SOFTWARE - STEP-7 -AVVIAMENTO DI STEP 7 -Micro/Win (Win 95/98/NT)-

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOFTWARE - STEP-7 -AVVIAMENTO DI STEP 7 -Micro/Win (Win 95/98/NT)-"

Transcript

1 SOFTWARE - STEP-7 -AVVIAMENTO DI STEP 7 -Micro/Win (Win 95/98/NT)- Nella cartella SIMATIC, a cui si accede dal menù di AVVIO, è contenuta la cartella STEP 7- Micro/Win32.Questa contiene a sua volta l icona di avvio per STEP 7-Micro/Win 32 v3.0. Fare clic con il tasto sinistro del mouse per avviare il programma.. Questa è la schermata iniziale con cui si presenta Step-7: Si possono distinguere tre zone di lavoro, la prima chiamata comunemente anche barra di navigazione ; la seconda è la barra di lavoro, in cui si trovano tutti i riferimenti al progetto e i componenti; l ultima è il vero ambiente di lavoro detto editor di programma. L editor di programma è come una griglia suddivisa in celle (le celle rappresentano le aree in cui è possibile inserire un'operazione, assegnare un valore a un parametro oppure disegnare una linea). All'interno della griglia, i singoli segmenti non devono estendersi oltre le 32 celle in senso orizzontale o le 32 celle in senso verticale

2 Barra degli strumenti. -Per aprire un nuovo progetto cliccare con il mouse nell icona. -Per aprire un progetto già esistente cliccare con il mouse sull icona. -Per salvare il progetto in corso cliccare con il mouse sull icona. -Per stampare il progetto cliccare sull icona. -Per visualizzare l anteprima di stampa cliccare con il mouse sull icona. -Per tagliare parti di testo o immagini tenere premuto il tasto del mouse mentre si seleziona l oggetto da tagliare con il mouse -Per incollare l oggetto tagliato cliccare con il mouse su -Per compilare la finestra attiva del programma cliccare con il mouse su -Per compilare tutto il programma cliccare con il mouse su Per eseguire la compilazione si può anche utilizzare il menu CPU: "Compila" consente di compilare un singolo elemento del progetto. La finestra (editor di programma o blocco dati) che viene evidenziata nel momento in cui si sceglie "Compila" viene compilata; mentre le altre due finestre non vengono compilate. "Compila tutto" consente di compilare l'editor di programma, il blocco di sistema e il blocco dati. Se si sceglie questo comando, non ha più alcuna rilevanza quale finestra sia evidenziata. -Per trasferire il programma da PLC al PC cliccare con il mouse su. -Per trasferire nel PLC il programma momentaneamente aperto clicca. -Tutti questi comandi sono attuabili anche selezionando dalla barra menù -Permette di ingrandire la visualizzazione corrente modificando le impostazioni originali. -Permette di mostrare le descrizioni delle dimensioni costanti. -Questi pulsanti permettono di lanciare il programma su CPU e arrestarlo al termine del ciclo.

3 Barra degli strumenti test Modi RUN / STOP della CPU La CPU ha due modi di funzionamento: STOP e RUN. In STOP è possibile creare, caricare e modificare il programma, ma non eseguirlo. In RUN è invece possibile eseguire il programma e creare, modificare e controllare il funzionamento del programma e i dati. Per modificare il modo di funzionamento della CPU: fare clic sul pulsante RUN o STOP oppure selezionare il comando di menu CPU > RUN per attivare il modo RUN o CPU > STOP per attivare il modo STOP oppure modificare manualmente l'interruttore dei modi di funzionamento posto sulla CPU oppure inserire nel programma un'operazione di STOP. - Permette di attivare e disattivare lo stato del programma. -Permette di attivare e disattivare la tabella di stato. -Premendo questa icona si effettua una lettura singola della CPU. -Selezionando questa icona si inseriscono tutti i valori all interno della CPU. -Permette di forzare un valore nella CPU. -Permette di deforzare un valore della CPU. -Permette di deforzare tutti i valori della CPU. -Permette di leggere tutti i valori forzati della CPU. Barra degli strumenti programma -Inserisce una linea verticale sotto la posizione corrente. -Inserisce una linea verticale sopra la posizione corrente. -Inserisce una linea orizzontale a sinistra della posizione corrente. -Inserisce una linea orizzontale a destra della posizione corrente. -Questi pulsanti permettono di inserire contatti (il primo) e bobine (il secondo). -Inserisce un box nella posizione corrente.

4 -Permettono di inserire o eliminare un segmento dalla posizione corrente. In questa barra si visualizzano tutte le operazioni eseguite, le dimensioni in byte di ogni elemento utilizzato; gli eventuali errori commessi durante la progettazione. Quando si effettua la compilazione, la finestra dei risultati elenca gli errori rilevati. L'identificazione avviene in base alla posizione in cui si è verificato l'errore (segmento, riga e colonna) e al tipo di errore. Facendo doppio clic sulla riga di un errore è possibile visualizzare il segmento del codice d'errore all'interno dell'editor di programma. Premendo questo pulsante si può accedere ad un sottomenù che include tre distinti modi di programmazione: AWL KOP FUP Esistono, infatti, tre editor di programmazione di un PLC nel set di operazioni SIMATIC: AWL è il linguaggio informatico, molto complesso quindi poco usato; KOP è il linguaggio a contatti: il più usato data la facilità di comprensione essendo la sua struttura molto simile a quella tipica dei circuiti degli impianti industriali. FUP è il linguaggio internazionale che utilizza variabili ed operazioni logiche o Booleane ma è poco utilizzato. LINGUAGGIO A CONTATTI (KOP) Il linguaggio a contatti è senza dubbio ancora oggi il più utilizzato, l utente conserva la sensazione di operare con strutture hardware a relè. Il linguaggio a contatti (KOP) è un linguaggio grafico che presenta delle analogie con gli schemi elettrici. Quando si scrive un programma in KOP, si utilizzano componenti grafici e li si organizza in modo da creare segmenti logici. Un programma scritto in linguaggio a contatti è formato da una successione di raggruppamenti di segmenti o reti disposti orizzontalmente e paragonabili alle linee di un programma tradizionale. Ciascuna rete (vedi figura) è costituita da elementi collegati fra di loro ed è connessa alle estremità da due linee verticali; queste rappresentano le due polarità di alimentazione usate negli schemi elettrici a relè. Il programma viene eseguito come indicato dal programma, un segmento per volta, da sinistra a destra e dall'inizio alla fine. Una volta che la CPU ha raggiunto la fine del programma, riparte dall'inizio. Contatto N.A Contatto N.C Apertura di ramo in parallelo Chiusura di ramo in parallelo Bobina-Variabile interna o di uscita

5 Le operazioni sono rappresentate mediante simboli grafici e comprendono tre forme base. I contatti: rappresentano le condizioni logiche di "ingresso" analoghe a interruttori, pulsanti, condizioni interne di ingresso e così via. Le bobine: rappresentano generalmente risultati logici di "uscita" quali lampade, motorini di avviamento, relè di interposizione, condizioni interne di uscita e così via. I box: rappresentano operazioni aggiuntive quali temporizzatori, contatori o operazioni matematiche. Regole per la realizzazione di segmenti semplici, in serie e in parallelo, in linguaggio KOP Regole per il posizionamento dei contatti. 1. Ogni segmento deve iniziare con un contatto. 2. Non è possibile concludere un segmento con un contatto. Regole per il posizionamento delle bobine. 1. Non è possibile iniziare un segmento con una bobina; le bobine servono per la conclusione di un segmento di logica. 2. Un singolo segmento può contenere più bobine, purché si trovino su diramazioni parallele di quel particolare segmento. 3. Non è possibile posizionare più bobine in serie (ossia, non si possono avere più bobine su una stessa linea orizzontale del segmento). Disegno delle linee. Modalità di immissione delle operazioni KOP È possibile completare un segmento disegnando linee di collegamento tra gli elementi del segmento e la barra di alimentazione sinistra servendosi delle linee orizzontali o verticali della barra degli strumenti del programma oppure tenendo premuto il tasto CTRL e premendo i tasti FRECCIA SINISTRA, FRECCIA DESTRA, FRECCIA SU o FRECCIA GIU' della tastiera. direzione filo. contatti bobine box inserisci o elimina segmenti. È anche possibile inserire i contatti e le bobine dalla finestra che compare alla sinistra del foglio sul quale viene scritto il programma (albero delle operazioni). In questa finestra sono presenti tutti i comandi e le operazioni che sono possibili inserire nei vari editor di programmazione quali temporizzatori, contatori o operatori logici e matematici.

6 Inserimento di indirizzi in KOP. Quando si inserisce un'operazione in KOP, i parametri vengono inizialmente rappresentati da punti interrogativi del tipo (??.?) oppure (????).??.? A questo tipo di parametro di ingresso e di uscita si possono assegnare solo valori a bit (ad es. un indirizzo a bit simbolico o assoluto o un valore booleano come OFF o ON). È possibile negare questo tipo di ingresso e trasformare questo tipo di ingresso e uscita in un parametro immediato.???? Non è possibile assegnare valori a bit a questo tipo di parametro di ingresso o di uscita. Poiché i tipi di dati ammessi variano da un'operazione all'altra, è opportuno visualizzare il relativo elenco premendo F1. << Questo parametro di ingresso può essere collegato ad un'operazione precedente oppure vi si può assegnare un valore a bit. Questo tipo di ingresso può essere negato e trasformato in un parametro immediato. Questo parametro di uscita può essere collegato ad un'operazione successiva oppure vi si può assegnare un valore a bit. Questo tipo di uscita può essere trasformato in un parametro immediato. > Questo parametro di uscita ENO (uscita Box) può essere lasciato senza segno, collegato o ad un'operazione successiva oppure vi si può assegnare un valore a bit. I punti interrogativi indicano che il parametro non è stato assegnato. È possibile assegnare un valore costante oppure un indirizzo assoluto, simbolico o variabile ai parametri di un elemento, quando lo si inserisce o successivamente. Se non si effettuano le assegnazioni di alcuni parametri, non è possibile compilare correttamente il programma. Per assegnare un valore costante (ad es. 100) oppure un indirizzo assoluto (ad es. I0.1), è sufficiente digitare il valore desiderato all'interno dell'area dell'indirizzo dell'operazione (utilizzare il mouse o il tasto INVIO per selezionare l'area di indirizzo in cui scrivere). 3 esempi di assegnazione dell indirizzo nei parametri KOP. Per assegnare un indirizzo simbolico (un simbolo globale o una variabile locale che utilizzi un nome del tipo INGRESSO1), eseguire la seguente procedura: 1. Digitare il simbolo o il nome della variabile nell'area dell'indirizzo dell'operazione.

7 2. Per i simboli globali, utilizzare la tabella dei simboli/delle variabili globali e assegnare un nome simbolico ad un indirizzo di memoria. Inserimento di commenti di programma in KOP. L'editor KOP consente di immettere commenti all inizio di ogni segmento che ci permettere di capire con più facilità, la funzione svolta da quel segmento all interno del programma. Tali commenti vengono chiamati Commenti di segmento e per crearli è sufficiente posizionare il cursore del mouse in un punto qualsiasi sulla riga del titolo del segmento e fare doppio clic o premere invio da tastiera per visualizzare la finestra nella quale è possibile immettere il titolo e i commenti al segmento. È possibile inserire un titolo che identifichi un segmento specifico e un commento relativo al suo contenuto. LINGUAGGIO AD ALTO LIVELLO (FUP) I linguaggi ad alto livello non hanno trovato finora grande applicazione anche se assicurano risultati decisamente migliori in termini di analisi e documentazione del software. L'editor di diagrammi funzionali (FUP) di STEP 7-Micro/WIN 32 consente di visualizzare tutte le operazioni come box logici simili ai normali diagrammi con porte logiche. La logica di programma si basa sulle connessioni tra le operazioni di box. Ciò significa che l'uscita di un'operazione (ad es. un box AND) può essere usata per attivare un'altra operazione (ad es. un temporizzatore) al fine di creare la necessaria logica di controllo. Come nell editor KOP, i box e le porte logiche AND e OR, si possono prendere dalla barra degli strumenti o dall albero delle operazioni: nella barra degli strumenti, sono presenti anche altri comandi che bisogna assolutamente conoscere e sapere usare se si vuole imparare a programmare in FUP. In questa barra vi sono infatti i comandi con i quali si possono aggiungere e togliere ingressi ai box presenti nel circuito, oppure coi quali è possibile negare gli ingressi stessi se si presenta la necessità. Inserisce operatore. Disegna filo. crea e cancella segmenti. aggiunge o toglie ingressi aggiuntivi. nega gli ingressi selezionati. Ovviamente per negare un ingresso a scelta è sufficiente selezionarlo col puntatore del mouse e ciccare nella barra degli strumenti l icona che serve a negare l ingresso voluto.

8 LINGUAGGIO BOOLEANO (AWL) I linguaggi booleani presentano un set di istruzioni con simboli non più grafici ma letterali. Questo permette di trarre vantaggio dalle tecniche di programmazione strutturata sviluppata per i linguaggi ad alto livello senza perdere l immediato contatto con la realtà dell automazione caratteristica dei linguaggi Ladder. In un linguaggio booleano il programma si presenta come una lista di istruzioni elementari composta da un codice operativo, ad esempio un operatore logico, e un operando che rappresenta il segnale su cui bisogna operare. Lo sviluppo di un espressione logica viene quindi a essere verticale anziché in linea come nella notazione algebrica. I simboli mnemonici dei codici operativi non sono unificati fra i vari costruttori; pertanto nel linguaggio AWL della Siemens si avrà ad esempio il codice U (UND) per la AND o con il simbolo A. La seguente figura illustra un esempio di un programma AWL. SEGMENTO 1 LD I0.0 LD I0.1 LD I2.0 A I2.1 OLD ALD = Q5.0 Come si può vedere nella figura, questo tipo di linguaggio testuale è molto simile alla programmazione in assembly. La CPU esegue ogni operazione nell'ordine indicato dal programma, dall'inizio alla fine, e quindi riparte dall'inizio. Questo segmento rappresenta un circuito in cui vi sono due contatti aperti, chiamati nell ordine I2.0 e I2.1 in serie tra loro e in parallelo al contatto aperto I0.1. Il contatto I2.0 è infatti combinato tramite AND con quello successivo, cioè I2.0. Entrambi i contatti sono seguiti dalla sigla OLD, che sta ad indicare che entrambi i contatti sono in parallelo a quello corrispondente all ultimo indirizzo caricato (LD) cioè I0.1. Infine vi è un contatto in serie a tutto il ramo (combinato tramite AND) con indirizzo I0.0 seguito da una bobina d uscita chiamata Q5.0. Linee guida: Inserimento di un'istruzione in AWL Inserire solo un'istruzione e/o un commento per riga. Separare le istruzioni, gli indirizzi di memoria e i commenti tramite spazi o tabulatori. Per rappresentare i segmenti del programma, inserire la parola chiave NETWORK nella riga che precede le istruzioni che costituiscono il segmento (non digitare numeri di segmento, poiché questi vengono aggiunti automaticamente durante la compilazione).

9 Esempio: Network 1 // Questa riga introduce il primo segmento del programma LD I0.0 // Carica il valore in I0.0 O I0.1 // Combina tramite OR il valore di I0.1 // Ulteriori operazioni: ciascun segmento è composto da più operazioni Network 2 // Inizia un nuovo segmento di istruzioni Per creare un programma nell editor AWL è necessario per prima cosa creare un nuovo segmento il quale, in questo tipo di programmazione è chiamato NETWORK. Dopo aver iniziato e numerato con numeri progressivi e continui il segmento creato, si possono scrivere le operazioni da immettere all inizio della riga seguente. Le istruzioni AWL sono elencate nell'albero delle operazioni solo come riferimento, ma non possono essere prelevate. Le si deve invece digitare nella finestra dell'editor di programma (editor AWL). Per immettere un'operazione nell'editor AWL: 1. Posizionare il cursore all'inizio di una riga. 2. Immettere l'operazione (ad esempio: LD). 3. Premere la BARRA SPAZIATRICE o il tasto di tabulazione. A questo punto è necessario immettere il nome e il numero dell operando che si vuole immettere in quel punto del programma: esso può essere un pulsante esterno (I0.0), un contatto di una bobina ausiliaria interna (S0.0), una bobina o un contatto esterno (Q0.0) oppure temporizzatori o altri operandi che è possibile utilizzare in base al tipo di editor di cui si dispone. Importante è notare che i contatti hanno lo stesso nome, quindi lo stesso indirizzo della bobina alla quale sono logicamente collegati: l unica differenza che c è tra un contatto e una bobina è quindi determinata dall operazione che si mette precedentemente all indirizzo dell operando utilizzato. Prima di un contatto si deve infatti mettere la sigla LD se bisogna caricare il valore dello stato del pulsante all indirizzo scelto, mentre la lettera O (or) o A (and), se il contatto è in parallelo o in serie agli altri già inseriti precedentemente. Prima di una bobina bisogna invece inserire il simbolo = e scrivere lasciando uno spazio l indirizzo della bobina. LD Carica il valore dello stato del contatto nell indirizzo scelto LDN Carica il valore negato dello stato del contatto nell indirizzo scelto A Inserisce un contatto in serie O Inserisce un contatto in parallelo AN Inserisce un contatto in serie negato ON Inserisce un contatto in parallelo negato Dalla precedente tabella si può facilmente capire che per negare un contatto o un pulsante è sufficiente aggiungere una lettera N all operazione scelta.

10 Commenti di programma. Inserimento di commenti di programma in AWL. In AWL i commenti devono essere preceduti da una doppia barra: // È possibile commentare un'intera riga e immettere i commenti in una riga dopo ciascuna operazione valida. Non è invece possibile creare commenti nelle righe intermedie, poiché il compiler considera un commento tutto ciò che viene scritto dopo la doppia barra. La lunghezza massima di una riga, compresi i commenti, è di 255 caratteri. Esempio: Visualizzazione degli errori di immissione in AWL. Una X prima di una riga indica che la riga non è sintatticamente completa, non è valida oppure non è stata compilata correttamente. Il testo in rosso indica una sintassi non corretta (ma mano che vengono inseriti, le operazioni o gli indirizzi vengono automaticamente visualizzati in rosso finché non sono stati completati). Se si sostituisce un valore non corretto con un valore valido, il carattere riprende automaticamente il colore predefinito (nero, a meno che non sia stata personalizzata la finestra in modo diverso). Una linea ondulata rossa di sottolineatura indica che un valore non rientra nei limiti previsti o che non è corretto per il tipo di operazione specifico. Una linea ondulata verde di sottolineatura indica che la variabile o il simbolo utilizzato non sono stati definiti. STEP 7- Micro/WIN 32 consente infatti di scrivere il programma prima di definire le variabili o i simboli e di aggiungere i valori alle tabelle delle variabili locali o dei simboli anche successivamente.

11 E importante ricordare che il programma non può essere compilato fino a quando continuano ad esserci errori: in tal modo il programma deve essere privato di eventuali errori presenti prima di essere compilato e quindi caricato nella CPU del PLC. Esempi di programmazione nei vari editor. Abbiamo eseguito lo stesso programma, cioè quello di una semplice autoalimentazione di una bobina esterna, nei tre editor a noi disponibili, allo scopo di comprendere meglio come bisogna procedere per eseguire un programma che comanda un PLC. In Fig. è stato svolto il programma in KOP: come si può vedere vi è un pulsante di arresto in serie al resto del circuito con l indirizzo I0.0. Esso è un contatto esterno (lo si può capire dalla lettera I) ed è un contatto normalmente aperto, quindi chiuso (on) quando il bit vale 1. Abbiamo messo un contatto normalmente aperto anche se serve ad arrestare il motore, perché il pulsante I0.0, presente a uno degli ingressi del PLC, è normalmente chiuso: permane quindi al valore 1 fino a quando esso non viene spinto. Il pulsante I0.1 serve a far partire il motore, mentre il contatto della bobina Q0.0, serve ad autoalimentare la bobina stessa, in modo che resti attivata anche se il pulsante di avvio non è continuamente premuto. In Fig. è stato svolto il programma utilizzando l editor AWL: il segmento come detto in precedenza inizia con la parola NETWORK, seguita da una numerazione progressiva. A fianco la scritta dopo aver digitato il simbolo // è stato possibile inserire il commento che descrive il funzionamento di quella parte di programma. L indirizzo del contatto di arresto è preceduto dalla sigla LD, che sta ad indicare che il valore presente all ingresso in quell istante va caricato all indirizzo I0.0. Il contatto della bobina Q0.0 viene invece combinato tramite OR col pulsante che serve ad avviare il motore. La bobina viene a sua volta combinata tramite AND al resto del ramo e la sigla LD sta ancora una volta ad indicare che il valore deve essere caricato all indirizzo Q0.0 che corrisponde a quello della bobina stessa e a tutti i contatti ad essa connessi. Il FUP invece presenta uno schema costruito sotto forma di operatori logici (tipo le porte logiche), che, collegati tra loro determinano l arrivo della corrente alla bobina o meno.

12 In questo caso, il pulsante di arresto I0.0, è stato impostato come uno dei due ingressi di una porta AND, alla cui uscita è collegata la bobina che si vuole attivare per far muovere il motore. È intuitivo capire che per svolgere questa funzione, entrambi gli ingressi della porta AND devono essere a livello logico pari ad 1; quindi sia l ingresso I0.0 che l uscita della porta OR devono essere attivati. Come nei due precedenti casi è sufficiente solamente che sia attivo uno dei due contatti I0.1 (pulsante di marcia) o Q0.0 (autoritenuta), per fare in modo che si attivi correttamente la bobina. Una volta terminato il progetto occorre: salvarlo, compilarlo, caricarlo nel PLC, run

Access. Microsoft Access. Aprire Access. Aprire Access. Aprire un database. Creare un nuovo database

Access. Microsoft Access. Aprire Access. Aprire Access. Aprire un database. Creare un nuovo database Microsoft Access Introduzione alle basi di dati Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale limitato Meccanismi di sicurezza, protezione di dati e gestione

Dettagli

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa.

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa. La finestra di Excel è molto complessa e al primo posto avvio potrebbe disorientare l utente. Analizziamone i componenti dall alto verso il basso. La prima barra è la barra del titolo, dove troviamo indicato

Dettagli

Foglio di calcolo. Il foglio di calcolo: Excel. Selezione delle celle

Foglio di calcolo. Il foglio di calcolo: Excel. Selezione delle celle Foglio di calcolo Il foglio di calcolo: Excel I dati inseriti in Excel sono organizzati in Cartelle di lavoro a loro volta suddivise in Fogli elettronici. I fogli sono formati da celle disposte per righe

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

Introduzione al foglio elettronico

Introduzione al foglio elettronico Introduzione al foglio elettronico 1. Che cos'è un foglio elettronico? Un foglio elettronico è un programma che permette di inserire dei dati, di calcolare automaticamente i risultati, di ricalcolarli

Dettagli

Word Elaborazione testi

Word Elaborazione testi I seguenti appunti sono tratti da : Consiglio Nazionale delle ricerche ECDL Test Center modulo 3 Syllabus 5.0 Roberto Albiero Dispense di MS Word 2003 a cura di Paolo PAVAN - pavan@netlink.it Word Elaborazione

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo . Laboratorio di Informatica Facoltà di Economia Università di Foggia Prof. Crescenzio Gallo Word è un programma di elaborazione testi che consente di creare, modificare e formattare documenti in modo

Dettagli

Corsi ECDL 2008 2009 Fabio Naponiello

Corsi ECDL 2008 2009 Fabio Naponiello Chi inizia un'attività di ufficio con l ausilio di strumenti informatici, si imbatte subito nei comuni e ricorrenti lavori di videoscrittura. Redigere lettere, comunicati, piccole relazioni ecc, sono tipiche

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

SCRIVERE TESTO BLOCCO NOTE WORDPAD WORD IL PIU' DIFFUSO APRIRE WORD

SCRIVERE TESTO BLOCCO NOTE WORDPAD WORD IL PIU' DIFFUSO APRIRE WORD SCRIVERE TESTO Per scrivere del semplice testo con il computer, si può tranquillamente usare i programmi che vengono installati insieme al sistema operativo. Su Windows troviamo BLOCCO NOTE e WORDPAD.

Dettagli

MODULO 3 Foglio elettronico

MODULO 3 Foglio elettronico MODULO 3 Foglio elettronico I contenuti del modulo: Questo modulo verifica la comprensione da parte del corsista dei concetti fondamentali del foglio elettronico e la sua capacità di applicare praticamente

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Fogli Elettronici: MS Excel. Foglio Elettronico

Fogli Elettronici: MS Excel. Foglio Elettronico Parte 6 Fogli Elettronici: MS Excel Elementi di Informatica - AA. 2008/2009 - MS Excel 0 di 54 Foglio Elettronico Un foglio elettronico (o spreadsheet) è un software applicativo nato dall esigenza di:

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 5 Cortina d Ampezzo, 8 gennaio 2009 FOGLIO ELETTRONICO Il foglio elettronico può essere considerato come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo

Dettagli

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo.

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. II^ lezione IMPARIAMO WORD Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. Oggi prendiamo in esame, uno per uno, i comandi della

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul Web

On-line Corsi d Informatica sul Web On-line Corsi d Informatica sul Web Corso base di Excel Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo 1 ELEMENTI DELLO SCHERMO DI LAVORO Aprire Microsoft Excel facendo clic su Start/Avvio

Dettagli

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4 Foglio Elettronico PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File

Dettagli

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo:

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo: Guida SH.Shop Inserimento di un nuovo articolo: Dalla schermata principale del programma, fare click sul menu file, quindi scegliere Articoli (File Articoli). In alternativa, premere la combinazione di

Dettagli

Anno 2009/2010 Syllabus 5.0

Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 2 Lezione 3: Pannello di controllo Caratteristiche del sistema Gestione delle stampe Utilità Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Il Pannello di Controllo permette di

Dettagli

Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico)

Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico) Cos è ACCESS? E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un ambiente user frendly da usare (ambiente grafico) 1 Aprire Access Appare una finestra di dialogo Microsoft Access 2 Aprire un

Dettagli

APPUNTI WORD PER WINDOWS

APPUNTI WORD PER WINDOWS COBASLID Accedemia Ligustica di Belle Arti Laboratorio d informatica a.a 2005/06 prof Spaccini Gianfranco APPUNTI WORD PER WINDOWS 1. COSA È 2. NOZIONI DI BASE 2.1 COME AVVIARE WORD 2.2 LA FINESTRA DI

Dettagli

SCRIVERE TESTI CON WORD

SCRIVERE TESTI CON WORD SCRIVERE TESTI CON WORD Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello occorre un programma di elaborazione testo. Queste lezioni fanno riferimento al programma più conosciuto: Microsoft

Dettagli

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti.

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. 1 POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. Le presentazioni sono composte da varie pagine chiamate diapositive

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

Educazione didattica per la E-Navigation

Educazione didattica per la E-Navigation Educazione didattica per la E-Navigation Guida utente per l utilizzo della piattaforma WIKI Rev. 3.0 23 febbraio 2012 Guida EDEN rev. 3.0 P. 1 di 24 23/02/2012 Indice Come registrarsi... 3 Utilizzo della

Dettagli

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014 LUdeS Informatica 2 EXCEL Prima parte AA 2013/2014 COS E EXCEL? Microsoft Excel è uno dei fogli elettronici più potenti e completi operanti nell'ambiente Windows. Un foglio elettronico è un programma che

Dettagli

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese.

SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Presentazione: SH.Invoice è un software pratico e completo per la gestione della fatturazione di professionisti e imprese. Il programma si distingue per la rapidità e l elasticità del processo di gestione

Dettagli

il foglio elettronico

il foglio elettronico 1 il foglio elettronico ecdl - modulo 4 toniorollo 2013 il modulo richiede 1/2 comprendere il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma di foglio elettronico per produrre dei

Dettagli

9 Word terza lezione 1

9 Word terza lezione 1 9 Word terza lezione 1 Elenchi puntati È possibile inserire elenchi puntati tramite un icona sulla barra di formattazione o tramite il menu formato Elenchi puntati e numerati 2 Elenchi numerati Il procedimento

Dettagli

Microsoft Excel. Apertura Excel. Corso presso la scuola G. Carducci. E. Tramontana. Avviare tramite

Microsoft Excel. Apertura Excel. Corso presso la scuola G. Carducci. E. Tramontana. Avviare tramite Microsoft Excel Corso presso la scuola G. Carducci E. Tramontana E. Tramontana - Excel - Settembre -2010 1 Apertura Excel Avviare tramite Avvio>Programmi>Microsoft Office>Microsoft Excel Oppure Cliccare

Dettagli

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto:

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto: PLC - Linguaggi Il software è l elemento determinante per dare all hardware del PLC quella flessibilità che i sistemi di controllo a logica cablata non possiedono. Il software che le aziende producono

Dettagli

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Base offre la possibilità di creare database strutturati in termini di oggetti, quali tabelle, formulari, ricerche e rapporti, di visualizzarli e utilizzarli in diverse modalità.

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL

GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL I fogli elettronici vengono utilizzati in moltissimi settori, per applicazioni di tipo economico, finanziario, scientifico, ingegneristico e sono chiamati in vari modi : fogli

Dettagli

Excel. A cura di Luigi Labonia. e-mail: luigi.lab@libero.it

Excel. A cura di Luigi Labonia. e-mail: luigi.lab@libero.it Excel A cura di Luigi Labonia e-mail: luigi.lab@libero.it Introduzione Un foglio elettronico è un applicazione comunemente usata per bilanci, previsioni ed altri compiti tipici del campo amministrativo

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058 by Studio Elfra sas Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione Aggiornato a Aprile 2009 Informatica di base 1 Elaborazione testi I word processor, o programmi per l'elaborazione

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

Appunti di: MICROSOFT EXCEL

Appunti di: MICROSOFT EXCEL Appunti di: MICROSOFT EXCEL INDICE PARTE I: IL FOGLIO ELETTRONICO E I SUOI DATI Paragrafo 1.1: Introduzione. 3 Paragrafo 1.2: Inserimento dei Dati....4 Paragrafo 1.3: Ordinamenti e Filtri... 6 PARTE II:

Dettagli

IL LADDER DIAGRAM. OMRON Electronics SpA

IL LADDER DIAGRAM. OMRON Electronics SpA IL LADDER DIAGRAM 1 Concetti base, regole di stesura del programma e linguaggio equivalente in lista istruzioni 2 Ladder Diagram Contatto Contatto Normalmente Normalmente Aperto Aperto Uscita Contatto

Dettagli

39 Il linguaggio grafico a contatti

39 Il linguaggio grafico a contatti 39 Il linguaggio grafico a contatti Diagramma a contatti, ladder, diagramma a scala sono nomi diversi usati per indicare la stessa cosa, il codice grafico per la programmazione dei PLC con il linguaggio

Dettagli

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL)

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) 1. Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei Personal computer. Essi

Dettagli

lo 4 1. SELEZIONARE; le celle da tagliare (spostare) 2. Comando TAGLIA

lo 4 1. SELEZIONARE; le celle da tagliare (spostare) 2. Comando TAGLIA Capittol lo 4 Copia Taglia Incolla 4-1 - Introduzione Durante la stesura di un foglio di lavoro o durante un suo aggiornamento, può essere necessario copiare o spostare dati e formule. Per questo sono

Dettagli

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti.

Il sofware è inoltre completato da una funzione di calendario che consente di impostare in modo semplice ed intuitivo i vari appuntamenti. SH.MedicalStudio Presentazione SH.MedicalStudio è un software per la gestione degli studi medici. Consente di gestire un archivio Pazienti, con tutti i documenti necessari ad avere un quadro clinico completo

Dettagli

Preparazione ECDL modulo 4 Foglio elettronico

Preparazione ECDL modulo 4 Foglio elettronico IFTS anno formativo 2012-2013 Tecnico superiore per il monitoraggio e la gestione del territorio e dell ambiente Preparazione ECDL modulo 4 Foglio elettronico Esperto Salvatore Maggio FOGLIO ELETTRONICO

Dettagli

4. Fondamenti per la produttività informatica

4. Fondamenti per la produttività informatica Pagina 36 di 47 4. Fondamenti per la produttività informatica In questo modulo saranno compiuti i primi passi con i software applicativi più diffusi (elaboratore testi, elaboratore presentazioni ed elaboratore

Dettagli

SUITE BY10850 Editor Parametri e Configurazione

SUITE BY10850 Editor Parametri e Configurazione Pagina 1 di 15 SUITE BY10850 Editor Parametri e Configurazione Per usare l Editor non occorre l apparecchiatura. Funziona autonomamente offline. Serve per preparare files di configurazioni personalizzate

Dettagli

Organizzazione dei tasti

Organizzazione dei tasti Utilizzare la tastiera La tastiera è lo strumento principale per l'immissione di informazioni nel computer, che si tratti di scrivere una lettera o di calcolare dati numerici. Non tutti sanno però che

Dettagli

DISPENSA PER MICROSOFT WORD 2010

DISPENSA PER MICROSOFT WORD 2010 DISPENSA PER MICROSOFT WORD 2010 Esistono molte versioni di Microsoft Word, dalle più vecchie ( Word 97, Word 2000, Word 2003 e infine Word 2010 ). Creazione di documenti Avvio di Word 1. Fare clic sul

Dettagli

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Credo sia utile impostare fin da subito le unità di misura. InDesign > Unità e incrementi Iniziamo poi creando un nuovo documento. File

Dettagli

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi FONDAMENTI DI INFORMATICA 3 Elaborazione testi Microsoft office word Concetti generali Operazioni principali Formattazione Oggetti Stampa unione Preparazione della stampa Schermata iniziale di Word Come

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

FlukeView Forms Documenting Software

FlukeView Forms Documenting Software FlukeView Forms Documenting Software N. 5: Uso di FlukeView Forms con il tester per impianti elettrici Fluke 1653 Introduzione Questa procedura mostra come trasferire i dati dal tester 1653 a FlukeView

Dettagli

Guida OpenOffice.org Writer

Guida OpenOffice.org Writer Guida OpenOffice.org Writer Le visualizzazioni di Writer Writer permette di visualizzare un documento in diverse maniere tramite: Visualizza->Schermo intero: permette di visualizzare il documento Writer

Dettagli

TEST: Word & Excel. 2014 Tutti i diritti riservati. Computer Facile - www.computerfacile.webnode.it

TEST: Word & Excel. 2014 Tutti i diritti riservati. Computer Facile - www.computerfacile.webnode.it TEST: Word & Excel 1. Come viene detta la barra contenente il nome del documento? A. barra del titolo B. barra di stato C. barra del nome D. barra dei menu 2. A cosa serve la barra degli strumenti? A.

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Sommario Uso del computer e gestione dei file... 3 Sistema Operativo Windows... 3 Avvio di Windows... 3 Desktop... 3 Il mouse... 4 Spostare le icone... 4 Barra delle

Dettagli

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 1. Novità di Excel 2003 MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 CAPITOLO 1 Microsoft Office Excel 2003 ha introdotto alcune novità ed ha apportato miglioramenti ad alcune funzioni già esistenti nelle precedenti versioni

Dettagli

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro,

EXCEL PER WINDOWS95. sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area di lavoro, detta foglio di lavoro, EXCEL PER WINDOWS95 1.Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei personal computer. Essi si basano su un area

Dettagli

Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3

Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3 Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3 Lezione 1 di 3 Introduzione a Word 2007 e all elaborazione testi Menù Office Scheda Home Impostazioni di Stampa e stampa Righello Intestazione e piè di pagina

Dettagli

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Capittol lo 2 Visualizzazione 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Nel primo capitolo sono state analizzate le diverse componenti della finestra di Word 2000: barra del titolo, barra dei menu,

Dettagli

FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE. ultima revisione: 21/05/07

FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE. ultima revisione: 21/05/07 FATTURE PROFESSIONISTI 1.5 MANUALE UTENTE ultima revisione: 21/05/07 Indice Panoramica... 1 Navigazione... 2 Selezionare una Vista Dati... 2 Individuare una registrazione esistente... 3 Inserire un nuova

Dettagli

Syllabus (estratto) Foglio elettronico. Excel. Open office - Office. Principio e funzionamento 26/11/2012. A. Ferrari

Syllabus (estratto) Foglio elettronico. Excel. Open office - Office. Principio e funzionamento 26/11/2012. A. Ferrari Foglio elettronico A. Ferrari Syllabus (estratto) Lavorare con i fogli elettronici e salvarli in diversi formati. Inserire dati nelle celle e applicare modalità appropriate per creare elenchi. Selezionare,

Dettagli

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel Il Foglio Elettronico 1 Parte I Concetti generali Celle e fogli di lavoro.xls Inserimento dati e tipi di dati Importazione di dati Modifica e formattazione di fogli di lavoro FOGLIO ELETTRONICO. I fogli

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

Excel Foglio elettronico: esempio

Excel Foglio elettronico: esempio Excel Sist.Elaborazione Inf. excel 1 Foglio elettronico: esempio Sist.Elaborazione Inf. excel 2 Foglio elettronico o spreadsheet griglia o tabella di celle o caselle in cui è possibile inserire: diversi

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

Prof.ssa Paola Vicard

Prof.ssa Paola Vicard Questa nota consiste perlopiù nella traduzione da Descriptive statistics di J. Shalliker e C. Ricketts, 2000, University of Plymouth Consideriamo come esempio il data set contenuto nel foglio excel esercizio1_dati.xls.

Dettagli

Microsoft Excel. Sommario. Cosa è un foglio elettronico. L interfaccia Utente. La cartella di Lavoro. Corso di introduzione all informatica

Microsoft Excel. Sommario. Cosa è un foglio elettronico. L interfaccia Utente. La cartella di Lavoro. Corso di introduzione all informatica Corso di introduzione all informatica Microsoft Excel Gaetano D Aquila Sommario Cosa è un foglio elettronico Caratteristiche di Microsoft Excel Inserimento e manipolazione dei dati Il formato dei dati

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

Il foglio elettronico: Excel

Il foglio elettronico: Excel Il foglio elettronico: Excel Laboratorio di Informatica Corso di Laurea triennale in Biologia Dott. Fabio Aiolli (aiolli@math.unipd.it) Dott.ssa Elisa Caniato (ecaniato@gmail.com) Anno accademico 2007-2008

Dettagli

GUIDA SISTEMA OPERATIVO WINDOWS

GUIDA SISTEMA OPERATIVO WINDOWS GUIDA SISTEMA OPERATIVO WINDOWS Windows 1 Il sistema operativo Windows Il sistema operativo Windows...1 Nota introduttiva...3 Il mouse...3 Lo schermo come scrivania...3 Barra delle applicazioni...4 Icone

Dettagli

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 Il Personal Computer Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 1 accendere il Computer Per accendere il Computer effettuare le seguenti operazioni: accertarsi che le prese di corrente siano tutte

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA INDICE SOFTWARE PER

Dettagli

Pratica guidata 2. Usare mouse e tastiera

Pratica guidata 2. Usare mouse e tastiera Pratica guidata 2 Usare mouse e tastiera Mouse: Clic sinistro, doppio clic, clic destro, Drag and drop, Forme del puntatore Tastiera: tasti principali e combinazioni Centro Servizi Regionale Pane e Internet

Dettagli

CdL in Medicina Veterinaria - STPA AA 2007-08

CdL in Medicina Veterinaria - STPA AA 2007-08 CdL in Medicina Veterinaria - STPA AA 2007-08 Microsoft Windows Funzionalità di un S.O. Gestione dei file Gestione dei dispositivi di ingresso/uscita Comandi per l attivazione e la gestione di programmi

Dettagli

Creare tabelle con Word

Creare tabelle con Word Creare tabelle con Word Premessa In questa breve guida userò spesso il termine "selezionare". "Selezionare", riferito ad un documento informatico, vuol dire evidenziare con il mouse, o con altre combinazioni

Dettagli

Obiettivo Generare un file.notebook integrato con testo, collegamenti, video, suoni e immagini ed esportarlo in diversi formati: PDF, HTML e JPG.

Obiettivo Generare un file.notebook integrato con testo, collegamenti, video, suoni e immagini ed esportarlo in diversi formati: PDF, HTML e JPG. SMART Board Prerequisiti PC Pentium III - 128Mb di Ram- 110 Mb di spazio su HD - casse acustiche - software Notebook e driver di SMART Board Videoproiettore - LIM Installazione software Smart Board su

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 La scheda vai a La scheda Vai è probabilmente la meno utilizzata delle tre: permette di spostarsi in un certo punto del documento, ad esempio su una determinata pagina

Dettagli

SPOSTARE UN FILE USANDO I COMANDI TAGLIA ED INCOLLA

SPOSTARE UN FILE USANDO I COMANDI TAGLIA ED INCOLLA SPOSTARE UN FILE USANDO IL MOUSE Dopo aver creato una cartella può nascere l'esigenza di spostare un file all'interno della nuova cartella creata. 1 - Posiziona il puntatore sopra il file da spostare 2

Dettagli

MODULO 7 SEZIONE 2 Utilizzo di Outlook Express 6.0 (Windows XP)

MODULO 7 SEZIONE 2 Utilizzo di Outlook Express 6.0 (Windows XP) 7.4 POSTA ELETTRONICA MODULO 7 SEZIONE 2 Utilizzo di Outlook Express 6.0 (Windows XP) prima parte 7.4.1 Concetti e termini 7.4.1.1 Capire come è strutturato un indirizzo di posta elettronica Tre parti

Dettagli

Ambiente di sviluppo STEP 7 Micro/Win

Ambiente di sviluppo STEP 7 Micro/Win Ambiente di sviluppo STEP 7 Micro/Win Viene utilizzato per lavorare esclusivamente con i PLC Simatic della serie S7-200. La finestra di progetto riprodotta in figura 1, che fa riferimento alla versione

Dettagli

[FINANZAECOMUNICAZIONE / VADEMECUM]

[FINANZAECOMUNICAZIONE / VADEMECUM] 2011 Finanza e Comunicazione [FINANZAECOMUNICAZIONE / VADEMECUM] [PANNELLO DI CONTROLLO SCRIVERE UN ARTICOLO PUBBLICARE MEDIA CREARE UNA GALLERIA FOTOGRAFICA MODIFICHE SUCCESSIVE CAMBIARE PASSWORD SALVARE,

Dettagli

IL CONTROLLO DI UN PROCESSO

IL CONTROLLO DI UN PROCESSO IL CONTROLLO DI UN PROCESSO 1 IL CONTROLLO DI UN PROCESSO Schema a blocchi 2 Il controllore può essere: A LOGICA CABLATA A LOGICA PROGRAMMABILE 3 CONTROLLORE A LOGICA CABLATA (*) (Wired Logic Control)

Dettagli

2. Salvare il file (cartella di lavoro) con il nome Tabelline 3. Creare le seguenti due tabelle (una tabellina non compilata e una compilata)

2. Salvare il file (cartella di lavoro) con il nome Tabelline 3. Creare le seguenti due tabelle (una tabellina non compilata e una compilata) Tabellina Pitagorica Per costruire il foglio elettronico per la simulazione delle tabelline occorre: 1. Aprire Microsoft Excel 2. Salvare il file (cartella di lavoro) con il nome Tabelline 3. Creare le

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

PLC Sistemi a Logica Programmabile Il linguaggio Ladder-Parte

PLC Sistemi a Logica Programmabile Il linguaggio Ladder-Parte PLC Sistemi a Logica Programmabile Il linguaggio Ladder-Parte Prima Prof. Nicola Ingrosso Guida di riferimento all applicazione applicazione dei Microcontrollori Programmabili IPSIA G.Ferraris Brindisi

Dettagli

I link o collegamenti ipertestuali

I link o collegamenti ipertestuali I link o collegamenti ipertestuali Lo sviluppo mondiale di Internet è cominciato all inizio degli anni 90 quando un ricercatore del CERN ha inventato un sistema di mostrare le pagine basato su due semplici

Dettagli

Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale

Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale + Strumenti digitali per la comunicazione A.A 2013/14 Esercitazione n. 9: Creazione di un database relazionale Scopo: Scopo di questa esercitazione è la creazione di una base dati relazionale per la gestione

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Maria Maddalena Fornari Impostazioni di pagina: orientamento È possibile modificare le

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 125

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 125 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 125 Stampa unione buste: passaggio 2 di 6 Con il pulsante Sfoglia, come nei casi precedenti, seleziona il file elenco per i destinatari da stampare sulle buste. Nel quarto

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

MODULO 02. Iniziamo a usare il computer

MODULO 02. Iniziamo a usare il computer MODULO 02 Iniziamo a usare il computer MODULO 02 Unità didattica 06 Usiamo Windows: Impariamo a operare sui file In questa lezione impareremo: quali sono le modalità di visualizzazione di Windows come

Dettagli

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI NUOVO PORTALE ANCE MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI DEI CONTENUTI ACCESSO AL MENU PRINCIPALE PAG. 3 CREAZIONE DI UNA NUOVA HOME PAGE 4 SELEZIONE TIPO HOME PAGE 5 DATA

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DEI PLC IN LINGUAGGIO LADDER

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DEI PLC IN LINGUAGGIO LADDER TRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DEI PLC LGUAGGIO LADDER PRCIPALI FUNZIONI DEL SOFTWARE STEP 7 R R R S7-200 E STEP 7 SONO MARCHI R REGISTRATI DI SIEMS CORPORATION Il PLC (Programmable Logic Controller) ha

Dettagli

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1 s SIMATIC S7 Primi passi ed esercitazioni con STEP 7 Getting Started Benvenuti in STEP 7, Contenuto Introduzione a STEP 7 1 SIMATIC Manager 2 Programmazione con nomi simbolici 3 Creazione di un programma

Dettagli

Università degli studi di Verona. Corso di Informatica di Base. Lezione 5 - Parte 2. Disegni e Immagini

Università degli studi di Verona. Corso di Informatica di Base. Lezione 5 - Parte 2. Disegni e Immagini Università degli studi di Verona Corso di Informatica di Base Lezione 5 - Parte 2 Disegni e Immagini In questa seconda parte ci occuperemo della gestione di disegni e immagini. In particolare vedremo come:

Dettagli