LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI"

Transcript

1 LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza agli utenti relativamente alla manutenzione di apparecchiature Hardware, Software di base ed applicativo e sistemi di comunicazione, utilizzando diverse forme di Call Center gestiti sia con risorse interne all Amministrazione, sia completamente dai fornitori. Le informazioni provengono oltre che dai progetti di monitoraggio anche da indagini effettuate nel corrente anno sul funzionamento del Call Center interno dell INAIL. Le criticità possono essere messe in evidenza dal monitoraggio sia esaminando il processo di erogazione del servizio, sia analizzando gli indicatori derivati dai report operativi. Keywords Call Center, Help Desk, ISO 9001, ISO 9004/2. Introduzione L assistenza agli utenti dei sistemi informatici ormai non può prescindere da punti generalmente raggiungibili o per telefono, o con applicazioni gestibili tramite Internet o rete privata, che permettano di gestire completamente eventuali malfunzionamenti fino alla soluzione del caso. Tutte le amministrazioni possiedono ormai uno o più di questi punti di assistenza, indicati in generale con il termine di Help Desk, specializzati per risolvere problemi di qualsiasi tipo dell utente. In questi anni vi è stata una evoluzione naturale degli Help Desk verso strutture sempre più specializzate, che non sono solo punti di raccolta di problemi, ma veri e proprio erogatori di servizi orientati al rapido ripristino delle condizioni di funzionamento dei sistemi. In questi punti, indicati comunemente con il nome di Call Center, dobbiamo allora vedere delle strutture in cui si affronta sia il problem determination che il problem solving, abbattendo enormemente i tempi di intervento e di soluzione. La verifica dei servizi forniti dai Call Center pone numerosi problemi a fronte della loro articolazione e continua evoluzione. Di seguito si riportano le esperienze acquisite dal monitoraggio per verificare l erogazione dei servizi di Call Center, intesi sia come strutture interne, sia come veri e propri Call Center esterni. Pag. 1

2 1. L assistenza agli utenti 1.1 Attuale strutturazione dell assistenza agli utenti in INAIL Gli utenti dei Sistemi Informativi dell INAIL possono classificarsi, in una prima approssimazione, in: addetti alle procedure di sportello, localizzati presso le sedi periferiche; utilizzatori dei servizi di tipo Infocenter; operatori di controllo, la cui funzione è di gestire i sistemi periferici, composti da server e stazioni di lavoro ad essi connessi tramite reti locali; utenti esterni, a cui sono diretti alcuni dei servizi informativi. L assistenza agli utenti dei Sistemi Informativi Automatizzati dell INAIL si articola sulle seguenti problematiche: malfunzionamenti Hardware, Software di base e sistemi di comunicazioni che richiedono interventi di ripristino delle condizioni di funzionalità nel più breve tempo possibile; malfunzionamenti delle applicazioni che richiedono interventi di manutenzione del software per rimuovere le cause; utilizzo delle procedure informatiche, per permetterne la loro corretta gestione a fronte dei numerosi cambiamenti apportati dalla legislazione in continua evoluzione. Le risorse professionali impiegate per fornire questi servizi di assistenza sono sia interne che acquisite tramite specifici contratti. Per quanto riguarda i gestori dei servizi d assistenza, si ha la seguente situazione: l assistenza all hardware e al software di base dei sistemi periferici, costituiti da server e stazioni di lavoro ad essi connessi in rete locale, è coperta da un contratto di tipo outsourcing; l assistenza sulle procedure e relative applicazioni si avvale di un Punto di Assistenza Utenti centralizzato (PAU), costituito sia da personale interno che esterno, quest ultimo acquisito tramite apposito contratto di manutenzione ed assistenza software; l assistenza per la trasmissione dati e voce in rete geografica, avviene mediante l ausilio sia di personale interno INAIL (intervento di 1 livello), sia di personale esterno (intervento di 2 livello) che fa capo ad un contratto di tipo outsourcing della WAN dell Istituto. In tabella 1 si riporta la situazione complessiva dell articolazione dei servizi di assistenza agli utenti, con particolare riferimento ai gestori dei singoli servizi; il numero di interventi riportato si riferisce all anno Pag. 2

3 TIPO DI CALL CENTER TIPO DI INTERVENTI NUMERO MEDIO DI INTERVENTI /ANNO % SUL TOTALE DI INTERVENTI CALL CENTER ESTERNO INTERVENTI HW SULLE PIATTAFORME 734 5,4 INTERVENTI SISTEMISTICI SULLE PIATTAFORME ,0 INTERVENTI HW SULLE STAZIONI DI LAVORO ,2 INTERVENTI SU MALFUNZIONAMENTI DI RETE 311 2,3 CALL CENTER INTERNO INTERVENTI SULLE PROCEDURE 914 6,6 CHIARIMENTI SULLE PROCEDURE 2400* 17,5 TOTALE Tab. 1: articolazione dei servizi di Call Center in INAIL (*) valore stimato, depurato da chiamate non comportanti problem solving 1.2 Il Call Center INAIL: il Punto Assistenza Utenti In questo contesto l assistenza agli utenti è in prima istanza filtrata dall operatore di controllo che, in caso di problema hardware o software di base: effettua una richiesta d intervento ad un numero verde e segnala il caso con la procedura appositamente predisposta; verifica e valida il successivo intervento del personale esterno mediante la compilazione e firma di apposita modulistica, che provvede poi a conservare nei registri del CED di sede. Il fornitore produce periodicamente report analitici e sintetici per la verifica e l accettazione dei livelli di servizio erogati. Per i problemi di altra natura o di tipo applicativo l utente si rivolge direttamente al PAU. Da quanto sopra accennato il PAU opera come una struttura di tipo Call Center, in quanto riceve i problemi, li analizza anche con l aiuto di strumenti adeguati, fornisce se possibile Pag. 3

4 risposte in linea, demanda i problemi di non immediata soluzione, si preoccupa di chiudere i casi aperti e produce una reportistica su tutte le attività effettuate. L INAIL ha definito una procedura generalizzata di raccolta dei problemi, gestita con applicazioni basate su un sistema elaborativo centrale, su cui confluiscono i casi di maggior rilevanza (con tempo di soluzione superiore al giorno). Tale strumento consente di fornire rapidamente una risposta, se il caso è stato già risolto e classificato, oppure di registrare il problema e procedere con una procedura a cascata alla sua determinazione e soluzione. In media le segnalazioni al PAU si riferiscono per l 80% a problemi di natura applicativa e per il 20% a problemi di natura sistemistica. 1.3 Problemi realizzativi per l impostazione dell Help Desk La realizzazione dell Help Desk ha comportato all INAIL la necessità di risolvere numerosi problemi di natura tecnica ed organizzativa. Nel seguente elenco si citano gli aspetti ritenuti di maggior criticità: conoscenza delle aspettative dell utente impostazione dei servizi da erogare definizione dell organizzazione funzionale definizione delle procedure operative definizione della reportistica dimensionamento e schedulazione delle risorse umane selezione e formazione delle risorse umane definizione degli strumenti e delle tecnologie comunicazione del servizio e delle sue variazioni agli utenti. La risposta data dall INAIL al problema, come si è in precedenza indicato, è stata di costruire organismi sia esterni che interni, talvolta con partecipazione di professionalità esterne all Amministrazione, in modo da coprire totalmente tutte le necessità di assistenza dell utente. 2. Monitoraggio dei contratti relativi ai servizi di assistenza agli utenti 2.1 Modelli per il monitoraggio dei contratti di assistenza agli utenti Il gruppo di monitoraggio dell INAIL ha scelto i modelli per le attività di verifica dei contratti inerenti i servizi che prevedono l assistenza agli utenti utilizzando espressamente le norme della serie ISO In particolare nella guida per i servizi (ISO 9004/2) è possibile trovare riferimenti adeguati su come un servizio viene richiesto, progettato, erogato e controllato; pertanto questa guida costituisce insieme alla norma ISO 9001 il caposaldo per il monitoraggio dei servizi. Pag. 4

5 In tabella 2 sono riepilogati i principali modelli utilizzati dal monitoraggio, con il riscontro delle norme ISO e una breve descrizione dei contenuti. Argomento Aspetti del servizio Modellli di riferimento Servizio Cerchio della qualità del servizio Interfaccia con il cliente Progettazione servizio del ISO 9004/2 ISO 9004/2 ISO 9004/2 Descrizione Definizione dei processi e dei flussi informativi per realizzare in qualità il servizio Gestione delle comunicazioni con il cliente Le attività e i controlli necessari per progettare il servizio adeguato per l utente Fornitura del servizio ISO 9004/2 Modalità di gestione del servizio Controllo della qualità del servizio ISO 9004/2 Verifica delle caratteristiche del servizio erogato Documentazione del servizio erogato Piano della Qualità del Servizio Soddisfazione dell utente Miglioramento delle prestazioni del servizio Controllo dei documenti e dei dati Controllo registrazioni qualità delle della Guida per i Piani della Qualità ISO 9004/2 Rilevazione delle aspettative dell utente e della sua valutazione del servizio erogato ISO 9004/2 ISO 9001 Processo che, in base alle indicazioni sul servizio fornito, definisce i miglioramenti da apportare al servizio Verifica della esistenza e coerenza dei documenti e dati prodotti durante l erogazione del servizio ISO 9001 Verifica della registrazioni della qualità previste dal processo del fornitore ISO Linee guida per la stesura dei Piani di Qualità inerenti lo specifico servizio da fornire Tab. 2 Principali modelli per il monitoraggio di un servizio di Call Center 2.2 Attività di monitoraggio Con riferimento ai modelli sopra indicati, il gruppo di monitoraggio si è organizzato per effettuare le verifiche dei contratti, in cui sono gestiti organismi di tipo Call Center, con le seguenti modalità: richiesta al fornitore dei Piani della Qualità del servizio, in cui sia dettagliato il modo di funzionamento dei Call Center, i livelli di servizio, gli indicatori e le modalità di misura; verifica dei collegamenti tra Call Center e Amministrazione per individuare i flussi informativi e le eventuali criticità; Pag. 5

6 raccolta sistematica di tutti i report analitici e sintetici concordati con il fornitore atti a rilevare i fenomeni in atto; indagini di customer satisfaction presso gli utenti (sia richieste al fornitore, che effettuate dall Amministrazione su richiesta del monitoraggio, che effettuate dal monitoraggio stesso); approfondimento con il fornitore delle cause inerenti le criticità emerse. Il monitoraggio è rivolto ai singoli contratti, che hanno o l obiettivo specifico di gestire organismi di tipo Call Center, oppure forniscono risorse professionali al Call Center INAIL (PAU). In quest ultimo caso il monitoraggio si pone obiettivi di verifica connessi al contratto specifico, tenendo però presente il contesto in cui le risorse sono utilizzate. Da ciò deriva che l oggetto del monitoraggio non coincide direttamente con il funzionamento del PAU, ma si riferisce soprattutto ai Call Center gestiti direttamente dal fornitore. 2.3 Tipologia di contratti e criticità I contratti di assistenza agli utenti attualmente gestiti dall INAIL sono di tre tipi: contratto inerente servizi di manutenzione per il software applicativo; contratto inerente servizi di manutenzione per le apparecchiature Hardware e Software di base; contratto di servizi per la gestione del sistema di comunicazioni. Nei rispettivi capitolati tecnici sono riportate le descrizioni di ogni servizio, le principali caratteristiche di qualità del servizio, il conseguente livello di servizio richiesto e le modalità di misurazione. Nel monitorare l applicazione di questi contratti, il gruppo di monitoraggio ha rilevato, in circa tre anni di verifiche, l esistenza di criticità riconducibili direttamente alla definizione dei servizi contenuta nei contratti stessi. Queste criticità hanno talvolta reso necessario la stesura di ulteriori accordi con il fornitore. Da queste esperienze deriva che gli aspetti contrattuali che è opportuno curare con particolare attenzione sono i seguenti: definizione puntuale del tipo di servizio richiesto; configurazione del sistema di cui si richiede la manutenzione; definizione della procedura che sarà adottata dal Call Center; definizione degli strumenti che devono essere utilizzati dal Call Center; definizione delle modalità di chiamata e di verifica della chiamata del Call Center; definizione della reportistica e delle modalità di accesso alle informazioni; determinazione dei livelli di servizio modalità di applicazione e di calcolo delle penali. Pag. 6

7 3. Organizzazione del Call Center 3.1 Impegno dei Call Center INAIL Il monitoraggio ha raccolto le principali informazioni necessarie per verificare il servizio offerto dai fornitori, in cui i Call Center sono un punto di rilevante interesse. Una buona organizzazione del Call Center deve essere orientata a minimizzare i tempi di ripristino dei sistemi, per cui occorre sviluppare una strategia di intervento che risponda ai numerosi fattori organizzativi e tecnici. 3.2 Il modello di Call Center In figura 1 è mostrata la sequenza delle interazioni che tipicamente avvengono tra Call Center e utente e all interno dello stesso Call Center. Per ogni tipo di attività sono stati definiti alcuni indicatori (mostrati in tabella 3) che è possibile rilevare ai fini della verifica della qualità delle prestazioni erogate. Chiamata dell utente ACCENSIONE CASO 1 Segnalazione all utente PROBLEM DETERMINATION 1 LIVELLO 2 Segnalazione all utente Consegna Soluzione Accettazione da parte dell utente PROBLEM DETERMINATION 2 LIVELLO PROBLEM SOLVING VALIDAZIONE INTERVENTO CHIUSURA CASO Fig. 1_ modello di Call Center (i numeri si riferiscono agli indicatori di tabella 5) In tabella 3 si forniscono i valori medi per gli indicatori inerenti la manutenzione correttiva software per l anno 1998, riguardante circa 914 casi (riportati in tabella 1 come interventi sulle procedure ). L analisi di questi indicatori permette di valutare l efficienza delle singole attività del Call Center. Pag. 7

8 INDICATORE VALORE LIVELLO DI SOGLIA 1 TEMPO MEDIO DI ATTESA DELLA RISPOSTA 6 10 in 95% dei casi % CHIAMATE SENZA RISPOSTA N.R. 1% 2 3 TEMPO DI RISPOSTA %CASI MANUTENZIONE CORRETTIVA APERTI/ TOTALE CHIAMATE TEMPO D ATTESA INIZIO PROBLEM DETERMINATION 2 LIVELLO ,5% - 2 h 2 h DURATA PROBLEM DETERMINATION 2 LIVELLO 4 h - BACK LOG DI PROBLEM DETERMINATION 2 LIVELLO 2-4 TEMPO DI ATTESA INIZIO PROBLEM SOLVING 6 h - DURATA PROBLEM SOLVING 3g 4g BACK LOG DI PROBLEM SOLVING 2,5-5 DURATA COMPLESSIVA INTERVENTO 4,5g 5g Tab. 3 valori medi degli indicatori per la manutenzione correttiva nel 1998 Gli indicatori così costruiti sono utilizzati dal monitoraggio per controllare mensilmente l andamento delle prestazioni. Per esempio per gli interventi di tipo software di base sui sistemi periferici la tempestività di intervento si aggira su valori inferiori ai 15 minuti, in quanto il personale del Call Center richiede informazioni standardizzate sul comportamento delle apparecchiature, ed è in grado in generale di capire se il problema è risolvibile con invio del tecnico o per telefono. L eventuale crescita di questo indicatore denuncia immediatamente criticità, su cui occorre intervenire. 3.3 Utilizzo degli indicatori Oltre agli indicatori citati in precedenza, è possibile costruire numerosi altri indicatori, che permettono di conoscere con adeguatezza l andamento del servizio e l impegno richiesto ai Call Center orientati all assistenza agli utenti. Pag. 8

9 Come esempio si riporta in tabella 4 il numero di interventi di manutenzione effettuati dal Call Center interno per il triennio DISTRIBUZIONE % DELLA MANUTENZIONE NEL TRIENNIO 1997/1999 TIPO DI MANUTENZIONE TRIENNIO MANUTENZIONE CORRETTIVA 41% 28% 26% 30% MANUTENZIONE ADEGUATIVA 6% 19% 16% 14% MANUTENZIONE MIGLIORATIVA 2% 3% 7% 5% MANUTENZIONE EVOLUTIVA 51% 50% 51% 51% TOTALI Tab. 4_numero di interventi di manutenzione nel triennio 1997/1999 In figura 2 è riportato l andamento semestrale degli interventi di manutenzione software nel triennio Dall esame del grafico di figura 2 si evidenzia un valore di minimo per gli interventi di manutenzione (secondo semestre 1997), corrispondente ad una riorganizzazione complessiva di tutto il servizio, ed un valore di massimo (secondo semestre 1998), in cui si sono sommati diversi effetti, tra cui una crescita della manutenzione adeguativa, dovuta alla progressiva introduzione dei nuovi server periferici. Si rileva inoltre nell analisi dei dati la costanza della manutenzione evolutiva, che costituisce la metà degli interventi di manutenzione. Da quanto mostrato nell esempio gli indicatori costruiti sulle informazioni prodotte durante l operatività dei Call Center possono essere utilizzati per i seguenti obiettivi: analisi delle possibili criticità nel servizio analisi dei livelli di servizio anche al fine di un eventuale applicazione delle penali previste indicazioni sul miglioramento dei valori dei livelli di servizio per i contratti futuri dimensionamento del Call Center. Pag. 9

10 sem 97 2 sem 97 1 sem 98 2 sem 98 1 sem 99 2 sem 99 Manutenzione Sw Fig. 2_andamento degli interventi di manutenzione Sw nel triennio 3.4 Indagine di customer satisfaction su un Call Center Come esempio di monitoraggio di un Call Center esterno si riporta una indagine di customer satisfaction, richiesta espressamente dal gruppo di monitoraggio INAIL e fatta svolgere da una azienda specializzata, per controllare la risposta degli utenti al servizio fornito. In tabella 5 si riporta il dimensionamento dell indagine, mirata a conoscere il grado di soddisfazione del servizio da parte degli operatori di controllo addetti al controllo delle piattaforme periferiche dell Istituto. Per ogni piattaforma periferica interessata è stato intervistato un operatore. ARGOMENTO VALORI NUMERO DI UTENTI INTERESSATI AL SERVIZIO 210 NUMEROSITÀ DEL CAMPIONE 60 NUMERO DOMANDE CONTENUTE NEL QUESTIONARIO 7 RATING DI RISPOSTE PREVISTO MOLTO INSUFFICIENTE INSUFFICIENTE NÉ SUFFICIENTE NÉ SODDISFACENTE SODDISFACENTE MOLTO SODDISFACENTE Tab. 5 dimensionamento dell indagine di customer satisfaction Pag. 10

11 La scelta del campione è stata effettuata con i seguenti criteri: utenti che hanno effettuato una chiamata al Call Center negli ultimi due mesi chiamata che si è risolta in un intervento di manutenzione Hw in loco. In tabella 6 sono riportati i risultati dell intervento di customer satisfaction. La domanda 7 del questionario è stata utilizzata come riscontro, per avere una indicazione della coerenza delle risposte date. N DOMANDA VALORE 1 2 Come descriverebbe il grado di facilità o difficoltà che ha avuto per mettersi in contatto con il numero verde assegnato? 4,15 Come giudica la cortesia del personale che ha accolto la sua richiesta? 4,32 3 Come giudica il contatto telefonico preliminare all intervento? 4,20 4 Come ha giudicato la tempestività dell intervento tecnicoche ha permesso il ripristino della funzionalità dell apparecchiatura? 4,08 5 È stato soddisfatto dell efficacia dell intervento effettuato? 4, Come valuta la professionalità del tecnico dell Impresa che ha operato pressa la sua sede? 4,31 Nel complesso come giudica globalmente il servizio che ha ricevuto? 4,23 MEDIA GENERALE 4,20 Media delle domande da 1 a 6 4,19 Tab_6: i risultati dell indagine di customer satisfaction L effettuazione di questo tipo di indagini responsabilizza il fornitore e permette di accompagnare gli altri indicatori sui livelli di servizio da un informazione più immediata, che orienti l Amministrazione nel governo del contratto. Pag. 11

12 3.5 Dimensionamento del Call Center Da quanto sopra esposto, la raccolta delle informazioni sul funzionamento di un Call Center, sia al suo interno sia nei suoi aspetti di servizio verso gli utenti, fornisce due tipi di risposte: immediata, necessaria per agire sulle criticità in atto di prospettiva, necessaria per migliorare i nuovi contratti di erogazione di servizi di Call Center. Un altro utilizzo degli indicatori è di meno immediata percezione: infatti gli indicatori sono utili anche per avere informazioni sul corretto dimensionamento del Call Center. Dall esame degli indicatori è possibile definire stime attendibili riguardo ai seguenti fattori, che influenzano il dimensionamento: previsione del volume di chiamate livello di servizio adeguato alle richieste e necessità effettive da assicurare agli utenti controllo del back log (cioè del numero di interventi in attesa) previsione della durata degli interventi grado di professionalità del personale addetto grado di complessità del sistema informativo del Call Center tipo di strumentazione da utilizzare efficienza degli strumenti in uso. Inoltre dall esame degli indicatori di servizio relativi agli aspetti sopra citati è possibile capire se l introduzione di un maggior grado di automazione del Call Center può portare ad effettivi benefici in termini di efficienza ed efficacia complessiva del servizio. 4. Evoluzione dei Call Center in INAIL Attualmente le linee di tendenza per migliorare il servizio d assistenza verso gli utenti sono: produzione il più possibile tempestiva ed automatizzata delle informazioni sull operatività dei Call Center attivi nell Istituto razionalizzazione dei contratti che prevedono l utilizzo di Call Center o di risorse professionali da dedicare ad essi introduzione di strumenti atti a gestire automaticamente le configurazioni hardware e software, in modo da permettere una maggior facilità di posizionamento degli interventi maggior attenzione alla semplificazione dei rapporti con gli utenti. In questo contesto l Istituto, utilizzando lo strumento contrattuale, sta procedendo alla razionalizzazione dei Call Center presenti, in modo da poter gestire tutte le problematiche con una interfaccia verso gli utenti il più possibile integrata. Pag. 12

13 Bibliografia Norma EN ISO Guida ai servizi EN ISO Pag. 13

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING Il servizio, fornito attraverso macchine server messe

Dettagli

Carta dei Servizi Informatici Dipartimentali

Carta dei Servizi Informatici Dipartimentali Carta dei Servizi Informatici Dipartimentali Milano, settembre 2009 v.1.3 Pagina 1 Premessa La predisposizione di questa sperimentale Carta dei Servizi Informatici Dipartimentali (Carta SID) vuole rispondere

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA CONDUZIONE

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA GESTIONE

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio.

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio. SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE PILOTA DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS SUI CALL CENTER COMMERCIALI DELLE PRINCIPALI IMPRESE DI VENDITA DI ELETTRICITA E DI GAS Finalità e obiettivi I

Dettagli

solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici

solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici La nostra azienda, oltre a produrre, distribuire e installare i propri software presso la clientela, eroga a favore di quest ultima una serie di servizi

Dettagli

GENERALITÀ SULLA CUSTOMER SATISFACTION

GENERALITÀ SULLA CUSTOMER SATISFACTION GENERALITÀ SULLA CUSTOMER SATISFACTION Giuseppe Cicconi IL MODELLO DI GENERAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION Caratteristica dell'offerta Funzionalita' "Immagine - esperienze passate con l azienda Valore

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

Gentile Cliente, Sinergica 3 s.r.l. Pag. 1 di 5

Gentile Cliente, Sinergica 3 s.r.l. Pag. 1 di 5 Gentile Cliente, la presente comunicazione ha lo scopo di illustrare i servizi compresi nel contratto che prevede la fornitura di aggiornamenti e assistenza sui prodotti software distribuiti da Sinergica

Dettagli

Contact Center Manuale CC_Contact Center

Contact Center Manuale CC_Contact Center Contact Center Manuale CC_Contact Center Revisione del 05/11/2008 INDICE 1. FUNZIONALITÀ DEL MODULO CONTACT CENTER... 3 1.1 Modalità di interfaccia con il Contact Center... 3 Livelli di servizio... 4 1.2

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

MANUTENZIONE SOFTWARE - ASSISTENZA ALL AVVIAMENTO E COLLAUDO - FORMAZIONE DEGLI UTENTI

MANUTENZIONE SOFTWARE - ASSISTENZA ALL AVVIAMENTO E COLLAUDO - FORMAZIONE DEGLI UTENTI MANUTENZIONE SOFTWARE - ASSISTENZA ALL AVVIAMENTO E COLLAUDO - FORMAZIONE DEGLI UTENTI DeltaDator garantirà un servizio di manutenzione correttiva, di manutenzione adeguativa e di manutenzione evolutiva.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA Revisione: Sezione 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

MANUALE DELLA QUALITA Revisione: Sezione 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Pagina: 1 di 5 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.0 SCOPO DELLA SEZIONE Illustrare la struttura del Sistema di Gestione Qualità SGQ dell Istituto. Per gli aspetti di dettaglio, la Procedura di riferimento

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA Allegato 2 Offerta Tecnica Pag. 1 di 9 ALLEGATO 2 - OFFERTA TECNICA La busta B - Gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i per l affidamento dei servizi per

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA INDICE ART. 1 - DEFINIZIONI E AMBITO DI APPLICAZIONE ART. 2 - UFFICI COMPETENTI PER LA

Dettagli

cin>>c8 s.r.l. Offerta Pagina 1 di 6 Offerta

cin>>c8 s.r.l. Offerta Pagina 1 di 6 Offerta Offerta Pagina 1 di 6 Offerta Indice 1 - INTRODUZIONE... 3 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...3 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...3 1.3 - RIFERIMENTI...3 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...3 2 - PREMESSA... 4 3 -

Dettagli

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1 Generalità l I.I.S. G.Antonietti, allo scopo di assicurare la conformità del proprio Sistema di Gestione della Qualità alla norma di riferimento UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

GESTIONE SEGNALAZIONI (RECLAMI, RILIEVI, PROPOSTE, ELOGI)

GESTIONE SEGNALAZIONI (RECLAMI, RILIEVI, PROPOSTE, ELOGI) GESTIONE SEGNALAZIONI Ed.0 del 28/07/2014 Rev. 0 del 28/07/2014 Pag 1/6 1 Oggetto La procedura in oggetto descrive l iter da espletare in presenza di segnalazioni da parte dei cittadini-utenti-clienti.

Dettagli

Il partner per la gestione delle Risorse Umane

Il partner per la gestione delle Risorse Umane per Mission e Valori Openjobmetis vuole essere un vero e proprio partner per le aziende clienti nel trovare soluzioni di qualità per le problematiche di efficienza e dimensionamento flessibile del capitale

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1

Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1 Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A5_1 V1.0 Acquisizione di prodotti e servizi Parte 1 Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata

Università degli Studi della Basilicata Università degli Studi della Basilicata SERVIZIO DI ASSISTENZA MANUTENTIVA E GESTIONE TECNICA E SISTEMISTICA DEI SISTEMI COSTITUENTI LA RETE DI TELEFONIA DELL'UNIVERSITA' CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione ALLEGATO IV Capitolato tecnico ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE A RICHIESTA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA SISTEMISTICA FINALIZZATI ALLA PROGETTAZIONE E

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI CAGLIARI e pertinenze (CARBONIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO DIREZIONE EMITTENTE CONTROLLO DELLE COPIE Il presente documento, se non preceduto dalla pagina di controllo identificata con il numero della copia, il destinatario, la data e la firma autografa del Responsabile

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Pag. 1 / 9 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO Indice: 8.0 - Oggetto 8.1 - Pianificazione delle misurazioni 8.2 - Misurazione e monitoraggio delle prestazioni del sistema 8.3 - Controllo del prodotto/servizio

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza

CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza Il Customer Relationship Management (CRM) punta a costruire, estendere ed approfondire le relazioni esistenti tra un'azienda

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

UFFICIO DI STAFF QUALITA PG QUA 009 rev. 8 del 27/02/2014 RECLAMI E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE RECLAMI E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UFFICIO DI STAFF QUALITA PG QUA 009 rev. 8 del 27/02/2014 RECLAMI E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE RECLAMI E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE UFFICIO DI STAFF QUALITA pag 1 di 7 UFFICIO DI STAFF QUALITA pag 2 di 7 1. Scopo Lo scopo della presente procedura è quello di descrivere le responsabilità e le modalità operative relative alla gestione

Dettagli

PROGETTO BASE 2011-2012 MIGLIORARE LA QUALITÀ DEL SERVIZIO CON L ASCOLTO DELL UTENTE III FASE DEL PIANO OPERATIVO

PROGETTO BASE 2011-2012 MIGLIORARE LA QUALITÀ DEL SERVIZIO CON L ASCOLTO DELL UTENTE III FASE DEL PIANO OPERATIVO MIGLIORARE LA QUALITÀ DEL SERVIZIO CON L ASCOLTO DELL UTENTE III FASE DEL PIANO OPERATIVO LINEE GUIDA PER LA SOMMINISTRAZIONE DEL QUESTIONARIO CONDIVISIONE. FORMAZIONE E INFORMAZIONE Per l attuazione dell

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

Mettiamoci la Faccia DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA UFFICIO PER LA MODERNIZZAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Mettiamoci la Faccia DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA UFFICIO PER LA MODERNIZZAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Mettiamoci la Faccia DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA UFFICIO PER LA MODERNIZZAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI 1 PARTE I CARATTERISTICHE E OBIETTIVI DI METTIAMOCI LA FACCIA 2 OBIETTIVI DELL INIZIATIVA

Dettagli

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami PROCEDURA SGQ PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI...2 3.1

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI SASSARI e pertinenze (OLBIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT)

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 144 del 20/01/2011 OGGETTO: Micro Organizzazione Direzione Innovazione PA - Sistemi Informativi

Dettagli

Allegato Tecnico al Contratto di Appalto di Servizi Informatici tra ACAM SPA e ACAM CLIENTI SPA. Allegato A2 Servizi APPLICATION MANAGEMENT SERVICE

Allegato Tecnico al Contratto di Appalto di Servizi Informatici tra ACAM SPA e ACAM CLIENTI SPA. Allegato A2 Servizi APPLICATION MANAGEMENT SERVICE Allegato Tecnico al Contratto di Appalto di Servizi Informatici tra ACAM SPA e ACAM CLIENTI SPA Allegato A2 Servizi APPLICATION MANAGEMENT SERVICE 1 Introduzione 1.1 Premessa 1. Il presente Allegato A2

Dettagli

CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI

CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI CRITERI GENERALI SUL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONI E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI SANTADI ART. 1 FINALITA E OBIETTIVI Il Comune di Santadi con le seguenti modalità gestionali intende riconoscere

Dettagli

Istruzioni per l uso nei piccoli Comuni

Istruzioni per l uso nei piccoli Comuni Istruzioni per l uso nei piccoli Comuni La rilevazione della customer satisfaction (CS) è utilizzata da molte amministrazioni per misurare la qualità percepita, cioè per conoscere il punto di vista dei

Dettagli

SOLUTIVA S.R.L. SOLUZIONI E SERVIZI INFORMATICI

SOLUTIVA S.R.L. SOLUZIONI E SERVIZI INFORMATICI SOLUTIVA S.R.L. SOLUZIONI E SERVIZI INFORMATICI 1 di 8 INDICE I Valori di Solutiva pag. 3 La Mission Aziendale pag. 4 La Manutenzione Hardware pag. 5 Le Soluzioni Software pag. 6 Il Networking pag. 7 I

Dettagli

Utilizzo del Dizionario delle Forniture ICT per la costruzione di capitolati

Utilizzo del Dizionario delle Forniture ICT per la costruzione di capitolati Utilizzo del Dizionario delle Forniture ICT per la costruzione di capitolati Linee guida sulla qualità dei beni e servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della PA Marco Gentili Conoscere

Dettagli

2 Gli elementi del sistema di Gestione dei Flussi di Utenza

2 Gli elementi del sistema di Gestione dei Flussi di Utenza SISTEMA INFORMATIVO page 4 2 Gli elementi del sistema di Gestione dei Flussi di Utenza Il sistema è composto da vari elementi, software e hardware, quali la Gestione delle Code di attesa, la Gestione di

Dettagli

Capitolato tecnico per il servizio di CALL CENTER

Capitolato tecnico per il servizio di CALL CENTER GENERALITA Capitolato tecnico per il servizio di CALL CENTER L Ufficio Nazionale per il Servizio Civile (UNSC) per far fronte alle diverse ed aumentate necessità derivanti dal nuovo quadro normativo per

Dettagli

Catalogo Servizi e Value Proposition

Catalogo Servizi e Value Proposition Catalogo Servizi e Value Proposition Trento, 14 aprile 2015 UniIT S.r.l. Public Il documento e le informazioni contenute sono di proprietà di Uni IT S.r.l. Tutti i diritti riservati AGENDA Chi siamo I

Dettagli

Contratto. assistenza software. anno 2015. Comune di TESERO (TN)

Contratto. assistenza software. anno 2015. Comune di TESERO (TN) info@icasystems.it A LESSANDRIA - BERGAMO - VERONA CREMONA - CAGLIA R I - FOGGIA - NAPOLI - PALMI (RC) CATANIA Contratto di assistenza software anno 2015 Comune di TESERO (TN) 62//2015 ICA SYSTEMS Srl

Dettagli

Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail

Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail Modalità e processo di rilevazione della customer satisfaction in Inail PREMESSA L Inail da sempre fonda la sua attività su una cultura aziendale che pone l utente al centro del proprio sistema organizzativo;

Dettagli

Ufficio di Segreteria LL.PP. e Ufficio Servizi Cimiteriali

Ufficio di Segreteria LL.PP. e Ufficio Servizi Cimiteriali COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia PIAZZA IX MARTIRI, 3 - C.A.P. 30034 TEL. 041-5628211 (centralino) FAX 041-422023 C.F. 00368570271 Indirizzo Internet: www.comune.mira.ve.it - E-mail: info@comune.mira.ve.it

Dettagli

Assistenza On Line - Guida breve

Assistenza On Line - Guida breve 07/05/2015 Il Servizio AOL Assistenza On Line - Guida breve Servizio di assistenza ARCHIMEDIA SISTEMI SRL Sommario 1. CHE COS E il SISTEMA AOL... 3 2. COME FUNZIONA AOL... 3 3. PERCHE ARCHIMEDIA HA DECISO

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA Allegato 2 Offerta Tecnica Pag. 1 di 10 ALLEGATO 2 - OFFERTA TECNICA La busta B - Gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i per l affidamento dei servizi per

Dettagli

Intranet-Internet: una soluzione innovativa per la gestione dellõassistenza tecnica nelle societˆ di servizi

Intranet-Internet: una soluzione innovativa per la gestione dellõassistenza tecnica nelle societˆ di servizi Intranet-Internet: una soluzione innovativa per la gestione dellõassistenza tecnica nelle societˆ di servizi Anna Bortoluzzi Quota Sette srl - Studio di ingegneria della Qualitˆ Ermanno De Chino Amministratore

Dettagli

INDICE PR 13 COMUNICAZIONE E GESTIONE DELLE INFORMAZIONI 1 SCOPO 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4 RESPONSABILITÀ

INDICE PR 13 COMUNICAZIONE E GESTIONE DELLE INFORMAZIONI 1 SCOPO 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4 RESPONSABILITÀ PAG 1 /7 INDICE 1 SCOPO 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4 RESPONSABILITÀ 5 MODALITÀ ESECUTIVE 5.1 Comunicazione verso l'esterno 5.1.1 Utenti dei corsi 5.1.2 Potenziali utenti 5.2

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR01 - n conformità, Reclami, Azioni Correttive, Azioni Preventive Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI

GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI Pagina 1 di 10 GESTIONE DELLA QUALITÀ DELLE DISTRIBUZIONE Fornitori di beni e servizi Documento pubblicato su www.comune.torino.it/progettoqualita/procedure.shtml APPLICAZIONE SPERIMENTALE Stato del documento

Dettagli

- 5 MAR. 20W. Spett.le. Provincia di Bergamo. Offerta n. 32/2014 del 28/01/2014 rev 1. Oggetto: Assistenza 2014

- 5 MAR. 20W. Spett.le. Provincia di Bergamo. Offerta n. 32/2014 del 28/01/2014 rev 1. Oggetto: Assistenza 2014 H/V'! VEROELLINO PROT. N. - 5 MAR. 20W Tit....fj... CI... Z; Fase., Spett.le Comune di Verdellino Provincia di Bergamo Offerta n. 32/2014 del 28/01/2014 rev 1 Oggetto: Assistenza 2014 Con la presente abbiamo

Dettagli

VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano

VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano VGI-DSS per la gestione delle emergenze e delle manutenzioni in ambito urbano Luigi De Rosa. ENEA, luigi.derosa@enea.it Parole chiave: VGI; Emergenze urbane; smart city; sicurezza ABSTRACT Obiettivo di

Dettagli

Allegato 2 Modello offerta tecnica

Allegato 2 Modello offerta tecnica Allegato 2 Modello offerta tecnica Allegato 2 Pagina 1 Sommario 1 PREMESSA... 3 1.1 Scopo del documento... 3 2 Architettura del nuovo sistema (Paragrafo 5 del capitolato)... 3 2.1 Requisiti generali della

Dettagli

Profilo della Società per la Piccola e Media Impresa (PMI)

Profilo della Società per la Piccola e Media Impresa (PMI) Profilo della Società per la Piccola e Media Impresa (PMI) Chi siamo Il gruppo nasce a Roma capitalizzando le esperienze maturate dai professionisti che ne fanno parte. Le società del gruppo Il Gruppo

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study SET Contact Center di Successo con VoIp e Crm In breve Profilo aziendale La storia di SET inizia nel 1989 dalla ferma volontà di Valter Vestena, che dopo aver creato

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

SISTEMA E-LEARNING INeOUT

SISTEMA E-LEARNING INeOUT SISTEMA E-LEARNING INeOUT AMBIENTE OPERATIVO 1 Premesse metodologiche La complessità di un sistema informatico dipende dall aumento esponenziale degli stati possibili della sua architettura. Se è vero

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

Assistenza On Line - Guida breve Come registrarsi

Assistenza On Line - Guida breve Come registrarsi 07/05/2015 Il Servizio AOL Assistenza On Line - Guida breve Come registrarsi Servizio di assistenza ARCHIMEDIA SISTEMI SRL Sommario 1. CHE COS E il SISTEMA AOL... 3 2. COME FUNZIONA AOL... 3 3. PERCHE

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità Pag. 1 Data di applicazione 07/04/2008 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome 21/03/08 Dirigente QA Dirigente QA Dott.ssa A.M. Priori Dott.ssa M. Medri 31/03/08 Direttore QA Dott. E.

Dettagli

Wireless. Logistics. Aton Group Logistica. Orange mobility srl

Wireless. Logistics. Aton Group Logistica. Orange mobility srl Wireless Logistics Aton Group Logistica Automatizzare il magazzino Perché? Per ottimizzare Ottimizzare le scorte, gli spazi, i percorsi di prelievo Per garantire il proprio cliente Per aumentare l efficienza

Dettagli

Outsourcing. 1. Orienta Direct Software

Outsourcing. 1. Orienta Direct Software Outsourcing La Orienta Direct nasce nel 1994 come società specializzata nella gestione in outsourcing di servizi aziendali e fa parte di un gruppo insieme alla Orienta Agenzia per il Lavoro. Sempre più

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION 2011

CUSTOMER SATISFACTION 2011 DIREZIONE REGIONALE MOLISE CUSTOMER SATISFACTION 2011 REPORT DI SINTESI DELLE SEDI DELLA REGIONE MOLISE CAMPOBASSO e sedi di pertinenza ( Isernia e Termoli) Rilevazione 2011 della soddisfazione dell utenza

Dettagli

CRM per il marketing associativo

CRM per il marketing associativo CRM per il marketing associativo Gestire le relazioni e i servizi per gli associati Premessa Il successo di un associazione di rappresentanza dipende dalla capacità di costituire una rete efficace di servizi

Dettagli

Figura Professionale codice FP175 RESPONSABILE QUALITA'

Figura Professionale codice FP175 RESPONSABILE QUALITA' settore Comparto descrizione ATTIVITÀ IMMOBILIARI, NOLEGGIO, INFORMATICA, RICERCA, SERVIZI ALLE IMPRESE ATTIVITÀ DI SERVIZI ALLE IMPRESE Figura di responsabile che, all interno di un azienda, è in grado

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti PAG. / 9 GD Srl N Specificato il Foro Competente AQ CQ DIR 05/02/5 Barigazzi Torchio Giannitti N 0 Allineamento ai requisiti della norma UNI EN ISO 900:2008 e della specifica tecnica ISO/TS 6949:2009 AQ

Dettagli

ALLEGATO 4 AL CAPITOLATO TECNICO. Requisiti di qualità specifici della fornitura

ALLEGATO 4 AL CAPITOLATO TECNICO. Requisiti di qualità specifici della fornitura CONSIP S.p.A. ALLEGATO 4 AL CAPITOLATO TECNICO Requisiti di qualità specifici della fornitura Capitolato relativo all affidamento dei servizi di Sviluppo, Manutenzione, Assistenza e Servizi intellettivi

Dettagli

LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI SERVIZI

LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI SERVIZI Sage Sistemi Srl Treviglio (BG) 24047 Via Caravaggio, 47 Tel. 0363 302828 Fax. 0363 305763 e-mail sage@sagesistemi.it portale web LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI

Dettagli

Desktop Management Risparmi ottenibili dalla gestione efficiente degli asset informatici.

Desktop Management Risparmi ottenibili dalla gestione efficiente degli asset informatici. Desktop Management Risparmi ottenibili dalla gestione efficiente degli asset informatici. Renato Taglietti Information Technology Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia Contesto Geografico/Ambientale

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI TURISTICI Processo Servizi di viaggio e accompagnamento Sequenza di processo Composizione

Dettagli

DELLA SEGRETERIA CENTRO DIDATTICO DI INGEGN

DELLA SEGRETERIA CENTRO DIDATTICO DI INGEGN Pag. 1 di 7 DELLA SEGRETERIA CENTRO DIDATTICO DI INGEGN Carta dei Servizi - SERVIZIO SCAMBI DIDATTICI INTERNAZIONALI NUMERO VERDE DELL ATENEO 800904084 RIA CARTA DEI SERVIZI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

Dettagli

Governance nei Contact Center della PA e di aziende di settori regolamentati

Governance nei Contact Center della PA e di aziende di settori regolamentati Benchmarking Governance nei Contact Center della PA e di aziende di settori regolamentati Relativo al 2011 A cura di Livio Rolle Organizzazione, Modalità KPI Percorso Previsioni Rapporto/integrazione Verifica

Dettagli

Project Automation S.p.a.

Project Automation S.p.a. PROJECT AUTOMATION S.P.A. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ è la denominazione assunta nel 1999 da Philips Automation S.p.a., a sua volta costituita nel 1987 rilevando dalla Divisione Industrial & ElectroAcustic

Dettagli

Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza

Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 16 Indice 1. PREMESSA... 3 2. ELEMENTI DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA DELLA SOLUZIONE...

Dettagli

Il CRM per la Gestione del Servizio Clienti

Il CRM per la Gestione del Servizio Clienti Scheda Il CRM per la Gestione del Servizio Clienti Le Soluzioni CRM aiutano le aziende a gestire i processi di Servizio e Supporto ai Clienti. Le aziende di Servizio stanno cercando nuove modalità che

Dettagli

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7 Carta dei Servizi Sommario Premessa... 3 1. Obiettivi... 4 2. Soggetti coinvolti... 6 3. Erogazione del servizio informativo... 7 4. Descrizione operativa del servizio... 9 5. Compiti e responsabilità

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO TRATTATIVA PRIVATA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INFORMATICA AGLI UTENTI DELL ATENEO FIORENTINO ANNO 2013

CAPITOLATO TECNICO TRATTATIVA PRIVATA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INFORMATICA AGLI UTENTI DELL ATENEO FIORENTINO ANNO 2013 CAPITOLATO TECNICO TRATTATIVA PRIVATA PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INFORMATICA AGLI UTENTI DELL ATENEO FIORENTINO ANNO 2013 1 Oggetto della fornitura Il presente Capitolato ha per

Dettagli

Criteri per la partecipazione degli operatori ai mercati Approvati dal Consiglio di Amministrazione di Borsa Italiana il 23 Novembre 2004

Criteri per la partecipazione degli operatori ai mercati Approvati dal Consiglio di Amministrazione di Borsa Italiana il 23 Novembre 2004 Criteri per la partecipazione degli operatori ai mercati Approvati dal Consiglio di Amministrazione di Borsa Italiana il 23 Novembre 2004 Gli articoli 3.1.3 e 3.2.1 del Regolamento dei Mercati, nonché

Dettagli

La voce dei cittadini I risultati dell indagine sulla soddisfazione degli utenti degli asili nido comunali

La voce dei cittadini I risultati dell indagine sulla soddisfazione degli utenti degli asili nido comunali 64 La voce dei cittadini I risultati dell indagine sulla soddisfazione degli utenti degli asili nido comunali Nell ambito del processo di formazione del bilancio sociale, il Comune ha affidato ad una società

Dettagli

Comune di Empoli. Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi

Comune di Empoli. Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi Comune di Empoli Progetto Sistema Informativo Documentale Gestione Atti Amministrativi Offerta /P/2014 Vers. 1.0 Data: 17 Luglio 2014 INTRODUZIONE... 4 SCOPO DEL DOCUMENTO... 4 SCOPO DEL DOCUMENTO... 4

Dettagli

PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti

PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti PIANIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE: processi, attori e strumenti Dott.ssa Patrizia Castelli Premessa: Il processo di pianificazione della formazione nasce dall esigenza di sviluppare le competenze e le conoscenze

Dettagli

T@LETE-SFA: LA SOLUZIONE APPLICATIVA PER UN EFFICIENTE SALES MANAGEMENT

T@LETE-SFA: LA SOLUZIONE APPLICATIVA PER UN EFFICIENTE SALES MANAGEMENT T@LETE-SFA: LA SOLUZIONE APPLICATIVA PER UN EFFICIENTE SALES MANAGEMENT T@LETE-SFA: LA SOLUZIONE APPLICATIVA PER UN EFFICIENTE SALES MANAGEMENT BENEFICI DELLA SOLUZIONE PER IL CLIENTE T@lete-SFA è la soluzione

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI REV. n. DATA Motivo revisione Responsabile REDAZIONE Settore CID Responsabile VERIFICA Settore SG Responsabile APPROVAZIONE

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli