VOLUME 4. SIIG - SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO GLOBALE DESTINATION

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VOLUME 4. SIIG - SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO GLOBALE DESTINATION"

Transcript

1 VOLUME 4. SIIG - SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO GLOBALE DESTINATION

2 AUTORI M. Orso Giacone E. Sossich F. Bratta G. Berrone D. Scerpella M. Broccolato V. Todeschini A. Pagani M. Vischi S. Rizzolli M. Inderst S. Liva A. Delle Monache P. Borelli 4

3 A. Navarretta M. Actis Dato G. Giannino M. Ramassotto L. Lanzarotti M. Boz M. Bontempi M. Dragonieri S. Gallo M. Forgelli D. Sanmartino F. Zinnai L. Coscia L. Bonura E. Bena G. Marchese F. Fiore R. Maja L. Studer F. Borghetti P. Gandini D. Fulgenzi S. Gelmi R. Iuliano P. Seminati M. Derudi G. Pastorelli 5

4 DESTINATION Volume realizzato all interno del progetto strategico DESTINATION finanziato dal Programma Operativo di cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera Coordinamento editoriale: Angela Cassanelli - Regione Piemonte, Direzione Ambiente Francesca Bratta - Regione Piemonte, Direzione Ambiente Milena Orso Giacone - Regione Piemonte, Direzione Ambiente Elisabetta Sossich - Regione Piemonte, Direzione Ambiente Coordinatori e curatori del volume: Paolo Seminati - Politecnico di Milano Antonello Navarretta - CSI Piemonte Mariuccia Actis Dato - CSI Piemonte Andrea Pagani - Regione Lombardia, D.G. Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile

5 Si ringraziano per il fattivo contributo alle fasi di impostazione e attuazione del progetto Valeria Chinaglia e Simonetta Roncari - Regione Lombardia; Daniela Moro, Giampiera Pons, Anna Nemo - Regione Piemonte; Helmut Verginer, Robert Gamper, Alessandro Lunelli - Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige; Cleto Pedrinis - Canton Ticino; Marco Comi, Angelo Rossini, Natalino Valter Re, Valter Fassi, Paolo Rainero, Davide Gili - SATAP S.p.A.; Bruno Chiari, Andrea Braggio e Gerardo Frigo - Autostrada Brescia Verona Vicenza Padova S.p.A.; Augusto Galli e Marco Gruppi - Autostrade Centro Padane S.p.A.; Mario Martino, Federico Lucarelli, Luca dal Passo, Giuseppe Colombo e Stefano Valori - Milano Serravalle - Milano Tangenziale S.p.A.; Carlo Costa e Aldo Piazza - Autostrada del Brennero S.p.A.; Giuseppe Gambero e Chiara Ravarelli - Provincia di Novara; Massimo Salmistraro - Comune di Trecate; Susigan Alessandro e Giannini Gianpiero - SINELEC S.p.A.; Sandro Denicolà - SUPSI, Dipartimento delle Tecnologie Innovative; Ufficio federale delle strade (USTRA) - filiale Bellinzona, Canton Ticino; KRIA s.r.l.; Informatica Valdinievole s.r.l.; Alpigas s.r.l.; Aosta Gas s.r.l.; Carbotrade Gas S.p.A.; Gas Energy s.r.l.; Simone Giannecchini e Mauro Bartolomeoli GEOSOLUTIONS s.a.s.; Mongas s.r.l.; Giovanni Romano - TRR Tecnologia Ricerca Rischi. Foto di copertina e progetto grafico: INSIDEOUT S.r.l., Torino Riferimenti internet: ISBN I diritti di riproduzione, di memorizzazione e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo sono riservati 7

6 DESTINATION Conoscere il trasporto delle merci pericolose come strumento di tutela del territorio Uomo, Strada, Ambiente. Una sola destinazione 8

7 PRESENTAZIONE Presentiamo con piacere la pubblicazione che nasce dalla proficua collaborazione tra la Regione Piemonte, la Regione Lombardia, la Regione Autonoma Valle d Aosta, la Provincia Autonoma di Bolzano ed il Canton Ticino per lo sviluppo del progetto strategico DESTINATION nell ambito del programma di cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia Svizzera Il contributo sinergico di tutti i partner alla realizzazione del progetto ha consentito di approfondire e sviluppare il tema del traffico delle merci pericolose, acquisendo conoscenze e metodologie utili per affrontare i rischi che ne derivano. Il traffico merci riveste un ruolo strategico nell economia delle società avanzate, poiché da esso risultano influenzati, in maniera più o meno rilevante, la localizzazione delle unità produttive, la scelta dei processi di produzione e la distribuzione delle materie prime, semilavorate o finite. Le industrie mostrano un alta propensione ad utilizzare la rete stradale per il trasporto delle merci pericolose, grazie alla sua maggiore flessibilità rispetto alle altre modalità di trasporto ed alla sua capacità di integrare quasi tutte le operazioni di trasporto (marittime, ferroviarie ed aeree) che necessitano del segmento stradale per essere completate. Il trasporto di merci pericolose su gomma implica tuttavia che in caso d incidente possano manifestarsi anche effetti secondari gravi, che possono interessare aree antropizzate, bacini e corsi d acqua, aree protette e comunque zone ambientalmente sensibili. La pianificazione del territorio, la prevenzione del rischio legato al trasporto su strada di merci pericolose e la tempestiva e corretta gestione delle eventuali emergenze da parte degli Enti preposti sono obiettivi fondamentali per la sicurezza del territorio, perseguibili anche agendo attraverso la promozione di iniziative concrete, qual è il progetto DESTINATION. Considerando che i progetti europei sono un importante occasione di sviluppo e di attrazione di risorse finanziarie sul territorio delle nostre Regioni e Province, invitiamo i lettori a trarre spunti dal Progetto per dar vita a nuove sinergie e proposte, al fine di garantire continuità e sviluppare ulteriormente questo ambito di attività. Roberto RAVELLO Assessore all Ambiente, risorse idriche, acque minerali e termali, difesa del suolo, protezione civile, opere post olimpiche - Regione Piemonte Barbara BONINO Assessore ai Trasporti, infrastrutture, mobilità e logistica - Regione Piemonte Arnold SCHULER Assessore ad Agricoltura e foreste, protezione civile e comuni - Provincia Autonoma di Bolzano - Alto Adige Augusto ROLLANDIN Presidente - Regione Autonoma Valle d Aosta Claudia TERZI Assessore Ambiente, energia e sviluppo sostenibile - Regione Lombardia Maurizio DEL TENNO Assessore Infrastrutture e Mobilità - Regione Lombardia Moreno CELIO Direttore della Divisione dell Ambiente - Dipartimento del Territorio - Repubblica e Cantone Ticino 9

8 10 INDICE Sommario 1. INTRODUZIONE Scopo del documento Benefici Caratteristiche complessive del sistema informativo Descrizione del processo di acquisizione dati dei partner Acquisizione Dati Importazione dei dati vettoriali riguardanti i bersagli (umani e non umani) Rasterizzazione dei dati vettoriali acquisiti riguardanti i bersagli (umani e non umani) Elaborazione Gestione scarti Riversamento Descrizione del processo di acquisizione dati in tempo reale Descrizione processo acquisizione dati GATE Descrizione processo acquisizione dati OBU Visualizzazione dei dati e dei risultati delle elaborazioni Autenticazione e profilazione Interfaccia applicativa Area della Mappa Box Livelli/Legenda...28

9 Barra funzionalità base Box elaborazioni SIIG Box Visualizzazione Analitica Funzionalità per la Sicurezza Preventiva Analisi del Rischio Elaborazione standard Elaborazione personalizzata Salvataggio e ricerca elaborazioni Esportazione elaborazioni Visualizzazione elementi vulnerabili Funzionalità per la Sicurezza Passiva Valutazione del danno Funzionalità a supporto della sicurezza attiva Visualizzazione dati in real-time GATE Visualizzazione dati in real-time OBU Architettura del SIIG: Modello di implementazione Vista Tecnologica GeoBatch GeoServer GeoFence

10 3.1.4 GeoWebCache MapStore MapStore Widget httpproxy MapManager GeoStore Vista funzionale MOM Funzionalità di ingestione e pre-processing dei dati Importazione degli archi Pre-calcolo sugli archi originali Pre-calcolo degli archi aggregati Pre-calcolo della maglia raster per la visualizzazione larga scala Pre-calcolo del rischio per situazioni comuni Gestione errori Importazione dei dati vettoriali riguardanti i bersagli Rasterizzazione dati vettoriali dei bersagli Ingestione dati OBU e GATE Funzionalità di Calcolo Interattivo Calcolo del rischio Calcolo interattivo dei buffer

11 Calcolo del rischio per una simulazione Calcolo del danno Aggregazione elementi vulnerabili GeoCoding Funzionalità di visualizzazione e disseminazione Visualizzazione elaborazioni standard Visualizzazione Elaborazioni personalizzate Visualizzazione analitica Tematizzazione elementi vulnerabili Visualizzazione Simulazioni Visualizzazione Calcolo del danno Visualizzazione dati real-time Caching Front-End Autenticazione e Autorizzazion Modello di Sicurezza Deploy

12

13 1. INTRODUZIONE 1.1 Scopo del documento Questo documento fornisce una visione complessiva del SIIG (Sistema Informativo Integrato Globale), descrivendo le caratteristiche architetturali e funzionali del sistema. 1.2 Benefici Le statistiche e gli studi effettuati sui vari aspetti del rischio di incidente in impianti fissi e nel trasporto di sostanze tossiche o pericolose hanno messo in evidenza la notevole incidenza di quest ultima tipologia di incidenti, con effetti talora devastanti sull ambiente e sulla sicurezza dei cittadini. Gli incidenti da trasporto sono caratterizzati da aspetti peculiari che ne rendono più complessa la gestione: il luogo in cui avviene l incidente ed il relativo scenario sono variabili e non prevedibili; i centri di vulnerabilità possono essere molto vicini al luogo dell incidente; i servizi specializzati di pronto intervento possono non essere disponibili sul posto; l analisi del rischio e la elaborazione di strategie e tecniche di prevenzione e mitigazione sono meno avanzate di quelle relative agli impianti fissi. In presenza di una lacuna normativa sia a livello italiano che europeo sul TMP, che non prevede l obbligatorietà di sistemi di controllo e monitoraggio dei mezzi in continuo, risulta necessaria un azione volta sia a diminuire il numero di incidenti attuando interventi di prevenzione e controllo, sia a ridurre le conseguenze degli stessi tramite una loro efficace gestione. ll progetto DESTINATION - Conoscere il trasporto delle merci pericolose come strumento di tutela del territorio nasce con l obiettivo di monitorare sia le sostanze in transito nel territorio a cavallo tra l Italia e la Svizzera (attraverso punti fissi) sia le merci con origine e/o destinazione nel territorio oggetto del progetto (attraverso l installazione di dispositivi sui mezzi con la collaborazione degli operatori di settore e delle aziende soggette alla direttiva Seveso) e rispondere alla necessità delle Amministrazioni di condividere i dati ambientali, territoriali e tecnici sul TMP, che per loro natura hanno carattere interregionale e transfrontaliera. E rivolto a tipologie di utenti eterogenei: regionali, provinciali, comunali, gestori delle autostrade, operatori di trasporto, cittadini. Per ogni tipologia di utente e per ogni scopo di utilizzo il sistema dovrà essere in grado di fornire gli strumenti necessari all attività di informazione, monitoraggio e previsione necessari alla tipologia degli utenti che ne usufruiranno. Ogni tipologia di utente sarà caratterizzata da una specifica profilazione che definirà le possibili funzionalità cui potrà accedere. A tale scopo, il progetto DESTINATION si propone di: creare una rete condivisa tra le Amministrazioni di acquisizione e analisi dei dati sul TMP, con particolare riferimento ai territori di confine e alle vulnerabilità ambientali, per consentire la distribuzione immediata delle informazioni da e per le infrastrutture stradali relative a incidenti (spargimenti, incendi, danni a persone e cose, ecc), lavori in corso, ecc., agli 15

14 2. enti preposti all intervento nelle situazioni di emergenza ed agevolare la mitigazione delle conseguenze dovute agli incidenti; accrescere le conoscenze e la sensibilità sul pericolo intrinseco e relativo rischio connesso al TMP attraverso la definizione di politiche pubbliche, ma anche attraverso la formazione e il coinvolgimento diretto dei soggetti privati che operano sui territori del progetto, quali attività produttive e logistiche, associazioni e trasportatori; supportare la pianificazione e prevenzione di rango regionale finalizzati da un lato alla stesura di protocolli comuni per la gestione delle emergenze coinvolgenti merci pericolose, e dall altro a migliorare la gestione delle infrastrutture e servizi sul territorio e rendere più efficace l allocazione delle risorse connesse al TMP Caratteristiche complessive del sistema informativo I requisiti principali del SIIG sono: restituire informazioni geografiche su mappa (sovrapposizione di layers di dati elementari ed elaborati) in base ad opzioni definite dall utente; caricare altre mappe georiferite; restituire report in base a filtri di ricerca; deve essere accessibile anche al cittadino e ad altri utenti specialistici, con filtri opportuni in base alla definizione di specifiche profilazioni. Eventuali informazioni aggiuntive non presenti all interno del SIIG ma di possibile interesse per il sistema Destination devono essere: raccolte presso ciascun partner all interno di cataloghi metadocumentati, in modo che la loro fruizione all interno del SIIG non richieda processi di duplicazione; strutturate in modo coerente rispetto alle specifiche definite dalle Implementing rules della Direttiva INSPIRE, che sono ora disponibili non solo per i temi di base (quelli riconducibili 16

15 all Allegato I della Direttiva) ma anche ai temi specifici inclusi negli Allegati II e III. Esistono poi alcuni requisiti impliciti di carattere generale per la realizzazione del SIIG: disporre, come previsto dalla Direttiva INSPIRE, di discovery service per supportare la ricerca delle risorse informative e la consultazione dei relativi metadati nei cataloghi dei diversi partner a partire da altri sistemi informativi (il SIIG nel nostro caso), in ottica di garantire l interoperabilità tra sistemi; rendere accessibili le risorse informative attraverso web-services che utilizzino i protocolli standard INSPIRE (WMS o WFS); veicolare le informazioni, almeno per i partner italiani, attraverso l architettura tecnologica del Sistema Pubblico di Connettività, ai sensi del D.lgs (Codice Amministrativo). A livello macro è possibile individuare le seguenti componenti principali dell applicativo: 1) Acquisizione dei dati dai partner. 2) Acquisizione dei dati in tempo reale da GATE e OBU 3) Visualizzatore dei dati e dei risultati delle elaborazioni I sistemi adiacenti sono: S.I. partner: Sistema Informativo del partner (S.I.) Gate Manager: Il gestore delle informazioni dei GATE e OBU. (Gate). Figura 2.1 Figura

16 Descrizione del processo di acquisizione dati dei partner Questo processo, oltre a permettere il popolamento e l aggiornamento della base dati del SIIG, ha lo scopo di acquisire, preprocessare ed armonizzare le informazioni derivanti dai vari partner. Il processo di acquisizione dati nel SIIG si compone sostanzialmente di tre fasi : 1) acquisizione dati da file_system_int e loro importazione su Staging 2) elaborazione dei dati presenti su Staging 3) riversamento su DB SIIG di produzione dei dati elaborati Tutte le operazioni sopra riportate vengono effettuate mediante processi batch opportunamente schedulati in ore notturne e in giorni separati al fine di evitare o ridurre al minimo il carico di lavoro sui sistemi e eventualmente anche i disservizi relativi all uso on-line del sistema Acquisizione Dati Il SIIG integra dati provenienti dai diversi partner al fine di offrire una vista integrata del rischio da trasporto di merci pericolose. I dati acquisiti vengono, in prima istanza, memorizzati come shape file su un file system pubblico (file_system_ext) accessibile dai diversi partner in lettura/scrittura e successivamente verificati da un opportuno processo di validazione. Quando un partner importa uno shape file sul file_system_ext invia manualmente una mail informando della necessità di procedere con le operazioni di acquisizione/validazione. Il processo di validazione riguarda la conformità dei dati contenuti negli shape file depositati dai partner sul file_system_ext e rientra tra le funzionalità di uno strumento denominato GeoUML. Quest ultimo è uno strumento in grado di operare il controllo di conformità intrinseca di un generico Data Product (chiamato nel seguito dataset) relativamente ad una specifica di contenuto SC gestita dal GeoUML catalogue. Come mostrato in Figura , la Specifica Concettuale, le DPS e i relativi mapping generati dal GeoUMLcatalogue sono esportati nel file di Specifica.scs e sono importati dal Validator che li carica in un proprio d a t a b a s e interno. Il Validator poi Figura Funzionalità strumento GeoUML

17 carica un dataset da validare, strutturato secondo le regole (incluso il modello implementativo) definito da una delle DPS e ne verifica la congruenza alla specifica, generando come risultato una serie di informazioni diagnostiche. L operazione di validazione espone un esito positivo o negativo; in caso di esito negativo viene inviata manualmente idonea mail al/i partner per informarlo/i degli errore/i rilevato/i invitandolo/i ad effettuare le opportune correzioni e a re-inviare il file. I file che restituiscono esito positivo dal processo di validazione vengono quindi manualmente rinominati e copiati su file_ system_int. Un batch opportunamente schedulato importerà i dati in un area di staging su DB. La scelta di adottare un data base come area di Staging è motivata dal fatto di garantire adeguata velocità di accesso, sicurezza e affidabilità dei dati. L importazione dei dati e le elaborazioni del caso devono essere effettuate su quest area per evitare interruzioni all operatività del sistema e schedulate. Le informazioni presenti in Staging vengono sovrascritte in produzione con un unica transazione. L importazione dei dati nell area di Staging avviene mediante due metodiche: Completa: vengono importati/sovrascritti tutti i dati di uno o più partner. Per integrazione: vengono importati solo un set di dati relativo a uno o più partner. I nuovi dati potrebbero infatti comportare: ¾L inserimento di nuove strade, non presenti in precedenza. ¾Il reinoltro dei record di dati scartati. I dati provenienti da ciascun partner devono perciò essere identificati univocamente con un indicazione di provenienza in modo da permettere la sovrascrittura/integrazione dei medesimi. La sintassi per la nomenclatura dei file viene esplicitata su apposita documentazione di dettaglio. Poiché le operazioni sopra descritte potrebbero richiedere tempi lunghi (nel caso di trasferimento completo) o essere soggette a problemi tecnici dovuti all infrastruttura si prevede di effettuare i riversamenti secondo 19

18 20 pianificazione che tenga conto dei problemi sopra riportati. Dopo che tutti i file presenti sul file_system_ ext sono stati validati e importati sul file_ system_int, si provvede manualmente alla loro cancellazione dal file_system_ext Importazione dei dati vettoriali riguardanti i bersagli (umani e non umani) L importazione dei dati vettoriali riguardanti i bersagli non richiede il ri-calcolo di alcuna informazione, essendo i dati vettoriali usati solo per la visualizzazione in mappa e il supporto alle simulazioni. Pertanto l azione di importazione vettoriale riguarda solo l eliminazione di tutti i precedenti bersagli dello stesso tipo provenienti dal partner sostituendoli con quelli nuovi Rasterizzazione dei dati vettoriali acquisiti riguardanti i bersagli (umani e non umani) A seguito dell acquisizione dei dati vettoriali relativi ai bersagli (umani e non umani) il processo prevede la generazione della copertura raster con cella avente lato = 10 metri, passo e punto di origine idonei alla loro mosaicatura e sistema di riferimento UTM WGS84-F32. Ad ogni cella viene attribuito il valore di: Abitanti Equivalenti per i bersagli umani occupazione superficiale (espressa in m 2 ) per i bersagli non umani La struttura di destinazione prevede l uso di un mosaico di GeoTiff, con i dati di ciascuna regione spezzati in alcune tiles, ciascuna dotata di un attributo che la identifica con la regione di provenienza e un footprint, ovvero una geometria che ne rappresenta la porzione della tile con dati effettivamente provenienti dalla regione indicata (la restante parte sarà Figura Esempio di struttura file GeoTiff

19 vuota, quindi a valore costante). Ogni file GeoTiff viene strutturato con tile interne in modo da poter leggere solo la porzione interessata quando si effettuano i calcoli sugli archi (nel peggiore dei casi, 4 inner tiles) come visualizzato nella Figura Questa struttura presenta diversi vantaggi: È possibile effettuare gli aggiornamenti dati in maniera indipendente, basta individuare le tiles associate a una certa regione, rimuoverle, e sostituirle con la nuova versione Il numero di files complessivo è comunque contenuto L accesso a una piccola porzione di dati è particolarmente ottimizzato visto il doppio livello di suddivisione delle celle, per file e per tile interne L indice del mosaico è di fatto una tabella geo-spaziale di tipo vettoriale, in quanto tale è ospitata dentro la base dati mentre i file GeoTiff sono salvati sul file_system_int al fine di ottenere le migliori prestazioni Elaborazione Il sistema effettua un insieme di operazioni di pre-processing necessarie per integrare i dati con nuove informazioni necessarie al calcolo del rischio in tempi brevi. Tali attività possono richiedere il calcolo su grossi volumi di dati e sono pertanto svolte off-line. Per evitare interruzioni all operatività del sistema l importazione e le elaborazioni del caso sono effettuate in un area di staging, per poi sovrascrivere i dati usati in produzione in una unica transazione. Tutte le attività di importazione e pre-processing sono svolte ed opportunamente orchestrate fra loro in modo da mantenere la consistenza dei dati dal lato del sistema interattivo. Il calcolo del rischio, come descritto nel volume 2, prevede un insieme molto ampio di varianti: Uso della formula completa, o una delle sei formule parziali. Scelta dello scenario, singolo o multiplo. Scelta dei fattori di aggravio. Simulazione diurna feriale/festiva piuttosto che notturna. Eventuale scelta dei bersagli interessati al calcolo. La combinazione di tutti i fattori di cui sopra, a piena disposizione dell utente, porta ad una esplosione di combinazioni delle possibili configurazioni di calcolo, rendendo impraticabile un pre-calcolo completo di tutti i possibili valori di rischio. Le formule possono però essere applicate in tempo reale mediante semplice esecuzione algebrica a patto di poter pre-calcolare tutti i dati che dipendono da una analisi spaziale, in particolare il numero di bersagli legati a ciascun elemento associato al rischio per ogni scenario (e quindi, per ogni possibile distanza di buffer) Gestione scarti Viene introdotto un meccanismo di soglia massima di scarto per determinare il punto di arresto delle operazioni di acquisizione con ripristino della condizione iniziale. La logica è la seguente: 21

20 Figura Flusso di acquisizione Nrec = numero massimo di record acquisiti sul singolo file in esame Nrec_scart = numero massimo di record scartati S = % di scarto calcolata Smax = % massima di scarto Si assume come valore di Smax = 10 Il valore di S è dato da: S= (Nrec_scart / Nrec)*x100 La logica sopra descritta si applica solo nel caso di un importazione completa del singolo file di dati e non si applica nel caso di operazioni di integrazione Riversamento Le informazioni fornite dai partner e successivamente elaborate presenti in Staging sono poi sovrascritte in produzione con un unica transazione. 2.2 Descrizione del processo di acquisizione dati in tempo reale Questo processo, oltre a permettere il popolamento e l aggiornamento della base dati del SIIG, ha lo scopo di ingerire, preprocessare ed armonizzare le informazioni che arrivano in real-time dalle OBU e dai GATE (ossia i dati di movimento delle merci) in modo da renderle disponibili sia agli utenti del sistema sia da renderle utilizzabili per ulteriori analisi all interno del sistema stesso Descrizione processo acquisizione dati GATE Le informazioni relative al transito di TMP acquisite dai GATE dislocati sul territorio vengono depositate, secondo uno schema ed una periodicità definita, su un File System esterno ma protetto da un sistema di Authentication. Il SIIG accede poi al medesimo File System per prelevare le informazioni ed aggiornare la propria base dati, come descritto in Figura In questa prima fase, la periodicità di aggiornamento del dato è impostata a cadenza oraria e le informazioni vengono salvate su un file XML; quindi ad ogni ora sull area condivisa ci sarà un nuovo file XML per ogni Gate presente sul territorio. 22

21 Figura Flusso delle informazioni da parte del SIIG Le informazioni trasmesse all interno del file XML sono le seguenti: 1. Identificativo univoco del GATE. 2. Identificativo univoco dell informazione trasmessa (id del record). 3. Data e ora di rilevamento dell informazione. 4. Corsia di rilevamento. 5. Direzione del veicolo rilevato. 6. Codice KEMLER del veicolo. 7. Codice ONU del veicolo Descrizione processo acquisizione dati OBU Le informazioni relative agli spostamenti delle OBU presenti sul territorio vengono acquisite da un Server di Telecontrollo. Tale Server si occupa di: 1) acquisire, attraverso Web Service, le singole informazioni provenienti direttamente dalle OBU 2) acquisire informazioni da altri accentratori di informazioni dislocati sul territorio. Il SIIG può quindi utilizzare i dati raccolti e visualizzarli. Figura Flusso delle informazioni da parte del SIIG 23

22 Figura Autenticazione e profilazione del SIIG 24 Tabella Profili utenti SIIG 2.3 Visualizzazione dei dati e dei risultati delle elaborazioni Autenticazione e profilazione E possibile accedere al SIIG utilizzando l apposito link ed indicando username e password (Figura ) L applicativo prevede una profilazione utentefunzionalità che attribuisce privilegi diversi alle differenti tipologie di utenza. Nella Tabella sono schematizzati ruoli e funzionalità associate: Ruoli SuperUser MajorUser BaseUser Funzionalità Elaborazioni standard Elaborazioni personalizzate Simulazioni Valutazione del danno Elaborazioni standard Elaborazioni personalizzate Elaborazioni standard Interfaccia applicativa Nell interfaccia applicativa si distinguono le aree seguenti: Area della mappa. Barra delle funzionalità base. Box Legenda e Livelli. Box Elaborazioni SIIG. Box Visualizzazione analitica. Box Legenda/Livelli, Box Elaborazioni, Box visualizzazione analitica e Banner possono essere ridimensionati dall utente utilizzando le freccette poste intorno agli oggetti; in particolare tutte queste aree possono essere chiuse utilizzando le apposite freccette, aumentando così l area di mappa e di visualizzazione dell informazione geografica. L utente può scegliere la lingua dell intera interfaccia utilizzando il menù in basso a destra. Ad oggi sono disponibili quattro lingue: italiano, francese, inglese e tedesco Area della Mappa La mappa permette la visualizzazione cartografica dei dati. Al caricamento in mappa sono già presenti i seguenti livelli (layers): Rischio Totale Ambientale, ricavato dal calcolo del rischio impostando tutte le combinazioni possibili di sostanze, tipo incidenti, ecc. Rischio Totale Sociale, ricavato dal calcolo

23 Figura Interfaccia applicativa. 25

24 26 del rischio impostando tutte le combinazioni possibili di sostanze, tipo incidenti, ecc. Rischio Totale Sociale-Ambientale, con una vista semplificata di tutte le possibili combinazioni che si ricavano dall unione dei due precedenti livelli Grafo stradale Tutti i bersagli presi in considerazione dal SIIG Dati di base: che permettono la visualizzazione dei WMS realizzati nell ambito del progetto PTA Sfondo: è possibile selezionare lo sfondo desiderato. Tra le alternative c è Google Hybrid, OpenStreetMap, Nessuno sfondo, Bing, ecc Nell area di mappa è presente lo Slider di zoom, la barra graduata che permette di modificare il livello di ingrandimento della mappa muovendo l indicatore. Sono inoltre disponibili le frecce per spostarsi sulla mappa (pan). In basso a sinistra è invece presente uno Scalimetro e da un menù a tendina si può scegliere una scala di zoom tra quelle predefinite Box Livelli/Legenda Nella parte sinistra dell area di Mappa, definita di seguito come TOC (tavola dei contenuti), sono presenti due box: Box Livelli. Box Legenda. Nei Box Livelli sono presenti i dati caricati e visualizzati; i livelli possono essere attivati e disattivati alla visualizzazione utilizzando il flag sulla sinistra del singolo layer. Nel Box Legenda viene fornita la legenda di tutti i dati attivi, e quindi visualizzabili, nella mappa. Ogni legenda riporta la rappresentazione grafica/tematizzazione degli oggetti geografici dei dati dei livelli caricati. Nella toolbar Gestione Livelli presente in testa al box livelli, sono disponibili le seguenti funzioni: Aggiungi livelli Cliccando si apre il menù Livelli disponibili dal quale è possibile caricare qualsiasi geoservizio WMS di cui si conosce la URL. Figura Livelli disponibili Rimuovi livello Cliccando è possibile eliminare dal Box Livelli i dati che sono stati selezionati cliccandovi sopra. Proprietà livello Permette di modificare le proprietà dei livelli (Figura ). Cliccando si apre una finestra con i seguenti tab: Informazioni: è possibile accedere alle informazioni del livello selezionato Display: è possibile settare l opacità e la trasparenza del livello. Il cursore orizzontale permette di modificare l opacità Cache: permette di settare la possibilità di utilizzo dell informazione in cache Stile: è possibile modificare lo stile a partire dagli stili eventualmente - caricati nel WMS

DESTINATION. VOLUME 4. SIIG - SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO GLOBALE (sintesi)

DESTINATION. VOLUME 4. SIIG - SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO GLOBALE (sintesi) DESTINATION VOLUME 4. SIIG - SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO GLOBALE (sintesi) AUTORI M. Orso Giacone E. Sossich F. Bratta G. Berrone D. Scerpella M. Broccolato V. Todeschini A. Pagani M. Vischi S. Rizzolli

Dettagli

Applicazioni al servizio dell utenza: il SIIG

Applicazioni al servizio dell utenza: il SIIG Convegno di apertura PTA-DESTINATION: Percorsi Transfrontalieri Condivisi Applicazioni al servizio dell utenza: il SIIG Giusi Manuela Giannino Antonello Navarretta 1 Il SIIG nel quadro delle azioni del

Dettagli

MArine Coastal Information SysTEm

MArine Coastal Information SysTEm GUIDA ALL UTILIZZO DELL INTERFACCIA CARTOGRAFICA Il MArine Coastal Information SysTEm è un sistema informativo integrato che permette di gestire dati ambientali interdisciplinari (fisici, chimici e biologici)

Dettagli

RELAZIONE DI PROGETTO

RELAZIONE DI PROGETTO RELAZIONE DI PROGETTO ELENCO MODULI ID modulo Nome modulo DATA AVVIO DATA CONCLUSIONE FINANZIAMENTO 47169496 1RP-AMB Capitalizzazione rete di monitoraggio 47170695 2RP-AMB Capitalizzazione strumento SIIG

Dettagli

WEBGIS 1.0. Guida per l utente

WEBGIS 1.0. Guida per l utente WEBGIS 1.0 Guida per l utente SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...3 2 FUNZIONALITA...4 2.1 Strumenti WebGIS... 4 2.1.1 Mappa... 5 2.1.2 Inquadramento mappa... 6 2.1.3 Toolbar... 7 2.1.4 Scala... 9 2.1.5 Legenda...

Dettagli

Tutorial gvsig. Versione 1.1

Tutorial gvsig. Versione 1.1 Tutorial gvsig Versione 1.1 24/10/2007 Tutorial gvsig - Versione 1.1 www.gvsig.org Testo e screenshot a cura di R3 GIS Srl Via Johann Kravogl 2 39012 Merano (BZ) Italia Tel. +39 0473 494949 Fax +39 0473

Dettagli

Esplora gli argomenti della guida. Requisiti di sistema. Menu laterale - Area Temi. Temi. Legenda. Requisiti di sistema

Esplora gli argomenti della guida. Requisiti di sistema. Menu laterale - Area Temi. Temi. Legenda. Requisiti di sistema Esplora gli argomenti della guida Requisiti di sistema Menu laterale Menu Strumenti principali Menu altri Strumenti Temi Legenda Aggiungere / rimuovere temi Temi per editing Temi per snap Esporta/Carica

Dettagli

Geoportale web gis. Provincia Regionale di Enna

Geoportale web gis. Provincia Regionale di Enna Geoportale web gis Provincia Regionale di Enna Guida alla consultazione del geoportale della Provincia Regionale di Enna Introduzione Cos è il Geoportale: Il Geoportale della Provincia di Enna ha la finalità

Dettagli

ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE. Servizio INT Sistema Informativo Geografico

ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE. Servizio INT Sistema Informativo Geografico ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE Servizio INT Sistema Informativo Geografico INDICE Utilizzare il bt.viewer Navigare nella mappa Confrontare foto aeree Tematismi Tematismi: applicare la

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Sistema WEB-GIS

Dettagli

Sistemi di monitoraggio e localizzazione

Sistemi di monitoraggio e localizzazione PTA-DESTINATION Workshop Il rischio da trasporto di merci pericolose su strada Strumenti per conoscerlo e gestirlo Torino, 23 novembre 2015 Sistemi di monitoraggio e localizzazione Cruscotto di reportistica

Dettagli

Progetto DESTINATION

Progetto DESTINATION CONFERENZA FINALE Progetto DESTINATION TORINO 5 FEBBRAIO 2014 UNA RETE PER IL MONITORAGGIO DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE SU STRADA Fabio Borghetti Politecnico di Milano Luca Bonura 5T S.r.l. I collaboratori

Dettagli

GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services. Manuale d'uso

GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services. Manuale d'uso GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services Manuale d'uso Indice generale Visualizzatore GREASE...1 Toolbar...3 FUNZIONI DI BASE...3 Annulla selezione...4 Aggiornamento...4 Stampa...4

Dettagli

Manuale Utente Ver. Pro WebGIS Informcity Bim Piave

Manuale Utente Ver. Pro WebGIS Informcity Bim Piave Manuale Utente Ver. Pro WebGIS Informcity Bim Piave 1 ACCESSIBILITA AL SISTEMA 3 2 VISUALIZZAZIONE ED ATTIVAZIONE DEI LIVELLI CARTOGRAFICI 4 2.1 Visualizzazione del singolo livello cartografico 4 2.2 Accensione/spegnimento

Dettagli

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Esercitazioni Forestello Luca - Niccoli Tommaso - Sistema Informativo Ambientale AT01 http://webgis.arpa.piemonte.it

Dettagli

O SINGOLI ELEMENTI INTERESSATI DAL BANDO PSR BIODIVERSITÀ

O SINGOLI ELEMENTI INTERESSATI DAL BANDO PSR BIODIVERSITÀ MODALITÀ DI UTILIZZO DELL APPLICAZIONE DI LOCALIZZAZIONE DELLE AREE O SINGOLI ELEMENTI INTERESSATI DAL BANDO PSR BIODIVERSITÀ SOMMARIO Modalità di utilizzo dell applicazione di localizzazione delle aree

Dettagli

Introduzione. L applicazione è realizzata sulla piattaforma ArcGIS Server di Esri.

Introduzione. L applicazione è realizzata sulla piattaforma ArcGIS Server di Esri. Introduzione Il modulo software Metropolis Urbanistica è un applicazione Web su base cartografica che consente la fruizione dei dati inerenti la proprietà (cartografia catastale) e la normativa relativa

Dettagli

ANVCO WEB GIS in HTML5

ANVCO WEB GIS in HTML5 Pag. 1 a 32 ANVCO WEB GIS in HTML5 GUIDA ALL UTILIZZO Versione Luglio 2014 Pag. 2 a 32 SOMMARIO Avviamento del visore... 4 Link... 4 Desktop, Tablet e Smartphone... 4 Modalità Light per Tablet... 4 Accesso...

Dettagli

GUIDA ALL USO DEL VISUALIZZATORE CARTOGRAFICO

GUIDA ALL USO DEL VISUALIZZATORE CARTOGRAFICO Ministero dell Ambiente e della tutela del territorio e del mare GUIDA ALL USO DEL VISUALIZZATORE CARTOGRAFICO Stato del documento Redatto Approvato Funzione Team di progetto Geoportale nazionale Responsabile

Dettagli

Guida rapida all utilizzo di test.geosdi.org. (privilegi - user)

Guida rapida all utilizzo di test.geosdi.org. (privilegi - user) Guida rapida all utilizzo di test.geosdi.org (privilegi - user) INDICE Accesso al sistema Selezione Mappa di Base Attivazione Layers (Layer Tree Panel) Gestione Trasparenza Layer Visualizzazione Info Alfanumeriche

Dettagli

Condivisione dati territoriali e TMP

Condivisione dati territoriali e TMP Uno strumento di supporto alle decisioni. Il SIIG - Sistema Informativo Integrato Globale Condivisione dati territoriali e TMP Giuseppe Pastorelli Politecnico di Milano Condivisione di dati territoriali

Dettagli

WebGis Comune di Novara

WebGis Comune di Novara 1 / 12 Progetto GeoCivit@s 2 / 12 Premesse Con il presente documento si descrive sinteticamente la nuova applicazione personalizzata per la pubblicazione dei dati geografici. Tale documento contiene una

Dettagli

SITI Viewer GIS. Progetto SITI Catasto. Manuale Utente. SITI Viewer GIS. ABACO S.r.l.

SITI Viewer GIS. Progetto SITI Catasto. Manuale Utente. SITI Viewer GIS. ABACO S.r.l. Progetto SITI Catasto Manuale Utente SITI Viewer GIS ABACO S.r.l. ABACO S.r.l. C.so Umberto, 43 46100 Mantova (Italy) Tel +39 376 222181 Fax +39 376 222182 www.abacogroup.com e-mail : info@abacogroup.com

Dettagli

Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente

Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli Guida utente 1. Introduzione Il Portale cartografico del Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli (SGSS) rappresenta l evoluzione dell ambiente

Dettagli

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource I servizi OGC Forestello Luca - Niccoli Tommaso - Sistema Informativo Ambientale AT01 http://webgis.arpa.piemonte.it

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

HOME. Servizio Download Dati Geografici. Interfaccia utente

HOME. Servizio Download Dati Geografici. Interfaccia utente HOME Servizio Download Dati Geografici Il servizio download offre all'utente la possibilità di scaricare il dato sia in formato raster sia in formato vettoriale. Per ogni livello informativo che si desidera

Dettagli

GEOPORTALE Arpa Piemonte Sistema Informativo Ambientale Geografico

GEOPORTALE Arpa Piemonte Sistema Informativo Ambientale Geografico GEOPORTALE Arpa Piemonte Sistema Informativo Ambientale Geografico Guida all'accesso ai Map Service WMS e WMTS con Q-GIS (v. 2.0) Versione 01 novembre 2013 Redazione Arpa Piemonte - Sistema Informativo

Dettagli

GNPS GIS (Servizio GIS di segnalazione danni ad infrastrutture irrigue e di bonifica) HELP

GNPS GIS (Servizio GIS di segnalazione danni ad infrastrutture irrigue e di bonifica) HELP GNPS GIS (Servizio GIS di segnalazione danni ad infrastrutture irrigue e di bonifica) HELP Introduzione... 3 Profilazione delle utenze... 3 Inserimento di una segnalazione... 4 Utilizzo delle maschere...

Dettagli

PTA DESTINATION incontro di lavoro 11/12/2014 Lugano

PTA DESTINATION incontro di lavoro 11/12/2014 Lugano PTA DESTINATION incontro di lavoro 11/12/2014 Lugano Raffaele Rampazzo (Regione Lombardia) Fabio Borghe2 (Politecnico di Milano) Moduli 1: Elaborazioni SIIG e analisi da> rete di monitoraggio 2: Formazione

Dettagli

MANUALE D USO DEL SOFTWARE APPLICATIVO ADB-TOOLBOX (VERSIONE 1.7 E SUPERIORI) UTILIZZO DEI SERVIZI WMS-WFS-WCS E DEL CATALOGO CSW

MANUALE D USO DEL SOFTWARE APPLICATIVO ADB-TOOLBOX (VERSIONE 1.7 E SUPERIORI) UTILIZZO DEI SERVIZI WMS-WFS-WCS E DEL CATALOGO CSW Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE D USO DEL SOFTWARE APPLICATIVO ADB-TOOLBOX (VERSIONE 1.7 E UTILIZZO DEI SERVIZI WMS-WFS-WCS E DEL CATALOGO CSW Titolo Autore Oggetto

Dettagli

Workshop PTA azione 5 WebGis Soluzione WebGis Regione Lombardia

Workshop PTA azione 5 WebGis Soluzione WebGis Regione Lombardia Workshop PTA azione 5 WebGis Soluzione WebGis Regione Lombardia Paolo Milani, Lombardia Informatica S.p.A. Stefano Gelmi, Lombardia Informatica S.p.A. La Salle (AO), 8 maggio 2012 Sommario Dati (rif. Gelmi)

Dettagli

Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente

Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente Progetto DB Topografico Versione 1.5 Data 29/05/2014 Sistema Gestione - manuale utente_1_5.doc 1 / 40 Indice generale 1. DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO... 3 1.1 OBIETTIVI

Dettagli

SITI Viewer GIS. Progetto SITI Catasto 1.4. Manuale Utente. ABACO S.r.l.

SITI Viewer GIS. Progetto SITI Catasto 1.4. Manuale Utente. ABACO S.r.l. Progetto SITI Catasto 1.4 Manuale Utente SITI Viewer GIS ABACO S.r.l. ABACO S.r.l. C.so Umberto, 43 46100 Mantova (Italy) Tel +39 376 222181 Fax +39 376 222182 www.abacogroup.com e-mail : info@abacogroup.com

Dettagli

Manuale Utente per le aziende

Manuale Utente per le aziende Pilotaggio dell'irrigazione a Scala Aziendale e Consortile Assistito da Satellite-IRRISAT PSR Campania 2007/2013 MISURA 124 Manuale Utente per le aziende www.irrisat.it progetto realizzato con il co-finanziamento

Dettagli

Sistemi di monitoraggio Sistemi di monitoraggio

Sistemi di monitoraggio Sistemi di monitoraggio PTA DESTINATION PERCORSI TRANSFRONTALIERI CONDIVISI Convegno di chiusura Milano, 26 ottobre 2015 Sistemi di monitoraggio Sistemi di monitoraggio Matteo Vischi 1 FESR Conoscere i TMP identificare eventuali

Dettagli

GEOPORTALE Arpa Piemonte

GEOPORTALE Arpa Piemonte GEOPORTALE Arpa Piemonte Sistema Informativo Ambientale Geografico GeoViewer 2D Manuale d uso Versione 01 gennaio 2012 Redazione Arpa Piemonte - Sistema Informativo Ambientale Geografico Stato delle Variazioni

Dettagli

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.

Foglio elettronico. Foglio elettronico EXCEL. Utilizzo. Contenuto della cella. Vantaggi EXCEL. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio. Foglio elettronico Foglio elettronico EXCEL Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Il foglio elettronico è un programma interattivo, che mette a disposizione dell utente una matrice di righe

Dettagli

Manuale Utente. WebGis Comune di Regalbuto

Manuale Utente. WebGis Comune di Regalbuto Manuale Utente WebGis Comune di Regalbuto MANUALE UTENTE All avvio dell applicazione si apre una finestra suddivisa in diverse aree. Di seguito si riporta la schermata iniziale con evidenziate e numerate

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS

MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS Compilato: Andrea De Felici Rivisto: Approvato: Versione: 1.0 Distribuito: 01/08/2013 1 INDICE 1. INTRODUZIONE..3 2. PRIMI PASSI.....4

Dettagli

1 Contesto...3 2 La soluzione...4

1 Contesto...3 2 La soluzione...4 Indice 1 Contesto...3 2 La soluzione...4 2.1 CARATTERISTICHE FUNZIONALI... 5 2.2 PANNELLO DI AMMINISTRAZIONE... 9 2.3 TECNOLOGIA...11 2.4 ARCHITETTURA APPLICATIVA...12 businessup 2 di 12 1 Contesto Sempre

Dettagli

Navigatore Web e Certificato di destinazione urbanistica

Navigatore Web e Certificato di destinazione urbanistica Navigatore Web e Certificato di destinazione urbanistica Manuale utente Sommario Sommario... 2 Sommario... 4 Accesso... 6 Autenticazione... 7 Consultazione dei dati cartografici... 13 Barra degli strumenti...

Dettagli

SardegnaFotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE

SardegnaFotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE SardegnaFotoAeree La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA [2] Indice 1. Introduzione 2. Navigatore 5 7 8 9 2.1. Strumenti di navigazione 2.2. Ricerca

Dettagli

SardegnaMappe Manuale utente

SardegnaMappe Manuale utente SardegnaMappe Manuale utente [2] Indice 1. Introduzione 4 2. Requisiti dell utente 5 3. L applicazione SardegnaMappe 6 3.1. Panoramica dell applicazione 6 3.1.1. Accesso all applicazione 6 3.1.2. Icona

Dettagli

Procedura per la raccolta dati sul campo mediante dispositivi mobili

Procedura per la raccolta dati sul campo mediante dispositivi mobili Laboratorio di Geomatica Procedura per la raccolta dati sul campo mediante dispositivi mobili - RAPPORTO TECNICO - A cura del gruppo di lavoro: Stefano Roverato Fabio Olivotti Alice Mayer LUGLIO 2014 Indice

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER IL MONITORAGGIO FONDO AREE VERDI

MANUALE OPERATIVO PER IL MONITORAGGIO FONDO AREE VERDI MANUALE OPERATIVO PER IL MONITORAGGIO FONDO AREE VERDI Il sito per il MONITORAGGIO FONDO AREE VERDI all indirizzo http://servizi-finlombarda.it/areeverdi/ presenta una home page di questo tipo: Direttamente

Dettagli

GESTIONE CIMITERIALE CASI D USO. Manuale Back-Office. Alphasoft S.r.l.

GESTIONE CIMITERIALE CASI D USO. Manuale Back-Office. Alphasoft S.r.l. GESTIONE CIMITERIALE CASI D USO Manuale Back-Office Alphasoft S.r.l. CASI D USO SOFTWARE GESTIONE CIMITERI ALPHASOFT S.R.L. 1 Sommario 1 Gestione anagrafica Utente.... 3 1.1 Inserimento nuova anagrafica....

Dettagli

Implementazione su web del sistema WIND-GIS

Implementazione su web del sistema WIND-GIS Implementazione su web del sistema WIND-GIS Contenuti dell applicazione Il layout dell applicazione si articola in diverse sezioni, ognuna delle quali offre specifiche funzionalità. La sezione più importante

Dettagli

Manuale Utente Operatore per l applicazione MAPEL

Manuale Utente Operatore per l applicazione MAPEL Manuale Utente Operatore per l applicazione MAPEL Versione 1.1 luglio 2013 Pagina 1 di 22 Indice 1.0 INTRODUZIONE 3 2.0 ACRONIMI UTILIZZATI 3 3.0 UTENTI UTILIZZATORI 3 4.0 AUTENTICAZIONE E COMPLETAMENTO

Dettagli

MODULO 5 BASI DI DATI

MODULO 5 BASI DI DATI MODULO 5 BASI DI DATI A cura degli alunni della VD 2005/06 del Liceo Scientifico G. Salvemini di Sorrento NA Supervisione prof. Ciro Chiaiese SOMMARIO 5.1 USARE L APPLICAZIONE... 3 5.1.1 Concetti fondamentali...

Dettagli

Accesso ai dati e ai servizi geografici disponibili nella Infrastruttura per l Informazione Territoriale della Lombardia (IIT)

Accesso ai dati e ai servizi geografici disponibili nella Infrastruttura per l Informazione Territoriale della Lombardia (IIT) Accesso ai dati e ai servizi geografici disponibili nella Infrastruttura per l Informazione Territoriale della Lombardia (IIT) Versione 8.0 Marzo 2014 CRONOLOGIA DELLE RELEASE: Numero Data di release emissione

Dettagli

WGDESIGNER Manuale Utente

WGDESIGNER Manuale Utente WGDESIGNER Manuale Utente Pagina 1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 1.1 Requisiti hardware e software... 3 2 Configurazione... 3 3 Installazione... 4 3.1 Da Webgate Setup Manager... 4 3.2 Da pacchetto autoestraente...

Dettagli

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007

REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 SISTEMA A SUPPORTO DEI PROCESSI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE NELLE ORGANIZZAZIONI PUBBLICHE REALIZZAZIONE DI REPORT MEDIANTE MICROSOFT EXCEL 2007 Copyright 2010 CSIO Società di Informatica

Dettagli

Gestione dei contenuti web Ultimi eventi

Gestione dei contenuti web Ultimi eventi Gestione dei contenuti web Ultimi eventi Questo manuale illustra le operazioni più comuni per la manutenzione e aggiornamento del sito web http://terremoti.ingv.it/ultimi eventi/ tramite l interfaccia

Dettagli

IRRIMET. Manuale d Uso. Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click. Gestire l irrigazione non è mai stato così facile!

IRRIMET. Manuale d Uso. Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click. Gestire l irrigazione non è mai stato così facile! Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click IRRIMET Gestire l irrigazione non è mai stato così facile! Il primo sistema che fornisce in tempo reale mappe dell irrigazione e previsioni meteo

Dettagli

Web Inserimento Rapporti Manuale amministratore versione 3.2.0

Web Inserimento Rapporti Manuale amministratore versione 3.2.0 Web Inserimento Rapporti Manuale amministratore versione 3.2.0 Premessa Indice 1. Premessa... 4 1.1. Descrizione del documento... 4 1.1.1. Scopo... 4 1.1.2. Destinatari... 4 1.2. Convenzioni utilizzate

Dettagli

GESTIONE PRESENZE MANUALE PER COMINCIARE

GESTIONE PRESENZE MANUALE PER COMINCIARE GESTIONE PRESENZE MANUALE Gestione archivi La prima operazione da effettuare, per poter utilizzare gestione presenze, è la creazione dell archivio dove saranno memorizzati tutti i dati riconducibili ad

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio degli interventi in materia di Difesa del Suolo

Sistema informativo per il monitoraggio degli interventi in materia di Difesa del Suolo Sistema informativo per il monitoraggio degli interventi in materia di Difesa del Suolo Breve guida all uso del sistema 1 Obiettivi Strumenti - Risorse - Migliorare il sistema di monitoraggio degli interventi

Dettagli

Data Emissione: 31/01/2012 Codice Doc: Manuale_Operatore Emesso da: Verificato da: Approvato da: Accettato da:

Data Emissione: 31/01/2012 Codice Doc: Manuale_Operatore Emesso da: Verificato da: Approvato da: Accettato da: Sistema Informativo per la Gestione dei ticket Manuale utente Data Emissione: 31/01/2012 Codice Doc: Manuale_Operatore Emesso da: Verificato da: Approvato da: Accettato da: Sistema Informativo per la Gestione

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

Consolidamento e sviluppo CART

Consolidamento e sviluppo CART Nome del progetto Consolidamento e sviluppo CART Acronimo del progetto TOSCART Documento Manuale interfaccia monitoraggio Acronimo del documento TOSCART-TEC-INTWEB-PMC Stato del documento Definitivo Versione

Dettagli

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)...1 Installazione e configurazione...2 Installazione ICM Server...3 Primo avvio e configurazione di ICM

Dettagli

TOOL PSCL FUNZIONALITÀ E PROCEDURE DI UTILIZZO

TOOL PSCL FUNZIONALITÀ E PROCEDURE DI UTILIZZO TOOL PSCL FUNZIONALITÀ E PROCEDURE DI UTILIZZO 2014 INDICE 1. FINALITÀ DEL TOOL PSCL 3 2. UTILIZZATORI DEL TOOL PSCL. 5 3. PROCEDURA STANDARD DI UTILIZZO DEL TOOL PSCL..7 4. MODALITÀ OPERATIVE DI UTILIZZO

Dettagli

FotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE

FotoAeree. La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE FotoAeree La Sardegna vista dall alto MANUALE PER L USO DELL APPLICAZIONE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA [2] Indice 1. Introduzione 2. Navigatore 5 7 8 9 2.1. Strumenti di navigazione 2.2. Ricerca 3.

Dettagli

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database Basi di dati Introduzione Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database OpenOffice.org (www.openoffice.org) è un potente software opensource che ha, quale scopo primario,

Dettagli

Prima Lezione: Costruire una mappa

Prima Lezione: Costruire una mappa Prima Lezione: Costruire una mappa I tipi di informazione geografica disponibili Navigazione nella mappa Coordinate e scala Vista panoramica Introduzione ai GIS GIS significa Sistema Informativo Geografico

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

La tecnologia GIS Roberto Cavallin

La tecnologia GIS Roberto Cavallin La tecnologia GIS Roberto Cavallin Dati territoriali L art. 59 del Codice dell Amministrazione Digitale (CAD) definisce i dati territoriali come: qualunque informazione geograficamente localizzata Secondo

Dettagli

Registrazione Telematica di piani urbanistici comunali esclusi dalle procedure di V.A.S. (Regolamento Regionale 9 ottobre 2013, n. 18, art.

Registrazione Telematica di piani urbanistici comunali esclusi dalle procedure di V.A.S. (Regolamento Regionale 9 ottobre 2013, n. 18, art. Emesso il: 02/12/2013 Documento uso servizi V.A.S. on-line Registrazione Telematica di piani urbanistici comunali esclusi dalle procedure di V.A.S. (Regolamento Regionale 9 ottobre 2013, n. 18, art. 7)

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 :: RNDT repertorio nazionale dei dati territoriali 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 I dati territoriali della Pubblica Amministrazione 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 2 Codice dell Amministrazione Digitale

Dettagli

Manuale Utente LITEVIEWER

Manuale Utente LITEVIEWER Manuale Utente LITEVIEWER Versione 1.0 Ottobre 2009 1 INFORMAZIONI DI UTILIZZO DELL APPLICAZIONE LITE-VIEWER INTRODUZIONE In questa sezione si vogliono fornire all'utente le informazioni e gli strumenti

Dettagli

Piattaforma Cartografica. Guida utente

Piattaforma Cartografica. Guida utente Piattaforma Cartografica Guida utente Sommario Sommario... 2 1 INTRODUZIONE... 3 2 DASHBOARD... 5 3 TEMPO REALE... 13 4 PERCORSI... 17 5 REPORTISTICA... 20 2 1 INTRODUZIONE L applicazione TargaFleet è

Dettagli

GESTIONE CLIENTI. 1 Introduzione. 2 Ricerca Clienti

GESTIONE CLIENTI. 1 Introduzione. 2 Ricerca Clienti GESTIONE CLIENTI 1 Introduzione In questa parte di manuale vedremo come gestire l anagrafica del cliente e il caricamento di liste clienti per la creazione di nuove Customer Base. 2 Ricerca Clienti Cliccando

Dettagli

IDEAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN MODELLO DI GESTIONE INTEGRATA DELLE ACQUE DEI BACINI LAGO DI VARESE, LAGO DI COMABBIO E PALUDE BRABBIA

IDEAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN MODELLO DI GESTIONE INTEGRATA DELLE ACQUE DEI BACINI LAGO DI VARESE, LAGO DI COMABBIO E PALUDE BRABBIA IDEAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN MODELLO DI GESTIONE INTEGRATA DELLE ACQUE DEI BACINI LAGO DI VARESE, LAGO DI ALLEGATO 1 ALLA RELAZIONE GENERALE MANUALE D USO DEL MODELLO CONDIVISO GIUGNO 2007 GRAIA srl

Dettagli

Progetto DESTINATION

Progetto DESTINATION CONFERENZA FINALE Progetto DESTINATION TORINO 5 FEBBRAIO 2014 La gestione del rischio da trasporto di merci pericolose per la protezione civile Matteo Vischi Ripartizione protezione antincendi e civile

Dettagli

Primi passi con Jamio Composer. Dall idea applicativa alla soluzione in pochi minuti

Primi passi con Jamio Composer. Dall idea applicativa alla soluzione in pochi minuti Primi passi con Jamio Composer Dall idea applicativa alla soluzione in pochi minuti Comporre una nuova soluzione applicativa Jamio Composer è l ambiente di modellazione della piattaforma Jamio. Le soluzioni

Dettagli

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo:

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo: Guida SH.Shop Inserimento di un nuovo articolo: Dalla schermata principale del programma, fare click sul menu file, quindi scegliere Articoli (File Articoli). In alternativa, premere la combinazione di

Dettagli

Videoregistratori Serie DX

Videoregistratori Serie DX Pagina:1 DVR per telecamere AHD, analogiche, IP Manuale programma CMS Come installare e utilizzare il programma client per i DVR Pagina:2 Contenuto del manuale In questo manuale viene descritto come installare

Dettagli

Osservatorio economico regionale dell artigianato. Mini guida all uso della strumentazione informatica disponibile on-line

Osservatorio economico regionale dell artigianato. Mini guida all uso della strumentazione informatica disponibile on-line Osservatorio economico regionale dell artigianato Mini guida all uso della strumentazione informatica disponibile on-line Il contesto e gli strumenti Al fine di promuove attività analitiche, mediante il

Dettagli

Objectway ActivTrack

Objectway ActivTrack Objectway ActivTrack Manuale Utente Gruppo ObjectWay Guida OW ActivTrack 1.0.docx 22-01-2012 Pag. 1 di 13 Indice 1. Che cosa è Ow ActivTrack... 3 1.1. Le caratteristiche principali di Ow ActivTrack...

Dettagli

I.N.A.I.L. Certificati Medici via Internet. Manuale utente

I.N.A.I.L. Certificati Medici via Internet. Manuale utente I.N.A.I.L. Certificati Medici via Internet Manuale utente CERTIFICATI MEDICI... 1 VIA INTERNET... 1 MANUALE UTENTE... 1 COME ACCEDERE AI CERTIFICATI MEDICI ON-LINE... 3 SITO INAIL... 3 PUNTO CLIENTE...

Dettagli

ESTENSIONI METODO SU DATABASE C/S. Introduzione. Pro e contro

ESTENSIONI METODO SU DATABASE C/S. Introduzione. Pro e contro ESTENSIONI METODO SU DATABASE C/S Introduzione Dalla versione 2.60 è possibile affiancare agli archivi tradizionali di Metodo dei nuovi archivi C/S (client/server) inizialmente destinati allo sviluppo

Dettagli

Sommario. 1. Che cos è DocFly Fatturazione PA... 3. 1.1. Il Gestionale Web... 3. 1.2. Accesso all interfaccia Web... 3

Sommario. 1. Che cos è DocFly Fatturazione PA... 3. 1.1. Il Gestionale Web... 3. 1.2. Accesso all interfaccia Web... 3 Sommario 1. Che cos è DocFly Fatturazione PA... 3 1.1. Il Gestionale Web... 3 1.2. Accesso all interfaccia Web... 3 1.3 Funzionalità dell interfaccia Web... 4 1.3.1 Creazione guidata dela fattura in formato

Dettagli

SITI Cloud Manuale utente

SITI Cloud Manuale utente 1 SITI Cloud Manuale utente 2 Autenticazione Per accedere ai servizi forniti da SITICloud, dopo aver richiamato con il browser l'indirizzo che Vi è stato assegnato è necessario identificarsi. Si apre la

Dettagli

PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE

PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE ENTERPRISE 2006 INTERFACCIA GRAFICA PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DI SISTEMI 1019 MANUALE UTENTE MANUALE UTENTE Enterprise-ITA-27-05-2008 2006 1 Sommario Introduzione... 3 Release... 3 Principali caratteristiche...

Dettagli

Digitando nel browser https://db.issfacilityservices.it si accede al portale. (disponibile da 2/7/12)

Digitando nel browser https://db.issfacilityservices.it si accede al portale. (disponibile da 2/7/12) Manuale utente per l ordine online del materiale pubblicitario e modulistica, biglietti da visita e timbri Versione 1.0 del 18/6/12 Login Digitando nel browser https://db.issfacilityservices.it si accede

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

La gestione delle reti irrigue e dei contatori per il Consorzio di Bonifica

La gestione delle reti irrigue e dei contatori per il Consorzio di Bonifica La gestione delle reti irrigue e dei contatori per il Consorzio di Bonifica Dr. Agr Leonardo Donnini Premessa L applicazione CATADROID è stata sviluppata per consentire la gestione della rete irrigua e

Dettagli

Progetto PTA-DESTINATION Percorsi Transfrontalieri Condivisi Le app Dispositivi mobili

Progetto PTA-DESTINATION Percorsi Transfrontalieri Condivisi Le app Dispositivi mobili Progetto PTA-DESTINATION Percorsi Transfrontalieri Condivisi Le app Dispositivi mobili Giusi Manuela Giannino Csi Piemonte Utilizzo di dispositivi mobili sulla base del SIIG le finalità Lo spazio dei dispositivi

Dettagli

Webinar Mobile GIS Il rilievo con dispositivi Android e IOS Mobile Mapping & GIS

Webinar Mobile GIS Il rilievo con dispositivi Android e IOS Mobile Mapping & GIS Webinar Mobile GIS Il rilievo con dispositivi Android e IOS Mobile Mapping & GIS Andrea Sardella Responsabile Italia Supporto Tecnico Supergeo.it Agenda Qualche info tecnica per il Webinar Chi siamo SuperSurv:

Dettagli

Ri.Um. Gestione Risorse Umane

Ri.Um. Gestione Risorse Umane RiUm Ri.Um. Gestione Risorse Umane SOMMARIO 1. INTRODUZIONE 4 1.1. COS E RI.UM.... 4 1.2. PREREQUISITI... 4 2. RI.UM. 5 2.1. AVVIO... 5 2.2. CONSULTAZIONE TABELLE... 6 2.3. GESTIONE TABELLE... 6 2.3.1

Dettagli

Una rete integrata per il monitoraggio del trasporto delle merci pericolose su strada

Una rete integrata per il monitoraggio del trasporto delle merci pericolose su strada TORINO 28 marzo 2012 Convegno Presentazione e stato di avanzamento del progetto DESTINATION Una rete integrata per il monitoraggio del trasporto delle merci pericolose su strada Girolamo Marchese Temi

Dettagli

ArcGIS - ArcView ArcCatalog

ArcGIS - ArcView ArcCatalog ArcGIS - ArcView ArcCatalog Marco Negretti Politecnico di Milano Polo Regionale di Como e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it 12/11/08 - v 3.0 ArcCatalog ArcCatalog: strumento

Dettagli

CAMPAGNE VODAFONE E CAMPAGNE TELEMARKETING

CAMPAGNE VODAFONE E CAMPAGNE TELEMARKETING CAMPAGNE VODAFONE E CAMPAGNE TELEMARKETING 1 INTRODUZIONE In questa sezione parleremo della Creazione delle Campagne e di tutti gli aspetti che ne derivano. Il CRM presenta un sistema che permette la distinzione

Dettagli

Il Geoportale della Provincia di Napoli (GPN): Geoportal e Metadati INSPIRE

Il Geoportale della Provincia di Napoli (GPN): Geoportal e Metadati INSPIRE Il Geoportale della Provincia di Napoli (GPN): Geoportal e Metadati INSPIRE Rocco Mari, Pietro d Amico,Paola Napolitano, Giuseppe Palma, Fortunato Sgariglia, Marco Soravia Provincia di Napoli - Direzione

Dettagli

Fogli elettronici, dati e statistiche con LibreOffice 4.1. materiale didattico sul corso Calc avanzato a cura di Sonia Montegiove.

Fogli elettronici, dati e statistiche con LibreOffice 4.1. materiale didattico sul corso Calc avanzato a cura di Sonia Montegiove. Foto di Federica Testani, Flickr Fogli elettronici, dati e statistiche con LibreOffice 4.1 materiale didattico sul corso Calc avanzato a cura di Sonia Montegiove 1 di 24 Gestire i dati con Calc Strutturare

Dettagli