Nuova legislazione: Emendamenti al regolamento INN e al relativo regolamento di applicazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuova legislazione: Emendamenti al regolamento INN e al relativo regolamento di applicazione"

Transcript

1 ADDENDUM AL MANUALE DI APPLICAZIONE PRATICA DEL REGOLAMENTO INN Il presente documento costituisce un addendum alla prima edizione del «Manuale di applicazione pratica del regolamento (CE) n. 1005/2008 del Consiglio, del 29 settembre 2008, che istituisce un regime comunitario per prevenire, scoraggiare ed eliminare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata». Il presente documento fa riferimento sia alla versione integrale in lingua inglese del manuale, sia alle versioni ridotte nelle altre lingue ufficiali dell'ue. I passaggi nei quali i cambiamenti riguardano solamente la versione in lingua inglese sono indicati all'inizio del rispettivo paragrafo con l'espressione «Solo versione inglese». Il presente addendum è a scopo puramente informativo. Non sostituisce né aggiunge nulla alle disposizioni del regolamento (CE) n. 1005/2008 del Consiglio e del regolamento (CE) n. 1010/2009 della Commissione, che costituiscono la base giuridica da applicare. Trattato di Lisbona In seguito all'entrata in vigore del trattato di Lisbona il 1 dicembre 2009, le seguenti espressioni utilizzate all'interno del manuale vengono sostituite nel modo seguente: «Comunità europea» da «Unione europea» «CE» da «UE» [tranne che nei riferimenti ai testi di legge, ad es. Regolamento (CE) del Consiglio] «Comunità» da «UE» «Elenco comunitario delle navi INN» da «Elenco UE delle navi INN» «Sistema di allarme comunitario» da «Sistema di allarme dell'ue» Il regolamento di controllo dell'ue (Solo versione inglese) Successivamente alla pubblicazione del manuale è stato approvato il regolamento di controllo, entrato in vigore il 1 gennaio 2010 e recante il titolo: «Regolamento (CE) n. 1224/2009 del Consiglio, del 20 novembre 2009, che istituisce un regime di controllo comunitario per garantire il rispetto delle norme della politica comune della pesca». Pertanto, i riferimenti al progetto di regolamento del Consiglio che istituisce un regime di controllo comunitario per garantire il rispetto delle norme della politica comune della pesca dovrebbero essere sostituiti da riferimenti al regolamento di controllo nei seguenti punti: Punto 2. «Informazioni generali», nella sezione «Regolamento INN e sistema di controllo dell'ue». Punto 4. «Quali regole si applicano in materia di ispezione dei pescherecci e dei prodotti della pesca di paesi terzi che operano in acque comunitarie?» nella risposta alla domanda: Cosa fa l'ue per controllare i propri pescherecci? Punto 5. «Sistema di certificazione delle catture». Punto «Domande specifiche relative ai compiti e alle responsabilità delle diverse parti coinvolte (E) Comandanti di pescherecci di paesi terzi», alla domanda «Quali regole si applicano al mio peschereccio in acque comunitarie»? 1

2 Nuova legislazione: Emendamenti al regolamento INN e al relativo regolamento di applicazione Dal 1 gennaio 2010 l'ue ha approvato due emendamenti al regolamento INN e al relativo regolamento di applicazione. I riferimenti a tali emendamenti sono: «Regolamento (UE) n. 86/2010 della Commissione, del 29 gennaio 2010, recante modifica dell'allegato I del regolamento (CE) n. 1005/2008 del Consiglio per quanto riguarda la definizione dei prodotti della pesca e del regolamento (CE) n. 1010/2009 della Commissione per quanto riguarda lo scambio di informazioni sulle ispezioni condotte su pescherecci di paesi terzi e le disposizioni amministrative in materia di certificati di cattura» e «Regolamento (UE) n. 395/2010 della Commissione, del 7 maggio 2010, recante modifica del regolamento (CE) n. 1010/2009 per quanto riguarda le disposizioni amministrative sui certificati di cattura». Il primo emendamento modifica l'allegato I del regolamento INN attraverso l'integrazione di nuovi prodotti all'elenco dei prodotti esclusi dal campo di applicazione del sistema di certificazione delle catture. Di conseguenza, ogni riferimento all'allegato I del regolamento INN all'interno del manuale dovrebbe essere sostituito da un riferimento all'allegato I del regolamento (UE) n. 86/2010. Questo primo emendamento recepisce altresì tre accordi amministrativi con la Norvegia, gli Stati Uniti e la Nuova Zelanda all'interno del diritto dell'ue, compresi i modelli di certificati di cattura utilizzati da tali paesi. Per maggiori informazioni, cfr. punto 5.15 del manuale: «Uso di sistemi elettronici di tracciabilità sotto il controllo di paesi terzi / accordi speciali fra un paese terzo e la Commissione». Il secondo emendamento recepisce tre accordi amministrativi con il Canada, l'islanda e le Isole Fær Øer all'interno del diritto dell'ue, compresi i modelli di certificati di cattura utilizzati da tali paesi. Catture effettuate prima del 1 gennaio 2010 (Solo versione inglese) Al punto 3 «Principi generali e campo di applicazione del regolamento INN», alle domande «Esiste la possibilità di un'entrata in vigore flessibile e graduale, tale da consentire ai paesi in via di sviluppo di adattarsi alla nuova situazione?» e «Il regolamento INN si applica alle catture effettuate prima del 1 gennaio 2010?», viene aggiunto il testo seguente alle relative risposte: «Le dichiarazioni che riportano che le catture sono state effettuate prima dell'entrata in vigore del regolamento INN possono essere eventualmente utilizzate dai paesi terzi per differenziare tali catture da quelle effettuate successivamente al 1 gennaio Tuttavia, non esistono requisiti di legge relativi a catture effettuate prima del 1 gennaio 2010, pertanto tali dichiarazioni non dovrebbero mai essere definite "dichiarazioni di esenzione". Tali dichiarazioni possono essere eventualmente utilizzate a titolo informativo dalle autorità competenti degli Stati membri dell'ue, ma non possono essere considerate prove formali e non escludono la possibilità di effettuare eventuali verifiche.». Attività di pesca senza il supporto di un peschereccio 2

3 (Solo versione inglese) Al punto 3 «Principi generali e campo di applicazione del regolamento INN», alla voce «Campo di applicazione del regolamento INN e definizioni», viene aggiunto il testo seguente alla fine del terzo paragrafo: «L'attività di pesca non basata su pescherecci (intesa come attività di pesca svolta senza il supporto di un peschereccio) non rientra nel campo di applicazione del regolamento INN. Pertanto, le importazioni nell'ue di prodotti della pesca provenienti da attività di pesca non basate su pescherecci non devono essere accompagnate da un certificato di cattura. La Commissione europea ha richiesto a tutti i paesi terzi interessati di comunicare ogni informazione pertinente relativa a questo tipo di pesca al fine di facilitare l'identificazione dei prodotti che rientrano nel campo di applicazione del sistema di certificazione delle catture.». Notifica preventiva da parte dei pescherecci di paesi terzi (Solo versione inglese) Al punto 4 «Quali regole si applicano all'ispezione dei pescherecci e dei prodotti della pesca di paesi terzi negli Stati membri dell'ue?», alla voce «Notifica preventiva (articolo 6)» viene aggiunto il testo seguente alla fine del terzo paragrafo: «Il termine per la notifica preventiva per i pescherecci battenti bandiera islandese e norvegese è di due ore, in conformità al regolamento (CE) n. 1292/97 della Commissione, del 3 luglio 1997, che stabilisce i termini per le comunicazioni da parte delle navi battenti bandiera di determinati paesi terzi o registrate in tali paesi.» Autorizzazione a entrare nei porti dell'ue (Solo versione inglese) Al punto 4 «Quali regole si applicano all'ispezione dei pescherecci e dei prodotti della pesca di paesi terzi negli Stati membri dell'ue?», alla voce «Autorizzazione a entrare nei porti dell'ue (articolo 7)», la frase «Gli Stati membri dell'ue possono autorizzare l'ingresso in un porto se i prodotti della pesca non sono accompagnati da un certificato di cattura, tuttavia possono tenere tali prodotti in deposito fino al completamento della procedura di controllo» viene sostituita dalla frase seguente: «In base all'articolo 7, paragrafo 3, del regolamento INN, gli Stati membri dell'ue possono autorizzare l'ingresso in un porto a un peschereccio di un paese terzo che intenda sbarcare le proprie catture in tale porto se i prodotti della pesca non sono accompagnati da un certificato di cattura. In questi casi, gli Stati membri possono tenere tali prodotti in deposito per un periodo massimo di 14 giorni di calendario fino al ricevimento del certificato di cattura o finché i prodotti non vengono avviati al transito. Decorsi i 14 giorni, lo Stato membro del porto in questione può confiscare i prodotti della pesca in osservanza alle norme nazionali.». Importazione di campioni Al punto 5.2 «Prodotti interessati» viene aggiunto il seguente paragrafo: «Tutti i campioni di prodotti della pesca (anche quelli di piccole dimensioni) rientrano nell'ambito di applicazione del regolamento INN. Non esiste un peso minimo al di sotto del quale i campioni sono esentati dall'applicazione del regolamento.». Uso di un certificato di cattura singolo per catture multiple da parte dello stesso peschereccio e/o catture effettuate da più pescherecci 3

4 Al punto 5.7 «Importazione di spedizioni miste», il primo paragrafo viene cancellato e sostituito dal seguente: «L'articolo 12, paragrafo 3, del regolamento INN prevede che "il certificato di cattura contiene tutte le informazioni indicate nel modello riportato all'allegato II ed è convalidato dallo Stato di bandiera del peschereccio o dei pescherecci che hanno effettuato le catture da cui sono stati ottenuti i prodotti della pesca.". Di conseguenza, quando una spedizione è composta da prodotti che provengono da catture diverse effettuate dallo stesso peschereccio e/o catture effettuate da pescherecci diversi battenti bandiera dello stesso Stato è possibile usare un unico certificato di cattura per l'intera spedizione, a condizione che le informazioni richieste per ciascun peschereccio siano allegate al certificato di cattura. In tali casi le autorità dello Stato di bandiera avranno bisogno di assicurare che ogni pagina aggiuntiva di informazioni riporti lo stesso numero di riferimento e la stessa data di convalida. Occorre altresì notare che l'articolo 12, paragrafo 3, e il certificato di cattura semplificato rappresentano due diverse possibilità che non vanno confuse. Il certificato di cattura semplificato può essere utilizzato solo nel caso in cui siano soddisfatti determinati criteri (cfr. articolo 6 del regolamento INN). L'articolo 12, paragrafo 3, del regolamento INN si applica alle situazioni nelle quali non è possibile utilizzare il certificato di cattura semplificato.». Notifiche da parte delle autorità competenti dei paesi terzi Al punto 5.12, parte C «Ruolo delle autorità dei paesi terzi», dopo la frase «le notifiche ottenute successivamente saranno valide a decorrere dalla data in cui sono rese di dominio pubblico» viene aggiunto il seguente testo: «Ciò significa che i prodotti della pesca catturati fra il 1 gennaio 2010 e la data di pubblicazione della notifica non possono entrare nel mercato dell'ue anche dopo la pubblicazione della notifica. Non è consentito effettuare una convalida retroattiva dei certificati di cattura relativi ai prodotti della pesca catturati in questo periodo. Inoltre, per ottenere l'autorizzazione all'esportazione di prodotti della pesca nell'ue il paese terzo deve altresì figurare nell'elenco della DG SANCO "dei paesi terzi e dei territori dai quali è consentita l'importazione di molluschi bivalvi, echinodermi, tunicati, gasteropodi marini e prodotti della pesca". Nei casi in cui la pubblicazione della notifica al paese terzo sia avvenuta ai sensi del regolamento INN, ma il paese non compaia nell'elenco della DG SANCO, le importazioni di prodotti della pesca da tale paese non sono consentite.». Procedure di transito Al punto 5.12, parte D, lettera f) «Pesce sbarcato per il transito o il trasbordo verso un altro Stato membro», l'ultima frase del secondo paragrafo «Per le operazioni di transito, spetta a ciascuno Stato membro decidere se intende effettuare verifiche all'interno del porto o presso la destinazione finale e comunicare la propria decisione alla Commissione, che provvede a pubblicarla nel proprio sito» viene corretta nel modo seguente: «Va osservato che per le operazioni di transito all'interno di uno Stato membro, ciascuno Stato membro è tenuto a decidere se intende effettuare verifiche all'interno del porto di entrata o presso la destinazione finale e comunicare la propria decisione alla Commissione, che provvede a pubblicarla nel proprio sito (articolo 19, paragrafo 2, del regolamento INN).». 4

5 (Solo versione inglese) Al punto 5.12, parte E «Ruolo della Commissione europea», il riferimento all'articolo 19, paragrafo 1, ultimo trattino, va sostituito con il riferimento all'articolo 19, paragrafo 2. (Solo versione inglese) Al punto 5.13, parte E «Controlli e verifiche del certificato di cattura (articoli 16 e 17)», la prima frase del secondo paragrafo viene corretta nel modo seguente: «Per i prodotti della pesca in transito nello Stato membro di primo ingresso e destinati a un altro Stato membro, i controlli e le verifiche devono essere effettuati dallo Stato membro di primo ingresso o da quello di destinazione finale.» La parte restante della frase viene cancellata. Descrizione del prodotto Al punto 5.16, «Sezioni da 2 a 5», il seguente testo viene aggiunto prima del paragrafo «Sezione 3 (descrizione del prodotto)»: «La descrizione del prodotto dovrebbe riferirsi solo alla parte effettivamente esportata nell'ue e non riguarda la cattura. Tale disposizione si applica ai prodotti dei paesi terzi esportati nell'ue e altresì alle esportazioni di catture effettuate da un peschereccio battente bandiera di uno Stato membro dell'ue per le quali sia richiesto un certificato di cattura.». Pesi da indicare in un certificato di cattura Al punto 5.16, «Sezioni da 2 a 5», viene aggiunto il seguente testo alle parti relative al peso del prodotto nel certificato di cattura: «In generale, il peso da indicare dovrebbe riguardare l'intera spedizione da esportare. Va completato solo uno fra i campi "Peso vivo stimato" o "Stima del peso da sbarcare" (oltre all'indicazione del peso sbarcato verificato, laddove disponibile). Se la quantità esportata da un esportatore in un paese terzo è parte di uno sbarco da un peschereccio, il peso dovrebbe rappresentare solo la quantità esportata indicata nel campo "Peso vivo stimato", e non l'intera quantità sbarcata. Se si esporta l'intera cattura sbarcata da un comandante o da un suo rappresentante, il peso dovrebbe riferirsi all'intera cattura, ovvero "Stima del peso da sbarcare" (oltre all'indicazione del peso sbarcato verificato, laddove disponibile). In ogni caso, le informazioni relative al peso della spedizione da esportare dovrebbero essere sempre indicate nel certificato.». Trasbordo Al punto 5.16, sezione 7 («Dichiarazione di trasbordo all'interno di una zona portuale»), la frase «Se il trasbordo viene autorizzato, spetta al paese terzo organizzare il controllo relativo e la procedura di convalida e notificare alla Commissione i dati relativi alla o alle rispettive autorità competenti che sono a loro volta tenute a firmare questa parte del certificato di cattura» viene modificata nel modo seguente: «Se il trasbordo viene autorizzato, spetta al paese terzo organizzare il controllo relativo e la procedura di convalida. L'autorità competente per il controllo è a sua volta tenuta a firmare questa parte del certificato di cattura.». Originali dei certificati di cattura 5

6 Al termine del punto 5.17 «Flusso delle operazioni relative al certificato di cattura» viene aggiunto il seguente testo: «Le autorità degli Stati membri sono tenute a conservare gli originali dei certificati di cattura relativi alle importazioni per un periodo di tre anni o superiore, in base alle rispettive norme nazionali. In caso di certificati di cattura convalidati dalle autorità dell'ue per le catture effettuate da pescherecci dell'ue ed esportate in paesi terzi, gli Stati membri non sono tenuti a conservare copia del certificato (in quanto l'originale viene inviato al paese terzo). In caso di certificati di cattura elettronici il documento generato dal sistema viene considerato come originale.». Procedure di transito certificazione delle catture», parte A «Campo di applicazione, formalità, distribuzione dei compiti», alla domanda «È necessario un certificato di cattura per i prodotti in transito all'interno di un porto comunitario e non destinati al mercato dell'ue?» viene aggiunto il seguente testo: «Quando i prodotti della pesca vengono conservati in un deposito doganale finché un operatore non decide in merito alla loro destinazione finale, tali prodotti non necessitano di essere accompagnati da un certificato di cattura. Se la destinazione finale è uno Stato membro dell'ue, il certificato di cattura deve essere presentato con tre giorni di anticipo rispetto al relativo ingresso nel mercato dell'ue e non nel momento in cui i prodotti sono conservati nel deposito doganale.». Domande frequenti certificazione delle catture», parte A «Campo di applicazione, formalità, distribuzione dei compiti», nell'ultima domanda «In che modo viene eseguita la verifica se un prodotto viene introdotto in un paese dell'unione europea solo in transito, ma la sua destinazione finale è in realtà un altro Stato membro dell'ue? Dove avviene la verifica nello Stato membro di primo ingresso o nello Stato membro di destinazione finale?» la prima frase della risposta viene modificata nel modo seguente: «L'autorità competente dello Stato membro dell'ue di destinazione finale è responsabile della verifica ai sensi dell'articolo 19, paragrafo 1.». certificazione delle catture», parte B «Spedizioni, trasformazione, riesportazione», nella seconda domanda «In che modo va compilato il certificato di cattura relativo a una spedizione mista composta da diversi prodotti provenienti da diverse catture?», la frase contenuta nella risposta «Se tale spedizione è composta da prodotti che provengono da diverse catture effettuate da diverse navi, occorre allegare un certificato per ciascuna cattura» viene sostituita dalla frase seguente: «In base all'articolo 12, paragrafo 3, del regolamento INN ("Il certificato di cattura contiene tutte le informazioni indicate nel modello riportato all'allegato II ed è convalidato dallo Stato di bandiera del peschereccio o dei pescherecci che hanno effettuato le catture da cui sono stati ottenuti i prodotti della pesca."), quando una spedizione è composta da prodotti che provengono da catture diverse e/o pescherecci diversi è possibile utilizzare un unico certificato di cattura per l'intera spedizione a 6

7 condizione che siano allegate le informazioni richieste relative a ciascun peschereccio.». certificazione delle catture», parte B «Spedizioni, trasformazione, riesportazione», alla domanda «Se una spedizione viene divisa per l'esportazione, sono necessarie copie dei certificati di cattura?», la frase riportata nella risposta «Tutti i prodotti della pesca contenuti in una spedizione e non esclusi dal sistema di certificazione delle catture devono essere accompagnati da uno o più certificati di cattura convalidati a seconda del numero di pescherecci che hanno effettuato le catture relative alla transazione in oggetto» viene modificata nel modo seguente: «Tutti i prodotti della pesca contenuti in una spedizione e non esclusi dal sistema di certificazione delle catture devono essere accompagnati da uno o più certificati di cattura.». certificazione delle catture», parte B «Spedizioni, trasformazione, riesportazione», vengono aggiunti i seguenti paragrafi: «D.: Le spedizioni esportate nell'ue devono essere sempre accompagnate dagli originali dei certificati di cattura?» «R.: Sì, le spedizioni esportate nell'ue devono sempre essere accompagnate dagli originali. Vi è un'unica eccezione a questa regola, ovvero quando le catture provenienti da un determinato paese terzo vengono trasformate in un altro paese terzo e successivamente divise in spedizioni diverse destinate all'esportazione. In questo caso, le diverse spedizioni possono essere accompagnate da copie del certificato di cattura originale insieme alla dichiarazione di trasformazione di cui all'allegato IV del regolamento INN. Per quanto attiene agli originali, cfr. aggiunta al punto 5.17 sopra.». 7

Versione ridotta per la traduzione

Versione ridotta per la traduzione COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE DEGLI AFFARI MARITTIMI E DELLA PESCA SVILUPPO E COORDINAMENTO DELLE POLITICHE Politica di controllo della pesca Estratto dal Manuale di applicazione pratica del regolamento

Dettagli

La regolamentazione sul controllo (Reg. CE 1224/09; Reg. UE 404/11) COMMERCIALIZZAZIONE

La regolamentazione sul controllo (Reg. CE 1224/09; Reg. UE 404/11) COMMERCIALIZZAZIONE Lezione 4 MISURA 3.1 Azioni collettive Progetto La regolamentazione sul controllo (Reg. CE 1224/09; Reg. UE 404/11) COMMERCIALIZZAZIONE TITOLO V: CONTROLLO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE Principi generali SM

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio VIII DGSAF-Coordinamento PIF-UVAC LINEE GUIDA SUL REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/329 RECANTE DEROGA

Dettagli

REGOLAMENTI. (Testo rilevante ai fini del SEE)

REGOLAMENTI. (Testo rilevante ai fini del SEE) L 162/12 27.6.2015 REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) 2015/1011 DELLA COMMISSIONE del 24 aprile 2015 che integra il regolamento (CE) n. 273/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo ai precursori

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 30/10 6.2.2015 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/175 DELLA COMMISSIONE del 5 febbraio 2015 che stabilisce condizioni particolari applicabili all'importazione di gomma di guar originaria o proveniente

Dettagli

(Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

(Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 7.7.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 186/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 1028/2006 DEL CONSIGLIO del 19 giugno 2006 recante norme

Dettagli

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 3 ottobre 2013 (OR. en) 13408/13 Fascicolo interistituzionale: 2013/0020 (NLE) TRANS 466 MAR 126

CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA. Bruxelles, 3 ottobre 2013 (OR. en) 13408/13 Fascicolo interistituzionale: 2013/0020 (NLE) TRANS 466 MAR 126 CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA Bruxelles, 3 ottobre 2013 (OR. en) 13408/13 Fascicolo interistituzionale: 2013/0020 (NLE) TRANS 466 MAR 126 ATTI LEGISLATIVI ED ALTRI STRUMENTI Oggetto: DECISIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

2.2 Lo scopo del controllo del rilascio di lotti è pertanto quello di:

2.2 Lo scopo del controllo del rilascio di lotti è pertanto quello di: COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE IMPRESE Mercato unico : attuazione e legislazione relativa ai beni di consumo Prodotti farmaceutici : ambiente legislativo e autorizzazioni alla commercializzazione

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 3/32 5.1.2005 ALLEGATO II GIORNALE DI VIAGGIO [di cui all'articolo 5, paragrafo 4, all'articolo 8, paragrafo 2, all'articolo 14, lettere a) e c) e all'articolo 21, paragrafo 2)] 1. La persona che pianifica

Dettagli

REGOLAMENTI. REGOLAMENTO (CE) n. 1005/2008 DEL CONSIGLIO. del 29 settembre 2008

REGOLAMENTI. REGOLAMENTO (CE) n. 1005/2008 DEL CONSIGLIO. del 29 settembre 2008 29.10.2008 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 286/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) n. 1005/2008 DEL CONSIGLIO

Dettagli

ACCORDO PREFERENZIALE UE/COREA

ACCORDO PREFERENZIALE UE/COREA CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it ACCORDO PREFERENZIALE UE/COREA PROTOCOLLO

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI L 349/20 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1290/2014 DEL CONSIGLIO del 4 dicembre 2014 che modifica il regolamento (UE) n. 833/2014, concernente misure restrittive in considerazione

Dettagli

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Milano, 21 Ottobre 2014 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Nuovo quadro legislativo Pubblicazione L96 GUCE (Gazzetta Ufficiale Comunità Europea)

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali VISTA la legge 24 novembre 1981 n. 689, recante modifiche al sistema penale; VISTO il decreto ministeriale del 26 luglio 1995 recante Disciplina del rilascio delle licenze di pesca ; VISTO il regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n.../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n.../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, IT REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE (CE) n..../.. recante applicazione del regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 21.4.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 104/37 COMMISSIONE DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 16 aprile 2007 che istituisce nuovi certificati veterinari per l introduzione nella Comunità di animali

Dettagli

Direttiva CE del Parlamento Europeo e del Consiglio n. 41/2004 del 21/4/2004

Direttiva CE del Parlamento Europeo e del Consiglio n. 41/2004 del 21/4/2004 Direttiva CE del Parlamento Europeo e del Consiglio n. 41/2004 del 21/4/2004 che abroga alcune direttive recanti norme sull'igiene dei prodotti alimentari e le disposizioni sanitarie per la produzione

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 5.5.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 118/39 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 2 maggio 2005 relativa a talune misure di protezione della salute animale contro la peste suina africana in Sardegna,

Dettagli

SEMINARIO Attuazione dei Reg.(CE)1224/2009 E Reg.(UE) 404/2011: questioni aperte e difficoltà applicative. Cagliari, 24 aprile 2012

SEMINARIO Attuazione dei Reg.(CE)1224/2009 E Reg.(UE) 404/2011: questioni aperte e difficoltà applicative. Cagliari, 24 aprile 2012 Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali SEMINARIO Attuazione dei Reg.(CE)1224/2009 E Reg.(UE) 404/2011: questioni aperte e difficoltà applicative. Cagliari, 24 aprile 2012 Maria Severina

Dettagli

IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA. questioni aperte e difficoltà applicative

IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA. questioni aperte e difficoltà applicative IL CONTROLLO NELLA FILIERA ITTICA questioni aperte e difficoltà applicative CONTROLLO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE Titolo V Reg. CE 1224/09 Titolo IV Reg. UE 404/11 DM 10 novembre 2011 DD 28 dicembre 2011

Dettagli

Regolamento (CE) 104/2000 Regolamento (CE) 2065/2001 Regolamento (CE) 1224/2009 Regolamento (CE) 404/2011

Regolamento (CE) 104/2000 Regolamento (CE) 2065/2001 Regolamento (CE) 1224/2009 Regolamento (CE) 404/2011 1. L obbligo della rintracciabilità è stato assunto dal Consiglio della Comunità Europea, quale principio attraverso il quale organizzare i mercati in tale settore, tenendo conto dell evoluzione del mercato,

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Reparto Ambientale Marino del Corpo delle Capitanerie di Porto Ufficio Secondo

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Reparto Ambientale Marino del Corpo delle Capitanerie di Porto Ufficio Secondo DESTINATARI: CAPITANERIE DI PORTO (tutte) Ministero dell Ambiente e della Tutela UFFICI CIRCONDARIALI MARITTIMI (tutti - tramite le Capitanerie di Porto) e, per conoscenza: DIREZIONE GENERALE PER LA QUALITÀ

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1292/2005 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1292/2005 DELLA COMMISSIONE 6.8.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 205/3 REGOLAMENTO (CE) N. 1292/2005 DELLA COMMISSIONE del 5 agosto 2005 recante modifica dell allegato IV del regolamento (CE) n. 999/2001 del Parlamento

Dettagli

Preambolo. Articolo 1 Articolo 2. Disposizioni Finali

Preambolo. Articolo 1 Articolo 2. Disposizioni Finali Protocollo alla Convenzione sul contratto di trasporto internazionale stradale di merce (CMR) firmata a Ginevra il 19 maggio 1956 (Ginevra, 5 luglio 1978) Preambolo Articolo 1 Articolo 2 Disposizioni Finali

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale O G G E T T O : Modifiche degli allegati alla d.g.r. 1601/08 "Certificazione energetica degli edifici/elenco dei professionisti e corsi di formazione" N. 1254 IN 21/09/2009 del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/329 del 2 marzo 2015

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/329 del 2 marzo 2015 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/329 del 2 marzo 2015 recante deroga alle disposizioni dell'unione in materia di sanità pubblica e animale per quanto riguarda l'introduzione nell'unione europea di alimenti

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea 9.9.2015 L 235/37 DECISIONE DI ESECUZIONE (UE) 2015/1506 DELLA COMMISSIONE dell'8 settembre 2015 che stabilisce le specifiche relative ai formati delle firme elettroniche avanzate e dei sigilli avanzati

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea 4.5.2005 L 117/13 REGOLAMENTO (CE) N. 648/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 13 aprile 2005 che modifica il regolamento (CEE) n. 2913/92 del Consiglio che istituisce un codice doganale comunitario

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE FISCALITÀ E UNIONE DOGANALE Politica doganale, legislazione, tariffa doganale Normativa doganale

COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE FISCALITÀ E UNIONE DOGANALE Politica doganale, legislazione, tariffa doganale Normativa doganale COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE FISCALITÀ E UNIONE DOGANALE Politica doganale, legislazione, tariffa doganale Normativa doganale Bruxelles, 1 febbraio 2012 TAXUD/A3/017/2011 Final IT Ares(2012)

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 74/24 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/448 DELLA COMMISSIONE del 17 marzo 2015 che stabilisce norme di polizia sanitaria specifiche per l'introduzione nell'unione di taluni prodotti di origine animale

Dettagli

Audit dell efficacia del sistema di controlli ufficiali

Audit dell efficacia del sistema di controlli ufficiali Il presente documento rappresenta la traduzione in italiano di un documento prodotto dai partecipanti al National Audit System (NAS) Network, costituito da funzionari delle Autorità Competenti degli Stati

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) DECISIONI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) DECISIONI 1.12.2014 L 345/1 II (Atti non legislativi) DECISIONI DECISIONE DEL CONSIGLIO del 1 o dicembre 2014 relativa alla notifica da parte del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord che desidera partecipare

Dettagli

MANUALE OPERATIVO Giornale di Bordo (e-logbook)

MANUALE OPERATIVO Giornale di Bordo (e-logbook) MANUALE OPERATIVO Giornale di Bordo (e-logbook) MANUALE OPERATIVO Giornale di Bordo (e-logbook) Nella presente Guida sono riportate le informazioni di supporto alla compilazione del Giornale di Bordo Elettronico

Dettagli

Codice doganale dell Unione e distruzione di merci illegali: osservazioni a caldo

Codice doganale dell Unione e distruzione di merci illegali: osservazioni a caldo Codice doganale dell Unione e distruzione di merci illegali: osservazioni a caldo Mario Antinucci In data 12 giungo 2013 il Palmento Europeo ed il Consiglio hanno adottato il Regolamento n. 608 del 2013

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Soggetti coinvolti nel processo di Marcatura CE Fabbricante: la persona fisica o giuridica responsabile della progettazione, della fabbricazione,

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2014/802/UE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2014/802/UE) L 331/28 18.11.2014 DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 14 novembre 2014 che modifica le decisioni 2010/470/UE e 2010/472/UE per quanto riguarda le prescrizioni di polizia sanitaria relative

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali P.I. Alessandro Melzi Funzione Valutazione Conformità Prodotto Laboratorio Dispositivi Medici IMQ S.p.A. - Milano POLITECNICO DI MILANO,

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 93/72 9.4.2015 DECISIONE DI ESECUZIONE (UE) 2015/569 DELLA COMMISSIONE del 7 aprile 2015 che modifica gli allegati della decisione di esecuzione 2011/630/UE per quanto riguarda l'equivalenza tra gli

Dettagli

Cenni fiscali delle compravendite internazionali di opere d arte

Cenni fiscali delle compravendite internazionali di opere d arte A cura di Cenni fiscali delle compravendite internazionali di opere d arte Marco Bodo Commissione Nazionale UNGDCEC Economia della Cultura LE NORMATIVE APPLICABILI - Codice Civile (art. 1510 e seg.) vendita

Dettagli

EMENDAMENTI 34-72. IT Unita nella diversità IT 2011/0354(COD) 7.6.2012. Progetto di relazione Zuzana Roithová (PE488.065v01-00)

EMENDAMENTI 34-72. IT Unita nella diversità IT 2011/0354(COD) 7.6.2012. Progetto di relazione Zuzana Roithová (PE488.065v01-00) PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 2011/0354(COD) 7.6.2012 EMENDAMENTI 34-72 Progetto di relazione (PE488.065v01-00) sulla proposta di direttiva

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali L approccio sistemico dell Amministrazione per l applicazione degli strumenti innovativi introdotti dal Reg. (CE) 1224/2009 Maria Severina Liberati

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE 12.12.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 334/25 REGOLAMENTO (CE) N. 1235/2008 DELLA COMMISSIONE dell 8 dicembre 2008 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 834/2007 del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 22.7.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 22.7.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 22.7.2014 C(2014) 5087 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 22.7.2014 che modifica l'allegato II del regolamento (UE) n. 978/2012 relativo all'applicazione

Dettagli

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 27.10.2015 COM(2015) 549 final 2015/0255 (NLE) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa alla posizione da adottare, a nome dell'unione europea, nel Comitato europeo per

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del Protocollo di Kyoto Deliberazione n. 47/2012 PROCEDURE APPLICABILI PER IL PERIODO

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per gli incentivi alle imprese

Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per gli incentivi alle imprese ALLEGATO N. 1 Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per gli incentivi alle imprese DM 4 DICEMBRE 2014 Regime di aiuto finalizzato a promuovere la nascita e lo sviluppo di società cooperative

Dettagli

Politica di recupero. Principi e procedure. Commissione europea, DG Concorrenza, Direzione H, Unità H4 Applicazione e riforma procedurale

Politica di recupero. Principi e procedure. Commissione europea, DG Concorrenza, Direzione H, Unità H4 Applicazione e riforma procedurale Politica di recupero Principi e procedure Principi di recupero Esecuzione di una decisione di recupero Ricorsi dinanzi ai giudici nazionali e UE Insolvenza Mancata esecuzione Link e formazione 2 Principali

Dettagli

***II POSIZIONE COMUNE

***II POSIZIONE COMUNE PARLAMENTO EUROPEO 1999 Documento di seduta 2004 C5-0331/2000 03/07/2000 ***II POSIZIONE COMUNE Oggetto: Posizione comune definita dal Consiglio del 29 giugno 2000in vista dell'adozione della direttiva

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI 9.9.2015 L 235/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/1501 DELLA COMMISSIONE dell'8 settembre 2015 relativo al quadro di interoperabilità di cui all'articolo 12, paragrafo

Dettagli

Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova.

Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova. Regolamento (CE) n. 1028/2006 del 19 giugno 2006. Regolamento (CE) n. 1028/2006 del Consiglio del 19 giugno 2006 recante norme di commercializzazione applicabili alle uova. (pubbl. in Gazz. Uff. dell Unione

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Newsletter del MARZO 2013. In sintesi:

Newsletter del MARZO 2013. In sintesi: Newsletter del MARZO 2013 In sintesi: Entrata in vigore del regolamento CE 453/2010 CE E CLP _ Sostanze Chimiche_ Entrata in vigore regolamento CE 305/2011 CPR_ Prodotti da Costruzione_ Entrata in vigore

Dettagli

Modulo di richiesta Autorizzazione alla procedura di transito semplificata SWISS-corridor T2

Modulo di richiesta Autorizzazione alla procedura di transito semplificata SWISS-corridor T2 Regime di transito comunitario/comune T2 Modulo di richiesta Autorizzazione alla procedura di transito semplificata SWISS-corridor T2 1. Richiedente (trasportatore contrattuale) (Nome, indirizzo postale,

Dettagli

Ordinanza sul traffico di rifiuti (OTRif)

Ordinanza sul traffico di rifiuti (OTRif) Ordinanza sul traffico di rifiuti (OTRif) Modifica del Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 22 giugno 2005 sul traffico di rifiuti è modificata come segue: Art. 2 cpv. 1, 2 lett. b

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

VISTA la legge regionale 9 agosto 2005, n. 18 (Norme regionali per l'occupazione, la tutela e la qualità del lavoro);

VISTA la legge regionale 9 agosto 2005, n. 18 (Norme regionali per l'occupazione, la tutela e la qualità del lavoro); Decreto Presidente della Regione 23 marzo 2016 n. 53 Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di incentivi all'assunzione di soggetti disabili di cui all'articolo 13 della legge 12 marzo

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO IL RUOLO DELLE CAPITANERIE DI PORTO NELLA FILIERA ITTICA Torino, 17 Giugno 2013 C.V. (CP) Enrico MORETTI NORMATIVA DI RIFERIMENTO REGOLAMENTO (CE) N. 1224/2009 che istituisce un regime di controllo comunitario

Dettagli

IL MINISTRO DELLE FINANZE. di concerto con IL MINISTRO DELL'INTERNO

IL MINISTRO DELLE FINANZE. di concerto con IL MINISTRO DELL'INTERNO D.M. 24 novembre 1978 (1). Modalità per assicurare l'effettiva uscita dal territorio dello Stato delle armi destinate all'esportazione nonché per disciplinare l'esportazione temporanea, da parte di persone

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 31.8.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 228/15 DECISIONI DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 26 agosto 2010 che stabilisce modelli di certificati sanitari per gli scambi all'interno dell'unione

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

(Atti non legislativi) DECISIONI

(Atti non legislativi) DECISIONI 24.2.2015 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 52/1 II (Atti non legislativi) DECISIONI DECISIONE DI ESECUZIONE (UE) 2015/261 DELLA COMMISSIONE del 6 febbraio 2015 che modifica le decisioni 2010/470/UE

Dettagli

(Gazzetta ufficiale n. L 282 del 01/11/1996 PAG. 0064 0067)

(Gazzetta ufficiale n. L 282 del 01/11/1996 PAG. 0064 0067) Direttiva 96/69/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio dell'8 ottobre 1996 che modifica la direttiva 70/220/CEE concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle misure

Dettagli

REGOLAMENTO UE 404/2011

REGOLAMENTO UE 404/2011 REGOLAMENTO UE 404/2011 RECANTE MODALITÀ DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO (CE) 1224/2009 CHE ISTITUISCE UN REGIME DI CONTROLLO COMUNITARIO PER GARANTIRE IL RISPETTO DELLE NORME DELLA POLITICA COMUNE DELLA

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il D.Lgs. 30 luglio 1999, n. 300, recante Riforma dell organizzazione del Governo a norma dell art. 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59 e successive modifiche ed integrazioni ; VISTO il D.Lgs. 30

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 22.2.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 51/3 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 19 novembre 2013 in merito a una proposta di direttiva del

Dettagli

DIRETTIVA 2006/94/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 12 dicembre 2006

DIRETTIVA 2006/94/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 12 dicembre 2006 27.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 374/5 DIRETTIVA 2006/94/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 dicembre 2006 relativa all'emanazione di talune norme comuni in materia di

Dettagli

di impianti e macchinari sicuri

di impianti e macchinari sicuri La nuova direttiva macchine 2006/42/CE Un nuovo approccio metodologico alla progettazione e costruzione di impianti e macchinari sicuri 1 Recepimento e D.Lgs 27 gennaio 2010, n. 17-6 Marzo 2010: entrata

Dettagli

COMUNICAZIONE PER: ELIMINAZIONE FOSSA SETTICA/BIOLOGICA SOSTITUZIONE TUBAZIONE ALLACCIO PER ROTTURA O VETUSTA COMUNE DI. Residente a Prov.

COMUNICAZIONE PER: ELIMINAZIONE FOSSA SETTICA/BIOLOGICA SOSTITUZIONE TUBAZIONE ALLACCIO PER ROTTURA O VETUSTA COMUNE DI. Residente a Prov. COMUNICAZIONE PER: ELIMINAZIONE FOSSA SETTICA/BIOLOGICA SOSTITUZIONE TUBAZIONE ALLACCIO PER ROTTURA O VETUSTA COMUNE DI Sezione 1 DATI ANAGRAFICI TITOLARE DELLO SCARICO Il sottoscritto Cognome e Nome Codice

Dettagli

Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193

Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193 Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193 "Attuazione della direttiva 2004/41/CE relativa ai controlli in materia di sicurezza alimentare e applicazione dei regolamenti comunitari nel medesimo settore"

Dettagli

ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DELLE MERCI PERICOLOSE SU STRADA (ADR)

ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DELLE MERCI PERICOLOSE SU STRADA (ADR) ALLEGATO 1 ACCORDO EUROPEO RELATIVO AL TRASPORTO INTERNAZIONALE DELLE MERCI PERICOLOSE SU STRADA (ADR) LE PARTI CONTRAENTI, DESIDEROSE di accrescere la sicurezza dei trasporti internazionali su strada,

Dettagli

TURCHIA NORMATIVE. I certificati di circolazione ATR sono reperibili presso gli uffici delle dogane.

TURCHIA NORMATIVE. I certificati di circolazione ATR sono reperibili presso gli uffici delle dogane. TURCHIA NORMATIVE Documenti di spedizione Oltre la dichiarazione doganale (DAU) usualmente richiesta per tutte le spedizioni (salvo all`interno dell`unione europea), le spedizioni destinate alla Turchia

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.10.2001 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 276/21 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) BANCA CENTRALE EUROPEA INDIRIZZO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA

Dettagli

2. La presente direttiva non si applica alle attività il cui unico fine è la difesa o la sicurezza nazionale.

2. La presente direttiva non si applica alle attività il cui unico fine è la difesa o la sicurezza nazionale. Direttiva 23 luglio 2014, n. 2014/89/Ue (Guue 28 agosto 2014 n. L 257) Capo I Disposizioni generali Articolo 1 - Oggetto 1. La presente direttiva istituisce un quadro per la pianificazione dello spazio

Dettagli

Made in Italy e nuove disposizioni doganali ex Reg. UE 603/2013

Made in Italy e nuove disposizioni doganali ex Reg. UE 603/2013 Made in Italy e nuove disposizioni doganali ex Reg. UE 603/2013 Avv. Elio De Tullio Progetto 2013 Camera di Commercio Italo Orientale Camera di Commercio Italo Lituana Camera di Commercio Italo Bosniaca

Dettagli

Orientamenti e raccomandazioni

Orientamenti e raccomandazioni Orientamenti e raccomandazioni Orientamenti e raccomandazioni sull ambito di applicazione del regolamento CRA 17 giugno 2013 ESMA/2013/720. Data: 17 giugno 2013 ESMA/2013/720 Sommario I. Ambito di applicazione

Dettagli

Nozioni TRASPORTO INTERNAZIONALE

Nozioni TRASPORTO INTERNAZIONALE Nozioni TRASPORTO INTERNAZIONALE Fanno parte dell Unione Europea 25 Stati Austria, Belgio, Cipro, Danimarca,Estonia, Finlandia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia,Lituania, Luxemburgo, Malta,Paesi

Dettagli

modifica delle ordinanze nel settore dei visti in seguito all'entrata in vigore del codice CE dei visti (Sviluppo dell'acquis di Schengen)

modifica delle ordinanze nel settore dei visti in seguito all'entrata in vigore del codice CE dei visti (Sviluppo dell'acquis di Schengen) Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale della migrazione UFM Commento relativo alla modifica delle ordinanze nel settore dei visti in seguito all'entrata in vigore del codice

Dettagli

apertura di un conto registrazione on-line Organisation userid dei due rappresentanti Regolamento CE 1193/2011 conto_trader_new-org.

apertura di un conto registrazione on-line Organisation userid dei due rappresentanti Regolamento CE 1193/2011 conto_trader_new-org. Per richiedere l'apertura di un conto nel Registro finalizzato al commercio delle quote di emissioni, in qualità di persona giuridica, si deve completare la registrazione on-line tramite il sito http://www.greta.sinanet.isprambiente.it/

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 24 dicembre 2014, n. 71299 Informazioni utili all attuazione degli interventi di cui al decreto interministeriale

Dettagli

Le notifiche degli avvocati tramite PEC (L. 53/94) dopo il DL 90/14 e la L. 114/14

Le notifiche degli avvocati tramite PEC (L. 53/94) dopo il DL 90/14 e la L. 114/14 Le notifiche degli avvocati tramite PEC (L. 53/94) Lentini, 24 ottobre 2014 Avv. Maurizio Reale Evoluzione normativa della L. 53/94 1) Legge 148/2011 2) Legge 17.12.2012 n. 221 3) DM 48/2013 Introduce

Dettagli

MODULO DI CANDIDATURA. Il modulo di candidatura comprende i seguenti documenti (contrassegnare con una crocetta la risposta appropriata):

MODULO DI CANDIDATURA. Il modulo di candidatura comprende i seguenti documenti (contrassegnare con una crocetta la risposta appropriata): Gentile Signora/Egregio Signore, MODULO DI CANDIDATURA Voglia trovare in allegato alla presente la candidatura di [nome del prestatore di servizi] in risposta all'invito a manifestare interesse da parte

Dettagli

(OITE-CUE) del... Requisiti formali per i certificati sanitari I requisiti formali per i certificati sanitari sono elencati nellʼallegato 2.

(OITE-CUE) del... Requisiti formali per i certificati sanitari I requisiti formali per i certificati sanitari sono elencati nellʼallegato 2. Ordinanza del DFI sul controllo dellʼimportazione, del transito e dellʼesportazione di animali e prodotti animali nel traffico con Stati membri dellʼue, Islanda e Norvegia (OITE-CUE) del... Il Dipartimento

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI DIRETTIVA 2006/42/CE RELATIVA ALLE MACCHINE Allegato X Garanzia Qualità Totale

PRESCRIZIONI PARTICOLARI DIRETTIVA 2006/42/CE RELATIVA ALLE MACCHINE Allegato X Garanzia Qualità Totale Titolo PRESCRIZIONI PARTICOLARI DIRETTIVA 2006/42/CE RELATIVA ALLE MACCHINE Allegato X Garanzia Qualità Totale Riferimento Data entrata in vigore Approvato da PR PART ON/MACC/X Rev. 0 del 01/06/2016 IMQ

Dettagli

PROCEDURA PER LA REGISTRAZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N.761/2001 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DEL 19 MARZO 2001

PROCEDURA PER LA REGISTRAZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N.761/2001 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DEL 19 MARZO 2001 COMITATO ECOLABEL ED ECOAUDIT SEZIONE EMAS ITALIA PROCEDURA PER LA REGISTRAZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE N.761/2001 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DEL 19 MARZO 2001 Rev.

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE

DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE D.D. 96\Segr D.G.\2014 DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il D.D. 27\Segr D.G.\2014 del 12/11/2014, allegato al presente atto,

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 di 5 27/05/2015 18:52 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 19 maggio 2015 Approvazione del modello unico per la realizzazione, la connessione e l'esercizio di piccoli impianti fotovoltaici integrati

Dettagli

Saluti a tutti. Silvio Marelli.

Saluti a tutti. Silvio Marelli. Le seguenti normative che vedrete in allegato regolano la movimentazione di alcune specie animali compresi i cani all'interno della comunità europea, specificando i casi in cui il numero è superiore o

Dettagli

A tal fine allega la copia del certificato di riconoscimento e/o registrazione ai sensi del D.Lgs. 123/99.

A tal fine allega la copia del certificato di riconoscimento e/o registrazione ai sensi del D.Lgs. 123/99. Allegato A1 Al Servizio Veterinario dell Azienda ULSS n.. RACCOMANDATA A/R Oggetto: notifica ai sensi del Regolamento (CE) 183/2005 - art. 18, comma 1. Il sottoscritto nato a il _ _ / _ _ / _ _ _ _ in

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 29 marzo 2010, n. 57 Attuazione della direttiva 2008/73/CE che semplifica le procedure di redazione degli elenchi e di diffusione dell'informazione in campo veterinario e zootecnico.

Dettagli

QUADRO DELLE INFRAZIONI E RELATIVE SANZIONI (Artt.7-13 Titolo II D.Lgs. 9 gennaio 2012, n. 4)

QUADRO DELLE INFRAZIONI E RELATIVE SANZIONI (Artt.7-13 Titolo II D.Lgs. 9 gennaio 2012, n. 4) CONTRAVVENZIONI PENE PRINCIPALI (A CARICO DELL'ARMATORE) PENE ACCESSORIE PUNTI COMMINATI IN LICENZA PER INFRAZIONI GRAVI* SOTTOTAGLIA* a) detenere, sbarcare e trasbordare esemplari di specie ittiche di

Dettagli

MANUALE PER LE MODALITA GESTIONALI DI ATTIVITA APPROVATE IN REGIME DI DE MINIMIS

MANUALE PER LE MODALITA GESTIONALI DI ATTIVITA APPROVATE IN REGIME DI DE MINIMIS MANUALE PER LE MODALITA GESTIONALI DI ATTIVITA APPROVATE IN REGIME DI DE MINIMIS Formazione Professionale Provincia di Bologna Giugno 2003 AZIONI FORMATIVE ASSOGGETTATE ALLA NORMATIVA SUGLI AIUTI DI STATO

Dettagli

Roma, 28 febbraio 2014

Roma, 28 febbraio 2014 Roma, 28 febbraio 2014 Protocollo: 22965/RU ALL AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE protocollo@pec.agid.gov.it Rif.: Allegati : 1 ALL A.I.C.I.G. ASSOCIAZIONE ITALIANA CONSORZI INDICAZIONI GEOGRAFICHE info@aicig.it

Dettagli

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010

DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 dicembre 2010 Modalita' di applicazione della comunicazione della Commissione europea «Quadro temporaneo dell'unione per le misure di aiuto di Stato

Dettagli

EGITTO NORMATIVE. A partire dal 1 gennaio 2007, sono state apportate delle modifiche operative alla compilazione del DAU.

EGITTO NORMATIVE. A partire dal 1 gennaio 2007, sono state apportate delle modifiche operative alla compilazione del DAU. EGITTO NORMATIVE In Egitto sono presenti delle zone franche. Sul piano doganale sono considerate come esterne al paese. Queste zone sono sia pubbliche che private Documenti di spedizione Oltre alla dichiarazione

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO ARTICOLO 29 PER LA PROTEZIONE DEI DATI

GRUPPO DI LAVORO ARTICOLO 29 PER LA PROTEZIONE DEI DATI GRUPPO DI LAVORO ARTICOLO 29 PER LA PROTEZIONE DEI DATI 00065/2010/IT WP 174 Parere 4/2010 sul codice di condotta europeo della FEDMA per l'utilizzazione dei dati personali nel marketing diretto adottato

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee Ufficio per la Cittadinanza europea, il Mercato interno e gli Affari generali Servizio II Mercato interno I REGIME GENERALE DI

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Adozione del Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni on line. IL SEGRETARIO COMUNALE Visto

Dettagli

F.A.Q. P.O.FESR Campania 2007 2013

F.A.Q. P.O.FESR Campania 2007 2013 F.A.Q. Avviso per la selezione di progetti da ammettere al finanziamento del Fondo Regionale per lo sviluppo delle PMI campane - misura Internazionalizzazione P.O.FESR Campania 2007 2013 Obiettivo Operativo

Dettagli