PILLOLE DI LOGICA. Piccolo manuale per affrontare gli esercizi di logica delle Olimpiadi di Matematica. Liceo Scientifico A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PILLOLE DI LOGICA. Piccolo manuale per affrontare gli esercizi di logica delle Olimpiadi di Matematica. Liceo Scientifico A."

Transcript

1 PILLOLE DI LOGICA Piccolo manuale per affrontare gli esercizi di logica delle Olimpiadi di Matematica Liceo Scientifico A.Righi Cesena

2 Le basi della logica formale La logica formale è un indagine sul ragionare corretto. Gli oggetti su cui opera sono proposizioni o enunciati, cioè affermazioni alle quali è possibile assegnare un dato valore di verità: vero o falso (logica binaria). La terra è un pianeta : VERO Sei è multiplo di quattro : FALSO Uno dei principi fondamentali della logica consiste nel principio del terzo escluso (tertium non datur): un affermazione può avere solo uno di questi due valori di verità, cioè può essere soltanto o vera o falsa. Nel linguaggio formale della logica: p p (tautologia)

3 Un altro pilastro su cui si basa la logica formale è il principio di non contraddizione: un affermazione non può essere contemporaneamente vera e falsa. Nel linguaggio formale della logica: p p Può sembrare banale, ma in realtà molti problemi di logica si possono risolvere con la sola applicazione di questi due principi, tanto semplici quanto fondamentali. Il problema è che le affermazioni proposte nei problemi sono affermazioni complesse, e spesso tutte le risposte possibili si contraddicono a vicenda tranne che in un caso: evidentemente quella è la risposta esatta. Vediamo un esempio.

4 In un sacchetto ci sono alcune biglie. Maria dice: Nel sacchetto ci sono in tutto tre biglie e sono nere. Luca dice: Nel sacchetto ci sono due biglie nere e due biglie rosse. Giorgio dice: Nel sacchetto ci sono solo biglie nere. Sapendo che uno solo dei tre ha mentito, quante biglie ci sono nel sacchetto? (A) una (B) due (C) tre (D) quattro (E) non si può determinare il numero in base ai dati. Maria: Luca: Giorgio:... Se Maria ha mentito, Luca e Giorgio si contraddicono; se ha mentito Giorgio, si contraddicono Maria e Luca. Se il mentitore è Luca, le affermazioni di Maria e Giorgio devono essere entrambe vere: la risposta è allora C.

5 Un altro esempio: In questo rettangolo c è esattamente una affermazione falsa In questo rettangolo ci sono esattamente due affermazioni false In questo rettangolo ci sono esattamente tre affermazioni false In questo rettangolo ci sono esattamente quattro affermazioni false Quante affermazioni vere ci sono nel rettangolo? (A) 0 (B) 1 (C) 2 (D) 3 (E) 4. Le quattro affermazioni che stanno nel rettangolo si contraddicono vicendevolmente, quindi al più una sola di esse può essere vera. D altra parte, la terza affermazione risulta vera, dato che le altre tre sono evidentemente false; si può concludere che la risposta giusta è la (B).

6 Attenzione alle affermazioni auto-contraddittorie! Il principio di non contraddizione è anche un punto debole della logica, se si riesce a enunciare un affermazione auto-contraddittoria, come ad esempio: Questa affermazione è falsa oppure: Io mento. Da queste affermazioni auto-referenziali sono nati i più famosi paradossi della logica (paradosso del mentitore, del barbiere, paradosso di Russell ) Ogni anno, al momento del pagamento delle tasse, l'utente fa una dichiarazione relativa all'anno in corso. Se la dichiarazione è vera, deve pagare le tasse; se è falsa, non le paga. Un giovane matematico, che ritiene il sistema iniquo, trova il modo di bloccarlo, con una delle seguenti dichiarazioni: quale? (A) I pesci vivono in acqua" (B) Io vivo in acqua" (C) I pesci non pagano le tasse" (D) Io non pago le tasse (E) Io pago le tasse".

7 Vediamo un altro esempio: L impiegato del censimento dell isola dei Cavalieri e dei Furfanti deve determinare il tipo (Cavalieri o Furfanti) e il titolo di studio degli abitanti (i Furfanti mentono sempre, mentre i Cavalieri dicono sempre la verità). In un appartamento abitato da due coniugi ottiene solo queste risposte: Marito: siamo entrambi laureati ; Moglie: siamo entrambi furfanti Quante caselle può riempire con sicurezza l impiegato? (A) 0 (B) 1 (C) 2 (D) 3 (E) 4 Marito Moglie Marito Moglie C / F C / F C F L / NL L / NL L L

8 Nei test di logica delle Olimpiadi si ricorre spesso a questo schema di individui bugiardi/sinceri, spesso chiamati Furfanti e Cavalieri; le domande che vengono poste ci stimolano a cercare la risposta giusta individuando le possibili contraddizioni tra le loro affermazioni. Gli abitanti di un isola si dividono in due categorie: quelli che sono sempre sinceri e quelli che mentono sempre. Fra tre abitanti dell isola, Andrea, Barbara e Ciro, avviene questa conversazione: Andrea dice: Barbara è sincera Barbara dice: Andrea e Ciro sono sinceri Ciro dice: Andrea è bugiardo. Possiamo concludere che: (A) sono tutti e tre sinceri (B) sono tutti e tre bugiardi (C) Andrea e Barbara sono sinceri e Ciro è bugiardo (D) Andrea e Barbara sono bugiardi e Ciro è sincero (E) Andrea è sincero e Ciro e Barbara sono bugiardi.

9 Facciamo una tabella delle affermazioni: Andrea Andrea Barbara sincera Ciro Barbara Ciro sincero bugiardo sincero Se Andrea dice la verità allora Barbara è sincera, ma allora anche Ciro dice la verità e Andrea dovrebbe essere un bugiardo, negando l ipotesi. Dunque Andrea è un bugiardo e allora lo è anche Barbara, che infatti dice il falso su Andrea; Ciro è sincero, poiché dice la verità su Andrea. Andrea Barbara Ciro Andrea bugiardo bugiarda Barbara Ciro sincero bugiardo sincero? In logica si chiama dimostrazione per assurdo (reductio ad absurdum)

10 I quesiti diventano ancora più interessanti se si aggiunge una terza categoria di persone (di solito chiamate paggi) che alternano bugie e verità. Su un isola vivono tre categorie di persone: i cavalieri, che dicono sempre la verità, i furfanti, che mentono sempre, ed i paggi che dopo una verità dicono sempre una menzogna e viceversa. Sull isola incontro un vecchio, un ragazzo e una ragazza. Il vecchio afferma: Io sono paggio; il ragazzo è cavaliere. Il ragazzo dice: Io sono cavaliere; la ragazza è paggio. La ragazza afferma infine: Io sono furfante; il vecchio è paggio. Si può allora affermare che tra i tre: (A) C è esattamente un paggio (B) Ci sono esattamente due paggi (C) Ci sono esattamente tre paggi (D) Non c è alcun paggio (E) Il numero dei paggi non è sicuro.

11 Ecco lo schema delle affermazioni: Vecchio Ragazzo Ragazza Vecchio paggio paggio Ragazzo cavaliere cavaliere Ragazza paggio furfante Quello che la ragazza dice di se stessa è autocontraddittorio: essa non può essere né furfante, né cavaliere, e dunque è paggio; dice dunque il vero affermando che il vecchio è paggio. Questa è l affermazione vera che il vecchio fa su se stesso, dunque il ragazzo o è paggio o è furfante; ma il ragazzo dice il vero sulla ragazza, quindi è anch egli paggio. Vecchio Ragazzo Ragazza Vecchio paggio paggio Ragazzo paggio paggio Ragazza paggio paggio

12 La difficile arte della negazione Negare un affermazione sembra una cosa semplice, ma a volte presenta qualche difficoltà. Ad esempio: Il contrario di Luca è alto non è Luca è basso, ma Luca non è alto ; Il contrario di Nego l impossibilità di andare su Giove, è che Su Giove non si può andare ; Il contrario di Non esco mai non è Esco sempre, ma Non è vero che non esco mai, ovvero: Qualche volta esco, o meglio: Almeno una volta esco. E importante capire come si applica la negazione ai quantificatori: La negazione di Per ogni x, p(x) è vera è: Esiste almeno un x per cui p(x) è falsa ; La negazione di Esiste almeno un y, q(y) è vera è: Per ogni y, q(y) è falsa.

13 Qual è la negazione di Tutti i numeri perfetti sono pari? (Non è necessario sapere cos è un numero perfetto). (A) Tutti i numeri perfetti sono dispari (B) C è almeno un numero perfetto dispari (C) C è almeno un numero pari che non è perfetto (D) Nessun numero dispari è perfetto (E) Nessun numero pari è perfetto Si consideri la seguente frase: Tutte le volte che ho preso l ombrello non è piovuto. Quale delle seguenti è la negazione della frase precedente? (A) Quando esco con l ombrello piove (B) Tutti i giorni in cui esco senza ombrello piove (C) Almeno una volta sono uscito con l ombrello ed è piovuto (D) Tutti i giorni in cui non piove esco con l ombrello (E) Tutti i giorni in cui è piovuto sono uscito con l ombrello

14 In ogni scuola c è almeno una classe in cui sono tutti promossi. Volendo negare questa affermazione, quale dei seguenti enunciati sceglieresti? (A) In ogni scuola c è almeno una classe in cui sono tutti bocciati (B) In ogni scuola c è almeno un bocciato in tutte le classi (C) C è almeno una scuola che ha almeno un bocciato in ogni classe (D) C è almeno una scuola che che ha dei promossi in ogni classe (E) C è almeno una scuola in cui c è una classe che ha almeno un bocciato. Risolviamo per passaggi successivi: NON (in ogni scuola c è almeno una classe in cui sono tutti promossi) = C è almeno una scuola in cui NON (c è almeno una classe in cui sono tutti promossi) = C è almeno una scuola in cui in ogni classe NON (sono tutti promossi) = C è almeno una scuola in cui in ogni classe c è almeno un bocciato.

15 L implicazione: se allora Cosa vuol dire nella logica formale che p implica q? Ovvero, in altre parole, se p allora q oppure ancora, in simboli, p q? Possiamo capirlo dalla tavola di verità dell implicazione: Date due affermazioni p e q, e presa p come premessa o antecedente, e q come conclusione o conseguente, l implicazione p q è falsa solo se p è vera e q è falsa. p V V F F q V F V F p q V F V V Ovvero, da una premessa vera non può discendere una conclusione falsa. Dunque la verità della premessa è condizione sufficiente per il verificarsi della conseguente. Dunque da p discende logicamente q; notiamo però che se p è falsa, l implicazione è ancora vera! (ex falso, quodlibet)

16 Consideriamo, ad esempio, le affermazioni: p: Carlo è nato a Cesena q: Carlo è cittadino italiano l implicazione p q afferma che: Se Carlo è nato a Cesena, allora è cittadino italiano L implicazione non è commutativa, dunque se p q non vale in generale l implicazione inversa q p. E invece sempre vera la cosiddetta contronominale o controinversa: Nel nostro esempio: non(q) non(p) Se Carlo non è cittadino italiano, allora non è nato a Cesena. Rileviamo infine che: essere nato a Cesena è condizione sufficiente per essere cittadino italiano; essere cittadino italiano è condizione necessaria, ma non sufficiente, per essere nato a Cesena.

17 Vediamo qualche esempio: Roberto scommette che se Bearzot tornasse alla guida della Nazionale questa vincerebbe sempre. In quale dei seguenti casi Roberto perde certamente la scommessa? (A) Bearzot non torna ad allenare la Nazionale (B) Bearzot torna ad allenare la Nazionale e questa non perde mai (C) Bearzot torna ad allenare la Nazionale e questa non vince sempre (D) Bearzot non torna ad allenare la Nazionale e questa vince sempre (E) Bearzot non torna ad allenare la Nazionale e questa non vince mai. premessa p: Bearzot torna ad allenare la Nazionale conclusione q: la Nazionale vince sempre p q Le risposte A, D ed E negano la premessa: nulla di certo si può dire sulla conclusione. L affermazione B accetta la premessa, ma da essa fa discendere una conclusione incerta: non perdere mai può significare vincere sempre, ma anche a volte vincere, a volte pareggiare.

18 Da Chi dorme non piglia pesci segue logicamente: (A) Chi non piglia pesci non dorme (B) Chi non piglia pesci dorme (C) Chi piglia pesci non dorme (D) Chi piglia pesci dorme (E) Nessuna delle alternative proposte premessa p: se uno dorme conclusione q: non piglia pesci p q Analizziamo le risposte: (A) Chi non piglia pesci non dorme (B) Chi non piglia pesci dorme (C) Chi piglia pesci non dorme (D) Chi piglia pesci dorme (E) Nessuna delle alternative proposte q p q p q p q p La risposta giusta è chiaramente la C, contronominale dell implicazione.

19 Soltanto se la mia auto ha benzina può funzionare. Se quanto affermato sopra è vero, allora quale delle seguenti affermazioni è vera? I) Se la mia auto ha la benzina, allora funziona II) Se la mia auto non funziona, allora non ha benzina III) Se la mia auto funziona, allora ha benzina (A) La I (B) La II (C) La III (D) La I e la II (E) La II e la III E meglio parafrasare l affermazione iniziale come segue: La mia auto può funzionare solo se ha benzina. L affermazione esprime una condizione necessaria, ma non sufficiente: non dice che se l auto ha benzina, allora funziona. L auto potrebbe non funzionare anche se ha benzina, ad esempio perché ha la batteria scarica. Ma se l auto funziona (premessa p) allora essa deve avere necessariamente benzina (conseguenza q). Dunque l unica affermazione sicuramente vera è la III.

20 Quattro bambine, Alice, Bianca, Cecilia e Daniela, decidono di comprare un palloncino a testa da un venditore che ha solo palloncini rossi e blu. Compreranno il palloncino una dopo l altra: prima Alice, poi Bianca, poi Cecilia e infine Daniela. Bianca dice: Se Alice lo comprerà rosso, anch io lo comprerò rosso Cecilia dice: Io lo comprerò dello stesso colore di Bianca Daniela dice: Se Alice lo comprerà blu, io lo comprerò dello stesso colore di Cecilia. Quale delle seguenti affermazioni è sicuramente vera? (A) E impossibile che quattro bambine comprino un palloncino rosso (B) Almeno tre di loro compreranno un palloncino dello stesso colore (C) Daniela e Bianca compreranno un palloncino dello stesso colore (D) Almeno due bambine compreranno un palloncino rosso (E) Nessuna delle precedenti affermazioni è sicuramente vera.

21 Sintetizziamo in questo modo le affermazioni delle bambine: A(Rosso) B(Rosso) B(X) C(X) A(Blu) D = C Analizziamo le risposte possibili: Se A(Rosso), allora anche B e C(Rosso), ma D potrebbe comprare sia un Rosso che un Blu, dato che la premessa A(Blu) è falsa. Dunque la risposta A è sbagliata. Se A(Blu), allora B potrebbe comprare sia un Rosso che un Blu, dato che la premessa A(Rosso) è falsa. Ma qualunque sia la sua scelta sia C che D faranno lo stesso, e così tre o quattro di loro sceglieranno lo stesso colore; la risposta B è quella giusta, ma vediamo perché non lo sono le altre. La risposta C è sbagliata perché D = B solo se A(Blu) La risposta D è sbagliata perché se A(Blu) B potrebbe scegliere sia un Rosso che un Blu (la premessa perché lo compri rosso è falsa) e, se sceglie un Blu, così faranno anche C e D. Come già visto, la risposta E è sbagliata perché la B è giusta.

22 Riprendiamo in esame la contronominale: Se p q allora non(q) non(p) In simboli: p q q p Dopo la scuola Ugo invita i suoi amici a casa sua per studiare e fare merenda e dice: Se saremo in pochi studieremo bene; se saremo in tanti mangeremo poco. Quale delle seguenti affermazioni è certamente vera secondo Ugo? (A) Se si è in pochi si mangia molto (B) per studiare bene è necessario essere in pochi (C) se si studia male non si è in pochi (D) se si mangia poco si è necessariamente in tanti (E) se si è in tanti si studia male.

23 Schematizziamo in questo modo le affermazioni: p: saremo in pochi b: studieremo bene p b t: saremo in tanti d: mangeremo poco t d Analizziamo le risposte: (A)Se si è in pochi si mangia molto (B) per studiare bene è necessario essere in pochi (C) se si studia male non si è in pochi b p (D) se si mangia poco si è necessariamente in tanti (E) se si è in tanti si studia male. p b t d b p d t Come si vede, l unica affermazione certamente vera è la C, che è esattamente la contronominale dell affermazione di Ugo. La A e la E non sono vere: si può mangiare poco anche se si è in pochi, così come si può studiare bene anche se si è in tanti. La B è errata: essere in pochi è condizione sufficiente, non solo necessaria, per studiare bene.

24 Al lavoro!

Tutti i giovedì lavoro al computer e vado in palestra. 1. Qualche giovedì non lavoro al computer e non vado in palestra.

Tutti i giovedì lavoro al computer e vado in palestra. 1. Qualche giovedì non lavoro al computer e non vado in palestra. Test Logica Domanda 1 Sapendo che la seguente frase Tutti i giovedì lavoro al computer e vado in palestra è falsa, se ne deduce necessariamente che: 1. Qualche giovedì non lavoro al computer e non vado

Dettagli

Giocando con le parole: auto-referenza e logica matematica

Giocando con le parole: auto-referenza e logica matematica Giocando con le parole: auto-referenza e logica matematica Claudio Bernardi (Sapienza, Università di Roma) autoreferente qualcosa che parla di se stesso o che si riferisce a se stesso un'autoreferenza

Dettagli

Logica deduttiva, applicazioni avanzate

Logica deduttiva, applicazioni avanzate Logica deduttiva, applicazioni avanzate 1. Se si assume la verità delle proposizioni se l ornitorinco fa le uova, allora non è un mammifero e l ornitorinco è un mammifero deve di conseguenza essere vera

Dettagli

Precorsi: Introduzione naïve alla logica ed alla teoria degli insiemi. Carlo Collari, Lapo Dini, Daniele Angella

Precorsi: Introduzione naïve alla logica ed alla teoria degli insiemi. Carlo Collari, Lapo Dini, Daniele Angella Precorsi: Introduzione naïve alla logica ed alla teoria degli insiemi. Carlo Collari, Lapo Dini, Daniele Angella CAPITOLO 1 Introduzione Per poter seguire un corso universitario di matematica, uno studente,

Dettagli

LOGICA E LINGUAGGIO. Caserta, 21 febbraio 2011. Dott. Michele Bovenzi

LOGICA E LINGUAGGIO. Caserta, 21 febbraio 2011. Dott. Michele Bovenzi LOGICA E LINGUAGGIO Caserta, 2 febbraio 2 Dott. Michele Bovenzi Una breve introduzione La logica nasce nell antichità come disciplina che studia i principi e le regole del ragionamento, ne valuta la correttezza

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 2 Logica delle proposizioni

Dettagli

Esercitazione. Proposizioni. April 16, 2015. Esercizi presi dal libro di Rosen (useremo 0 per False e 1 per True). Problema 15, sezione 1.1.

Esercitazione. Proposizioni. April 16, 2015. Esercizi presi dal libro di Rosen (useremo 0 per False e 1 per True). Problema 15, sezione 1.1. Esercitazione Proposizioni April 16, 2015 Esercizi presi dal libro di Rosen (useremo 0 per False e 1 per True). Problema 15, sezione 1.1. 1. Consideriamo le proposizioni: - p : Gli orsi grizzly sono stati

Dettagli

21 Rally Matematico Transalpino, prova 1

21 Rally Matematico Transalpino, prova 1 2 Rally Matematico Transalpino, prova I problemi del RMT sono protetti da diritti di autore. Per un'utilizzazione in classe deve essere indicata la provenienza del problema inserendo la dicitura " ARMT".

Dettagli

Algebra booleana. Si dice enunciato una proposizione che può essere soltanto vera o falsa.

Algebra booleana. Si dice enunciato una proposizione che può essere soltanto vera o falsa. Algebra booleana Nel lavoro di programmazione capita spesso di dover ricorrere ai principi della logica degli enunciati e occorre conoscere i concetti di base dell algebra delle proposizioni. L algebra

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Problem solving e Logica Valentina Ciriani

Problem solving e Logica Valentina Ciriani Problem solving e Logica Valentina Ciriani Problemi logici? Successioni numeriche 1, 3, 5, 7, 9, 11, 13, Relazioni tra valori semantici caldo : X = Y : orribile X = freddo, Y = bello X = assetato, Y =

Dettagli

Logica. Veronica Gavagna

Logica. Veronica Gavagna Logica Veronica Gavagna Il linguaggio comune Ambiguità Nel mio giardino ci sono gigli e garofani bianchi. Direttore, Luca se la spassa con sua moglie Gli uomini e le donne che hanno compiuto il 25 anno

Dettagli

Cenni di logica & algebra booleana

Cenni di logica & algebra booleana Cenni di algebra booleana e dei sistemi di numerazione Dr. Carlo Sansotta - 25 2 Parte Cenni di logica & algebra booleana 3 introduzione L elaboratore elettronico funziona secondo una logica a 2 stati:

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

UNITÀ PRIMI PASSI. Ciao nel mondo. surfist. 1 Conosciamoci!

UNITÀ PRIMI PASSI. Ciao nel mondo. surfist. 1 Conosciamoci! UNITÀ 1 Conosciamoci! PRIMI PASSI Giapp one Ciao nel mondo i e... Hawai i surfist 14 UNITÀ 1 Arabia Saudita Etiopia ogia b m a C 15 UNITÀ 1 GUARDA E ASCOLTA Salutiamoci! 1 4-1 Ascolta. 2 Prova a leggere

Dettagli

SIMULAZIONE TEST INVALSI

SIMULAZIONE TEST INVALSI SIMULAZIONE TEST INVALSI STATISTICA E PROBABILITA Nel sacchetto A ci sono 4 palline rosse e 8 nere mentre nel sacchetto B ci sono 4 palline rosse e 6 nere. a. Completa correttamente la seguente frase inserendo

Dettagli

Guida didattica all unità 3 Vi presento i miei

Guida didattica all unità 3 Vi presento i miei Destinazione Italiano Livello 1 Guida didattica all unità 3 Vi presento i miei 1. Proposta di articolazione dell unità 1. Prima di iniziare le attività con correzione automatica, l insegnante può svolgere

Dettagli

Implicazione logica. p q p q falsa falsa vera falsa vera vera vera falsa falsa vera vera vera

Implicazione logica. p q p q falsa falsa vera falsa vera vera vera falsa falsa vera vera vera Implicazione logica L implicazione logica è un connettivo logico attraverso il quale, a partire da due proposizioni p e q, si forma una nuova proposizione,chiamata p implica q e si scrive p q, la quale

Dettagli

ci sono più problemi che programmi esiste un problema che non si può risolvere con un programma

ci sono più problemi che programmi esiste un problema che non si può risolvere con un programma Calcolabilità problemi facili trovare la media di due numeri stampare le linee di un file che contengono una parola problemi difficili trovare il circuito minimo data una tabella determinare la migliore

Dettagli

Esercizi di programmazione

Esercizi di programmazione Esercizi di programmazione SEQUENZA 1. Scrivere un algoritmo che calcoli il doppio di un numero fornito in input. 2. Scrivere un algoritmo che, dati tre numeri reali X, Y e Z calcoli il risultato di (X

Dettagli

Alcune nozioni di base di Logica Matematica

Alcune nozioni di base di Logica Matematica Alcune nozioni di base di Logica Matematica Ad uso del corsi di Programmazione I e II Nicola Galesi Dipartimento di Informatica Sapienza Universitá Roma November 1, 2007 Questa é una breve raccolta di

Dettagli

Predicati e Quantificatori

Predicati e Quantificatori Predicati e Quantificatori Limitazioni della logica proposizionale! Logica proposizionale: il mondo è descritto attraverso proposizioni elementari e loro combinazioni logiche! I singoli oggetti cui si

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Cacciuccata Matematica 2011 Selezione 2 7 Aprile 2011

Cacciuccata Matematica 2011 Selezione 2 7 Aprile 2011 (1) Nella gara di nuoto di Matepaperopoli, GastonTre nuota il triplo delle vasche di OrazioDue, mentre Zio PaperonUno, che si è allenato nuotando nell'oro, nuota il doppio delle vasche di OrazioDue. Quante

Dettagli

LE BOTTEGHE DELL INSEGNARE MATEMATICA

LE BOTTEGHE DELL INSEGNARE MATEMATICA LE BOTTEGHE DELL INSEGNARE Report dei lavori svolti durante la Convention Protagonisti nella scuola per la crescita della società Bologna 13-14 ottobre 2012 MATEMATICA Matematici, mettiamoci in gioco Responsabile

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

16 0 RMT Finale maggio 2008 ARMT.2008 1

16 0 RMT Finale maggio 2008 ARMT.2008 1 16 0 RMT Finale maggio 2008 ARMT.2008 1 1. PERLE ROSSE (Cat. 3) ARMT.2008-16 - finale Martina e Carlotta hanno trovato delle perle gialle, blu e rosse. Decidono di farsi una collana ciascuna e infilano

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

2. Semantica proposizionale classica

2. Semantica proposizionale classica 20 1. LINGUAGGIO E SEMANTICA 2. Semantica proposizionale classica Ritorniamo un passo indietro all insieme dei connettivi proposizionali che abbiamo utilizzato nella definizione degli enunciati di L. L

Dettagli

Appunti di informatica. Lezione 2 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio

Appunti di informatica. Lezione 2 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Appunti di informatica Lezione 2 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Sistema binario e logica C è un legame tra i numeri binari (0,1) e la logica, ossia la disciplina che si occupa del ragionamento

Dettagli

Errori più comuni. nelle prove scritte

Errori più comuni. nelle prove scritte Errori più comuni nelle prove scritte Gli errori più frequenti, e reiterati da chi sostiene diverse prove, sono innanzi tutto meta-errori, cioè errori che non riguardano tanto l applicazione delle tecniche,

Dettagli

PROBABILITA. Sono esempi di fenomeni la cui realizzazione non è certa a priori e vengono per questo detti eventi aleatori (dal latino alea, dado)

PROBABILITA. Sono esempi di fenomeni la cui realizzazione non è certa a priori e vengono per questo detti eventi aleatori (dal latino alea, dado) L esito della prossima estrazione del lotto L esito del lancio di una moneta o di un dado Il sesso di un nascituro, così come il suo peso alla nascita o la sua altezza.. Il tempo di attesa ad uno sportello

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Relazioni di ordine e grandezza

Relazioni di ordine e grandezza Relazioni di ordine e grandezza 1. Giovanni è più vecchio di Carlo; Lorenzo è più vecchio di Mario; Mario è più giovane di Alessandro; Carlo e Alessandro sono gemelli. Sulla base delle precedenti affermazioni,

Dettagli

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E).

MATEMATICA 2001. p = 4/6 = 2/3; q = 1-2/3 = 1/3. La risposta corretta è quindi la E). MATEMATICA 2001 66. Quale fra le seguenti affermazioni è sbagliata? A) Tutte le funzioni ammettono la funzione inversa B) Una funzione dispari è simmetrica rispetto all origine C) Una funzione pari è simmetrica

Dettagli

Componenti di un sistema KNOWLEDGE-BASED

Componenti di un sistema KNOWLEDGE-BASED Componenti di un sistema KNOWLEDGE-BASED DYNAMIC DATABASE PROBLEM FORMALIZATION CONTROL STRATEGY IL DATABASE DESCRIVE LA SITUAZIONE CORRENTE NELLA DETERMINAZIONE DELLA SOLUZIONE AL PROBLEMA. LA FORMALIZZAZIONE

Dettagli

1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa.

1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa. Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa. Vero Falso L archivio telematico contiene solo le offerte di lavoro.

Dettagli

Esame scritto di Matematica per la Formazione di Base 14 giugno 2013. 1. Siano a e b due numeri naturali che si scrivono nel modo seguente

Esame scritto di Matematica per la Formazione di Base 14 giugno 2013. 1. Siano a e b due numeri naturali che si scrivono nel modo seguente Esame scritto di Matematica per la Formazione di Base 14 giugno 2013 1. Siano a e b due numeri naturali che si scrivono nel modo seguente a =1012 3 b= 124 5 a) si scrivano a e b in base dieci; b) si scriva

Dettagli

Unità 15. Muoversi nel territorio. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2. In questa unità imparerai:

Unità 15. Muoversi nel territorio. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2. In questa unità imparerai: Unità 15 Muoversi nel territorio In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sui servizi relativi al trasporto urbano parole relative all uso dei trasporti urbani ed agli strumenti

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N. 3 LA SCUOLA CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno, sono

Dettagli

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI

L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI L INNOVAZIONE SCIENTIFICO-TECNOLOGICA NEI PROCESSI PRODUTTIVI Scienza ed industria hanno oggi costituito legami molto forti di collaborazione che hanno portato innovazione tecnologica sia a livello organizzativo-amministrativo

Dettagli

Bruno de Finetti, probabilità e logica

Bruno de Finetti, probabilità e logica Bruno de Finetti, probabilità e logica Daniele Mundici Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Firenze Viale Morgagni 67/a 50134 Firenze mundici@math.unifi.it Qual è la probabilità p che

Dettagli

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado. Risposta A). Il triangolo ABC ha la stessa altezza del triangolo AOB ma base di lunghezza doppia (il diametro

Dettagli

La sezione di Matematica della prova nazionale

La sezione di Matematica della prova nazionale La sezione di Matematica della prova nazionale Giorgio Bolondi Roma, 18 aprile 2008 Presentazione Prova Nazionale 1 Cosa può valutare? I diversi processi valutativi messi in atto dall insegnante accompagnano

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 4 GLI UFFICI COMUNALI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 GLI UFFICI COMUNALI DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Scusi

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

IGiochidiArchimede--Soluzionitriennio

IGiochidiArchimede--Soluzionitriennio PROGETTO OLIMPIADI DI MATEMATICA U.M.I. UNIONE MATEMATICA ITALIANA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE SCUOLA NORMALE SUPERIORE IGiochidiArchimede--Soluzionitriennio 18 novembre 2009 Griglia delle risposte

Dettagli

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo EpiLog 16 XII 2013 Marco Volpe Sainsbury &Tye, Seven Puzzles of Thought Cap. VI The Methaphysics of Thought La concezione ortodossa riguardo il pensiero è che pensare che p significa essere in un appropriato

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole)

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole) 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY La Logica Proposizionale (Algebra di Boole) Prof. G. Ciaschetti 1. Cenni storici Sin dagli antichi greci, la logica è intesa come lo studio del logos, che in greco

Dettagli

Sui concetti di definizione, teorema e dimostrazione in didattica della matematica

Sui concetti di definizione, teorema e dimostrazione in didattica della matematica Liceo Scientifico Statale P. Paleocapa, Rovigo XX Settimana della Cultura Scientifica e Tecnologica 19 marzo 2010 Sui concetti di definizione, teorema e dimostrazione in didattica della matematica Prof.

Dettagli

!"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente

!#$%&%'()*#$*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente !"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente Il Terzo Pilastro del Biker Vincente La Mountain Bike e la Vita Ciao e ben ritrovato! Abbiamo visto nelle ultime due lezioni, come i dettagli siano fondamentali

Dettagli

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo Statistica 1 Esercitazioni Dott. 1 1 Dipartimento di Scienze Statistiche e Matematiche S. Vianelli, Università di Palermo ricevimento: lunedì ore 15-17 mercoledì ore 15-17 e-mail: luigi.augugliaro@unipa.it

Dettagli

è una forma di argomentazione logica nella quale, a partire da due proposizioni, o premesse, si trae necessariamente una conclusione.

è una forma di argomentazione logica nella quale, a partire da due proposizioni, o premesse, si trae necessariamente una conclusione. è una forma di argomentazione logica nella quale, a partire da due proposizioni, o premesse, si trae necessariamente una conclusione. Il ragionamento sillogistico fu studiato per primo da Aristotele, che

Dettagli

Vincere a testa o croce

Vincere a testa o croce Vincere a testa o croce Liceo Scientifico Pascal Merano (BZ) Classe 2 Liceo Scientifico Tecnologico Insegnante di riferimento: Maria Elena Zecchinato Ricercatrice: Ester Dalvit Partecipanti: Jacopo Bottonelli,

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 15 marzo 2007 Categoria Student Per studenti di quarta o quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 15 marzo 2007 Categoria Student Per studenti di quarta o quinta della secondaria di secondo grado Testi_07.qxp 6-04-2007 2:07 Pagina 28 Kangourou Italia Gara del 5 marzo 2007 Categoria Student Per studenti di quarta o quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. al N. 0 valgono 3 punti

Dettagli

TEST D INGRESSO DI MATEMATICA INFORMATICA - SCIENZE

TEST D INGRESSO DI MATEMATICA INFORMATICA - SCIENZE TEST D INGRESSO DI MATEMATICA INFORMATICA - SCIENZE Classe 1^, sez. - Anno Scolastico 2013-2014 Alunno Data: Il presente test composto da n.30 domande, molte delle quali supportate da un grafico, è un

Dettagli

Google AdWords. Corrispondenze Parole Chiave

Google AdWords. Corrispondenze Parole Chiave Google AdWords Corrispondenze Parole Chiave Una mini guida sulle varie tipologie di corrispondenze per le parole chiave di Google AdWords, la scelta su quali usare può far cambiare di molto il punteggio

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

TEORIA DEI GIOCHI Parte 2 Matematica nella realtà Università Bocconi

TEORIA DEI GIOCHI Parte 2 Matematica nella realtà Università Bocconi TEORIA DEI GIOCHI Parte 2 Matematica nella realtà Università Bocconi Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano 17 Dicembre 2010 Giochi in forma estesa, fino a Zermelo Un modo matematico per descrivere

Dettagli

Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato!

Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato! Come creare una CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE in solo 10 minuti e dal sicuro successo, attraverso un OGGETTO personalizzato! Realizzato da Luca Giovannetti, responsabile marketing di Europromo La società Europromo

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2010 Categoria Ecolier Per studenti di quarta o quinta della scuola primaria

Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2010 Categoria Ecolier Per studenti di quarta o quinta della scuola primaria Testi_10Mat.qxp 15-02-2010 7:17 Pagina 5 Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2010 Categoria Per studenti di quarta o quinta della scuola primaria I quesiti dal N. 1 al N. 8 valgono 3 punti ciascuno 1. Nella

Dettagli

Terza Edizione Giochi di Achille (13-12-07) - Olimpiadi di Matematica Soluzioni Categoria E4 (Alunni di quarta elementare)

Terza Edizione Giochi di Achille (13-12-07) - Olimpiadi di Matematica Soluzioni Categoria E4 (Alunni di quarta elementare) Il Responsabile coordinatore dei giochi: Prof. Agostino Zappacosta Chieti tel. 0871 6584 (cell.: 40 47 47 952) e-mail:agostino_zappacosta@libero.it Terza Edizione Giochi di Achille (1-12-07) - Olimpiadi

Dettagli

Unità 13. Festa multiculturale. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2 CHIAVI. In questa unità imparerai:

Unità 13. Festa multiculturale. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2 CHIAVI. In questa unità imparerai: Unità 13 Festa multiculturale CHIAVI In questa unità imparerai: come si compila un modulo di adesione a una festa multiculturale le parole utilizzate in testi informativi sulle feste multiculturali a scegliere

Dettagli

Schemi delle Lezioni di Matematica Generale. Pierpaolo Montana

Schemi delle Lezioni di Matematica Generale. Pierpaolo Montana Schemi delle Lezioni di Matematica Generale Pierpaolo Montana Al-giabr wa al-mukabalah di Al Khuwarizmi scritto approssimativamente nel 820 D.C. Manuale arabo da cui deriviamo due nomi: Algebra Algoritmo

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Appunti di (test di) logica

Appunti di (test di) logica Appunti di (test di) logica Luca Mari, lmari@liuc.it - maggio 2010 Questi Appunti sono stati redatti per un ciclo di quattro seminari tenuti nei mesi di febbraio e marzo 2009, e ripetuti nei mesi di aprile

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

La negazione di una condizione necessaria e sufficiente, invece, si può esprimere con una delle due forme viste in precedenza, ovvero: A e non B

La negazione di una condizione necessaria e sufficiente, invece, si può esprimere con una delle due forme viste in precedenza, ovvero: A e non B Negazioni La negazione di: se A allora B negazione A e non B. In caso ti chiedano la negazione di una condizione necessaria, essa è: solo se A allora B negazione non A e B. La negazione di una condizione

Dettagli

Lezione 3 - Probabilità totale, Bayes -Alberi PROBABILITÀ TOTALE TEOREMA DI BAYES ALBERI E GRAFI

Lezione 3 - Probabilità totale, Bayes -Alberi PROBABILITÀ TOTALE TEOREMA DI BAYES ALBERI E GRAFI Lezione 3 - robabilità totale, ayes -lberi ROILITÀ TOTLE TEOREM DI YES LERI E GRFI GRUO MT06 Dip. Matematica, Università di Milano - robabilità e Statistica per le Scuole Medie -SILSIS - 2007 Lezione 3

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Seconda Spazio per

Dettagli

Quanti cubetti ha utilizzato in tutto Sofia per costruire la sua doppia scala?

Quanti cubetti ha utilizzato in tutto Sofia per costruire la sua doppia scala? 10 RALLY MATEMATICO TRANSALPINO - PROVA I - gennaio-febbraio 2002 /ARMT/2002 p. 1 7. Doppia scala (Cat. 4, 5, 6) /ARMT/2002-10 - I prova Sofia ha costruito una doppia scala regolare di 1 metro di altezza

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 6 Al Pronto Soccorso CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

Per poter affrontare il problema abbiamo bisogno di parlare di probabilità (almeno in maniera intuitiva). Analizziamo alcune situazioni concrete.

Per poter affrontare il problema abbiamo bisogno di parlare di probabilità (almeno in maniera intuitiva). Analizziamo alcune situazioni concrete. Parliamo di probabilità. Supponiamo di avere un sacchetto con dentro una pallina rossa; posso aggiungere tante palline bianche quante voglio, per ogni pallina bianca che aggiungo devo pagare però un prezzo

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 3

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 3 68 69 PERIODO IPOTETICO 1 TIPO =DELLA REALTÀ IPOTESI CONSEGUENZA a. SE + INDICATIVO PRESENTE + INDICATIVO PRESENTE es.: Se dici questo, sbagli. b. SE + INDICATIVO FUTURO + INDICATIVO FUTURO es.: Se dirai

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Relazioni di ordine e grandezza

Relazioni di ordine e grandezza Relazioni di ordine e grandezza @ I quiz inerenti le relazioni di ordine e grandezza sono domande che chiedono, esplicitamente o implicitamente, di ordinare alcuni dati per poter individuare la risposta

Dettagli

Indice. 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 LEZIONE MONITORARE UN PROGETTO FORMATIVO. UNA TABELLA PROF. NICOLA PAPARELLA Indice 1 Il monitoraggio del progetto formativo --------------------------------------------------------------- 3 2 di 6 1 Il

Dettagli

O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T ALZA IL VOLUME! w w w. o p e n s o u r c e m a n a g e m e n t. i t

O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T ALZA IL VOLUME! w w w. o p e n s o u r c e m a n a g e m e n t. i t O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T & ALZA IL VOLUME! w w w. o p e n s o u r c e m a n a g e m e n t. i t PERCHE OGGI? il tempo di risposta dei clienti si allunga! gli affari vanno male! l economia

Dettagli

Pigreco-Day 14 marzo 2014 Matematica e Incertezza. Melchiorre Simone 5 a sez. C Liceo Scientifico G. Galilei Lanciano

Pigreco-Day 14 marzo 2014 Matematica e Incertezza. Melchiorre Simone 5 a sez. C Liceo Scientifico G. Galilei Lanciano Pigreco-Day 14 marzo 2014 Matematica e Incertezza Imparare a conoscere i possibili errori che si commettono in situazioni di incertezza per evitare di fare scelte sbagliate e dare giudizi errati. PasquiniIlaria

Dettagli

1 Completate il cruciverba.

1 Completate il cruciverba. Esercizi 1 Completate il cruciverba. Orizzontali 1. Giulia scrive messaggini a tutti con il... 2. Che bello... gli amici! 3. Amo... lezione d italiano. 4. Il primo giorno di scuola conosco nuovi... Verticali

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2009 2010 PROVA DI MATEMATICA. Scuola secondaria di primo grado. Classe Prima

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2009 2010 PROVA DI MATEMATICA. Scuola secondaria di primo grado. Classe Prima Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di I

Dettagli

INVALSI. C l. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

INVALSI. C l. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca V MATEMATICA_COP_Layout 1 15/03/11 08:15 Pagina 2 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione

Dettagli

La logica dei se e dei ma: linguaggio matematico e linguaggio naturale a confronto

La logica dei se e dei ma: linguaggio matematico e linguaggio naturale a confronto La logica dei se e dei ma: linguaggio matematico e linguaggio naturale a confronto Daniele Mundici Dipartimento di Matematica Università di Firenze Viale Morgagni 67/a 50134 Firenze mundici@math.unifi.it

Dettagli

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero)

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) Ins. Margherio Guglielmina. Scuola Primaria di Mazzè. Classe Seconda. Anno scolastico 2013-2014 Gli incontri con il prof. Trinchero sono stati molto

Dettagli

In Action with Math. Competizione e Strategia: Teoria dei Giochi. Giulia Bernardi, Roberto Lucchetti. 5 novembre 2014

In Action with Math. Competizione e Strategia: Teoria dei Giochi. Giulia Bernardi, Roberto Lucchetti. 5 novembre 2014 In Action with Math Competizione e Strategia: Teoria dei Giochi Giulia Bernardi, Roberto Lucchetti 5 novembre 2014 1 / 16 Roulette russa Altri esempi Teorema di Zermelo Descrizione del gioco Due giocatori

Dettagli

Sesta Edizione Giochi di Achille e la tartaruga (Giochi Matematici) 16 dicembre 2010 Categoria: Sup-B (Alunni Biennio Superiori)

Sesta Edizione Giochi di Achille e la tartaruga (Giochi Matematici) 16 dicembre 2010 Categoria: Sup-B (Alunni Biennio Superiori) Il Responsabile coordinatore dei giochi: Prof. Agostino Zappacosta Chieti tel. 0871 65843 (cell.: 340 47 47 952) e-mail: agostino_zappacosta@libero.it Sesta Edizione Giochi di Achille e la tartaruga (Giochi

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

INDIVIDUA I PREDICATI SOTTOLINEANDOLI, POI TRASCRIVILI E SPECIFICA CHE TIPO DI PREDICATI SONO (VERBALI O NOMINALI) COME NEGLI ESEMPI.

INDIVIDUA I PREDICATI SOTTOLINEANDOLI, POI TRASCRIVILI E SPECIFICA CHE TIPO DI PREDICATI SONO (VERBALI O NOMINALI) COME NEGLI ESEMPI. INDIVIDUA I PREDICATI SOTTOLINEANDOLI, POI TRASCRIVILI E SPECIFICA CHE TIPO DI PREDICATI SONO (VERBALI O NOMINALI) COME NEGLI ESEMPI. Es. Nel cortile della casa di Marco vivono molti animali. Vivono =

Dettagli

Ricordando che: = si ha:

Ricordando che: = si ha: Logica matematica Esempi 1. Stailisci il grado di verità delle seguenti proposizioni logiche: :" è h 2 è " :"5 è 2 3 è 6" :" è h : è è " :" h h " :" h è " :" è, è " F 2. Data la proposizione p:" " la sua

Dettagli

IN QUESTURA UNITÁ 7. Asare: Buongiorno. È questo l ufficio per stranieri? Impiegato: Sì, è la Questura; ma l qfficio

IN QUESTURA UNITÁ 7. Asare: Buongiorno. È questo l ufficio per stranieri? Impiegato: Sì, è la Questura; ma l qfficio IN QUESTURA Asare: Buongiorno. È questo l ufficio per stranieri? Impiegato: Sì, è la Questura; ma l qfficio stranieri non è qui; che cosa deve fare? Asare: Devo fare il permesso di soggiorno. Impiegato:

Dettagli

TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011)

TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011) TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011) D1. Nella tabella che vedi sono riportati i dati relativi alla distribuzione di alunni e insegnanti nella scuola secondaria di primo grado

Dettagli