La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti"

Transcript

1 Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N Unico: ravvedimento entro il Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti A cura di Devis Nucibella Entro il prossimo è possibile ravvedere il modello Unico 2013, qualora questo al non sia stato presentato. La dichiarazione è, infatti, considerata validamente presentata anche se tardiva, purché il ritardo sia non superiore a 90 giorni dal termine di presentazione. Decorso il termine del , la dichiarazione si considera omessa. Oltre i 90 giorni, ed entro il termine di presentazione della dichiarazione successiva, è, invece, possibile la regolarizzazione di una dichiarazione validamente presentata, contenente errori formali o sostanziali. Premessa Le violazioni inerenti la dichiarazione mod. UNICO il cui termine di presentazione è scaduto lo scorso 30 settembre, possono essere oggetto di regolarizzazione spontanea mediante il ravvedimento operoso. Si può accedere a tale beneficio, come previsto dall art. 13, D.Lgs. n. 472/97, a condizione che: le violazioni, oggetto della regolarizzazione non siano state già constatate; non siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento (inviti di comparizione, richiesta di documenti, ecc.), dei quali l autore della violazione o i soggetti solidalmente obbligati abbiano avuto formale conoscenza. 1

2 Condizioni per poter operare il ravvedimento operoso Le violazioni, oggetto della regolarizzazione, non devono essere state già constatate. Non devono essere iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento, dei quali l autore della violazione o i soggetti solidalmente obbligati abbiano avuto formale conoscenza. La procedura del ravvedimento richiede: la rimozione della violazione commessa, cioè, nel caso specifico, la presentazione della dichiarazione omessa o l integrazione della dichiarazione validamente presentata; il versamento contestuale della sanzione ridotta, commisurata al minimo, previsto per la violazione oggetto di regolarizzazione e delle eventuali imposte e interessi. Ravvedimento di Unico Dopo la scadenza naturale di Unico possiamo, infatti, accorgerci di: aver dimenticato di presentare la dichiarazione; aver commesso errori e omissioni nella dichiarazione presentata. Al riguardo, sono previste le seguenti soglie temporali entro le quali il ravvedimento deve essere perfezionato: 90 giorni: nell ipotesi di dichiarazione omessa (art.13, co. 1, lett. c, D.Lgs. n. 472/97); termine di presentazione della dichiarazione successiva: nell ipotesi di dichiarazione irregolare o infedele (art.13, co. 1, lett. b, D.Lgs. n. 472/97). 2

3 Termine di presentazione 90 giorni dal termine termine di presentazione della dichiarazione successiva Arco temporale nel quale è possibile sanare una dichiarazione omessa Arco temporale nel quale è possibile sanare una dichiarazione irregolare o infedele. TERMINI DEL RAVVEDIMENTO DI UNICO 90 giorni termine di presentazione della dichiarazione successiva nell ipotesi di dichiarazione omessa (art.13, co. 1, lett. c, D.Lgs. n. 472/97) nell ipotesi di dichiarazione irregolare o infedele (art.13, co. 1, lett. b, D.Lgs. n. 472/97) Dichiarazione tardiva Come sopraesposto, nel caso in cui la dichiarazione non sia stata presentata nei termini previsti dalla legge, il contribuente ha 90 giorni di tempo per ravvedersi. Con riferimento al mod. UNICO 2013, inviato telematicamente da parte di: persone fisiche; società di persone e società di capitali ed enti non commerciali, il cui mod. Unico 2013 doveva essere presentato entro il 30 settembre il termine di presentazione della dichiarazione tardiva scade il: 29 dicembre 2013 (che slitta al 30 dicembre). DICHIARAZIONE TARDIVA 90 giorni di tempo 3

4 Omessa presentazione di Unico 2013 entro il 30 settembre 2013 ADEMPIMENTO Presentazione della dichiarazione integrativa entro il 29 dicembre 2013 Se le imposte: sono state regolarmente versate; oppure non erano dovute; è sufficiente presentare la dichiarazione omessa e pagare con modello F24 una sanzione pari a 1/10 di 258 euro, ossia 25 euro (1/10 del minimo previsto dall'art. 1 del D.Lgs. n. 471 del 1997 pari a euro 258). Nella Circolare , n. 54/E (confermata dalla circolare n. 11/E/2008) l Agenzia delle Entrate ha precisato che la sanzione ridotta è dovuta per ciascuna dichiarazione ricompresa nel mod. UNICO. Sarà, pertanto, necessario versare 25 moltiplicati per il numero di dichiarazioni (redditi, IVA) comprese nel mod. UNICO. Il modello studi di settore non costituisce una dichiarazione autonoma essendo parte integrante della dichiarazione dei redditi. Adempimento in pratica In caso di regolarizzazione di una dichiarazione tardiva, ai fini del versamento della sanzione ridotta il codice tributo da utilizzare è RAVVEDIMENTO PER TARDIVA PRESENTAZIONE DI UNICO Ai fini della regolarizzazione della dichiarazione presentata con ritardo non superiore a 90 giorni il contribuente dovrà: presentare la dichiarazione; versare la sanzione ridotta, pari a 25 (1/10di 250,) per ciascuna dichiarazione. UNICO COMPOSTO DA: SANZIONE Dichiarazione dei redditi 25 X 1 25 Dichiarazione dei redditi + Dichiarazione dell Iva 25 X 2 50 Attenzione: dichiarazione autonoma. Il modello studi di settore non costituisce una 4

5 In base all art. 2, co. 7, D.P.R. n. 322/98: la dichiarazione tardiva è considerata valida. Qualora, oltre alla presentazione di Unico, il contribuente non avesse presentato anche la Dichiarazione Irap, la violazione potrà essere sanata rispettando i suddetti termini e importi previsti per Unico, cioè: presentazione della dichiarazione omessa entro il 29 dicembre 2013; versamento della sanzione ridotta, pari a 25. Il sig. Mario Rossi non ha presentato il modello Unico 2013 entro il 30 settembre Il modello Unico era compilato solo nel quadro RC redditi lavoro dipendente e assimilati e RP oneri e spese. Dal quadro RN emerge un credito Irpef di 500. Al fine di non perdere il credito, il contribuente in questione è tenuto a presentare Unico 2013 entro il 29 dicembre 2013 e presentare un F24 con il pagamento di 25 utilizzando il codice tributo 8911 Omessa presentazione di Unico 2013 con imposte regolarmente versate o non dovute ADEMPIMENTO Presentazione della dichiarazione integrativa entro il 29 dicembre Versamento della sanzione ridotta pari a 25 (per ciascuna dichiarazione). Dichiarazione tardiva con imposte dovute Nel caso in cui dalla dichiarazione presentata con ritardo non superiore a 90 giorni scaturisca un imposta dovuta, resta ferma l applicazione delle sanzioni relative alle eventuali violazioni riguardanti il pagamento dei tributi. L omesso o insufficiente pagamento delle imposte dovute può essere regolarizzato eseguendo spontaneamente, entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno successivo, il pagamento dell imposta dovuta, degli interessi moratori (calcolati al tasso legale annuo dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato a quello in cui viene effettivamente eseguito) e della sanzione in misura ridotta. 5

6 In particolare, la prevista sanzione del 30% viene ridotta: dallo 0,2% al 2,8%, se il pagamento è effettuato entro 14 giorni dalla scadenza, tenendo presente che per ogni giorno di ritardo va applicato lo 0,2%; del 3% (1/10 del 30%), se il pagamento è eseguito tra il 15 e il 30 giorno dalla scadenza; del 3,75% (1/8 del 30%), se il pagamento è eseguito oltre 30 giorni ed entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno della violazione. Un contribuente non ha presentato il modello Unico 2013 entro il 30 settembre Dal modello risulta che il contribuente doveva versare il 20 agosto il saldo Irpef pari a (compresa la maggiorazione). Oltre che il versamento delle sanzioni per la regolarizzazione di Unico da effettuare come esposto nel precedente esempio il contribuente è tenuto a versare anche le imposte e le relative sanzioni ridotte. Qualora il contribuente avesse deciso di versare tale saldo il 15 gennaio 2014 ricorrendo al ravvedimento operoso, la sanzione ridotta sarebbe pari all 3,75%, quindi corrispondente a 37,5 (più interessi). Il modello F24 risulterebbe così compilato: / , ,50 12, , ,25 Omessa presentazione di Unico 2013 con imposte dovute ADEMPIMENTO Presentazione della dichiarazione integrativa entro il 29 dicembre 2013 Versamento della sanzione ridotta pari a 25 (per ciascuna dichiarazione) Versamento delle imposte dovute Versamento delle sanzioni ridotte tramite ravvedimento operoso calcolate sull imposta dovuta (più interessi) 6

7 Dichiarazione omessa Scaduto il termine di 90 giorni la dichiarazione si considera omessa. In tal caso, non essendo possibile regolarizzare la dichiarazione con il ravvedimento operoso, l Ufficio applicherà le seguenti sanzioni: dal 120% al 240% con un minimo di 258, in presenza di un debito d imposta; da 258 a 1.032, in assenza di un debito d imposta. SANZIONI OMESSA PRESENTAZIONE TARDIVA PRESENTAZIONE Da 258 a 1.032, % imposta eventualmente dovuta Imposta dovuta: dal 120% al 240% (min. 258 ) Imposta non dovuta: da 258,00 e 1.032,00 Termine di presentazione 90 giorni da termine Dichiarazione inesatta o irregolare La dichiarazione validamente presentata (entro il termine previsto ovvero nei 90 giorni successivi), è inesatta o irregolare in presenza di violazioni formali, ossia che non incidono sulla determinazione del tributo. Relativamente alla sanzione applicabile è necessario distinguere tra violazioni: meramente formali, che non arrecano pregiudizio all attività di controllo dell Ufficio; formali, che arrecano pregiudizio all attività di controllo dell Ufficio. In particolare: VIOLAZIONI MERAMENTE FORMALI Come disposto dall art. 6, co. 5-bis, D.Lgs. n. 472/97: non sono punibili le violazioni che non arrecano pregiudizio all esercizio delle azioni di controllo e non incidono sulla determinazione della base imponibile, dell imposta e sul versamento del tributo. 7

8 Di conseguenza, le violazioni in esame non comportano l applicazione di alcuna sanzione, e per le stesse non si rende necessario utilizzare il ravvedimento operoso. Qualora si intenda, comunque, regolarizzare la violazione prima dell inizio delle attività di verifica, è sufficiente presentare una dichiarazione integrativa. VIOLAZIONI FORMALI Come accennato, costituiscono violazioni formali, gli errori che non incidono sulla determinazione della base imponibile e dell imposta nonché sul versamento del tributo, ma arrecano pregiudizio all attività di controllo dell Ufficio. In particolare, tale fattispecie si riscontra nei seguenti casi: dichiarazione non redatta in conformità del modello di dichiarazione approvato (ossia redatta sul modello ministeriale previsto, ma non in conformità alle relative istruzioni); omessa o errata e incompleta indicazione di: dati rilevanti per l individuazione del contribuente o del suo rappresentante; elementi necessari per la determinazione del tributo; ogni altro elemento prescritto per l effettuazione dei controlli, quale la mancata allegazione del modello degli studi di settore o la mancata compilazione di un quadro o prospetto che non incide sulla determinazione del tributo. A tali violazioni è applicabile la sanzione da 258 a ex art. 8, co. 1, D.Lgs. n. 471/97. La regolarizzazione mediante il ravvedimento operoso richiede: la presentazione di una dichiarazione integrativa entro il termine di presentazione della dichiarazione successiva e, pertanto, con riguardo al mod. UNICO 2013, entro il ; il versamento della sanzione ridotta, nella misura di 32 (1/8 di 258). Il sig. Mario Rossi, imprenditore individuale, ha presentato il mod. UNICO 2013 PF entro il , senza allegare il modello degli studi di settore. Poiché tale modello è parte integrante della dichiarazione dei redditi, la violazione rientra nella fattispecie della dichiarazione irregolare, ravvedibile entro il : presentando la dichiarazione integrativa comprensiva del modello studi di settore; versando 32 a titolo di sanzione ridotta, con il codice tributo

9 Violazioni sostanziali Sono sostanziali le violazioni che incidono sulla determinazione e sul pagamento del tributo. La sanzione applicabile è differenziata a seconda che l errore sia o meno rilevabile in sede di liquidazione o di controllo formale della dichiarazione. Come evidenziato nell appendice alle istruzioni del mod. UNICO, in presenza di entrambe le tipologie di errore, ai fini del ravvedimento, va presentata un unica dichiarazione integrativa ed effettuato il pagamento delle somme complessivamente dovute. In particolare: VIOLAZIONI RILEVABILI IN SEDE DI LIQUIDAZIONE O CONTROLLO Costituiscono errori rilevabili in sede di liquidazione o controllo formale delle dichiarazioni ex art. 36-bis e art. 36-ter, D.P.R. n. 600/73: gli errori materiali e di calcolo nella determinazione degli imponibili e/o delle imposte; l indicazione in misura superiore a quella spettante di oneri deducibili o detraibili (ad esempio, spese mediche o contributi previdenziali), ritenute d acconto e/o crediti d imposta. Per tali violazioni è applicabile la sanzione pari al 30% della maggiore imposta dovuta o del minor credito utilizzato; la regolarizzazione delle stesse tramite il ravvedimento operoso richiede: la presentazione della dichiarazione integrativa; il versamento della maggiore imposta dovuta o il minor credito utilizzato, nonché dei relativi interessi nella misura del 2,5%, calcolati a giorni; il versamento della sanzione ridotta ad 1/8, quindi pari al 3,75%. VIOLAZIONI NON RILEVABILI CON LIQUIDAZIONE / CONTROLLO: DICHIARAZIONE INFEDELE Costituiscono errori non rilevabili in sede di liquidazione o controllo formale delle dichiarazioni ex art. 36-bis e art. 36-ter, D.P.R. n. 600/73: l omessa o errata indicazione di redditi; l errata determinazione dei redditi; l indicazione di indebite detrazioni d imposta o di deduzioni dall imponibile. In tal caso la dichiarazione è infedele e comporta l applicazione della sanzione in misura compresa tra il 100% e il 200% della maggiore 9

10 imposta dovuta o del minor credito spettante. Ai fini della regolarizzazione di tali violazioni tramite il ravvedimento operoso, è necessario: presentare la dichiarazione integrativa; versare la maggiore imposta dovuta o il minor credito spettante nonché i relativi interessi, nella misura del 2,5%, calcolati a giorni; versare la sanzione ridotta, nella misura del 12,5% (1/8 del 100%). In caso di presentazione di una dichiarazione integrativa, è necessario integrare anche il/i versamento/i a titolo di acconto, come chiarito dall Agenzia delle Entrate nella Circolare , n. 47/E. Pertanto, se dal mod. UNICO 2013 integrativo emerge una maggiore imposta dovuta (saldo 2012), dallo stesso consegue un maggior acconto per il 2013 e quindi viene ad integrarsi anche la fattispecie dell insufficiente versamento dell acconto per il Il sig. Mario Bianchi ha presentato il mod. UNICO 2013 PF entro il , omettendo di indicare un compenso per una prestazione occasionale. Ipotizzando che per effetto della rettifica della dichiarazione risulti una maggiore IRPEF a saldo, pari a 280, ai fini della regolarizzazione della violazione commessa, entro il , è necessario: presentare la dichiarazione integrativa; versare: la maggiore IRPEF a saldo per il 2012, pari a 280, con il codice tributo 4001 ; il maggior acconto dovuto per il 2013, con il codice tributo 4033 (primo acconto) e / o 4034 (secondo acconto); gli interessi nella misura del 2,5%, calcolati a giorni, con il codice tributo 1989 ; la sanzione ridotta, pari a 35 (280 x 12,5%), con il codice tributo Dichiarazioni integrative presentate entro 90 giorni Come sopra evidenziato, la sanzione prevista per la presentazione di una dichiarazione integrativa è superiore a quella applicabile in caso di dichiarazione tardiva. Da ciò discende che, in caso di presentazione della dichiarazione integrativa entro 90 giorni, la sanzione ridotta dovuta per il ravvedimento risulterebbe più elevata rispetto a quella applicabile per la dichiarazione tardiva. 10

11 Di fatto, dunque, risulterebbe maggiormente penalizzato, in sede di ravvedimento, il contribuente che ha presentato la dichiarazione entro il termine previsto (per il mod. UNICO 2013 entro il ), ancorché contenente errori formali o sostanziali, rispetto al contribuente che, entro il medesimo termine, ha omesso di presentare la dichiarazione. Per evitare tale incongruenza, nell appendice al mod. UNICO 2013 è specificato che, in presenza di una dichiarazione infedele, se il ravvedimento avviene entro novanta giorni dal termine per la presentazione della dichiarazione, è dovuta la sanzione ridotta, pari a 25, nonché la sanzione del 3,75% della maggiore imposta dovuta/minor credito spettante, anziché la sanzione del 12,5%. Anche in caso di violazione formale, qualora la dichiarazione integrativa venga presentata entro 90 giorni è applicabile la sanzione di 25 (anziché 32). Compilazione Relativamente alle modalità operative per l effettuazione del ravvedimento operoso, si precisa che nel frontespizio del mod. UNICO in caso di: presentazione tardiva (ossia entro il ) non va barrata la casella Correttiva nei termini, Dichiarativa integrativa a favore o Dichiarazione integrativa ; integrazione o rettifica di una dichiarazione già presentata, va barrata la casella: Dichiarazione integrativa a favore, se dalla dichiarazione integrativa emerge un maggior credito/minor debito o se la stessa è presentata per correggere errori meramente formali; Dichiarazione integrativa, se dalla dichiarazione integrativa emerge un minor credito/maggior debito o se la stessa è presentata per correggere errori formali. Soltanto in tal caso, è necessario specificare quali quadri/allegati sono stati modificati e quali non hanno subìto variazioni, riportando nel riquadro Tipo di dichiarazione e nel riquadro Firma della dichiarazione uno dei seguenti codici: codice situazione Quadro o allegato compilato sia nella dichiarazione integrativa che nella dichiarazione originaria, senza modifiche. Quadro o allegato compilato nella dichiarazione integrativa ma assente o compilato diversamente nella dichiarazione originaria. Quadro o allegato compilato nella dichiarazione originaria ma assente nella dichiarazione integrativa. 11

12 La dichiarazione correttiva/integrativa deve essere completa di tutte le sue parti, comprensiva, quindi, anche dei dati che non hanno subìto modifiche rispetto al modello originario. La Alfa snc ha presentato, entro il , il mod. UNICO 2013 SP comprensivo della dichiarazione IVA. Constatando un errore nella dichiarazione dei redditi, la società presenta una dichiarazione integrativa nella quale deve essere incluso anche il mod. IVA, ancorché lo stesso non sia oggetto di modifiche. Riepilogo OMESSA PRESENTAZIONE DI UNICO Sanzioni Ravvedimento Omessa presentazione dichiarazione a debito: - dal 120% al 240% delle imposte dovute (minimo 258,00). Omessa presentazione dichiarazione senza debito d imposta: - da 258,00 a 1.032,00. Entro il 29 dicembre 2013 (che slitta al 30 dicembre), la violazione può essere regolarizzata eseguendo spontaneamente, entro lo stesso termine, il pagamento di una sanzione di 25,00 (codice tributo 8911), pari ad 1/10 di 258,00, ferma restando l applicazione delle sanzioni relative alle eventuali violazioni riguardanti il pagamento dei tributi, qualora non già regolarizzate. VIOLAZIONE Dichiarazione tardiva TERMINE PER IL SANZIONE SANZIONE RIDUZIONE RAVVEDIMENTO MINIMA RIDOTTA 90 giorni 258 1/10 25 Ravvedimento L Agenzia delle Entrate ha precisato che la sanzione ridotta è dovuta per ciascuna dichiarazione ricompresa nel modello Unico. Sarà necessario, pertanto, versare 25,00 moltiplicati per il numero di dichiarazioni (redditi, IVA) comprese nel modello Unico. A tal fine, non costituisce una dichiarazione il prospetto degli studi di settore o dei parametri, parte integrante del modulo redditi. 12

13 RITARDO SUPERIORE A 90 GIORNI Le dichiarazioni presentate con ritardo superiore a 90 giorni sono considerate omesse. VIOLAZIONE SANZIONE RAVVEDIMENTO Dichiarazione TARDIVA (presentata entro 90 giorni dalla scadenza) Dichiarazione OMESSA (presentata oltre 90 giorni dalla scadenza) violazioni Dichiarazione MERAMENTE INESATTA FORMALI o IRREGOLARE violazioni FORMALI Dichiarazione con errori rilevabili ex artt. 36-bis e 36-ter, D.P.R. n. 600/73 Dichiarazione INFEDELE (con errori non rilevabili ex artt. 36-bis e 36-ter, D.P.R. n. 600/73) 25 (1/10 di 258) per ciascuna da 258 a dichiarazione compresa nel mod. UNICO da 258 a 1.032, in presenza di imposte versate dal 120% al 240%, con Non ammesso un minimo di 258, in presenza di imposte non versate nessuna sanzione - da 258 a (1/8 di 258) 30% della maggiore 3,75% della maggiore imposta dovuta o del imposta / differenza minor credito di credito utilizzato (1/8 del 30%) dal 100% al 200% 12,5% della maggiore della maggiore imposta / differenza imposta dovuta o del di credito minor credito (1/8 del 100%) spettante - Riproduzione riservata - 13

LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013

LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013 INFORMATIVA N. 287 20 NOVEMBRE 2013 DICHIARAZIONI LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013 D.Lgs. n. 471/97 Art. 13, D.Lgs. n. 472/97 Circolari Agenzia Entrate 27.9.2007, n. 52/E e 19.2.2008, n. 11/E Entro

Dettagli

COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO

COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO Gli aggiornamenti più recenti ravvedimento con versamenti insufficienti versamento con il modello F24 Elide aggiornamento agosto 2014 DICHIARAZIONE

Dettagli

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E IL MODELLO 770 IL MODELLO F24 E CODICI TRIBUTO MAGGIORMENTE

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 54 11.07.2014 La correzione della dichiarazione Le modalità di presentazione della dichiarazione correttiva e della dichiarazione integrativa

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO

DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO A cura di Sabrina Arcangeli Ufficio Controlli Fiscali e Tiziana Sabattini Area di Staff Relazioni Esterne. Riff.

Dettagli

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento CIRCOLARE A.F. N. 123 del 25 Luglio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo

Dettagli

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Modello 770-2013 e ravvedimento ritenute 2012. Il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento Gentile cliente con la presente

Dettagli

AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO

AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO Circolare informativa n. 6 del 12 Gennaio 2011 AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO L art. 1, comma 20, Finanziaria 2011, c.d. Legge di stabilità 2011, ha modificato,

Dettagli

ERRORI E DIMENTICANZE

ERRORI E DIMENTICANZE ERRORI E DIMENTICANZE CORREZIONI DI ERRORI E DIMENTICANZE Introduzione Nella predisposizione della dichiarazione 730 è possibile che il contribuente abbia commesso errori o abbia dimenticato ad esempio

Dettagli

OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730

OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730 Roma, 16/10/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che

Dettagli

Sanzioni per indebite compensazioni

Sanzioni per indebite compensazioni Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 68 05.03.2014 Sanzioni per indebite compensazioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Come noto, in caso di effettuazione di

Dettagli

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni CIRCOLARE N.18/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Roma, 10 maggio 2011 aprile 2011 OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate

Dettagli

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 Circolare informativa per la clientela n. 6/2013 del 21 febbraio 2013 SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc E TEMPO DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI ANCHE PER GLI ENTI NON COMMERCIALI (Enc) Unico Enti non commerciali ed equiparati (Unico Enc) è un modello unificato che permette di presentare la dichiarazione dei

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO ICI 2009-2010

RAVVEDIMENTO OPEROSO ICI 2009-2010 RAVVEDIMENTO OPEROSO ICI -2010 La Legge consente ai contribuenti di regolarizzare spontaneamente, nei termini previsti, le violazioni connesse alla dichiarazione ed al pagamento dell'i.c.i. avvalendosi

Dettagli

OMESSO/PARZIALE VERSAMENTO DEL TRIBUTO: 30% dell imposta dovuta. OMESSA DENUNCIA E OMESSO PAGAMENTO: 100% del tributo dovuto con un importo

OMESSO/PARZIALE VERSAMENTO DEL TRIBUTO: 30% dell imposta dovuta. OMESSA DENUNCIA E OMESSO PAGAMENTO: 100% del tributo dovuto con un importo I.C.I. - RAVVEDIMENT PERS IMPSTA CMUNALE SUGLI IMMBILI L'istituto del ravvedimento operoso previsto dall'art. 13 del D.Lgs. n. 472/1997, così come modificato dall'art. 7 del D.Lgs. n. 32/2001 e dal D.L.185

Dettagli

a cura di Francesco Zuech rag. commercialista

a cura di Francesco Zuech rag. commercialista VIOLAZIONI TRIBUTARIE E RAVVEDIMENTO OPEROSO Principali novità 2007 Ravvedimento dichiarazioni fiscali (Unico, Iva, Irap e 770) Emendabilità delle dichiarazioni Valenza circolari e risoluzioni Ae a cura

Dettagli

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Gentile cliente, La informo che entro il 17 marzo prossimo scade il versamento del saldo iva per il 2013 calcolato sulla

Dettagli

Fiscal News N. 13. Conversione del credito in Unico entro il 28.01. La circolare di aggiornamento professionale 15.01.2014.

Fiscal News N. 13. Conversione del credito in Unico entro il 28.01. La circolare di aggiornamento professionale 15.01.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 13 15.01.2014 Conversione del credito in Unico entro il 28.01 Categoria: Unico Sottocategoria: Dichiarazione I contribuenti che hanno presentato

Dettagli

Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio.

Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio. Studio Associato Cerato & Popolizio Dottori commercialisti Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio.it Dott. Sandro

Dettagli

CIRCOLARE n. 16 del 03/09/2014 MODELLO 770/2014 PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE EFFETTI AI FINI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO

CIRCOLARE n. 16 del 03/09/2014 MODELLO 770/2014 PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE EFFETTI AI FINI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO CIRCOLARE n. 16 del 03/09/2014 MODELLO 770/2014 PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE EFFETTI AI FINI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO INDICE 1. PREMESSA 2. OBBLIGO DI PRESENTAZIONE IN VIA TELEMATICA Trasmissione

Dettagli

Capitolo III RAVVEDIMENTO OPEROSO, SPESOMETRO E RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO: LE NOVITÀ PER IL 2015

Capitolo III RAVVEDIMENTO OPEROSO, SPESOMETRO E RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO: LE NOVITÀ PER IL 2015 69 Capitolo III RAVVEDIMENTO OPEROSO, SPESOMETRO E RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO: LE NOVITÀ PER IL 2015 Sommario: 1. Premessa. Il ravvedimento operoso ex D.Lgs. 472/1997-1.1. L omesso versamento della

Dettagli

SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015. In questa Circolare

SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015. In questa Circolare SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015 In questa Circolare 1. Premessa 2. Calcolo dell Iva dovuta 3. Come e quando si versa 4. Sanzioni amministrative 5. Sanzioni penali I contribuenti soggetti

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag.

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. 9 CAPITOLO SECONDO LE SINGOLE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI 1. Gli omessi

Dettagli

Circolari per la clientela

Circolari per la clientela Circolari per la clientela Circolare n. 19 del 31 luglio 2014 Modelli 770/2014 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso Pag. 1 di 5 INDICE 1 Premessa... 3 2 Obbligo

Dettagli

ESENZIONE FISCALE TOTALE: APPROFONDIMENTI E INFORMAZIONI

ESENZIONE FISCALE TOTALE: APPROFONDIMENTI E INFORMAZIONI ESENZIONE FISCALE TOTALE: APPROFONDIMENTI E INFORMAZIONI In applicazione del Decreto 1/2014 della Repubblica Veneta sull Esenzione Fiscale Totale, Plebiscito.eu ha avviato una campagna di obiezione fiscale

Dettagli

Circolare 21. del 29 luglio 2015. Modelli 770/2015 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso INDICE

Circolare 21. del 29 luglio 2015. Modelli 770/2015 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso INDICE Circolare 21 del 29 luglio 2015 Modelli 770/2015 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso INDICE 1 Premessa... 2 2 Obbligo di presentazione in via telematica...

Dettagli

l agenzia in f orma ERRORI FISCALI: conseguenze e rimedi Ufficio Relazioni Esterne

l agenzia in f orma ERRORI FISCALI: conseguenze e rimedi Ufficio Relazioni Esterne 6 l agenzia in f orma 2005 ERRORI FISCALI: conseguenze e rimedi Ufficio Relazioni Esterne INDICE 1. LE SANZIONI TRIBUTARIE NON PENALI 2 Come viene irrogata la sanzione 3 Le sanzioni e il contribuente truffato

Dettagli

MODELLO UNICO-2013: LA PROCEDURA DEL RAVVEDIMENTO IN CASO DI TARDIVA, OMESSA, INFEDELE DICHIARAZIONE

MODELLO UNICO-2013: LA PROCEDURA DEL RAVVEDIMENTO IN CASO DI TARDIVA, OMESSA, INFEDELE DICHIARAZIONE MODELLO UNICO-2013: LA PROCEDURA DEL RAVVEDIMENTO IN CASO DI TARDIVA, OMESSA, INFEDELE DICHIARAZIONE A cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto entro 90 giorni dalla scadenza ordinaria del 30

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

Periodico informativo n. 173/2014 Dichiarazioni tardive e rettificative entro fine mese

Periodico informativo n. 173/2014 Dichiarazioni tardive e rettificative entro fine mese Periodico informativo n. 173/2014 Dichiarazioni tardive e rettificative entro fine mese Gentile Cliente, Il contribuente che avrà commesso errori riguardanti l invio delle dichiarazioni fiscali, dovrà

Dettagli

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 10/02/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/36832-il-ravvedimento-operoso-a-seguito-dellemodifiche-introdotte-dalla-legge-di-stabilit-2015 Autore: Chiudioni Marco

Dettagli

Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate

Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate RAVVEDIMENTO OPEROSO IN MATERIA DI IMPOSTE SULLE SUCCESSIONI Il ravvedimento operoso, come è noto, è un istituto giuridico

Dettagli

TITOLO I CRITERI APPLICATIVI DELLE SANZIONI

TITOLO I CRITERI APPLICATIVI DELLE SANZIONI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento II presente regolamento disciplina i criteri di applicazione delle sanzioni amministrative previste

Dettagli

Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 16 marzo 2012

Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 16 marzo 2012 CIRCOLARE A.F. N. 31 del 1 Marzo 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 16 marzo 2012 Gentile cliente con la presente intendiamo ricordarle che il 16 marzo

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 26/2015

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 26/2015 Como, 1.9.2015 INFORMATIVA N. 26/2015 Modelli 770/2015 Proroga dei termini di presentazione Effetti ai fini del ravvedimento operoso INDICE 1 Premessa... pag. 2 2 Obbligo di presentazione in via telematica...

Dettagli

DOPO LA DICHIARAZIONE

DOPO LA DICHIARAZIONE DOPO LA DICHIARAZIONE Come rimediare in caso di errori od omissioni Capitolo 14 14.1 COME RIMEDIARE IN CASO DI ERRORI OD OMISSIONI 14.1.1 I termini dei versamenti 14.1.2 Sanzioni e ravvedimento per tardivi

Dettagli

Fiscal News N. 17. Credito Iva 2013. La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 17. Credito Iva 2013. La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 17 20.01.2014 Credito Iva 2013 Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione L utilizzo in compensazione orizzontale del credito IVA

Dettagli

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu L agenda di Unico, Imu e degli altri pagamenti del Pag. n. 1 L agenda dei pagamenti di Unico, Irap, Iva e della prima rata Imu a cura di Salvina Morina E Tonino Morina Persone fisiche, società di persone,

Dettagli

D. Liburdi, F. Colombo. Il ravvedimento operoso Aggiornato con Decreto Anti-Crisi n. 185/2008

D. Liburdi, F. Colombo. Il ravvedimento operoso Aggiornato con Decreto Anti-Crisi n. 185/2008 D. Liburdi, F. Colombo Il ravvedimento operoso Aggiornato con Decreto Anti-Crisi n. 185/2008 Edizione 2009 INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione

Dettagli

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA: l omessa indicazione in dichiarazione dei redditi.

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA: l omessa indicazione in dichiarazione dei redditi. DOMANDA: Buongiorno, nell anno 2004 ho acquistato un appartamento da costruttore pagando un importo IVA pari ad XXXX (iva 4% agevolazione prima casa), nell anno 2011 ho provveduto a vendere l appartamento

Dettagli

MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI

MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI Riferimenti Art. 30, DL n. 185/2008 Art. 1, comma 1, DL n. 225/2010 Risoluzione Agenzia Entrate 6.12.2010, n. 125/E Circolare

Dettagli

Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO

Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO Firenze, 28/I/2015 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO Il ravvedimento operoso è un utile istituto che, da oltre 15 anni, permette ai contribuenti di rimediare spontaneamente

Dettagli

Il Ritardato Versamento

Il Ritardato Versamento Il Ritardato Versamento VERSAMENTO CON SANZIONI RIDOTTE Il contribuente che omette il versamento dell'ici entro i termini previsti può sanare l'errore commesso attraverso l'istituto del RAVVEDIMENTO OPEROSO

Dettagli

Che cos è il Ravvedimento Operoso IMU 2012 e come funziona?

Che cos è il Ravvedimento Operoso IMU 2012 e come funziona? Con il Ravvedimento Operoso IMU 2012 il contribuente può regolarizzare spontaneamente la sua posizione tributaria in caso di omesso, parziale, tardivo o infedele versamento dell imposta municipale propria,

Dettagli

Riduzione delle sanzioni: ravvedimento e istituti definitori a confronto Le novità della Legge di Stabilità 2015

Riduzione delle sanzioni: ravvedimento e istituti definitori a confronto Le novità della Legge di Stabilità 2015 Riduzione delle sanzioni: ravvedimento e istituti definitori a confronto Le novità della Legge di Stabilità 2015 dott. Fabrizio Povinelli Capo Area Imprese grandi e medie dimensioni Agenzia delle Entrate

Dettagli

MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI

MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI Riferimenti Art. 30, DL n. 185/2008 Art. 1, comma 1, DL n. 225/2010 Risoluzione Agenzia Entrate 6.12.2010, n. 125/E Circolare Agenzia Entrate 24.2.2011,

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI PERNI & DORENTI Partners Avv. Oliviero Perni Dott. Luca Dorenti Of Counsel Dott. Marco Gaspari Dott.ssa Barbara Bonsignori Milano, 28 Agosto 2015 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 19/2015: Modelli

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Ministero delle Finanze DIPARTIMENTO DELLE ENTRATE DIR.CENTRALE: ACCERTAMENTO E PROGRAMMAZIONE Circolare del 23/07/1998 n. 192 Oggetto: Ravvedimento in materia di imposte dirette, di imposta sul valore

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL 2012

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL 2012 INFORMATIVA N. 082 26 MARZO 2013 IMPOSTE DIRETTE LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL Art. 6, DL n. 185/2008 Art. 2, comma 1, DL n. 201/2011 Istruzioni mod. UNICO 2013 Nel mod. UNICO 2013 le imprese / lavoratori

Dettagli

Circolare n. 15/2014: Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso

Circolare n. 15/2014: Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso PERNI & DORENTI PARTNERS AVV. OLIVIERO PERNI DOTT. LUCA DORENTI OF COUNSEL AVV. ROBERTO GRUTTADAURIA DOTT. MARCO GASPARI DOTT.SSA BARBARA BONSIGNORI AVV. VALERIA PAGANI DOTT. PIETRO COLUZZI DOTT. LUCA

Dettagli

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185 ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO

Dettagli

Presentazione della dichiarazione tardiva di UNICO 2014 entro il 29 dicembre Antonio Mastroberti - Esperto fiscale

Presentazione della dichiarazione tardiva di UNICO 2014 entro il 29 dicembre Antonio Mastroberti - Esperto fiscale Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. DICHIARAZIONE TARDIVA Presentazione della dichiarazione tardiva di UNICO 2014 entro il 29 dicembre Antonio Mastroberti - Esperto fiscale ADEMPIMENTO

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 381 22.12.2014 Pagamento dell avviso bonario Categoria: Versamenti Sottocategoria: D imposta L'art. 3-bis del D.Lgs. 462/1997 dispone che le somme

Dettagli

IL MODELLO 770-2013 SEMPLIFICATO : PRINCIPALI NOVITA' E RAVVEDIMENTO OPEROSO

IL MODELLO 770-2013 SEMPLIFICATO : PRINCIPALI NOVITA' E RAVVEDIMENTO OPEROSO IL MODELLO 770-2013 SEMPLIFICATO : PRINCIPALI NOVITA' E RAVVEDIMENTO OPEROSO Premessa generale L Agenzia delle Entrate con un provvedimento del 15 gennaio 2013 ha approvato il modello 770/2013 semplificato

Dettagli

COMUNE DI LAURIA (PZ)

COMUNE DI LAURIA (PZ) COMUNE DI LAURIA (PZ) Guida ICI per il contribuente CHI DEVE PAGARE L ICI Ai sensi del D.lgs n.504/92, devono pagare l ICI i proprietari (o titolari di altro diritto come, usufrutto, uso o abitazione,

Dettagli

I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata

I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata DICHIARAZIONI I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata di Alessandro Bonuzzi Con la circolare n.26/e di ieri l Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti su questioni interpretative riguardanti la

Dettagli

www.ecnews.it Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata DICHIARAZIONI a cura del Comitato di redazione

www.ecnews.it Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata DICHIARAZIONI a cura del Comitato di redazione DICHIARAZIONI Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata a cura del Comitato di redazione L Agenzia delle entrate si adopera per fornire ogni precisazione possibile sull imminente adempimento della

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 2.2015 Gennaio Sommario 1. PREMESSA... 2 2. PRECOMPILAZIONE DEI MODELLI 730 DA PARTE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE...

Dettagli

DOCUMENTO ESPLICATIVO

DOCUMENTO ESPLICATIVO DOCUMENTO ESPLICATIVO IL REGIME SANZIONATORIO CIPAG 2014 Sommario SOMMARIO 1 Premessa... 1 2 Regolarizzazione del pagamento dei contributi... 2 3 Sanzioni sui pagamenti... 4 4 Sanzioni sulle dichiarazioni...

Dettagli

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 Gentile Cliente, le ricordiamo che il versamento dell acconto IVA dovuto per l anno 2015 deve essere effettuato entro il 28.12.2015 (in quanto il 27.12.2015, scadenza naturale

Dettagli

DOCUMENTO ESPLICATIVO

DOCUMENTO ESPLICATIVO DOCUMENTO ESPLICATIVO IL REGIME SANZIONATORIO CIPAG 2015 Sommario SOMMARIO 1 Premessa... 1 2 Regolarizzazione del pagamento dei contributi... 2 3 Sanzioni sui pagamenti... 4 4 Sanzioni sulle dichiarazioni...

Dettagli

Allegato A. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. ART. 3 Gestione e costo del servizio

Allegato A. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. ART. 3 Gestione e costo del servizio TITOLO II Gestione, costo, tariffe TITOLO II Gestione, costo, tariffe ART. 3 Gestione e costo del servizio 3. Il soggetto gestore è tenuto a comunicare alla Giunta Comunale, entro il mese di settembre

Dettagli

CIRCOLARE TEMATICA MODELLI 770/2015 - PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE - EFFETTI AI FINI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO

CIRCOLARE TEMATICA MODELLI 770/2015 - PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE - EFFETTI AI FINI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO Avv. GIORGIO ASCHIERI* Rag. Comm. SIMONETTA BISSOLI* Dott. Comm. MARCO GHELLI* Dott. Comm. ALBERTO MION* Dott. Comm. ALBERTO RIGHINI* Avv. ANTONIO RIGHINI* Dott. MONICA SECCO* Avv. ORNELLA BERTOLAZZI Avv.

Dettagli

Opzione Irap entro il 3 marzo

Opzione Irap entro il 3 marzo Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 07 24.02.2014 Opzione Irap entro il 3 marzo A cura di Devis Nucibella Categoria: Irap Sottocategoria: Base imponibile Entro il prossimo

Dettagli

COMUNE DI MARCIANA MARINA PROVINCIA DI LIVORNO Codice Fiscale 82002040499

COMUNE DI MARCIANA MARINA PROVINCIA DI LIVORNO Codice Fiscale 82002040499 COMUNE DI MARCIANA MARINA PROVINCIA DI LIVORNO Codice Fiscale 82002040499 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLE AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE Approvato con deliberazione C.C. n. n. 64 del 28.12.1998

Dettagli

SANZIONI (tabelle di sintesi)

SANZIONI (tabelle di sintesi) (tabelle di sintesi) DELL OBBLIGO DI DICHIARAZIONE ANNUALE IVA ART. 5 - DLGS 471/1997 Dichiarazione omessa: con IVA dovuta senza IVA dovuta (IVA a credito o saldo a zero) Dichiarazione infedele con incidenza

Dettagli

Dentro la Notizia. 28 Maggio 2013

Dentro la Notizia. 28 Maggio 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 73/2013 MAGGIO/14/2013 (*) 28 Maggio 2013 RAVVEDIMENTO OPEROSO SEMPRE

Dettagli

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE Circolare 28 del 12 dicembre 2014 Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa... 3 2 Precompilazione dei modelli 730 da parte dell Agenzia

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI EMERSIONE CAPITALI ESTERI, ULTIMA OCCASIONE PER REGOLARIZZARE LE PROPRIE POSIZIONI ESTERE La disciplina cosiddetta della Voluntary disclosure (Emersione e rientro di capitali dall'estero) è stata approvata

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO: CARATTERISTICHE E PROCEDURE

RAVVEDIMENTO OPEROSO: CARATTERISTICHE E PROCEDURE Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 14/11/2012. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

Dottore Commercialista

Dottore Commercialista DECRETO SEMPLIFICAZIONI: DAL 2015 NUOVO MODELLO 730 PRECOMPILATO a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) Il D.Lgs. 21.11.2014, n. 175 pubblicato sulla G.U. del 28 novembre 2014 ed entrato in vigore

Dettagli

Oggetto: principali novità in tema di Ravvedimento operoso, Certificazione unica, Intrastat

Oggetto: principali novità in tema di Ravvedimento operoso, Certificazione unica, Intrastat Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Filippo Foresti Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Valentina

Dettagli

Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro

Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro A cura della Redazione Directio Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro Quesito n. 1 - CU e Ravvedimento operoso Rispetto all

Dettagli

Riferimenti Legislativi: Decreto del Ministero dell Economia 11 dicembre 2014 pubblicato su G.U. n. 290 del 15 dicembre 2014.

Riferimenti Legislativi: Decreto del Ministero dell Economia 11 dicembre 2014 pubblicato su G.U. n. 290 del 15 dicembre 2014. INFORMATIVA N. 1 / 2015 Ai gentili Clienti dello Studio Oggetto: TASSO DI INTERESSE LEGALE Riferimenti Legislativi: Decreto del Ministero dell Economia 11 dicembre 2014 pubblicato su G.U. n. 290 del 15

Dettagli

COMUNE DI SARTIRANA LOMELLINA (PV)

COMUNE DI SARTIRANA LOMELLINA (PV) COMUNE DI SARTIRANA LOMELLINA (PV) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento II presente regolamento disciplina i criteri di applicazione delle

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO IBERATI

STUDIO ASSOCIATO IBERATI Nicola Iberati Dottore Commercialista R.C. Piazza Castello, 9 Antonino Foti Dottore Commercialista R.C. 20121 MILANO Emanuela Civardi Dottore Commercialista R.C. Tel. +39 02 36504599 Fax. +39 02 8055678

Dettagli

Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi. Milano, lì 09/02/2015. Circolare n. 04/2015

Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi. Milano, lì 09/02/2015. Circolare n. 04/2015 20121 Milano via San Primo 4, Italia t. +39 02 76.07.671 f. +39 02 76.00.64.74 Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi Milano, lì 09/02/2015 Circolare n. 04/2015 Giuseppe Chiaravalli RAGIONIERE COMMERCIALISTA

Dettagli

imposte sui redditi e irap

imposte sui redditi e irap Imposte sui redditi e Irap ACCONTI d IMPOSTA di NOVEMBRE DOVUTI per l ANNO 2012 di Mario Jannaccone QUADRO NORMATIVO L art. 1, L. 23.3.1977, n. 97 [CFF ➋ 7316], ha introdotto nel nostro sistema tributario

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE Art. 1 Oggetto 1. Le norme del presente Regolamento dettano gli indirizzi applicativi

Dettagli

Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014

Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014 Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014 CUD 2014. Scade il 28 febbraio il termine per la consegna ai contribuenti Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che il prossimo 28.02.2014 scade il termine

Dettagli

Gli effetti della variazione del tasso di interesse legale dal 1 gennaio 2012

Gli effetti della variazione del tasso di interesse legale dal 1 gennaio 2012 Focus di pratica professionale di Fabio Colombo Gli effetti della variazione del tasso di interesse legale dal 1 gennaio 2012 Con il D.M. del 12.12.2011 è stato previsto che, a far data dall'1.01.2012,

Dettagli

Il Ravvedimento operoso, cosa succede se non pago le tasse

Il Ravvedimento operoso, cosa succede se non pago le tasse Il Ravvedimento operoso, cosa succede se non pago le tasse L'Istituto del Ravvedimento operoso, consente ai contribuenti di sanare il tardivo pagamento senza sanzioni pesanti, versando una mini sanzione

Dettagli

IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI DIVENTA LEGGE : ANALISI DEI PUNTI PRINCIPALI

IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI DIVENTA LEGGE : ANALISI DEI PUNTI PRINCIPALI IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI DIVENTA LEGGE : ANALISI DEI PUNTI PRINCIPALI a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Il Consiglio dei ministri ha approvato in data 30 ottobre 2014 il Decreto delegato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento II presente regolamento disciplina i criteri di applicazione delle sanzioni amministrative previste

Dettagli

NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI

NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI Firenze 28 gennaio 2009 Pisa 29 gennaio 2009 Arezzo 2 febbraio 2009 Le novità in materia di contenzioso con il fisco L adesione agevolata ai processi verbali di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Comune di Marcignago PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Luglio 2015 Approvato con delibera CC n. 22 del 09.07.2015 II INDICE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

MODELLO 770/2007 SEMPLIFICATO. Assimpredil ANCE 18 settembre 2007

MODELLO 770/2007 SEMPLIFICATO. Assimpredil ANCE 18 settembre 2007 MODELLO 770/2007 SEMPLIFICATO Assimpredil ANCE 18 settembre 2007 U.O. Contrattualistica e Fiscalità - Dr.ssa Raffaella Scurati DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA modello 770 semplificato modello 770

Dettagli

Circolare N.85 del 7 Giugno 2011. Giornalisti. Entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla Gestione Separata INPGI

Circolare N.85 del 7 Giugno 2011. Giornalisti. Entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla Gestione Separata INPGI Circolare N.85 del 7 Giugno 2011 Giornalisti. Entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla Gestione Separata INPGI Giornalisti: entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla

Dettagli

Comune di Livorno GUIDA PER IL CONTRIBUENTE TASI 2014. numero verde: 800 585678

Comune di Livorno GUIDA PER IL CONTRIBUENTE TASI 2014. numero verde: 800 585678 Comune di Livorno UNITA' ORGANIZZATIVA ENTRATE TASI 2014 GUIDA PER IL CONTRIBUENTE UNITÀ ORG.VA ENTRATE Via Marradi, 118 57126 - LIVORNO L'ufficio è aperto al pubblico: il lunedì e il venerdì dalle ore

Dettagli

Evento MAP mercoledì 14.5.2003. Avv. Benedetto Santacroce IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E L AUTOTUTELA: ASPETTI PRATICI

Evento MAP mercoledì 14.5.2003. Avv. Benedetto Santacroce IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E L AUTOTUTELA: ASPETTI PRATICI Avv. Benedetto Santacroce IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E L AUTOTUTELA: ASPETTI PRATICI 1 UNICO 2003 Termini di versamento Dal 2 maggio al 20 giugno Pagamento con F24 no maggiorazione Dal 21 giugno al 21 luglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento II presente regolamento disciplina i criteri di applicazione delle sanzioni amministrative previste

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 12 aprile 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 12 aprile 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 aprile 2007 OGGETTO: Definizione della posizione dei contribuenti interessati dagli eventi sismici e vulcanici dell ottobre 2002 nel

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento II presente regolamento disciplina i criteri di applicazione delle sanzioni amministrative previste

Dettagli

Modello UNICO 2014: modalità e termini di presentazione Antonio Mastroberti - Esperto fiscale

Modello UNICO 2014: modalità e termini di presentazione Antonio Mastroberti - Esperto fiscale Modello UNICO 2014: modalità e termini di presentazione Antonio Mastroberti - Esperto fiscale ADEMPIMENTO " FISCO La presentazione della dichiarazione dei redditi, IRAP e IVA rappresenta l adempimento

Dettagli

B R U Z Z O D O T T. A D O L F O D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A - R E V I S O R E C O N T A B I L E

B R U Z Z O D O T T. A D O L F O D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A - R E V I S O R E C O N T A B I L E B R U Z Z O D O T T. A D O L F O D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A - R E V I S O R E C O N T A B I L E Padova, 8/11/2010 Circolare n. 12 Ai gentili Clienti Loro sedi 1. VERSAMENTO DEGLI ACCONTI

Dettagli