GO - NO GO: sviluppare la concentrazione e l autoregolazione nei bambini a rischio DDAI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GO - NO GO: sviluppare la concentrazione e l autoregolazione nei bambini a rischio DDAI"

Transcript

1 XVI CONGRESSO \ AIAMC PESCARA OTTOBRE 2012 Benessere e consapevolezza in psicoterapia: Nuove tendenze nell approccio cognitivo comportamentale GO - NO GO: sviluppare la concentrazione e l autoregolazione nei bambini a rischio DDAI Dott.sse Elena Luisetti, Raffaella Berto, Michela Luisetti, Chiara Raffognato

2 Potenziare le abilità attentive e di autoregolazione Percorso di piccolo gruppo con il bambino Parental training e incontro con insegnanti

3 A CHI E RIVOLTO? 12 PAZIENTI DI ETA COMPRESA TRA I 5 E GLI 8 ANNI RISCHIO DDAI

4 FASE A Studio di Psicologia e Psicoterapia Criteri di inclusione 2 o più prove della BIA inferiori al 20 percentile Valori inferiori alle -2 deviazioni standard nella fluenza fonemica e/o categoriale Rischio DDAI Valori inferiori al 10 percentile nelle scale disattenzione o iperattività della SDAG e SDAI

5 INTERVENTO Studio di Psicologia e Psicoterapia Fase A Assessment bambino-genitori-insegnanti Fase D Monitoraggio dei risultati e parental training Fase C Percorso di piccolo gruppo e parental training Fase B Restituzione ai genitori e parental training

6 FASE A Assessment Bambino (2 incontri): - Colloquio e osservazione clinica -BIA -BVN 5-11 (FLUENZA FONEMICA E CATEGORIALE) Genitori (1 incontro valut. + 1 incontro rest.) -Colloquio clinico + SDAG Insegnanti (1 incontro valut.): -Colloquio clinico + SDAI

7 FASE A Assessment Con il bambino: 1. BIA (Batteria Italiana per l ADHD): -Attenzione sostenuta visiva e uditiva -Comportamento impulsivo -Processi di controllo: inibizione motoria e inibizione risposta prepotente 2. BVN 5-11 (Batteria di Valutazione Neuropsicologica per l età evolutiva) : -Fluenza fonemica -Fluenza categoriale 3. Dual Request Selective Task (Cornoldi et al.)

8 FASE A Assessment Con i genitori: Colloquio clinico SDAG (Scala per l individuazione di comportamenti di Disattenzione e Iperattività per Genitori): -Valutazione del comportamento del bambino nel suo contesto di vita (casa) Con gli insegnanti: Colloquio clinico SDAI (Scala per l individuazione di comportamenti di Disattenzione e Iperattività per Insegnanti): -Valutazione del comportamento del bambino nel suo contesto di vita (scuola)

9 Valutazione iniziale BIA Percentili ,2 45,6 60,2 20,4 22,4 12,7 32,8 0 Percentili

10 Valutazione iniziale SDAG e SDAI Percentili ,9 11,6 8,3 12,9 0 SDAI Att SDAI Iperat SDAG Att SDAG Iperat Percentili

11 FASE A Assessment Valutazione del comportamento del bambino nel suo contesto di vita (casa e scuola) Organizzazione e attivazione Attenzione e concentrazione Sforzo ed energie Interferenze affettive Memoria di lavoro

12 FASE B Restituzione e Parental Training Restituzione dei risultati dei test e psicoeducazione sul disturbo Analisi della SDAG 1 incontro parental training: IL SENSO DI COMPETENZA DEI GENITORI LE PECULIARITA DI MIO FIGLIO: I PUNTI DI FORZA E DI DEBOLEZZA

13 FASE B Restituzione e Parental Training Concentrazione e attenzione nel tempo Pianificazione problemi Il suo livello di autostima Motivazione, impegno e sforzo Il bambino non riesce a regolare Comportamento con gli altri Capacità di rispondere in modo positivo alle emozioni Tendenza alla risposta impulsiva Comportamento motorio

14 Percorso di gruppo 10 incontri sul CONTROLLO ATTENTIVO 3 FASI 10 incontri sul CONTROLLO DELLA RISPOSTA IMPULSIVA 10 incontri sul CONTROLLO DELLA MEMORIA DI LAVORO

15 Percorso di gruppo IL CONTRATTO Io mi impegno a seguire le regole stabilite nel gruppo. Per ogni regola che avro rispettato potro colorare una parte della coccarda. Alla fine se avro colorato tutta la coccarda ricevero.. Se avro colorato meta coccarda ricevero Se avro colorato solo una parte ricevero Firma Bambino Firma Terapeuta

16 Percorso di gruppo

17 Il controllo attentivo 1. Esercizi per DIRIGERE l attenzione su uno stimolo e FOCALIZZARE i particolari di esso, inibendo altre fonti di informazione 2. Esercizi per MANTENERE l attenzione nel tempo 3. Esercizi per DIVIDERE l attenzione tra più stimoli (Si aggiungono esercizi di autoriflessione sul proprio operato Metacognizione)

18 La metacognizione Sono riuscito a rispettare TUTTE le regole e ho completato l esercizio Sono riuscito a rispettare ALCUNE regole e ho fatto parte dell esercizio Non sono riuscito a rispettare NESSUNA regola e non ho completato l esercizio

19 Il controllo attentivo Per DIRIGERE l attenzione e FOCALIZZARLA su uno stimolo: Giochi: - Scopri l oggetto mancante - Riconosco le cose senza vederle - Le figure amiche - Ricostruire visivamente una storia -Software: -Prove di vigilanza e inibizione (Software Autoregolare l attenzione Ed. Erickson) - A tempo di stelle, Cattura le stelle, Numeri in libertà (Software Attenzione e concentrazione Ed. Erickson)

20 Il controllo attentivo

21 Il controllo attentivo

22 Il controllo attentivo

23 Il controllo attentivo

24 Il controllo attentivo

25 Il controllo attentivo

26 Il controllo attentivo

27 Il controllo attentivo

28 Studio di Psicologia e Psicoterapia Il controllo attentivo

29 Il controllo attentivo

30 Il controllo attentivo

31 Il controllo attentivo Esercizi per MANTENERE l attenzione nel tempo: Giochi: - Sei proprio attento? - L orologio misura attenzione e Il gioco dell indovino - Il gioco dello specchio - Il gioco dell esploratore -Software: -Controllo interferenza (Software Autoregolare l attenzione Ed. Erickson) - Cattura le stelle, A caccia di lettere, A caccia di segni (Software Attenzione e concentrazione Ed. Erickson)

32 Il controllo attentivo

33 Il controllo attentivo

34 Il controllo attentivo

35 Il controllo attentivo

36 Il controllo attentivo

37 Il controllo attentivo Esercizi per DIVIDERE l attenzione tra più stimoli Giochi: - Il gioco delle favole intrecciate - L omino dei palloncini - Il gioco del filo di lana - Regina reginella -Software: -Flessibilità cognitiva(software Autoregolare l attenzione Ed. Erickson) - Sole e stelle contro tutti, Fantasia di colori, Colori dispettosi (Software Attenzione e concentrazione Ed. Erickson)

38 Il controllo attentivo

39 Il controllo attentivo

40 Il controllo attentivo

41 Il controllo attentivo

42 Il controllo attentivo

43 Controllo della risposta impulsiva Gli esercizi svolti insegnano a: PRENDERE TEMPO CAPIRE LA CONSEGNA TROVARE UN TRUCCO INIBIRE LA RISPOSTA AFFRETTATA CONCLUDERE L ATTIVITA

44 Controllo della risposta impulsiva Per INIBIRE la RISPOSTA AFFRETTATA: Giochi: - Go- No Go e Il gioco della rana - Uno, due, tre stella! - Sacchi pieni o sacchi vuoti? - Notte e giorno Il gatto e il topo - Quale dei due? Chi ha rubato la marmellata? - Il gioco delle sagome sovrapposte - Trova le differenze Tecniche di autocontrollo e rilassamento muscolare progressivo

45 Controllo della risposta impulsiva

46 Controllo della risposta impulsiva

47 Studio di Psicologia e Psicoterapia Controllo della risposta impulsiva

48 Studio di Psicologia e Psicoterapia Controllo della risposta impulsiva Rilassamento muscolare per bambini Si utilizzano immagini e azioni mimate per stimolare i movimenti: Il limone per le mani La sabbia per i piedi L elefantino per la pancia Il chewingum per la bocca La tartaruga per le spalle La luce per gli occhi Il gattino per gli arti Esercizi di autocontrollo e consapevolezza sensoriale Il gioco della mummia

49 Controllo della memoria di lavoro

50 Controllo della memoria di lavoro Giochi: - Il gioco dei bussolotti, il gioco della scacchiera - Allena la tua memoria - Il Gallo Cristallo - La famiglia Ventimiglia - L orsetto smemorino -Software: -Memoria di lavoro (Software Autoregolare l attenzione Ed. Erickson)

51 Controllo della memoria di lavoro Giochi: - Che numero era? - Gioco del memory - Il puzzle - L oggetto misterioso -Software: -Memoria di lavoro (Software Autoregolare l attenzione Ed. Erickson)

52 Controllo della memoria di lavoro Giochi: - I musicanti di Brema - Lo zainetto - La calcolatrice - La scacchiera cieca -Software: -Memoria di lavoro (Software Autoregolare l attenzione Ed. Erickson)

53 Controllo della memoria di lavoro

54 Controllo della memoria di lavoro

55 Controllo della memoria di lavoro

56 Controllo della memoria di lavoro

57 Controllo della memoria di lavoro

58 Parental Training GENITORI Come mi sento? BAMBINO

59 Parental Training ANALISI FUNZIONALE DELLE SITUAZIONI CRITICHE Rinforzo Costo della risposta Token economy Time out

60 FASE D Monitoraggio dei risultati Bambino: Risomministrazione BIA Genitori: Risomministrazione SDAG Insegnanti: Risomministrazione SDAI

61 Valutazione finale BIA Percentili ,9 53, ,8 38,6 42, ,5 37, Percentili

62 Valutazione finale SDAG e SDAI Percentili ,5 26,8 57,2 36, SDAI Att SDAI Iperat SDAG Att SDAG Iperat Percentili

63 FASE D Parental Training Ambiente prevedibile Regole Tempo privilegiato Agire d anticipo Piano d azione Il modello

64 CONCLUSIONI OBIETTIVI RAGGIUNTI 1. Azione preventiva sulle caratteristiche del disturbo e diminuzione della probabilità che le difficoltà si accentuino 2. Riduzione della probabilità dell insuccesso scolastico 3. Aumento dell autostima e dell autoefficacia con la consapevolezza del controllo

65 CONCLUSIONI IN FUTURO Anticipare l intervento in età prescolare attraverso uno screening preventivo Utilizzare interviste strutturate validate per i colloqui Utilizzare interviste strutturate validate per i colloqui con genitori e insegnanti (Brown DDA Scales)

66 GRAZIE PER L ATTENZIONE

Attività psico-educative per sviluppare la concentrazione e l autoregolazione in bambini di età prescolare

Attività psico-educative per sviluppare la concentrazione e l autoregolazione in bambini di età prescolare Attività psico-educative per sviluppare la concentrazione e l autoregolazione in bambini di età prescolare Anna M. Re Università di Padova VII congresso AIDAI Padova, 14-16 maggio 2009 Sviluppare la concentrazione

Dettagli

Premessa 31/10/2011. Un due tre stella. ecco MAGA BEA! Esistono vari tipi di attenzione.

Premessa 31/10/2011. Un due tre stella. ecco MAGA BEA! Esistono vari tipi di attenzione. Premessa Un due tre stella ecco MAGA BEA! Laboratorio per il potenziamento delle abilità di ascolto e di attenzione L attenzione comprende la disponibilità a recepire la capacità di selezione dello stimolo

Dettagli

APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON

APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON APPLICAZIONE DI UN TRATTAMENTO METACOGNITIVO DI GRUPPO PER BAMBINI AFFETTI DA DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE CON IPERATTIVITÀ E DI UN PERCORSO DI PARENT TRAINING RIVOLTO AI GENITORI Laura Vanzin,

Dettagli

Sviluppare l attenzione nella scuola dell infanzia

Sviluppare l attenzione nella scuola dell infanzia Sviluppare l attenzione nella scuola dell infanzia L esperienza della Rete Ricerca Infanzia di Treviso Treviso, 25 Marzo 2011 Beatrice Caponi Università di Padova Rete Infanzia Treviso Coinvolgimento di

Dettagli

L ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITA : COME INTERVENIRE NELLA SCUOLA?

L ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITA : COME INTERVENIRE NELLA SCUOLA? L ALUNNO CON DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITA : COME INTERVENIRE NELLA SCUOLA? ADHD: STRUTTURARE L AMBIENTE E MIGLIORARE IL COMPORTAMENTO CTI ADRIA ROVIGO E BADIA POLESINE INCONTRI LABORATORIALI

Dettagli

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca PANORAMICA Scopi e obiettivi del trattamento Ridurre i sintomi dell ADHD Ridurre i sintomi in comorbidità Ridurre il

Dettagli

I prerequisiti dell attenzione

I prerequisiti dell attenzione Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Via Cavour, 24 Rovigo Direttore: Prof. Cesare Cornoldi I prerequisiti dell attenzione C. Salviato PD: 0498209059/3284366766;

Dettagli

ATTIVITA SPECIFICHE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA (DA INTEGRARE CON QUELLE PROPOSTE PER LA SCUOLA PRIMARIA, VEDI TUTTO IL MATERIALE DELLA TERZA

ATTIVITA SPECIFICHE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA (DA INTEGRARE CON QUELLE PROPOSTE PER LA SCUOLA PRIMARIA, VEDI TUTTO IL MATERIALE DELLA TERZA ATTIVITA SPECIFICHE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA (DA INTEGRARE CON QUELLE PROPOSTE PER LA SCUOLA PRIMARIA, VEDI TUTTO IL MATERIALE DELLA TERZA LEZIONE) Stesso comportamento, molteplici cause Difficoltà

Dettagli

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Centro Territoriale per l Integrazione degli alunni con disabilità Treviso Centro Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Attention Deficit Hyperactivity Disorders

Dettagli

S.C. di NPI ASL CN 1- Savigliano Fossano Saluzzo

S.C. di NPI ASL CN 1- Savigliano Fossano Saluzzo S.C. di NPI ASL CN 1- Savigliano Fossano Saluzzo D.ssa Francesca Ragazzo Descrivere cosa si prova a vivere con un bambino ADHD è inspiegabile: è un rapporto fatto di odioamore, un sentimento nuovo tutto

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

A cura della dott.ssa Francesca Venditti Psicologa e Psicoterapeuta francescavenditti@libero.it 349.4289838

A cura della dott.ssa Francesca Venditti Psicologa e Psicoterapeuta francescavenditti@libero.it 349.4289838 A cura della dott.ssa Francesca Venditti Psicologa e Psicoterapeuta francescavenditti@libero.it 349.4289838 Che cosa succede in classe? ... Quando la diagnosi è caratterizzata

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli Il disagio in età evolutiva Il disagio in età evolutiva ha origine dall interazione tra diverse variabili

Dettagli

Live the Life: intervento di coterapia integrato per

Live the Life: intervento di coterapia integrato per XVI CONGRESSO AIAMC- PESCARA - 25/28 OTTOBRE 2012 Benessere e consapevolezza in psicoterapia: Nuove tendenze nell approccio cognitivo comportamentale. Live the Life: intervento di coterapia integrato per

Dettagli

LIBRI E SOFTWARE AREA HANDICAP PRESENTI NELLA BIBLIOTECA MAGISTRALE AGGIORNATI AL 12/03/2013

LIBRI E SOFTWARE AREA HANDICAP PRESENTI NELLA BIBLIOTECA MAGISTRALE AGGIORNATI AL 12/03/2013 LIBRI E SOFTWARE AREA HANDICAP PRESENTI NELLA BIBLIOTECA MAGISTRALE AGGIORNATI AL 12/03/2013 A caccia di paroe in contesti CD A caccia di parole in libertà CD Abilità di studio I livello Adattamento dei

Dettagli

Parent training per l ADHD

Parent training per l ADHD Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Parent training per l ADHD Programma CERG: sostegno cognitivo, emotivo e relazionale dei

Dettagli

CONVITTO NAZIONALE G. LEOPARDI Piazza Marconi, 3 Macerata

CONVITTO NAZIONALE G. LEOPARDI Piazza Marconi, 3 Macerata CONVITTO NAZIONALE G. LEOPARDI Piazza Marconi, 3 Macerata Centro Regionale A.I.D.A.I. per le Marche 0733 239338 3381449353 - aidai.marche@libero.it Psicologa: Dott.ssa Federica Fini (n iscrizione Albo

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

PROF.SSA CATIA GIACONI

PROF.SSA CATIA GIACONI A.D.H.D. E GESTIONE DELLA CLASSE PROF.SSA CATIA GIACONI CATIA.GIACONI@UNIMC.IT SAN BENEDETTO 7 MARZO 2014 COSA VEDREMO COSA SI DEVE SAPERE DELL ADHD COSA FARE A SCUOLA COSA DEVO SAPERE LA TRIADE E LE CARATTERISTICHE

Dettagli

RIEDUCHIAMO IL CERVELLO PROGETTO EDUCATIVO DI PREVENZIONE DESTINATO A SCUOLE DELL INFANZIA, SCUOLE PRIMARIE SCUOLE SECONDARIE 1 CICLO

RIEDUCHIAMO IL CERVELLO PROGETTO EDUCATIVO DI PREVENZIONE DESTINATO A SCUOLE DELL INFANZIA, SCUOLE PRIMARIE SCUOLE SECONDARIE 1 CICLO RIEDUCHIAMO IL CERVELLO PROGETTO EDUCATIVO DI PREVENZIONE DESTINATO A SCUOLE DELL INFANZIA, SCUOLE PRIMARIE SCUOLE SECONDARIE 1 CICLO PROPOSTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGRAMMA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

Adozione e ADHD: criticità nel trattamento e proposte di lavoro. Dott.ssa G. Menchetti Dott.ssa S. Rota Dott.ssa B. R. Berti U.F.S.M.I.A.

Adozione e ADHD: criticità nel trattamento e proposte di lavoro. Dott.ssa G. Menchetti Dott.ssa S. Rota Dott.ssa B. R. Berti U.F.S.M.I.A. Adozione e ADHD: criticità nel trattamento e proposte di lavoro Dott.ssa G. Menchetti Dott.ssa S. Rota Dott.ssa B. R. Berti U.F.S.M.I.A. ASL 5 Pisa Eziologia L ADHD è un disturbo ad eziologia multifattoriale

Dettagli

Carta dei Servizi. Centro di psicologia e Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Carta dei Servizi. Centro di psicologia e Psicoterapia Cognitivo Comportamentale Carta dei Servizi Centro di psicologia e Psicoterapia Cognitivo Comportamentale Pagina 2 ISTITUTO WOLPE L istituto Wolpe è un centro di psicologia e psicoterapia cognitivo comportamentale, integrato in

Dettagli

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Dott.ssa Sara Bernardelli Psicologa-Psicoterapeuta SPC-Scuola di Psicoterapia Cognitiva Cos è il disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Alessandro

Dettagli

INTERVENTI SUL CONTESTO CHILD TRAINING SESSIONE: TERAPIA

INTERVENTI SUL CONTESTO CHILD TRAINING SESSIONE: TERAPIA ADHD: per una condivisione dei percorsi diagnostico-terapeutici Milano, 29 maggio 2013 INTERVENTI SUL CONTESTO CHILD TRAINING SESSIONE: TERAPIA Azienda Ospedaliera SPEDALI CIVILI BRESCIA Silvia Merati,

Dettagli

Caratteristiche dell intervento

Caratteristiche dell intervento Caratteristiche dell intervento Prima parte trattamento autoregolativo di gruppo (4 mesi) Seconda parte terapia assistita con il cane (2 mesi) Che cos è il Training Autoregolativo? E un intervento cognitivo-comportamentale

Dettagli

CENTRO TERRITORIALE DI SUPPORTO DI RIETI UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI RIETI REGISTRO DEI BENI CONCESSI IN COMODATO D USO

CENTRO TERRITORIALE DI SUPPORTO DI RIETI UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI RIETI REGISTRO DEI BENI CONCESSI IN COMODATO D USO 2009 CENTRO TERRITORIALE DI SUPPORTO DI RIETI UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI RIETI REGISTRO DEI BENI CONCESSI IN COMODATO D USO. Codice Categoria Identif.vo Progr.vo SW-AC -01/ SW-AC -01/ SW-AC -02/

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

IDEE E STRATEGIE OPERATIVE

IDEE E STRATEGIE OPERATIVE IDEE E STRATEGIE OPERATIVE CONSIDERARE IL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO DELLA PERSONA Valutazione approfondita e realistica delle competenze e delle abilitàdella persona: cosa sa fare in modo autonomo e

Dettagli

Corso di formazione Autismo e inclusione scolastica LA VALUTAZIONE E IL PERCORSO EDUCATIVO DI DUE BAMBINI CON AUTISMO

Corso di formazione Autismo e inclusione scolastica LA VALUTAZIONE E IL PERCORSO EDUCATIVO DI DUE BAMBINI CON AUTISMO DIREZIONE DIDATTICA STATALE Pierina Boranga - 1 CIRCOLO di Belluno Centro Territoriale per l Integrazione Corso di formazione Autismo e inclusione scolastica LA VALUTAZIONE E IL PERCORSO EDUCATIVO DI DUE

Dettagli

Centro Regionale di riferimento per lo studio, la diagnosi e la cura dell ADHD

Centro Regionale di riferimento per lo studio, la diagnosi e la cura dell ADHD AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso Centro Regionale di riferimento per lo studio, la diagnosi e la cura dell ADHD Responsabile: Dr.ssa

Dettagli

Indice. 7 Introduzione

Indice. 7 Introduzione Indice 7 Introduzione 9 CAP. 1 Il rischio di disturbo da deficit di attenzione e/o iperattività nel bambino piccolo 19 CAP. 2 Giochi e attività sul controllo della memoria di lavoro 25 Bibliografia 29

Dettagli

Profili cognitivi ed esiti di apprendimento alla scuola primaria in bambini con difficoltà attentive e comportamentali a cinque anni

Profili cognitivi ed esiti di apprendimento alla scuola primaria in bambini con difficoltà attentive e comportamentali a cinque anni DISFOR Dipartimento di Scienze della Formazione Profili cognitivi ed esiti di apprendimento alla scuola primaria in bambini con difficoltà attentive e comportamentali a cinque anni V. De Franchis, L. Traverso,

Dettagli

Primo modulo [20 CFU]

Primo modulo [20 CFU] CORSO DI PERFEZIONAMENTO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE / MASTER in Didattica e Psicopedagogia per alunni con DISTURBO DA DEFICIT D ATTENZIONE/IPERATTIVITÀ (ADHD - DDAI) Primo modulo [20 CFU] MED/9, M-PSI/08

Dettagli

KIT PER STIMOLARE LO SVILUPPO DELL AUTOREGOLAZIONE

KIT PER STIMOLARE LO SVILUPPO DELL AUTOREGOLAZIONE APPRENDERE L AUTOREGOLAZIONE PER APPRENDERE KIT PER STIMOLARE LO SVILUPPO DELL AUTOREGOLAZIONE Dott.ssa Laura Traverso Psicologa lauratraverso4@gmail.com AUTO-REGOLAZIONE? Con il termine autoregolazione

Dettagli

Centro per l Età Evolutiva

Centro per l Età Evolutiva Centro per l Età Evolutiva Studio Associato di Psicologia Clinica Formazione Ricerca CHI SIAMO Il Centro per l Età Evolutiva è uno Studio Associato di Psicologia che ha sede a Bergamo e svolge la propria

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE E COMPORTAMENTALI

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE E COMPORTAMENTALI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE E COMPORTAMENTALI Art.5 D.M. n 5669 del 12.7.2011; Linee guida per il diritto allo studio degli studenti con DSA a.s..

Dettagli

LE DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE E DI IPERATTIVITÀ NEI BAMBINI E NEI RAGAZZI:

LE DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE E DI IPERATTIVITÀ NEI BAMBINI E NEI RAGAZZI: LE DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE E DI IPERATTIVITÀ NEI BAMBINI E NEI RAGAZZI: SPUNTI TEORICI E STRATEGIE DI INTERVENTO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA 5 dicembre 2012 Federica Vandelli, Fabiana Zani STRUTTURA DELL

Dettagli

LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento.

LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento. A CURA DI IGNAZIO LICCIARDI LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento. di Angelina Albano biblìon COLLANA

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: SCREENING, DIAGNOSI E INTERVENTO

I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: SCREENING, DIAGNOSI E INTERVENTO IRCCS OASI MARIA SS CONVEGNO I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: SCREENING, DIAGNOSI E INTERVENTO D.ssa Giuseppa Cifalà, Pedagogista clinico Direttore ANPEC Prov. Enna

Dettagli

INTEGRAZIONE POSSIBILE: DAL BAMBINO AL GIOVANE ADULTO

INTEGRAZIONE POSSIBILE: DAL BAMBINO AL GIOVANE ADULTO IVWORKSHOP INTERNAZIONALE Giovedì 3 o8obre 2013 Roma INTEGRAZIONE POSSIBILE: DAL BAMBINO AL GIOVANE ADULTO Valutazione e programmazione dell intervento nel CommunityNetwork Approach Dott.ssa M.Caccetta

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Il campus che EMOZIONE!!!! Dott.ssa Silvia Tonelli Psicologa Psicoterapeuta

Il campus che EMOZIONE!!!! Dott.ssa Silvia Tonelli Psicologa Psicoterapeuta Il campus che EMOZIONE!!!! Dott.ssa Silvia Tonelli Psicologa Psicoterapeuta Confusione nell ambiente: cos è un dsa Fino a che una persona non si mette nei panni dell altro è facile sentir parlare di DSA

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO. Anna Maria Re annamaria.re@unipd.it

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO. Anna Maria Re annamaria.re@unipd.it PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO Anna Maria Re annamaria.re@unipd.it 1 PROGRAMMA Bibliografia: Viannello, R., Gini, G., Lanfranchi, S. (2008), Psicologia dello sviluppo. UTET. Cornoldi, C. (a cura di), Difficoltà

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

UNA NUOVA MODALITÀ DI CONDUZIONE DI PARENT TRAINING PER GENITORI DI BAMBINI CON ADHD

UNA NUOVA MODALITÀ DI CONDUZIONE DI PARENT TRAINING PER GENITORI DI BAMBINI CON ADHD UNA NUOVA MODALITÀ DI CONDUZIONE DI PARENT TRAINING PER GENITORI DI BAMBINI CON ADHD Gruppo di Lavoro: Prof. Cesare Cornoldi, Prof.ssa Emilia Ferruzza, Dott.ssa Anna Re, Dott.ssa Angela Paiano, Dott.ssa

Dettagli

ATTIVITA AIDAI TOSCANA 2015 E PROPOSTE PER I SOCI

ATTIVITA AIDAI TOSCANA 2015 E PROPOSTE PER I SOCI ATTIVITA AIDAI TOSCANA 2015 E PROPOSTE PER I SOCI Di seguito verranno presentate le attività già programmate per il 2015; i soci iscritti alla mailing list riceverrano nel corso di tutto il 2015 gli aggiornamenti

Dettagli

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA www.labda-spinoff.it 0498209059/3284366766

Dettagli

SPAZIO GIOVANI. Alberto Genziani Tel: 338.9620608 Emanuele Soressi Tel: 333.6443742 Andrea Roda (Ser.T) Tel: 349.6750976

SPAZIO GIOVANI. Alberto Genziani Tel: 338.9620608 Emanuele Soressi Tel: 333.6443742 Andrea Roda (Ser.T) Tel: 349.6750976 SPAZIO GIOVANI A chi rivolgersi: Alberto Genziani Tel: 338.9620608 Emanuele Soressi Tel: 333.6443742 Andrea Roda (Ser.T) Tel: 349.6750976 Dove: Piazzale Milano, 2 2 piano - blocco B Fax: 0523.317735 Email:

Dettagli

5 Colloquio psicologico clinico familiare o di coppia. Include mediazione familiare

5 Colloquio psicologico clinico familiare o di coppia. Include mediazione familiare ELENCO DELLE PRESTAZIONI DELLO PSICOLOGO AI FINI DI DETERMINARNE L ESENZIONE O MENO DALL I.V.A. (Testo aggiornato al 10/09/07 secondo la normativa fiscale: DPR 26 ott. 1972 n.633- art. 10 ; D.M. 21 gennaio

Dettagli

Educazione e genitorialità: parliamone insieme Incontri formativo-informativi gratuiti per genitori

Educazione e genitorialità: parliamone insieme Incontri formativo-informativi gratuiti per genitori Educazione e genitorialità: parliamone insieme Incontri formativo-informativi gratuiti per genitori «Se non giochi con me mi arrabbio» Le abilità sociali e l autoregolazione nell età dello sviluppo 9 Ottobre2014

Dettagli

Liceo delle Scienze Umane Regina Margherita Salerno. Dirigente Dott.ssa Virginia Loddo Relatrice Dott.ssa Anna Cappuccio

Liceo delle Scienze Umane Regina Margherita Salerno. Dirigente Dott.ssa Virginia Loddo Relatrice Dott.ssa Anna Cappuccio Liceo delle Scienze Umane Regina Margherita Salerno Dirigente Dott.ssa Virginia Loddo Relatrice Dott.ssa Anna Cappuccio Rapporto scuola-famiglia Risorse evolutive per il benessere dei ragazzi Autostima,

Dettagli

Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe. Gian Marco Marzocchi

Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe. Gian Marco Marzocchi Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca Centro per l Età Evolutiva - Bergamo Alla scuola materna Alcuni bambini iperattivi non riescono

Dettagli

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 PROPOSTE FORMATIVE per la SCUOLA dell INFANZIA Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 GIOCANDO CON LE EMOZIONI Sostenere e aiutare i bambini ad ascoltare le proprie emozioni

Dettagli

Scheda Illustrativa dei corsi. Corso n. 2/Formazione sull AUTISMO (a cura della dott.ssa Monia Di Palma)

Scheda Illustrativa dei corsi. Corso n. 2/Formazione sull AUTISMO (a cura della dott.ssa Monia Di Palma) Scheda Illustrativa dei corsi Corso n. 2/Formazione sull AUTISMO (a cura della dott.ssa Monia Di Palma) COS È E COSA NON È L AUTISMO Recentemente gli studiosi preferiscono parlare di autismi piuttosto

Dettagli

Le autonomie : comprendere e gestire le relazioni e situazioni sociali

Le autonomie : comprendere e gestire le relazioni e situazioni sociali Le autonomie : comprendere e gestire le relazioni e situazioni sociali Dott.ssa Gazzi Mara Psicologa dell'età Evolutiva e della psicopatologia dell'apprendimento Esperta in Neuropsicologia Clinica ADHD

Dettagli

prof.sse SOMMA M.- PIAZZOLLA M. 1

prof.sse SOMMA M.- PIAZZOLLA M. 1 prof.sse SOMMA M.- PIAZZOLLA M. 1 Definizione dell adhd (Attention Deficit Hyperactivity Disorder) L ADHD è un disordine dello sviluppo neuropsichico dello studente caratterizzato da incapacità a mantenere

Dettagli

BES Bisogni Educativi Speciali. Autismo. Lecco, 26 Febbraio 2015 Relatrice: Jessica Sala

BES Bisogni Educativi Speciali. Autismo. Lecco, 26 Febbraio 2015 Relatrice: Jessica Sala BES Bisogni Educativi Speciali Autismo Lecco, 26 Febbraio 2015 Relatrice: Jessica Sala DEFINIZIONE L autismo è una sindrome comportamentale causata da un disordine dello sviluppo, biologicamente determinato,

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

FORMAZIONE UMANA GLOBALE

FORMAZIONE UMANA GLOBALE FORMAZIONE UMANA GLOBALE Effetti di un breve ciclo di sessioni di Meditazione Vigile sulla qualità di vita, la riduzione del livello di stress e il miglioramento di alcune abilità cognitive di un campione

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO E LA SCUOLA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO E LA SCUOLA CONVEGNO ADHD 27/5/2016 I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO E LA SCUOLA VIDEO INTRODUTTIVO: Senza diagnosi àperiodo dello sviluppo diventa un periodo molto negativo. 1)inattenzione 2) iperattività 3) impulsività

Dettagli

CONGRESSO AIDAI MILANO 2005 RELAZIONE PROF. SANTO DI NUOVO Università di Catania

CONGRESSO AIDAI MILANO 2005 RELAZIONE PROF. SANTO DI NUOVO Università di Catania CONGRESSO AIDAI MILANO 2005 RELAZIONE PROF. SANTO DI NUOVO Università di Catania Nella diagnosi delle sindromi ADHD, seguendo i criteri previsti sia nel DSM- IV-R sia nell'icd-10 dell'oms, occorre non

Dettagli

Importanza della valutazione neuropsicologica e clinicoqualitativa ADHD

Importanza della valutazione neuropsicologica e clinicoqualitativa ADHD Importanza della valutazione neuropsicologica e clinicoqualitativa nella diagnosi di ADHD Bisiacchi P.S. 1, Tarantino V. 1, Scala G.G. 1, Tozzi A.E. 2, Chiarotti F. 3, Salmaso S. 3 1 Dipartimento di Psicologia

Dettagli

Centro Studi e Ricerche per la Mediazione Scolastica e Familiare. ad Orientamento Sistemico e per il Counselling Sistemico-Relazionale

Centro Studi e Ricerche per la Mediazione Scolastica e Familiare. ad Orientamento Sistemico e per il Counselling Sistemico-Relazionale Centro Studi e Ricerche per la Mediazione Scolastica e Familiare ad Orientamento Sistemico e per il Counselling Sistemico-Relazionale P.IVA 02554170122 C.F. 91029450128 - Sede legale: Corso Italia, 62

Dettagli

Programmi di intervento per il Disturbo Non Verbale

Programmi di intervento per il Disturbo Non Verbale Programmi di intervento per il Disturbo Non Verbale Caratteristiche professionista Gravità e pervasività disturbo Motivazione al cambiamento EFFICACIA TRATTAMENTO Tipo di trattamento Durata del trattamento

Dettagli

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare

Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare GRUPPO DI PARENT TRAINING PER GENITORI DI BAMBINI CON DDAI NELLA REGIONE LAZIO Dott.ssa Erica Menotti, Presidente AIDAI ONLUS REGIONE LAZIO Psicoterapeuta Familiare Una presa in carico globale Come molti

Dettagli

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA Interpretazione dei DSA: dai documenti di consenso al DSM-5 Dott.ssa Rosalba Carnevale Clinica delle difficoltà e dei

Dettagli

Stili cognitivi e difficoltà comportamentali

Stili cognitivi e difficoltà comportamentali + Stili cognitivi e difficoltà comportamentali Centro Psiky Dott.ssa Giorgia Concari Psicologa-Psicoterapeuta Dottore di Ricerca in Psicologia dell educazione e disabilità Università di Parma + Complessità

Dettagli

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE/IPERATTIVITA (ADHD)

IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE/IPERATTIVITA (ADHD) Settimo incontro di Teacher Training IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE/IPERATTIVITA (ADHD) Il coinvolgimento della classe: le regole e la token economy di gruppo Dott.ssa Laura Bedin psicologa presso

Dettagli

CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD

CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD Azienda Ospedaliera G. Salvini Garbagnate Milanese Unità Operativa di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza. CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD Direttore: prof. Giuseppe

Dettagli

Valutare l efficacia della Psicoterapia

Valutare l efficacia della Psicoterapia Valutare l efficacia della Psicoterapia Premessa: Le sempre più limitate risorse economiche (da parte di enti pubblici e privati) e l esigenza di un giudizio di impatto economico per ogni specifico intervento

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

Curriculum Scientifico Professionale

Curriculum Scientifico Professionale Curriculum Scientifico Professionale Elena Luisetti nata ad Angera (Varese) il 28/06/49, residente ad Angera 21021 (Varese), via Don Guanella,1 C.F. LSTLNE49H68A290Q Recapito Istituto Wolpe Via XXV aprile,

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

come migliorare la PRESTAZIONE

come migliorare la PRESTAZIONE .... BIOFEEDBACK E SPORT:. come migliorare la PRESTAZIONE Ogni stimolo, ogni situazione scaturisce in noi una risposta a livello fisiologico, mentale ed emozionale. Questa risposta influenza il nostro

Dettagli

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra l importanza di una diagnosi precoce GLI INSEGNANTI DICONO CHE mio figlio.. è troppo frettoloso o lento; è intelligente ma svogliato, è distratto,

Dettagli

PROSPETTO GENERALE. Primo anno (500 ore)

PROSPETTO GENERALE. Primo anno (500 ore) PROSPETTO GENERALE Primo anno (500 ore) 1. Metodologia, Psicologia generale e Psicologia dello Sviluppo I principali indirizzi psicoterapeutici 48 ore 2. Teorie e tecniche comportamentali e cognitive 168

Dettagli

Fondamenti metodologici della neuropsicologia. Il metodo neuropsicologico. Dai dati alla teoria. Il metodo della correlazione anatomo-clinica

Fondamenti metodologici della neuropsicologia. Il metodo neuropsicologico. Dai dati alla teoria. Il metodo della correlazione anatomo-clinica FUNZIONI ESECUTIVE E MISURE ELETTROFISIOLOGICHE PATRIZIA S. BISIACCHI DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA GENERALE PADOVA Fondamenti metodologici della neuropsicologia Studio delle basi neurali delle funzioni mentali

Dettagli

Centro per l apprendimento e la famiglia

Centro per l apprendimento e la famiglia Centro per l apprendimento e la famiglia Carta dei Servizi per l anno 2014 Progettazione Cooperativa Sociale ONLUS Vai G. B. Moroni, 6 24066 Pedrengo (Bg) tel. 035657351 Centro per l Apprendimento e a

Dettagli

Story Task) nella valutazione dei

Story Task) nella valutazione dei L utilizzo del MCAST (Manchester Child Attachment Story Task) nella valutazione dei bambini con ADHD Dott.ssa Antonella Marianecci - antonellamarianecci@yahoo.it Dott.ssa Francesca Manaresi - francesca.manaresi@fastwebnet.it

Dettagli

N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri,

N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri, N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri, con sostegno e casi di bullismo 002 Insieme per crescere Troppo teorico 003 Costruire una comunità accogliente

Dettagli

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO Vineland Le Vineland Adaptive Behavior Scales valutano

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

ADHD E DISPRASSIA: RIFLESSIONI E PROPOSTE DI INTERVENTO

ADHD E DISPRASSIA: RIFLESSIONI E PROPOSTE DI INTERVENTO Centro di Neuropsicologia Clinica dell Et Età Evolutiva Giorgio Sabbadini - PERUGIA Michele Margheriti Marzia Selene Ghilardi ADHD E DISPRASSIA: RIFLESSIONI E PROPOSTE DI INTERVENTO VIII Congresso Nazionale

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: sviluppi scientifici, servizi e terapie non farmacologiche

La Malattia di Alzheimer: sviluppi scientifici, servizi e terapie non farmacologiche La Malattia di Alzheimer: sviluppi scientifici, servizi e terapie non farmacologiche La gestione dei disturbi comportamentali tramite interventi di Musicoterapia e Terapia della Bambola con pazienti affetti

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Dott.ssa Letizia Moretti

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Dott.ssa Letizia Moretti I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero Dott.ssa Letizia Moretti INDICE DELLE LEZIONI Cosa sono i DSA, quali le cause, i sintomi e i disturbi correlati

Dettagli

Autostima Amica-Nemica

Autostima Amica-Nemica Autostima Amica-Nemica come influenza le nostre scelte Dott.ssa Gioia Negri Psicologa, Psicoterapeuta Dottore di Ricerca in Neuroscienze Cognitive cos è l Autostima? Definizione «psicologica» «il processo

Dettagli

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA Autostima = giudizio che ognuno dà del proprio valore ( dipende sia da fattori interni che esterni ) EricKson: la stima di sé deve venire da dentro, dal nocciolo di

Dettagli

I criteri del DSM-IV

I criteri del DSM-IV La diagnosi ADHD in età evolutiva I criteri del DSM-IV Dott.ssa Galati Monia Azienda Ospedaliera G. Salvini Servizio Territoriale N.P.I. Garbagnate Milanese Un Po Di Storia. Nel 1925 alcuni autori individuano

Dettagli

Elenco Prestazioni Psicologia Involuzione Cerebrale

Elenco Prestazioni Psicologia Involuzione Cerebrale Elenco Prestazioni Psicologia Involuzione Cerebrale PSICOTERAPIA INDIVIDUALE TERAPIA OCCUPAZIONALE (Seduta Individuale) COLLOQUIO PSICOLOGICO CLINICO PSICOTERAPIA FAMILIARE PSICOTERAPIA DI GRUPPO VALUTAZIONE

Dettagli

Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003)

Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003) Per la legge sulla privacy si fa riferimento al Documento Programmatico della sicurezza (protezione dei dati personali D.L.V.O. 196 del 30/06/2003) PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Scuola Dirigente Scolastico

Dettagli

La rete di intervento nelle Marche: l'aidai CENTRO PSICO PEDAGOGICO.

La rete di intervento nelle Marche: l'aidai CENTRO PSICO PEDAGOGICO. La rete di intervento nelle Marche: l'aidai CENTRO PSICO PEDAGOGICO. L'AIDAI, Associazione Italiana Disturbi Attenzione e Iperattività è un'organizzazione senza scopi di lucro costituita da operatori clinici

Dettagli

ADHD. LA FAMIGLIA Chi sono e come vivono genitori e fratelli di bambini/ragazzi ADHD. Astrid Gollner AIFA ONLUS LOMBARDIA

ADHD. LA FAMIGLIA Chi sono e come vivono genitori e fratelli di bambini/ragazzi ADHD. Astrid Gollner AIFA ONLUS LOMBARDIA ADHD LA FAMIGLIA Chi sono e come vivono genitori e fratelli di bambini/ragazzi ADHD Astrid Gollner AIFA ONLUS LOMBARDIA Bisogna prima di tutto ricordare che il bambino/ragazzo/adolescente con ADHD non

Dettagli

DISTURBI DA DEFICIT ATTENZIONALI con o senza iperattività

DISTURBI DA DEFICIT ATTENZIONALI con o senza iperattività DISTURBI DA DEFICIT ATTENZIONALI con o senza iperattività DISTURBI DA DEFICIT ATTENZIONALI con o senza iperattività Regolazione deficitaria in tre aree Attenzione Inibizione della risposta Livello di attività

Dettagli

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività VIII CONGRESSO NAZIONALE AIDAI AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Pescara 16/17 settembre 2011 Difficoltà comportamentali e relazioni sociali in adolescenza

Dettagli

Autismo Caratteristiche

Autismo Caratteristiche Autismo Caratteristiche Flavia Caretto Psicologa Psicoterapeuta Modena 6 ottobre 2012 una persona vera Il mio modo di essere era completamente incomprensibile agli occhi di chi mi circondava. Toccavo continuamente

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BOSCARO LORENA Telefono 335 6798588 Fax E-mail lorena.boscaro@ virgilio.it Nazionalità italiana Data di nascita

Dettagli

DENOMINAZIONE PRODUTTORE DESCRIZIONE DISABILITÀ TIPO ORDINE SCOLASTICO

DENOMINAZIONE PRODUTTORE DESCRIZIONE DISABILITÀ TIPO ORDINE SCOLASTICO DENOMINAZIONE PRODUTTORE DESCRIZIONE DISABILITÀ TIPO ORDINE SCOLASTICO 1 ALLENARE LE ABILITÀ VISUO-SPAZIALI 10 Giochi per migliorare le strategie di apprendimento + 2 ANALISI VISIVA DEI GRAFEMI Apprendimento

Dettagli

CENTRO DIURNO LA MERIDIANA

CENTRO DIURNO LA MERIDIANA SERVIZIO PSICHIATRICO MIRANO Direttore: Dr.ssa Anna Urbani CENTRO DIURNO LA MERIDIANA Via Miranese, 18-30035 Mirano (VE) tel. 041 5795516 fax 041 5795501 BENVENUTI NEL NOSTRO CENTRO DIURNO! IN QUESTE PAGINE

Dettagli

LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO

LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO LA CLASSE CONTESTO DIFFICILE IL MEGLIO DI NOI LO DIAMO QUANDO INTERPRETIAMO LE SITUAZIONI DIFFICILI COME PROBLEMI CHE AMMETTONO SOLUZIONI 1 PASSO PERCEPIRE IL PROBLEMA, AVENDO BEN CHIARA LA DIFFERENZA

Dettagli

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013

L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 L INFORTUNIO NELLO SPORT DI ALTO LIVELLO: RISPOSTE E GESTIONE PSICOLOGICA Pisa, 19-20 Gennaio 2013 Marisa Muzio Via Bronzetti 11, 20129 Milano, Italia Mobile: +39 3395070433 Phone: 02 78621901 Fax: +39

Dettagli