Linguaggi di programmazione II AA 2010/2011 Esercitazione 2

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linguaggi di programmazione II AA 2010/2011 Esercitazione 2"

Transcript

1 Linguaggi di programmazione II AA 2010/2011 Esercitazione 2 1) Scrivere l'output del seguente programma Java public class Bean private String str; Bean(String str ) this.str = str; public String tostring() return str; import java.util.hashset; public class CollClient public static void main(string... sss) HashSet mymap = new HashSet(); String s1 = new String("bla"); String s2 = new String("bla"); Bean s3 = new Bean("blabla"); Bean s4 = new Bean("blabla"); mymap.add(s1); mymap.add(s2); mymap.add(s3); mymap.add(s4); System.out.println(myMap); 2) Scrivere l'output del seguente programma Java public class Test public static void main(string[] s) Integer i1 = new Integer(2); Integer i2 = new Integer(2); System.out.println(i1 == i2); Integer j1 = 2; Integer j2 = 2; System.out.println(j1 == j2); 3) Completare il seguente codice affinché compili correttamente, sostituendo al commento /* qui */ una notazione opportuna import java.util.arraylist; import java.util.list; public class test public static void main(string[] args) Linguaggi di Programmazione II -ESERCITAZIONE 2 1

2 List</* qui */> InstrumentsList = new ArrayList<Instrument>(); InstrumentsList.add(new Guitar()); InstrumentsList.add(new Piano()); interface Instrument public void play(); class Guitar implements Instrument public void play() System.out.println("Playing Guitar"); class Piano implements Instrument public void play() System.out.println("Playing Piano"); 4) Dire se il seguente programma Java viene compilato ed eseguito correttamente (OK), viene compilato ma da errore a run time (ER), non viene compilato (EC) import java.util.*; class Test public static void main(string [] args) TreeSet valori = new TreeSet<String>(); vals.add("uno"); vals.add(2); vals.add( tre ); System.out.println(vals); 5) Si considerino le seguenti classi interface Morra public void fight(object opponent); class Pietra implements Morra public void fight(object opponent) if (opponent instanceof Morra) Morra o=(morra)opponent; if (opponent instanceof Pietra) System.out.println("Pietra e Pietra pari"); else if (opponent instanceof Forbice) System.out.println("Pietra rompe Forbice"); else if (opponent instanceof Carta) System.out.println("Pietra è avvolta da Carta"); else System.out.println("scontro impossibile"); class Forbice implements Morra public void fight(object opponent) if (opponent instanceof Morra) Linguaggi di Programmazione II -ESERCITAZIONE 2 2

3 Morra o=(morra)opponent; if (opponent instanceof Pietra) System.out.println("Forbice è rotta da Pietra"); else if (opponent instanceof Forbice) System.out.println("Forbice e Forbice pari"); else if (opponent instanceof Carta) System.out.println("Forbice taglia Carta"); else System.out.println("scontro impossibile"); class Carta implements Morra public void fight(object opponent) if (opponent instanceof Morra) Morra o=(morra)opponent; if (opponent instanceof Pietra) System.out.println("Carta avvolge Pietra"); else if (opponent instanceof Forbice) System.out.println("Carta viene taglia da Forbice"); else if (opponent instanceof Carta) System.out.println("Carta e Carta pari"); else System.out.println("scontro impossibile"); public static void main(string args[]) int x = (int)(math.random() * 3); Morra m1,m2; if (x == 1) m1=new Forbice(); if (x == 2) m1=new Pietra(); else m1=new Carta(); int y = (int)(math.random() * 3); if (y == 1) m2=new Forbice(); if (y == 2) m2=new Pietra(); else m2=new Carta(); m1.fight(m2); modificare il codice in modo da nascondere la creazione del tipo di morra nel codice main mediante una applicazione del pattern factory 6) Si consideri la seguente classe Card class Card Card (String seed, int value) this.seed=seed; this.value=value; String seed; int value; public boolean equals (Object o) Linguaggi di Programmazione II -ESERCITAZIONE 2 3

4 if (o==null) return false; if (o instanceof Card) Card c=(card)o; if (c.seed.equals(seed) && c.value==value) return true; return false; public int hashcode() return 3*seed.hashCode()+7*value; public String tostring() return "Card["+seed+","+value+"]"; Si scriva una classe Java detta carddeck che rappresenti un mazzo di carte di un solo seme (es Hearths), con valori compresi tra 1 e 13, con metodi in grado di mischiare le carte (invertire casualmente l'ordine), e di ordinare il mazzo di carte. Si utilizzino vantaggiosamente le classi della Java Collection Framework 7) Considerando la classe card dell'esercizio precedente, scrivere una classe cardhand che rappresenta una mano di carte distribuita ai giocatori nel corso di una partita. La classe deve essere dotata di un metodo compareto che stabilisce quando una mano è vincente sull'altra restituendo un valore positivo nel caso è vincente, 0 se sono pari, un valore negativo se è perdente. Utilizzare vantaggiosamente le classe della Java Collection Framwork 8) Considerando un metodo dichiarato nel seguente modo: public static <E extends Number> List<E> processlist(list<e> nums) /* 1 */ /* 2 */ output = processlist(input); Scrivere due dichiarazioni necessarie in luogo dei commenti /* 1 / e / 2 */ affinché il codice compili correttamente Linguaggi di Programmazione II -ESERCITAZIONE 2 4

5 RISPOSTE 1) [blabla, blabla, bla] 2) false true O false NEL PRIMO CASO GLI OGGETTI SONO SICURAMENTE DIVERSI, NEL SECONDO CASO DIPENDE DALL'IMPLEMENTAZIONE 3) Instrument 4)ER java.lang.classcastexception: java.lang.string cannot be cast to java.lang.integer 5) class MorraFactory Morra getmorra() Morra m; int x = (int)(math.random() * 3); if (x == 1) m=new Forbice(); if (x == 2) m=new Pietra(); else m=new Carta(); return m; Morra m1,m2; MorraFactory MF=new MorraFactory(); m1=mf.getmorra(); m2=mf.getmorra(); m1.fight(m2); 6)class carddeck public ArrayList<Card> cards; public carddeck() cards.clear(); cards.add(new Card("Clubs",1)); cards.add(new Card("Clubs",2)); cards.add(new Card("Clubs",3)); cards.add(new Card("Clubs",4)); cards.add(new Card("Clubs",5)); cards.add(new Card("Clubs",6)); cards.add(new Card("Clubs",7)); cards.add(new Card("Clubs",8)); cards.add(new Card("Clubs",9)); cards.add(new Card("Clubs",10)); cards.add(new Card("Clubs",11)); cards.add(new Card("Clubs",12)); cards.add(new Card("Clubs",13)); public void Shuffle() java.util.collections.shuffle(cards);... carddeck c=new carddeck(); System.out.println(c.cards.toString()); c.shuffle(); System.out.println(c.cards.toString()); 7) METODO IN public int compareto(object o) Card d = (Card) o; return (int)(value-d.value); class cardhand Linguaggi di Programmazione II -ESERCITAZIONE 2 5

6 public ArrayList<Card> cards; public int compareto(object opponent) //== LE MANI DOVREBBERO ESSERE DELLO STESSO NUMERO DI CARTE //== e' accettabile non ocntrollare l'istanza dell'opponent? cardhand c=(cardhand)opponent; Collections.sort(cards); Collections.sort(c.cards); int compare=cards.size()-c.cards.size(); if (compare!=0) return compare; int i=0; while (compare==0 && i<cards.size()) compare=cards.get(i).compareto(c.cards.get(i)); return compare; 8) ArrayList<Integer> input=null; List<Integer> output = null; Oppure List<Number> input = null; List<Number> output = null; Oppure List<Integer> input = null; List<Integer> output = null; Linguaggi di Programmazione II -ESERCITAZIONE 2 6

Corso Linguaggi di programmazione II - Unina Esercitazione (prova intercorso)

Corso Linguaggi di programmazione II - Unina Esercitazione (prova intercorso) 1) Si considerino le classi Java: Corso Linguaggi di programmazione II - Unina Esercitazione (prova intercorso) class Card Card (String seed, int value) this.seed=seed; this.value=value; String seed; int

Dettagli

Collezioni, mappe e iteratori (a cura del Prof. Marco Patella)

Collezioni, mappe e iteratori (a cura del Prof. Marco Patella) , mappe e iteratori (a cura del Prof. Marco Patella) 1 Introduzione al Java Collections Framework Una collezione (o contenitore) consente di organizzare e gestire un gruppo di oggetti collezioni (vere

Dettagli

Ricerca e ordinamento su array di oggetti. Corso di Programmazione 2 Esercitazione 5

Ricerca e ordinamento su array di oggetti. Corso di Programmazione 2 Esercitazione 5 Ricerca e ordinamento su array di oggetti Corso di Programmazione 2 Esercitazione 5 Sommario Ricercare in array di oggetti Interfaccia comparable Ordinare array di oggetti Problema Come ordinare, ricercare

Dettagli

Introduzione Generics Iteratori. Collezioni in Java. Dr. Giulio Pellitta. 13 aprile 2011

Introduzione Generics Iteratori. Collezioni in Java. Dr. Giulio Pellitta. 13 aprile 2011 13 aprile 2011 Cos è una collezione? Gerarchia delle collezioni Introduzione Una collezione è semplicemente un oggetto che raggruppa più oggetti (detti elementi della collezione) in una singola unità.

Dettagli

# $ $ A.A. 2006/07 Tutor: Daniele Tiles &== ? &7$ %% & '( ) * + $, $ $ -' %./, $ * $ $ 7 5 &7 2$ $ $ 3&4&&&

# $ $ A.A. 2006/07 Tutor: Daniele Tiles &== ? &7$ %% & '( ) * + $, $ $ -' %./, $ * $ $ 7 5 &7 2$ $ $ 3&4&&& ! A.A. 2006/07 Tutor: Daniele Tiles daniele.tiles@studio.unibo.it # $ $ %% & '( ) * + $, $ $ -' %./, 01 5 6 $ * $ $ 7 5 &7 2$ $ $ 3&4&&& 5 +8$ 9%: 5 6;< &&$ $ &== 1&:+$!*? &7$ $ @$ 1&&# &A1+ $ $ $, $,

Dettagli

public static boolean occorre (int[] a, int n) { int i = 0; boolean trovato = false;

public static boolean occorre (int[] a, int n) { int i = 0; boolean trovato = false; Metodi iterativi con array monodimensionali 1. Scrivere un metodo che, dato un array di interi a, restituisce il valore minimo in a. public static int minimo (int[] a) { int min = a[0]; for (int i=1; i

Dettagli

Collezioni. (a cura del Prof. Marco Patella)

Collezioni. (a cura del Prof. Marco Patella) (a cura del Prof. Marco Patella) 1 Introduzione al Java Collections Framework Una collezione (o contenitore) consente di organizzare e gestire un gruppo di oggetti collezioni (vere e proprie) mappe implementate

Dettagli

Programmazione 2 - Marco Ronchetti. Fondamenti di Java. Fac.Scienze Università di Trento. hashcode

Programmazione 2 - Marco Ronchetti. Fondamenti di Java. Fac.Scienze Università di Trento. hashcode 1 Fondamenti di Java hashcode 2 equals e hashcode Programmers should take note that any class that overrides the Object.equals method must also override the Object.hashCode method in order to satisfy the

Dettagli

Polimorfismo parametrico vs polimorfismo per inclusione

Polimorfismo parametrico vs polimorfismo per inclusione Polimorfismo parametrico vs polimorfismo per inclusione Esercizio Definire il tipo di dato Stack con operazioni Push( element ) Pop() Non forzare una specifica implementazione Non forzare un tipo specifico

Dettagli

Esempi in Java di program.ne O-O

Esempi in Java di program.ne O-O Esempi in Java di program.ne O-O Ereditarietà Polimorfismo statico e dinamico Esercitazione laboratorio Interfaccia Comparable e Comparator 1 Gerarchia di ereditarietà Persona IS_A Docente Studente Tecnico

Dettagli

Bank. Bank. BankAccount. Bank. Bank. private BankAccount[] conti; // Posizione attuale private int posizioneattuale;...

Bank. Bank. BankAccount. Bank. Bank. private BankAccount[] conti; // Posizione attuale private int posizioneattuale;... Bank BankAccount Bank Bank Bank BankAccount private BankAccount[] conti; // Posizione attuale private int posizioneattuale;... Bank Bank public Bank(String nome, String internationalcode, int dimensione)

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro

Laboratorio di Programmazione Lezione 2. Cristian Del Fabbro Laboratorio di Programmazione Lezione 2 Cristian Del Fabbro Prossima lezione GIOVEDÌ 29 OTTOBRE 14:00 Input da tastiera package input; import java.io.*; public class Input { public static void main(string[]

Dettagli

Il linguaggio Java: aggiunte in Java 1.5

Il linguaggio Java: aggiunte in Java 1.5 .. Il linguaggio Java: aggiunte in Java 1.5 Una breve presentazione GENERICI Java 1.5 introduce i generici: classi che hanno un parametro di tipo. Nelle versioni precedenti a Java 1.5 si può definire:

Dettagli

Programmazione II Compitino (Vers. B)

Programmazione II Compitino (Vers. B) Programmazione II Compitino (Vers. B) 17 dicembre 2015 Cognome Jackson Nome Michael Matricola 696969 Anno di corso 1 Nei seguenti quesiti, quando vi è richiesto di scrivere un programma, potete limitarvi

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 11 luglio 2014 Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 11 luglio 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli esercizi

Dettagli

STRUTTURE DATI: OLTRE GLI ARRAY LISTE

STRUTTURE DATI: OLTRE GLI ARRAY LISTE STRUTTURE DATI: OLTRE GLI ARRAY le strutture dati progettate per ospitare una collezione di elementi, sono variazioni di array Ma l'array ha dimensione fissa anche in Java determinata a priori, in linguaggi

Dettagli

Esercitazione 15. Il problema dello Sleeping Barber

Esercitazione 15. Il problema dello Sleeping Barber Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2001/2002 Sistemi Operativi Corsi A e B Esercitazione 15 Il problema dello Sleeping Barber E dato un salone di barbiere,

Dettagli

18 - Vettori. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

18 - Vettori. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 18 - Vettori Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://pages.di.unipi.it/milazzo milazzo di.unipi.it Corso di

Dettagli

Esempio: Interfacce. Gioco Interfacce

Esempio: Interfacce. Gioco Interfacce Esempio: Interfacce 1 Descrizione Si supponga di avere delle carte da gioco. Ogni carta rappresenta un Personaggio che può essere di tipo o Umano o Mostro. Un Personaggio di tipo Umano ha una forza fisica

Dettagli

Esempio: Interfacce. Gioco Interfacce

Esempio: Interfacce. Gioco Interfacce Esempio: Interfacce 1 Descrizione Si supponga di avere delle carte da gioco. Ogni carta rappresenta un Personaggio che può essere di tipo o Umano o Mostro. Un Personaggio di tipo Umano ha una forza fisica

Dettagli

INFORMATICA GRAFICA - FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Civile - Edile/Architettura Dott. Penzo SOLUZIONE PROVA SCRITTA DEL 16/09/2002.

INFORMATICA GRAFICA - FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Civile - Edile/Architettura Dott. Penzo SOLUZIONE PROVA SCRITTA DEL 16/09/2002. INFORMATICA GRAFICA - FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. Civile - Edile/Architettura Dott. Penzo SOLUZIONE PROVA SCRITTA DEL 16/09/2002 Esercizio 4) import fiji.io.simplereader; class Programma{ public static

Dettagli

Laboratorio di Programmazione 1 [Java]

Laboratorio di Programmazione 1 [Java] Laboratorio di Programmazione 1 [Java] Prova di esame - 26 Gennaio 2011 Tempo massimo: 50 minuti Si implementino in Java le classi Tavolo e Pizzeria. La classe Tavolo ha i seguenti attributi: nome (una

Dettagli

Esercizi riassuntivi (Fondamenti di Informatica 2 Walter Didimo) Soluzioni

Esercizi riassuntivi (Fondamenti di Informatica 2 Walter Didimo) Soluzioni Esercizi riassuntivi (Fondamenti di Informatica 2 Walter Didimo) Soluzioni Esercizio 1 Dire quale è la complessità temporale del seguente metodo, espressa con notazione asintotica O(.) (con la migliore

Dettagli

La classe Object. Ce li ha anche HelloWorld!!!

La classe Object. Ce li ha anche HelloWorld!!! La classe Object Ogni classe estende implicitamente la classe java.lang.object La classe java.lang.object contiene dei metodi che vengono implicitamente ereditati I metodi ereditati sono: clone equals

Dettagli

Testo di Riferimento (usato nei corsi precedenti)

Testo di Riferimento (usato nei corsi precedenti) Parti II e III 1 Framework Collections in Java: API Java http://java.sun.com/ Generics in Java Tutorial Sun (in inglese) http://java.sun.com/j2se/1.5/pdf/generics-tutorial.pdf Testo di Riferimento (usato

Dettagli

Laboratorio di Programmazione 1 [Java]

Laboratorio di Programmazione 1 [Java] Laboratorio di Programmazione 1 [Java] Prova di esame - 7 Settembre 2010 Tempo massimo: 50 minuti Si implementino in Java le classi Tavolo e Ristorante. La classe Tavolo ha i seguenti attributi: numero

Dettagli

3. un metodo che restituisce l elenco delle matricole di tutti gli studenti del corso;

3. un metodo che restituisce l elenco delle matricole di tutti gli studenti del corso; Un esempio di definizione di classe con array di oggetti Sia data la classe StudUniv per gli studenti universitari (definita in una lezione precedente). Scrivere una nuova classe Corso, dove ciascun corso

Dettagli

Java vs Ocaml. Una prima analisi

Java vs Ocaml. Una prima analisi Java vs Ocaml Una prima analisi Alcune cara6eris7che di Java richiedono una conoscenza de6agliata delle librerie Sistemi di supporto forniscono mol7 strumen7 per programmare con Java (Ecplise è un esempio

Dettagli

Sezione: Upcast - downcast

Sezione: Upcast - downcast 1 Sezione: Upcast - downcast Upcast & downcast 2 public class Test { public static void main(string a[]) { new Test(); Test() { A a; cast B b = new B(); OK: upcast implicito a=b; NO: "method f2 not found

Dettagli

Esercitazione di lunedì - TUTTE LE MATRICOLE -

Esercitazione di lunedì - TUTTE LE MATRICOLE - 1 Esercitazione di lunedì - TUTTE LE MATRICOLE - 2 Pre-esercitazione - Prova a fare il primo esercizio guidato in modo da riprendere le fila del discorso fatto a lezione su come strutturare un progetto.

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Dispensa E04 Esercizi sui problemi di ordinamento C. Limongelli Marzo 2008 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf2/ Algoritmi di Ordinamento

Dettagli

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi:

Programmazione. Cognome... Nome... Matricola... Prova scritta del 22 settembre 2014. Negli esercizi proposti si utilizzano le seguenti classi: Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 22 settembre 2014 TEMPO DISPONIBILE: 2 ore Negli

Dettagli

Programmazione I - Preparazione A.A. 2010/2011

Programmazione I - Preparazione A.A. 2010/2011 Programmazione I - Preparazione A.A. 2010/2011 3 febbraio 2011 Matricola:........................................................................ Cognome:........................................................................

Dettagli

Uguaglianza e copia di oggetti

Uguaglianza e copia di oggetti Uguaglianza e copia di oggetti Sommario 1. Classi Object e Class 2. Uguaglianza superficiale e uguaglianza profonda 3. Copia superficiale e copia profonda 4. Uguaglianza e copia in classi derivate 1 La

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica Esercitazioni di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Corso di Laurea in Ingegneria Informatica ed Automatica Corso

Dettagli

Programmazione distribuita in Java. Socket & Client-Server

Programmazione distribuita in Java. Socket & Client-Server Programmazione distribuita in Java Socket & Client-Server 1 Strumenti per networking Libreria java.net Socket (Astrazione per una presa di comunicazione) Serializzazione Socket Per comunicare si apre una

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a settembre 2012

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a settembre 2012 Cognome Nome Matricola Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2011-12 17 settembre 2012 Testo Il database di un videonoleggio è costituito da due vettori paralleli.

Dettagli

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList 1 ArrayList! Abbiamo detto che gli array non possono cambiare la propria dimensione: il numero di elementi contenuti viene stabilito al momento della creazione

Dettagli

Fondamenti di Informatica I

Fondamenti di Informatica I Sapienza Università di Roma, Facoltà di Ingegneria Corso di Fondamenti di Informatica I Canale 1 (A-K) Anno Accademico 2009-2010 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Docente: Camil Demetrescu Esercitatore:

Dettagli

Metodi statici. Dichiarazione e chiamata di metodi statici

Metodi statici. Dichiarazione e chiamata di metodi statici Metodi statici Dichiarazione e chiamata di metodi statici Cos è un metodo Un metodo è un blocco di istruzioni che fornisce una funzionalità e viene identificato con un nome Può avere dei parametri ed un

Dettagli

Esempio: Tombola! Vogliamo progettare una applicazione che realizza il gioco della tombola Versione semplificata: un banco, un

Esempio: Tombola! Vogliamo progettare una applicazione che realizza il gioco della tombola Versione semplificata: un banco, un Esempio: Tombola! Vogliamo progettare una applicazione che realizza il gioco della tombola Versione semplificata: un banco, un giocatore, ogni giocatore una scheda Ci vengono già fornite le classi necessarie

Dettagli

Reflection in Java. Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2009-2010

Reflection in Java. Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2009-2010 Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2009-2010 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it Reflection in Java 1 Reflection Riflessione

Dettagli

Programmazione. ( a.k.a. Generics )

Programmazione. ( a.k.a. Generics ) Programmazione Parametrica ( a.k.a. Generics ) Programmazione parametrica: introduzione Generics e relationi di sottotipo wildcards generics e vincoli Implementazione di classi e metodi parametrici Supporto

Dettagli

Le basi del linguaggio Java

Le basi del linguaggio Java Le basi del linguaggio Java Compilazione e interpretazione Quando si compila il codice sorgente scritto in Java, il compilatore genera il codice compilato, chiamato bytecode. È un codice generato per una

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

SOLUZIONE. Requisiti. Requisiti (cont.) Requisiti (cont.) Sapienza - Università di Roma Facoltà di Ingegneria

SOLUZIONE. Requisiti. Requisiti (cont.) Requisiti (cont.) Sapienza - Università di Roma Facoltà di Ingegneria Sapienza - Università di Roma Facoltà di Ingegneria Requisiti Corso di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE I (Corso di Laurea in Ingegneria Informatica) Prof. Giuseppe De Giacomo Canali A-L & M-Z A.A. 2006-07 Compito

Dettagli

TIPI PRIMITIVI E CLASSI WRAPPER

TIPI PRIMITIVI E CLASSI WRAPPER I tipi primitivi come oggetti Package java.lang In varie situazioni, può essere comodo poter trattare i tipi primitivi come oggetti per passarli per riferimento a una funzione quando una funzione pretende

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica Esercitazioni di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Corsi di Laurea in Ingegneria Informatica ed Automatica ed Ingegneria

Dettagli

Definizione di classi con array di oggetti

Definizione di classi con array di oggetti Definizione di classi con array di oggetti 1. (Esame scritto del 18/9/2002, Esercizio 6.) La banca dati di un agenzia assicurativa per auto è caratterizzata da un insieme di polizze di assicurazioni per

Dettagli

16 - Ereditarietà, tipi e gerarchie

16 - Ereditarietà, tipi e gerarchie 16 - Ereditarietà, tipi e gerarchie Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo

Dettagli

16 - Ereditarietà, tipi e gerarchie

16 - Ereditarietà, tipi e gerarchie 16 - Ereditarietà, tipi e gerarchie Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://pages.di.unipi.it/milazzo milazzo

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti La classe Object, metodi e classi final, this. Object

Programmazione orientata agli oggetti La classe Object, metodi e classi final, this. Object Programmazione orientata agli oggetti La classe, metodi e classi final, this 1 La classe Negli esempi fatti nella prima parte del corso abbiamo definito alcune classi, per esempio Counter e Orologio, senza

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Classi e relazioni Java

Laboratorio di Sistemi Classi e relazioni Java package carrelloconsoleapp; import javax.swing.imageicon; /* *.java /** * * @author maurizio public class { private String id; private String descrizione; private double prezzo; private int percsconto;

Dettagli

Programmazione 2 - Marco Ronchetti. Fondamenti di Java. Fac.Scienze Università di Trento. Static

Programmazione 2 - Marco Ronchetti. Fondamenti di Java. Fac.Scienze Università di Trento. Static 1 Fondamenti di Java Static 2 Modificatori: static Variabili e metodi associati ad una Classe anziche ad un Oggetto sono definiti static. Le variabili statiche servono come singola variabile condivisa

Dettagli

Cosa sono i Generics?

Cosa sono i Generics? Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it - lezione 13 - Generics in Java 1 Cosa

Dettagli

La classe Object. L2-Linguaggi di Programmazione II-unina 1

La classe Object. L2-Linguaggi di Programmazione II-unina 1 La classe Object L2-Linguaggi di Programmazione II-unina 1 JAVA è dotata di una classe speciale, una classe cosmica, denominata Object Qualsiasi altra classe deriva da Object Object Una variabile di tipo

Dettagli

Introduzione Programmazione Java

Introduzione Programmazione Java Introduzione Programmazione Java Paolo Tomeo paolo.tomeo@poliba.it Regole basilari Java è case sensitive quindi prestare attenzione alle maiuscole Il commento si inserisce con // all'inizio della linea

Dettagli

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009 Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Si sviluppi il codice per la gestione di un parcheggio a pagamento mediante la classe Parcheggio, che ospita le auto rappresentate

Dettagli

Preparazione allo Scritto di Programmazione

Preparazione allo Scritto di Programmazione Preparazione allo Scritto di Programmazione Informatica / Comunicazione Digitale A.A. 2013/2014 1. Una riga di testo è detta numerica se e solo se contiene più cifre che caratteri di altro genere. Ad esempio,

Dettagli

Classi Wrapper. int Integer float Float char Char byte Byte double Double. classe "wrapper"

Classi Wrapper. int Integer float Float char Char byte Byte double Double. classe wrapper 1 Classi Wrapper classe "wrapper" int Integer float Float char Char byte Byte double Double Generano oggetti che hanno come variabile di istanza un tipo di dato primitivo con nome uguale Integer int Float

Dettagli

Esonero del corso di Programmazione a Oggetti

Esonero del corso di Programmazione a Oggetti Esonero del corso di Programmazione a Oggetti Roma, 1 dicembre 2005 Considerate le seguenti definizioni di classi e interfacce in Java: interface Fumetto{ void esclama(); void utile(); class Personaggio

Dettagli

Programmazione 1 A.A. 2015/2016

Programmazione 1 A.A. 2015/2016 Cognome e Nome Matricola Programmazione 1 A.A. 2015/2016 Appello del 16 Dicembre 2015 Compito n 1 Prima parte Esercizio 1 (10 punti) Cosa stampa il seguente frammento di codice Java? int[] A = {3, 8, 91,

Dettagli

Testing. Esempio. Esempio. Soluzione 1. Fondamenti di Informatica T2 Modulo 2. Università di Bologna A.A. 2008/2009. Come fare???

Testing. Esempio. Esempio. Soluzione 1. Fondamenti di Informatica T2 Modulo 2. Università di Bologna A.A. 2008/2009. Come fare??? Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Testing Prima di rilasciare una qualsiasi applicazione/librerie è buona norma effettuare una serie di test opportuni Fondamenti di Informatica T2

Dettagli

Ereditarietà. Ereditarietà. Ereditarietà. Ereditarietà

Ereditarietà. Ereditarietà. Ereditarietà. Ereditarietà L ereditarietà è il meccanismo attraverso cui viene implementata la relazione di specializzazione (is-a). L ereditarietà è il meccanismo attraverso cui una classe (derivata) eredita da un altra classe

Dettagli

Synchronized (ancora)

Synchronized (ancora) Synchronized (ancora) Riscriviamo l esempio di prima. Usiamo una struttura modulare, con una classe Notificatore che ha opportuni metodi. La classe ha due campi privati, la lista buftext e un suo thread.

Dettagli

Esercizio: Lista Circolare

Esercizio: Lista Circolare Esercizio: Lista Circolare Si realizzi in Java un gestore di una lista circolare. La dimensione minima della lista è 2 elementi (ed è anche la dimensione iniziale). La dimensione massima è 20 elementi.

Dettagli

ESERCIZI JAVA. Esercizi sulle Interfacce. Esercizio 1:

ESERCIZI JAVA. Esercizi sulle Interfacce. Esercizio 1: ESERCIZI JAVA Esercizi sulle Interfacce Esercizio 1: Java mette a disposizione un'interfaccia chiamata Comparable. Quando un oggetto implementa questa interfaccia esso può implementare un metodo chiamato

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica - a.a. 2016/ Giugno 2017

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica - a.a. 2016/ Giugno 2017 Cognome Matricola Nome Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica - a.a. 2016/2017 12 Giugno 2017 Testo Il database del sistema di gestione delle prenotazioni dei voli

Dettagli

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Lettura di dati da input In Java la lettura di dati da input

Dettagli

Fondamenti di Informatica T2 Modulo 2. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno accademico 2008/2009. Enumerativi

Fondamenti di Informatica T2 Modulo 2. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno accademico 2008/2009. Enumerativi Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Fondamenti di Informatica T2 Modulo 2 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Anno accademico 2008/2009 Enumerativi Finora abbiamo creato enumerativi

Dettagli

Politecnico di Milano

Politecnico di Milano Appello 5 febbraio 2016 Politecnico di Milano Anno accademico 2014-2015 Ingegneria del Software Cognome: DESIGN AND IMPLEMENTATION OF MOBILE APPLICATIONS 24 / 09 / 2015 Nome: Matricola: LAUREANDO Sezione

Dettagli

Costrutti iterativi. Utilizzo dei costrutti iterativi

Costrutti iterativi. Utilizzo dei costrutti iterativi Costrutti iterativi Utilizzo dei costrutti iterativi Costrutti iterativi (1/3) I costrutti iterativi permettono di eseguire ripetutamente del codice Il linguaggio Java mette a disposizione tre costrutti

Dettagli

Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this

Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this Programmazione Java Struttura di una classe, Costruttore, Riferimento this romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap > Struttura di una classe > Costruttore > Riferimento

Dettagli

Lezione 4 Casting, stringhe e caratteri, operatori relazionali, espressioni e variabili booleane

Lezione 4 Casting, stringhe e caratteri, operatori relazionali, espressioni e variabili booleane Lezione 4 Casting, stringhe e caratteri, operatori relazionali, espressioni e variabili booleane Barbara Rita Barricelli Corso di Laboratorio di Programmazione -Turno B (Cognomi M-Z) CdL in Informatica

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a febbraio 2013

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a febbraio 2013 Cognome Nome Matricola Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2012-13 22 febbraio 2013 Testo Il database di un videonoleggio è costituito da due vettori paralleli.

Dettagli

OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER I DOCENTE: DOTT. FAUSTO DELL ANNO

OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER I DOCENTE: DOTT. FAUSTO DELL ANNO CENTRO STUDI ULISSE Via Buccino, n. 22 - C.a.p. 84018 - Scafati (SA) Tel. Fax. 081.19970299-339.2365416-349.4152010 E-mail: info@centrostudiulisse.it - www.centrostudiulisse.it OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER

Dettagli

se invoco un metodo di Object che è ridefinito in Point, viene invocato il metodo definito in Point

se invoco un metodo di Object che è ridefinito in Point, viene invocato il metodo definito in Point Gli HashSet Tipo predefinito che rappresenta insiemi di Object Cosa succede se... Posso mettere un riferimento a un Point in una variabile Object Object o=new Point(12,3); è quasi tutto come se l oggetto

Dettagli

19 - Eccezioni. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

19 - Eccezioni. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 19 - Eccezioni Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso

Dettagli

RTTI Run-time type identification

RTTI Run-time type identification RTTI Run-time type identification Come determinare il tipo di un oggetto durante l'esecuzione RTTI 1 Ereditarietà Forma Linea Rettangolo Cerchio interface Forma { class Linea implements Forma { void ;

Dettagli

COGNOME NOME MATRICOLA DATA

COGNOME NOME MATRICOLA DATA COGNOME NOME MATRICOLA DATA 1. Scrivere la classe Distributore che ha i seguenti attributi marca: una stringa indicante la marca del distributore, numeropezzi un intero indicante il numero totale dei pezzi

Dettagli

Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 5 Java: Interfaccia Comparable, Array

Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 5 Java: Interfaccia Comparable, Array Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 5 Java: Interfaccia Comparable, Array A.A. 2007/08 Tutor: Barbara Pettazzoni barbara.pettazzoni@studio.unibo.it Interfaccia Comparable L altra volta abbiamo

Dettagli

Esercizi RMI. Laboratorio di Programmazione di Rete A 5/12/2007. Esercitazione di Laboratorio

Esercizi RMI. Laboratorio di Programmazione di Rete A 5/12/2007. Esercitazione di Laboratorio Esercitazione di Laboratorio 5/12/2007 Sviluppare un applicazione RMI per la gestione di un elezione. Il server esporta un insieme di metodi: public void vota(string nome): accetta come parametro il nome

Dettagli

Esercizio sul Monitor in Java. 18 maggio 2011

Esercizio sul Monitor in Java. 18 maggio 2011 Esercizio sul Monitor in Java 18 maggio 2011 1 Il Bar dello Stadio In uno stadio e` presente un unico bar a disposizione di tutti i tifosi che assistono alle partite di calcio. I tifosi sono suddivisi

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

Corso di Laurea in Matematica Corso di Informatica Prova d Esame del 02/02/2010

Corso di Laurea in Matematica Corso di Informatica Prova d Esame del 02/02/2010 Esercizio 1. Si deve modellare con una classe Java il contenuto di un portamonete, con delle opportune semplificazioni. Le monete da considerare sono di soli 4 tagli: 10, 20, 50 e 100 centesimi (cioè 1

Dettagli

Corso: Fondamenti di Informatica (Gruppo 2) a.a Corsi di laurea: Ing. Settore Informazione

Corso: Fondamenti di Informatica (Gruppo 2) a.a Corsi di laurea: Ing. Settore Informazione Corso: Fondamenti di Informatica (Gruppo 2) a.a. 2017-18 Corsi di laurea: Ing. Settore Informazione Questionario a Risposte Multiple per auto-valutazione del Lab05 Domanda n. 1 Argomento: Iterazioni, array

Dettagli

18 - Classi parzialmente definite: Classi Astratte e Interfacce

18 - Classi parzialmente definite: Classi Astratte e Interfacce 18 - Classi parzialmente definite: Classi Astratte e Interfacce Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/

Dettagli

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList 1 ArrayList Abbiamo detto che gli array non possono cambiare la propria dimensione: il numero di elementi contenuti viene stabilito al momento della creazione

Dettagli

Futures Esempi di codice

Futures Esempi di codice :Future[T] :T Futures val x = future { someexpensivecomputation() val y = future { someotherexpensivecomputation() val z = for (a

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Esercizi sui metodi. Carla Limongelli. Maggio Esercizi 1

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Esercizi sui metodi. Carla Limongelli. Maggio Esercizi 1 Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Esercizi sui metodi Carla Limongelli Maggio 2010 Esercizi 1 Passaggio di parametri di tipo primitivo Indicare che cosa viene visualizzato sullo

Dettagli

3) Descrivere l architettura di un elaboratore tramite astrazione a livelli

3) Descrivere l architettura di un elaboratore tramite astrazione a livelli Di seguito sono elencati una serie di domande tipo esonero ; i quiz vogliono dare un sistema di autovalutazione e di confronto allo studente che deve prepararsi alla prova di metà corso. Il numero e l

Dettagli

Compute engine generici in RMI

Compute engine generici in RMI Compute engine generici in RMI Esempio: Calcolo del prodotto scalare Un unico server offre il servizio di calcolo del prodotto scalare tra vettori di interi Un client richiede al server il calcolo del

Dettagli

La classe java.lang.object

La classe java.lang.object La classe java.lang.object In Java: Gerarchia di ereditarietà semplice Ogni classe ha una sola super-classe Se non viene definita esplicitamente una super-classe, il compilatore usa la classe predefinita

Dettagli

Esonero del corso di Programmazione a Oggetti

Esonero del corso di Programmazione a Oggetti Esonero del corso di Programmazione a Oggetti Roma, 1 dicembre 2005 Considerate le seguenti definizioni di classi e interfacce in Java: interface Fumetto{ void esclama(); void utile(); class Personaggio

Dettagli

// inizializzazione della biblioteca con utenti, libri e prestiti // non richiesta Biblioteca.inizializza();

// inizializzazione della biblioteca con utenti, libri e prestiti // non richiesta Biblioteca.inizializza(); // Fondamenti di Informatica/Informatica Grafica // Soluzione del compito del 21/03/2003 // per semplicità si è deciso di riportare in un unico file il testo // delle soluzioni degli esercizi 1, 2 e 3.

Dettagli

Insieme.java. Printed by Paolo. Feb 24, 04 16:44 Page 1/1 class Insieme { private int[] elementi; Tuesday February 24, /10

Insieme.java. Printed by Paolo. Feb 24, 04 16:44 Page 1/1 class Insieme { private int[] elementi; Tuesday February 24, /10 Feb 24, 04 16:44 Page 1/1 class Insieme { private int[] elementi; public Insieme() { elementi = new int[0]; public static boolean vuoto(insieme i) { return i.elementi.length == 0; Insieme.java public static

Dettagli

Il Linguaggio Java. Le interfacce

Il Linguaggio Java. Le interfacce Il Linguaggio Java Le interfacce Ordinamento dei conti PROBLEMA: si vogliono ordinare i libretti di risparmio (SavingsAccount) in base al loro tasso di interesse REQUISITO: La classe dovrebbe essere ordinabile,

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza, Facoltà di Ingegneria. Corso di INGEGNERIA DEL SOFTWARE (Ing. Informatica, Nuovo Ordinamento)

Università degli Studi di Roma La Sapienza, Facoltà di Ingegneria. Corso di INGEGNERIA DEL SOFTWARE (Ing. Informatica, Nuovo Ordinamento) Università degli Studi di Roma La Sapienza, Facoltà di Ingegneria Corso di INGEGNERIA DEL SOFTWARE (Ing. Informatica, Nuovo Ordinamento) Prof. Marco Cadoli, Canale M-Z A.A. 2005-06 USO DEL FRAMEWORK JUNIT

Dettagli

Programmazione Java Variabili membro, Metodi La parola chiave final

Programmazione Java Variabili membro, Metodi La parola chiave final Programmazione Java Variabili membro, Metodi La parola chiave final Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi dell Aquila diruscio@di.univaq.it. Sommario 2 2» Variabili membro»

Dettagli

JAVA. import java.util.*; #include <stdio.h> public static class test { int variable; private int variable; int main (int argc, char *argv[]) {

JAVA. import java.util.*; #include <stdio.h> public static class test { int variable; private int variable; int main (int argc, char *argv[]) { JAVA C import javautil*; public static class test { private int variable; public void main (String[] args) { variable = 0; Systemoutprintln( Variable is: + variable); #include int variable; int

Dettagli