Istituto Tecnico Industriale Statale Dionigi Scano Cagliari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Tecnico Industriale Statale Dionigi Scano Cagliari"

Transcript

1 Istituto Tecnico Industriale Statale Dionigi Scano Cagliari Indirizzi: Meccanica, Edilizia, Informatica, Costruzioni Aeronautiche, Liceo Tecnologico SEDE:Via Cesare Cabras, Monserrato (CA) tel fax c.f SEDI ASSOCIATE: Teulada tel Sito web: DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe V Sez.A Liceo Scientifico Tecnologico Anno scolastico 2009/2010 Teulada Il coordinatore di classe Prof. Telemaco Arangino Il Dirigente Scolastico Prof.ssa Giovanna Licheri

2 Il Documento predisposto dal Consiglio di Classe Contiene: 1. Composizione del Consiglio di Classe 2. Profilo Professionale 3. Composizione della Classe 4. Profilo della Classe 5. Obiettivi didattici 6. Criteri di valutazione 7. Le simulazioni dell'esame di Stato 8. Informazioni sulle attività disciplinari 9. Attività extrascolastiche 2

3 1. Composizione del Consiglio di Classe Materia Docente Ore di lezione settimanali Note (continuità nel triennio) 1 Religione 1 Piras Giuseppina 1 SI 2 Italiano 2 Cipollaro Rossella 4 NO 3 Storia Cipollaro Rossella 3 NO 4 Filosofia 3 Arangino Telemaco 3 NO 5 Inglese 4 Cojana Maria Luisa 3 NO 6 Scienza della Terra 5 De Giudici Andrea 2 NO 7 Biologia e Lab. De Giudici Andrea 2(1) NO 6 Pianta Lazzaro NO 8 Chimica e Lab. 7 Cristina Deidda (3)2 NO Pianta Lazzaro NO 9 Fisica e Lab. 8 Marrocu Pasqualino 4(2) SI 9 Barraco Fabrizio NO 10 Matematica e Lab. 10 Scanu Maria Cristina 4(1) NO 11 Maciocco Giuseppe NO 11 Inform. e Sistemi 12 Usala Manuela 3(2) NO 13 Colella Davide NO 12 Educ. Fisica 14 Bernardini Mauro 2 NO 3

4 2. Profilo Professionale Il corso di studi del Liceo Scientifico Tecnologico conduce ad un titolo di maturità scientifica. Obiettivo generale del corso è fornire una formazione umana e culturale nella quale sapere umanistico e sapere scientifico siano armonicamente integrati. Il corso trova un suo naturale sviluppo negli studi universitari, nelle lauree brevi e nei corsi post-diploma di tipo scientifico. La preparazione vasta e flessibile che esso fornisce, unita all'esperienza maturata nei laboratori, consente una migliore comprensione delle problematiche tecnologiche del moderno sistema economico di sviluppo. 4

5 3. Elenco Candidati Cognome e Nome 1 ARRUS SARA 2 BALLISAI JESSICA 3 CONCAS MICHELE 4 DIDU VALERIA 5 GARAU CARMEN 6 MADEDDU SALVATORE 7 PALA VALENTINA 8 PIRAS GIANCARLO 9 PUTZOLU MARCO 10 PUTZU ELISABETTA

6 Profilo della Classe (Numero e provenienza degli alunni, dinamiche di gruppo, fasce di livello, intervento didattico, ex IDEI) La classe è composta da soli 10 alunni, 6 studentesse e 4 studenti, non tutti residenti a Teulada, 2 di essi sono pendolari residenti a Sant'Anna Arresi. Soltanto una studentessa ripete la classe quinta. Il comportamento degli alunni è stato, in generale, sempre corretto ed essi hanno anche mostrato una ottima capacità di socializzazione e di integrazione nel contesto classe. La classe nel suo complesso, tuttavia, in avvio di anno scolastico è apparsa carente quanto a conoscenza delle discipline oggetto di studio negli anni precedenti e a padronanza del metodo di studio. I docenti, come responsabili della funzione educativa e formativa degli allievi, hanno costantemente cercato di perseguire l obiettivo di fornire agli studenti i mezzi idonei per favorirne l inserimento nella società con una autonoma capacità di giudizio e controllo critico al fine di operare scelte responsabili. La metodologie didattica utilizzata in generale da ogni singolo docente è risultata molteplice: la tradizionale lezione frontale con esposizione strutturata dei contenuti, la lettura e il commento in classe del libro di testo o altro materiale didattico, la lezione interattiva con discussione e analisi dei risultati. I docenti, inoltre, hanno costantemente esortato gli studenti alla ricerca singola e alla organizzazione di lavori di gruppo. L attività didattica ha avuto luogo principalmente in classe e nei laboratori per le materie di indirizzo. Inoltre, per svolgere l attività didattica sia in aula di lezione che nei diversi laboratori della scuola sono stati utilizzati anche sussidi audiovisivi e strumenti multimediali. Il Consiglio di Classe infine ha promosso l'utilizzo di tutte le verifiche atte a valutare l'apprendimento degli allievi: orali, scritte e pratiche (per le materie di indirizzo). La frequenza e l'impegno discontinui e la partecipazione non sempre attiva alle lezioni scolastiche di una parte degli allievi hanno rallentato l attività didattica dei docenti e di conseguenza hanno limitato l'acquisizione di conoscenze capacità e competenze degli allievi medesimi. L attività di recupero, si è svolta all interno dell orario curricolare ed è stata attuata tutte le volte che ogni singolo docente, visti i risultati delle verifiche, abbia ritenuto necessario effettuarla. Nei casi in cui sono emerse particolari difficoltà di apprendimento le attività di recupero si sono svolte proponendo i contenuti con mezzi e modalità differenti. In primo luogo i docenti si sono avvalsi dell uso del videoproiettore o della 6

7 lavagna luminosa e frequentemente è stato necessario ricorrere all uso di fotocopie ad integrazione di alcune argomentazioni di particolare difficoltà. In secondo luogo i docenti per hanno utilizzato il momento della correzione dei compiti in classe come ulteriore rinforzo delle spiegazioni. In terzo luogo i docenti hanno utilizzato anche il momento delle singole interrogazioni come interrogazioni formative, ovvero interrogazioni volte anche ad integrare eventuali carenze dello studente interrogato e/o della classe. Già durante il I quadrimestre, considerate le carenze degli allievi e in particolare in Fisica e Matematica, si è ritenuto utile attivare, in orario extracurricolare, i relativi corsi ex IDEI, secondo le modalità e gli obiettivi discussi, ed approvati, nel consiglio di classe. I docenti si sono costantemente riferiti al Progetto Educativo di Istituto e alla Programmazione del Consiglio di Classe integrata dai Piani di Lavoro individuali dei singoli docenti. La scuola ha anche aderito al progetto Il Quotidiano in Classe promosso dall Osservatorio permanente Giovani Editori, al fine di sviluppare negli alunni uno spirito critico e il confronto delle idee, sapendo osservare la realtà contemporanea ed elaborare autonomamente il proprio pensiero. Le famiglie degli allievi sono state informate sul profitto scolastico tramite i colloqui generali infraquadrimestrali e tramite i colloqui con ogni singolo docente fissati mensilmente. 7

8 5. Obiettivi didattici del Consiglio di Classe I docenti considerata la condizione iniziale della classe si propongono il conseguimento dei seguenti obiettivi educativi e didattici generali: OBIETTIVI COMPORTAMENTALI 1) Rispettare le regole dell ambiente scolastico: Essere puntuali e rispettare le scadenze; Rispettare gli altri e l ambiente scolastico; Assumere sempre comportamenti corretti, sia nel linguaggio che negli atteggiamenti. 2) Saper intrattenere rapporti con gli altri: Essere disponibili all ascolto; Accettare punti di vista diversi dai propri; Saper motivare le proprie scelte, i propri comportamenti, i propri punti di vista. 3) Sapersi inserire in gruppi di lavoro: Essere collaborativi nell esecuzione dei compiti; Evitare atteggiamenti di prevaricazione sugli altri; Rispettare le regole che il gruppo si è dato. 4) Acquisire valori: Acquisire i valori della legalità, della solidarietà, della non violenza; Il rispetto di se stesso e degli altri. 5) Acquisire autonomia: Avere coscienza delle proprie capacità di lettura e interpretazione della realtà. 6) Sviluppare doti progettuali: Saper individuare soluzioni creative nell affrontare problematiche di vario genere; Saper coordinare un gruppo di lavoro. OBIETTIVI COGNITIVI 1) Acquisire un corretto metodo di studio: Saper cogliere gli aspetti essenziali di una spiegazione di un testo, di un problema, di un fenomeno affrontati in classe; Essere in grado di prendere appunti e di saperli riorganizzare; Saper riassumere e schematizzare testi di vario genere. 2) Acquisire capacità comunicative: Utilizzare il registro comune della lingua senza incorrere in errori di sintassi, di grammatica e di ortografia; Essere in grado di esprimersi e di comunicare nei 8

9 linguaggi tecnici specifici delle varie discipline in forma linguisticamente corretta e organica; Saper comunicare in modo chiaro i risultati delle attività individuali e di gruppo; Saper produrre elaborati su tematiche o argomenti delle varie discipline presentati e discussi in classe. 3) Acquisire la capacità di risolvere problemi nuovi: Saper rielaborare le conoscenze sviluppando capacità logiche ed espressive; Saper utilizzare metodologie e conoscenze acquisite in situazioni nuove; Saper individuare e utilizzare i collegamenti alle conoscenze pregresse. 4) Saper utilizzare e produrre documentazione: Saper riassumere un testo cogliendone gli aspetti essenziali; Saper produrre una relazione sintetica e coerente sull attività svolta selezionando ed organizzando le informazione secondo il proprio e l altrui punto di vista. 5) Saper costruire modelli: Saper costruire schemi riepilogativi di un testo; Saper analizzare situazioni già conosciute o nuove, individuandone proprietà e strutture comuni; Saper utilizzare le conoscenze per interpretare e analizzare situazioni problematiche, costruendone modelli rappresentativi. 6) Saper esprimere valutazioni consapevoli: Saper confrontare testi che esprimono opinioni diverse sullo stesso fatto o sullo stesso fenomeno; Saper sostenere un punto di vista con argomentazioni pertinenti ed esaustive; Acquisire la coscienza del valore intrinseco dell auto valutazione e dell autonomia di giudizio. 7) Saper aggiornare le proprie conoscenze attraverso la consultazione di strumenti tecnici. 9

10 Criteri di valutazione degli apprendimenti (Griglia di valutazione approvata dal Collegio Docenti e riportata nel P.O.F 2007/2008) VOTO VALUTAZIONE CONOSCENZA CAPACITA' COMPETENZA 10 ECCELLENTE 9 OTTIMO Ampia, completa, approfondita Ampia, completa ed approfondita Compie relazioni dei concetti chiave in modo trasversale ed interdisciplinare Organizza in modo autonomo e corretto le conoscenze Comprende e rielabora i contenuti in modo critico ed originale Comprende e rielabora i contenuti in modo articolato 8 BUONO 7 DISCRETO Completa ed approfondita Completa ma non approfondita Sa classificare e ordinare in modo corretto le conoscenze Ordina, sintetizza i contenuti anche se talvolta necessita di una guida Comprende e rielabora i contenuti in modo autonomo Comprende e rielabora i contenuti in modo personale ma non sempre autonomo 6 SUFFICIENTE Essenziale, ma nozionistica e non approfondita Organizza le conoscenze in modo semplice e non del tutto autonomo Comprende e rielabora i contenuti in modo elementare ma corretto 5 4 MEDIOCRE (INSUFF. NON GRAVE) INSUFFICIENTE Superficiale Superficiale e frammentaria Compie valutazioni molto elementari e non sempre adeguate Non riesce a fare valutazioni di quanto appreso Comprende i contenuti ma non sempre è in grado di rielaborarli in modo corretto Comprende e rielabora i contenuti in modo non corretto 3 SCARSO Lacunosa e incompleta Non è in grado di correlare i concetti chiave Non rielabora i contenuti 2 MOLTO SCARSO Nessuna conoscenza Non è in grado di individuare i concetti base Non rielabora i concetti base 1 NULLO Nessuna nozione Nessuna Nessuna 10

11 7. Modalità e articolazione delle Simulazioni dell'esame di Stato Le simulazioni dell'esame di stato si sono svolte mediante la somministrazione della 1a, 2a e 3a prova in tempi diversi; per la terza prova è stata adottata la tipologia mista 4 (domande a risposta multipla) + 2 (domande a risposta breve). Si sono svolte secondo il seguente calendario: 1a PROVA (Italiano) 2a PROVA (Fisica) 3a PROVA (Storia - Filosofia - Inglese - Chimica - Informatica) 2 MARZO 20 APRILE 11 MAGGIO 6 MARZO 10 APRILE 8 MAGGIO 27 FEBBRAIO 17 MARZO 4 MAGGIO 11

12 Finalità e obiettivi didattici: 9. Attività disciplinari RELIGIONE Docente: Giuseppina Piras (Ore di lezione fino al : ) Individuare le modalità della scelta etica e i valori fondamentali del Cristianesimo. Riconoscere il senso e il significato profondo dell amore umano e della vita sin dal suo nascere. Riflettere sull impegno individuale per una convivenza sociale più giusta, più fraterna, più pacifica. Scorgere gli altri aspetti positivi esistenti nel prossimo e nel diverso. Metodologie di svolgimento: Dialogo esperenziale. Problematizzazioni e presentazioni degli obiettivi da raggiungere. Presentazione dei contenuti. Riflessioni personali e di gruppo. Discussioni. Lezioni frontali. Tipologia verifiche: La verifica dell apprendimento è effettuata con modalità differenziate tenendo presente la classe e il grado di difficoltà degli argomenti, l orario scolastico e il processo di insegnamento effettuato. Si è verificato il raggiungimento degli obiettivi mediante conversazioni, riflessioni personali e di gruppo. Programma svolto fino al : L uomo e il suo essere per amare: l uomo essere in relazione, e il rapporto uomo-donna. Il problema etico circa la vita, le relazioni con sé stessi e gli altri. Elementi di morale sociale: l uomo e il lavoro, l impegno sociopolitico. Libro di testo: 12

13 Programma delle attività dopo il : La morale e la fede. Riconoscere nelle beatitudini un progetto di vita. Attività di recupero e di potenziamento: Attività che possono costituire credito scolastico: Obiettivi effettivamente conseguiti: Il livello degli obiettivi raggiunti si può dire più che soddisfacente. 13

14 ITALIANO Docente: Rossella Cipollaro (Ore di lezione fino al : ) Finalità e obiettivi didattici: Finalità: - Acquisire consapevolezza della specificità e complessità del fenomeno letterario attraverso la conoscenza diretta dei testi - Conseguire una buona padronanza della lingua nella ricezione e nella produzione orale e scritta Obiettivi generali: Conoscenze: - Conoscere i principali movimenti letterari - Conoscere la poetica degli autori e la loro produzione letteraria - Conoscere la storia e le caratteristiche dei principali generi letterari Competenze: - Saper comprendere ed analizzare un testo, interpretando le scelte contenutistiche e formali del suo autore - Saper contestualizzare un testo, collocandolo nell opera del suo autore, nel suo periodo storico-culturale, nel genere cui appartiene Capacità: - Saper operare collegamenti e confronti fra testi letterari - Saper esprimere e motivare un giudizio critico personale Metodologie di svolgimento: Al fine di rendere concreta e funzionale l attività didattica e favorirne lo svolgimento, è stato necessario ridimensionare il programma, limitando la scelta degli autori e i numero dei testi da analizzare. Ci si è pertanto soffermati sugli aspetti peculiari delle diverse correnti e sulle personalità di maggior rilievo, completando il quadro della storia letteraria con sintesi, schemi e mappe concettuali. E stata privilegiata la lezione frontale, integrata con momenti di discussione e approfondimento delle tematiche affrontate. Per preparare gli studenti allo svolgimento della prima prova dell esame di stato sono state fornite accurate indicazioni sulle modalità di stesura dell analisi del testo, dell articolo di giornale e del saggio breve, pertanto tutte le prove scritte svolte nel corso dell anno sono state strutturate sul modello della prova d esame. Tipologia verifiche: Verifiche orali effettuate al termine di ogni modulo e prove scritte conformi alle tipologie previste dall esame di stato. 14

15 Programma svolto fino al : Modulo I. LA DIFFICILE TRANSIZIONE DELL ETA NAPOLEONICA: IL NEOCLASSICISMO - Il contesto storico - La complessità e le caratteristiche generali del Neoclassicismo - UGO FOSCOLO La vita e il percorso letterario La delusione politica come delusione dell uomo La poesia: i sonetti maggiori e la nuova poesia civile dei Sepolcri Lettura, analisi e commento dei seguenti testi: - Alla sera - In morte del fratello Giovanni - A Zacinto - Dei Sepolcri(vv. 1-90/ ) - Le ultime lettere di Jacopo Ortis - Il sacrificio della patria nostra è consumato - La lettera da Ventimiglia Modulo II. L ETA DEL ROMANTICISMO - Il contesto storico - Il Romanticismo europeo - Il Romanticismo in Italia: la polemica tra classicisti e romantici - ALESSANDRO MANZONI e il romanzo storico: I promessi sposi - La vita e il percorso letterario - La genesi, la struttura e la costruzione del romanzo - La questione della lingua Lettura, analisi e commento dei seguenti brani: - Sulla maniera e sull utilità delle traduzioni Madame de Staël - Un italiano risponde al discorso della de Staël Pietro Giordani - Letttre a M. Chauvet Alessandro Manzoni - Il romanzo storico - Il torneo da Ivanohe di W.Scott - capitoli tratti dal romanzo I Promessi sposi: dal cap. III Lucia e don Rodrigo dal cap. X La signora dal cap. XIV I discorsi politici di Fermo e di Renzo dal cap. XIX Il conte del sagrato e l Innominato Modulo III. GIACOMO LEOPARDI: LA POESIA DEL PENSIERO - La vita e il percorso letterario - Uomo e natura - Le dimensioni dell infelicità - Le illusioni Lettura, analisi e commento dei seguenti brani: - Lettere: 15

16 Sono così stordito dal niente che mi circonda - A Luis De Sinner - Ricordi d infanzia e d adolescenza: Immagini,sensazioni affetti - Lo Zibaldone di pensieri: - La teoria del piacere - Il vago, l indefinito e le rimembranze della fanciullezza - La teoria della visione - La teoria del suono - La rimembranza - Le Operette morali: genesi e struttura - Dialogo della natura e di un islandese - Cantico del gallo silvestre - Dialogo di Torquato Tasso e del suo genio familiare - Dialogo di Tristano e di un amico - Le Canzoni e gli Idilli - A Silvia - La quiete dopo la tempesta - La ginestra (vv.1-51) Modulo IV. UN CASO LETTERARIO: I MALAVOGLIA DI G.VERGA - La cultura filosofica e scientifica dell età del Positivismo - Il precursore del Naturalismo francese: G.Flaubert - Il Naturalismo e il romanzo sperimentale di Zola - La vita e il percorso letterario di GIOVANNI VERGA - Fatalismo ed impersonalità: il Verismo - Il ciclo dei vinti Lettura, analisi e commento dei seguenti brani: - La morte di Emma Bovary G. Flaubert - Prefazione al ciclo dei Rougon-Maquart - L Assomoir - Lo scrittore come operaio del progresso sociale E. Zola - Nedda - Fantasticheria - La famiglia Toscano - Il coro del paese Modulo V. ILROMANZO DALLA SCAPIGLIATURA ALLA CRISI DELLA RAGIONE - La scapigliatura e la narrativa degli intellettuali scapigliati - Il romanzo decadente e G. D Annunzio - Il romanzo della crisi: L.Pirandello e I.Svevo Lettura, analisi e commento dei seguenti brani: - La scapigliatura e il 6 febbraio C. Arrighi - Fosca U.I.Tarchetti G. D Annunzio da Il piacere - Andrea Sperelli G. D Annunzio - Andrea Sperelli ed Elena Muti LIBRO DI TESTO: Dal testo alla storia dalla storia al testo; G.Baldi - S.Giusso - M. Rametti G. Zaccaria; Casa editrice Paravia 16

17 Volumi: 2C, 3/1b, 3/2, 32b. Programma delle attività dopo il : La parte finale dell anno scolastico sarà dedicata prevalentemente ad alcuni approfondimenti sulla narrativa del Novecento: - G. D Annunzio e il superuomo: Il piacere - L.Pirandello: il relativismo e la maschera - I. Svevo: la psicoanalisi e la figura dell inetto - La letteratura e l olocausto: Primo Levi Lettura, analisi e commento dei seguenti brani: L. Pirandello - da L umorismo L arte che scompone il reale - da Novelle per un anno Ciaula scopre la luna - Il treno ha fischiato - da Il fu Mattia Pascal La costruzione della nuova identità - da Quaderni di Serafino Gubbio operatore - Viva la macchina che meccanizza la vita - da Uno nessuno e centomila il primo e l ultimo capitolo del romanzo - Nessun nome I. Svevo - da Una vita Le ali del gabbiano - da Senilità Il ritratto dell inetto Senilità e giovinezza - da La coscienza di Zeno Il fumo - La morte del padre - La scelta della moglie e l antagonista - La vita non è né brutta né bella, ma originale P. Levi - da Se questo è un uomo - Il fondo - Il canto di Ulisse Attività di recupero e di potenziamento: Le attività di recupero, approfondimento e potenziamento sono state svolte in itinere e in orario curricolare. Attività che possono costituire credito scolastico: Obiettivi effettivamente conseguiti: La classe è stata disponibile alla collaborazione e la maggior parte degli studenti ha seguito le lezioni con interesse. La partecipazione all attività didattica è stata soddisfacente e produttiva, l applicazione seria e costante. Pertanto l intera classe ha raggiunto, in data odierna, gli obiettivi prefissati in relazione alle competenze, alle conoscenze e alle capacità. 17

18 18

19 Finalità e obiettivi didattici: Finalità: STORIA Docente: Rossella Cipollaro (Ore di lezione fino al : ) - Educare gli studenti alla consapevolezza del metodo storico - Conoscere la storia per comprendere l evoluzione dell uomo moderno - Sviluppare interesse per gli aspetti politico- sociali della storia - Far cogliere negli avvenimenti i rapporti di causa- effetto - Sviluppare un autonoma capacità di giudizio Obiettivi generali: - Saper descrivere, analizzare e sintetizzare in modo chiaro e lineare, in forma orale e scritta, anche attraverso collegamenti e riferimenti interdisciplinari -Esporre in forma chiara e coerente fatti e problemi relativi agli eventi studiati, collocandoli nello spazio e nel tempo - Acquisire la terminologia e gli strumenti propri della disciplina - Confrontare le differenti interpretazioni che gli storici danno di un medesimo fatto o fenomeno - Esporre in forma chiara e coerente fatti e problemi relativi agli eventi studiati - Sintetizzare, rielaborare e collegare i vari eventi storici - Usare la terminologia specifica Metodologie di svolgimento: Lezioni frontali e dialogate con lettura ed analisi di documenti. Tutte le attività proposte sono state finalizzate alla focalizzazione dei temi e dei momenti cruciali in rapporto alle fasi ed agli eventi storici considerati. Sono stati così introdotti stimoli ad operare collegamenti, raccordi tra temi, sintesi, riflessioni critiche e una traccia per la realizzazione di appunti personali. Tipologia verifiche: Verifiche orali e scritte (test e questionari) al termine di ogni modulo. Programma svolto fino al : 19

20 Modulo I: L età Napoleonica e la Restaurazione - Dal Direttorio alla dittatura militare - Il consolato e l impero - Il congresso di Vienna e il sistema delle alleanze Modulo II: L unificazione nazionale italiana - Il Risorgimento e il problema nazionale italiano - La svolta del Il Piemonte liberale e Cavour - La conquista dell unità Modulo II: L Europa tra Ottocento e Novecento - La società industriale moderna e l imperialismo - La destra storica, la sinistra al potere, l età giolittiana Modulo III: Il mondo in guerra - Il Novecento fra guerra, crisi e rivoluzione: la Belle époque - La I Guerra mondiale e la rivoluzione russa - La crisi del 1929 e il New Deal - I totalitarismi degli anni Trenta: stalinismo, franchismo e nazismo LIBRO DI TESTO: La conoscenza storica; A. De Bernardi- S. guarracino; casa editrice Bruno Mondadori.volumi 2-3. Programma delle attività dopo il : La parte finale dell anno scolastico sarà dedicata prevalentemente ad approfondire gli argomenti relativi alla storia del Novecento: - I regimi totalitari e l olocausto. Attività di recupero e di potenziamento: Le attività di recupero, approfondimento e potenziamento sono state svolte in itinere e in orario curricolare. Attività che possono costituire credito scolastico: 20

21 Obiettivi effettivamente conseguiti: La classe è stata disponibile alla collaborazione e la maggior parte degli studenti ha seguito con interesse le lezioni. La partecipazione all attività didattica è stata soddisfacente e produttiva, l applicazione seria e costante. Pertanto l intera classe ha raggiunto, in data odierna, gli obiettivi prefissati sia in relazione alle competenze, che alle conoscenze e alle capacità. 21

22 FILOSOFIA Docente: Telemaco Arangino (Ore di lezione fino al : ) Finalità e obiettivi disciplinari: Favorire la maturazione e lo sviluppo della personalità degli studenti. Far accettare e far rispettare le regole che sono il fondamento di ogni attività didattica e della vita sociale. Far acquisire una vera consapevolezza dell importanza della formazione culturale. Fornire una conoscenza generale della storia della filosofia moderna e contemporanea (dall Illuminismo ai primi pensatori contemporanei). Favorire la contestualizzazione nel presente (quando possibile) di problemi sollevati dalla riflessione di pensatori del passato (tenendo conto dell alterità storica). Far acquisire capacità di analisi e di sintesi, capacità di rielaborazione nonché la conoscenza di terminologia specifica. Metodologie di svolgimento: Le metodologie didattiche sono state adottate sia in funzione degli obiettivi di apprendimento e dei contenuti, sia in funzione delle caratteristiche del gruppo classe. Il programma scolastico, inoltre, è stato svolto in modo diversificato a seconda del tipo di argomento trattato, del grado di difficoltà e del livello di attenzione mostrato contingentemente dagli studenti. Talvolta si è preferito adottare la classica lezione frontale, talvolta la lettura e il commento del manuale in classe e, limitatamente, l impostazione di lezioni di tipo interattivo (problem solving). E' nella pratica didattica che talvolta, attraverso l'interazione fra l insegnante e gli allievi, le attività svolte durante le lezioni si sono orientate sul dialogo e sulla ricerca di un attiva partecipazione e riflessione. Tipologia verifiche: Durante l anno scolastico, al termine di ogni ciclo di spiegazioni, sono state effettuate interrogazioni orali e sistematiche, ma sono stati valutati anche gli interventi spontanei dal posto e, in ogni caso, la valutazione è stata comunicata in tempo reale. I criteri generali di misurazione e verifica (per la valutazione di atteggiamenti, abilità, competenze, conoscenze) sono stati scelti in relazione alla tipologia del contenuto a cui si riferiscono, nonché ad una più approfondita conoscenza della classe in termini di capacità cognitive, interessi e motivazioni. E' stata costantemente preferita la valutazione formativa e nel contempo sommativa che si propone di compensare eventuali carenze degli allievi sia di fare un bilancio per l'attribuzione del voto. E' stata effettuata alla fine di ogni ciclo di spiegazioni, 22

23 di ogni attività e argomenti previsti tramite prove orali. Programma svolto fino al : 1) Ripasso della filosofia di IMMANUEL KANT (programma svolto nella 4a classe): Il criticismo come «filosofia del limite». Il problema generale della Critica della ragion pura. I giudizi sintetici a priori. La rivoluzione copernicana. La facoltà della conoscenza e la partizione della Critica della ragion pura. L Estetica trascendentale. La teoria dello spazio e del tempo. La fondazione kantiana della matematica. L Analitica trascendentale. Le categorie. La deduzione trascendentale. Ambiti d uso delle categorie e il concetto di «noumeno». La Dialettica trascendentale. La genesi della metafisica e delle sue tre idee. Critica della psicologia razionale e della cosmologia razionale. La critica delle prove dell esistenza di Dio. La funzione regolativa delle idee. La Critica della ragion pratica. Realtà e assolutezza della legge morale. La categoricità dell imperativo morale. La formalità della legge e il dovere. L autonomia della legge e la rivoluzione copernicana morale. La teoria dei postulati pratici e la fede morale. Il primato della ragion pratica. La Critica del giudizio. Il problema e la struttura dell opera. L analisi del bello e i caratteri specifici del giudizio estetico. L universalità del giudizio estetico. La giustificazione dell universalità del giudizio di gusto e le rivoluzione copernicana estetica. Il sublime, le arti belle e il genio. Analisi del giudizio teleologico. 2) IL ROMANTICISMO Caratteri generali (cenni). Il senso dell'infinito. Infinità e creatività dell'uomo. La Sehnsucht, l ironia e il titanismo. La nuova concezione della storia. La nuova concezione della natura. La seconda fase del romanticismo. Il rapporto tra finito e infinito. 3) JOHANN GOTTLIEB FICHTE L infinità dell io. La dottrina della scienza e i suoi tre principi. La struttura dialettica dell io. La dottrina della conoscenza. La dottrina morale e il primato della ragion pratica. 4) FRIEDRICH WILHELM JOSEPH SCHELLING L assoluto come indifferenza di spirito e natura: le critiche a Fichte. La filosofia della natura. L idealismo trascendentale e la teoria dell arte. La filosofia positiva. 5) GEORG WILHELM FRIEDRICH HEGEL I capisaldi del sistema. Finito e infinito. Ragione e realtà. La funzione della filosofia. Idea, Natura e Spirito: le partizioni della filosofia. La Dialettica. La critica alle filosofie precedenti. La Fenomenologia dello spirito. 1) Coscienza. 2) Autocoscienza. Signoria e servitù. Stoicismo e scetticismo. La coscienza infelice. 3) Ragione. La Filosofia dello spirito. Lo spirito oggettivo (diritto astratto; moralità; eticità: famiglia, società civile, lo Stato e la guerra). Lo spirito assoluto. 6) ARTHUR SCHOPENHAUER Radici culturali del sistema. Il mondo della rappresentazione come velo di Maya. 23

24 La scoperta della via di accesso alla cosa in sé. Caratteri e manifestazioni della Volontà di vivere. Il pessimismo: dolore, piacere e noia; la sofferenza universale; l illusione dell amore. Le vie di liberazione dal dolore: arte, etica della pietà e ascesi. 7) Destra e Sinistra Hegeliana: STRAUSS, FEUERBACH E STIRNER (cenni). 8) KARL MARX (nozioni fondamentali) Caratteristiche del marxismo. La critica al «misticismo logico» di Hegel. La critica dell economia borghese e la problematica dell alienazione. La concezione materialistica della storia. Struttura e sovrastruttura. La dialettica della storia. LIBRO DI TESTO: NICOLA ABBAGNANO GIOVANNI FORNERO, Le tracce del pensiero, PARAVIA. Programma delle attività dopo il : Ripasso generale dei contenuti già trattati durante l'anno scolastico ed in particolare di quegli autori o problematiche filosofiche per cui si è riscontrata una maggiore difficoltà di apprendimento fra gli studenti. Attività di recupero e di potenziamento: Attività che possono costituire credito scolastico: Obiettivi effettivamente conseguiti: In generale, gli studenti non hanno manifestato particolari interessi per la materia. La conoscenza dei contenuti, la capacità di analisi e di sintesi, hanno raggiunto risultati sufficienti o discreti. La capacità di rielaborazione, la capacità espressiva e le capacità espositive ed argomentative, l uso di un linguaggio specifico, sono risultati non adeguati e, verosimilmente, penalizzati da un metodo di studio che non è sembrato molto curato né definito. Gli studenti, pertanto, hanno raggiunto un sufficiente o discreto livello di preparazione e gli obiettivi programmati sono stati parzialmente raggiunti o raggiunti. 24

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli