Voluntary Disclosure: analisi delle principali caratteristiche. Dott. Alberto Chiesa. Milano, 28 Aprile 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Voluntary Disclosure: analisi delle principali caratteristiche. Dott. Alberto Chiesa. Milano, 28 Aprile 2015"

Transcript

1 Voluntary Disclosure: analisi delle principali caratteristiche Dott. Alberto Chiesa Milano, 28 Aprile 2015

2 1. La voluntary disclosure a) Contenuti normativi 2

3 La voluntary disclosure I requisiti soggettivi ed oggettivi Il Legislatore ha disciplinato la voluntary disclosure introducendo, tramite la L. 186/2014, nel corpo del D.L. 167/1990 (titolato Rilevazione ai fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l'estero di denaro, titoli e valori ) gli articoli da 5-quater a 5-septies. La norma 184/2014 pubblicata in Gazzetta Ufficiale lo scorso 29 Dicembre 2014 ed entrata in vigore il 1 Gennaio 2015, consente ai: soggetti tenuti agli adempimenti di monitoraggio fiscale (persone fisiche, enti non commerciali, società semplici e soggetti equiparati); soggetti diversi dai precedenti che intendono sanare le violazioni degli obblighi di dichiarazione ai fini delle imposte sui redditi e relative addizionali, dell imposta regionale sulle attività produttive e dell imposta sul valore aggiunto, nonché le violazioni relative alla dichiarazione dei sostituti d imposta, che abbiano commesso violazioni sino al 30 settembre 2015 di avvalersi della procedura di collaborazione volontaria che si compone delle seguenti fasi: 1. presentazione dell istanza; 2. invio entro 30 gg della relazione esplicativa dell istanza; 3. valutazione da parte dell Agenzia delle entrate; 4. formulazione di un invito ad aderire ovvero avvio di un accertamento con adesione; 5. versamento (senza possibilità di compensazione) in unica soluzione oppure in tre rate mensili delle somme dovute. 3

4 La Voluntary Disclosure Principali novità introdotte rispetto al testo previgente (D.L. 4/2014 non convertito) Il reato di autoriciclaggio che punisce l autore o il concorrente di un delitto non colposo quando sostituisce, trasferisce ovvero impiega in attività economiche o finanziarie i proventi del delitto, in modo da ostacolare concretamente l identificazione della loro provenienza delittuosa. Il nuovo reato di autoriciclaggio riguarderà le condotte successive all entrata in vigore della legge ma è prevista la non punibilità di colui che aderirà alla procedura di collaborazione volontaria. Possibilità di accesso alla procedura a tutti i contribuenti (dunque anche le società di capitali) per sanare le violazioni degli obblighi dichiarativi (Voluntary Interna). Regime forfettario per il calcolo delle imposte limitatamente agli asset di minori dimensioni. Qualora la media degli ammontari delle attività finanziarie detenute all estero risultanti al termine di ciascun periodo di imposta non sia superiore ai 2 milioni di euro, il dichiarante potrà chiedere la determinazione forfettaria, anziché analitica, dei rendimenti in misura pari al 5% della consistenza a fine anno alla quale verrà applicata un aliquota del 27%. Scudo penale ampio 4

5 La Voluntary Disclosure Azionabilità della procedura Il contribuente non può avvalersi della procedura qualora: abbia avuto formale conoscenza di accessi, ispezioni, verifiche o dell'inizio di qualunque attività di accertamento amministrativo o di procedimenti penali, per violazione di norme tributarie, relativi alle attività estere; la formale conoscenza delle circostanze di cui al punto precedente sia stata acquisita da soggetti solidalmente obbligati in via tributaria o da soggetti concorrenti nel reato. Per poter accedere alla procedura di voluntary disclosure il contribuente deve presentare specifica istanza all Agenzia delle Entrate entro e non oltre il 30 settembre La richiesta di accesso alla voluntary disclosure non può essere presentata più di una volta, ma può essere integrato mediante l invio di più istanze a cui però dovrà essere collegata un ampia relazione esplicativa. 5

6 1. La voluntary disclosure b) Componenti di costo fiscale 6

7 La Voluntary Disclosure Le componenti del costo fiscale Imposte e sanzioni inerenti la genesi del Patrimonio Al riguardo diventa rilevante l analisi del periodo di genesi del patrimonio oggetto di VD, la titolarità e le modalità di genesi dello stesso (redditi non dichiarati, successioni, donazioni, etc.); In tale ambito assume precipua importanza l analisi degli eventuali apporti al capitale effettuati nei periodi accertabili (patrimonio/reddito); Risulta inoltre rilevante l analisi della normativa di estensione o meno del raddoppio dei termini di accertamento (raccordo con Legge Delega di Riforma del Sistema Tributario). Sanzioni concernenti il Monitoraggio Fiscale Imposte e sanzioni sui redditi Al riguardo diventa rilevante l analisi del periodo di genesi del patrimonio oggetto di VD e la titolarità dello stesso (cointestatari, procuratori, trust opachi e trasparenti, soggetti interposti); Risulta inoltre rilevante l analisi della normativa di estensione o meno del raddoppio dei termini di accertamento anche ai fini del monitoraggio per quanto concerne i patrimoni detenuti in Paesi Black list; Al riguardo diventa rilevante l analisi del periodo di genesi del patrimonio oggetto di VD, le modalità di investimento del patrimonio finanziario (es. fondi di investimento, polizze) in relazione alle diverse ipotesi di tassazione e la dimensione del patrimonio stesso: In particolare la possibile introduzione di un rendimento forfettario al 5% ed una tassazione forfettaria dello stesso al 27% determina l insorgere di un trade off rispetto alla tassazione analitica di un reddito che potrebbe essere inferiore e tassate con le aliquote specifiche di tassazione (12,50%, 20%, 26%, aliquota marginale).; 7

8 La Voluntary Disclosure Le componenti di costo: approfondimenti Raddoppio dei termini: La normativa c.d. Milleproroghe ha ridotto i termini di accertamento, ai soli fini della VD e per i paesi White List e Paesi BL Collaborativi, anche alla definizione dei periodi di imposta in relazione ai quali sono dovute le sanzioni del Monitoraggio Fiscale (es. Svizzera, Monte Carlo, Liechtenstein). Tassazione forfettaria: Trattasi in ogni caso di una facoltà riconosciuta al contribuente in relazione alla quale, considerata la media dei tassi di interesse di rendimento degli ultimi anni, potrebbe essere definito un tasso di rendimento figurativo inferiore al 5% che risulta sicuramente sovradimensionato rispetto alla realtà. La facoltà dovrebbe essere riconosciuta ai soggetti con patrimoni medi, determinati dall analisi dei valori esistenti al termine di ogni periodo di imposta, inferiore ai 2 Mio. Al riguardo dovrebbe essere specificato, ai fini del calcolo, la metodologia di calcolo per eventuali rapporti plurintestati, il trattamento di eventuali apporti o prelievi, della componente reddituale e della tassazione relativa. Imposte estere e modalità di determinazione analitica delle imposte italiane Per quanto riguarda la definizione delle imposte dovute e determinate in maniera analitica non è stato approvato l emendamento che consentiva di scomputare le eventuali imposte pagate all estero. Al riguardo, però, la circolare 9E/2015 ha aperto alcuni scenari di possibile recupero delle imposte pagate all estero che però non richiamano in maniera esplicita la Voluntary Disclosure. 8

9 La Voluntary Disclosure Il Modello di Dichiarazione L Agenzia delle Entrate ha già definito, e messo a disposizione degli operatori., il modello da utilizzare per la collaborazione volontaria. In particolare, è stato definito il Modulo da utilizzarsi per l invio in forma telematica dell Istanza di Adesione. A seguito di tale documento verrà inviata all ADE competente la relazione illustrativa inerente le informazioni rilevanti della procedura. Nel modello, in particolare, va specificato di quale procedura di disclosure si tratta, internazionale o nazionale, e i dati e i recapiti del soggetto aderente. Inoltre vi sono due opzioni che possono essere esercitate: la facoltà di accedere alla tassazione dei rendimenti sulla misura forfetaria del 5%, per le regolarizzazioni sotto i due milioni; la possibilità di pagare, in luogo che in un unica soluzione, in tre rate mensili. 9

10 La Voluntary Disclosure Il Modello di Dichiarazione Nel modello vengono distinte: le attività in paesi black list; le attività in paesi black list con accordo per scambio di informazioni; le attività in paesi white list. CATEGORIA PAESI RADDOPPIO TERMINI DI ACCERTAMENTO RADDOPPIO PERIODO SANZIONI RW RADDOPPIO MINIMO EDITTALE SANZIONE RW Black List (Dubai) SI SI SI Black List Collaborativo (Svizzera) NO NO NO White List NO NO NO 10

11 La voluntary disclosure Voluntary Disclosure Interna Una novità contenuto nel nuovo Testo Normativo riguarda la possibilità di avvalersi della procedura di collaborazione volontaria, per le violazioni commesse fino al 30 settembre 2014, riconosciuta anche ai contribuenti diversi da quelli sottoposti al monitoraggio fiscale (persone fisiche, enti non commerciali, etc.). I contribuenti interessati dovranno presentare all Agenzia delle Entrate un istanza di accesso alla procedura fornendo, nell ambito della citata Relazione illustrativa, la documentazione e le informazioni necessarie per la determinazione dei maggiori imponibili relative a A) Imposte sui redditi e relative addizionali, B) Imposte sostitutive delle imposte sui redditi, C) Irap, D) Iva e E) Ritenute, per tutti i periodi di imposta per i quali, alla data di presentazione della richiesta, non siano scaduti i termini per l accertamento. Con la Voluntary Interna potranno essere sanate le violazioni dichiarative delle società residenti in relazione alle quali si è formata la provvista finanziaria detenuta all estero dai rispettivi azionisti. In particolare la società residente potrà sanare da un lato le violazioni dichiarative legate alla creazione degli asset esteri, dall altra le eventuali mancate applicazioni di ritenute sui dividendi considerati come attribuiti ai soci che saranno oggetto di voluntary da parte degli stessi soggetti. La Voluntary Interna è attivabile anche per sanare casi di esterovestizione di società o trust non residenti, le quali potrebbero effettuare la procedura per sanare i mancati obblighi dichiarativi e successivamente trasferire la sede/amministrazione in Italia avendo sanato il passato sia sotto l aspetto fiscale che penale. 11

12 1. La voluntary disclosure c) Confronto con il c.d. Scudo Fiscale e ruolo dell intermediario 12

13 La Voluntary Disclosure Confronto con lo scudo fiscale e ruolo dell intermediario 13

14 La Voluntary Disclosure Sviluppo temporale ed intervento dell intermediario 31/12/ /12/2014 XX/XX/2015 Invio Istanza XX/XX/2015 Intervento Intermediario Sviluppo temporale del processo: La data del 31/12/2013 rappresenta il termine finale di indicazione delle consistenze delle attività estere, o degli imponibili nazionali o esteri, oggetto di Voluntary Disclosure; Entro la data del 30 Settembre 2015 dovrà essere inviata l Istanza di Adesione alla Procedura in relazione alla quale viene palesata all Amministrazione la posizione estera del contribuente ed eventualmente i maggiori imponibili dichiarati dalle società residenti. Entro 30 gg dall invio della suddetta Istanza il contribuente dovrà fornire all amministrazione Finanziaria la relazione esplicativa della fattispecie oggetto di emersione; L intervento dell intermediario, apertura dei mandati fiduciari o dei rapporti diretti presso una Banca o altro intermediario, potrà essere effettuata a seguito dell invio della citata Istanza di Adesione; 14

15 La Voluntary Disclosure Il comma 4 dell art. 5 quinquies del D.L. n. 167/1990 Le sanzioni in tema di monitoraggio fiscale sono determinate, ai sensi dell'articolo 7, comma 4, del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472, in misura pari alla metà del minimo edittale: a) se le attività vengono trasferite in Italia o in Stati membri dell'unione europea o in Stati aderenti all'accordo sullo Spazio economico europeo che consentono un effettivo scambio di informazioni con l'italia, inclusi nella lista di cui al decreto del Ministro delle finanze 4 settembre 1996, e successive modificazioni, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 220 del 19 settembre 1996; ovvero b)se le attività trasferite in Italia o nei predetti Stati erano o sono ivi detenute; ovvero c) se l'autore delle violazioni di cui all'articolo 5-quater, comma 1, fermo restando l'obbligo di eseguire gli adempimenti ivi previsti, rilascia all'intermediario finanziario estero presso cui le attività sono detenute l'autorizzazione a trasmettere alle autorità finanziarie italiane richiedenti tutti i dati concernenti le attività oggetto di collaborazione volontaria e allega copia di tale autorizzazione, controfirmata dall'intermediario finanziario estero, alla richiesta di collaborazione volontaria. 15

16 La Voluntary Disclosure Alternative a disposizione del contribuente Il contribuente ha tre possibilità:: 16 Mantenimento degli asset all estero autorizzando la risposta dell intermediario con le seguenti conseguenze: Determinazione analitica dei redditi generati dagli asset esteri e liquidazione delle imposte sui redditi (IRPEF ed imposte sostitutive se applicabili) e patrimoniali (IVAFE); Compilazione dei quadri RW, RM e RT del modello UNICO per ogni anno. Rimpatrio fisico (mediante trasferimento su una Banca residente, con o senza intestazione fiduciaria) in relazione al quale le attività finanziarie saranno soggette agli ordinari obblighi comunicativi da parte degli intermediari e questi ultimi si occuperanno degli adempimenti fiscali, in qualità di sostituto d imposta, connessi alle attività emerse. Rimpatrio giuridico Gli asset vengono mantenuti, come banca depositaria, all estero trasferendo gli stessi nell ambito di un mandato conferito ad una fiduciaria residente. A seguito della scelta di questa opzione, le attività finanziarie saranno soggette agli ordinari obblighi comunicativi da parte degli intermediari e le fiduciarie si occuperanno degli adempimenti fiscali, in qualità di sostituto d imposta, connessi alle attività emerse. Tale soluzione risulta, inoltre, l unica esperibile in relazione ad eventuali asset di natura immobiliare.

17 La Voluntary Disclosure Obblighi dichiarativi del contribuente 31/12/ /12/2014 XX/XX/2015 Invio Istanza XX/XX/2015 Intervento Intermediario Allo stato attuale della Normativa e della Prassi, il contribuente che aderirà alla Voluntary Disclosure dovrà, a seguito della presentazione dell istanza: Compilare il quadro RW della Dichiarazione dei redditi per quanto concerne il periodo 2014 ed il periodo 2015 per quanto riguarda il periodo fino alla data di trasferimento degli asset ad un intermediario residente; Liquidare, nell ambito dei Quadri RM e RT, e versare nell ambito della Dichiarazione dei Redditi, le eventuali imposte sugli interessi, plusvalenze ed altri redditi conseguiti nel 2014 e nel 2015 fino alla data di trasferimento degli asset ad un intermediario residente. Al riguardo risulterebbe auspicabile che fosse ripristinata l esimente per la compilazione del Quadro RW da parte dei soggetti che hanno aderito alla procedura, come previsto nello Scudo Fiscale, ed eventualmente la possibilità di pagare, tramite l intermediario residente depositario degli asset, le imposte sui redditi 2014 e

18 1. La voluntary disclosure d) Circolare 10 del 13 marzo

19 Circolare 10 del 13 marzo 2015 Analisi principali contenuti 19 Aspetti positivi: Genesi in periodi non accertabili: per gli investimenti e le attività finanziarie detenute all estero senza soluzione di continuità già a partire da periodi di imposta per i quali è decaduta la potestà di accertamento, il contribuente non dovrà puntualmente spiegarne l origine ma sarà sufficiente fornire documentazione attestante la precedente esistenza; E' stato chiarito che le clausole di preclusione intervengono per singolo periodo di imposta e tributo. Ci si è avvicinati a quanto previsto per lo scudo ed è stata sancita la possibilità di sanare eventuali annualità con altri procedimenti e poi procedere alla VD. In particolare, a seguito di tale precisazione si consente ai contribuenti recentemente raggiunti da avvisi di accertamento relativamente ad asset esteri non oggetto di regolare dichiarazione, di accedere ugualmente alla procedura di emersione non solo per i beni diversi da quelli oggetto di contestazione, ma anche per i medesimi beni relativamente a periodi d imposta differenti; E' stato ribadito il fatto che, ai soli fini del monitoraggio fiscale, la documentazione da fornire è quella relativa agli ultimi cinque anni per quanto riguarda casi relativi a paesi WL e BLC; Per quanto concerne l'intervento degli intermediari è stato previsto che l apertura dei rapporti, e l acquisizione in amministrazione dei beni, deve essere effettuata in tempo utile al fine di far godere al contribuente i vantaggi premiali della procedura. In particolare, si potrà procedere mediante l'apertura dei rapporti fiduciari/bancari post invio telematico dell'istanza di adesione alla procedura e comunicare all amministrazione finanziaria l intervenuta apertura dei rapporti presso un intermediario italiano ai fini del riconoscimento della riduzione delle sanzioni al 50%.

20 Circolare 10 del 13 marzo 2015 Analisi principali contenuti Aspetti negativi: Per quanto riguarda il regime forfettario ci sono due indicazioni negative: la prima riguarda la mancata considerazione della contitolarità dei rapporti ai fini del calcolo della media dei 2 Mio di valore massimo ammissibile, la seconda, invece, concerne l impossibilità di applicare tale criterio in relazione a redditi derivanti da attività non finanziarie (es. immobili) che devono essere trattati sempre con il regime analitico. Trattasi di un passo indietro anche con riferimento a quanto avvenne nello scudo; Un altro elemento descrittivo che risulta un passo indietro rispetto alla prassi riconosciuta anche nell ambito scudo fiscale riguarda la considerazione dei soggetti/entità interposte. In particolare, per quanto concerne un bene diverso da asset finanziari (immobili, partecipazioni), detenuto tramite una società sita in un paese BL, ai fini della VD il citato bene viene assunto sulla base della localizzazione nel paese BL dell entità interposta (es. società panamense). Trattasi di un passo indietro rispetto al passato ove sui paesi BL e sui veicoli interposti è stata sempre sancita la regola della trasparenza. Regola completamente diversa, per semplicità e ragionevolezza, invece è stata prevista per quanto concerne gli asset finanziari detenuti da società con sede in paesi diversi ma con asset finanziari depositati presso un intermediario Svizzero. 20

21 21 2. Monitoraggio Fiscale e Trust

22 Monitoraggio Fiscale Il contesto Gli obblighi di monitoraggio fiscale sono stati modificati con decorrenza 4 settembre 2013 a seguito dell entrata in vigore del nuovo articolato del D.L. n. 167/1990 Rilevazione ai fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l'estero di denaro, titoli e valori così come innovato dalla Legge Europea Il D.L. n. 167/1990 demanda al Direttore dell Agenzia delle Entrate l emanazione di una molteplicità di provvedimenti volti alla disciplina degli: obblighi in capo agli intermediari di trasmissione: delle evidenze della totalità delle operazioni soggette a monitoraggio; delle operazioni soggette a monitoraggio individuate per masse di contribuenti o con riferimento ad uno specifico periodo temporale; dell'identità dei titolari effettivi; obblighi in capo ai contribuenti di dichiarazione annuale degli investimenti esteri. Il primo provvedimento è stato emanato il 18 dicembre 2013 ed è titolato Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 1990, n. 227, come modificato dall articolo 9, comma 1, lettera c), della legge 6 agosto 2013, n. 97. In seguito è stata emessa la circolare n 38/E del 23 dicembre

23 Monitoraggio Fiscale Nuova normativa: le principali novità (1/4) Le principali novità previste dalla normativa e confermate dai provvedimenti successivi sono le seguenti: Riduzione delle Sanzioni: 3% per paesi white list; 6% per paesi black list; Principio del favor rei per le violazioni effettuate in esercizi precedenti; Il termine di riferimento per la valutazione degli asset detenuti non è più il termine del periodo d imposta (31/12/XXXX) ma ogni singolo giorno in relazione al quale si è verificata la detenzione di un patrimonio estero superiore ai ,00 ; In ipotesi di detenzione di partecipazioni estere, il contribuente è tenuto ad indicare nel quadro RW il valore della partecipazione detenuta nella società estera, nonché la percentuale di partecipazione. Nel caso in cui la partecipazione sia in una società residente o localizzata in Stati o territori diversi da quelli collaborativi, in luogo del valore della partecipazione, costituisce oggetto di monitoraggio il valore degli investimenti detenuti all estero dalla società e delle attività estere di natura finanziaria intestati alla società, nonché la percentuale di partecipazione posseduta nella società stessa. 23

24 Monitoraggio Fiscale Nuova normativa: le principali novità (2/4) Sono altresì tenuti agli obblighi di dichiarazione i soggetti indicati nel precedente periodo che, pur non essendo possessori diretti degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria, siano titolari effettivi dell investimento secondo quanto previsto dall'articolo 1, comma 2, lettera u), e dall'allegato tecnico del decreto legislativo 21 novembre 2007, n La persona fisica o le persone fisiche che, in ultima istanza, possiedano o controllino un entità giuridica, attraverso il possesso o il controllo diretto o indiretto di una percentuale sufficiente delle partecipazioni al capitale sociale o dei diritti di voto in seno a tale entità giuridica, anche tramite azioni al portatore, purché non si tratti di una società ammessa alla quotazione su un mercato regolamentato e sottoposta a obblighi di comunicazione conformi alla normativa comunitaria o a standard internazionali equivalenti. Il criterio si ritiene soddisfatto ove la percentuale corrisponda al 25% più uno di partecipazione al capitale sociale. La persona fisica o le persone fisiche che esercitano in altro modo il controllo sulla direzione di un entità giuridica: in caso di entità giuridiche quali le fondazioni e di istituti giuridici quali i trust, che amministrano e distribuiscono fondi: se i futuri beneficiari sono già stati determinati, la persona fisica o le persone fisiche beneficiarie del 25% o più del patrimonio di un entità giuridica; se i beneficiari dell entità giuridica non sono ancora state determinati, la categoria di persone nel cui interesse principale è istituita o agisce l entità giuridica; la persona fisica o le persone fisiche che esercitano un controllo sul 25% o più del patrimonio di un entità giuridica; In assenza delle ipotesi precedenti, il Trustee stesso come detentore dei beni. 24

25 Monitoraggio Fiscale Nuova normativa: le principali novità (3/4) Per quanto riguarda in particolare i Trust è stata creata una nuova categoria di soggetto obbligato alla redazione del quadro RW e cioè il titolare effettivo di un patrimonio detenuto da un Trust estero. In sostanza si rileva che l obbligo dichiarativo riguarda anche i casi in cui le attività estere, pur essendo intestate e gestite da entità giuridiche diverse (es. Trust) siano riconducibili a persone fisiche, ad enti non commerciali o a società semplici o equiparate, in qualità di titolari effettivi delle attività stesse. Tali ipotesi di obbligo di individuazione di un titolare effettivo riguardano le fattispecie in cui i soggetti esteri non siano considerati meramente interposti. Con riferimento ai Trust esteri con beneficiari individuati residenti in Italia, questi ultimi sono tenuti al monitoraggio fiscale delle attività detenute all estero dal Trust quando sono destinatari di una quota rilevante del patrimonio del Trust secondo la normativa antiriciclaggio. Il beneficiario di un Trust estero che risulti titolare effettivo deve indicare nel quadro RW il valore della quota di patrimonio del Trust ad esso riferibile. Qualora i beneficiari/titolari effettivi del patrimonio detenuto in Trust non siano ancora individuati (ma definiti es.) in genere come categoria), il quadro RW dovrà essere compilato dal Trust. Considerazioni operative: effettiva conoscenza a parte dei beneficiari della loro qualità di beneficiari/titolari effettivi, obblighi di comunicazione da parte del Trustee, definizione comportamenti univoci da parte dei diversi beneficiari/titolari effettivi. 25

26 Monitoraggio Fiscale Trust e VD Trust White List Per quanto riguarda i Trust gestiti da Trustee residenti in un paese WL dovrà essere effettuata l analisi dell atto costitutivo al fine di verificare l effettività del Trust stesso e le modalità di gestione del Trustee. Qualora a seguito dell analisi dell atto di Trust e delle modalità operative poste in essere dal Trustee, il Trust possa essere considerato effettivo, il Trust non avrà obblighi di VD diretti ma dovranno essere valutate anche le posizioni personali degli eventuali beneficiari individuati/titolari effettivi ai fini del monitoraggio fiscale. In ipotesi di effettività del Trust potrebbe essere valutata la possibilità, da attuarsi mediante attribuzione ad un Trustee residente dell incarico a gestire, di trasferire in Italia il Trust ed eliminare gli eventuali obblighi dichiarativi ai fini del monitoraggio fiscale dei beneficiari/titolari effettivi. Trust Black List Per quanto riguarda i Trust gestiti da Trustee residenti in un paese BL dovrà essere effettuata l analisi dell atto costitutivo al fine di verificare l effettività del Trust stesso e le modalità di gestione del Trustee. Nell ipotesi in cui il Trust sia considerato interposto, la Procedura di VD dovrà essere esperita dal disponente del Trust, titolare effettivo dei fondi. Qualora, invece, a seguito dell analisi dell atto di Trust e delle modalità operative poste in essere dal Trustee, il Trust possa essere considerato effettivo, l operazione di VD potrebbe essere attuata per sanare le sanzioni sull estero vestizione del Trust e sulla dichiarazione dei relativi redditi. Al riguardo dovranno essere valutate anche le posizioni personali degli eventuali beneficiari individuati/titolari effettivi ai fini del monitoraggio fiscale. In tali ipotesi risulterà rilevante verificare il trattamento ai fini della VD dei TIE firmati da Jersey, Guersey, etc. Anche in questi casi è possibile, a conclusione dell operazione di VD, il trasferimento del Trust mediante cambio del Trustee. 26

27 3. La voluntary disclosure Tabelle di riferimento 27

28 La voluntary disclosure Gli effetti premiali profilo penale NB: Gli effetti premiali vengono estesi ai concorrenti nel reato (es.: consulenti). 28 VIOLAZIONE REGIME ORDINARIO VOLUNTARY DISCLOSURE Dichiarazione infedele (art. 4 D.Lgs 74/2000) Reclusione da 1 a 3 anni Non punibilità Omessa dichiarazione (art. 5 D.Lgs 74/2000) Reclusione da 1 a 3 anni Non punibilità Dichiarazione Fraudolenta (art. 2 e 3 D.Lgs 74/2000) Reclusione da 1 e 6 mesi a 6 anni Non punibilità Omesso versamento di IVA (art. 10-ter D.Lgs 74/2000) Reclusione da 6 mesi a 2 anni Non punibilità Omesso versamento di ritenute certificate (art. 10-bis D.Lgs 74/2000) Reclusione da 6 mesi a 2 anni Non punibilità Emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti (art.8 D.Lgs 74/2000) Reclusione da 1 e 6 mesi a 6 anni Reclusione da 1 e 6 mesi a 6 anni Occultamento o distruzione di documenti contabili (art. 10 D.Lgs 74/2000) Reclusione da 6 mesi a 5 anni Reclusione 6 mesi a 5 anni Sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte (art. 11 D.Lgs 74/2000) Reclusione da 6 mesi a 4 anni Reclusione da 6 mesi a 4 anni Riciclaggio (art. 648 bis Codice Penale) Reclusione da 4 a 12 anni e con la multa da euro a euro (modificati limiti della multa, dal testo in esame, a euro Non punibilità Impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita (art. 648 ter Codice Penale) Autoriciclaggio (art. 648 ter. 1 Codice Penale) ) Reclusione da 4 a 12 anni e con la multa da euro a euro (modificati limiti della multa, dal testo in esame, a euro ) Reclusione da 2 a 8 anni e con la multa da euro a euro Non punibilità Non punibilità

29 I costi della regolarizzazione Gli addendi da considerare IRPEF + ADDIZIONALI APPORTI FRUTTI Imposta corrispondente al patrimonio estero generato nell anno di riferimento. È possibile per il contribuente fornire la prova contraria. Nell ipotesi si tratti di asset ereditati, sarà dovuta l imposta di successione Imposta dovuta sui redditi generati nel corso dei singoli anni fiscalmente accertabili. Non possono essere adottati regimi sostitutivi di tassazione ex artt. 6 o 7 ex D.Lgs. 461/1997 (regimi del risparmio amministrato/gestito) IVA APPORTI Imposta corrispondente al patrimonio estero generato nell anno di riferimento riconducibile ad attività professionali non fatturate. È possibile per il contribuente fornire la prova contraria. IMPOSTE PATRIMONIALI IVAFE IVIE Imposta dovuta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero da calcolarsi per i soli anni 2012 e 2013 Imposta dovuta sul valore degli immobili siti all estero da calcolarsi per i soli anni 2012 e 2013 SANZIONI MONITORAGGIO FISCALE INFEDELE OMESSA DICHIARAZIONE Omessa/infedele compilazione del quadro RW Omessa/infedele dichiarazione dei redditi da assoggettare ad IRPEF Omessa/infedele dichiarazione dei valori da assoggettare ad imposta patrimoniale INTERESSI su IRPEF, IVAFE ed IVIE Tassi applicati: dal 01/07/2003 al 30/09/2009: 2,75% annuo dal 01/10/2009 4,00% annuo 29

30 La voluntary disclosure Gli effetti premiali profilo amministrativo VIOLAZIONE TIPOLOGIA SANZIONE MINIMA EDITTALE ABBATTIMENTO SANZIONI VD SANZIONE ADESIONE Mancata compilazione RW Paesi Black list 6% 25% dal 0,75% al 1,50% Paesi White list 3% 50% 0,50% Paesi Black list 200% 25% dal 25% al 50% Infedele Paesi White list 133% 25% dal 16,625% al 33,25% IRPEF, IRES Italia 100% 25% dal 12,50% al 25% Paesi Black list 240% 25% dal 30% al 60% Omessa Paesi White list 160% 25% dal 20% al 40% Italia 120% 25% dal 15% al 30% Infedele 100% 25% dal 20% al 40% IVA Omessa 120% 25% dal 15% al 30% Infedele 100% 25% dal 12,50% al 25% IRAP Omessa) 120% 25% dal 15% al 30% Infedele IMPOSTA SUCCESSIONI Omessa 200% 100% - dal 16,66% al 33,33% - dal 33,33% al 66,66% 30

31 I periodi da comprendere Gli anni da considerare aperti ai fini dell accertamento Termini ordinari Infedele dichiarazione Omessa dichiarazione Infedele dichiarazione Omessa dichiarazione Termini raddoppiati I termini di accertamento ordinari vengono raddoppiati per l accertamento: basato sulla presunzione di redditi sottratti a tassazione per importi corrispondenti agli assets detenuti in territori black list; dei redditi delle attività detenute in paesi black list; in caso di superamento delle soglie di punibilità penale. 31

32 Quali sono gli stati white list? Gli elenchi forniti dall Agenzia delle Entrate (Circolare n. 38/E del 23/12/2013) Stati e territori inclusi nella white list (DM 04/09/1996) Albania Algeria Argentina Australia Austria Bangladesh Belgio Bielorussia Brasile Bulgaria Canada Cina Cipro Corea del Sud Costa d Avorio Croazia Danimarca Ecuador Egitto Emirati Arabi Uniti Estonia Fed. Russa Filippine Finlandia Francia Germania Giappone Grecia India Indonesia Irlanda Islanda Israele Yugoslavia Kazakistan Kuwait Lettonia Lituania Lussemburgo Macedonia Malta Marocco Mauritius Messico Norvegia Nuova Zelanda Paesi Bassi Pakistan Polonia Portogallo Regno Unito Rep. Ceca Rep.Slovacca Romania San Marino Singapore Slovenia Spagna Sri Lanka Stati Uniti Sud Africa Svezia Tanzania Thailandia Trinidad e Tobago Tunisia Turchia Ucraina Ungheria Venezuela Vietnam Zambia Altri Stati e territori che consentono un adeguato scambio di informazione in base alle disposizioni di Convenzioni per evitare le doppie imposizioni attualmente vigenti con l Italia Arabia Saudita Armenia Azerbaijan Etiopia Georgia Ghana Giordania Hong Kong (firmato protocollo) Moldova Mozambico Oman Quatar Senegal Siria Uganda Uzbekistan 32

33 Gli early adopters CRS OCSE Gli Stati che avvieranno lo scambio di informazioni su base automatizzata A partire dal 2017 dati 2015 e precedenti Anguilla Argentina Belgio Bermuda Bulgaria British Virgin Isalnds Colombia Croazia Cipro Repubblica ceca Danimarca Estonia Isole Faroe Isole Cayman Finlandia Francia Germania Grecia Ungheria Isola di Man Gibiliterra Guernsey Jersey Islanda India Irlanda Italia Lettonia Lituania Malta Monserrat Messico Olanda Norvegia Polonia Portogallo Romania Seychelles Regno Unito Rep. Slovacca Slovenia Sud Africa Spagna Svezia A partire dal 2018 Andorra Svizzera Monaco San Marino Leichtenstein NB: gli Stati Uniti hanno imposto il FATCA a partire dal 1 luglio

34 Stati non black list solo ai fini della procedura di VD Gli Stati firmatari degli accordi di scambio di informazione con l Italia A partire dalla ratifica dell Accordo stipulato con l Italia Svizzera Liechtenstein Primcipato di Monaco Vaticano (in fase di definizione) Stati che hanno firmato con l Italia una TIEA (Tax Information Exchange Agreement)* Bermuda Cayman Gibilterra Isole Cook Guernsey Isola di Man Jersey * NB: Occorrerà attendere la circolare dell Agenzia delle Entrate che chiarisca l assimilazione o meno di questi accordi ai bilaterali sottoscritti con la Svizzera e Liechtenstein 34

35 Disclaimer Esperia Servizi Fiduciari S.p.A. non offre consulenza legale o fiscale. Di conseguenza questa presentazione non rappresenta una tale consulenza. Esperia Servizi Fiduciari S.p.A. raccomanda a tutte le persone interessate ai prodotti o servizi descritti nella presentazione di ottenere autonomamente un'appropriata consulenza legale, fiscale e di altra natura specialistica. Questa presentazione è unicamente a titolo informativo e non costituisce alcuna offerta né sollecitazione a presentare un'offerta d'acquisto o di vendita di prodotti o di altri specifici servizi. Sebbene le informazioni e le opinioni espresse in questa presentazione siano state ottenute da fonti ritenute qualificate, non ci si assume alcuna responsabilità o garanzia, espressa o tacita, sulla loro esattezza ed esaustività. Le informazioni generali contenute in questa presentazione non sono da considerare specifiche per i vostri obiettivi personali d'investimento e per la vostra situazione finanziaria e bisogni finanziari. Singoli prodotti e servizi sono soggetti a delle restrizioni legali e pertanto non possono essere incondizionatamente offerti a livello mondiale. Tutte le informazioni ed opinioni nonché i prezzi indicati sono in ogni momento suscettibili di modifica, senza preavviso. 35

Fattispecie al ricorrere delle quali il contribuente è tenuto a compilare il quadro RW: esemplificazioni

Fattispecie al ricorrere delle quali il contribuente è tenuto a compilare il quadro RW: esemplificazioni Numero 29/2014 Pagina 1 di 8 Fattispecie al ricorrere delle quali il contribuente è tenuto a compilare il quadro RW: esemplificazioni Numero : 29/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : DICHIARAZIONI

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI EMERSIONE CAPITALI ESTERI, ULTIMA OCCASIONE PER REGOLARIZZARE LE PROPRIE POSIZIONI ESTERE La disciplina cosiddetta della Voluntary disclosure (Emersione e rientro di capitali dall'estero) è stata approvata

Dettagli

LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE. Dott. Filippo Fornasiero

LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE. Dott. Filippo Fornasiero LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE Dott. Filippo Fornasiero Con il decreto legge 66/2014 dal 1 luglio l aliquota che colpisce le rendite finanziarie sale dal 20% al 26% L aumento riguarderà

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Minibond- il regime fiscale per gli investitori

Minibond- il regime fiscale per gli investitori Minibond- il regime fiscale per gli investitori Le cambiali finanziarie, obbligazioni e titoli similari negoziati in mercati regolamentati o sistemi multilaterali di negoziazione degli Stati membri dell

Dettagli

1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito

1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito Q&A 1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito Dicembre 2011 La nuova normativa Il prossimo 1 gennaio 2012 entreranno

Dettagli

Scudo fiscale-ter e controllate estere: aspetti critici della manovra e scenari ipotizzabili

Scudo fiscale-ter e controllate estere: aspetti critici della manovra e scenari ipotizzabili STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO BISCOZZI NOBILI ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE Scudo fiscale-ter e controllate estere: aspetti critici della manovra e scenari ipotizzabili Dott. Francesco Nobili Milano, 16 ottobre

Dettagli

Avv. Prof. Maurizio Leo. Avv. Prof. Maurizio Leo -Studio Legale e Tributario Leo -Libroia e Associati www.leolibroia.com

Avv. Prof. Maurizio Leo. Avv. Prof. Maurizio Leo -Studio Legale e Tributario Leo -Libroia e Associati www.leolibroia.com Avv. Prof. Maurizio Leo VD INTERNAZIONALE I SOGGETTI SOGGETTI INTERESSATI Persone fisiche (anche se titolari di reddito di impresa o di lavoro autonomo o collaboratori dell impresa familiare); Titolari

Dettagli

OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015

OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015 OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015 VOLUNTARY DISCLOSURE La collaborazione volontaria (detta anche voluntary disclosure, in seguito "VD") consente entro la data del 30 settembre 2015 la regolarizzazione:

Dettagli

Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure

Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure Roma Prof. Avv. Elio Blasio Largo Messico, 3 Tel. 06.8551827/ 06.8551828 Fax. 068551829 Padova Dott.ssa Cristina

Dettagli

OGGETTO: IL NUOVO QUADRO RW

OGGETTO: IL NUOVO QUADRO RW Informativa per la clientela di studio N. 03 del 08.01.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: IL NUOVO QUADRO RW Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla

Dettagli

799 IL NUOVO MODULO RW

799 IL NUOVO MODULO RW 799 IL NUOVO MODULO RW La compilazione del modulo RW rientra nella più ampia disciplina del monitoraggio fiscale contenuta nel DL 167/90, il cui impianto normativo è stato riformato dalla Legge 6 agosto

Dettagli

Studio Manara Matarese & Associati. Voluntary Disclosure - Riflessioni

Studio Manara Matarese & Associati. Voluntary Disclosure - Riflessioni Studio Manara Matarese & Associati Voluntary Disclosure - Riflessioni Sulla spinta dell accordo FACTA (Foreign Account Tax Compliance Act firmato a Roma il 10 gennaio 2014), è stato sviluppato in sede

Dettagli

La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di. dott. Valerio Stroppa

La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di. dott. Valerio Stroppa La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di adesione, gli effetti economici e penali dott. Valerio Stroppa 1 Il quadro normativo Legge n. 186/2014 (e di conseguenza

Dettagli

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres CASA E FISCO VADEMECUM SCUDO FISCALE 2009 Lo scudo fiscale prevede la possibilità di regolarizzare le attività finanziarie o patrimoniali detenute all estero in violazione della normativa relativa al monitoraggio

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Come aderire alla voluntary disclosure

Come aderire alla voluntary disclosure Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 56 21.02.2014 Come aderire alla voluntary disclosure La regolarizzazione spontanea di attività e investimenti all estero può essere richiesta

Dettagli

Voluntary disclosure Contenuti e opportunità

Voluntary disclosure Contenuti e opportunità Voluntary disclosure Contenuti e opportunità BERGAMO, 23 marzo 2015 PREMESSA Scudo fiscale: sanatoria per omessa indicazione nel quadro RW delle attività detenute all estero (da ultimo D.L. 1 luglio 2009

Dettagli

Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure. di Antonio Iorio

Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure. di Antonio Iorio Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure di Antonio Iorio Benefici: Riduzione delle sanzioni amministrative relative all omessa compilazione del quadro RW (art. 5-quinquies, comma 2 del D.L.

Dettagli

Le modifiche al Quadro RW in Unico PF 2014

Le modifiche al Quadro RW in Unico PF 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 20 22.01.2014 Le modifiche al Quadro RW in Unico PF 2014 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Modello RW In Unico PF 2014 (anno 2013), i contribuenti

Dettagli

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni.

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Voluntary disclosure Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. CARLO GALLI CLIFFORD CHANCE Milano,

Dettagli

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni.

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. L art. 9 della L. 6.8.2013 n. 97 prevede: l eliminazione della sezione I (trasferimenti attuati

Dettagli

Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009. Lo scudo fiscale III. Paolo Ludovici Maisto e Associati

Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009. Lo scudo fiscale III. Paolo Ludovici Maisto e Associati Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009 Lo scudo fiscale III Paolo Ludovici Maisto e Associati Imposta straordinaria sulle attività finanziarie e patrimoniali estere a)attività detenute da soggetti

Dettagli

PARTE PRIMA. Spett. (1)

PARTE PRIMA. Spett. (1) Fac-simile dell autorizzazione da rilasciare agli intermediari finanziari esteri a trasmettere all Agenzia delle Entrate italiana richiedente tutti i dati e le informazioni concernenti le attività oggetto

Dettagli

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici Voluntary Disclosure Casi pratici e aspetti critici AIGA Genova 30 marzo 2015 Andrea Frassinetti Dottore Commercialista Componente della Commissione di Studio Fiscale Comunitario e Internazionale Attività

Dettagli

Partecipazioni in società estere a scudo variabile

Partecipazioni in società estere a scudo variabile Focus di pratica professionale di Luca Miele Partecipazioni in società estere a scudo variabile Premessa Una delle fattispecie più frequenti di adesione allo Scudo fiscale riguarda l emersione di partecipazioni

Dettagli

Le novità del quadro RW

Le novità del quadro RW Dott. Alessandro Terzuolo (Dottore Commercialista e Revisore Contabile Professore a contratto in Diritto Tributario Internazionale e Comunitario, Università di Management di Torino) Le novità del quadro

Dettagli

Voluntary Disclosure

Voluntary Disclosure Voluntary Disclosure Elementi di base e questioni interpretative Ferrara, 18 Febbraio 2015 Marco Montefameglio Dottore commercialista in Bologna e Milano Partner VD Consulting 1 Legge 15.12.2014, n.186

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE 1 of 5 23/08/2016 08:46 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 9 agosto 2016 Modifiche del decreto 4 settembre 1996, recante: «Elenco degli Stati con i quali e' attuabile lo scambio di informazioni

Dettagli

Voluntary disclosure e la copertura penale per le persone fisiche e le persone giuridiche. Focus sul reato di riciclaggio e autoriciclaggio

Voluntary disclosure e la copertura penale per le persone fisiche e le persone giuridiche. Focus sul reato di riciclaggio e autoriciclaggio Voluntary disclosure e la copertura penale per le persone fisiche e le persone giuridiche. Focus sul reato di riciclaggio e autoriciclaggio IL PERIMETRO DELLA QUESTIONE L Agenzia delle Entrate, stima in

Dettagli

L opzione può essere esercitata solo nel caso in cui la media delle consistenze delle attività finanziarie, al termine di

L opzione può essere esercitata solo nel caso in cui la media delle consistenze delle attività finanziarie, al termine di Il frontespizio Nel frontespizio dovrà essere indicata la tipologia di collaborazione richiesta (nazionale o internazionale) dando atto, eventualmente, anche della valore integrativo dell istanza. Nel

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE Le esperienze pratiche di professionisti internazionali

VOLUNTARY DISCLOSURE Le esperienze pratiche di professionisti internazionali VOLUNTARY DISCLOSURE Le esperienze pratiche di professionisti internazionali Avv. Vincenzo José Cavallaro MEDIA PARTNER 1 DECRETO LEGGE NR. 4-28 GENNAIO 2014 L art. 1 del DL 4/2014 prevedeva una disciplina

Dettagli

Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali)

Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali) Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali) Marco Abramo Lanza Dottore Commercialista Milano, 12 dicembre 2014 Variabili - Oggetto

Dettagli

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano

Dettagli

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario.

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario. Operazioni intracomunitarie e internazionali La disciplina IVA delle «vendite a distanza» in ambito intracomunitario La disciplina Iva delle «vendite a distanza», per tali intendendosi le vendite in base

Dettagli

Monitoraggio fiscale. Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori. Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014

Monitoraggio fiscale. Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori. Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014 Monitoraggio fiscale Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014 1 Principali aspetti soggettivi 2 Quadro RW Presupposto soggettivo: Persone fisiche,

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il focus di qualità N. 01 07.01.2014 Il nuovo Quadro RW Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Modello RW A cura di Carla De Luca La L. n. 97/2013, c.d. Legge europea 2013, recante

Dettagli

1 Convenzioni internazionali in materia di doppia imposizione.

1 Convenzioni internazionali in materia di doppia imposizione. DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE FINANZA, CONTABILITA E BILANCIO Roma, 14 settembre 1999 Circolare n. 176 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota *

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota * Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina Paese /non richiesto Nota * 1. Austria Visto non richiesto per un soggiorno 2. Afghanistan DP titolari di passaporti diplomatici SP titolari di

Dettagli

La voluntary disclosure

La voluntary disclosure News per i Clienti dello studio N. 61 del 23 Aprile 2014 Ai gentili clienti Loro sedi La voluntary disclosure Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l Agenzia delle Entrate, con la

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013 CIRCOLARE N. 38/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Roma, 23 dicembre 2013 OGGETTO: Le nuove disposizioni in materia di monitoraggio fiscale. Adempimenti

Dettagli

di Federica Perli - Dottore commercialista - BC&, Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria Legale

di Federica Perli - Dottore commercialista - BC&, Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria Legale Pagina 1 di 13 Pubblicato su Fiscopiù (http://fiscopiu.it) Home > Bussola > V > Voluntary disclosure di Federica Perli - Dottore commercialista - BC&, Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria

Dettagli

Periodico informativo n. 169/2014 Emersione dei capitali nazionali ed esteri

Periodico informativo n. 169/2014 Emersione dei capitali nazionali ed esteri Periodico informativo n. 169/2014 Emersione dei capitali nazionali ed esteri Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo, intendiamo metterla a conoscenza del fatto che se in passato

Dettagli

Collaborazione volontaria (Voluntary disclosure) Legge 15 dicembre 2014, n. 186

Collaborazione volontaria (Voluntary disclosure) Legge 15 dicembre 2014, n. 186 Collaborazione volontaria (Voluntary disclosure) Legge 15 dicembre 2014, n. 186 Rezzato, 21 marzo 2015 Renzo Parisotto aggiornato al 17 marzo 2015 PREMESSA Scudo fiscale: sanatoria per omessa indicazione

Dettagli

Listino informazioni su imprese e persone acquistabili online

Listino informazioni su imprese e persone acquistabili online Listino informazioni su imprese e persone acquistabili online INFO ITALIA Il presente listino è valido dal Marzo 0. Le tariffe indicate si intendono al netto d IVA e inclusivi dei diritti di segreteria

Dettagli

Voluntary disclosure

Voluntary disclosure Voluntary disclosure La procedura di regolarizzazione dei patrimoni detenuti all estero Proposte operative Bolzano, 17 aprile 2015 Via Monte di Pietà, 15 20121 MILANO TEL.(+39) 02 30305.1 FAX (+39) 02

Dettagli

Blasio&Partners- Avvocati: i tuoi consulenti nel processo divoluntarydisclosure

Blasio&Partners- Avvocati: i tuoi consulenti nel processo divoluntarydisclosure : i tuoi consulenti nel processo divoluntarydisclosure Roma Largo Messico, 3 Tel. 06.8551827/ 06.8551828 Fax. 068551829 Ginevra PlaceNeuve, 4 Tel. +410223216233 E-mail: avvocati@studioblasio.it 1 Lo studio

Dettagli

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia (Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia VOLUNTARY DISCLOSURE (Legge n. 186 del 15 dicembre 2014) Procedura straordinaria di collaborazione volontaria tesa a consentire ai contribuenti

Dettagli

GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA

GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA NEWSLETTER n. 21 15 aprile 2014 GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA RIFERIMENTI: D.L. n. 167/1990 Legge n. 97/2013 ( Legge Europea ) Legge

Dettagli

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale

STUDIO GAMBINO Studio Legale ed Economico Aziendale OGGETTO: Emersione dei capitali nazionali ed esteri Premessa Il contribuente che ha omesso la segnalazione nel quadro RW di Unico, ai fini del monitoraggio fiscale, di attività finanziarie o patrimoniali,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 21 Raul Angelo Papotti Socio dello Studio Legale Chiomenti di Milano. Avvocato e Dottore Commercialista in Milano. LL.M. (Leiden) Obblighi

Dettagli

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano : nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano ADEMPIMENTO " FISCO Il quadro RW deve essere compilato dai contribuenti soggetti agli obblighi di monitoraggio fiscale

Dettagli

DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13

DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13 DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13 - VENDITE PER PRODOTTO GENN- SETT 14 VS 13 2013 2014 var. var % Asti docg 38.220.269 37.358.438-861.831-2,3% Moscato d'asti docg 14.082.178

Dettagli

Voluntary Disclosure. Rimpatrio giuridico di attività finanziarie e patrimoniali.

Voluntary Disclosure. Rimpatrio giuridico di attività finanziarie e patrimoniali. Voluntary Disclosure. Rimpatrio giuridico di attività finanziarie e patrimoniali. 1 Attività estere: dove tenerle Le attività finanziarie o patrimoniali oggetto di voluntary disclosure, potranno: A) essere

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE ANDREA BALLANCIN

VOLUNTARY DISCLOSURE ANDREA BALLANCIN VOLUNTARY DISCLOSURE ANDREA BALLANCIN a legge La legge 15 dicembre 2014, n. 186 introduce nell ordinamento italiano la disciplina della collaborazione volontaria (c.d. voluntary disclosure) in materia

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE

VOLUNTARY DISCLOSURE SCHEDA MONOGRAFICA TMG VOLUNTARY DISCLOSURE Data aggiornamento scheda 6 ottobre 2015 Redattore Davide David Ultimi interventi normativi D.L. n. 153 del 30.09.2015 Ultimi interventi di prassi Circ. n. 31/E

Dettagli

Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio

Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio LA "DISCLOSURE" DEI CONTI NON SCUDATI Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio Lugano Fund Forum 25 e 26 novembre 2013 Studio Legale e Tributario Monti Studio Legale e Tributario

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali

Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali Dott.ssa Concetta Granata, Area Private Banking - Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati. Direzione Regionale della Lombardia

Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati. Direzione Regionale della Lombardia Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati Nel 2003 Tizio apre un conto corrente, cointestato con la moglie Caia, in Svizzera, con il conferimento di una provvista iniziale

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

Voluntary disclosure. Il ruolo della fiduciaria italiana

Voluntary disclosure. Il ruolo della fiduciaria italiana Voluntary disclosure. Il ruolo della fiduciaria italiana Avv. Fabrizio Vedana Attività estere: dove tenerle Le attività oggetto di voluntary disclosure di cui alla legge 186/2014, in aderenza con quanto

Dettagli

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9 Modifiche apportate al DL 28 giugno 1990,n.167 (Rilevazione a fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l'estero di denaro, titoli e valori) dalla Legge 6 agosto 2013, n.97, Art.9 (Legge europea 2013).

Dettagli

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 11/09/2015 1 Circolare 16/07/2015,

Dettagli

ANAGRAFICA FORNITORI SENZA RITENUTE

ANAGRAFICA FORNITORI SENZA RITENUTE ANAGRAFICA FORNITORI SENZA RITENUTE parte riservata: CODICE data Alla Direzione Patrimonio Immobiliare Appalti Ufficio Acquisti richiedente struttura RITENUTE l inserimento Si chiede cortesemente di provvedere

Dettagli

Le istruzioni delle Entrate sul rimpatrio Dietro lo scudo denaro, yacht, immobili e gioielli

Le istruzioni delle Entrate sul rimpatrio Dietro lo scudo denaro, yacht, immobili e gioielli Le istruzioni delle Entrate sul rimpatrio Dietro lo scudo denaro, yacht, immobili e gioielli Nell illustrare le modalità operative per effettuare il rimpatrio o la regolarizzazione delle attività irregolarmente

Dettagli

N.B. : alcuni Stati dell elenco, grazie a successive convenzioni, potrebbero essere esentati dall obbligo di apostille

N.B. : alcuni Stati dell elenco, grazie a successive convenzioni, potrebbero essere esentati dall obbligo di apostille I documenti devono essere: 1) Legalizzati (o apostillati) 2) Scritti o tradotti in lingua italiana 3) Non contrari a norme imperative o di ordine pubblico I documenti e gli atti dello stato civile formati

Dettagli

Voluntary disclosure : il ruolo del professionista nell accesso alla procedura

Voluntary disclosure : il ruolo del professionista nell accesso alla procedura Voluntary disclosure : il ruolo del professionista nell accesso alla procedura di Massimo Gabelli e Davide Attilio Rossetti La collaborazione volontaria consente di regolarizzare la posizione fiscale del

Dettagli

Ambito di applicazione oggettivo

Ambito di applicazione oggettivo 74 Ambito di applicazione oggettivo Sommario: 2.1 Identità delle attività finanziarie e patrimoniali detenute all estero e determinazione dei corrispondenti valori 2.1.1 Valorizzazione delle attività finanziarie

Dettagli

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO RISOLUZIONE N. 61/E Roma, 31 maggio 2011 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Applicazione dell imposta sostitutiva ai sensi dell articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. Roma, 19/10/2015 CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 8/2015 ARGOMENTO: VOLUNTARY DISCLOSURE - RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO - PROROGATI I Gentile Cliente, a ridosso della scadenza del termine ultimo per l invio

Dettagli

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER Premessa Attraverso un emendamento al Decreto Legge 1 luglio 2009, n. 78 (i.e. Decreto anticrisi), introdotto dalla Legge 3 agosto 2009, n. 102, di conversione

Dettagli

M G I U S T I Z I A N O R I L E

M G I U S T I Z I A N O R I L E M G I U S T I Z I A N O R I L E Analisi statistica dei dati relativi ai casi di sottrazione internazionale di minori Anno 2012 Roma, 24 gennaio 2013 Dipartimento Giustizia Minorile Ufficio I del Capo Dipartimento

Dettagli

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento Roma, 22 ottobre 2009 LO SCUDO FISCALE

Dettagli

1.2 D: In caso di rimpatrio giuridico il fiduciante è tenuto a compilare il quadro RW nell anno 2009? E negli anni successivi?

1.2 D: In caso di rimpatrio giuridico il fiduciante è tenuto a compilare il quadro RW nell anno 2009? E negli anni successivi? 1 - RIMPATRIO GIURIDICO 1.1 D: Ai fini di poter effettuare un rimpatrio giuridico di titoli, gli stessi devono essere depositati/intestati alla fiduciaria. È possibile il deposito presso qualunque soggetto

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5/2014 VOLUNTARY DISCLOSURE

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5/2014 VOLUNTARY DISCLOSURE ENRICO MARIA BIGNAMI ANDREA BIGNAMI GAETANO PIGNATTI MORANO CESARE BEOLCHI ROGER OLIVIERI FEDERICO GENTILE CARLO GIROTTI DOMENICO BIANCHI dottore in economia e commercio ARIANNA VITALI dottoressa in economia

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09)

Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09) Professionisti Associati per l Impresa Genova - Milano Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09) Avv. Gian Enrico Barone PAI Sede di Genova Via XX Settembre 1/5 tel.: (+39) 010 56 47 12 fax: (+39) 010

Dettagli

Voluntary Disclosure le prime istruzioni ufficiali dell'agenzia delle Entrate

Voluntary Disclosure le prime istruzioni ufficiali dell'agenzia delle Entrate Voluntary Disclosure le prime istruzioni ufficiali dell'agenzia delle Entrate DISPONIBILI ONLINE IL MODELLO DEFINITIVO PER LA RICHIESTA DI ACCESSO ALLA PROCEDURA DI COLLABORAZIONE VOLONTARIA, LE ISTRUZIONI

Dettagli

Il rimpatrio dei capitali. Voluntary disclosure e nuovo ravvedimento operoso

Il rimpatrio dei capitali. Voluntary disclosure e nuovo ravvedimento operoso Il rimpatrio dei capitali. Voluntary disclosure e nuovo ravvedimento operoso Monitoraggio fiscale e ambito di applicazione Con decorrenza dal 2015, è stata introdotta una procedura di collaborazione volontaria

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

Voluntary disclosure. Accesso alla procedura in presenza di soggetti interposti e per i soggetti considerati «esterovestiti» Dott.

Voluntary disclosure. Accesso alla procedura in presenza di soggetti interposti e per i soggetti considerati «esterovestiti» Dott. Accesso alla procedura in presenza di soggetti interposti e per i soggetti considerati «esterovestiti» Dott. Salvatore Sanna POSSESSO DI ATTIVITÀ ESTERE PER INTERPOSTA PERSONA L adesione alla voluntary

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE Il ruolo della fiduciaria italiana

VOLUNTARY DISCLOSURE Il ruolo della fiduciaria italiana VOLUNTARY DISCLOSURE Il ruolo della fiduciaria italiana Avv. Fabrizio Vedana MEDIA PARTNER 1 Attività estere: dove tenerle Le attività oggetto di voluntary disclosure, in aderenza con quanto prevede il

Dettagli

Voluntary Disclosure: Casi pratici e aspetti critici

Voluntary Disclosure: Casi pratici e aspetti critici Voluntary Disclosure: Casi pratici e aspetti critici Genova 6 luglio 2015 Andrea Frassinetti Dottore Commercialista Commissione di Studio Fiscale Comunitario e Internazionale Caso: attività finanziarie

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE OFFERTA COMMERCIALE TISCALI BUSINESS SERVIZIO VOCE TISCALI AFFARI 2004 Tiscali Business Tiscali S.p.A. Loc. Sa Illetta S.S. 195 Km 2,300 09122 Cagliari Italy www.tiscalibusiness.it PAGE 1 OF 5 Il servizio

Dettagli

BALIN & ASSOCIATI. Lo scudo fiscale. Padova, 25 settembre 2009. Ai Clienti dello Studio LORO SEDI. Circolare n. 13/2009

BALIN & ASSOCIATI. Lo scudo fiscale. Padova, 25 settembre 2009. Ai Clienti dello Studio LORO SEDI. Circolare n. 13/2009 BALIN & ASSOCIATI Umberto Balin Margherita Cabianca Enrico Cecchinato Consulente del Lavoro Francesca Gardellin Viviana Pigal Raffaella Martellani Massimo Coppola Padova, 25 settembre 2009 Ai Clienti dello

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE OFFERTA COMMERCIALE TISCALI BUSINESS SERVIZIO VOCE TISCALI AFFARI TRAFFIC 2004 Tiscali Business Tiscali S.p.A. Loc. Sa Illetta S.S. 195 Km 2,300 09122 Cagliari Italy www.tiscalibusiness.it PAGE 1 OF 5

Dettagli

Esame dei periodi da regolarizzare e modalità di calcolo di Imposte, Sanzioni e Interessi.

Esame dei periodi da regolarizzare e modalità di calcolo di Imposte, Sanzioni e Interessi. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Voluntary disclosure: profili operativi e prime riflessioni a seguito della Circolare 10E dell Agenzia delle Entrate Esame dei periodi da regolarizzare e

Dettagli

Roma, 7 settembre 2015. A TUTTE LE ASSOCIATE - Loro Sedi VOL.DISC.AUTORIC_COM_2015_142

Roma, 7 settembre 2015. A TUTTE LE ASSOCIATE - Loro Sedi VOL.DISC.AUTORIC_COM_2015_142 Roma, 7 settembre 2015 A TUTTE LE ASSOCIATE - Loro Sedi VOL.DISC.AUTORIC_COM_2015_142 Oggetto: Legge 15 dicembre 2014, n. 186 Riferimento analitico: Legge 15 dicembre 2014, n. 186 - Voluntary disclosure

Dettagli

LA VOLUNTARY DISCLOSURE PER LE ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO

LA VOLUNTARY DISCLOSURE PER LE ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO SDA Bocconi Milano, 10 dicembre 2014 LA VOLUNTARY DISCLOSURE PER LE ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO Raul-Angelo Papotti Avvocato Dottore Commercialista LL.M 1 La voluntary disclosure Iter normativo: L art.

Dettagli

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 62 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 dicembre 2003 Oggetto: Modificazioni delle disposizioni tributarie riguardanti i contratti assicurativi stipulati con imprese non

Dettagli

VANTAGGI IMPRESE ESTERE

VANTAGGI IMPRESE ESTERE IMPRESE ESTERE IMPRESE ESTERE è il servizio Cerved Group che consente di ottenere le più complete informazioni commerciali e finanziarie sulle imprese operanti in paesi europei ed extra-europei, ottimizzando

Dettagli

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2015/13193 Approvazione del modello per la richiesta di accesso alla procedura di collaborazione volontaria per l emersione ed il rientro di capitali detenuti all estero e per l emersione nazionale.

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche. Circolare n. 28. Roma, 6 febbraio 2015.

Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche. Circolare n. 28. Roma, 6 febbraio 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche Circolare n. 28 Roma, 6 febbraio 2015 Al Ai Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 il caffè Direzione Dipartimento Promozione NOTA INTRODUTTIVA Le elaborazioni statistiche si propongono di fornire al Lettore uno strumento per

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 SCUDO FISCALE E ATTIVITÀ ALL ESTERO DA PARTE DEI LAVORATORI DIPENDENTI IL QUESITO Nella circolare n. 48 del 2009 l Agenzia delle entrate

Dettagli