7. P.I.L. e produzione di ricchezza

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "7. P.I.L. e produzione di ricchezza"

Transcript

1 7. P.I.L. e produzione di ricchezza Nel 2007 l Italia presenta una crescita del Prodotto Interno Lordo (+1,5%) più contenuta rispetto all anno precedente (+1,9%), per effetto della fase di rallentamento dell economia mondiale; all interno del territorio nazionale Roma continua a registrare performances superiori a quelle medie italiane, evidenziando la presenza da alcuni anni di un andamento dell economia più favorevole, grazie alla elevata propensione del sistema locale per l innovazione e alla concentrazione di imprese in settori strategici. Nel complesso, infatti, la provincia di Roma presenta un aumento del valore aggiunto pari al 3%, a fronte di una media nazionale del 2,1%. La crescita dell economia capitolina è trainata dai settori delle costruzioni (+4%) e del terziario (+3,2%), grazie al buon andamento del mercato immobiliare e alla capacità di alcuni servizi di produrre valore aggiunto. Decisamente più contenuta è la variazione dell agricoltura (+0,4%), che tende ad abbandonare gradualmente le coltivazioni a basso valore aggiunto per concentrarsi in mercati di nicchia, e del manifatturiero, anch esso coinvolto da un profondo processo di trasformazione con le imprese sempre più attente alla qualità e all innovazione, i fattori strategici in grado di far acquisire un vantaggio competitivo (tab. 7.2). Al di là della variazione dell ultimo anno la provincia di Roma si caratterizza per la elevata vocazione terziaria, con i servizi che contribuiscono per l 87,6% alla produzione di ricchezza, grazie alla concentrazione di imprese in settori strategici, quali le comunicazioni, i trasporti o il credito, alla elevata attrattività turistica, alla presenza degli Organi di Governo Centrale, ai numerosi Enti di istruzione e ricerca, e alla presenza di sedi di rappresentanza di numerose imprese italiane e straniere, che tendono a caratterizzare sempre più Roma come centro d affari internazionale. A tal proposito occorre evidenziare come il contributo dei servizi alla produzione di valore aggiunto, sia nella Capitale il più alto tra le 103 province italiane; tra le altre grandi province si rileva un valore particolarmente elevato a Napoli (83,3%) e più contenuto a Torino (71,1%), Milano (69,9%) e Bologna (67,8%). In direzione opposta decisamente più contenuto è a Roma il peso dell industria in senso stretto (8,4%), delle costruzioni (3,5%), che rivestono comunque un ruolo importante in termini di numerosità imprenditoriale e di occupati, e in particolare dell agricoltura (0,5%) (tab. 7.1). La presenza di un sistema economico particolarmente attento ai settori ad elevato valore aggiunto e di un andamento dell economia più favorevole rispetto alla media nazionale, ha prodotto negli anni effetti positivi in termini di disponibilità delle famiglie; il reddito lordo disponibile risulta, infatti, nella provincia di Roma ( euro) decisamente superiore alla media nazionale ( euro) e, in misura più contenuta, alle altre principali province italiane. Osservando i dati relativi al solo Comune Capoluogo si conferma l elevato valore di Roma, che presenta un reddito netto familiare pari a euro, un valore superiore agli altri quattro grandi Comuni osservati: euro a Milano, a Bologna, a Torino e a Napoli (tab. 7.10). La presenza di un reddito più alto rispetto alla media italiana ha consentito la formazione di un patrimonio di maggiori dimensioni; a Roma, infatti, ogni famiglia dispone in media di una ricchezza pari a 388 mila euro, superando di quasi 50 mila euro la media nazionale (341 mila euro). Tra le altre principali province si rileva un valore particolarmente elevato a Milano (464 mila euro) e Bologna (435 mila), più contenuto a Torino (373 mila) e in particolare a Napoli (238 mila) che si colloca ampiamente sotto la media nazionale (Tab. 7.11). La distribuzione del patrimonio per tipo di attività evidenzia la presenza a Roma di una situazione simile a quella nazionale, con il valore delle attività reali (abitazioni e terreni) che supera abbondantemente quello delle attività finanziarie (41,1%), come depositi, valori mobiliari e riserve (fonti pensione, TFR, assicurazioni ramo vita). Osservando le differenze con le altre grandi province italiane, Roma si colloca a

2 metà strada tra le tre realtà osservate del Nord Italia e Napoli, presentando, rispetto a Milano, Torino e Bologna una più alta concentrazione del patrimonio in attività sicure quali le abitazioni (58,5%, contro il 51% a Milano, il 53,3% a Bologna e il 54,2% a Torino) e i depositi bancari (12,1% contro valori compresi tra l 8% e l 8,9% nelle altre tre province), a discapito dei valori mobiliari (20,6% contro valori superiori al 28% nelle altre tre province) (tab. 7.12).

3 Indice delle figure e delle tabelle 7.1 La produzione di ricchezza Fig Il valore aggiunto per settore di attività economica nelle principali province italiane, valori a prezzi costanti (base = 1995) in milioni di euro. Anni Tab Valore aggiunto per settore di attività economica nelle principali province italiane e in Italia, valori assoluti a prezzi costanti (base 2000) in milioni di euro e percentuali. Anni Tab Valore aggiunto per settore di attività economica nelle principali province italiane e in Italia, variazioni % rispetto all anno precedente. Anni Fig. 7.2 Incidenza del valore aggiunto per settore di attività economica nelle principali province italiane e in Italia, valori percentuali. Anno Tab. 7.3 Valore aggiunto per settore di attività economica nella provincia di Roma e nel Lazio e peso del valore aggiunto prodotto nella provincia di Roma su quello prodotto nel Lazio, valori assoluti a prezzi costanti (base 2000) in migliaia di euro e percentuali. Anni * Tab. 7.4 Valore aggiunto del settore manifatturiero per dimensione aziendale nella provincia di Roma, nel Lazio, nelle macro-aree e in Italia, valori assoluti in milioni di euro correnti e distribuzione percentuale. Anno 2004 Tab. 7.5 Valore aggiunto e prodotto interno lordo in Italia, valori a prezzi correnti in milioni di euro. Anni Tab. 7.6 Valore aggiunto e prodotto interno lordo in Italia, variazioni percentuali dei valori concatenati anno di riferimento Anni Tab. 7.7 Prodotto interno lordo nazionale, variazioni percentuali (stime aggiornate a dicembre 2007) sul trimestre precedente (andamento congiunturale) e corrispondente (andamento tendenziale), valori concatenati anno Anni Fig. 7.3 Prodotto interno lordo nazionale a prezzi costanti e variazioni percentuali sul trimestre precedente (andamento congiunturale), dati destagionalizzati e corretti per il diverso numero delle giornate lavorative. Anni La ricchezza delle famiglie Tab. 7.8 Reddito medio pro-capite nelle principali province italiane e in Italia, valori assoluti correnti in euro. Anno 2005 Tab. 7.9 Reddito lordo disponibile nella provincia di Roma, nel Lazio, nelle macro-aree e in Italia, valori assoluti in milioni di euro correnti e distribuzione percentuale. Anno 2004 Tab Reddito medio netto familiare nei principali Comuni Capoluogo italiani, valori assoluti correnti in euro. Anno 2004 Tab Patrimonio medio familiare nelle principali province italiane e in Italia, valori assoluti correnti in euro e variazioni percentuali sull anno precedente. Anno 2005 Tab Patrimonio delle famiglie nelle principali province italiane e in Italia, valori percentuali. Anno 2005 Tab Patrimonio delle famiglie nelle principali province italiane e in Italia, variazioni percentuali tra il 2004 e il 2005

4 7.1 La produzione di ricchezza Fig Il valore aggiunto per settore di attività economica nelle principali province italiane, valori a prezzi costanti (base = 1995) in milioni di euro. Anni Roma Torino Milano Bologna Napoli Costruzioni Roma Milano Napoli Torino Bologna Agricoltura Roma Torino Industria in senso stretto Milano Bologna Napoli Fonte: elaborazioni su dati Prometeia, gennaio Roma Torino Servizi Milano Bologna Napoli

5 Tab Valore aggiunto per settore di attività economica nelle principali province italiane e in Italia, valori assoluti a prezzi costanti (base 2000) in milioni di euro e percentuali. Anni Agricoltura Industria in senso stretto Costruzioni Servizi Totale Anni v.a. % v.a. % v.a. % v.a. % v.a. Roma , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , Torino , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , Milano , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , Bologna , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , Napoli , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , Italia , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , Fonte: elaborazioni su dati Prometeia, gennaio 2007

6 Tab Valore aggiunto per settore di attività economica nelle principali province italiane e in Italia, variazioni % rispetto all anno precedente. Anni Anni Agricoltura Industria in senso stretto Costruzioni Servizi Totale Roma ,7 5,2-4,6 2,5 2, ,2-4,5-1,8 2,9 1, ,4-3,9 4,1-1,6-1, ,2-2,5 1,7 5,2 4, ,3-2,6 0,0-0,4-0, ,2 0,7 1,4 2,1 2, ,4 0,1 4,0 3,2 3,0 Torino ,4-5,1 9,8 0,9-0, ,0-2,2-5,6 2,1 0, ,3-3,1 8,6-0,1-0, ,4-9,1-0,1 1,3-1, ,0-0,1-5,5-0,9-0, ,3 3,6 0,2 2,9 2, ,9 1,6 4,9 2,9 2,7 Milano ,4-2,6 1,9 3,5 1, ,1-0,1-1,2-2,0-1, ,5-1,3-1,8-0,3-0, ,5 1,9 2,9-3,0-1, ,5-4,3-2,3 0,3-1, ,6 3,4 6,4 4,0 3, ,0 1,4 4,3 3,8 3,1 Bologna ,9-4,0 16,6 1,1 0, ,6 5,6-2,9-5,0-2, ,7-0,7 4,3 0,5 0, ,6-2,0 11,0 1,9 1, ,4-0,9-0,2 1,5 0, ,2 3,3 3,2 2,0 2, ,7 0,6 1,1 3,1 2,4 Napoli ,3 2,4 7,3 4,2 3, ,5-3,3 3,8 0,9 0, ,6-4,7 0,5-0,5-1, ,8-9,9 0,2-0,5-1, ,9-5,7 1,3-1,1-1, ,3 4,4 5,1 1,8 2, ,4 1,9 5,9 2,2 2,4 Italia ,5-0,7 7,6 2,5 1, ,2-0,7 2,4 1,0 0, ,0-2,3 2,8 0,3-0, ,2-0,9 0,9 1,1 1, ,4-1,8 0,7 1,0 0, ,3 2,5 1,6 1,6 1, ,2 0,7 3,0 2,4 2,1 Fonte: elaborazioni su dati Prometeia, gennaio 2007

7 Fig. 7.2 Incidenza del valore aggiunto per settore di attività economica nelle principali province italiane e in Italia, valori percentuali. Anno ,6 71,1 69,9 67,8 83,3 70,8 4,0 3,3 4,9 5,6 3,5 24,1 26,6 25,7 4,1 21,1 8,4 11,2 0,5 0,8 0,2 1,6 1,3 2,5 Roma Torino Milano Bologna Napoli Italia Fonte: elaborazioni su dati Prometeia, gennaio 2007 Agricoltura Industria in senso stretto Costruzioni Servizi Tab. 7.3 Valore aggiunto per settore di attività economica nella provincia di Roma e nel Lazio e peso del valore aggiunto prodotto nella provincia di Roma su quello prodotto nel Lazio, valori assoluti a prezzi costanti (base 2000) in migliaia di euro e percentuali. Anni * Industria in senso Agricoltura stretto Costruzioni Servizi Totale Lazio Anno v.a. v.a. v.a. v.a. v.a * * * Roma v.a. v.a. v.a. v.a. v.a * * * Roma/Lazio % % % % % ,2 68,3 61,9 82,8 79, ,1 67,8 64,1 82,0 79, ,4 67,2 63,3 81,2 78, ,8 67,5 62,5 81,3 78, ,2 67,5 62,9 80,5 77, ,6 67,4 62,8 81,2 78, ,7 67,3 62,7 81,5 78,7 2008* 31,7 67,2 62,6 81,7 78,8 2009* 31,7 67,2 62,6 81,8 78,9 2010* 31,7 67,1 62,6 81,8 79,0 * Stime Fonte: elaborazioni su dati Prometeia, gennaio 2007

8 Tab. 7.4 Valore aggiunto del settore manifatturiero per dimensione aziendale nella provincia di Roma, nel Lazio, nelle macro-aree e in Italia, valori assoluti in milioni di euro correnti e distribuzione percentuale. Anno 2004 v.a. v.% piccole imprese v.% medie imprese v.% grandi imprese Roma ,2 13,7 39,1 Lazio ,9 15,3 39,8 Nord ,7 23,9 28,4 Centro ,5 17,4 26,1 Mezzogiorno ,4 15,5 28,1 Italia ,5 21,6 27,9 Fonte: elaborazioni su dati Tagliacarne Tab. 7.5 Valore aggiunto e prodotto interno lordo in Italia, valori a prezzi correnti in milioni di euro. Anni ATTIVITA' ECONOMICHE 2001 (a) 2002 (a) 2003 (a) 2004 (a) 2005 (b) 2006 (b) 2007 (c) Agricoltura, silvicoltura e pesca Industria industria in senso stretto costruzioni Servizi Valore aggiunto ai prezzi base IVA, imposte indirette nette sui prodotti e imposte sulle importazioni PIL ai prezzi di mercato Fonte: Istat Conti Economici Trimestrali, febbraio 2008 I totali possono non corrispondere alla somma delle componenti per gli arrotondamenti effettuati. (a) dati definitivi (b) dati semidefinitivi (c) dati provvisori Tab. 7.6 Valore aggiunto e prodotto interno lordo in Italia, variazioni percentuali dei valori concatenati anno di riferimento Anni ATTIVITA' ECONOMICHE 2001 (a) 2002 (a) 2003 (a) 2004 (a) 2005 (b) 2006 (b) 2007 (c) Agricoltura, silvicoltura e pesca -2,5-3,1-4,9 13,1-4,4-1,4 0,0 Industria 0,8 0,3-1,7 1,1 0,2 1,2 1,0 - industria in senso stretto -0,2-0,2-2,7 1,0-0,4 1,2 0,8 - costruzioni 5,7 2,3 2,3 1,5 2,3 1,5 1,6 Servizi 2,4 0,9 0,4 1,6 1,1 2,1 1,8 Valore aggiunto ai prezzi base 1,8 0,6-0,3 1,7 0,7 1,8 1,6 IVA, imposte indirette nette sui prodotti e imposte sulle importazioni 1,9-0,8 2,9-0,3-0,9 2,2 0,5 PIL ai prezzi di mercato 1,8 0,5 0,0 1,5 0,6 1,8 1,5 Fonte: Istat Conti Economici Trimestrali, febbraio 2008 I totali possono non corrispondere alla somma delle componenti per gli arrotondamenti effettuati. (a) dati definitivi (b) dati semidefinitivi (c) dati provvisori

9 Tab. 7.7 Prodotto interno lordo nazionale, variazioni percentuali (stime aggiornate a dicembre 2007) sul trimestre precedente (andamento congiunturale) e corrispondente (andamento tendenziale), valori concatenati anno Anni I II III IV I II III IV I II III IV I II III IV 0,5 0,3 0,2-0,5-0,3 0,6 0,4-0,1 0,8 0,6 0,3 1,1 0,3 0,1 0,4 Fonte: Istat Conti Economici Trimestrali, dicembre 2007 Fig. 7.3 Prodotto interno lordo nazionale a prezzi costanti e variazioni percentuali sul trimestre precedente (andamento congiunturale), dati destagionalizzati e corretti per il diverso numero delle giornate lavorative. Anni ,4 0,9 0,4-0,1-0,6 I II III IV I II III IV I II III IV I II III IV Fonte: Istat Conti Economici Trimestrali, dicembre La ricchezza delle famiglie Tab. 7.8 Reddito medio pro-capite nelle principali province italiane e in Italia, valori assoluti correnti in euro. Anno 2005 Roma Torino Milano Bologna Napoli Italia Fonte: elaborazioni su dati Ministero delle Finanze Tab. 7.9 Reddito lordo disponibile nella provincia di Roma, nel Lazio, nelle macro-aree e in Italia, valori assoluti in milioni di euro correnti e distribuzione percentuale. Anno componente 2 componenti 3 componenti 4 componenti 5 e + componenti Totale Roma Torino Milano Bologna Napoli Italia Fonte: elaborazioni su dati Tagliacarne

10 Tab Reddito medio netto familiare nei principali Comuni Capoluogo italiani, valori assoluti correnti in euro. Anno 2004 Roma Torino Milano Bologna Napoli Fonte: elaborazioni su dati Ministero delle Finanze *Imponibile da quadro RN al netto dell imposta netta da quadro RN Tab Patrimonio medio familiare nelle principali province italiane e in Italia, valori assoluti correnti in euro e variazioni percentuali sull anno precedente. Anno 2005 v.a. Posizione in graduatoria var. % Roma ,0 Torino ,4 Milano ,2 Bologna ,1 Napoli ,8 Italia ,4 Fonte: elaborazioni su dati Tagliacarne Tab Patrimonio delle famiglie nelle principali province italiane e in Italia, valori percentuali. Anno 2005 Attività reali Attività finanziarie Totale Valori Abitazioni Terreni Totale Depositi Riserve Totale generale mobiliari Roma 58,5 0,4 58,9 12,1 20,6 8,3 41,1 100,0 Torino 54,2 1,3 55,6 8,0 28,4 8,0 44,4 100,0 Milano 51,0 0,3 51,3 8,9 28,8 11,0 48,7 100,0 Bologna 53,3 3,2 56,4 8,0 28,1 7,4 43,6 100,0 Napoli 64,5 0,2 64,7 13,4 14,7 7,2 35,3 100,0 Italia 58,5 2,7 61,2 9,7 21,8 7,3 38,8 100,0 Fonte: elaborazioni su dati Tagliacarne Tab Patrimonio delle famiglie nelle principali province italiane e in Italia, variazioni percentuali tra il 2004 e il 2005 Attività reali Attività finanziarie Totale Valori Abitazioni Terreni Totale Depositi Riserve Totale generale mobiliari Roma 9,7 3,2 9,7 8,3 1,1 11,8 5,2 7,8 Torino 8,7 2,2 8,6 3,6 6,5 4,5 5,6 7,2 Milano 10,0 2,3 10,0 5,0 5,5 12,6 6,9 8,5 Bologna 8,4-0,6 7,8 2,9-3,2 8,4-0,3 4,1 Napoli 6,9 1,4 6,9 7,0 3,8 9,3 6,1 6,6 Italia 9,2 1,2 8,8 5,2 5,6 10,1 6,3 7,8 Fonte: elaborazioni su dati Tagliacarne

4. P.I.L. e valore aggiunto

4. P.I.L. e valore aggiunto 4. P.I.L. e valore aggiunto Con quasi 100 miliardi di euro stimati a prezzi correnti per il 2003, è la seconda provincia italiana (dopo, con 124,5 miliardi di euro) per contributo alla creazione del reddito

Dettagli

RIEPILOGO INDICATORI MARCHE : CONTI ECONOMICI TERRITORIALI

RIEPILOGO INDICATORI MARCHE : CONTI ECONOMICI TERRITORIALI RIEPILOGO INDICATORI MARCHE : CONTI ECONOMICI TERRITORIALI Ottobre 2008 Conti economici territoriali Anno 2008 I dati resi noti dall ISTAT relativamente ai principali aggregati dei conti economici regionali

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Sardegna

Bollettino Mezzogiorno Sardegna Bollettino Mezzogiorno 02 2014 Sardegna INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 1.2 Struttura economica ed andamento del Pil in Sardegna Occupazione e disoccupazione in Sardegna LE IMPRESE 2.1 2.2 Struttura

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Abruzzo

Bollettino Mezzogiorno Abruzzo Bollettino Mezzogiorno 01 2017 Abruzzo INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 Struttura economica ed andamento del Pil in Abruzzo 1.2 Occupazione e disoccupazione in Abruzzo LE IMPRESE 2.1 Struttura e dinamica

Dettagli

3 LA PRODUZIONE DI RICCHEZZA

3 LA PRODUZIONE DI RICCHEZZA 3 LA PRODUZIONE DI RICCHEZZA Per analizzare l evoluzione della congiuntura economica nel territorio lecchese e cogliere l intensità con cui la crisi si è ripercossa sull economia provinciale, appare opportuno

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Sardegna

Bollettino Mezzogiorno Sardegna Bollettino Mezzogiorno 01 2017 Sardegna INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 Struttura economica ed andamento del Pil in Sardegna 1.2 Occupazione e disoccupazione in Sardegna LE IMPRESE 2.1 Struttura e

Dettagli

CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI

CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI 1 settembre 2015 II trimestre 2015 CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI Prodotto interno lordo, valore aggiunto, consumi, investimenti, domanda estera Nel secondo trimestre del 2015 il prodotto interno lordo (PIL),

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Campania

Bollettino Mezzogiorno Campania Bollettino Mezzogiorno 01 2017 Campania INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 Struttura economica ed andamento del Pil in Campania 1.2 Occupazione e disoccupazione in Campania LE IMPRESE 2.1 Struttura e

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Basilicata

Bollettino Mezzogiorno Basilicata Bollettino Mezzogiorno 01 2016 Basilicata INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 Struttura economica ed andamento del Pil 1.2 Occupazione e disoccupazione LE IMPRESE 2.1 Struttura e dinamica imprenditoriale

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Calabria

Bollettino Mezzogiorno Calabria Bollettino Mezzogiorno 01 2017 Calabria INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 Struttura economica ed andamento del Pil in Calabria 1.2 Occupazione e disoccupazione in Calabria LE IMPRESE 2.1 Struttura e

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Basilicata

Bollettino Mezzogiorno Basilicata Bollettino Mezzogiorno 02 2014 Basilicata INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 1.2 Struttura economica ed andamento del Pil in Basilicata Occupazione e disoccupazione in Basilicata LE IMPRESE 2.1 Struttura

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Sicilia

Bollettino Mezzogiorno Sicilia Bollettino Mezzogiorno 01 2016 Sicilia INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 Struttura economica ed andamento del Pil 1.2 Occupazione e disoccupazione LE IMPRESE 2.1 Struttura e dinamica imprenditoriale

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Abruzzo

Bollettino Mezzogiorno Abruzzo Bollettino Mezzogiorno 02 2014 Abruzzo INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 1.2 Struttura economica ed andamento del Pil in Abruzzo Occupazione e disoccupazione in Abruzzo LE IMPRESE 2.1 Struttura e dinamica

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Molise

Bollettino Mezzogiorno Molise Bollettino Mezzogiorno 02 2014 Molise INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 Struttura economica ed andamento del Pil nel Mezzogiorno 1.2 Occupazione e disoccupazione nel Mezzogiorno LE IMPRESE 2.1 Struttura

Dettagli

CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI

CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI 1 dicembre 2016 III trimestre 2016 CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI Prodotto interno lordo, valore aggiunto, consumi, investimenti, domanda estera Nel terzo trimestre del 2016 il prodotto interno lordo (PIL),

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Sardegna

Bollettino Mezzogiorno Sardegna Bollettino Mezzogiorno 01 2014 Sardegna INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 Struttura economica ed andamento del Pil in Sardegna 1.2 Occupazione e disoccupazione in Sardegna LE IMPRESE 1.3 Struttura e

Dettagli

CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI

CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI 10 giugno 2013 I trimestre 2013 CONTI ECONOMICI TRIMESTRALI Prodotto interno lordo, valore aggiunto, consumi, investimenti, domanda estera Nel primo trimestre del 2013 il prodotto interno lordo (PIL),

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Mezzogiorno

Bollettino Mezzogiorno Mezzogiorno Bollettino Mezzogiorno 02 2015 Mezzogiorno INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 Struttura economica ed andamento del Pil 1.2 Occupazione e disoccupazione LE IMPRESE 2.1 Struttura e dinamica imprenditoriale

Dettagli

IL PASSO LENTO DELLA RIPRESA ITALIANA

IL PASSO LENTO DELLA RIPRESA ITALIANA LE DINAMICHE ECONOMICHE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA Presentazione a cura di Corrado Martone Area Studi e Ricerche - Istituto G. Tagliacarne IL PASSO LENTO DELLA RIPRESA ITALIANA I condizionamenti esogeni

Dettagli

Lombardia Statistiche Report

Lombardia Statistiche Report Lombardia Statistiche Report N 6 / 2017 5 luglio 2017 Congiuntura economica in Lombardia. I trimestre 2017 Il 2016 è stato un anno positivo per l economia lombarda. Questo dato sembra trovare conferma

Dettagli

Il Prodotto interno lordo nelle Marche

Il Prodotto interno lordo nelle Marche Il Prodotto interno lordo nelle Marche Passando ad analizzare il Prodotto interno lordo delle Marche, per meglio fotografare l andamento reale della nostra economia, si fa riferimento al valore aggiunto

Dettagli

10. Prezzi e dinamiche inflazionistiche

10. Prezzi e dinamiche inflazionistiche 10. Prezzi e dinamiche inflazionistiche Nei primi mesi del 2008 si è registrata in una impennata dell inflazione, con l indice dei prezzi al consumo in aumento sullo stesso mese dell anno precedente del

Dettagli

STIMA PRELIMINARE DEL PIL

STIMA PRELIMINARE DEL PIL 13 maggio 2016 I trimestre 2016 STIMA PRELIMINARE DEL PIL Nel primo trimestre del 2016 il prodotto interno lordo (PIL), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti

Dettagli

Le dinamiche economiche provinciali nel Dott. Silvio Di Lorenzo Presidente Camera di Commercio di Chieti

Le dinamiche economiche provinciali nel Dott. Silvio Di Lorenzo Presidente Camera di Commercio di Chieti Le dinamiche economiche provinciali nel 2010 Dott. Silvio Di Lorenzo Presidente Camera di Commercio di Chieti Analisi dell andamento dell economia economia provinciale, attraverso i principali indicatori

Dettagli

03/05/2012. Economia biellese 2011: Numeri e tendenze. Roberto Strocco. Unioncamere Piemonte

03/05/2012. Economia biellese 2011: Numeri e tendenze. Roberto Strocco. Unioncamere Piemonte Economia biellese 2011: Numeri e tendenze Roberto Strocco Coordinatore Area Studi e Sviluppo del Territorio Unioncamere Piemonte 1 L epicentro della crisi 800.000 La dinamica del Pil italiano Andamento

Dettagli

Lezione 1 Le principali variabili macroeconomiche (1)

Lezione 1 Le principali variabili macroeconomiche (1) Lezione 1 Le principali variabili macroeconomiche (1) Macroeconomia C. Petraglia Unibas 2012/13 1 Produzione, disoccupazione, inflazione Quando i macroeconomisti studiano un economia, considerano prima

Dettagli

ALCUNE VALUTAZIONI SULLE DINAMICHE DEL PIL E DEI CONSUMI PER GRANDI RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE

ALCUNE VALUTAZIONI SULLE DINAMICHE DEL PIL E DEI CONSUMI PER GRANDI RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE ALCUNE VALUTAZIONI SULLE DINAMICHE DEL PIL E DEI CONSUMI PER GRANDI RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE UFFICIO STUDI CONFCOMMERCIO - 8 giugno 2017 L Italia manifesta da almeno due decenni un tasso di crescita particolarmente

Dettagli

STIMA PRELIMINARE DEL PIL

STIMA PRELIMINARE DEL PIL 12 febbraio 2016 IV trimestre STIMA PRELIMINARE DEL PIL Nel quarto trimestre del il prodotto interno lordo (PIL), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti di

Dettagli

MOSAICO STATISTICO dicembre 2002

MOSAICO STATISTICO dicembre 2002 NUMERO UNO Comune di Roma Assessorato alle Politiche Economiche, Finanziarie e di Bilancio Assessore Marco Causi MOSAICO STATISTICO dicembre 2002 Dipartimento XV Politiche Economiche e Coordinamento Gruppo

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Il mercato del lavoro romano mostra, già da qualche anno, un buon dinamismo, facendo registrare andamenti nettamente migliori del dato nazionale, ma anche di quello del

Dettagli

STIMA PRELIMINARE DEL PIL

STIMA PRELIMINARE DEL PIL 12 agosto II trimestre STIMA PRELIMINARE DEL PIL Nel secondo trimestre del il prodotto interno lordo (PIL), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli effetti di calendario

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dallo scorso anno l Istat conduce una nuova rilevazione sulle forze di lavoro Rilevazione Continua sulle Forze di Lavoro, RCFL i cui risultati non sono comparabili con

Dettagli

L ATTRATTIVITA DEL TERRITORIO MACERATESE

L ATTRATTIVITA DEL TERRITORIO MACERATESE L ATTRATTIVITA DEL TERRITORIO MACERATESE Lorenza NATALI 1 Camera di Commercio I.A.A. di Macerata Settore II Sviluppo e Sostegno Economico Area Promozione e Informazione Economica RISORSE UMANE STRUTTURE

Dettagli

Un approfondimento dell Ufficio Studi della Camera di Commercio IN DIMINUZIONE IL PIL DEL LODIGIANO

Un approfondimento dell Ufficio Studi della Camera di Commercio IN DIMINUZIONE IL PIL DEL LODIGIANO Comunicato stampa n. 1 del 10 Gennaio 2007 Un approfondimento dell Ufficio Studi della Camera di Commercio IN DIMINUZIONE IL PIL DEL LODIGIANO Prodotto interno lordo - Nel il Prodotto interno lordo della

Dettagli

La provincia di Reggio Emilia in cifre

La provincia di Reggio Emilia in cifre La provincia di Reggio Emilia in cifre L economia reale dal punto di osservazione della Camera di Commercio 18 ottobre 2016 A cura del Servizio Studi, Statistica, Osservatori della CCIAA di Reggio Emilia

Dettagli

Crescita, consumi e risparmi: prospettive per le famiglie

Crescita, consumi e risparmi: prospettive per le famiglie CREDITO AL CREDITO 2011 Crescita, consumi e risparmi: prospettive per le famiglie Emanuele Baldacci Istat Crescita economica: forte decelerazione dopo il rimbalzo PIL: contributi e variazione tendenziale

Dettagli

Stima preliminare del PIL I trimestre 2009

Stima preliminare del PIL I trimestre 2009 5 maggio 2009 Stima preliminare del PIL I trimestre 2009 In conformità con i requisiti del programma SDDS del Fondo monetario internazionale, l Istat diffonde un calendario annuale dei comunicati stampa

Dettagli

Scheda dati Roma ANALISI ECONOMICA

Scheda dati Roma ANALISI ECONOMICA ANALISI ECONOMICA Nei primi anni 2000 l area di Roma e della sua provincia crescevano a ritmi superiori alla media nazionale dell 1% annuo circa. Dal 2008, invece, registriamo tassi di contrazione delle

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA. POPOLAZIONE RESIDENTE Var % /06

PROVINCIA DI VERONA. POPOLAZIONE RESIDENTE Var % /06 PROVINCIA DI VERONA TERRITORIO SUPERFICIE TERRITORIALE...Kmq 3.121 ZONE ALTIMETRICHE Montagna......Kmq 589 Collina.... Kmq 715 Pianura...... Kmq 1.818 Fonte: Istat Pianura 58,2% Montagna 18,9% Collina

Dettagli

STIMA PRELIMINARE DEL PIL

STIMA PRELIMINARE DEL PIL 6 agosto 2014 II trimestre 2014 STIMA PRELIMINARE DEL PIL Nel secondo trimestre del 2014 il prodotto interno lordo (PIL), espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2005, corretto per gli effetti

Dettagli

5. VALORE AGGIUNTO, REDDITO CONSUMI E PATRIMONIO. ŀ5. Valore Aggiunto, Reddito, Consumi e Patrimonio

5. VALORE AGGIUNTO, REDDITO CONSUMI E PATRIMONIO. ŀ5. Valore Aggiunto, Reddito, Consumi e Patrimonio 5. VALORE AGGIUNTO, REDDITO CONSUMI E PATRIMONIO ŀ5. Valore Aggiunto, Reddito, Consumi e Patrimonio 45 5.1 Il Valore Aggiunto L Istituto Tagliacarne, che quantifica ogni anno il valore aggiunto a livello

Dettagli

L economia del Lazio nel 2009

L economia del Lazio nel 2009 L economia del Lazio nel 2009 Evidenza dai conti regionali Istat pubblicati il 28 settembre 2010 Servizio Analisi e Finanza Sviluppo Lazio L economia del Lazio nel 2009 1. Premessa Il 28 settembre, l Istat

Dettagli

Il Valore Aggiunto. Il Valore Aggiunto

Il Valore Aggiunto. Il Valore Aggiunto Il Valore Aggiunto Il Valore Aggiunto Secondo la definizione adottata dal Sistema Europeo dei Conti SEC95, il prodotto interno lordo ai pressi di mercato viene definito come il risultato finale dell attività

Dettagli

PMI e capitale di rischio

PMI e capitale di rischio Presentazione PIR PMI e capitale di rischio Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche Milano, 6 marzo 2017 Prospettive di crescita positive, ma Italia ancora in ritardo 1 Crescita cumulata del PIL

Dettagli

Zeno Rotondi Head of Italy Research

Zeno Rotondi Head of Italy Research Zeno Rotondi Head of Italy Research IL RISPARMIO DELLE FAMIGLIE È DIVENTATA UNA RISORSA PIÙ SCARSA PROPENSIONE AL RISPARMIO, VALORI % 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007

Dettagli

Newsletter ARIFL - IO LAVORO

Newsletter ARIFL - IO LAVORO Newsletter ARIFL - IO LAVORO Numero 6 Settimana 11 Dicembre - 17 Dicembre 2009 I dati Istat sull occupazione: occupati a -1,5% (-65mila) cresce il numero di persone in cerca di occupazione +4% (+9mila)

Dettagli

Lombardia Statistiche Report

Lombardia Statistiche Report Lombardia Statistiche Report N 3 / 2017 28 marzo 2017 Congiuntura economica in Lombardia. IV trimestre 2016 Con il IV trimestre del 2016 si è chiuso un anno positivo per l economia lombarda. A parte le

Dettagli

Relazione tecnica: numeri e tendenze del territorio comunale e metropolitano di Roma

Relazione tecnica: numeri e tendenze del territorio comunale e metropolitano di Roma Relazione tecnica: numeri e tendenze del territorio comunale e metropolitano di Roma di Teresa Ammendola e Paola Carrozzi Seminario: Conoscere Roma e la sua area metropolitana Roma - venerdì 3 febbraio

Dettagli

Osservatorio & Ricerca. La BUSS

Osservatorio & Ricerca. La BUSS La BUSS LA Il mercato del lavoro veneto nel terzo trimestre 2010: i dati Istat-Rfl 1. CONTESTO ECONOMICO: LA CRESCITA BASSA ASSORBE LENTAMENTE GLI EFFETTI DELLA CRISI...2 2. IL MERCATO DEL LAVORO: GLI

Dettagli

Fig Arrivi e presenze negli esercizi alberghieri del Comune di Roma dal 1994 al 2004 (v.a.)

Fig Arrivi e presenze negli esercizi alberghieri del Comune di Roma dal 1994 al 2004 (v.a.) 9. Turismo Il 2004 è stato un altro anno difficile per l industria turistica italiana. Infatti nel complesso delle strutture ricettive diffuse sul territorio nazionale si è registrata, rispetto al 2003,

Dettagli

L economia della Valle d Aosta

L economia della Valle d Aosta L economia della Valle d Aosta L economia della Valle d Aosta è in graduale recupero L economia della Valle d Aosta è in graduale recupero Il miglioramento però ha interessato solo parte dell economia

Dettagli

Il divario Nord-Sud. di Gianfranco Viesti (Università di Bari) FSP, Bologna 29 marzo 2009

Il divario Nord-Sud. di Gianfranco Viesti (Università di Bari) FSP, Bologna 29 marzo 2009 Il divario Nord-Sud di Gianfranco Viesti (Università di Bari) FSP, Bologna 29 marzo 2009 IL DIVARIO DI REDDITO Fonte: Daniele V, Malanima,P. 2007 Fonte: Daniele V, Malanima,P. 2007 PIL pro capite nelle

Dettagli

L Informazione economica e il sistema camerale

L Informazione economica e il sistema camerale L Informazione economica e il sistema camerale Gli appuntamenti: Giovedì 8 maggio 2008 si è tenuta a Roma la PRESENTAZIONE del RAPPORTO UNIONCAMERE 2008 - presentazione del rapporto nazionale e lancio

Dettagli

Incontri con gli studenti sulle principali funzioni della Banca d Italia

Incontri con gli studenti sulle principali funzioni della Banca d Italia Incontri con gli studenti sulle principali funzioni della Banca d Italia Università Kore Enna, aprile - maggio 2016 L economia siciliana e la lunga crisi Giuseppe Ciaccio Divisione Analisi e ricerca economica

Dettagli

L agricoltura campana le cifre del D.ssa Emilia Casillo Settore SIRCA

L agricoltura campana le cifre del D.ssa Emilia Casillo Settore SIRCA L agricoltura campana le cifre del 2003 D.ssa Emilia Casillo Settore SIRCA 1 Il territorio La Campania ha una superficie pari a 13.595 Kmq e una densità media di 426 abitanti per kmq; il territorio è suddiviso

Dettagli

SCENARI PREVISIONALI EMILIA ROMAGNA

SCENARI PREVISIONALI EMILIA ROMAGNA SCENARI PREVISIONALI EMILIA ROMAGNA Luglio 2017 Confronto PIL Le nuove previsioni elaborate da Prometeia a luglio 2017 rivedono in leggero rialzo le stime regionali del PIL 2016: +1,4% (come negli Scenari

Dettagli

13. Consumi di energia elettrica

13. Consumi di energia elettrica 13. Consumi di energia elettrica Il processo di sviluppo dei cosiddetti Paesi industrializzati tende a promuovere in misura sempre maggiore comportamenti di consumo energivori; in un tale contesto, l Italia

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Febbraio PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

Diminuiscono le rimesse degli immigrati. 1,3 miliardi in meno nel 2013.

Diminuiscono le rimesse degli immigrati. 1,3 miliardi in meno nel 2013. Diminuiscono le rimesse degli immigrati. 1,3 miliardi in meno nel 2013. Fondazione Leone Moressa. Comunicato stampa del 18 aprile 2014 In termini macro economici, le rimesse dei migranti costituiscono

Dettagli

PREVISIONI PER IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI PADOVA. Paolo Feltrin Padova, 27 luglio 2011

PREVISIONI PER IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI PADOVA. Paolo Feltrin Padova, 27 luglio 2011 PREVISIONI PER IL SISTEMA ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI PADOVA Paolo Feltrin Padova, 27 luglio 2011 PADOVA 2 INDICE Il quadro congiunturale internazionale e nazionale 2 Indicatori economici locali 11 Il

Dettagli

COSTRUZIONI: QUADRO ANCORA INCERTO NEI PRIMI SETTE MESI DELL ANNO

COSTRUZIONI: QUADRO ANCORA INCERTO NEI PRIMI SETTE MESI DELL ANNO DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI COSTRUZIONI: QUADRO ANCORA INCERTO NEI PRIMI SETTE MESI DELL ANNO Per l economia italiana si conferma la fase di rallentamento e si delinea in prospettiva una

Dettagli

Analisi sull Industria

Analisi sull Industria Sardegna Analisi sull Industria Alcuni spunti di discussione dai dati ISTAT Il PIL in 6 anni è cresciuto del 6,1% PIL - valori concatenati - anno di riferimento 2000 28.000,0 27.500,0 27.546,8 27.000,0

Dettagli

Il Sud (e il Nord) di Gianfranco Viesti (Università di Bari) Scuola per la democrazia Aosta, 9 ottobre 2010

Il Sud (e il Nord) di Gianfranco Viesti (Università di Bari) Scuola per la democrazia Aosta, 9 ottobre 2010 Il Sud (e il Nord) di Gianfranco Viesti (Università di Bari) Scuola per la democrazia Aosta, 9 ottobre 2010 1. Il divario di reddito 2. Produttività e occupazione 3. Le determinanti 4. Le politiche 1.

Dettagli

FACTS & FIGURES #12/2015

FACTS & FIGURES #12/2015 FACTS & FIGURES #12/2015 Nel mese di marzo 2015 il saldo è positivo per 30.603 assunzioni rispetto al marzo 2014 (avviamenti vs. cessazioni); Inoltre sono 17.918 le trasformazioni a tempo indeterminato

Dettagli

Le prospettive della prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali nel Lodigiano. Lo scenario socio-economico

Le prospettive della prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali nel Lodigiano. Lo scenario socio-economico Le prospettive della prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali nel Lodigiano Lo scenario socio-economico Andamento delle imprese attive iscritte al Registro Imprese della Camera di Commercio

Dettagli

Il lavoro interinale nel primo trimestre 2010 attraverso i Dati INAIL

Il lavoro interinale nel primo trimestre 2010 attraverso i Dati INAIL [ 2010] Il lavoro interinale nel primo trimestre 2010 attraverso i Dati INAIL SINTESI Nel primo trimestre del 2010 il numero di lavoratori che hanno svolto almeno una missione di lavoro interinale (assicurati

Dettagli

ROMA OGGI MAGGIO Dipartimento XV

ROMA OGGI MAGGIO Dipartimento XV ROMA OGGI MAGGIO 2009 Dipartimento XV LA POPOLAZIONE E IL TERRITORIO 2 LA POPOLAZIONE E IL TERRITORIO Il confronto con altre città italiane COMUNI KM2 Roma 1.290 Milano 181 Bologna 140 Torino 130 Genova

Dettagli

IMPRESA E LAVORO ITALIA ED EMILIA ROMAGNA. Informazioni di contesto. Luglio 2015

IMPRESA E LAVORO ITALIA ED EMILIA ROMAGNA. Informazioni di contesto. Luglio 2015 IMPRESA E LAVORO ITALIA ED EMILIA ROMAGNA Informazioni di contesto Luglio 2015 2 Sommario PREMESSA... 5 1. IMPRESE... 7 1.1 IMPRESE ATTIVE EMILIA ROMAGNA E ITALIA I TRIMESTRE 2004 2015... 9 1.2 DISTRIBUZIONE

Dettagli

Campobasso - 27 giugno 2012 - Presentazione del Rapporto. L economia del Molise

Campobasso - 27 giugno 2012 - Presentazione del Rapporto. L economia del Molise Campobasso - 27 giugno 212 - Presentazione del Rapporto L economia del Molise Andamento dei prestiti bancari (variazioni, dati corretti per le cartolarizzazioni) 3 25 2 15 3 25 2 15 Costo del credito Dic.

Dettagli

gli scenari per l economia della Lombardia

gli scenari per l economia della Lombardia Milano 3 maggio 2016 conferenza stampa indagine congiunturale industria lombarda gli scenari per l economia della Lombardia riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la

Dettagli

Emilia Romagna DATI REGIONALI. Panorama economico. Osservatorio dei consumi 2015 Analisi dei mercati con focus regionali

Emilia Romagna DATI REGIONALI. Panorama economico. Osservatorio dei consumi 2015 Analisi dei mercati con focus regionali Emilia Romagna Sebbene non abbia registrato un aumento particolarmente intenso, il reddito per abitante nel 2014 si conferma inferiore solo a quello della Valle d Aosta. La spesa destinata ai beni durevoli

Dettagli

COMPRAVENDITE DI IMMOBILI A USO ABITATIVO IN CAMPANIA numero

COMPRAVENDITE DI IMMOBILI A USO ABITATIVO IN CAMPANIA numero IL MERCATO IMMOBILIARE IN CAMPANIA Le compravendite. Il mercato immobiliare residenziale della Campania mostra nel 2007 una flessione degli immobili scambiati che si aggiunge a quella, più contenuta, già

Dettagli

Rapporto Economia Provinciale Analisi per Cluster

Rapporto Economia Provinciale Analisi per Cluster Rapporto Economia Provinciale 2008 271 Analisi per Cluster Analisi per Cluster 273 Quadro generale Per trarre qualche informazione dall andamento degli indicatori economici che ormai da sei anni vengono

Dettagli

B1 PIL PRO CAPITE E PRODUTTIVITÀ: LA POSIZIONE DEL NORD EST RISPETTO ALL ITALIA

B1 PIL PRO CAPITE E PRODUTTIVITÀ: LA POSIZIONE DEL NORD EST RISPETTO ALL ITALIA B1 PIL PRO CAPITE E PRODUTTIVITÀ: LA POSIZIONE DEL NORD EST RISPETTO ALL ITALIA Il pil pro capite del Nord Est supera quello nazionale del 16% (2009). Il pil pro capite è un importante indicatore sintetico

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 8 - Maggio PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

10 IL MERCATO DEL LAVORO

10 IL MERCATO DEL LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO 10.1 Il quadro nazionale L andamento del mercato del lavoro nel contesto nazionale può essere un utile strumento per meglio inquadrare le dinamiche occupazionali conosciute a livello

Dettagli

Osservatorio congiunturale GEI: Il settore delle costruzioni

Osservatorio congiunturale GEI: Il settore delle costruzioni Osservatorio congiunturale GEI: Il settore delle costruzioni Giovanna Altieri ANCE-Direzione Affari Economici e Centro Studi 17 marzo 2016 Economia italiana fuori dalla recessione PIL - Valori concatenati

Dettagli

Lavoro News # 8 Bollettino trimestrale sul mercato del lavoro

Lavoro News # 8 Bollettino trimestrale sul mercato del lavoro Agenzia per il lavoro e l istruzione Osservatorio sul MdL Lavoro News # 8 Bollettino trimestrale sul mercato del lavoro I DATI DEL QUARTO TRIMESTRE 2013 ISTAT Indagine Continua sulle Forze di Lavoro Napoli

Dettagli

CONTABILITÀ NAZIONALE - DATI TERRITORIALI

CONTABILITÀ NAZIONALE - DATI TERRITORIALI 8 CONTABILITÀ NAZIONALE - DATI TERRITORIALI Nel 2005, in termini reali, il PIL ha avuto una crescita, a livello nazionale, pari allo zero (rispetto all'anno precedente), La staticità del PIL a livello

Dettagli

Lazio DATI REGIONALI. Panorama economico

Lazio DATI REGIONALI. Panorama economico Lazio L aumento del reddito pro capite nel 2014 è in linea con la media nazionale, ma cresce meno di quanto faccia in Italia la spesa complessiva per beni durevoli, che, sebbene sostenuta dall auto, è

Dettagli

con la collaborazione dell Istituto Guglielmo Tagliacarne

con la collaborazione dell Istituto Guglielmo Tagliacarne DOCUMENTAZIONE E STATISTICA QUADERNO DI DOCUMENTAZIONE N. 6/2009 ECONOMIA ED OCCUPAZIONE LO STATO DELLE PROVINCE IN ITALIA DICEMBRE 2009 REPORT TERRITORIALE LOMBARDIA con la collaborazione dell Istituto

Dettagli

Popolazione, offerta di lavoro, valore aggiunto, consumi e demografia delle imprese a L Aquila

Popolazione, offerta di lavoro, valore aggiunto, consumi e demografia delle imprese a L Aquila Popolazione, offerta di lavoro, valore aggiunto, consumi e demografia delle imprese a L Aquila Aprile 2016 UFFICIO STUDI 1 1. La popolazione residente nella regione Abruzzo attualmente supera 1,3 milioni

Dettagli

Stima anticipata della dinamica di alcuni aggregati economici in Trentino - Anno 2008

Stima anticipata della dinamica di alcuni aggregati economici in Trentino - Anno 2008 Trento, luglio 2009 a cura di Cristina Mirabella e Rosa Lippolis Stima anticipata della dinamica di alcuni aggregati economici in Trentino - Anno 2008 Il Servizio Statistica presenta la stima della dinamica

Dettagli

Rafforzare le costruzioni per accelerare la ripresa economica

Rafforzare le costruzioni per accelerare la ripresa economica 7 anniversario dell ANCE Rafforzare le costruzioni per accelerare la ripresa economica Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 giugno 216 Ripresa da rafforzare. Investimenti in costruzioni

Dettagli

Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel La lunga crisi continua: previsioni CSC per l Italia nel biennio

Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel La lunga crisi continua: previsioni CSC per l Italia nel biennio Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2011 La lunga crisi continua: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2012-2013 Francesca Mazzolari Centro Studi Confindustria Numerosità del campione

Dettagli

Condizioni e tendenze del sistema produttivo siciliano

Condizioni e tendenze del sistema produttivo siciliano Condizioni e tendenze del sistema produttivo siciliano 1. Le imprese attive Alla fine del 2011, in Sicilia erano attive poco meno di 381.000 imprese (le registrate erano oltre 463.000), in contrazione

Dettagli

I VERI NUMERI DELL IMU

I VERI NUMERI DELL IMU a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 65 I VERI NUMERI DELL IMU Chi ci guadagna e chi ci perde 7 maggio 2013 L imposta comunale sugli immobili

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 24 Febbraio 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

DISTRIBUZIONE % DELLA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE PER NAZIONALITÀ

DISTRIBUZIONE % DELLA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE PER NAZIONALITÀ DISTRIBUZIONE % DELLA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE PER NAZIONALITÀ - 31.12.2007 Asia 8,6% Americhe 25,8% Europa 46,5% Africa 19,2% Fonte: Istat 2 MERCATO DEL LAVORO Nel secondo trimestre 2008 l'offerta

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL QUADRO ECONOMICO E SOCIALE DELLA SARDEGNA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL QUADRO ECONOMICO E SOCIALE DELLA SARDEGNA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL QUADRO ECONOMICO E SOCIALE DELLA SARDEGNA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LA DEMOGRAFIA... 3 LA RICCHEZZA PRODOTTA... 3 L APERTURA

Dettagli

L economia della Lombardia

L economia della Lombardia Presentazione Rapporto Mantova 21 giugno 211 L economia della Lombardia MAMU Centro Congressi Mantova Multicentre Indice della presentazione La congiuntura La reazione delle imprese manifatturiere alla

Dettagli

Rapporto annuale sui bilanci delle società biellesi. Edizione Sarah Bovini Responsabile Ufficio Studi e Statistica Unioncamere Piemonte

Rapporto annuale sui bilanci delle società biellesi. Edizione Sarah Bovini Responsabile Ufficio Studi e Statistica Unioncamere Piemonte Rapporto annuale sui bilanci delle società biellesi. Edizione 2013 Sarah Bovini Responsabile Ufficio Studi e Statistica Unioncamere Piemonte La dinamica del Pil italiano variazioni % tendenziali, valori

Dettagli

L economia del Piemonte nella relazione annuale dell Ires. Intervento di Vittorio Ferrero

L economia del Piemonte nella relazione annuale dell Ires. Intervento di Vittorio Ferrero L economia del Piemonte nella relazione annuale dell Ires Intervento di Vittorio Ferrero La ripresa molto lenta Fonte: IMF, Istat e Prometeia Un inversione nelle dinamiche della crescita mondiale Rallentamento

Dettagli

Le dinamiche del commercio estero in Sardegna. (estratto da Nota economica della provincia di Cagliari Tagliacarne)

Le dinamiche del commercio estero in Sardegna. (estratto da Nota economica della provincia di Cagliari Tagliacarne) Le dinamiche del commercio estero in Sardegna. (estratto da Nota economica della provincia di Cagliari 2014 - Tagliacarne) Il peso dell interscambio petrolifero Una perdita di competitività internazionale

Dettagli

Osservatorio & Ricerca

Osservatorio & Ricerca Osservatorio & Ricerca IL MERCATO DEL LAVORO VENETO NEL PRIMO TRIMESTRE 2017 Sintesi Grafica Maggio 2017 IL MERCATO DEL LAVORO VENETO NEL PRIMO TRIMESTRE 2017 LE PREVISIONI Se per i Paesi dell area euro

Dettagli

Osservatorio su fallimenti,

Osservatorio su fallimenti, ...... Osservatorio su fallimenti,...... IL PESO ECONOMICO DI PROCEDURE E LIQUIDAZIONI Procedure e liquidazioni (1H ) 16% 7.38 FALLIMENTI Società 25,6% di capitale Senza bilancio valido 26,2% Altre forme

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 3 trimestre 211 a cura del GRUPPO MULTIREGIONALE DI ANALISI DEL MERCATO DEL LAVORO

Dettagli

agrimarcheuropa Piccole e medie imprese e mercato del credito L impresa agricola nel mercato del credito Giulia Bettin Seminario Agrimarcheuropa

agrimarcheuropa Piccole e medie imprese e mercato del credito L impresa agricola nel mercato del credito Giulia Bettin Seminario Agrimarcheuropa Seminario Agrimarcheuropa una iniziativa Agriregionieuropa L impresa agricola nel mercato del credito Ancona, 13 Novembre 214 Piccole e medie imprese e mercato del credito Giulia Bettin & Mo.Fi.R. Struttura

Dettagli

il Commercio Estero in Friuli Venezia Giulia anno 2016

il Commercio Estero in Friuli Venezia Giulia anno 2016 il Commercio Estero in Friuli Venezia Giulia anno 2016 maggio 2017 Via Morpurgo 4-33100 Udine - Tel. +39 0432 273200 273219 - fax +39 0432 509469 - email: statistica@ud.camcom.it Indice Il contesto internazionale

Dettagli

14 Rapporto sull economia della Tuscia Viterbese 2013 Sintesi La ricchezza prodotta

14 Rapporto sull economia della Tuscia Viterbese 2013 Sintesi La ricchezza prodotta 14 Rapporto sull economia della Tuscia Viterbese 2013 Sintesi La ricchezza prodotta Nella seconda metà del 2013, il ciclo economico mondiale ha mostrato un rinnovato vigore (world output: +3% nel 2013),

Dettagli