installazione I pacchetti più comuni si compilano e si installano con tre semplici operazioni. $./configure

Dettagli

Xerox 700 Digital Color Press con Integrated Fiery Color Server. Stampa da Windows

Xerox 700 Digital Color Press con Integrated Fiery Color Server. Stampa da Windows Xerox 700 Digital Color Press con Integrated Fiery Color Server Stampa da Windows 2008 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione

Dettagli

cambiare utente mediante il comando su verificare chi siete e su che dir state lavorando Chi siete e che dir? (Inserisci la risposta)

cambiare utente mediante il comando su verificare chi siete e su che dir state lavorando Chi siete e che dir? (Inserisci la risposta) Collegamento al server LINUX Segui le seguenti istruzioni per accedere al server LINUX. Da WINDOWS Lancia telnet dalla riga di comando telnet 10.15.1.5, 10.15.1.12, 10.15.1.18, 10.15.1.23 aula boole telnet

Dettagli

Server Galileo. http://galileo.dmi.unict.it/

Server Galileo. http://galileo.dmi.unict.it/ Server Galileo http://galileo.dmi.unict.it/ Gestione progetti Wiki Subversion Iscrizione a Galileo Per registrarsi è sufficiente iscriversi da questa pagina: https://galileo.dmi.unict.it/iscrizioni/ L'account

Dettagli

GCompris. Questo software è rilasciato sotto licenza GPL ed è un pacchetto ufficiale GNU, gira su diversi sistemi operativi Linux e sotto Windows.

GCompris. Questo software è rilasciato sotto licenza GPL ed è un pacchetto ufficiale GNU, gira su diversi sistemi operativi Linux e sotto Windows. GCompris Una suite per piccoli utenti GCompris è un pacchetto di applicazioni educational che propone diverse attività per bambini da 2 a 10 anni In francese GCompris si pronuncia j ai compris che significa

Dettagli

Fiery Color Server per Xerox DocuColor 242/252/260. Stampa da Mac OS

Fiery Color Server per Xerox DocuColor 242/252/260. Stampa da Mac OS Fiery Color Server per Xerox DocuColor 242/252/260 Stampa da Mac OS 2007 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato

Dettagli

Guida di avvio. UNIX o Linux. Versione documento 1.0

Guida di avvio. UNIX o Linux. Versione documento 1.0 Guida di avvio UNIX o Linux Versione documento 1.0 Informazioni sulla guida Questa guida spiega come eseguire le seguenti operazioni su un singolo computer con sistema operativo UNIX:! installazione di

Dettagli

PAD: istruzioni di laboratorio

PAD: istruzioni di laboratorio PAD: istruzioni di laboratorio Alberto Cappadonia Emanuele Cesena Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Per cominciare a lavorare effettuare il logon con la matricola (sxxxxxx) pagina del

Dettagli

Installare software Linux. Gruppo Linux Macerata - Corso Linux 2011 - Lez. 5: Installazione dei software Linux

Installare software Linux. Gruppo Linux Macerata - Corso Linux 2011 - Lez. 5: Installazione dei software Linux Installare software Linux Cosa serve? LINUX UN SISTEMA DI INSTALLAZIONE INTERNET Questo OGGI LUGLIO 2011 Anni fa invece... LUGLIO 1990 installare software libero* voleva dire: * Il termine opensource nascerà

Dettagli

Mosè Giordano. target : dependencies... commands... Introduzione ai Makefile per compilare documenti LATEX. g u It

Mosè Giordano. target : dependencies... commands... Introduzione ai Makefile per compilare documenti LATEX. g u It Mosè Giordano target : dependencies... commands... Introduzione ai Makefile per compilare documenti LATEX b g u It Gruppo Utilizzatori b b Italiani di b TEX v.1.0 del 2012/12/19 Note su questa guida Quest

Dettagli

Sophos Deployment Packager guida per utenti. Versione prodotto: 1.2

Sophos Deployment Packager guida per utenti. Versione prodotto: 1.2 Sophos Deployment Packager guida per utenti Versione prodotto: 1.2 Data documento: settembre 2014 Sommario 1 Informazioni sulla guida...3 2 Deployment Packager...4 2.1 Problemi noti e limiti del Deployment

Dettagli

In aggiunta si richiede che il server sia in grado di inviare correttamente le email da terminale e abbia un accesso costante a internet.

In aggiunta si richiede che il server sia in grado di inviare correttamente le email da terminale e abbia un accesso costante a internet. Rkhunter è un programma cacciatore di Rootkit in grado di funzionare su sistemi Linux, BSD, Solaris e *NIX. L'installazione e l'uso sono semplici, ma la documentazione non descrive operativamente la fase

Dettagli

Il sistema operativo UNIX/Linux. Gli script di shell

Il sistema operativo UNIX/Linux. Gli script di shell Il sistema operativo UNIX/Linux Gli script di shell Introduzione Le shell permettono La gestione di comandi su linea di comando La shell comprende automaticamente quando il costrutto termina e lo esegue

Dettagli

IBM SPSS Modeler Social Network Analysis 15 - Guida all installazione e configurazione

IBM SPSS Modeler Social Network Analysis 15 - Guida all installazione e configurazione IBM SPSS Modeler Social Network Analysis 15 - Guida all installazione e configurazione Nota: Prima di utilizzare queste informazioni e il relativo prodotto, leggere le informazioni generali disponibili

Dettagli

Completamento installazione

Completamento installazione I.S. Sobrero Dipartimento di Informatica Completamento installazione install.linux@home 1 I gestori dei pacchetti Vi sono due alternative con Ubuntu: Synaptic, in modalità grafica; Advanced Packaging Tool

Dettagli

1. INSTALLAZIONE DEL PACCHETTO MS4W

1. INSTALLAZIONE DEL PACCHETTO MS4W autore del documento: Massimiliano Cannata data del documento: 13/12/2005 1. INSTALLAZIONE DEL PACCHETTO MS4W Il pacchetto ms4w si può scaricare dal sito Web: http://www.maptools.org/ms4w/index.phtml

Dettagli

Installazione Pacchetti Alternativi

Installazione Pacchetti Alternativi Alcuni Pacchetti base :Installa da Synaptic gstreamer0.10-gnonlin gstreamer0.10-plugins-farsight lame lame-extras libdvdcss2 libdvdnav4 libxine1 libxine1-all-plugins totem-xine ubuntu-restricted-extras

Dettagli

Pillole di Bazaar. user manual

Pillole di Bazaar. user manual Pillole di Bazaar user manual consolidata pubblica v.1.0 del 20 ott 2009 autori: luciano de falco alfano Sommario Sommario...1 Obiettivi e contesto...1 Un esempio di flusso di lavoro...2 Un po' di terminologia...3

Dettagli

Fabio Zanasi. 12 maggio 2010

Fabio Zanasi. 12 maggio 2010 Figura: 1 / 26 12 maggio 2010 Cos è? è un sistema di controllo delle versioni (version control system). è un software open-source per ambienti Unix, Windows, OS-X. è lo strumento ideale per gestire il

Dettagli

GNU/Linux 101. intro to system administration. SaLUG! @ Manifatture KNOS 22 Gennaio 2015. This work is licensed under a

GNU/Linux 101. intro to system administration. SaLUG! @ Manifatture KNOS 22 Gennaio 2015. This work is licensed under a GNU/Linux 101 intro to system administration SaLUG! @ Manifatture KNOS 22 Gennaio 2015 This work is licensed under a Creative Commons by-nc-sa 4.0 International License by ALCA Società Cooperativa About

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO GUIDA OPERATIVA Installazione del lettore di Smart Card e del software per la firma digitale e cifratura in Linux Ubuntu, Fedora e Red Hat INDICE 1. Premessa...2 2. Installare driver, librerie e software

Dettagli

LINUX - *** KIT DI MINIMA SOPRAVVIVENZA *** - UNIX - v0.05 -

LINUX - *** KIT DI MINIMA SOPRAVVIVENZA *** - UNIX - v0.05 - LINUX - *** KIT DI MINIMA SOPRAVVIVENZA *** - UNIX - v0.05 - Created by GT, 28/10/2002 l.r. bycg, 14/11/2005 1 - INFORMAZIONE SUI FILES ls : lista i files presenti nel direttorio dove ci si trova, in ordine

Dettagli

FileMaker Pro 13. Guida alla configurazione dell installazione in rete

FileMaker Pro 13. Guida alla configurazione dell installazione in rete FileMaker Pro 13 Guida alla configurazione dell installazione in rete 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti

Dettagli

Intel One Boot Flash Update Utility Guida dell utente

Intel One Boot Flash Update Utility Guida dell utente Intel One Boot Flash Update Utility Guida dell utente Informazioni legali La Guida dell utente Intel One Boot Flash Update Utility, e il software in essa descritto sono forniti in licenza e possono essere

Dettagli

III.2 Come condividere risultati

III.2 Come condividere risultati III.2 Come condividere risultati Università di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Insegnamento di Informatica Ottobre 6, 2015 Argomenti 1 Di cosa si tratta Tipologie 2 Ai fine del progetto Comandi

Dettagli

Fiery EXP8000/50 Color Server. Stampa da Windows

Fiery EXP8000/50 Color Server. Stampa da Windows Fiery EXP8000/50 Color Server Stampa da Windows 2007 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto

Dettagli

Fiery Network Controller per DocuColor 242/252/260. Stampa da Windows

Fiery Network Controller per DocuColor 242/252/260. Stampa da Windows Fiery Network Controller per DocuColor 242/252/260 Stampa da Windows 2007 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato

Dettagli

L indispensabile sulla gestione dei pacchetti Debian

L indispensabile sulla gestione dei pacchetti Debian L indispensabile sulla gestione dei pacchetti Debian Daniele Venzano 20 dicembre 2003 Indice 1 Introduzione 2 1.1 Informazioni sul Copyright.............................. 2 1.2 Registro delle modifiche................................

Dettagli

Se state utilizzando la shell bash, ovvero la shell di riferimento per questo manuale, il terminale visualizzerà il seguente output:

Se state utilizzando la shell bash, ovvero la shell di riferimento per questo manuale, il terminale visualizzerà il seguente output: CAPITOLO 5 LA SHELL BASH Pietro Buffa Con questo capitolo comincia il nostro viaggio nel mondo delle Command Line Interface (CLI), ovvero le interfacce testuali a linea di comando tipiche dei sistemi UNIX

Dettagli

CONFIGURAZIONE ACER TRAVELMATE C300 TABLET PC UBUNTU 8.04

CONFIGURAZIONE ACER TRAVELMATE C300 TABLET PC UBUNTU 8.04 CONFIGURAZIONE ACER TRAVELMATE C300 TABLET PC UBUNTU 8.04 Riporto qui di seguito i passaggi per configurare correttamente, sotto Ubuntu 8.04, le funzioni tablet pc sul portatile Acer Travelmate C300. Questa

Dettagli

Installare e configurare Apache, PHP, MySQL e PHPMyAdmin su OS X Lion 10.7

Installare e configurare Apache, PHP, MySQL e PHPMyAdmin su OS X Lion 10.7 Installare e configurare Apache, PHP, MySQL e PHPMyAdmin su OS X Lion 10.7 Luigi Maggio Personal web portforlio: www.luigimaggio.altervista.org Indirizzo e- mail: luis_may86@libero.it Installare e configurare

Dettagli

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica GLI SCRIPT DI SHELL Lucidi a cura di B.De Carolis Shell Unix - Linux comandi Interfaccia di alto livello tra utente e SO. Il processore interpreta e mette in esecuzione comandi da: 1) standard input o

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

3 Come Configurare il Vostro Server per lanciare Programmi Java CGI (forma abbreviata) 5

3 Come Configurare il Vostro Server per lanciare Programmi Java CGI (forma abbreviata) 5 Java CGI HOWTO di David H. Silber dhs@orbits.com v0.4, 18 Novembre 1996 Questo HOWTO spiega come configurare il vostro server per accogliere programmi CGI scritti in Java e come utilizzare Java per scrivere

Dettagli

MINI GUIDA AI COMANDI PIU' USATI PER I NOSTRI STB

MINI GUIDA AI COMANDI PIU' USATI PER I NOSTRI STB MINI GUIDA AI COMANDI PIU' USATI PER I NOSTRI STB Da usare in una sessione di Telnet o con Putty Cambio Password: Note: Minimo 5 e Massimo 8 Caratteri, lettere maiuscole/minuscole e o numeri. La password

Dettagli

Rsync su GNU/Linux e su Windows? (Backup sincronizzato su disco di rete e/o RAID1 su server FreeNAS)

Rsync su GNU/Linux e su Windows? (Backup sincronizzato su disco di rete e/o RAID1 su server FreeNAS) Rsync su GNU/Linux e su Windows? (Backup sincronizzato su disco di rete e/o RAID1 su server FreeNAS) Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 Gennaio 2011 rsync è un software per Unix

Dettagli

È richiesta la connessione a internet per i componenti software necessari.

È richiesta la connessione a internet per i componenti software necessari. Toolchain per ARM in ambiente GNU/Linux Stefano Salvatori - marzo 2013 Introduzione Nella guida che segue verrà presentata la procedura d'installazione di una toolchain completa per microcontrollori basati

Dettagli

Apache Webserver. Piccola introduzione all'installazione ed alla configurazione, a cura di: Alessandro Gervaso

Apache Webserver. Piccola introduzione all'installazione ed alla configurazione, a cura di: Alessandro Gervaso Apache Webserver Piccola introduzione all'installazione ed alla configurazione, a cura di: Alessandro Gervaso Cos'è Apache? Dal sito http://httpd.apache.org: The Apache HTTP Server Project is an effort

Dettagli

Portabilità e distribuzione del codice GNU/Linux. Lezione del 16 Ottobre 2009

Portabilità e distribuzione del codice GNU/Linux. Lezione del 16 Ottobre 2009 Portabilità e distribuzione del codice GNU/Linux Lezione del 16 Ottobre 2009 GNU Build System Obiettivi Portabilità e distribuzione del codice Use cases Punto di vista dell'utente Processo (semplificato)

Dettagli

Xerox 700 Digital Color Press con Integrated Fiery Color Server. Stampa da Mac OS

Xerox 700 Digital Color Press con Integrated Fiery Color Server. Stampa da Mac OS Xerox 700 Digital Color Press con Integrated Fiery Color Server Stampa da Mac OS 2008 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione

Dettagli

Creazione di un archivio storico. locale e remoto. nelle 24 ore giornaliere

Creazione di un archivio storico. locale e remoto. nelle 24 ore giornaliere Creazione di un archivio storico locale e remoto nelle 24 ore giornaliere Sommario Prefazione... 2 Procedura... 3 Comandi file batch... 5 Creazione Archivio Globale... 6 Cancellazione e creazione foto

Dettagli

TS-CNS. Tessera Sanitaria Carta Nazionale dei Servizi. Manuale di installazione e configurazione. Versione 04.00 del 05.09.2014

TS-CNS. Tessera Sanitaria Carta Nazionale dei Servizi. Manuale di installazione e configurazione. Versione 04.00 del 05.09.2014 TS-CNS Tessera Sanitaria Carta Nazionale dei Servizi Versione 04.00 del 05.09.2014 - Sistema operativo Linux - Carte tipo Siemens Per conoscere tutti i servizi della TS CNS visita il sito: www.regione.sardegna.it/tscn

Dettagli

COPIARE FILE E DIRECTORY

COPIARE FILE E DIRECTORY COPIARE FILE E DIRECTORY Creiamo il file prova2.txt nella directory prove: touch prova2.txt Fare una copia del file prova1.txt assegnando il nome copia1bis.txt cp prova1.txt copia1bis.txt Se vogliamo che

Dettagli

Introduzione ecos. Agenda. Giovanni Perbellini

Introduzione ecos. Agenda. Giovanni Perbellini Introduzione ecos Giovanni Perbellini Agenda Introduzione ecos Toolchain Download codice sorgente Binutils GCC/G++ Newlib GDB/Insight Compilazione toolchain Selezione Target Compilazione ecos Configtool

Dettagli

COMANDI PER VI. Se voglio impostare come editor predefinito VI, nella bash scrivo il seguente comando: export EDITOR= vim

COMANDI PER VI. Se voglio impostare come editor predefinito VI, nella bash scrivo il seguente comando: export EDITOR= vim COMANDI PER VI Ci sono due modalità: COMANDI e INSERIMENTO. La modalità COMANDI [Esc] serve per eseguire i comandi all interno dell editor, mentre la modalità INSERIMENTO [Esc i] serve per scrivere. Per

Dettagli

Indice. 1.13 Configurazione di PHP 26 1.14 Test dell ambiente di sviluppo 28

Indice. 1.13 Configurazione di PHP 26 1.14 Test dell ambiente di sviluppo 28 Indice 25 184 Introduzione XI Capitolo 1 Impostazione dell ambiente di sviluppo 2 1.1 Introduzione ai siti Web dinamici 2 1.2 Impostazione dell ambiente di sviluppo 4 1.3 Scaricamento di Apache 6 1.4 Installazione

Dettagli

Xerox EX Print Server, Powered by Fiery, per Xerox 700 Digital Color Press. Stampa da Mac OS

Xerox EX Print Server, Powered by Fiery, per Xerox 700 Digital Color Press. Stampa da Mac OS Xerox EX Print Server, Powered by Fiery, per Xerox 700 Digital Color Press Stampa da Mac OS 2008 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente

Dettagli

Accesso alle risorse del laboratorio informatico del Dipartimento di Matematica

Accesso alle risorse del laboratorio informatico del Dipartimento di Matematica Accesso alle risorse del laboratorio informatico del Dipartimento di Matematica Marco Liverani 26 settembre 2012 Il laboratorio informatico del Dipartimento di Matematica mette a disposizione degli studenti

Dettagli

La presente guida vuole essere un'introduzione alle principali operazioni di manutenzione e pulizia del sistema.

La presente guida vuole essere un'introduzione alle principali operazioni di manutenzione e pulizia del sistema. PulireUbuntu Introduzione La presente guida vuole essere un'introduzione alle principali operazioni di manutenzione e pulizia del sistema. Boot-Up Manager e processi Molti dei servizi lanciati automaticamente

Dettagli

Guida dell utilizzatore

Guida dell utilizzatore I Software di gestione dei dati musicali Data Manager 6.0 Guida dell utilizzatore Usare questo manuale unitamente alla Guida dell utilizzatore fornita con lo strumento. DM6-I-1A Indice Introduzione...4

Dettagli

WGDESIGNER Manuale Utente

WGDESIGNER Manuale Utente WGDESIGNER Manuale Utente Pagina 1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 1.1 Requisiti hardware e software... 3 2 Configurazione... 3 3 Installazione... 4 3.1 Da Webgate Setup Manager... 4 3.2 Da pacchetto autoestraente...

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Operativi Progetto d Esame AA 2010/11

Laboratorio di Sistemi Operativi Progetto d Esame AA 2010/11 Laboratorio di Sistemi Operativi Progetto d Esame AA 2010/11 Versione 1.0 Corso di Laurea in Informatica Applicata Maggio 2011 1 Introduzione Oltre ad un compito scritto, che copre il modulo teorico, il

Dettagli

Craccare reti WiFi senza fatica (versione per

Craccare reti WiFi senza fatica (versione per sicurezza.html.it ORIGINAL PAGE Craccare reti WiFi senza fatica (versione per la stampa) Articoli Sicurezza Craccare reti WiFi senza fatica Aircrack-NG è la più famosa suite di software dedicati al cracking

Dettagli

Funzionamento del protocollo FTP

Funzionamento del protocollo FTP Alunno:Zamponi Claudio Numero matricola:4214118 Corso: Ingegneria Informatica Funzionamento del protocollo FTP L'FTP, acronimo di File Transfert Protocol (protocollo di trasferimento file), è uno dei protocolli

Dettagli

Università degli Studi di Verona. Dipartimento di Biotecnologie. BreveguidaLinux. Ottobre 2014 - Sergio Marin Vargas

Università degli Studi di Verona. Dipartimento di Biotecnologie. BreveguidaLinux. Ottobre 2014 - Sergio Marin Vargas Università degli Studi di Verona Dipartimento di Biotecnologie Biologia molecolare Laboratorio di Bioinformatica II BreveguidaLinux Ottobre 2014 - Sergio Marin Vargas Caratteristiche di Linux Nel 1991,

Dettagli

Introduzione alla. Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1

Introduzione alla. Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1 Introduzione alla Shell di UNIX Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1 Composizione di un sistema informativo: Hardware (CPU, periferiche,

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux)

Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux) Modulo Uso del computer e gestione dei file (Sistema operativo Linux) Modulo - Uso del computer e gestione dei file, richiede che il candidato dimostri di possedere conoscenza e competenza nell uso delle

Dettagli

Il web server Apache Lezione n. 3. Introduzione

Il web server Apache Lezione n. 3. Introduzione Procurarsi ed installare il web server Apache Introduzione In questa lezione cominciamo a fare un po di pratica facendo una serie di operazioni preliminari, necessarie per iniziare a lavorare. In particolar

Dettagli