Guida alla Ricerca e Sviluppo (R&D) per le PMI Europee in Cina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida alla Ricerca e Sviluppo (R&D) per le PMI Europee in Cina"

Transcript

1 Guida alla Ricerca e Sviluppo (R&D) per le PMI Europee in Cina Introduzione alla R&D Sviluppare la vostra strategia di R&D La titolarità della PI La concessione di licenze di PI Costruire un portfolio di DPI di valore Per una consulenza gratuita, confidenziale e di taglio operativo in materia di DPI nel giro di sette giorni lavorativi, scrivete all indirizzo Fondato da: China IPR SME Helpdesk Introduzione alla R&D Molte PMI europee potrebbero decidere di non svolgere alcuna attività di R&D in Cina in quanto non dispongono di un laboratorio o di strutture di ricerca in loco, ma in realtà, una percentuale elevata di queste imprese è impegnata in attività che rientrano in almeno una di queste definizioni: ricerca o sviluppo. Tra i possibili esempi di progetti di R&D potrebbe esservi quello di una PMI che stipula un contratto con un impresa locale per utilizzare gli ingegneri di quest ultima al fine di sviluppare un prototipo in un prodotto o un applicazione commerciale, oppure quello di una PMI che lavora con ricercatori locali in un università cinese per progettare un database digitale che sia accessibile via Internet per gli utenti in Europa. La tutela della proprietà intellettuale (PI) è un aspetto critico per le PMI europee che vengono in Cina desiderose di sfruttare il potenziale di mercato per far crescere il proprio business, o il bacino di talenti per lo sviluppo tecnologico. Nel caso in cui durante lo svolgimento di attività di R&D in Cina, venga creata una nuova proprietà intellettuale, è importante che i diritti sulla stessa siano stati chiaramente definiti fin dall'inizio in modo da evitare successive contestazioni. Caso di Studio Informazioni Utili Questa guida evidenzia alcuni aspetti importanti che debbono essere considerati in relazione ad attivita di ricerca e sviluppo in Cina, e descrive alcune tecniche e strategie che potrebbero risultare utili. Vale la pena sottolineare che le pratiche legali qui descritte devono essere considerate nel contesto degli specifici modelli d affari e metodi di sviluppo tecnologico. 2. Sviluppare la vostra strategia di R&D Quando si affrontano le problematiche relative ai diritti di proprietà intellettuale (DPI) nel campo dell R&D, la gente si focalizza spesso e rapidamente sulle questioni relative alla titolarità dei DPI, alle licenze, alle azioni di tutela, ecc. Tutti questi aspetti sono importanti. Tuttavia consigliamo di esaminare i seguenti quesiti prima di discutere le potenziali strutture giuridiche con il vostro legale. 1) Qual è il mercato di riferimento nel vostro modello di business attuale? Se ci si concentra sul mercato cinese, i partner commerciali in Cina potrebbero avanzare richieste molto più significative, inclusa quella di 1

2 Guida alla ricerca e sviluppo (R&D) per le PMI europee in Cina condividere la proprietà dei DPI, in cambio dell aiuto fornito nello sviluppo del prodotto e del mercato. 2) Chi saranno gli inventori? Se gli inventori principali non sono cittadini cinesi, avrete molto più potere nel decidere come controllare i DPI. Se invece ci si aspetta dalla parte cinese un contributo significativo, la titolarità dei DPI diventerà una questione più sensibile al momento di negoziare i termini del contratto. Per mantenere gli inventori alle proprie dipendenze, nel caso in cui la proprietà dell invenzione non venga a loro attribuita, sarà necessario riconoscergli un livello sufficiente di premi e incentivi. potrebbe aprire la porta a soluzioni creative. 5) Che cosa succede se la vostra impresa in Cina fallisce? I DPI potrebbero essere l'unico asset che vi rimane in caso di fallimento della vostra avventura d affari in Cina. Se, per esempio, la vostra impresa attuale dovesse chiudere, sareste in grado di utilizzare in modo sicuro la PI che avete sviluppato in un altro luogo, in un diverso settore, o con altri partner? Provare a immaginare lo scenario peggiore, permette di comprendere quali sarebbero le proprie possibilità di ripresa. Inoltre, è necessario prendere in considerazione lo status giuridico degli inventori cinesi. Se l'inventore è un lavoratore dipendente di un altro soggetto, come ad esempio un ricercatore in un università locale, l'inventore potrebbe avere l obbligo contrattuale di assegnare i propri diritti di proprietà intellettuale a quel datore di lavoro. Ignorare gli obblighi giuridici preesistenti dell'inventore potrebbe causare seri problemi. 3) La tecnologia potrà servire anche in altri settori? Molto spesso le PMI importano tecnologie promettenti per sviluppare applicazioni o prodotti che si adattino al mercato cinese. Le imprese spesso focalizzano l attenzione sui DPI riguardanti le particolari applicazioni o prodotti in fase di sviluppo. La tecnologia sottostante potrebbe, però, avere un applicazione anche in altri settori. Spesso il controllo dei DPI concernenti la tecnologia sottostante ed il risultato prodotto dal R&D hanno un valore di gran lunga maggiore. 4) Siete disposti a cedere DPI in cambio di una partecipazione? Le controparti cinesi con cui lavorate potrebbero avere il vostro medesimo livello di attenzione in materia di DPI. Sareste disposti a cedere DPI in cambio di azioni, stock option o di altre forme di partecipazione nelle loro imprese in Cina? La risposta a questa domanda 3. La titolarità della PI Titolarità della PI si rivela una questione meno problematica se semplicemente si decide di costituire un entità giuridica in Cina per svolgere tutte le attività di R&D. Si può scegliere di depositare le domande di brevetto con il nome del soggetto cinese, o delle sue affiliate al di fuori della Cina. Il posizionamento dei DPI in capo ad un'entità all'estero potrebbe garantire maggiore flessibilità per soddisfare le future esigenze operative e di finanziamento. Le imprese tendono 2

3 tuttavia a depositare sempre più spesso le domande di brevetto in nome delle proprie articolazioni cinesi, al fine di potersi qualificare per i piani d incentivazione offerti dalle amministrazioni locali. Se invece, in una certa misura, si fa affidamento sul proprio partner d'affari, la questione della titolarità dei DPI può risultare più complicata. Elenchiamo di seguito alcune scelte possibili: Proprietà esclusiva di tutti i diritti di proprietà intellettuale da parte della PMI europea Proprietà esclusiva di tutti i diritti di proprietà intellettuale da parte del partner commerciale cinese Comproprietà, ripartita tra la PMI europea e il partner commerciale cinese. I termini della comproprietà possono essere in gran parte definiti contrattualmente. La tematica dell attribuzione della titolarità può rivelarsi sensibile tra le PMI straniere e i partner commerciali cinesi. Contestare la titolarità di un DPI in modo troppo fermo potrebbe mettere a rischio la cooperazione futura. È quindi consigliabile rivedere in toto il proprio modello di business e sottoscrivere accordi che disciplinino preventivamente la proprietà, la concessione di licenze e gli altri strumenti legali atti sostenere gli interessi commerciali condivisi, in modo da definire chiaramente e fin dall'inizio la titolarità dei diritti. Ad esempio, se ci si rende conto che il software che si è sviluppato potrebbe essere applicato anche ad un altro modello di business, che non ha alcuna relazione con il vostro partner commerciale cinese, potrebbe essere necessario redigere con attenzione l'accordo in modo tale da essere liberi di utilizzare la tecnologia in altri campi. Qualora ciò non avvenisse, si potrebbero potenzialmente avere controversie in futuro. 4. La concessione di licenza di PI Una licenza di PI è un contratto che definisce dove, quando e come un determinato DPI può essere utilizzato, gratuitamente, in cambio di royalties o di altri servizi, da un soggetto terzo. La concessione di licenze costituisce un aspetto fondamentale della maggior parte dei contratti di R&D. Maggiore è la leva che il socio in affari cinese ha in termini di conoscenza del mercato e capacità di esecuzione, maggiore dovrà probabilmente essere la considerazione data alle possibili forme di licenza. Nella pratica, le licenze costituiscono probabilmente uno degli strumenti giuridici più importanti che le PMI tendono spesso a sottovalutare. Parte del motivo è che le PMI spesso non confidano nell'efficacia e nell'applicabilità dei contratti che stipulano con i partner cinesi. Ad esempio, gli operatori economici delle PMI possono avere timore di eventuali decisioni giudiziali ingiuste e delle difficoltà concernenti l esecuzione delle sentenze. Anche se queste considerazioni potrebbero in alcuni casi essere giustificate, le PMI non dovrebbero sottovalutare l'importanza di utilizzare i contratti, poiché la mancanza di un accordo per iscritto porterà inevitabilmente al disastro. Tutte le possibili modalità di licenza dovrebbero essere ben ponderate prima di avviare la negoziazione. In Cina sono consentiti i più comuni tipi di licenza, come quelle esclusive e non esclusive. Le leggi e i regolamenti sono redatti in modo tale da lasciare un ampia autonomia alle parti, che possono decidere cosa fare delle proprie licenze di PI. Le parti possono negoziare e raggiungere un accordo sulle seguenti disposizioni: L ambito territoriale della licenza: la licenza copre solo la Cina o è applicabile in tutto il mondo? È meglio avere una licenza che copre una specifica area geografica in Cina? Durata della concessione: Quando scade la licenza? Come dovrebbe essere rinnovata? 3

4 Guida alla ricerca e sviluppo (R&D) per le PMI europee in Cina Può essere revocata in determinate circostanze chiaramente definite nel contratto? PI in licenza: State concedendo in licenza solo i vostri brevetti? Che dire di copyright e marchi? Che dire di tipi di PI meno conosciuti come ad esempio l'interfaccia grafica utente, le informazioni sensibili dei clienti, le competenze speciali? Alcune innovazioni potrebbero non essere completamente protette dal brevetto, marchio o copyright, ma è possibile tutelarsi contrattualmente. Per ottenere ulteriori informazioni sulla tutela dei segreti commerciali, vi invitiamo a consultare la guida dell Helpdesk per la protezione dei segreti commerciali in Cina e la guida di Helpdesk all utilizzo dei contratti in Cina. Prodotti coperti dalla licenza: È necessario definire chiaramente quali tipi di prodotti e servizi sono coperti dalla licenza. Royalties: è possibile scegliere un pagamento forfettario, somme variabili, ecc., o anche operare a titolo gratuito per un certo periodo e solo successivamente a pagamento. Dovrebbero inoltre essere affrontate anche le questioni fiscali e contabili. Limitazioni della licenza: Siete tenuti a offrire garanzie o a indennizzare tutto ciò che dovesse essere richiesto dal partner cinese? Pensate a possibili modi per limitare la vostra responsabilità. Altre disposizioni importanti: Ogni licenza è diversa, non immaginate che un modello possa adattarsi a tutte le esigenze. Lavorate con il vostro legale e riflettete sui vostri interessi commerciali, e fate in modo di concludere accordi di reciprocità con i vostri partner. Nota importante: nel contesto di uno sviluppo condiviso di PI, tenete a mente che le leggi cinesi non consentono alle imprese straniere di conservare la titolarità delle migliorie che sono state apportate da una parte cinese, salvo che la stessa venga in qualche modo remunerata per tali invenzioni. Tale remunerazione può essere sotto forma di denaro, profitti condivisi, partecipazioni, o altri tipi di diritti di proprietà. Le leggi cinesi richiedono anche che l impresa estera che fornisce le tecnologie, certifichi la qualità e l utilizzabilità delle tecnologie, e si faccia carico delle responsabilità nel caso in cui le tecnologie risultassero aver violato diritti di terzi. Le PMI europee e i loro partner commerciali cinesi dovrebbero, pertanto, negoziare e concordare soluzioni eque e praticabili prima di procedere con un accordo. 5. Costruire un portfolio di DPI di valore Dopo la sottoscrizione con i partner cinesi di un contratto che definisca la titolarità e la cessione di licenze con partner cinesi, i passi concreti che le PMI europee debbono compiere per riuscire a sviluppare un portfolio di DPI di valore richiedono una buona disciplina e una buona gestione. A causa di vincoli di bilancio, per la maggior parte delle PMI potrebbe non essere del tutto realistico far brevettare tutte le proprie invenzioni, è quindi necessario compiere una selezione per capire quali sono i brevetti che devono a tutti i costi essere depositati. Si deve sempre ricordare che è estremamente difficile far valere i propri diritti o dimostrare la titolarità delle invenzioni che non sono brevettate. 4

5 Di seguito una lista di controllo delle azioni più importanti che non bisogna dimenticare: Redigere una domanda di brevetto di qualità: La stesura iniziale può essere fatta in cinese o in una lingua straniera. Si può anche depositare una domanda internazionale (PCT) dalla Cina, se si ritiene giustificabile in termini di costi e prospettive strategiche. Se la domanda deve essere tradotta, tuttavia, è importante prestare attenzione alla qualità della traduzione. Se avete bisogno di ulteriori informazioni sulle modalità di registrazione dei brevetti in Cina, vi invitiamo a consultare la guida dell Helpdesk alle strategie su brevetti e marchi. Licenza di brevettazione all estero: Se un invenzione è sviluppata in Cina, sia da ingegneri cinesi sia europei, il deposito di una domanda di brevetto per tale invenzione richiederà una licenza di brevettazione all estero rilasciata dallo State Intellectual Property Office (SIPO). Le licenze di brevettazione all estero sono spesso concesse in breve tempo, salvo che la tecnologia sia relativa ad aree sensibili come la sicurezza nazionale. Entità registrante: Se un entità giuridica cinese, costituita da una PMI estera, da sola o congiuntamente con un partner commerciale cinese, mantiene la titolarità completa su un DPI, la stessa dovrà presentare una domanda di brevetto a proprio nome. I brevetti possono essere successivamente trasferiti o concessi in licenza alla PMI straniera. Se una PMI straniera riesce a essere la sola titolare di tutte le tecnologie oggetto dell attività di R&D, la stessa potrà chiedere la brevettazione a proprio nome. Trasferimento dei brevetti dopo il deposito: il governo cinese ha imposto restrizioni (o in alcuni casi ha vietato) il trasferimento della proprietà di alcuni tipi di tecnologie a imprese o individui stranieri. Si tratta per lo più di innovazioni uniche, o comunque che possono avere significativi effetti a lungo termine sugli interessi sociali, economici e tecnologici della Cina. Tra le tecnologie di cui è proibita l'esportazione vi sono, per esempio, quelle relative alla produzione della medicina tradizionale cinese, ai rilevamenti topografici, all allevamento di bestiame, alla crittografia e alla sicurezza delle reti informatiche. Consigliamo alle PMI straniere che ritengono che le tecnologie sviluppate sotto la loro attività di R&D in Cina possano essere in qualche modo ritenute sensibili, di controllare il Catalogue of Export Restricted Technologies e il Catalogue of Export Prohibition Technologies. Per ulteriori informazioni, vi invitiamo a consultare la guida Helpdesk sui trasferimenti di tecnologie. Forme di PI diverse dai brevetti: oltre ai brevetti, possono rivestire grande importanza anche i copyright e i segreti commerciali. I contratti che disciplinano la titolarità o la cessione in licenza della PI dovrebbero includere disposizioni dettagliate sia in tema di copyright sia di segreti commerciali. Per quanto riguarda i copyright, anche se la registrazione delle opere protette da copyright presso le autorità preposte come la National Copyright Administration non è necessaria, potrebbe comunque essere utile come prova di titolarità di questi diritti. Iscrizione e registrazione delle licenze: se sono concesse delle licenze di PI relativa ad attività di R&D, le leggi ed i regolamenti cinesi potrebbero richiedere specifici requisiti di registrazione e iscrizione. Le licenze di tecnologia potrebbero, per esempio, dover essere iscritte o registrate presso le autorità amministrative locali, come il Ministero del Commercio cinese (MOFCOM) e la State Intellectual Property Office (SIPO). Se la licenza prevede clausole di pagamento di royalty, l'iscrizione e la registrazione è necessaria ai sensi delle norme in materia di controllo valutario, per permettere la remissione dei pagamenti da filiali locali di banche cinesi a conti bancari all'estero. Regole di remunerazione dei dipendenti: Nel caso in cui una PMI europea assumesse i dipendenti per svolgere attività di R&D e sviluppare invenzioni, è importante che tenga conto delle norme cinesi sulla remunerazione dei dipendenti. Queste regole mirano a garantire che gli inventori ottengano la giusta remunerazione e i giusti benefici dai brevetti che inventano. Le 5

6 Guida alla ricerca e sviluppo (R&D) per le PMI europee in Cina norme attuali consentono al datore di lavoro e ai dipendenti di disciplinare il modo in cui questi ultimi sono ricompensati per le loro invenzioni. In assenza di un accordo tra il datore di lavoro e il dipendente, tuttavia, si applicheranno le regole previste dalla legge cinese sui brevetti. Un inventore o inventore-dipendente potrebbe pretendere che gli sia riconosciuto il 2% dei profitti annuali derivanti dal brevetto o dal modello di utilità relativo all invenzione da lui sviluppata. Bisogna, inoltre, sottolineare che, nel caso in cui il corrispettivo pattuito nel contratto sia troppo basso (e quindi ritenuto irragionevole secondo il diritto cinese) la clausola contrattuale relativa alla remunerazione potrebbe risultare nulla, costringendo in ultima istanza il datore di lavoro a pagare un compenso più elevato. Per comprendere la definizione di rimborso ragionevole, si può fare riferimento alla legge cinese sui brevetti, che richiede, in assenza di altri accordi, che il datore di lavoro corrisponda un premio non inferiore a RMB a un dipendente che completa un brevetto per invenzione, e pari a RMB a un dipendente che completa un modello di utilità o un brevetto di progettazione. Per ottenere maggiori informazioni sui contratti, vi invitiamo a consultare la guida dell Helpdesk sull utilizzo dei contratti in Cina 6

7 Caso di Studio Una PMI europea aveva elaborato un algoritmo unico e un prototipo di software nel campo della ricerca video. La PMI aveva individuato un partner promettente in Cina, per condurre attività di R&D in comune. Lo scopo dell attività di R&D in comune era quello di lanciare un prodotto software adatto ai motori di ricerca cinesi. Il partner commerciale cinese disponeva di un team di R&D e un impressionante capacità di marketing in Cina. Il partner commerciale cinese offriva pertanto una partecipazione nella sua attuale impresa in cambio dei diritti di proprietà intellettuale sui frutti futuri dell attività di R&D. Alla luce di ciò, come devono essere trattati gli aspetti relativi ai DPI? Suggerimenti Titolarità della PI: Il potenziale di mercato e la forza del business partner cinese sono potenzialmente in grado di rendere difficile, per la PMI europea, l'ottenimento della piena titolarità dei DPI. Si potrebbe considerare l opzione di una comproprietà di PI in Cina e la piena proprietà di PI al di fuori della Cina. Licenza: La PMI europea dovrebbe valutare le potenziali applicazioni del suo algoritmo e software in settori diversi da quello dei motori di ricerca. La PMI può prendere in considerazione la possibilità di concedere una licenza esclusiva al business partner cinese per il settore dei motori di ricerca, conservando il diritto di utilizzare la tecnologia per le altre applicazioni commerciali, come ad esempio i servizi di sorveglianza o i sistemi di controllo del traffico. Se la PMI desidera che gli sia restituita una licenza dal partner commerciale cinese per questi futuri sviluppi, dovrebbe prendere in considerazione la possibilità che la joint-venture si sciolga o fallisca a causa della bancarotta del partner commerciale cinese. In base alla legge fallimentare in Cina, le licenze concesse ad una società in fallimento possono essere riottenute senza indennizzo. Portfolio di DPI: la PMI europea dovrebbe stipulare un contratto con il partner commerciale per disciplinare come saranno depositate le domande di brevetto, come saranno gestite le tecnologie non brevettate, i codici sorgente, ecc. Si tratta di un aspetto fondamentale per minimizzare il rischio di future controversie. Informazioni Utili Il vostro primo passo dovrebbe essere quello di rivedere la vostra strategia di business e di porvi le seguenti domande: con chi state concludendo l accordo, qual è il potenziale delle vostre tecnologie nell'ambito della R&D, quali sono gli scenari peggiori possibili? La titolarità della PI e la cessione di licenze sono probabilmente gli aspetti più importanti nella stesura di un accordo di R&D. Le diverse modalità di licenza, in particolare, possono offrire un notevole livello di flessibilità, tale da soddisfare gli interessi economici di entrambe le parti ed evitare potenziali conflitti tra le stesse. Per sviluppare PI di qualità, è necessario gestire su base continuativa alcuni aspetti importanti: la redazione della domanda di brevetto, la licenza di brevettazione all estero, la remunerazione dei dipendenti, ecc. 7

8 Il China IPR SME Helpdesk offre alle piccole e medie imprese europee (PMI) una consulenza gratuita, confidenziale e di taglio operativo in materia di DPI in Cina. Lo sportello dell Helpdesk: Potete porre le vostre domande all Helpdesk telefonicamente, via mail oppure di persona e riceverete una consulenza gratuita e confidenziale da parte di un esperto di PI in Cina nel giro di sette giorni lavorativi. Corsi: L Helpdesk impartisce, in Cina ma anche in Europe, corsi di formazione sulla protezione e la tutela dei DPI in Cina, adattabili sulla base delle specifiche esigenze delle imprese. Materiali: Le guide dell Helpdesk ed i materiali di formazione che affrontano svariate problematiche concernenti la PI in Cina sono scaricabili gratuitamente dal portale on-line. Servizi on-line: Il portale multilingue dell Helpdesk (www.china-iprhelpdesk.eu) consente un accesso diretto alle guide, alla casistica, ai moduli di E-learning, alle informazioni sugli eventi in programma ed ai seminari via web. Per maggiori informazioni, v invitiamo a contattare l Helpdesk: Scaricare la guida: Room 900, Beijing Sunflower Tower No. 37 Maizidian Street Chaoyang District Beijing , P.R. China Tel: +86 (10) Fax: +86 (10) Clausola di esonero delle responsabilita: Progetto implementato da: Il contenuto di questa pubblicazione non riflette necessariamente la posizione o l opinione della Commissione Europea. Il servizio del China IPR SME Helpdesk non ha natura legale o di consulenza e non comporta l assunzione di alcuna responsabilità riguardo alle conseguenze di qualunque azione compiuta sulla base di questo servizio. Gli utenti sono invitati a ricorrere ad una consulenza indipendente prima di assumere qualsiasi azione specifica riguardo alla protezione o alla difesa di diritti di proprietà intellettuale. 8 Ultimi aggiornamenti: 2012 China IPR SME Helpdesk 2012

Regolamento per la gestione dei diritti di proprietà intellettuale

Regolamento per la gestione dei diritti di proprietà intellettuale I.S.I.A. - ISTITUTO SUPERIORE PER LE INDUSTRIE ARTISTICHE (DISEGNO INDUSTRIALE) (MINISTERO UNIVERSITA E RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE) piazza della Maddalena, 53 00186 Roma tel. 06.6796195

Dettagli

Valorizzazione dei brevetti INTRODUZIONE

Valorizzazione dei brevetti INTRODUZIONE Italian Enterprises speaking (IES) Valorizzazione dei brevetti INTRODUZIONE La Commissione europea sta pianificando l attuazione di alcune misure per migliorare i metodi di commercializzazione dei brevetti

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI BREVETTI (D. LGS. 10 FEBBRAIO 2005 N. 30)

REGOLAMENTO IN MATERIA DI BREVETTI (D. LGS. 10 FEBBRAIO 2005 N. 30) REGOLAMENTO IN MATERIA DI BREVETTI (D. LGS. 10 FEBBRAIO 2005 N. 30) Titolo I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 Art. 2 - COMMISSIONE BREVETTI 2 Titolo II - INVENZIONI REALIZZATE

Dettagli

ACCORDO DI RISERVATEZZA

ACCORDO DI RISERVATEZZA ATTENZIONE Il presente modello contrattuale ha valore di mero esempio e viene reso disponibile a solo scopo informativo. Non rappresenta in alcun modo consulenza legale. L autore non garantisce in alcun

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI INVENZIONI CONSEGUITE NELL AMBITO DELL UNIVERSITA DI LECCE (approvato con Del. n. 155 del C.d.A.

REGOLAMENTO IN MATERIA DI INVENZIONI CONSEGUITE NELL AMBITO DELL UNIVERSITA DI LECCE (approvato con Del. n. 155 del C.d.A. REGOLAMENTO IN MATERIA DI INVENZIONI CONSEGUITE NELL AMBITO DELL UNIVERSITA DI LECCE (approvato con Del. n. 155 del C.d.A. del 27/06/02) TITOLO I - AMBITO DI APPLICAZIONE Art. 1 Finalità dell Università

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI BREVETTI E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI BREVETTI E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO FONDAZIONE IRCCS OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO, MANGIAGALLI E REGINA ELENA DI MILANO REGOLAMENTO IN MATERIA DI BREVETTI E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO TITOLO I FINALITÀ E NORME GENERALI ARTICOLO 1 - AMBITO

Dettagli

MANUALE PRATICO SU COSA FARE E COSA NON FARE

MANUALE PRATICO SU COSA FARE E COSA NON FARE MANUALE PRATICO SU E INDICE INTRODUZIONE 1. MARCHI: E 2. BREVETTI: E 3. DESIGN: E 4. COPYRIGHT: E 5. SEGRETO INDUSTRIALE: E Introduzione Ogni impresa, sia essa una start-up o un azienda consolidata, possiede

Dettagli

Regolamento per la valorizzazione, lo sviluppo e l applicazione delle conoscenze. dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN)

Regolamento per la valorizzazione, lo sviluppo e l applicazione delle conoscenze. dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) Regolamento per la valorizzazione, lo sviluppo e l applicazione delle conoscenze dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) 10 aprile 2006 Il testo del Regolamento per la valorizzazione, lo sviluppo

Dettagli

(eventuale) L ENEA è titolare del brevetto n.. dal titolo.. (di seguito, per

(eventuale) L ENEA è titolare del brevetto n.. dal titolo.. (di seguito, per CONTRATTO DI RICERCA IN COLLABORAZIONE i TRA XXX (nel seguito denominato..), con sede in. via., cap. 00195 Cod. Fisc... e P. IVA rappresentato da., in qualità di.. domiciliato per la carica presso la sede

Dettagli

Ricerchiamo nuovi affiliati in tutta Italia

Ricerchiamo nuovi affiliati in tutta Italia Ricerchiamo nuovi affiliati in tutta Italia Se sei pronto ad entrare nel mondo dell'imprenditoria, siamo lieti di accoglierti nella nostra rete in Franchising. Minimo investimento ed innumerevoli vantaggi

Dettagli

---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. ---------------------------------------

---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. --------------------------------------- ---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. --------------------------------------- REGOLAMENTO DELLA CAMERA DI CONCILIAZIONE NOTARILE -.-.- I - Definizione 1) La Camera di Conciliazione

Dettagli

CONTRATTO PER ADESIONE DI PARTECIPAZIONE AL PROGRAMMA NATEVO

CONTRATTO PER ADESIONE DI PARTECIPAZIONE AL PROGRAMMA NATEVO CONTRATTO PER ADESIONE DI PARTECIPAZIONE AL PROGRAMMA NATEVO Flou S.p.A. Sede legale: Via Cadorna n. 12 I - 20821 Meda (MB) C.F.: 04404540157 P.IVA 00779080969 ARTICOLO 1 DEFINIZIONI 1.1. Ai fini del presente

Dettagli

LA LEGGE SUL FRANCHISING. Confronto tra la raccolta di usi e la nuova legge

LA LEGGE SUL FRANCHISING. Confronto tra la raccolta di usi e la nuova legge LA LEGGE SUL FRANCHISING Confronto tra la raccolta di usi e la nuova legge Art.1 (Definizione) Con il contratto di franchising un impresa, detta affiliante, concede ad un altra, detta affiliata, contro

Dettagli

Soluzioni. per le Imprese CHINA

Soluzioni. per le Imprese CHINA Soluzioni per le Imprese CHINA Il nostro team Fondazione Italia Cina e Camera di Commercio Italo Cinese hanno raggiunto un accordo di integrazione e hanno dato vita ad un unica sezione per l erogazione

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

La disciplina della proprietà intellettuale nel VII PQ

La disciplina della proprietà intellettuale nel VII PQ La disciplina della proprietà intellettuale nel VII PQ dott.ssa Sandra Salvador Ufficio Trasferimento Tecnologico Ripartizione Ricerca Università degli Studi di Udine 1 Documenti di riferimento Annex II

Dettagli

Protezione e valorizzazione della proprietà intellettuale:

Protezione e valorizzazione della proprietà intellettuale: Protezione e valorizzazione della proprietà intellettuale: dalla ricerca universitaria al sistema produttivo Stefano Borrini Società Italiana Brevetti Ancona 14 novembre 2006 Alcuni concetti (luoghi comuni)

Dettagli

Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese

Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Innovazione e Proprietà Industriale. Vantaggi competitivi e Incentivi per le imprese Jesi, 11 ottobre 2013 Il quadro strategico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIVISIONE RICERCA E RELAZIONI INTERNAZIONALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIVISIONE RICERCA E RELAZIONI INTERNAZIONALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIVISIONE RICERCA E RELAZIONI INTERNAZIONALI Ufficio Brevetti e della Proprietà Intellettuale Via Bogino 9-10124 Torino Tel. 011-670.4374/4381/4170 Fax 011-670.4436 ufficio.brevetti@unito.it

Dettagli

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione Verbale di mediazione e accordo di conciliazione PASQUALE MACCHIARELLI Notaio Il procedimento di mediazione può avere tre diverse conclusioni: - le prime due positive, se le parti raggiungono un accordo

Dettagli

http://www.studiodicarlo.org

http://www.studiodicarlo.org Contratto di affiliazione commerciale Tra le Parti: A s.p.a. , con sede in (provincia di ) in via al civico numero (), capitale sociale deliberato euro (/00),

Dettagli

Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti.

Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti. Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti. Titolo I Disposizioni generali Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento

Dettagli

CONTRATTO DI RICERCA COMMISSIONATA i TRA. (nel seguito denominato COMMITTENTE), con sede in. via., cap. Cod. Fisc... e P.

CONTRATTO DI RICERCA COMMISSIONATA i TRA. (nel seguito denominato COMMITTENTE), con sede in. via., cap. Cod. Fisc... e P. CONTRATTO DI RICERCA COMMISSIONATA i TRA (nel seguito denominato COMMITTENTE), con sede in. via., cap. Cod. Fisc... e P. IVA rappresentato da., in qualità di.. domiciliato per la carica presso la sede

Dettagli

REGOLAMENTO BREVETTI DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA"

REGOLAMENTO BREVETTI DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA REGOLAMENTO BREVETTI DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA" INDICE Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni Art.3 Organi ed Uffici preposti Art. 4 Titolarità dei diritti patrimoniali

Dettagli

Un patto per promuovere l export Accordo Sistema Moda Italia Intesa Sanpaolo

Un patto per promuovere l export Accordo Sistema Moda Italia Intesa Sanpaolo Un patto per promuovere l export Accordo Sistema Moda Italia Intesa Sanpaolo Maggio 2012 I punti chiave dell Accordo Creare valore e competitività per le imprese del settore tessile e moda attraverso un

Dettagli

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1 Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra XY, società di diritto italiano, con sede in via n iscritta al Registro delle Imprese di n Partita

Dettagli

Ricerca europea per le Associazioni di imprese

Ricerca europea per le Associazioni di imprese Ricerca europea per le Associazioni di imprese Eurosportello del Veneto Via delle Industrie, 19/d 3175 Venezia Tel. +39 41 99 9411 - Fax +39 41 99 941 E-mail: europa@eurosportelloveneto.it www.eurosportelloveneto.it

Dettagli

La tutela della proprietà intellettuale per le PMI europee alle fiere commerciali in Cina

La tutela della proprietà intellettuale per le PMI europee alle fiere commerciali in Cina Un progetto finanziato dall Unione Europea La tutela della proprietà intellettuale per le PMI europee alle fiere commerciali in Cina Una guida alla pianificazione ed alla protezione dei diritti di proprietà

Dettagli

Guida per gli acquirenti

Guida per gli acquirenti Guida per gli acquirenti Abbiamo creato una breve guida per i privati al fine di fornire le informazioni più importanti per l acquisto di un azienda. Desiderate avere una vostra azienda? L acquisto di

Dettagli

Protezione dei Diritti di Proprietà Intellettuale online in Cina

Protezione dei Diritti di Proprietà Intellettuale online in Cina WWW.CHINA-IPRHELPDESK.EU Per una consulenza gratuita, confidenziale e di taglio operativo in materia di DPI nel giro di sette giorni lavorativi, scrivete all indirizzo question@chinaiprhelpdesk.eu Co-finanziato

Dettagli

OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015

OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015 OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015 START-UP INNOVATIVE Le start-up innovative sono imprese innovative ad alto valore tecnologico introdotte con il decreto legge 18 Ottobre 2012 n 179, aventi

Dettagli

Desk per la Tutela della Proprietá Intellettuale di Istanbul

Desk per la Tutela della Proprietá Intellettuale di Istanbul I Paesi che non dispongono delle tecnologie per la protezione dell ambiente e per la produzione di enrgie pulite, devono importarle. Per farlo devono acquisire la licenza a favore di una impresa locale

Dettagli

Cod.52_14 SERVIZI DI CONSULENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE PER IPS INNOVA.RE SCHEDA TECNICA LOTTO 1 E LOTTO 2

Cod.52_14 SERVIZI DI CONSULENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE PER IPS INNOVA.RE SCHEDA TECNICA LOTTO 1 E LOTTO 2 Cod.52_14 SERVIZI DI CONSULENZA IN MATERIA DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE PER IPS INNOVA.RE SCHEDA TECNICA LOTTO 1 E LOTTO 2 Premessa Il Progetto INNOVA.Re - P.O.R. Sardegna 2007/2013 è un modello di cooperazione

Dettagli

LA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE NELL UNIONE EUROPEA

LA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE NELL UNIONE EUROPEA LA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE NELL UNIONE EUROPEA Cosa si intende per proprietà intellettuale? Come avviene per i beni materiali, anche le creazioni intellettuali possono essere oggetto di proprietà.

Dettagli

21 gennaio 2013. I commenti pervenuti saranno elaborati e resi noti in forma aggregata e anonima.

21 gennaio 2013. I commenti pervenuti saranno elaborati e resi noti in forma aggregata e anonima. RACCOLTA DI CAPITALI DI RISCHIO TRAMITE PORTALI ON-LINE: QUESTIONARIO PER L INDAGINE CONOSCITIVA 21 gennaio 2013 Le risposte al questionario dovranno pervenire entro il giorno 8 febbraio 2013: on line

Dettagli

Regolamento dell Università degli Studi del Piemonte Orientale in materia di brevetti

Regolamento dell Università degli Studi del Piemonte Orientale in materia di brevetti Regolamento dell Università degli Studi del Piemonte Orientale in materia di brevetti Decreto Rettore Repertorio Nr. 511 del 21/08/2013 Prot. n. 12445 Tit. III cl. 10 Art. 1 Definizioni Ai fini del presente

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA IN MATERIA DI BREVETTI

REGOLAMENTO DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA IN MATERIA DI BREVETTI Emanato con D.R. n. 241 2008 del 21.01.2008 - Prot n. 3103 Modificato con D.R. n. 934 2011 del 20.06.2011 Prot. n. 20757 REGOLAMENTO DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA IN MATERIA DI BREVETTI ART.

Dettagli

La gestione della proprietà intellettuale nel trasferimento tecnologico: procedure e strumenti contrattuali per il licensing

La gestione della proprietà intellettuale nel trasferimento tecnologico: procedure e strumenti contrattuali per il licensing La gestione della proprietà intellettuale nel trasferimento tecnologico: procedure e strumenti contrattuali per il licensing Francesco De Michelis aprile 2008 Il trasferimento tecnologico: verità e preconcetti

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI SGD G 030 LE INVENZIONI DEI DIPENDENTI DEL MINISTERO DELLA DIFESA ROMA EDIZIONE 2015 MINISTERO DELLA DIFESA

Dettagli

Lezione XIV: Gestire le invenzioni

Lezione XIV: Gestire le invenzioni PROGETTO GEN HORT Lezione XIV: Gestire le invenzioni Stefano Borrini Società Italiana Brevetti Società Italiana Breve0 Aprile Maggio 2014 Art. 65 CPI [ ] 5. Le disposizioni del presente articolo non si

Dettagli

Newsletter, Marzo 2013

Newsletter, Marzo 2013 Newsletter, Marzo 2013 Contenuti: 1. Diritto della previdenza sociale 2. Diritto commerciale 3. Diritto amministrativo 4. Diritto bancario 5. Diritto civile 1. Diritto della previdenza sociale Ordinanza

Dettagli

I SERVIZI DI INNOVENTUALLY. OI Needs

I SERVIZI DI INNOVENTUALLY. OI Needs Innoventually è una società che opera nel campo della creazione, gestione e monetizzazione dell innovazione. Tramite la piattaforma di Open Innovation collega tutti coloro che hanno idee innovative (imprenditori,

Dettagli

China IPR SME Helpdesk Introduzione

China IPR SME Helpdesk Introduzione China IPR SME Helpdesk Introduzione Dott.ssa Valentina Salmoiraghi, IP Expert Pechino, 9 Settembre 2013 The Numbers 85% 92% Quanto ha dovuto corrispondere la Apple di recente alla societa cinese Proview

Dettagli

I brevetti software. Una minaccia per il Software Libero. Simo Sorce. http://softwarelibero.it

I brevetti software. Una minaccia per il Software Libero. Simo Sorce. <simo@softwarelibero.it> http://softwarelibero.it I brevetti software Una minaccia per il Software Libero Simo Sorce http://softwarelibero.it Perchè i brevetti sulle idee sono dannosi per lo sviluppo e la libera impresa Coypright

Dettagli

Ci vuole Fibra!!! La rete veloce che collega start up innovative e territorio

Ci vuole Fibra!!! La rete veloce che collega start up innovative e territorio REGOLAMENTO PREMIO MARKETING H!PMI 2016 TERZA EDIZIONE Ci vuole Fibra!!! La rete veloce che collega start up innovative e territorio La partecipazione al Premio deve avvenire nel rispetto delle norme indicate

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LABATE, CARLI, CAMOIRANO, RIZZA, DI ROSA, PENNA, MIGLIA- VACCA, ALVETI, RAFFAELLI, FAGGIANO, RABBITO, BUGLIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LABATE, CARLI, CAMOIRANO, RIZZA, DI ROSA, PENNA, MIGLIA- VACCA, ALVETI, RAFFAELLI, FAGGIANO, RABBITO, BUGLIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5464 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LABATE, CARLI, CAMOIRANO, RIZZA, DI ROSA, PENNA, MIGLIA- VACCA, ALVETI, RAFFAELLI, FAGGIANO,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 51/001 relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE PER I SOCI

FOGLIO INFORMATIVO N. 51/001 relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE PER I SOCI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

Guida agli investimenti

Guida agli investimenti 19 Ottobre 2012 Guida agli investimenti Cos è l ESMA? L ESMA è l Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati. È un autorità di regolamentazione indipendente dell Unione europea, con sede

Dettagli

BIOTECNOMED memorandum su strumenti ed incentivi per la valorizzazione della proprietà intellettuale

BIOTECNOMED memorandum su strumenti ed incentivi per la valorizzazione della proprietà intellettuale BIOTECNOMED memorandum su strumenti ed incentivi per la valorizzazione della proprietà intellettuale 1 - Premi per la brevettazione Invitalia, per conto del MiSE, sostiene la valorizzazione economica dei

Dettagli

Linee guida per la gestione degli IPR relativi al software di cui al Progetto 4 Flight

Linee guida per la gestione degli IPR relativi al software di cui al Progetto 4 Flight Linee guida per la gestione degli IPR relativi al software di cui al Progetto 4 Flight Definizioni: Software significa: l insieme degli oggetti prodotti dalle attività svolte in tutte le fasi del ciclo

Dettagli

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI IMPORTANTE: il presente documento è un contratto ("CONTRATTO") tra l'utente (persona fisica o giuridica) e DATOS DI Marin de la Cruz Rafael

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale.

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale. DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

GUIDA DEL VENDITORE :

GUIDA DEL VENDITORE : GUIDA DEL VENDITORE : Nuovo venditore su Delcampe? Ecco come cominciare con delle buone basi : 1 a tappa : Iscrivervi a) L iscrizione è gratuita b) La procedura di iscrizione c) Aprire una sessione sul

Dettagli

Innovare per competere profili legali e strategie di gestione

Innovare per competere profili legali e strategie di gestione STRUMENTI PER LA COMPETITIVITA' DELLE IMPRESE. TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLA PROPRIETA' INTELLETTUALE Innovare per competere profili legali e strategie di gestione PALERMO, 8 NOVEMBRE 2014 2014 Alberto

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTA la legge 23 dicembre 2014 n. 190, e successive modificazioni, recante Disposizioni per la formazione

Dettagli

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI ! SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI START-UP INNOVATIVA! Adempimenti amministrativi ed informazioni legali sulle nuove imprese dedicate all innovazione! (Legge

Dettagli

La tutela della proprietà industriale per i prodotti vitivinicoli e le tecnologie enoalimentari

La tutela della proprietà industriale per i prodotti vitivinicoli e le tecnologie enoalimentari La tutela della proprietà industriale per i prodotti vitivinicoli e le tecnologie enoalimentari Relais San Maurizio Santo Stefano Belbo (Cn) Relatore: Paolo G. Rambelli 18 giugno 2015 Il Finanziamento

Dettagli

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Docente: Prof. Massimo Merlino Intellectual Property Rights (IPR) Imprenditore Business idea L imprenditore che

Dettagli

La circolazione della tecnologia

La circolazione della tecnologia La circolazione della tecnologia Brevetti, Modelli e Know-How Torino, 26 marzo 2008 Avv. Fabrizio Jacobacci Il Brevetto Lo scopo del sistema brevettuale è favorire l innovazione, dunque: Remunerare l inventore

Dettagli

SERVIZI ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE

SERVIZI ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE SERVIZI ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE Per rispondere in modo mirato ed efficace alle esigenze ed agli interrogativi delle imprese interessate ad intraprendere iniziative di varia natura sui mercati esteri,

Dettagli

Brevetti+ Confindustria Pesaro, lunedì 23 novembre 2015

Brevetti+ Confindustria Pesaro, lunedì 23 novembre 2015 Brevetti+ Confindustria Pesaro, lunedì 23 novembre 2015 Brevetti + Linee di intervento Il MiSE ha affidato all'agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A. - INVITALIA,

Dettagli

Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO

Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo; VISTO il Regolamento

Dettagli

my Solutions Opzioni e prodotti strutturati personalizzati

my Solutions Opzioni e prodotti strutturati personalizzati my Solutions Opzioni e prodotti strutturati personalizzati credit-suisse.com/mysolutions I prodotti strutturati non costituiscono una partecipazione in un investimento collettivo di capitale ai sensi della

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Rep. n. 2400 Prot. n. 25631 Data 07.10.11 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTA la Legge 12 dicembre 2002, n. 273 "Misure per favorire l'iniziativa privata e lo sviluppo della

Dettagli

Ordinanza concernente gli elementi d indirizzo nel settore delle telecomunicazioni

Ordinanza concernente gli elementi d indirizzo nel settore delle telecomunicazioni Ordinanza concernente gli elementi d indirizzo nel settore delle telecomunicazioni (ORAT) Modifica del 9 marzo 2007 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 6 ottobre 1997 1 concernente

Dettagli

Pagina 1 di 5. Codice fiscale 04334860485 > Partita IVA 02926170230 > C.C.I.A.A. VR-1999-04334860485 > R.E.A. 296199 > Cap. Soc. 10.

Pagina 1 di 5. Codice fiscale 04334860485 > Partita IVA 02926170230 > C.C.I.A.A. VR-1999-04334860485 > R.E.A. 296199 > Cap. Soc. 10. CONTRATTO DI LICENZA D USO DI SOFTWARE ddaattaa Hyphen-Italia srl sede legale ed amministrativa: Verona > Via Marconi, 14 > 37010 Affi > Tel. +39 045.62.03.200 > Fax +39 045 62.03.250 Codice fiscale 04334860485

Dettagli

Executive summary della nuova normativa sulle startup

Executive summary della nuova normativa sulle startup Executive summary della nuova normativa sulle startup Dicembre 2012 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente Ulteriori

Dettagli

Definizione di start up innovativa e novità societarie

Definizione di start up innovativa e novità societarie Definizione di start up innovativa e novità societarie 11 febbraio 2013 Di Antonia Verna, Giuseppe Battaglia, Luca Gambini e Dario Morelli Q&A PER START- UP INNOVATIVE DOMANDE La start up innovativa è

Dettagli

CONTRATTO DI PROCCACCIATORE D AFFARI

CONTRATTO DI PROCCACCIATORE D AFFARI CONTRATTO DI PROCCACCIATORE D AFFARI Tra - la società ProfessionalVideo con sede legale in Empoli Via Cantini 14 P. IVA P.I. 06022880485 in persona del suo rappresentante legale Gian Paolo Dara, di seguito

Dettagli

CAMERA DI ARBITRATO E CONCILIAZIONE S.r.l.

CAMERA DI ARBITRATO E CONCILIAZIONE S.r.l. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento si applica alla procedura di mediazione a fini conciliativi (Mediazione ai sensi del DI 180/2010). 2. Il Regolamento

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

LICENZA D USO di SOFTWARE

LICENZA D USO di SOFTWARE LICENZA D USO di SOFTWARE Premesso che: Il software oggetto del presente contratto è stato sviluppato dalla software house TROLL SpA, Via Pisa, 4-37053 Cerea (VR), P.IVA/C.F./Reg. Imprese di Verona 02539580239

Dettagli

DECALOGO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI CONSUMATORI (Principali novità della nuova normativa europea applicata dall Antitrust)

DECALOGO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI CONSUMATORI (Principali novità della nuova normativa europea applicata dall Antitrust) DECALOGO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI CONSUMATORI (Principali novità della nuova normativa europea applicata dall Antitrust) 1) Stop a spese e costi nascosti su internet I consumatori saranno protetti

Dettagli

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.).

Prevedere eventuali allegati (CV, piani operativi, documenti sulla protezione della P.I., ecc.). Premessa e guida per la compilazione Il Business Plan deve essere riferito al primo triennio di attività, deve essere sintetico (lunghezza massima 20 pagine), chiaro, esaustivo ma, soprattutto, deve convincere

Dettagli

Proprietà intellettuale nel VII Programma Quadro

Proprietà intellettuale nel VII Programma Quadro Divisione Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Brevetti e trasferimento tecnologico Proprietà intellettuale nel VII Programma Quadro Silvia Forno Giornate di Studio 2007 Spoleto, 29 marzo 2007 La

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 11/006 relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE PER ANTICIPO MUTUI FOTOVOLTAICI

FOGLIO INFORMATIVO N. 11/006 relativo a: APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE PER ANTICIPO MUTUI FOTOVOLTAICI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

Un case study per approfondire aspetti sostanziali e procedurali

Un case study per approfondire aspetti sostanziali e procedurali Il risultato della Ricerca e la sua Brevettabilità Un case study per approfondire aspetti sostanziali e procedurali Monza, 29 Febbraio 2012 Giuseppe Romano Il percorso di un idea Il settore: medicina/diagnostica/chirurgia

Dettagli

(approvato da Giunta 15/09/2010 e Consiglio Direttivo 25/11/2010 ; modificato con delibera Giunta 10/04/2014_e Consiglio Direttivo 17/04/2014)

(approvato da Giunta 15/09/2010 e Consiglio Direttivo 25/11/2010 ; modificato con delibera Giunta 10/04/2014_e Consiglio Direttivo 17/04/2014) REGOLAMENTO IN MATERIA DI BREVETTI E DI PROPRIETA' INTELLETTUALE DEL CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO NAZIONALE PER LA SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI (INSTM) TITOLO I Disposizioni generali Art. 1 Ambito

Dettagli

Altre deliberazioni Assemblea. 16-19 aprile 2010

Altre deliberazioni Assemblea. 16-19 aprile 2010 Altre deliberazioni Assemblea 16-19 aprile 2010 Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie come già detto in altra parte della relazione, l Assemblea ordinaria del 17 aprile 2009

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA

INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

Circolare N.58 del 17 Aprile 2014

Circolare N.58 del 17 Aprile 2014 Circolare N.58 del 17 Aprile 2014 Start-up ed incubatori certificati. Gli strumenti per incentivare il personale Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo

Dettagli

La vostra azienda è pronta per un server?

La vostra azienda è pronta per un server? La vostra azienda è pronta per un server? Guida per le aziende che utilizzano da 2 a 50 computer La vostra azienda è pronta per un server? Sommario La vostra azienda è pronta per un server? 2 Panoramica

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1 - Ambito di applicazione del Regolamento Art. 2 - Segreteria Art. 3 - Responsabile Art. 4 - Mediatori Art. 5 - Avvio della Procedura di Mediazione Art. 6 - Luogo della

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER

Dettagli

ACCORDI DI LICENZA E GESTIONE STRATEGICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTI

ACCORDI DI LICENZA E GESTIONE STRATEGICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTI www.bugnion.it Ing. Marco Conti E-mail: marcoconti@bugnion.it ACCORDI DI LICENZA E GESTIONE STRATEGICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTI PROTEGGERE L INNOVAZIONE TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE

Dettagli

A. Principi di Condotta

A. Principi di Condotta Introduzione Il Gruppo Oerlikon (di seguito denominato Oerlikon ) detiene una posizione unica di leader mondiale nella fornitura di tecnologie, prodotti e servizi all avanguardia. I nostri prodotti e le

Dettagli

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 1. OBIETTIVI E BENEFICIARI 1. I criteri e le modalità che seguono si riferiscono

Dettagli

Condizioni generali e Privacy (Servizi a pagamento)

Condizioni generali e Privacy (Servizi a pagamento) Condizioni generali e Privacy (Servizi a pagamento) Con la registrazione presso Buildup.it, il Sottoscrittore accetta le condizioni generali di contratto qui di seguito riportate, che divengono parte integrante

Dettagli

CODICE ETICO. Better business for all

CODICE ETICO. Better business for all CODICE ETICO Better business for all Codice Etico I sette principi che rappresentano la filosofia di Intrum Justitia 1. Gli affari saranno condotti in modo da promuovere e mantenere il rispetto e la riservatezza

Dettagli

L Aquila, 6 ottobre 2011 Relatore: Emanuele Montelione. Lexico, 2011 1

L Aquila, 6 ottobre 2011 Relatore: Emanuele Montelione. Lexico, 2011 1 Come sfruttare la proprietà industriale L Aquila, 6 ottobre 2011 Relatore: Emanuele Montelione Lexico, 2011 1 Come si acquisisce la tecnologia Tramite contratto (cessione, licenza, contratto d opera) Tramite

Dettagli

Panoramica sulle modalità d ingresso nel mercato cinese. Angelo Arcuri

Panoramica sulle modalità d ingresso nel mercato cinese. Angelo Arcuri Panoramica sulle modalità d ingresso nel mercato cinese Angelo Arcuri Forme di accesso ai mercati esteri 2 Forme di accesso ai mercati esteri Investimento ridotto Investimento elevato Global Sourcing Intermediazione

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE TORINO, 5 NOVEMBRE 2013

LE START UP INNOVATIVE TORINO, 5 NOVEMBRE 2013 IP Management @ Universities Istanbul, May 16 to 18, 2012 Albert Long Hall, BOGAZICI UNIVERSITY LE START UP INNOVATIVE TORINO, 5 NOVEMBRE 2013 Gli strumenti di tutela dell innovazione Titolarità, trasferimento,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

www.pacificprime.com

www.pacificprime.com Guida all assicurazione sanitaria individuale La maternità Una guida per aiutarvi a scegliere il miglior piano assicurativo per la maternità www.pacificprime.com info@pacificprime.com LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

I.R.C.C.S. ISTITUTO NAZIONALE PER LO STUDIO E LA CURA DEI TUMORI FONDAZIONE G. PASCALE REGOLAMENTO IN MATERIA DI BREVETTI

I.R.C.C.S. ISTITUTO NAZIONALE PER LO STUDIO E LA CURA DEI TUMORI FONDAZIONE G. PASCALE REGOLAMENTO IN MATERIA DI BREVETTI I.R.C.C.S. ISTITUTO NAZIONALE PER LO STUDIO E LA CURA DEI TUMORI FONDAZIONE G. PASCALE REGOLAMENTO IN MATERIA DI BREVETTI (approvato con delibera del Direttore Generale n.579 del 02/07/2012) Titolo I DISCIPLINA

Dettagli

COME REGISTRARE UN MARCHIO

COME REGISTRARE UN MARCHIO COME REGISTRARE UN MARCHIO Vuoi registrare un marchio? Vuoi qualche informazione in più al riguardo? Allora sei nel posto giusto e Ti diamo il benvenuto. Contatti: Tel.: 348 / 4932179 E-mail: info@ufficiobrevettimarchi.it

Dettagli

Protezione Giuridica. per Privati. Novità. diritto di Internet e diritto tributario consulenza giuridica più ampia

Protezione Giuridica. per Privati. Novità. diritto di Internet e diritto tributario consulenza giuridica più ampia Protezione Giuridica per Privati Novità diritto di Internet e diritto tributario consulenza giuridica più ampia DIFENDE I TUOI DIRITTI DAS difende i vostri diritti Come utente della strada, lavoratore

Dettagli

Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital. Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale

Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital. Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale 1 Argomenti trattati La lettera di intenti Il contratto di acquisizione

Dettagli

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Le regole di partecipazione al VII Programma Quadro di RST dell UE (2007-2013) Chiara Pocaterra Regole di partecipazione 18 dicembre 2006 1. Disposizioni

Dettagli

PRIVACY POLICY. Grazie per la vostra visita.

PRIVACY POLICY. Grazie per la vostra visita. PRIVACY POLICY Grazie per la vostra visita. La privacy e la protezione dei dati personali dei visitatori, degli utenti registrati sui nostri siti web nonché di tutti i soggetti con cui intratteniamo rapporti

Dettagli