ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT"

Transcript

1 23 ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT

2 Nel decennio intercensuario 2001/2011 cresce il non profit e si contrae il settore pubblico: al 31 dicembre 2011 le istituzioni pubbliche sono (-21,8 per cento), mentre le istituzioni non profit arrivano a unità (+28,0 per cento). Le istituzioni pubbliche e non profit nel complesso contano oltre 443 mila unità locali. Le istituzioni pubbliche impiegano 2,8 milioni di addetti, le istituzioni non profit 681 mila. La presenza di addetti pubblici rispetto alla popolazione è più elevata in Valle d Aosta, nella Provincia autonoma di Bolzano (in entrambi i casi con 8,6 addetti ogni cento abitanti) e in quella di Trento (7,7 addetti ogni cento abitanti). In termini di addetti per unità locale, il Lazio presenta il dato più elevato (pari in media a 42,5) seguito dalla Puglia (32,4) e dalla Campania (31,1). Circa i due terzi delle istituzioni non profit sono costituite da associazioni non riconosciute che impiegano il 12,4 per cento degli addetti e il 62,4 per cento dei volontari. Le cooperative sociali, una realtà pari al 3,7 per cento delle istituzioni non profit ( unità), assorbono invece la quota maggiore degli addetti (47,1 per cento) e la quota minore del personale volontario (0,9 per cento). Il settore di attività prevalente è cultura, sport e ricreazione dove operano il 65,0 per cento delle istituzioni non profit e il 59,2 per cento dei volontari, segue il settore dell assistenza sociale e protezione civile con l 8,3 per cento delle istituzioni e il 33,0 per cento degli addetti. Le risorse economiche del non profit sono costituite da 64 miliardi di entrate e 57 miliardi di uscite. I due terzi delle istituzioni non supera i 30 mila euro di entrate e solo istituzioni (4,5 per cento) va oltre i 500 mila euro assorbendo l 81,8 per cento delle entrate del settore.

3 23 ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT La dinamica nel decennio intercensuario Secondo quanto rilevato dal Censimento al 31 dicembre 2011, in Italia sono presenti istituzioni pubbliche e istituzioni non profit, articolate sul territorio in oltre 443 mila unità locali (di cui unità locali delle istituzioni pubbliche e delle istituzioni non profit Prospetto 23.1), nelle quali risultano impiegati più di 3,5 milioni di addetti, 1 la maggior parte appartenenti al settore pubblico (oltre 2,8 milioni a fronte dei impiegati nelle istituzioni non profit). I dati degli ultimi due Censimenti (2001 e 2011) rilevano una riduzione delle istituzioni pubbliche e dei relativi addetti a fronte di una importante crescita del settore non profit. Nel corso dell ultimo decennio le istituzioni pubbliche registrano un decremento pari a -21,8 per cento in termini di unità istituzionali (Tavola 23.1), -3,3 per cento in termini di unità locali e -11,4 per cento in termini di addetti, con valori ancora più elevati nelle regioni del Sud (-19,3 per cento gli addetti delle unità locali delle istituzioni pubbliche). Sul fronte opposto il non profit rileva una crescita importante rispetto al 2001 (pari a +28,0 per cento di istituzioni, +37,2 per cento di unità locali e +39,4 per cento di addetti) e diffusa su tutto il territorio nazionale, presentando un aumento del numero di addetti compreso tra il +13,5 per cento registrato al Sud e il +53,4 per cento nel Nord- Prospetto 23.1 Unità istituzionali, unità locali e addetti alle unità locali delle istituzioni pubbliche e delle istituzioni non profit Censimenti 1991, 2001 e 2011 ANNI CENSUARI Istituzioni pubbliche Unità Addetti alle unità locali locali (a) Per 100 abitanti Istituzioni non profit Unità Addetti alle unità locali locali Per 100 abitanti , , , , , ,1 Fonte: Istat, 9 Censimento generale dell industria e dei servizi - Rilevazione sulle istituzioni pubbliche (R), 9 Censimento generale dell industria e dei servizi - Rilevazione sulle istituzioni non profit (R) (a) I dati sono resi confrontabili tra i censimenti. In particolare, sono considerate le sole unità locali presidiate. 1 Per le istituzioni pubbliche e per le istituzioni non profit gli addetti sono costituiti dai soli lavoratori dipendenti. 23 ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT 693

4 ovest. Considerando il rapporto sulla popolazione residente, il settore pubblico passa da una incidenza pari a 5,6 addetti ogni 100 abitanti nel 2001 a 4,8 nel 2011 (Prospetto 23.1), mentre rimane stabile l incidenza del settore non profit, pari a un addetto ogni 100 abitanti nel 2011 rispetto allo 0,9 registrato nel La diminuzione del comparto pubblico è in larga parte conseguenza di fenomeni di accorpamento che hanno interessato alcune istituzioni pubbliche e di interventi legislativi che ne hanno modificato la natura giuridica, trasformandole da istituzioni di diritto pubblico a istituzioni di natura giuridica privata oltre che delle politiche di limitazione del turn over dei pubblici dipendenti. Caratteristiche delle istituzioni pubbliche Unità locali e addetti. Il 43,6 per cento delle unità locali delle istituzioni pubbliche appartiene alle amministrazioni centrali dello Stato (organi costituzionali e ministeri Tavola 23.2). All interno di questo universo ci sono 40 mila scuole statali (pari al 38,5 per cento del totale), unità locali del Miur. Il 34,3 per cento delle unità locali fa invece capo ai comuni, mentre è pari al 7,6 per cento la quota di unità locali appartenenti ad aziende o enti del Servizio sanitario nazionale (Ssn). Considerando la distribuzione degli addetti, oltre alle amministrazioni centrali e ai comuni (rispettivamente con il 45,2 per cento e il 15,1 per cento degli addetti del pubblico impiego), emerge il dato delle aziende del Ssn, dove si concentra circa un quarto degli addetti delle istituzioni pubbliche (il 23,8 per cento). Le restanti istituzioni presentano valori inferiori al 4 per cento. Sono le università (con 87,3 addetti per unità locale) e le aziende del Ssn (81) le istituzioni pubbliche di più ampie dimensioni, seguite dagli istituti o enti di ricerca (69). Le altre presentano dimensioni meno ampie e più vicine alla media dell intero comparto (pari a 26 addetti per unità locale). A livello regionale, la presenza di addetti pubblici rispetto alla popolazione è più elevata in Valle d Aosta, nella Provincia autonoma di Bolzano (in entrambi i casi con 8,6 addetti ogni cento abitanti Tavola 23.2) e in quella di Trento (7,7 addetti ogni cento abitanti); è significativa anche la quota di addetti pubblici in Sardegna (5,8 addetti ogni cento abitanti) e nel Lazio (5,6 ogni cento abitanti). In termini di addetti per unità locale, il Lazio presenta il dato più elevato (pari in media a 42,5 addetti per unità locale Tavola 23.2) seguito dalla Puglia (32,4) e dalla Campania (31,1). Al di sopra della media nazionale (pari a 26 addetti per unità locale) anche la Sicilia (28,6 addetti pubblici per unità locale), l Emilia-Romagna (28,2), la Toscana (27) e la Liguria (26,9). Le altre regioni invece si attestano al di sotto della media nazionale, con i dati più contenuti in Valle d Aosta (14,1), Molise (16,4), Bolzano (18,6) e Marche (19,1). Sostenibilità ambientale e modalità di acquisto di beni e servizi. Le unità istituzionali della pubblica amministrazione che adottano un comportamento sostenibile nei confronti dell ambiente sono il 56 per cento (Figura 23.1). Tra le forme giuridiche, le regioni e le province si collocano ai primi posti, rispettivamente con quote dell 80,0 per cento e del 78,0 per cento; elevata è anche la quota delle università (76,1 per cento) e delle aziende del Ssn (71,5 per cento). Nonostante l importanza degli acquisti verdi per gli obiettivi di sostenibilità ambientale della Pubblica 694 ANNUARIO STATISTICO ITALIANO 2014

5 Figura 23.1 Istituzioni pubbliche che hanno adottato un comportamento sostenibile e hanno effettuato acquisti attenti all ambiente per forma giuridica Censimento 2011, valori percentuali 66,7 42,4 80,0 78,0 60,0 54,1 58,9 47,8 71,5 37,0 76,1 47,9 46,8 49,2 56,0 21,4 15,7 15,5 14,3 20,5 A B C D E F G H I Totale Comportamento sostenibile nei confronti dell'ambiente Acquisti attenti all'ambiente A Amministrazione dello Stato ed organi costituzionali o a rilevanza costituzionale F Azienda o ente del servizio sanitario nazionale B Re gione G Università pubblica C Provincia H Ente pubblico non economico D Comune I Altra forma giuridica E Comunità montana/isolana o unione di comuni Fonte: Istat, 9 Censimento generale dell industria e dei servizi - Rilevazione sulle istituzioni pubbliche (R) amministrazione, solo il 20,5 per cento delle istituzioni pubbliche ha adottato, nel corso del 2011, modelli di acquisto attenti agli impatti ambientali. Tra le amministrazioni più virtuose vi sono le regioni (60,0 per cento) e le province (54,1 per cento). Al contrario, risultano basse le quote relative ai Comuni (il 21,4 per cento), agli enti pubblici non economici e ad altre forme giuridiche (rispettivamente 15,5 e 14,3 per cento). Per quanto riguarda le modalità di acquisto, si tratta di acquisti effettuati attraverso mercati elettronici (26,3 per cento Figura 23.2), tramite negozio on line (15,7 per cento) e attraverso aste e gare elettroniche (14,4 per cento). Figura 23.2 Istituzioni pubbliche per modalità di acquisto di beni e servizi e forma giuridica Censimento 2011, valori percentuali 33,3 54,5 40,0 37,6 46,8 14,2 14,8 26,9 15,4 13,8 26,0 32,9 53,7 43,7 42,3 8,9 14,7 17,0 13,1 23,4 16,7 14,4 15,7 26,3 81,8 65,0 65,0 82,6 74,0 76,1 A B C D E F G H I Totale Aste e gare elettroniche Negozi on line Mercati elettronici A B C D E Amministrazione dello Stato ed organi costituzionali o a rilevanza costituzionale Regione Provincia Comune Comunità montana/isolana o unione di comuni F G H I Azienda o ente del servizio sanitario nazionale Università pubblica Ente pubblico non economico Altra forma giuridica Fonte: Istat, 9 Censimento generale dell industria e dei servizi - Rilevazione sulle istituzioni pubbliche (R) 23 ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT 695

6 Il ricorso alle aste e gare elettroniche caratterizza soprattutto le regioni, le amministrazioni centrali e le aziende o enti del servizio sanitario nazionale; quello ai negozi on line le università, le regioni e le province; infine, il ricorso ai mercati elettronici è più diffuso fra le province, le amministrazioni centrali e le università. Caratteristiche delle istituzioni non profit Forme giuridiche. Nelle istituzioni non profit operano lavoratori retribuiti, di cui addetti (dipendenti) e lavoratori esterni (collaboratori con contratto a progetto, coordinato e continuativo e con contratto occasionale, prestatori d opera), lavoratori temporanei e oltre 4,7 milioni di volontari (Tavola 23.4). L associazione non riconosciuta rappresenta la principale forma giuridica del settore non profit italiano, con il 66,7 per cento di istituzioni che impiegano il 62,4 per cento dei volontari e il 52,6 per cento dei lavoratori esterni del settore. Più ridotta la presenza in queste realtà dei dipendenti (il 12,4 per cento) che si concentrano invece nelle cooperative sociali (il 47,1 per cento), forma giuridica che raccoglie il 3,7 per cento delle istituzioni non profit, e che anche in termini di lavoratori temporanei impiegati (pari al 25,5 per cento del totale) rappresenta una quota consistente del settore (Tavola 23.4). Il 22,7 per cento delle istituzioni non profit sono associazioni riconosciute, forma giuridica che raccoglie una quota consistente di volontari (il 30,2 per cento a fronte del 9,2 per cento degli addetti, al 18,3 per cento dei lavoratori esterni e al 16,6 per cento dei lavoratori temporanei). Oltre 6 mila le fondazioni (pari al 2,1 per cento delle istituzioni) in cui sono impiegati più di 108 mila lavoratori retribuiti (di cui 92 mila addetti) e 51 mila volontari. Il 4,8 per cento delle istituzioni infine adotta un altra forma giuridica; esse sono costituite principalmente da enti ecclesiastici civilmente riconosciuti, comitati, società di mutuo soccorso, istituzioni sanitarie o educative, che impiegano nel complesso il 17,8 per cento degli addetti, il 6,8 per cento dei lavoratori esterni, il 9,7 per cento dei lavoratori temporanei e il 5,4 per cento dei volontari. Attività. In base alla classificazione delle attività svolte dalle organizzazioni non profit adottata nell ambito del Censimento, 2 l area cultura, sport e ricreazione è il settore di attività prevalente, nel quale si concentrano oltre 195 mila istituzioni, pari al 65 per cento del totale (Tavola 23.4). L assistenza sociale (che include anche le attività di protezione civile), con 25 mila istituzioni (pari all 8,3 per cento del totale), si distingue come secondo ambito di attività prevalente, seguito dai settori delle relazioni sindacali e rappresentanza di interessi ( istituzioni, pari al 5,4 per cento), dell istruzione e ricerca ( istituzioni, pari al 5,2 per cento) e della sanità ( istituzioni, pari al 3,6 per cento). I restanti 7 settori Icnpo raccolgono il 12,5 per cento delle istituzioni non profit. Considerando la distribuzione delle risorse umane, l assistenza sociale costituisce il settore di attività con il maggior numero di lavoratori dipendenti (225 mila pari al 33,1 per cento), seguito dalla sanità (159 mila pari al 23,3 per cento), 2 Icnpo - International classification of non profit organizations. 696 ANNUARIO STATISTICO ITALIANO 2014

7 dall istruzione e ricerca (121 mila pari al 17,8 per cento) e dallo sviluppo economico e coesione sociale (74 mila pari al 10,8 per cento). L ambito della cultura, sport e ricreazione presenta in questo caso valori più contenuti (pari al 6,7 per cento del totale) mentre si distingue ancora come settore di attività prevalente in termini di lavoratori esterni (134 mila pari al 49,3 per cento del totale) e volontari (oltre 2,8 milioni pari al 59,2 per cento del totale). Il settore dello sviluppo economico e coesione sociale infine è l unico in cui il numero dei lavoratori retribuiti impiegati (81 mila) supera quello dei volontari (58 mila). Risorse umane. Tra i volontari la quota degli uomini (pari a circa 3 milioni Prospetto 23.2) supera quella delle donne (1,8 milioni) mentre la componente femminile prevale tra i lavoratori retribuiti (con 636 mila lavoratrici rispetto ai 315 mila colleghi maschi). Tale dato di struttura, pur con alcune specificità, si conferma in tutti i settori di attività. In particolare, il numero più elevato di donne rispetto agli uomini si Prospetto 23.2 Volontari e lavoratori retribuiti delle istituzioni non profit per sesso e settore di attività prevalente (Icnpo) (a) Censimento 2011 SETTORI DI ATTIVITÀ PREVALENTE Volontari Lavoratori retribuiti Rapporto Femmine/Maschi Maschi Femmine Maschi Femmine Volontari Lavoratori retribuiti Cultura, sport e ricreazione ,5 1,0 Istruzione e ricerca ,2 2,8 Sanità ,8 2,8 Assistenza sociale e protezione civile ,9 4,1 Ambiente ,5 0,6 Sviluppo economico e coesione sociale ,7 1,0 Tutela dei diritti e attività politica ,7 1,7 Filantropia e promozione del volontariato ,7 1,4 Cooperazione e solidarietà internazionale ,2 1,6 Religione ,0 1,4 Relazioni sindacali e rappresentanza di interessi ,4 0,9 Altre attività ,3 0,7 Totale ,6 2,0 Fonte: Istat, 9 Censimento generale dell industria e dei servizi - Rilevazione sulle istituzioni non profit (R) (a) International classification of non profit organizations. registra nell ambito dei lavoratori retribuiti dell assistenza sociale e protezione civile (dove si contano 4 lavoratrici retribuite ogni lavoratore maschio Figura 23.3), seguito dall ambito della sanità e dell istruzione e ricerca (in entrambi i casi il rapporto lavoratrici/lavoratori è pari a 2,8). In quest ultimo settore inoltre anche le volontarie prevalgono sugli uomini così come in quello della cooperazione e solidarietà internazionale; diversamente i lavoratori retribuiti risultano superiori alle donne nel settore della cultura, sport e ricreazione, in quello delle relazioni sindacali e rappresentanza di interessi, nell ambiente e nelle altre attività. 23 ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT 697

8 Figura 23.3 Lavoratori retribuiti e volontari per settore di attività prevalente (Icnpo) (a) Censimento 2011, rapporto femmine/maschi 4,1 2,8 2,8 1,0 0,5 1,2 0,8 0,9 0,5 0,6 1,7 1,4 1,0 0,7 0,7 0,7 1,6 1,2 1,4 1,0 0,9 0,4 0,7 0,3 0,6 2,0 A B C D E F G H I L M N Totale Volontari Lavoratori retribuiti A B C D E F Cultura, sport e ricreazione Istruzione e ricerca Sanità Assistenza sociale e protezione civile Ambiente Sviluppo economico e coesione sociale G H I L M N Tutela dei diritti e attività politica Filantropia e promozione del volontariato Cooperazione e solidarietà internazionale Religione Relazioni sindacali e rappresentanza di interessi Altre attività Fonte: Istat, 9 Censimento generale dell industria e dei servizi - Rilevazione sulle istituzioni non profit (R) (a) International classification of non profit organizations. Profilo dei volontari. I volontari delle istituzioni non profit nel 43,2 per cento dei casi hanno un età compresa tra 30 e 54 anni, nel 20 per cento dei casi hanno un età inferiore ai 30 anni (di cui il 16 per cento tra i anni), nel 22,0 per cento tra i anni e nel 14,8 per cento ha 65 anni o più (Prospetto 23.4). Una maggiore incidenza di volontari giovani si rileva nella cultura, sport e ricreazione, dove gli under30 rappresentano il 22,3 per cento. L assistenza sociale e protezione civile, insieme alla filantropia e promozione del volontariato e alla tutela dei diritti e attività politica, invece, sono settori di attività con un volontariato più maturo (Prospetto 23.3). Prospetto 23.3 Volontari per età e settore di attività prevalente (Icnpo) (a) Censimento 2011 SETTORI DI ATTIVITÀ PREVALENTE Fino a 18 anni anni anni anni 65 anni e più Totale Cultura, sport e ricreazione 5,1 17,2 44,5 20,2 13,0 100,0 Istruzione e ricerca 2,2 13,6 45,6 21,8 16,8 100,0 Sanità 1,8 16,9 41,6 23,9 15,9 100,0 Assistenza sociale e protezione civile 2,3 14,0 36,9 25,3 21,4 100,0 Ambiente 2,5 16,0 46,3 23,2 11,9 100,0 Sviluppo economico e coesione sociale 1,6 14,2 47,4 24,3 12,4 100,0 Tutela dei diritti e attività politica 1,7 12,9 39,8 27,5 18,1 100,0 Filantropia e promozione del volontariato 2,3 14,5 37,4 27,3 18,5 100,0 Cooperazione e solidarietà internazionale 1,7 14,1 45,5 24,6 14,1 100,0 Religione 6,7 15,0 37,6 23,2 17,4 100,0 Relazioni sindacali e rappresentanza di interessi 0,5 6,6 56,8 25,1 11,0 100,0 Altre attività 0,5 8,0 54,6 25,4 11,5 100,0 Totale 4,0 16,0 43,2 22,0 14,8 100,0 Fonte: Istat, 9 Censimento generale dell industria e dei servizi - Rilevazione sulle istituzioni non profit (R) (a) International classification of non profit organizations. 698 ANNUARIO STATISTICO ITALIANO 2014

9 A livello territoriale, le regioni del Sud e le Isole presentano una quota più elevata di volontari under30 (pari rispettivamente al 25,6 per cento e 25,3 per cento Tavola 23.7). Il diploma di scuola secondaria superiore costituisce il titolo di studio prevalente tra i volontari (il 50,1 per cento possiede tale titolo di studio), rispetto al 29,4 per cento che non ha proseguito le scuole dell obbligo e al 20,5 per cento dei laureati. Una quota particolarmente elevata di volontari laureati, con valori superiori al 30 per cento, si individua nell ambito dell istruzione e ricerca (39,9 per cento), della cooperazione e solidarietà internazionale (35,5 per cento) e della filantropia e promozione del volontariato (34,7 per cento). I volontari di cittadinanza non italiana sono pari all 1,3 per cento del totale, con valori superiori al Centro (1,6 per cento) e nel Nord-est (1,4 per cento). Risorse economiche. Le entrate registrate nel bilancio/rendiconto delle istituzioni non profit relative al 2011 ammontano a poco meno di 64 miliardi di euro (Prospetto 23.4). Oltre i due terzi delle istituzioni non profit (il 67,5 per cento) si caratterizza per un volume di entrate non superiore ai 30 mila euro annui; di queste il 33,1 per cento al di sotto dei 5 mila euro, il 12,8 per cento tra i 5-10 mila e il 21,5 per cento tra i mila euro. Il restante 32,5 per cento si divide tra il 10,9 per cento con entrate comprese tra i mila euro, il 13,8 per cento tra i mila euro, il 3,3 per cento tra i mila e il 4,5 per cento con entrate superiori ai 500 mila euro. Prospetto 23.4 Istituzioni non profit e relative entrate per classe di entrata Censimento 2011 CLASSI DI ENTRATA Istituzioni % Entrate (in migliaia di euro) % euro , , , , , , , , , , , , , , euro e più , ,8 Totale , ,0 Fonte: Istat, 9 Censimento generale dell industria e dei servizi - Rilevazione sulle istituzioni non profit (R) In termini le istituzioni con entrate superiori ai 500 mila euro sono pari a unità e registrano un ammontare complessivo di oltre 53 miliardi ossia l 81,8 per cento delle entrate del settore con una media di oltre 3 miliardi di euro per istituzione. In media le istituzioni non profit italiane registrano in bilancio 212 mila euro di entrate per istituzione (Figura 23.4). Le istituzioni di maggiori dimensioni sono presenti nei settori della sanità (con circa 1 milione di euro per istituzione), dello sviluppo economico e coesione sociale (con 642 mila euro in media per istituzione), dell istruzione e ricerca (523 mila euro), della filantropia e promozione del volontariato (469 mila euro) e dell assistenza sociale e protezione civile (408 mila). Ancora superiore al dato medio 23 ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT 699

10 Figura Entrate delle istituzioni non profit per settore di attività prevalente (Icnpo) (a) Censimento 2011, valori medi per istituzione in migliaia di euro 4.962, ,3 523,4 642,0 408,5 51,1 75,4 148,8 469,5 311,6 190,6 312,2 212,3 A B C D E F G H I L M N (b) Totale A B C D E F Cultura, sport e ricreazione Istruzione e ricerca Sanità Assistenza sociale e protezione civile Ambiente Sviluppo economico e coesione sociale G H I L M N Tutela dei diritti e attività politica Filantropia e promozione del volontariato Cooperazione e solidarietà internazionale Religione Relazioni sindacali e rappresentanza di interessi Altre attività (b) Fonte: Istat, 9 Censimento generale dell industria e dei servizi - Rilevazione sulle istituzioni non profit (R) (a) International classification of non profit organizations. (b) Include istituzioni non profit (pari allo 0,5 per cento del totale) che svolgono attività riconducibili all Ateco e non previste dalla classificazione Icnpo ma tradizionalmente considerate di tipo produttivo. nazionale le istituzioni attive nei settori della cooperazione e solidarietà internazionale e delle relazioni sindacali e rappresentanza di interessi (entrambi con circa 312 milioni in media per istituzione). Il 69,4 per cento delle istituzioni non profit svolge un attività economica di natura non market (in cui i ricavi provenienti dalla vendita di beni e servizi non coprono il 50 per cento dei costi sostenuti nel processo produttivo) rispetto al 30,6 per cento di istituzioni market (Tavola 23.5). Il 61,8 per cento svolge la propria attività nell interesse della collettività, con un orientamento di pubblica utilità, a fronte del 38,2 per cento delle istituzioni mutualistiche, che orientano invece i propri servizi principalmente ai propri soci/associati. Nell 86,1 per cento delle istituzioni infine l origine delle risorse economiche è di natura prevalentemente privata (rispetto al 13,9 per cento di fonte pubblica). Le caratteristiche sopra descritte sono strettamente connesse al settore di attività prevalente. Le attività market sono presenti soprattutto nell ambito dello sviluppo economico e coesione sociale (58,0 per cento) e della sanità (50,6 per cento). L orientamento mutualistico risulta prevalente nell ambito delle relazioni sindacali e rappresentanza di interessi (56,8 per cento) mentre l orientamento di pubblica utilità, quindi rivolto al benessere della collettività in generale o di fasce sociali svantaggiate, raccoglie il 100 per cento delle istituzioni operanti nel settore della cooperazione e solidarietà internazionale e risulta particolarmente diffuso (con oltre il 90 per cento delle istituzioni) nei settori della filantropia e promozione del volontariato, sanità, e assistenza sociale e protezione civile. La natura privata costituisce la principale origine delle risorse in tutti i settori di attività; valori meno elevati (inferiori al 70 per cento) si rilevano esclusivamente nell ambito della sanità e dell assistenza sociale e protezione civile, dove la quota di finanziamenti pubblici raggiunge rispettivamente il 36,1 per cento e 32,8 per 700 ANNUARIO STATISTICO ITALIANO 2014

11 cento. Significativa la quota di istituzioni con prevalente finanziamento pubblico anche nell ambito dello sviluppo economico e coesione sociale (29,9 per cento), dell ambiente (23,1 per cento) e dell istruzione e ricerca (22,4 per cento). APPROFONDIMENTI Istat, I.stat: il data warehouse del Censimento dell industria e dei servizi Istat, 9 Censimento generale dell industria e dei servizi - Istat, Press kit dell evento di presentazione dei primi risultati del 9 Censimento generale dell industria e dei servizi, 11 luglio istatcens/press-kit-dellevento-di-presentazione-dei-primi-risultati-del-censimento/ Istat, 9 Censimento generale dell industria e dei servizi. Report - La nuova mappa del sistema produttivo italiano, 26 novembre istatcens/report-la-nuova-mappa-del-sistema-produttivo-italiano/#.u9enj7fok24/ Istat, Il profilo delle istituzioni pubbliche attraverso il Censimento 2011, 31 marzo Istat, Il profilo delle istituzioni non profit alla luce dell ultimo Censimento, 16 aprile ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT 701

12 GLOSSARIO Associazione non riconosciuta Associazione riconosciuta Classificazione Icnpo: International Classification of Nonprofit Organizations Cooperativa sociale Fondazione Istituzione plurilocalizzata Istituzione unilocalizzata Organismo costituito da un gruppo di persone organizzatosi spontaneamente e stabilmente per perseguire uno scopo di comune interesse a carattere non economico. Le associazioni non riconosciute sono enti senza il riconoscimento statale e quindi privi della personalità giuridica e del riconoscimento previsto dal D.P.R. 361/2000. Lo scopo perseguito dalle associazioni non riconosciute è non lucrativo. Gli elementi su cui devono accordarsi le parti sono semplicemente lo scopo, le condizioni per l ammissione degli associati e le regole sull ordinamento interno e l amministrazione (Artt. 36, 37 e 38 c.c.). Ente di diritto privato, dotato di personalità giuridica e caratterizzato da una struttura associativa a base contrattuale e con la partecipazione di una pluralità di persone. Tale ente non ha una finalità lucrativa ed è caratterizzato dalla preminenza delle volontà degli associati. Ai sensi del D.P.R. 361/2000 le associazioni acquistano personalità giuridica mediante il riconoscimento determinato dall iscrizione nel registro delle persone giuridiche, istituito presso gli Uffici Territoriali di Governo (ex Prefetture) ovvero le regioni o le province autonome competenti (art. 7). Il riconoscimento della personalità giuridica conferisce all associazione una serie di vantaggi: autonomia patrimoniale perfetta, limitazione di responsabilità degli amministratori per le obbligazioni assunte per conto dell associazione, possibilità di accettare eredità, legati, donazioni e acquistare immobili (Artt. 14 e segg. c.c.; D.P.R. 316/2000). Classificazione internazionale delle attività svolte dalle istituzioni non profit, elaborata dalla Johns Hopkins University (US, Baltimora) nell ambito di un progetto di ricerca internazionale sulle istituzioni non profit avviato all inizio degli anni Novanta. La classificazione, elaborata sulla base dell Isic e ripresa in Handbook on Non-profit Institutions in the System of National Accounts, comprende 28 classi raggruppate in 12 settori. Al fine di articolare meglio la descrizione del settore non profit italiano, nell ambito della rilevazione censuaria la classificazione è stata integrata con le voci corrispondenti alle sezioni dell Ateco (2007), che, anche se non comprese nella classificazione originaria, sono state inserite nel settore relativo ad Altre attività (codici 29-42). Particolare tipologia di società cooperativa fondata con lo scopo di sostenere la promozione umana e l integrazione sociale e lavorativa dei cittadini appartenenti alle cosiddette categorie svantaggiate e deboli (ex carcerati, disabili, ragazze-madri, ecc.). È istituita e disciplinata dalla Legge 381/1991 che distingue diverse tipologie. Le cooperative sociali di tipo A perseguono l interesse generale della comunità alla promozione umana e all integrazione sociale attraverso la gestione dei servizi socio sanitari ed educativi. Le cooperative sociali di tipo B svolgono attività agricole, industriali, commerciali o di servizi finalizzate all inserimento lavorativo di persone svantaggiate. Le cooperative sociali di tipo misto svolgono sia attività tipiche delle cooperative di tipo A che attività tipiche di quelle di tipo B. Istituzione privata senza fini di lucro, dotata di un proprio patrimonio, impegnata in molteplici settori: assistenza, istruzione, ricerca scientifica, erogazioni premi e riconoscimenti, formazione, ecc. La sua disciplina è prevista dal Codice civile e la struttura giuridica può variare a seconda del tipo di fondazione che viene costituita ed è facoltativa la richiesta del riconoscimento ai sensi del DPR 361/2000 attraverso l iscrizione al Registro delle persone giuridiche, istituito presso gli Uffici Territoriali di Governo (ex Prefetture) (Artt. 14 e segg. c.c.; D.P.R. 361/2000). Istituzione che svolge la propria attività in più luoghi, ciascuno dei quali costituisce un unità locale dell istituzione. Istituzione che svolge la propria attività in un unica sede. 702 ANNUARIO STATISTICO ITALIANO 2014

13 Istituzione non profit Istituzione pubblica Istituzioni market/ non market Istituzioni mutualistiche/ di pubblica utilità Lavoratore dipendente Lavoratore esterno Unità giuridico-economica dotata o meno di personalità giuridica, di natura pubblica o privata, che produce beni e servizi destinabili o non destinabili alla vendita e che, in base alle leggi vigenti o a proprie norme statutarie, non ha facoltà di distribuire, anche indirettamente, profitti o altri guadagni diversi dalla remunerazione del lavoro prestato ai soggetti che la hanno istituita o ai soci. Secondo tale definizione, costituiscono esempi di istituzione non profit: le associazioni, riconosciute e non riconosciute, le fondazioni, le cooperative sociali, i comitati. Rientrano tra le istituzioni non profit anche le organizzazioni non governative, le organizzazioni di volontariato, le organizzazioni non lucrative di utilità sociale (Onlus), i partiti politici, i sindacati, le associazioni di categoria, gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti. Unità giuridico-economica la cui funzione principale è quella di produrre beni e servizi non destinabili alla vendita e/o di ridistribuire il reddito e la ricchezza e le cui risorse principali sono costituite da prelevamenti obbligatori effettuati presso le famiglie, le imprese e le istituzioni non profit o da trasferimenti a fondo perduto ricevuti da altre istituzioni dell amministrazione pubblica. Nell ambito del Sistema dei Conti Nazionali (Sna1993 e Sna2008) e del Sistema dei Conti Nazionali e Regionali (Sec95) le istituzioni non profit sono distinte in base alla natura market o non market della produzione realizzata. Le istituzioni non profit market producono beni e/o servizi destinabili alla vendita, a prezzi economicamente significativi. La natura market o non market viene verificata misurando la percentuale di copertura dei costi di produzione assicurata dai ricavi delle vendite: le istituzioni market presentano un rapporto fra i ricavi e i costi superiore al 50%; di conseguenza hanno come fonte di finanziamento prevalente i ricavi provenienti dalla vendita di beni e servizi; le istituzioni non market presentano un rapporto fra ricavi e costi inferiore al 50%; i ricavi realizzati non coprono quindi il 50% dei costi sostenuti e la fonte di finanziamento prevalente è rappresentata da trasferimenti. Le istituzioni non profit sono distinte in base alla tipologia dei destinatari dei servizi prodotti. Le istituzioni mutualistiche svolgono attività nell interesse dei soli soci/associati. Le istituzioni di pubblica utilità svolgono attività nell interesse della collettività, di particolari categorie sociali o comunque di soggetti esterni all organizzazione. L insieme degli occupati legati all unità giuridico-economica da un contratto di lavoro diretto, sulla base del quale percepiscono una retribuzione. Sono da considerarsi tali: i dirigenti, i quadri, gli impiegati, gli operai, a tempo pieno o parziale; gli apprendisti; i soci (anche di cooperative) per i quali sono versati contributi previdenziali; i lavoratori a domicilio iscritti nel libro unico del lavoro (ex libro paga); i religiosi che prestano la propria attività nell unità giuridico-economica e che sono iscritti nel libro unico del lavoro dell unità; i lavoratori stagionali; i lavoratori con contratto di inserimento; i lavoratori con contratto a termine; gli studenti che hanno un impegno formale per contribuire al processo produttivo in cambio di una remunerazione e/o formazione. Nel numero dei lavoratori dipendenti è compreso anche il personale temporaneamente assente per cause varie quali: ferie, permessi, maternità, Cassa integrazione guadagni. Sono invece da escludere dal computo dei lavoratori dipendenti: i dirigenti retribuiti principalmente per mezzo di una partecipazione agli utili d impresa o a forfait; per le società di capitali: il presidente, l amministratore delegato, i membri in carica dei consigli d amministrazione della società o dei consigli direttivi; il personale che lavora esclusivamente su commissione nell industria; il personale retribuito integralmente a provvigione; i coadiuvanti familiari; i volontari e i soci che, pur lavorando effettivamente nell unità giuridico-economica, non percepiscono una prefissata retribuzione contrattuale e per i quali non sono versati contributi previdenziali in qualità di lavoratori dipendenti; il personale che, pur lavorando presso l unità giuridico-economica, è dipendente di altre unità giuridico-economiche o è iscritto nel libro unico del lavoro di altre unità giuridico-economiche (ad es. le imprese di pulizia o di sorveglianza, le agenzie di somministrazione di lavoro); i soggetti remunerati con fattura; i dipendenti in congedo di lunga durata, in aspettativa non retribuita. È classificato come lavoratore esterno: il collaboratore a progetto (co.co.pro.), il collaboratore con contratto occasionale di tipo accessorio (voucher) e il prestatore d opera occasionale. Per le istituzioni pubbliche tale definizione include anche i lavoratori socialmente utili (Lsu) e al posto delle 23 ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT 703

14 co.co.pro., continuano ad essere stipulati come in passato, contratti di collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co). Lavoratore temporaneo (ex interinale) Personale effettivo in servizio Tipologia di finanziamento prevalente Unità locale Volontario Persona assunta da un agenzia di somministrazione di lavoro regolarmente autorizzata (impresa fornitrice), la quale pone uno o più lavoratori a disposizione dell unità giuridico-economica che ne utilizza la prestazione lavorativa (impresa utilizzatrice), per il soddisfacimento di esigenze di carattere temporaneo (D.lgs. 276/03 artt ). Per personale effettivo in servizio si intende il personale dipendente, a tempo indeterminato o determinato, impegnato all interno dell amministrazione, a prescindere da quella di appartenenza; è escluso il personale comandato o distaccato presso altre amministrazioni ed è incluso il personale comandato o distaccato proveniente da altre amministrazioni. Sono, inoltre, inclusi gli addetti con contratto di lavoro atipico, quali i lavoratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa (co.co.co.) e/o i collaboratori a progetto (co.co.pro.), i lavoratori con contratto di lavoro temporaneo (c.d. lavoro somministrato, ovvero ex lavoro interinale), i lavoratori con contratto di inserimento o di formazione e lavoro e gli addetti ai lavori socialmente utili. Le istituzioni non profit sono classificate in base alla tipologia di finanziamento prevalente. Il finanziamento pubblico è prevalente se la somma delle entrate derivanti da: a) sussidi e contributi a titolo gratuito da e/o enti pubblici nazionali e internazionali e b) ricavi derivanti da contratti e/o convenzioni con istituzioni e/o enti nazionali e internazionali è superiore al 50 per cento delle entrate totali. Il finanziamento privato è prevalente se la somma delle entrate derivanti da: a) contributi degli aderenti; b) ricavi da vendita di beni e servizi; c) donazioni e lasciti testamentari; d) da redditi finanziari e patrimoniali; e) altre entrate, è superiore al 50 per cento delle entrate totali. Luogo fisico nel quale un unità giuridico-economica (impresa, istituzione pubblica e istituzione non profit) esercita una o più attività. L unità locale corrisponde a un unità giuridico-economica o a una sua parte, situata in una località topograficamente identificata da un indirizzo e da un numero civico. In tale località, o a partire da tale località, si esercitano delle attività economiche per le quali una o più persone lavorano (eventualmente a tempo parziale) per conto della stessa unità giuridico-economica. L unità locale può essere una scuola, un ospedale, uno stabilimento, un laboratorio, un negozio, un ufficio, un agenzia, un magazzino, ecc. in cui si realizza la produzione di beni o si svolge o si organizza la prestazione di servizi. Per le istituzioni non profit si precisa che l unità locale opera con lo stesso codice fiscale dell istituzione non profit e non ha, quindi, autonomia decisionale e/o di bilancio. Colui che presta la propria opera, anche saltuaria, senza ricevere alcun corrispettivo, presso l istituzione pubblica o l istituzione non profit. Il volontario non può essere retribuito per tale prestazione in alcun modo, nemmeno dal beneficiario delle prestazioni. Il carattere di volontario è, infatti, incompatibile con qualsiasi forma di rapporto di lavoro subordinato o autonomo e con ogni altro rapporto di contenuto patrimoniale con l istituzione di cui egli fa parte. 704 ANNUARIO STATISTICO ITALIANO 2014

15 Tavola 23.1 Unità istituzionali, unità locali e addetti alle unità locali delle istituzioni pubbliche e delle istituzioni non profit per regione Censimento 2011 REGIONI Istituzioni pubbliche Unità Addetti alle unità locali locali (a) Per 100 abitanti Istituzioni non profit Unità Addetti alle unità locali locali Per 100 abitanti VALORI ASSOLUTI E QUOZIENTI Piemonte , ,4 Valle d Aosta/Vallée d Aoste , ,9 Liguria , ,3 Lombardia , ,6 Trentino-Alto Adige/Südtirol , ,8 Bolzano/Bozen , ,5 Trento , ,1 Veneto , ,3 Friuli-Venezia Giulia , ,3 Emilia-Romagna , ,4 Toscana , ,1 Umbria , ,1 Marche , ,1 Lazio , ,3 Abruzzo , ,7 Molise , ,8 Campania , ,4 Puglia , ,7 Basilicata , ,9 Calabria , ,5 Sicilia , ,8 Sardegna , ,2 Nord-ovest , ,5 Nord-est , ,4 Centro , ,2 Sud , ,5 Isole , ,9 ITALIA , ,1 VARIAZIONI 2011/2001 Piemonte -20,9-6,2-6,6-0,5 25,7 35,4 42,3 0,4 Valle d Aosta/Vallée d Aoste -13,8 5,8 14,5 0,6 17,8 25,8 21,5 0,2 Liguria -30,2-12,8-17,2-1,1 29,2 40,4 37,7 0,4 Lombardia -28,5-6,3-12,1-0,8 37,8 49,7 61,2 0,5 Trentino-Alto Adige/Südtirol -27,2 0,1 12,0 0,2 4,1 18,7 38,4 0,4 Bolzano/Bozen -16,4 27,9 14,8 0,4-7,5 14,8 26,4 0,2 Trento -32,0-23,9 9,1-0,1 17,5 23,4 48,1 0,5 Veneto -25,5-1,7-7,9-0,7 37,6 49,6 43,1 0,3 Friuli-Venezia Giulia -22,0-8,9-9,5-0,8 29,1 41,0 38,4 0,3 Emilia-Romagna -30,3-11,6-4,0-0,6 27,2 35,4 58,0 0,4 Toscana -18,5-3,9-5,6-0,6 30,3 39,9 37,0 0,3 Umbria -25,2-2,4-10,2-1,0 32,3 39,3 33,8 0,2 Marche -18,1-0,6-6,6-0,6 37,1 44,0 32,5 0,2 Lazio -21,2 2,9-13,6-1,4 33,5 42,8 27,9 0,2 Abruzzo -16,5-4,6-15,7-1,1 32,5 39,7 27,7 0,1 Molise 0,0-8,0-14,9-0,8 35,7 39,9 1,7.. Campania -14,5 2,4-19,9-1,2 11,2 18,5 22,0 0,1 Puglia -16,0-2,4-14,2-0,7 24,5 29,7 4,9.. Basilicata -12,1-13,7-17,1-0,9 41,5 45,0 35,0 0,2 Calabria -8,1-11,3-28,7-1,8 22,9 28,3 4,8.. Sicilia -24,6 7,7-9,5-0,6 19,3 25,9 20,9 0,1 Sardegna -9,8-1,1-10,9-0,7 17,7 21,9 51,2 0,4 Nord-ovest -25,4-6,8-10,8-0,8 32,4 43,5 53,4 0,5 Nord-est -26,7-5,8-4,1-0,6 27,3 38,3 47,4 0,4 Centro -20,1-0,7-10,3-1,0 32,8 41,6 31,4 0,2 Sud -12,7-3,9-19,3-1,1 22,4 28,5 13,5 0,1 Isole -18,8 4,9-9,9-0,7 18,8 24,6 29,3 0,2 ITALIA -21,8-3,3-11,4-0,8 28,0 37,2 39,4 0,3 Fonte: Istat,9 Censimento generale dell industria e dei servizi - Rilevazione sulle istituzioni pubbliche (R), 9 Censimento generale dell industria e dei servizi - Rilevazione sulle istituzioni non profit (R) (a) I dati sono resi confrontabili tra i censimenti. In particolare, sono considerate le sole unità locali presidiate. 23 ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT 705

16 Tavola 23.2 Istituzioni pubbliche, unità locali e addetti alle unità locali per forma giuridica e regione Censimento 2011 FORME GIURIDICHE REGIONI Istituzioni pubbliche Unità locali (a) % Addetti alle unità locali % Per unità locale Maschi per 100 donne Per 100 abitanti FORME GIURIDICHE Amministrazione dello Stato ed organi costituzionali o a rilevanza costituzionale (b) , ,2 26,9 38,6 2,2 Regione , ,3 33,3 105,2 0,1 Provincia , ,3 26,5 81,4 0,2 Comune , ,1 11,4 88,6 0,7 Comunità montana/isolana o unione di comuni , ,4 9,3 83,2.. Azienda o ente del servizio sanitario nazionale , ,8 81,0 54,1 1,1 Università pubblica , ,8 87,3 113,2 0,2 Istituto o ente pubblico di ricerca , ,2 69,0 95,0 0,1 Camera di commercio , ,3 26,6 54,9.. Ordine e collegio professionale , ,1 1,7 26,7.. Consorzio di diritto pubblico , ,2 7,4 84,1.. Ente parco , ,1 12,1 173,9.. Altro ente pubblico non economico , ,0 28,9 97,7 0,1 Altra forma giuridica , ,1 24,8 72,9 0,1 Totale (a) , ,0 26,0 55,7 4,8 REGIONI Piemonte , ,0 20,7 40,7 4,6 Valle d Aosta/Vallée d Aoste , ,4 14,1 47,8 8,6 Liguria , ,8 26,9 52,1 5,1 Lombardia , ,9 23,8 40,1 3,8 Trentino-Alto Adige/Südtirol , ,0 20,0 44,4 8,1 Bolzano/Bozen , ,5 18,6 40,5 8,6 Trento , ,4 21,6 48,8 7,7 Veneto , ,2 25,0 45,8 4,2 Friuli-Venezia Giulia , ,4 23,4 47,6 5,5 Emilia-Romagna , ,2 28,2 41,0 4,7 Toscana , ,5 27,0 49,0 5,0 Umbria , ,6 21,2 53,3 5,2 Marche , ,7 19,1 51,1 5,0 Lazio , ,9 42,5 60,7 5,6 Abruzzo , ,2 20,5 61,3 4,7 Molise , ,6 16,4 68,6 5,6 Campania , ,1 31,1 80,6 4,5 Puglia , ,1 32,4 71,6 4,3 Basilicata , ,1 21,9 74,1 5,5 Calabria , ,3 20,9 78,4 4,9 Sicilia , ,7 28,6 76,7 5,5 Sardegna , ,3 21,8 69,6 5,8 Nord-ovest , ,2 22,8 41,8 4,2 Nord-est , ,7 24,9 44,0 4,9 Centro , ,6 30,4 55,3 5,3 Sud , ,4 26,9 75,0 4,6 Isole , ,0 26,5 74,9 5,6 ITALIA (a) , ,0 26,0 55,7 4,8 Fonte: Istat, 9 Censimento generale dell industria e dei servizi - Rilevazione sulle istituzioni pubbliche (R) (a) I dati comprendono le unità presidiate e non. (b) Comprende 40 mila scuole statali (pari al 38,5 per cento) unità locali del Miur. 706 ANNUARIO STATISTICO ITALIANO 2014

17 Tavola 23.3 Personale effettivo delle unità locali delle istituzioni pubbliche per forma giuridica e regione Censimento 2011 FORME GIURIDICHE REGIONI Personale effettivo in servizio Di cui: dipendenti Di cui: non dipendenti % FORME GIURIDICHE % % Amministrazione dello Stato ed organi costituzionali o a rilevanza costituzionale , , ,0 Regione , , ,3 Provincia , , ,7 Comune , , ,2 Comunità montana/isolana o unione di comuni , , ,5 Azienda o ente del servizio sanitario nazionale , , ,9 Università pubblica , , ,8 Istituto o ente pubblico di ricerca , , ,4 Camera di commercio , , ,3 Ordine e collegio professionale , , ,9 Consorzio di diritto pubblico , , ,0 Ente parco , , ,2 Altro ente pubblico non economico , , ,6 Altra forma giuridica , , ,8 Totale , , ,0 REGIONI Piemonte , , ,5 Valle d Aosta/Vallée d Aoste , , ,5 Liguria , , ,4 Lombardia , , ,1 Trentino-Alto Adige/Südtirol , , ,8 Bolzano/Bozen , , ,5 Trento , , ,3 Veneto , , ,0 Friuli-Venezia Giulia , , ,2 Emilia-Romagna , , ,3 Toscana , , ,8 Umbria , , ,4 Marche , , ,8 Lazio , , ,6 Abruzzo , , ,8 Molise , , ,6 Campania , , ,4 Puglia , , ,3 Basilicata , , ,0 Calabria , , ,9 Sicilia , , ,9 Sardegna , , ,5 Nord-ovest , , ,6 Nord-est , , ,3 Centro , , ,6 Sud , , ,0 Isole , , ,5 ITALIA , , ,0 Fonte: Istat, 9 Censimento generale dell industria e dei servizi - Rilevazione sulle istituzioni pubbliche (R) 23 ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT 707

18 Tavola 23.4 Istituzioni non profit e relative risorse umane per forma giuridica, settore di attività prevalente (Icnpo) (a) e regione Censimento 2011 FORME GIURIDICHE SETTORI DI ATTIVITÀ PREVALENTI REGIONI Istituzioni non profit Lavoratori retribuiti Addetti Lavoratori esterni % Totale % FORME GIURIDICHE Lavoratori temporanei % Volontari % % Associazione riconosciuta , , , , ,2 Associazione non riconosciuta , , , , ,4 Cooperativa sociale , , , , ,9 Fondazione , , , , ,1 Altre forme giuridiche , , , , ,4 Totale , , , , ,0 SETTORI DI ATTIVITÀ PREVALENTE Cultura, sport e ricreazione , , , , ,2 Istruzione e ricerca , , , , ,7 Sanità , , , , ,1 Assistenza sociale e protezione civile , , , , ,6 Ambiente , , , , ,9 Sviluppo economico e coesione sociale , , , , ,2 Tutela dei diritti e attività politica , , ,3 48 0, ,3 Filantropia e promozione del volontariato , , ,9 32 0, ,5 Cooperazione e solidarietà internazionale , , ,1 36 0, ,7 Religione , , ,3 49 0, ,3 Relazioni sindacali e rappresentanza di interessi , , , , ,4 Altre attività , , ,2 24 0, ,2 Totale , , , , ,0 REGIONI Piemonte , , , , ,8 Valle d Aosta/Vallée d Aoste , , ,2 24 0, ,4 Liguria , , , , ,3 Lombardia , , , , ,1 Trentino-Alto Adige/Südtirol , , ,8 85 1, ,4 Bolzano/Bozen , , ,3 49 0, ,2 Trento , , ,5 36 0, ,2 Veneto , , , , ,8 Friuli-Venezia Giulia , , , , ,4 Emilia-Romagna , , , , ,0 Toscana , , , , ,1 Umbria , , , , ,2 Marche , , ,0 79 1, ,4 Lazio , , , , ,2 Abruzzo , , , , ,9 Molise , , ,5 19 0, ,5 Campania , , , , ,3 Puglia , , , , ,7 Basilicata , , ,5 38 0, ,0 Calabria , , ,8 84 1, ,9 Sicilia , , , , ,7 Sardegna , , , , ,0 Nord-ovest , , , , ,6 Nord-est , , , , ,6 Centro , , , , ,9 Sud , , , , ,3 Isole , , , , ,7 ITALIA , , , , ,0 Fonte: Istat, 9 Censimento generale dell industria e dei servizi - Rilevazione sulle istituzioni non profit (R) (a) International classification of non profit organizations. 708 ANNUARIO STATISTICO ITALIANO 2014

19 Tavola 23.5 Istituzioni non profit per tipo di attività economica, orientamento, fonte di finanziamento prevalente e settore di attività prevalente (Icnpo) (a) Censimento 2011 SETTORI DI ATTIVITÀ PREVALENTE Istituzioni non profit Tipo di attività economica Orientamento Fonte di finanziamento prevalente Market Non market Mutualistico Di pubblica utilità Pubblica Privata VALORI ASSOLUTI Cultura, sport e ricreazione Istruzione e ricerca Sanità Assistenza sociale e protezione civile Ambiente Sviluppo economico e coesione sociale Tutela dei diritti e attività politica Filantropia e promozione del volontariato Cooperazione e solidarietà internazionale Religione Relazioni sindacali e rappresentanza di interessi Altre attività Totale COMPOSIZIONI PERCENTUALI Cultura, sport e ricreazione 100,0 27,0 73,0 47,2 52,8 9,9 90,1 Istruzione e ricerca 100,0 40,8 59,2 17,3 82,7 22,4 77,6 Sanità 100,0 50,6 49,4 7,3 92,7 36,1 63,9 Assistenza sociale e protezione civile 100,0 43,6 56,4 9,4 90,6 32,8 67,2 Ambiente 100,0 29,4 70,6 25,1 74,9 23,1 76,9 Sviluppo economico e coesione sociale 100,0 58,0 42,0 21,1 78,9 29,9 70,1 Tutela dei diritti e attività politica 100,0 15,1 84,9 29,6 70,4 11,3 88,7 Filantropia e promozione del volontariato 100,0 20,0 80,0 2,6 97,4 13,3 86,7 Cooperazione e solidarietà internazionale 100,0 26,5 73,5 0,0 100,0 9,9 90,1 Religione 100,0 12,3 87,7 15,8 84,2 4,5 95,5 Relazioni sindacali e rappresentanza di interessi 100,0 36,3 63,7 56,8 43,2 4,7 95,3 Altre attività 100,0 36,5 63,5 65,7 34,3 7,6 92,4 Totale 100,0 30,6 69,4 38,2 61,8 13,9 86,1 Fonte: Istat, 9 Censimento generale dell industria e dei servizi - Rilevazione sulle istituzioni non profit (R) (a) International classification of non profit organizations. 23 ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT 709

20 Tavola 23.6 Lavoratori retribuiti e volontari delle istituzioni non profit per settore di attività prevalente (Icnpo) (a) e per classe dimensionale Censimento Percentuali sul totale tranne dove diversamente specificato Settore di attività prevalente CLASSI Totale (valori ) Cultura, sport e ricreazione Istruzione Sanità Assistenza e ricerca sociale e protezione civile Ambiente Sviluppo economico e coesione sociale Tutela dei diritti e attività politica Filantropia e promozione del volontariato Cooperazione e solidarietà internazionale Religione Relazioni sindacali e rappresentanza di interessi Altre attività LAVORATORI RETRIBUITI CLASSI DI ENTRATA euro ,1 9,6 6,7 18,3 2,5 5,4 2,4 0,9 0,5 0,4 2,0 0, ,0 7,2 2,0 8,8 1,2 1,8 1,7 0,2 0,1 0,3 2,3 0, ,6 9,1 2,1 8,5 1,5 2,8 1,5 0,4 0,2 0,3 2,5 0, ,9 10,1 1,8 10,3 1,1 3,9 1,5 0,5 0,3 0,2 4,1 0, ,5 13,7 2,3 11,7 1,1 5,4 1,3 0,4 0,4 0,4 4,5 0, ,0 20,3 3,6 16,1 1,0 7,7 1,2 0,4 0,4 0,4 5,7 0, ,5 23,8 5,4 22,8 0,9 11,0 1,2 0,4 0,5 0,9 7,9 0, euro e più ,7 17,8 24,4 33,6 0,5 9,1 0,6 0,5 0,6 0,3 5,3 0,4 Totale ,8 17,7 18,0 28,2 0,7 8,5 0,8 0,5 0,5 0,4 5,4 0,4 CLASSI DI RISORSE RETRIBUITE ,8 8,2 3,9 10,4 2,2 5,0 3,1 1,2 1,2 1,3 13,6 1, ,0 18,5 4,8 14,9 1,4 7,2 1,8 1,0 0,7 0,7 9,4 0, ,6 21,2 6,6 18,3 0,7 9,0 1,2 0,6 0,6 0,6 8,1 0, ,8 17,8 11,0 24,2 0,6 11,4 0,7 0,9 0,5 0,3 7,4 0,4 50 e più ,3 17,3 26,8 35,9 0,5 8,1 0,5 0,2 0,4 0,3 2,7 0,3 Totale ,8 17,7 18,0 28,2 0,7 8,5 0,8 0,5 0,5 0,4 5,4 0,4 VOLONTARI CLASSI DI VOLONTARI ,1 6,1 1,9 5,8 1,4 3,2 2,7 0,9 0,7 1,6 8,7 0, ,4 4,3 3,1 6,3 2,0 2,1 2,3 1,5 1,2 2,4 4,0 0, ,0 2,9 4,9 9,2 2,7 1,5 2,4 2,1 1,8 1,9 2,5 0, ,5 2,2 4,0 11,5 2,8 1,1 2,2 2,7 1,6 2,4 1,9 0,1 50 e più ,2 4,9 11,2 16,2 3,4 1,0 4,7 2,8 1,8 4,6 2,1 0,1 Totale ,2 3,7 7,1 12,6 2,9 1,2 3,3 2,5 1,7 3,3 2,4 0,2 Fonte: Istat, 9 Censimento generale dell industria e dei servizi - Rilevazione sulle istituzioni non profit (R) (a) International classification of non profit organizations. 710 ANNUARIO STATISTICO ITALIANO 2014

NUMERO VALORE PERCENTUALE

NUMERO VALORE PERCENTUALE Le istituzioni non profit in provincia di Cremona al Censimento del 2011 L Istat ha svolto il 9 Censimento generale dell industria e dei servizi ed il Censimento delle istituzioni non profit, rilevando

Dettagli

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Primo Convegno Nazionale Qualita della vita: territorio e popolazioni Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Sabrina Stoppiello, Stafania Della Queva, Manuela Nicosia Censimento

Dettagli

LE ISTITUZIONI NON PROFIT IN PUGLIA

LE ISTITUZIONI NON PROFIT IN PUGLIA Censimento dell industria e dei servizi 2011 LE ISTITUZIONI NON PROFIT IN PUGLIA Massimo Lori Direzione Centrale delle rilevazioni censuarie e dei registri statistici Istat Il Censimento delle Istituzioni

Dettagli

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT 16 Aprile 2014 IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT ALLA LUCE DELL ULTIMO CENSIMENTO Prosegue il processo di diffusione dei dati del Censimento delle istituzioni non profit. Oggi viene presentato un

Dettagli

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT 16 Aprile 2014 IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT ALLA LUCE DELL ULTIMO CENSIMENTO Prosegue il processo di diffusione dei dati del Censimento delle istituzioni non profit. Oggi viene presentato un

Dettagli

9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E SERVIZI, ISTITUZIONI E NON PROFIT

9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E SERVIZI, ISTITUZIONI E NON PROFIT 2 ottobre 2013 9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E SERVIZI, ISTITUZIONI E NON PROFIT VOCAZIONE DIREZIONALE DELLE IMPRESE LOMBARDE E DEL MILANESE Buon dinamismo del tessuto imprenditoriale. Stazionari i livelli

Dettagli

9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E SERVIZI, ISTITUZIONI E NON PROFIT

9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E SERVIZI, ISTITUZIONI E NON PROFIT 11 dicembre 2013 9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E SERVIZI, ISTITUZIONI E NON PROFIT Bari, 11 dicembre 2013. Viene presentato oggi un focus sui primi dati regionali del censimento generale industria, servizi,

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO risorsa economica e sociale del VCO TERZO SETTORE: risorsa economica e sociale per il territorio Il censimento 2011, a 10 anni di distanza dal precedente, ci restituisce informazioni che mettono in luce

Dettagli

ISTITUZIONI NONPROFIT DELLA PROVINCIA DI ASTI

ISTITUZIONI NONPROFIT DELLA PROVINCIA DI ASTI CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO DI ASTI ISTITUZIONI NONPROFIT DELLA PROVINCIA DI ASTI Elaborazione dei risultati della prima rilevazione censuaria ISTAT Anno 1999 Ufficio Studi Marzo 2003 1 L

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI 2011 Rilevazione sulle istituzioni non profit

9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI 2011 Rilevazione sulle istituzioni non profit 9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI 2011 Rilevazione sulle istituzioni non profit Nel mese di settembre agli enti ecclesiastici iscritti nella lista precensuaria è pervenuto il questionario Istat

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

I numeri del nonprofit in Piemonte:

I numeri del nonprofit in Piemonte: I numeri del nonprofit in Piemonte: principali risultati del Censimento 2011 Torino, 4 luglio 2014 1 Le Istituzioni no profit in Piemonte Biella 5,6%;1.448 Alessandria 10,1%;2.633 Asti 5,6%;1.450 Verbano

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato in Italia

Le organizzazioni di volontariato in Italia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 5 Settori Pubblica amministrazione - Sanità e previdenza Le organizzazioni di volontariato in Italia Anno 2001 Informazioni n. 27-2005

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI 14 dicembre 2012 Al 31 dicembre 2010 I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI In Italia i presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari attivi il 31 dicembre 2010 sono 12.808

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

In calo la spesa per l ambiente delle amministrazioni regionali

In calo la spesa per l ambiente delle amministrazioni regionali 10 gennaio 2014 Anni 2004-2011 LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI Nel 2011 l ammontare della spesa ambientale delle amministrazioni regionali italiane è pari a 4.094 milioni di euro, con

Dettagli

Capitolo 4. Assistenza e previdenza sociale

Capitolo 4. Assistenza e previdenza sociale Capitolo 4 Assistenza e previdenza sociale 4. Assistenza e previdenza sociale Per saperne di più... Istat I.stat il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. Il sistema

Dettagli

Struttura e attività degli istituti di cura

Struttura e attività degli istituti di cura SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 6 Settore Sanità e previdenza Struttura e attività degli istituti di cura Anno 2003 Contiene cd-rom Informazioni n. 10-2006 I settori

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 27 novembre 2013 Anni 2010-2012 CONTI ECONOMICI REGIONALI Nel 2012, il Pil pro capite risulta pari a 31.094 euro nel Nord-ovest, a 30.630 euro nel Nord-est e a 27.941 euro nel Centro. Su un livello nettamente

Dettagli

Le cooperative sociali in Italia

Le cooperative sociali in Italia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 8 Settore Pubblica amministrazione Le cooperative sociali in Italia Anno 2005 Contiene cd-rom Informazioni n. 4-2008 I settori AMBIENTE

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato in Italia

Le organizzazioni di volontariato in Italia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 6 Settori Pubblica amministrazione - Sanità e previdenza Le organizzazioni di volontariato in Italia Anno 2003 Contiene Cd-Rom Informazioni

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

GLI ENTI D EROGAZIONE IN ITALIA

GLI ENTI D EROGAZIONE IN ITALIA GLI ENTI D EROGAZIONE IN ITALIA Sono 4.388 gli enti di diritto privato che hanno indicato come attività prevalente o esclusiva l erogazione di sussidi a individui, piuttosto che quella di contributi a

Dettagli

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730

NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 NEGLI ULTIMI 15 ANNI SONO RADDOPPIATI I CONTRIBUENTI CHE PRESENTANO IL MODELLO 730 Per chi decide di compilare on line il proprio 730 non ci sono problemi : il fisco mette a disposizione un manuale di

Dettagli

Le cooperative sociali in Italia

Le cooperative sociali in Italia 26 settembre 2003 Le cooperative sociali in Italia Anno 2001 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3102 Informazioni e chiarimenti

Dettagli

BOOM DI MINI-JOBS ==================

BOOM DI MINI-JOBS ================== BOOM DI MINI-JOBS Nel 2014 la CGIA prevede una vendita di oltre 71.600.000 ore di lavoro: interessato un milione di persone. Commercio, ristorazione/turismo e servizi i settori più interessati ==================

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

Appendice Statistica

Appendice Statistica REGIONE CALABRIA Dipartimento Istruzione, Università, Alta Formazione, Innovazione e Ricerca Osservatorio Regionale sull Istruzione e il Diritto allo Studio Dieci anni di scuola calabrese Appendice Statistica

Dettagli

Lavoro occasionale Di tipo accessorio

Lavoro occasionale Di tipo accessorio Lavoro occasionale Di tipo accessorio PRIMO TRIMESTRE/ 211 Lavoro occasionale di tipo accessorio I trim 211 gennaio 212 Il Report è stato realizzato da Giorgio Plazzi e Chiara Cristini, ricercatori dell

Dettagli

Incentivi all occupazione

Incentivi all occupazione , Incentivi all occupazione L. 92/2012 Soggetti interessati - Oltre 50 anni, disoccupati da 12 mesi. - Donne disoccupate da 24 mesi (6 mesi area a disagio occupazionale, settori particolari, definiti da

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego

L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego L incontro fra domanda e offerta di lavoro e i servizi per l impiego D.ssa Tiziana Rosolin Servizi ai cittadini e modernizzazione Amministrativa: fatti e numeri sul che cambia FORUM P.A. 12 Maggio 24 L

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato in Italia

Le organizzazioni di volontariato in Italia 14 ottobre 2005 Le organizzazioni di volontariato in Italia Anno 2003 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-44 Centro di informazione statistica Tel. +39 06 4673.3106 Informazioni e chiarimenti

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato in Italia

Le organizzazioni di volontariato in Italia 30 gennaio 2004 Le organizzazioni di volontariato in Italia Anno 2001 Nel corso del 2003 l'istat ha svolto la quarta rilevazione sulle organizzazioni di volontariato iscritte nei registri regionali al

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Aprile 2015 Anno 2015 vigenti all 1.1.2015 e liquidate nel 2014 erogate dall Inps 1 Le Gestioni Le pensioni vigenti all 1.1.2015

Dettagli

Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli

Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli I trimestre 2001 IV trimestre 2004 27 aprile 2005 Ufficio della comunicazione tel. +39 06 4673.2244-2243 Centro

Dettagli

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

LE POLITICHE SOCIOSANITARIE Relative alle IPAB - ASP CON RIFERIMENTO ALLA MAPPA-RETE

LE POLITICHE SOCIOSANITARIE Relative alle IPAB - ASP CON RIFERIMENTO ALLA MAPPA-RETE LE POLITICHE SOCIOSANITARIE Relative alle IPAB - ASP CON RIFERIMENTO ALLA MAPPA-RETE POLITICHE SOCIOSANITARIE I.P.A.B. - Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza SCHEDA ISTITUZIONALE ENTI AUTONOMI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Non profit in Trentino

Non profit in Trentino Dicembre 2014 Non profit in Trentino Premessa Con questa pubblicazione, il Servizio Statistica arricchisce l informazione sugli attori del non profit in provincia di Trento, all interno del contesto nazionale

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche 1 Indice delle tavole statistiche Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e classe di importo Tavola

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA?

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA? Nuovo Rapporto Ance Cresme alluvioni con una scia ininterrotta di disastri, vittime e costi altissimi per i cittadini. Un territorio martoriato da Nord a Sud e L aggiornamento del rapporto Ance Cresme

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato in Italia: componenti strutturali e dinamiche emergenti

Le organizzazioni di volontariato in Italia: componenti strutturali e dinamiche emergenti Le organizzazioni di volontariato in Italia: componenti strutturali e dinamiche emergenti Nereo ereo Zamaroamaro Servizio istituzioni pubbliche e private Numeri e attività dei CSV: cosa facciamo e cosa

Dettagli

Indice delle tavole statistiche su cd-rom

Indice delle tavole statistiche su cd-rom Indice delle tavole statistiche su cd-rom Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e Tavola 2 Beneficiari

Dettagli

10 Umberto Buratti, Francesca Fazio, Michele Tiraboschi. Inserimento/reinserimento al lavoro: inoccupati, disoccupati o in mobilità

10 Umberto Buratti, Francesca Fazio, Michele Tiraboschi. Inserimento/reinserimento al lavoro: inoccupati, disoccupati o in mobilità 10 Umberto Buratti, Francesca Fazio, Michele Tiraboschi Tabella 1 Tipologie e durate Regioni/Provin ce autonome Tipologie regolate Durata massima (proroghe comprese) Durata minima Abruzzo Formativi e di

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali L utilizzo dei voucher per le prestazioni di lavoro accessorio (Fonti: Dati MLPS e INPS) REPORT Roma, 22 marzo 2016 L utilizzo dei voucher per le prestazioni

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI inarcassa in Cifre Statistiche su iscritti e pensionati, redditi e volume d affari Ufficio Studi e Ricerche

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

8 Censimento dell'industria e dei servizi: dati definitivi

8 Censimento dell'industria e dei servizi: dati definitivi 16 marzo 2004 8 Censimento dell'industria e dei servizi: dati definitivi L Istat diffonde oggi i risultati definitivi dell 8 Censimento generale dell industria e dei servizi, riferiti al 22 ottobre 2001.

Dettagli

Nonprofit: un pilastro del Paese

Nonprofit: un pilastro del Paese Banca Prossima 1 Nonprofit: un pilastro del Paese Il mondo nonprofit è fondamentale per l economia e la società italiane 250.000 organizzazioni «laiche» 26,4 milioni di utenti diretti (il 45% della popolazione)

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

Le fondazioni in Italia

Le fondazioni in Italia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 9 Settore Pubblica amministrazione Le fondazioni in Italia Anno 2005 Informazioni n. 1-2009 I settori AMBIENTE E TERRITORIO POPOLAZIONE

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

SCHEDA Fondo Pensione Perseo

SCHEDA Fondo Pensione Perseo SCHEDA, costituito con atto notarile il 21 dicembre 2010, iscritto all albo tenuto dalla COVIP con il n. 164, è il Fondo nazionale di pensione complementare per i lavoratori delle Regioni, Autonomie Locali

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO Roma, 10 Luglio 2015 I giovani presi in carico sono 380 mila. A oltre 128 mila è stata proposta almeno una misura I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 666 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Ovvero: Azione Volontaria, Terzo Sistema, Economia Civile, Terza Dimensione, Privato Sociale, Settore Non Profit

Ovvero: Azione Volontaria, Terzo Sistema, Economia Civile, Terza Dimensione, Privato Sociale, Settore Non Profit TERZO SETTORE Ovvero: Azione Volontaria, Terzo Sistema, Economia Civile, Terza Dimensione, Privato Sociale, Settore Non Profit E l insieme di soggetti organizzativi di natura privata volti alla produzione

Dettagli

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ

IL PROGRAMMA SOSTIENE I GIOVANI INTERESSATI ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ Roma, 26 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 641.412, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana SONO OLTRE 361 MILA I GIOVANI PRESI IN CARICO E A QUASI 119

Dettagli

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 21 giugno 2011 Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 Nel 2009 l importo complessivo annuo delle prestazioni pensionistiche previdenziali e assistenziali erogate in Italia è stato

Dettagli

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni:

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: 1 Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: quante sono, a chi vanno, quanto rendono Rilevazioni sui trattamenti pensionistici condotta dall Istituto nazionale di statistica in collaborazione

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004

Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004 Bollettino n. 4 / 2006 12 settembre 2006 Dati di vendita SIAN prodotti fitosanitari anno 2004 Sono disponibili sul sito internet del SIAN i dati di vendita dei prodotti fitosanitari relativi alle dichiarazioni

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO INDAGINE TRIMESTRALE SUI POSTI DI LAVORO VACANTI E LE ORE LAVORATE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO INDAGINE TRIMESTRALE SUI POSTI DI LAVORO VACANTI E LE ORE LAVORATE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO INDAGINE TRIMESTRALE SUI POSTI DI LAVORO VACANTI E LE ORE LAVORATE Il questionario deve essere compilato con i dati relativi all intera impresa indicata nella Sezione

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 elaborazioni a: Dicembre 2011 Tavola 1a - Dati strutturali: Imprese attive Imprese

Dettagli

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009 Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni Rapporto di sintesi Ottobre 2009 1 La rilevazione è stata realizzata dal Formez. Il questionario è stato predisposto con la collaborazione

Dettagli

7ISTRUZIONE E FORMAZIONE

7ISTRUZIONE E FORMAZIONE 7ISTRUZIONE E FORMAZIONE Nell anno scolastico 2012/2013 gli studenti iscritti nelle scuole di diverso grado e ordine sono quasi nove milioni, circa 17.500 in meno rispetto al precedente anno. Gli alunni

Dettagli

Presentazione del progetto di ricerca

Presentazione del progetto di ricerca Roma, 16/01/2012 Codice ricerca: 2011-203fo 2011203fo1 Osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese italiane 2012 Presentazione del progetto di ricerca Agenda 1 Scheda

Dettagli

La presenza femminile nelle Fondazioni ed Associazioni in Emilia-Romagna

La presenza femminile nelle Fondazioni ed Associazioni in Emilia-Romagna DIREZIONE GENERALE AFFARI ISTITUZIONALI E LEGISLATIVI Servizio Innovazione e Semplificazione Amministrativa La presenza femminile nelle ed Associazioni in Emilia-Romagna Quarto Rapporto sugli Enti con

Dettagli

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 4 dicembre 2006 La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 Ufficio della comunicazione Tel. 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2011, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2013 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli