Indirizzo Informatico Classe 5AI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indirizzo Informatico Classe 5AI"

Transcript

1 Chimica, Materiali e Biotecnologie Grafica e Comunicazione Trasporti e Logistica Istituto Tecnico Tecnologico Statale Alessandro Volta Via Assisana, 40/E - loc. Piscille Perugia Centralino fax C.F Meccanica, Meccatronica ed Energia Elettronica ed Elettrotecnica Informatica e Telecomunicazioni DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE 15 maggio 2015 ( ART.3 L ; ART. 5 del Regolamento) Indirizzo Informatico Classe 5AI A. S Il Dirigente Scolastico Prof. Rita Coccia

2 CONSIGLIO DI CLASSE Materia docente firma Religione Prof.ssa Rosalba Fraziano Italiano Prof.ssa Maria Teresa Delicati Storia Prof.ssa Maria Teresa Delicati Inglese Prof.ssa Daniela Urbani Sistemi e reti Prof.ssa Simonetta Pasqui Matematica Prof. Stefano Loschi Tecnologia e progettazione di sistemi informatici Prof.ssa Monica Ciuchetti Gestione progetto e Organizzazione d impresa Prof. Michele Batocchi Sistemi e reti laboratorio Prof. Paolo Testi Informatica generale Prof. Luigi Maselli Informatica generale laboratorio- Tecnologia e progettazione di sistemi informatici Prof. Gianni Mario Fiorucci Educazione Fisica Prof.ssa Patrizia Ciangottini Sostegno Prof.ssa Valentina Alonge Prof.ssa Laura Rosati IL COORDINATORE DI CLASSE Prof. Maria Teresa Delicati IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa Rita Coccia 1

3 1. PROFILO PROFESSIONALE Il Diplomato in Informatica e Telecomunicazioni: ha competenze specifiche nel campo dei sistemi informatici, dell elaborazione dell informazione, delle applicazioni e tecnologie Web, delle reti e degli apparati di comunicazione; ha competenze e conoscenze che, a seconda delle diverse articolazioni, si rivolgono all analisi, progettazione, installazione e gestione di sistemi informatici, basi di dati, reti di sistemi di elaborazione, sistemi multimediali e apparati di trasmissione e ricezione dei segnali; ha competenze orientate alla gestione del ciclo di vita delle applicazioni che possono rivolgersi al software: gestionale orientato ai servizi per i sistemi dedicati "incorporati"; collabora nella gestione di progetti, operando nel quadro di normative nazionali e internazionali, concernenti la sicurezza in tutte le sue accezioni e la protezione delle informazioni ("privacy"). È in grado di: collaborare, nell ambito delle normative vigenti, ai fini della sicurezza sul lavoro e della tutela ambientale e di intervenire nel miglioramento della qualità dei prodotti e nell organizzazione produttiva delle imprese; collaborare alla pianificazione delle attività di produzione dei sistemi, dove applica capacità di comunicare e interagire efficacemente, sia nella forma scritta che orale; esercitare, in contesti di lavoro caratterizzati prevalentemente da una gestione in team, un approccio razionale, concettuale e analitico, orientato al raggiungimento dell obiettivo, nell analisi e nella realizzazione delle soluzioni; utilizzare a livello avanzato la lingua inglese per interloquire in un ambito professionale caratterizzato da forte internazionalizzazione; definire specifiche tecniche, utilizzare e redigere manuali d uso. A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell indirizzo "Informatica e Telecomunicazioni" consegue i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze. 1. Scegliere dispositivi e strumenti in base alle loro caratteristiche funzionali. 2. Descrivere e comparare il funzionamento di dispositivi e strumenti elettronici e di telecomunicazione. 3. Gestire progetti secondo le procedure e gli standard previsti dai sistemi aziendali di gestione della qualità e della sicurezza. 4. Gestire processi produttivi correlati a funzioni aziendali. 5. Configurare, installare e gestire sistemi di elaborazione dati e reti. 6. Sviluppare applicazioni informatiche per reti locali o servizi a distanza. 2

4 2. PROFILO DELLA CLASSE 2.a. LA STORIA La classe è composta da 20 alunni (17 maschi e 3 femmine), per l alunno DSA è stato stilato il PDP, depositato presso la Segreteria Didattica e al quale si rinvia per qualsiasi chiarimento e delucidazione del caso, per 2 allievi certificati sono state predisposte le giuste documentazioni. La maggioranza appartiene al nucleo originario della 3AI, classe costituita da 27 alunni, provenienti in gran parte dal biennio sez. A Informatica, 1 dal biennio Elettronica, 1 alunno ripetente dalla 3 AI, 3 da altri Istituti. Nel mese di gennaio 3 alunni sono stati riorientati verso il percorso di Elettronica. In sede di scrutinio finale, 13 furono promossi per proprio merito, 2 non furono ammessi, 9 ebbero la sospensione del giudizio a giugno, 8 di questi risultarono ammessi alla classe successiva nello scrutinio di agosto e1 non ammesso. In 4 AI, ai 21 alunni provenienti dalla classe terza 1 alunno si è aggiunto proveniente da un istituto di un altra città, 1 ripetente proveniente dalla 4 AI che si è poi ritirato e 1 alunno si è trasferito al corso di Elettronica, per un totale di 21 alunni. In sede di scrutinio finale, 12 alunni sono stati promossi per proprio merito, 9 hanno avuto la sospensione del giudizio a giugno e sono stati ammessi alla classe successiva nello scrutinio di agosto. In 5AI un alunno che era arrivato nel precedente anno scolastico da altra città si è nuovamente trasferito, pertanto la classe risulta composta da 20 alunni. Dai dati oggettivi si evince che il percorso scolastico di circa 1/3 degli alunni non è stato del tutto regolare, in quanto, nei due anni precedenti la classe quinta, ha avuto sospensioni del giudizio in varie discipline. La classe ha subito un avvicendamento di 2 docenti nel quarto anno e 4 docenti nell ultimo anno, con l inserimento di 2 docenti di sostegno. Il cambiamento più significativo è avvenuto nell area scientifico-tecnologica, nelle discipline informatiche caratterizzanti l indirizzo. Gli alunni provengono prevalentemente dai comuni limitrofi fino ad un raggio di 80 km circa. 2.b AVVICENDAMENTO DOCENTI 1. DISCIPLINA classe 3 classe 4 classe 5 2. TPSIT un docente altro docente altro docente 3. Sistemi lab. un docente altro docente stesso docente Informatica un docente un docente altro docente Gest.Prog.Organ.Imp. altro docente Educazione Fisica un docente un docente altro docente Elettronica un docente stesso docente Diritto un docente 3

5 3. PERCORSO FORMATIVO 3.a OBIETTIVI EDUCATIVI Educare al rispetto delle fondamentali norme di correttezza (ad es. accettare le diversità) Educare al rispetto delle regole della scuola Valorizzare le proposte e le iniziative degli alunni: autonomia e capacità di organizzare il lavoro Potenziare la capacità di lavorare in gruppo Rispetto delle consegne Interventi per raggiungerli: Mantenere un azione comune (confrontarsi anche informalmente) Richiamare gli alunni al rispetto delle regole (In particolare vietare l uso improprio di cellulari) Esplicitare gli obiettivi e le mete coinvolgendo nelle decisioni Dare spazio alle iniziative degli alunni proponendo loro l organizzazione di attività e la verifica dei risultati Organizzare gruppi con compiti sia creativi che produttivi che organizzativi 3.b OBIETTIVI DIDATTICI Potenziare l utilizzazione degli strumenti didattici Potenziare la capacità di analisi, sintesi, metacognizione e rielaborazione, in particolare la schematizzazione Potenziare la competenza comunicativa orale e scritta, attraverso l uso di un linguaggio tecnico-specialistico. Interventi per raggiungerli Assegnare esercizi di comprensione, analisi, sintesi; in particolare far sintetizzare i testi in schemi, tabelle, mappe Correggere costantemente gli errori grammaticali favorendone il superamento Utilizzare il problem solving Stimolare l allievo nel porre tranquillamente, ma in modo appropriato le domande 3.c OBIETTIVI RAGGIUNTI EDUCATIVI La classe, presentatasi in terza particolarmente disomogenea, ma disponibile all apprendimento, ha svolto un lungo percorso formativo, dimostrandosi disponibile al dialogo educativo. Gli alunni hanno sempre mantenuto un comportamento corretto tra di loro e con i docenti, dimostrando tuttavia interesse e partecipazione all attività didattica in 4

6 modo non sempre costante. Alcuni allievi nel corso del triennio si sono distinti per serietà, impegno e responsabilità, questo ha permesso loro di raggiungere risultati d apprendimento veramente positivi e brillanti, in quanto hanno saputo trarre il meglio dall esperienza scolastica, partecipando con successo sia a Progetti d Istituto come i Progetti Europei, il Volontariato, il Giornale on line sia a diversi Eventi, diventando pertanto dei punti di riferimento all interno della classe e anche per alunni di altre classi. Altri invece hanno incontrato difficoltà, in modo particolare in alcune discipline di indirizzo, a queste lacune non sempre è corrisposto un atteggiamento responsabile e diligente, tuttavia alla fine del percorso scolastico, grazie ad azioni educative e di recupero, quasi tutti gli allievi hanno raggiunto gli obiettivi educativi fissati dal Consiglio di Classe e una preparazione accettabile. DIDATTICI Area tecnico scientifica In generale la classe ha fatto registrare un livello globale di profitto complessivamente discreto sia dal punto di vista dei contenuti che per le capacità comunicative. Gli alunni hanno mostrato un buon interesse ed in generale una maggiore facilità nell approcciare le proposte educative di questa area didattica, lo svolgimento delle lezioni è stato sereno e costruttivo anche se alcuni studenti hanno avuto un atteggiamento poco recettivo e un impegno personale non sempre adeguato a quanto richiesto dalle varie discipline. Si manifesta per alcuni alunni una certa difficoltà nell utilizzo dei linguaggi specifici, rilevando altresì incertezze sul piano della capacità di svolgere e rendere conto del lavoro senza la guida e l orientamento da parte degli insegnanti. A seguito delle rilevazioni intermedie è stata decisa una profonda azione di recupero nelle materie di indirizzo, anche a costo di limitare parte della programmazione stabilita nelle sue parti di approfondimento con azione didattica differenziata fra i due gruppi della classe. Un gruppo si è comunque evidenziato per la curiosità intellettuale ed ha partecipato in modo attivo. Alcuni, applicandosi in modo costante e produttivo, hanno dimostrato di sapersi orientare con sicurezza e autonomia raggiungendo livelli di eccellenza. Area umanistica Tutti gli allievi hanno dimostrato, nel corso del triennio, comportamenti corretti e rispettosi e, soprattutto, uno spiccato interesse per l area umanistico-linguistica. Una evidente predisposizione per le discipline storico-letterarie ha consentito agli alunni di raggiungere una preparazione in alcuni casi eccellente, frutto di un lodevole impegno e di una padronanza nell uso delle metodologie 2.0. Una buona parte della classe si attesta su un profitto discreto o buono, grazie ad un continua e costruttiva partecipazione all attività didattica, che ha permesso di rielaborare autonomamente i contenuti disciplinari. Un gruppo limitato di allievi invece ha incontrato difficoltà nella fase di elaborazione delle conoscenze, anche a causa di un lavoro discontinuo e di un metodo di studio poco autonomo. 5

7 Nel complesso si può ritenere soddisfacente il livello delle competenze linguistiche raggiunto dagli allievi, sia dal punto di vista delle singole discipline che da quello trasversale. 3.d METODI e STRUMENTI DI LAVORO Metodi e strategie didattiche Lezione frontale Lezione interattiva Flipped classroom Debate Web quest Lavori di gruppo Peer education Cooperative learning Lettura guidata di testi Discussione guidata Problem solving Attività progettuale Esercitazioni di laboratorio Studio di casi Controllo partecipato degli esercizi Analisi filmica e di opere teatrali Lezioni on line Conferenze Presentazioni multimediali Strumenti Libro di testo Manuali Dizionari Lavagne Schede riassuntive Documentazione prodotta dal docente Materiali di sintesi prodotti dai discenti Materiale audio e video Materiali dei laboratori tecnologici L.I.M Rete per la ricerca Grandi e piccoli attrezzi per sport Materiale codificato e non 3.e SPAZI utilizzati Aula laboratorio Laboratori di TPSIT -Informatica-Sistemi.- Palestra Biblioteca e postazioni internet - Aula Magna 3. f TEMPI DEL PERCORSO FORMATIVO n. ore 879 (al 15 maggio) su n. ore 1056 previste (33x32 ore settimane a fine a.s.). 6

8 3.g VALUTAZIONE E VERIFICA Valutazione disciplinare Le griglie di valutazione disciplinare sono state condivise nei dipartimenti ed approvate dal Collegio Docenti Valutazione del comportamento La valutazione viene definita in base alla griglia di valutazione d Istituto. VOTO INDICATORI Comportamento formalmente corretto, propositivo e collaborativo 2. Comportamento responsabile e rispettoso delle norme che regolano la vita dell'istituto 3. Comportamento consapevole del proprio dovere, rispetto delle consegne e continuità nell'impegno a scuola e a casa Comportamento corretto, responsabile e rispettoso delle norme che regolano la vita dell'istituto 2. Comportamento consapevole del proprio dovere e continuità nell'impegno a scuola e a casa Comportamento rispettoso delle regole dell'istituto e corretto nel rapporto con i compagni, con gli insegnanti o con le altre figure operanti nella scuola 2. Impegno non sempre costante ed una non sempre precisa consapevolezza del proprio dovere /es.: distrazioni che comportano richiami verbali durante le lezioni Comportamento non sempre rispettoso delle regole dell'istituto e corretto nel rapporto con i compagni, con gli insegnanti e con le altre figure operanti nella scuola /es.: ripetuti ritardi non sempre motivati, distrazioni che comportano frequenti richiami verbali durante le lezioni. 2. Incostanza nell'impegno (a scuola e a casa) e poca consapevolezza del proprio dovere. 6 1.Comportamento irrispettoso delle regole dell'istituto dei compagni e/o degli insegnanti e/o delle altre figure operanti nella scuola, con conseguente irrogazione di sanzioni disciplinari annotate sul registro di classe e comunicate alle famiglie in applicazione dell'art. 22 del regolamento, alle quali lo studente però ha risposto con chiaro e concreto ravvedimento. 2. Inadeguatezza nello svolgere il proprio dovere e mancanza di impegno Comportamenti che manifestano un rifiuto sistematico delle regole dell'istituto, atteggiamenti ed azioni che manifestano grave e/o totale mancanza di rispetto dei compagni e/o degli insegnati e/o di altre figure operanti nella scuola, con conseguente irrogazioni di sanzioni disciplinari annotate sul registro di classe e comunicate alle famiglie. Il 5 in condotta in fase di scrutinio finale o ammissione all'esame di stato può essere attribuito solo nel caso di comportamenti dai quali sia derivata la sanzione disciplinare dell'allontanamento dalla comunità scolastica per un periodo superiore ai 15 giorni 2. Assenza totale di impegno e di consapevolezza del proprio dovere. Per l'attribuzione del voto di condotta non devono necessariamente ricorrere tutti gli indicatori correlati. Numero e tipologie delle verifiche effettuate durante l a.s materia verifiche orali produzioni scritte Religione 4 prove strutturate prove semistrut. problem solvingesercizi prove pratiche altro Italiano Storia web quest Inglese simulazioni Sistemi e reti Matematica

9 TPSIT Gesti. Prog.Org Domande aperte Informatica Ed. Fisica 8 Simulazioni delle prove d esame (1^,2^3^,colloquio) La Dirigenza, in collaborazione con i consigli di classe e i dipartimenti, ha definito le date delle simulazioni delle prove d esame, somministrate contemporaneamente in tutte le classi quinte dell Istituto. 1^ prova scritta di Italiano: 12 febbraio aprile ^ prova scritta :24 aprile maggio ^ prova scritta, Tipologia B+C :24 marzo aprile 2015 E prevista una simulazione di colloquio da svolgersi nei primi giorni di Maggio. Sarà organizzata dalla scuola per tutte le classi quinte, soltanto per alcuni alunni estratti a sorte. Il colloquio sarà condotto dai tre commissari interni e tre docenti di altre classi. Simulazione prova scritta Italiano. Per ciò che concerne la simulazione della prova scritta di Italiano, sono state proposte in entrambe le simulazioni tutte le tipologie. Concordemente con i docenti di Lettere del triennio, sono stati elaborati ed utilizzati criteri di misurazione e valutazione per ciascuna tipologia di prova. Le relative griglie sono comuni a tutte le quinte dell Istituto. Simulazione seconda prova Informatica Sono stati proposti testi in linea con le indicazioni ministeriali che prevedono una prova organizzata in due sezioni. E stata utilizzata una griglia di valutazione comune alle quinte dello stesso indirizzo. Simulazione terza prova. Il consiglio di classe ha scelto prove consone alla specificità dell indirizzo coinvolgendo le discipline dell area tecnico-scientifica: Matematica, TPSIT, Sistemi e reti e Lingua Inglese, evitando prove similari alle prime due. E stata scelta la tipologia B+C consistente in 4 quesiti a risposta multipla e 2 domande aperte. Il tempo di svolgimento è stato di 180'. I testi delle simulazioni delle prove sono allegati al documento. Griglie di correzione adottate per le simulazioni Le griglie di valutazione inserite nel documento sono state utilizzate in tutte le simulazioni effettuate 8

10 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA CORREZIONE DELLA PROVA SCRITTA ANALISI DEL TESTO (TIPOLOGIA A) ALUNNO/A... Parametri Descrittori Competenza linguistica (Ortografia, punteggiatura, morfosintassi, proprietà lessicale) Capacità elaborative e logiche (Coesione e articolazione del discorso) Comprensione del testo Analisi del testo Capacità critiche (interpretazione complessiva ed approfondimenti) Usa un linguaggio appropriato e corretto Presenta qualche errore ortografico e/o morfosintattico Presenta diversi errori Presenta diffusi e gravi errori Sa argomentare in modo ricco e articola il discorso in modo logico e coerente Articola discretamente il discorso Articola il discorso in modo logico, ma semplice e/o schematico Presenta qualche incongruenza Presenta diffuse incongruenze Completa e corretta: ben focalizzata l idea centrale Sostanzialmente corretta; idea centrale presente ma con qualche divagazione e/o incertezza. Generica; idea centrale poco chiara e con imprecisioni Imprecisa e lacunosa: idea centrale confusa o non compresa Completa ed esauriente Esauriente nonostante qualche imprecisione Essenziale nell individuazione degli elementi richiesti Superficiale; insicura padronanza degli strumenti tecnici Limitata a poche osservazioni; non fondata sull uso degli strumenti tecnici Confusa o non pertinente Conosce e padroneggia l argomento proposto e dimostra buone capacità critiche Conosce l argomento in modo completo e dimostra adeguate capacità critiche Conosce l argomento proposto nelle sue linee essenziali e presenta spunti critici Conosce l argomento in modo parziale e/o superficiale, senza apporti critici Conosce l argomento in modo frammentario e lacunoso Punteggio 3 2 1, ,5 2 1, ,5 1 0,5 3 2,5 2 1,5 1 0,5 4 3, TOTALE../15 9

11 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA CORREZIONE DELLA PROVA SCRITTA TIPOLOGIA B: articolo di giornale e saggio breve ALUNNO/A. Parametri Descrittori Punteggio Usa un linguaggio appropriato e 3 Competenza linguistica: (Ortografia, punteggiatura, morfosintassi, proprietà lessicale) Capacità elaborative logiche: Coesione e articolazione del discorso) Capacità di elaborazione dei dati informativi (Comprensione delle fonti, confronto critico delle stesse) Aderenza vincoli tipologia Titolo,citazione delle fonti, lunghezza. Destinazione (articolo) corretto Presenta qualche errore ortografico e/o morfosintattico Presenta diversi errori Presenta diffusi e gravi errori Sa argomentare in modo ricco e articola il discorso in modo logico e coerente Articola discretamente il discorso Articola il discorso in modo logico, ma semplice e/o schematico Presenta qualche incongruenza Presenta diffuse incongruenze Costruisce un testo complesso,con tesi articolata sostenuta da un ottima comprensione dei documenti e significative conoscenze personali Costruisce un testo esauriente, con tesi chiara sostenuta in modo adeguato con buon utilizzo dei documenti Costruisce un testo con tesi presente, sostenuta da argomentazioni essenziali; comprensione poco approfondita dei documenti. Costruisce un testo con tesi poco chiara e argomentata in modo non sempre pertinente; comprensione superficiale dei documenti Costruisce un testo prevalentemente basato su semplici riassunti dei documenti e tesi banale o non presente Costruisce un testo privo di tesi o con contraddizioni dimostrando scarsa comprensione dei documenti o un uso poco pertinente Rispetta completamente i vincoli con scelte anche originali Rispetta i vincoli in modo adeguato Rispetta i vincoli in modo non adeguato o parziale Non rispetta i vincoli: li omette o li applica in modo non corretto TOTALE../15 2 1, ,5 2 1, ,5 10

12 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA CORREZIONE DELLA PROVA SCRITTA TIPOLOGIA C e D ALUNNO/A. Parametri Descrittori Punteggio Comprende pienamente la traccia 2 Comprende la traccia nelle richieste Comprensione essenziali 1 (Aderenza alla traccia) Comprende la traccia in modo parziale 0,5 Non comprende 0,1 Usa un linguaggio appropriato e 3 Competenza linguistica corretto (Ortografia, punteggiatura, Presenta qualche errore ortografico e/o 2 morfosintassi, proprietà morfosintattico lessicale) Presenta diversi errori 1,5 Presenta diffusi e gravi errori 1 Sa argomentare in modo ricco e articola il discorso in modo logico e 3 coerente Capacità elaborative e logiche Articola discretamente il discorso 2,5 (Coesione e articolazione del Articola il discorso in modo logico, discorso) ma semplice e/o schematico 2 Presenta qualche incongruenza 1,5 Presenta diffuse incongruenze 1 Conosce e padroneggia pienamente l argomento 5 Conosce l argomento in modo completo 4 Conosce l argomento nelle sue linee Conoscenza dell argomento essenziali 3,5 proposto Conosce l argomento in modo approssimativo 3 Conosce l argomento in modo parziale Conosce l argomento in modo 2 frammentario e lacunoso 1 E capace di rielaborare in modo significativo ed articolato 2 E capace di rielaborare in modo semplice ma chiaro 1,5 E capace di rielaborare in modo Capacità critiche superficiale 1 Rielabora in modo confuso e/o contraddittorio 0,5 Non è capace di rielaborare criticamente 0,1 TOTALE:../15 11

13 GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER LA CORREZIONE DELLA SECONDA PROVA SCRITTA Dipartimento di Informatica PARA METRI DESCRITTORI CRITERI DI GIUDIZIO GIUDIZIO PRIMA PARTE I QUESITO II QUESITO Risponde a tutte le richieste in modo esauriente e personalizzato Ottimo Risponde a tutte le richieste in modo esauriente Buono A CONOSCENZA DELL ARGOMENTO E DEL CONTESTO Risponde alle richieste in modo essenziale Sufficiente Risponde solo ad alcune richieste in modo approssimato Insufficiente Non risponde a quanto richiesto Gravemente Insufficiente Riorganizza in forma personale i contenuti secondo un criterio di astrazione logico-deduttivo Ottimo B ESATTEZZA NELL ANALISI, SINTESI E DEDUZIONE Riorganizza ed elabora i dati e i concetti da cui sa trarre deduzioni logiche Coglie il significato essenziale delle informazioni Buono Sufficiente Confonde i concetti fondamentali Insufficiente Non sa cogliere il significato essenziale delle informazioni Gravemente Insufficiente Organizza gli argomenti in modo esauriente e completo Ottimo Organizza gli argomenti in modo esauriente Buono 1, C COMPLETEZZA DEI CONTENUTI Organizza gli argomenti in modo essenziale Sufficiente Non organizza se non sommariamente gli argomenti più significativi Insufficiente 0, Non organizza gli argomenti Gravemente Insufficiente D CAPACITA DI RICORRERE A LINGUAGGI SPECIFICI Usa un linguaggio tecnico chiaro e corretto Usa un linguaggio tecnico non sempre corretto Buono Sufficiente Non usa un linguaggio tecnico Insufficiente E LEGGIBILITA E/O ORIGINALITA DELLA SOLUZIONE Leggibile e originale Buono 1 Leggibile Sufficiente 0.5 Non leggibile Insufficiente 0 Punteggio parte prima Punteggio quesito 1 Punteggio quesito 2 /12 /1.5 /1.5 TOTALE../15 12

14 Griglia di correzione per Disciplina : LINGUA INGLESE. ( tipologia B+C: Informatica) a) quesiti a risposta multipla: Punteggio attribuito 1 quesito 2 quesito 3 quesito Ad ogni quesito si attibuisce il punteggio di quesito Totale quesiti a risposta multipla /6 b) quesiti a risposta singola: GRAVEMENTE INSUFFICIENTE Nulla, non pertinente e/o confusa INSUFFICIENTE SUFFICIENT E DISCRETO BUONO OTTIMO Quesito 1 Comprensione del testo e pertinenza delle risposte Limitata e/o Essenziale frammentaria Errori gravi e numerosi, lessico improprio Non del tutto esauriente /copiata dal testo Completa, esauriente ed approfondita Correttezza morfosintattica e lessicale; uso del lessico specifico Errori gravi e Pochi Rari errori lessico povero errori, lessico che lessico appropriato comprometton pertinente o l efficacia comunicativa Qualche errore non grave, lessico accettabil e/ copiatura dal testo Capacità di rielaborazione personale Imprecisa o Semplice poco ma comprensibile personale Non presente o confusa e frammentari a Schematic a ed elementar e Forma corretta e ricchezza lessicale Articolata, personale ed originale _/4.5 Quesito 2 _/4.5 /9 Tot: /15 13

15 Griglia di correzione disciplina terza prova (escluso lingua inglese) tipologia B+C a - Quesiti a risposta multipla: 1 quesito 2 quesito 3 quesito 4 quesito Totale quesiti a risposta multipla Punteggio attribuito /6 Ad ogni quesito si attibuisce il punteggio di 1.5 b - Quesiti a risposta singola: Indicatori 4,5 punti 4 punti 3,25 punti 2,0 punti 0,50 punto 1 quesito 2 quesito Conoscenze Conoscenza dei contenuti completa ed approfondita 2 p. Conoscenza dei Conoscenza dei Conoscenza dei contenuti buona contenuti essenziale contenuti frammentaria 1,80 p 1,50 p. 1 p. Conoscenza dei contenuti scarsa 0,2 p. Capacità di sintesi e competenze Riesce a rispettare i vincoli imposti, mostrando ottime conoscenze e capacità di applicare i concetti studiati 1,40 p. Effettua sintesi abbastanza precise, buone competenze 1,25 p. Effettua sintesi parziali non sempre precise, con sufficiente capacità di applicare le proprie competenze 1 p. Non riesce a sintetizzare bene le conoscenze acquisite, mostrando scarsa competenza 0,5 p. Non sa sintetizzare le conoscenze, non applica competenze 0,1 p. Uso del linguaggio specifico 3) Esprime le c conoscenze in un linguaggio corretto e lessicalmente appropriato 1,10 p. 3) Esprime le conoscenze in un linguaggio abbastanza chiaro e scorrevole 0,95 p. 3) Esprime le conoscenze in un linguaggio non sempre chiaro e scorrevole 0,75 p. 3) Esprime i 3) Possiede una contenuti acquisiti competenza in modo confuso e linguistica confusa e poco corretto scorretta 0,5 p. 0,2 p. Totale parziale Punteggio totale della disciplina /15 14

16 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEL COLLOQUIO Candidato..classe... Criteri adottati: Conoscenze.. 45% = 13 punti/30 Capacità... 40% = 12 punti/30 Competenze... 15% = 5 punti/30 Esaustive e approfondite Ottimo Conoscenze Conoscenze disciplinari Funzionali e esaurienti Essenziali, non approfondite Generiche, superficiali e/o lacunose Buono Sufficiente Insufficiente Scarsa conoscenza dei contenuti Grav.Insuff. 5-1 Si esprime in modo fluido e articolato, utilizzando con padronanza lessico e strutture Ottimo 5 Capacita Espositiva / proprietà sintattica e lessicale Si esprime in modo articolato, preciso e vario Si esprime in modo semplice e generalmente corretto Buono Sufficiente 4 3 Si esprime in modo incerto con lessico impreciso e generico Insufficiente 2 Capacità Capacità di operare raccordi e collegamenti nello stesso ambito disciplinare Si esprime in modo confuso con lessico improprio Stabilisce collegamenti efficaci e completi Individua collegamenti significativi Realizza collegamenti semplici Grav.Insuff Ottimo Buono Sufficiente Realizza collegamenti solo parzialmente Insufficiente 2 Realizza collegamenti solo se aiutato e supportato Grav.Insuff 1 Capacità di riconoscere errori e argomentare per presentare soluzioni -Riconosce l errore e produce soluzioni se supportato -Riconosce parzialmente l errore e non produce soluzioni correttive Sufficiente Insufficiente 2 1 Competenze Competenza: disposizione a scegliere, utilizzare e padroneggiare le conoscenze, capacità e abilità idonee, in un contesto determinato, per impostare e/o risolvere un problema dato. In particolare discutere e approfondire diversi argomenti proposti da più angolazioni Utilizza le conoscenze e le capacità esprimendo giudizi fondati e originali per la risoluzione di problemi o collegamenti interdisciplinari Utilizza le conoscenze e le capacità argomentando con organicità e coerenza, esprime giudizi coerenti e collegamenti interdisciplinari Utilizza le conoscenze e le capacità individuando i concetti essenziali, argomenta con semplicità effettuando, se supportato, collegamenti interdisciplinari Utilizza le conoscenze e le capacità in alcuni concetti chiave, argomenta parzialmente Ottimo Buono Sufficiente Insufficiente Esprime argomentazioni incoerenti, senza nessi logici Grav.Insuff 1 PUNTEGGIO TOTALE /30 15

17 3.h STAGES-VISITE AZIENDALI Gli studenti hanno effettuato nel periodo compreso fra il 1 e il 20 settembre 2014 due o tre settimane di stage aziendale partecipando ad attività lavorative o di ricerca nel settore informatico in ambito pubblico e privato. All'attività di stages è stata attribuita una valutazione che ha tenuto conto delle relazioni del tutor aziendale (orario di lavoro e competenze) e del tutor scolastico (relazione finale) Tali documenti sono stati controllati e valutati dalla prof.ssa di Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e telecomunicazione utilizzando una griglia di valutazione d Istituto aggiunta di seguito Nella seguente tabella si riporta l elenco degli studenti partecipanti con il periodo, il settore di inserimento e la valutazione complessiva: STUDENTE AZIENDA SETTORE VALUTAZIONE INSERIMENTO Bizzarri Marco ADALAB S.N.C. Informatico 70/100 PROVINCIA DI Servizio sistema informativo 50/100 Boldrini Federico PERUGIA Braconi Gabriele WEBRED S.P.A. Unità operativa Settori digitali 80/100 Campagnoli Matteo ADISU AGENZIA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO Carroccia Giulia ART S.P.A. Ingegneria di produzione 80/100 CENTRO Informatico 60/100 Cavalieri Lorenzo INFORMATICA S.R.L. Felicetti Davide PUCCIUFFICIO S.R.L. Laboratorio hardware e software 80/100 Ferracci Michele RUNDLL S.A.S Informatico 80/100 Galetto Gabriele AFB NET S.R.L. Amministrazione 60/100 FAPI SERRAMENTI Amm.vo Tecnico 80/100 Ivan Marius S.N.C. VETRERIA COOP Sviluppo software 80/100 Lilli Davide PIEGARESE Maccari Lorenzo WEBRED S.P.A. Unità operativa servizi digitali 70/100 PROVINCIA DI Servizio sistema informativo 60/100 Pedetti Perfrancesco PERUGIA Pirani Francesco Informatico 80/100 Placidi Vittoria REGIONE UMBRIA 80/100 Ripi Giacomo RUNDLL S.A.S. Informatico 80/100 Romoli Giulia TREXIY S.R.L. Web marketing 70/100 TIEMME Tecnico 60/100 Rosati Belsito Filippo ELETTRONICA S.A.S. COMUNE DI Servizio segreteria, informatica 50/100 Sforza Riccardo PANICALE e telefonia COMUNE DI Servizio informativo comune 80/100 Shomali Alex MARSCIANO Marsciano 16

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA PRIMA PROVA SCRITTA CANDIDATO CLASSE DATA INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Livello espressivo trascurato, con errori e improprietà lessicali Correttezza generale, sia pure con qualche lieve errore 2 CORRETTEZZA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE

GRIGLIA DI CORREZIONE ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA ITCG-LC San Marco Argentano a.s. 0/5 GRIGLIA DI CORREZIONE TIOLOGIA A (Analisi del testo) Candidato/a: Classe: Indicatori Comprensione Sintesi Analisi Commento Interpretazione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM027002 - C.F. 91015270902 - tel. 0789/25420 Via A. Nanni - 07026 OLBIA A.S.

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM027002 - C.F. 91015270902 - tel. 0789/25420 Via A. Nanni - 07026 OLBIA A.S. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM02002 - C.F. 91520902 - tel. 089/25420 Via A. Nanni - 002 OLBIA A.S. 2014/15 CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING 1 di 6 04/12/2013 13.10 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 1. SECONDO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 DISCIPLINA Tecnologie

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli

Documento del Consiglio di classe

Documento del Consiglio di classe Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Documento del Consiglio di classe Anno scolastico 2014-2015 Classe 5 serale Indirizzo: Amministrazione finanza e marketing Approvato

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. DI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14 LINGUA: correttezza morfo-sintattica//competenza lessicale e stilistica Numerosi e ripetuti errori in ambito ortografico

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201/1 Classe 1 E COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA 2 LINGUA STRANIERA SCIENZE DELLA TERRA GEOGRAFIA FISICA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SPAGNOLO A.S. 2014-2015. Griglie di valutazione approvate dal Dipartimento. valide per entrambi gli indirizzi LL e LES

DIPARTIMENTO DI SPAGNOLO A.S. 2014-2015. Griglie di valutazione approvate dal Dipartimento. valide per entrambi gli indirizzi LL e LES Griglie di valutazione approvate dal Dipartimento valide per entrambi gli indirizzi LL e LES 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLE PROVE OGGETTIVE Il voto viene attribuito secondo una scala che va da 1 a 10 dove

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

Profilo di indirizzo. Integrare competenze scientifiche e tecnologiche di ambito meccanico, dell automazione e dell energia;

Profilo di indirizzo. Integrare competenze scientifiche e tecnologiche di ambito meccanico, dell automazione e dell energia; 27/04/2010 REV 02 INDIRIZZO MECCANICO CLASSE V A A.S. 14-15 Profilo di indirizzo Il perito in MECCANICA È una figura professionale in grado di: Integrare competenze scientifiche e tecnologiche di ambito

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A.

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. Anno scolastico 2012/2013 Consiglio Classe IV A Data di approvazione 23/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-003 Rev.: 3 Data: 04.10.10 Pag.:

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

5.6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia

5.6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia .6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia Nella Scuola dell'infanzia non si parla propriamente di valutazione se non in termine di sviluppo di competenze riferito ai Campi di Esperienza delle Nuove

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE E VALUTAZIONI QUADRIMESTRALI E DEL COMPORTAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA: ANNO SCOLASTICO 2012/2013. L introduzione della scala numerica ha fatto sì che

Dettagli

COMUNICAZIONE N. 213. Oggetto: Scrutini I quadrimestre Giudizio globale alunni di classe prima e classi successive

COMUNICAZIONE N. 213. Oggetto: Scrutini I quadrimestre Giudizio globale alunni di classe prima e classi successive ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE U. Bombieri di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di 1 grado Via Ferrazzi, 6 - VALSTAGNA TEL. 0424-99532 FAX 0424-980042 Codice Scuola VIIC84900X Codice Fiscale 82002990248

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 8 26/01/2015 10.42 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: INFORMATICA DOCENTI:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA Telefono: 051/4298511 - Fax: 051/392318 - Codice fiscale: 80074870371 Sede Associata: Via Nazionale Toscana, 1-40068 San Lazzaro

Dettagli

Istituto Scolastico Comprensivo di Petritoli. Scuola Secondaria di 1 grado. Curricolo annuale A. S. 2013-2014

Istituto Scolastico Comprensivo di Petritoli. Scuola Secondaria di 1 grado. Curricolo annuale A. S. 2013-2014 Istituto Scolastico Comprensivo di Petritoli Scuola Secondaria di 1 grado Curricolo annuale A. S. 2013-2014 Discipline: lingua francese, lingua tedesca FINALITA DELL INSEGNAMENTO DELLA LINGUA STRANIERA

Dettagli

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN :.. classe 3 sez. A.S... Come deciso dal Consiglio di classe l alunno eseguirà le prove scritte d esame di italiano, di matematica ed elementi di scienze e tecnologia

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSI PRIME E SECONDE VOTI COMPETENZE -ha ottime capacità di ascolto; riconosce, scrive e legge correttamente parole\frasi in

Dettagli

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde ALLEGATO2 VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde Impegno a) Negativo Non rispetta le scadenze Non esegue

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Secondaria di Primo Grado Scuola Secondaria di 1 Grado Classe II Sez. C Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Il testo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola Polo Liceale Orbetello INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Fisica DOCENTE: Lucia Serpico CLASSE 1 A Obiettivi

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Vania Minichiello Materia Psicologia Classe IV Sez. Lsu Testo adottato M. Bernardi, A. Condolf, Psicologia, Clitt Data presentazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola: Liceo D. Alighieri INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Italiano CLASSE:IV A DOCENTE: Marcella Ferrini Obiettivi

Dettagli

VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI 3.7.2 CRITERI GENERALI PER L ATTIVITÀ DI RECUPERO DOPO GLI SCRUTINI

VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI 3.7.2 CRITERI GENERALI PER L ATTIVITÀ DI RECUPERO DOPO GLI SCRUTINI VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI SCUOLA INFANZIA Viene proposta una griglia della situazione iniziale (fine Ottobre) e una relazione dettagliata dopo il consiglio di intersezione.

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ANNALISA

Dettagli

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Nodi concettuali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1.

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. 1 di 9 21/11/2013 10.29 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: METODOLOGIE OPERATIVE DOCENTE:

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 205/6 CLASSE 2ASA Indirizzo di studio Liceo scientifico tecnologico Nuovo ordinamento Docente Disciplina

Dettagli

Le griglie utilizzate per la correzione della terza prova sono due, una per inglese l altra per le prove delle altre discipline.

Le griglie utilizzate per la correzione della terza prova sono due, una per inglese l altra per le prove delle altre discipline. Le griglie utilizzate per la correzione della terza prova sono due, una per inglese l altra per le prove delle altre discipline. 1 Griglie di valutazione della I prova scritta ANALISI DEL TESTO più che

Dettagli

Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) lessico

Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) lessico ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello (5-6) Livello (-5) Livello 5 (2-) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del Difficoltà nel Uso

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MARCO POLO - VIANI" LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione è un elemento pedagogico

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione B Data di approvazione 19/10/2012 Doc.:

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO Via Pertini, 1 73020 UGGIANO LA CHIESA (LE) tel 036 17370 fax 036 14535 LEIC4300C@istruzione.it www.comprensivouggiano.it codice

Dettagli

RELAZIONE FINALE DELLA CLASSE: ALUNNI ISCRITTI: M: F: TOTALE: - di cui: PDH - DSA - ADHD - BES. - alunni stranieri: - ritirati o trasferiti:

RELAZIONE FINALE DELLA CLASSE: ALUNNI ISCRITTI: M: F: TOTALE: - di cui: PDH - DSA - ADHD - BES. - alunni stranieri: - ritirati o trasferiti: RELAZIONE FINALE DELLA CLASSE: A.S. ALUNNI ISCRITTI: M: F: TOTALE: - di cui: PDH - DSA - ADHD - BES - alunni stranieri: - ritirati o trasferiti: Evoluzione della classe rispetto ai livelli individuati

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale Friuli Venezia Giulia. UdA. Abitudini alimentari. Prodotta per un Liceo Pedagogico

Ufficio Scolastico Regionale Friuli Venezia Giulia. UdA. Abitudini alimentari. Prodotta per un Liceo Pedagogico UdA Abitudini alimentari Prodotta per un Liceo Pedagogico Docenti che hanno collaborato: prof. Emanuele Bonutti prof.sa Emanuela Filipuzzi prof.sa Simona Perissutti prof.sa Vicenzina Soriano LA DIDATTICA

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE

CRITERI DI VALUTAZIONE LICEO SCIENTIFICO CLASSICO STATALE ISAAC NEWTON www.liceonewton.gov.it Via Paleologi, 22-10034 CHIVASSO tel. 011/9109663 fax 011/9102732 - E-mail: TOPS190009@istruzione.it C.M. TOPS190009 - C.F. e P.IVA

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 3AS Indirizzo di studio Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Silvia Carminati

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello Pagina 1 di 6 Materia Lingua e cultura greca Anno Scolastico 2015-2016 secondo biennio Componenti del Consiglio di Materia: Docente Prof.ssa Lucia Piga (Coordinatore di Materia) Prof.ssa Enrica Piano Prof.ssa

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CLASSE PRIMA A LICEO SCIENZE APPLICATE MATERIA DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE EZIO TINO LIBRI DI TESTO SERGIO SAMMARONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 1 Premessa Nel rispetto della normativa vigente sulla valutazione vengono preparati, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio

ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio ALLEGATO 1 Griglia di valutazione per lo scritto - biennio Indicatori Livello 1 (9-10) Livello 2 (7-8) Livello 3 (5-6) Livello 4 (4-5) Livello 5 (2-4) Lessico Ottimo Buono Uso essenziale del lessico Difficoltà

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI INFORMATICA. Anno Scolastico 2015/2016

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI INFORMATICA. Anno Scolastico 2015/2016 Istituto di Istruzione Superiore "Don Lorenzo Milani" - Gragnano (NA) Istituto Tecnico Commerciale e Turistico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI INFORMATICA Anno Scolastico 2015/2016

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA COMPETENZE (1)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA COMPETENZE (1) http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 8 15/11/2013 154 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

INDICATORI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. VESPUCCI Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di Primo Grado Via Sgambati, 30-50127 Firenze tel 055 316383 - fax 055 375000 e-mail: fimm075007@istruzione.it

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli