Il sistema di acquisizione dati AEDOS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sistema di acquisizione dati AEDOS"

Transcript

1 Il sistema di acquisizione dati AEDOS Dicembre 2006 Progetto RdS Produzione e Fonti

2 CESI RICERCA Uso Pubblico Rapporto ASV Ambiente e Sviluppo Sostenibile Approvato Pag. 1/54 Committente Ministero per lo Sviluppo Economico Oggetto Il sistema di acquisizione dati AEDOS Contratto Note Accordo di programma ai sensi dell art. 3 comma 2 del DM 23 Marzo 2006 per le attività di ricerca e sviluppo di interesse generale per il sistema elettrico Progetto Produzione e fonti energetiche, WP 3.1 Metodologie avanzate per la misura di microinquinanti organici ed inorganici PUBBLICATO (PAD ) La parziale riproduzione di questo documento è permessa solo con l'autorizzazione scritta del CESI RICERCA. N. pagine 54 N. pagine fuori testo 432 Data 31/12/2006 Elaborato Domenico Cipriano Cipriano, Domenico (ASV) AUT Mod. RAPP v. 05 Verificato Approvato Approvato Luigi Guzzi Guzzi Luigi Angelo ASV (ASV) VER Luigi Mazzocchi - SSG Mazzocchi Luigi (SSG) APP CESI RICERCA S.p.A. Via R. Rubattino Milano - Italia Telefono Fax Capitale sociale Euro interamente versato Registro Imprese di Milano, C.F. e P.IVA N. R.E.A ISO 9001: 2000 CH-32919

3 CESI RICERCA Uso Pubblico Rapporto ASV Ambiente e Sviluppo Sostenibile Approvato Pag. 2/54 Indice 1 SOMMARIO INTRODUZIONE I PRESUPPOSTI PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI VALORI ACQUISITI LA NORMA EN LA STRUTTURA DEL SISTEMA AEDOS ARCHITETTURA STRUTTURA DEI DATI FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA ARCHITETTURA HARDWARE SISTEMA DI SVILUPPO UTILIZZATO ACCESSO AI DATI CONFIGURAZIONE DI AEDOS FUNZIONAMENTO DEL MODULO EMISSIONI FUNZIONAMENTO DEI MODULI AGGIUNTIVI Modulo archiviatore Modulo medie Modulo qal LA VERIFICA IN CAMPO I FILE DI CONFIGURAZIONE File alice.system.conf.xml File alice.conf.xml File medie.conf.xml File mediebuf.conf.xml File mediecalc.conf.xml LA COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO RISULTATI OTTENUTI CONCLUSIONI ALLEGATO 1 MEDIE ALLEGATO 2 EMISSIONI Copyright 2006 by CESI RICERCA. All rights reserved - Activity code 569V

4 Rapporto CESI RICERCA Uso Pubblico ASV Ambiente e Sviluppo Sostenibile Approvato Pag. 3/54 STORIA DELLE REVISIONI Numero Data Protocollo Lista delle modifiche e/o dei paragrafi modificati revisione 0 31/12/ Prima emissione 1 SOMMARIO Il presente Rapporto descrive le attività di Ricerca di Sistema svolte nell ambito del Progetto Produzione e fonti energetiche, WP 3.1 Metodologie avanzate per la misura di microinquinanti organici ed inorganici. La crescente fame energetica della comunità mondiale ha di fatto aumentato in modo esplosivo il ricorso a combustibili fossili tra cui il carbone, che per la sua disponibilità ed i costi contenuti, ha un utilizzo sempre maggiore. Nel campo della ricerca applicata, come in altri settori del resto, la spinta ad un approccio collaborativo al problema, ovvero attraverso al compartecipazione di più partner, si rende necessaria a causa: della valenza globale dell impatto di tale inquinamento e delle sue ripercussioni sulle attività economiche, politiche e sociali del pianeta; dell enorme mole di competenze necessarie, difficilmente disponibili in una sola organizzazione; dei costi estremamente alti da sostenere; Il presente rapporto descrive il sistema AEDOS stato realizzato, ed installato presso una centrale termoelettrica, un sistema open source per l acquisizione e la trasmissione dei dati dei sistemi di monitoraggio (SME). L attività è stata condotta in collaborazione di ARPA Lombardia e del MATT.

5 Rapporto CESI RICERCA Uso Pubblico ASV Ambiente e Sviluppo Sostenibile Approvato Pag. 4/54 2 INTRODUZIONE L attività di ricerca denominata AEDOS (Acquisitore ed Elaboratore Dati Open Source) è un Sistema di acquisizione per il Monitoraggio delle Emissioni (SME). I sistema permette di acquisire, convertire, analizzare, memorizzare, gestire e trasmettere dati di natura analogica e/o digitale, per l'acquisizione di dati di analisi della qualità dell'aria. I campi di utilizzo del sistema spaziano dall'analisi dell'aria nei centri urbani, all'analisi dei fumi di scarico di centrali elettriche o di altra natura. CESI RICERCA, con la sponsorizzazione del Min. dell' Ambiente, ed in concerto con Arpa Lombardia, che intende sviluppare la possibilità di monitorare in remoto gli impianti del territorio, ha così sviluppato il sistema AEDOS, che è stato progettato in modo da rispondere sin da subito agli standard qualitativi richiesti dal Ministero stesso e dalle ARPA regionali, nonché di poter essere facilmente aggiornato per adattarsi a modifiche dei protocolli futuri. Un efficace sistema di acquisizione per il monitoraggio delle emissioni (SME) ha il compito di acquisire, conservare e mostrare in maniera organica i valori emissivi generati da un impianto industriale. Negli ultimi anni si sono compiuti molti passi avanti nella implementazione degli strumenti destinati al monitoraggio delle emissioni e strumenti come, ad esempio, gli FTIR (Fourier Trasform Infra Red analysers) erano semplicemente ritenuti improbabili solo 5 anni fa. Purtroppo la stessa evoluzione non si è avuta nel settore dell acquisizione e della trattazione dei dati, dove non esiste ancora uno standard affermato. Al fine di venire incontro alle esigenze della Autorità di controllo in tema di monitoraggio delle emissioni, si è sviluppato un sistema di acquisizione, elaborazione e trasmissione dei dati, tenendo in considerazione che: gli impianti che sono soggetti all'obbligo del monitoraggio in continuo sono sempre più numerosi le legge nazionale e regionali richiedono che i dati acquisiti, che hanno una valenza 'fiscale' siano a disposizione della Pubblica Autorità nel minore tempo possibile le Autorità locali hanno sempre più spesso l'esigenza di poter monitorare tali parametri 'on line' i sistemi normalmente disponibili presso gli impianti sono 'chiusi' e non permettono la visibilità dei dati acquisiti al di fuori del sistema stesso, il che spesso obbliga a trasmettere i dati alle Autorità in forma cartacea. le Autorità hanno l'esigenza di poter verificare la correttezza degli algoritmi utilizzati, cosa impossibile in un prodotto 'chiuso' e coperto dalla legge sul diritto di autore.

6 Rapporto CESI RICERCA Uso Pubblico ASV Ambiente e Sviluppo Sostenibile Approvato Pag. 5/54 3 I PRESUPPOSTI PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI VALORI ACQUISITI Un buon sistema di acquisizione dei dati SME è chiamato a svolgere una grossa mole di lavoro, secondo lo schema seguente: - i valori di tutti i canali dello sme devono essere acquisiti con frequenze che vanno dalle 20 alle 60 misure al minuto, ingegnerizzati e convertiti utilizzando funzioni di calibrazione definite per ciascun canale - devono essere calcolati i valori medi minuti (Xi) - alla fine dell ora (o della mezz ora) i valori minuto devono essere validati, ovvero devono essere scartati tutti i valori per cui non valgono contemporaneamente le seguenti funzioni: [ a X b] e c ( X X ) d i i i 1 Dove a,b,c,d sono valori algebrici (ovvero dotati di segno), costanti e stabiliti per ciascun canale. Per comprendere l importanza di questo passaggio, bisogna ricordarsi che il legislatore intende che vengano controllati solo condizioni di funzionamento dell impianto a regime ovvero senza dover considerare tutti quegli eventuali episodi spuri dovuti ad eventi non significativi, quali guasti o anomalie in generale. Da qui la possibilità di poter escutere dalla costruzione della media tutti i valori che sono al di fuori di una certa banda di accettabilità (prima formula) e quelli il cui scarto rispetto al valore precedente è troppo altro (seconda formula) - se i valori medi minuto sopravvissuti al processo di validazione sono più del 70% di quelli di partenza, la media oraria/semioraria calcolata con tali valori può essere considerata valida - tutti i valori così calcolati (medie minuto, orarie, valori di impostazione dei parametri) devono essere conservati almeno per 5 anni in una struttura sicura in grado non solo di conservare ma anche di poter rintracciare agevolmente i dati eventualmente necessari. La carenza di un protocollo chiaro ed affermato e la disponibilità di software di programmazione sufficientemente elastici da non richiedere grosse strutture organizzative, hanno portato all apparizione sul mercato di molte piccole software house che hanno dato vita ad una serie alquanto eterogenea di soluzioni tra loro molto diverse. Inoltre la normativa in merito alla proprietà intellettuale, applicata a questo specifico caso, porta a risultati alquanto singolari. La realizzazione di soluzioni proprietarie, che sono quindi coperte da brevetto da parte di figure giuridiche private e con nessun obbligo di certificazione del prodotto, rende tali soluzione assolutamente chiuse e non ispezionabili da parte di enti esterni. Come estrema conseguenza, la società fornitrice non risulta, così, responsabile in caso di inadeguatezza del prodotto fornito ai sensi della normativa cogente, in quanto tutti i propri obblighi si limitano agli aspetti contrattuali di fornitura verso la società che gestisce l impianto produttivo. La società che gestisce l impianto produttivo si trova così a dover rispondere agli enti di controllo delle performance di un prodotto di cui, però, non ha né una certificazione che ne attesti l idoneità né la possibilità di poterlo controllare a fondo.

7 Rapporto CESI RICERCA Uso Pubblico ASV Ambiente e Sviluppo Sostenibile Approvato Pag. 6/54 I controlli preventivi su tali prodotti risultano così impossibili, e l unica possibilità consiste nella verifica delle prestazioni di questi solo a posteriori; è infatti è innegabile che la complessità degli algoritmi e dei programmi implementati ben si prestano a nascondere possibili errori sulla gestione dei dati stessi. Nata per cercate di verificare questa serie di prodotti, una prima soluzione proposta in passato dall autore si basa sul principio, di per sé banale, si sostituire all analizzatore SME un generatore comandato in grado di simulare un andamento noto dei segnali per verificare che i risultati del sistema di acquisizione siano coerenti. Per l implementazione ci si è basati sulla consuetudine, abbastanza comune, si utilizzare un bus analogico 4-20mA per la comunicazione tra gli analizzatori SME ed il sistema di acquisizione. Analizzatore Acquisitore Generatore Figura 1. schema di verifica dei segnali SME Per poter valutare con sufficiente precisione il sistema sotto controllo si sono preparate 4 serie diverse di test: - la verifica su segnale stazionario - la verifica su segnale variabile - la verifica su transitorio veloce - la verifica delle soglie di validità 1. Il primo test, il più semplice seppur necessario, ha lo scopo di verificare se, con segnale statico, il valore generato dallo sme venga correttamente acquisito, ovvero di verificare che al valore indicato dall analizzatore corrisponda un valore acquisito coerente. 2. Il secondo test ha lo scopo di verificare la capacità del sistema di valutare segnali lentamente variabili nel tempo, senza che vengano introdotte distorsioni o perdite di informazione; questo serve a verificare l eventuale presenza di processi di filtrazione del segnale che possano modificare la costruzione del valore medio. 3. Il terzo test ha lo scopo di verificare che il sistema sia in grado di seguire transitori veloci detti comunemente a gradino senza introdurre eccessive distorsioni; con tale test si verifica inoltre che non siano presenti eccessive filtrazioni di tipo integrativo sulla catena del segnale. 4. Il quarto test serve a verificare che il sistema di validazione dei dati funzioni correttamente.

8 Rapporto CESI RICERCA Uso Pubblico ASV Ambiente e Sviluppo Sostenibile Approvato Pag. 7/54 Un protocollo completo su 5 canali richiederebbe un tempo uomo di circa 40 ore, per cui è evidente la necessità di ricorrere ad un sistema automatico in grado di generare le sequenze desiderate su più canali contemporaneamente, così da rendere possibile lo svolgimento del test in circa 8/10 ore. Il protocollo di prova sviluppato, normalmente utilizzato durante le campagne sperimentali di verifica, si è dimostrato uno strumento utile a svolgere una buona caratterizzazione con tempi e costi contenuti Verifica stazionaria Verifica della dinamica Verifica sui transitori Verifica sulla validità Figura 2. esempio di segnali acquisiti durante la verifica del sistema di acquisizione Si noti lo scostamento rivelato [differenza tra le tracce blu(impianto) e rossa(controllo)] sintomo di un errore di ingegnerizzazione della variabile acquisita

9 Rapporto CESI RICERCA Uso Pubblico ASV Ambiente e Sviluppo Sostenibile Approvato Pag. 8/54 50 Segnale applicato Segnale acquisito 40 Ritardo (circa 10s) Discordanza tra i valori applicato ed acquisito 0-10 Figura 3. esempio di segnali acquisiti durante la verifica del sistema di acquisizione, dettaglio Si possono valutare i ritardi di acquisizione del segnale (qui di circa 10s) e l evidente scostamento che interviene qualora il segnale applicato (qui in viola) scende al di sotto dello zero Nelle figure 80 ed 81 sono mostrate alcune evidenze sperimentali di una tale prova, in cui si vedono i segnali equivalenti generati (in rosso) e quelli restituiti dal sistema di acquisizione (blu) e da cui si possono trarre molte delle informazioni cercate. Le informazioni fin qui ottenute vengono poi incrociate con i codici di validità generati dal sistema, al fine di valutarne l efficacia e la correttezza.

10 Rapporto CESI RICERCA Uso Pubblico ASV Ambiente e Sviluppo Sostenibile Approvato Pag. 9/54 4 LA NORMA EN Nel panorama degli SME si inserisce anche la nuova norma EN14181:2004 Stationary source emissions: quality assurance of the automated mesuring systems, ovvero garanzia di qualità nella gestione dei sistemi di misura alle emissioni. Questa norma fornisce le indicazioni per l installazione, le verifiche periodiche ed il mantenimento dei sistemi SME ed è destinata a rivoluzionare a breve la gestione di tali applicazioni. Il punto chiave di tale norma, quello su cui ruota l intera impalcatura logica del documento, è l'assunzione che la responsabilità di dover dimostrare la buona funzionalità nel tempo dello sme sia affidata ai gestori più che agli enti controllo, cui è riservato il diritto (e non più l obbligo) di verificarne gli esiti. In altre parole, si richiede ai gestori di preparare, attuare e tener traccia di tutte quelle procedure tecniche necessarie a poter garantire, in ogni istante, che il sistema SME sia sotto controllo. La norma è divisa così in diversi passi, che coprono la progettazione (QAL1), la realizzazione (QAL2), i controlli periodici (AST) e la manutenzione continua (QAL3) del sistema SME. La QAL3 è una procedura che ha, appunto, lo scopo di poter garantire, nel periodo che intercorre due controlli periodici, che il sistema sme funzioni in condizioni ottimali. Figura 4. Schema della controllo richiesto dalla QAL3 per la verifica delle derive. La verifica viene svolta secondo i dettami delle cosiddette carte di qualità CHUSUM che vengono normalmente utilizzate nel controllo di qualità nei processi produttivi.

11 Rapporto CESI RICERCA Uso Pubblico ASV Ambiente e Sviluppo Sostenibile Approvato Pag. 10/54 Figura 5. Schema della controllo richiesto dalla QAL3 per la verifica della precisione di ciascun canale SME. La procedura si basa sulla verifica della variabilità dei valori di zero e span attorno al valor medio. Al fine di avere una procedura sufficientemente agevole, si è deciso di ricorrere ad alcune carte di qualità basate sostanzialmente sulla registrazione dei valori di zero e di span degli strumenti impiegati nello SME. Le carte di qualità sono normalmente utilizzate nel campo della verifica di qualità nelle produzioni industriali in serie. Lo scopo è di verificare che i valori di zero e span ottenuti nel tempo rimangano in un ambito considerato fisiologico, sia in termini di valor medio che di distribuzione attorno ad esso. Ovviamente affinché tale procedura possa essere considerata significativa, dai gestori così come dagli enti di controllo, si pone con forza la questione di poter in qualche modo garantire la sistematicità e l imparzialità della lettura. Si osservano oggi in Europa diverse possibili soluzioni che solo tra qualche anno potranno essere giudicate compiutamente. In Danimarca, ad esempio, si è creato un portale informatico in cui tutti i gestori possono collegarsi comunicando periodicamente i valori ottenuti dai controlli; il sistema registra tali avvenimenti e provvede a notificare il risultato dei controlli stessi. In Olanda, invece, il governo ha incaricato dei controlli alcune società indipendenti, che provvedono a verificare quanto svolto dai vari impianti.

12 Rapporto CESI RICERCA Uso Pubblico ASV Ambiente e Sviluppo Sostenibile Approvato Pag. 11/54 5 LA STRUTTURA DEL SISTEMA AEDOS Il sistema AEDOS nella sua configurazione completa, si può così riassumere: ogni sistema sme (tipicamente uno per gruppo o linea produttiva) comunica con un sistema AEDOS (in pratica un PC industriale posizionato accanto agli strumenti di monitoraggio) ciascun sistema di occupa di acquisire i dati, validarli, costruire le tabelle orarie/semiorarie, oltre che le tabelle QAL3 ciascuna unità AEDOS è supervisionata da un unità che, con scarso ricorso alla fantasia, è stata denominata Super AEDOS: qui i dati vengono replicati, per garantire una buona sicurezza nell archiviazione, e completati con i dati di impianto, acquisiti direttamente dal sistema di gestione di questo. Attraverso l unità Super AEDOS, il dato, sia medio che istantaneo, viene messo a disposizione degli utenti attraverso varie possibilità: o L utente interno di centrale è collegato attraverso intanet aziendale e si interfaccia con il sistema attraverso protocollo http (in pratica è sufficiente avere un qualsiasi browser per poter dialogare con AEDOS) o L utente remoto (sia esso l ente di controllo che un utente aziendale) si può collegare via internet, modem tradizionale, GSM, ADSL, GRPS, ect. o Gli enti di controllo possono agevolmente collegarsi da remoto per poter dialogare con il sistema e scaricare i dati sinottici e/o quelli di dettaglio, con una modalità altamente automatizzabile, al fine di poter implementare centri comuni di elaborazione dei dati di emissione. Il ricorso a Linux quale sistema operativo è stato deciso per le peculiari caratteristiche di tale prodotto in termini di affidabilità e sicurezza, che permettono di avere una soluzione facilmente scalabile senza compromessi in termini di affidabilità. Il sistema è altamente automatizzato e standardizzato e, in pratica, non richiede alcuna manutenzione e/o gestione. L adozione di soluzioni quali alimentatori ridondati e tecnologia RAID Hardware garantiscono una buona sicurezza dei dati memorizzati localmente. Una configurazione del genere presenta innumerevoli vantaggi: 1. non vi sono costi legati a licenze aggiuntive 2. il livello di conoscenza acquisito sui sistemi linux e la possibilità di verificare il codice sorgente di tutte le applicazioni, garantiscono ottime caratteristiche di sicurezza 3. il sistema è intrinsecamente multi utente ed è quindi facile definire utenti con diversi capacità di intervento, che vanno dalla semplice possibilità di interrogazione fino alla possibilità di modificare le impostazioni del sistema. 4. la gestione di molti di molti dei processi critici viene affidata a soluzioni ampiamente verificate (come la gestione dei dati attraverso MySQL, la comunicazione con l ausilio di Apache, di server FTP sicuri e di connessioni SSH, lo scheduling delle attività con l uso del kernel 2.4 e 2.6, la manutenzione remota attraverso VNC, criptazione dei dati con GnuPGP etc) 5. la possibilità di utilizzare hardware non critico per velocità e prestazioni, potendo favorire aspetti di sicurezza senza incorrere in costi eccessivi (ricorso, ad esempio, di unità con alimentazioni ridondate e dischi fissi in modalità raid con costi inferiori a euro) 6. le attività sono svolte attraverso l esecuzione in parallelo (multi-tasking) di più processi indipendenti; l eventuale necessità di dover modificare uno di tali processi non richiede alcun intervento sugli altri.

13 Rapporto CESI RICERCA Uso Pubblico ASV Ambiente e Sviluppo Sostenibile Approvato Pag. 12/54 Il sistema prevede che tutte le comunicazioni da e per il sistema siano gestite attraverso pacchetti ben noti ed affidabili quali SSH, Apache, Samba al fine di agevolare al massimo l integrazione con il sistema intranet presente sull impianto, invece di richiedere un cablaggio dedicato.

14 Rapporto CESI RICERCA Uso Pubblico ASV Ambiente e Sviluppo Sostenibile Approvato Pag. 13/54 6 ARCHITETTURA Il sistema si interfaccia verso il mondo attraverso una serie di sensori di vario tipo (fornitori di dati). I sensori vengono interrogati ad intervalli regolari; i valori acquisiti vengono convertiti da unità digitali ad unità ingegneristiche, e vengono poi memorizzati in maniera permanente nel sistema stesso sotto forma di file denominati sad. Questi file rappresentano la descrizione del mondo ottenuta tramite i sensori, e fungono da base a tutte le elaborazioni successive; i file sad sono a tutti gli effetti la base di tutto il sistema. AEDOS non permette in alcun modo la cancellazione/modifica di tali file, mentre ne permette sempre l'accesso in lettura. AEDOS permette di acquisire valori sia da sensori in maniera diretta (ad esempio: concentrazione ossigeno nell'aria, concentrazione anidride carbonica, temperatura dell'aria), sia da procedure di calcolo, basate anche su valori di sensori, basandosi sulla virtualizzazione dei canali di input. I valori di tutti i canali vengono acquisiti ad un frequenza di 12 misure/minuto e sono convertiti utilizzando funzioni di calibrazione definite separatamente per ciascun canale, validati e mediati ad ogni ora (media oraria) o mezz'ora (media semi-oraria). Le procedure di validazione sono aperte e configurabili a livello di progettazione dell'impianto, in modo da potersi adattare alle richieste dell'ente di controllo (virtualizzazione dell'output). Il sistema, inoltre, permette il calcolo delle tabelle necessarie alla valutazione del QAL3 e, di conseguenza, permette di sapere quando deve venire ritarato. Ogni dato acquisito, calcolato, nonché ogni evento accaduto all'interno del sistema AEDOS, viene memorizzato in forma sicura, persistente e non modificabile, in modo da garantire la permanenza dei dati per un determinato numero di anni (specificato in fase di progettazione dell'impianto). La virtualizzazione degli input e degli output, permette al sistema di essere facilmente espandibile e modificabile non solo a livello di validazione/calcolo, ma anche a livello strettamente hardware. L'utilizzo di sensori particolari, strumentazione di acquisizione con protocolli di comunicazione non standard, tecnologie di nuova concezione, ecc., prevede semplicemente l'implementazione del protocollo come driver virtualizzato e la sua registrazione all'interno di AEDOS (operazione permessa solo all'amministratore responsabile del sistema).

15 Rapporto CESI RICERCA Uso Pubblico ASV Ambiente e Sviluppo Sostenibile Approvato Pag. 14/54 7 STRUTTURA DEI DATI L'accesso ai dati del sistema avviene attraverso interfaccia tcp/ip con protocollo http (sola lettura). Questo garantisce la possibilità di lettura dei dati da ogni sistema collegato via ethernet (con i corretti permessi di accesso alla rete) e, contemporaneamente, impedisce la modifica dei dati stessi memorizzati. I dati a disposizione si dividono in 2 categorie: 1. immediati 2. memorizzati Per dato immediato ci si riferisce a dati appena letti/calcolati dal sistema, tipicamente utilizzati per il monitoraggio del sistema stesso. Per dato memorizzato ci si riferisce a dati memorizzati e ufficiali del sistema. Sebbene i dati immediati vengano utilizzati da AEDOS per il calcolo dei memorizzati, dovrebbero essere utilizzati dal client solamente per la visualizzazione di stati immediati, e non per la loro analisi e memorizzazione. AEDOS, assicura la correttezza dei dati memorizzati internamente, lasciando a disposizione i dati immediati solamente come verifica visiva del sistema. In casi di congestione del sistema (a causa, per esempio, di congestione della rete ethernet) viene assicurato il corretto aggiornamento dei dati memorizzati, ma non l'immediato aggiornamento dei dati immediati (che potrebbero essere visualizzati con un ritardo anche superiore ai 10 secondi). Acquisizione AEDOS acquisisce ogni 5 secondi tutti i dati provenienti dai vari dispositivi; un dispositivo è visto come un'accoppiata valore analogico valore digitale, ma il sistema è liberamente programmabile per modificare questa iniziale classificazione (nel caso siano necessari elementi costituiti diversamente, ad esempio del tipo analogico-analogico-digitale). Ogni valore letto dal sistema viene trasformato secondo questa formula, per avere il risultato voluto: eng value x Ze = Fse Ze x Ze Fse valore letto dalla scheda di aquisizione electrical zero electrical fs 2 risultato = Spl2 eng + Spl eng + Zl Spl2 Spl Zl 2 nd degree span level span level zero level Per esempio: in una codifica 4/20mA, si utilizza solamente il termine lineare (niente termine di secondo grado): 4mA corrisponde una concentrazione di 0mg/m3 (zero vivo, in modo che se si leggono valori <4 si hanno, probabilmente, degli errori; per esempio il filo staccato), 20mA corrisponde a 100mg/m3. Allora: Ze= 4 Fse = (20 4) = 16 Spl = (100 0) = 100 Spl2= 0

16 Rapporto CESI RICERCA Uso Pubblico ASV Ambiente e Sviluppo Sostenibile Approvato Pag. 15/54 Zl = 0 Memorizzazione Ogni dato acquisito e calcolato viene memorizzato nel momento stesso dell'acquisizione dello stesso su un sistema di memorizzazione affidabile e permanente nel tempo. I dati memorizzati sono mantenuti per un periodo di oltre 5 anni, in maniera completamente accessibile secondo i protocolli di accesso del sistema. Gestione I dati memorizzati sono classificati in strutture dati atte a permettere l'accesso veloce ai dati stessi. I dati (analogici e/o digitali) provenienti dai sensori sono acquisiti (campionati) ogni 5 secondi, e sono memorizzati all'interno del computer. AEDOS accede ai sensori attraverso un particolare protocollo di comunicazione, che permette di utilizzare ogni tipo di sensore che possa essere collegato al computer. I sensori possono interfacciarsi con il computer con qualsiasi protocollo esistente (seriale, tcp/ip, modem, parallelo, schede dedicate di acquisizione, modbus, profibus, ecc.). I dati memorizzati possono essere elaborati all'interno del sistema stesso, in maniera trasparente e liberamente ampliabile. I dati memorizzati sono salvati in un'architettura raid 1, che permette la ridondanza dei dati stessi e la loro ricostruzione in caso di guasti hardware. Per limitare l'occupazione di banda di rete tcp/ip tutti i dati sono compressi in formato gzip, tranne i dati odierni, accessibili in chiaro.

17 Rapporto CESI RICERCA Uso Pubblico ASV Ambiente e Sviluppo Sostenibile Approvato Pag. 16/54 8 FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA Il sistema è completamente programmabile in funzione dei sensori e dei dispositivi di interfacciamento con il computer. Ogni dispositivo di interfacciamento viene virtualizzato da AEDOS, in modo da rendere ogni sensore collegato allo stesso accessibile allo stesso modo dal sistema stesso. Questo processo viene detto virtualizzazione dell'hardware. Grazie a tale processo è possibile facilmente collegare ogni tipo di interfaccia al computer, se necessario scrivendo un apposito driver in linguaggio C++. Attualmente AEDOS supporta i seguenti driver: schede di acquisizione dati analogici compatibili con lo standard Comedi schede di acquisizione dati digitali compatibili con lo standard Comedi acquisizione dati analogici compatibili con lo standard seriale B11 acquisizione dati digitali compatibili con lo standard seriale B11 acquisizione dati attraverso protocollo seriale centraline di rilevamento dati Pirelli acquisizione dati analogici compatibili con lo standard seriale ADAM serie 4000 acquisizione dati digitali compatibili con lo standard seriale ADAM serie 4000 L'aggiunta di driver prevede due passi: 1. scrittura del driver stesso compatibile con il template fornito (estensione di una classe C++) 2. aggiunta del driver al sistema di acquisizione sincrono di AEDOS (modulo Emissioni) 8.1 Architettura hardware Dal punto di vista hardware, AEDOS è costituito da: 1. computer industriale 2. sistema operativo Linux ( o superiore) 3. insieme di sensori utilizzati 4. dispositivi di interfacciamento sensore/computer 8.2 Sistema di sviluppo utilizzato AEDOS è stato sviluppato utilizzando i seguenti sistemi: Eclipse in versione per la gestione dei progetti. Plugin CDT per Eclipse per lo sviluppo in C/C++, Apache web server, PHP, Java (per la gestione del sistema superaedos). 8.3 Accesso ai dati Nel sistema AEDOS sono a disposizione due tipologie di dati: 1. dati immediati 2. dati completi I dati immediati contengono solamente le ultime informazioni a disposizione (tra queste gli ultimi valori analogici memorizzati e le ultime medie calcolate). I dati completi contengono, invece, tutti i dati analogici e digitali memorizzati sin'ora, nonché tutti i dati derivati calcolati dai vari moduli programmabili. Tutti i file sono accessibili attraverso connessione http standard.

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Marco Giorgi Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Post mortem (Dopo lo spegnimento del sistema) Si smonta il dispositivo e lo si collega ad un PC dedicato all'acquisizione Live forensics (Direttamente

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE.

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. Pagina 1 di 5 LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. A. Armani G. Poletti Spectra s.r.l. Via Magellano 40 Brugherio (Mi) SOMMARIO. L'impiego sempre più diffuso

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Informazioni sull'applicazione della regolamentazione sul consumo proprio in relazione al sistema svizzero delle garanzie di origine 2 Introduzione

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli