COMUNE DI MONTEROSSO AL MARE Cinque Terre - Provincia della Spezia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI MONTEROSSO AL MARE Cinque Terre - Provincia della Spezia"

Transcript

1 COMUNE DI MONTEROSSO AL MARE Cinque Terre - Provincia della Spezia DISCIPLINA DEGLI ORARI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE Considerato: Ordinanza n 59 del 06/11/2010 IL SINDACO che l art. 11 del Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 114, impone ai Comuni l adozione di criteri per la determinazione degli orari di esercizio delle attività di vendita al dettaglio, nel rispetto dei principi enunciati dallo stesso Decreto; che l art. 8 che la Legge , n 287, determina l orario minimo e massimo dei pubblici esercizi per la preparazione e somministrazione di alimenti e bevande; che il T.U.L.P.S. approvato con R.D , n 773, ed il relativo Regolamento di esecuzione approvato con R.D , n 635, disciplinano i periodi di chiusura della generalità dei pubblici esercizi; che l art. 115 e seguenti della Legge Regione Liguria n 1 del dettano i criteri per la disciplina degli orari di apertura degli esercizi commerciali, esercizi di somministrazione, etc; che il D. Lgs. n 267 del all art. 50, 7 comma, prevede che il Sindaco coordina e riorganizza gli orari degli esercizi commerciali, dei pubblici esercizi e dei servizi pubblici locali; che è intenzione del Comune di Monterosso al Mare disciplinare in modo organico e uniforme gli orari di tutte le attività produttive sul territorio comunale; Preso atto della forte vocazione turistica del territorio e tenuto altresì conto che il Comune fa parte del Parco Nazionale delle Cinque Terre ; Ritenuto di individuare il periodo di maggior affluenza turista in quello intercorrente tra il 5 marzo e il 5 novembre; Che si rende necessario assicurare, sia durante il periodo di maggior affluenza turistica che nel restante periodo, livelli di servizi adeguati; Ritenuto, quindi, necessario adeguare la normativa comunale vigente al fine di garantire durante tutto l anno adeguati livelli di offerta di servizi ai cittadini residenti e agli ospiti che durante tutto l anno visitano il nostro territorio; Ritenuto peraltro opportuno procedere in questa sede ad uniformare ai nuovi principi in materia di commercio al dettaglio, pubblici esercizi, artigiani, gli orari delle attività economiche nel rispetto dei limiti imposti dalle singole normative di settore; Ritenuto altresì di disciplinare la chiusura delle predette attività per i periodi ricomprendenti ferie, manutenzioni ordinarie e straordinarie degli stessi; Vista la propria ordinanza n 8 del ad oggetto disciplina degli orari di esercizio delle attività economiche ; Visto l art. 50 del D. Lgs. n 267/2000; Visto lo statuto comunale; Visti gli artt. 11, 12 e 13 del Decreto Legislativo n. 114/98; 1

2 Visto l art. 8 della Legge n. 287/91; Vista della L.R , n 1, ed in particolare il Capo XIII^ ad oggetto Orari delle attività commerciali ; Visto il T.U.L.P.S. approvato con R.D , n 773, ed il relativo Regolamento di esecuzione approvato con R.D , n 635; Vista la Legge n 135 del ; Vista la Legge Regione Liguria n 2 del 7/2/2008 e relativi regolamenti di attuazione; Vista la Legge Regione Liguria n 1 del ; Visto l art. 2 bis della Legge n. 161/1963, così come introdotto dalla Legge n. 1142/1970; Visto il vigente Regolamento comunale per la disciplina delle attività rumorose approvato con deliberazione del CC n 30 del 29/09/2010; Visto l art. 24 del regolamento Comunale delle attività di barbiere, parrucchiere e mestieri affini, approvato con deliberazione consiliare n 40/1985; Vista la deliberazione del Consiglio Comunale n 35/2004; DISPONE Articolo 1 - Ambito di applicazione La presente ordinanza disciplina gli orari di apertura e chiusura degli esercizi di vendita al dettaglio, le attività artigianali, gli esercizi pubblici per la somministrazione di alimenti e bevande, le attività ricettive, gli esercizi di trattenimento e svago di cui al T.U.L.P.S. e le attività di parrucchiere ed estetista. TITOLO I Esercizi di vendita al dettaglio Articolo 2 - Disposizioni generali Gli esercenti sono liberi di determinare l orario di apertura e chiusura del proprio esercizio di vendita, in base alle esigenze dell utenza e nel rispetto dei limiti di cui ai commi seguenti. Gli esercizi commerciali di vendita possono restare aperti al pubblico dalle ore 7.00 alle ore E consentito all esercente di prorogare l apertura dell esercizio di un ora in concomitanza con manifestazioni turistiche particolari salvo previa comunicazione al Sindaco. L esercente, nel determinare il proprio orario di apertura e chiusura, dovrà: - garantire un minimo di otto ore giornaliere; - osservare il limite massimo di 13 ore giornaliere. Gli orari di vendita possono essere eventualmente modificati con preavviso al Sindaco e al pubblico con un anticipo di almeno 7 giorni. All esercente è fatto obbligo di rendere noto al pubblico il proprio orario di apertura mediante cartelli o altri mezzi idonei a fornire una comunicazione certa ed uniforme. Il Sindaco, su richiesta dell esercente, può autorizzare un limitato numero di esercizi all apertura notturna. Le disposizioni di cui al presente titolo si applicano altresì agli esercizi per la panificazione. Articolo 3 - Chiusura infrasettimanale E data facoltà all esercente di osservare la chiusura pomeridiana infrasettimanale dell esercizio in un 2

3 giorno prescelto dall esercente stesso. L esercizio della facoltà di cui al comma precedente è subordinata alla previa comunicazione al Comune con le modalità stabilite dal precedente art. 2. Articolo 4 - Chiusure domenicali e festive E data la facoltà agli esercenti di osservare la chiusura domenicale e festiva. Nel caso di due o più festività consecutive, è fatto obbligo agli esercizi operanti nel settore alimentare ivi compresi i panificatori di garantire l apertura al pubblico nel giorno della prima festività. Il giorno 31 dicembre è data facoltà agli esercenti di anticipare la chiusura del proprio esercizio (a parziale deroga dell orario prescelto). Articolo 5 - Esclusioni Le disposizioni del presente titolo non si applicano alle seguenti tipologie di attività: - le rivendite di generi di monopolio; - gli esercizi di vendita interni ai campeggi, ai villaggi e ai complessi turistici e alberghieri; - gli esercizi di vendita al dettaglio situati nelle stazioni ferroviarie; - alle rivendite di giornali; - alle gelaterie e gastronomie; - alle rosticcerie e le pasticcerie; - alle gelaterie e gastronomie; - alle focaccerie e similari; - agli esercizi specializzati nella vendita di bevande, fiori, piante e articoli da giardinaggio; - agli esercizi specializzati nella vendita di mobili; - agli esercizi specializzati nella vendita di libri, dischi, nastri magnetici, musicassette, videocassette; - agli esercizi specializzati nella vendita di opere d'arte, oggetti d'antiquariato, stampe, cartoline; - agli esercizi specializzati nella vendita di articoli da ricordo e artigianato locale; - alle sale cinematografiche. Gli esercizi di cui al presente articolo sono tenuti alla sola previa comunicazione al Comune dei periodi di chiusura dell attività. Articolo 6 - Mercato settimanale Per quanto riguarda l orario di vendita nel mercato settimanale del giovedì, si rinvia a quanto disposto dalla normativa comunale di settore. TITOLO II Pubblici esercizi per la somministrazione di alimenti e bevande Articolo 7 - Ambito di applicazione Le disposizioni di cui al presente titolo si applicano ai pubblici esercizi per la somministrazione di alimenti e bevande di cui all art. 55 della L.R. 2/1/2007, n 1 (ex lettere A, B e D del comma 1 dell art. 5 della Legge n. 287/91). Articolo 8 - Disposizioni generali Gli esercenti sono liberi di determinare l orario di apertura e chiusura del proprio esercizio, nel rispetto dei limiti e con le modalità di cui ai commi seguenti. I Pubblici Esercizi per la somministrazione di alimenti e bevande di cui all art. 55 della L.R. 1/2007 (ex lett. B e D di cui all art. 5 comma 1 - della Legge n. 287/91 esercizi per la somministrazione di bevande) possono restare aperti al pubblico dalle ore 6.00 alle ore 01.00, per un tempo non inferiore a 10 ore e non superiore alle 20 ore giornaliere. I Pubblici Esercizi per la somministrazione di alimenti e bevande di cui all art. 55 L.R. 1/2007 (ex lettera A, art. 5-1 comma - della Legge 287/91 esercizi di ristorazione) possono restare aperti per un tempo non inferiore alle 9 ore e non superiore alle 14 ore giornaliere. Per i Pubblici Esercizi per la somministrazione di alimenti e bevande di cui alle lettere A.B.D. del 3

4 comma 1 dell art.5 della Legge 287/91 le ore di apertura settimanali non possono essere inferiori a 60 (sessanta) - (orario minimo di apertura settimanale garantito). Articolo 9 - Deroghe generali e speciali E consentito all esercente di posticipare l apertura e/o anticipare la chiusura giornaliera fino ad un massimo di un ora rispetto all orario prescelto. E consentito inoltre effettuare una chiusura intermedia dell esercizio per non più di due ore consecutive. E data comunque agli esercenti la facoltà di posticipare l orario di chiusura: - fino alle ore nei giorni 24, 25, 26, e 1 e 6 gennaio; - fino alle ore 2.00 dal 5 marzo al 5 novembre; - il 31 dicembre fino alle ore 4.00 Il Sindaco, su richiesta dell esercente, può autorizzare un limitato numero di esercizi all apertura notturna fino alle ore 3,00. Ai fini del rilascio di tale autorizzazione il gestore dovrà fornire le più ampie garanzie sul rispetto delle norme di pubblica sicurezza e della quiete pubblica. In ogni caso, dovrà essere sospesa alle ore 2,00 l attività di somministrazione di superalcoolici ad esclusione del 31 Dicembre. Articolo 10 - Chiusura infrasettimanale E data facoltà agli esercenti di osservare un giorno di chiusura infrasettimanale. Nel caso in cui, nell'articolazione del proprio orario di esercizio, l'esercente abbia scelto di praticare la chiusura infrasettimanale e fatto salvo quanto disposto dagli articoli 8 e 9, questa potrà essere derogata, senza necessità di comunicazione, nei seguenti periodi: - nelle settimane in cui cade un giorno festivo; - nella Settimana Santa; - nel mese di Dicembre; - dal 5 marzo al 5 novembre. Ogni variazione della giornata di chiusura infrasettimanale dovrà essere comunicata all Amministrazione Comunale almeno 7 (sette) giorni prima della data prevista per la variazione. Articolo 11 - Comunicazione Gli esercenti hanno l obbligo di comunicare al Comune l orario prescelto e di renderlo noto al pubblico con l esposizione di apposito cartello ben visibile. Una volta stabilito il proprio orario di esercizio, è fatto divieto all esercente di modificarlo per almeno 30 giorni. Articolo 12 - Esclusioni Le disposizioni di cui al presente titolo non si applicano alle attività di somministrazione svolte: - al domicilio del consumatore; - negli esercizi annessi ad alberghi, pensioni, locande od altri complessi ricettivi, limitatamente alle prestazioni rese agli alloggiati; - nelle mense aziendali e nei circoli; - a favore dei propri dipendenti da parte di amministrazioni, enti o imprese pubbliche e nelle scuole; - negli esercizi all interno delle stazioni ferroviarie; Articolo 13 - Attività di somministrazione in locali di intrattenimento e svago L attività di somministrazione svolta negli esercizi di cui alla lett. c, comma 1, art. 5 della Legge n. 287/91, dovrà essere effettuata esclusivamente durante l orario di esercizio dell attività di trattenimento e svago. In ogni caso dovrà essere sospesa alle ore 3.00 con divieto di somministrazione dei superalcoolici dalle ore 2,00 4

5 TITOLO III Attività di trattenimento e svago negli Esercizi Pubblici e all aperto. Articolo 14 - Ambito di applicazione Il presente titolo disciplina gli orari di apertura e chiusura delle attività accessorie di trattenimento e svago svolte negli Esercizi Pubblici (art. 62 della L.R. n 1/2007) nonché quelle svolte all aperto anche a carattere stagionale e temporaneo, di cui al T.U.L.P.S.. Articolo 15 - Disposizioni generali L esercizio delle attività di cui al titolo III devono essere svolte nel pieno rispetto delle vigenti norme sull inquinamento acustico. Gli esercenti sono liberi di determinare l orario di apertura e chiusura del proprio esercizio, nel rispetto dei limiti e con le modalità di cui agli articoli seguenti. Articolo 16 - Deroghe generali e speciali Discoteche, night club, sale da ballo, cinematografi e arene estive ed esercizi similari devono effettuare l apertura della propria attività non prima delle e non oltre le Tali attività possono restare aperte dalle ore alle ore E data comunque agli esercenti la facoltà di posticipare l orario di chiusura: - fino alle ore 3.00 nei giorni 24, 25 e 31 dicembre e 1 gennaio. Articolo 17 - Uso di apparecchi radio e TV L uso di apparecchi radio e TV, nonché di riproduzione, musicale e non (juke box ed apparecchi similari) in pubblici esercizi, anche per la somministrazione, è consentito non prima delle ore 7.00 e non oltre le ore Articolo 18 - Giochi leciti L esercizio dell attività di sala giochi è consentito non prima delle ore e non oltre le ore L attività di giochi leciti svolta all interno di pubblici esercizi è obbligata al rispetto dell orario seguito dal pubblico esercizio cui si riferisce, e comunque deve essere cessata alle ore Articolo 19 - Manifestazioni all aperto Gli orari di esercizio delle attività di trattenimento e svago svolte nell ambito di manifestazioni varie all aperto vengono fissati dal vigente regolamento comunale per la disciplina delle attività rumorose approvato con deliberazione del CC n 30 del 29/09/2010, in relazione alla tipologia della manifestazione. Il Comune potrà autorizzare limiti meno restrittivi sia come durata della manifestazione sia come limite delle emissioni sonore in deroga per particolari e motivate esigenze. TITOLO IV Attività ricettive Articolo 20 - Ambito di applicazione Le disposizioni di cui al presente titolo si applicano ad alberghi, pensioni, locande, affittacamere ed esercizi similari. Art Disposizioni generali Gli esercenti sono liberi di determinare l orario di apertura e chiusura della propria attività nel rispetto e nei limiti della normativa vigente. TITOLO V 5

6 Parrucchieri ed estetisti Articolo 22 - Ambito di applicazione Gli orari di esercizio dell attività di parrucchiere ed estetista sono disciplinati dalle disposizioni del presente titolo. Articolo 23 - Disposizioni generali Coloro che esercitano l attività di parrucchiere e di estetista sono liberi di determinare il proprio orario di apertura e chiusura in base alle esigenze dell utenza e nel rispetto dei limiti di cui ai commi seguenti. I negozi di parrucchiere ed estetista possono restare aperti al pubblico dalle ore 8.00 alle ore 24.00; l esercente, nel determinare il proprio orario di apertura e chiusura, dovrà comunque garantire un minimo di 40 ore settimanali. All esercente è fatto obbligo di rendere noto al pubblico il proprio orario di apertura mediante cartelli o altri mezzi idonei. E fatto obbligo agli esercenti che svolgono congiuntamente l attività di parrucchiere ed estetista di osservare un unico orario. Articolo 24 - Chiusura infrasettimanale Nel caso in cui l esercente, nella articolazione del proprio orario di apertura, intenda effettuare la chiusura infrasettimanale dell attività, questa dovrà essere effettuata nella giornata di lunedì (per l intera giornata o nelle ore antimeridiane o pomeridiane). Nel caso in cui, nell'articolazione del proprio orario di esercizio, l'esercente abbia scelto di praticare la chiusura infrasettimanale e fatto salvo quanto disposto dall'articolo 23, questa potrà essere derogata nei seguenti periodi: - nelle settimane in cui cade un giorno festivo; - nella Settimana Santa; - nel mese di Dicembre; - dal 5 marzo al 5 novembre - Articolo 25 - Chiusura domenicale e festiva E fatto obbligo agli esercenti di osservare la chiusura domenicale e festiva, fatte salve le deroghe espressamente previste. E data facoltà agli esercenti di deroga alla chiusura domenicale e festiva nei seguenti periodi: - nelle settimane in cui cade un giorno festivo; - nella Settimana Santa; - nel mese di Dicembre; - dal 5 marzo al 5 novembre TITOLO VI Disposizioni comuni Articolo 26 - Eventi In occasione di manifestazioni espositive, culturali, commerciali e ricreative di particolare importanza, il Sindaco può, anche su richiesta dei promotori delle manifestazioni stesse, concedere alle attività economiche contemplate dalla presente ordinanza la facoltà di proroga dell orario di apertura prescelto e di deroga all osservanza della chiusura domenicale e/o festiva se comunicata. Articolo 27 - Chiusura dell attività per ferie e lavori. Gli esercenti attività di cui ai Titoli I e IV della presente ordinanza sono tenuti a fornire comunicazione preventiva al Sindaco dei periodi di chiusura dell attività. Dovrà in ogni caso essere garantito l acquisto di generi di prima necessità (commercio settore alimentare) con almeno un operatore aperto al pubblico nel Centro Storico ed uno nella zona di Fegina). Gli esercenti di cui ai titoli II - III - V sono tenuti a dare comunicazione preventiva al Sindaco della 6

7 chiusura dell attività. La chiusura dell esercizio per ferie, manutenzione ordinaria e straordinaria non può comunque superare, nell arco dell anno solare, i 90 (novanta) giorni. L anzidetto periodo viene calcolato cumulativamente. Deroghe al comma 2 del predetto articolo possono essere concesse dal Sindaco al ricorrere delle seguenti condizioni: eventi calamitosi; grave malattia del titolare, in assenza personale che possa assicurare il regolare svolgimento dell attività, debitamente documentata; ristrutturazione dell immobile che ospita l attività. A tal fine deve essere prodotta, a cura dell esercente, all Ufficio Comunale competente l atto autorizzativo (D.I.A. o permesso di costruire) e relativa comunicazione di inizio lavori. Resta nella facoltà del Sindaco di effettuare appositi sopralluoghi per la verifica degli eventi e delle condizioni che determinano la deroga stessa. Le Organizzazioni di categoria degli esercenti onde garantire, anche durante il periodo di minor affluenza turistica individuato dal 6 novembre al 4 marzo, un livello di servizi adeguato alle necessità sia dei cittadini residenti che turisti che frequentano il paese, predispongono e trasmettono al Sindaco entro il 30 settembre di ogni anno un elenco di esercenti che rimangano aperti durante detto periodo. Articolo 28 - Poteri del Sindaco Il Sindaco, ove riscontri carenze o disservizi, al fine di assicurare un idoneo livello dei servizi alla cittadinanza, convoca le organizzazioni di categoria interessate al fine di definire accordi che garantiscano i necessari servizi, in difetto potrà disporre modifiche all orario e/o al giorno di chiusura prescelti. A seguito delle eseguite formalità di cui al comma precedente ed in assenza dei necessari livelli di servizi al pubblico, il Sindaco adotta apposito provvedimento di apertura obbligatoria per turni dei pubblici esercizi ritenuti necessari a garantire un adeguato livello dei servizi alla collettività. Articolo 29 - Sanzioni La mancata osservanza di quanto disposto con la presente ordinanza comporta l applicazione delle sanzioni previste in materia dalle leggi vigenti. Articolo 30 - Abrogazioni Con l entrata in vigore della presente ordinanza devono ritenersi abrogate le precedenti ordinanze e ogni altra precedente disposizione incompatibile con le norme qui stabilite. Articolo 31 - Entrata in vigore La presente ordinanza entra in vigore il 15 giorno dalla pubblicazione della stessa all Albo pretorio Comunale. Gli esercenti titolari o preposti delle attività interessate dalla presente ordinanza sono invitati, entro 30 giorni dell entrata in vigore della stessa o inizio attività, ad inviare al Comune le comunicazioni di propria competenza (orario di apertura e chiusura, scelta del giorno di chiusura settimanale, scelta chiusura giorni festivi). Monterosso al Mare, 06/11/2010 IL SINDACO (Angelo Maria BETTA) 7

DISCIPLINA ORARI DEGLI ESERCIZI DI COMMERCIO IN SEDE FISSA, DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE, ATTIVITA ARTIGIANALI

DISCIPLINA ORARI DEGLI ESERCIZI DI COMMERCIO IN SEDE FISSA, DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE, ATTIVITA ARTIGIANALI C O M U N E D I M O N T E R I G G I O N I P R O V I N C I A D I S I E N A DISCIPLINA ORARI DEGLI ESERCIZI DI COMMERCIO IN SEDE FISSA, DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE, ATTIVITA ARTIGIANALI 1 SOMMARIO

Dettagli

CITTA DI SAN DONA DI PIAVE (Decorata con Croce al Merito di Guerra e con medaglia d Argento al Valor Militare) ORDINANZA SINDACALE

CITTA DI SAN DONA DI PIAVE (Decorata con Croce al Merito di Guerra e con medaglia d Argento al Valor Militare) ORDINANZA SINDACALE CITTA DI SAN DONA DI PIAVE (Decorata con Croce al Merito di Guerra e con medaglia d Argento al Valor Militare) Settore IV Pianificazione - Gestione del territorio Attività produttive ORDINANZA SINDACALE

Dettagli

Prot. n Lì, 11 aprile 2008 ORDINANZA N. 7 IL SINDACO O R D I N A

Prot. n Lì, 11 aprile 2008 ORDINANZA N. 7 IL SINDACO O R D I N A Prot. n. 5192 Lì, 11 aprile 2008 ORDINANZA N. 7 OGGETTO: Determinazione degli orari degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande. Legge Regionale 21.09.2007, n. 29. IL SINDACO VISTO che in

Dettagli

Oggetto: DISCIPLINA DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO. IL SINDACO

Oggetto: DISCIPLINA DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO. IL SINDACO Comune di Bologna Ord. P.G. 294395/08 integrata da Ord. 106104/11 Oggetto: DISCIPLINA DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO. IL SINDACO Premesso che con propria ordinanza P.G.n.

Dettagli

Comune di Viadana Provincia di Mantova

Comune di Viadana Provincia di Mantova Ufficio Commercio e Attività Produttive Prot.n. Ordinanza n. DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA DEI NEGOZI E DELLE ALTRE ATTIVITA' DI VENDITA AL DETTAGLIO IL SINDACO VISTI gli artt.11 e 13 del D.LGS. 31/3/98,

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE LA DISCIPLINA PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI Adottato con deliberazione consiliare n.49 dd. 26 novembre 1999.

Dettagli

COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA Via M. Provenzali, Cento (FE) Web:

COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA Via M. Provenzali, Cento (FE) Web: COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA Via M. Provenzali, 15 44042 Cento (FE) Web: www.comune.cento.fe.it ORDINANZA DEL SINDACO n.17/2008 di repertorio IL SINDACO PREMESSO che con gli artt. 11-12-13 del

Dettagli

Orario di apertura e chiusura degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa e del commercio su aree pubbliche in forma itinerante.

Orario di apertura e chiusura degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa e del commercio su aree pubbliche in forma itinerante. COMUNE DI CASTEL SAN GIORGIO Provincia di Salerno Settore Commercio ORDINANZA N 22 Castel San Giorgio lì, 24/ 02/2011 Orario di apertura e chiusura degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa

Dettagli

COMUNE DI ARTEGNA Provincia Di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

COMUNE DI ARTEGNA Provincia Di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI COMUNE DI ARTEGNA Provincia Di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI Approvato con deliberazione dl Consiglio Comunale n. 45 del 26.11.2001. Art. 1 Nastro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LIBERALIZZAZIONE DEL TURNO DI CHIUSURA SETTIMANALE E PERLA DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI PUBBLICI ESERCIZI

REGOLAMENTO PER LA LIBERALIZZAZIONE DEL TURNO DI CHIUSURA SETTIMANALE E PERLA DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI PUBBLICI ESERCIZI C CITTA DI CORIGLIANO CALABRO C REGOLAMENTO PER LA LIBERALIZZAZIONE DEL TURNO DI CHIUSURA SETTIMANALE E PERLA DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI PUBBLICI ESERCIZI D.L. 24 Gennaio 2012, n.

Dettagli

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA Provincia di Milano Via Roma, Trezzo sull Adda

COMUNE DI TREZZO SULL ADDA Provincia di Milano Via Roma, Trezzo sull Adda COMUNE DI TREZZO SULL ADDA Provincia di Milano Via Roma, 5 20056 Trezzo sull Adda Trezzo sull Adda, 06/02/2008 ORDINANZA Registro Ordinanze N 14 del 19/02/2008 Prot. 2739 Agli OPERATORI COMMERCIALI DI

Dettagli

COMUNE DI RESCALDINA PROVINCIA DI MILANO UFFICIO COMMERCIO

COMUNE DI RESCALDINA PROVINCIA DI MILANO UFFICIO COMMERCIO COMUNE DI RESCALDINA PROVINCIA DI MILANO UFFICIO COMMERCIO Prot. n. 22849 A TUTTI GLI ESERCIZI DEL COMMERCIO FISSO AI TITOLARI DI PUBBLICO ESERCIZIO LORO INDIRIZZI OGGETTO: Calendario di apertura e chiusura

Dettagli

COMUNE DI APRILIA PROVINCIA DI LATINA

COMUNE DI APRILIA PROVINCIA DI LATINA COMUNE DI APRILIA PROVINCIA DI LATINA ORDINANZA N. 01 DEL 08.01.2009 SULLA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE IL SINDACO Visti gli artt. 11, 12 e 13 del D.Lgs. 31 marzo 1998 n. 114 recanti

Dettagli

COMUNE DI PRADAMANO REGOLAMENTO

COMUNE DI PRADAMANO REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA DICIPLINA DELL ORARIO DELLE ATTIVITA DI PUBBLICO SPETTACOLO ED INTRATTENIMENTO E SVAGO DISCIPLINATE DAL T.U.L.P.S. Approvato con deliberazioni del Consiglio Comunale n. 49 dell 11/10/1999

Dettagli

COMUNE DI MONIGA DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA Area Servizi Amministrativi SEGRETERIA GENERALE

COMUNE DI MONIGA DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA Area Servizi Amministrativi SEGRETERIA GENERALE ORARIO DI APERTURA E CHIUSURA AL PUBBLICO DEGLI ESERCIZI DI VENDITA AL DETTAGLIO N. 07 del Registro delle Ordinanze IL SINDACO (Lorella Lavo) VISTI l'art. 54 del DPR 24 luglio 1977 n. 616 e l art. 50 comma

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia ORARI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia ORARI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia ORARI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE 1 ART.1 (FASCIA ORARIA DI APERTURA PER TIPOLOGIA DI ESERCIZIO) 1. ESERCIZIO DI

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile -ESERCIZI COMMERCIALI -PUBBLICI ESERCIZI -MERCATI DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA, DELLE GIORNATE DI RIPOSO SETTIMANALE

Dettagli

COMUNE DI GAZZO Piazza IV Novembre n 1 CAP 35010 - PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI GAZZO Piazza IV Novembre n 1 CAP 35010 - PROVINCIA DI PADOVA Prot. n. 801 COMUNE DI GAZZO Reg. ordinanze n. 3 Reg. pubbl. n. 25 ORDINANZA PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI PUBBLICI E DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE

Dettagli

Comune di Volterra. Disciplina orari e aperture festive degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa. IL SINDACO

Comune di Volterra. Disciplina orari e aperture festive degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa. IL SINDACO Provvedimento del Sindaco n 21 dell 01/04/2010 OGGETTO: Disciplina orari e aperture festive degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa. IL SINDACO VISTA la L.R. 7 febbraio 2005, n. 28, ed in

Dettagli

ORDINANZA n. 43 Protocollo n Chianciano Terme, 19 marzo 2010

ORDINANZA n. 43 Protocollo n Chianciano Terme, 19 marzo 2010 COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE via Solferino n. 3-53043 Chianciano Terme (Siena) Italia Tel. 0039 0578 6521 Fax. 0039 0578 31607 www.comune.chianciano-terme.siena.it

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile -ESERCIZI COMMERCIALI -PUBBLICI ESERCIZI -MERCATI DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA, DELLE GIORNATE DI RIPOSO SETTIMANALE

Dettagli

IL SINDACO IL SINDACO. Luigi Costi

IL SINDACO IL SINDACO. Luigi Costi Mirandola lì. 11.04.2009 Prot. 5526./8.4 Ordinanza n. 6 Oggetto: Modifica alla disposizione n.13 del 11.05.2000 prot.9314 Orari di apertura e chiusura degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA

PROVINCIA DI PISTOIA ORDINANZA N 9 COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE E PERLE ATTIVITA ARTIGIANALI ASSIMILATE.

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA ORDINANZA DEL SINDACO N. 1 DEL Ufficio: SETTORE POLIZIA E ATT. PRODUTTIVE

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA ORDINANZA DEL SINDACO N. 1 DEL Ufficio: SETTORE POLIZIA E ATT. PRODUTTIVE COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA ORDINANZA DEL SINDACO N. 1 DEL 19-01-2012 Ufficio: SETTORE POLIZIA E ATT. PRODUTTIVE Oggetto: Liberalizzazioni in materia di orari e di chiusura domenicale e

Dettagli

Comune di Costacciaro (Provincia di Perugia)

Comune di Costacciaro (Provincia di Perugia) Comune di Costacciaro (Provincia di Perugia) C O P I A D I O R D I N A N Z A N.14 DEL 20-02-2012 Oggetto: LIBERALIZZAZIONI IN MATERIA DI ORARI E DI CHIUSURA DOMENICALE E FESTIVA DELLE ATTIVITA' COMMERCIALI

Dettagli

Comune di Viadana Provincia di Mantova

Comune di Viadana Provincia di Mantova Ufficio Commercio e Attività Produttive Prot.n. Ordinanza n. DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEGLI ESERCIZI PUBBLICI DI VENDITA E SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE IL SINDACO VISTO l'art.8

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 16 del 02.02.2000 Approvato dal Co.Re.Co. in data 06.03.2000 prot.n. 21606

Dettagli

T.U.L.P.S. pag. 1 di 5. Provincia di UDINE

T.U.L.P.S. pag. 1 di 5. Provincia di UDINE T.U.L.P.S. pag. 1 di 5 COMUNE DI Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DELLE ATTIVITA DI SVAGO ED INTRATTENIMENTO DISCIPLINATE DAL T.U.L.P.S. Approvato con deliberazioni consiliari

Dettagli

Comune di Campodipietra

Comune di Campodipietra Comune di Campodipietra Provincia di Campobasso C.A.P. 86010 - CAMPODIPIETRA (CB) P.zza della Rimembranza - Tel. (0874) 441100 - FAX (0874) 7441353 e-mail comunecampodipietra.comu@tin.it ORDINANZA n 42/2006

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 45 del 09.11.2000 Modificato ed integrato con delibera di Consiglio Comunale:

Dettagli

COMUNE DI POIRINO. Provincia di Torino ORDINANZA RIPARTIZIONE SERVIZI ALLA POPOLAZIONE N. 95 DEL IL SINDACO

COMUNE DI POIRINO. Provincia di Torino  ORDINANZA RIPARTIZIONE SERVIZI ALLA POPOLAZIONE N. 95 DEL IL SINDACO COMUNE DI POIRINO Provincia di Torino www.comune.poirino.to.it COPIA ORDINANZA RIPARTIZIONE SERVIZI ALLA POPOLAZIONE N. 95 DEL 07-07-2011 Oggetto: ORARI ESERCIZI COMMERCIALI..OMISSIS IL SINDACO ORDINA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI COMUNE DI CARLINO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI Approvato con delibera n. 26 del 28.06.2000 Affisso all Albo Pretorio del Comune di Carlino dal

Dettagli

COMUNE DI PASSIRANO Provincia di Brescia

COMUNE DI PASSIRANO Provincia di Brescia COMUNE DI PASSIRANO Provincia di Brescia 25050 - Piazza Europa, 16 Codice Fiscale 00455600171 - Tel. 0306850557 - Fax 030653454 info@comune.passirano.bs.it www.comune.passirano.bs.it Preliminare n. 19

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno COPIA Ordinanza del Sindaco n 4 del 15/01/2008 Ufficio del Segretario Il Responsabile di Area: CASTALLO MARIA Servizio: Staff 2 Oggetto: ORARI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA ECONOMICHE DEL COMUNE DI CASTAGNETO

Dettagli

COMUNE DI PIANIGA PROVINCIA DI VENEZIA C.a.p Piazza San Martino, 1

COMUNE DI PIANIGA PROVINCIA DI VENEZIA C.a.p Piazza San Martino, 1 COMUNE DI PIANIGA PROVINCIA DI VENEZIA C.a.p. 30030 Piazza San Martino, 1 Tel. 041 5196211 Fax 041 469460 P.IVA 01654230273 E-mail: info@comune.pianiga.ve.it C.F. 90000660275 Prot. 8457 Pianiga, 05/05/2005

Dettagli

Provincia di Sassari

Provincia di Sassari COMUNE DI VALLEDORIA Provincia di Sassari ORDINANZA SINDACALE n. 11 del 10 luglio 2008 Prot. n.4687 OGGETTO: Determinazione orario per le attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande

Dettagli

Gli orari di apertura e di chiusura al pubblico degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa nel territorio comunale sono così disciplinati:

Gli orari di apertura e di chiusura al pubblico degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa nel territorio comunale sono così disciplinati: TESTO COORDINATO DEL DISPOSITIVO DELL ORDINANZA N. 139 DEL 23.11.2009 CON LE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI INTRODOTTE CON L ORDINANZA N. 188 DEL 22.10.2010 Gli orari di apertura e di chiusura al pubblico degli

Dettagli

COMUNE DI CAMPONOGARA Provincia di Venezia

COMUNE DI CAMPONOGARA Provincia di Venezia COMUNE DI CAMPONOGARA Provincia di Venezia Piazza Mazzini, 1 - Tel 041/5139928 - Fax 041/5139938 C.F. 00662440270-30010 CAMPONOGARA (Venezia) Sportello Unico per le Attività Produttive Resp. Procedimento:

Dettagli

IL SINDACO. ORDINANZA N 15 del 18/03/2010

IL SINDACO. ORDINANZA N 15 del 18/03/2010 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) 2 SERVIZIO ASSETTO ED UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO Unità Operativa S.U.A.P. Sportello Unico Attività Produttive e Polizia Amministrativa ORDINANZA N 15 del 18/03/2010

Dettagli

COMUNE DI NORMA. (Approvato Del. C.C. n. 18 del 27/06/2008 Modificato con Del. C.C. n. 24 del 17/07/2008)

COMUNE DI NORMA. (Approvato Del. C.C. n. 18 del 27/06/2008 Modificato con Del. C.C. n. 24 del 17/07/2008) COMUNE DI NORMA DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE ED ATTIVITA ASSIMILABILI E DEGLI ESERCIZI DI VENDITA AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA (Approvato

Dettagli

OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E DI ATTIVITA PARTICOLARI IL SINDACO

OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E DI ATTIVITA PARTICOLARI IL SINDACO CITTÀ DI LEGNAGO Ufficio Attività Economiche Via XX Settembre, 29 37045 Legnago (Verona) Tel. 0442/634827 - Fax 0442/634803 e-mail: fiorella.zanetti@comune.legnago.vr.it web: www.comune.legnago.vr.it Reg.Ord.n.471

Dettagli

SETTORE TRIBUTI E COMMERCIO Ordinanza n. 2007/00677 del 17/12/2007 ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI NEGOZI NELL ANNO 2008 IL SINDACO

SETTORE TRIBUTI E COMMERCIO Ordinanza n. 2007/00677 del 17/12/2007 ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI NEGOZI NELL ANNO 2008 IL SINDACO SETTORE TRIBUTI E COMMERCIO Ordinanza n. 2007/00677 del 17/12/2007 ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI NEGOZI NELL ANNO 2008 IL SINDACO Visto il D.Lgs. 31/3/1998 n 114 "Riforma della disciplina relativa al

Dettagli

CITTA DI IMOLA. Settore Comando Polizia Municipale Servizio Interventi Economici

CITTA DI IMOLA. Settore Comando Polizia Municipale Servizio Interventi Economici CITTA DI IMOLA Provincia di Bologna Settore Comando Polizia Municipale Servizio Interventi Economici E-mail: interventi.economici@comune.imola.it INDIRIZZI E CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI

Dettagli

Comune di Pozzolengo Provincia di Brescia

Comune di Pozzolengo Provincia di Brescia Comune di Pozzolengo Provincia di Brescia ORDINANZA del SINDACO in materia di orari di attività dei pubblici esercizi di somministrazione alimenti e bevande Prot. n. 2494 Reg. Ord. n. 12/2005 Premesso:

Dettagli

COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA

COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA COMUNE DI CASTELNUOVO DEL GARDA PROVINCIA DI VERONA Area Economico - Finanziaria TEL. 045 6459920 FAX 045 6459921 /Piazza degli Alpini, 4 37014 Castelnuovo del Garda C.F. 00667270235 e-mail: ragioneria@castelnuovodg.it

Dettagli

COMUNE di LIONI. Provincia di Avellino ORDINANZA DEL: SETTORE AMMINISTRATIVO N. 7 DEL

COMUNE di LIONI. Provincia di Avellino ORDINANZA DEL: SETTORE AMMINISTRATIVO N. 7 DEL COMUNE di LIONI Provincia di Avellino ORIGINALE Registro Generale n. 21 ORDINANZA DEL: SETTORE AMMINISTRATIVO N. 7 DEL 20-06-2011 Oggetto: INTEGRAZIONE ORDINANZA RECANTE LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo Reg. Ordinanze N 55 Castiglion Fiorentino, 07-05-2012 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO ASSUNTI i poteri del Sindaco in virtù del Decreto del Presidente della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI Comune di Modena Settore Promozione dello sviluppo e innovazione economica REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 128 del 11/2/1985 e modificato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI FORLI' VP/vp Prot. n. /2010

COMUNE DI FORLI' VP/vp Prot. n. /2010 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO GESTIONE TERRITORIALE UNITA COMMERCIO IN SEDE FISSA, ATTIVITA PRODUTTIVE ED AGRIGOLTURA VP/vp Prot. n. /2010 Oggetto: Adeguamento

Dettagli

IL SINDACO ORDINA DICHIARA. questa ordinanza immediatamente esecutiva ed in vigore dalla data della sua sottoscrizione; DISPONE

IL SINDACO ORDINA DICHIARA. questa ordinanza immediatamente esecutiva ed in vigore dalla data della sua sottoscrizione; DISPONE OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI PUBBLICI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E DELLE ATTIVITÀ DI INTRATTENIMENTO E SVAGO. IL SINDACO richiamata l'ordinanza n.

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE CAPO I - COMMERCIO IN SEDE FISSA

COMUNE DI ALBIATE CAPO I - COMMERCIO IN SEDE FISSA COMUNE DI ALBIATE DISCIPLINA DEGLI ORARI DI: NEGOZI E ALTRE ATTIVITA' DI VENDITA AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA, ATTIVITA' DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE, ATTIVITA' DI SOMMINISTRAZIONE NEI PUBBLICI ESERCIZI,

Dettagli

Comune di Mori Provincia di Trento

Comune di Mori Provincia di Trento Comune di Mori Provincia di Trento Mori, 7 novembre 2011 COMUNE di Mori Prot.N. 201100022326 07-11-11 15:23 f_728 ORDINANZA N. 180 OGGETTO: Orari di apertura e di chiusura al pubblico degli esercizi commerciali

Dettagli

Approvati con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 47 del (precedente delibera di C.C. n. 84 del )

Approvati con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 47 del (precedente delibera di C.C. n. 84 del ) INDIRIZZI E CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI E DELLE GIORNATE DI APERTURA/CHIUSURA DEI PUBBLICI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Legge regionale 26 luglio 2003, n. 14 Disciplina

Dettagli

COMUNE DI CESANO BOSCONE SETTORE TERRITORIO ED AMBIENTE Servizio sviluppo del territorio

COMUNE DI CESANO BOSCONE SETTORE TERRITORIO ED AMBIENTE Servizio sviluppo del territorio COMUNE DI CESANO BOSCONE SETTORE TERRITORIO ED AMBIENTE Servizio sviluppo del territorio ORDINANZA N 30 DEL 16/12/2008 IL SINDACO Nel rispetto dei principi stabiliti: dalla Legge Regionale n. 30 del 24.12.2003

Dettagli

COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA CONFORME ALL ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D UFFICIO DELLA ORDINANZA N. 41 DEL 18-05-2015 Registro Generale n. 41 ORDINANZA DEL SINDACO n. 6 del

Dettagli

COMUNE DI BUTTAPIETRA Provincia di Verona

COMUNE DI BUTTAPIETRA Provincia di Verona COMUNE DI BUTTAPIETRA Provincia di Verona Piazza Roma 2 - CAP 37060 C.F. 80025180235 P.IVA 01361440231 Tel. 045/6660383 6660002 6660477 Fax 6660485 UFFICIO COMMERCIO Prot. 8478 ORDINANZA N. 35 DISCIPLINA

Dettagli

Comune di Vicenza IL SINDACO

Comune di Vicenza IL SINDACO Prot. n Oggetto: ordinanza per la determinazione degli orari degli esercizi pubblici, delle attività di somministrazione di alimenti e bevande e delle attività particolari IL SINDACO VISTI gli artt. 50

Dettagli

SERVIZIO ATTIVITÀ PRODUTTIVE. Oggetto: Orari di apertura degli esercizi pubblici della somministrazione di alimenti e bevande.

SERVIZIO ATTIVITÀ PRODUTTIVE. Oggetto: Orari di apertura degli esercizi pubblici della somministrazione di alimenti e bevande. SERVIZIO ATTIVITÀ PRODUTTIVE Prot. n. 18509/9020 Ordinanza n. 188 Oggetto: Orari di apertura degli esercizi pubblici della somministrazione di alimenti e bevande. IL SINDACO Preso atto che, da una indagine

Dettagli

ALLEGATO ALLA Delibera di G.C. n 425 del 31.05.2 011 DISCIPLINA DEGLI ORARI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE

ALLEGATO ALLA Delibera di G.C. n 425 del 31.05.2 011 DISCIPLINA DEGLI ORARI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE ALLEGATO ALLA Delibera di G.C. n 425 del 31.05.2 011 DISCIPLINA DEGLI ORARI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE 1 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione TITOLO I -ORARIO DEGLI ESERCIZI DI VENDITA AL

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA AREA RISORSE UMANE E FINANZIARIE U F F I C I O SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE

COMUNE DI SENIGALLIA AREA RISORSE UMANE E FINANZIARIE U F F I C I O SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE COMUNE DI SENIGALLIA AREA RISORSE UMANE E FINANZIARIE U F F I C I O SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE ORDINANZA n 216 del 01/06/2017 Oggetto: SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA' ACCESSORIE NEGLI STABILIMENTI

Dettagli

APERTURE DOMENICALI E CCNL

APERTURE DOMENICALI E CCNL APERTURE DOMENICALI E CCNL Le aperture domenicali degli esercizi commerciali e la disciplina del lavoro domenicale dei dipendenti delle stesse sono regolate, innanzitutto, da due distinti decreti legislativi,»

Dettagli

Servizio Commercio. Commercio Fisso SCIA - apertura, esercizio vicinato (fino a 250 mq) per il controllo. 60 giorni. Servizio Commercio Responsabile

Servizio Commercio. Commercio Fisso SCIA - apertura, esercizio vicinato (fino a 250 mq) per il controllo. 60 giorni. Servizio Commercio Responsabile N. OGGETTO DEL PROCEDIMENTO RIFERIMENTI NORMATIVI DEL PROCEDIMENTO UNITA ORGANIZZATIVA RESPONSABILE ORGANO COMPETENTE ALL ADOZIONE DEL PROVVEDIMENTO TERMINE DI CONCLUSION E DEL PROCEDIMEN TO 1 2 Commercio

Dettagli

Controlli sulle imprese di competenza della Polizia Locale - Art. 25 d.lgs. n. 33/2013.

Controlli sulle imprese di competenza della Polizia Locale - Art. 25 d.lgs. n. 33/2013. Controlli sulle imprese di competenza della Polizia Locale - Art. 25 d.lgs. n. 33/2013. Tipologia dei controlli, modalità e criteri. Il Comando di Polizia Locale svolge i controlli sulle attività produttive

Dettagli

COMUNE DI CESENA. SETTORE SVILUPPO PRODUTTIVO E RESIDENZIALE Servizio Attività Economiche. P.G.N /453 Cesena,

COMUNE DI CESENA. SETTORE SVILUPPO PRODUTTIVO E RESIDENZIALE Servizio Attività Economiche. P.G.N /453 Cesena, COMUNE DI CESENA SETTORE SVILUPPO PRODUTTIVO E RESIDENZIALE Servizio Attività Economiche P.G.N. 78587/453 Cesena, 10.12.2010 ORARI D APERTURA E CHIUSURA AL PUBBLICO DEGLI DI VENDITA AL DETTAGLIO ANNO 2011

Dettagli

SETTORE ANNONA / ATTIVITA PRODUTTIVE IL SINDACO

SETTORE ANNONA / ATTIVITA PRODUTTIVE IL SINDACO SETTORE ANNONA / ATTIVITA PRODUTTIVE IL SINDACO VISTO che a norma dell art.50, comma 7, del D.Lgs.267/2000 TUEL, spetta al Sindaco coordinare e riorganizzare, sulla base degli indirizzi espressi dal consiglio

Dettagli

C I T T A D I T E R R A C I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a

C I T T A D I T E R R A C I N A P r o v i n c i a d i L a t i n a P r o v i n c i a d i L a t i n a ---------- ORDINANZA NR. 050/AG DEL 06 OTTOBRE 2008 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA DEI NEGOZI E DELLE ATTIVITA ESERCENTI LA VENDITA AL DETTAGLIO, DEGLI ESERCIZI

Dettagli

COMUNE DI PESARO SINDACO

COMUNE DI PESARO SINDACO COMUNE DI PESARO SINDACO Ordinanza N 11 Oggetto: MODIFICHE ORARIO DELLE ATTIVITA ECONOMICHE PER L ANNO 2011: 1) COMMERCIO IN SEDE FISSA, 2) COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE, 3) PRODUTTORI AGRICOLI, 4) ATTIVITA

Dettagli

COMUNE DI ROVATO (Provincia di Brescia) CRITERI COMUNALI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI

COMUNE DI ROVATO (Provincia di Brescia) CRITERI COMUNALI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI COMUNE DI ROVATO (Provincia di Brescia) CRITERI COMUNALI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI DI SALA GIOCHI Approvato con deliberazione consiliare n. 91 del 22.12.2008 Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1.

Dettagli

COMUNE di VERGIATE (Provincia di Varese) - Servizio attività economico-produttive e comunicazione esterna -

COMUNE di VERGIATE (Provincia di Varese) - Servizio attività economico-produttive e comunicazione esterna - COMUNE di VERGIATE (Provincia di Varese) - Servizio attività economico-produttive e comunicazione esterna - Via Cavallotti, 46-21029 Vergiate (VA) 0331 928738/13-0331 947466 P. IVA 00309430122 E-mail :

Dettagli

ORDINANZA ATTUATIVA DELLA NUOVA DISCIPLINA DEGLI ORARI PREVISTA DAL D.LGS. 31 MARZO 1998 N.114 E DALLA LEGGE REG.LE 5 LUGLIO 1999 N.14.

ORDINANZA ATTUATIVA DELLA NUOVA DISCIPLINA DEGLI ORARI PREVISTA DAL D.LGS. 31 MARZO 1998 N.114 E DALLA LEGGE REG.LE 5 LUGLIO 1999 N.14. Prot. 1864 Oggetto: ORDINANZA ATTUATIVA DELLA NUOVA DISCIPLINA DEGLI ORARI PREVISTA DAL D.LGS. 31 MARZO 1998 N.114 E DALLA LEGGE REG.LE 5 LUGLIO 1999 N.14. I L S I N D A C O Visto il Decreto Legislativo

Dettagli

C O M U N E D I A L M E S E P R O V I N C I A D I T O R I N O

C O M U N E D I A L M E S E P R O V I N C I A D I T O R I N O C O M U N E D I A L M E S E P R O V I N C I A D I T O R I N O P i a z z a M a r t i r i d e l l a L i b e r t à, 4 8 - C A P 1 0 0 4 0 A L M E S E ( T O ) T e l. 0 1 1. 9 3. 5 0. 2 0 1 F a x 0 1 1. 9 3.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 MARZO 1989,N. 24: Disciplina dell'orario, dei turni e delle ferie delle farmacie della Regione Abruzzo.

LEGGE REGIONALE 28 MARZO 1989,N. 24: Disciplina dell'orario, dei turni e delle ferie delle farmacie della Regione Abruzzo. LEGGE REGIONALE 28 MARZO 1989,N. 24: Disciplina dell'orario, dei turni e delle ferie delle farmacie della Regione Abruzzo. Art. 1 L'esercizio delle farmacie aperte al pubblico nel territorio della Regione

Dettagli

Vicopisano Comune in Provincia di Pisa

Vicopisano Comune in Provincia di Pisa Vicopisano Comune in Provincia di Pisa Servizio 3 Area Tecnica Via del Pretorio n 1 e-mail suap@comune.vicopisano.pi.it C.F. 00230610503 Tel. 050796534-512 Fax 050796540 ORDINANZA N.09 DEL 07/02/2011 OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive Sportello Unico per le Attività Produttive

COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive Sportello Unico per le Attività Produttive COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive Sportello Unico per le Attività Produttive PROTOCOLLO S.G. n 13374 del 11 marzo 2011 Ordinanza n. 029/11 DISCIPLINA DEI TURNI DI CHIUSURA SETTIMANALE E PER FERIE

Dettagli

Calendario aperture e chiusure degli esercizi commerciali per il 2006 [1]

Calendario aperture e chiusure degli esercizi commerciali per il 2006 [1] Calendario aperture e chiusure degli esercizi commerciali per il 2006 [1] Calendario annuale coordinato delle aperture e chiusure domenicali, festive e infrasettimanali degli esercizi commerciali di vendita

Dettagli

Comune di Robbiate Provincia di Lecco

Comune di Robbiate Provincia di Lecco DISCIPLINA DEGLI ORARI DI: NEGOZI E ALTRE ATTIVITA DI VENDITA AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA, ATTIVITA DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE, ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE NEI PUBBLICI ESERCIZI, ATTIVITA DI INTRATTENIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE 1 INDICE Art. 1 Normativa di riferimento Art. 2 Denuncia di Inizio di Attività Produttiva (DIAP) Art. 3 Disposizioni

Dettagli

Attività Produttive. Somministrazione Somministrazione di alimenti e bevande (esercizi ordinari ) Descrizione

Attività Produttive. Somministrazione Somministrazione di alimenti e bevande (esercizi ordinari ) Descrizione Attività Produttive Somministrazione Somministrazione di alimenti e bevande (esercizi ordinari ) Descrizione PUBBLICI ESERCIZI, SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE. a) esercizi di ristorazione, per la

Dettagli

COMUNE DI PESARO AREA CULTURA SVILUPPO

COMUNE DI PESARO AREA CULTURA SVILUPPO COMUNE DI PESARO AREA CULTURA SVILUPPO Ordinanza N 2149 Oggetto: ORARIO DELLE ATTIVITA ECONOMICHE PER L ANNO 2010: 1) COMMERCIO IN SEDE FISSA, 2) COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE, 3) PRODUTTORI AGRICOLI, 4)

Dettagli

COPIA CONFORME ALL ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D UFFICIO DELLA ORDINANZA N. 33 DEL ORDINANZA DEL SINDACO N.

COPIA CONFORME ALL ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D UFFICIO DELLA ORDINANZA N. 33 DEL ORDINANZA DEL SINDACO N. COMUNE DI ALBA ADRIATICA PROVINCIA DI TERAMO COPIA CONFORME ALL ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D UFFICIO DELLA ORDINANZA N. 33 DEL 03-07-2015 Alba Adriatica, lì 03-07-2015 Registro Generale n. 68 ORDINANZA

Dettagli

ORDINANZA n. 94 del 28-05-2008 rif. PRORD - 103-2008

ORDINANZA n. 94 del 28-05-2008 rif. PRORD - 103-2008 Sindaco ORDINANZA n. 94 del 28-05-2008 rif. PRORD - 103-2008 Oggetto: ORDINANZA ORARI Disciplina degli orari di apertura al pubblico degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande ed attività

Dettagli

COMUNE DI RADDA IN CHIANTI

COMUNE DI RADDA IN CHIANTI COMUNE DI RADDA IN CHIANTI ORDINANZA N 16 del 29 maggio 2010 OGGETTO: Orari di apertura e chiusura degli esercizi commerciali al dettaglio in sede fissa, delle rivendite della stampa, degli esercizi di

Dettagli

- Di modificare l Ordinanza n. 67 del 27 luglio 2007 come di seguito specificato:

- Di modificare l Ordinanza n. 67 del 27 luglio 2007 come di seguito specificato: Oggetto: Modifiche alla disciplina degli orari di esercizio delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione di alimenti e bevande ed attività assimilate I L S I N D A C O - Dato atto che,

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) SETTORE AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI SERVIZIO COMMERCIO Ordinanza n. 125/15.4.2 Oggetto: L.R. 26/7/2003 n. 14 ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEGLI ESERCIZI

Dettagli

COMUNE DI ARBA. Regolamento comunale per l apertura e la gestione di sale giochi

COMUNE DI ARBA. Regolamento comunale per l apertura e la gestione di sale giochi COMUNE DI ARBA Regolamento comunale per l apertura e la gestione di sale giochi Adottato con deliberazione consiliare n. 9 del 28.04.2010 1 Articolo 1 Ambito di applicazione. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE

REGOLAMENTO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE COMUNE DI CASTEL SAN PIETRO TERME PROVINCIA DI BOLOGNA AREA SERVIZI PER LA COLLETTIVITA E IL TERRITORIO REGOLAMENTO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE IN FORMA ITINERANTE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C.

Dettagli

ORDINANZA N. 117/2010 DEL 16/12/2010

ORDINANZA N. 117/2010 DEL 16/12/2010 COMUNE DI CASTENASO Provincia di Bologna AREA TECNICA UO COMMERCIO E SERVIZI AMMINISTRATIVI ORDINANZA N. 117/2010 DEL 16/12/2010 OGGETTO: ORARI DI APERTURA, CHIUSURA E TURNI DEI DISTRIBUTORI DI CARBURANTI

Dettagli

Calendario delle aperture domenicali e festive al pubblico delle attività commerciali - anno 2012 COMUNE DI CREMA

Calendario delle aperture domenicali e festive al pubblico delle attività commerciali - anno 2012 COMUNE DI CREMA COMUNE DI CREMA SETTORE GESTIONE FINAZIARIA, TRIBUTARIA E COMMERCIALE SERVIZIO COMMERCIO ORDINANZA n. 2011/446 del 30.11.2011 CALENDARIO DELLE APERTURE DOMENICALI E FESTIVE AL PUBBLICO DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

Dettagli

COMUNE DI PISA COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Delibera n. 162 Del 27 Ottobre 2009

COMUNE DI PISA COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Delibera n. 162 Del 27 Ottobre 2009 COMUNE DI PISA COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Delibera n. 162 Del 27 Ottobre 2009 OGGETTO: DISPOSIZIONI CIRCA LE MODALITÀ DI APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER LA VIOLAZIONE DELLE

Dettagli

Calendario delle aperture domenicali e festive delle attività commerciali del Comune di Cremona, per l anno 2012

Calendario delle aperture domenicali e festive delle attività commerciali del Comune di Cremona, per l anno 2012 P.G. 60689/11 Calendario delle aperture domenicali e festive delle attività commerciali del Comune di Cremona, per l anno 2012 IL SINDACO - Premesso che, a sensi dell art. 103 della Legge Regionale 2 febbraio

Dettagli

Settore Attività produttive e commercio

Settore Attività produttive e commercio Settore Attività produttive e commercio P.G. N.: 310266/2009 2009 - Sottoscritta il : 23/12/2009 - Richiesta di pubblicazione all'albo Pretorio. Oggetto: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA RELATIVA

Dettagli

Allegato 1 DISCIPLINA GENERALE DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

Allegato 1 DISCIPLINA GENERALE DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Allegato alla deliberazione consiliare n. 5 dd. 09/03/2010 IL SEGRETARIO GENERALE dott. Diego Viviani Allegato 1 DISCIPLINA GENERALE DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Articoli: Art. 1 Fonti normative e definizioni

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Prot. N. 35473 ORDINANZA N. 299 OGGETTO: Orari di apertura e chiusura dei pubblici esercizi e delle attività ad essi collegate ed equiparate, nonché delle attività di pubblico spettacolo e trattenimento.

Dettagli

COMUNE DI PESARO AREA CULTURA SVILUPPO - ATTIVITA ECONOMICHE

COMUNE DI PESARO AREA CULTURA SVILUPPO - ATTIVITA ECONOMICHE COMUNE DI PESARO AREA CULTURA SVILUPPO - ATTIVITA ECONOMICHE Ordinanza N 2177 Oggetto: ORARIO DELLE ATTIVITA ECONOMICHE PER L ANNO 2009: 1) COMMERCIO IN SEDE FISSA, 2) COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE, 3) PRODUTTORI

Dettagli

CITTA' DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma)

CITTA' DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma) ~l CITTA' DI GUIDONIA MONTECELIO (Provincia di Roma) Ordinanza n... j.. 9.lJ... Piazza Matteotti, 20 00012 Guidonia M. AREA VI- U.O. ATTIVITA' ECONOMICO PRODUTTIVE FAX 07741342629 c. f. 02777620580 - p.i.

Dettagli

COMUNE DI FORTE DEI MARMI (Provincia di Lucca) 3 SETTORE SERVIZI FINANZIARI

COMUNE DI FORTE DEI MARMI (Provincia di Lucca) 3 SETTORE SERVIZI FINANZIARI COMUNE DI FORTE DEI MARMI (Provincia di Lucca) 3 SETTORE SERVIZI FINANZIARI Piazza Dante, 1 55042 Forte dei Marmi Lucca C.F. e P.I. 00138080460 tel. 0584/2801 Fax 0584/280246 Ufficio Demanio Forte dei

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) Disciplina e criteri degli orari di apertura e chiusura, nonché delle giornate di chiusura degli impianti di distribuzione carburanti per uso autotrazione Nr. 28425

Dettagli

ORDINANZA SINDACALE N. 10 DEL 5 MARZO 2002

ORDINANZA SINDACALE N. 10 DEL 5 MARZO 2002 ORDINANZA SINDACALE N. 10 DEL 5 MARZO 2002 "DISCIPLINA ORARIA DEGLI ESERCIZI DI VENDITA AL DETTAGLIO. PARZIALE MODIFICA ALLA Ordinanza Sindacale N. 8 DEL 22.02.2002" Premesso che con Ordinanza Sindacale

Dettagli

STRUTTURA ORGANIZZATIVA S.U.A.P. convenzionato

STRUTTURA ORGANIZZATIVA S.U.A.P. convenzionato STRUTTURA ORGANIZZATIVA S.U.A.P. convenzionato Procedimento amministrativo L ESERCIZIO DEL PUBBLICHE TIPOLOGIA A L ESERCIZIO DEL PUBBLICHE TIPOLOGIA B CONCESSIONE POSTEGGIO NEI MERCATI STAGIONALE ALL ESERCIZIO

Dettagli

LEGGE 15 gennaio 1968, n. 2 (pubblicata nell'albo del Palazzo Governativo il 16 febbraio 1968).

LEGGE 15 gennaio 1968, n. 2 (pubblicata nell'albo del Palazzo Governativo il 16 febbraio 1968). LEGGE 15 gennaio 1968, n. 2 (pubblicata nell'albo del Palazzo Governativo il 16 febbraio 1968). Disposizioni sull'apertura e chiusura dei pubblici Esercizi. Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica

Dettagli