INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI"

Transcript

1

2 INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E IL MODELLO 770 IL MODELLO F24 E CODICI TRIBUTO MAGGIORMENTE RICORRENTI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

3 FINALITA DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO ISTITUITO CON L ART. DEL D.LGS 472/97 E SUCCESSIVAMENTE MODIFICATO IN ALCUNI ASPETTI DAL DECRETO LEGGE 185 DEL 2008 ( DECRETO ANTICRISI ), CONSENTE AL CONTRIBUENTE DI RIMEDIARE SPONTANEAMENTE AD ERRORI E/O OMISSIONI NEL VERSAMENTO DI UNO O PIU TRIBUTI, O DI PORRE RIMEDIO A VIOLAZIONI FORMALI E/O SOSTANZIALI DELLA NORMATIVA TRIBUTARIA

4 IN COSA CONSISTE NELLA POSSIBILITA DI BENEFICIARE DI UNA SANZIONE RIDOTTA RISPETTO A QUELLA ORDINARIA PURCHE NON SIANO GIA IN CORSO ACCESSI, ISPEZIONI, VERIFICHE DA PARTE DELL AGENZIA ENTRATE O GDF SOGGETTI TUTTI I CONTRIBUENTI (PERSONE FISICHE, DITTE INDIVIDUALI, SOCIETA, ENTI COMMERCIALI/NON COMMERCIALI) OGGETTO IMPOSTE DIRETTE (IRPEF, IRES, IRAP); IMPOSTE INDIRETTE (IVA, BOLLO, REGISTRO) TRIBUTI COMUNALI (ICI). NON PUO ESSERE UTILIZZATO PER I CONTRIBUTI INPS E INAIL IN QUANTO SEGUONO UN ALTRO REGIME SANZIONATORIO

5

6 RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE: LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI Può accadere che il contribuente si renda conto di aver commesso errori od omissioni che comportano violazioni in termini di compilazioni dei modelli dichiarativi o di mancati o insufficienti versamenti d imposta. Per quanto riguarda le imposte dirette, le violazioni che possono essere regolarizzate mediante ravvedimento sono. Omessi versamenti; Violazioni formali; Violazioni sostanziali; Omessa presentazione della dichiarazione annuale.

7 TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI OMESSI O INSUFFICIENTI VERSAMENTI L IMPOSTA NON E STATA VERSATA O IL PAGAMENTO E STATO EFFETTUATO IN MISURA INFERIORE RISPETTO AL DOVUTO ERRORI FORMALI NON INCIDONO SUL PAGAMENTO DEL TRIBUTO ERRORI SOSTANZIALI INCIDONO SUL VERSAMENTO CHE RISULTA CARENTE O ASSENTE OMESSA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE O DENUNCIA LA DICHIARAZIONE NON E STATA PRESENTATA

8 OMESSI O INSUFFICIENTI VERSAMENTI L importo della sanzione ordinaria in caso di omesso o tardivo versamento delle imposte è pari al 30% dell imposta dovuta. Con l istituto del ravvedimento operoso l importo di detta sanzione è notevolmente ridotto a seconda del termine in cui viene regolarizzato il pagamento. A conferma di quanto detto, è intervenuto recentemente anche il decreto legislativo 185/08 ( DECRETO ANTICRISI ), diminuendo notevolmente gli importi delle sanzioni. E necessario distinguere tra: ravvedimento breve: qualora gli omessi versamenti di imposte (anche a titolo di acconto) vengano regolarizzati entro 30 giorni dalla scadenza ordinaria, si applica la sanzione ridotta a 1/12 del minimo previsto per tale violazione, ossia pari al 2,50%; ravvedimento lungo: se la regolarizzazione di errori commessi nelle dichiarazioni o di omissioni nei versamenti di imposte è effettuata entro la scadenza per presentare la dichiarazione relativa all anno nel corso del quale la violazione è stata commessa, si applica la sanzione ridotta ad 1/10 del minimo previsto, ossia pari al 3%. Se non è prevista la presentazione della dichiarazione, gli omessi o insufficienti versamenti possono essere regolarizzati entro un anno dalla violazione.

9 Oltre al pagamento della sanzione in misura ridotta, dovranno essere corrisposti gli interessi legali moratori che fino al 31/12/2009 erano pari al 3% e a partire dal 01/01/2010, con il D.M. del 04/12/2009 sono stati fissati al tasso dell 1% annuo, da calcolarsi giornalmente. ERRORI FORMALI Per formali si intendono le violazioni inerenti la compilazione della dichiarazione che non incidono sulla liquidazione dell imposta, ma possono tuttavia arrecare pregiudizio all attività di controllo dell Amministrazione finanziaria. Le più frequenti violazioni formali, previste dall art. 8 comma 1, d.lgs n.471/1997 sono: la dichiarazione non redatta su modello non conforme a quello approvato dal Ministero; omessa o indicazione errata ed incompleta di: dati rilevanti per l individuazione del contribuente o del suo rappresentante; elementi necessari per la determinazione del tributo; ogni altro elemento prescritto per effettuare controlli. E possibile regolarizzare la violazione ricorrendo al ravvedimento operoso, corrispondendo una sanzione pari ad 1/10 della sanzione minima (euro 258,00) ossia 25,00 euro.

10 VIOLAZIONI MERAMENTE FORMALI Con il termine violazioni meramente formali si intendono irregolarità che: non incidono sulla determinazione e sul versamento del tributo; non arrecano pregiudizio all attività di controllo dell Amministrazione finanziaria. In tal caso non è prevista nessuna sanzione e quindi non è necessario effettuare alcun ravvedimento operoso. E fatta salva tuttavia la possibilità di regolarizzare l errore (senza pagamento di alcuna sanzione) prima che siano iniziate attività di controllo o verifica. La mancata presentazione del modello F24 a zero, non è qualificabile come violazione meramente formale, in quanto configura ostacolo all attività di accertamento. Tale violazione è tuttavia ravvedibile, presentando il modello F24 omesso e versando contestualmente una sanzione ridotta pari a: 1/10 del minimo (euro 51,00) ossia 5,00 euro se il modello è presentato entro i cinque giorni seguenti; 1/10 del massimo (euro 154,00) ossia 15,00 euro se il modello è presentato oltre i cinque giorni seguenti.

11 ERRORI SOSTANZIALI Si tratta di violazioni che incidono sulla determinazione o sul pagamento del tributo. Le ipotesi più comuni riguardano: errori ed omissioni rilevabili in sede di liquidazione o di controllo formale delle imposte dovute ai sensi degli artt. 36-bis e 36-ter del D.P.R. n.600/73; dichiarazione infedele ERRORI RILEVABILI IN SEDE DI LIQUIDAZIONE O CONTROLLO FORMALE Per quanto riguarda la prima ipotesi, sono considerati tali le seguenti violazioni: errori materiali e di calcolo nella determinazione degli imponibili; errori materiali e di calcolo nella determinazione delle imposte dovute; indicazione in misura superiore a quelle spettanti delle detrazioni d imposta; indicazione in misura superiore di oneri deducibili o detraibili; maggiore indicazione delle ritenute d acconto; maggiore indicazione dei crediti d imposta. La sanzione ordinaria in questo caso è pari al 30% delle somme non versate. La suddetta sanzione risulterà ridotta: ad un terzo (10%) se le somme vengono pagate entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione dell esito della liquidazione automatica (art. 36 bis, D.P.R. n. 600/73);

12 a due terzi (20%) nel caso in cui le somme siano pagate entro 30 giorni dalla comunicazione dell esito del controllo formale effettuato ai sensi dell art. 36 ter del D.P.R. n.600/73. In ogni caso anche le suddette violazioni sono regolarizzabili mediante ravvedimento operoso, che prevede il versamento entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno in cui è stata commessa la violazione: della maggiore imposta o minor credito; degli interessi moratori pari al 1% a partire dal 01/01/2010, con maturazione giornaliera; della sanzione ridotta, pari ad 1/10 del minimo, quindi 3%. Il perfezionamento del ravvedimento avviene attraverso la presentazione della dichiarazione integrativa. Nell ipotesi in cui il contribuente abbia optato per il versamento rateale, le eventuali violazioni per omesso o insufficiente versamento degli importi dovuti per le singole rate, sono regolarizzabili: entro 30 giorni dal termine previsto per ogni singola rata pagando una sanzione pari al 2,50%; altrimenti entro il termine di presentazione della dichiarazione versando una sanzione pari al 3%. La sanzione ridotta e gli interessi legali devono essere calcolati in riferimento a ciascuna rata pagata in ritardo. A tal fine il D.M. del 21 maggio 2009, ha disposto la riduzione del tasso di

13 interesse, dovuti nella misura del 4% annuo (e non più del 6%), pari allo 0,33% mensile (precedentemente era dello 0,50% mensile). DICHIARAZIONE INFEDELE La dichiarazione si definisce infedele nel caso di : omessa indicazione dei redditi; errata indicazione di redditi; esposizione di indebite detrazioni d imposta; esposizione di indebite deduzioni dall imponibile. La sanzione ordinaria in questo caso va dal 100% al 200% della maggiore imposta o della differenza del credito. Il ricorso all istituto del ravvedimento operoso prevede il versamento, entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno in cui è stata commessa la violazione: della maggiore imposta o minor credito; degli interessi legali dell 1% (a partire dal 0101/2010),con maturazione giorno per giorno; della sanzione ridotta, nella misura di 1/10 della sanzione minima, ossia 10%. Inoltre entro il termine suddetto, sarà necessario presentare una dichiarazione integrativa.

14 OMESSA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE L omessa presentazione della dichiarazione annuale dei redditi (compresa quella unificata), è regolarizzabile purché sia presentata entro 90 giorni dal termine ordinario di scadenza. Qualora si intenda regolarizzare la propria posizione, la procedura corretta da seguire è la seguente: Si presenta una dichiarazione annuale entro 90 giorni; Si paga 1/12 (e non più 1/8) della sanzione minima prevista per l omessa dichiarazione (l importo della sanzione minima è pari ad euro 258,00. In caso di ravvedimento operoso l importo è di euro 21,00). Il codice del modello F24 da utilizzare per effettuare il versamento della sanzione è 8911 e l anno d imposta è quello in cui è stata commessa la violazione. Inoltre se dalla dichiarazione scaturisce un debito d imposta, si dovrà procedere anche al pagamento del: 2,50% (corrisponde ad 1/12 della sanzione ordinaria prevista pari al 30%) dell imposta a debito se la regolarizzazione avviene entro 30 giorni dalla data di scadenza; 3,00% (corrisponde ad 1/10 della sanzione ordinaria prevista pari al 30%) dell imposta a debito se la regolarizzazione avviene oltre i 30 giorni dalla data di scadenza ma entro il 90 giorno dalla data originaria di scadenza (nell ipotesi che dalla dichiarazione scaturisca un imposta a debito); gli interessi moratori calcolati giorno per giorno al tasso legale dell 1%. Si precisa che nel caso di dichiarazione unificata, la sanzione di euro 21,00 sarà applicata a ogni singola dichiarazione presentata (IVA e redditi). Ai fini fiscali, la dichiarazione presentata con un ritardo superiore a 90 giorni si considera omessa, ma costituisce titolo per la riscossione delle somme dovute in base alla dichiarazione stessa (art. 2, comma 7, D.P.R. 322/1998 ).

15 RIEPILOGO DELLE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI VIOLAZIONE RIGUARDANTI LE IMPOSTE DIRETTE

16 IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NEL MODELLO 770 Le violazioni riguardanti gli adempimenti a carico del sostituto d imposta, che possono essere sanate con l istituto del ravvedimento operoso sono: mancati o insufficienti versamenti delle ritenute; errori nella compilazione dei modelli dichiarativi che possono essere qualificate come violazione formali (non incidenti sulla determinazione del tributo) e sostanziali (incidenti sulla determinazione del tributo); mancata presentazione della dichiarazione entro i termini; operazioni di conguaglio del modello 730. Le due violazioni che possono interessare principalmente il Caf e le sue sedi dal punto di vista della dichiarazione, riguardano la seconda e la terza ipotesi. TIPO DI VIOLAZIONE ERRORI MERAMENTE FORMALI Omissioni o errori che non pregiudicano l attività di controllo e non incidono sulla determinazione della base imponibile, dell imposta e sul versamento del tributo VIOLAZIONI FORMALI Omissioni o errori che pregiudicano l attività di controllo ma non incidono sulla determinazione della base imponibile, dell imposta e sul versamento del tributo VIOLAZIONI SOSTANZIALI-RITENUTE INTERAMENTE NON VERSATE E SOMME NON DICHIARATE Mancata indicazione in dichiarazione delle somme erogate e mancato versamento di ritenute SANZIONE RIDOTTA Nessuna sanzione 1/10 del minimo, pari a euro 25,00 1/10 del minimo, pari al 10% della maggiore imposta TERMINE PER EFFETTUARE IL RAVVEDIMENTO Regolarizzazione prima dell inizio dell attività di controllo Entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all anno successivo Entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all anno successivo VIOLAZIONI SOSTANZIALI-RITENUTE INTERAMENTE NON VERSATE E SOMME NON DICHIARATE Mancata indicazione in dichiarazione delle somme erogate ma ritenute interamente versate 1/10 del minimo (euro 258,00) ovvero euro 25,00 Entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all anno successivo

17 OMESSA INDICAZIONE NEL MODELLO 5,00 euro per ciascun percepiente non 770 DI UN PRECEPIENTE indicato OMESSA PRESENTAZIONE DELLA EURO 21,00 se la dichiarazione viene DICHIARAZIONE- TRASMISSIONE trasmessa entro i 90 giorni successivi ai TARDIVA DELLA DICHIARAZIONE termini ordinari previsti per la presentazione della dichiarazione. Entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all anno successivo Il codice da dover utilizzare per il versamento delle sanzioni di cui sopra è 8906( qualora ricorrano più violazioni, le sanzioni si sommano e si versano tutte con lo stesso codice tributo), ad eccezione per la tardiva presentazione della dichiarazione il cui codice è 8911.

18 IL MODELLO F24 E CODICI TRIBUTO MAGGIORMENTE RICORRENTI Lo strumento a cui si ricorre per effettuare i versamenti connessi alle violazioni che abbiamo esaminato è il modello F24. Il modello si divide in varie sezioni. Nella prima parte troviamo le informazioni relative al soggetto che effettua il versamento (codice fiscale, i dati anagrafici e il domicilio fiscale). Seguono poi le sezioni dove vengono indicati tipologia di tributo e importo da versare o da utilizzare in compensazione. Per ogni tipologia di imposta, tassa o contributo deve essere utilizzata una singola riga dove, sulla parte sinistra, dovranno essere riportati i dati identificativi mentre sulla parte destra sono presenti due colonne per l'importo a seconda che sia a debito o a credito. Il modello è diviso a seconda del soggetto a cui il versamento è destinato: Sezione Erario: raccoglie i versamenti effettuati verso lo stato. I codici di tali imposte sono composti da quattro cifre; Sezione Inps: sono indicati i contributi dovuti a vario titolo verso l'istituto per lavoratori dipendenti, lavoratori a progetto, associati in partecipazione e altre categorie obbligate al versamento; Sezione Regioni: utilizzata per i tributi di competenza regionale come l'irap e l'addizionale regionale all'irpef; Sezione ICI e altri tributi locali: utilizzata per i tributi di competenza comunale come l'addizionale comunale all'irpef e l'ici Sezione altri enti previdenziali ed assicurativi: sostanzialmente riservata ai versamenti verso l'inail

19 Anche nella compilazione dei modelli F24 è possibile commettere alcuni errori, che pur non incidendo sulla determinazione del tributo dovuto, devono essere sanati onde evitare possibili sanzioni da parte dell amministrazione finanziaria. Tali irregolarità riguardano l errata indicazione: del codice fiscale; del codice tributo; dell anno di riferimento; della ripartizione tra più tributi dell importo a debito o a credito, indicato con un solo codice tributo. La correzione di tali errori, che si configurano come violazioni meramente formali, non determinano l irrogazione di alcuna sanzione da parte dell Ufficio. Sarà dunque sufficiente presentare all Agenzia delle Entrate locale di riferimento, una istanza di correzione relativa ai dati erroneamente indicati.

20 I CODICI F24 UTILIZZATI PIÙ FREQUENTEMENTE CODICI TRIBUTO TIPOLOGIA DI VERSAMENTO 8901 Sanzione pecuniaria IRPEF 8902 Sanzione pecuniaria addizionale regionale all IRPEF 8903 Sanzione pecuniaria addizionale comunale all IRPEF 8906 Sanzione pecuniaria Sostituti d Imposta 8911 Sanzioni pecuniarie altre violazioni tributarie relative ad imposte sui redditi relative imposte sostitutive IRAP e IVA ravvedimento 1989 Interessi sul ravvedimento - IRPEF 1994 Interessi sul ravvedimento - Addizionale Regionale 1995 Interessi sul ravvedimento - Addizionale Comunale 4001 Saldo IRPEF 4033 IRPEF ACCONTO- Prima Rata 4034 IRPEF ACCONTO- Seconda Rata o Acconto in unica soluzione 3801 Addizionale Regionale All IRPEF 3843 Addizionale Comunale All IRPEF 1668 Interessi Pagamento Dilazionato Imposte Erariali 3805 Interessi Pagamento Dilazionato Tributi Regionali

21 ESEMPIO DI CALCOLO RAVVEDIMENTO OPEROSO Supponiamo che il contribuente abbia presentato un modello UNICO entro i termini di scadenza ordinari (30/09/2009), ma non abbia provveduto a versare il debito IRPEF risultante dalla dichiarazione paria euro 1000, 00. In data 03/02/2010, decide di presentare il modello F24 ed effettuare il pagamento. SALDO IRPEF A DEBITO: 1000,00 SCADENZA ORIGINARIA PER EFFETTUARE IL PAGAMENTO: 16/06/2009 DATA REGOLARIZZAZIONE: 03/02/2010 Utilizzando il programma del modello F24 la procedura corretta da seguire è quella analizzata di seguito. Aprire il programma dell F24 e una volta compilata la sezione DATI F24, cliccare sulla linguetta ERARIO ed inserire i dati relativi all imposta indicando il codice Tributo (SALDO IRPEF 4001),la rata oggetto del pagamento (trattandosi di rata unica inserire 0101), l anno a cui si riferisce il versamento del tributo (in questo caso trattandosi della dichiarazione 2009 i redditi sono quelli del 2008), l importo a debito.

22 Successivamente, confermando i dati, una volta selezionata l imposta oggetto del ravvedimento, sarà possibile cliccare sul pulsante RAVVEDIMENTO posto in basso a destra all interno della maschera. Si aprirà la seguente schermata in cui vengono riepilogati i dati relativi al ravvedimento. Sarà sufficiente inserire la data del 16/06/2009 nella casella Normale scadenza e il programma in automatico eseguirà i calcoli.

23 Cliccando successivamente su ok, i dati presenti nella schermata verranno inseriti automaticamente nel modello F24. Nell ipotesi in cui le imposte a debito fossero più di una, ovviamente questa operazioni dovrà essere ripetuta per ognuna di esse.

24 E da notare come in automatico vengono calcolati gli interessi in base ai due tassi, ossia al 3% fino al 31/12/2009 e al 1% dal 01/01/2010 al 03/02/2010 (data del ravvedimento).

25 RAVVEDIMENTO OPEROSO NELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI Nel caso di Imposta Comunale sugli Immobili, le violazioni che risultano regolarizzabili mediante il ravvedimento operoso sono le seguenti: omesso o insufficiente versamento d imposta: violazioni inerenti la dichiarazione ICI (dichiarazione infedele o omessa). OMESSO O INSUFFICIENTE VERSAMENTO D IMPOSTA Premesso che la sanzione ordinaria in caso di omesso o insufficiente versamento dell ICI dovuta in acconto o a saldo entro le normali scadenze è pari al 30% dell imposta non versata, è necessario distinguere tra ravvedimento: breve, entro il termine di 30 giorni, dalla data in cui è stata commessa la violazione, con una sanzione ridotta pari a 1/12 del minimo ossia il 2,5%; lungo, oltre i 30 giorni ma comunque entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno nel corso del quale è stata commessa la violazione, con una sanzione pari ad 1/10 del minimo, ossia il 3%. Inoltre dovranno essere versati gli interessi moratori (con maturazione giornaliera) fissati nella misura del 1%.

26 DICHIARAZIONE INFEDELE Siamo in presenza di una dichiarazione ICI infedele, nel momento in cui la violazione: incide sulla determinazione del tributo, nel qual caso la sanzione ridotta sarà pari ad 1/10 del minimo ( 1/10 del 50% della maggior imposta dovuta), ossia 5%; non incide sulla determinazione dell imposta, quindi la sanzione per il ravvedimento sarà pari ad euro 5,00 (1/10 del minimo di 51,00 euro). In ogni caso sarà necessario effettuare una dichiarazione rettificativa, inserendo nel campo annotazioni la dicitura Ravvedimento operoso per rettifica dichiarazione e allegando ad essa la copia della ricevuta di versamento. OMESSA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE Anche la dichiarazione ICI può essere presentata entro 90 giorni dalla data di scadenza per la presentazione della stessa. In questo caso per stabilire l importo della sanzione ridotta sarà necessario verificare se: le imposte sono state interamente versate entro i termini ordinari, allora la violazione sarà regolarizzata con il versamento di una sanzione ridotta pari a 1/12 del minimo (euro 51,00) ossia paria ad euro 4,00 (che potrà essere effettuato mediante F24 utilizzando il codice tributo Imposta comunale sugli immobili-sanzioni); le imposte non sono state pagate, in questo caso si dovrà provvedere a versare l imposta che risulta ancora dovuta sulla base della dichiarazione tardivamente prodotta; gli interessi moratori con maturazione giornaliera; la sanzione del 8,33% (pari ad 1/12 del 100%) dell imposta non versata.

27 Ovviamente bisognerà presentare la dichiarazione al comune competente, inserendo nel campo annotazioni la dicitura Ravvedimento operoso per tardiva presentazione della dichiarazione, specificando le somme versate a titolo d imposta, di interessi e sanzione (nell ipotesi in cui il tributo non sia stato pagato) e allegando ad essa la copia della ricevuta di versamento. Anche per l ICI il programma consente di eseguire il calcolo del ravvedimento operoso. Una volta determinata l imposta da versare e cliccato sull icona del bollettino, sarà sufficiente selezionare il pulsante ravvedimento posto in basso a sinistra.

28 Nella maschera successiva verrà riportato in automatico l importo a debito, con la possibilità di indicare l importo che è stato in realtà pagato (in caso si pagamento parziale, altrimenti qualora non sia stato effettuato nessun versamento è sufficiente non indicare nulla). Inserendo la data del ravvedimento, saranno calcolati in automatico gli importi degli interessi (indicati separatamente per ciascun anno) e la sanzione al 3%, in quanto trattasi nel caso in esame di ravvedimento lungo.

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 49 16.12.2013 Unico: ravvedimento entro il 30.12 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti A cura di Devis

Dettagli

ERRORI E DIMENTICANZE

ERRORI E DIMENTICANZE ERRORI E DIMENTICANZE CORREZIONI DI ERRORI E DIMENTICANZE Introduzione Nella predisposizione della dichiarazione 730 è possibile che il contribuente abbia commesso errori o abbia dimenticato ad esempio

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 54 11.07.2014 La correzione della dichiarazione Le modalità di presentazione della dichiarazione correttiva e della dichiarazione integrativa

Dettagli

COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO

COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO Gli aggiornamenti più recenti ravvedimento con versamenti insufficienti versamento con il modello F24 Elide aggiornamento agosto 2014 DICHIARAZIONE

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO

DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO A cura di Sabrina Arcangeli Ufficio Controlli Fiscali e Tiziana Sabattini Area di Staff Relazioni Esterne. Riff.

Dettagli

AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO

AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO Circolare informativa n. 6 del 12 Gennaio 2011 AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO L art. 1, comma 20, Finanziaria 2011, c.d. Legge di stabilità 2011, ha modificato,

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag.

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. 9 CAPITOLO SECONDO LE SINGOLE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI 1. Gli omessi

Dettagli

Capitolo III RAVVEDIMENTO OPEROSO, SPESOMETRO E RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO: LE NOVITÀ PER IL 2015

Capitolo III RAVVEDIMENTO OPEROSO, SPESOMETRO E RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO: LE NOVITÀ PER IL 2015 69 Capitolo III RAVVEDIMENTO OPEROSO, SPESOMETRO E RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO: LE NOVITÀ PER IL 2015 Sommario: 1. Premessa. Il ravvedimento operoso ex D.Lgs. 472/1997-1.1. L omesso versamento della

Dettagli

D. Liburdi, F. Colombo. Il ravvedimento operoso Aggiornato con Decreto Anti-Crisi n. 185/2008

D. Liburdi, F. Colombo. Il ravvedimento operoso Aggiornato con Decreto Anti-Crisi n. 185/2008 D. Liburdi, F. Colombo Il ravvedimento operoso Aggiornato con Decreto Anti-Crisi n. 185/2008 Edizione 2009 INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione

Dettagli

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc E TEMPO DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI ANCHE PER GLI ENTI NON COMMERCIALI (Enc) Unico Enti non commerciali ed equiparati (Unico Enc) è un modello unificato che permette di presentare la dichiarazione dei

Dettagli

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 Circolare informativa per la clientela n. 6/2013 del 21 febbraio 2013 SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento CIRCOLARE A.F. N. 123 del 25 Luglio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo

Dettagli

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Modello 770-2013 e ravvedimento ritenute 2012. Il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento Gentile cliente con la presente

Dettagli

Allegato A. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. ART. 3 Gestione e costo del servizio

Allegato A. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. ART. 3 Gestione e costo del servizio TITOLO II Gestione, costo, tariffe TITOLO II Gestione, costo, tariffe ART. 3 Gestione e costo del servizio 3. Il soggetto gestore è tenuto a comunicare alla Giunta Comunale, entro il mese di settembre

Dettagli

SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015. In questa Circolare

SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015. In questa Circolare SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015 In questa Circolare 1. Premessa 2. Calcolo dell Iva dovuta 3. Come e quando si versa 4. Sanzioni amministrative 5. Sanzioni penali I contribuenti soggetti

Dettagli

- il pagamento dell IMU relativo all'anno 2012 deve essere effettuato tenendo conto dei requisiti stabiliti nel D.M. n.

- il pagamento dell IMU relativo all'anno 2012 deve essere effettuato tenendo conto dei requisiti stabiliti nel D.M. n. IMU 2012: ULTIMI CHIARIMENTI, SANZIONI APPLICABILI E RAVVEDIMENTO OPEROSO A pochi giorni dalla scadenza del 17 Dicembre 2012 il Dipartimento delle Finanze, con la risoluzione n. 1/DF/2012 del 03 dicembre

Dettagli

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni CIRCOLARE N.18/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Roma, 10 maggio 2011 aprile 2011 OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate

Dettagli

LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013

LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013 INFORMATIVA N. 287 20 NOVEMBRE 2013 DICHIARAZIONI LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013 D.Lgs. n. 471/97 Art. 13, D.Lgs. n. 472/97 Circolari Agenzia Entrate 27.9.2007, n. 52/E e 19.2.2008, n. 11/E Entro

Dettagli

COMUNE DI LAURIA (PZ)

COMUNE DI LAURIA (PZ) COMUNE DI LAURIA (PZ) Guida ICI per il contribuente CHI DEVE PAGARE L ICI Ai sensi del D.lgs n.504/92, devono pagare l ICI i proprietari (o titolari di altro diritto come, usufrutto, uso o abitazione,

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO ICI 2009-2010

RAVVEDIMENTO OPEROSO ICI 2009-2010 RAVVEDIMENTO OPEROSO ICI -2010 La Legge consente ai contribuenti di regolarizzare spontaneamente, nei termini previsti, le violazioni connesse alla dichiarazione ed al pagamento dell'i.c.i. avvalendosi

Dettagli

Periodico informativo n. 173/2014 Dichiarazioni tardive e rettificative entro fine mese

Periodico informativo n. 173/2014 Dichiarazioni tardive e rettificative entro fine mese Periodico informativo n. 173/2014 Dichiarazioni tardive e rettificative entro fine mese Gentile Cliente, Il contribuente che avrà commesso errori riguardanti l invio delle dichiarazioni fiscali, dovrà

Dettagli

Il Ritardato Versamento

Il Ritardato Versamento Il Ritardato Versamento VERSAMENTO CON SANZIONI RIDOTTE Il contribuente che omette il versamento dell'ici entro i termini previsti può sanare l'errore commesso attraverso l'istituto del RAVVEDIMENTO OPEROSO

Dettagli

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA: l omessa indicazione in dichiarazione dei redditi.

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA: l omessa indicazione in dichiarazione dei redditi. DOMANDA: Buongiorno, nell anno 2004 ho acquistato un appartamento da costruttore pagando un importo IVA pari ad XXXX (iva 4% agevolazione prima casa), nell anno 2011 ho provveduto a vendere l appartamento

Dettagli

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Gentile cliente, La informo che entro il 17 marzo prossimo scade il versamento del saldo iva per il 2013 calcolato sulla

Dettagli

l agenzia in f orma ERRORI FISCALI: conseguenze e rimedi Ufficio Relazioni Esterne

l agenzia in f orma ERRORI FISCALI: conseguenze e rimedi Ufficio Relazioni Esterne 6 l agenzia in f orma 2005 ERRORI FISCALI: conseguenze e rimedi Ufficio Relazioni Esterne INDICE 1. LE SANZIONI TRIBUTARIE NON PENALI 2 Come viene irrogata la sanzione 3 Le sanzioni e il contribuente truffato

Dettagli

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DEL MOD. F24

AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DEL MOD. F24 AVVERTENZE PER LA COMPILAZIONE DEL MOD. F24 Sono riportate le istruzioni complete riguardanti tale modello. A pagina 4 sono riportate le istruzioni specifiche relative alla SEZIONE IMU E ALTRI TRIBUTI

Dettagli

TITOLO I CRITERI APPLICATIVI DELLE SANZIONI

TITOLO I CRITERI APPLICATIVI DELLE SANZIONI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento II presente regolamento disciplina i criteri di applicazione delle sanzioni amministrative previste

Dettagli

Presentazione. Presentazione

Presentazione. Presentazione Presentazione Presentazione Il testo offre una guida operativa delle norme, procedure, modulistica in materia di riscossione coattiva delle imposte, con particolare riferimento ai poteri a disposizione

Dettagli

OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730

OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730 Roma, 16/10/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che

Dettagli

ESENZIONE FISCALE TOTALE: APPROFONDIMENTI E INFORMAZIONI

ESENZIONE FISCALE TOTALE: APPROFONDIMENTI E INFORMAZIONI ESENZIONE FISCALE TOTALE: APPROFONDIMENTI E INFORMAZIONI In applicazione del Decreto 1/2014 della Repubblica Veneta sull Esenzione Fiscale Totale, Plebiscito.eu ha avviato una campagna di obiezione fiscale

Dettagli

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Come noto, a decorrere dall 1.1.2011, è stato introdotto, ad opera dell art. 31, comma

Dettagli

Riduzione delle sanzioni: ravvedimento e istituti definitori a confronto Le novità della Legge di Stabilità 2015

Riduzione delle sanzioni: ravvedimento e istituti definitori a confronto Le novità della Legge di Stabilità 2015 Riduzione delle sanzioni: ravvedimento e istituti definitori a confronto Le novità della Legge di Stabilità 2015 dott. Fabrizio Povinelli Capo Area Imprese grandi e medie dimensioni Agenzia delle Entrate

Dettagli

COMUNE DI MARCIANA MARINA PROVINCIA DI LIVORNO Codice Fiscale 82002040499

COMUNE DI MARCIANA MARINA PROVINCIA DI LIVORNO Codice Fiscale 82002040499 COMUNE DI MARCIANA MARINA PROVINCIA DI LIVORNO Codice Fiscale 82002040499 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLE AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE Approvato con deliberazione C.C. n. n. 64 del 28.12.1998

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 381 22.12.2014 Pagamento dell avviso bonario Categoria: Versamenti Sottocategoria: D imposta L'art. 3-bis del D.Lgs. 462/1997 dispone che le somme

Dettagli

OMESSO/PARZIALE VERSAMENTO DEL TRIBUTO: 30% dell imposta dovuta. OMESSA DENUNCIA E OMESSO PAGAMENTO: 100% del tributo dovuto con un importo

OMESSO/PARZIALE VERSAMENTO DEL TRIBUTO: 30% dell imposta dovuta. OMESSA DENUNCIA E OMESSO PAGAMENTO: 100% del tributo dovuto con un importo I.C.I. - RAVVEDIMENT PERS IMPSTA CMUNALE SUGLI IMMBILI L'istituto del ravvedimento operoso previsto dall'art. 13 del D.Lgs. n. 472/1997, così come modificato dall'art. 7 del D.Lgs. n. 32/2001 e dal D.L.185

Dettagli

Sanzioni per indebite compensazioni

Sanzioni per indebite compensazioni Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 68 05.03.2014 Sanzioni per indebite compensazioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Come noto, in caso di effettuazione di

Dettagli

Il Ravvedimento operoso, cosa succede se non pago le tasse

Il Ravvedimento operoso, cosa succede se non pago le tasse Il Ravvedimento operoso, cosa succede se non pago le tasse L'Istituto del Ravvedimento operoso, consente ai contribuenti di sanare il tardivo pagamento senza sanzioni pesanti, versando una mini sanzione

Dettagli

imposte sui redditi e irap

imposte sui redditi e irap Imposte sui redditi e Irap ACCONTI d IMPOSTA di NOVEMBRE DOVUTI per l ANNO 2012 di Mario Jannaccone QUADRO NORMATIVO L art. 1, L. 23.3.1977, n. 97 [CFF ➋ 7316], ha introdotto nel nostro sistema tributario

Dettagli

COMUNE DI PORTOGRUARO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI

COMUNE DI PORTOGRUARO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI COMUNE DI PORTOGRUARO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 147 del 03.11.1998 Modificato con delibera

Dettagli

Dentro la Notizia. 28 Maggio 2013

Dentro la Notizia. 28 Maggio 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 73/2013 MAGGIO/14/2013 (*) 28 Maggio 2013 RAVVEDIMENTO OPEROSO SEMPRE

Dettagli

Circolare N.85 del 7 Giugno 2011. Giornalisti. Entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla Gestione Separata INPGI

Circolare N.85 del 7 Giugno 2011. Giornalisti. Entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla Gestione Separata INPGI Circolare N.85 del 7 Giugno 2011 Giornalisti. Entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla Gestione Separata INPGI Giornalisti: entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento II presente regolamento disciplina i criteri di applicazione delle sanzioni amministrative previste

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga Circolare n. 12 del 17 luglio 2014 Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga INDICE 1 Premessa... 2 2 Disciplina prevista dal testo originario del DL 66/2014... 2 2.1 Utilizzo delle ritenute

Dettagli

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2012 dell Ufficio

Dettagli

COMUNE DI RODENGO SAIANO PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI RODENGO SAIANO PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI RODENGO SAIANO PROVINCIA DI BRESCIA Area Amministrativa Ufficio Tributi Telefono 00/68776 Fax 00/687740 e.mail: tributi@comune.rodengo-saiano.brescia.it REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE E L IRROGAZIONE

Dettagli

Circolare Mensile Fiscale SETTEMBRE 2015

Circolare Mensile Fiscale SETTEMBRE 2015 Circolare Mensile Fiscale SETTEMBRE 2015 INDICE Le news del mese In evidenza o La remissione in bonis Scadenzario Le news del mese Detrazione 50% - Obbligo di richiesta del codice fiscale del condominio

Dettagli

Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate

Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate RAVVEDIMENTO OPEROSO IN MATERIA DI IMPOSTE SULLE SUCCESSIONI Il ravvedimento operoso, come è noto, è un istituto giuridico

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 12 aprile 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 12 aprile 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 aprile 2007 OGGETTO: Definizione della posizione dei contribuenti interessati dagli eventi sismici e vulcanici dell ottobre 2002 nel

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO UNIFICATO

MODELLO DI PAGAMENTO UNIFICATO Modello F24 euro 27-11-2001 14:17 Pagina 1 (Nero/Process Black pellicola) AGENZIA DELLE ENTRATE MODELLO DI PAGAMENTO UNIFICATO CODICE FISCALE DATI ANAGRAFICI cognome denominazione o ragione sociale data

Dettagli

Che cos è il Ravvedimento Operoso IMU 2012 e come funziona?

Che cos è il Ravvedimento Operoso IMU 2012 e come funziona? Con il Ravvedimento Operoso IMU 2012 il contribuente può regolarizzare spontaneamente la sua posizione tributaria in caso di omesso, parziale, tardivo o infedele versamento dell imposta municipale propria,

Dettagli

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 2 2014 dell Ufficio

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE Visto l articolo 3, comma 133 legge 662/1996, recante delega al Governo per l emanazione di uno o più decreti legislativi per la revisione organica ed il completamento della disciplina

Dettagli

DOPO LA DICHIARAZIONE

DOPO LA DICHIARAZIONE DOPO LA DICHIARAZIONE Come rimediare in caso di errori od omissioni Capitolo 14 14.1 COME RIMEDIARE IN CASO DI ERRORI OD OMISSIONI 14.1.1 I termini dei versamenti 14.1.2 Sanzioni e ravvedimento per tardivi

Dettagli

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu L agenda di Unico, Imu e degli altri pagamenti del Pag. n. 1 L agenda dei pagamenti di Unico, Irap, Iva e della prima rata Imu a cura di Salvina Morina E Tonino Morina Persone fisiche, società di persone,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento II presente regolamento disciplina i criteri di applicazione delle sanzioni amministrative previste

Dettagli

CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013

CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013 CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2013 dell Ufficio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Comune di Marcignago PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Luglio 2015 Approvato con delibera CC n. 22 del 09.07.2015 II INDICE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

MODELLO UNICO-2013: LA PROCEDURA DEL RAVVEDIMENTO IN CASO DI TARDIVA, OMESSA, INFEDELE DICHIARAZIONE

MODELLO UNICO-2013: LA PROCEDURA DEL RAVVEDIMENTO IN CASO DI TARDIVA, OMESSA, INFEDELE DICHIARAZIONE MODELLO UNICO-2013: LA PROCEDURA DEL RAVVEDIMENTO IN CASO DI TARDIVA, OMESSA, INFEDELE DICHIARAZIONE A cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto entro 90 giorni dalla scadenza ordinaria del 30

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento II presente regolamento disciplina i criteri di applicazione delle sanzioni amministrative previste

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE Art. 1 Oggetto 1. Le norme del presente Regolamento dettano gli indirizzi applicativi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento II presente regolamento disciplina i criteri di applicazione delle sanzioni amministrative previste

Dettagli

a cura di Francesco Zuech rag. commercialista

a cura di Francesco Zuech rag. commercialista VIOLAZIONI TRIBUTARIE E RAVVEDIMENTO OPEROSO Principali novità 2007 Ravvedimento dichiarazioni fiscali (Unico, Iva, Irap e 770) Emendabilità delle dichiarazioni Valenza circolari e risoluzioni Ae a cura

Dettagli

S C A D E N Z A R I O A P R I L E 2 0 1 5

S C A D E N Z A R I O A P R I L E 2 0 1 5 S C A D E N Z A R I O A P R I L E 2 0 1 5 01.04.15 SETTORI: TESSILE, ABBIGLIAMENTO, MODA, CALZATURE, PELLI E CUOIO (PICCOLA INDUSTRIA) AUMENTO MINIMI CONTRATTUALI: seguiranno apposite circolari con nuovi

Dettagli

Le novità del modello 730/2014

Le novità del modello 730/2014 Le novità del modello 730/2014 Sono state pubblicate e disponibili per la consultazioni sul sito dell Agenzia delle entrate le bozze del modello 730/2014 e le relative istruzioni. Numerose sono le novità

Dettagli

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001;

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 13/2001 Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; Copyright 2001 Acerbi

Dettagli

Per Unico 2011, modello 730 e versamenti e adempimenti di agosto è proroga

Per Unico 2011, modello 730 e versamenti e adempimenti di agosto è proroga Fabio Mora Dottore Commercialista Revisore Contabile partita iva 01520610443 Cod. Fisc. MROFBA66B10G920A A mezzo fax / e.mail Circolare n. 9/2011 A tutti i signori clienti loro sedi Porto San Giorgio,

Dettagli

COMUNE DI GONZAGA. Provincia di Mantova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

COMUNE DI GONZAGA. Provincia di Mantova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI COMUNE DI GONZAGA Provincia di Mantova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI Testo coordinato con delibere del Consiglio Comunale: n. 26 del 26/04/2007 n.5 del 12/02/2008 n.

Dettagli

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 10/02/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/36832-il-ravvedimento-operoso-a-seguito-dellemodifiche-introdotte-dalla-legge-di-stabilit-2015 Autore: Chiudioni Marco

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 30 del 30.06.2011 I N D I C E PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento 2 Art. 2 Funzionario

Dettagli

2 DISCIPLINA PREVISTA DAL TESTO ORIGINARIO DEL DL 66/2014

2 DISCIPLINA PREVISTA DAL TESTO ORIGINARIO DEL DL 66/2014 Dott. Mauro ROVIDA Dott. Luca Andrea CIDDA Dott. Francesca RAPETTI Dott. Pietro GRONDONA Dott. Luca GIACOMETTI Dott. Paolo STAGNO Dott. Barbara MARINI Dott. Micaela MARINI Dott. Paolo PICCARDO Telef.:

Dettagli

CIRCOLARE 730/2015 N. 2 DI GIUGNO 2015 - SOFTWARE FISCALI CAF 2015. 1. Richiesta documentazione 730 Live Scan;

CIRCOLARE 730/2015 N. 2 DI GIUGNO 2015 - SOFTWARE FISCALI CAF 2015. 1. Richiesta documentazione 730 Live Scan; Drcnetwork srl - Coordinamento Regionale CAF Via Imperia, 43 20142 Milano Telefono 02/84892710 Fax 02/335173151 e-mail info@drcnetwork.it sito: www.drcnetwork.com CIRCOLARE 730/2015 N. 2 DI GIUGNO 2015

Dettagli

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 OTTOBRE AL 15 NOVEMBRE 2015

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 OTTOBRE AL 15 NOVEMBRE 2015 Occhio alle scadenze Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL OTTOBRE AL 15 NOVEMBRE 2015 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal al 15 novembre 2015, con il commento dei

Dettagli

Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015. Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015.

Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015. Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015. Torino, 10/09/2015 SCADENZARIO TRIBUTARIO: SETTEMBRE 2015 Vi ricordiamo le principali scadenze tributarie del mese di settembre 2015. 15 Martedì IVA Fatturazione differita: scade il termine per l emissione

Dettagli

L ICI. Sono quindi tenuti al pagamento dell imposta, i contribuenti che possiedono:

L ICI. Sono quindi tenuti al pagamento dell imposta, i contribuenti che possiedono: L ICI 1. Cos è L'ICI è l'imposta comunale sugli immobili. Ogni singolo comune delibera un aliquota, di norma compresa tra il 4 ed il 7 per mille, da applicare al valore catastale di fabbricati, aree fabbricabili

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 2.2015 Gennaio Sommario 1. PREMESSA... 2 2. PRECOMPILAZIONE DEI MODELLI 730 DA PARTE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE...

Dettagli

INDICE. 5 Condizioni per il perfezionamento dei pagamenti dei debiti... 8

INDICE. 5 Condizioni per il perfezionamento dei pagamenti dei debiti... 8 D O T T. C A R L O O R S E N I G A Commercialista - Revisore Contabile 20123 - MILANO Via Vincenzo Monti, 32 Tel. +39.02.36.55.04.76 Fax +39.02.89.07.49.33 Circolare n. 1 del 18 febbraio 2014 Compensazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 23/01/2009 INDICE PREMESSA

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 23/01/2009 INDICE PREMESSA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 23/01/2009 INDICE PREMESSA Art.1 Oggetto del regolamento Art.2 Funzionario Responsabile

Dettagli

DOCUMENTO ESPLICATIVO

DOCUMENTO ESPLICATIVO DOCUMENTO ESPLICATIVO IL REGIME SANZIONATORIO CIPAG 2014 Sommario SOMMARIO 1 Premessa... 1 2 Regolarizzazione del pagamento dei contributi... 2 3 Sanzioni sui pagamenti... 4 4 Sanzioni sulle dichiarazioni...

Dettagli

CIRCOLARE N.22/E. Roma, 11 luglio 2014

CIRCOLARE N.22/E. Roma, 11 luglio 2014 CIRCOLARE N.22/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 11 luglio 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale In data 21.12.1998 N 93

Dettagli

VERIFICA CARTELLE EQUITALIA ISTRUZIONI PER L UTILIZZO

VERIFICA CARTELLE EQUITALIA ISTRUZIONI PER L UTILIZZO VERIFICA CARTELLE EQUITALIA ISTRUZIONI PER L UTILIZZO N.B. attualmente il software supporta i seguenti tributi: - IVA, IRAP, IRES, IRPEG, INPS, CASSA COMMERCIALISTI, CASSA FORENSE per i quali i calcoli

Dettagli

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Regolamento per la Definizione Agevolata dei Tributi locali minori ICP e DPA (Art. 13, Legge 27 dicembre 2002, n. 289 e art.24, D.Lgs. 15 novembre 1993,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI - 1 - COMUNE DI SGONICO Provincia di Trieste OBČINA ZGONIK Pokrajina Trst REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione consiliare/giuntale

Dettagli

NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI

NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI Firenze 28 gennaio 2009 Pisa 29 gennaio 2009 Arezzo 2 febbraio 2009 Le novità in materia di contenzioso con il fisco L adesione agevolata ai processi verbali di

Dettagli

Regolamento per il condono dei Tributi Locali

Regolamento per il condono dei Tributi Locali Regolamento per il condono dei Tributi Locali TARSU ICI TOSAP ( Approvato con delibera consiliare n. 57 del 21/11/2003) Sezione TARSU Articolo 1 Ambito di applicazione ed esclusioni Il presente regolamento,

Dettagli

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE Circolare 28 del 12 dicembre 2014 Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa... 3 2 Precompilazione dei modelli 730 da parte dell Agenzia

Dettagli

Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio.

Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio. Studio Associato Cerato & Popolizio Dottori commercialisti Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio.it Dott. Sandro

Dettagli

Articolo 20 comma 1 regolamento delle entrate del comune di torino.

Articolo 20 comma 1 regolamento delle entrate del comune di torino. Articolo 20 comma 1 regolamento delle entrate del comune di torino. Il modello F24 consente ai contribuenti di versare con un unico modello oltre alle imposte erariali (irpef, iva etc) e ai contributi

Dettagli

COMUNE DI SARTIRANA LOMELLINA (PV)

COMUNE DI SARTIRANA LOMELLINA (PV) COMUNE DI SARTIRANA LOMELLINA (PV) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento II presente regolamento disciplina i criteri di applicazione delle

Dettagli

Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 16 marzo 2012

Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 16 marzo 2012 CIRCOLARE A.F. N. 31 del 1 Marzo 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 16 marzo 2012 Gentile cliente con la presente intendiamo ricordarle che il 16 marzo

Dettagli

Provincia di Salerno Settore Tributi e Servizi Sociali REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

Provincia di Salerno Settore Tributi e Servizi Sociali REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Comune di Torre Orsaia Provincia di Salerno Settore Tributi e Servizi Sociali REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA TRIBUTARIA Approvato dal Consiglio Comunale in data

Dettagli

COMUNE DI POTENZA. Relazione istruttoria/illustrativa

COMUNE DI POTENZA. Relazione istruttoria/illustrativa COMUNE DI POTENZA Unità di Direzione BILANCIO E FINANZE OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE. DETERMINAZIONE DELLE ALIQUOTE 2014 E VARIAZIONE AL REGOLAMENTO. Relazione

Dettagli

DOCUMENTO ESPLICATIVO

DOCUMENTO ESPLICATIVO DOCUMENTO ESPLICATIVO IL REGIME SANZIONATORIO CIPAG 2015 Sommario SOMMARIO 1 Premessa... 1 2 Regolarizzazione del pagamento dei contributi... 2 3 Sanzioni sui pagamenti... 4 4 Sanzioni sulle dichiarazioni...

Dettagli

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Modello 730/2012. Il 30 Aprile è la scadenza per chi ha scelto di presentare la dichiarazione al proprio sostituto di imposta Modello 730/2012: il 30 aprile 2012 è la

Dettagli

Gli effetti della variazione del tasso di interesse legale dal 1 gennaio 2012

Gli effetti della variazione del tasso di interesse legale dal 1 gennaio 2012 Focus di pratica professionale di Fabio Colombo Gli effetti della variazione del tasso di interesse legale dal 1 gennaio 2012 Con il D.M. del 12.12.2011 è stato previsto che, a far data dall'1.01.2012,

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

Con Provvedimento del Direttore dell Agenzia del 23 ottobre 2007 è stato approvato il nuovo modello di versamento F24.

Con Provvedimento del Direttore dell Agenzia del 23 ottobre 2007 è stato approvato il nuovo modello di versamento F24. Articolo 20, comma 1 Regolamento delle entrate del comune di Torino. Il modello F24 consente ai contribuenti di versare con un unico modello oltre alle imposte erariali (irpef, iva etc) e ai contributi

Dettagli