Convenzione di previdenza Domanda di apertura di un conto / deposito di previdenza (pilastro 3a)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convenzione di previdenza Domanda di apertura di un conto / deposito di previdenza (pilastro 3a)"

Transcript

1 Convenzione di previdenza Domanda di apertura di un conto / deposito di previdenza (pilastro 3a) Intestatario/a della previdenza Cognome Nome Via / N. CAP / Luogo Sesso Stato civile Data di nascita N. AVS: 756. Nazionalità Luogo d origine Professione (p.f. indicazione precisa) N. di telefono Lingua di corrispondenza IT FR TED Sono affiliato a una cassa pensione (2 pilastro) Si No Esercito un attività lucrativa indipendente Si No (di seguito il Cliente ) Il Cliente richiede l apertura di un conto/deposito di previdenza e desidera che i propri versamenti previdenziali siano ripartiti come segue (pregasi indicare ripartizioni percentuali arrotondate al 5%): % sul conto di previdenza % sul deposito di previdenza, fermo restando che il Cliente investe nel fondo d investimento BSI LIFE INVEST - 40 R che è conforme all OPP % in totale L importo d investimento minimo versabile nel deposito di previdenza ammonta a CHF La ripartizione percentuale dell avere di previdenza varia in funzione dell evoluzione del valore che è soggetto a oscillazioni. Rischi connessi ai fondi di investimento Gli investimenti in fondi possono comportare anche perdite di corso. L investimento in fondi è pertanto indicato unicamente per un Cliente con un orizzonte d investimento a medio-lungo termine. Emissione e riscatto di quote di fondi Il Cliente può impartire in qualsiasi momento alla Fondazione di previdenza 3a BSI (di seguito la Fondazione di previdenza ) ordini relativi all emissione e al riscatto di quote di fondi. Di norma la Fondazione di previdenza impartisce settimanalmente gli ordini d investimento o disinvestimento al fondo BSI LIFE INVEST 40 R. Il prezzo di emissione e di riscatto corrisponde al prezzo calcolato dal fondo BSI LIFE INVEST 40 R al giorno di riferimento ed è pari al valore d inventario netto per singola quota. Attualmente non vengono percepite commissioni di emissione o di riscatto. All atto della chiusura del conto/deposito di previdenza, gli investimenti vengono alienati dalla Fondazione di previdenza. I trasferimenti di titoli non sono ammessi. Regolamento della Fondazione e commissioni Ai sensi dell art. 82 della Legge federale sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (LPP) e la relativa Ordinanza OPP 3, il Cliente stipula con la Fondazione di previdenza una Convenzione di previdenza conformemente al Regolamento allegato. In particolare, il Cliente prende atto del fatto che per l intera durata della presente Convenzione di previdenza sono possibili solo i prelievi previsti dalla legge. Il Regolamento della Fondazione di previdenza è parte integrante della presente Convenzione di previdenza. Sottoscrivendo la presente Convenzione di previdenza il Cliente conferma di aver ricevuto e preso conoscenza del Regolamento della Fondazione. Inoltre valgono le regole sulle commissioni aggiornate. Pagina 1/8

2 Identificazione e determinazione dell avente diritto economico Il Cliente deve sottoporre uno dei seguenti documenti a riprova della propria identità (copia allegata alla richiesta): passaporto svizzero, carta d identità oppure permesso di soggiorno per stranieri. Apponendo la propria firma il Cliente conferma di non essere soltanto il titolare del conto/deposito ma anche l avente diritto economico dei beni patrimoniali intestati a suo nome, depositati sul conto/deposito di previdenza. Diritto applicabile e foro competente Tutti i rapporti giuridici risultanti dal presente contratto sottostanno al diritto svizzero. Foro giuridico competente è Zurigo. La Fondazione di previdenza si riserva tuttavia il diritto di intraprendere azioni dinanzi a qualsiasi altro tribunale competente. Luogo e data Firma del Cliente Cognome, nome del Consulente Pagina 2/8

3 Ordine all istituzione di previdenza precedente Vogliate compilare questo formulario in ogni sua parte e trasmetterlo alla Fondazione di previdenza 3a BSI, se desiderate trasferire l avere previdenziale. Con la presente, l intestatario dell avere previdenziale incarica la propria istituzione di previdenza del pilastro 3a di sciogliere il rapporto previdenziale e di trasferire la totalità del suo avere sul conto di previdenza 3a presso la banca BSI SA conformemente alle indicazioni della Fondazione di previdenza 3a BSI. Intestatario/a della previdenza Cognome Nome Via / N. CAP / Luogo Data di nascita N. AVS: 756. N. di telefono (di seguito il Cliente ) Istituzione di previdenza 3a precedente Nome dell istituzione di previdenza Indirizzo N. conto / polizza 3a precedente Elaborazione dei dati Il Cliente consente alla Fondazione di previdenza 3a BSI di inoltrare alla BSI SA i dati riportati nel presente formulario Ordine all istituzione di previdenza precedente e nella domanda di apertura conto corrispondente per la loro elaborazione. È consapevole che per tutta la durata del rapporto previdenziale, tra la Fondazione di previdenza 3a BSI e BSI SA intercorre uno scambio di dati continuo. Egli è a conoscenza del fatto che le indicazioni concernenti il suo conto di previdenza 3a dopo l apertura dello stesso saranno inoltrate unitamente con il presente formulario alla sua istituzione previdenziale precedente. Con la sottoscrizione del presente formulario autorizza tale inoltro. Luogo e data Firma del Cliente Pagina 3/8

4 Regolamento della Fondazione di previdenza 3a BSI Conformemente all art. 9 degli Statuti della Fondazione di previdenza 3a BSI (di seguito la Fondazione di previdenza ) è stabilito il seguente Regolamento della Fondazione di previdenza 3a BSI (di seguito il Regolamento ). Art. 1. Scopo Con la sua affiliazione alla Fondazione di previdenza, l intestatario/a di previdenza (di seguito il Cliente ) consente la creazione di una previdenza vincolata e fiscalmente agevolata ai sensi dell art. 82 della Legge federale sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (LPP) e la relativa Ordinanza sulla legittimazione delle deduzioni fiscali per i contributi a forme di previdenza riconosciute (OPP 3). Art. 2. Convenzione di previdenza A tal fine il Cliente stipula una Convenzione di previdenza con la Fondazione di previdenza. La Convenzione di previdenza definisce i dettagli del rapporto previdenziale tra il Cliente e la Fondazione di previdenza. Con la stipulazione della Convenzione di previdenza il Cliente è autorizzato a destinare versamenti fiscalmente agevolati al suo personale conto/deposito di previdenza presso la banca BSI SA (di seguito BSI SA ). I Clienti, che hanno la facoltà di firmare una Convenzione di previdenza, possono essere dipendenti o indipendenti. Art. 3. Apertura e gestione del conto Su incarico del Cliente la Fondazione di previdenza apre un conto di previdenza presso BSI SA, intestato al Cliente. Il conto di previdenza è destinato esclusivamente alla previdenza individuale del Cliente. La Fondazione di previdenza trasferisce la gestione del conto a BSI SA. In caso di stipulazione di più convenzioni di previdenza da parte del Cliente, la somma dei versamenti annui non può superare l importo massimo consentito ai sensi dell art. 4 del Regolamento. Non è permesso ripartire l avere di previdenza già costituito. Art. 4. Versamenti Secondo l art. 7 cpv. 1 OPP 3 e l art. 8 cpv. 1 LPP il Cliente può scegliere liberamente il momento e l entità degli importi da destinare al proprio conto di previdenza fino a concorrenza dell importo massimo annuo previsto dalla legge. Il Cliente può dunque effettuare i propri versamenti regolarmente o in modo sporadico. Al fine di garantire gli accrediti dei versamenti effettuati sul conto di previdenza del Cliente nell anno corrente, i depositi devono avvenire entro il termine ultimo di versamento possibile, definito ogni anno ex novo dalla Fondazione di previdenza. L accredito dei versamenti con effetto retroattivo non è possibile. La Fondazione di previdenza può rifiutare l accredito di versamenti. Art. 5. Remunerazione Il Consiglio di fondazione stabilisce il tasso d interesse a condizioni conformi al mercato. Gli interessi vengono accreditati sul conto del Cliente annualmente alla fine dell anno civile. La Fondazione di previdenza può rifiutare l accredito di versamenti. Art. 6. Investimenti in titoli A titolo integrativo o in alternativa all investimento sul conto il Cliente può investire in quote del fondo BSI LIFE INVEST 40 R. In tal caso deve impartire alla Fondazione di previdenza l ordine di assegnare una parte o l intero avere disponibile sul conto di previdenza in quote del fondo d investimento BSI LIFE INVEST 40 R conformemente al suo regolamento. Gli investimenti sono effettuati conformemente agli artt dell Ordinanza sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (OPP 2). La Fondazione di previdenza può a sua discrezione fissare un importo minimo per gli investimenti. La Fondazione di previdenza acquisisce gli investimenti per conto del Cliente e li gestisce a suo nome. Il Consiglio di Fondazione delibera in merito alle possibilità d investimento offerte ai Clienti e fissa le direttive d investimento a riguardo. Gli ordini del Cliente alla Fondazione di previdenza relativamente all emissione e al riscatto di quote del fondo d investimento BSI LIFE INVEST 40 R sono possibili in qualsiasi momento. La Fondazione di previdenza impartisce di regola settimanalmente i relativi ordini d investimento e disinvestimento. Pagina 4/8

5 I prezzi di emissione e di riscatto corrispondono al prezzo calcolato dalla direzione del fondo BSI LIFE INVEST 40 R al giorno di riferimento, fermo restando che la Fondazione di previdenza può esigere il pagamento di una commissione di emissione e/o riscatto quale indennizzo. In caso di riscatto delle quote del fondo, il ricavato viene accreditato al conto di previdenza del Cliente. Per la parte dell avere di previdenza investita in quote di fondi è esclusa ogni pretesa relativamente a un tasso d interesse minimo o alla conservazione del capitale. Il rischio d investimento è assunto dal Cliente, il quale è consapevole che, a differenza del semplice conto, gli investimenti in fondi presentano oscillazioni di corso che aumentano quanto maggiore è la quota di azioni e di divise estere. Con il conferimento dell ordine di investire in quote del fondo BSI LIFE INVEST 40 R il Cliente conferma di essere consapevole dei rischi connessi con gli investimenti. Le direttive d investimento e le modifiche sostanziali a riguardo vengono sottoposte all approvazione dell Autorità di vigilanza competente. Il Cliente prende atto che la Fondazione di previdenza accetta eventuali corresponsioni da terzi secondo le tariffe conformi al mercato, relativamente all importo investito o alle operazioni che egli ha richiesto. Il Cliente rifiuta espressamente l accredito di tali corresponsioni e autorizza la Fondazione di Previdenza a corrispondere i rispettivi accrediti, dedotti eventuali emolumenti, a BSI SA a titolo di compensazione forfettaria per le spese amministrative e di gestione sostenute da BSI SA. Art. 7. Durata di previdenza ordinaria In caso di sopravvivenza del Cliente la Convenzione di previdenza termina al raggiungimento dell età pensionabile ordinaria ai sensi dell art. 21 LAVS. Il prolungamento della Convenzione di previdenza oltre l età pensionabile ordinaria è in linea di principio escluso, a meno che prima del raggiungimento dell età pensionabile ordinaria il Cliente dimostri di esercitare ancora un attività lucrativa. In tal caso è possibile prorogare la durata di cinque anni al massimo dall avvenuto raggiungimento dell età pensionabile ordinaria. Ad eccezione dei motivi menzionati all art. 8 sotto menzionato, non è possibile effettuare riscatti anticipati dal conto di previdenza. Se, decorso il termine della Convenzione di previdenza e subentrata la scadenza secondo l art. 10 del Regolamento, la Fondazione di previdenza non riceve istruzioni riguardo al trasferimento dell avere di previdenza sul conto di previdenza, la Fondazione di previdenza restituisce tutte le quote del fondo (vedi art. 10 cpv. 3), apre un conto risparmio intestato al Cliente presso BSI SA e vi trasferisce l intero avere di previdenza. La Convenzione di previdenza termina senza eccezioni in caso di decesso del Cliente, sia che la morte avvenga prima del raggiungimento dell età pensionabile ordinaria secondo l art. 21 LAVS, sia che essa risalga al periodo di prolungamento della Convenzione di previdenza oltre l età pensionabile ordinaria, secondo l art. 21 LAVS (vedi art. 7 cpv. 1) In caso di decesso del Cliente la Fondazione di previdenza liquida tutte le quote di fondi non appena giunge a conoscenza della morte, accreditando il ricavato sul conto di previdenza. Art. 8. Prelievo anticipato e scioglimento della Convenzione di previdenza È possibile rescindere la Convenzione di previdenza e ottenere l accredito dell avere di previdenza al più presto cinque anni prima di raggiungere l età pensionabile ordinaria secondo l art. 21 LAVS. Un versamento anticipato delle prestazioni di vecchiaia è ammissibile se il rapporto di previdenza è sciolto per uno dei motivi seguenti: a) il Cliente beneficia d una rendita intera d invalidità dell assicurazione federale per l invalidità e il rischio d invalidità non è assicurato; b) il Cliente utilizza il capitale di previdenza per il riscatto di quote in una istituzione di previdenza esente da imposte o l impiega per un altra forma riconosciuta di previdenza; c) il Cliente pone termine all attività lucrativa indipendente esercitata finora e ne inizia un altra indipendente di genere diverso; d) l istituto di previdenza è tenuto, giusta l art. 5 della legge del 17 dicembre 1993 sul libero passaggio, al pagamento in contanti. La prestazione di vecchiaia può inoltre essere versata anticipatamente per: La prestazione di vecchiaia può inoltre essere versata anticipatamente per: a) l acquisto e la costruzione di una proprietà d abitazione per uso proprio; b) l acquisizione di partecipazioni ad una proprietà d abitazione per uso proprio; c) la restituzione di mutui ipotecari. Il prelievo anticipato può essere richiesto ogni cinque anni. Nel caso di coniugi o partner registrati, nelle fattispecie di cpv. 2 c) e d) e cpv. 3 da a) a c) è richiesto il consenso scritto del coniuge o del partner registrato, le cui firme devono essere autenticate. Il Cliente che non è coniugato, né tantomeno vincolato da un unione domestica registrata, deve presentare un estratto aggiornato del registro dello stato civile. Eccetto nei casi summenzionati cpv. 2 b) e cpv. 3 da a) a c), i prelevamenti parziali dell avere di previdenza sono esclusi. Pagina 5/8

6 Art. 9. Beneficiari Le persone seguenti sono ammesse quali beneficiari: a) in caso di sopravvivenza il Cliente; b) in caso di morte del Cliente, nell ordine seguente: 1) il coniuge o il partner registrato superstite; 2) i discendenti diretti e le persone fisiche al cui sostentamento il Cliente ha provveduto in modo considerevole oppure la persona che ha convissuto ininterrottamente con quest ultimo durante i cinque anni precedenti il decesso o che deve provvedere al sostentamento di uno o più figli in comune; 3) i genitori; 4) i fratelli e le sorelle; 5) gli altri eredi. Con comunicazione scritta indirizzata alla Fondazione di previdenza il Cliente è autorizzato a modificare la sequenza dei beneficiari nel gruppo citato al cpv. 1 lit. b) cifra 2, come del resto quella dei beneficiari nei gruppi menzionati al cpv. 1 lit. b) cifra 3-5. Il Cliente è peraltro autorizzato a circostanziare ulteriormente i diritti dei singoli beneficiari. Art. 10. Scadenza e versamento dell avere di previdenza In presenza di un motivo di rescissione o scioglimento ai sensi degli artt. 7 e 8 del Regolamento, l intero avere di previdenza del Cliente, incluse eventuali quote detenute nel fondo BSI LIFE INVEST 40 R, diventa esigibile. Spetta alla persona avente diritto legittimarsi alla Fondazione di previdenza secondo le modalità da essa ritenute opportune, fornendo tutte le informazioni necessarie e presentando la documentazione e le prove richieste affinché il diritto all erogazione della prestazione previdenziale possa essere fatto valere. La Fondazione di previdenza è in ogni caso autorizzata a predisporre ulteriori accertamenti. Laddove subentri un motivo di rescissione o scioglimento ai sensi degli artt. 7 e 8 del Regolamento, le quote di fondi devono essere restituite dalla Fondazione di previdenza e l intero avere di previdenza deve essere corrisposto entro 30 giorni dalla ricezione dell istanza completa. Ai sensi dell art. 96 e dell art. 472 segg. del Codice delle Obbligazioni (CO), la Fondazione di previdenza è autorizzata a custodire l avere di previdenza, previo riscatto di eventuali quote di fondi, in caso di controversie in merito alla persona avente diritto. Art. 11. Imposte I versamenti effettuati dal Cliente possono essere dedotti dal reddito imponibile conformemente alle disposizioni giuridiche federali e del Cantone di residenza. Fino alla scadenza, l avere di previdenza cumulato e i redditi risultanti sono esentasse. Secondo l art. 7 cpv. 2 OPP 3 i coniugi o partner registrati possono pretendere queste deduzioni, ciascuno per conto proprio, se ambedue esercitano un attività lucrativa e effettuano i versamenti ad una forma riconosciuta di previdenza. In caso di liquidazione dell avere di previdenza, la Fondazione di previdenza deve adempiere agli obblighi legali, in particolare all obbligo di notifica secondo la Legge federale sull imposta preventiva e annunciare alle autorità fiscali competenti i relativi prelievi, se il Cliente o un avente diritto non comunichi per iscritto alla Fondazione di previdenza prima del versamento della prestazione. Se, al momento di inoltrare la richiesta di scioglimento, il Cliente o un beneficiario risiede all estero, la Fondazione di previdenza è obbligata a detrarre l imposta alla fonte. Art. 12. Cessione, costituzione in pegno e compensazione L avere di previdenza non può essere né costituito in pegno, né ceduto, né tantomeno compensato. Eventuali azioni intraprese in tal senso prima della scadenza sono considerate nulle. È fatta salva la costituzione in pegno ai sensi della promozione della proprietà d abitazione secondo l art. 4 cpv. 2 OPP 3, nonché l art. 30 b LPP, l art. 331d CO e gli artt. 8 e 9 dell Ordinanza sulla promozione della proprietà di abitazioni mediante i fondi della previdenza professionale (OPPA). Se i Clienti sono coniugati o sono vincolati da un unione domestica registrata, ai fini della costituzione in pegno è necessario il consenso scritto del coniuge o del partner registrato, la cui firma deve essere autenticata. La cessione dell avere di previdenza a un coniuge o partner registrato può avvenire conformemente all art. 4 cpv. 3 e 4 OPP 3 in caso di risoluzione del regime dei beni in seguito a divorzio o scioglimento giudiziale dell unione domestica registrata oppure per altro motivo (eccetto il decesso). Art. 13. Comunicazioni, attestazioni e corrispondenza Le comunicazioni e le attestazioni della Fondazione di previdenza vengono spedite all ultimo indirizzo fornitole dal Cliente. In generale, le comunicazioni e le attestazioni sono considerate validamente pervenute se inviate all ultimo indirizzo comunicato dal Cliente. Annualmente il Cliente riceve un estratto della situazione del proprio avere sul conto e/o deposito di previdenza, insieme a un attestazione in merito ai versamenti effettuati (attestazione fiscale). Il Cliente è tenuto a inviare tutta la corrispondenza che concerne il suo rapporto di previdenza alla Fondazione di previdenza. Pagina 6/8

7 Art. 14. Modifiche dell indirizzo e dei dati personali Se intervengono modifiche dell indirizzo o dei dati personali (in particolare dello stato civile) del Cliente, egli dovrà informarne immediatamente la Fondazione di previdenza. La modifica del nome o dello stato civile deve essere comprovata con un documento ufficiale. BSI SA e la Fondazione di previdenza declinano qualsiasi responsabilità in merito alle conseguenze di indicazioni insufficienti, tardive o inesatte relative all indirizzo o ai dati personali. Il Cliente deve provvedere a garantire il contatto con la Fondazione di previdenza. Se malgrado le ricerche non è più possibile attivare il contatto, la Fondazione di previdenza adotta le norme istituite dall Associazione svizzera dei banchieri relative alla gestione dei patrimoni in giacenza. Art. 15. Verifica delle firme e della legittimazione L identità del Cliente viene verificata sulla base della firma che ha apposto sulla Convenzione di previdenza. La Fondazione di previdenza è autorizzata, ma non obbligata, a verificare in altro modo la legittimazione del Cliente. Restano riservate le disposizioni relative alla forma menzionata all art. 8 del presente Regolamento. Qualora insorga un danno a causa di carenze nella legittimazione o di falsificazioni, il Cliente ne risponde, salvo nel caso in cui la Fondazione di previdenza o BSI SA in veste di suo agente non abbiano adottato la consueta diligenza. Art. 16. Reclami I reclami concernenti una mancata o lacunosa esecuzione di ordini, gli estratti conto o altre comunicazioni della Fondazione di previdenza, devono essere sporti dal Cliente o beneficiario subito dopo il ricevimento, al più tardi entro un termine di 30 giorni. In caso contrario si presume che non vi siano carenze. Art. 17. Commissioni La Fondazione di previdenza può stabilire commissioni a titolo di indennizzo, che vengono addebitate all avere di previdenza. Le regole sulle commissioni sono comunicate al Cliente all apertura del conto, fermo restando che la Fondazione di previdenza si riserva di modificare l entità delle commissioni in qualsiasi momento. Le regole sulle commissioni aggiornate possono essere richieste alla Fondazione di previdenza. Art. 18. Responsabilità La Fondazione di previdenza declina ogni responsabilità nei confronti del Cliente per le conseguenze che potrebbero derivare dall inosservanza da parte del Cliente stesso degli obblighi legali, contrattuali o regolamentari. Art. 19. Modifiche del Regolamento La Fondazione di previdenza è autorizzata a modificare il presente Regolamento di sua iniziativa. Le modifiche del Regolamento devono essere comunicate all Autorità di vigilanza competente. Tali modifiche vengono comunicate al Cliente secondo modalità idonee. In assenza di sua opposizione scritta entro il termine di un mese dalla comunicazione le modifiche sono considerate approvate. Art. 20. Riserva degli obblighi legali Le disposizioni imperative delle leggi e delle ordinanze prevalgono sulle disposizioni della Convenzione di previdenza e del presente Regolamento. Le modifiche successive delle leggi o delle ordinanze sono valide anche senza previa notifica al Cliente. Art. 21. Modifiche alle istruzioni d investimento In caso di fusioni, liquidazioni o diverso orientamento di fondi d investimento, la Fondazione di previdenza si riserva il diritto di incaricare BSI SA di adeguare automaticamente e a titolo gratuito le istruzioni d investimento del Cliente qualora quest ultimo non provveda personalmente ad adattarle entro il termine fissato. Art. 22. Entrata in vigore del Regolamento Il presente Regolamento entra in vigore il 22 febbraio 2010 in sostituzione del Regolamento del 17 dicembre Zurigo, 22 febbraio 2010 Pagina 7/8

8 Regole sulle commissioni della Fondazione di previdenza 3a BSI Ai sensi dell art. 17 del Regolamento della Fondazione di previdenza 3a BSI, quale indennizzo per le spese sostenute vengono prelevate le seguenti commissioni: 1. Gestione del conto gratuita 2. Gestione del deposito gratuita 3. Commissione di emissione nessuna 4. Commissione di riscatto nessuna 5. Estratto conto / deposito annuo gratuito 6. Ogni ulteriore estratto conto / deposito intermedio CHF Ridistribuzione consistenza titoli (due ridistribuzioni l anno sono gratuite) CHF Prelievo anticipato o parziale per la promozione della proprietà d abitazione CHF Costituzione in pegno per la promozione della proprietà d abitazione CHF Chiusura del conto CHF Spese di terzi riaddebitate 12. Spese straordinarie in base all onere effettivo Le commissioni includono un eventuale imposta sul valore aggiunto. Situazione al 22 febbraio 2010 Pagina 8/8

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

Capire il certificato di previdenza

Capire il certificato di previdenza Previdenza professionale Capire il certificato di previdenza Questo foglio informativo illustra la struttura del certificato di previdenza. Fornisce spiegazioni e contiene informazioni utili su temi importanti.

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

Accrediti per compiti educativi

Accrediti per compiti educativi 1.07 Generalità Accrediti per compiti educativi Valido dal 1 gennaio 2015 1 Panoramica introduttiva Le disposizioni legali prevedono che, nel calcolo delle rendite, si possano eventualmente conteggiare

Dettagli

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento 3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l età ordinaria di pensionamento. Gli

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (LAVS) 1 831.10 del 20 dicembre 1946 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 34

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro 2.05 Contributi Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Per principio, qualsiasi attività derivante da un'attività dipendente viene considerata come salario

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo (Fondazione) Atto di fondazione Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 web1486 / 04.2012

Dettagli

in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate

in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate 1.02 Stato al 1 luglio 2008 Splitting in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate devono essere calcolate tenendo conto di una divisione

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Swiss Life Flex Save Uno/Duo. Risparmio puntando sulle opportunità e la garanzia

Swiss Life Flex Save Uno/Duo. Risparmio puntando sulle opportunità e la garanzia Swiss Life Flex Save Uno/Duo Risparmio puntando sulle opportunità e la garanzia Approfittate di una moderna assicurazione di risparmio con prestazioni garantite e opportunità di rendimento Swiss Life Flex

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI (Da inviare ad Arca SGR S.p.A. in originale, per posta, unitamente a copia dei documenti di identità dell Iscritto e dei beneficiari) Spett.le ARCA SGR S.p.A.

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS

Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25

Dettagli

PIÙ VALORE PRIVATE EDITION

PIÙ VALORE PRIVATE EDITION Linea Investimento Garantito PIÙ VALORE PRIVATE EDITION Assicurazione in caso di morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa, Condizioni

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Il presente promemoria informa su quanto cambia in merito a contributi e prestazioni a partire dal 1 gennaio

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Contratto di Assicurazione sulla Vita Unit Linked Life Portfolio Italy

Contratto di Assicurazione sulla Vita Unit Linked Life Portfolio Italy CREDIT SUISSE LIFE & PENSIONS AG (ITALIAN BRANCH) Via Santa Margherita 3 Telefono +39 02 88 55 01 20121-Milano Fax +39 02 88 550 450 REA Registro Imprese di Milano n. 1753146 C.F. Part. IVA 04502630967

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai 5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le prestazioni complementari (PC) all'avs e all'ai sono d'ausilio quando le rendite e gli altri

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV)

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV) 1 Estratto dal Foglio ufficiale n. 50 del 22 giugno 2001 e no. 27 del 4 aprile 2003 (Testo unico aggiornato al 1. gennaio 2015, FU 101/2014 del 19.12.2014) Contratto normale di lavoro per il personale

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Tariffa comune Ma 2012 2015

Tariffa comune Ma 2012 2015 SUISA Cooperativa degli autori ed editori di musica SWISSPERFORM Società svizzera per i diritti di protezione affini Tariffa comune Ma 2012 2015 Juke-Box Approvata dalla Commissione arbitrale federale

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

Assicurazione responsabilità civile organi direttivi

Assicurazione responsabilità civile organi direttivi Assicurazione responsabilità civile organi direttivi Informazioni per la clientela ai sensi della LCA e Condizioni generali di assicurazione (CGA) Indice del contenuto Art. Pagina Art. Pagina Art. Pagina

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali

Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali ED. LUGLIO 2013 Eurovita Forza 15 Coupon Contratto di assicurazione mista a prestazioni rivalutabili a premio unico con erogazione di cedole annuali Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro 2.07 Contributi Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve La procedura di conteggio semplificata rientra nel quadro della legge federale concernente

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

Nuovo numero AVS. Introduzione del nuovo numero AVS

Nuovo numero AVS. Introduzione del nuovo numero AVS Nuovo numero AVS Stato del progetto al 1 novembre 2007 Introduzione del nuovo numero AVS 1 L utilizzazione graduale del nuovo numero nell assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (AVS), nell assicurazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM)

Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Certezza Più Contratto di assicurazione mista a premio unico con rivalutazione del capitale e cedola annua (Tariffa 21CM) Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli