Indirizzo Informatico Classe 5AI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indirizzo Informatico Classe 5AI"

Transcript

1 Chimica, Materiali e Biotecnologie Grafica e Comunicazione Trasporti e Logistica Istituto Tecnico Tecnologico Statale Alessandro Volta Via Assisana, 40/E - loc. Piscille Perugia Centralino fax C.F Meccanica, Meccatronica ed Energia Elettronica ed Elettrotecnica Informatica e Telecomunicazioni DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE 15 maggio 2015 ( ART.3 L ; ART. 5 del Regolamento) Indirizzo Informatico Classe 5AI A. S Il Dirigente Scolastico Prof. Rita Coccia

2 CONSIGLIO DI CLASSE Materia docente firma Religione Prof.ssa Rosalba Fraziano Italiano Prof.ssa Maria Teresa Delicati Storia Prof.ssa Maria Teresa Delicati Inglese Prof.ssa Daniela Urbani Sistemi e reti Prof.ssa Simonetta Pasqui Matematica Prof. Stefano Loschi Tecnologia e progettazione di sistemi informatici Prof.ssa Monica Ciuchetti Gestione progetto e Organizzazione d impresa Prof. Michele Batocchi Sistemi e reti laboratorio Prof. Paolo Testi Informatica generale Prof. Luigi Maselli Informatica generale laboratorio- Tecnologia e progettazione di sistemi informatici Prof. Gianni Mario Fiorucci Educazione Fisica Prof.ssa Patrizia Ciangottini Sostegno Prof.ssa Valentina Alonge Prof.ssa Laura Rosati IL COORDINATORE DI CLASSE Prof. Maria Teresa Delicati IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Rita Coccia 1

3 1. PROFILO PROFESSIONALE Il Diplomato in Informatica e Telecomunicazioni: ha competenze specifiche nel campo dei sistemi informatici, dell elaborazione dell informazione, delle applicazioni e tecnologie Web, delle reti e degli apparati di comunicazione; ha competenze e conoscenze che, a seconda delle diverse articolazioni, si rivolgono all analisi, progettazione, installazione e gestione di sistemi informatici, basi di dati, reti di sistemi di elaborazione, sistemi multimediali e apparati di trasmissione e ricezione dei segnali; ha competenze orientate alla gestione del ciclo di vita delle applicazioni che possono rivolgersi al software: gestionale orientato ai servizi per i sistemi dedicati "incorporati"; collabora nella gestione di progetti, operando nel quadro di normative nazionali e internazionali, concernenti la sicurezza in tutte le sue accezioni e la protezione delle informazioni ("privacy"). È in grado di: collaborare, nell ambito delle normative vigenti, ai fini della sicurezza sul lavoro e della tutela ambientale e di intervenire nel miglioramento della qualità dei prodotti e nell organizzazione produttiva delle imprese; collaborare alla pianificazione delle attività di produzione dei sistemi, dove applica capacità di comunicare e interagire efficacemente, sia nella forma scritta che orale; esercitare, in contesti di lavoro caratterizzati prevalentemente da una gestione in team, un approccio razionale, concettuale e analitico, orientato al raggiungimento dell obiettivo, nell analisi e nella realizzazione delle soluzioni; utilizzare a livello avanzato la lingua inglese per interloquire in un ambito professionale caratterizzato da forte internazionalizzazione; definire specifiche tecniche, utilizzare e redigere manuali d uso. A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell indirizzo "Informatica e Telecomunicazioni" consegue i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze. 1. Scegliere dispositivi e strumenti in base alle loro caratteristiche funzionali. 2. Descrivere e comparare il funzionamento di dispositivi e strumenti elettronici e di telecomunicazione. 3. Gestire progetti secondo le procedure e gli standard previsti dai sistemi aziendali di gestione della qualità e della sicurezza. 4. Gestire processi produttivi correlati a funzioni aziendali. 5. Configurare, installare e gestire sistemi di elaborazione dati e reti. 6. Sviluppare applicazioni informatiche per reti locali o servizi a distanza. 2

4 2. PROFILO DELLA CLASSE 2.a. LA STORIA La classe è composta da 20 alunni (17 maschi e 3 femmine), per l alunno DSA è stato stilato il PDP, depositato presso la Segreteria Didattica e al quale si rinvia per qualsiasi chiarimento e delucidazione del caso, per 2 allievi certificati sono state predisposte le giuste documentazioni. La maggioranza appartiene al nucleo originario della 3AI, classe costituita da 27 alunni, provenienti in gran parte dal biennio sez. A Informatica, 1 dal biennio Elettronica, 1 alunno ripetente dalla 3 AI, 3 da altri Istituti. Nel mese di gennaio 3 alunni sono stati riorientati verso il percorso di Elettronica. In sede di scrutinio finale, 13 furono promossi per proprio merito, 2 non furono ammessi, 9 ebbero la sospensione del giudizio a giugno, 8 di questi risultarono ammessi alla classe successiva nello scrutinio di agosto e1 non ammesso. In 4 AI, ai 21 alunni provenienti dalla classe terza 1 alunno si è aggiunto proveniente da un istituto di un altra città, 1 ripetente proveniente dalla 4 AI che si è poi ritirato e 1 alunno si è trasferito al corso di Elettronica, per un totale di 21 alunni. In sede di scrutinio finale, 12 alunni sono stati promossi per proprio merito, 9 hanno avuto la sospensione del giudizio a giugno e sono stati ammessi alla classe successiva nello scrutinio di agosto. In 5AI un alunno che era arrivato nel precedente anno scolastico da altra città si è nuovamente trasferito, pertanto la classe risulta composta da 20 alunni. Dai dati oggettivi si evince che il percorso scolastico di circa 1/3 degli alunni non è stato del tutto regolare, in quanto, nei due anni precedenti la classe quinta, ha avuto sospensioni del giudizio in varie discipline. La classe ha subito un avvicendamento di 2 docenti nel quarto anno e 4 docenti nell ultimo anno, con l inserimento di 2 docenti di sostegno. Il cambiamento più significativo è avvenuto nell area scientifico-tecnologica, nelle discipline informatiche caratterizzanti l indirizzo. Gli alunni provengono prevalentemente dai comuni limitrofi fino ad un raggio di 80 km circa. 2.b AVVICENDAMENTO DOCENTI 1. DISCIPLINA classe 3 classe 4 classe 5 2. TPSIT un docente altro docente altro docente 3. Sistemi lab. un docente altro docente stesso docente Informatica un docente un docente altro docente Gest.Prog.Organ.Imp. altro docente Educazione Fisica un docente un docente altro docente Elettronica un docente stesso docente Diritto un docente 3

5 3. PERCORSO FORMATIVO 3.a OBIETTIVI EDUCATIVI Educare al rispetto delle fondamentali norme di correttezza (ad es. accettare le diversità) Educare al rispetto delle regole della scuola Valorizzare le proposte e le iniziative degli alunni: autonomia e capacità di organizzare il lavoro Potenziare la capacità di lavorare in gruppo Rispetto delle consegne Interventi per raggiungerli: Mantenere un azione comune (confrontarsi anche informalmente) Richiamare gli alunni al rispetto delle regole (In particolare vietare l uso improprio di cellulari) Esplicitare gli obiettivi e le mete coinvolgendo nelle decisioni Dare spazio alle iniziative degli alunni proponendo loro l organizzazione di attività e la verifica dei risultati Organizzare gruppi con compiti sia creativi che produttivi che organizzativi 3.b OBIETTIVI DIDATTICI Potenziare l utilizzazione degli strumenti didattici Potenziare la capacità di analisi, sintesi, metacognizione e rielaborazione, in particolare la schematizzazione Potenziare la competenza comunicativa orale e scritta, attraverso l uso di un linguaggio tecnico-specialistico. Interventi per raggiungerli Assegnare esercizi di comprensione, analisi, sintesi; in particolare far sintetizzare i testi in schemi, tabelle, mappe Correggere costantemente gli errori grammaticali favorendone il superamento Utilizzare il problem solving Stimolare l allievo nel porre tranquillamente, ma in modo appropriato le domande 3.c OBIETTIVI RAGGIUNTI EDUCATIVI La classe, presentatasi in terza particolarmente disomogenea, ma disponibile all apprendimento, ha svolto un lungo percorso formativo, dimostrandosi disponibile al dialogo educativo. Gli alunni hanno sempre mantenuto un comportamento corretto tra di loro e con i docenti, dimostrando tuttavia interesse e partecipazione all attività didattica in 4

6 modo non sempre costante. Alcuni allievi nel corso del triennio si sono distinti per serietà, impegno e responsabilità, questo ha permesso loro di raggiungere risultati d apprendimento veramente positivi e brillanti, in quanto hanno saputo trarre il meglio dall esperienza scolastica, partecipando con successo sia a Progetti d Istituto come i Progetti Europei, il Volontariato, il Giornale on line sia a diversi Eventi, diventando pertanto dei punti di riferimento all interno della classe e anche per alunni di altre classi. Altri invece hanno incontrato difficoltà, in modo particolare in alcune discipline di indirizzo, a queste lacune non sempre è corrisposto un atteggiamento responsabile e diligente, tuttavia alla fine del percorso scolastico, grazie ad azioni educative e di recupero, quasi tutti gli allievi hanno raggiunto gli obiettivi educativi fissati dal Consiglio di Classe e una preparazione accettabile. DIDATTICI Area tecnico scientifica In generale la classe ha fatto registrare un livello globale di profitto complessivamente discreto sia dal punto di vista dei contenuti che per le capacità comunicative. Gli alunni hanno mostrato un buon interesse ed in generale una maggiore facilità nell approcciare le proposte educative di questa area didattica, lo svolgimento delle lezioni è stato sereno e costruttivo anche se alcuni studenti hanno avuto un atteggiamento poco recettivo e un impegno personale non sempre adeguato a quanto richiesto dalle varie discipline. Si manifesta per alcuni alunni una certa difficoltà nell utilizzo dei linguaggi specifici, rilevando altresì incertezze sul piano della capacità di svolgere e rendere conto del lavoro senza la guida e l orientamento da parte degli insegnanti. A seguito delle rilevazioni intermedie è stata decisa una profonda azione di recupero nelle materie di indirizzo, anche a costo di limitare parte della programmazione stabilita nelle sue parti di approfondimento con azione didattica differenziata fra i due gruppi della classe. Un gruppo si è comunque evidenziato per la curiosità intellettuale ed ha partecipato in modo attivo. Alcuni, applicandosi in modo costante e produttivo, hanno dimostrato di sapersi orientare con sicurezza e autonomia raggiungendo livelli di eccellenza. Area umanistica Tutti gli allievi hanno dimostrato, nel corso del triennio, comportamenti corretti e rispettosi e, soprattutto, uno spiccato interesse per l area umanistico-linguistica. Una evidente predisposizione per le discipline storico-letterarie ha consentito agli alunni di raggiungere una preparazione in alcuni casi eccellente, frutto di un lodevole impegno e di una padronanza nell uso delle metodologie 2.0. Una buona parte della classe si attesta su un profitto discreto o buono, grazie ad un continua e costruttiva partecipazione all attività didattica, che ha permesso di rielaborare autonomamente i contenuti disciplinari. Un gruppo limitato di allievi invece ha incontrato difficoltà nella fase di elaborazione delle conoscenze, anche a causa di un lavoro discontinuo e di un metodo di studio poco autonomo. 5

7 Nel complesso si può ritenere soddisfacente il livello delle competenze linguistiche raggiunto dagli allievi, sia dal punto di vista delle singole discipline che da quello trasversale. 3.d METODI e STRUMENTI DI LAVORO Metodi e strategie didattiche Lezione frontale Lezione interattiva Flipped classroom Debate Web quest Lavori di gruppo Peer education Cooperative learning Lettura guidata di testi Discussione guidata Problem solving Attività progettuale Esercitazioni di laboratorio Studio di casi Controllo partecipato degli esercizi Analisi filmica e di opere teatrali Lezioni on line Conferenze Presentazioni multimediali Strumenti Libro di testo Manuali Dizionari Lavagne Schede riassuntive Documentazione prodotta dal docente Materiali di sintesi prodotti dai discenti Materiale audio e video Materiali dei laboratori tecnologici L.I.M Rete per la ricerca Grandi e piccoli attrezzi per sport Materiale codificato e non 3.e SPAZI utilizzati Aula laboratorio Laboratori di TPSIT -Informatica-Sistemi.- Palestra Biblioteca e postazioni internet - Aula Magna 3. f TEMPI DEL PERCORSO FORMATIVO n. ore 879 (al 15 maggio) su n. ore 1056 previste (33x32 ore settimane a fine a.s.). 6

8 3.g VALUTAZIONE E VERIFICA Valutazione disciplinare Le griglie di valutazione disciplinare sono state condivise nei dipartimenti ed approvate dal Collegio Docenti Valutazione del comportamento La valutazione viene definita in base alla griglia di valutazione d Istituto. VOTO INDICATORI Comportamento formalmente corretto, propositivo e collaborativo 2. Comportamento responsabile e rispettoso delle norme che regolano la vita dell'istituto 3. Comportamento consapevole del proprio dovere, rispetto delle consegne e continuità nell'impegno a scuola e a casa Comportamento corretto, responsabile e rispettoso delle norme che regolano la vita dell'istituto 2. Comportamento consapevole del proprio dovere e continuità nell'impegno a scuola e a casa Comportamento rispettoso delle regole dell'istituto e corretto nel rapporto con i compagni, con gli insegnanti o con le altre figure operanti nella scuola 2. Impegno non sempre costante ed una non sempre precisa consapevolezza del proprio dovere /es.: distrazioni che comportano richiami verbali durante le lezioni Comportamento non sempre rispettoso delle regole dell'istituto e corretto nel rapporto con i compagni, con gli insegnanti e con le altre figure operanti nella scuola /es.: ripetuti ritardi non sempre motivati, distrazioni che comportano frequenti richiami verbali durante le lezioni. 2. Incostanza nell'impegno (a scuola e a casa) e poca consapevolezza del proprio dovere. 6 1.Comportamento irrispettoso delle regole dell'istituto dei compagni e/o degli insegnanti e/o delle altre figure operanti nella scuola, con conseguente irrogazione di sanzioni disciplinari annotate sul registro di classe e comunicate alle famiglie in applicazione dell'art. 22 del regolamento, alle quali lo studente però ha risposto con chiaro e concreto ravvedimento. 2. Inadeguatezza nello svolgere il proprio dovere e mancanza di impegno Comportamenti che manifestano un rifiuto sistematico delle regole dell'istituto, atteggiamenti ed azioni che manifestano grave e/o totale mancanza di rispetto dei compagni e/o degli insegnati e/o di altre figure operanti nella scuola, con conseguente irrogazioni di sanzioni disciplinari annotate sul registro di classe e comunicate alle famiglie. Il 5 in condotta in fase di scrutinio finale o ammissione all'esame di stato può essere attribuito solo nel caso di comportamenti dai quali sia derivata la sanzione disciplinare dell'allontanamento dalla comunità scolastica per un periodo superiore ai 15 giorni 2. Assenza totale di impegno e di consapevolezza del proprio dovere. Per l'attribuzione del voto di condotta non devono necessariamente ricorrere tutti gli indicatori correlati. Numero e tipologie delle verifiche effettuate durante l a.s materia verifiche orali produzioni scritte Religione 4 prove strutturate prove semistrut. problem solvingesercizi prove pratiche altro Italiano Storia web quest Inglese simulazioni Sistemi e reti Matematica

9 TPSIT Gesti. Prog.Org Domande aperte Informatica Ed. Fisica 8 Simulazioni delle prove d esame (1^,2^3^,colloquio) La Dirigenza, in collaborazione con i consigli di classe e i dipartimenti, ha definito le date delle simulazioni delle prove d esame, somministrate contemporaneamente in tutte le classi quinte dell Istituto. 1^ prova scritta di Italiano: 12 febbraio aprile ^ prova scritta :24 aprile maggio ^ prova scritta, Tipologia B+C :24 marzo aprile 2015 E prevista una simulazione di colloquio da svolgersi nei primi giorni di Maggio. Sarà organizzata dalla scuola per tutte le classi quinte, soltanto per alcuni alunni estratti a sorte. Il colloquio sarà condotto dai tre commissari interni e tre docenti di altre classi. Simulazione prova scritta Italiano. Per ciò che concerne la simulazione della prova scritta di Italiano, sono state proposte in entrambe le simulazioni tutte le tipologie. Concordemente con i docenti di Lettere del triennio, sono stati elaborati ed utilizzati criteri di misurazione e valutazione per ciascuna tipologia di prova. Le relative griglie sono comuni a tutte le quinte dell Istituto. Simulazione seconda prova Informatica Sono stati proposti testi in linea con le indicazioni ministeriali che prevedono una prova organizzata in due sezioni. E stata utilizzata una griglia di valutazione comune alle quinte dello stesso indirizzo. Simulazione terza prova. Il consiglio di classe ha scelto prove consone alla specificità dell indirizzo coinvolgendo le discipline dell area tecnico-scientifica: Matematica, TPSIT, Sistemi e reti e Lingua Inglese, evitando prove similari alle prime due. E stata scelta la tipologia B+C consistente in 4 quesiti a risposta multipla e 2 domande aperte. Il tempo di svolgimento è stato di 180'. I testi delle simulazioni delle prove sono allegati al documento. Griglie di correzione adottate per le simulazioni Le griglie di valutazione inserite nel documento sono state utilizzate in tutte le simulazioni effettuate 8

10 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA CORREZIONE DELLA PROVA SCRITTA ANALISI DEL TESTO (TIPOLOGIA A) ALUNNO/A... Parametri Descrittori Competenza linguistica (Ortografia, punteggiatura, morfosintassi, proprietà lessicale) Capacità elaborative e logiche (Coesione e articolazione del discorso) Comprensione del testo Analisi del testo Capacità critiche (interpretazione complessiva ed approfondimenti) Usa un linguaggio appropriato e corretto Presenta qualche errore ortografico e/o morfosintattico Presenta diversi errori Presenta diffusi e gravi errori Sa argomentare in modo ricco e articola il discorso in modo logico e coerente Articola discretamente il discorso Articola il discorso in modo logico, ma semplice e/o schematico Presenta qualche incongruenza Presenta diffuse incongruenze Completa e corretta: ben focalizzata l idea centrale Sostanzialmente corretta; idea centrale presente ma con qualche divagazione e/o incertezza. Generica; idea centrale poco chiara e con imprecisioni Imprecisa e lacunosa: idea centrale confusa o non compresa Completa ed esauriente Esauriente nonostante qualche imprecisione Essenziale nell individuazione degli elementi richiesti Superficiale; insicura padronanza degli strumenti tecnici Limitata a poche osservazioni; non fondata sull uso degli strumenti tecnici Confusa o non pertinente Conosce e padroneggia l argomento proposto e dimostra buone capacità critiche Conosce l argomento in modo completo e dimostra adeguate capacità critiche Conosce l argomento proposto nelle sue linee essenziali e presenta spunti critici Conosce l argomento in modo parziale e/o superficiale, senza apporti critici Conosce l argomento in modo frammentario e lacunoso Punteggio 3 2 1, ,5 2 1, ,5 1 0,5 3 2,5 2 1,5 1 0,5 4 3, TOTALE../15 9

11 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA CORREZIONE DELLA PROVA SCRITTA TIPOLOGIA B: articolo di giornale e saggio breve ALUNNO/A. Parametri Descrittori Punteggio Usa un linguaggio appropriato e 3 Competenza linguistica: (Ortografia, punteggiatura, morfosintassi, proprietà lessicale) Capacità elaborative logiche: Coesione e articolazione del discorso) Capacità di elaborazione dei dati informativi (Comprensione delle fonti, confronto critico delle stesse) Aderenza vincoli tipologia Titolo,citazione delle fonti, lunghezza. Destinazione (articolo) corretto Presenta qualche errore ortografico e/o morfosintattico Presenta diversi errori Presenta diffusi e gravi errori Sa argomentare in modo ricco e articola il discorso in modo logico e coerente Articola discretamente il discorso Articola il discorso in modo logico, ma semplice e/o schematico Presenta qualche incongruenza Presenta diffuse incongruenze Costruisce un testo complesso,con tesi articolata sostenuta da un ottima comprensione dei documenti e significative conoscenze personali Costruisce un testo esauriente, con tesi chiara sostenuta in modo adeguato con buon utilizzo dei documenti Costruisce un testo con tesi presente, sostenuta da argomentazioni essenziali; comprensione poco approfondita dei documenti. Costruisce un testo con tesi poco chiara e argomentata in modo non sempre pertinente; comprensione superficiale dei documenti Costruisce un testo prevalentemente basato su semplici riassunti dei documenti e tesi banale o non presente Costruisce un testo privo di tesi o con contraddizioni dimostrando scarsa comprensione dei documenti o un uso poco pertinente Rispetta completamente i vincoli con scelte anche originali Rispetta i vincoli in modo adeguato Rispetta i vincoli in modo non adeguato o parziale Non rispetta i vincoli: li omette o li applica in modo non corretto TOTALE../15 2 1, ,5 2 1, ,5 10

12 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA CORREZIONE DELLA PROVA SCRITTA TIPOLOGIA C e D ALUNNO/A. Parametri Descrittori Punteggio Comprende pienamente la traccia 2 Comprende la traccia nelle richieste Comprensione essenziali 1 (Aderenza alla traccia) Comprende la traccia in modo parziale 0,5 Non comprende 0,1 Usa un linguaggio appropriato e 3 Competenza linguistica corretto (Ortografia, punteggiatura, Presenta qualche errore ortografico e/o 2 morfosintassi, proprietà morfosintattico lessicale) Presenta diversi errori 1,5 Presenta diffusi e gravi errori 1 Sa argomentare in modo ricco e articola il discorso in modo logico e 3 coerente Capacità elaborative e logiche Articola discretamente il discorso 2,5 (Coesione e articolazione del Articola il discorso in modo logico, discorso) ma semplice e/o schematico 2 Presenta qualche incongruenza 1,5 Presenta diffuse incongruenze 1 Conosce e padroneggia pienamente l argomento 5 Conosce l argomento in modo completo 4 Conosce l argomento nelle sue linee Conoscenza dell argomento essenziali 3,5 proposto Conosce l argomento in modo approssimativo 3 Conosce l argomento in modo parziale Conosce l argomento in modo 2 frammentario e lacunoso 1 E capace di rielaborare in modo significativo ed articolato 2 E capace di rielaborare in modo semplice ma chiaro 1,5 E capace di rielaborare in modo Capacità critiche superficiale 1 Rielabora in modo confuso e/o contraddittorio 0,5 Non è capace di rielaborare criticamente 0,1 TOTALE:../15 11

13 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA CORREZIONE DELLA SECONDA PROVA SCRITTA Dipartimento di Informatica PARA METRI DESCRITTORI CRITERI DI GIUDIZIO GIUDIZIO PRIMA PARTE I QUESITO II QUESITO Risponde a tutte le richieste in modo esauriente e personalizzato Ottimo Risponde a tutte le richieste in modo esauriente Buono A CONOSCENZA DELL ARGOMENTO E DEL CONTESTO Risponde alle richieste in modo essenziale Sufficiente Risponde solo ad alcune richieste in modo approssimato Insufficiente Non risponde a quanto richiesto Gravemente Insufficiente Riorganizza in forma personale i contenuti secondo un criterio di astrazione logico-deduttivo Ottimo B ESATTEZZA NELL ANALISI, SINTESI E DEDUZIONE Riorganizza ed elabora i dati e i concetti da cui sa trarre deduzioni logiche Coglie il significato essenziale delle informazioni Buono Sufficiente Confonde i concetti fondamentali Insufficiente Non sa cogliere il significato essenziale delle informazioni Gravemente Insufficiente Organizza gli argomenti in modo esauriente e completo Ottimo Organizza gli argomenti in modo esauriente Buono 1, C COMPLETEZZA DEI CONTENUTI Organizza gli argomenti in modo essenziale Sufficiente Non organizza se non sommariamente gli argomenti più significativi Insufficiente 0, Non organizza gli argomenti Gravemente Insufficiente D CAPACITA DI RICORRERE A LINGUAGGI SPECIFICI Usa un linguaggio tecnico chiaro e corretto Usa un linguaggio tecnico non sempre corretto Buono Sufficiente Non usa un linguaggio tecnico Insufficiente E LEGGIBILITA E/O ORIGINALITA DELLA SOLUZIONE Leggibile e originale Buono 1 Leggibile Sufficiente 0.5 Non leggibile Insufficiente 0 Punteggio parte prima Punteggio quesito 1 Punteggio quesito 2 /12 /1.5 /1.5 TOTALE../15 12

14 Griglia di correzione per Disciplina : LINGUA INGLESE. ( tipologia B+C: Informatica) a) quesiti a risposta multipla: Punteggio attribuito 1 quesito 2 quesito 3 quesito Ad ogni quesito si attibuisce il punteggio di quesito Totale quesiti a risposta multipla /6 b) quesiti a risposta singola: GRAVEMENTE INSUFFICIENTE Nulla, non pertinente e/o confusa INSUFFICIENTE SUFFICIENT E DISCRETO BUONO OTTIMO Quesito 1 Comprensione del testo e pertinenza delle risposte Limitata e/o Essenziale frammentaria Errori gravi e numerosi, lessico improprio Non del tutto esauriente /copiata dal testo Completa, esauriente ed approfondita Correttezza morfosintattica e lessicale; uso del lessico specifico Errori gravi e Pochi Rari errori lessico povero errori, lessico che lessico appropriato comprometton pertinente o l efficacia comunicativa Qualche errore non grave, lessico accettabil e/ copiatura dal testo Capacità di rielaborazione personale Imprecisa o Semplice poco ma comprensibile personale Non presente o confusa e frammentari a Schematic a ed elementar e Forma corretta e ricchezza lessicale Articolata, personale ed originale _/4.5 Quesito 2 _/4.5 /9 Tot: /15 13

15 Griglia di correzione disciplina terza prova (escluso lingua inglese) tipologia B+C a - Quesiti a risposta multipla: 1 quesito 2 quesito 3 quesito 4 quesito Totale quesiti a risposta multipla Punteggio attribuito /6 Ad ogni quesito si attibuisce il punteggio di 1.5 b - Quesiti a risposta singola: Indicatori 4,5 punti 4 punti 3,25 punti 2,0 punti 0,50 punto 1 quesito 2 quesito Conoscenze Conoscenza dei contenuti completa ed approfondita 2 p. Conoscenza dei Conoscenza dei Conoscenza dei contenuti buona contenuti essenziale contenuti frammentaria 1,80 p 1,50 p. 1 p. Conoscenza dei contenuti scarsa 0,2 p. Capacità di sintesi e competenze Riesce a rispettare i vincoli imposti, mostrando ottime conoscenze e capacità di applicare i concetti studiati 1,40 p. Effettua sintesi abbastanza precise, buone competenze 1,25 p. Effettua sintesi parziali non sempre precise, con sufficiente capacità di applicare le proprie competenze 1 p. Non riesce a sintetizzare bene le conoscenze acquisite, mostrando scarsa competenza 0,5 p. Non sa sintetizzare le conoscenze, non applica competenze 0,1 p. Uso del linguaggio specifico 3) Esprime le c conoscenze in un linguaggio corretto e lessicalmente appropriato 1,10 p. 3) Esprime le conoscenze in un linguaggio abbastanza chiaro e scorrevole 0,95 p. 3) Esprime le conoscenze in un linguaggio non sempre chiaro e scorrevole 0,75 p. 3) Esprime i 3) Possiede una contenuti acquisiti competenza in modo confuso e linguistica confusa e poco corretto scorretta 0,5 p. 0,2 p. Totale parziale Punteggio totale della disciplina /15 14

16 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEL COLLOQUIO Candidato..classe... Criteri adottati: Conoscenze.. 45% = 13 punti/30 Capacità... 40% = 12 punti/30 Competenze... 15% = 5 punti/30 Esaustive e approfondite Ottimo Conoscenze Conoscenze disciplinari Funzionali e esaurienti Essenziali, non approfondite Generiche, superficiali e/o lacunose Buono Sufficiente Insufficiente Scarsa conoscenza dei contenuti Grav.Insuff. 5-1 Si esprime in modo fluido e articolato, utilizzando con padronanza lessico e strutture Ottimo 5 Capacita Espositiva / proprietà sintattica e lessicale Si esprime in modo articolato, preciso e vario Si esprime in modo semplice e generalmente corretto Buono Sufficiente 4 3 Si esprime in modo incerto con lessico impreciso e generico Insufficiente 2 Capacità Capacità di operare raccordi e collegamenti nello stesso ambito disciplinare Si esprime in modo confuso con lessico improprio Stabilisce collegamenti efficaci e completi Individua collegamenti significativi Realizza collegamenti semplici Grav.Insuff Ottimo Buono Sufficiente Realizza collegamenti solo parzialmente Insufficiente 2 Realizza collegamenti solo se aiutato e supportato Grav.Insuff 1 Capacità di riconoscere errori e argomentare per presentare soluzioni -Riconosce l errore e produce soluzioni se supportato -Riconosce parzialmente l errore e non produce soluzioni correttive Sufficiente Insufficiente 2 1 Competenze Competenza: disposizione a scegliere, utilizzare e padroneggiare le conoscenze, capacità e abilità idonee, in un contesto determinato, per impostare e/o risolvere un problema dato. In particolare discutere e approfondire diversi argomenti proposti da più angolazioni Utilizza le conoscenze e le capacità esprimendo giudizi fondati e originali per la risoluzione di problemi o collegamenti interdisciplinari Utilizza le conoscenze e le capacità argomentando con organicità e coerenza, esprime giudizi coerenti e collegamenti interdisciplinari Utilizza le conoscenze e le capacità individuando i concetti essenziali, argomenta con semplicità effettuando, se supportato, collegamenti interdisciplinari Utilizza le conoscenze e le capacità in alcuni concetti chiave, argomenta parzialmente Ottimo Buono Sufficiente Insufficiente Esprime argomentazioni incoerenti, senza nessi logici Grav.Insuff 1 PUNTEGGIO TOTALE /30 15

17 3.h STAGES-VISITE AZIENDALI Gli studenti hanno effettuato nel periodo compreso fra il 1 e il 20 settembre 2014 due o tre settimane di stage aziendale partecipando ad attività lavorative o di ricerca nel settore informatico in ambito pubblico e privato. All'attività di stages è stata attribuita una valutazione che ha tenuto conto delle relazioni del tutor aziendale (orario di lavoro e competenze) e del tutor scolastico (relazione finale) Tali documenti sono stati controllati e valutati dalla prof.ssa di Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e telecomunicazione utilizzando una griglia di valutazione d Istituto aggiunta di seguito Nella seguente tabella si riporta l elenco degli studenti partecipanti con il periodo, il settore di inserimento e la valutazione complessiva: STUDENTE AZIENDA SETTORE VALUTAZIONE INSERIMENTO Bizzarri Marco ADALAB S.N.C. Informatico 70/100 PROVINCIA DI Servizio sistema informativo 50/100 Boldrini Federico PERUGIA Braconi Gabriele WEBRED S.P.A. Unità operativa Settori digitali 80/100 Campagnoli Matteo ADISU AGENZIA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO Carroccia Giulia ART S.P.A. Ingegneria di produzione 80/100 CENTRO Informatico 60/100 Cavalieri Lorenzo INFORMATICA S.R.L. Felicetti Davide PUCCIUFFICIO S.R.L. Laboratorio hardware e software 80/100 Ferracci Michele RUNDLL S.A.S Informatico 80/100 Galetto Gabriele AFB NET S.R.L. Amministrazione 60/100 FAPI SERRAMENTI Amm.vo Tecnico 80/100 Ivan Marius S.N.C. VETRERIA COOP Sviluppo software 80/100 Lilli Davide PIEGARESE Maccari Lorenzo WEBRED S.P.A. Unità operativa servizi digitali 70/100 PROVINCIA DI Servizio sistema informativo 60/100 Pedetti Perfrancesco PERUGIA Pirani Francesco Informatico 80/100 Placidi Vittoria REGIONE UMBRIA 80/100 Ripi Giacomo RUNDLL S.A.S. Informatico 80/100 Romoli Giulia TREXIY S.R.L. Web marketing 70/100 TIEMME Tecnico 60/100 Rosati Belsito Filippo ELETTRONICA S.A.S. COMUNE DI Servizio segreteria, informatica 50/100 Sforza Riccardo PANICALE e telefonia COMUNE DI Servizio informativo comune 80/100 Shomali Alex MARSCIANO Marsciano 16

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli