2008 Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle banche (CDB 08)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2008 Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle banche (CDB 08)"

Transcript

1 008 Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle banche (CDB 08)

2 Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle banche (CDB 08) tra l Associazione Svizzera dei Banchieri ( ASB ) da una parte e le sottoscritte banche ( banche ) dall altra parte del 7 aprile 008

3 Indice Introduzione... 7 A Art. Preambolo... 7 Campo di applicazione territoriale... 7 Rapporto con altre disposizioni Delimitazione rispetto alla LRD e all ORD-CFB.8 4 Commenti sulla convenzione di diligenza... 9 Identificazione del contraente e determinazione dell avente diritto economico... 0 Art. Identificazione del contraente Libretti di risparmio al portatore Valori mobiliari... 7 Operazioni di cassa... 8 Obbligo di identificazione a prescindere dal limite minimo.... Persone fisiche... 9 Identificazione quando il cliente si presenta di persona... 0 Identificazione in caso di apertura per corrispondenza della relazione d affari... Soggetti preposti al rilascio di attestazioni di autenticità.... Persone giuridiche e società di persone...3 Identificazione in caso di iscrizione nel registro di commercio svizzero o in un registro estero equivalente Identificazione senza iscrizione nel registro di commercio svizzero o in un registro estero equivalente Verifica dell identità delle persone che aprono la relazione e presa di conoscenza delle disposizioni in materia di procure Identificazione per le società semplici, le società in fase di costituzione e i trustee...4 3

4 6 Attualità dell estratto del registro di commercio o di un attestato equivalente Persone giuridiche generalmente conosciute4 3. Casi particolari Titolari di conto minorenni e conti per garanzia di locazione Identificazione interna a un gruppo Identificazione in altro modo adeguato Disposizioni generali per l accertamento dell identità e per la sorveglianza...6 Delega della procedura di identificazione...6 Obbligo di documentazione Obbligo di garanzia Scadenze per l adempimento dell obbligo di documentazione...7 Art. 3 Determinazione dell avente diritto economico Dubbi circa la corrispondenza tra contraente e avente diritto economico Apertura per corrispondenza di una relazione d affari con una persona fisica Indicazioni da documentare Firma del formulario A Seri dubbi circa la correttezza della dichiarazione del contraente Modello del formulario A Formulario A proprio Conti e depositi collettivi Forme d investimento collettivo e società di partecipazione Banche e altri intermediari finanziari nonché autorità svizzere come contraenti Delega della determinazione dell avente diritto economico e scadenze per l adempimento dell obbligo di documentazione Obbligo di garanzia...3 4

5 B C Art. 4 Art. 5 Art Regolamentazione speciale per le società di sede e i detentori di segreto professionale...3 Procedura relativa alle società di sede Concetto di società di sede Holding, società immobiliari ecc Avente diritto economico di una società di sede Modo di determinazione dell avente diritto economico Società quotate in borsa Valori patrimoniali privi di un avente diritto economico determinato Procedura in caso di strutture revocabili Cambiamenti nelle firme autorizzate...6 Persone soggette al segreto professionale Modello del formulario R...7 Ripetizione dell identificazione del contraente o della determinazione dell avente diritto economico (artt. 5) Interruzione di una relazione d affari in corso...8 Divieto di prestare assistenza attiva alla fuga di capitali... 9 Art. 7 Fuga di capitali Concetto di fuga di capitali Trasferimento di capitali all estero Forme di assistenza attiva Visite ai clienti all estero Accettazione di valori patrimoniali in Svizzera...30 Divieto di prestare assistenza attiva all evasione fiscale e a pratiche analoghe... 3 Art. 8 Evasione fiscale e pratiche analoghe Attestazioni incomplete o fuorvianti...3 5

6 54 Attestazioni realizzate a un determinato scopo e modifiche Concetto di attestazione incompleta Concetto di attestazione fuorviante...3 D Altre disposizioni Art. 9 Conti cifrati Indicazione dei conti cifrati nelle dichiarazioni...33 Art. 0 Controllo da parte delle società di revisione...33 Art. Infrazioni alla convenzione di diligenza, sanzioni..34 Art. Commissione di sorveglianza, inquirenti Informazione circa la prassi adottata nelle delibere della commissione di sorveglianza Interpretazioni della convenzione di diligenza...39 Art. 3 Procedura arbitrale...39 Art. 4 Entrata in vigore...40 Art. 5 Disposizioni transitorie...4 6

7 Introduzione Art. Preambolo a) Allo scopo di salvaguardare la buona reputazione del sistema bancario svizzero all interno e all estero, b) nell intento di definire delle norme che assicurino una irreprensibile gestione degli affari nell accettazione di relazioni d affari e nell uso del segreto bancario, c) con la volontà di fornire un apporto efficiente alla lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo, le banche si obbligano, con la firma della presente convenzione di diligenza, nei confronti dell ASB, nella sua qualità di organizzazione mantello incaricata di salvaguardare gli interessi e la reputazione del sistema bancario svizzero, a: a) identificare il loro contraente e farsi rilasciare da lui, nei casi dubbi, una attestazione riguardante l avente diritto economico dei valori patrimoniali; b) non prestare alcuna assistenza attiva alla fuga di capitali; c) non prestare alcuna assistenza attiva all evasione fiscale e ad atti simili rilasciando attestazioni incomplete o che in altro modo possano indurre in errore. Campo di applicazione territoriale Sottostanno alla convenzione di diligenza le banche e i commercianti di valori mobiliari firmatari con le loro sedi, succursali e agenzie stabilite in Svizzera, ma non le loro filiali, rappresentanze e società affiliate stabilite all estero (cfr. tuttavia le cifre, 9 e ). Le banche non possono ricorrere alle loro succursali estere o a società estere del proprio gruppo attive nel settore bancario o finanziario per eludere la presente convenzione. 7

8 Rapporto con altre disposizioni La convenzione di diligenza non comporta alcuna modifica in termini di obbligo di salvaguardia del segreto bancario. Essa non può e non vuole: a) integrare le legislazioni: valutaria, fiscale ed in materia economica estera nel diritto svizzero, né imporne l osservanza alle banche svizzere (sempre che ciò non sia previsto dai trattati internazionali in vigore e dalla legislazione svizzera); b) scostarsi dalla prassi giudiziaria attuale nel campo del diritto internazionale; c) modificare lo status dei rapporti di diritto civile esistenti fra la banca e i suoi partner contrattuali. 3 Delimitazione rispetto alla LRD e all ORD-CFB La convenzione di diligenza rende vincolanti le regole di deontologia professionale della gestione bancaria. Esse mirano a concretizzare determinati doveri di diligenza regolamentati nell ambito della legge sul riciclaggio di denaro (art. 3-5 LRD) così come il concetto di diligenza richiesta dalle circostanze nell accettazione di valori patrimoniali (art. 305ter CP). Gli obblighi particolari di chiarimento nell ambito di relazioni d affari o di transazioni che comportano un rischio maggiore sono oggetto dell ordinanza antiriciclaggio della CFB. Pertanto attraverso essa non deve essere intralciata la normale attività bancaria. L applicazione per analogia della CDB agli emittenti delle carte di credito è disciplinata a parte da specifiche regole. 8

9 4 Commenti sulla convenzione di diligenza La CDB 08 è corredata da un commento sui singoli articoli e sulle cifre quadro redatto a cura dell ASB. Tale commento deve essere tenuto in considerazione come materiale di riferimento ai fini dell interpretazione della convenzione di diligenza. 9

10 A Identificazione del contraente e determinazione dell avente diritto economico Art. Identificazione del contraente Le banche sono obbligate ad identificare il contraente al momento dell apertura dei rapporti d affari con lui. Questo vale per: a) l apertura di conti o di libretti; b) l apertura di depositi; c) l espletamento di operazioni fiduciarie; d) la locazione di cassette di sicurezza; e) l accettazione di mandati per amministrare patrimoni depositati presso terze persone; f) l esecuzione di affari commerciali tramite titoli, divise così come metalli preziosi e altre merci (commodities) di importo superiore a CHF ; g) le operazioni di cassa di importo superiore a CHF Non è necessario accertare nuovamente l identità di un contraente già correttamente identificato che apre ulteriori relazioni d affari. Questo principio trova applicazione anche per la verifica dell identità delle persone che aprono la relazione e per la presa di conoscenza delle disposizioni in materia di procure ai sensi della cifra 4, nonché per le aperture di relazioni d affari ai sensi della cifra 5. 5 Libretti di risparmio al portatore L apertura di nuovi libretti di risparmio al portatore è vietata. I libretti esistenti devono essere disdetti al momento della loro prima presentazione fisica. Per i libretti al portatore è inoltre 0

11 necessario verificare l identità di chi effettua i prelievi; i versamenti non possono più essere accettati. 6 Valori mobiliari Per titoli devono intendersi titoli di credito unificati e adatti al commercio di massa, diritti non documentali con la stessa funzione (diritti di valore) e derivati (cfr. art. let. a LBCVM). In questa categoria sono anche da considerare prodotti finanziari non standardizzati. 7 Operazioni di cassa Per operazioni di cassa devono intendersi le operazioni eseguite in contanti allo sportello (cambio, acquisto e vendita di metalli preziosi, sottoscrizione di obbligazioni di cassa e di prestiti obbligazionari, vendita in contanti di assegni di viaggio, incasso in contanti di assegni ecc.). Versamenti e prelevamenti in contanti in relazione a conti o libretti esistenti così come depositi o consegne di titoli garantiti in relazione a depositi esistenti non sono da intendersi come operazioni di cassa (rimane riservata la cifra 5). 8 Obbligo di identificazione a prescindere dal limite minimo Il contraente deve essere identificato anche quando esegue operazioni per importi inferiori al limite minimo (art. cpv., lett. f e g ), qualora egli cerchi palesemente di eludere l obbligo di identificazione ripartendo gli importi in diverse transazioni (cosiddetto smurfing ). A prescindere dal limite minimo (art. cpv., lett. f e g ) e dalle eccezioni in materia di identificazione formale previste alla cifra 8, il contraente deve essere sempre identificato qualora sussista il fondato sospetto che i valori patrimoniali possano avere origine dalle fonti definite nell art. 9 cpv. LRD.

12 . Persone fisiche 9 Identificazione quando il cliente si presenta di persona Quando il contraente si presenta di persona à vedere, la banca ne accerta l identità prendendo visione di un documento di legittimazione comprensivo di una fotografia (passaporto, carta d identità, licenza di condurre et similia), che viene fotocopiato annotando i dati richiesti ai sensi della cifra. 0 Identificazione in caso di apertura per corrispondenza della relazione d affari Quando la relazione d affari viene aperta per corrispondenza oppure via Internet, la banca identifica il contraente richiedendo una copia autentificata di un documento di identificazione ai sensi della cifra 9 e verificando inoltre l indirizzo di domicilio del contraente stesso mediante l invio di corrispondenza o altro mezzo equivalente. Soggetti preposti al rilascio di attestazioni di autenticità L autenticità della copia del documento di identificazione può essere attestata da a) una succursale, una rappresentanza o una società associata della banca, b) una banca corrispondente o un altro intermediario finanziario appositamente riconosciuto a tale scopo dalla banca emittente, c) un notaio o un altro ente pubblico normalmente preposto al rilascio di tali attestazioni di autenticità. È considerata valida anche l identificazione effettuata sulla base di un documento di legittimazione in occasione della consegna o del ritiro della corrispondenza, nella misura in cui vi sia la garanzia che la notifica postale giunga al destinatario e a lui solo.

13 . Persone giuridiche e società di persone Identificazione in caso di iscrizione nel registro di commercio svizzero o in un registro estero equivalente Qualora venga avviata una relazione d affari con una persona giuridica o una società di persone iscritta nel registro di commercio svizzero o in un registro estero equivalente, la banca identifica il contraente attraverso un estratto rilasciato dall ente che amministra il registro stesso, oppure mediante un estratto scritto tratto da una banca dati gestita dall autorità di registro stessa, da un autorità di sorveglianza o da un soggetto privato di comprovata affidabilità. 3 Identificazione senza iscrizione nel registro di commercio svizzero o in un registro estero equivalente Le persone giuridiche o le società di persone non iscritte nel registro di commercio svizzero o in un registro estero equivalente devono essere identificate sulla base di un estratto scritto tratto da una banca dati gestita da un autorità di vigilanza o da un soggetto privato di comprovata affidabilità, oppure sulla base degli statuti societari o di altri documenti equivalenti. 4 Verifica dell identità delle persone che aprono la relazione e presa di conoscenza delle disposizioni in materia di procure Per le persone giuridiche o le società di persone è inoltre necessario verificare l identità delle persone fisiche che effettuano concretamente l apertura della relazione d affari. Tale accertamento può essere effettuato attraverso la copia di un documento ai sensi della cifra 9, oppure mediante una copia autenticata di un documento di legittimazione ai sensi della cifra 0. L identità della persona che effettua l apertura può essere verificata anche mediante l autenticazione della firma, la quale può essere rilasciata dalle persone/istituzioni di cui alla cifra 3

14 della convenzione di diligenza. 3 All apertura di relazioni d affari con persone giuridiche, la banca deve inoltre prendere atto e documentare le disposizioni in materia di procure. 4 In caso di relazioni d affari con intermediari finanziari soggetti a sorveglianza in base a leggi speciali ai sensi delle cifre 34, in luogo della procedura di cui alla cifra 4 cpv. 3 è possibile lo scambio di registri di firme, chiavi elettroniche o altri supporti comunemente utilizzati nelle attività operative. 5 Identificazione per le società semplici, le società in fase di costituzione e i trustee Nel caso delle società semplici, devono essere identificate le persone detentrici del diritto di firma nei confronti della banca. Per le società in fase di costituzione, devono essere identificate le persone che effettuano l apertura della relazione d affari. 3 Per le relazioni di trust deve essere identificato il trustee. Inoltre, il trustee è tenuto a confermare per iscritto (ad es. mediante il formulario T) di essere autorizzato ad aprire per conto del trust una relazione d'affari presso la banca. 6 Attualità dell estratto del registro di commercio o di un attestato equivalente L estratto del registro di commercio oppure il documento equivalente non deve essere datato di oltre mesi. Un eventuale documento rilasciato in data antecedente a tale termine può essere utilizzato unitamente a un attestato rilasciato dalla società di revisione, a sua volta non anteriore di oltre mesi. 7 Persone giuridiche generalmente conosciute Qualora l identità di una persona giuridica come controparte contrattuale sia generalmente nota, in luogo della procedura di cui alle cifre 4 è possibile registrare agli atti che l identità 4

15 è generalmente conosciuta. L identità di una persona giuridica è da ritenere come generalmente conosciuta specialmente quando il contraente è una società aperta al pubblico oppure è legata in modo diretto o indiretto ad una simile. La procedura semplificata ai sensi del cpv. è inammissibile per società di sede, se queste non sono legate in modo diretto o indiretto ad una società aperta al pubblico. 3. Casi particolari 8 Titolari di conto minorenni e conti per garanzia di locazione L identità del contraente non deve essere formalmente accertata all apertura a) di un conto, deposito o libretto a nome di un minorenne da parte di una terza persona maggiorenne, purché il versamento effettuato all atto dell apertura sia al massimo di CHF ; in questo caso va accertata l identità della persona maggiorenne che richiede l apertura; la cifra è applicabile per analogia; l identità del minorenne deve essere accertata qualora sia egli stesso ad effettuare l apertura di un conto, deposito o libretto; b) di un conto per garanzia di locazione relativo a un oggetto di locazione situato in Svizzera 9 Identificazione interna a un gruppo Se l identità del contraente è già stata accertata all interno del gruppo in maniera equivalente, ovvero applicando uno standard di diligenza conforme alla presente Convenzione, non è necessario ripetere la procedura secondo le cifre 9 5. In questi casi, le unità del gruppo direttamente interessate devono disporre delle copie dei documenti originali d identificazione. Sono fatti salvi i casi in cui le disposizioni di legge non ammettono tale trasferimento di dati. 5

16 0 Identificazione in altro modo adeguato Qualora, in via eccezionale, non risulti possibile identificare il contraente secondo le modalità prescritte, ad es. perché una persona non dispone di alcun documento d identità o perché non è disponibile la documentazione necessaria relativa a una corporazione o a un istituto di diritto pubblico, la banca ha facoltà di accertare l identità in altro modo adeguato, consultando altri documenti probatori o richiedendo all ente pubblico competente le relative conferme o, per le persone giuridiche, l ultimo attestato di una società di revisione riconosciuta. I certificati e le copie di documenti sostitutivi vanno messi agli atti; inoltre, la circostanza eccezionale deve essere specificata in una nota informativa. 4. Disposizioni generali per l accertamento dell identità e per la sorveglianza Delega della procedura di identificazione La banca può, mediante accordo scritto, delegare l'identificazione del contraente a persone o società, se a) ha provveduto a istruirle in merito ai loro compiti e se b) è in grado di controllare la corretta esecuzione dell identificazione. La persona incaricata è tenuta a trasmettere gli atti di identificazione alla banca e ad attestare che le copie trasmesse corrispondono ai documenti originali. 3 È esclusa una sottodelega da parte della persona incaricata. 4 All interno di un gruppo e/o di un conglomerato, l identificazione può essere trasferita senza contratto di delega. 6

17 Obbligo di documentazione Devono essere opportunamente annotati il nome, il cognome, la data di nascita, la nazionalità e l indirizzo del luogo di domicilio, oppure la ragione sociale e la sede del contraente, come pure i documenti in base ai quali l identità è stata accertata. In caso di contraenti provenienti da paesi in cui data di nascita e indirizzo di residenza o di domicilio non vengono utilizzati, tali indicazioni sono superflue. Le fotocopie del documento ufficiale di legittimazione e degli altri documenti di identificazione devono essere conservate. 3 Obbligo di garanzia La banca è tenuta a garantire che lo svolgimento della procedura di identificazione sia documentato in modo sufficiente e comprensibile. Il presente obbligo prevede fra l altro anche che la ricezione dei documenti di identificazione da parte della banca o la loro effettiva disponibilità nel sistema della banca stessa vengano registrate in modo chiaro e comprensibile. 4 Scadenze per l adempimento dell obbligo di documentazione In linea di principio, prima di poter utilizzare un conto è necessario presentare, nella forma richiesta, tutti i documenti necessari all identificazione. Qualora manchino soltanto singole indicazioni, il conto in questione può essere utilizzato in via eccezionale, ma tali dati devono essere reperiti il prima possibile. Al più tardi dopo 90 giorni, il conto viene bloccato per tutte le entrate e le uscite finché la banca non è in possesso di tutta la documentazione mancante. La Banca ha inoltre facoltà di risolvere la relazione d affari, nella misura in cui gli art. 9 segg. LRD non impediscano tale scioglimento (cfr. anche art. 6 cpv. 4 della presente convenzione di diligenza). 7

18 Art. 3 Determinazione dell avente diritto economico La banca è legittimata a presumere che il contraente sia identico all avente diritto economico. Qualora il contraente non coincida con l avente diritto economico o sussistano dubbi a riguardo, le banche devono esigere dal contraente una dichiarazione scritta usando il formulario A con la quale egli attesti chi sia l avente diritto economico. Questo vale per: a) l apertura di conti o di libretti; b) l apertura di depositi; c) l espletamento di operazioni fiduciarie; d) l accettazione di mandati per amministrare patrimoni depositati presso terze persone; e) l esecuzione di affari commerciali tramite titoli, divise così come metalli preziosi e altre merci (commodities) di importo superiore a CHF Per le operazioni di cassa di importo superiore a CHF , ai sensi dell art., si deve sempre esigere una dichiarazione del contraente riguardante l avente diritto economico. Le banche devono annotare per iscritto le dichiarazioni del contraente. Per questi casi esse possono scegliere di utilizzare il formulario A o meno. 4 Qualora l avente diritto economico di una relazione d affari sia una società semplice o una comunità di persone non iscritta nel registro di commercio, non è necessario ottenere alcuna dichiarazione circa l avente diritto economico, nella misura in cui venga attestata in forma scritta l autorizzazione della società semplice o della comunità e l avere contabilizzato sotto questa relazione non ecceda la soglia di CHF 5'000. 8

19 5 Dubbi circa la corrispondenza tra contraente e avente diritto economico La presunzione che la controparte e l avente diritto economico coincidano viene meno qualora sussistano circostanze o constatazioni insolite. Si è in presenza di circostanze anomale a) se viene conferita una procura a una persona che in apparenza non intrattiene una relazione sufficientemente stretta con la controparte contrattuale; in questa categoria non rientrano le procure di amministrazione che consentono esclusivamente transazioni all interno di una relazione d affari, ma non prelievi di denaro. b) se i valori apportati o prospettati eccedono ampiamente le possibilità finanziarie del contraente note alla banca; c) oppure se nel corso del rapporto con il contraente la banca constata comunque circostanze insolite di altro tipo. 6 Apertura per corrispondenza di una relazione d affari con una persona fisica Qualora una relazione d affari con una persona fisica venga aperta per corrispondenza, è necessario esigere in ogni caso la dichiarazione sul formulario A. In questa disposizione non rientrano i casi speciali di cui alla cifra 8. 7 Indicazioni da documentare Se il contraente dichiara che l avente diritto economico è un terzo, è necessario annotarne il nome, il cognome, la data di nascita, la nazionalità, l indirizzo e il paese di domicilio, oppure, se si tratta di una persona giuridica, la ragione sociale e la sede, utilizzando il formulario A. Restano fatte salve le disposizioni dell art. 3 cpv. 3. Qualora un avente diritto economico provenga da un paese in cui data di nascita e indirizzo di residenza o di domicilio non vengono utilizzati, tali indicazioni sono superflue. 9

20 In via eccezionale, i dati necessari riguardo l avente diritto economico possono essere presentati anche mediante fotocopia semplice dei documenti di identificazione, oppure mediante fotocopia semplice di un altro documento emesso da un autorità ufficiale ai sensi delle cifre 9 e segg.. In questi casi, sul formulario A devono essere indicati almeno il cognome e il nome o la ragione sociale. 3 La banca può riportare, anche in un secondo momento, il numero di conto e/o di deposito su un modulo già compilato e firmato. 8 Firma del formulario A Il formulario A può essere firmato dal contraente o da un suo procuratore (con procura individuale o generale scritta). In caso di persone giuridiche, il formulario A o la procura devono essere sottoscritti dalle persone con diritto di firma menzionate nella documentazione societaria. 9 Seri dubbi circa la correttezza della dichiarazione e del contraente Qualora permangano seri dubbi circa la correttezza della dichiarazione del contraente, e tali dubbi non possano essere eliminati mediante ulteriori chiarimenti, la banca deve rifiutare l apertura della relazione d affari o l esecuzione dell operazione. 30 Modello del formulario A Il formulario A è allegato alla presente convenzione di diligenza. 3 Formulario A proprio Le banche hanno la facoltà di utilizzare propri formulari che soddisfino i loro particolari bisogni. Tali formulari devono presentare un contenuto equivalente al modello. 0

21 3 Conti e depositi collettivi Per i conti e i depositi collettivi, il contraente è tenuto a consegnare alla banca un elenco completo degli aventi diritto economici, completo delle indicazioni previste alla cifra 7, comunicandole immediatamente ogni cambiamento a tale riguardo. Non sono considerati conti collettivi le relazioni di società operative attraverso le quali vengono svolte transazioni in relazione a servizi professionali quali incasso e recupero crediti, gestione di immobili, factoring ecc.. Anche i conti di aziende regolamentate che si occupano del trasporto e del trasferimento di denaro non sono classificati come conti collettivi. La banca è comunque tenuta a mettere agli atti tale circostanza. 33 Forme d investimento collettivo e società di partecipazione Qualora una forma d investimento collettivo o una società di partecipazione abbia un numero pari o inferiore a 0 investitori, questi devono essere registrati come aventi diritto economici. Le forme d investimento collettivo e le società di partecipazione quotate in borsa non sono tenute a rilasciare alcuna dichiarazione circa l appartenenza economica. Allo stesso modo, la banca può rinunciare a effettuare la constatazione dell avente diritto economico qualora per una forma d investimento collettivo o una società di partecipazioni venga svolto il ruolo di promotore o di sponsor da parte di un intermediario finanziario ai sensi della cifra 34, e sia possibile dimostrare l applicazione di regole adeguate in relazione alla lotta al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo. 34 Banche e altri intermediari finanziari nonché autorità svizzere come contraenti Le banche e i commercianti di valori mobiliari con sede in Svizzera o all estero non sono tenuti in linea di principio a rilasciare alcuna dichiarazione riguardo all appartenenza economica. Per la definizione di banca e di commercianti di

22 valori mobiliari valgono le leggi speciali del paese di domicilio. Vanno tuttavia richiesti chiarimenti riguardo all appartenenza economica quando una banca o un commerciante di valori mobiliari non soggetti ad alcuna sorveglianza o regolamentazione adeguata sulla lotta contro il riciclaggio di denaro aprono dei sottoconti per clienti anonimi. Altri intermediari finanziari con sede o domicilio in Svizzera non devono rilasciare alcuna dichiarazione riguardo all appartenenza economica. Lo stesso vale per gli altri intermediari finanziari domiciliati all estero che sono assoggettati ad un adeguata sorveglianza e regolamentazione nell ambito della lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo. È possibile presumere una vigilanza adeguata in relazione alla lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo anche nei casi in cui l intermediario finanziario estero sia parte di un gruppo consolidato soggetto a sorveglianza, con una società madre domiciliata in un paese che dispone di normative e controlli congrui in relazione alla lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo. 3 Sono considerati altri intermediari finanziari svizzeri gli intermediari finanziari definiti ai sensi dell art. cpv. e art. cpv. 4 lett. b LRD. Per la definizione di intermediario finanziario estero trovano applicazione le leggi speciali corrispondenti del paese di domicilio. 4 Qualora risultino abusi da parte di una banca, di un commerciante di valori mobiliari o di un altro intermediario finanziario, oppure esistano raccomandazioni generali della Commissione federale delle banche o dell ASB su singoli istituti o su istituti di un determinato paese, allora bisogna richiedere da quest ultimi dichiarazioni riguardo all appartenenza economica oppure adottare altri provvedimenti. 5 Le autorità svizzere non sono tenute a presentare alcuna dichiarazione circa l appartenenza economica.

23 35 Delega della determinazione dell avente diritto economico e scadenze per l adempimento dell obbligo di documentazione La determinazione dell avente diritto economico può essere delegata a terzi, applicando per analogia le disposizioni di cui alla cifra. Per la determinazione dell avente diritto economico è applicabile, per analogia, la cifra Obbligo di garanzia La banca è tenuta a garantire che la determinazione dell avente diritto economico sia documentata in modo sufficiente e comprensibile. Il presente obbligo prevede fra l altro anche che la ricezione dei documenti per la determinazione dell avente diritto economico da parte della banca o la loro effettiva disponibilità nel sistema della banca stessa vengano registrate in modo chiaro e comprensibile. 37 Regolamentazione speciale per le società di sede e i detentori di segreto professionale Sono fatte salve le norme speciali dettate per le società di sede e per i soggetti sottoposti al segreto professionale (art. 4 e 5, cifre 38 46). 3

Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle banche (CDB 16)

Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle banche (CDB 16) 06 Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle banche (CDB 6) August 0 SBVg Vereinbarung über die Standesregeln zur Sorgfaltspflicht der Banken Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle

Dettagli

(Ordinanza AdC sul riciclaggio di denaro, ORD AdC) del 10 ottobre 2003 (Stato 16 dicembre 2003)

(Ordinanza AdC sul riciclaggio di denaro, ORD AdC) del 10 ottobre 2003 (Stato 16 dicembre 2003) Ordinanza dell Autorità di controllo per la lotta contro il riciclaggio di denaro relativa agli obblighi degli intermediari finanziari che le sono direttamente sottoposti (Ordinanza AdC sul riciclaggio

Dettagli

(Ordinanza FINMA sul riciclaggio di denaro, ORD-FINMA) dell 8 dicembre 2010 (Stato 1 gennaio 2011)

(Ordinanza FINMA sul riciclaggio di denaro, ORD-FINMA) dell 8 dicembre 2010 (Stato 1 gennaio 2011) Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sulla prevenzione del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo (Ordinanza FINMA sul riciclaggio di denaro, ORD-FINMA)

Dettagli

(Ordinanza FINMA sul riciclaggio di denaro, ORD-FINMA)

(Ordinanza FINMA sul riciclaggio di denaro, ORD-FINMA) Ordinanza dell Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari sulla lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo nel settore finanziario (Ordinanza FINMA sul riciclaggio

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Richiesta di affiliazione

Richiesta di affiliazione Richiesta di affiliazione Signore e Signori Siamo lieti che, in qualità di intermediario finanziario, desideriate associarvi all organismo di autodisciplina PolyReg e vi ringraziamo per il vostro interesse.

Dettagli

955.0 Legge federale relativa alla lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo nel settore finanziario

955.0 Legge federale relativa alla lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo nel settore finanziario Legge federale relativa alla lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo nel settore finanziario (Legge sul riciclaggio di denaro, LRD) 1 del 10 ottobre 1997 (Stato 1 gennaio

Dettagli

Regolamento dell OAD PolyReg ai sensi dell art. 25 LRD

Regolamento dell OAD PolyReg ai sensi dell art. 25 LRD Regolamento dell OAD PolyReg ai sensi dell art. 25 LRD < 1 Scopo del Regolamento A. Visione d insieme e disposizioni generali 1 Il presente Regolamento, costituito ai sensi del < 22 degli Statuti dell

Dettagli

Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici

Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici ANNO 2014 NOTA OPERATIVA N. 6/2014 Oggetto: Normativa Antiriciclaggio D.L. 231/2007: aspetti pratici INTRODUZIONE Per arginare il fenomeno dell antiriciclaggio è stato emesso il decreto legislativo del

Dettagli

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio La modifica il decreto antiriciclaggio di Nicola Forte (*) LA NOVITA` La ha diminuito nuovamente a 5.000 euro la soglia massima per le transazioni in contanti, per l emissione di assegni liberi e per il

Dettagli

L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale del 13 dicembre 2013 1, decreta:

L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale del 13 dicembre 2013 1, decreta: Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 18.02.2014 Legge federale concernente l attuazione delle Raccomandazioni del Gruppo d azione finanziaria rivedute nel 2012 del L Assemblea federale

Dettagli

Ordinanza concernente l esercizio a titolo professionale dell attività di intermediazione finanziaria

Ordinanza concernente l esercizio a titolo professionale dell attività di intermediazione finanziaria Ordinanza concernente l esercizio a titolo professionale dell attività di intermediazione finanziaria (OAIF) 955.071 del 18 novembre 2009 (Stato 1 gennaio 2010) Il Consiglio federale svizzero, visto l

Dettagli

Legge federale concernente l attuazione delle Raccomandazioni del Gruppo d azione finanziaria rivedute nel 2012

Legge federale concernente l attuazione delle Raccomandazioni del Gruppo d azione finanziaria rivedute nel 2012 Legge federale concernente l attuazione delle Raccomandazioni del Gruppo d azione finanziaria rivedute nel 2012 Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio

Dettagli

Ordinanza contro le retribuzioni abusive nelle società anonime quotate in borsa

Ordinanza contro le retribuzioni abusive nelle società anonime quotate in borsa Ordinanza contro le retribuzioni abusive nelle società anonime quotate in borsa (OReSA) del 20 novembre 2013 Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 95 capoverso 3 e 197 numero 10 della Costituzione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Circolare 2008/3 Depositi del pubblico presso istituti non bancari

Circolare 2008/3 Depositi del pubblico presso istituti non bancari Banche Gruppi e congl. finanziari Altri intermediari Assicuratori Gruppi e cong. assicurativi Intermediari assicurativi Borse e operatori Commercianti di val. mobiliari Direzioni di fondi SICAV Società

Dettagli

del 22 agosto 1996 (ultima modifica: 20 maggio 2008)

del 22 agosto 1996 (ultima modifica: 20 maggio 2008) Circ.-CFB 96/4 Depositi del pubblico presso istituti non bancari Pagina Circolare della Commissione federale delle banche: Accettazione a titolo professionale di depositi del pubblico da parte di istituti

Dettagli

GUIDA PER LE DIRETTIVE INTERNE SULL APPROCCIO IN FUNZIONE DEL RISCHIO

GUIDA PER LE DIRETTIVE INTERNE SULL APPROCCIO IN FUNZIONE DEL RISCHIO OAD FSA/FSN 30 I_Anleitung interne RL Luglio 2010 GUIDA PER LE DIRETTIVE INTERNE SULL APPROCCIO IN FUNZIONE DEL RISCHIO (Art. 41 e ss., 59 cpv. 2 litt. h ed i, 59 cpv. 4 del Regolamento OAD FSA/FSN) Introduzione

Dettagli

Legge federale concernente l attuazione delle Raccomandazioni rivedute del Gruppo d azione finanziaria

Legge federale concernente l attuazione delle Raccomandazioni rivedute del Gruppo d azione finanziaria Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Legge federale concernente l attuazione delle Raccomandazioni rivedute del Gruppo d azione finanziaria del 3 ottobre 2008 L Assemblea federale

Dettagli

Il dovere di diligenza dell intermediario finanziario del Liechtenstein nello svolgimento di operazioni finanziarie

Il dovere di diligenza dell intermediario finanziario del Liechtenstein nello svolgimento di operazioni finanziarie Allgemeines Treuunternehmen No. 6 - Il dovere di diligenza dell intermediario finanziario del Liechtenstein nello svolgimento di operazioni finanziarie 1. Concetti e determinazione La presente pubblicazione

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

CIRCOLARE N. 42/E. Roma, 24 settembre 2009. OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 42/E. Roma, 24 settembre 2009. OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 42/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 24 settembre 2009 OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. 2 Indice 1. Premessa 2. Rapporti continuativi 3. Operazioni extra-conto 4. Informazioni

Dettagli

PolyReg Associazione generale di autodisciplina. Regolamento sul controllo del rispetto del codice deontologico e sul suo sanzionamento

PolyReg Associazione generale di autodisciplina. Regolamento sul controllo del rispetto del codice deontologico e sul suo sanzionamento PolyReg Associazione generale di autodisciplina Regolamento sul controllo del rispetto del codice deontologico e sul suo sanzionamento < 1 Scopo del regolamento A. Disposizioni generali 1 Il presente regolamento

Dettagli

Commento alla Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle banche (CDB 16)

Commento alla Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle banche (CDB 16) 2016 Commento alla Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle banche (CDB 16) 2 Novembre 2015 ASB Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle banche Indice Prefazione 5 Capitolo 1: Introduzione

Dettagli

MAGGIO 2010 STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA

MAGGIO 2010 STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA MAGGIO 2010 STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA STATUTI PAX, SOCIETÀ SVIZZERA DI ASSICURAZIONE SULLA VITA SA Indice I. Ragione sociale, forma giuridica, scopo e sede... 3 II. Capitale

Dettagli

- 1 - Trasferimento di denaro contante

- 1 - Trasferimento di denaro contante A DECORRERE DAL 31.5.2010 sono state introdotte ad opera dell art. 20, DL n. 78/2010, c.d. Manovra correttiva, una serie di novità circa: l uso del denaro contante; l utilizzo degli assegni bancari o postali

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ORGANISMO DI AUTODISCIPLINA DEI FIDUCIARI DEL CANTONE TICINO (ROAD)

REGOLAMENTO DELL'ORGANISMO DI AUTODISCIPLINA DEI FIDUCIARI DEL CANTONE TICINO (ROAD) REGOLAMENTO DELL'ORGANISMO DI AUTODISCIPLINA DEI FIDUCIARI DEL CANTONE TICINO (ROAD) In applicazione dell art. 5 della LRD e dell art. degli Statuti dell OAD FCT, il Comitato Direttivo dell OAD FCT emana

Dettagli

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena

La normativa antiriciclaggio per gli avvocati. di Maurizio Arena La normativa antiriciclaggio per gli avvocati di Maurizio Arena Parte Prima Con la pubblicazione del Decreto n. 141 del 3 febbraio 2006 del Ministero dell Economia e delle Finanze e del Provvedimento 24

Dettagli

Ordinanza della Commissione federale delle banche relativa alla lotta contro il riciclaggio di denaro

Ordinanza della Commissione federale delle banche relativa alla lotta contro il riciclaggio di denaro Versione pubblicata sul sito Internet della CFB il 17 gennaio 2003 Avrà fede giuridica unicamente la versione che sarà pubblicata nella raccolta sistematica del diritto federale. Ordinanza della Commissione

Dettagli

RICHIESTA ABI CAB SPORTELLO. In relazione alla polizza sopra indicata, vogliate provvedere per mio conto ad effettuare un versamento di: Euro

RICHIESTA ABI CAB SPORTELLO. In relazione alla polizza sopra indicata, vogliate provvedere per mio conto ad effettuare un versamento di: Euro POLIZZA N. RICHIESTA ABI CAB SPORTELLO CONTRAENTE (Cognome e Nome) Sez. I - VERSAMENTO STRAORDINARIO In relazione alla polizza sopra indicata, vogliate provvedere per mio conto ad effettuare un versamento

Dettagli

Glossario Antiriciclaggio

Glossario Antiriciclaggio Pagina 1 di 7 Glossario Antiriciclaggio Adeguata Verifica Amministrazioni interessate Archivio Unico Informatico Autorità di Vigilanza di Settore Banca di Comodo CAP Cliente Conti di passaggio Dati identificativi

Dettagli

Direttive di Wolfsberg per Servizi Bancari Privati contro il Riciclaggio

Direttive di Wolfsberg per Servizi Bancari Privati contro il Riciclaggio Direttive di Wolfsberg per Servizi Bancari Privati contro il Riciclaggio Preambolo Le linee guida che seguono sono intese come applicabili alle relazioni di private banking. Altri settori del mercato possono

Dettagli

Mid Industry Capital S.p.A.

Mid Industry Capital S.p.A. Mid Industry Capital S.p.A. *********** Codice di comportamento per la gestione, il trattamento e la comunicazione delle informazioni relative a operazioni sulle azioni o altri strumenti finanziari ad

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI

ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI ANTIRICICLAGGIO: NORMATIVA E ADEMPIMENTI PER I PROFESSIONISTI (parte seconda) 1 MISURE ULTERIORI: LIMITAZIONI ALL USO DEL CONTANTE FORMAZIONE 2 Il divieto (art. 49, co. 1, d.lgs. 231/2007) È vietato il

Dettagli

MODULO ANTIRICICLAGGIO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA

MODULO ANTIRICICLAGGIO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA MODULO ANTIRICICLAGGIO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO D. LGS. 21.11.2007, N. 231 e succ. modificazioni) Obblighi di adeguata verifica della clientela.

Dettagli

2008 / 2009 / 2011 Commentario alla Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle banche (CDB 08)

2008 / 2009 / 2011 Commentario alla Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle banche (CDB 08) 2008 / 2009 / 2011 Commentario alla Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle banche (CDB 08) Indice Indice... 2 Introduzione... 4 Aspetti generali... 5 Commento alle singole disposizioni della

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Procedura per la comunicazione delle operazioni aventi ad oggetto azioni emesse da Bialetti Industrie S.p.A. o altri strumenti finanziari ad esse

Dettagli

Concetto di controllo OAD Valido dall'1.1.2010

Concetto di controllo OAD Valido dall'1.1.2010 Concetto di controllo OAD Valido dall'1.1.2010 Abbreviazioni: - LRD = Legge federale relativa alla lotta contro il riciclaggio di denaro nel settore finanziario, RS 955.0 - OAD = Organismo di autodisciplina

Dettagli

Direttiva sul concetto di informazione e formazione continua

Direttiva sul concetto di informazione e formazione continua Direttiva sul concetto di informazione e formazione continua In applicazione dell art 41 cpv. 2 del ROAD, il Comitato Direttivo dell OAD FCT emana la seguente direttiva. 1. OsservazionI generali Nell esposizione

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Approvato dal Consiglio degli Stati il 20.12.2011 Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 27.04.2012 Legge federale sulle borse

Dettagli

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE TRADUZIONE NON UFFICIALE ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Il Governo della Repubblica di San Marino e il Governo

Dettagli

DEPOSITO A RISPARMIO

DEPOSITO A RISPARMIO 1 FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO A RISPARMIO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPINAZZOLA SOCIETA COOPERATIVA Sede legale: Corso Umberto I 65-76014 SPINAZZOLA (BT) Tel. 0883/683620

Dettagli

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA 1 PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ

Dettagli

Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24.4.2012 Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale

Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24.4.2012 Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24.4.2012 Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale (, LICol) Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto

Dettagli

- Dmail Group S.p.A. -

- Dmail Group S.p.A. - - Dmail Group S.p.A. - PROCEDURA PER L ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI IN MATERIA DI Internal Dealing - Dmail Group S.p.A. - PROCEDURA PER L ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI IN MATERIA DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING

Dettagli

Istruzioni relative alla revisione LRD e CoD 2015

Istruzioni relative alla revisione LRD e CoD 2015 ARIF / Giugno 2015 Pag. 1 su 7 Istruzioni relative alla revisione LRD e CoD 2015 A.- Generalità 1. Contenuto Il presente documento contiene un certo numero d informazioni e istruzioni per i revisori accreditati

Dettagli

Voluntary disclosure

Voluntary disclosure S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Gestione post regolarizzazione Voluntary disclosure Milano, 13 febbraio 2015 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA SOCIETÀ FIDUCIARIA EX L.1966/1939

Dettagli

2008 Commentario alla Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle banche (CDB 08)

2008 Commentario alla Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle banche (CDB 08) 2008 Commentario alla Convenzione relativa all obbligo di diligenza delle banche (CDB 08) Indice Indice... 2 Introduzione... 4 Aspetti generali... 5 Commento alle singole disposizioni della CDB... 7 Art.

Dettagli

Circolare N.157 del 9 Novembre 2012. Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari

Circolare N.157 del 9 Novembre 2012. Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Circolare N.157 del 9 Novembre 2012 Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Ausilio per l'attuazione/

Ausilio per l'attuazione/ Ordinanza contro le retribuzioni abusive nelle società anonime quotate in borsa (OReSA) Ausilio per l'attuazione/ Premesse Ricapitolando... L OReSA è entrata in vigore il gennaio 204. Il Consiglio federale

Dettagli

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231)

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) Con il D. Lgs. 21/11/2007 n 231, pubblicato sulla G.U. n.290 SO n.267 del 14 dicembre 2007, è stata

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ADESIONE ALLA DISCIPLINA DI DEROGA ALLE LIMITAZIONI DI TRASFERIMENTO DEL DENARO CONTANTE

COMUNICAZIONE DI ADESIONE ALLA DISCIPLINA DI DEROGA ALLE LIMITAZIONI DI TRASFERIMENTO DEL DENARO CONTANTE COMUNICAZIONE DI ADESIONE ALLA DISCIPLINA DI DEROGA ALLE LIMITAZIONI DI TRASFERIMENTO DEL DENARO CONTANTE Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo n.

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI

DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI FOGLIO INFORMATIVO relativo al DEPOSITI A RISPARMIO PER CONSUMATORI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DEL CENTROVENETO Credito Cooperativo S.C. - Longare Via Ponte di Costozza, 12 36023 Longare (VI) Tel.:

Dettagli

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA

CONTRATTO DI MEDIAZIONE CREDITIZIA KIRON PARTNER S.P.A. Società di Mediazione Creditizia Sede Legale: via Monte Bianco 60/A - 20089 Rozzano (MI) - Tel. 02.52.858.1 - Fax 02.52.858.311 - e-mail: info@kiron.it - e-mail certificata: kiron@pec.kiron.it

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

Il Presidente dell Autorità di Informazione Finanziaria

Il Presidente dell Autorità di Informazione Finanziaria REGOLAMENTO N.4 DELL AUTORITA DI INFORMAZIONE FINANZIARIA DISCIPLINANTE IL CONTENUTO DEGLI OBBLIGHI IN MATERIA DI TRASFERIMENTO DI FONDI AI SENSI DELL ARTICOLO 38, COMMA 4 DELLA LEGGE N. CXXVII DEL 30

Dettagli

DOMANDA D AFFILIAZIONE ALL ASSOCIATION ROMANDE DES INTERMEDIAIRES FINANCIERS (ARIF) (DIRETTIVA 1)

DOMANDA D AFFILIAZIONE ALL ASSOCIATION ROMANDE DES INTERMEDIAIRES FINANCIERS (ARIF) (DIRETTIVA 1) DOMANDA D AFFILIAZIONE ALL ASSOCIATION ROMANDE DES INTERMEDIAIRES FINANCIERS (ARIF) (DIRETTIVA 1) Stampare e completare ogni singola pagina di questo documento integralmente in stampatello, contrassegnare

Dettagli

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Approssimandosi la scadenza per il rinnovo annuale del DPS (Documento programmatico sulla Sicurezza) è utile sapere che

Dettagli

Ordinanza relativa alla lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo

Ordinanza relativa alla lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo Ordinanza relativa alla lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo (Ordinanza sul riciclaggio di denaro, ORD) del... Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 8a capoverso

Dettagli

Gestori di investimenti collettivi di capitale (LICol) Istruzioni per la compilazione del rilevamento dei dati - Edizione 2015

Gestori di investimenti collettivi di capitale (LICol) Istruzioni per la compilazione del rilevamento dei dati - Edizione 2015 13 febbraio 2015 Gestori di investimenti collettivi di capitale (LICol) Istruzioni per la compilazione del rilevamento dei dati - Edizione 2015 Laupenstrasse 27, 3003 Berna tel. +41 (0)31 327 91 00, fax

Dettagli

PROPOSTA DI APERTURA RISERVATA AI PROFESSIONISTI compilare tutti i campi in stampatello

PROPOSTA DI APERTURA RISERVATA AI PROFESSIONISTI compilare tutti i campi in stampatello IBAN SI conto! DEPOSITO DEPOSITO (spazio riservato alla Banca) PROPOSTA DI APERTURA RISERVATA AI PROFESSIONISTI compilare tutti i campi in stampatello 1. DATI IDENTIFICATIVI Ragione Sociale Partita IVA

Dettagli

PARTE I - ASPETTI GENERALI E DEFINIZIONI. D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt. 1-14 13 Allegato tecnico D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt.

PARTE I - ASPETTI GENERALI E DEFINIZIONI. D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt. 1-14 13 Allegato tecnico D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt. 4 PARTE I - ASPETTI GENERALI E DEFINIZIONI D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt. 1-14 13 Allegato tecnico D.Lgs. 21/11/2007, n. 231 - Artt. 1-2 25 Provvedimento Banca d Italia 21/12/2007 27 Circolare Ministero

Dettagli

Accreditamento delle società di revisione LRD esterne

Accreditamento delle società di revisione LRD esterne Dipartimento federale delle finanze DFF Amministrazione federale delle finanze AFF Autorità di controllo per la lotta contro il riciclaggio di denaro Circolare 2004/1 del 6 dicembre 2004 (Versione del

Dettagli

799 IL NUOVO MODULO RW

799 IL NUOVO MODULO RW 799 IL NUOVO MODULO RW La compilazione del modulo RW rientra nella più ampia disciplina del monitoraggio fiscale contenuta nel DL 167/90, il cui impianto normativo è stato riformato dalla Legge 6 agosto

Dettagli

OBBLIGHI IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO PER LE AGENZIE IMMOBILIARI

OBBLIGHI IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO PER LE AGENZIE IMMOBILIARI OBBLIGHI IN MATERIA DI ANTIRICICLAGGIO PER LE AGENZIE IMMOBILIARI Gli obblighi in materia di antiriciclaggio sono stati estesi anche alle agenzie in mediazione immobiliare in quanto considerate attività

Dettagli

REGOLAMENTO D AUTODISCIPLINA DELL ASSOCIATION ROMANDE DES INTERMEDIAIRES FINANCIERS (ARIF)

REGOLAMENTO D AUTODISCIPLINA DELL ASSOCIATION ROMANDE DES INTERMEDIAIRES FINANCIERS (ARIF) 1 REGOLAMENTO D AUTODISCIPLINA DELL ASSOCIATION ROMANDE DES INTERMEDIAIRES FINANCIERS (ARIF) A. DATI GENERALI Scopo del regolamento 1 Lo scopo del Regolamento d autodisciplina edito dall Association Romande

Dettagli

QUESTIONARIO ANTIRICICLAGGIO (DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007 N. 231)

QUESTIONARIO ANTIRICICLAGGIO (DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007 N. 231) Filiale nr. Contratto nr. Richiedente e /Ragione Sociale Provincia di residenza o della sede legale Coobbligato (da non compilare in caso di persone fisiche) e del Legale Rappresentante/Esecutore* QUESTIONARIO

Dettagli

Gli obblighi di diligenza Tutto ciò che i nostri clienti dovrebbero sapere

Gli obblighi di diligenza Tutto ciò che i nostri clienti dovrebbero sapere Gli obblighi di diligenza Tutto ciò che i nostri clienti dovrebbero sapere Gentile Cliente, innanzitutto la ringraziamo per la fiducia accordata a PostFinance. Noi vogliamo offrirle il miglior servizio

Dettagli

1 Oggetto ed elementi di base della concessione 1.1 Diritti e obblighi

1 Oggetto ed elementi di base della concessione 1.1 Diritti e obblighi Casinò Lugano SA Concessione di sito e di gestione di tipo A Dell 11 novembre 2002 Il Consiglio federale, su raccomandazione della Commissione federale delle case da gioco (CFCG) del 4 ottobre 2002; su

Dettagli

Regolamento degli investimenti della Tellco fondazione di libero passaggio

Regolamento degli investimenti della Tellco fondazione di libero passaggio Regolamento degli investimenti della Tellco fondazione di libero passaggio valevoli dal 01.03.2013 Tellco fondazione di libero passaggio Bahnhofstrasse 4 Casella postale 713 CH-6413 Svitto t + 41 41 817

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it ANTIRICICLAGGIO avv.pierluigioliva@hotmail.it Il quadro normativo!! Direttive CEE!! D. lgs. 21.11.2007 n.231!! D. lgs. 25.9.2009 n.152!! Il fine è quello di prevenire l utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

Direttive dell Associazione Svizzera dei Banchieri

Direttive dell Associazione Svizzera dei Banchieri Direttive dell Associazione Svizzera dei Banchieri Relative alla gestione degli averi senza notizie (conti, depositi e cassette di sicurezza) presso le banche svizzere (sostituiscono le Direttive dell

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Protocollo n. 2012/89780 Modificazioni del modello di adesione alla disciplina di deroga alle limitazioni di trasferimento del denaro contante approvato con provvedimento del 23 marzo 2012 e delle relative

Dettagli

D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa

D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa IL TESTO UNICO SULLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa AUTOCERTIFICAZIONI

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri

ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI. A cura di Davide Giampietri ANTIRICICLAGGIO NEGLI STUDI PROFESSIONALI A cura di Davide Giampietri a cura di Davide Giampietri 2 Le fonti normative: un cantiere senza fine Norme Comunitarie Norme Nazionali I - Direttiva n. 91/308/CEE

Dettagli

Normativa Antiriciclaggio - D.Lgs. n. 231/2007. Obblighi di adeguata verifica della clientela.

Normativa Antiriciclaggio - D.Lgs. n. 231/2007. Obblighi di adeguata verifica della clientela. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO D. LGS. 21.11.2007, N. 231 OBBLIGHI DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA QUESTIONARIO CONFIDI 1 Normativa Antiriciclaggio - D.Lgs. n. 231/2007. Obblighi di adeguata verifica della

Dettagli

Disposizioni sull espletamento dei servizi finanziari postali. TITOLO I Disposizioni Generali. Art. 1 (Definizioni)

Disposizioni sull espletamento dei servizi finanziari postali. TITOLO I Disposizioni Generali. Art. 1 (Definizioni) Testo Decreto Delegato Disposizioni sull espletamento dei servizi finanziari postali TITOLO I Disposizioni Generali Art. 1 (Definizioni) 1. Ai fini del presente decreto delegato si intendono per: a) Assegno

Dettagli

POLICY. Prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo. (Estratto) Consiglio di Amministrazione

POLICY. Prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo. (Estratto) Consiglio di Amministrazione POLICY Prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo (Estratto) Numero / Anno POL 01 / 2013 Versione 1.0 Stato Proponente Approvazione Emittente Approvato Antiriciclaggio Consiglio

Dettagli

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria DMAIL GROUP S.p.A. Sede legale e amministrativa: Via San Vittore n. 40 20123 MILANO (MI) - Capitale Sociale: 15.300.000,00 euro C.F. P.IVA e Registro delle Imprese: 12925460151 Sito internet: www.dmailgroup.it

Dettagli

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante

L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante L antiriciclaggio e nuovi limiti all'uso del contante Il D.L. 13 agosto 2011 n.138, noto come Manovra di Ferragosto al fine di ridurre il rischio connesso all utilizzo del contante a scopo di riciclaggio

Dettagli

2 SOGGETTI RILEVANTI E PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AI SOGGETTI RILEVANTI

2 SOGGETTI RILEVANTI E PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AI SOGGETTI RILEVANTI CODICE DI INTERNAL DEALING Procedura relativa all identificazione dei soggetti rilevanti e alla comunicazione delle operazioni da essi effettuate, aventi ad oggetto azioni emesse da Bioera S.p.A. (la Società

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Chiarezza e trasparenza delle disposizioni tributarie Art.3 Chiarezza e motivazione degli atti Art.4

Dettagli

Settembre 2001. La Svizzera e la lotta contro il riciclaggio di denaro

Settembre 2001. La Svizzera e la lotta contro il riciclaggio di denaro Settembre 2001 La Svizzera e la lotta contro il riciclaggio di denaro Indice Pagina Domanda Domanda Domanda Domanda Domanda 1 1 2 2 4 3 5 4 6 5 7 Fondi di provenienza criminale no grazie! Che cos è il

Dettagli

L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale del 13 dicembre 2013 1, decreta:

L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale del 13 dicembre 2013 1, decreta: Decisioni del Consiglio nazionale del 27.11.2014 Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 2.12.2014 Legge federale concernente l attuazione delle Raccomandazioni del Gruppo d azione finanziaria

Dettagli

Istruzioni per l applicazione delle funzioni di vigilanza da parte di incaricati (stato: maggio 2007)

Istruzioni per l applicazione delle funzioni di vigilanza da parte di incaricati (stato: maggio 2007) Istruzioni per l applicazione delle funzioni di vigilanza da parte di incaricati (stato: maggio 2007) La Commissione federale delle banche (CFB) è responsabile per l applicazione delle normative sulla

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio

Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Pagina 1 di 7 Foglio informativo relativo al contratto di deposito a risparmio Informazioni sulla banca Banca di Credito Cooperativo di

Dettagli

Legge federale sul commercio ambulante

Legge federale sul commercio ambulante Legge federale sul commercio ambulante Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95 e 97 della Costituzione federale nonché il numero II capoverso 2 lettera a del

Dettagli

MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA

MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (INSTAURAZIONE/AGGIORNAMENTO RAPPORTO CONTINUATIVO) (per società, enti giuridici, ditte individuali etc.) (Artt. 15 e ss. D. lgs. 231/2007)

Dettagli

Questo testo è una versione prestampata. Fa stato la versione pubblicata nella Raccolta ufficiale delle leggi federali.

Questo testo è una versione prestampata. Fa stato la versione pubblicata nella Raccolta ufficiale delle leggi federali. Questo testo è una versione prestampata. Fa stato la versione pubblicata nella Raccolta ufficiale delle leggi federali. Ordinanza relativa alla lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento

Dettagli

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1 BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 Statuto BSI SA 19 aprile 2012 Indice I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1 II. Capitale azionario, azioni 1 III. Organi della società 2 IV. Conti annuali, riserve

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994 I TITOLI DI CREDITO La cessione ordinaria del credito è poco efficiente a causa delle eccezioni che il debitore ceduto può eccepire al creditore cessionario relativamente alle eccezioni che avrebbe potuto

Dettagli

STUDIO BADELLINO. GIOVANNI L. BADELLINO D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e

STUDIO BADELLINO. GIOVANNI L. BADELLINO D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e GIOVANNI L. D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e CIRCOLARE N. 4 DELL 8 APRILE 2008 INTRODUZIONE PAG. 2 TRASFERIMENTO DI DENARO CONTANTE (ART. 49) PAG. 2 NUOVA DISCIPLINA

Dettagli

COMUNE DI NONANTOLA PROVINCIA DI MODENA CARTA DEI SERVIZI DEL CONTRIBUENTE

COMUNE DI NONANTOLA PROVINCIA DI MODENA CARTA DEI SERVIZI DEL CONTRIBUENTE COMUNE DI NONANTOLA PROVINCIA DI MODENA CARTA DEI SERVIZI DEL CONTRIBUENTE Approvato con deliberazione del C.C. n. 40 del 31/05/2001 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo

Dettagli

PROPOSTA DI APERTURA RISERVATA AI CONSUMATORI compilare tutti i campi in stampatello

PROPOSTA DI APERTURA RISERVATA AI CONSUMATORI compilare tutti i campi in stampatello IBAN SI conto! DEPOSITO DEPOSITO (spazio riservato alla Banca) PROPOSTA DI APERTURA RISERVATA AI CONSUMATORI compilare tutti i campi in stampatello 1.INTESTATARIO allegare copia documento di identità e

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DEL LIECHTENSTEIN SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DEL LIECHTENSTEIN SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DEL LIECHTENSTEIN SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Il Governo della Repubblica Italiana e il Governo del Principato

Dettagli

Regione Puglia - Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva - Settore AA.GG. EmPULIA

Regione Puglia - Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva - Settore AA.GG. EmPULIA Fornitura di carta in risme per ALLEGATO 1 Documenti Allegato 1: Documenti Pag. 1 ALLEGATO 1 - DOCUMENTI La busta A : Gara per la fornitura di carta in risme per - Documenti, dovrà contenere un indice

Dettagli

http://www.ti.ch/can/argomenti/legislaz/rleggi/rl/dati_rl/f/s/16.htm

http://www.ti.ch/can/argomenti/legislaz/rleggi/rl/dati_rl/f/s/16.htm Pagina 1 di 5 Legge sulle attività private di investigazione e di sorveglianza (dell 8 novembre 1976) 1.4.3.1 IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 10 aprile 1974 n. 1958

Dettagli

Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria

Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria Stampa Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria admin in A circa sei anni dalla introduzione della nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari e postali (d.lgs n. 507 del 30

Dettagli