NUMERO VALORE PERCENTUALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUMERO VALORE PERCENTUALE"

Transcript

1 Le istituzioni non profit in provincia di Cremona al Censimento del 2011 L Istat ha svolto il 9 Censimento generale dell industria e dei servizi ed il Censimento delle istituzioni non profit, rilevando i dati al 31 dicembre 2011, con l obiettivo di rappresentare la struttura generale di imprese, istituzioni non profit e istituzioni pubbliche sia in termini di unità giuridico-economiche che di unità locali. Al momento della stesura del presente lavoro non sono ancora disponibili le informazioni per unità locale, pertanto i dati che seguono si riferiscono solo alle sedi. Alla data di riferimento, in provincia di Cremona, sono state rilevate istituzioni non profit (INP) attive. Esse costituiscono l 8,1% delle unità giuridico-economiche rilevate complessivamente che comprendono, come detto, anche le imprese e le istituzioni pubbliche. I dipendenti delle INP che hanno sede in provincia di Cremona sono 6.569, pari al 6,7% degli addetti complessivi. Confronti regionali Nella provincia di Cremona l incidenza del settore non profit è costantemente e sensibilmente più elevata della media regionale e in molti casi si colloca in testa rispetto alle altre province. E il caso ad esempio della numerosità delle INP attive, la cui presenza in rapporto a tutte le unità censite (8,1%) è la più alta in Lombardia assieme alla provincia di Sondrio, e superiore anche al 6,4% nazionale. Ancor più evidente è l incidenza, in provincia di Cremona, degli addetti la quale, seconda solo a Pavia, è quasi doppia di quella registrata sull intero territorio italiano. Istituzioni non profit e relativi addetti dipendenti Valore percentuale sul totale delle unità giuridico-economiche NUMERO VALORE PERCENTUALE Attive Dipendenti Attive Dipendenti Cremona ,1 6,7 Bergamo ,0 4,7 Brescia ,9 5,0 Como ,2 5,8 Lecco ,8 3,5 Lodi ,7 4,7 Mantova ,6 4,3 Milano ,0 3,3 Monza e Brianza ,2 2,7 Pavia ,2 7,6 Sondrio ,1 5,0 Varese ,0 3,7 Lombardia ,4 4,0 Italia ,4 3,4 Anche parametrando i dati principali del settore non profit con la popolazione

2 residente, il quadro generale non cambia di molto e la provincia cremonese presenta praticamente ovunque numeri superiori a quelli medi lombardi e nazionali. Con 6,2 INP per mille residenti, Cremona è al secondo posto in Lombardia, superandone abbondantemente la media di 4,8, simile a quella complessiva italiana. Come numero di addetti dipendenti (6.569 pari a 18,4 ogni mille abitanti), il settore non profit cremonese si colloca dietro solo a Pavia e Milano che superano i 20, e come numero di volontari, i 101 censiti in provincia di Cremona, per un totale di , sono tra i più numerosi in regione, dove la media è di circa 84 ogni mille cittadini residenti e in complesso se ne contano quasi 814 mila. Istituzioni non profit e relativi addetti Addetti Lavoratori Lavoratori INP attive dipendenti esterni temporanei Volontari Valore assoluto Cremona Bergamo Brescia Como Lecco Lodi Mantova Milano Monza Brianza Pavia Sondrio Varese Lombardia Italia Valore per mille residenti Cremona 6,2 18,4 3,9 0,2 101,1 Bergamo 5,1 18,2 3,7 0,1 96,0 Brescia 5,3 18,4 4,1 0,2 91,3 Como 5,2 18,3 4,4 0,1 90,7 Lecco 5,6 11,4 3,7 0,1 102,4 Lodi 5,4 11,4 3,6 0,0 79,7 Mantova 6,0 14,0 3,4 0,1 101,6 Milano 4,0 20,2 8,8 0,3 79,5 Monza e Brianza 3,5 9,1 4,3 0,1 63,0 Pavia 4,9 20,2 4,3 0,3 67,7 Sondrio 6,7 17,1 2,5 0,0 113,9 Varese 4,9 12,4 4,9 0,1 71,6 Lombardia 4,8 17,1 5,5 0,2 83,9 Italia 5,1 11,5 4,6 0,1 80,1 Solo come numero di lavoratori esterni 1, che sono in tutto 1.410, la consistenza relativa nelle INP con sede a Cremona, al 3,9%, è al di sotto della media sia regionale che nazionale, mentre è allineata con gli altri territori lombardi in riferimento alla presenza, peraltro molto contenuta ovunque, di lavoratori temporanei (ex interinali). 1 - Lavoratori distaccati o comandati: cioè lavoratori di altre istituzioni posti a disposizione dell INP per l esecuzione di determinate attività lavorative.

3 I settori di attività ICNPO 2 e la natura giuridica Indipendentemente dalla loro dimensione in termini occupazionali, le INP con sede in provincia di Cremona sono attive in massima parte nelle attività culturali, sportive e ricreative. Sono infatti le istituzioni ricomprese in questo settore, pari ad oltre il 60% del totale e di queste, la metà sono associazioni sportive ed il resto si ripartisce uniformemente tra cultura e attività ricreative e di socializzazione. Altre circa 250 INP, pari all 11% del totale, si occupano invece di assistenza sociale, in massima parte attraverso l offerta di servizi reali alla collettività o a particolari categorie di persone. Con più di un centinaio di istituzioni si trovano anche quello della sanità e quello delle relazioni sindacali. Nello specifico, per il primo si tratta soprattutto di servizi ausiliari di carattere sanitario, mentre il secondo riguarda in modo particolare la tutela sindacale di imprenditori, professionisti e lavoratori. Il restante 15% delle INP si suddivide più o meno equamente tra gli altri settori d attività. Istituzioni non profit per settore di attività Settore di attività non profit Numero INP Valore % Cultura, sport e ricreazione ,1 Istruzione e ricerca 65 2,9 Sanità 123 5,6 Assistenza sociale e protezione civile ,3 Ambiente 29 1,3 Sviluppo economico e coesione sociale 57 2,6 Tutela dei diritti e attività politica 49 2,2 Filantropia e promozione del volontariato 58 2,6 Cooperazione e solidarietà internazionale 32 1,5 Religione 47 2,1 Relazioni sindacali e rappresentanza di interessi 126 5,7 Altre attività 22 1,0 Totale ,0 Il settore non profit cremonese risulta composto in massima parte dalle oltre associazioni non riconosciute che costituiscono quasi il 70% del totale. Si tratta di enti senza il riconoscimento statale e quindi privi di personalità giuridica che perseguono scopi non lucrativi. Una INP cremonese su cinque, pari a 446 unità, si è data invece la forma giuridica più strutturata di associazione riconosciuta che prevede la presenza di un contratto sociale e l assunzione autonoma di obbligazioni. Istituzioni non profit per natura giuridica Natura giuridica Numero INP Valore % Società cooperativa sociale 70 3,2 Associazione riconosciuta ,2 Fondazione 81 3,7 Associazione non riconosciuta ,5 Altra istituzione non profit 97 4,4 Totale ,0 2 - International Classification of Non Profit Organizations.

4 Le fondazioni, enti costituiti principalmente da un patrimonio gestito allo scopo di perseguire fini di carattere non lucrativo, in provincia di Cremona sono 81 e le cooperative sociali 70. Queste ultime sono un particolare tipo di società cooperative con lo scopo di gestire servizi socio-sanitari ed educativi, oppure attività di vario genere finalizzate all'inserimento nel mercato del lavoro di persone svantaggiate. Le risorse umane In estrema sintesi, le risorse umane impiegate a vario titolo nelle INP con sede in provincia di Cremona sono complessivamente oltre 44 mila. Come appare dalla tavola riportata, in massima parte si tratta di lavoratori volontari, che costituiscono più dell 80% del totale e sono in tutto oltre 36 mila, mentre è del tutto trascurabile, in termini numerici, la consistenza dei lavoratori temporanei (ex interinali). Gli addetti dipendenti sono e i lavoratori esterni (collaboratori e occasionali) Risorse umane delle istituzioni non profit per tipologia Tipologia di personale Numero Val. % Addetti dipendenti ,9 Lavoratori esterni ,2 Lavoratori temporanei 60 0,1 Volontari ,8 Totale ,0 Il grosso della manodopera dipendente lo si trova nella sanità e nell assistenza sociale, mentre la grande maggioranza di collaboratori e volontari opera nel settore della cultura, sport e ricreazione. Risorse umane delle istituzioni non profit per settore di attività Settore di attività non profit Addetti Esterni Temporanei Volontari Cultura, sport e ricreazione Istruzione e ricerca Sanità Assistenza sociale e protezione civile Ambiente Sviluppo economico e coesione sociale Tutela dei diritti e attività politica Filantropia e promozione del volontariato Cooperazione e solidarietà internazionale Religione Relazioni sindacali, rappresentanza interessi Altre attività Totale Entrando nel dettaglio delle varie categorie di manodopera, i lavoratori dipendenti delle INP cremonesi, come già anticipato, sono circa e la loro distribuzione tra i vari settori di attività è molto concentrata. Infatti tre su quattro operano solo nei due settori, peraltro correlati, della sanità e dell assistenza sociale. La tavola riportata contiene i dati dei dodici settori principali, ma nell appendice

5 statistica è possibile trovare gli stessi dati, suddivisi però più nel dettaglio, cioè nelle 28 classi sottostanti, e anche per natura giuridica dell istituzione. I quasi tremila addetti censiti nell assistenza sociale, classe che comprende l offerta di servizi reali all intera collettività oppure a determinate categorie di persone, dipendono per oltre il 60% da una fondazione, mentre un altro 25% è impiegato presso una cooperativa sociale. Nella sanità, i duemila addetti si suddividono tra servizi ospedalieri e per lungodegenti e per il 75% sono in servizio presso una fondazione. In ciascuno di questi due settori legati all assistenza sociale e sanitaria, solo poco più di un centinaio sono i dipendenti impiegati presso associazioni. Addetti dipendenti delle istituzioni non profit per settore di attività Settore di attività non profit Numero Valore % Cultura, sport e ricreazione 185 2,8 Istruzione e ricerca 392 6,0 Sanità ,3 Assistenza sociale e protezione civile ,9 Ambiente 5 0,1 Sviluppo economico e coesione sociale 652 9,9 Tutela dei diritti e attività politica 17 0,3 Filantropia e promozione del volontariato 16 0,2 Cooperazione e solidarietà internazionale 1 0,0 Religione 6 0,1 Relazioni sindacali e rappresentanza di interessi 351 5,3 Altre attività 3 0,0 Totale ,0 Con circa 650 addetti dipendenti segue il settore legato allo sviluppo ed alla coesione sociale che, nel caso delle istituzioni non profit cremonesi, significa praticamente solo l attività di addestramento e di inserimento lavorativo svolta da cooperative sociali. Con altri circa 400 addetti ognuno, si trovano altri due settori: l istruzione, soprattutto primaria e secondaria, e l attività di tutela e di rappresentanza di imprenditori, professionisti e lavoratori dipendenti, svolta quest ultima esclusivamente da associazioni. A parte quello culturale e ricreativo che dà lavoro a quasi 200 persone, negli altri settori dove operano le istituzioni cremonesi, le risorse umane dipendenti impiegate sono solo poche decine. Lavoratori esterni delle istituzioni non profit per settore di attività Settore di attività non profit Numero Valore % Cultura, sport e ricreazione ,8 Istruzione e ricerca 115 8,2 Sanità 83 5,9 Assistenza sociale e protezione civile ,7 Ambiente 1 0,1 Sviluppo economico e coesione sociale 41 2,9 Tutela dei diritti e attività politica 8 0,6 Filantropia e promozione del volontariato 5 0,4 Relazioni sindacali e rappresentanza di interessi ,6 Totale ,0 I lavoratori esterni, che come indicato più precisamente nel glossario a fine

6 lavoro, comprendono i collaboratori a progetti e quelli con contratto occasionale, sono in tutto Poco meno della metà operano in associazioni appartenenti al settore ricreativo-culturale e, all interno di questo, la maggioranza degli addetti, poco più di 400, è in istituzioni la cui attività principale è di tipo sportivo. Altri 334 lavoratori esterni, pari a circa uno su quattro, sono attivi nei servizi di assistenza sociale, la maggioranza dei quali dipendono da cooperative sociali. A seguire, in ordine decrescente, si trovano le associazioni di imprenditori, professionisti e lavoratori, con 177 unità, l istruzione primaria, secondaria e professionale (115), e le cooperative sociali e fondazioni attive nella sanità (83). Si è già accennato all irrilevanza numerica dei lavoratori temporanei, i cosiddetti ex interinali, che sono in tutto 60, prevalentemente impegnati in cooperative sociali del comparto sanitario. Lavoratori temporanei delle istituzioni non profit per settore di attività Settore di attività non profit Numero Valore % Cultura, sport e ricreazione 3 5,0 Sanità 46 76,7 Assistenza sociale e protezione civile 11 18,3 Totale ,0 E invece molto robusta la partecipazione all attività delle istituzioni non profit con sede in provincia di Cremona da parte di personale volontario. Si tratta di oltre 36 mila 3 persone che significano una media di oltre 16 volontari per INP. Volontari delle istituzioni non profit per settore di attività Settore di attività non profit Numero Valore % Cultura, sport e ricreazione ,6 Istruzione e ricerca 524 1,4 Sanità ,4 Assistenza sociale e protezione civile ,3 Ambiente 525 1,5 Sviluppo economico e coesione sociale 571 1,6 Tutela dei diritti e attività politica ,8 Filantropia e promozione del volontariato ,5 Cooperazione e solidarietà internazionale 573 1,6 Religione ,3 Relazioni sindacali e rappresentanza di interessi 337 0,9 Altre attività 78 0,2 Totale ,0 Anche in questo caso la distribuzione è tutt altro che uniforme ed infatti quasi il 60% dei volontari è attivo nelle attività culturali, sportive e ricreative. All interno di questo settore invece, come si può vedere meglio nelle tavole in appendice, i volontari sono piuttosto equidistribuiti con una leggera prevalenza nelle attività ricreative e di socializzazione, dove se ne contano circa Appena sotto si trovano quelle sportive, mentre le attività culturali ed artistiche, con 5600 volontari, sono leggermente distanziate. Quindi poco più 3 - Il dato è sovrastimato in quanto una persona può essere volontario in più associazioni.

7 di un volontario su cinque appartiene ad un associazione ricreativa o sportiva, e sei su dieci ad una culturale. Un altra percentuale significativa di operatori volontari la si trova nel settore dell assistenza sociale, dove sono oltre 5000, cioè circa il 14%. Sono invece poco più di 3000 i volontari nel settore della sanità con una netta prevalenza negli altri servizi sanitari, che si occupano cioè tipicamente di donazione di sangue e organi. Il volontariato occupa all incirca un migliaio di persone in altri due settori che riguardano l attività religiosa e l erogazione di contributi. Appendice statistica Istituzioni non profit e relativi addetti per tipologia Addetti Lavoratori Lavoratori Provincia e regione INP attive dipendenti esterni temporanei Volontari Cremona Bergamo Brescia Como Lecco Lodi Mantova Milano Monza Brianza Pavia Sondrio Varese Lombardia Italia

8 Istituzioni non profit per settore di attività ICNPO (*) e forma giuridica Settore di attività ICNPO Ass. Soc. Ass. Fondazione non Altra Totale coop. ric. ric. Cultura, sport e ricreazione Attività culturali e artistiche Attività sportive Attività ricreative e di socializzazione Istruzione e ricerca Istruzione primaria e secondaria Istruzione universitaria Istruzione professionale e degli adulti Ricerca Sanità Servizi ospedalieri generali e riabilitativi Servizi per lungodegenti Servizi psichiatrici ospedalieri e non ospedalieri Altri servizi sanitari Assistenza sociale e protezione civile Servizi di assistenza sociale Servizi di assistenza nelle emergenze Erogazione di contributi monetari e/o in natura Ambiente Protezione dell ambiente Protezione degli animali Sviluppo economico e coesione sociale Promozione dello sviluppo economico e della coesione sociale Tutela e sviluppo del patrimonio abitativo Addestramento e inserimento lavorativo Tutela dei diritti e attività politica Servizi di tutela e protezione dei diritti Servizi legali Organizzazione dell attività di partiti politici Filantropia e promozione del volontariato Erogazione contributi filantropici e raccolta fondi Promozione del volontariato Cooperaz. e solidarietà internazionale Sostegno economico e umanitario all estero Religione Attività di religione e culto Rel. sindacali, rappresentanza d'interessi Tutela interessi di imprenditori e professionisti Tutela degli interessi dei lavoratori Altre attività TOTALE (*) - International Classification of Non Profit Organizations.

9 Addetti dipendenti delle istituzioni non profit per settore di attività e forma giuridica Settore di attività ICNPO (*) Ass. Soc. Ass. Fondazione non Altra Totale coop. ric. ric. Cultura, sport e ricreazione Attività culturali e artistiche Attività sportive Attività ricreative e di socializzazione Istruzione e ricerca Istruzione primaria e secondaria Istruzione universitaria Istruzione professionale e degli adulti Ricerca Sanità Servizi ospedalieri generali e riabilitativi Servizi per lungodegenti Servizi psichiatrici ospedalieri e non ospedalieri Altri servizi sanitari Assistenza sociale e protezione civile Servizi di assistenza sociale Servizi di assistenza nelle emergenze Erogazione di contributi monetari e/o in natura Ambiente Protezione dell ambiente Protezione degli animali Sviluppo economico e coesione sociale Promozione dello sviluppo economico e della coesione sociale Tutela e sviluppo del patrimonio abitativo Addestramento e inserimento lavorativo Tutela dei diritti e attività politica Servizi di tutela e protezione dei diritti Servizi legali Organizzazione dell attività di partiti politici Filantropia e promozione del volontariato Erogazione contributi filantropici e raccolta fondi Promozione del volontariato Cooperaz. e solidarietà internazionale Sostegno economico e umanitario all estero Religione Attività di religione e culto Rel. sindacali, rappresentanza d'interessi Tutela interessi di imprenditori e professionisti Tutela degli interessi dei lavoratori Altre attività TOTALE (*) - International Classification of Non Profit Organizations.

10 Lavoratori esterni nelle istituzioni non profit per settore di attività e forma giuridica Settore di attività ICNPO (*) Ass. Soc. Ass. Fondazione non Altra Totale coop. ric. ric. Cultura, sport e ricreazione Attività culturali e artistiche Attività sportive Attività ricreative e di socializzazione Istruzione e ricerca Istruzione primaria e secondaria Istruzione universitaria Istruzione professionale e degli adulti Ricerca Sanità Servizi ospedalieri generali e riabilitativi Servizi per lungodegenti Servizi psichiatrici ospedalieri e non ospedalieri Altri servizi sanitari Assistenza sociale e protezione civile Servizi di assistenza sociale Servizi di assistenza nelle emergenze Erogazione di contributi monetari e/o in natura Ambiente Protezione dell ambiente Protezione degli animali Sviluppo economico e coesione sociale Promozione dello sviluppo economico e della coesione sociale Tutela e sviluppo del patrimonio abitativo Addestramento e inserimento lavorativo Tutela dei diritti e attività politica Servizi di tutela e protezione dei diritti Servizi legali Organizzazione dell attività di partiti politici Filantropia e promozione del volontariato Erogazione contributi filantropici e raccolta fondi Promozione del volontariato Cooperaz. e solidarietà internazionale Sostegno economico e umanitario all estero Religione Attività di religione e culto Rel. sindacali, rappresentanza d'interessi Tutela interessi di imprenditori e professionisti Tutela degli interessi dei lavoratori Altre attività TOTALE (*) - International Classification of Non Profit Organizations.

11 Lavoratori temporanei nelle INP per settore di attività e forma giuridica Settore di attività ICNPO (*) Ass. Soc. Ass. Fondazione non Altra Totale coop. ric. ric. Cultura, sport e ricreazione Attività culturali e artistiche Attività sportive Attività ricreative e di socializzazione Istruzione e ricerca Istruzione primaria e secondaria Istruzione universitaria Istruzione professionale e degli adulti Ricerca Sanità Servizi ospedalieri generali e riabilitativi Servizi per lungodegenti Servizi psichiatrici ospedalieri e non ospedalieri Altri servizi sanitari Assistenza sociale e protezione civile Servizi di assistenza sociale Servizi di assistenza nelle emergenze Erogazione di contributi monetari e/o in natura Ambiente Protezione dell ambiente Protezione degli animali Sviluppo economico e coesione sociale Promozione dello sviluppo economico e della coesione sociale Tutela e sviluppo del patrimonio abitativo Addestramento e inserimento lavorativo Tutela dei diritti e attività politica Servizi di tutela e protezione dei diritti Servizi legali Organizzazione dell attività di partiti politici Filantropia e promozione del volontariato Erogazione contributi filantropici e raccolta fondi Promozione del volontariato Cooperaz. e solidarietà internazionale Sostegno economico e umanitario all estero Religione Attività di religione e culto Rel. sindacali, rappresentanza d'interessi Tutela interessi di imprenditori e professionisti Tutela degli interessi dei lavoratori Altre attività TOTALE (*) - International Classification of Non Profit Organizations.

12 Volontari nelle istituzioni non profit per settore di attività e forma giuridica Settore di attività ICNPO (*) Ass. Soc. Ass. Fondazione non Altra Totale coop. ric. ric. Cultura, sport e ricreazione Attività culturali e artistiche Attività sportive Attività ricreative e di socializzazione Istruzione e ricerca Istruzione primaria e secondaria Istruzione universitaria Istruzione professionale e degli adulti Ricerca Sanità Servizi ospedalieri generali e riabilitativi Servizi per lungodegenti Servizi psichiatrici ospedalieri e non ospedalieri Altri servizi sanitari Assistenza sociale e protezione civile Servizi di assistenza sociale Servizi di assistenza nelle emergenze Erogazione di contributi monetari e/o in natura Ambiente Protezione dell ambiente Protezione degli animali Sviluppo economico e coesione sociale Promozione dello sviluppo economico e della coesione sociale Tutela e sviluppo del patrimonio abitativo Addestramento e inserimento lavorativo Tutela dei diritti e attività politica Servizi di tutela e protezione dei diritti Servizi legali Organizzazione dell attività di partiti politici Filantropia e promozione del volontariato Erogazione contributi filantropici e raccolta fondi Promozione del volontariato Cooperaz. e solidarietà internazionale Sostegno economico e umanitario all estero Religione Attività di religione e culto Rel. sindacali, rappresentanza d'interessi Tutela interessi di imprenditori e professionisti Tutela degli interessi dei lavoratori Altre attività TOTALE (*) - International Classification of Non Profit Organizations.

13 Glossario Classificazione ICNPO: International Classification of Nonprofit Organizations Classificazione internazionale delle attività svolte dalle istituzioni non profit, elaborata dalla Johns Hopkins University (US, Baltimora). La classificazione comprende 28 classi raggruppate in 12 settori. Al fine di articolare meglio la descrizione del settore non profit italiano, nell ambito della rilevazione censuaria la classificazione è stata integrata con le sezioni dell ATECO (2007) non previste nella ICNPO, ed inserite nel settore Altre attività. Istituzione non profit (INP) Unità giuridico-economica dotata o meno di personalità giuridica, di natura privata, che produce beni e servizi destinabili o non destinabili alla vendita e che, in base alle leggi vigenti o a proprie norme statutarie, non ha facoltà di distribuire, anche indirettamente, profitti o altri guadagni diversi dalla remunerazione del lavoro prestato ai soggetti che la hanno istituita o ai soci. Secondo tale definizione, costituiscono esempi di istituzioni non profit: le associazioni riconosciute e non riconosciute, le fondazioni, le cooperative sociali, i comitati. Rientrano tra le istituzioni non profit anche le organizzazioni non governative, le organizzazioni di volontariato, le organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS), i partiti politici, i sindacati, le associazioni di categoria, gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti. Lavoratore dipendente L insieme degli occupati legati all unità giuridico-economica da un contratto di lavoro diretto, sulla base del quale percepiscono una retribuzione. Sono da considerarsi tali: i dirigenti, i quadri, gli impiegati, gli operai, a tempo pieno o parziale; gli apprendisti; i soci (anche di cooperative) per i quali sono versati contributi previdenziali; i lavoratori a domicilio i- scritti nel libro unico del lavoro (ex libro paga); i religiosi che prestano la propria attività nell unità giuridico-economica e che sono iscritti nel libro unico del lavoro dell unità; i lavoratori stagionali; i lavoratori con contratto di inserimento; i lavoratori con contratto a termine; gli studenti che hanno un impegno formale per contribuire al processo produttivo in cambio di una remunerazione e/o formazione. Lavoratori esterni Sono classificati come lavoratori esterni: i collaboratori a progetto (Co.co.pro.), quelli con contratto occasionale e i collaboratori con contratto occasionale di tipo accessorio (voucher). Lavoratore temporaneo (ex interinale) Persona assunta da un agenzia di somministrazione di lavoro regolarmente autorizzata la quale pone uno o più lavoratori a disposizione dell unità giuridico-economica che ne utilizza la prestazione lavorativa, per il soddisfacimento di esigenze di carattere temporaneo. Volontario Colui che presta la propria opera, anche saltuaria, senza ricevere alcun corrispettivo, presso l istituzione non profit, indipendentemente dal fatto che sia o meno anche socio/associato della stessa. Il volontario non può essere retribuito per tale prestazione in alcun modo, nemmeno dal beneficiario delle prestazioni. Il carattere di volontario è, infatti, incompatibile con qualsiasi forma di rapporto di lavoro subordinato o autonomo e con ogni altro rapporto di contenuto patrimoniale con l istituzione non profit di cui egli fa parte.

ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT

ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT 23 ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT Nel decennio intercensuario 2001/2011 cresce il non profit e si contrae il settore pubblico: al 31 dicembre 2011 le istituzioni pubbliche sono 12.183 (-21,8

Dettagli

LE ISTITUZIONI NON PROFIT IN PUGLIA

LE ISTITUZIONI NON PROFIT IN PUGLIA Censimento dell industria e dei servizi 2011 LE ISTITUZIONI NON PROFIT IN PUGLIA Massimo Lori Direzione Centrale delle rilevazioni censuarie e dei registri statistici Istat Il Censimento delle Istituzioni

Dettagli

Espr.it. la comunità genera nuovo welfare FONDAZIONE CARIPARMA. (Volontariato, Associazionismo, Cooperazione sociale)

Espr.it. la comunità genera nuovo welfare FONDAZIONE CARIPARMA. (Volontariato, Associazionismo, Cooperazione sociale) FONDAZIONE CARIPARMA Espr.it la comunità genera nuovo welfare Alcuni dati sulla provincia di Parma TERZO SETTORE (Volontariato, Associazionismo, Cooperazione sociale) 1 Le organizzazioni di volontariato

Dettagli

9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E SERVIZI, ISTITUZIONI E NON PROFIT

9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E SERVIZI, ISTITUZIONI E NON PROFIT 2 ottobre 2013 9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E SERVIZI, ISTITUZIONI E NON PROFIT VOCAZIONE DIREZIONALE DELLE IMPRESE LOMBARDE E DEL MILANESE Buon dinamismo del tessuto imprenditoriale. Stazionari i livelli

Dettagli

La presenza femminile nelle Fondazioni ed Associazioni in Emilia-Romagna

La presenza femminile nelle Fondazioni ed Associazioni in Emilia-Romagna DIREZIONE GENERALE AFFARI ISTITUZIONALI E LEGISLATIVI Servizio Innovazione e Semplificazione Amministrativa La presenza femminile nelle ed Associazioni in Emilia-Romagna Quarto Rapporto sugli Enti con

Dettagli

9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E SERVIZI, ISTITUZIONI E NON PROFIT

9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E SERVIZI, ISTITUZIONI E NON PROFIT 11 dicembre 2013 9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E SERVIZI, ISTITUZIONI E NON PROFIT Bari, 11 dicembre 2013. Viene presentato oggi un focus sui primi dati regionali del censimento generale industria, servizi,

Dettagli

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO risorsa economica e sociale del VCO TERZO SETTORE: risorsa economica e sociale per il territorio Il censimento 2011, a 10 anni di distanza dal precedente, ci restituisce informazioni che mettono in luce

Dettagli

I numeri del nonprofit in Piemonte:

I numeri del nonprofit in Piemonte: I numeri del nonprofit in Piemonte: principali risultati del Censimento 2011 Torino, 4 luglio 2014 1 Le Istituzioni no profit in Piemonte Biella 5,6%;1.448 Alessandria 10,1%;2.633 Asti 5,6%;1.450 Verbano

Dettagli

ISTITUZIONI NONPROFIT DELLA PROVINCIA DI ASTI

ISTITUZIONI NONPROFIT DELLA PROVINCIA DI ASTI CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO DI ASTI ISTITUZIONI NONPROFIT DELLA PROVINCIA DI ASTI Elaborazione dei risultati della prima rilevazione censuaria ISTAT Anno 1999 Ufficio Studi Marzo 2003 1 L

Dettagli

Rilevazione delle fondazioni

Rilevazione delle fondazioni ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Dipartimento per la produzione statistica e standard tecnici Direzione centrale delle statistiche economiche strutturali Servizio Statistiche sulle istituzioni pubbliche

Dettagli

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Primo Convegno Nazionale Qualita della vita: territorio e popolazioni Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Sabrina Stoppiello, Stafania Della Queva, Manuela Nicosia Censimento

Dettagli

9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI 2011 Rilevazione sulle istituzioni non profit

9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI 2011 Rilevazione sulle istituzioni non profit 9 CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI 2011 Rilevazione sulle istituzioni non profit Nel mese di settembre agli enti ecclesiastici iscritti nella lista precensuaria è pervenuto il questionario Istat

Dettagli

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT 16 Aprile 2014 IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT ALLA LUCE DELL ULTIMO CENSIMENTO Prosegue il processo di diffusione dei dati del Censimento delle istituzioni non profit. Oggi viene presentato un

Dettagli

Rilevazione delle cooperative sociali

Rilevazione delle cooperative sociali ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Dipartimento per la produzione statistica e standard tecnici Direzione centrale delle statistiche economiche strutturali Servizio Statistiche sulle istituzioni pubbliche

Dettagli

Non profit in Trentino

Non profit in Trentino Dicembre 2014 Non profit in Trentino Premessa Con questa pubblicazione, il Servizio Statistica arricchisce l informazione sugli attori del non profit in provincia di Trento, all interno del contesto nazionale

Dettagli

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale VERSIONE PROVVISORIA Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Manlio

Dettagli

Fonte: elaborazione Unioncamere Lombardia su dati ASIA Istat. Tabella 2: Imprese per attività economica Lombardia

Fonte: elaborazione Unioncamere Lombardia su dati ASIA Istat. Tabella 2: Imprese per attività economica Lombardia IL SISTEMA PRODUTTIVO LOMBARDO NEL 2006 SECONDO IL REGISTRO STATISTICO ASIA (giugno 2009) Secondo il registro statistico delle imprese attive e delle loro unità locali (ASIA Imprese e Unità locali) sono

Dettagli

Unità locali delle imprese, delle istituzioni pubbliche e delle istituzioni non profit Imprese

Unità locali delle imprese, delle istituzioni pubbliche e delle istituzioni non profit Imprese La nuova mappa territoriale del sistema istituzionale e produttivo cremonese al Censimento del 2011 - I dati sulle unità locali - L Istat ha svolto il 9 Censimento generale dell industria e dei servizi

Dettagli

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT

IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT 16 Aprile 2014 IL PROFILO DELLE ISTITUZIONI NON PROFIT ALLA LUCE DELL ULTIMO CENSIMENTO Prosegue il processo di diffusione dei dati del Censimento delle istituzioni non profit. Oggi viene presentato un

Dettagli

Nonprofit e Pubblica Amministrazione

Nonprofit e Pubblica Amministrazione Nonprofit e Pubblica Amministrazione Fonti di finanziamento e rapporti di collaborazione Barbara Moreschi U.O. Statistiche sulle istituzioni nonprofit Le Giornate di Bertinoro per l economia civile VIII

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2012 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 1.675 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE

IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE Dossier statistico 2011 a cura di Giugno, 2011 Presentazione Il dossier raccoglie in forma grafica la numerosità della presenza, in provincia di Pordenone, di

Dettagli

Il terzo settore: definizioni, ruoli, evoluzioni, rilevanza. Prof. Carlo Borzaga

Il terzo settore: definizioni, ruoli, evoluzioni, rilevanza. Prof. Carlo Borzaga Il terzo settore: definizioni, ruoli, evoluzioni, rilevanza Prof. Carlo Borzaga Perché parlarne?! poco considerato fino agli anni 90; prevalenza modello socio economico bipolare: Stato-Mercato! interesse

Dettagli

IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA

IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA Dossier statistico 2011 a cura di Giugno, 2011 Presentazione Il dossier raccoglie in forma grafica la numerosità della presenza, in Friuli Venezia Giulia, di tre

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 2 trimestre 2011 Imprese nel complesso In Lombardia, nel secondo trimestre del 2011 le anagrafi camerali registrano un saldo positivo di 6.804 unità. Alla fine di giugno

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2009 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 2.536 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

Sedi, alunni, classi, dotazioni organiche del personale della scuola statale. Situazione di Organico di Diritto Anno scolastico 2005/2006

Sedi, alunni, classi, dotazioni organiche del personale della scuola statale. Situazione di Organico di Diritto Anno scolastico 2005/2006 Sedi, alunni, classi, dotazioni organiche del personale della scuola statale Situazione di Organico di Diritto Anno scolastico 2005/2006 Istituzioni scolastiche - prospetto provinciale Circoli didattici

Dettagli

PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014

PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014 PROGETTO EXCELSIOR ANNO 2014 Le previsioni occupazionali delle cooperative e delle imprese sociali nella Provincia di Bologna. Dati di consuntivo 2013 A cura di: Alessandro De Felice Ufficio Statistica

Dettagli

GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 19 OTTOBRE

GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 19 OTTOBRE GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 19 OTTOBRE 215 SOMMARIO Dall adesione alla presa in carico - Focus 1, 2 e 3 Distribuzione delle prese in carico per fascia

Dettagli

INDAGINE SUL VOLONTARIATO LODIGIANO

INDAGINE SUL VOLONTARIATO LODIGIANO INDAGINE SUL VOLONTARIATO LODIGIANO Vita per Fondazione Banca Popolare di Lodi La valutazione dell impatto economico del volontariato nella Provincia di Lodi INDICE Prefazione di Duccio Castellotti 5 Premessa

Dettagli

L analisi del welfare nelle Valli Bresciane per un nuovo sistema d offerta dei servizi alla persona

L analisi del welfare nelle Valli Bresciane per un nuovo sistema d offerta dei servizi alla persona L analisi del welfare nelle Valli Bresciane per un nuovo sistema d offerta dei servizi alla persona Focus sulla VALLE CAMONICA Socialis, Università degli Studi di Brescia Brescia, 10 dicembre 2014 1 Premessa

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 30 NOVEMBRE

GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 30 NOVEMBRE GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 3 NOVEMBRE 215 SOMMARIO Dall adesione alla presa in carico - Focus 1, 2 e 3 Distribuzione delle prese in carico per fascia

Dettagli

O.N.L.U.S. Requisiti soggettivi ed oggettivi

O.N.L.U.S. Requisiti soggettivi ed oggettivi O.N.L.U.S. Requisiti soggettivi ed oggettivi Individuazione dei soggetti: Possono assumere la qualifica di o.n.l.u.s: - Associazioni - Comitati - Fondazioni - Società cooperative - Altri enti di carattere

Dettagli

Scheda Associazione da inserire in banca dati CSV Pavia e Provincia

Scheda Associazione da inserire in banca dati CSV Pavia e Provincia Scheda Associazione da inserire in banca dati CSV Pavia e Provincia Denominazione DATI ANAGRAFICI Sigla/Acronimo Preferenza per la sigla: Sì No Sede legale Sede operativa (se diverso da sede legale) per

Dettagli

IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA

IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA Dossier statistico 2013 a cura di In collaborazione con: Presentazione Il dossier illustra in forma grafica la consistenza, in Friuli Venezia Giulia, del Terzo

Dettagli

IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI

IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI ŀ IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI Il settore degli Apparecchi elettrici rappresenta una voce importante dell interscambio commerciale locale, soprattutto se si pensa che da tempo 1 genera

Dettagli

Conti economici nazionali

Conti economici nazionali Conti economici nazionali Definizioni correnti Ammortamento Rappresenta la perdita di valore subita dai capitali fissi (macchinari, impianti, mezzi di trasporto, etc.) nel corso dell anno a causa dell

Dettagli

Rilevazione delle fondazioni

Rilevazione delle fondazioni ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Dipartimento per la produzione statistica e standard tecnici Direzione centrale delle statistiche economiche strutturali Servizio Statistiche sulle istituzioni pubbliche

Dettagli

Ovvero: Azione Volontaria, Terzo Sistema, Economia Civile, Terza Dimensione, Privato Sociale, Settore Non Profit

Ovvero: Azione Volontaria, Terzo Sistema, Economia Civile, Terza Dimensione, Privato Sociale, Settore Non Profit TERZO SETTORE Ovvero: Azione Volontaria, Terzo Sistema, Economia Civile, Terza Dimensione, Privato Sociale, Settore Non Profit E l insieme di soggetti organizzativi di natura privata volti alla produzione

Dettagli

Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento

Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento Area Disabilità La politica regionale lombarda in quest area è particolarmente attiva, con servizi ed interventi a carattere educativo, formativo

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Conferenza stampa per l avvio dell anno scolastico 2012-2013 Documentazione 11 settembre 2012 Redazione ed editing a cura di: Morena Modenini, Bruna Baggio Ufficio IV - USR Lombardia

Dettagli

Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli

Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli Il nuovo indice trimestrale di fatturato della manutenzione e riparazione di autoveicoli I trimestre 2001 IV trimestre 2004 27 aprile 2005 Ufficio della comunicazione tel. +39 06 4673.2244-2243 Centro

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

GLI ENTI D EROGAZIONE IN ITALIA

GLI ENTI D EROGAZIONE IN ITALIA GLI ENTI D EROGAZIONE IN ITALIA Sono 4.388 gli enti di diritto privato che hanno indicato come attività prevalente o esclusiva l erogazione di sussidi a individui, piuttosto che quella di contributi a

Dettagli

Anno Accademico 2012-2013. CLEACC classe 12. Francesco Dal Santo

Anno Accademico 2012-2013. CLEACC classe 12. Francesco Dal Santo Università ità Commerciale Luigi i Bocconi Anno Accademico 2012-2013 Scienza delle Finanze CLEACC classe 12 ENTI NON COMMERCIALI Francesco Dal Santo Panoramica Qualificazione ENTI NON COMMERCIALI Non commercialità:

Dettagli

SARO UN PROFESSIONISTA DEL NON PROFIT ASSOCIAZIONE MOVIMENTO PROGETTO LAVORO

SARO UN PROFESSIONISTA DEL NON PROFIT ASSOCIAZIONE MOVIMENTO PROGETTO LAVORO SARO UN PROFESSIONISTA DEL NON PROFIT ASSOCIAZIONE MOVIMENTO PROGETTO LAVORO Che cos è il Terzo Settore? La definizione di Terzo Settore viene utilizzata per individuare tutto ciò che si differenzia sia

Dettagli

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di Commercio

L economia reale dal punto di osservazione della Camera di Commercio RAPPORTO 2014 L economia reale dal punto di osservazione della Camera di Commercio A cura di: Maria Grazia Cappelli, Angela Ugoni e Enrico Maffezzoni Reperibile, completo di allegato statistico, sul sito

Dettagli

Una proposta per le imprese in cerca di vantaggi.

Una proposta per le imprese in cerca di vantaggi. Una proposta per le imprese in cerca di vantaggi. IL MONDO DI AUSER Auser è Auser è l Associazione che valorizza gli anziani. Che li aiuta a risolvere infiniti problemi. Che con le sue iniziative, i suoi

Dettagli

Il movimento demografico nei primi tre mesi 2015 Riepiloghi mensili 2015. Open data. Presentato il nuovo portale della Regione

Il movimento demografico nei primi tre mesi 2015 Riepiloghi mensili 2015. Open data. Presentato il nuovo portale della Regione oltre 65 età non attiva; 19,87 0-14 età non attiva; 14,17 Open data. Presentato il nuovo portale della Regione 15-64 età attiva; 65,96 Struttura della popolazione Indicatori di struttura Altri indicatori

Dettagli

Convenzione Elba Regione Lombardia. Progetto E Analisi e studio di modelli di intervento a favore di imprese artigiane

Convenzione Elba Regione Lombardia. Progetto E Analisi e studio di modelli di intervento a favore di imprese artigiane Convenzione Elba Regione Lombardia Progetto E Analisi e studio di modelli di intervento a favore di imprese artigiane Sintesi del rapporto di ricerca 1 Parte prima Il quadro istituzionale e normativo 2

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2009-2010 1 2 INDICE Introduzione... 5 Sezione 1 Le scuole... 7 Il sistema scolastico lombardo... 9 1.1 Scuole statali... 9 1.2 Scuole non statali

Dettagli

Dubbi? Consulti la guida! Dubbi? Consulti

Dubbi? Consulti la guida! Dubbi? Consulti QUESTIONARIO Codice Questionario Sistema Statistico Nazionale Istituto Nazionale di Statistica Cosa bisogna fare? Sono obbligato a rispondere? La riservatezza è tutelata? A chi posso rivolgermi in caso

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE Provincia di Cremona 1 2015 Nel primo 2015, le imprese italiane prevedono di stipulare quasi 210.000 nuovi contratti di

Dettagli

Rilevazione sulle istituzioni non profit

Rilevazione sulle istituzioni non profit Codice Questionario QUESTIONARIO Sistema Statistico Nazionale Istituto Nazionale di Statistica CENSIMENTO DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI 2011 Rilevazione sulle istituzioni non profit 31 DICEMBRE 2011 LEGGE

Dettagli

O N L U S. Realizzazione MOVIDA per Sport&Management

O N L U S. Realizzazione MOVIDA per Sport&Management O N L U S Possono essere ONLUS le associazioni, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e altri enti privati con o senza personalità giuridica O N L U S Non possono essere ONLUS gli enti pubblici,

Dettagli

Per quanto riguarda le aree marine protette l approccio scelto è quello di considerare per intero i comuni ricadenti nelle singole aree.

Per quanto riguarda le aree marine protette l approccio scelto è quello di considerare per intero i comuni ricadenti nelle singole aree. NOTA METODOLOGICA Le informazioni presenti nelle pagine di questo portale fanno riferimento al complesso dei comuni più significativi per ciascuna tipologia di area protetta. Con il concetto di comuni

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI

Tema d esame ATTRAVERSO IL BILANCIO ATTIVITÀ DIDATTICHE. di Luisa VENINI Tema d esame ATTIVITÀ DIDATTICHE REDDITO, PATRIMONIO E ATTRAVERSO IL BILANCIO LORO RAPPRESENTAZIONE di Luisa VENINI MATERIE AZIENDALI (classe 5 IP Tecnico servizi sociali) Tecnica amministrativa Il candidato,

Dettagli

La presenza femminile nelle Fondazioni ed Associazioni in Emilia-Romagna

La presenza femminile nelle Fondazioni ed Associazioni in Emilia-Romagna DIREZIONE GENERALE AFFARI ISTITUZIONALI E LEGISLATIVI Servizio Innovazione e Semplificazione Amministrativa La presenza femminile nelle ed in Emilia-Romagna Quarto Rapporto sugli Enti con personalità giuridica

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

AGGIORNAMENTO FISCALE Traccia dell intervento

AGGIORNAMENTO FISCALE Traccia dell intervento Conferenza Episcopale Italiana 3 Convegno Nazionale degli Economi Diocesani L Istruzione in materia amministrativa 2005 AGGIORNAMENTO FISCALE Traccia dell intervento Rag. PATRIZIA CLEMENTI, Tributarista

Dettagli

Il Volontariato e il CCV-MI ruoli e funzioni

Il Volontariato e il CCV-MI ruoli e funzioni Il Volontariato e il CCV-MI ruoli e funzioni CORSO per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile - Lainate 29 Novembre 2010 OBIETTIVI dell Incontro 1.Conoscere in generale, il contesto legislativo

Dettagli

2. LAVORARE NEL NON PROFIT IN ITALIA E ALL ESTERO

2. LAVORARE NEL NON PROFIT IN ITALIA E ALL ESTERO NoProfit_001_128.qxd 23-04-2008 16:41 Pagina 9 2. LAVORARE NEL NON PROFIT IN ITALIA E ALL ESTERO 9 2. LAVORARE NEL NON PROFIT IN ITALIA E ALL ESTERO PREMESSA Le edizioni IALweb hanno dato vita a questo

Dettagli

Studenti e Lavoro Provincia di Lecco

Studenti e Lavoro Provincia di Lecco Studenti e Lavoro Provincia di Lecco Luglio 2010 - Settembre 2012 Osservatorio del Mercato del Lavoro della Provincia di Lecco Rapporto a cura di: Centro di Ricerca Interuniversitario per i Servizi di

Dettagli

Welfare locale, Strutture di Servizi e Terzo settore

Welfare locale, Strutture di Servizi e Terzo settore Corso Laurea Politiche e Servizi Sociali Roma, 24 aprile 2013 Welfare locale, Strutture di Servizi e Terzo settore Marco Accorinti Titolo della lezione odierna: Gli attori del welfare: istituzionali, privati

Dettagli

FEDERAZIONE NAZIONALE SOCIETA DI SAN VINCENZO DE PAOLI. Senigallia,Sabato 25 ottobre 2014

FEDERAZIONE NAZIONALE SOCIETA DI SAN VINCENZO DE PAOLI. Senigallia,Sabato 25 ottobre 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE SOCIETA DI SAN VINCENZO DE PAOLI Senigallia,Sabato 25 ottobre 2014 Di cosa parleremo? Che cos è il non profit? Le ONP: le Fonti normative Le Organizzazioni di Volontariato 2 CHE COS

Dettagli

Statistica e Osservatori LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN REGIONE LOMBARDIA. In Generale. Coordinamento editoriale:

Statistica e Osservatori LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN REGIONE LOMBARDIA. In Generale. Coordinamento editoriale: Statistica e Osservatori NOTIZIESTATISTICHE Numero 7 - Novembre 2007 (Estratto dal Comunicato Stampa di Istat sulle Agrituristiche del 16 novembre 07) LE AZIENDE AGRITURISTICHE IN REGIONE LOMBARDIA L Istat

Dettagli

E. Alberto Bertolotti Amministratore Delegato ACF SpA

E. Alberto Bertolotti Amministratore Delegato ACF SpA E. Alberto Bertolotti Amministratore Delegato ACF SpA IL METODO ANALISI DI ALCUNE DELLE PRINCIPALI MISURE AGEVOLATIVE LOMBARDE PER LE PMI INDUSTRIALI MISURE AGEVOLATIVE ANALIZZATE METODOLOGIA ANALISI ECONOMICO

Dettagli

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 1. RIFORMA DELLA DISCIPLINA TRIBUTARIA DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E ISTITUZIONE DELLE ONLUS modifica la disciplina degli enti non commerciali in materia di imposte sul

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI 4 TRIMESTRE 2014 START-UP INNOVATIVE Elaborazioni a: 20 gennaio 2015 Principali evidenze A fine dicembre 2014 il numero di startup innovative

Dettagli

I MODELLI DI IMPRESA COOPERATIVA SPORTIVA. Forlì, 27 novembre 2015

I MODELLI DI IMPRESA COOPERATIVA SPORTIVA. Forlì, 27 novembre 2015 I MODELLI DI IMPRESA COOPERATIVA SPORTIVA Forlì, 27 novembre 2015 CARATTERISTICHE DISTINTIVE DELLA COOPERATIVA Codice Civile art. 2511 (Società cooperative) Le Cooperative sono: società a capitale variabile

Dettagli

Onlus ed enti non commerciali

Onlus ed enti non commerciali CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Onlus ed enti non commerciali Thomas Tassani Aggregato di Diritto Tributario Università di Urbino Carlo Bo

Dettagli

Accesso al lavoro delle persone disabili

Accesso al lavoro delle persone disabili Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Seduta del 4 ottobre 2012 Accesso al lavoro delle persone disabili Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali

Dettagli

Corso di ragioneria generale

Corso di ragioneria generale Corso di ragioneria generale LAUREA TRIENNALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE D AZIENDA PROF.SSA SABRINA SPALLINI A.A. 2013/ 2014 ATTIVITÀ ECONOMICA E CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE MARKETING E COMUNICAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef CIRCOLARE N. 56/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 10 dicembre 2010 OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef 2 INDICE PREMESSA

Dettagli

L ATTIVITA E IL PATRIMONIO DELLE AZIENDE DI EROGAZIONE AZIENDE NON PROFIT

L ATTIVITA E IL PATRIMONIO DELLE AZIENDE DI EROGAZIONE AZIENDE NON PROFIT L ATTIVITA E IL PATRIMONIO DELLE AZIENDE DI EROGAZIONE AZIENDE NON PROFIT 1 COOPERATIVE SOCIALI ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO ONLUS 2 Le aziende di erogazione: producono beni e servizi non destinati allo

Dettagli

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE Edizione 2002 in collaborazione con RAPPORTO SUL CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE - Edizione 2002 RAPPORTO SUL

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali

Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Sociologia Corso di laurea in Servizio Sociale Anno Accademico 2008/09 Corso Organizzare un servizio Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali

Dettagli

Presentazione Rapporto sulle Imprese Cooperative in Provincia di Brescia

Presentazione Rapporto sulle Imprese Cooperative in Provincia di Brescia CONVEGNO PRESENTAZIONE RAPPORTO SULLA COOPERAZIONE BRESCIANA A cura dell Osservatorio dell Economia Sociale MERCOLEDI 18 APRILE 2012 AUDITORIUM Camera di Commercio di Brescia In collaborazione con Presentazione

Dettagli

ORIENTAMENTO AL LAVORO NEL TERZO SETTORE 21 gennaio 2014 ASSOCIAZIONE MOVIMENTO PROGETTO LAVORO

ORIENTAMENTO AL LAVORO NEL TERZO SETTORE 21 gennaio 2014 ASSOCIAZIONE MOVIMENTO PROGETTO LAVORO ORIENTAMENTO AL LAVORO NEL TERZO SETTORE 21 gennaio 2014 ASSOCIAZIONE MOVIMENTO PROGETTO LAVORO NASCITA DEFINIZIONE TERZO SETTORE La prima definizione si ritrova in Europa a partire dalla metà degli anni

Dettagli

I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI. Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre

I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI. Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE (O.N.L.U.S.) D.LGS. 4 dicembre 1997 n 460 (ART. 10 e SS.) C.M. 26

Dettagli

INQUADRAMENTO CIVILISTICO E FISCALE DELLE BANDE MUSICALI

INQUADRAMENTO CIVILISTICO E FISCALE DELLE BANDE MUSICALI INQUADRAMENTO CIVILISTICO E FISCALE DELLE BANDE MUSICALI 21 Settembre 2008 LE BANDE MUSICALI Definizione di ente senza fine di lucro. Definizione di ente non commerciale. Attività svolte dall associazione

Dettagli

Nonprofit: un pilastro del Paese

Nonprofit: un pilastro del Paese Banca Prossima 1 Nonprofit: un pilastro del Paese Il mondo nonprofit è fondamentale per l economia e la società italiane 250.000 organizzazioni «laiche» 26,4 milioni di utenti diretti (il 45% della popolazione)

Dettagli

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Redditi di lavoro dipendente Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo è il contratto mediante il quale l impresa fornitrice pone uno o più lavoratori,

Dettagli

Seminari per referenti locali e tutor di Volontari lettori Obiettivi dei seminari

Seminari per referenti locali e tutor di Volontari lettori Obiettivi dei seminari Seminari per referenti locali e tutor di Volontari lettori Obiettivi dei seminari Comunicare NpL Fase 4 Prima azione: Azioni per una corretta ed efficace messa a sistema del volontariato in Nati per Leggere

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre Archivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA) L archivio è costituito dalle unità economiche che

Dettagli

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi!

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! DONARE AL VOLONTARIATO Vantaggi e opportunità per imprese e persone!l attuale normativa, dopo l approvazione anche della legge Le Organizzazioni di

Dettagli

Articolazione e aspetti generali del mercato del lavoro del nonprofit

Articolazione e aspetti generali del mercato del lavoro del nonprofit Convegno Osservatorio sulle Risorse Umane nel Nonprofit Quale futuro per le persone nel nonprofit Milano Lunedì 23 maggio 2005 Articolazione e aspetti generali del mercato del lavoro del nonprofit Carlo

Dettagli

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma.

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma. Costo del lavoro Esempi di calcolo La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Ai sensi dell art. 2222 c.c. è lavoratore autonomo colui

Dettagli

GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 16 MAGGIO

GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 16 MAGGIO GARANZIA GIOVANI RAPPORTO DI REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DALLA DATA DI AVVIO AL 16 MAGGIO 2016 SOMMARIO Dall adesione alla presa in carico - Focus 1, 2 e 3 Distribuzione delle prese in carico per fascia

Dettagli

I trimestre 2015 INDICATORI DEL LAVORO NELLE IMPRESE

I trimestre 2015 INDICATORI DEL LAVORO NELLE IMPRESE 17 giugno 2015 I trimestre 2015 INDICATORI DEL LAVORO NELLE IMPRESE A partire dalla data odierna l Istat arricchisce gli indicatori del lavoro nelle imprese con la diffusione degli indici, generale e settoriali,

Dettagli

Interventi formativi per lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali in deroga

Interventi formativi per lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali in deroga Fondo Sociale Europeo POR 2007-13 Misure di politica attiva del lavoro in Friuli Venezia Giulia Interventi formativi per lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali in deroga In base all accordo del

Dettagli

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore a cura di Roberta De Pirro - Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net http://www.sciume.net/ Premessa Dopo un lungo e discusso

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO INDAGINE TRIMESTRALE SUI POSTI DI LAVORO VACANTI E LE ORE LAVORATE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO INDAGINE TRIMESTRALE SUI POSTI DI LAVORO VACANTI E LE ORE LAVORATE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO INDAGINE TRIMESTRALE SUI POSTI DI LAVORO VACANTI E LE ORE LAVORATE Il questionario deve essere compilato con i dati relativi all intera impresa indicata nella Sezione

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

aspetti aziendali e di gestione del ASP E FONDAZIONI personale Forlì 14 dicembre 2004

aspetti aziendali e di gestione del ASP E FONDAZIONI personale Forlì 14 dicembre 2004 ASP E FONDAZIONI aspetti aziendali e di gestione del personale Forlì 14 dicembre 2004 1 Le fondazioni come soggetto dell economia aziendale l economia aziendale ha per oggetto l ordine economico degli

Dettagli

STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus

STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus La Fondazione di partecipazione CUMSE intende collocarsi nella tradizione della cooperazione internazionale laica di ispirazione cristiana operando

Dettagli

Le cooperative sociali in Italia

Le cooperative sociali in Italia 26 settembre 2003 Le cooperative sociali in Italia Anno 2001 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3102 Informazioni e chiarimenti

Dettagli