- rogito dei contratti nei quali la Comunità Montana è parte ed autentica delle scritture private e degli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- rogito dei contratti nei quali la Comunità Montana è parte ed autentica delle scritture private e degli"

Transcript

1 AREA II RESPONSABILE: SANDRA NICOLAI ATTIVITÀ ORDINARIE Segretario E stata garantita la funzione di Segretario, a rotazione tra i dipendenti Menotti e Nicolai, attraverso lo svolgimento delle seguenti attività: - raccordo tra gli organi politici e la struttura tecnica; - assistenza giuridico-amministrativa nei confronti degli organi politici in ordine alla conformità dell'azione amministrativa alle leggi, allo statuto e ai regolamenti - partecipazione alle riunioni dell Assemblea, della Giunta Esecutiva, della Consulta dei Sindaci dirigendone l'attività di assistenza e verbalizzazione; - rogito dei contratti nei quali la Comunità Montana è parte ed autentica delle scritture private e degli atti unilaterali nell interesse dell Ente; - supporto giuridico-amministrativo ai responsabili di Settore ed alle strutture organizzative in generale per l emanazione degli atti e delle attività di loro competenza; - espressione del parere di legittimità sugli atti deliberativi degli organi dell Ente. Collegio di Direzione In qualità di componente del Collegio di Direzione sono state svolte le seguenti attività: a) organizzazione e gestione dell Ente con lo scopo di attuare gli indirizzi stabiliti dagli organi di governo, perseguendo obiettivi di efficacia e di efficienza dell azione amministrativa; b) predisposizione dei documenti programmatori e cura dell attuazione dei piani, progetti e programmi in essi contenuti; c) collaborazione con l organo esecutivo nella definizione del sistema di pianificazione e controllo annuale e pluriennale; d) coordinamento del processo di predisposizione della proposta di Piano Risorse Obiettivi (P.R.O.) coordinando le attività svolte in proposito dai Settori di riferimento e curando l attuazione dei piani, progetti e programmi in esso contenuti; e) rapporto con il Collegio dei revisori dei conti e con il Nucleo di valutazione. Direttore dell Istituzione Servizi alla Persona della Comunità Montana In qualità di Direttore dell Istituzione Servizi alla Persona è stata garantito lo svolgimento delle seguenti attività: Pag. 1

2 a) formulazione delle proposte di deliberazione al Consiglio di Amministrazione ed espressione del relativo parere tecnico; b) cura dell esecuzione delle deliberazioni assunte dal Consiglio di Amministrazione; c) proposta del programma annuale delle attività, comprendente la relazione previsionale e programmatica, il bilancio di previsione annuale e pluriennale, il conto consuntivo, la relazione annuale, nonché la determinazione delle tariffe relative ai costi dei servizi e delle prestazioni anche a carattere straordinario; d) direzione del personale dell'istituzione, assegnandone i compiti specifici; e) adozione di provvedimenti diretti a migliorare la funzionalità e l'efficienza dell'attività dell'istituzione; f) indizione e presidenza di gare di appalto e di concorso, stipula dei contratti in rappresentanza dell Ente e adozione di atti che comportano spese; g) verifica della regolarità delle forniture e/o prestazioni; h) emissione degli ordinativi di incasso e di pagamento; i) corretta ed economica gestione delle risorse a disposizione dell'istituzione. Per quanto concerne l attuazione dei programmi si rinvia alla deliberazione del C.D.A. dell Ispe con la quale è stato approvato il rendiconto Si procede ad illustrare nel dettaglio le attività in capo al Responsabile Dirigente dell Area II Pag. 2

3 PROGRAMMA 4: SERVIZI ASSOCIATI DIRIGENTE: SANDRA NICOLAI REFERENTE POLITICO: MARCO MAGRINI. Inserito tra gli obiettivi strategici dell ente la gestione in forma associata di funzioni e servizi comunali viene svolta ed interpretata dall Ente quale strumento di facilitazione, supporto e sviluppo del territorio, con una visione che aiuti a superare il particolarismo locale. L Amministrazione è pronta a rivestire il nuovo ruolo assegnato alle autonomie locali da parte delle manovre finanziarie degli ultimi due anni che impongono un rafforzamento del legame fra i comuni con progetti innovativi di organizzazione delle funzioni assegnate, al fine di favorire uno sviluppo associato di funzioni comunali finalizzato a migliorare il rapporto con i cittadini e le imprese. In tale ottica, è stata pertanto assicurata continuità alla politica di gestione associata dei servizi con un attenta valutazione dei costi e con l obiettivo primario del miglioramento qualitativo degli stessi, cercando di implementare l efficienza e la qualità di quelli già associati e garantendo alle Amministrazioni locali un controllo sia negli indirizzi che nella gestione. L Ente montano, in questa azione, non si è sostituita ai comuni ma si è posta nell ottica di condividere le modalità di svolgimento e sviluppo attraverso più incontri istituzionali nei quali sono state ampiamente analizzate le opportunità, gli indirizzi e le problematiche da affrontare per le diverse attività messe in campo. Gli strumenti utilizzati sono stati: la riqualificazione delle risorse umane attraverso un programma di aggiornamento e formazione di amministratori e dipendenti; la costituzione di un tavolo tecnico formato da segretari comunali e tecnici comunali per l esame congiunto delle problematiche da affrontare per l attivazione delle gestioni associate; il potenziamento e l ulteriore sviluppo del sistema informatico, che costituisce la base per poter unificare i diversi servizi; la presentazione di progetti finalizzati all accesso di contributi e finanziamenti regionali e statali destinati allo sviluppo dell associazionismo comunale. L attività svolta dal responsabile di Area è stata caratterizzata dalla funzione di staff e di supporto alla struttura burocratica al fine di assicurare l erogazione dei servizi comunali gestiti dalla comunità montana in qualità di ente capofila; è stata inoltre garantita la partecipazione ai tavoli di lavoro istituzionali e tecnici inerenti la gestione associata delle funzioni comunali. Pag. 3

4 Sono stati garantiti i seguenti obiettivi previsti nel programma: il mantenimento dei servizi sovracomunali già gestiti dall Ente al fine di garantire continuità alle attività già avviate. In tale ottica l Ente, in qualità di capofila, ha gestito le attività legate alla definizione dei seguenti atti deliberativi: Proposta di individuazione dell'ambito Territoriale Ottimale e Omogeneo VALLI DEL VERBANO per la gestione integrata del servizio pubblico di igiene urbana, ai sensi dell art. 3-bis, comma 1, del D. L. n. 138/2011 convertito con modificazioni nella L. n. 148/2011; Approvazione della nuova convenzione relativa alla gestione associata dei servizi di igiene urbana per il periodo ; Approvazione della nuova convenzione per l'utilizzo associato della squadra di operai agricolo forestali della Comunità Montana triennio 2013/2015; lo sviluppo e l ampliamento dei servizi. L Ente montano ha promosso, in qualità di capofila, la gestione associata del servizio di ricovero cani randagi provenienti dal territorio comunitario per il periodo I servizi sovracomunali gestiti dalla Comunità Montana sono inseriti nei programmi dei Settori competenti per materia, si fornisce a chiarimento una tabella riepilogativa delle gestioni associate : SETTORE SERVIZIO AFFARI GENERALI GESTIONE DEGLI ARCHIVI MARKETING TERRITORIALE CIRCUITO MUSEALE RICOVERO CANI RANDAGI GESTIONE TERRITORIO SERVIZI IGIENE URBANA SERVIZIO ANTINCENDIO BOSCHIVO PROTEZIONE CIVILE RETICOLO IDROGRAFICO MINORE ANALISI DELLE ACQUE DA DESTINARE AL CONSUMO UMANO OPERAI FORESTALI DATA BASE TOPOGRAFICO STAFF GIT SISTEMI INFORMATIVI MACELLO SUAP POLIZIA LOCALE ADEMPIMENTI CONSEGUENTI ALLO SCIOGLIMENTO DELLA CONVENZIONE DEL SERVIZIO ASSOCIATO DI POLIZIA LOCALE AGRICOLTURA E FORESTE REGOLAMENTO VASP RILASCIO AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA Il programma si sviluppa attraverso i seguenti progetti: 1 Centro Servizi Territoriale (v. relazione Responsabile Settore di staff) 2 Abbattimento Digital Divide (v. relazione Responsabile Settore di staff) Pag. 4

5 3 Gestione contratti (v. relazione Responsabile Settore di staff) 4 Servizi alla Persona 5 Altri servizi associati (v. relazione Responsabile Settore di staff) 4 Servizi alla persona Il progetto 4.4 Servizi alla Persona è gestito direttamente da parte del Dirigente dell Area II. In considerazione della particolarità del territorio, delle piccole dimensioni dei comuni presenti, delle indicazioni della Legge 328/2000 in merito alla pianificazione zonale, nonchè per rispondere ad un criterio di economicità e razionalizzazione delle risorse, tutti i servizi alla persona svolti dalla Comunità Montana in qualità di Ente capofila vengono gestiti attraverso l I.S.P.E VALLI DEL VERBANO. L ISPE, acronimo di Istituzione Servizi alla Persona, si qualifica come ente strumentale della Comunità Montana ed in quanto tale ha un assetto organizzativo ed un bilancio proprio; all Istituzione sono demandati il coordinamento dei livelli di gestione dei Servizi socio-assistenziali ed il monitoraggio delle modalità di erogazione delle prestazioni e dei servizi sul territorio con esclusione di quelli gestiti direttamente dai Comuni. Per il raggiungimento degli obiettivi del progetto vengono assegnate all Istituzione le risorse finanziarie, nonchè le risorse umane impiegate nella gestione dei servizi, tra le quali la figura del Dirigente dell Area II che svolge anche le mansioni di Direttore dell Istituzione e le funzioni di Responsabile del Settore, in conseguenza della mancata sostituzione del personale dipendente, cessato dal servizio per mobilità verso un altro Ente. Sono stati, pertanto, garantiti i seguenti obiettivi previsti nel progetto: il mantenimento dei seguenti servizi sovracomunali già gestiti dall Ente al fine di garantire continuità alle attività : servizio sociale associato; piano di zona e servizi associati Tutela Minori e Nucleo Inserimento lavorativo disabili dell ambito distrettuale di Cittiglio; asilo nido; servizio informalavoro; la sottoscrizione, nell ambito della predisposizione del nuovo Piano di Zona e del relativo Accordo di programma, di un intesa fra gli Ambiti Distrettuali di Luino, Laveno Mombello ed Arcisate per la definizione di una programmazione sovra distrettuale con l obiettivo di favorire l omogeneità di accesso ai servizi dell utenza anche con la possibilità di utilizzo, agevolato o paritario, di strutture presenti al di fuori di ogni singolo ambito e quello di presidiare ogni opportunità che consenta di attirare risorse economiche sui territori. La Comunità Montana, in qualità di Ente capofila, ha approvato i seguenti atti: Convenzione con la Provincia di Varese per la gestione dei Servizi Informalavoro Pag. 5

6 Accordo di Programma e Piano di Zona ; Convenzione per la gestione associata tutela minori, inserimento lavorativo disabili, fondo di solidarietà degli oneri derivanti dall ospitalità in strutture residenziali per minori sottoposti a provvedimento dell autorità giudiziaria (Fondo Sociale Solidarietà Minori) Schema regionale di convenzione per la definizione dei rapporti economici tra asl e comuni derivanti dall 但 ttuazione degli interventi a favore dei minori accolti nelle strutture residenziali ai sensi della d.g.r n.3850; Modifiche al Regolamento per l erogazione di voucher sociali per l accesso alle unità d offerta socio educative per la prima infanzia afferenti al sistema privato; Procedura di Autorizzazione ai servizi per il lavoro, presso la Regione Lombardia. Questa necessità è emersa a seguito della DGR 20/03/2012 n. IX/3153 Indirizzi regionali in materia di tirocini.in accordo con Regione Lombardia è stata estesa la possibilità di utilizzare l autorizzazione ai servizi al lavoro di Comunità Montana anche ad alcuni Comuni che ne hanno fatto richiesta; Schema di convenzione per attivazione tirocini lavorativi con aziende e cooperative sociali. Nel corso del primo semestre 2011 sono stati ultimati i lavori per la realizzazione e messa in esercizio del nuovo asilo nido comunitario e aziendale procedendo all acquisto delle relative attrezzature ed arredi. L Assemblea della Comunità Montana ha assunto la decisione di gestire l asilo nido attraverso una concessione di servizi (prevista dall art. 30 del D.Lgs. n. 163/2006 -Codice dei contratti pubblici) al fine di ottenere un contenimento dei costi e consentire una maggiore flessibilità organizzativa e gestionale nel pieno mantenimento dei poteri di indirizzo e controllo da parte dell Amministrazione. La gestione è stata pertanto affidata, attraverso un bando ad evidenza pubblica,per tre anni a partire da settembre 2011, alla Cooperativa Eureka di San Donato Milanese (Mi). Sono state, pertanto, garantite dall Ispe tutte le attività connesse ai rapporti con la Cooperativa in relazione agli adempimenti di vigilanza e controllo del rispetto degli obblighi contrattuali Nell ambito delle attività legate al raccordo istituzionale è stata garantita la partecipazione dell Ente al Tavolo Istituzionale Socio-Santario, istituito tra gli Ambiti Distrettuali di Arcisate, Cittiglio e Luino. Per gli approfondimenti sulle attività gestite attraverso l Ispe si rinvia alla relazione allegata alla deliberazione del C.D.A. dell Ispe Valli del Verbano. Pag. 6

7 PROGRAMMA 10: SOCIETA PARTECIPATE DIRIGENTE: SANDRA NICOLAI REFERENTE POLITICO: MARCO MAGRINI Le società partecipate costituiscono organismi strumentali in ambiti di rilevanza strategica per le attività della Comunità Montana orientate allo sviluppo del tessuto sociale ed economico. Per tale motivo la volontà dell Ente è stata quella di istituire strumenti societari che potessero garantire attività di promozione, di riqualificazione e di crescita della qualità del territorio e garantire lo svolgimento di attività e servizi anche per conto delle Amministrazioni Comunali. La Comunità Montana possiede le seguenti partecipazioni societarie: SOCIETA TIPOLOGIA OGGETTO SOCIALE CAPITALE % ENTE SOCIALE VALCUVIA SERVIZI pubblica 100% gestione di servizi della Comunità SRL Montana e dei Comuni:rifiuti, manutenzioni, lavori pubblici, nonché , % servizi specifici che le singole amministrazioni comunali ritengono di poter affidare alla società stessa GAL DEI LAGHI E società mista gestione delle attività derivanti DELLA MONTAGNA pubblico-privata dall attuazione del Piano di Sviluppo SRL Locale presentato nel territorio della ex ,00 70% Comunità Montana Valcuvia e per la gestione di servizi ed attività di promozione e sviluppo del territorio GAL VALLI DEL società mista gestione delle attività derivanti LUINESE SRL pubblico-privata dall attuazione del Piano di Sviluppo Locale presentato nel territorio della ex Comunità Montana Valli del Luinese e per la gestione di servizi ed attività di promozione e sviluppo del territorio ,00 70% Sono state garantite le seguenti attività da parte dl Responsabile di area: gestione dei rapporti tra l Amministrazione e le società; coordinamento tra società e strutture interne; attività di regolazione, controllo, forme e modelli gestionali; attività di reporting, informazione, comunicazione dati società; Pag. 7

8 aggiornamento e adeguamento normativo. La Comunità Montana, in qualità di socio di maggioranza delle Società sopraindicate, ha partecipato alle rispettive assemblee societarie rispettando gli atti di indirizzo fissati dall Assemblea Comunitaria. Sono state, pertanto assicurate le seguenti attività: VALCUVIA SERVIZI SRL Conseguentemente alle decisioni assunte dalla Consulta dei Sindaci, nelle riunioni del e del , in merito alla nuova convenzione per la gestione associata dei servizi di igiene urbana ed alla decisione di proporre l avvio della procedura per lo scioglimento e messa in liquidazione della società Valcuvia Servizi srl, nel mese di novembre 2012 l Assemblea della Comunità Montana ha adottato un atto di indirizzo per richiedere all Amministratore Unico la convocazione dell Assemblea straordinaria dei soci avente ad oggetto lo Scioglimento anticipato della società ed adempimenti di cui all art del Codice civile. In particolare, è stato deliberato di inserire all ordine del giorno della sopcietà: a) lo scioglimento della società e la relativa messa in liquidazione con attuazione degli adempimenti di cui all art del Codice civile (determinazione numero e nomina dei liquidatori e criteri in base ai quali procedere alla liquidazione, relativi poteri); b) la tutela per quanto possibile dei lavoratori impiegati dalla Società Valcuvia Servizi s.r.l. anche al fine di non disperdere le professionalità e le esperienze acquisite; c) l autorizzazione della Società Valcuvia Servizi s.r.l. a proseguire la gestione ordinaria delle attività fino al subentro del nuovo gestore per quanto concerne i servizi di igiene urbana, nonché la prosecuzione della gestione della funivia e del rifugio di Monteviasco sino all individuazione di diversa soluzione gestionale individuata dall Amministrazione comunale di Curiglia. SOCIETA GAL DEI LAGHI E DELLA MONTAGNA SRL Attivazione delle convenzioni con la Società per la partecipazione alle seguenti misure del P.S.L.: Misura Azione oggetto 331 Formazione e informazione rivolte agli operatori economici nei settori che rientrano nell Asse 3 11 progetto denominato MIPAM 2012 Una vetrina per la promozione delle attività turistiche e delle produzioni agricole locali e di diffusione delle conoscenze e degli aspetti culturali, ambientali naturalistici del GAL dei 331 Formazione e informazione rivolte agli operatori economici nei settori che rientrano nell Asse 3 Laghi e della Montagna 11 AgriturNat Un modello di promozione delle attività turistiche e delle produzioni agricole forestali locali e di diffusione delle conoscenze e degli aspetti culturali. ambientali naturalistici del territorio della Valcuvia Partecipazione, in qualità di soggetto beneficiario, ai seguenti bandi emessi dalla società: Misura Azione oggetto 125B Infrastrutture di accesso ai terreni 4 Manutenzione straordinaria strada VASP Monte Nudo agricoli e forestali, approvvigionamento energetico ed idrico 313 Incentivazione attività turistiche 8 Continuazione pista ciclopedonale dei Laghi Pag. 8

9 SOCIETA GAL VALLI DEL LUINESE SRL Attivazione delle convenzioni con la Società per la partecipazione alle seguenti misure del P.S.L.: Misura Azione oggetto 331 Formazione e informazione rivolte agli operatori economici nei settori che rientrano nell Asse 3 10 AgriturNat Un modello di promozione delle attività turistiche e delle produzioni agricole forestali locali e di diffusione delle conoscenze e degli aspetti culturali. ambientali naturalistici del territorio del Luinese 313 Incentivazione attività turistiche 6 ristrutturazione ed ampliamento della struttura già esistente in località Lago d Elio 313 Incentivazione attività turistiche 5 riqualificazione della Punte del Tresa con costruzione di un centro informativo a supporto dell attività divulgativa Partecipazione, in qualità di soggetto beneficiario, al seguente bando emesso dalla società: Misura Azione oggetto 125B Infrastrutture di accesso ai terreni agricoli e forestali, approvvigionamento energetico ed idrico 13 Manutenzione straordinaria strada VASP Piero - Lozzo La Comunità Montana ha attivato con la Soc. Gal dei Laghi e della Montagna e la Soc. Gal Valli del Luinese una collaborazione per il supporto logistico ed organizzativo per la manifestazione STRAMIPAM Nelle successive schede sono riepilogati i dettagli delle attività svolte durante il corso dell esercizio 2012 da parte dei Responsabili di Settore facenti capo all Area II e appositamente delegati per lo svolgimento delle attività gestionali dei rispettivi progetti: Pag. 9

10 PROGRAMMA 4: SERVIZI ASSOCIATI 1 Centro Servizi Territoriale 2 Abbattimento Digital Divide 3 Gestione contratti 5 Altri servizi associati DIRIGENTE: SANDRA NICOLAI RESPONSABILE SETTORE: ANTONELLA BRUSAMOLIN REFERENTE POLITICO: MARCO MAGRINI, MARCO GALBIATI 1 CENTRO SERVIZI TERRITORIALE Server Farm Il Centro servizi territoriale è rappresentato dalle strutture del CED presso la Comunità Montana, implementato attraverso la fornitura di server e applicazioni in ragione dell'attivazione dei diversi servizi. Il Centro servizi e supportato da servizi di assistenza sistemistica specialistici.ciò ha reso attuabile, attraverso idonee e specifiche attività sistemistiche, ospitare i servizi di accesso alle piattaforme GIT dei Comuni aderenti al progetto ed i servizi del WEBGIS secondo il progetto integrativo approvato dalla Regione Lombardia. La struttura informatica necessaria a garantire i servizi base per l Ente è così formata : - Server Host - I server denominati Host rispondono alle macchine che andranno a comporre il cloud che conterrà tutte le macchine virtuali che sarà necessario mettere in produzione, in particolare: - Mail server - File Server - Domain Controller - Active Directory - Application Server - FTP SERVER - Server Proxy - Autenticazione integrata con l accesso alla postazione - Accellerazione del traffico internet - Content filtering personalizzabile ed integrato con i servizi Directory - AntiVirus perimetrale su tutto il traffico Web - Server Vcenter + BackUp - La funzione del server Vcenter è quella di garantire un controllo centralizzato di tutti gli host e macchine virtuali nel data center da un unica console con monitoraggio Pag. 10

11 delle prestazioni di aggregazione di gruppi, host e macchine virtuali tra cui quella che gestisce il controllo e la direzione delle operazioni di BackUp - Storage Area Network (SAN) Il servizio a cui viene destinato l utilizzo della San ha come obbiettivo quello di centralizzare lo storage/archivio del cloud eseguendo accessi dai vari server che ospitano le VPS. Pertanto ciascun servizio previsto dagli Host salverà i propri dati in un apposita Lun della San stessa. - Storage Tape server Il server storage occuperà del Disaster Recovery e del backup Giornaliero e settimanale dell intero sistema. - DataBase Oracle SQL Server - Applicazioni: Posta Elettronica web mail - Manutenzione server 24H - Dispositivi di rete, sicurezza: Firewall Fortinet, Swich Cisco Catalist - software Symantec client e server - Sistema di log management system lan-vlan - Consente il controllo di integrità dei file system - Consente monirtoring delle policy di sistema - Risponde ai requisiti imposti dal Garante della Privacy - Consente di individuare modifiche non autorizzate ai log aggregati e registrati per un periodo minimo di 6 mesi - Integra un sistema di altering via mail in caso di eventi definiti critici in fase di configurazione del sistema - è in grado di interpretare gli accessi ai seguenti sistemi dell Ente: - Sistemi operativi: Windows XP,2000,2003,Vista,2008, VMWare ESX 3.0,3.5, MacOSX 10 - Device support : Cisco PIX, ASA and FWSM Cisco IOS routers, Juniper Netscreen, SonicWall firewall, Checkpoint firewall, Cisco IOS IDS/IPS module, Sourcefire (Snort) IDS/IPS, Dragon NIDS, Checkpoint Smart Defense, McAfee VirusScan Enterprise (v8 and v8.5) - Bluecoat proxy, Cisco VPN concentrators - Agentless: Cisco PIX, ASA and FWSM, Cisco IOS routers - Database monitoring: MySQL PostgreSQL- Oracle-MSSQL - FTP server: Proftpd, Pure-ftpd, vsftpd, wu-ftpd, Microsoft FTP server, Solaris ftpd, Mac OS FTP server - Mail server: Imapd and pop3d, Postfix, Sendmail, vpopmail, Microsoft Exchange, Courier imapd/pop3d/pop3-ssl, vm-pop3d, SMF-SAV (Sendmail Sender Address Validator), Procmail, Mailscanner - Web server: Apache web server (access log and error log), IIS 5/6 web server (NSCA and W3C extended), Zeus web server - Web application Horde imp, Modsecurity - Firewall: Iptables firewall, Shorewall (iptables-based) firewall, Solaris ipfilter firewall, AIX ipsec/firewall,netscreen firewall, Windows firewall, Cisco PIX/ASA/FWSM, SonicWall firewall, Checkpoint firewall, Pag. 11

12 - NIDS: Cisco IOS IDS/IPS module, Snort IDS (snort full, snort fast and snort syslog), Dragon NIDS, Checkpoint Smart defense, Security tools, Symantec Anti Virus, Symantec Web Security, Nmap, Arpwatch, McAfee VirusScan Enterprise (v8 and v8.5) - Server: gittapp1, gitapp2, gitapp3 dedicati per piattaforma GIT; - Infrastruttura Intra/extranet di CMVV basata sulla tecnologia WEB 2.0 (in fase di costruzione) per - sviluppare la comunicazione fra le diverse unità organizzative - spostare sull utente in modalità self-service una serie di attività - introdurre i concetti di collaborazione e comunità tipici del WEB divenire la back-bone dei sistemi informativi dell Ente - E' in fase di progettazione la rete VPN tra il Centro Servizied i Comuni La necessità per l Amministrazione di adeguarsi alle misure di sicurezza imposte dal Garante ai sensi dell art.154 comma 1 lett. c) del D.Lgs. n. 196/2003 ha reso indispensabile la nomina dell Amministratore di rete con i compiti e le funzioni previste dall art. 34 e regola 19 dell Allegato B del Codice in materia di protezione dei dati personali del d.lsg n. 196 del 30/06/2003. Sono state redatte, approvate presentante le regole di policy informatica per il personale e per le utenze esterne, mentre sono stati definiti i criteri generali per la redazione del nuovo documento programmatico per la sicurezza che troverà attuazione nel corso del prossimo anno. Con la legge di conversione 4 aprile 2012, n. 35 gli enti pubblici e le imprese non sono più obbligate ad adottare la misura minima prevista dal Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs. n. 196 del 2003) della redazione e aggiornamento del Documento Programmatico sulla sicurezza (DPS) entro il 31 marzo di ogni anno. La legge di semplificazione non abroga però le altre misure di sicurezza in materia di privacy, che devono essere adottate in modo rigoroso e puntuale; le misure minime restano pertanto quelle sancite dall'art. 34 del Codice Privacy. Restano inoltre gli adempimenti dell' informativa e della nomina di responsabili e incaricati del trattamento, in materia di posta elettronica ed internet; di amministratori di sistema, videosorveglianza, pubblicazioni di dati on line. Il mancato rispetto delle sopracitate prescrizioni espone gli enti pubblici all'applicazione delle sanzioni di importo da a Le attività di gestione ordinaria consistono principalmente nell assicurare lo standard di efficienza delle strutture: il sistema di server, le postazioni di lavoro, reti, posta elettronica, stampanti e fotocopiatori. Il settore gestisce il contratto di manutenzione del parco hardware e dei noleggi, organizzando con i tecnici il servizio on-site presso le diverse sedi e stabilendo il programma degli interventi manutentivi. L assistenza sistemistica sul ced è assicurata attraverso un servizio 24h. Per quanto attiene i pacchetti software, il Settore ha affidato i contratti relativi ai software gestionali URBI, STR. Se la gestione funzionale ed operativa degli stessi rimane in capo ai singoli settori (Segreteria, Finanziario, Tecnico) le attività di contatto con le software house per gli aggiornamenti contrattuali sono svolte direttamente dall ufficio di staff. Sono stati attivati con il sistema URBI di PADIGITALE le soluzioni tecnologiche che possono consentire la gestione elettronica dei flussi documentali e la conservazione sostituiva. Il sistema del protocollo è stato aggiornato, infatti, con l inserimento della pianta organica ed è stato attivato il modulo documentale per il quale si prevede una fase di test per poter definire i criteri e la struttura dei flussi procedimentali. Un Pag. 12

13 elemento di criticità emerso, per quanto attiene la gestione condotta nella prima parte dell anno, riguarda una disomogenea alfabetizzazione informatica, sarà pertanto necessario procedere ad una maggiore sensibilizzazione sugli obiettivi trasversali di e-gov e sulla formazione continua dei dipendenti. Ha inoltre collaborato con l ufficio tecnico e Valcuvia Servizi per quanto attiene l avanzamento lavori sul progetto di informatizzazione degli accessi presso la piazzuola di Cavona. Oltre a dirimere gli accordi con gli operatori interessati ha attivato una serie di verifiche per il test dei dati. Il settore collabora con i serviti tecnici per la realizzazione del Sistema Informativo Territoriale e, nella fattispecie, supporta le attività tecnico-amministrative relative al progetto di realizzazione del data base topografico che assume maggior rilievo di interdisciplinarità. Attività strategiche del progetto 1. l Amministrazione digitale Secondo gli obiettivi del decreto n. 235 del 2010 che riforma il Codice dell Amministrazione Digitale e le linee di e-gov nazionale, i progetti ed i servizi di Comunità Montana sono di fatto allineati poiché perseguono attraverso i progetti sopradescritti i principi di dematerializzazione, sicurezza, servizi in rete. In particolare il settore ha attivato i complessi adempimenti previsti in materia di continuità operativa dall'art. 50-bis del CAD e dalle relative linee guida in materia di disaster recovery di Digit Pa; ciò significa: - la predisposizione obbligatoria di un piano di continuità operativa (comma 3, punto a), inclusivo del piano di disaster recovery (comma 3, punto b), - la stesura, preventiva di un apposito studio di fattibilità, sul quale deve essere obbligatoriamente ri - chiesto parere di DigitPA. Parallelamente ha avviato una preliminare ricerca di mercato per verificare le condizioni tecnico-economiche. 2 ABBATTIMENTO DIGITALDIVIDE Dall i servizi di erogazione di un pubblico servizio di connettività ad Internet sono affidati alla NGI spa di Settimo Milanese, secondo la proposta tecnica presentata dalla Società. NGI offre la propria rete di trasporto composta da diversi ripetitori radio che diffondono il segnale su tutto il territorio della Comunità Montana, garantendo il servizio di connettività non solo agli utenti della rete della ex Comunità Montana Valli del Luinese ma espandendo la rete alle zone in grave digitaldivide non ancora raggiunge dal segnale. Il servizio è stato esteso per la frazione Mulini di Piero in Comune di Curiglia con Monteviasco, in località Forcora nel Comune di Tronzano Lago Maggiore ed è in fase di realizzazione l estensione del segnale in località Palone nel Comune di Dumenza. L opera di negoziazione svolta da Comunità Montana, ha ottenuto, per i comuni (Veddasca) importanti agevolazioni tariffarie e soprattutto renderà possibile lo sviluppo di una organizzazione di natura federata, policentrica e non gerarchica del sistema: l'interconnessione tra le sedi realizza, di fatto, anche l'infrastruttura interna di comunicazione, condivisa e sicura. Sono stati condotte le prime verifiche per realizzare su di un comune campione le modalità di realizzazione della rete VPN. Il complesso di attività sono inserite nel progetto approvato dalla D.g.r. 6 luglio n. IX/1976, 23/7/2010 Pag. 13

14 - Il sistema di connettività wireless in Comunità Montana Valli del Verbano e avvio di un centro territoriale (C.S.T.) e servizi connessi e nel PISL MONTAGNA 2012/2014 Queste linee sviluppano un complesso di attività che implementano e consolidano le progettualità in essere nei diversi settori dell Ente ed integrati nel progetto approvato : 4.1 realizzazione rete VLAN - configurazione ed avvio connettività centro stella - sistema di log management lan-vlan 4.2.b integrazione e consolidamento DBT - Infrastruttura server - licenze - configurazione 4.2.c integrazione e consolidamento GIT - infrastruttura hardware - Licenze - attività sistemica 4.2.d integrazione e consolidamento SIT -PORTA INFORMATICA - sviluppo sistema attraverso CRS - porte di dominio - realizzazione infrastruttura hardware 4.2.e progettazione e direzione lavori Nel corso dell anno è stato realizzato il centro Stella di Comunità Montana tramite un collegamento EOLO 16Mega Simmetrico installato presso la sede centrale della Comunità Montana ed acquisito il sistema di log management, che sarà collaudato entro il mese di dicembre e richiesto dalla normativa in materia sicurezza e trattamento dei dati - d.lsg n. 196 del 30/06/2003. Nelle attività di progettazione del Settore connesse al PISL MONTAGNA COMUNITA MONTANA VALLI DEL VERBANO 2012/2014 quale naturale prosecuzione delle attività sopradescritte è proposto di assicurare i servizi del CST, quale dorsale infrastrutturale di base per i servizi comunali, con pari opportunità d accesso per tutti i cittadini: tale condizione può verificarsi solamente contrastando tutte le forme di divario digitale. Il CST, quale formula principe di paternariato, dovrà dotarsi di un portafoglio di servizi capace di posizionarsi correttamente rispetto a questi obiettivi primari: - Pianificazione strategica dell e-government territoriale per comuni e loro aggregazioni - Centrale delle negoziazioni con i fornitori di servizi ICT - Promozione e diffusione del riuso delle soluzioni di front-office - Promozione della gestione associata e dei modelli di funzionamento federato - Definizione delle policy e adeguamento degli standard di sicurezza - Gestione dell interscambio e della cooperazione applicativa - Facilitazione dell accesso ai servizi di e-government per cittadini ed imprese. Pag. 14

15 Nell ambito del PISL e coerentemente agli obiettivi primari, i servizi che si intendono diffondere sono, in prima battuta, relativi ai progetti avviati la cui struttura tecnologica si intende consolidata all interno del CED di Comunità Montana: 1. Progetto SIT Sistema Informativo Territoriale della Comunità Montana 2. Progetto di Produzione del Databasetopografico - realizzazione di un sistema informativo territoriale finalizzato alla gestione degli accessi e della numerazione civica e di un sistema di consultazione del database topografico attraverso strumenti WEB GIS 3. Progetto GIT Gestione Intersettoriale del Territorio - esercizio della piattaforma di condivisione delle banche dati che consenta all amministrazione di gestire politiche fiscali e di sviluppo del Territorio 4. Porta Informatica accesso ai servizi da parte di cittadini, imprese, professionisti, utenti: sportello suap e sistema di pagamenti on line. La programmazione triennale consentirà di analizzare la fattibilità per la gestione di Servizi a domanda specifica: sono quei servizi che un CST, sulla base delle proprie capacità organizzative e delle esigenze espresse dai Comuni aderenti, renderà disponibili a consumo a ciascun Comune che deciderà di aderire alla proposta ( a fronte quindi della sottoscrizione di uno specifico contratto di servizio). Il catalogo e il relativo listino di questa tipologia di servizi sarà definito dall Assemblea, sulla base di linee guida condivise per garantire una omogeneità sul territorio. La strategia generale che sottende alle iniziative progettate non è stata semplicemente determinata dalla necessità di far fronte ad alcune difficoltà, ma anche dalla capacità di cogliere le opportunità che un modello di tipo sovracomunale è in grado di offrire, in particolare: colmare gli squilibri tra comuni, secondo una logica di sussidiarietà; condividere le competenze, le professionalità, le buone pratiche, che possono trovarsi nel piccolissimo come nel grande comune; condividere le conoscenze e le informazioni; gestire il territorio con uno sguardo in grado di abbracciarne la complessità; costruire un modello condiviso che rafforzi l'identità del territorio. Il triennio progettuale contempla le spese relative allo Start-up della struttura - sono stati infatti assunti i provvedimenti per il proseguo delle attività di servizi affidate esternamente - e dei servizi che dovranno essere coperte in parte anche da opportune quote associative a carico degli Enti che costituiscono il CST, secondo il quadro organizzativo delineato. Queste quote saranno definite in base alla necessità finanziaria del singolo CST e dovranno essere proporzionali alla dimensione demografica dei Comuni partecipanti. Ma l autonomia economico-finanziaria del CST è uno degli aspetti più importanti per garantire il sostegno e lo sviluppo della struttura. Dopo la fase di avviamento che si conclude con lo Start-up, il CST deve essere in grado di autofinanziarsi tramite la condivisione e l attuazione di un piano economico e finanziario a medio-lungo termine. E indispensabile quindi sviluppare successivamente un piano di business che garantisca la sostenibilità e stabilità economico-finanziaria del CST nella fase di attività a regime di erogazione dei servizi. Si auspica un maggior coinvolgimento dei settori interni dell Ente e delle Amministrazioni coinvolte anche attraverso idonee linee politico-direzionali adeguate. Pag. 15

16 Il settore in collaborazione con l ufficio SIT presso il Settore Tecnico ha infatti avviato la redazione di una carta di servizi (di cui si allega stralcio) attualmente completata per la parte della struttura informatica consolidata e tratteggiata per quanto attiene il servizio SIT. Corre l obbligo del richiamo alle recenti manovre finanziarie che disciplinano l obbligatorietà della gestione associata delle funzioni, argomento che si rimanda alla parte descrittiva in relazione sui servizi associati. Attività strategiche del progetto Progetto Git Gestione Intersettoriale del Territorio Tra le attività strategiche hanno assunto particolare rilievo per l avanzamento dei lavori il progetto G.I.T.Il progetto finanziato dalla Regione Lombardia e dal Dar ha capofila il Comune di Milano e, per l Aggregazione della Comunità Montana Valli del Verbano, coinvolge tutte le amministrazioni del territorio. Partner del progetto è la soc. HiWeb che segue l installazione della piattaforma informatica che renderà disponibili i 17 servizi ai Comuni, mentre Ancitel Lombardia coordina le attività di rendicontazione e verifica. E consistente l attività di coordinamento tra le diverse figure tecniche, nonché di coinvolgimento delle Amministrazioni comunali interessate. Superato positivamente il collaudo ministeriale, il settore ha portato avanti la migrazione della piattaforma presso il Centro Servizi avviando il reperimento da ogni Comune, dei dati di scarico dalle Agenzie delle Entrate e del Territorio attraverso i Sistemi Siatel e Sister. Sono stati condotti puntuali incontri e sopralluoghi nelle singole amministrazioni offrendo ai Referenti comunali il nostro completo supporto sia attraverso la manualistica sia attraverso l operatività diretta del tecnico informatico incaricato. I dati raccolti sono poi trasmessi in FTP al Centro Sistema presso la soc. HiWeb. Il Settore aggiorna costantemente le amministrazioni circa le fasi di attuazione, aggiornando il Piano delle Attività. Particolare attenzione è stata prestata per il reperimento delle banche dati Comunali dai software gestionali presenti. Comunità ha assunto direttamente gli oneri per la transcodifica e l esportazione dei dati ( Anagrafe Demografica, Tributi ICI e Tarsu, Concessioni edilizie, Licenze commerciali). Nella nostra aggregazione sono presenti sei diversi operatori con i quali l ufficio ha condotto le trattative e le procedure per le attività previste. E' stato organizzato un incontro per illustrare le attività di CM quale Centro Servizi Territoriale. E' da riscontrare una criticità per i Comuni dotati degli applicativi Maggioli (studiok, saga, maggioli) Apsystem, Starch, Padigitale, per i quali l'estrazione avviene a cura dell'operatore. Per programmare le attività da svolgere nel 2012 è stata delineata la panoramica delle attività durante una giornata formativa per: - modalità di aggiornamento delle banche dati; - trasferimento installazione della piattaforma presso il centro sistema della Comunità Montana; - utilizzo della Piattaforma nella versione definitiva; - evoluzioni del progetto Le attività di coinvolgimento e di formazione erano finalizzate quindi ad uno degli obbiettivi fondamentali del progetto: la partecipazione a una rete sintonizzata con le esigenze espresse dai diversi livelli istituzionali - Pag. 16

17 europeo, nazionale e regionale e l associarsi rappresentano modalità per meglio rispondere alle sfide poste dall ultima legge di stabilità e più in generale dai tagli ai trasferimenti. Un ulteriore elemento innovativo è costiuito dal progetto di integrazione della Cartella Sociale. Il settore ha redatto e presentato telematicamente il Progetto di gestione integrata dei servizi sociali attraverso piattaforma informatica semplificasociale a valere sul bando Semplificazione Misura 2. Il progetto è stato approvato e ammesso a finanziamento ma non finanziato per insufficienza dei fondi regionali. - Interoperabilità Elemento di valenza strategica nel progetto ex l.r.25/2007 è per la realizzazione della piattaforma di cooperazione istituzionale che significa realizzare una porta di dominio per lo scambio elettronico di informazioni e le transazioni tra le Pubbliche Amministrazioni. L amministrazione che invia le informazioni in modo elettronico ad un altra, ha garanzia del fatto che la destinataria (e non altri) le abbia ricevute, così come la ricevente potrà trattare le informazioni elettroniche ricevute con pari dignità di quelle che oggi riceve con i metodi tradizionali, considerati fino ad ora gli unici probanti ai fini del procedimento amministrativo. sulla base di standard definiti a livello nazionale. La porta di dominio fa parte del modello organizzativo nazionale del Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione (SPC) le cui regole tecniche non sono aggiornate. IL SPC è un insieme di infrastrutture tecnologiche e di regole tecniche che ha lo scopo di federare le infrastrutture ICT delle pubbliche amministrazioni al fine di realizzare servizi integrati mediante regole e servizi condivisi. Tale integrazione permette di risparmiare sui costi e sui tempi, e di realizzare i servizi finali centrati sull utente, evitando richieste continue di dati da parte delle amministrazioni, oltre che duplicazioni di informazioni e controlli. Il Codice dell'amministrazione Digitale (CAD) lo disciplina e definisce le modalità preferenziali che i sistemi informativi delle pubbliche amministrazioni devono adottare per essere tra loro "interoperabili". Il progetto elaborato da Comunità montana è finalizzato alla realizzazione di un insieme di componenti open source aderenti alle specifiche per la Cooperazione Applicativa nella Pubblica Amministrazione, rilasciate dal Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA) e note con il nome di Servizio Pubblico di Cooperazione (SPCoop).Le regole tecniche applicative emanate per gli enti pubblici risalgono al 2008 e dovranno essere aggiornate a seguito dell evoluzione normativa del Codice dell Amministrazione digitale e dell Agenda Digitale disciplinata recentemente con l.35/2012. Comunità Montana ha avviato la realizzazione dell infrastruttura tecnologia che troverà piena applicazione in ragione delle regole tecniche che DigitPA dovrà stabilire. Nella categoria della interoperabilità rientrano tutti i servizi mirati a favorire la circolazione, lo scambio e l'erogazione di dati e informazioni fra le pubbliche amministrazioni e tra queste e i cittadini. Per tale assunto il progetto diventa elemento fondamentale di partecipazione alla community network a livello nazionale e di erogazione di servizi on line. Pag. 17

18 3 GESTIONE CONTRATTI Il Settore provvede all'aggiornamento e codifica dei procedimenti concorsuali e per, ogni fase, la redazione della modulistica dall atto preordinato (determina contrattuale) all atto finale (contratto, atto di cottimo, ordine di servizio). L aggiornamento è necessario a seguito delle frequenti modificazioni del Codice dei Contratti e del connesso Regolamento. L unificazione logistica e la centralizzazione dei server e della rete informatica, ha reso possibile struttura un sistema di rete condividendo aree comuni ove ospitare una funzionale organizzazione degli schemi e degli atti. Ciò agevolerà la messa a disposizione a tutti i settori e l aggiornamento dei documenti. Sono state catalogate le procedure e sono stati redatti e personalizzati i modelli di documenti per le diverse fasi contrattuali per: - procedure in economia per forniture e servizi: affidamenti diretti, affidamenti con cottimo fiduciario, affidamenti di servizi tecnici e affidamenti di servizi legali: - procedura aperta per forniture e servizi. Nel corso dell anno ha predisposto i contratti dell'ente secondo la normativa vigente, curando le procedure di stipulazione e di rogito dei contratti in collaborazione con le Direzioni; sono stati repertoriati nei primi due quadrimestri 14 atti pubblici di cui 8 atti di cottimo non soggetti a registrazione (incarichi professionali, forniture di beni servizi, atti di cottimo fiduciario, convenzioni, etc.). Successivamente alla stipula, sono curati tutti gli adempimenti amministrativi connessi alla repertoriazione, registrazione, trascrizione collaborando con il settore finanziario al riparto periodico dei diritti di rogito. L attività dell ufficio supporta l attività amministrativa dell ISPE e ove necessario, comunica gli aggiornamenti normativi agli uffici di Valcuvia Servizi e Gal. In relazione all emanazione del Regolamento di Attuazione del Codice dei Contratti che disciplina in dettaglio tutte le procedure concorsuali l ufficio ha partecipato a corsi di formazione ed aggiornamento, provvedendo, contemporaneamente alla modifica delle procedure catalogate. E' stato inoltre tenuto presso Comunità Montana una sessione formativa estesa a tutti i Comuni in merto a APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI: GLI ULTIMI INTERVENTI NORMATIVI E DELL AVCP, con relatore l'avv. M. Cristina Colombo. Il momento di formazione aveva inoltre lo scopo di approfondire la tematica della centrale unica di committenza (articolo 33 del Dlgs 163/2006) che sarà in vigore dal 1 aprile 2013 per i comuni con popolazione minore di ab. L'obbligo di associazione obbligatoria riguarda solo le procedure di gara; ogni ente rimane responsabile delle fasi a monte (programmazione) e a valle (esecuzione) e provvede autonomamente agli affidamenti diretti nei casi consentiti In relazione agli eventi normativi (c.d. Spending Review 1-2, Decreto Sviluppo, Decreto Crescita) sono state elaborate direttive per gli uffici soprattutto in tema di acquisto di beni e servizi attraverso mercati elettronici. E stata attivata la convenzione con la piattaforma di Regione Lombardia sia per la gestione della gara informatica sia per il mercato Elettronico. Il Settore ha proveduto all acquisto dei dispositivi di firma digitale per i dirigenti ed i responsabili tali da consentire l accesso alle piattaforme Consip e Regionali. A seguito della modifica dell'art.11, comma 13 del D.Lgs. n.163/2006 novellato dall'art. 6 del D.L. n.179/2012 convertito con modificazioni in L. 17/12/2012 n. 221, secondo il quale dal 01/01/2013 i contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture vanno stipulati, a pena di nullità, in modalità elettronica, ai sensi del D.Lgs. n. 82/2005 (Codice dell'amministrazione Digitale) e dell'art e ss. del Codice Civile, sono state avviate Pag. 18

19 le opportune verifiche in merito alla possibile regolamentazione poiché le indicazioni interpretative sono, ad oggi, poco chiare. Attività strategiche: L unificazione logistica e la centralizzazione dei server e della rete informatica, ha reso possibile struttura un sistema di rete condividendo aree comuni ove ospitare una funzionale organizzazione degli schemi e degli atti. Ciò agevolerà la messa a disposizione a tutti i settori e l aggiornamento dei documenti. 5 ALTRI SERVIZI ASSOCIATI Il progetto include gli stanziamenti per i seguenti servizi associati per i quali l Ente ha in corso alcune attività, in particolare: - Polizia locale: vengono gestite le attività residuali conseguenti allo scioglimento della convenzione di cui l Ente era il capofila; - Macello di Luino: dovrà essere valutata l opportunità di prosecuzione della convenzione a fronte di nuovi e diversi accordi da concordare con l Amministrazione comunale di Luino. Per quanto concerne lo sviluppo dei servizi associati In collaborazione con Ancitel Lombardia è stato proposto un modello per la gestione in forma associata dello Sportello Unico per le Imprese. Il nuovo regolamento sullo Sportello Unico per le attività produttive pubblicato in G.U. il 30 settembre 2010 prevede infatti ruoli ben precisi per i Comuni, sia nella ricezione delle istanze relative all avvio di nuove attività economiche, che nell instradamento agli enti di riferimento delle documentazioni relative, sia nella formazione dei procedimenti autorizzativi, anche alla luce dell introduzione delle segnalazioni certificate inizio attività (S.C.I.A.) con l obiettivo finale di giungere ad una effettiva riduzione dei tempi di comunicazione fra impresa e pubblica amministrazione. Comunità Montana Valli ha approvato la Convenzione e dato avvio al servizio che prevede due distinte modalità di associazione con Comunità Montana quale: 1. Ente Gestore dello Sportello per le attività produttive, artigianali e commerciali attraverso la costituzione di un ufficio unico che, per delega dei Comuni, svolge le attività che la normativa attribuisce agli SUAP (rif. art.6 Convenzione); 2. Ente Tecnico che, per le segnalazioni e i procedimenti ordinari, relativi alle attività produttive/artigianali svolge esclusivamente attività istruttorie per gli SUAP dei Comuni che hanno delegato solo questa funzione. Al termine dell istruttoria la Comunità Montana trasmette allo SUAP del Comune gli atti amministrativi risultato dell attività istruttoria. (rif. art.7 della Convenzione); Alla Convenzione al hanno aderito 23 Amministrazioni comunali, 20 al modello a.ente Gestore e 3 al modello b.ente Tecnico. E stato redatto il nuovo bilancio dell Ente mantenendo inalterata la struttura organizzativa inziale. Parte della struttura informatica è stata realizzata anche grazie al finanziamento ottenuto sul «Bando "Voucher digitale"» in attuazione della d.g.r. n. IX/884 del 1 dicembre 2010 «Iniziative per la digitalizzazione Pag. 19

20 dei processi e delle procedure e miglioramento dell accesso e della fruizione dei servizi pubblici ottentendo un contributo di ,00 sulla base di un progetto di complessivi ,00 finalizzato all acquisizione di tecnologie e soluzioni informatiche per sviluppare il servizio associato. Parte di tali contributi sono finalizzati alla dotazione di un portale di accesso alla compilazione delle pratiche on line cui si accede sia tramite crs che registrazione attraverso ID e password e di un sistema di pagamenti on line, con l avvio prioritario per il pagamento dei diritti di segreteria per le pratiche destinate al SUAP. Tale sistema è l applicativo CPay fornito dalla soc. Nordcom, accreditata presso Lombardia Informatica. E' un servizio in collegamento con l'istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane (ICBPI). ICBPI ricopre il ruolo di banca assuntrice, elaborando la movimentazione generata dal nuovo canale d incasso e producendo i flussi di addebito per le banche domiciliatarie ed i flussi di accredito per le banche tesoriere. Questa possibilità innovativa ci ha permesso di avviare le trattativa per attivare un canale di pagamento verso asl varese: formalmente ciò avviene attraverso la compilazione di una autorizzazione al rid ed una dichiarazione di manleva. Si sottolinea l importanza in luce del più completo e strutturato servizio in funzione dell utenza al fine di consentire l effettivo regime della presentazione completa della pratica in via informatica, così come previsto dalla normativa nazionale. Va da sé che l applicazione del sistema di pagamento può essere esteso a qualsivoglia Comune e per qualsivoglia tipologia di pagamento. E una importante prospettiva di effettivo servizio alle amministrazioni comunali che non potranno essere in grado di attuare il dettato normativo sull amministrazione digitale. Tutta l infrastruttura è conforme ai requisiti di sicurezza del corporate banking di ICBPI. CPay è integrato con il portale dei servizi del SUAP in corso di installazione. Un utente potrà disporre i pagamenti utilizzando la piattaforma CPay in tutti i servizi al cittadino che richiedono un pagamento, selezionando i link appositamente predisposti. L identificazione dell utente avviene tramite CRS unicamente nel portale utilizzando il sistema IDPC di Regione Lombardia. Il sistema CPay accede a IDPC per verificare che l utente si sia correttamente identificato. CPay permette ad oggi tre tipologie di pagamento sicuro: tramite RID, tramite carta di credito, e potrà essere attivata nel prossimo anno tramite MAV. Nel caso di RID è necessario che l utente si autentichi con la CRS. Nel caso di carta di credito o MAV tale autenticazione non è strettamente necessaria ma è possibile renderla obbligatoria su richiesta dell ente che eroga il servizio. Il vantaggio è che in questo caso l ente può tracciare ogni pagamento, col suo relativo esito, anche se fatto con carta di credito o MAV, aggiornando in tempo reale, sia per il back office che per l utente, lo stato del pagamento stesso. I protocolli utilizzati sono stati definiti da ICBPI specificatamente per il corporate banking via Internet e sono stati implementati nel software CPay sotto la supervisione di ICBPI. In particolare tutte le trasmissioni tra l utente e il sistema CPay e tra questo e ICBPI avvengono con protocollo https con certificati asimmetrici, garantendo così un elevato standard di sicurezza: da entrambe le parti viene verificata la provenienza dei dati trasferiti. La soluzione si basa su web services dei quali esiste la specifica WSDL con protocollo https. Lo scambio dei files tra client e server avviene tramite il protocollo Soap with attachments. I file da trasmettere/ricevere sono inglobati in un unico file compresso, firmato e crittografato secondo lo standard OpenPgp. Pag. 20

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013 Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE della Conferenza di servizi telematica per l approvazione

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni Determinazione dirigenziale n. 1 del 07/01/2013 Oggetto : Servizio di supporto alle attività di digitalizzazione dei flussi documentali dell'albo Gestori Ambientali. Affidamento all'unioncamere Molise

Dettagli

Comune di Bassano del Grappa

Comune di Bassano del Grappa Comune di Bassano del Grappa DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Registro Unico 1247 / 2014 Area Staff OGGETTO: ACQUISIZIONE SERVIZIO AGGIORNAMENTO TECNOLOGICO DEL SOFTWARE APPLICATIVO PER LA GESTIONE ECONOMICA

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda 1 Finalità dell intervento... 2 2 Modello di riferimento... 2 3 Soggetti abilitati

Dettagli

STATO AVANZAMENTO LAVORI

STATO AVANZAMENTO LAVORI ACCORDO DI COLLABORAZIONE INTERISTITUZIONALE (ACI) aggregazione di comuni denominata GRANDE MANTOVA ACCORDO DI COLLABORAZIONE INTERISTITUZIONALE (ACI) AGGREGAZIONE DI COMUNI CITTA DI CURTATONE PORTO MANTOVANO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 COMUNE DI VILLANOVA DEL GHEBBO P R O V I N C I A D I R O V I G O C.F. 82000570299 P.I. 00194640298 - Via Roma, 75 - CAP 45020 - Tel. 0425 669030 / 669337 / 648085 Fax 0425650315 info-comunevillanova@legalmail.it

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT)

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 144 del 20/01/2011 OGGETTO: Micro Organizzazione Direzione Innovazione PA - Sistemi Informativi

Dettagli

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI Centro di costo: 1. Servizi Informatici Telematici e SIT SETTORE: SISTEMI INFORMATIVI RESPONSABILE: Dott. Tonelli Emanuele Centro di Costo: Servizi Informatici

Dettagli

Codice dell Amministrazione digitale

Codice dell Amministrazione digitale Dlgs. 7 marzo 2005, n. 82 Codice dell Amministrazione digitale (Estratto relativo ai soli articoli riguardanti il Sistema pubblico di connettività) Capo VIII Sistema pubblico di connettività e rete internazionale

Dettagli

COMUNE DI CASTELCUCCO

COMUNE DI CASTELCUCCO COMUNE DI CASTELCUCCO Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO

Dettagli

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 Programma triennale per la legalità e la trasparenza (2011-2013) (redatto ai sensi dell art. 11, comma 2, D. lgs. n. 150/2009 sulla

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014)

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Comune di Argelato Comune di Bentivoglio Comune di Castel Maggiore Comune di Castello d Argile Comune

Dettagli

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 Comune di Sospirolo P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione

Dettagli

Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate.

Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate. Cos'è lo Sportello Unico Attività Produttive Lo Sportello Unico per le Attività Produttive, già nella sua definizione data dal D.P.R. n. 447/1998, ha per oggetto la localizzazione degli impianti produttivi

Dettagli

(PROVINCIA DI CATANIA)

(PROVINCIA DI CATANIA) (PROVINCIA DI CATANIA) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 1. OGGETTO E OBIETTIVI La trasparenza consiste nella accessibilità delle informazioni sulla organizzazione, degli

Dettagli

Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it

Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it Programma Il Codice dell Amministrazione Digitale Il Documento Informatico

Dettagli

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Adozione del Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni on line. IL SEGRETARIO COMUNALE Visto

Dettagli

L'UFFICIO DI PRESIDENZA

L'UFFICIO DI PRESIDENZA DELIBERAZIONE DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE N. 71 DELL 8 OTTOBRE 2014 Protocollo d intesa tra Consiglio regionale e Comune di Venezia in materia di servizi informatici e telematici.

Dettagli

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione 11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione Approvata con delibera di Giunta regionale n. 744 del 28 Giugno 2011 Semplificazione

Dettagli

IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA. Manuela Giaretta

IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA. Manuela Giaretta IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA Manuela Giaretta 23 gennaio 2014 Strumenti elettronici di pagamento Regione Lombardia è stata tra le prime Regioni ad introdurre l ordinativo

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 1 - Finalità del Piano L articolo 11, comma 1, del decreto legislativo n.150 del 2009 definisce la trasparenza come accessibilità totale, anche

Dettagli

Stato di attuazione del Programma triennale della Trasparenza e dell Integrità (2012-2014)

Stato di attuazione del Programma triennale della Trasparenza e dell Integrità (2012-2014) Provincia di Torino Stato di attuazione del Programma triennale della Trasparenza e dell Integrità (2012-2014) Approvato con D.G.C. n. 161 del 1 luglio 2013 Stato di attuazione del Programma della Trasparenza

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Documento Trasparenza: Codice di raggruppamento: Oggetto della modifica: TR.PRO.TRA TR.PRO.TRA Approvazione: Delegato Piero Buoncristiano Emissione:

Dettagli

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector PloneGov.org Open source collaboration for the public sector Assessora Fortunata Dini Navacchio, 04 Dicembre 2008 Quadro normativo Obiettivi strategici Conferenza di Lisbona del 2000 Il passaggio ad un

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) www.comune.rosignano.livorno.it BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 ALLEGATO N. 15: Piano triennale 2015/2017 per la razionalizzazione dell utilizzo delle

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE COMUNE DI MAROSTICA PIANO ESECUTIVO DELLA GESTIONE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ANNO 2012 PIANI OPERATIVI DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2012-2014 PIANI OPERATIVI PER IL RAGGIUNGIMENTO DI OBIETTIVI

Dettagli

IL RUOLO DEL TESORIERE NEL SUPPORTO ALLA P.A.

IL RUOLO DEL TESORIERE NEL SUPPORTO ALLA P.A. IL RUOLO DEL TESORIERE NEL SUPPORTO ALLA P.A. Claudio Mauro Direttore Centrale Business Genova, 11 Novembre 2010 1 Agenda Scenario Pubblica Amministrazione Locale Ordinativo Informatico Locale Gestione

Dettagli

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011 SEZIONE A Sistema informativo comunale, rete e sicurezza Nell ambito del sistema informativo, degli applicativi in uso, della rete e del sistema di sicurezza va mantenuta e migliorata l efficienza intervenendo

Dettagli

Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP)

Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Provincia di Forlì-Cesena Comune di Forlì Comune di Cesena Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Normativa di riferimento D.P.R. 20 ottobre

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2015-2016 Pag. 1 a 10 Sommario 1 Premessa...3 2 Programma per la Trasparenza e l Integrità...3 2.1 Il principio della Trasparenza e la politica per la Trasparenza...3

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41 Pag. 1 di 10 SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME agosto 2010 Pag. 2 di 10 SOMMARIO 1. SCOPO DEL DOCUMENTO...3 2. INQUADRAMENTO...3 3. LO USER GROUP SPORTELLO UNICO...4 4. IL SOFTWARE PER

Dettagli

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Lecce COMUNE DI Progetto per la semplificazione amministrativa C O N V E N Z I O N E T R A - la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Capitolato speciale per la fornitura di

Capitolato speciale per la fornitura di ALLEGATO A Capitolato speciale per la fornitura di Servizi di verifica procedurale e funzionale delle componenti di servizio della Community Network dell'umbria nell'ambito del piano di Semplificazione

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Unità direttiva Segreteria di Direzione ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE a) assistenza agli organi dell Agenzia b) istruttoria preliminare

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento Amministrazione trasparente art. 13, comma 1, lett. b) D.Lgs. n. 33/2013 Articolazione degli uffici, competenze e risorse a disposizione di ciascun ufficio La struttura organizzativa degli Uffici dell

Dettagli

PIANO PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI INFORMATICHE E DELLA TELEFONIA - RELAZIONE ANNUALE DOTAZIONI INFORMATICHE -

PIANO PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI INFORMATICHE E DELLA TELEFONIA - RELAZIONE ANNUALE DOTAZIONI INFORMATICHE - PREMESSA In ottemperanza a quanto stabilito con Delibera di Giunta n. 18 del 13/01/2009, con la quale è stato approvato il Piano per la razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali informatiche

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI.

PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI. Parte I PREMESSA Nel più ampio ambito della legislazione ispirata al contenimento della spesa pubblica, le disposizioni contenute nei commi 594, 595, 596, 597, 598, 599 dell articolo 2 della legge 24.12.2007

Dettagli

COMUNE DI VILLAGRANDE STRISAILI

COMUNE DI VILLAGRANDE STRISAILI COMUNE DI VILLAGRANDE STRISAILI Provincia dell Ogliastra REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, L AGGIORNAMENTO E LA TENUTA DEL SITO WEB ISTITUZIONALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 6 del 9/4/2014

Dettagli

OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna

OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna COMUNE DI OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna PROPOSTA DI DELIBERAZIONE PER LA GIUNTA MUNICIPALE LA GIUNTA MUNICIPALE

Dettagli

COMUNE DI LUCERA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE

COMUNE DI LUCERA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE COMUNE DI LUCERA PROVINCIA DI FOGGIA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE (Art. 24, comma 3-bis del D.L. 24 giugno 2014 n. 90,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 Adottato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 14 in data 09 maggio 2011 1 1. OGGETTO E OBIETTIVI La trasparenza consiste nella

Dettagli

Scheda rilevazione sistemi ICT e strumenti ICT. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO.

Scheda rilevazione sistemi ICT e strumenti ICT. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO. Scheda rilevazione sistemi e strumenti sistemi ICT e strumenti ICT Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO Allegato Sommario 1 Dotazioni informatiche

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI MONTANI COLLINE DEL FIORA COMPRENDENTE I COMUNI DI PITIGLIANO MANCIANO SORANO. DETERMINAZIONE n 20 del 11/02/2012

UNIONE DEI COMUNI MONTANI COLLINE DEL FIORA COMPRENDENTE I COMUNI DI PITIGLIANO MANCIANO SORANO. DETERMINAZIONE n 20 del 11/02/2012 UNIONE DEI COMUNI MONTANI COLLINE DEL FIORA COMPRENDENTE I COMUNI DI PITIGLIANO MANCIANO SORANO VIA UGOLINI, 83 58017 PITIGLIANO (GR) SERVIZIO SEGRETERIA COPIA DETERMINAZIONE n 20 del 11/02/2012 OGGETTO:

Dettagli

Adesione al Nodo nazionale dei pagamenti elettronici SPC (Sistema Pubblico di Connettivita').

Adesione al Nodo nazionale dei pagamenti elettronici SPC (Sistema Pubblico di Connettivita'). REGIONE PIEMONTE BU19 08/05/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 15 aprile 2014, n. 37-7454 Adesione al Nodo nazionale dei pagamenti elettronici SPC (Sistema Pubblico di Connettivita'). A relazione

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) SETTORE GESTIONE SISTEMI INFORMATICI E FINANZIARI ED ESECUZIONE PAGAMENTI Decreto n. 128 del 30 dicembre 2014 Oggetto:

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE. Con atto approvato dal Commissario Straordinario del Comune di Roma n.. del.. e dalla Deliberazione Consiliare

Dettagli

Conservazione del documento informatico ed i conservatori accreditati. Agenzia per l Italia Digitale

Conservazione del documento informatico ed i conservatori accreditati. Agenzia per l Italia Digitale Conservazione del documento informatico ed i conservatori accreditati Agenzia per l Italia Digitale 21-11-2014 L «ecosistema» della gestione dei documenti informatici PROTOCOLLO INFORMATICO FIRME ELETTRONICHE

Dettagli

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA ALLEGATO C PROVINCIA DI MANTOVA SETTORE RISORSE SVILUPPO ORGANIZZATIVO E AFFARI ISTITUZIONALI AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA 1 Mattiamoci la faccia: customer sui L ente ha già attivato un sistema di

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av)

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av) Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica del Comune di Rotondi (Av) Circolare DigitPA 1 dicembre 2011 n. 58 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 30 del

Dettagli

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE Rete telematica e servizi di supporto ICT La rete telematica regionale LEPIDA ed il SISTEMA a rete degli SUAP come esempi di collaborazione fra Enti della PA per

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI PER GARANTIRE L ACCESSO AI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 MISURA 114 UTILIZZO DEI SERVIZI DI CONSULENZA AZIONE 1 Servizi di consulenza agricola rivolti agli imprenditori agricoli 1. DESCRIZIONE DELLA MISURA 1.1

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO

D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE DI DISABILI PSICHICI IN COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI 2014-2016 ANNUALITA 2014 Periodo transitorio D4 -DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 Codice DB1107 D.D. 19 novembre 2010, n. 1316 Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 - Ricorso alla procedura negoziata, ai sensi dell'art. 57, comma 2, lettera b)

Dettagli

Relazione accompagnamento Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI TURRI. Provincia Medio Campidano

Relazione accompagnamento Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI TURRI. Provincia Medio Campidano COMUNE DI TURRI Provincia Medio Campidano Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

Tavolo strategico e Tavolo tecnico SERVIZI AI COMUNI. 22 settembre 2015

Tavolo strategico e Tavolo tecnico SERVIZI AI COMUNI. 22 settembre 2015 Tavolo strategico e Tavolo tecnico SERVIZI AI COMUNI 22 settembre 2015 Servizi ai Comuni Centro Innovazione e Tecnologie Rete Bibliotecaria Bresciana CIT RBB EE Efficientamento Energetico (RIP, Edifici

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

SISTEMA DI LOG MANAGEMENT

SISTEMA DI LOG MANAGEMENT SIA SISTEMA DI LOG MANAGEMENT Controllo degli accessi, monitoring delle situazioni anomale, alerting e reporting Milano Hacking Team S.r.l. http://www.hackingteam.it Via della Moscova, 13 info@hackingteam.it

Dettagli

Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa

Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa RESPONSABILE: ANNA BRUZZO 2. Sportello Unico Attività Produttive-Edilizia e pratiche sismiche RESPONSABILE: NARA BERTI

Dettagli

Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati

Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati (Il sistema Gestione Piani Urbanistici GPU della Provincia Autonoma di Trento) Mauro Zambotto - Provincia Autonoma di Trento Alberto

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA CONDUZIONE

Dettagli

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011).

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011). ALLEGATO A (costituito da n. 8 pagine complessive) Linee guida concernenti modalità e termini di comunicazione, per via telematica - tramite il Portale del Turismo e del Made in Lazio www.ilmiolazio.it

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE ISTITUZIONE SERVIZI EDUCATIVI SCOLASTICI CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CORREGGIO Viale della Repubblica, 8 - Correggio (RE) 42015 tel. 0522/73.20.64-fax 0522/63.14.06 P.I. / C.F. n. 00341180354 DETERMINAZIONE

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

COMUNE DI ARGENTA. La scelta dell open source come strumento dell e government locale.

COMUNE DI ARGENTA. La scelta dell open source come strumento dell e government locale. COMUNE DI ARGENTA Ferrara 29 Novembre 2003 La scelta dell open source come strumento dell e government locale. Un percorso applicativo di responsabilizzazione e sviluppo delle risorse umane Comune in Provincia

Dettagli

Determinazione dirigenziale

Determinazione dirigenziale SETTORE SISTEMA INFORMATIVI ASSOCIATI --- SIA Determinazione dirigenziale Registro Generale N. 86 del 13/02/2015 Registro del Settore N. 9 del 03/02/2015 Oggetto: Acquisto del servizio settimanale OFF-SITE

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE La Camera di Commercio La Camera di Commercio è un ente autonomo di diritto pubblico che svolge, nell ambito della circoscrizione territoriale di competenza,

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese

I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese Agenda Digitale Toscana I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese Laura Castellani ICT e crescita Nell Agenda Digitale Europea la Commissione ha indicato ai Paesi membri obiettivi per il 2020

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Indice 1.PREMESSA 1.1 I contenuti del Programma triennale della trasparenza e l integrità 2.ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI RESPONSABILI DELLA PUBBLICAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PREMESSA 1. Organizzazione e funzioni dell amministrazione 2. Obiettivi strategici in materia di trasparenza e integrità

Dettagli

201509241305 Manuale di Gestione MIUR ALLEGATO n. 5 Pag. 1

201509241305 Manuale di Gestione MIUR ALLEGATO n. 5 Pag. 1 Indice dei contenuti GENERALITÀ 1. ASPETTI DI SICUREZZA INERENTI LA FORMAZIONE DEI DOCUMENTI 2. ASPETTI DI SICUREZZA INERENTI LA GESTIONE DEI DOCUMENTI 3. COMPONENTE ORGANIZZATIVA DELLA SICUREZZA 4. COMPONENTE

Dettagli

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health. REGIONE PIEMONTE BU37 17/09/2015 Codice A14000 D.D. 14 luglio 2015, n. 465 Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE E SERVIZI ATTIVI... 2 OBIETTIVI DEL COMUNE...

SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE E SERVIZI ATTIVI... 2 OBIETTIVI DEL COMUNE... COMUNE DI FONTE Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE

Dettagli

Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis

Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Indice 1-Glossario...1 2-Finalità...2 3-Licenza d'uso...2 4-Adozione prodotti e servizi...2 5-Situazione attuale...4 6-Fasi di attuazione...4

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione

Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione Linee guida e Raccomandazioni per la II Fase - Studi di Fattibilità - II Edizione RUOLI NELLA RETE Quali sono i ruoli che un ente può interpretare nell ambito del progetto? Un ente può essere partner oppure

Dettagli

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c.

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. COMUNE DI CARPEGNA Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 13 del 16/02/2015 Pag. 2 2.

Dettagli

Studio di Fattibilità Tecnica

Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI MONASTIER DI TREVISO Provincia di Treviso Tel. 0422/798525 - Fax 0422/791045 e-mail: ragioneria@comune.monastier.tv.it pec: ragioneria.comune.monastier.tv@pecveneto.it Studio di Fattibilità Tecnica

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015 2017 1 1 Approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli