PRINCIPIO DI REVISIONE N 320. Significatività

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRINCIPIO DI REVISIONE N 320. Significatività"

Transcript

1 PRINCIPIO DI REVISIONE N 320 Significatività

2 Significatività Principio Revisione n 320 gli errori, incluse le omissioni, sono considerati significativi se ci si possa ragionevolmente attendere che essi, considerati singolarmente o nel loro insieme, siano in grado di influenzare le decisioni economiche prese dagli utilizzatori sulla base del bilancio I giudizi sulla significatività vengono elaborati alla luce delle circostanze contingenti, e sono influenzati dall entità o dalla natura di un errore, o da una combinazione di entrambi

3 Fase di Pianificazione In base ai principi contabili internazionali la significatività è influenzata dalla natura dell informazione e dalla sua rilevanza Per i principi contabili internazionali un informazione è rilevante se la sua mancanza e/o imprecisa rappresentazione può influenzare le decisioni economiche dei terzi prese sulla base del bilancio Pertanto, il concetto di significatività nel processo di revisione contabile include sia l aspetto qualitativo dei principi contabili internazionali sia quello quantitativo (la rilevanza) Il revisore deve necessariamente valutare gli aspetti che sono significativi e rilevanti per il terzo ed assicurarsi che nel bilancio siano fornite le relative informazioni necessarie alla corretta comprensione del fenomeno da parte dei terzi

4 Significatività Obiettivo della revisione di bilancio è quella di permettere al revisore di esprimere un giudizio professionale sul bilancio in tutti i suoi aspetti significativi e, dunque, il revisore deve usare la sua esperienza professionale per individuare quali fenomeni (qualitativamente) possono influenzare le decisioni degli utilizzatori che si relazionano con l impresa e, anche, quale è la soglia quantitativa di errore nella rappresentazione dei fatti amministrativi che indurrebbe questi a cambiare il loro atteggiamento nei confronti dell impresa

5 Aspetti della significatività Aspetto Quantitativo Individua un valore monetario che, in relazione a elementi chiave del bilancio, rappresenta il valore-soglia di errate esposizioni o omissioni (errore tollerabile). Il superamento di tale limite può influenzare il giudizio dei soggetti che utilizzano il bilancio per prendere decisioni di carattere economico e finanziario. Aspetto Qualitativo Riguarda la possibilità di individuare inesattezze in una determinata informazione o descrizione indicata in bilancio, la cui correttezza è elemento essenziale per l utilizzatore del bilancio

6 nonostante la significatività ed il rischio di revisione siano collegati non è in assoluto corretto attribuirvi un rapporto di causa ed effetto tale da indurre a definire una significatività bassa in presenza di un livello di rischio di revisione alto e viceversa. Nella fase di pianificazione del lavoro la significatività preliminare sarà infatti determinata da revisore prima ed indipendentemente dalla valutazione del rischio di revisione, poiché essa si basa non sul rischio di rev., ma sulla percezione che il revisore si fa circa le aspettative degli utilizzatori del bilancio relativamente ai fenomeni che potrebbero indurli a cambiare il loro atteggiamento nei confronti dell impresa in caso di errori significativi nel bilancio stesso

7 Nella fase di pianificazione del lavoro la significatività preliminare è utilizzata per: Stabilire la natura, la tempistica e l estensione delle procedure di valutazione del rischio di revisione Identificare e valutare i rischi di errori significativi Stabilire la natura, la tempistica e l estensione delle procedure di revisione conseguenti

8 Relazione tra Significatività e rischio di revisione Normalmente la significatività e il rischio di revisione sono inversamente proporzionali. ad un livello di significatività elevato corrisponde un basso rischio di revisione e viceversa. Significatività Rischio revisione

9 Valutazione degli elementi probativi La valutazione del revisore della significatività e del rischio di revisione può essere diversa, al momento iniziale della pianificazione del lavoro, rispetto al momento della valutazione dei risultati delle procedure di revisione svolte. il revisore, nel pianificare il proprio lavoro, può intenzionalmente stabilire il livello di significatività accettabile ad un livello più basso rispetto a quello che intende utilizzare per la valutazione dei risultati della revisione. Il revisore può decidere di comportarsi in questo modo per ridurre la probabilità che esistano inesattezze non rilevate e garantirsi un margine di sicurezza nel valutare gli effetti degli errori rilevati nel corso del lavoro di revisione.

10 Livelli di Significatività 1) significatività complessiva Ossia quella che viene determinata con riferimento al bilancio nel suo complesso. Il principio di revisione n. 320 non fornisce indicazioni pratiche quantitative perché, come detto, il calcolo della significatività implica l esercizio del giudizio professionale. Nella best practise dei revisori, il punto di partenza per la sua quantificazione si basa su percentuali applicate a determinati valori di bilancio

11 2) significatività operativa La finalità di questo ulteriore ammontare deriva dalla necessità di considerare che gli errori in bilancio possono sì derivare da un singolo fenomeno che ha un importo superiore alla materialità complessiva, ma anche da una serie di errori che, singolarmente considerati sono di ammontare inferiore alla significatività fissata per l intero bilancio, ma nel loro insieme la superano e pertanto possono condurre ad una rappresentazione non veritiera del bilancio. Pertanto la significatività operativa dovrà essere sempre fissata ad un livello più basso di quella complessiva. Nella prassi tale soglia viene normalmente fissata in un range fra il 50% ed il 65% della significatività complessiva

12 3) Significatività per la rendicontazione degli aggiustamenti riscontrati nelle verifiche è la soglia per giudicare se un errore sia di ammontare trascurabile e quindi non richieda nemmeno la sua evidenziazione nella tabella che il revisore utilizza per rendicontare gli aggiustamenti riscontrati nel lavoro (SUM -summary of unadjusted mistakes-) e che utilizza per discutere con la società le rettifiche e gli aggiustamenti da apportare al bilancio o alla ricezione delle motivazioni che non conducono al suo aggiustamento. Trattasi in sostanza di importi che a giudizio del revisore, neanche cumulati, avranno mai un effetto significativo sul bilancio e dei quali non si terrà memoria nelle carte di lavoro relative all attività di revisione. Nella prassi tale soglia viene normalmente fissata in un range fra il 10% ed il 15% della significatività operativa

13 Ancora sull aspetto qualitativo della Significatività I fattori qualitativi sono per loro natura più difficili da individuare ed il revisore deve comunque individuare quali aspetti possano essere più importanti per il fruitore di quello specifico bilancio. Alcuni esempi 1. Il trend di profittabilità dell azienda 2. L impatto di errori che attengono al mancato rispetto di covenant finanziari, obblighi contrattuali, regolamentari, etc. 3. La correttezza della base di calcolo della remunerazione degli amministratori 4. La suscettibilità di certi conti verso errori o frodi 5. L esistenza di passività potenziali 6. Le operazioni con parti correlate 7. La complessità e l aleatorietà delle stime di bilancio Tutti aspetti che richiedono grande discernimento da parte del revisore al fine di pianificare, al di là della soglia quantitativa, delle verifiche anche su aspetti qualitativi ritenuti critici

14 Significatività e relazione del revisore In ipotesi che il revisore abbia individuato un errore che eccede la significatività o una serie di errori che, considerati congiuntamente, superino la materialità il revisore ha obbligo di discutere le differenze con la direzione aziendale a) la società accetta: giudizio positivo sul bilancio b) la società non accetta, B1) se il fenomeno singolarmente supera la materialità: giudizio con rilievo B2) errori numerosi il cui valore singolo è inferiore alla significatività ma che considerati unitariamente raggiungono un ammontare che eccede la materialità fissata per il bilancio. In questo caso non vi è automatismo nel ritenere ogni fenomeno un rilievo da indicare nella relazione.

15 Metodi per riepilogare le differenze che la società rifiuta di recepire in bilancio 1) iron curtain 2) rollover Per calcolare gli effetti netti degli aggiustamenti non accettati dalla società andrà calcolato anche il relativo carico fiscale. Il giudizio avverso o negativo deve essere utilizzato quando gli errori riscontrati sono qualitativamente e/o quantitativamente così numerosi e/o significativi da non rendere possibile l espressione di un giudizio che indichi che il bilancio è stato redatto con chiarezza ad eccezione dei fenomeni riscontrati, perché la natura e/o l ammontare delle eccezioni riscontrate rendono il bilancio inattendibile nel suo complesso. Nella prassi, a differenza del calcolo della significatività, non esistono soglie quantitative che indichino fino a che punto sia possibile emettere un giudizio con eccezioni (rilievi) e quando invece sia necesario emettere un giudizio negativo, è una evidente decisione professionale

CAPITOLO III IL CONCETTO DI SINGNIFICATIVITA

CAPITOLO III IL CONCETTO DI SINGNIFICATIVITA CAPITOLO III IL CONCETTO DI SINGNIFICATIVITA 1 L obiettivo della revisione di bilancio è quello di permettere al revisore di esprimere un giudizio professionale sul bilancio, in tutti i suoi aspetti significativi,

Dettagli

Casi pratici di determinazione della significatività. Documenti di pianificazione del lavoro

Casi pratici di determinazione della significatività. Documenti di pianificazione del lavoro COLLEGIO SINDACALE CON REVISIONE LEGALE NELLE PMI Casi pratici di determinazione della significatività. Documenti di pianificazione del lavoro 29 settembre 2014 Dott.ssa Laura Restelli Dottore commercialista

Dettagli

CAPITOLO VII TIPOLOGIA DI RISCHI NELLA REVISIONE CONTABILE

CAPITOLO VII TIPOLOGIA DI RISCHI NELLA REVISIONE CONTABILE CAPITOLO VII TIPOLOGIA DI RISCHI NELLA REVISIONE CONTABILE 1 I RISCHI DI IMPRESA COSTITUISCONO POSSIBILITA CHE UN EVENTO OD UNA MANCATA INIZIATIVA DELLA DIREZIONE POSSANO INFLUENZARE NEGATIVAMENTE LA CAPACITA

Dettagli

Esempio di questionario relativo all accettazione dell incarico

Esempio di questionario relativo all accettazione dell incarico Esempio di questionario relativo all accettazione dell incarico Modalità di compilazione È opportuno, ove possibile e rilevante ai fini della ripercorribilità dell attività svolta, che il revisore inserisca

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La Pianificazione Ottobre 2013

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La Pianificazione Ottobre 2013 LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La Pianificazione Ottobre 2013 Università degli Studi di Bari Facoltà di Economia Esame di Revisione Aziendale CPA Anno Accademico 2013-2014 La Pianificazione del Lavoro di

Dettagli

La revisione del bilancio. di Fabrizio Bava

La revisione del bilancio. di Fabrizio Bava La revisione del bilancio di Fabrizio Bava 1 Fonti: art. 10 e 11 D.Lgs 39/2010 La revisione legale è svolta in conformità ai principi di revisione adottati dalla Commissione europea ai sensi dell articolo

Dettagli

RELAZIONE DEL REVISORE LEGALE (ART. 14 DEL D.LGS. 27 GENNAIO 2010, N. 39)

RELAZIONE DEL REVISORE LEGALE (ART. 14 DEL D.LGS. 27 GENNAIO 2010, N. 39) RELAZIONE DEL REVISORE LEGALE (ART. 14 DEL D.LGS. 27 GENNAIO 2010, N. 39) Art. 14 - RELAZIONE DI REVISIONE E GIUDIZIO SUL BILANCIO Duplice compito del revisore legale: a) esprimere con apposita relazione

Dettagli

ASSIREVI. I principi di revisione ISA Italia: la nuova relazione di revisione

ASSIREVI. I principi di revisione ISA Italia: la nuova relazione di revisione I principi di revisione ISA Italia: la nuova relazione di revisione Roma, 4 marzo 2015 Relatore Luisa Polignano, Responsabile Gruppo di Ricerca Principi di Revisione Assirevi Agenda Ø Principi di revisione

Dettagli

PROCEDURE DI VERIFICA

PROCEDURE DI VERIFICA PROCEDURE DI VERIFICA 1)Procedure di validità a) Documentale b) Comparativa 2) Procedure di conformità La verifica documentale tende alla conferma di un valore espresso in bilancio Le procedure di analisi

Dettagli

CORSO I NUOVI PRINCIPI DI REVISIONE: IMPATTO SUI BILANCI 2015 PREDISPOSTI SECONDO GLI OIC E GLI IAS/IFRS

CORSO I NUOVI PRINCIPI DI REVISIONE: IMPATTO SUI BILANCI 2015 PREDISPOSTI SECONDO GLI OIC E GLI IAS/IFRS CORSO I NUOVI PRINCIPI DI REVISIONE: IMPATTO SUI BILANCI 2015 PREDISPOSTI SECONDO GLI OIC E GLI IAS/IFRS Schema e contenuto della relazione di revisione Dott. Filippo Genna Dott. Matteo Troisi Napoli,

Dettagli

1 Avvicinamento alla revisione legale dei conti e le relative responsabilità

1 Avvicinamento alla revisione legale dei conti e le relative responsabilità 1 Avvicinamento alla revisione legale dei conti e le relative responsabilità Secondo il principio di revisione Documento n. 200 - Obiettivi e principi generali della revisione contabile del bilancio, l

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva)

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva) PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 600 LA REVISIONE DEL BILANCIO DEL GRUPPO - CONSIDERAZIONI SPECIFICHE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che

Dettagli

Considerazioni relative all accettazione dell incarico... Considerazioni relative alla pianificazione e allo svolgimento della revisione

Considerazioni relative all accettazione dell incarico... Considerazioni relative alla pianificazione e allo svolgimento della revisione Principio di revisione internazionale (ISA) N. 800 CONSIDERAZIONI SPECIFICHE DI UN BILANCIO REDATTO IN CONFORMITà AD UN QUADRO NORMATIVO SULL INFORMAZIONE FINANZIARIA (In vigore per le revisioni contabili

Dettagli

CAPITOLO X GLI ELEMENTI PROBATORI DELLA REVISIONE E LE PROCEDURE DI VERIFICA

CAPITOLO X GLI ELEMENTI PROBATORI DELLA REVISIONE E LE PROCEDURE DI VERIFICA CAPITOLO X GLI ELEMENTI PROBATORI DELLA REVISIONE E LE PROCEDURE DI VERIFICA 1 ACQUISIZIONE DI ELEMENTI PROBATIVI Gli elementi probativi (evidenze di revisione) costituiscono la base documentale per la

Dettagli

LA NUOVA RELAZIONE DI REVISIONE SECONDO GLI ISA ITALIA. Dott. Stefano De Rosa

LA NUOVA RELAZIONE DI REVISIONE SECONDO GLI ISA ITALIA. Dott. Stefano De Rosa LA NUOVA RELAZIONE DI REVISIONE SECONDO GLI ISA ITALIA Dott. Stefano De Rosa NUOVI PRINCIPI DI REVISIONE NUOVI PRINCIPI DI REVISIONE ISA ITALIA A partire dai bilanci 2015 trovano applicazione i principi

Dettagli

Revisione Aziendale. Parte metodologica LA PIANIFICAZIONE DEL LAVORO DI REVISIONE CONTABILE

Revisione Aziendale. Parte metodologica LA PIANIFICAZIONE DEL LAVORO DI REVISIONE CONTABILE Revisione Aziendale Parte metodologica LA PIANIFICAZIONE DEL LAVORO DI REVISIONE CONTABILE 1 ATTIVITA PRELIMINARI DELL INCARICO ALL INIZIO DELL INCARICO IL REVISORE DEVE: SVOLGERE PROCEDURE RIGUARDANTI

Dettagli

La continuità aziendale tra crisi di impresa e amministrazione giudiziaria. Il ruolo del revisore legale e del professionista.

La continuità aziendale tra crisi di impresa e amministrazione giudiziaria. Il ruolo del revisore legale e del professionista. La continuità aziendale tra crisi di impresa e amministrazione giudiziaria. Il ruolo del revisore legale e del professionista. Dott. Domenico Merlino Agenda Introduzione Richiamo a principi generali La

Dettagli

SOCIETA' PATRIMONIALE DELLA PROVINCIA DI VARESE SPA

SOCIETA' PATRIMONIALE DELLA PROVINCIA DI VARESE SPA SOCIETA' PATRIMONIALE DELLA PROVINCIA DI VARESE SPA Sede Legale: PIAZZA LIBERTA' 1 - VARESE (VA) Iscritta al Registro Imprese di: VARESE C.F. e numero iscrizione: 00322250127 Iscritta al R.E.A. di VARESE

Dettagli

GERARCHIA DEI METODI E SEMPLIFICAZIONI PER IL CALCOLO DEL MARGINE DI RISCHIO

GERARCHIA DEI METODI E SEMPLIFICAZIONI PER IL CALCOLO DEL MARGINE DI RISCHIO ALLEGATO 4 GERARCHIA DEI METODI E SEMPLIFICAZIONI PER IL CALCOLO DEL MARGINE DI RISCHIO Gerarchia dei metodi Le imprese utilizzano la seguente gerarchia come base decisionale per quanto riguarda i metodi

Dettagli

Relazione del Collegio sindacale esercente attività di revisione legale dei conti

Relazione del Collegio sindacale esercente attività di revisione legale dei conti Reg. Imp. 04533490829 Rea.0202607 SO.SVI.MA S.P.A. Sede in VIALE RISORGIMENTO 13B - 90020 CASTELLANA SICULA (PA) Capitale sociale Euro di cui Euro 130.005,00 versati Relazione del Collegio sindacale esercente

Dettagli

Paragrafo Introduzione. Oggetto del presente principio di revisione internazionale... Data di entrata in vigore... 4 Obiettivo... 5 Definizioni...

Paragrafo Introduzione. Oggetto del presente principio di revisione internazionale... Data di entrata in vigore... 4 Obiettivo... 5 Definizioni... Principio di revisione internazionale N. 805 CONSIDERAZIONI SPECIFICHE REVISIONE CONTABILE DI UN SINGOLO PROSPETTO DI BILANCIO, O DI UNO SPECIFICO ELEMENTO, CONTO O VOCE DEL PROSPETTO (In vigore per le

Dettagli

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE LA VERIFICA DEI SALDI D APERTURA A SEGUITO DELL ASSUNZIONE DI UN NUOVO INCARICO

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE LA VERIFICA DEI SALDI D APERTURA A SEGUITO DELL ASSUNZIONE DI UN NUOVO INCARICO IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE

Dettagli

relazione di revisione 27 febbraio 2014

relazione di revisione 27 febbraio 2014 Redazione della relazione di revisione i 27 febbraio 2014 Indice Page Normativa e prassi professionale in Italia Normativa e prassi di riferimento in Italia 3 Contenuto dell art. 14 del D.Lgs. 39/2010

Dettagli

Sommario. Parte I La specializzazione professionale 1 Introduzione alla revisione contabile. 2 I servizi di revisione e attestazione.

Sommario. Parte I La specializzazione professionale 1 Introduzione alla revisione contabile. 2 I servizi di revisione e attestazione. Sommario Introduzione XIII Parte I La specializzazione professionale 1 Introduzione alla revisione contabile 1 3 1.1 Le principali interpretazioni operative del concetto di revisione 3 1.1.1 La revisione

Dettagli

Corso di REVISIONE AZIENDALE

Corso di REVISIONE AZIENDALE Corso di REVISIONE AZIENDALE a.a. 2004-1 Corso di REVISIONE AZIENDALE - Modulo VI - Prof. Fabio Fortuna ffortuna@unich.it Anno accademico 2004- Corso di REVISIONE AZIENDALE a.a. 2004-2 La revisione gestionale

Dettagli

Principi di revisione nazionali SA 250B e SA 720B

Principi di revisione nazionali SA 250B e SA 720B Roma, 4 marzo 2015 L adozione dei principi professionali in materia di revisione ISA Italia: quale ruolo nella regolamentazione del mercato dei servizi di revisione? Prof. Raffaele D Alessio (Presidente

Dettagli

Gli elementi probativi della revisione documento 500

Gli elementi probativi della revisione documento 500 Gli elementi probativi della revisione documento 500 Per elementi probativi si intendono le informazioni che il revisore ottiene per giungere a conclusioni che gli permettano di formulare il proprio giudizio

Dettagli

TECNICA DELLA REVISIONE AZIENDALE PROGREDITO

TECNICA DELLA REVISIONE AZIENDALE PROGREDITO TECNICA DELLA REVISIONE AZIENDALE Maurizio Lonati Patrizia Cappato Università di Pavia Laurea Specialistica in Economia e Legislazione d Impresa 1 TECNICA DELLA REVISIONE AZIENDALE INTRODUZIONE 2 1 OBIETTIVO

Dettagli

Data delle attestazioni scritte e periodo amministrativo (o periodi amministrativi) Forma delle attestazioni scritte...

Data delle attestazioni scritte e periodo amministrativo (o periodi amministrativi) Forma delle attestazioni scritte... PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 580 ATTESTAZIONI SCRITTE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva)

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 510 PRIMI INCARICHI DI REVISIONE CONTABILE - SALDI DI APERTURA

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 510 PRIMI INCARICHI DI REVISIONE CONTABILE - SALDI DI APERTURA PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 510 PRIMI INCARICHI DI REVISIONE CONTABILE - SALDI DI APERTURA (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL BILANCIO. Allegato 7

VERBALE DI VERIFICA DEL BILANCIO. Allegato 7 VERBALE DI VERIFICA DEL BILANCIO Allegato 7 REVISIONE CONTABILE DEL BILANCI D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 200X I. OGGETTO DELL INCARICO Con riferimento all incarico conferitoci, ai sensi e per gli effetti

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE OIC 29

PRINCIPIO CONTABILE OIC 29 PRINCIPIO CONTABILE OIC 29 - Cambiamento di principi contabili - Cambiamento di stime contabili - Correzione di errori - Fatti intervenuti dopo la data di chiusura dell esercizio CAMBIAMENTO DEI PRINCIPI

Dettagli

Finalità del bilancio

Finalità del bilancio Finalità del bilancio Art. 2423 c.c.: II comma (clausola generale): Il bilancio essere redatto con chiarezza e deve rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria della

Dettagli

Procedure relative al sistema di controllo interno sull informativa finanziaria

Procedure relative al sistema di controllo interno sull informativa finanziaria ALLEGATO RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA Premessa. Le risposte alle domande della presente sezione Controllo interno sull

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 580 ATTESTAZIONI SCRITTE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 580 ATTESTAZIONI SCRITTE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 580 ATTESTAZIONI SCRITTE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva)

Dettagli

IL PRINCIPIO DELLA RILEVANZA E LE MODIFICHE AI PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO

IL PRINCIPIO DELLA RILEVANZA E LE MODIFICHE AI PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Direttiva 2013/34/UE: impatti attesi sulle norme civilistiche sul bilancio IL PRINCIPIO DELLA RILEVANZA E LE MODIFICHE AI PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 501 ELEMENTI PROBATIVI CONSIDERAZIONI SPECIFICHE SU DETERMINATE VOCI

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 501 ELEMENTI PROBATIVI CONSIDERAZIONI SPECIFICHE SU DETERMINATE VOCI PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 501 ELEMENTI PROBATIVI CONSIDERAZIONI SPECIFICHE SU DETERMINATE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

PROCEDIMENTO LOGICO DELLA REVISIONE DEI CICLI

PROCEDIMENTO LOGICO DELLA REVISIONE DEI CICLI PROCEDIMENTO LOGICO DELLA REVISIONE DEI CICLI Esame delle principali tipologie di operazioni Individuazione delle voci di bilancio e dell informativa obbligatoria. Considerazione dei limiti di significatività

Dettagli

Corso di Revisione Aziendale

Corso di Revisione Aziendale Facoltà di Economia Università del Salento Corso di Revisione Aziendale Prof. Carmine VIOLA Anno Accademico 2014/2015 Introduzione alla revisione aziendale 1 Oggetto e finalità della revisione Il concetto

Dettagli

GASPARE INSAUDO Dottore Commercialista, Revisore Contabile

GASPARE INSAUDO Dottore Commercialista, Revisore Contabile VERIFICHE PERIODICHE E CONTROLLO CONTABILE GASPARE INSAUDO Dottore Commercialista, Revisore Contabile Milano, 1 aprile 2008 LE FONTI 1 ART 2409 TER C.C. - VERIFICA TENUTA CONTABILITA ALMENO OGNI 3 MESI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA (Ai sensi dell art.114 comma 5 del D. LGS. n.58/1998)

COMUNICATO STAMPA (Ai sensi dell art.114 comma 5 del D. LGS. n.58/1998) COMUNICATO STAMPA (Ai sensi dell art.114 comma 5 del D. LGS. n.58/1998) Porcari (LU), 7 aprile 2014 - Si rende noto che la Relazione Finanziaria annuale al 31 dicembre 2013, composta da Relazione sulla

Dettagli

La responsabilità del revisore nel considerare le frodi nel corso della revisione contabile del bilancio

La responsabilità del revisore nel considerare le frodi nel corso della revisione contabile del bilancio Rif sm/np 1 L individuazione di frodi Corso di Audit e Governance Università degli Studi di Bergamo Dott. Stefano Mazzocchi La responsabilità del revisore nel considerare le frodi nel corso della revisione

Dettagli

Relazione unitaria del collegio sindacale all assemblea degli azionisti

Relazione unitaria del collegio sindacale all assemblea degli azionisti ENERGIAINRETE S.P.A. Sede Legale: VIA GEN. GIRLANDO, N. 5/B - COMISO (RG) Iscritta al Registro Imprese di: RAGUSA C.F. e numero iscrizione: 01549410882 Iscritta al R.E.A. di RAGUSA n. 128556 Capitale Sociale

Dettagli

Dott. Vanina Stoilova Dangarska Capodaglio e Associati 20 novembre 2012

Dott. Vanina Stoilova Dangarska Capodaglio e Associati 20 novembre 2012 La perizia di trasformazione e gli aspetti contabili dell operazione Dott. Vanina Stoilova Dangarska Capodaglio e Associati 20 novembre 2012 1 Art. 2500-ter. Trasformazione di società di persone 2. Nei

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 530 CAMPIONAMENTO DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 530 CAMPIONAMENTO DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 530 CAMPIONAMENTO DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data

Dettagli

IL PROCESSO DI REVISIONE AZIENDALE

IL PROCESSO DI REVISIONE AZIENDALE 1 IL PROCESSO DI REVISIONE AZIENDALE 2 0 Valutazione preliminare dell azienda 1 Pianificazione della revisione 2 Definizione degli obiettivi di revisione 3 Analisi e valutazione del sistema di controllo

Dettagli

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE LE CONFERME ESTERNE

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE LE CONFERME ESTERNE IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE

Dettagli

Corso di Revisione Aziendale

Corso di Revisione Aziendale Facoltà di Economia Università del Salento Corso di Revisione Aziendale Prof. Carmine VIOLA Anno Accademico 2014/2015 STRUMENTI DI REVISIONE Principi Contabili Principi di Revisione 2 I Principi Contabili

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Gli elementi

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Gli elementi LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Gli elementi probativi di controllo Ottobre 2013 Indice 1. La natura delle procedure di revisione (principio di revisione n. 500) 2. Procedure per ottenere elementi probativi

Dettagli

Le tecniche di valutazione per la stima delle aziende negli IFRS

Le tecniche di valutazione per la stima delle aziende negli IFRS Le tecniche di valutazione per la stima delle aziende negli IFRS Riccardo Tiscini Professore Ordinario Universitas Mercatorum di Roma Componente Comitato Tecnico Financial Reporting Standards ANDAF Crisi

Dettagli

REGOLAMENTO EMITTENTI MODALITA E TERMINI DEL CONTROLLO SULL INFORMAZIONE FINANZIARIA DIFFUSA DA EMITTENTI AZIONI (ART.

REGOLAMENTO EMITTENTI MODALITA E TERMINI DEL CONTROLLO SULL INFORMAZIONE FINANZIARIA DIFFUSA DA EMITTENTI AZIONI (ART. REGOLAMENTO EMITTENTI MODALITA E TERMINI DEL CONTROLLO SULL INFORMAZIONE FINANZIARIA DIFFUSA DA EMITTENTI AZIONI (ART. 118-BIS DEL TUF) DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 2 marzo 2007 Le osservazioni al presente

Dettagli

Principali problematiche nell applicazione degli ISA agli IAS/IFRS

Principali problematiche nell applicazione degli ISA agli IAS/IFRS Principali problematiche nell applicazione degli ISA agli IAS/IFRS Napoli, 20 novembre 2015 Dott. Pier Luigi Vitelli Dott. Pierpaolo Mosca I principi di revisione internazionali ISA Italia Introduzione

Dettagli

Finlombarda S.p.A. Bilancio consolidato al 31 dicembre FSCL/MNDR/git RC BD1175

Finlombarda S.p.A. Bilancio consolidato al 31 dicembre FSCL/MNDR/git RC BD1175 Finlombarda S.p.A. RELAZIONE DELLA SOCIETA DI REVISIONE INDIPENDENTE AI SENSI DEGLI ARTT.14 E 16 DEL D.LGS. 39/2010 Bilancio consolidato al 31 dicembre 2015 FSCL/MNDR/git RC046152015BD1175 Finlombarda

Dettagli

CAMBIAMENTO DI PRINCIPI CONTABILI OIC 29 TORINO, 8 MARZO 2017

CAMBIAMENTO DI PRINCIPI CONTABILI OIC 29 TORINO, 8 MARZO 2017 CAMBIAMENTO DI PRINCIPI CONTABILI OIC 29 TORINO, 8 MARZO 2017 CAMBIAMENTO DI PRINCIPI CONTABILI - OIC 29 (1/5) Un cambiamento di principio contabile è ammesso solo se validamente motivato e se (par. 15):

Dettagli

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Le operazioni iinfragruppo e con parti correlate

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Le operazioni iinfragruppo e con parti correlate Le operazioni iinfragruppo e con parti correlate 1 Le operazioni infragruppo e con parti correlate nei gruppi con società quotate Rilievo nei gruppi con società quotate Operazioni con soggetti legati agli

Dettagli

1 Istruzioni generali per i due modelli. Nei due modelli gli importi devono essere segnalati in valori assoluti.

1 Istruzioni generali per i due modelli. Nei due modelli gli importi devono essere segnalati in valori assoluti. Istruzioni per la compilazione dei modelli delle attività totali e dell importo complessivo dell esposizione al rischio a fini di raccolta dei fattori per il calcolo dei contributi per le attività di vigilanza

Dettagli

AUDIT FOCUS. Caro Collega,

AUDIT FOCUS. Caro Collega, AUDIT FOCUS Caro Collega, dopo aver affrontato nelle precedenti circolari il ciclo del magazzino, portiamo alla vostra attenzione un argomento di fondamentale importanza per la redazione del bilancio e

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DEL PERSONALE PIÙ RILEVANTE Allegato 1 IDENTIFICAZIONE DEI COMPONENTI DI ORGANO/FUNZIONE/UNITA OPERATIVA E/O MOTIVAZIONE DI ESCLUSIONE

IDENTIFICAZIONE DEL PERSONALE PIÙ RILEVANTE Allegato 1 IDENTIFICAZIONE DEI COMPONENTI DI ORGANO/FUNZIONE/UNITA OPERATIVA E/O MOTIVAZIONE DI ESCLUSIONE ART. 3 DEL REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 604 DEL 4 MARZO 2014 Si considera che un membro del personale ha un impatto sostanziale sul profilo di rischio dell'ente se soddisfa uno qualsiasi dei seguenti criteri

Dettagli

RELAZIONE DEL REVISORE UNICO AL BILANCIO D ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2014

RELAZIONE DEL REVISORE UNICO AL BILANCIO D ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2014 2014 RELAZIONE DEL REVISORE UNICO AL BILANCIO D ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2014 SMARTIT SOCIETA MUTUALISTICA PER ARTISTI SOC. COOP. IMPRESA SOCIALE Sede in Milano, Via Casoretto n. 41/A Codice fiscale

Dettagli

(Riduzione durevole di valore delle attività)

(Riduzione durevole di valore delle attività) (Riduzione durevole di valore delle attività) «IMPAIRMENT OF ASSETS»: SIGNIFICATO Traduzione ufficiale italiana di «Impairment of Assets» (regolamento (CE) n. 2236/2004): «Riduzione durevole di valore

Dettagli

Relazione del Revisore Unico dei Conti

Relazione del Revisore Unico dei Conti CONSORZIO DI BONIFICA DELLE MARCHE Sede Legale: VIA L.GUIDI N.30 - PESARO (PU) Iscritta al Registro Imprese di: PESARO C.F. e numero iscrizione: 92049990416 Iscritta al R.E.A. di PESARO n. 189665 Relazione

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 560 EVENTI SUCCESSIVI

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 560 EVENTI SUCCESSIVI PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 560 EVENTI SUCCESSIVI (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva)

Dettagli

REGOLAMENTO IVASS N. 21 DEL 10 MAGGIO 2016 L ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI

REGOLAMENTO IVASS N. 21 DEL 10 MAGGIO 2016 L ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI REGOLAMENTO IVASS N. 21 DEL 10 MAGGIO 2016 REGOLAMENTO CONCERNENTE LE INFORMAZIONI QUANTITATIVE PERIODICHE DA TRASMETTERE ALL IVASS AI FINI DI STABILITÀ FINANZIARIA E DI VIGILANZA MACROPRUDENZIALE E RELATIVI

Dettagli

Interessi degli Amministratori e Parti Correlate

Interessi degli Amministratori e Parti Correlate Interessi degli Amministratori e Parti Correlate La nozione di parte correlata : riferimenti normativi Milano, 25 ottobre 2007 Fabio Mischi, Partner, Ernst & Young Riferimenti Codice Civile D.Lgs. 58 del

Dettagli

INDICE SOMMARIO. pag. Presentazione...

INDICE SOMMARIO. pag. Presentazione... INDICE SOMMARIO Presentazione.......................................... pag. XIX 1. LA REVISIONE CONTABILE: INQUADRAMENTO E APPROCCIO AL RISCHIO 1. Il ruolo dei controlli interni ed esterni nell impresa.................

Dettagli

Formazione dei Lavoratori

Formazione dei Lavoratori Formazione dei Lavoratori Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Bari Servizio di Prevenzione Protezione La percezione del rischio negli esseri umani [ fortemente condizionata dalle emozioni

Dettagli

IFRS 1: Prima adozione degli IFRS

IFRS 1: Prima adozione degli IFRS 21 ottobre 2008 Dr. Orazio Vagnozzi KPMG, partner responsabile progetti di conversione agli IFRS 1 2003 Firm Name/Legal Entity Finalità e ambitoa di applicazione La finalità dell IFRS 1 è assicurare che

Dettagli

CORSO LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI. Lezione I rischi di revisione. Dott.ssa Simona Chioccarelli Dott. Salvatore Apolito

CORSO LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI. Lezione I rischi di revisione. Dott.ssa Simona Chioccarelli Dott. Salvatore Apolito CORSO LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Lezione I rischi di revisione Dott.ssa Simona Chioccarelli Dott. Salvatore Apolito Napoli, 30 ottobre 2014 1 OBIETTIVO DELLA REVISIONE Principio di revisione n.200 L'obiettivo

Dettagli

Le procedure di revisione

Le procedure di revisione CORSO LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Le procedure di revisione Dott.ssa Maria Caputo Dott.ssa Annalisa Cuccaro Napoli, 30 ottobre 2014 1 Procedure di revisione Procedure di conformità (test di controllo)

Dettagli

ALLEGATO Esempio di lettera di attestazione

ALLEGATO Esempio di lettera di attestazione ALLEGATO 24.2 - Esempio di lettera di attestazione Carta intestata di Beta S.p.A. Al Collegio Sindacale di Beta S.p.A. Milano, 15 aprile 2016 Con riferimento alla revisione legale dei conti da Voi condotta

Dettagli

DATA ORA AULA TESTI RIFERIMENTO REVISIONE. Page 1 of 6

DATA ORA AULA TESTI RIFERIMENTO REVISIONE. Page 1 of 6 PROGRAMMA DEL CORSO PRINCIPIO DI REVISIONE DATA ORA AULA TESTI RIFERIMENTO 1. Presentazione del corso La revisione Obiettivi del corso Programma del corso Testi consigliati PARTE I: NORMATIVA E ASPETTI

Dettagli

IL PRINCIPIO DI REVISIONE SA ITALIA 250B: LE VERIFICHE PERIODICHE SULLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITA SOCIALE

IL PRINCIPIO DI REVISIONE SA ITALIA 250B: LE VERIFICHE PERIODICHE SULLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITA SOCIALE IL PRINCIPIO DI REVISIONE SA ITALIA 250B: LE VERIFICHE PERIODICHE SULLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITA SOCIALE A cura della Commissione Consultiva Revisione Legale dei Conti Coordinatore: Antonio Gardoni

Dettagli

Relazione del Collegio Sindacale

Relazione del Collegio Sindacale Relazione del Collegio Sindacale All Assemblea dei soci della: BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI FALCONARA MARITTIMA Società Cooperativa. Premessa Il collegio sindacale, nell esercizio chiuso al 31 dicembre

Dettagli

Documento di Ricerca n. 198

Documento di Ricerca n. 198 ASSIREVI BO Documento di Ricerca n. 198 La relazione di revisione sul bilancio: linee guida per casi particolari Scopo del presente Documento di Ricerca è quello di fornire alcuni modelli di relazione

Dettagli

VERIFICHE PERIODICHE DEL COLLEGIO SINDACALE. di Teresa Aragno

VERIFICHE PERIODICHE DEL COLLEGIO SINDACALE. di Teresa Aragno VERIFICHE PERIODICHE DEL COLLEGIO SINDACALE di Teresa Aragno Finalità della revisione legale Acquisire tutti gli elementi necessari per consentire al revisore di affermare, con ragionevole certezza, che

Dettagli

RISCONTI ATTIVI. I risconti attivi. Rappresentazione contabile e disciplina fiscale. di Luciano Olivieri SOMMARIO

RISCONTI ATTIVI. I risconti attivi. Rappresentazione contabile e disciplina fiscale. di Luciano Olivieri SOMMARIO Pag. 1504 n. 13/97 29/03/1997 I risconti attivi Rappresentazione contabile e disciplina fiscale di Luciano Olivieri SOMMARIO 1. Premessa 1504 2. I risconti attivi 1504 2.1. Definizione 1504 2.2. Rilevazione

Dettagli

VERBALE DEL COLLEGIO DEI REVISORI

VERBALE DEL COLLEGIO DEI REVISORI VERBALE DEL COLLEGIO DEI REVISORI In data. alle ore, si riunisce presso la sede sociale il Collegio dei Revisori dell associazione di volontariato., corrente in.., via., n.., per discutere e deliberare

Dettagli

Fiscal News N Studi di settore: indicatori per i professionisti. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N Studi di settore: indicatori per i professionisti. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 191 07.07.2015 Studi di settore: indicatori per i professionisti Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Modelli Nella nota tecnica e metodologica

Dettagli

Le verifiche sulla regolare tenuta della contabilità. Il principio SA Italia n. 250/b

Le verifiche sulla regolare tenuta della contabilità. Il principio SA Italia n. 250/b S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO INSIEME A MEZZOGIORNO Le verifiche sulla regolare tenuta della contabilità. Il principio SA Italia n. 250/b Daniele Bernardi, Antonella Bisestile Commissione

Dettagli

BANCA STABIESE S.P.A. CASTELLAMMARE DI STABIA REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI

BANCA STABIESE S.P.A. CASTELLAMMARE DI STABIA REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI BANCA STABIESE S.P.A. CASTELLAMMARE DI STABIA REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI approvato dal CdA nella riunione del 22 giugno 2012 Identificazione delle Parti Correlate e dei Soggetti

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 560 EVENTI SUCCESSIVI

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 560 EVENTI SUCCESSIVI PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) 560 EVENTI SUCCESSIVI (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 15 dicembre 2009 o da data successiva)

Dettagli

LA RELAZIONE DI REVISIONE SUL BILANCIO IFRS - IL TRATTAMENTO DELLA MODIFICA DELLE INFORMAZIONI COMPARATIVE. Superato

LA RELAZIONE DI REVISIONE SUL BILANCIO IFRS - IL TRATTAMENTO DELLA MODIFICA DELLE INFORMAZIONI COMPARATIVE. Superato Documento di ricerca n. 106 LA RELAZIONE DI REVISIONE SUL BILANCIO IFRS - IL TRATTAMENTO DELLA MODIFICA DELLE INFORMAZIONI COMPARATIVE 1. SCOPO DEL DOCUMENTO Il bilancio consolidato dell esercizio chiuso

Dettagli

Fondo Pensione Complementare Dei Giornalisti Italiani

Fondo Pensione Complementare Dei Giornalisti Italiani Fondo Pensione Complementare Dei Giornalisti Italiani SEDE IN ROMA, CORSO VITTORIO EMANUELE II, N.349 Il Collegio dei sindaci si è riunito, il giorno quattro del mese di aprile dell anno duemilasedici,

Dettagli

CAPITOLO XXXVI La Relazione di revisione

CAPITOLO XXXVI La Relazione di revisione CAPITOLO XXXVI La Relazione di revisione La relazione di revisione ed il giudizio sul bilancio Riferimenti normativi Art. 2429 c.c. Art. 14 Decreto Legislativo 27 gennaio 2010, n. 39 Norma di comportamento

Dettagli

CORSO DI REVISIONE CONTABILE LA REVISIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

CORSO DI REVISIONE CONTABILE LA REVISIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CORSO DI REVISIONE CONTABILE LA REVISIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE ALESSIO SILVESTRI Università di Pisa Articolazione dell intervento nella revisione delle immobilizzazioni finanziarie Preliminary:

Dettagli

Le altre relazioni del bilancio.

Le altre relazioni del bilancio. Il genio è per il 10 per cento ispirazione e per il 90 per cento sudore. Thomas Edison Le altre relazioni del bilancio. Bilancio d impresa N. 5 Seguito di Bilancio d impresa N.1 (I principi generali del

Dettagli

La funzione antiriciclaggio nel sistema di controllo interno: ruolo, responsabilità e rendicontazione delle attività svolte

La funzione antiriciclaggio nel sistema di controllo interno: ruolo, responsabilità e rendicontazione delle attività svolte La funzione antiriciclaggio nel sistema di controllo interno: ruolo, responsabilità e rendicontazione delle attività svolte S T U D I O R E T T E R S R L A S O C I O U N I C O VIA CORRIDONI, 11-20122 MILANO

Dettagli

EDIFICATRICE UGUAGLIANZA Società Cooperativa ISCRIZIONE ALBO COOP. E MUT. PREVALENTE AL N CAT. EDILIZIA DI ABITAZIONE

EDIFICATRICE UGUAGLIANZA Società Cooperativa ISCRIZIONE ALBO COOP. E MUT. PREVALENTE AL N CAT. EDILIZIA DI ABITAZIONE EDIFICATRICE UGUAGLIANZA Società Cooperativa SEDE LEGALE IN PADERNO DUGNANO (MI)- VIA G. ROTONDI, 93 CAPITALE SOCIALE AL 31.12.2014 EURO 27.323 CODICE FISCALE: 03268360157 PARTITA IVA: 00746290964 REGISTRO

Dettagli

Sezione B => B100 Immobilizzazioni immateriali

Sezione B => B100 Immobilizzazioni immateriali 316 PARTE SECONDA - IMPOSTAZIONE LOGICA STANDARD CARTE DI LAVORO Sezione B => B100 Immobilizzazioni immateriali OBIETTIVI Verificare che tutte le immobilizzazioni immateriali: - i cui oneri e benefici

Dettagli

RELAZIONE DEL REVISORE UNICO AL BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31/12/2016

RELAZIONE DEL REVISORE UNICO AL BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31/12/2016 AZIENDA SPECIALE SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA FUTURA Sede Legale Via Cattaneo n. 1 Pioltello (MI) Capitale sociale euro 20.000,00 i.v. Codice Fiscale e Partita Iva: 12547300157 RELAZIONE DEL REVISORE

Dettagli

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE

Dettagli

Dott. Leonardo Piombino Technical Principal OIC

Dott. Leonardo Piombino Technical Principal OIC «I NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI» OIC 29 Cambiamenti di principi contabili, cambiamenti di stime contabili, correzione di errori, fatti intervenuti dopo la chiusura dell esercizio Dott. Leonardo Piombino

Dettagli

3 Le verifiche nel corso dell esercizio di Giovanna Ricci e Giorgio Gentili

3 Le verifiche nel corso dell esercizio di Giovanna Ricci e Giorgio Gentili di Giovanna Ricci e Giorgio Gentili 3.1 Premessa L art. 37 del d.lgs. n. 39/2010 ha abrogato l art. 2409-ter c.c. relativo alle funzioni di controllo contabile, ora nuovamente denominato revisione legale,

Dettagli

19 Capitolo I Alcuni fondamenti sulle comunicazioni sociali e sul bilancio in particolare

19 Capitolo I Alcuni fondamenti sulle comunicazioni sociali e sul bilancio in particolare Indice 13 Prefazione 15 Prefazione alla II" edizione 17 Prefazione alla III a edizione 19 Capitolo I Alcuni fondamenti sulle comunicazioni sociali e sul bilancio in particolare 1.1. Interdisciplinarietà

Dettagli

CORSO I NUOVI PRINCIPI DI REVISIONE: IMPATTO SUI BILANCI 2015 PREDISPOSTI SECONDO GLI OIC E GLI IAS/IFRS

CORSO I NUOVI PRINCIPI DI REVISIONE: IMPATTO SUI BILANCI 2015 PREDISPOSTI SECONDO GLI OIC E GLI IAS/IFRS CORSO I NUOVI PRINCIPI DI REVISIONE: IMPATTO SUI BILANCI 2015 PREDISPOSTI SECONDO GLI OIC E GLI IAS/IFRS L applicazione degli ISA Italia alla continuità aziendale Dott. Salvatore Apolito Dott.ssa Simona

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO Ottobre 2013 Analisi del sistema di controllo interno Premessa La Direzione aziendale, nello svolgimento della propria attività, si pone tra gli altri i seguenti obiettivi:

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELL ATTIVIT. Dott.ssa Teresa ARAGNO

LA PIANIFICAZIONE DELL ATTIVIT. Dott.ssa Teresa ARAGNO LA PIANIFICAZIONE DELL ATTIVIT ATTIVITÀ DI CONTROLLO Dott.ssa Teresa ARAGNO ATTIVITÀ DEL COLLEGIO SINDACALE Art. 2403 c.c.: vigilanza sull osservanza della legge e dello statuto e sul rispetto dei principi

Dettagli

Art. 2423 Redazione del bilancio

Art. 2423 Redazione del bilancio Art. 2423 Redazione del bilancio Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito dallo stato patrimoniale, dal conto economico e dalla nota integrativa. Il bilancio deve essere

Dettagli

ORIENTAMENTI SU TEST, VERIFICHE O ESERCIZI CHE POSSONO PORTARE A MISURE DI SOSTEGNO ABE/GL/2014/ settembre 2014

ORIENTAMENTI SU TEST, VERIFICHE O ESERCIZI CHE POSSONO PORTARE A MISURE DI SOSTEGNO ABE/GL/2014/ settembre 2014 ABE/GL/2014/09 22 settembre 2014 Orientamenti sui tipi di test, verifiche o esercizi che possono portare a misure di sostegno ai sensi dell articolo 32, paragrafo 4, lettera d), punto iii), della direttiva

Dettagli

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE

IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE IL PRESENTE MATERIALE E STAMPATO DALLA CASA EDITRICE DOTT. A. GIUFFRE CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE

Dettagli