INAIL - DIREZIONE GENERALE - DIREZIONE CENTRALE RISCHI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INAIL - DIREZIONE GENERALE - DIREZIONE CENTRALE RISCHI"

Transcript

1 Organo: INAIL - DIREZIONE GENERALE - DIREZIONE CENTRALE RISCHI Documento: Circolare n. 36 del 17 giugno 2003 Oggetto: Determinazione per l'anno 2003 dei limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo delle contribuzioni dovute in materia di previdenza ed assistenza sociale. Principi e criteri di calcolo delle retribuzioni effettive minime e delle retribuzioni convenzionali. Premi speciali unitari: principi e criteri di calcolo. Minimale e massimale di rendita in vigore fino al 30 giugno Quadro normativo D.P.R. 30 giugno 1965, n. 1124, recante il Testo Unico delle disposizioni per l'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali (T.U.). Articoli 4, nn. 1, 3, 6 e 7, 29, 30, commi 1 e 4, 41, 42, 116, comma 3, e successive modificazioni: lavoratori dipendenti, artigiani, familiari, soci non artigiani ed associati; retribuzione imponibile effettiva, convenzionale e di ragguaglio; premio ordinario e speciale; minimale e massimale di rendita. D.P.R. 30 aprile 1970, n. 602, recante il riassetto previdenziale ed assistenziale di particolari categorie di lavoratori soci di società e di enti cooperativi, anche di fatto, che prestino la loro attività per conto delle società ed enti medesimi. Articoli 1-5 e 7: forme assicurative; "requisiti" per gli organismi di fatto; "adempimenti" per le cooperative e per gli organismi di fatto; previsione di retribuzioni convenzionali da determinarsi con D.M.. Tabella delle attività lavorative (successivamente modificata). Legge 3 giugno 1975, n. 160, recante norme per il miglioramento dei trattamenti pensionistici e per il collegamento alla dinamica salariale. Articolo 22, comma 1: adeguamento delle retribuzioni convenzionali in base all'indice ISTAT. Decreto-legge 29 luglio 1981, n. 402, convertito in legge 26 settembre 1981, n. 537, recante l'adeguamento delle contribuzioni. Articolo 1, commi 1-4, e tabelle A e B allegate al decreto: limiti minimi di retribuzione giornaliera da variare annualmente in base all'indice ISTAT (comma 3: limite minimo di L per i soci di cooperative di cui al D.P.R. n. 602/1970). Decreto-legge 12 settembre 1983, n. 463, convertito in legge 11 novembre 1983, n. 638, recante misure urgenti in materia previdenziale. Articolo 7, comma 1, modificato dall'articolo 1, comma 2, del decreto-legge 9 ottobre 1989, n. 338, convertito in legge 7 dicembre 1989, n. 389: minimale settimanale per l'accredito dei contributi obbligatori e figurativi, ovvero per assicurare la copertura delle 52 settimane annue utili ai fini pensionistici; minimale giornaliero per la generalità delle retribuzioni effettive. Decreto-legge 30 ottobre 1984, n. 726, convertito in legge 19 dicembre 1984, n. 863, recante misure urgenti a sostegno e ad incremento dei livelli occupazionali. Articolo 5, commi 5, 9, 9-bis, 9- ter, 16, 17, 19 e 20, in vigore fino al 31 marzo 2000: retribuzione convenzionale per il part-time; minimali giornalieri inferiori per particolari settori e categorie di lavoratori; istruzione prescolare non statale. Legge 8 agosto 1985, n. 443 (legge-quadro per l'artigianato). Articoli 2-5, 7, 9 e successive modificazioni: impresa artigiana; albo delle imprese artigiane; iscrizione, revisione ed accertamenti d'ufficio; commissione provinciale per l'artigianato. Decreto-legge 9 ottobre 1989, n. 338, convertito in legge 7 dicembre 1989, n. 389, recante disposizioni urgenti in materia contributiva. Articolo 1, comma 1: retribuzione minima imponibile stabilita da leggi e contratti. Decreto 3 dicembre 1999 del Ministero del lavoro e della previdenza sociale, recante la revisione degli imponibili giornalieri e dei periodi di occupazione media mensile, nonché l'inserimento di nuove attività lavorative, per i lavoratori soci di società ed enti cooperativi, anche di fatto, cui si applicano le disposizioni del D.P.R. n. 602/1970: retribuzione convenzionale in vigore fino al 31 dicembre 2001; vigente tabella delle attività lavorative.

2 Decreto legislativo 23 febbraio 2000, n. 38, recante disposizioni in materia di assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, a norma dell'articolo 55, comma 1, della legge n. 144/1999. Articoli 4, 5, 6, 8 e 11: retribuzione convenzionale per i lavoratori dell'area dirigenziale; compensi effettivi per i lavoratori parasubordinati; previsione di una retribuzione per gli sportivi professionisti dipendenti; retribuzione di ragguaglio; rivalutazione delle rendite. Decreto legislativo 25 febbraio 2000, n. 61, recante l'attuazione della direttiva 97/1981/CE relativa all'accordo-quadro sul lavoro a tempo parziale. Articolo 9, commi 1 e 3: conferma della retribuzione convenzionale per il part-time già prevista dall'articolo 5, commi 5, 9, 9-bis e 9-ter, del D.L. n. 726/1984 convertito in L. n. 863/1984 (come integrato dal D.L. n. 232/1995, più volte reiterato fino al D.L. n. 510/1996 convertito in L. n. 608/1996). Articolo 11: abrogazione dell'articolo 5 a decorrere dal 1 aprile Decreto 22 settembre 2000 del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, recante la determinazione dell'imponibile medio giornaliero e l'elevazione del periodo di occupazione media mensile, ai fini contributivi, per i lavoratori soci di cooperative sociali e per i lavoratori soci di cooperative operanti nell'area dei servizi socio-assistenziali, sanitari ed educativi: minimale giornaliero per le retribuzioni convenzionali provinciali (nel rispetto del minimale settimanale di cui all'articolo 7, comma 1, del decreto-legge n. 463/1983 convertito in legge n. 638/1983) e riallineamento del periodo di occupazione media mensile. Legge 23 dicembre 2000, n. 388, recante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2001). Articolo 11: sconto pari al 70% del premio dovuto - fino al 31 dicembre per le imprese che esercitano la pesca costiera e per le imprese che esercitano la pesca nelle acque interne e lagunari. Decreto 1 febbraio 2001 del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, recante la nuova tariffa dei premi speciali unitari per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali dei titolari di aziende artigiane, dei soci di società fra artigiani lavoratori, nonché dei relativi familiari coadiuvanti ed associati in partecipazione. Legge 5 marzo 2001, n. 57, recante disposizioni in materia di apertura e regolazione dei mercati. Articolo 13, di modifica degli articoli 3, 5, 7 e 9 della legge n. 443/1985: società a responsabilità limitata artigiana. Legge 3 aprile 2001, n. 142, come modificata dall'articolo 9 della legge 14 febbraio 2003, n. 30 (G.U. 26 febbraio 2003, n. 47), recante la revisione della legislazione in materia cooperativistica, con particolare riferimento alla posizione del socio lavoratore. Articoli 1, 4 e 6: rapporto associativo, rapporto di lavoro e relativa contribuzione; previsione di una disciplina speciale per la contribuzione dei soci di cui al D.P.R. n. 602/1970, da equiparare gradualmente a quella dei lavoratori dipendenti da impresa; regolamento interno da definire entro il 31 dicembre 2003 (termine così prorogato dall'articolo 9 della legge n. 30/2003). Decreto legislativo 6 novembre 2001, n. 423, recante disposizioni in materia di contribuzione previdenziale ed assistenziale per i soci di cooperative di cui al D.P.R. n. 602/1970, a norma dell'articolo 4, comma 3, della legge n. 142/2001: retribuzione convenzionale annualmente aumentata dal 1 gennaio 2002 al 31 dicembre 2006; applicazione della retribuzione effettiva dal 1 gennaio Decreto 28 marzo 2002 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, recante la fissazione delle retribuzioni e dei riferimenti tariffari per l'assicurazione antinfortunistica degli sportivi professionisti dipendenti. Articolo 2: retribuzione effettiva annua entro il minimale ed il massimale di rendita. Decreto 31 ottobre 2002 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze (G.U. 24 gennaio 2003, n. 19), recante la rivalutazione delle prestazioni economiche erogate dall'inail con decorrenza 1 luglio 2002 per il settore industria. Articolo 1, comma 1: minimale e massimale di rendita in vigore dal 1 luglio 2002.

3 Decreto 13 gennaio 2003 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze (G.U. 28 gennaio 2003, n. 22), recante la determinazione per l'anno 2003 delle retribuzioni convenzionali per i lavoratori italiani operanti in Paesi extracomunitari, di cui all'articolo 4, comma 1, del decreto-legge n. 317/1987 convertito in legge n. 398/1987. Circolari: nn. 17 e 43 del 1998; nn. 45 e 48 del 2002; nn. 5, 26, 28 e 29 del MINIMALE GIORNALIERO PER LA GENERALITA' DELLE RETRIBUZIONI EFFETTIVE 1.1. DISCIPLINA DEI MINIMI IMPONIBILI. L'articolo 1, comma 1, del decreto-legge n. 338/1989, convertito in legge n. 389/1989, prevede che la retribuzione da assumere come base per il calcolo dei contributi di previdenza ed assistenza sociale non può essere inferiore all'importo delle retribuzioni stabilito da leggi, regolamenti, contratti collettivi, stipulati dalle organizzazioni sindacali più rappresentative su base nazionale, o da accordi collettivi o contratti individuali, qualora ne derivi una retribuzione di importo superiore a quello del contratto collettivo. Detta disposizione - a mente dell'articolo 2, comma 25, della legge n. 549/ si interpreta nel senso che, in caso di pluralità di contratti collettivi intervenuti per la medesima categoria, la retribuzione da assumere come base per il calcolo dei contributi previdenziali ed assistenziali è quella stabilita dai contratti collettivi stipulati dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro comparativamente più rappresentative nella categoria. La retribuzione minima imponibile ex lege n. 389/1989 non abroga i "limiti minimi di retribuzione giornaliera" già previsti dall'articolo 1, commi 1-4, del decreto-legge n. 402/1981, convertito in legge n. 537/1981, i quali devono essere annualmente rivalutati in relazione all'indice del costo della vita accertato dall'istat. Per l'anno 2003, la variazione percentuale dell'indice del costo della vita, di cui all'articolo 19 della legge n. 153/1969, e successive modificazioni, è risultata pari a + 2,4%. Indice ISTAT per l'anno ,4 % Da quanto sopra consegue che la retribuzione effettiva determinata a norma dell'articolo 29 T.U., come sostituito - a decorrere dal dall'articolo 6, comma 1, del D.lgs. n. 314/1997 ("reddito da lavoro dipendente ai fini contributivi": v. circolari n. 17 e n. 43/1998), deve essere uguagliata, se inferiore, sia alla retribuzione minima imponibile stabilita da leggi e contratti, prevista dall'articolo 1 del decreto-legge n. 338/1989 convertito in legge n. 389/1989 (v. paragrafo 2.1.1), sia ai "limiti minimi di retribuzione giornaliera" annualmente indicizzati, previsti dall'articolo 1 del decreto-legge n. 402/1981 convertito in legge. n. 537/1981 (salve le erogazioni "speciali" di cui al paragrafo 3). Detti limiti minimi - ai sensi dell'articolo 7, comma 1, secondo periodo, del decreto-legge n. 463/1983 convertito in legge n. 638/1983, modificato dall'articolo 1, comma 2, secondo periodo, del decreto-legge n. 338/89 convertito in legge n. 389/ devono essere adeguati, se inferiori, al 9,5% dell'importo del trattamento minimo mensile di pensione a carico del Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti in vigore al 1 gennaio dell'anno considerato ed aggiornato in base all'indice ISTAT. Per l'anno 2003, dunque, il 9,5% di. 402,12 è uguale a. 38,20. Tale importo corrisponde al minimale giornaliero da raffrontare con i limiti minimi rivalutati indicati, per ciascun settore, qualifica e categoria, nelle tabelle A, B e C dell'allegato n. 1. Ne deriva che le retribuzioni effettive non possono scendere sotto questi limiti minimi adeguati, se inferiori, a. 38,20. Resta fermo che il minimale giornaliero non vale per tutte le retribuzioni effettive, poiché sono escluse dall'adeguamento al medesimo: le retribuzioni degli operai agricoli, di cui al paragrafo 2.2;

4 le erogazioni speciali di cui al paragrafo 3. Si ricorda che tale ambito di applicazione del minimale giornaliero consegue dall'abrogazione dell'articolo 5 del decreto-legge n. 726/1984, convertito in legge n. 863/1984, da parte dell'articolo 11 del D.lgs. n. 61/2000 (v. circolare n. 61/2000: premessa e paragrafo 1) TABELLE RIASSUNTIVE. Anno 2003 Euro Minimale giornaliero per la generalità delle retribuzioni effettive 38,20 escluse quelle: - degli operai agricoli (v. paragrafo 2.2) - speciali (v. paragrafo 3) Il minimale giornaliero rapportato a mese, nell'ipotesi di 26 giorni lavorativi mensili, è indicato nella tabella del paragrafo Inoltre, il riepilogo comparativo per l'anno 2003 dei limiti minimi di retribuzione giornaliera per le retribuzioni effettive e convenzionali ed il riepilogo comparativo per gli anni sono indicati, rispettivamente, nella tabella dell'allegato n. 2 e nella tabella dell'allegato n. 3 (importi in euro). 2. LIMITI MINIMI IMPONIBILI PER LE RETRIBUZIONI EFFETTIVE DEL SETTORE INDUSTRIALE (TITOLO I T.U.) E DEL SETTORE AGRICOLO (TITOLO II T.U.) 2.1. SETTORE INDUSTRIALE (TITOLO I T.U.) CRITERIO DI CALCOLO DELLE RETRIBUZIONI EFFETTIVE MINIME. Il criterio per determinare la base effettiva minima di calcolo del premio deve tenere conto - mensilmente - della retribuzione minima imponibile stabilita da leggi e contratti, prevista dall'articolo 1 del decretolegge n. 338/89 convertito in legge n. 389/1989, da raffrontare con il limite minimo di retribuzione giornaliera che va applicato al lavoratore in esame. Allo scopo, la retribuzione contrattuale deve essere rapportata a giorno e, conseguentemente, va divisa per i giorni lavorativi mensili da retribuire (cd. retribuzione contrattuale media giornaliera). Si deve, quindi, scegliere l'importo giornaliero più elevato tra quello contrattuale come sopra calcolato e quello del limite minimo di retribuzione giornaliera: se è più elevato l'importo contrattuale, si deve confermare la retribuzione effettiva (ex articolo 29 T.U.) del mese considerato, senza alcun adeguamento; se, invece, è più elevato l'importo del limite minimo di retribuzione giornaliera, quest'ultimo deve essere rapportato a mese e, dunque, moltiplicato per i giorni lavorativi mensili da retribuire ed all'importo così ottenuto va adeguata, se inferiore, la retribuzione effettiva del mese considerato. Detto criterio non vale per le erogazioni speciali di cui al paragrafo 3. In particolare, dai giorni lavorativi mensili devono essere esclusi quelli da retribuire con i trattamenti integrativi di prestazioni mutualistiche e previdenziali e dalla retribuzione contrattuale devono essere esclusi i medesimi trattamenti. Per l'anno 2003, in ordine alle categorie di lavoratori a cui si applica il minimale di. 38,20, si espone la tabella del limite minimo giornaliero rapportato a mese nell'ipotesi di 26 giorni lavorativi mensili: Anno 2003 Euro Limite giornaliero per le retribuzioni della generalità dei lavoratori dipendenti, esclusi gli 38,20

5 minimo mensile(x 26) effettive(*) operai agricoli 993,20 (*) escluse le erogazioni speciali di cui al paragrafo 3 A norma dell'articolo 4, commi 1 e 2, della legge n. 142/2001, per la determinazione della base imponibile i soci di cooperative con rapporto di lavoro subordinato sono equiparati ai lavoratori dipendenti (ai sensi del citato articolo 4, comma 3, e del D.lgs. n. 423/2001, i soci di cui al D.P.R. n. 602/1970 sono regolati da una disciplina particolare: v. paragrafi 4.2, 6.4, 10.2 e Allegati nn. 5 e 6). Quindi, se per tali soci non sono applicabili retribuzioni convenzionali o premi speciali, i loro compensi devono valere come retribuzioni effettive secondo l'articolo 29 T.U., da raffrontare, per l'anno 2003, con il minimale di. 38, LAVORATORI A DOMICILIO L'articolo 1, commi 3 e 4, del decreto-legge n. 402/1981, convertito in legge n. 537/1981, prevede - per i soci di cooperative ex D.P.R. n. 602/1970, i pescatori ex lege n. 250/1958 ed i lavoratori a domicilio - uno specifico limite minimo di retribuzione giornaliera da indicizzare annualmente, uguale, per l'anno 2003, a. 21,22. Questo limite minimo, per i lavoratori in argomento, deve essere adeguato al superiore importo del minimale per le retribuzioni effettive della generalità dei lavoratori dipendenti, ovvero. 38,20. E' lavoratore a domicilio chiunque, con vincolo di subordinazione, esegue attività retribuita per conto di uno o più datori di lavoro nel proprio domicilio o in locale di cui abbia disponibilità e, comunque, in locali non di pertinenza del datore di lavoro, anche con l'aiuto accessorio di suoi familiari conviventi e a carico, ma con esclusione di manodopera salariata e di apprendisti (articolo 1 della legge n. 877/1973, modificato dall'articolo 2 della legge n. 858/1980). In merito alle istruzioni diramate per i suddetti lavoratori, si rinvia alle circolari n. 37/1974 e n. 83/ MINIMALE CONTRIBUTIVO E MINIMALE DI RENDITA Il minimale di. 38,20 non deve essere adeguato al superiore importo di 1/300 del minimale di rendita previsto dall'articolo 116, comma 3, T.U. (uguale a. 39,41: v. paragrafo 11), poiché l'uno prescinde dall'altro. Tuttavia, nella diversa ipotesi in cui, dal 1.1 al , il minimale contributivo diventi superiore al minimale di rendita rapportato a giorno, quest'ultimo - ove assunto come retribuzione convenzionale - dovrà essere adeguato al limite minimo contributivo (v. paragrafo 5.1). (Omissis) 3. EROGAZIONI SPECIALI DA NON UGUAGLIARE AI LIMITI MINIMI DI RETRIBUZIONE GIORNALIERA Il Ministero del lavoro e della previdenza sociale aveva espresso l'avviso che le erogazioni di seguito indicate - per la loro particolare natura previdenziale e assistenziale - non devono essere uguagliate, se inferiori, ai limiti minimi di retribuzione giornaliera, fermo restando che sono imponibili ex articolo 29 T.U.: trattamenti integrativi di prestazioni mutualistiche e previdenziali (infortunio, malattia professionale, malattia, gravidanza e puerperio, integrazioni salariali, ecc.) posti dalla legge o dai contratti a carico dei datori di lavoro; assegno o indennità corrisposta ai disoccupati avviati ai cantieri scuola e lavoro, rimboschimento e sistemazione montana. Circa i trattamenti integrativi di prestazioni mutualistiche e previdenziali, la base imponibile è costituita dalle stesse somme dovute a carico dei datori di lavoro, ancorché inferiori ai limiti minimi di retribuzione giornaliera.

6 Circa l'assegno o indennità corrisposta ai disoccupati avviati ai cantieri, si premette che l'importo fissato dal D.M in L giornaliere valeva solo fino al 30 giugno 1991 (v. circolari n. 88/1976, n. 27/1983 e n. 57/1989). Dal 1 luglio 1991, considerata la competenza delle Regioni in materia di determinazione del trattamento economico da corrispondere ai lavoratori utilizzati nei cantieri scuola e lavoro, rimboschimento e sistemazione montana, si precisa quanto segue: la base imponibile è costituita dall'importo giornaliero stabilito con legge regionale e periodicamente aggiornato con decreto del Presidente della Giunta regionale, ancorché inferiore al minimale (ad esempio, per la Regione Lazio, il D.P.G.R , n. 106, ha fissato l'importo di. 32,32 per il triennio ); il valore di tale assegno o indennità deve essere moltiplicato per i giorni di effettiva presenza al lavoro; il tasso da applicare è il 50 per 1000 calcolato su detto importo (v. articolo 2 legge n. 418/1975); invece alle eventuali somme corrisposte a titolo di integrazione dell'assegno o indennità va applicato il tasso effettivo dell'attività svolta; le istruzioni sono nelle citate circolari n. 88/1976 e n. 27/1983. E', dunque, cura delle Direzioni Regionali verificare se nelle rispettive Regioni sono previsti i suindicati cantieri ed, in caso affermativo, acquisire e comunicare alle Unità dipendenti gli importi dei trattamenti economici ed i periodi di riferimento. 4. LIMITI MINIMI DI RETRIBUZIONE GIORNALIERA PER LA GENERALITA' DELLE RETRIBUZIONI CONVENZIONALI 4.1. ADEGUAMENTO DELLE RETRIBUZIONI CONVENZIONALI IN BASE ALL'INDICE ISTAT L'articolo 22, comma 1, della legge n. 160/1975 prevede che le retribuzioni convenzionali devono essere adeguate in base all'indice ISTAT a decorrere dal secondo anno successivo a quello della loro entrata in vigore. Ciò significa che l'importo convenzionale va, prima, indicizzato e, poi, raffrontato con il relativo limite minimo di retribuzione giornaliera, al fine di essere uguagliato, se inferiore, a quest'ultimo. In concreto, tale adeguamento ha effetto per le retribuzioni convenzionali che non sono già da correlare alla variazione delle rendite - ai sensi degli articoli 116 T.U. e 11 D.lgs. n. 38/ o di un limite minimo di retribuzione giornaliera (v. paragrafi e 5.6.3) DISCIPLINA DEI MINIMI IMPONIBILI GIORNALIERI In conseguenza dell'abrogazione dell'articolo 5 del decreto-legge n. 726/1984, convertito in legge n. 863/1984, da parte dell'articolo 11 del D.lgs. n. 61/2000 (v. circolare n. 61/2000: premessa e paragrafo 6), il minimale giornaliero per la generalità delle retribuzioni effettive si applica anche alle retribuzioni convenzionali dei lavoratori per i quali il decreto-legge n. 402/1981, convertito in legge n. 537/1981, non prevede - nell'articolo 1, comma 3, e nelle tabelle A e B allegate - uno specifico limite minimo di retribuzione giornaliera. Detto minimale, pertanto, non si applica alle retribuzioni convenzionali dei lavoratori con uno specifico limite minimo di retribuzione giornaliera. Tra le categorie di lavoratori con un proprio limite minimo, le retribuzioni convenzionali sono risultate in vigore fino al per i soci di cooperative di cui al D.P.R. n. 602/1970, per i quali il citato articolo 1, commi 3 e 4, prevede il limite minimo di L da indicizzare annualmente, uguale, per l'anno 2003, a. 21,22 (v. paragrafo 2.1.2). Tale importo è da applicare in via estensiva alla generalità delle retribuzioni convenzionali dei soci di cooperative, anche di fatto. Diversamente, per i soci di cui al D.P.R. n. 602/1970, il D.lgs. n. 423/2001 dispone una speciale retribuzione convenzionale giornaliera annualmente aumentata dal al , al fine di applicare la retribuzione effettiva a decorrere dal (v. paragrafo 6.4 e Allegati nn. 5 e 6). Ciò vale a dire che

7 questo imponibile giornaliero è escluso dalla generalità delle retribuzioni convenzionali e, dunque, dalla disciplina dei minimi imponibili. In aggiunta al suindicato limite minimo, a decorrere dal , l'articolo 2 del D.M stabilisce che le retribuzioni convenzionali a livello provinciale dei soci di cooperative (sociali e non) operanti nell'area dei servizi socio-assistenziali, sanitari ed educativi non possono essere inferiori all'importo giornaliero che rispetta il minimale settimanale introdotto ex lege n. 638/1983 e modificato ex lege n. 389/1989, ovvero che rispetta il 40% dell'importo del trattamento minimo mensile di pensione a carico del F.P.L.D. in vigore al 1 gennaio dell'anno considerato ed aggiornato in base all'indice ISTAT (v. Allegato n. 4). Per l'anno 2003, il minimale settimanale (40% di. 402,12) è uguale a. 160,85 e, quindi, il minimale giornaliero (160,85 : 6) è uguale a. 26,81. Dunque, per i soci di cooperative di cui al D.M , il predetto limite minimo di. 21,22 va uguagliato al superiore importo del minimale di. 26,81. Da quanto sopra derivano i seguenti limiti minimi di retribuzione giornaliera: minimale di. 38,20, a cui devono essere adeguate, se inferiori, le retribuzioni convenzionali dei lavoratori diversi dai soci di cooperative, anche di fatto, indicate nei paragrafi 5.1, 5.2, 5.3, 5.4.1, e ("minimale generale"); limite minimo di. 21,22, a cui devono essere adeguate, se inferiori, le retribuzioni convenzionali dei soci di cooperative, anche di fatto, non operanti nell'area dei servizi socio-assistenziali, sanitari ed educativi, indicate nei paragrafi e 5.6.1; minimale di. 26,81, a cui devono essere adeguate, se inferiori, le retribuzioni convenzionali a livello provinciale dei soci di cooperative, anche di fatto, operanti nell'area dei servizi socio-assistenziali, sanitari ed educativi, indicate nei paragrafi e ("minimale pensionistico"). A parte va accennata la retribuzione convenzionale per i soci volontari delle cooperative sociali (v. paragrafo 5.5). (OMISSIS) 5. RETRIBUZIONI CONVENZIONALI STABILITE CON DECRETO MINISTERIALE La fonte normativa originaria delle retribuzioni medie convenzionali risale all'articolo 35, comma 1, del D.P.R. n. 797/1955 (Testo Unico delle norme sugli assegni familiari), secondo il quale per particolari categorie di lavoratori possono essere stabiliti, con decreto ministeriale, appositi salari medi nonché periodi di occupazione media mensile. A tale disposizione si sono aggiunti, ai soli fini INAIL, gli articoli 30, comma 1, e 118, comma 1, T.U., che confermano la validità delle retribuzioni convenzionali per determinare la base imponibile, a prescindere dalla retribuzione effettiva ex articolo 29 T.U. L'imponibile "convenzionale", infatti, è l'eccezione che prevale sulla regola dell'imponibile "effettivo". Le retribuzioni in argomento si dividono come segue: generalità delle retribuzioni convenzionali, a livello nazionale o provinciale; retribuzioni convenzionali per i lavoratori italiani operanti in Paesi extracomunitari, di cui agli articoli 1 e 4 del decreto-legge n. 317/1987, convertito in legge n. 398/1987. La prima tipologia riguarda le retribuzioni convenzionali incluse nel principio generale dell'adeguamento ai limiti minimi di retribuzione giornaliera (v. paragrafi 4.2 e 4.4). La seconda tipologia riguarda le "speciali" retribuzioni convenzionali mensili stabilite annualmente con apposito decreto ministeriale e, per l'anno 2003, con D.M La particolare normativa da cui scaturiscono, ex lege n. 398/1987, le esclude dalla generalità delle retribuzioni convenzionali (v. circolari n.

8 54/1988 e n. 68/1989; lettera Direzione Centrale Rischi ; circolari n. 5/2003, all. 2, n. 26 e n. 29/2003, all. 4). Circa la tipologia generale, il criterio per determinare la base convenzionale di calcolo del premio - se non è previsto un imponibile mensile - deve tenere conto dei giorni di effettiva presenza e del limite "convenzionale" dei giorni lavorativi mensili ed annuali, pari a 25 e 300 (v. articolo 116, commi 2 e 3, T.U.; lettera-circolare n.45/1976). In relazione a quanto precede, si espongono i criteri di calcolo da applicare: Ø retribuzione convenzionale annuale (v. paragrafo 5.1) l'importo annuale deve considerarsi divisibile in 300 giorni lavorativi e l'importo giornaliero così ottenuto va moltiplicato per i giorni di effettiva presenza al lavoro fino al limite mensile di 25 ed al limite annuale di ad eccezione dell'importo annuale riferito a P.I.P. e borse lavoro, da dividere in 12 mesi lavorativi (v. circolare n. 11/1998); Ø retribuzione convenzionale giornaliera (v. paragrafi 5.2, 5.4, 5.5, e 5.6.2) l'importo giornaliero va moltiplicato per i giorni di effettiva presenza al lavoro fino al limite mensile di 25 ed al limite annuale di 300; Ø retribuzione convenzionale giornaliera da moltiplicare per un periodo di occupazione media mensile (v. paragrafi 5.3, e 5.6.3) l'importo giornaliero va comunque moltiplicato per il periodo mensile fissato dal D.M., a prescindere dai giorni di effettiva presenza al lavoro. Ciò posto, nei paragrafi da 5.1 a 5.5 sono illustrate le categorie con retribuzioni convenzionali a livello nazionale aggiornate all'anno 2003; nel paragrafo 5.6 sono illustrate le categorie con retribuzioni convenzionali a livello provinciale CATEGORIE DI LAVORATORI CON RETRIBUZIONE CONVEN-ZIONALE PARI AL MINIMALE DI RENDITA I decreti sottoindicati stabiliscono una retribuzione convenzionale annuale pari al minimale di cui all'articolo 116, comma 3, T.U. Dal 1 luglio 2002 al 30 giugno 2003, l'imponibile giornaliero ( ,00 : 300) e mensile (x 25 ovvero ,00 : 12) corrisponde ai seguenti importi: Le categorie in argomento sono: 1 luglio giugno 2003 Euro Retribuzione convenzionale giornaliera 39,41 mensile 985,25 detenuti ed internati per l'"attività occupazionale" di cui all'articolo 4, n. 9, T.U. e al D.M ("lavoranti sia per conto di ditte concessionarie di mano d'opera, sia per conto di imprese private": v. circolare n. 120/1969; sono esclusi dall'assicurazione in forma ordinaria gli addetti a lavori condotti direttamente dallo Stato: v. circolari n. 10/1980 e n. 53/2001); allievi dei corsi di istruzione professionale, di cui all'articolo 4, n. 5, T.U. e al D.M (la tutela assicurativa - circoscritta ai partecipanti a corsi con "esperienze tecnico-scientifiche" o "esercitazioni pratiche" - comprende anche l'insegnamento o apprendimento teorico non scindibile dalle dette esperienze ed esercitazioni pratiche; v. circolare n. 125/1970, notiziario n. 21/1977 e circ. n. 29/2003, all. 4); lavoratori in lavori socialmente utili e di pubblica utilità, di cui al D.M , alle leggi n. 236/1993, n. 451/1994 e n. 608/1996 e ai decreti legislativi n. 280/1997, n. 468/1997 e n. 81/2000 (v. lettera S.N.G.A );

9 lavoratori in tirocini formativi e di orientamento, di cui alle leggi n. 236/1993 e n. 196/1997, al Decreto interministeriale n. 142/1998 e al D.P.R. n. 156/1999 (v. lettere Direzione Centrale Rischi e e lettera Direzione Centrale Rischi-Prestazioni ); lavoratori in P.I.P., di cui alle leggi n. 451/1994 e n. 608/1996, al D.M , all'articolo 78, comma 16, della legge n. 388/2000 ed all'articolo 52, comma 72, della legge n. 448/2001 (v. circolare n. 11/1998 e lettera Direzione Centrale Prestazioni ); lavoratori in borse lavoro, di cui al D.lgs. n. 280/1997 e al D.M (v. circolare n. 11/1998 e lettera Direzione Centrale Prestazioni ) FAMILIARI PARTECIPANTI ALL'IMPRESA FAMILIARE DI CUI ALL'ARTICOLO 230-BIS C.C. Il D.M stabilisce una retribuzione convenzionale giornaliera da variare a norma dell'articolo 116 T.U.. Dal 1 luglio 2002 al 30 giugno 2003, l'imponibile giornaliero e mensile (x 25) corrisponde ai seguenti importi: 1 luglio giugno 2003 Euro Retribuzione convenzionale giornaliera 39,42 mensile 985,50 I familiari in argomento - il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado - si distinguono da quelli esplicitamente previsti dall'articolo 4, n. 6, T.U. poiché sono una categoria più circoscritta e non sono alle dipendenze del datore di lavoro (titolare dell'impresa familiare). Si ricorda che il premio ordinario su base convenzionale non vale per i familiari partecipanti all'impresa familiare artigiana, ai quali vanno applicati i premi speciali del D.M (v. paragrafo 10.1). In merito alle istruzioni diramate per i suddetti familiari, si rinvia alle circolari n. 67/1988, n. 42 e n. 67/1989 (all. 4), n. 24/1990, n. 56/1991 (all. 4), n. 62/1991, n. 14/1994 (all. 3), n. 70/1996 (all. 3), n. 52/1999 (all. 3), n. 72/2000 (all. 4), n. 27/2002 (all. 4) e n. 29/2003 (all. 4) LAVORATORI SOCI DI COOPERATIVE ANCHE DI FATTO Per l'anno 2003, l'imponibile giornaliero e mensile (x 25) corrisponde ai seguenti importi: Retribuzione convenzionale Anno 2003 Euro giornaliera 21,22 mensile 530,50 Secondo l'espressa previsione dell'articolo 2, comma 2, del citato D.M., la retribuzione convenzionale vale, altresì, per le categorie di cui all'articolo 4, nn. 3, 6 e 7, T.U. (compresi, dunque, i titolari e soci artigiani, i familiari del titolare artigiano e gli associati ad imprenditore artigiano). Si ricorda che il premio ordinario su base convenzionale non vale per le persone addette ai lavori di frangitura e spremitura delle olive, alle quali vanno applicati i premi speciali del D.M , dovuti per frantoio (v. paragrafo 10.4). In merito alle istruzioni diramate per gli addetti a lavorazioni meccanico-agricole per conto terzi, si rinvia alle circolari n. 32/1976, n. 31/1979 e n. 47/1980, al notiziario n. 43/1989, alla lettera Direzione Centrale Rischi ed alla circolare n. 29/2003 (all. 4) CATEGORIE DI LAVORATORI CON RETRIBUZIONI CONVEN-ZIONALI GIORNALIERE A LIVELLO PROVINCIALE

10 FAMILIARI, SOCI E ASSOCIATI DI CUI ALL'ARTICOLO 4, NN. 6 E 7, T.U. Nell'ambito di varie province, per particolari categorie, sono in vigore decreti ministeriali recanti importi convenzionali giornalieri solo o anche ai fini contributivi e risarcitivi INAIL (art. 118, comma 1, T.U.; art. 35, comma 1, D.P.R. n. 797/1955). E' implicito che una retribuzione convenzionale a livello provinciale non è applicabile ai lavoratori per i quali è già stabilita una retribuzione convenzionale a livello nazionale od un premio speciale. Le categorie in argomento sono: ü familiari coadiuvanti del datore di lavoro non artigiano - con o senza retribuzione effettiva - di cui all'articolo 4, n. 6, T.U.; ü soci non artigiani di cooperative - con o senza retribuzione effettiva - di cui all'articolo 4, n. 7, T.U.; ü soci non artigiani di ogni altro tipo di società anche di fatto - senza retribuzione effettiva - di cui al citato n. 7; ü associati in partecipazione se l'associante non è imprenditore artigiano - senza retribuzione effettiva - di cui al citato n. 7 (Corte Cost. n. 332/1992). Nel paragrafo sono evidenziate le retribuzioni convenzionali per una particolare categoria di soci di cooperative ADEGUAMENTO DELLE RETRIBUZIONI CONVENZIONALI IN BASE ALL'INDICE ISTAT Nella tabella dell'allegato n. 3 sono indicati i limiti minimi di riferimento fino all'anno 2003 (importi in euro). Come accennato nel paragrafo 4.1, l'adeguamento in base all'indice ISTAT a decorrere dal secondo anno (art. 22 L. n. 160/1975) ha effetto per le retribuzioni convenzionali provinciali che non sono uguali al minimale di rendita rapportato a giorno e sono superiori al relativo limite minimo di retribuzione giornaliera. Si espone l'esempio di un D.M. che, per i familiari di cui all'articolo 4, n. 6, T.U., stabilisce dal una retribuzione convenzionale di. 38,73. Tale importo giornaliero resta fisso anche nell'anno 2002, poiché superiore al minimale di. 37,31. Pertanto, dal , la retribuzione convenzionale di. 38,73 adeguata all'indice ISTAT, pari a + 2,4 %, è uguale a. 39,66, ovviamente superiore al minimale di. 38,20. Diversamente, si espone l'esempio di un D.M. che, per i suddetti familiari, stabilisce dal una retribuzione convenzionale di. 37,18. Tale importo giornaliero, nell'anno 2002, va uguagliato al minimale di. 37,31. Pertanto, dal , la retribuzione convenzionale è uguale al minimale di. 38, RETRIBUZIONI CONVENZIONALI STABILITE CON LEGGE Oltre le retribuzioni convenzionali determinate con decreto ministeriale, sono in vigore retribuzioni convenzionali determinate con legge e da considerare come "speciali", analogamente a quelle stabilite per i lavoratori in paesi extracomunitari (v. paragrafo 5). La fonte normativa, ai soli fini INAIL, è sempre il citato articolo 30, comma 1, T.U., ma le retribuzioni in esame sono escluse dal principio generale dell'adeguamento ai limiti minimi giornalieri espresso nei paragrafi 4.2 e 4.4. Si illustrano, pertanto, le tipologie di imponibili convenzionali per i lavoratori addetti ai servizi domestici e familiari (paragrafo 6.1), i lavoratori con contratto part-time (paragrafo 6.2), i lavoratori dell'area dirigenziale (paragrafo 6.3) ed i lavoratori soci di cooperative e di organismi associativi di fatto soggetti al D.P.R. n. 602/1970 (paragrafo 6.4).

11 6.2. LAVORATORI CON CONTRATTO PART-TIME L'articolo 9, commi 1 e 3, del decreto legislativo n. 61/2000 ha confermato ai fini INAIL la disciplina imponibile - fondata sul criterio della retribuzione convenzionale oraria - già prevista dall'articolo 5, commi 5, 9, 9/bis e 9/ter, del D.L. n. 726/1984 convertito in L. n. 863/1984 (come integrato dal D.L. n. 232/1995, più volte reiterato fino al D.L. n. 510/1996 convertito in L. n. 608/1996). In sintesi, la base imponibile convenzionale è determinata moltiplicando la retribuzione oraria (minimale o tabellare) per le ore complessive da retribuire, a carico del datore di lavoro, nel periodo assicurativo. La retribuzione oraria minimale - a norma del citato articolo 9, comma 1 - si ottiene come ai fini INPS, ovvero nel modo seguente: ü si moltiplica il minimale giornaliero "generale" per le giornate di lavoro settimanale ad orario normale (sempre pari a 6, anche se l'orario di lavoro è distribuito in 5 giorni settimanali); ü l'importo così ottenuto va diviso per le ore di lavoro settimanale ad orario normale previste dalla contrattazione collettiva nazionale per i lavoratori a tempo pieno (o, in assenza di questa, dalla contrattazione territoriale, aziendale o individuale). Se, quindi, l'orario normale è di 40 ore settimanali, la retribuzione oraria minimale per l'anno 2003 risulta come segue: Anno 2003 Orario normale Euro Retribuzione oraria minimale 40 ore settimanali 38,20 x 6 : 40 = 5,73 La retribuzione oraria tabellare - a norma del citato articolo 9, comma 3 - si ottiene nel modo seguente: ü si divide l'importo della retribuzione annua tabellare prevista dalla contrattazione collettiva nazionale (o, in assenza di questa, dalla contrattazione territoriale, aziendale o individuale) per le ore annue stabilite dalla stessa contrattazione per i lavoratori a tempo pieno. La retribuzione annua tabellare (paga base o minimo tabellare) include anche le mensilità aggiuntive, ad esclusione di ogni altro istituto economico di natura contrattuale: contingenza - pure se conglobata nella paga base - scatti di anzianità, eventuali emolumenti stabiliti dalla contrattazione territoriale, aziendale o individuale, ecc. Ciò posto, si deve scegliere la retribuzione oraria superiore tra la minimale e la tabellare come sopra calcolate e tale importo convenzionale va moltiplicato per le ore complessive da retribuire in forza di legge o di contratto. Le ore da retribuire a carico del datore di lavoro comprendono, oltre quelle di effettiva presenza, le ore in cui il lavoratore è assente per ferie, festività riconosciute, permessi retribuiti, infortunio, malattia, maternità, ecc., entro il limite massimo di 25 giorni lavorativi mensili. In particolare, il computo delle ore include quelle da retribuire a titolo di lavoro "supplementare" o "straordinario" (cfr. articolo 3 del D.lgs. n. 61/2000), nonché quelle da retribuire a titolo di integrazione di prestazioni mutualistiche e previdenziali (infortunio, malattia, maternità, ecc.: v. paragrafo 3). Detto criterio della retribuzione convenzionale oraria vale anche per i soci di cooperative, ad esclusione dei soci ai quali vanno applicati i premi speciali (v. paragrafi 10.1, 10.2, 10.3, 10.5). Un diverso criterio orario vale per i lavoratori dell'area dirigenziale (v. paragrafo 6.3). Si ricorda, inoltre, che il premio ordinario su base convenzionale non vale per gli insegnanti, ai quali vanno applicati i premi speciali derivati dal D.M (v. paragrafo 10.6). Da ultimo, circa il profilo risarcitivo, si rinvia alle istruzioni della lettera S.N.G.A (circolare n. 21/1999: all. 2) e delle lettere Direzione Centrale Prestazioni e LAVORATORI DELL'AREA DIRIGENZIALE

12 L'articolo 4, comma 1, del D.lgs. n. 38/2000 prevede che la base imponibile è costituita dalla retribuzione convenzionale pari al massimale di rendita di cui all'articolo 116, comma 3, T.U. Al riguardo, si applica il criterio della retribuzione convenzionale annuale divisibile in 300 giorni lavorativi (v. paragrafo 5). Dal 1 luglio 2002 al 30 giugno 2003, l'imponibile giornaliero ( ,00 : 300) e mensile (x 25) corrisponde ai seguenti importi: 1 luglio giugno 2003 Euro Retribuzione convenzionale giornaliera 73,18 mensile 1.829,50 Per i lavoratori dell'area dirigenziale con contratto part-time, si deve calcolare l'importo orario del massimale di rendita, da moltiplicare per l'orario definito nel rapporto di lavoro a tempo parziale. In tal senso si era anche espresso il Ministero del lavoro e della previdenza sociale. Dal 1 luglio 2002 al 30 giugno 2003, l'imponibile orario (. 73,18 : 8) corrisponde al seguente importo, da moltiplicare per le ore di effettiva presenza al lavoro: 1 luglio giugno 2003 Euro Retribuzione convenzionale oraria 9,15 I lavoratori dell'area dirigenziale sono quelli con la qualifica di dirigente e quelli - con mansioni/funzioni direttive - inquadrati nell'area dirigenziale secondo quanto disciplinato dagli specifici contratti collettivi nazionali. In merito alle istruzioni diramate per i suddetti lavoratori, si rinvia alle lettere Direzione Centrale Rischi 13.3 e LAVORATORI SOCI DI COOPERATIVE E DI ORGANISMI AS-SOCIATIVI DI FATTO SOGGETTI AL D.P.R. N. 602/1970 Il D.lgs. n. 423/2001 prevede anche ai fini INAIL una retribuzione convenzionale giornaliera - da moltiplicare per un periodo di occupazione media mensile - annualmente aumentata dal al , allo scopo di applicare la retribuzione effettiva a decorrere dal (v. Allegato n. 5). Questo superiore imponibile giornaliero ha sostituito il precedente di cui all'articolo 3 del D.M (v. circolare n. 61/2001: paragrafo 5.5 e all. 5) e riguarda le stesse attività lavorative della tabella del D.M. (v. Allegato n. 6). Ai sensi dell'articolo 2 del D.lgs. n. 423/2001, nell'anno 2002 la retribuzione convenzionale è stata pari all'importo giornaliero di. 26,18, ovvero al "minimale pensionistico", nel rispetto del minimale settimanale introdotto ex lege n. 638/1983 e modificato ex lege n. 389/1989 (v. circolare n. 45/2002, paragrafo 6.4). Per l'anno ai sensi dell'articolo 3, comma 2, del D.Lgs. n. 423/ la retribuzione convenzionale giornaliera è aumentata nella percentuale del 25% calcolata sulla differenza tra il "minimale pensionistico" (. 26,81) ed il "minimale generale" (. 38,20) e, dunque, è uguale a. 29,66 (. 26, % di. 11,39). Per gli anni dal 2004 al 2006, l'imponibile giornaliero sarà aumentato nelle percentuali dal 50% al 100% (articolo 3, comma 1, D.lgs. n. 423/2001). Fino al ai sensi dell'articolo 4, commi 1 e 2, del D.lgs. n. 423/ è confermato il periodo di occupazione media mensile già fissato dal D.M (26 giornate lavorative), ma è innovato il graduale riallineamento a tale periodo nei territori del Mezzogiorno, comprese Basilicata e Campania (da 18 giornate nel 2002 a 26 giornate nel 2006). Per l'anno 2003, i periodi di occupazione media mensile sono i seguenti: Ambito territoriale Periodo fissato per l'anno 2003 a) Territori diversi dal Mezzogiorno 26 giorni lavorativi mensili

13 b) Territori del Mezzogiorno 20 Pertanto l'imponibile mensile (. 29,66 x 26;. 29,66 x 20) corrisponde ai seguenti importi: Anno 2003 a) Territori diversi dal Mezzogiorno Euro Retribuzione convenzionale giornaliera x 26 giorni mensili 771,16 b) Territori del Mezzogiorno Euro Retribuzione convenzionale giornaliera x 20 giorni mensili 593,20 Questo imponibile convenzionale giornaliero non vale per i soci con contratto part-time, ai quali va applicato l'imponibile convenzionale orario del D.lgs. n. 61/2000 (v. paragrafo 6.2), né vale per i soci da assicurare con i "premi speciali unitari" derivanti dall'articolo 42 T.U. Dunque il premio ordinario su base convenzionale del D.lgs. n. 423/2001 deve essere riferito ai soci non artigiani di cooperative e di organismi associativi di fatto "soggetti" al D.P.R. n. 602/ ovvero in regola con i "requisiti" e gli "adempimenti" stabiliti dagli articoli 2 e 3 - ad esclusione dei facchini, barrocciai, vetturini ed ippotrasportatori, ai quali vanno applicati i premi speciali del D.M (calcolati in analogia con i nuovi criteri del D.lgs. n. 423/2001: v. paragrafo 10.2). Viceversa, ai soci non artigiani di cooperative e di organismi associativi di fatto "non soggetti" al D.P.R. n. 602/ ovvero che, pur svolgendo le attività del D.M , non sono in regola con i citati "requisiti" e "adempimenti" - deve essere riferito il premio ordinario relativo alla generalità dei soci (su base convenzionale, effettiva o di ragguaglio), ad esclusione dei facchini, barrocciai, vetturini ed ippotrasportatori, ai quali vanno applicati i premi speciali superiori del richiamato D.M (v. paragrafo 10.3). In merito alle istruzioni diramate per i suddetti soci di cui al D.P.R. n. 602/1970, si rinvia al notiziario n. 12/ RETRIBUZIONE DI RAGGUAGLIO L'articolo 30, comma 4, T.U. - come modificato dall'articolo 8 del D.lgs. n. 38/ prevede che, "nei casi in cui i prestatori d'opera non percepiscano retribuzione fissa o comunque la remunerazione non sia accertabile, si assume, qualora non siano stabilite tabelle fisse di salari medi o convenzionali, la retribuzione valida ai fini della determinazione del minimale di legge per la liquidazione delle rendite di cui all'articolo 116, comma 3." Pertanto la retribuzione "di ragguaglio" è pari al minimale di rendita. Al riguardo, si applica il criterio della retribuzione convenzionale annuale divisibile in 300 giorni lavorativi (v. paragrafo 5). Dal 1 luglio 2002 al 30 giugno 2003, l'imponibile giornaliero ( ,00 : 300) e mensile (x 25) corrisponde ai seguenti importi: 1 luglio giugno 2003 Euro Retribuzione di ragguaglio giornaliera 39,41 mensile 985,25 Tale retribuzione si assume solo in via residuale, ovvero in mancanza di retribuzione convenzionale e di retribuzione effettiva. Dunque la retribuzione di ragguaglio è da applicare ai citati familiari, soci e associati di cui all'articolo 4, nn. 6 e 7, T.U. senza retribuzione effettiva (naturalmente, se non sono stabiliti retribuzioni convenzionali o premi speciali).

14 8. COMPENSI EFFETTIVI PER I LAVORATORI PARA-SUBORDINATI. L'articolo 5, comma 4, del D.lgs. n. 38/2000 prevede che la base imponibile è costituita dai "compensi effettivamente percepiti", da determinare secondo l'articolo 48 del D.P.R. n. 917/1986 (T.U.I.R.), nel rispetto dei limiti minimo e massimo ex articolo 116, comma 3, T.U., ovvero del minimale e massimale di rendita. Nel rapporto di collaborazione coordinata e continuativa non è prevista una prestazione a tempo e, quindi, l'imponibile non può essere correlato ai giorni di durata della prestazione (per tale motivo, nel libro paga, non è obbligatorio registrare le presenze dei parasubordinati). Da ciò deriva che il minimale ed il massimale di rendita possono essere divisi solo in mesi (anziché in giorni), al fine di confrontare il minimale ed il massimale mensile con il compenso medio mensile, ottenuto dividendo i compensi effettivi per i mesi, o frazioni di mesi, di durata del rapporto di collaborazione. L'importo mensile risultante da questo confronto va, poi, moltiplicato per i detti mesi, o frazioni di mesi, di durata del rapporto. Dal 1 luglio 2002 al 30 giugno 2003, i limiti minimo e massimo dell'imponibile mensile ( ,00 : 12; ,00 : 12) corrispondono ai seguenti importi: Dal 1 luglio 2002 al 30 giugno 2003 Euro Minimo e massimo mensile 985, ,50 In sintesi, i lavoratori parasubordinati tutelati sono coloro che svolgono le attività previste dall'articolo 1 T.U. senza vincolo di subordinazione a favore di un determinato soggetto, nel quadro di un rapporto unitario e continuativo, senza impiego di mezzi organizzati e con retribuzione periodica prestabilita (amministratori, sindaci e revisori di società, associazioni ed altri enti, collaboratori di giornali, riviste, enciclopedie e simili, componenti di collegi e commissioni, amministratori di condominio, insegnanti, ecc.). In merito alle istruzioni diramate per i suddetti lavoratori, si rinvia alla circolare n. 32/2000 ed alle lettere Direzione Centrale Rischi , e e Direzione Centrale Prestazioni * * * 10.1 TITOLARI ARTIGIANI, SOCI ARTIGIANI, FAMILIARI DEL TITOLARE ARTIGIANO ED ASSOCIATI AD IMPRENDITORE ARTIGIANO Il D.M stabilisce premi annuali a persona in relazione alla retribuzione annua prescelta - non inferiore al "minimale generale" moltiplicato per ed alla classe di rischio in cui è compresa la lavorazione svolta, secondo le 9 classi della "Tariffa artigiani autonomi 2000" (v. Allegato n. 8). Tali premi annuali sono divisibili in 12 mesi e l'importo mensile così ottenuto va moltiplicato per i mesi di durata dell'attività, dall'inizio alla cessazione definitiva o alla cessazione del rapporto assicurativo (D.M , a cui rinvia il D.M ). Questi premi speciali sono riferiti alle imprese artigiane ai sensi della legge-quadro n. 443/1985 e riguardano le seguenti persone: titolari "artigiani" (art. 4, n. 3, T.U.); soci "artigiani" (art. 4, n. 3, T.U.); familiari coadiuvanti del titolare artigiano (art. 4, n. 6, T.U.);

15 familiari partecipanti all'impresa familiare ex articolo 230-bis cod. civ., se il titolare è artigiano (art. 4, n. 6, T.U.; Corte Cost. n. 476/1987); associati in partecipazione ex articoli 2549 e ss. cod. civ., se l'associante è imprenditore artigiano (art. 4, n. 7, T.U.; Corte Cost. n. 332/1992). Gli "artigiani" sono coloro che svolgono lavoro prevalente, anche manuale, nel processo produttivo dell'impresa artigiana (v. articoli 2, 3 e 5 della legge n. 443/1985). Tra le imprese artigiane sono incluse le società cooperative a responsabilità limitata se operano con gli scopi di cui all'articolo 3, comma 1, e nei limiti dimensionali di cui all'articolo 4 della legge n. 443/1985 (secondo l'interpretazione dello stesso articolo 3, comma 2, decisa dalla Corte di Cassazione a Sezioni Unite con sentenza / , n. 401/2000). Inoltre - a decorrere dal 4 aprile l'articolo 13 della legge n. 57/2001 ha integrato l'articolo 5 della legge n. 443/1985 nel senso che l'impresa artigiana può essere esercitata, altresì, in forma di società a responsabilità limitata (non cooperativa) se: ü opera con gli scopi di cui all'articolo 3, comma 1, e nei limiti dimensionali di cui all'articolo 4 della legge n. 443/1985; ü la maggioranza dei soci, od uno nel caso di due soci, svolge lavoro prevalente, anche manuale, nel processo produttivo e detiene la maggioranza del capitale sociale e negli organi deliberanti della società (assemblea e consiglio di amministrazione); ü presenta domanda di iscrizione alla Commissione provinciale per l'artigianato (iscrizione facoltativa). Si ricorda che i premi speciali non valgono per gli addetti a lavorazioni meccanico-agricole per conto terzi (v. paragrafo 5.4). In merito alle istruzioni diramate per le suddette persone, si rinvia alle circolari n. 51 e n. 58/1981 (par. 3), n. 30/1982 e n. 61/1986, alle lettere-circolari n. 33/1987 e n. 24/1988, alla circolare n. 56/1988, al notiziario n. 55/1994, alle circolari n. 70 e n. 97/1997, n. 30 e n. 40/1998 e n. 1/1999 (2 parte, par. 8), alle lettere Direzione Centrale Rischi , 20.2 e , alle circolari n. 21/2002 e n. 29/2003 (all. 4). Si illustrano gli importi della retribuzione minima, giornaliera ed annuale, e dei corrispondenti premi annuali da valere per l'anno 2003: Retribuzione minima Anno 2003 Euro giornaliera 38,20 annuale 38,20 x 300 = ,00 Premi minimi annuali a persona Classi di rischio Euro 1 65, , , , , , , , ,80 N.B.: Per una retribuzione annuale superiore, il premio va aumentato secondo le aliquote aggiuntive indicate nella

16 tabella dell'allegato n. 9, con arrotondamento al primo decimale di euro superiore. Nella tabella dell'allegato n. 10 è indicato il riepilogo dei premi minimi per gli anni (importi in euro). Con apposita nota si provvederà a comunicare la data di rilascio delle tabelle aggiornate per l'adeguamento degli archivi. I nuovi valori, tuttavia, avranno effetto immediato solo per le nuove posizioni assicurative che saranno emesse dopo l'avvenuto aggiornamento delle tabelle. Per quanto, invece, riguarda le posizioni artigiane in essere alla data di rilascio delle predette tabelle, l'aggiornamento delle retribuzioni avverrà in occasione dell'autoliquidazione per l'anno 2003/2004. (OMISSIS) 11. PROFILO RISARCITIVO Infine, circa il profilo risarcitivo, si precisa quanto segue. ü L'indennità per inabilità temporanea assoluta a favore delle categorie per cui è intervenuta la variazione salariale dovrà essere adeguata alle nuove misure nelle fattispecie verificatesi dal 1 luglio 2002, nonché in quelle per le quali, alla stessa data, risulti in corso tale trattamento economico. ü Ai fini della liquidazione delle rendite per inabilità permanente ed ai superstiti, relative ad eventi verificatisi dal 1 luglio 2002, il minimale ed il massimale di rendita - per effetto della rivalutazione intervenuta dallo stesso anno - corrispondono ai seguenti importi: 1 luglio 2002 Euro Minimale di rendita annuale ,00 giornaliero 39,41 Massimale di rendita annuale ,00 giornaliero 73,18 * * * Si fa riserva di comunicare gli importi aggiornati - dal 1 luglio di cui ai paragrafi 5.1, 5.2, 5.3, 6.3, 7, 8, 9 e 10.7 appena sarà pubblicato in G.U. il decreto interministeriale di rivalutazione delle rendite previsto dall'articolo 11 del D.lgs. n. 38/2000. IL DIRETTORE GENERALE f.f. Dr. Pasquale ACCONCIA Allegato n. 1 alla circolare n. 36/2003 LIMITI MINIMI DI RETRIBUZIONE GIORNALIERA PER LA GENERALITA' DELLE RETRIBUZIONI EFFETTIVE (importi in euro) Tabella A

17 (cfr. Tabella A allegata al D.L. n. 402/1981 convertito in L. n. 537/1981) Settore Qualifiche Dirigente Impiegato Operaio Industria 105,69 38,20(1) 38,20(1) Pubbliche Amministrazioni non statali 80,35 38,26 38,20(1) Artigianato 38,20(1) 38,20(1) Credito, assicurazionie servizi tributari appaltati 105,69 38,20(1) 38,20(1) Commercio 105,69 38,20(1) 38,20(1) Tabella B (cfr. Tabella B allegata al D.L. n. 402/1981 convertito in L. n. 537/1981) Settore docenti e non docenti con funzioni direttive Qualifiche Impiegati docenti e non docenti Operai Industria 105,69 38,20(1) 38,20(1) Pubbliche Amministrazioni non statali 80,35 38,26 38,20(1) Artigianato 38,20(1) 38,20(1) Credito, assicurazionie servizi tributari appaltati 105,69 38,20(1) 38,20(1) Commercio 105,69 38,20(1) 38,20(1) Spettacolo Dirigente Impiegato Operaio 86,71 38,20(1) 38,20(1) Attività circensi e dello spettacolo viaggiante 72,98 38,20(1) 38,20(1) Agenti di assicurazionein gestione libera Assicurazioni(per il solo personale addetto alla organizzazione produttiva ed alla produzione) Capo UfficioImpiegato di 1^categoria Impiegati di 2^ e 3^ categoria 38,20(1) 38,20(1) di organizzazione produttiva Ispettori Categoria A di produzione Categorie B e C 67,69 38,20(1) 38,20(1) Assistenza domiciliare svolta in forma cooperativa 38,20(1) Credito(per il solo personale ausiliario) Servizio di pulizia, disinfezione e disinfestazione Personale di fatica, custodia e pulizia 38,20(1) Operai 3 livello 4 livello 5 livello 38,20(1) 38,20(1) 38,20(1) Proprietari di fabbricati(per il solo personale addetto alla Pulitori pulizia negli stabili adibiti ad uso di abitazione od altro uso) 38,20(1) Tabella C (lavoratori a domicilio ed altre categorie) (2) Lavoratori a domicilio, ex articolo 4, comma 2, T.U. 38,20(1)

18 Familiari coadiuvanti del datore di lavoro non artigianocon retribuzione effettiva, ex articolo 4, n. 6, T.U. 38,20 Soci non artigiani di cooperative con retribuzione effettiva,ex articolo 4, n. 7, T.U. 38,20 Altre categorie di lavoratori dipendenti 38,20 Note: (1) Limiti minimi adeguati al minimale di. 38,20. Al contrario, sono escluse dall'adeguamento al minimale di. 38,20 le retribuzioni effettive degli operai agricoli (v. paragrafo 2.2) e le erogazioni speciali (v. paragrafo 3). (2) La tabella C riguarda i lavoratori a domicilio - il cui limite minimo è espressamente previsto dall'articolo 1, commi 3 e 4, del citato D.L. n. 402/1981 convertito in L. n. 537/ nonché le categorie senza uno specifico limite minimo ex lege n. 537/1981, se non sono applicabili retribuzioni convenzionali o premi speciali (per queste ultime categorie, naturalmente, il limite minimo di retribuzione giornaliera coincide con il minimale di. 38,20).

Il punto di pratica professionale. Limiti retributivi per il calcolo Inail per l anno 2012

Il punto di pratica professionale. Limiti retributivi per il calcolo Inail per l anno 2012 Il punto di pratica professionale Limiti retributivi per il calcolo Inail per l anno 2012 a cura di Monica Livella Funzionario Inail * Il premio Inail viene calcolato dal datore di lavoro facendo riferimento

Dettagli

CIRCOLARI INAIL. Circolari INAIL

CIRCOLARI INAIL. Circolari INAIL CIRCOLARI INAIL 3 Circolari INAIL Circolare n. 11 del 12 aprile 2010 OGGETTO: Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2010.

Dettagli

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2014.

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2014. Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 21 Roma, 27 marzo 2014 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

Pertanto, i minimali di retribuzione giornaliera devono essere aggiornati sulla base dei soli criteri di cui alla legge n. 537/1981.

Pertanto, i minimali di retribuzione giornaliera devono essere aggiornati sulla base dei soli criteri di cui alla legge n. 537/1981. Organo: INAIL Documento: Circolare n. 22 del 19 aprile 1993 Oggetto: Determinazione per l'anno 1993 dei limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo di tutte le contribuzioni dovute

Dettagli

INAIL - DIREZIONE GENERALE - DIREZIONE CENTRALE RISCHI Circolare n. 28 del 14 maggio 2008

INAIL - DIREZIONE GENERALE - DIREZIONE CENTRALE RISCHI Circolare n. 28 del 14 maggio 2008 INAIL - DIREZIONE GENERALE - DIREZIONE CENTRALE RISCHI Circolare n. 28 del 14 maggio 2008 Oggetto: Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione

Dettagli

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015.

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 38 Roma, 10 marzo 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

INAIL circolare 27 marzo 2014, n. 21

INAIL circolare 27 marzo 2014, n. 21 INAIL circolare 27 marzo 2014, n. 21 Quadro normativo Decreto del Presidente della Repubblica n. 1124 del 30 giugno 1965: "Testo unico delle disposizioni per l'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014 Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 37 Al Ai Roma, 1 settembre 2014 Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO CIRCOLARE 10 MARZO 2015, N.38 LIMITI MINIMI DI RETRIBUZIONE IMPONIBILE GIORNALIERA PER IL CALCOLO DEI PREMI ASSICURATIVI. DETERMINAZIONE

Dettagli

Per l'anno 2009 il limite minimo di retribuzione giornaliera per il calcolo dei contributi prevididenziali è determinato in 43,49 euro.

Per l'anno 2009 il limite minimo di retribuzione giornaliera per il calcolo dei contributi prevididenziali è determinato in 43,49 euro. Contributi previdenziali: i minimali ed i valori per l' INPS, circolare 02.02.2009 n. 14 Per l' il limite minimo di retribuzione giornaliera per il calcolo dei contributi prevididenziali è determinato

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014 Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 37 Al Ai Roma, 1 settembre 2014 Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

Circolare n. 72. Direzione generale Direzione centrale rischi. Roma, 3 settembre 2015. Al Ai

Circolare n. 72. Direzione generale Direzione centrale rischi. Roma, 3 settembre 2015. Al Ai Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 72 Al Ai Roma, 3 settembre 2015 Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

circolare 2 APRILE 2014

circolare 2 APRILE 2014 circolare 2 APRILE 2014 Milano, 2 aprile 2014 Oggetto INAIL, limiti di retribuzione giornaliera per il 2014 L Inail, con la Circolare n. 21 del 27 marzo 2014, ha comunicato i limiti minimi di retribuzione

Dettagli

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007.

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007. Presidio Unificato Previdenza Agricola Roma, 6 Marzo 2007 Circolare n. 52 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma.

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma. Costo del lavoro Esempi di calcolo La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Ai sensi dell art. 2222 c.c. è lavoratore autonomo colui

Dettagli

Circolare n. 72. Direzione generale Direzione centrale rischi. Roma, 3 settembre 2015. Al Ai

Circolare n. 72. Direzione generale Direzione centrale rischi. Roma, 3 settembre 2015. Al Ai Direzione genere Direzione centre rischi Circolare n. 72 Al Ai Roma, 3 settembre 2015 Direttore genere vicario Responsabili di tutte le Strutture centri e territorii e p.c. a: Organi istituzioni Magistrato

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 04/02/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 04/02/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 04/02/2015 Circolare n. 26 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Nota 2 marzo 2012, n. 1599. Elenchi trimestrali facchini - Ulteriori indicazioni operative.

Nota 2 marzo 2012, n. 1599. Elenchi trimestrali facchini - Ulteriori indicazioni operative. Nota 2 marzo 2012, n. 1599 Elenchi trimestrali facchini - Ulteriori indicazioni operative. Si fa seguito alla nota del 30 gennaio 2012 protocollo 655, riguardante il rilascio del nuovo servizio telematico

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 03/02/2012

Direzione Centrale Entrate. Roma, 03/02/2012 Direzione Centrale Entrate Roma, 03/02/2012 Circolare n. 14 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

1. MISURA DEI CONTRIBUTI DOVUTI PER L ANNO 2005. 1.1 - Contribuzione I.V.S. sul minimale di reddito

1. MISURA DEI CONTRIBUTI DOVUTI PER L ANNO 2005. 1.1 - Contribuzione I.V.S. sul minimale di reddito Direzione Centrale delle Entrate Contributive Roma, 25 Febbraio 2005 Circolare n. 36 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 29/01/2016

Direzione Centrale Entrate. Roma, 29/01/2016 Direzione Centrale Entrate Roma, 29/01/2016 Circolare n. 15 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

GUIDA ALL'AUTOLIQUIDAZIONE DEL PREMIO INAIL 2012-2013 : analisi dei punti principali

GUIDA ALL'AUTOLIQUIDAZIONE DEL PREMIO INAIL 2012-2013 : analisi dei punti principali GUIDA ALL'AUTOLIQUIDAZIONE DEL PREMIO INAIL 2012-2013 : analisi dei punti principali Come previsto dal D.P.R. 1124/1965 sono obbligati all assicurazione Inail i datori di lavoro che, nell esercizio delle

Dettagli

1) Contributi volontari dovuti dai lavoratori dipendenti non agricoli, da versare per l anno 2009

1) Contributi volontari dovuti dai lavoratori dipendenti non agricoli, da versare per l anno 2009 Direzione centrale Entrate Roma, 25 Marzo 2009 Circolare n. 45 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali

Dettagli

INAIL. circolare 24 agosto 2004, n. 57. Oggetto: Lavoro a tempo parziale. Applicazione della nuova disciplina: retribuzione imponibile

INAIL. circolare 24 agosto 2004, n. 57. Oggetto: Lavoro a tempo parziale. Applicazione della nuova disciplina: retribuzione imponibile INAIL circolare 24 agosto 2004, n. 57 Oggetto: Lavoro a tempo parziale. Applicazione della nuova disciplina: retribuzione imponibile Quadro di riferimento - D.P.R. n. 1124 del 30 giugno 1965: "Testo unico

Dettagli

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione.

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione. CIRCOLARE SETTIMANALE N. 3 FEBBRAIO 2013 INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASPI E MINI ASPI A decorrere dal 1 gennaio 2013 a tutti i lavoratori dipendenti (compresi gli apprendisti; i soci lavoratori di cooperativa

Dettagli

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007 Allegato 4 Riepilogo disposizioni vigenti in materia di requisiti e di acceso ai trattamenti pensionistici anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201 del 2011, convertito dalla

Dettagli

MINIMALI E MASSIMALI DI RENDITA INAIL DAL 1 LUGLIO 2014

MINIMALI E MASSIMALI DI RENDITA INAIL DAL 1 LUGLIO 2014 INFORMATIVA N. 295 03 SETTEMBRE 2014 Assicurativo MINIMALI E MASSIMALI DI RENDITA INAIL DAL 1 LUGLIO 2014 Ministero del Lavoro, Decreto 10 giugno 2014 - Settore industria Ministero del Lavoro, Decreto

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184.

DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184. DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184. Attuazione della delega conferita dall'articolo 1, comma 39, della legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di ricongiunzione, di riscatto e di prosecuzione volontaria

Dettagli

Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2011.

Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2011. Circolare 24 marzo 2011, n. 21 Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2011. PRIMA SEZIONE: Premi ordinari. PREMESSA 1. MINIMALE

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Roma, 05/03/2010 Circolare n. 33 Allegati n.2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Circolare 8 febbraio 2013, n.24

www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Circolare 8 febbraio 2013, n.24 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Circolare 8 febbraio 2013, n.24 ed esercenti attività commerciali: contribuzione per l'anno 2013. Assicurazioni sociali - contributi

Dettagli

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI F E D E R M A N A G E R Via Ravenna 14-00161 ROMA U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. UNIONE SINDACALE CAPITANI UNIONE NAZIONALE CAPITANI LUNGO CORSO AL COMANDO DIRETTORI di MACCHINA Segreteria Nazionale 16121

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

INPS - Circolare 23 gennaio 2015, n. 11

INPS - Circolare 23 gennaio 2015, n. 11 INPS - Circolare 23 gennaio 2015, n. 11 Determinazione per l' del limite minimo di retribuzione giornaliera ed aggiornamento degli altri valori per il calcolo di tutte le contribuzioni dovute in materia

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 01/07/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 01/07/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 01/07/2014 Circolare n. 83 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

Circolare numero 63 del 20-03-2015

Circolare numero 63 del 20-03-2015 Circolare numero 63 del 20-03-2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Contributi Inps: fissati i nuovi minimali e massimali per l anno 2010 Gabriele Bonati Consulente aziendale in Lodi

Contributi Inps: fissati i nuovi minimali e massimali per l anno 2010 Gabriele Bonati Consulente aziendale in Lodi Contributi Inps: fissati i nuovi minimali e massimali per l anno 2010 Gabriele Bonati Consulente aziendale in Lodi L Inps ha provveduto a rivalutare, nella misura dello 0,7%, i minimali, le retribuzioni

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013 Direzione Centrale Entrate Roma, 18/02/2013 Circolare n. 28 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI Torino 18 novembre 2014 Luisella Fontanella Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Torino Il socio lavoratore l

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 27 10.02.2014 Contributi: gli effetti per il 2014 Riepilogate le disposizioni aventi riflesso sulla contribuzione dovuta dai

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 83 del 13 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Indennità ASPI anche per i soci lavoratori delle cooperative Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Entrate e Posizione Assicurativa Gestione ex INPDAP Direzione Contributi Gestione ex Enpals

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Entrate e Posizione Assicurativa Gestione ex INPDAP Direzione Contributi Gestione ex Enpals Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Entrate e Posizione Assicurativa Gestione ex INPDAP Direzione Contributi Gestione ex Enpals Roma, 08/02/2013 Circolare n. 22 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

5B -5C - 5D - 5F - 5G

5B -5C - 5D - 5F - 5G Cod Dal Al 5A CODICI 5 IMPRESA ARTIGIANA CON FAMILIARI COADIUTORI E/O SOCI. Il numero di tali lavoratori, iscritti nella Gestione speciale artigiani, deve essere inserito nel campo del mod. DM72 o del

Dettagli

Quadro Normativo. Inps Direzione generale Direzione centrale entrate. Inail Direzione generale Direzione centrale rischi

Quadro Normativo. Inps Direzione generale Direzione centrale entrate. Inail Direzione generale Direzione centrale rischi Inps Direzione generale Direzione centrale entrate Inail Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare Inps n. 83 Circolare Inail n. 32 Roma, 1 luglio 2014 Al Ai Direttore generale vicario (Inps

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 20/03/2014

Direzione Centrale Entrate. Roma, 20/03/2014 Direzione Centrale Entrate Roma, 20/03/2014 Circolare n. 33 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 14/03/2012

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 14/03/2012 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 14/03/2012 Circolare n. 38 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014)

ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014) CIRCOLARE INFORMATIVA N. 2 FEBBRAIO 2015 ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014) Gentile Cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI PIAZZA CITTADELLA 6 37122

Dettagli

REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014

REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014 REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 6.5.2014 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA

Dettagli

Premessa. Direzione Centrale delle Entrate Contributive

Premessa. Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale delle Entrate Contributive Roma, 27 Gennaio 2005 Circolare n. 6 Allegati 5 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 18 DEL 22 DICEMBRE 2009

NOTA OPERATIVA N. 18 DEL 22 DICEMBRE 2009 DIREZIONE CENTRALE ENTRATE Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica UFFICIO I Gestione del rapporto contributivo e contenzioso Roma, 22 dicembre 2009 Ai Alle Agli

Dettagli

OGGETTO: versamenti volontari del settore agricolo - Anno 2009

OGGETTO: versamenti volontari del settore agricolo - Anno 2009 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione centrale Entrate Roma, 06/08/2009 Circolare n. 98 Allegati n. 2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali

Dettagli

Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro

Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Prot. 40/26120 del 25/07/2013 Agli indirizzi in allegato OGGETTO: Applicazione delle agevolazioni contributive e assicurative riconoscibili

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

Roma, 30 settembre 2014

Roma, 30 settembre 2014 Direzione generale Direzione centrale prestazioni economiche Circolare n. 46 Roma, 30 settembre 2014 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a:

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS L' INPS ha fornito chiarimenti in merito alla nuova riforma pensionistica, introdotta con il cosiddetto decreto-legge salva Italia e modificata dal Milleproroghe,

Dettagli

Assicurazioni sociali - pensione i.v.s. - calcolo delle pensioni secondo il sistema contributivo

Assicurazioni sociali - pensione i.v.s. - calcolo delle pensioni secondo il sistema contributivo Circolare 14 settembre 1996 n. 180 INPS Assicurazioni sociali - pensione i.v.s. - calcolo delle pensioni secondo il sistema contributivo OGGETTO: Legge 8 agosto 1995, n.335. Calcolo delle pensioni secondo

Dettagli

1. Contribuzione IVS.

1. Contribuzione IVS. Progetto per la Gestione, lo Sviluppo e il Coordinamento dell Area Agricola Roma, 24 Giugno 2003 Circolare n. 111 Allegati Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

Lavoro accessorio: i chiarimenti dell'inps. INPS, circolare 12/08/2015 n 149. Pubblicato il 25/08/2015

Lavoro accessorio: i chiarimenti dell'inps. INPS, circolare 12/08/2015 n 149. Pubblicato il 25/08/2015 Lavoro accessorio: i chiarimenti dell'inps INPS, circolare 12/08/2015 n 149 Pubblicato il 25/08/2015 L art 48, comma 1, del d.lgs. n. 81 del 15 giugno 2015 innalza il limite massimo del compenso che il

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

ALLE STRUTTURE CENTRALI E TERRITORIALI

ALLE STRUTTURE CENTRALI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE RAPPORTO ASSICURATIVO Ufficio Gestione Rapporti Assicurativi Ufficio Politiche Assicurative, Tariffe e Contenzioso Processo: Aziende Macroattività: Indirizzi normativi/operativi entrate

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 11/03/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 11/03/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 11/03/2015 Circolare n. 57 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Contributi 2013 per lavoratori agricoli, concedenti e compartecipanti familiari. (Circolare INPS n. 95 e n. 96 del 11.06.2013)

Contributi 2013 per lavoratori agricoli, concedenti e compartecipanti familiari. (Circolare INPS n. 95 e n. 96 del 11.06.2013) N.284 del 27.06.2013 La Memory A cura di Riccardo Malvestiti Contributi 2013 per lavoratori agricoli, concedenti e compartecipanti familiari (Circolare INPS n. 95 e n. 96 del 11.06.2013) L INPS con due

Dettagli

Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari

Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari Art.8 Finanziamento 1. Il finanziamento delle forme pensionistiche complementari può essere attuato mediante il versamento

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito

Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 15/06/2009 Circolare n. 80 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

Direzione Centrale Entrate

Direzione Centrale Entrate Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 18/05/2010 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

LA GESTIONE SEPARATA I.N.P.S. 2014 LAVORATORI AUTONOMI OCCASIONALI. Contributo di Giuseppe Anzelmo

LA GESTIONE SEPARATA I.N.P.S. 2014 LAVORATORI AUTONOMI OCCASIONALI. Contributo di Giuseppe Anzelmo LA GESTIONE SEPARATA I.N.P.S. 2014 LAVORATORI AUTONOMI OCCASIONALI Contributo di Giuseppe Anzelmo PREMESSA La Gestione Separata I.N.P.S. è stata istituita nell anno 1995 ed è regolamentata dalla Legge

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

LEGGE 2 agosto 1990, n. 233. Riforma dei trattamenti pensionistici dei lavoratori autonomi. Vigente al: 19 6 2015

LEGGE 2 agosto 1990, n. 233. Riforma dei trattamenti pensionistici dei lavoratori autonomi. Vigente al: 19 6 2015 LEGGE 2 agosto 1990, n. 233 Riforma dei trattamenti pensionistici dei lavoratori autonomi. Vigente al: 19 6 2015 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

1 Aliquote contributive. 1.1 Contributo IVS 1.1.1 Generalità dei datori di lavoro. Nessuna variazione è prevista per l'anno 2002.

1 Aliquote contributive. 1.1 Contributo IVS 1.1.1 Generalità dei datori di lavoro. Nessuna variazione è prevista per l'anno 2002. DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE PROGETTO PER LA GESTIONE, LO SVILUPPO E IL COORDINAMENTO DELL AREA AGRICOLA Roma, 05 marzo 2002 Circolare n. 47 Ai Ai Ai Al Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

INDICE PREFAZIONE... 15 CAPITOLO I - LINEAMENTI GENERALI DELL ASSICURAZIONE... 17. Pag.

INDICE PREFAZIONE... 15 CAPITOLO I - LINEAMENTI GENERALI DELL ASSICURAZIONE... 17. Pag. INDICE PREFAZIONE... 15 CAPITOLO I - LINEAMENTI GENERALI DELL ASSICURAZIONE... 17 1.1. L INAIL - CENNI STORICI E NORMATIVI... 17 1.2. IL RAPPORTO ASSICURATIVO... 18 1.3. IL REQUISITO OGGETTIVO... 19 1.4.

Dettagli

- a titolo di regolazione, entro il termine di scadenza fissato di volta in volta dall Inail (indicato nella richiesta di pagamento).

- a titolo di regolazione, entro il termine di scadenza fissato di volta in volta dall Inail (indicato nella richiesta di pagamento). 27 settembre 2013, n. 5867 Polizze speciali. Vetturini, barrocciai e ippotrasportatori riuniti in cooperative ed organismi associativi di fatto. Nuovi servizi telematici e adeguamenti GRA Web. Si illustrano

Dettagli

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 di 1 Con il comma 118 e ss. della Legge di Stabilità 2015 2, al fine di promuovere forme di occupazione stabile, viene introdotto

Dettagli

Legge 29 maggio 1982, n. 297

Legge 29 maggio 1982, n. 297 Legge 29 maggio 1982, n. 297 Disciplina del trattamento di fine rapporto e norme in materia pensionistica («Gazzetta Ufficiale» 31 maggio 1982, n. 147) Art. 1 Modifiche di disposizioni del codice civile

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO 1. IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO IN ITALIA L'apprendistato ha assunto in Italia un ruolo centrale nelle politiche occupazionali e nel quadro degli interventi formativi, rappresentando

Dettagli

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option.

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option. Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 11/12/2009 Circolare n. 123 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 17/09/2015 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 54 del 9 Aprile 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Contributi volontari: modalità di determinazione per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 03/10/2013 Circolare n. 140 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

OGGETTO: contributi dovuti dai concedenti per i piccoli coloni e compartecipanti familiari per l anno 2008

OGGETTO: contributi dovuti dai concedenti per i piccoli coloni e compartecipanti familiari per l anno 2008 Presidio unificato Previdenza agricola Roma, 9 Maggio 2008 Circolare n. 57 Allegati n. 2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE ED ASSICURATIVA

CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE ED ASSICURATIVA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE ED ASSICURATIVA Suggerimento n. 202/29 del 19 aprile 2013 AZ/GA INPS - MINIMALI DI RETRIBUZIONE E ALTRI ELEMENTI UTILI PER CALCOLO DEI CONTRIBUTI PER L ANNO 2013 - NUOVA CONTRIBUZIONE

Dettagli