Avvertenze. Contratto di licenza d uso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Avvertenze. Contratto di licenza d uso"

Transcript

1 Avvertenze Il marchio SimplyBank è un marchio di prodotto registrato da Auriga Informatica ed è fatto divieto di riprodurlo su qualsivoglia materiale senza autorizzazione scritta da parte di codesta società. Il prodotto software SimplyBank è protetto dalle leggi internazionali sul copyright, oltre che dalle leggi e i trattati esistenti sulla proprietà intellettuale. Il presente manuale è stato realizzato a supporto dell utilizzo dell applicazione SimplyBank e pertanto nessuna parte di esso può essere riprodotta in qualsiasi forma e mezzo elettronico o meccanico, per alcun uso, senza l autorizzazione scritta di Auriga Informatica. Le informazioni contenute in questo manuale sono coperte da copyright e possono essere modificate esclusivamente da Auriga Informatica. Tali informazioni inoltre possono subire modifiche senza preavviso e in qualsiasi momento. Tutti i riferimenti a società, nomi, dati e indirizzi utilizzati nelle riproduzioni delle schermate e negli esempi sono puramente casuali e finalizzati alla spiegazione del programma. Versione Manuale Contratto di licenza d uso LEGGERE ATTENTAMENTE IL TESTO DEL PRESENTE CONTRATTO DI LICENZA D USO: Il prodotto software SimplyBank può venire concesso in licenza d uso, e non può essere venduto in alcun modo. Ciò sta a significare che il prodotto software SimplyBank e la relativa documentazione sono di esclusiva proprietà di Auriga Informatica. Auriga Informatica concede all Utente (persona fisica o giuridica), nell ambito del presente contratto, la licenza d uso del prodotto software SimplyBank ed il relativo materiale di documentazione e supporto ad esso associato. Tale licenza d uso si intende non esclusiva e non trasferibile. Il presente Contratto concede all Utente l autorizzazione ad installare ed utilizzare il prodotto software SimplyBank su di unico computer. L Utente principale del computer sul quale è installato il prodotto software SimplyBank può eseguire una seconda copia a proprio uso esclusivo su di un computer portatile. L Utente può anche memorizzare o installare il prodotto software SimplyBank su di un server di rete utilizzato esclusivamente per installare o far eseguire il prodotto software SimplyBank su altri computer in una rete interna. L Utente non può concedere a noleggio, in leasing o in prestito il prodotto software SimplyBank. 1

2 L Utente non può decodificare, decompilare o disassemblare il prodotto software SimplyBank, né modificarlo in alcun modo o inserirlo in altri prodotti software. Nel caso l Utente entri in possesso di una versione di aggiornamento del prodotto software SimplyBank, l Utente per poterla installare ed utilizzare deve comunque possedere una regolare licenza d uso del prodotto software SimplyBank. Il prodotto finale risultato dall installazione dell aggiornamento potrà essere utilizzato solo in conformità alle condizioni previste dal presente contratto. Auriga Informatica mette a disposizione dell Utente il proprio Servizio di Assistenza Tecnica al telefono per il prodotto software SimplyBank. Tutte le informazioni tecniche fornite dall Utente ad Auriga Informatica nel corso del servizio di assistenza possono essere utilizzate da Auriga Informatica per la propria attività di help desk o eventualmente per lo sviluppo del prodotto. Auriga Informatica ha la facoltà di rescindere il presente contratto qualora l Utente non si attenga alle condizioni e le clausole in esso previste. In questo caso l Utente è tenuto a distruggere le copie del prodotto SimplyBank in suo possesso. Auriga Informatica assicura che il prodotto software SimplyBank funziona in modo conforme a quanto descritto nel manuale d uso, se installato correttamente seguendo le istruzioni ivi contenute e in presenza dei requisiti tecnici richiesti per poter funzionare. In nessun caso Auriga Informatica si riterrà responsabile dei danni diretti o indiretti, compresa la perdita dei dati che dovessero essere imputati al funzionmento o al mancato funzionamento del software. Assistenza tecnica Desideriamo che l uso di SimplyBank risulti per Voi semplice, chiaro e piacevole. A tale scopo abbiamo realizzato un Manuale in grado di fornire una risposta appropriata a gran parte delle domande che possono sorgere circa l installazione e l utilizzo del programma. A questo utile strumento abbiamo voluto affiancare anche l Help in linea, richiamabile in ogni momento attraverso il corrispondente tasto Guida, per condurvi passo dopo passo nella scoperta di tutte le funzioni offerte da SimplyBank. Ma se anche questo non fosse sufficiente a risolvere i Vostri problemi, allora potete sempre contare sul nostro Servizio Assistenza Tecnica al telefono. Operatori disponibili saranno lieti di rispondervi fornendovi aiuto e risposte alle Vostre domande ogni giorno, dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle PER RICHIESTE DI ASSISTENZA Numero verde

3 Introduzione a SimplyBank SimplyBank, rappresenta uno dei prodotti software tecnologicamente più avanzati per la gestione del servizio di home/corporate banking, un servizio di grande utilità ed efficacia offerto da un numero sempre crescente di banche che dimostrano, in questo modo, di avere in grande considerazione la soddisfazione dei propri clienti. SimplyBank è un applicazione realizzata su Windows, quindi dotata di un interfaccia semplice e amichevole, che consente ai clienti, tramite una normale linea telefonica commutata, un modem e un PC, di entrare in banca, e non solo in quella che gli ha erogato il servizio di home/corporate banking, ma, tramite rete interbancaria, in tutte quelle con cui il cliente intrattiene rapporti di conto, purchè siano banche aderenti al Corporate Banking Interbancario. Attraverso SimplyBank, quindi, il cliente accede a tutti i servizi bancari, informativi e dispositivi, senza spostarsi dal proprio ufficio, senza vincoli di orario. SimplyBank offre ai clienti della banca un canale di contatto alternativo e privilegiato, utilissimo per assumere informazioni generali, ad esempio sulle varie tipologie di servizi offerti dalla banca, su tassi e condizioni applicate, su quotazioni di titoli o valute; ma anche per ottenere informazioni personali, aggiornate in tempo reale, relative ai propri rapporti di conto, al proprio portafoglio effetti, alla propria situazione assegni, etc. SimplyBank consente al cliente, inoltre, di ordinare disposizioni: immettere bonifici, Rid, Riba, Mav, pagare rate mutuo ed effetti, tutto in modo semplice e sicuro, senza limiti di tempo, liberi finalmente di organizzarsi il proprio lavoro. L Utente SimplyBank lavora sulla procedura, richiedendo informazioni o predisponendo ordini, in off-line, quindi in assoluta calma e tranquillità, e solo quando avrà ultimato la sua attività, deciderà di aprire il collegamento telefonico con la banca, per il trasferimento e il ricevimento dei dati, che avverrà in pochi secondi. I dati acquisiti vengono quindi memorizzati sul Pc per future interrogazioni o per eventuali elaborazioni statistiche. La semplicità di utilizzo del programma e la garanzia di sicurezza delle transazioni, sono senza dubbio le caratteristiche più rilevanti di SimplyBank, che ne hanno decretato il successo e la rapida diffusione tra un numero sempre maggiore di utenti, sia aziende che privati. Complessi sistemi di crittografia, con chiavi modificate ad ogni connessione, ricorso a protocolli di comunicazione sicuri, utilizzo di Password personali, possibilità di impostare diversi profili-utente con abilitazioni differenziate, possibilità di individuare un Utente autorizzatore delle operazioni inserite, tutto ciò fa di SimplyBank un applicazione veramente sicura, capace di rassicurare anche gli utenti più scettici sui reali vantaggi per l azienda che derivano dall utilizzo di questo servizio, in termini di risparmio di tempo e denaro. 3

4 Sommario AVVERTENZE...1 CONTRATTO DI LICENZA D USO...1 ASSISTENZA TECNICA...2 INTRODUZIONE AL SIMPLYBANK REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE INSTALLAZIONE DEL PRODOTTO SIMPLYBANK INSTALLARE SIMPLYBANK SUL SERVER O IN LOCALE INSTALLAZIONE DI SIMPLYBANK SU CLIENT STRUTTURA OPERATIVA DI SIMPLYBANK OPERATIVITÀ DEL SUPERVISORE Accesso a SIMPLYBANK come Superuser Inserimento e Abilitazione di Nuovo Utente Rapporti collegati all Utente Configurazione Terminale OPERATIVITÀ DELLO USER FUNZIONI HOME BANKING ACCESSO A SIMPLYBANK COMUNICAZIONI Furto Assegni Furto carta di credito/debito Visita Messaggio da inviare alla Banca Variazioni anagrafiche INFORMAZIONI

5 4.3.1 Conferme (Gruppo 1) Estratto Conto (Gruppo 1) Polizza Titoli (Gruppo 1) Messaggi inviati dalla Banca (Gruppo 1) Situazione Bollettini (Gruppo 2) Situazione Portafoglio (Gruppo 2) Statistiche portafoglio (Gruppo 2) Listino Titoli (Gruppo 2) Esiti (Gruppo 3) Listino cambi (Gruppo 3 ) Mutui (Gruppo 3) Abi e Cab (Gruppo 3) Tassi (Gruppo 4) Servizi e EURO (Gruppo 4) DISPOSIZIONI Distinta di Bonifici (Gruppo 1) Bonifici Estero (Gruppo 1) Ri.Ba (distinta) (Gruppo 1) R.I.D. (distinta) (Gruppo 1) Pagamento Effetti (Gruppo 1) MAV (Gruppo 2) Giroconto Pagamento mutuo (Gruppo 2) Deleghe (Gruppo 3) Bollettini (Gruppo 3) PRENOTAZIONI Prenotazione Carta (Gruppo 1) Prenotazione Valuta Estera (Gruppo 1) Prenotazione Assegno Circolare (Gruppo 1) Prenotazione Acquisto Titoli (Gruppo 1) Prenotazione Carnet Assegni (Gruppo 2) FUNZIONI GENERALI

6 5.1 AGGIORNAMENTI PASSWORD SCADENZE VISTA INVIA GUIDA APPENDICE INSTALLAZIONE DELLA SCHEDA DI ACCESSO REMOTO PER WINDOWS 95/ INSTALLAZIONE TCP/IP CONFIGURAZIONE DEL PROTOCOLLO TCP/IP INSTALLAZIONE DI UN MODEM CON WINDOWS 95/ INSTALLAZIONE DELLA SCHEDA DI ACCESSO REMOTO PER WINDOWS NT INSTALLAZIONE DI UN MODEM CON WINDOWS NT

7 1. Requisiti hardware e software SimplyBank necessita dei seguenti requisiti minimi per quanto riguarda il software e l hardware: Hardware Pc 486 (consigliato pentium 75 o superiori) Ram 8 MB (consigliati 16 MB) Spazio su disco almeno 20 MB Modem bps o superiore (consigliato bps) Software Windows 95 versione B o superiore, Windows 98, Windows NT 4.0 o superiore, Windows 2000 MS Internet Explorer Per una corretta installazione del prodotto, verificare attentamente che siano installati correttamente i seguenti componenti: Accesso remoto. Per l installazione consultare l Appendice Protocollo TCP/IP. Per l installazione consultare l Appendice Driver del modem. Per l installazione consultare l Appendice. 2. Installazione del prodotto SimplyBank Prima di cominciare con l installazione chiudere tutti i programmi in uso. I passi da seguire per l installazione di SimplyBank sono: Inserire il disco di SimplyBank nell unità CD-Rom del PC. A questo punto partirà automaticamente il setup. Se ciò non dovesse accadere, selezionare Esegui dal menu di Avvio di Windows o dal Program Manager di Windows NT e digitare: d:\disk1\setup (dove d: è il lettore CD-Rom) e fare click su OK (Fig.1). 7

8 Fig.1 Esegui Setup Apparirà così la finestra di Benvenuto (Fig.2 ) Fare click su Avanti. Fig.2 Finestra di Benvenuto Fig. 3 Informazioni sul copyright La finestra successiva dà informazioni sul copyright del prodotto (Fig. 3 ). Click su Avanti per continuare. 8

9 In seguito comparirà la finestra in cui sono illustrati i termini del contratto della licenza d uso del prodotto. Se si è Fig. 4 Contratto di licenza d uso d accordo cliccare su SI, altrimenti NO. La maschera successiva illustra quali requisiti hardware e software il PC in uso deve soddisfare affinché il prodotto funzioni (Fig. 5 ). Fig. 5 Finestra delle Informazioni Per continuare cliccare su Avanti. Nella finestra successiva bisogna inserire le informazioni relative all utente e il numero di serie del prodotto che viene fornito dalla banca (Fig. 6 ). 9

10 Fig. 6 Richiesta Informazioni sull utente Fare click su Avanti. Scegliere la directory di destinazione cliccando sul tasto Sfoglia o cliccare su Avanti installando il programma nella directory prestabilita (Fig. 7 ). Fig. 7 Scelta della directory di installazione Nella finestra successiva è possibile modificare il nome della cartella di programma che raccoglie le icone di SimplyBank oppure si può accettare il nome di default (Fig. 8 ) In seguito fare click su Avanti 10

11 Fig. 8 Selezione della cartella di programma Comparirà la seguente finestra di riepilogo grazie alla quale è possibile controllare che tutte le informazioni date siano corrette. A questo punto cliccare su Avanti per avviare la fase di copia dei file (Fig.9). Fig. 9 Informazioni di riepilogo Al termine apparirà la seguente finestra che ci informa che l installazione è terminata ( Fig. 10 ). Fare click su Fine. 11

12 Fig. 10 Installazione completata Per eseguire il programma, cliccare sul pulsante Avvia di Windows e selezionare le voci Programmi, SimplyBank 32, SIMPLYBANK. Fig. 11 Selezione modalità installazione La prima volta che viene eseguito SimplyBank appare la seguente maschera (Fig. 11) tramite la quale è possibile scegliere se: configurare il prodotto su un unico PC o su di un server in una configurazione client-server( Locale); configurare il prodotto su un PC client in una installazione client-server (Remota). 12

13 2.1 Installare SimplyBank sul server o in locale Per installare SimplyBank su di un server o in locale bisogna effettuare i seguenti passi: fare click sul tasto Locale. Fig. 12 Configurazione SimplyBank Apparirà la finestra in Fig. 12 che mostra lo stato della configurazione di SimplyBank. A questo punto si possono verificare due casi: 1. sul PC è già installata una precedente versione di SimplyBank. L installazione rilevata la sua presenza (Fig. 13) è chiede se si vuole fare il recupero di tutti i dati contenuti nell archivio della precedente versione (movimenti di estratto conto di tutti i rapporti, archivio beneficiari e debitori ecc.). Fig. 13 Finestra di richiesta recupero dati della precedente installazione Rispondendo Si SimplyBank avvia la fase di importazione dei dati dalla vecchia alla nuova versione. Infine apparirà una finestra che ci informerà che la fase di configurazione è terminata (Fig. 14). Fig. 14 Configurazione SimplyBank terminata Cliccando su OK verrà visualizzata la finestra di Login di SimplyBank (Fig. 31). 13

14 Rispondendo No verrà avviato un wizard che richiederà il tipo di connessione che SimplyBank dovrà utilizzare per comunicare con la banca. Vedere il punto successivo per ulteriori informazioni. 2. sul PC non è mai stata installata nessuna versione di SimplyBank. In questo caso si avvierà un wizard che richiederà il tipo di connessione che SimplyBank dovrà utilizzare per comunicare con la banca. È possibile utilizzare una delle seguenti opzioni: 1. Utilizza una connessione esistente. Scegliere questa opzione se si intende colloquiare con il computer della banca tramite un collegamento Internet già esistente. Cliccare quindi sulla voce Utilizzare una connessione esistente e selezionare dalla lista sottostante la connessione desiderata (Fig. 15). Effettuata la scelta, fare click su Avanti. Fig. 15 Selezione di una connessione esistente. Passo 1 Verrà visualizzata la maschera successiva. Controllare che le informazioni sia corrette e cliccare su Avanti; altrimenti fare click su Indietro e correggere la selezione. Fig Selezione di una connessione esistente. Passo 2 Nella finestra successiva viene mostrato il riepilogo delle informazioni della connessione. 14

15 Fig Selezione di una connessione esistente. Passo 3 Se è tutto corretto cliccare su Fine. Per ultimo apparirà il seguente messaggio che ci informa che la configurazione di SimplyBank è terminata. Fare click su OK. Fig. 18 Configurazione SimplyBank terminata 2. Crea nuova connessione. Questa opzione permetterà la creazione di una nuova connessione di accesso remoto il cui nome sarà SIMPLYBANK. 15

16 Fig. 19 Crea nuova connessione Fare click su Avanti. Verrà visualizzata la maschera seguente nella quale si dovrà: Fig. 20 Crea nuova connessione. Passo 2. selezionare il modem che si vuole utilizzare; selezionare la voce Utilizza la cifra per uscire dal centralino se la linea telefonica che va al modem passa per un centralino. In questo caso, inserire nella casella di testo la cifra che permette di accedere alla linea esterna; I campi Prefisso e Numero contengono già il numero di telefono che SimplyBank dovrà comporre per collegarsi alla banca. Modificarli solo se indicato diversamente. Cliccare su Avanti per continuare. Apparirà la seguente finestra riepilogativa (Fig. 21). Se tutte le informazioni sono corrette fare click su Fine; altrimenti fare click su Indietro. 16

17 Fig. 21 Crea nuova connessione. Passo 3. Infine apparirà il seguente messaggio che ci informa che la configurazione di SimplyBank è terminata. Fare click su OK. Fig. 22 Configurazione SimplyBank terminata 3. Utilizza rete locale (LAN). Scegliere questa opzione se si intende colloquiare con il computer della banca tramite Internet e si dispone di un collegamento permanente. Fig. 23 Utilizza rete locale (LAN). Passo 1. Effettuata la scelta, fare click su Avanti. 17

18 Comparirà la seguente finestra. Fig. 24 Connessione in caso di rete locale. Passo 2. Se si utilizza un server proxy per l'accesso ad Internet è necessario: spuntare la voce Utilizza un server proxy; inserire l Indirizzo server del proxy; inserire la Porta server proxy; Se invece la connessione è effettuata attraverso un proxy client o un GateWay non bisogna compiere alcuna operazione. In seguito fare click su Avanti. Verrà visualizzata la seguente finestra di riepilogo. Se tutte le informazioni sono corrette fare click su Fine; altrimenti fare click su Indietro. Fig Utilizza rete locale (LAN). Passo 3 Infine apparirà il seguente messaggio che ci informa che la configurazione di SimplyBank è terminata. 18

19 Fare click su OK. Fig. 26 Configurazione SimplyBank terminata Appena fatto click sul tasto OK in Fig. 26, apparirà una finestra che servirà per la registrazione di SimplyBank (Fig. 27). Fig. 27 Finestra di Registrazione SimplyBank Il codice Utente e la Password saranno forniti dalla banca. Una volta compilata questa maschera cliccare su OK. A questo punto SimplyBank avvierà il suo primo collegamento con la banca visualizzando nella maschera in Fig. 28 i vari passi eseguiti. 19

20 Fig. 28 Primo collegamento SimplyBank Al termine verrà mostrato il seguente messaggio che vi informa della vostra prima esecuzione di SimplyBank e che bisogna passare alla fase di configurazione degli utenti. Cliccando su OK verrà visualizzata la finestra di Login (Fig. 31). Fig. 29 Prima esecuzione SimplyBank 2.2 Installazione di SimplyBank su client. Innanzi tutto è necessario che sia stata già effettuata l installazione sul server (vedi par. 2.2 ). Una volta installato il prodotto sul PC client e lanciata l applicazione SimplyBank, così come illustrato precedentemente, apparirà la maschera vista in Fig. 11. Selezionare il tasto Remota. 20

21 Apparirà la maschera di selezione in Fig. 30 che sarà utilizzata per cercare il file sbglbrep.aui che si trova nella cartella SB32 sul PC server. Fig. 30 Finestra di Selezione file Selezionare il file richiesto e cliccare su Apri. Di seguito apparirà la finestra di Login. Fig. 31 Finestra di Login 21

22 3. Struttura operativa di SIMPLYBANK Il programma SIMPLYBANK su Personal Computer è divisa in tre grosse funzioni che sono: 1. Operatività del Supervisore; 2. Operatività dell User 3. Funzioni Home Banking. La prima sarà di stretta competenza della persona che gestisce il sistema e definisce gli Utenti operativi e le loro funzioni. La seconda permette, ad un qualunque utente SIMPLYBANK, di accedere ad un insieme di funzioni per la gestione del programma. La terza riguarda le operazioni proprie del servizio alle quali possono accedere gli Utenti definiti dal Supervisore. 3.1 Operatività del Supervisore{ XE "OPERATIVITA DEL SUPERVISORE" } Il Supervisore è il gestore della stazione di lavoro presso il Cliente Utente. Si preoccupa di abilitare gli utenti operativi all utilizzo del programma nell ambito dei rapporti autorizzati e dei limiti concessi.{ XE "Il Supervisore è il gestore della stazione di lavoro presso il Cliente utente. Si preoccupa di abilitare gli utenti operativi all utilizzo della procedura nell ambito dei rapporti autorizzati e dei limiti concessi." } Accesso a SIMPLYBANK come Superuser{ XE "ACCESSO ALLA PROCEDURA" } Per accedere a SIMPLYBANK come Superuser occorre digitare l identificativo Utente{ XE "Utente" } e la Password{ XE "Password" } (Fig.1). 22

23 Fig.1- Finestra di Login : accesso del Supervisore Utente{ XE "Utente" } Nome convenzionale di identificazione superuser ;{ XE "Nome convenzionale di identificazione SUPERUSER ;"} Password La prima volta che si accede la password è super. Una volta cliccato su OK appare una finestra (Fig. 2) nella quale viene chiesto di modificare la password. { XE "Password" } { XE "Codice segreto personale abbinato al Supervisore:" } N.B. la Password{ XE "Password" } è di proprietà esclusiva dell Utente Superuser{ XE "Utente" } ed è modificabile solo dallo stesso. Nel caso l Utente dimentichi la propria Password, dovrà contattare la Banca che provvederà a comunicargli un codice di 16 caratteri che servirà per lo sblocco della password. Fig.2- Finestra di Cambio Password Inserimento e Abilitazione di Nuovo Utente Ogni Utente per essere operativo deve essere configurato dal Supervisore. Per inserire un nuovo Utente è necessario cliccare sul bottone Nuovo (Fig.3). Viene richiesto il nome simbolico dell'utente. SIMPLYBANK chiede a questo punto di confermare (premendo OK) il nuovo Utente inserito e di procedere con la selezione delle abilitazioni e dei rapporti da collegare al nuovo Utente. 23

24 Le operazioni da effettuare sono le seguenti: 1. inserire i dati anagrafici (nome e cognome) del nuovo Utente 2. spuntare le funzioni a cui si vuole abilitare il nuovo utente, scegliendo tra quelle riportate nelle 4 famiglie: Informazioni, Prenotazioni, Comunicazioni e Disposizioni. Il pulsante Tutto abilita a tutte le funzioni mentre quello Niente disabilita tutte le funzioni. È fondamentale che la voce Utente abilitato, nel riquadro denominato Abilitazione Home Banking, sia spuntata. N.B.: Tutte le abilitazioni effettuate sugli utenti sono trasmesse automaticamente, al primo collegamento, alla Banca, e fino a quel momento non possono essere operative. Fig. 3 - Finestra delle Abilitazioni Utente. L Utente{ XE "Utente" } abilitato può effettuare 2 tipologie di operazioni:{ XE "L Utente abilitato può effettuare 2 tipologie di operazioni e cioè:" } 1. effettuare interrogazioni, inserire disposizioni, fare prenotazioni o inviare comunicazioni;{ XE "effettuare interrogazioni, inserire disposizioni o altro;" } 2. autorizzare le richieste o le disposizioni (firma elettronica) pronte per la spedizione o ricezione.{ XE "autorizzare le richieste o le disposizioni (firma elettronica) pronte per la spedizione o ricezione." } E importante tenere presente che può essere abilitato ad autorizzare movimenti o richieste (Utente autorizzatore) solamente chi è contrattualmente autorizzato ad operare a livello bancario sui rapporti.{ XE "E importante tenere 24

25 presente che può essere abilitato ad autorizzare movimenti o richieste (Utente autorizzatore) solamente chi è contrattualmente autorizzato ad operare a livello bancario sui rapporti." } Rapporti collegati all Utente{ XE "RAPPORTI COLLEGATI ALL UTENTE" } Una volta definite le abilitazioni del nuovo Utente inserito, occorre selezionare i rapporti a cui questi dovrà essere associato. Per effettuare questa operazione cliccare sulla scheda denominata Rapporti Utente (Fig.4) Ad ogni Utente possono essere abbinati tutti i rapporti presenti sul terminale, o solo alcuni. Sui conti associati, l Utente può operare limitatamente alle funzioni (ad es. estratto conto, bonifico, pagamento effetti, etc.) per le quali è stato abilitato. Per ciò che riguarda invece l invio delle disposizioni e delle prenotazioni, l utente deve ricevere l autorizzazione dal Superuser. Per associare un rapporto ad un Utente bisogna fare doppio click sul rapporto presente nella lista dei rapporti. Per vedere se un rapporto è associato all utente basta controllare che sulla prima colonna della lista dei rapporti, denominata Associato, ci sia Si. Il pulsante Tutto associa automaticamente tutti i rapporti disponibili all utente. Il pulsante Niente annulla l associazione a tutti i rapporti (Fig. 4 ). Inoltre, per ogni rapporto si può inserire un alias, nome mnemonico, che identifica il tipo di rapporto per un più facile riconoscimento. Per far si che l Utente sia autorizzato ad inviare disposizioni su quei conti, bisogna selezionare il conto e cliccare sulla 25

26 Fig. 4 - Finestra dei Rapporti abbinati all Utente abilitato. voce Autorizzatore presente nel riquadro posto in alto a sinistra denominato Autorizzazione. Bisognerà, a questo punto, inserire l importo massimo per disposizione singola (totale massimo per distinta), che è stabilita inizialmente a ,00 euro. Inoltre si può scegliere di vincolare l invio delle disposizioni a due utenti piuttosto che ad uno (Autorizzazione doppia). In questo modo ci sarà bisogno che due utenti distinti abilitino la disposizione prima che si possa effettuare l invio. Anche in questo caso bisogna definire un tetto massimo per singola disposizione che è valido per le disposizioni con autorizzazione doppia. Cliccando sul pulsante Replica, viene dato potere di firma all Utente su tutti i rapporti a lui associati (Fig. 4). Dopo questa operazione viene visualizzata una finestra che chiede conferma. (Fig. 5). Fig. 5 - Finestra di conferma di autorizzazione di tutti i rapporti selezionati Inoltre, nella scheda Rapporti Utente, il pulsante Ripristina può essere usato nel caso in cui l utente dimentica la sua password. Cliccando su questo tasto viene ripristinata la password iniziale che corrisponde al nome dell utente. (per. es. Utente paolo; password paolo). Inoltre il pulsante Ordina può essere utilizzato per indicare l ordinamento che devono avere i rapporti, nelle liste di scelta delle varie funzioni. Cliccando sul tasto Ordina apparirà una finestra in cui saranno elencati tutti i conti associati al cliente. Per ordinare i conti basta selezionare i rapporti voluti e con i tasti freccia verso l alto e freccia verso il basso il conto verrà spostato rispettivamente più in alto o più in basso nella lista. I conti più in alto saranno quelli che saranno visualizzati per primi nelle liste di selezione Configurazione Terminale{ XE "CONFIGURAZIONE TERMINALE" } L attività del Supervisore si completa con la sezione riguardante la Configurazione Terminale (Fig. 6). 26

27 Fig. 6 - Finestra di Configurazione dei dati relativi ad un Terminale. Il Superuser, in questa sezione,suser può operare solo sui riquadri: Sicurezza: Sblocco del sistema. Questa operazione deve essere effettuata nel caso in cui il programma SIMPLYBANK, per ragioni di sicurezza (per es. errore nell immissione della password per più di 5 volte), non permette l accesso agli utenti. Bisogna quindi entrare come Superuser nella sezione Configurazione terminale e cliccare sul pulsante Sblocca. Lo stato di SIMPLYBANK diventerà libero piuttosto che occupato. Modifica password del Superuser. Dal pulsante Password è possibile modificare la password del Superuser. Gestione Storico Si può abilitare o meno il salvataggio delle transazioni inviate nello storico selezionando la voce Salva Storico o Cancella. Il pulsante Ripulisci permette invece di cancellare le transazioni inviate prima di una certa data. Gestione flussi Il pulsante Recupera permette di recuperare i flussi provenienti dalla banca passiva a partire da una certa data. Il pulsante Ripulisci cancella tutti i flussi errati. Queste operazioni devono essere effettuate dopo aver consultato l assistenza. 27

28 Tutte le altre funzioni presenti nella scheda di Configurazione Terminale possono essere usate solo accedendo a SIMPLYBANK come User. Trace comunicazioni Spuntando la voce Abilita logging di linea durante le fasi di collegamento viene generato un log in cui sono descritti tutti i vari messaggi che si scambiano il server con il client. Questo log è utile per capire eventuali problemi durante il collegamento. Gestione debitori Spuntando la voce Salva da flussi importati SIMPLYBANK salva i Debitori presenti in un flusso di RIBA all interno dell archivio debitori. Allarmi scadenza Spuntando la voce Mostra informazioni al login, dopo essere entrati in SIMPLYBANK con la propria userid e password, verrà mostrata una finestra di riepilogo (Fig. 7). In questa maschera è possibile avere informazioni su eventuali avvisi pagamento effetti in scadenza, su promemoria, su esiti non letti, su eventuali messaggi dalla banca non letti. Fig. 7 Allarme su scadenze e nuove informative. Ultimate le operazioni descritte, cliccare il tasto Esci. Appariranno in seguito le seguenti maschere di conferma. 28

29 Fig. 8 Conferma inserimento nuovo utente Fig. 9 Conferma per le modifiche al database Le modifiche saranno rese effettive al successivo collegamento con la banca. Al superuser è anche permessa la cancellazione di un utente. Per fare questo occorre selezionare l utente da eliminare dalla lista Nome utente (Fig. 3 ) e fare click sul tasto Elimina. 29

30 3.2 Operatività dello USER{ XE "OPERATIVITA DEL SUPERVISORE" } Accedendo a SIMPLYBANK come User è possibile prendere visione delle impostazioni relative agli utenti configurati senza però poter modificare alcuna impostazione. La sezione che è possibile modificare è quella riguardante la Configurazione terminale. Per accedere come User basta digitare user come nome utente e user come password come mostrato nella figura sottostante (Fig.10). Fig Finestra di Login per l User. Entrando nella sezione Configurazione terminale (Fig.6) è possibile modificare le impostazioni di SIMPLYBANK relative alla comunicazione con la Banca. Remote Access Control (RAC) Il collegamento di SIMPLYBANK con la banca può avvenire in due differenti modalità: Con collegamento diretto (sock). Questo è il tipo di collegamento classico di SIMPLYBANK, la connessione IP avviene con la chiamata a uno dei POP (point of presence) dedicati al servizio. Per utilizzare questa modalità bisogna selezionare la voce Utilizza collegamento socks. E consigliabile non modificare i valori dell indirizzo Internet dell host e della porta. Via collegamento Internet (https). Questo tipo di collegamento permette di utilizzare la rete Internet come mezzo di trasporto. Questo è possibile in piena sicurezza visto il doppio livello di crittografia utilizzato nella comunicazione, effettuato utilizzando prima una crittografia DES e poi una SSL. Per utilizzare questa modalità bisogna essere in possesso di un accesso alla rete Internet fornito da un ISP (Internet Service Provider) e selezionare la voce Utilizza collegamento https. E consigliabile non modificare l indirizzo del web server. Se l accesso a Internet è effettuato tramite un server proxy bisogna selezionare la voce Utilizza un server proxy e indicare l Indirizzo e la Porta di quest ultimo. Se il collegamento è effettuato tramite una chiamata di accesso remoto bisogna selezionare la voce Utilizza accesso remoto e specificare il nome della connessione da utilizzare nonché l utente, la password di collegamento 30

31 e il numero di telefono da comporre (nel caso si selezioni una voce di accesso remoto per cui è stato scelto di salvare la password questi dati saranno caricati automaticamente). SIMPLYBANK all atto del collegamento verificherà se è già attiva una connessione di accesso remoto, in caso affermativo utilizzerà la connessione attiva, altrimenti lancerà la connessione indicata. Se si vuole comunque disconnettere il modem alla fine del collegamento, selezionare la voce Chiudi sempre la connessione. Per configurare i numeri di telefono della Banca è sufficiente scriverli nelle apposite caselle. Si consiglia di scrivere il numero da utilizzare con maggiore frequenza per primo, visto che SIMPLYBANK lo selezionerà automaticamente al momento del collegamento con la Banca. Gestione log Cliccando sul pulsante Visualizza viene visualizzato il file di log che mostra tutte le attività effettuate dagli utenti (Fig.11). Cliccando sul pulsante Ripulisci si cancella il file di log. Fig Finestra di visualizzazione del log delle attività degli utenti SIMPLYBANK Password Cliccando il tasto Ripristina è possibile ripristinare la password del Superuser al suo valore di default (super). Dopo aver cliccato sul pulsante apparirà un messaggio che informa l utente che bisogna chiamare in banca e richiedere il codice per il ripristino (Fig.12). 31

32 Fig.12 Messaggio informativo. Fig. 13 finestra di reset della password del Superuser Cliccando sul tasto OK appare la finestra (Fig.13) in cui va inserito il codice ottenuto dalla banca. Stampanti Cliccando sul pulsante Stampa si accede alla finestra di configurazione del Print Manager, da cui è possibile settare tutti i parametri relativi alla stampante. Abi-Banca Questo pulsante permette di associare ad una coppia Abi-Cab, il relativo nome della banca, che apparirà poi nella visualizzazione dei rapporti associati all utente. Database Poiché è possibile, in condizioni normali, effettuare un solo aggiornamento database al giorno, cliccando su questo pulsante si forza l'aggiornamento per più di una volta al giorno. Prima di effettuare questa operazione è necessario contattare l assistenza. In caso contrario ci potrebbero essere perdite di dati 32

33 4. Funzioni Home Banking{ XE "FUNZIONI HOME BANKING" } Le funzioni di Home Banking{ XE "Termine per definire tutte le attività bancarie effettuate dal Cliente a casa ovvero dal proprio ufficio." }, con le quali si può comunicare con la propria Banca, sono suddivise in quattro grandi gruppi (Fig. 1):{ XE "Le funzioni di Home Banking, con le quali si può parlare con la propria Banca, sono suddivise in quattro grandi gruppi (Fig. 5):" } Comunicazioni: insieme di funzioni con le quali è possibile inviare segnalazioni o comunicazioni alla Banca;{ XE "Comunicazioni; insieme di funzioni con le quali è possibile inviare delle note o delle Informazioni: Disposizioni: Prenotazioni: comunicazioni alla Banca;" } funzioni di interrogazione su conti correnti, Depositi Titoli, posizioni di Mutuo, posizioni di Portafoglio, ecc.;{ XE "Informazioni Generali; funzioni di interrogazione su conti correnti, Depositi Titoli, posizioni di Mutuo, posizioni di Portafoglio, ecc.;" } funzioni di preparazione e caricamento di bonifici, effetti, pagamenti, giroconti, ecc. da inviare alla Banca per l esecuzione; insieme di funzioni di richiesta prenotazioni, come prenotazione di valuta estera, di blocchetti assegni o altro. 33

34 Fig. 1- Le Funzioni del Menù Principale di SIMPLYBANK. 4.1 Accesso a SIMPLYBANK{ XE "ACCESSO ALLA PROCEDURA" }{ XE "ACCESSO ALLA PROCEDURA (Fig. 6)" } Utente{ XE "Utente" } Nome convenzionale di identificazione dell utente. (per es. paolo);{ XE "Nome convenzionale di identificazione dell utilizzatore della procedura;" } Password{ XE "Password" } Codice segreto personale abbinato all Utente (per es. paolo) (Fig.2 ){ XE "Utente" }:{ XE "Codice segreto personale abbinato all Utente:" }{ XE "Utente:" } N.B. Al primo collegamento il nuovo Utente deve digitare come Password lo stesso nome Utente. Una volta entrato, si consiglia di modificare la propria Password. Si ricorda inoltre che la Password{ XE "Password" } è di proprietà esclusiva dell Utente{ XE "Utente" } ed è modificabile solo dallo stesso. Nel caso l Utente dimentichi la propria Password, il Supervisore potrà ripristinare la password. { XE "N.B. la Password è di proprietà esclusiva dell Utente e modificabile solo dallo stesso. Nel caso l Utente dimentichi la propria password, il Supervisore dovrà abilitare un nuovo codice utente." } Fig. 2 - Finestra di Login 34

35 4.2 Comunicazioni La famiglia di funzioni denominata Comunicazioni identifica la funzioni che consentono lo svolgimento di attività di corrispondenza fra l Utente{ XE "Utente" } e la Banca fornitrice del servizio. Le comunicazioni sono di tipologia diversa e ad esse corrispondono altrettante funzioni. Le funzioni del gruppo Comunicazioni sono le seguenti: Furto/smarrimento Assegni Furto/smarrimento carte di credito o tessere bancomat Richiesta visita Messaggio per la Banca Variazioni anagrafiche Furto Assegni { XE "Furto Assegni " } Vengono fornite informazioni su da farsi in caso di furto assegni (Fig. 3). Fig. 3- Preavviso furto/smarrimento di assegni Furto carta di credito/debito { XE "Furto carta di credito/debito " } Vengono fornite informazioni su da farsi in caso di furto di carta di credito/debito (Fig. 4). 35

36 Fig. 4- Informazioni in caso di furto/smarrimento di una carta Visita { XE "Visita " } L'Utente può richiedere un appuntamento con un funzionario della Banca Attiva cioè quella che gli ha fornito il servizio SIMPLYBANK. L'incontro può aver luogo presso la Banca o presso il domicilio dell'utente nel giorno e all'ora indicata dall Utente (Fig. 5 ).{ XE "L utente può richiedere una visita ad un destinatario scelto fra quelli disponibili nella tabella proposta o inserito liberamente (Fig. 9)." } Dati da inserire nella richiesta: Rapporto: selezionare un rapporto che l Utente intrattiene con la Banca Attiva{ XE "Dati da inserire nella richiesta:" } Destinatario:{ XE "scegliere il destinatario o inserirlo manualmente;" } scegliere il destinatario o inserirlo manualmente; Dove:{ XE "scegliere se la visita deve essere al proprio domicilio o in Banca;" } indicare se la visita è presso il domicilio dell Utente o in Banca; Data:{ XE "inserire il giorno desiderato;" } inserire il giorno desiderato; Orario:{ XE "inserire l ora della visita richiesta;" } inserire l ora della visita richiesta; Motivo:{ XE "inserire l ora della visita richiesta;" } testo contenente il motivo della visita. Funzioni: OK: per confermare la richiesta di visita; Esci: uscire senza confermare la richiesta di visita. 36

37 Fig. 5- Richiesta Visita Messaggio da inviare alla Banca L'Utente può inviare delle comunicazioni sia alla Banca Attiva, sia alle Banche Passive, indirizzandole ad un destinatario che può essere scelto fra quelli disponibili nella tabella proposta o può essere inserito liberamente. Per inviare un messaggio ad una particolare banca è sufficiente selezionare un rapporto relativo ad essa e riempire i campi destinatario e messaggio (Fig. 6 ). Dati da inserire nella richiesta: Rapporto di riferimento{ XE "Dati da inserire nella richiesta:" }: scegliere il rapporto della banca a cui si vuole inviare il messaggio Destinatario:{ XE "scegliere il destinatario o inserirlo manualmente;" } scegliere il destinatario o inserirlo manualmente; Messaggio:{ XE "scegliere se la visita deve essere al proprio domicilio o in Banca;" } testo del messaggio che deve essere inviato. Funzioni: OK: per confermare il messaggio; Esci: uscire senza confermare il messaggio. 37

38 Fig. 6 - Invio da parte dell Utente di un messaggio al Centro Elaborazione Dati Variazioni anagrafiche { XE "Variazioni anagrafiche " } Ad ogni rapporto viene associata un'anagrafica. In caso che questa subisca delle variazioni è possibile comunicarle alla Banca, specificando se si tratta di una variazione di residenza o di recapito postale (Fig. 7 ).{ XE "L Utente può inviare la segnalazione di una variazione di dati relativi alla residenza o domicilio postale di un rapporto visualizzabile dalla lista (Fig. 10)." } Dati da inserire nella segnalazione:{ XE "Dati da inserire nella segnalazione:" } Rapporto di riferimento: rapporto interessato dalla variazione;{ XE "scegliere il rapporto interessato;" } Nuovo Indirizzo: il nuovo indirizzo;{ XE "nuovo indirizzo;" } Nuovo CAP: il nuovo CAP;{ XE "nuovo CAP;" } Nuovo Comune: la nuova località; Nuovo Telefono: il nuovo numero telefonico; Note: le note aggiuntive; Nel riquadro Tipo della variazione indicare se la modifica riguarda la residenza o il recapito postale. Funzioni: OK: per confermare la segnalazione; Esci: uscire senza confermare la segnalazione. 38

39 Fig. 7 Finestra delle Variazioni anagrafiche 39

40 4.3 Informazioni Insieme di funzioni che offrono all Utente la possibilità di richiedere e ricevere informazioni aggiornate sulla situazione dei propri rapporti bancari o che consentono all Utente di ricevere e prendere visione dei messaggi che la Banca gli invia Conferme (Gruppo 1){ XE "Estratto Conto " } Tutti i flussi dispositivi sono soggetti a conferma di ricezione dalla Banca. Tale conferma non implica l'esecuzione contabile della disposizione ma è da intendersi allo stesso modo di una ricevuta di ritorno di una raccomandata postale, e quindi testimonia l effettivo ricevimento del flusso da parte della Banca. Ogni volta che una disposizione (o un messaggio a testo libero) viene spedita alla Banca viene ad aggiungersi una nuova riga nell'elenco della maschera di Conferme di ricezione flussi da parte della Banca. Fig. 8 - Finestra di visualizzazione delle Conferme di ricezione dei flussi. Il flusso appena spedito è etichettato come Spedito. Nella lista vengono visualizzati tutti i dati che permettono una rapida individuazione del flusso, mentre selezionando una riga vengono fornite delle informazioni supplementari che 40

41 sono: il nome del flusso, l Abi della Banca a cui è destinato, il nome dell utente che lo ha inserito, quello dell autorizzatore e infine quello dell Utente che lo ha spedito (Fig. 8). I flussi con Spedito possono modificare il loro stato in: Confermato: il flusso è stato ricevuto dalla banca Errato: il flusso presenta anomalie formali e sarà elaborato o meno in conformità alle scelte della Banca Attiva. Le funzioni a disposizione sono: Stampa: stampa il prospetto sintetico delle conferme o il dettaglio della conferma selezionata Elimina: elimina la riga selezionata Confermati: elimina tutti flussi confermati Esci: esce e salva le modifiche apportate. { XE "Insieme di funzioni che danno la possibilità di avere a disposizione ed interrogare i dati relativi ai propri rapporti intrattenuti con la Banca o messaggi ed informazioni che la Banca invia al Cliente." } Estratto Conto (Gruppo 1){ XE "Estratto Conto " } La funzione di estratto conto permette all Utente, abilitato a questa funzione, la visualizzazione dei saldi e dei movimentimovimenti per i rapporti di conto corrente che gli sono stati associati (Fig. 9). Fig. 9 - Visualizzazione dei saldi dei Rapporti di Conto Corrente associati. 41

42 Inizialmente viene presentato il riepilogo dei saldi di tutti i rapporti associati all Utente. Per visualizzare i movimenti relativi ad un rapporto, cliccare sul campo denominato Rapporto. Verrà visualizzata la lista dei rapporti associati all utente. Selezionando uno di questi rapporti, vengono mostrati i relativi movimenti, il saldo contabile, liquido e disponibile e la data dell ultimo aggiornamento (Fig.10). Questa operazione può essere eseguita anche facendo doppio click sulla riga relativa al rapporto scelto. Fig Visualizzazione dei movimenti di un Rapporto di Conto Corrente selezionato. La lista dei movimenti può essere visualizzata dall alto in basso e da sinistra a destra usando le barre di scorrimento laterali. Inoltre, facendo doppio click su di una causale, questa viene visualizzata in maniera estesa. Facendo click sul tasto Ritorna all Estratto Conto, si ritorna alla visualizzazione precedente. Se il numero di movimenti è superiore a 25 viene presentata una maschera di Selezione del Tipo dicritsel1 Estratto Conto che consente di scegliere il criterio con cui si vogliono visualizzare (Fig.11). 42

43 Fig Finestra di Selezione del Tipo di Estratto Conto. I criteri di selezione sono: Tutti: tutti i movimenti memorizzati relativi al rapporto selezionato; Ultimo mese: tutti i movimenti dell'ultimo mese memorizzati relativi al rapporto selezionato; Ultima settimana: tutti i movimenti dell ultima settimana memorizzati relativi al rapporto selezionato; dal..al..: tutti i movimenti compresi fra due date; Ultimi nn. Movimenti: il numero dei movimenti che si desidera visualizzare, forniti in ordine cronologico partendo dal più recente Ma l applicazione consente anche di selezionare i movimenti secondo altri criteri (ad es. solo importi a dare o solo ad avere, ecc.). Per fare questo occorre fare click sul bottone Avanzate (Fig. 11). Apparirà così la maschera Selezione Movimenti di Estratto Conto (Fig.12) con cui l Utente ha la possibilità di scegliere il criterio di selezione desiderato. Fig Finestra di Selezione avanzata del Tipo di Estratto Conto. Nel riquadro Selezione segni è possibile scegliere se visualizzare i movimenti con Solo Importi dare o Importi dare e avere o Solo importi avere. Nel riquadro Importi dare è possibile specificare Nessun vincolo oppure si può decidere di voler vedere solo i movimenti con importo dare maggiore o minore di una data cifra oppure compreso tra due cifre. Stesso discorso vale per il riquadro Importi avere. Nel riquadro Causale si può inserire una o più parole da ricercare tra le causali dei movimenti. Per esempio inserendo la parola Bonifico verranno visualizzati tutti i movimenti che hanno nella causale la stringa inserita. Nel riquadro Ordina per si può scegliere l ordinamento dei movimenti: Crescente o Decrescente per importi dare o avere o per causale. Nel riquadro Data contabile è possibile selezionare tutti i movimenti che hanno data contabile compresa in un determinato intervallo di tempo che è specificata nei campi a lato. 43

44 Nel riquadro Data valuta è possibile selezionare tutti i movimenti che hanno data valuta compresa in un determinato intervallo di tempo che è specificata nei campi a lato. Una volta cliccato su OK per conferma, appare una maschera che chiede se si vuole salvare la corrente selezione. Rispondendo Si viene visualizzata una finestra in cui bisogna inserire il nome della selezione. Questo nome apparirà nella lista presente nel riquadro Selezioni salvate al successivo ingresso. Facendo doppio click su questa voce verrà rieseguita la selezione dei movimenti rispettando i criteri già specificati in precedenza. I pulsanti posti nella parte inferiore della finestra di Estratto Conto (Fig. 10) sono: Stampa: questa funzione effettua la stampa dei movimenti che appartengono ad un prescelto intervallo di tempo. La maschera in Fig. 13 viene visualizzata appena fatto click sul pulsante Stampa ed è utilizzata per inserire la data di inizio e fine intervallo. Fig Finestra di Selezione avanzata del Tipo di Estratto Conto. Grafico: questa funzione offre la possibilità di effettuare grafici sull andamento dei movimenti in dare ed in avere in un determinato intervallo di tempo (Fig. 14). 44

45 Fig Finestra del Grafico dei Movimenti. La maschera in Fig. 13 viene visualizzata appena fatto click sul pulsante Grafico ed è utilizzata per inserire la data di inizio e fine intervallo. In questa funzione inoltre è possibile impostare: a) la frequenza con cui si vogliono raggruppare i movimenti b) la scelta del tipo di grafico (linee o barre) da utilizzare c) la scelta del tipo di statistica (media, deviazione standard, ) d) la stampa o la copia negli appunti di Windows di quanto elaborato. Aggiorna: genera una richiesta di aggiornamento del conto selezionato a partire dalla data visualizzata nel campo Data Ultimo Estratto Conto. Se si ha la necessità di dover richiedere un aggiornamento ad una data precedente a quella indicata basta modificare la data esistente. La richiesta verrà effettuata al successivo collegamento. Agg. Tutti: genera una richiesta di aggiornamento per ogni rapporto associato all utente a partire dalla data visualizzata nel campo Data Ultimo Estratto Conto. In questo caso non è possibile modificare la data di estrazione. La richiesta verrà effettuata al successivo collegamento. Copia: questa funzione permette di: 45

46 Elimina: Esci: copiare negli appunti di Windows tutti i movimenti che appartengono ad un determinato intervallo di tempo che viene inserito nella maschera in Fig. 13 ; salvare tutti i movimenti, che appartengono ad un determinato intervallo di tempo, in un file di testo in formato C.B.I. Standard. elimina i movimenti presenti in archivio antecedenti alla data scelta. La maschera in Fig. 13 è visualizzata appena fatto click sul tasto Elimina. L'eliminazione di movimenti è riservata agli utenti autorizzatori chiude la consultazione dell estratto conto. 46

47 4.3.3 Polizza Titoli { XE "Deposito Titoli " }(Gruppo 1) Questa funzione consente di visualizzare le posizioni di polizza titoli con il dettaglio dei titoli in giacenza e i relativi valori (Fig. 15). Come per l'estratto conto i dati sono memorizzati in un databaseglossario locale e sono quindi disponibili in qualsiasi momento senza effettuare il collegamento con la Banca. E' possibile richiedere l'aggiornamento dei dati in modo da avere sempre una situazione aggiornata. Facendo click sul campo Polizza viene mostrata la lista di tutti i rapporti associati all utente. Selezionando un rapporto viene visualizzata la situazione di tutti i titoli relativi a quella polizza come il codice del titolo, la descrizione, la divisa, la quantità, il prezzo medio, il prezzo attuale e il valore attuale (quantità X prezzo attuale). Fig. 15 Visualizzazione della Situazione Polizze Titoli per un rapporto selezionato. I titoli possono essere inoltre raggruppati per sottorubriche. Per visualizzare le varie sottorubriche fare click sulla voce Sottorubrica. Per default la lista visualizza la voce RUBRICA PRINCIPALE. Le funzione a disposizione nella finestra Polizza titoli sono: Stampa: effettua la stampa di tutti i movimenti visualizzati. Aggiorna: crea la richiesta di aggiornamento del rapporto selezionato. Copia: salva negli appunti di Windows tutti i movimenti visualizzati. 47

48 Esci: chiude la consultazione della Polizza titoli Messaggi inviati dalla Banca (Gruppo 1) Permette la visualizzazione e la stampa dei messaggi che le Banche inviano agli utenti SIMPLYBANK. E' possibile selezionare i messaggi a disposizione attraverso la lista Comunicazioni disponibili. È inoltre possibile scegliere il tipo di carattere e la dimensione con cui il messaggio deve essere visualizzato o stampato (Fig. 16). Ci sono due tipologie di messaggi: Pubblici, che sono quindi visibili da tutti gli utenti; Privati, che sono visibili solo dall'utente a cui sono indirizzati. I messaggi sono ricevuti automaticamente da SIMPLYBANK ad ogni collegamento e quindi il tasto di Aggiorna non è utilizzabile. Fig Finestra dei Messaggi della Banca per gli utenti. Il pulsante di Stampa permette la stampa del messaggio visualizzato. Per eliminare La comunicazione fare click sul tasto Elimina. Nota: Un messaggio pubblico una volta eliminato da un qualsiasi Utente non è più disponibile per nessuno. 48

49 4.3.5 Situazione Bollettini (Gruppo 2) Questa funzione permette la visualizzazione della situazione dei bollettini bancari. La banca spedisce periodicamente al cliente un flusso in cui sono presenti le conferme dei bollettini bancari. Il cliente riceve questi flussi durante le normali operazioni di collegamento con la banca senza effettuare alcuna richiesta di aggiornamento. Cliccando sul pulsante Situazione Bollettini viene visualizzata la maschera di selezione dei bollettini (Fig.17). Fig. 17 Finestra di Selezione di bollettini Grazie a questa finestra è possibile creare un filtro di selezione dei bollettini di cui si vuole visualizzare l esito utilizzando le varie opzioni presenti in questa maschera: Solo conferme nei seguenti flussi Ultimi flussi : Spuntando questa voce è possibile visualizzare le conferme dei bollettini presenti nei flussi selezionati. Per effettuare una selezione dei flussi cliccare sul flusso e evidenziarlo in blu. Per effettuare una selezione estesa si può tenere premuto il tasto shift per selezioni contigue, ctrl per selezionare flussi che non sono contigui nella lista. Spuntando questa voce è possibile indicare che si vogliono visualizzare l esito dei bollettini presenti negli ultimi n flussi ricevuti; 49

50 Solo ABI: Solo codici Sia: Data valuta: Data contabile: Spuntando questa voce è possibile visualizzare solo i bollettini che hanno come abi mittente quello selezionato nella lista posta di fianco; per effettuare selezioni estese vale quanto detto per i flussi. Spuntando questa voce è possibile visualizzare solo i bollettini che hanno come codice Sia quello selezionato nella lista posta di fianco; per effettuare selezioni estese vale quanto detto per i flussi. Selezionando dalla lista la voce data valuta nel periodo ed indicando la data di inizio e di fine verranno visualizzati tutti quei bollettini in cui la data valuta risulta compresa in quella indicata. Selezionando dalla lista la voce data contabile nel periodo ed indicando la data di inizio e di fine verranno visualizzati tutti quei bollettini in cui la data contabile risulta compresa in quella indicata. Una volta terminata la selezione voluta si può decidere di cliccare su: Azzera: Se si vuole riportare tutti i parametri di selezione ai valori iniziali che sono quelli presenti in Fig. 17; OK: Per richiedere la visualizzazione delle conferme dei bollettini bancari utilizzando il filtro appena impostato. Se la selezione richiesta non è stata in precedenza memorizzata, viene richiesto se si vuole salvare con un nome la selezione. Se si risponde Si sarà possibile dare un nome al filtro che sarà visualizzato all interno della lista denominata Selezioni memorizzate. Basterà fare doppio-click sul nome della selezione affinché tutti i valori e le selezioni di quel filtro diventino quelle attive; Guida: Compare la guida relativa all argomento dei Bollettini Bancari; Esci: Visualizza gli esiti di tutti i bollettini senza alcun filtro. La finestra Situazione bollettini (Fig.18) visualizza in base al filtro richiesto le conferme ai bollettini pagati. 50

51 Fig. 18 Finestra di Situazione bollettini In questa finestra sono visualizzate tutte le informazioni utili al cliente per una completa informazione sui bollettini. In questa maschera è possibile cliccare sul tasto: Selezione: Stampa: Colonne: Viene presentata la finestra di Selezione dei bollettini (Fig. 17) per effettuare una nuova selezione; Viene visualizzata la finestra di Preview di Stampa grazie alla quale è possibile visualizzare il risultato della stampa ed eventualmente stampare il listato; Viene visualizzata una finestra in cui è possibile selezionare quali colonne visualizzare in questa maschera e quali no (Fig 19); Fig. 19 Finestra di Selezioni colonne visibili 51

52 Esporta: Viene mostrata una maschera che rende possibile l esportazione dei bollettini bancari o nel formato C.B.I. Standard che è quello selezionato di default; o di personalizzare il formato di esportazione. Spuntando infatti la voce Esporta in formato definito dall utente è possibile: dalla voce Campo: selezionare i vari campi che comporranno il flusso come ad esempio abi mittente, codice sia, valuta, ecc; dalla voce Formato: selezionare il formato del tipo di dato o l allineamento; dalla voce Lun: indica quando possibile la lunghezza del campo. Una volta selezionate tutte queste informazioni si può cliccare su: Aggiungi: per dare conferma che si vuole inserire un campo così composto; Elimina: per eliminare un campo dalla lista dei campi inseriti. Nel riquadro che riguarda i Separatori si può scegliere dalla lista di separatori di campo il simbolo che indica quando un campo inizia o finisce come ad esempio il simbolo di spazio, o # ecc. Mentre nel lista dei separatori i record si può scegliere il simbolo che indica la fine di un record e l inizio di un altro come ad esempio il simbolo di accapo ( CR ). Il formato, così composto sarà possibile salvarlo con un nome. Infatti quando si farà click su Esporta, SIMPLYBANK se riconoscerà che un simile formato non è stato memorizzato in precedenza richiede se si voglia salvarlo oppure no. (Fig. 20): Fig. 20 Finestra di esportazione Copia: Permette la copia dei movimenti selezionati negli appunti di Windows; 52

53 Guida: Viene visualizzata la guida relativa ai Bollettini Bancari ; Esci: Esci dalla finestra Situazione Bollettini Situazione Portafoglio (Gruppo 2) Tramite questa maschera è possibile ottenere informazioni sulle partite da maturare e sulla posizione di portafoglio. Per visualizzare i dati è necessario selezionare il conto di riferimento. Questo è possibile farlo cliccando sul campo Rapporto e selezionare un rapporto tra quelli mostrati nella lista. Se precedentemente è già stata effettuata un interrogazione, saranno visualizzati i dati relativi come in Fig. 21. Le informazioni fornite sono la data, l importo della partita, il progressivo a scadere, il numero della distinta e il numero progressivo. Inoltre viene visualizzato il totale presentato e non maturato, l utilizzo, il totale importo non maturato, il margine disponibile, la data dell ultimo aggiornamento e il totale non anticipato. Fig Finestra di visualizzazione della Situazione del Portafoglio. Nella Situazione Portafoglio è possibile effettuare le seguenti funzioni: Stampa Aggiorna stampa delle righe selezionate. La selezione è effettuata facendo click sulla prima cella della colonna Data e tenendo premuto il tasto di Shift (tasto delle maiuscole) cliccare sulla successiva cella dell intervallo. Le righe comprese nell intervallo si evidenzieranno. richiede l aggiornamento dei dati (la richiesta sarà messa in coda e partirà al primo collegamento con la Banca); 53

54 Copia copia la situazione portafoglio negli appunti di Windows Statistiche portafoglio (Gruppo 2) Tramite questa maschera è possibile visualizzare un quadro riassuntivo degli esiti di disposizioni. La maschera iniziale presenta un riepilogo degli esiti relativi a tutti i debitori di tutte le banche e senza alcun vincolo sulla data di presentazione delle diposizioni. E' possibile specificare un differente criterio di visualizzazione dei dati selezionando uno specifico debitore, una banca o un intervallo di date di presentazione. N.B. per poter utilizzzare questa funzione è necessario che il superuser abiliti il salvataggio automatico dei debitori. Funzioni a disposizione Stampa: stampa le informazioni della statistica Copia: copia i dati della statistica negli appunti Grafico: mostra il grafico delle statistiche degli esiti per riga (n di riba emesse, pagate, insolute...) o per colonna (n riba emesse, n rid emesse, n mav emesse); Esci: esce dalla consultazione Listino Titoli (Gruppo 2) Con questa funzione è possibile interrogare il database dei titoli e gestire il proprio panierepanieref. L utente può interrogare il listino chiedendo la visualizzazione dei titoli di suo interesse secondo vari criteri. Questi possono essere selezionati facendo click sul campo denominato Selezione del tipo di vista sul listino e sono i seguenti: Vista per tipo. Impostando questo criterio di vista del listino, occorre selezionare nel campo denominato Selezionare il tipo di titolo desiderato la tipologia di titoli che si desidera visualizzare, scegliendo tra quelle proposte dalla lista (Azione, Titolo di stato, ecc.) (Fig.22). L applicazione visualizzerà tutti i titoli che soddisfano la richiesta. 54

55 Fig Finestra di visualizzazione del database dei Titoli selezionati per tipo. Per codice: impostando la vista del listino per codice, l applicazione chiede all Utente di digitare il codice del titolo che si vuole visualizzare e quindi di digitare il tasto Invio. Naturalmente questo criterio può essere utilizzato solo se si conosce il codice del titolo da visualizzare. Per descrizione: questa vista permette di visualizzare sul listino tutti i titoli che contengono la parola indicata nella descrizione, per ricercare i titoli bisogna scrivere la parola chiave (ad es. Fiat) nella casella di testo destra e poi premere Invio. Per paniere: questa vista permette di visualizzare tutti e soli i titoli presenti nel paniere che l utente ha creato. Le funzioni a disposizione nella maschera Listino prezzi titoli trattati sono le seguenti: Paniere: cliccando sul bottone Paniere si accede alla maschera Selezione paniere titoli. Da qui è possibile gestire il proprio paniere titoli, inserendo, togliendo o prenotando titoli. Questa funzione è descritta in dettaglio più avanti Storico: cliccando su questo bottone si può visualizzare l andamento del titoli in paniere in un dato periodo di tempo. Questa funzione è descritta in dettaglio più avanti Stampa: cliccando questo bottone è possibile stampare i titoli selezionati; Aggiorna: prepara la richiesta di aggiornamento del listino titoli. Questa funzione richiede anche se si vuole aggiornare lo storico dei titoli presenti nel paniere (Fig. 23). La richiesta verrà spedita alla banca al primo collegamento 55

56 Fig. 23 Richiesta aggiornamento storico titoli in paniere Copia: copia la selezione dei titoli negli appunti di Windows; Esci: termina la consultazione. Paniere Titoli Il paniere dei titoli rappresenta un insieme di titoli di particolare interesse per l'utente. Ad esempio, può contenere i titoli relativi ad azioni possedute oppure titoli che l utente intende monitorare. Cliccando sul bottone Paniere (Fig. 22) si apre la finestra Selezione paniere titoli in cui sono presenti le funzioni che consentono la gestione dei paniere titoli (Fig. 24). Fig Finestra di selezione del Paniere Titoli. Le funzioni a disposizione sono: OK: è il pulsante che consente di salvare le modifiche apportate al paniere e di chiudere la maschera Selezione paniere titoli. Esci: chiude la finestra Selezione paniere titoli. Inoltre se sono state effettuate della modifiche al paniere, viene mostrata una maschera in cui si può scegliere se si vuole uscire senza salvare le modifiche oppure no. Operazioni: cliccando su questo bottone si accede alla maschera di Prenotazione acquisto titoli (Fig. 25). Il titolo su cui si può operare può essere o quello selezionato nella finestra Selezione paniere titoli (Fig. 22) o uno di quelli presenti nel paniere. 56

57 A questo punto l utente deve scegliere il Conto di riferimento, mentre il codice e la Descrizione titolo su cui si intende operare e il nome del Titolare/Procuratore del conto compaiono automaticamente. Inserire il Valore complessivo e la scadenza titoli, eventuali note e decidere se desidera prenotare l acquisto o la vendita del titolo in oggetto (di default l applicazione si posizione sull opzione Acquisto). Per confermare la prenotazione bisogna cliccare su OK. Fig Finestra di Prenotazione Titoli. Aggiungi: Tutto: Rimuovi: con questa funzione è possibile aggiungere un titolo al paniere. Il nuovo titolo da inserire deve essere stato selezionato nella maschera Listino prezzi titoli trattati (Fig. 22). Premere OK per salvare ed uscire dalla finestra. questa funzione permette di cancellare dal paniere tutti i titoli. Cliccare su OK per confermare la cancellazione e chiudere la finestra. permette la cancellazione del titolo selezionato dal paniere. Cliccare su OK per confermare la cancellazione e chiudere la finestra. Storico Premendo il bottone Storico dalla maschera Listino prezzi titoli trattati si accede al Listino storico titoli (Fig. 26) che fornisce l andamento storico dei titoli presenti nel paniere. Per visualizzare lo storico di un determinato titolo fare click sul campo Selezione del titolo dal paniere e selezionare il titolo. 57

58 Fig. 26 Listino storico prezzi In questa finestra diventa disponibile il tasto Grafico. Questo permette la realizzazione di grafici sull andamento storico di un titolo selezionato (Fig. 27). I dati utilizzati sono quelli relativi a una delle seguenti colonne Prezzo ufficiale, Prezzo ufficiale Lire, Prezzo di riferimento, Prezzo di apertura, Prezzo Min e Prezzo Max. Facendo click sulla colonna di interesse e cliccando sul tasto Grafico viene mostrata la finestra in Fig. 27. In questa maschera c è la possibilità di scegliere: Tipo grafico (Linee o Barre 2D o Barre 3D) da visualizzare, Tipo statistica (media, deviazione standard, ecc. ) e infine di stampare o copiare negli appunti di Windows il grafico prodotto. 58

59 Fig. 27 Grafico storico titoli 59

60 4.3.9 Esiti (Gruppo 3) Tramite questa funzione è possibile visualizzare gli esiti di disposizioni provenienti dalle banche passive o dalla banca attiva (Fig. 28). Nella prima lista sono elencati tutti i flussi di esiti presenti con indicazione del tipo, della data e ora di ricezione, dell ABI della banca da cui provengono e del codice SIA. Per visualizzare gli esiti relativi al un determinato flusso è sufficiente cliccare sulla riga prescelta. Nella lista inferiore saranno elencate tutte le ricevute di esito presenti nel flusso selezionato. Per ottenere un dettaglio su una ricevuta basta fare doppio click sulla stessa, in questo modo sarà visualizzata una maschera di dettaglio della quale è possibile anche effettuare una stampa (Fig. 29). Fig Finestra di visualizzazione degli Esiti di Disposizioni provenienti dal Corporate o dalla Banca Attiva. Fig. 29 Dettaglio esiti 60

61 Le funzioni disponibili sulla maschera Flussi di ritorno esiti disposizioni (Fig. 28) sono le seguenti: Stampa: effettua la stampa dello specchietto riepilogativo degli esiti relativi al flusso selezionato; Elimina: elimina il flusso di esiti selezionato; Esporta: permette il salvataggio del flusso selezionato in un file in formato C.B.I. Esci: chiude la consultazione. N.B. Non è presente nessun tasto Aggiorna poiché gli esiti vengono ricevuti automaticamente quando ci si collega con la banca per fare una qualunque altra operazione Listino cambi (Gruppo 3 ) Cliccando sul bottone Listino Cambi, viene visualizzata la Situazione Cambi Informativi di Riferimento (Fig. 30) aggiornato dalla Banca alla data riportata nel campo Data rif. Mentre nei campi Data agg. e Ora agg. sono indicate la data e l ora esatta in cui è stato richiesto l ultimo aggiornamento del listino cambi. Nella Situazione Cambi per ogni divisa viene riportato il fixing, il prezzo di vendita contante e quello di acquisto. Fig Finestra di visualizzazione del Listino Cambi. Le funzioni a disposizione sulla maschera Situazione Cambi sono le seguenti: Stampa: effettua la stampa dei cambi che l utente ha selezionato; Aggiorna: crea la richiesta di aggiornamento della situazione cambi da inviare alla Banca. Verrà spedita al primo collegamento; Storico: cliccando sul questo bottone si accede alla maschera Fixing di chiusura prezzi valute che verrà descritta in seguito; Copia: copia i dati selezionati negli appunti di Windows 61

62 Esci: chiude la consultazione della Situazione Cambi. Storico Se si seleziona una divisa e si fa click sul pulsante Storico (Fig. 30), viene visualizzata la maschera Fixing di chiusura prezzi valute (Fig. 31) che mostra lo storico di quella divisa. La visualizzazione dello storico può essere fatta anche facendo doppio click sulla riga corrispondente alla divisa desiderata. Questo vale per tutte le divise che non hanno parità fissa dell Euro (righe con colore rosa). Le funzioni utilizzabili sulla maschera Fixing di chiusura dei prezzi delle valute, oltre a quelle di Stampa e Copia già viste sono: Listino Cambi: Grafico: per tornare sulla maschera Situazione cambi; per visualizzare o stampare un grafico dell'andamento del fixing della valuta selezionata o per fare delle statistiche sull andamento (Fig. 32) Fig. 31 Fixing di chiusura. 62

63 Fig. 32 Grafico dello storico valuta 63

64 Mutui (Gruppo 3) Questa funzione permette la visualizzazione della situazione di uno dei mutui associati all utente. Facendo click sul pulsante Mutui si accede alla maschera Situazione mutuo. Cliccando sul campo Numero Mutuo, l utente sceglie il rapporto di mutuo da visualizzare. Fig Finestra di dettaglio del Piano di ammortamento Dopo aver effettuato la selezione viene mostrato un quadro dettagliato di quella posizione di mutuo, specificando per ogni numero di rata la scadenza, se è stata pagata o se è in mora, l importo della rata, la quota capitale del mutuo, la quota interessi, etc. Inoltre visualizza in basso a destra uno specchietto riepilogativo dei dati del mutuo con indicazione della data a cui la situazione è aggiornata, del tasso globale, della periodicità, del numero delle rate, del valore del capitale iniziale, del debito residuo e della data di scadenza del mutuo (Fig.33). Le funzioni disponibili sulla maschera Situazione Mutuo: Stampa: effettua la stampa delle righe selezionate. La selezione può essere fatta: su tutte le righe: cliccando sul campo N. rata nella prima riga, in alto a sinistra da numero rata a numero rata: facendo click sul primo numero di rata e, tenendo premuto il tasto di Shift (tasto delle maiuscole), fare click sul successivo numero di rata. Simulaz.: questa funzione permette di simulare un piano di ammortamento di un mutuo impostando l importo del prestito, l interesse, il numero di rate, la periodicità. Aggiorna:crea la richiesta di aggiornamento dei dati, che partirà al primo collegamento. 64

65 Esci: chiude la consultazione Abi e Cab (Gruppo 3) Con questa funzione è possibile interrogare l archivio ABI e CAB messo a disposizione dalla Banca. Premendo il pulsante ABI e CAB dal menù principale viene visualizzata la maschera Ricerca ABI e Cab (Fig.34). Facendo click sul pulsante Interroga compare una maschera (Fig. 35) che permette l impostazione dei parametri di ricerca. Fig. 34 Impostazione dei criteri di ricerca Una volta impostato il filtro, cliccando su OK, compare il risultato dell interrogazione (Fig. 36). Fig. 35 Filtro di ricerca ABI-CAB 65

66 Fig. 36 Risultato dell interrogazione ABI-CAB Il tasto Aggiorna crea una richiesta di aggiornamento dell archivio degli ABI-CAB. La richiesta viene inviata in banca al primo collegamento. Il tasto Esporta permette di salvare l intero archivio degli abi/cab in formato testo. Cliccando su questo pulsante SIMPLYBANK richiede dove e con quale nome si vogliono salvare i file degli abi e dei cab. Il tasto Stampa effettua la stampa delle righe selezionate Tassi (Gruppo 4) Tramite questa maschera è possibile ottenere informazioni sulle condizioni applicate dalla banca e le relative fasce di tassi di interesse (Fig. 37). 66

67 Fig Finestra di visualizzazione di Tassi e Condizioni Per chiedere le informazioni sui tassi relativi ad uno dei propri conti, bisogna posizionarsi nel campo Rapporto, scegliere il rapporto desiderato e l applicazione visualizzerà, se vi è stata una precedente richiesta, le informazioni sui tassi dare, i tassi avere, le condizioni applicate a quel conto. Le funzioni a disposizione sulla maschera Tassi- Condizioni sono: Stampa: effettua la stampa della situazione tassi e condizioni. Aggiorna: crea la richiesta di aggiornamento per tutti i rapporti Scalare: visualizza la maschera dell'estratto conto scalare relativa al conto selezionato (Fig. 38) Esci: chiude la maschera Tassi-Condizioni. 67

68 Fig Finestra di visualizzazione dell Estratto Conto Scalare. 68

69 Servizi e EURO (Gruppo 4) Le ultime due funzioni relative alle Informazioni sono: Servizi : notizie sui servizi messi a disposizione dalla banca. Euro: notizie sulle nuove norme valutarie comunitarie messe a disposizione dalla banca. Le maschere visualizzate sono, per entrambe le funzioni, uguali tranne che per il titolo della finestra (Fig. 39). E' possibile selezionare i messaggi pervenuti dalla banca attraverso la lista Comunicazioni disponibili. È inoltre possibile scegliere il tipo di carattere e la dimensione con cui visualizzare o stampare il messaggio scelto. Fig. 39 Finestra di visualizzazione Servizi offerti dalla Banca/Euro. Il pulsante Aggiorna permette di creare la richiesta di aggiornamento che sarà inviata durante il collegamento. Il pulsante Stampa permette la stampa del messaggio. E' possibile eliminare un messaggio dalla lista delle comunicazioni disponibili cliccando sul tasto Elimina. Nota: Una volta eliminato i messaggio questo non è più disponibile per nessun altro utente. 69

70 4.4 Disposizioni Questa parte tratta di tutte le funzioni dispositive che il cliente potrà utilizzare come per esempio bonifici, Ri.Ba., RID, MAV, ecc., che daranno luogo ad operazioni che la Banca stessa dovrà eseguire successivamente Distinta di Bonifici (Gruppo 1) Permette di effettuare pagamenti diversi a favore di terzi presso la propria Banca o su altri Istituti di Credito abbinati ad una distinta di presentazione (Fig. 40) Fig Finestra della Distinta di Bonifici. I campi da compilare prima di inserire il primo bonifico sono: Rapporto da addebitare: scegliere il conto corrente di addebito dalla lista dei rapporti; Causale: da inserire solo se questa è uguale per tutti i bonifici appartenenti alla distinta; altrimenti lasciare il campo vuoto; Attiva Promemoria: da usare per memorizzare un pagamento da ripetersi a scadenza fissa (settimanale, mensile o trimestrale). E attivabile dopo aver inserito almeno un bonifico nella distinta. 70

71 E' possibile impostare e salvare il promemoria senza effettuare i bonifici. Per farlo, attivare il promemoria indicare la periodicità e premere il tasto Esci. Per immettere un nuovo bonifico all interno della distinta bisogna: Cliccare sul pulsante denominato Aggiungi. Apparirà una finestra (Fig. 41) nella quale si dovranno inserire i seguenti dati: Fig Finestra della Distinta di Bonifici. Beneficiario: Destinatario del pagamento. E' possibile sceglierlo dalla lista dei Beneficiari oppure inserirne uno nuovo. Nel primo caso basta selezionarlo dalla lista oppure ricercarlo cominciando a scrivere il nominativo nella casella di testo. In questo modo sarà selezionato il primo beneficiario (in ordine alfabetico) il cui nome inizia con la stringa inserita. Una volta cliccato sul beneficiario compariranno tutti i suoi dati come l Indirizzo, la Località, il Cap, l Abi, ecc. Se invece si vuole inserire un nuovo beneficiario, cliccare sul tasto Aggiungi e inserire tutti i suoi dati nelle caselle di testo a lato: Nome Beneficiario: nome e cognome del nuovo beneficiario; Indirizzo: via e numero civico; Località: paese o città; CAP: codice di avviamento postale; CIN: codice di controllo coordinate bancarie (opzionale); ABI: codice della banca destinataria; CAB: codice avviamento bancario della Banca destinataria (codice sportello); 71

72 Rapporto Appoggio Bancario: numero rapporto di conto del beneficiario. L ABI e il CAB del rapporto può essere cercato con il tasto ABI-CAB. denominazione della banca (opzionale) Inoltre sull archivio dei Beneficiari è possibile : Cancellare un Beneficiario. Basta selezionarlo dalla lista e cliccare su Cancella. Stampare tutti i Beneficiari cliccando su Stampa. Modificare un Beneficiario. Basta selezionarlo dalla lista, cliccare su Modifica e cambiare i valori dei campi errati. Nella maschera di inserimento del bonifico, al posto del rapporto di conto corrente possono essere scelte altre possibilità di pagamento e cioè l assegno circolare da trattenere, l assegno circolare non trasferibile da trattenere o l assegno di quietanza. Nel caso si scelga uno di queste formule di pagamento, i dati relativi a CIN, ABI, CAB non sono obbligatori. Appoggio bancario: banca di destinazione non obbligatoria in presenza delle coordinate bancarie esatte; Causale: motivo del pagamento (se diversa da quella preimpostata a livello distinta); Ordinante: modificare se diverso dal titolare del conto di addebito; Importo: importo del bonifico; Data valuta: da inserire solo nel caso di bonifico con valuta fissa al beneficiario (la valuta prefissata al beneficiario in data antecedente a quella di trasmissione comporta l'antergazione del bonifico e l'assoggettamento dello stesso alle penali vigenti con le previste franchigie a carico dell'ordinante); Urgente/Normale: Scegliere tra bonifico urgente o normale (L'invio di bonifici urgenti comporta, in taluni casi, la riduzione dei tempi di trasmissione, generalmente dal giorno successivo al giorno di trasmissione stesso, a fronte di una maggiore commissione a carico dell'ordinante); Flag stipendio: attivare la casella se si effettua un bonifico per stipendio; Dopo l'immissione dei dati cliccare su Stampa: per stampare i dati del singolo bonifico; OK: per confermare il bonifico; Esci: per uscire senza confermare il bonifico. Si hanno inoltre a disposizione diverse funzioni che permettono di gestire la distinta bonifici in modo dinamico, inserendo, modificando ed eliminando singoli bonifici dalla distinta. I significati dei singoli tasti sono: Stampa: stampa la distinta dei bonifici inseriti. Può essere compatta o estesa 72

73 Aggiungi:aggiunge un nuovo bonifico alla distinta, premendo questo bottone si accede alla finestra per la compilazione del singolo bonifico (Fig. 40); Modifica: modifica un bonifico della distinta. Selezionare la riga corrispondente al bonifico desiderato e cliccare sul tasto Modifica, oppure fare doppio click sulla riga selezionata. In entrambi i casi si aprirà la maschera in Fig. 41 riempita dei dati del bonifico. Una volta corretti i dati cliccare su OK per conferma o Esci per annullare le modifiche; Elimina: elimina un bonifico dalla distinta; Carica: carica una distinta di bonifici da un flusso C.B.I.. Questa funzione può essere usata da utenti che utilizzano programmi di contabilità che generano automaticamente un file contenente i bonifici in formato C.B.I. Standard. Cliccando sul tasto Carica viene visualizzata la maschera di ricerca dei file. Cercare il file di bonifici, selezionarlo e cliccare su Apri. A questo punto il file viene elaborato e vengono inserite le bonifici. nella distinta. Esporta: salva in un file, in formato C.B.I., la distinta di bonifici. Esci: uscita dalla distinta. (SI per uscire senza effettuare i bonifici; NO per ritornare alla distinta); 73

74 4.4.2 Bonifici Estero (Gruppo 1) Pagamenti diversi da effettuare a favore di terzi presso la propria Banca o su altri Istituti di Credito abbinati in una distinta di presentazione.(fig. 42) Questo tipo particolare di pagamento può essere utilizzato per le seguenti tipologie di disposizioni: ordini di pagamento in euro o in divisa verso beneficiari dell estero ordini di pagamento domestici in divisa ordini di pagamento in euro di conto estero Fig Finestra dei Bonifici Estero. I campi da compilare prima di inserire il primo bonifico sono: Rapporto da addebitare: scegliere il conto corrente di addebito dalla lista dei rapporti; Attiva Promemoria: da usare per memorizzare un pagamento da ripetersi a scadenza fissa (settimanale, mensile o trimestrale). E attivabile dopo aver inserito almeno un bonifico nella distinta. E' possibile impostare e salvare il promemoria senza effettuare i bonifici. Per farlo, attivare il promemoria indicare la periodicità e premere il tasto Esci. Per immettere un nuovo bonifico all interno della distinta bisogna: Cliccare sul pulsante denominato Aggiungi. Verrà visualizzata la seguente finestra (Fig. 43) nella quale si possono selezionare: 74

75 Fig Finestra dei Bonifici Estero. Beneficiario: Destinatario del pagamento. E' possibile sceglierlo dalla lista dei Beneficiari oppure inserirne uno nuovo. Nel primo caso basta selezionarlo dalla lista oppure ricercarlo cominciando a scrivere il nominativo nella casella di testo. In questo modo sarà selezionato il primo beneficiario (in ordine alfabetico) il cui nome inizia con la stringa inserita. Una volta cliccato sul beneficiario compariranno tutti i suoi dati come l Indirizzo, la Località, ecc. Se invece si vuole inserire un nuovo beneficiario, cliccare sul tasto Aggiungi e inserire tutti i suoi dati nelle caselle di testo a lato: Cognome e nome Beneficiario: nome e cognome del nuovo beneficiario; Indirizzo: via e numero civico; Località / Stato estero: paese o città; Modalità di pagamento: in questo casella si può inserire o il numero di conto IBAN del beneficiario, o si possono selezionare le voci: Assegno della banca ordinante o Trattenere presso Banca creditore o Assegno della Banca del creditore Nome Banca: nome della banca Località Banca: denominazione della banca (opzionale) Nel riquadro Banca Beneficiario è possibile selezionare le voci: 75

76 Estera: Se la banca non ha filiari in Italia. Filiare italiana di banca estera: se la banca possiede delle filiari in Italia Inoltre sull archivio dei beneficiari è possibile : Cancellare un beneficiario. Basta selezionarlo dalla lista e cliccare su Cancella. Stampare tutti i beneficiario cliccando su Stampa. Modificare un beneficiario. Basta selezionarlo dalla lista, cliccare su Modifica e cambiare i valori dei campi errati. I dati da inserire nel singolo bonifico sono: Identificativo (causale): Ordinante: Importo: Divisa importo: Divisa del conto di accredito differente da quella del bonifico: descrizione del bonifico campo il cui valore è fisso a Predefinito importo del bonifico valuta in cui è espresso l importo del bonifico Selezionando questa voce è possibile specificare un'altra valuta del conto di accredito differente da quella specificata nel campo Divisa. Dal 1 marzo 2002 è entrata in vigore una nuova normativa sui bonifici esteri che prevede come obbligatorio l inserimento della prima causale valutaria (CVS1) (Fig 44). Fig. 44 Dettaglio bonifico estero CVS Le altre causali valutarie sono opzionali (CVS2, CVS3..). 76

77 Inoltre nella maschera in Fig. 43 è possibile cliccare sul pulsante: Opzioni: tramite il quale sarà possibille inserire ulteriori informazioni opzionali riguardanti il bonifico come: Informazioni sul pagamento Istruzioni Speciali Riferimenti per il beneficiario Dettagli CVS Ordinante Stampa: permette la stampa del singolo bonifico Si hanno inoltre a disposizione diverse funzioni che permettono di gestire la distinta bonifici in modo dinamico, inserendo, modificando ed eliminando singoli bonifici dalla distinta. I significati dei singoli tasti sono: Stampa: stampa la distinta dei bonifici inseriti. Può essere compatta o estesa Aggiungi:aggiunge un nuovo bonifico alla distinta. Cliccando questo bottone si accede alla finestra per la compilazione del singolo bonifico (Fig. 43); Modifica: modifica un bonifico della distinta. Selezionare la riga corrispondente al bonifico desiderato e cliccare sul tasto Modifica, oppure fare doppio click sulla riga selezionata. In entrambi i casi si aprirà la maschera in Fig. 43 riempita dei dati del bonifico. Una volta corretti i dati cliccare su OK per conferma o Esci per annullare le modifiche; Elimina: elimina un bonifico dalla distinta; Carica: carica una distinta di bonifici da un flusso C.B.I.. Questa funzione può essere usata da utenti che utilizzano programmi di contabilità che generano automaticamente un file contenente i bonifici in formato C.B.I. Standard. Cliccando sul tasto Carica viene visualizzata la maschera di ricerca dei file. Cercare il file di bonifici, selezionarlo e cliccare su Apri. A questo punto il file verrà elaborato e saranno inserite le ricevute all interno della distinta. Esporta: salva in un file, in formato C.B.I., la distinta di bonifici. Esci: uscita dalla distinta. (SI per uscire senza effettuare i bonifici; NO per ritornare alla distinta). 77

78 4.4.3 Ri.Ba (distinta) (Gruppo 1) Questa funzione riguarda l emissione di Ricevute Bancarie su terzi presso la propria Banca o su altri Istituti di Credito (Fig. 45). Prima di inserire la Ri.Ba. compilare i seguenti campi: Rapporto di accredito: scegliere il conto corrente di accredito dalla lista dei rapporti; Forma tecnica effetti: l utente può selezionare la forma tecnica da attribuire agli effetti, scegliendo tra quelle proposte nella lista; Causale: da inserire solo se questa è uguale per tutte le Ri.Ba. della distinta; Attiva promemoria: da usare per memorizzare la ripetizione delle Ri.Ba. a scadenza settimanale, mensile o trimestrale. E possibile attivarlo solo dopo aver inserito almeno una Ri.Ba nella distinta. E' possibile impostare e salvare il promemoria senza effettuare le Ri.Ba. Per farlo, attivare il promemoria e premere il tasto Esci. Fig. 45 Distinta Ri.Ba. Per aggiungere una Ri.Ba. alla distinta fare click sul tasto Aggiungi. Verrà visualizzata la maschera di immissione dati della singola Ri.Ba (Fig. 46). 78

79 Fig Addebito da effettuare con Ricevuta Bancaria Elettronica su terzi su un altro Istituto di Credito. Bisogna inserire i seguenti dati: Debitore: Destinatario della Ri.Ba. E' possibile sceglierlo dalla lista dei Debitori oppure inserirne uno nuovo. Nel primo caso basta selezionarlo dalla lista oppure ricercarlo cominciando a scrivere il nominativo nella casella di testo. In questo modo sarà selezionato il primo debitore (in ordine alfabetico) il cui nome inizia con la stringa inserita. Una volta cliccato sul debitore compariranno tutti i suoi dati come l Indirizzo, la Località, il Cap, l Abi, ecc. Se si vuole inserire un nuovo debitore, cliccare sul tasto Aggiungi e inserire tutti i suoi dati nelle caselle di testo a lato: Cognome e Nome Debitore: nome e cognome del nuovo debitore; Indirizzo: via e numero civico; Località/Stato Estero: paese o città; CAP: codice di avviamento postale; ABI: codice della banca destinataria; CAB: codice avviamento bancario della Banca destinataria (codice sportello); Codice Debitore: codice identificativo del debitore interno alla società (opzionale); Codice Fiscale/Partita Iva: codice fiscale o partita iva del debitore; Banca Domiciliataria: denominazione della banca (opzionale). Inoltre sull archivio dei debitori è possibile : Cancellare un debitore. Basta selezionarlo dalla lista e cliccare su Cancella. Stampare tutti i debitori cliccando su Stampa. 79

80 Modificare un debitore. Basta selezionarlo dalla lista, cliccare su Modifica e cambiare i valori dei campi errati. Causale: causale della ricevuta bancaria (se diversa da quella preimpostata a livello distinta); Importo: importo da incassare; Data di scadenza: data entro la quale la Ri.Ba. deve essere pagata; Richiesto esito: cliccare sulla casella corrispondente se si vuole essere informati sull esito (pagato o impagato) della Ri.Ba. Questa informazione può avere un costo. Per maggiori informazioni rivolgersi alla banca che propone il servizio SIMPLYBANK. Dopo l'immissione di tutte le Ri.Ba. nella distinta fare click su: OK: per confermare la Ri.Ba. In questo modo verrà effettuata una richiesta che in seguito verrà inviata al primo collegamento. Esci: per uscire senza confermare la Ri.Ba. Si hanno a disposizione diverse funzioni che permettono di gestire la distinta in modo dinamico, inserendo, modificando ed eliminando singole Ri.Ba. dalla distinta: OK: conferma la distinta di Ri.Ba. inserita; Stampa: stampa la distinta delle Ri.Ba. inserite; può essere compatta o estesa; Aggiungi: aggiunge una nuova Ri.Ba. alla distinta (Fig. 45); Modifica: modifica una Ri.Ba. della distinta. Selezionare la riga corrispondente alla Ri.Ba. desiderata e cliccare sul tasto Modifica, oppure fare doppio click sulla riga della Ri.Ba. In entrambi i casi si aprirà la maschera in Fig. 46 riempita dei dati della Ri.Ba. Una volta corretti i dati cliccare su OK per conferma o Esci per annullare le modifiche; Elimina: elimina una Ri.Ba. dalla distinta. Selezionare la riga della distinta contenente la Ri.Ba. desiderata e cliccare su Elimina; Carica: genera una distinta di Ri.Ba. da un flusso C.B.I.. Questa funzione può essere usata da utenti che utilizzano programmi di contabilità che generano automaticamente un file contenente le Ri.Ba. in formato C.B.I. Standard. Cliccando sul tasto Carica viene visualizzata la maschera di ricerca dei file. Cercare il file di Ri.Ba., selezionarlo e cliccare su Apri. A questo punto il file viene elaborato e vengono inserite le Ri.Ba. nella distinta. Esporta: salva in un file, in formato C.B.I., la distinta di Ri.Ba.. Esci: uscita dalla distinta.( SI per uscire senza effettuare la distinta; NO si ritorna alla distinta). 80

81 4.4.4 R.I.D. (distinta) (Gruppo 1) Questa funzione riguarda l emissione di R.I.D. su terzi presso la propria Banca o su altri Istituti di Credito (Fig. 47). Fig Finestra della Distinta RID Prima di inserire la R.I.D. compilare i seguenti campi: Rapporto di accredito: scegliere il conto corrente di accredito dalla lista dei rapporti; Forma tecnica effetti: l Utente può selezionare la forma tecnica da attribuire agli effetti, scegliendo tra quelle proposte nella lista; Causale: da inserire solo se questa è uguale per tutte le R.I.D. della distinta; Attiva promemoria: da usare per memorizzare la ripetizione delle R.I.D. a scadenza settimanale, mensile o trimestrale. E possibile attivarlo solo dopo aver inserito almeno una R.I.D. nella distinta. E' possibile impostare e salvare il promemoria senza effettuare le R.I.D. Per farlo, attivare il promemoria e premere il tasto Esci. Per inserire una R.I.D. nella distinta fare click sul tasto Aggiungi. Verrà visualizzata la maschera di immissione dati della singola R.I.D. (Fig. 48). 81

82 Fig Addebito da effettuare tramite R.I.D. su terzi presso un altro Istituto di Credito. Debitore: Destinatario della R.I.D. E' possibile sceglierlo dalla lista dei Debitori oppure inserirne uno nuovo. Nel primo caso basta selezionarlo dalla lista oppure ricercarlo cominciando a scrivere il nominativo nella casella di testo. In questo modo sarà selezionato il primo debitore (in ordine alfabetico) il cui nome inizia con la stringa inserita. Una volta cliccato sul debitore compariranno tutti i suoi dati come l Indirizzo, la Località, il Cap, l Abi, ecc. Se si vuole inserire un nuovo debitore, cliccare sul tasto Aggiungi e inserire tutti i suoi dati nelle caselle di testo a lato: Nome e cognome Debitore: nome e cognome del nuovo debitore; Indirizzo: via e numero civico; Località/Stato estero: paese o città; CAP: codice di avviamento postale; Cin: Codice di controllo del rapporto (opzionale) ABI: codice della banca destinataria; CAB: codice avviamento bancario della Banca destinataria Numero CC: numero di conto corrente del debitore Codice Debitore: codice identificativo del debitore interno alla società; Cod. Fiscale/Partita Iva: codice fiscale o Partita Iva del debitore; Banca Domiciliataria: denominazione della banca (opzionale). Inoltre sull archivio dei debitori è possibile : Cancellare un debitore. Basta selezionarlo dalla lista e cliccare su Cancella. Stampare tutti i debitori cliccando su Stampa. 82

83 Modificare un debitore. Basta selezionarlo dalla lista, cliccare su Modifica e cambiare i valori dei campi errati. Causale: Importo: Data di scadenza: Data Limite Pag.: Richiesto esito: causale della R.I.D. (se diversa da quella preimpostata a livello distinta); importo da incassare; data entro la quale la R.I.D. deve essere pagata; data entro la quale deve avvenire il pagamento (opzionale); cliccare sulla casella corrispondente se si vuole essere informati sull esito (pagato o impagato) della R.I.D. Questa informazione può avere un costo. Per maggiori informazioni rivolgersi alla banca che propone il servizio SIMPLYBANK; Dopo l'immissione di tutte le R.I.D. nella distinta fare click su: OK: per confermare la R.I.D. In questo modo verrà effettuata una richiesta che in seguito verrà inviata al primo collegamento. Esci: per uscire senza confermare la R.I.D. Si hanno a disposizione diverse funzioni che permettono di gestire la distinta in modo dinamico, inserendo, modificando ed eliminando singole R.I.D. dalla distinta: Stampa: Aggiungi: Modifica: Elimina: Carica: Esporta: Esci: stampa la distinta delle R.I.D. inserite; può essere compatta o estesa; aggiunge una nuova R.I.D. alla distinta; modifica una R.I.D. della distinta. Selezionare la riga corrispondente alla R.I.D. desiderata e cliccare sul tasto Modifica, oppure fare doppio click sulla riga della R.I.D. In entrambi i casi si aprirà la maschera in Fig. 48 riempita dei dati della R.I.D. Una volta corretti i dati cliccare su OK per conferma o Esci per annullare le modifiche; elimina una R.I.D. dalla distinta. Selezionare la riga della distinta contenente la R.I.D. desiderata e cliccare su Elimina; genera una distinta di R.I.D. da un flusso C.B.I.. Questa funzione può essere usata da utenti che utilizzano programmi di contabilità che generano automaticamente un file contenente le R.I.D. in formato C.B.I. Standard. Cliccando sul tasto Carica viene visualizzata la maschera di ricerca dei file. Cercare il file di R.I.D., selezionarlo e cliccare su Apri. A questo punto il file viene elaborato e vengono inserite le R.I.D. nella distinta. salva in un file, in formato C.B.I., la distinta di R.I.D. uscita dalla distinta.( SI per uscire senza effettuare la distinta; NO si ritorna alla distinta). 83

84 4.4.5 Pagamento Effetti (Gruppo 1) Permette di pagare o rifiutare uno o più effetti presentati all'incasso da terzi (Fig. 49). Fig. 49 Finestra Distinta pagamento effetti Premendo il bottone Pagamento Effetti si accede alla maschera Distinta Pagamento Effetti numero.... I dati da inserire nella distinta sono: Conto da Addebitare: selezionare il rapporto da usare come conto di addebito; Divisa: Lire o Euro. Per inserire un effetto all interno della distinta bisogna fare click sul tasto Aggiungi. Verrà proposta la maschera di immissione manuale dei datiinseff del singolo effetto (Fig. 50). Fig Pagamento di un effetto in scadenza per il quale è stato ricevuto l avviso di scadenza. I dati da inserire sono: Importo Effetto: va inserito l importo dell effetto; 84

85 Numero Effetto: va inserito il numero dell effetto; Data Scadenza: va inserita la data di scadenza dell'effetto (con l'anno a 4 cifre); Tipo effetto: selezionare il tipo effetto (Effetto con spese, Effetto senza spese, Ri.Ba.); Tipo vista: selezionare il tipo di vista dell effetto (A scadenza, A vista); Note: è possibile inserire una nota esplicativa (opzionale). Bisogna selezionare inoltre se Pagare (default) o Rifiutare l effetto. Cliccando su OK si aggiunge l'effetto alla distinta; cliccando su Esci si annulla l'operazione. Un altro modo per inserire gli effetti in scadenza in una distinta è utilizzare il tasto Avvisi. Cliccando su questo pulsante verrà visualizzata la maschera Selezione avvisi. Questa finestra è usata per selezionare gli avvisi di pagamento elettronici inviati dalla banca (Fig. 51). Fig Finestra di selezione avanzata effetti/avvisi di pagamento. Selezione avanzata effetti / avvisi di pagamento Tramite questa maschera è possibile impostare una serie di filtri sugli avvisi di pagamento da visualizzare. Le condizioni a disposizione sono: Scadenza: per selezionare gli avvisi in scadenza in un determinato periodo. I valori possibili sono: Nessun vincolo: il filtro non tiene conto della scadenza; Data scadenza nel periodo: inserire la data di inizio e quella di fine. Sono visualizzati gli effetti la cui data di scadenza appartiene all intervallo stabilito; Data scadenza minore di: visualizza tutti gli effetti con data scadenza minore di quella inserita; Data scadenza maggiore di: visualizza tutti gli effetti con data scadenza maggiore di quella inserita; Creditore: inserendo il nome del creditore verranno visualizzati gli effetti a lui relativi; Ordina per: ordine di visualizzazione degli effetti; Importi: per selezionare gli avvisi che rispettano un determinato importo. I valori possibili sono: 85

86 Nessun vincolo: il filtro non tiene conto dell importo; Minore o uguale di: inserire un importo. Verranno visualizzati gli effetti il cui importo è minore o uguale a quello inserito; Maggiore o uguale: inserire un importo. Verranno visualizzati gli effetti il cui importo è maggiore o uguale a quello inserito; Uguale: inserire un importo. Verranno visualizzati gli effetti il cui importo è uguale a quello inserito; Tra i seguenti importi: inserire una coppia di importi. Verranno visualizzati gli effetti il cui importo è compreso tra gli importi inseriti. Dopo aver inserito le condizioni volute, cliccando sul pulsante OK si effettua la selezione di tutti gli avvisi che rispettano le condizioni impostate e che hanno come conto di riferimento l ABI e CAB del conto selezionato nella distinta (Fig. 52)listaeff. Fig Finestra di visualizzazione degli Effetti in scadenza. In questa maschera, in corrispondenza degli avvisi desiderati, è possibile dire se questi devono essere pagati, rifiutati o eliminati cliccando nelle celle relative alle colonne denominate Paga, Rifiuta, Elimina. Nella cella compare un pallino verde. Le funzioni a disposizione sulla maschera Lista effetti in scadenza sono: OK: inserisce gli effetti selezionati nella distinta; Stampa: effettua la stampa degli effetti visualizzati; Avvisi: mostra la maschera di Selezione Avvisi per generare un altra selezione (Fig. 50);queryeff Storico: mostra la maschera di Selezione Avvisiqueryeff grazie alla quale è possibile selezionare gli avvisi che sono già stati trattati (pagati, rifiutati o eliminati) (Fig. 53 ). 86

87 Zoom: Niente: Esci: Selezionando la riga contenente l avviso da recuperare e cliccando sul tasto Recupera l avviso viene reinserito nella lista degli avvisi da elaborare. Generalmente è utile usare questa funzione nel caso si è eliminato un effetto per errore e lo si vuole recuperare. mostra una maschera di dettaglio dell'effetto selezionato; elimina tutte le operazioni (pagamento, rifiuto o eliminazione) da effettuare sugli avvisi; annulla la selezione ed esce. Fig. 53 Lista degli avvisi già disposti Si hanno a disposizione diverse funzioni che permettono di gestire la distinta in modo dinamico, inserendo, modificando ed eliminando singoli effetti dalla distinta: OK: Stampa: Aggiungi: Modifica: Elimina: Avvisi: Esci: conferma la distinta di effetti inserita; stampa la distinta delle effetti inseriti; per l inserimento manuale di un nuovo effetto alla distinta; modifica un effetto della distinta. Selezionare la riga dell'avviso desiderato e cliccare su Modifica oppure cliccare due volte sulla riga contenente l avviso; elimina un effetto dalla distinta. Selezionare col cursore la riga dell'effetto desiderato e cliccare su Elimina; per richiamare gli avvisi di pagamento elettronici; uscita dalla distinta(si per uscire senza effettuare la distinta; NO si ritorna alla distinta). 87

88 4.4.6 MAV (Gruppo 2) Pagamenti da effettuare mediante avviso pagabile presso qualsiasi Istituto di credito alla scadenza prefissata, abbinati in una distinta di presentazione e da accreditare su un rapporto di portafoglio (Fig. 54). Fig. 54 Distinta MAV Prima di inserire il primo MAV compilare i seguenti campi della distinta: Rapporto di accredito: scegliere il conto corrente di accredito dalla lista dei rapporti; Forma tecnica effetti: l utente può selezionare la forma tecnica da attribuire agli effetti, scegliendo tra quelle proposte nella lista; Causale: da inserire solo se questa è uguale per tutte le MAV della distinta; Attiva promemoria: da usare per memorizzare la ripetizione delle MAV a scadenza settimanale, mensile o trimestrale. E possibile attivarlo solo dopo aver inserito almeno una MAV nella distinta. E' possibile impostare e salvare il promemoria senza effettuare le MAV. Per farlo, attivare il promemoria e premere il tasto Esci. Per inserire un MAV nella distinta fare click sul tasto Aggiungi. Verrà visualizzata la maschera di immissione dati del singolo MAV (Fig. 55). 88

89 Fig Pagamento da effettuare mediante avviso pagabile presso un Istituto di Credito alla scadenza prefissata. All interno di questa finestra dovranno essere inseriti i seguenti dati: Debitore: Destinatario del MAV. E' possibile sceglierlo dalla lista dei Debitori oppure inserirne uno nuovo. Nel primo caso basta selezionarlo dalla lista oppure ricercarlo cominciando a scrivere il nominativo nella casella di testo. In questo modo sarà selezionato il primo debitore (in ordine alfabetico) il cui nome inizia con la stringa inserita. Una volta cliccato sul debitore compariranno tutti i suoi dati come l Indirizzo, la Località, ecc. Se si vuole inserire un nuovo debitore, cliccare sul tasto Aggiungi e inserire tutti i suoi dati nelle caselle di testo a lato: Nome e cognome Debitore: nome e cognome del nuovo beneficiario; Indirizzo: via e numero civico; Località/Stato estero: paese o città; CAP: codice di avviamento postale; Codice Debitore: codice identificativo del debitore interno alla società (opzionale); Causale: Importo: Inoltre sull archivio dei debitori è possibile : Cancellare un debitore. Basta selezionarlo dalla lista e cliccare su Cancella. Stampare tutti i debitori cliccando su Stampa. Modificare un debitore. Basta selezionarlo dalla lista, cliccare su Modifica e cambiare i valori dei campi errati causale del MAV (se diversa da quella preimpostata a livello distinta); importo da incassare; 89

90 Data Scadenza: data entro la quale il MAV deve essere pagato; Una volta inseriti tutti i dati cliccare su OK per confermare l inserimento del MAV nella distinta; Esci per annullare. Dopo l'immissione di tutti i MAV nella distinta fare click su: OK: per confermare la creazione della richiesta per l invio della distinta. Esci: per uscire, annullando l operazione. Si hanno a disposizione diverse funzioni che permettono di gestire la distinta in modo dinamico, inserendo, modificando ed eliminando singoli MAV dalla distinta: Stampa: Aggiungi: Modifica: Elimina: Carica: Esporta: Esci: stampa la distinta MAV; può essere compatta o estesa; aggiunge un nuovo MAV alla distinta; modifica un MAV della distinta. Selezionare la riga corrispondente al MAV desiderato e cliccare sul tasto Modifica, oppure fare doppio click sulla riga del MAV. In entrambi i casi si aprirà la maschera in Fig. 55 riempita dei dati del MAV. Una volta corretti i dati cliccare su OK per conferma o Esci per annullare le modifiche; elimina un MAV dalla distinta. Selezionare la riga della distinta contenente il MAV desiderato e cliccare su Elimina; genera una distinta di MAV da un flusso C.B.I.. Questa funzione può essere usata da utenti che utilizzano programmi di contabilità che generano automaticamente un file contenente le MAV in formato C.B.I. Standard. Cliccando sul tasto Carica viene visualizzata la maschera di ricerca dei file. Cercare il file di MAV, selezionarlo e cliccare su Apri. A questo punto il file viene elaborato e vengono inserite i MAV nella distinta. salva in un file, in formato C.B.I., la distinta di MAV. uscita dalla distinta ( SI per uscire senza effettuare la distinta; NO si ritorna alla distinta). 90

91 4.4.7 Giroconto Il giroconto permette di trasferire denaro tra due conti della stessa banca e intestati allo stesso Utente (Fig. 56). Per effettuarlo bisogna: 1. Selezionare il conto di accredito dalla lista Conto da Accreditare; 2. Selezionare il conto di addebito dalla lista Conto da Addebitare; 3. Inserire la descrizione della Filiale del conto di accredito (Facoltativo); 4. Inserire l'importo del giroconto nel campo Importo Giroconto; 5. Inserire la valuta dell'operazione nel campo Data Valuta (Facoltativo). 6. selezionare Attiva Promemoria se si vuole memorizzare la ripetizione del giroconto a scadenza settimanale, mensile o trimestrale. E' possibile impostare e salvare il promemoria senza effettuare il giroconto; per farlo, attivare il promemoria e premere il tasto Esci. Fig Trasferimento di fondi da un conto ad un altro dello stesso titolare o della stessa Azienda. Inseriti i dati si può cliccare su OK: per confermare il giroconto; Stampa: per stampare una ricevuta del giroconto; Esci: per uscire senza confermare il giroconto. 91

92 4.4.8 Pagamento mutuo (Gruppo 2) Permette di pagare la rata in scadenza di un mutuo o di anticiparne il pagamento (Fig. 57). Per effettuarlo bisogna: 1. selezionare il conto del mutuo dalla lista Numero Mutuo; 2. selezionare il rapporto da addebitare dalla lista Conto da Addebitare; 3. inserire l importo della rata nel campo Importo Nom. Rata; 4. inserire la data di scadenza nel campo Data Scadenza(obbligatoria se si tratta di un anticipo); 5. inserire il numero di rata nel campo Numero Rata; 6. selezionare Attiva Promemoria se si vuole memorizzare la ripetizione del pagamento della rata a scadenza settimanale, mensile o trimestrale. E' possibile impostare e salvare il promemoria senza effettuare il pagamento. Per farlo, attivare il promemoria e premere il tasto Esci. Fig Richiesta di pagamento di una rata di mutuo. Inseriti i dati si può cliccare su OK: per confermare il pagamento rata; Stampa per stampare una ricevuta del pagamento rata; Esci: per uscire senza confermare il pagamento rata. Nota: Se si attiva il promemoria il numero rata viene incrementato automaticamente 92

93 4.4.9 Deleghe (Gruppo 3) Questa funzione consente di predisporre una delega di pagamento versamento unitario (F24) da inviare alla propria banca. La finestra in Fig. 58 consente la gestione di tutte le distinte F24 preparate. Fig. 58 Gestione distinte F24 In particolare, è possibile inserire una nuova distinta, modificarla, eliminarla e visualizzarne il dettaglio. Inoltre si può impostare un opportuno criterio di visualizzazione delle distinte. Per aggiungere una nuova distinta bisogna cliccare sul tasto Aggiungi. Comparirà la finestra in Fig

94 Fig. 59 Distinta Pagamento Tributi I dati da impostare prima di inserire la prima delega sono: Rapporto da addebitare: é il rapporto di addebito del versamento. Selezionare la casella Censito in SIMPLYBANK a seconda che il rapporto di addebito sia fra quelli configurati in SIMPLYBANK o meno Cliccando sul pulsante Aggiungi apparirà la finestra in Fig. 60 nella quale andranno inseriti i dati del versamento F24. 94

95 Fig. 60 F24 In particolare, per l inserimento di una delega è necessario completare le sezioni relative a Dati del contribuente, Modalità di pagamento, una o più sezioni a seconda del tributo da versare (Erario, INPS, Regioni ed Enti locali, Enti Previdenziali ed Assicurativi, Accise) e indicare la data conferimento delega. Nella sezione Dati del contribuente bisognerà inserire le informazioni necessarie all identificazione del contribuente, ovvero: Contribuente: Soggetto del pagamento. E' possibile sceglierlo dalla lista dei Contribuenti oppure inserirne uno nuovo. Nel primo caso basta selezionarlo dalla lista oppure ricercarlo cominciando a scrivere il nominativo nella casella di testo. In questo modo sarà selezionato il primo contribuente (in ordine alfabetico) il cui nome inizia con la stringa inserita. Una volta cliccato sul contribuente compariranno tutti i suoi dati. Se invece si vuole inserire un nuovo contribuente, cliccare sul tasto Aggiungi e inserire tutti i suoi dati nelle caselle di testo a lato: Codice Fiscale / P. IVA codice fiscale o partita iva; Tipo contribuente società / persona fisica; Sesso maschile / femminile (solo per persone fisiche); Rag. Sociale / Cognome Ragione sociale o nome e cognome del nuovo contribuente; Data di nascita data di nascita (solo per persone fisiche) 95

96 Comune di nascita Prov. di nascita Indirizzo dom. fiscale Comune dom. fiscale Provincia dom. luogo di nascita (solo per persone fisiche) provincia di nascita (solo per persone fisiche) via e numero civico; paese o città; provincia. Inoltre sull archivio dei contribuenti è possibile: Cancellare un contribuente. Basta selezionarlo dalla lista e cliccare su Cancella. Stampare tutti i contribuenti cliccando su Stampa. Modificare un contribuente. Basta selezionarlo dalla lista, cliccare su Modifica e cambiare i valori dei campi errati. Nella sezione Modalità di pagamento (Fig. 61) bisognerà inserire: Fig. 61 F24 Modalità Pagamento Rapporto di addebito: Titolare del c/c di addebito: selezionandolo dalla lista corrispondente se è uno dei rapporti censiti in SIMPLYBANK, o inserendone le coordinate altrimenti; selezionando l opzione opportuna fra quelle disponibili. 96

97 Inoltre, laddove necessario, si possono selezionare i campi Anno d imposta non coincidente con quello solare e il firmatario è Genitore, Erede, Tutore o Curatore Fallimentare. Nelle sezioni dei singoli tributi è sufficiente usare il tasto Aggiungi per inserire un nuovo tributo con le relative informazioni e il tasto Elimina per rimuoverlo. La Fig. 62 mostra la maschera di inserimento dei tributi nella sezione Erario. Fig. 62 Inserimento tributi nella Sezione Erario In questa finestra sono disponibili i tasti: Aggiungi:aggiunge un nuovo tributo alla distinta; Elimina: elimina un tributo inserito; Inoltre per modificare un tributo inserito occorre fare doppio click in corrispondenza della riga relativa. Cosi facendo verrà visualizzata la maschera in Fig. 63 con i dati memorizzati nel tributo. 97

98 Fig. 63 Inserimento tributi erario Dopo l'immissione dei dati cliccare su OK: per confermare l inserimento del tributo nella sezione erario; Esci: per uscire senza confermare la delega. Aggiungi:aggiunge una nuova delega alla distinta. Stesso discorso vale per tutte le altre sezioni presenti nella maschera di Inserimento delega (Fig. 62). Una volta completato l inserimento di tutti i tributi desiderati occorre confermare la distinta facendo click sul pulsante OK presente nella finestra in Fig. 59. Verrà visualizzata la finestra in Fig. 64 che mostra il report della generazione del flusso da inviare in banca. Fig. 64 Report generazione flussi 98

99 In tale report vengono indicati eventuali problemi legati al conto di addebito della distinta (non tutte le banche potrebbero accettare la gestione dello F24 e almeno inizialmente non è possibile effettuare pagamenti F24 su conti passivi). In questa finestra cliccare su: Salva: per memorizzare su disco il report della distinta generata. Cliccando su questo tasto viene visualizzata la maschera di salvataggio dei file. Selezionare la cartella, inserire il nome con cui salvare il file e cliccare su Apri. Stampa:per stampare tale report; Esci: per uscire. La nuova distinta così creata comparirà nella finestra di gestione delle distinte F24 (Fig. 59). Da questa finestra è possibile usare le funzioni: Aggiungi:aggiunge una nuova distinta; Modifica: modifica la distinta selezionata; Elimina: elimina la distinta selezionata; Gestione:mostra il dettaglio della distinta con l indicazione dello stato e dell esito (Fig. 65) Esci: per uscire dalla funzione. Selezionando una distinta e cliccando sul tasto Gestione viene visualizzata la finestra in Fig. 65. Fig Distinta F24 In questa finestra viene mostrato lo stato delle deleghe della distinta, da spedire / spedita, e qualora siano state spedite l esito di tale spedizione. In particolare, ci sono due tipi di esiti: formale, la banca ordinante ha verificato la correttezza e la completezza formale della distinta e la comunica al cliente (è l equivalente della conferma di 99

100 avvenuta ricezione della banca ordinante), e l esito del pagamento vero e proprio, effettuato o non effettuato. Inoltre è possibile revocare, totalmente o parzialmente, una distinta inviata. I tasti funzione presenti in questa finestra sono: Genera: genera una nuova distinta F24 con gli scarti di una precedente distinta; Revoca: genera una revoca della distinta in esame; si può scegliere di revocare solo la delega selezionata o tutte le deleghe della distinta Esporta: salva su disco il flusso di risposta; Stampa: stampa il dettaglio della distinta; Esci: per uscire dalla funzione Deleghe. 100

101 Bollettini (Gruppo 3) Questa funzione consiste nella compilazione, da parte del Debitore, di un ordine di pagamento di un bollettino bancario che è stato ricevuto per via cartacea. L addebito sarà effettuato sul rapporto selezionato e la Banca destinataria del flusso provvederà all invio della somma alla Banca del Creditore. Facendo click sul pulsante Bollettini viene visualizzata la maschera in Fig. 66. Fig. 66 Distinta pagamento Bollettini Bancari Prima di inserire il primo bollettino occorre compilare i seguenti campi della distinta: Rapporto da addebitare: scegliere il conto corrente di addebito dalla lista dei rapporti; Attiva promemoria: da usare per memorizzare la ripetizione della scadenza settimanale, mensile o trimestrale. E possibile attivarlo solo dopo aver inserito almeno un bollettino nella distinta. E' possibile impostare e salvare il promemoria senza effettuare alcun bollettino. Per farlo, attivare il promemoria e premere il tasto Esci. Per inserire un bollettino nella distinta fare click sul tasto Aggiungi. Verrà visualizzata la maschera di immissione dati del singolo Bollettino (Fig. 67). 101

102 Fig. 67 Finestra di inserimento di un bollettino Bancario In questa maschera occorre inserire i dati riportati sul bollettino bancario. In particolare questi dati riguardano le informazioni relative al: Codice identificativo pagamento:composto dal codice SIA + Codice Fiscale; Importo: importo del bollettino bancario; IBAN Creditore: coordinate bancarie del creditore in formato IBAN composte da: Codice paese (IT); Codice controllo; Cin + ABI+ CAB +nr. di conto del creditore; Cin Importo: codice di controllo calcolato sull importo inserito; Cin Intermedio: codice di controllo calcolato sul Codice identificativo pagamento; Cin complessivo: codice calcolato sui Cin precedenti; Data esecuzione: data di esecuzione del bollettino bancario. Inoltre se il debitore indicato nel bollettino risulta diverso dall azienda ordinante allora bisogna spuntare la voce Debitore indicato sul bollettino diverso dell ordinante ed inserire i dati relativi al debitore. Una volta inseriti tutti i dati è possibile cliccare sul tasto: OK: per inserire il bollettino nella distinta; Guida: per interrogare la guida di SIMPLYBANK ; Esci : per chiudere la finestra senza salvare le informazioni del bollettino. Una volta cliccato su OK verrà visualizzata la finestra della distinta bollettini bancari come in Fig. 66. A questo punto sarà possibile cliccare su: OK: per inserire la distinta tra le transazioni da spedire in Banca; Stampa: per stampare la distinta di Bollettini bancari appena compilata; 102

103 Aggiungi: Modifica: Elimina: Carica: Esporta: Guida: Esci: per inserire una nuova ricevuta; per modificare i dati relativi al bollettino selezionato nella lista dei bollettini presenti nella distinta; per cancellare un bollettino; genera una distinta di Bollettini bancari da un flusso C.B.I.. Questa funzione può essere usata da utenti che utilizzano programmi di contabilità che generano automaticamente un file contenente bollettini in formato C.B.I.. Cliccando sul tasto Carica viene visualizzata la maschera di ricerca dei file. Cercare il file contenente i bollettini, selezionarlo e cliccare su Apri. A questo punto il file verrà elaborato e sarà visualizzata la distinta completa delle ricevute; permette di esportare tutto il contenuto di una distinta di bollettini in un file in formato C.B.I.; viene visualizzata la guida visualizzando l argomento Bollettini Bancari; chiude la maschera di creazione dei Bollettini Bancari. 103

104 4.5 Prenotazioni Insieme di funzioni che permettono all'utente di prenotare servizi offerti dalla banca Prenotazione Carta (Gruppo 1) Selezionando questa operazione è possibile prenotare vari tipi di carte di credito o di debito (Fig.68). Fig. 68 Prenotazione carte. Le informazioni richieste sono: 1 il conto di riferimento da selezionare nella lista Conto di riferimento; 2 il titolare/procuratore del conto (facoltativo); 3 i tipi di carta da prenotare; Cliccare su OK per confermare la richiesta. Esci per annullare Prenotazione Valuta Estera (Gruppo 1) Utilizzando questa funzione è possibile prenotare valuta estera (Fig.69) Le informazioni necessarie sono: 1 il conto di addebito dalla lista Conto di addebito; 2 la nazione o la moneta o il codice della valuta che si vuole prenotare; 3 la data di ritiro nel campo Data Ritiro 4 l importo in banconote e/o l importo in travel cheque indicando se il valore espresso è da intendersi in lire o in valuta; 5 opzionalmente si può indicare il titolare/procuratore. 104

105 Fig. 69 Prenotazione valuta estera. Alla fine cliccare su OK per confermare la richiesta. Esci per annullare Prenotazione Assegno Circolare (Gruppo 1) Utilizzando questa funzione è possibile prenotare assegni circolari (Fig.70) Le informazioni necessarie sono: 1 il conto di riferimento dalla lista Conto di riferimento; 2 l importo dell assegno nel campo Importo assegno; 3 la data di ritiro nel campo Data ritiro; 4 scegliere su si vuole l assegno Trasferibile o Non trasferibile; 5 il beneficiario nel campo Beneficiario; 6 opzionalmente è possibile inserire l ordinante nel campo Ordinante Alla fine cliccare su OK per confermare la richiesta. Esci per annullare. Fig. 70 Prenotazione assegni circolari. 105

106 4.5.4 Prenotazione Acquisto Titoli (Gruppo 1) Utilizzando questa funzione è possibile prenotare l acquisto o la vendita di titoli (Fig.71) Le informazioni necessarie sono: 1. il conto dalla lista Conto di riferimento; 2. il codice del titolo nel campo Codice; 3. il valore complessivo nel campo Valore complessivo; 4. la data di scadenza dei titoli nel campo Scad. titoli; 5. opzionalmente è possibile inserire la descrizione del titolo e una nota rispettivamente nei campi Descrizione titolo e Note ; 6. scegliere se si vuole Acquistare o Vendere il titolo; 7. indicare il titolare/ordinante del conto (facoltativo). Alla fine cliccare su OK per confermare la richiesta. Esci per annullare. Fig. 71 Prenotazione acquisto titoli Prenotazione Carnet Assegni (Gruppo 2) Utilizzando questa funzione è possibile prenotare un carnet assegni (Fig.72) Le informazioni necessarie sono: 1. il conto dalla lista Conto di riferimento; 2. il numero di assegni in un carnet (10 o 20) nel riquadro Tipo carnet; 3. il numero di carnet da richiedere nel campo Numero carnet; Alla fine cliccare su OK per confermare la richiesta. Esci per annullare. 106

107 Fig. 72 Prenotazione carnet assegni. 107

108 5. Funzioni Generali Tasti funzione posti alla destra del menu generale, si riferiscono ad attività di configurazione e controllo del terminale. Fig. 1 Tasti Funzione. 5.1 Aggiornamenti Tramite il pulsante Aggior. (aggiornamenti) è possibile gestire l'aggiornamento generale delle informative (Fig. 2). 108

109 Fig. 2 - Richiesta di aggiornamento generale delle informative. Per ognuna di queste sei diverse informative è possibile selezionare con che frequenza si vuole aggiornare le informazioni. Le possibili scelte sono: Ogni collegamento: se viene selezionata questa voce, per esempio in corrispondenza della funzione Estratto Conto, ad ogni collegamento automaticamente verrà effettuata una richiesta di aggiornamento di tutti i conti attivi; Ogni giorno: In questo caso la richiesta parte automaticamente una sola volta al giorno, al primo collegamento; Ogni settimana: In questo caso la richiesta parte automaticamente una sola volta alla settimana: Ogni mese: In questo caso la richiesta parte automaticamente una sola volta al mese; Le colonne Ultimo agg. e Prossimo agg. indicano rispettivamente la data dell ultimo aggiornamento effettuato e la data in cui sarà effettuato il prossimo. In seguito cliccando sui pulsanti: Salva: Vengono memorizzate le impostazioni di aggiornamento così come sono state inserite; Aggiorna ora: Vengono inserite nella coda delle richieste da inviare in banca gli aggiornamenti richiesti; Guida: Viene visualizzata la guida sull argomento relativo agli aggiornamenti; Esci: Permette di uscire da questa funzione. 109

110 5.2 Password Il pulsante Password permette all'utenteuser di modificare la propria Passwordpassword personale (Fig. 3), per farlo bisogna: inserire la Password corrente e premere Invio (Enter) inserire la nuova Password e premere Invio (Enter); reinserire la nuova Password; premere Enter o cliccare su Cambia per confermare la variazione; cliccare su Annulla per non effettuare la variazione; Fig. 3 - Modifica della propria Password personale. 5.3 Scadenze La funzione di controllo delle scadenze permette di gestire l'archivio dei promemoria che sono stati creati con la funzione Attiva Promemoria durante l'inserimento delle disposizioni. All'avvio di SIMPLYBANK, dopo il login dell'utente, lo scadenziario viene controllato automaticamente e, nel caso ci siano promemoria in scadenza o scaduti, viene visualizzato un messaggio di avviso all utente (Fig. 4). Successivamente facendo click sul tasto Scadenze viene visualizzata la finestra in Fig. 5 che mostra le operazioni in scadenza Fig. 4 Messaggio promemoria in scadenza 110

111 Fig. 5 - Visualizzazione di tutte le attività che preventivamente si sono confermate con la funzione di Attiva Promemoria durante il primo inserimento. Le funzioni di gestione dell'archivio comprendono: Zoom: Apre una finestra con il dettaglio del promemoria visualizzato. Carica: Esegue il promemoria. Selezionare dalla lista il promemoria e cliccare su Carica (si può anche cliccare due volte sulla riga della lista). Elimina: Toglie definitivamente dallo scadenzario la riga evidenziata. Il programma chiede di confermare la richiesta di eliminazione con un SI o NO. Aggiungi: Aggiunge una nota di promemoria nello scadenziario (Fig. 6), Fig. 6 - Finestra per l inserimento di una nota di promemoria nello scadenziario. Annulla: Esci: Annulla le eventuali operazioni di eliminazione eseguite ma non confermate. Esce dalla funzione Scadenze. Nota: Se si elimina una voce di promemoria e poi se ne carica una seconda l'eliminazione viene automaticamente confermata 111

112 5.4 Vista La funzione di vista permette di analizzare lo stato della coda delle richieste (transazioni) da inviare in banca al primo collegamento (Fig. 7). In particolare per ogni richiesta le informazioni visualizzate sono: Autorizzata: indica se la transazione è autorizzata alla spedizione(si o NO); da Spedire: indica se la transazione è stata già spedita (SI o NO); Importo transazione: se la transazione riguarda una disposizione viene visualizzato l importo totale altrimenti il valore è N.A; De scrizione : contiene la descrizione della richiesta. Inoltre, se si imposta l'opzione Elimina automaticamente gli spediti, le transazioni già inviate alla banca saranno eliminate automaticamente dalla vista. Se si imposta l'opzione Salva log comunicazioni, viene attivato il salvataggio automatico di tutti i messaggi che si scambiano durante la comunicazione il PC e il server in banca. Le funzioni di gestione della coda comprendono: Fig. 7 - Visualizzazione dei flussi da spedire. OK: Storico: Registra le variazioni effettuate ed esce dalla funzione. Visualizza lo storico delle transazioni e cioè l insieme di tutte le richieste che sono state inviate in banca. Nella maschera di selezione dati storico (Fig. 8)selstf si può selezionare la data di inizio e di fine del periodo, l'utente autorizzatore e la tipologia delle transazioni da visualizzare. 112

113 Fig. 8 - Finestra di selezione dati dello storico. Cliccando su OK verrà visualizzata la maschera in Fig. 9; cliccando su Esci viene annullata l operazione. Se dallo storico viene selezionata una disposizione, per esempio un bonifico. Fig. 9 - Visualizzazione storico dei flussi. Zoom: Visualizzazione estesa dei messaggi, nel caso che si tratti di una distinta viene visualizzato un elenco completo delle voci che la compongono (Fig. 10). 113

114 Fig Zoom di una Distinta di Bonifici. Autorizza: Modifica lo stato dell'autorizzazione di una transazione e può essere attivata da: qualunque utente sia autorizzatore sul conto di riferimento della transazione, nel caso in cui la transazione sia ancora nello stato di non autorizzata. solo dall'utente che ha effettuato l'autorizzazione, se la transazione è già nello stato di autorizzata. Elimina: Elimina le transazioni selezionate dalla coda. Spediti: Toglie definitivamente dalla vista i flussi spediti. Il programma chiede di confermare se eliminare definitivamente con un SI o un NO. Modifica: Permette di modificare le distinte di disposizioni. Cliccando su Modifica viene riaperta la maschera dei bonifici con all interno i dati relativi. Questa operazione è utile nel caso si voglia inviare una distinta già effettuata tempo addietro. Annulla: Annulla eventuali operazioni di cancellazione effettuate e non confermate. Esci: Esce dalla funzione Vista. 114

115 5.5 Invia Permette di attivare il collegamento con la banca per inviare e ricevere i flussi (Fig. 11). Il collegamento con la banca avviene attraverso il modem. Le funzioni di gestione del collegamento comprendono: Invia: Annulla: Salva: Esci: Viene attivato il collegamento con la banca ed inviati o ricevuti i flussi predisposti con la segnalazione del tempo di trasferimento. In qualsiasi momento è possibile sospendere l'attività con la funzione Annulla. Viene interrotta l'attività di spedizione. Vengono salvate su un file di testo le attività svolte durante la fase di trasferimento dei flussi. Esce dalla funzione Invia. Fig Finestra per attivare il collegamento con la Banca e per inviare e ricevere i flussi predisposti. 5.6 Guida Cliccando su tasto Guida verrà visualizzata la finestra di Help di SIMPLYBANK (Fig.12) tramite la quale sarà possibile avere le informazioni sul prodotto e sulle varie funzioni. Il tasto di guida è presente anche su tutte le finestre di SIMPLYBANK solo che in questo caso l help si posiziona automaticamente sulla funzione relativa alla maschera. 115

116 Fig Help Appendice Per realizzare la comunicazione tra SIMPLYBANK e la banca c è bisogno di due risorse che il sistema operativo (Windows 95/98 o NT) non sempre caricano in fase di installazione e sono: Scheda di Accesso Remoto Protocollo TCP/IP 116

117 Installazione della scheda di Accesso Remoto per Windows 95/98 Fare doppio click sull icona Risorse del computer, che si trova sul Desktop di Windows 95/98. Controllare che sia presente l icona Accesso Remoto (Fig. 1). Se non c è occorre installarlo. Fig. 1 - Risorse del computer Per procedere con l installazione dell Accesso Remoto bisogna prima di tutto procurarsi il disco di installazione di Windows 95/98 e inserirlo nel CD-ROM. In seguito accedere al Pannello di controllo. Facendo doppio click sull icona Pannello di controllo presente nella cartella Risorse del Computer (Fig. 1) verrà visualizzata la finestra in Fig

118 Fig. 2 - Pannello di Controllo Fare doppio click sull'icona Installazione applicazioni. Si accede così alla finestra Proprietà-Installazione applicazioni. Fare click sulla scheda Installazione di Windows (Fig.3). Fig. 3 - Proprietà Installazione Applicazioni Spuntare la voce Comunicazioni e fare click sul tasto Dettagli. Nella finestra Comunicazioni (Fig. 4) selezionare l'opzione Accesso Re moto, apparirà il simbolo di spunta. Cliccare sul pulsante OK e di seguito fare click su OK nella finestra successiva (Fig.3). A questo punto Windows 95/98 comincerà ad installare i drivers richiesti e successivamente vi chiederà di riavviare Windows. 118

119 Fig. 4 - Comunicazioni 119

120 Installazione TCP/IP Dalla cartella Risorse del Computer (Fig.1) accedere al Pannello di Controllo (Fig. 2 ) e fare doppio click sull icona Rete. Fig. 5 - Rete Fare click sul pulsante Aggiungi. Selezionare la voce Protocollo e cliccare su Aggiungi (Fig. 6) Fig. 6 Selezione protocollo 120

121 Selezionare la voce Microsoft nella lista di sinistra (Produttore) e la voce TCP/IP nella lista di destra (Protocolli di rete) e cliccare su OK (Fig. 7 ). Cliccare ancora sul tasto OK della finestra che compare successivamente (Fig. 5). Anche in questo caso Windows 95/98 avrà bisogna del CD di installazione del sistema operativo inserito nel CD- ROM. Fig. 7 - Selezione Protocollo di rete Configurazione del protocollo TCP/IP Dalla cartella Risorse del Computer (Fig.1) accedere al Pannello di Controllo (Fig. 2) e fare doppio click sull'icona Re te (Fig. 5). Fare click sulla voce TCP/IP o, se vengono visualizzate più voci TCP/IP, fare click su TCP/IP -> Scheda di Accesso Remoto e quindi sul pulsante Proprietà (Fig. 8) 121

122 Fig. 8 Selezione della voce TCP/IP->Scheda di Accesso remoto Una volta aperta la finestra Proprietà: TCP/IP occorre prendere in esame ciascuna delle schede iniziando da Indirizzo IP. Selezionare l'opzione Ottieni automaticamente l'indirizzo IP (Fig. 9). Fig. 9 - Proprietà TCP/IP: Indirizzo IP Selezionare la scheda Configurazione WINS e quindi spuntare la voce Disattiva risoluzione WINS (Fig. 10). 122

123 Fig Proprietà TCP/IP: Configurazione WINS Selezionare la scheda Gateway. La lista Gateway installati deve essere vuota (Fig. 11). 123

124 Fig Proprietà TCP/IP: Gateway Selezionare la scheda Configurazione DNS e spuntare la voce Disattiva DNS (Fig. 12). 124

125 Fig Proprietà TCP/IP: Configurazione DNS A questo punto abbiamo finito la configurazione del TCP/IP. Possiamo fare click sul pulsante OK della finestra Proprietà: TCP/IP e quindi sulla successiva finestra Rete. Installazione di un modem con Windows 95/98 Per procedere con l installazione del Modem bisogna prima di tutto accedere al Pannello di controllo (Fig. 2) facendo doppio click sull icona Pannello di controllo presente nella cartella Risorse del Computer (Fig. 1). Fare doppio click sull icona Modem. Verrà visualizzata la seguente finestra (Fig. 13) Fig. 13 Installa nuovo modem La voce Non rilevare il modem, selezionarlo successivamente non deve essere spuntata. Assicurarsi che il modem sia collegato e acceso e fare click su Avanti. Si avvierà la fase di ricerca del modem (Fig. 14). 125

126 Fig. 14 Ricerca modem Al termine sarà visualizzata la finestra Verifica tipo modem (Fig.15) che ci informa sul modem trovato. Fig. 15 Verifica tipo modem Cliccare su Avanti per terminare l installazione del modem. Se il modem trovato non è quello corretto fare click sul tasto Cambia... e selezionare il modem voluto. A questo punto viene visualizzata nella seguente finestra (Fig. 16). 126

127 Fig. 16 Proprietà : Modem Selezionare il modem utilizzato e cliccare sul tasto Proprietà (Fig. 17). Assicurarsi che la voce Esegui connessione a questa velocità non sia spuntata. Fig. 17 Scheda Generale Cliccare sulla scheda Connessione (Fig. 18). Assicurarsi che la voce Attendi il segnale prima di comporre il numero non sia spuntata. 127

128 Fig. 18 Scheda Connessione Cliccare infine sul tasto OK. 128

129 Installazione della scheda di Accesso Remoto per Windows NT La terminologia usata di seguito è riferita al sistema operativo Windows NT 4.0 nella versione in lingua inglese su cui è necessario che sia installato Service Pack 3. Fare doppio click sull icona My Computer (Risorse del computer) presente sul Desktop di Windows NT. doppio click su Dial-Up Networking (Fig. 19) Fig. 19 Finestra My Computer Se appare la seguente finestra di Dial-Up Networking (Fig. 20) significa che l applicazione di Accesso Remoto non è installata. Fig. 20 Finestra di Dial-Up Networking Per installare l Accesso Remoto bisogna: accertarsi che sia collegato un modem al computer; 129

130 inserire il CD-Rom di installazione di Windows NT 4.0; È possibile che dopo l inserimento del disco di Windows NT si avvia la procedura di Setup di del Sistema Operativo. Uscire dal programma di Setup; cliccare sul tasto Install della finestra di Dial-Up Networking (Fig. 20) e seguire le istruzioni che appaiono di seguito. Questa operazione prenderà un paio di minuti. In seguito, se vi apparirà la seguente finestra (Fig. 21): Fig. 21 Finestra di Remote Access Setup significa che non è stato installato nessun modem e che occorre installarne uno. Per fare questo bisogna cliccare su Yes e seguire le istruzioni relative all installazione di un modem descritte nel paragrafo Installazione di un modem con Windows NT. Altrimenti apparirà la finestra in (Fig. 22). Una volta ultimata la fase di installazione del modem verrà visualizzata la seguente finestra. Fig. 22 Aggiunta del dispositivo di Accesso Remoto Se il tipo di modem visualizzato nel RAS Capable Devices è corretto allora cliccare su OK; altrimenti si può scegliere un altro tipo di modem dalla lista, oppure se ne può installare un altro cliccando sul pulsante Install Modem... ( Rif. Installazione di un modem con Windows NT). Una volta cliccato su OK comparirà la finestra seguente (Fig.23): 130

131 Fig Configurazione dell accesso remoto A questo punto cliccando su Configure... apparirà la seguente finestra di configurazione della porta COM. Bisogna che la configurazione sia impostata come mostrato nella (Fig. 24), con Dial out only selezionato. Fig Configurazione della Porta COM Cliccare quindi su OK. Si ritorna così nella schermata precedente (Fig. 23), nella quale bisogna cliccare sul pulsante NetWork.. Apparirà così la finestra in Fig.25 dove è possibile selezionare il protocollo di rete da utilizzare per la connessione. Assicurarsi il protocollo TCP/IP sia l unico ad essere selezionato come mostrato in figura. Fig Configurazione della Rete Cliccare su OK, e nella schermata successiva cliccare su Continue (Fig. 23). A questo punto l installazione dell Accesso Remoto continua automaticamente visualizzando una serie di maschere simili alla seguente (Fig. 26): 131

132 Fig. 26 Finestra di memorizzazione delle informazioni ed al termine dell installazione verrà visualizzata la finestra in (Fig. 27) che vi chiede di riavviare il computer affinché le nuove impostazioni abbiano effetto. Cliccare quindi su Restart. Fig. 27 Finestra di Riavvio di Windows NT 132

133 Installazione di un modem con Windows NT Sulla scrivania di Windows NT fare doppio click su My Computer ( Risorse del computer). Fare doppio click su Control Panel (Pannello di controllo) (Fig. 28). Fig Finestra di installazione di un nuovo modem Fare doppio click su Modems (Fig.29) Fig Finestra di installazione di un nuovo modem A questo punto se non è mai stato installato nessun modem sul PC comparirà la finestra Install New Modem sotto rappresentata (Fig. 30) che vi guiderà nell installazione di un nuovo modem. 133

134 Fig Finestra di installazione di un nuovo modem Per continuare basta cliccare sul pulsante Next. Assicurarsi che la voce Don t detect my modem; I will select it from a list non sia spuntata. A questo punto la procedura di installazione comincerà a ricercare la porta seriale COM su cui è collegato il modem (Fig. 31). Questa operazione prenderà alcuni minuti. Fig. 31 Ricerca di un modem collegato al PC Se vi compare la finestra in (Fig. 32) allora significa che non c è nessun modem collegato al PC. Controllare, quindi che il collegamento sia presente e che il modem sia acceso. 134

135 Fig. 32 Nessun modem è collegato al PC Cliccare sul tasto Back per riprovare oppure cliccare su Next per la ricerca del modem dalla lista. Se invece compare la finestra in (Fig. 33) allora è stato trovato un nuovo modem e Windows NT vi proporrà di installare il modem trovato sulla relativa porta seriale COM. Nell esempio è stato trovato un modem sulla porta COM 1, e vi propone di installare il driver relativo ad un Modem Standard. Fig. 33 Il modem rilevato è un Modem Standard Se avete a disposizione i dischetti contenenti i drivers di installazione del vostro modem, che è la soluzione ottimale, o volete cambiare il tipo di modem perché quello che vi viene presentato non va bene, allora cliccate sul pulsante Change

136 Se invece il tipo di modem che vi viene proposto è, secondo voi, quello corretto, allora cliccate su Next. Effettuate in seguito delle prove di collegamento per verificare che tutto funzioni correttamente. Se scegliete di cambiare il tipo di modem da installare, cliccate su Change..., Apparirà una maschera come quella in (Fig. 34) che vi mostrerà due elenchi. Fig. 34 Finestra che mostra i produttori e i modelli del modem Il primo, a sinistra, chiamato Manufacters contenente una lista di produttori di modem; il secondo, sulla destra, chiamato Models, contenete invece una lista dei modelli di modem relativi al produttore selezionato. Nella prima riga dell elenco Manufacters compare anche la voce Standard Modem Types che comprende una serie di modem cosiddetti standard che dovrebbero essere compatibili con buona parte dei modem in commercio. Scegliere tra questi tipi di modem il modello da installare sul vostro PC se non avete a disposizione alcun dischetto di installazione del vostro modem. Scegliere, compatibilmente con il modem che si possiede, da questi due elenchi il produttore e il modello di modem che si vuole installare e cliccare su OK. Se invece possedete i dischetti di installazione del modem su Windows NT 4.0 allora cliccate sul pulsante Have Disk... (Fig. 34). Vi apparirà una maschera che vi chiederà di inserire il dischetto contenete i drivers per Windows NT 4.0 nel drive A: (Fig. 35). 136

137 Fig. 35 Install from Disk Una volta fatto questo, cliccate sul pulsante OK. In ogni caso Windows NT caricherà i drivers selezionati e alla fine visualizzerà un finestra che indicherà la conclusione dell operazione di installazione del modem. Basta a questo punto cliccare su Finish (Fig. 36). Fig. 36 Il modem è stato installato correttamente Ultimata questa procedura viene visualizzata la finestra in (Fig. 37). 137

138 Fig. 37 Finestra che visualizza le proprietà del modem Da qui è possibile: aggiungere un nuovo modem, cliccando su Add...(nel caso in cui si voglia provare ad installare un nuovo modem; rimuovere un modem esistente, cliccando su Remove (se si vuole rimuovere un modem inserito precedentemente); visualizzare o modificare le proprietà del modem selezionato, cliccando su Properties. visualizzare o modificare le proprietà di composizione del modem, cliccando su Dialing Properties. Controllare che le proprietà del modem e della connessione siano quelle corrette in base alle istruzioni seguenti. Per modificare le proprietà di un modem, selezionare il modem interessato, cliccare sul pulsante Properties della finestra Modem Properties (Fig. 37). Apparirà la seguente finestra in ( Fig. 38). 138

Manuale SeceCBI CSE 04

Manuale SeceCBI CSE 04 Titolo Documento: Manuale SeceCBI CSE 04 Tipologia Documento: Manuale Servizi Codice Identificazione: PSECECBI04-TE-005-03-B07 Data Emissione: 2004-01-30 Pagina 1/45 Nominativo Funzione Data Firma Redazione

Dettagli

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)...1 Installazione e configurazione...2 Installazione ICM Server...3 Primo avvio e configurazione di ICM

Dettagli

Supporto On Line Allegato FAQ

Supporto On Line Allegato FAQ Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-8JZGL450591 Data ultima modifica 22/07/2011 Prodotto Tuttotel Modulo Tuttotel Oggetto: Installazione e altre note tecniche L'utilizzo della procedura è subordinato

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida rapida

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida rapida Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida rapida 1 SOMMARIO Accesso al programma e informazioni generali 2 Come creare e profilare gli utenti 5 Come leggere i dati informativi inviati dalle banche 8

Dettagli

Manuale Operativo del Servizio. Documentazione per l utente Banking Time

Manuale Operativo del Servizio. Documentazione per l utente Banking Time Manuale Operativo del Servizio Documentazione per l utente Banking Time Indice 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO...3 2. REQUISITI TECNOLOGICI MINIMI...3 3. IMPOSTAZIONI DEL BROWSER...3 4. MODALITÀ PER COMUNICAZIONI...3

Dettagli

Manuale di Attivazione. Edizione Novembre 2008

Manuale di Attivazione. Edizione Novembre 2008 Manuale di Attivazione Edizione Novembre 2008 Manuale attivazione Internet Banking - 2008 INDICE 1. REQUISITI PRELIMINARI...3 2. DATI PER L ACCESSO AL SERVIZIO...4 2.1 UTENTI CHE UTILIZZANO IL CERTIFICATO

Dettagli

Manuale di Attivazione. Edizione Ottobre 2008

Manuale di Attivazione. Edizione Ottobre 2008 Manuale di Attivazione Edizione Ottobre 2008 Manuale attivazione BT Internet Banking - 2008 INDICE 1. REQUISITI PRELIMINARI 3 2. DATI PER L ACCESSO AL SERVIZIO 4 2.1 UTENTI CHE UTILIZZANO IL CERTIFICATO

Dettagli

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE

GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE GUIDA UTENTE PRIMA NOTA SEMPLICE (Vers. 2.0.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Prima Nota... 8 Registrazione nuovo movimento... 10 Associazione di file all operazione...

Dettagli

MANUALE OPERATORE. Edizione Giugno 2014

MANUALE OPERATORE. Edizione Giugno 2014 MANUALE OPERATORE Edizione Giugno 2014 Manuale Operatore PasKey tribunalionline - Giugno 2014 INDICE INTRODUZIONE... 4 ACCESSO OPERATORE... 5 SERVIZI ON LINE... 7 SITUAZIONE RAPPORTI... 7 DOCUMENTI ON

Dettagli

Guida utente alle principali funzionalità release gennaio 2007

Guida utente alle principali funzionalità release gennaio 2007 Guida utente alle principali funzionalità release gennaio 2007 Sommario Movimenti e Saldo: Consolidato e Tempo reale....pagina 3 Come disporre: Disposizioni e Distinte...........Pagina 4 Disposizioni:

Dettagli

1 Anagrafica. 1.1 Banche. 1.2 Gestione Rapporti

1 Anagrafica. 1.1 Banche. 1.2 Gestione Rapporti SOMMARIO 1 Anagrafica......2 1.1 Banche... 2 1.2 Gestione Rapporti... 2 1.3 Elenco Causali ACBI... 3 1.4 Clienti... 3 2 Informativa......5 2.1 Movimenti Banca... 5 2.2 Saldi Banca Contabili... 8 2.3 Strutture

Dettagli

Pagamento deleghe F24(base/esteso)

Pagamento deleghe F24(base/esteso) Pagamento deleghe F24(base/esteso) Per accedere alla funzione Pagamento deleghe F24 basta cliccare sulla voce di menu Pagamenti -> Pagamento Deleghe F24. Verrà visualizzata la finestra di Fig.1. Fig. 1

Dettagli

SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili

SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili http://213.26.67.117/ce_test Guida all uso del servizio Internet On-Line CASSA EDILE NUOVA INFORMATICA Software prodotto da Nuova Informatica srl Pag. 1 Il Servizio

Dettagli

Guida operativa servizi online. Versione: 1.00 del 30/9/2011. ATHENA PORTAL Software Amministrazione Associazioni Sportive Dilettantistiche Pag.

Guida operativa servizi online. Versione: 1.00 del 30/9/2011. ATHENA PORTAL Software Amministrazione Associazioni Sportive Dilettantistiche Pag. Guida operativa servizi online Versione: 1.00 del 30/9/2011 ATHENA PORTAL Software Amministrazione Associazioni Sportive Dilettantistiche Pag. 1 INDICE PREMESSA... 3 SCOPO DEL MANUALE... 3 COS È ATHENAPORTAL...

Dettagli

Tutor System v 3.0 Guida all installazione ed all uso. Tutor System SVG. Guida all'installazione ed all uso

Tutor System v 3.0 Guida all installazione ed all uso. Tutor System SVG. Guida all'installazione ed all uso Tutor System SVG Guida all'installazione ed all uso Il contenuto di questa guida è copyright 2010 di SCM GROUP SPA. La guida può essere utilizzata solo al fine di supporto all'uso del software Tutor System

Dettagli

SOMMARIO. Come leggere i dati informativi inviati dalle banche. Funzionamento Ritiro Effetti. Funzionamento Bonifico Estero

SOMMARIO. Come leggere i dati informativi inviati dalle banche. Funzionamento Ritiro Effetti. Funzionamento Bonifico Estero SOMMARIO Come leggere i dati informativi inviati dalle banche Come trasmettere disposizioni alle banche Funzionamento Bonifici Funzionamento Ri.Ba Funzionamento Ritiro Effetti Funzionamento Stipendi Funzionamento

Dettagli

TLQ7 MultiBusiness Remote Banking Software. Manuale Utente

TLQ7 MultiBusiness Remote Banking Software. Manuale Utente TLQ7 MultiBusiness Remote Banking Software Manuale Utente INDICE PER ARGOMENTI ACCESSO PAG. 3 CONSULTAZIONE PAG. 5 BONIFICI (PROCEDURA ANALOGA A STIPENDI E RICEVUTE ELETTRONICHE) PAG. 8 PAGAMENTO EFFETTI

Dettagli

Servizio di Posta elettronica Certificata. Procedura di configurazione dei client di posta elettronica

Servizio di Posta elettronica Certificata. Procedura di configurazione dei client di posta elettronica Pag. 1 di 42 Servizio di Posta elettronica Certificata Procedura di configurazione dei client di posta elettronica Funzione 1 7-2-08 Firma 1)Direzione Sistemi 2)Direzione Tecnologie e Governo Elettronico

Dettagli

CONTI CORRENTI CONTI CORRENTI PREMESSA MENU PRINCIPALE

CONTI CORRENTI CONTI CORRENTI PREMESSA MENU PRINCIPALE PREMESSA MENU PRINCIPALE Il programma ARGO costituisce uno strumento flessibile, affidabile e semplice per venire incontro alle esigenze delle Istituzioni scolastiche in materia di gestione informatizzata

Dettagli

AIRTEL Gestione telecontrollo allarmi

AIRTEL Gestione telecontrollo allarmi AIRTEL Gestione telecontrollo allarmi Guida utente AIRTEL Gestione telecontrollo allarmi Guida utente II 2004 Airtel s.a.s. Tutti i diritti riservati. Guida utente di Gestione Airtel per Windows. Se questa

Dettagli

È possibile caricare e gestire l archivio anche su supporti di memoria esterni rimovibili (Pen drive, ecc.)

È possibile caricare e gestire l archivio anche su supporti di memoria esterni rimovibili (Pen drive, ecc.) Soluzione Impresa è un software gestionale ideale per le piccole e medie imprese, qualsiasi azienda commerciale o società di servizi, che consente di gestire, in modo semplice, efficiente ed intuitivo,

Dettagli

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS)

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) 2014 Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di

Dettagli

Per gestire l archivio delle categorie di conto, occorre selezionare la voce Tipi di conto dal menù Archivi.

Per gestire l archivio delle categorie di conto, occorre selezionare la voce Tipi di conto dal menù Archivi. Come iniziare La prima operazione da effettuare quando si inizia ad operare con Quick Bank, è quella di creare gli archivi nei quali verranno memorizzate tutte le scritture. Ovviamente, l archivio più

Dettagli

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL SOFTWARE Moda.ROA. Raccolta Ordini Agenti

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL SOFTWARE Moda.ROA. Raccolta Ordini Agenti ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL SOFTWARE Raccolta Ordini Agenti AVVIO PROGRAMMA Per avviare il programma fare click su Start>Tutti i programmi>modasystem>nomeazienda. Se il collegamento ad internet è attivo

Dettagli

indietro Aiuto Sicurezza Installazione Bonifici Mobilità Bonifico estero Stipendi RIEF RI.BA. RID Download Istruzione indietro

indietro Aiuto Sicurezza Installazione Bonifici Mobilità Bonifico estero Stipendi RIEF RI.BA. RID Download Istruzione indietro Aiuto indietro Sicurezza Installazione Bonifici Mobilità Bonifico estero Stipendi RIEF RI.BA. RID Download Istruzione indietro I-Banking. Guadagni tempo in modo sicuro. indietro Il tempo è prezioso. I-Banking

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

GESTIONE PRESENZE MANUALE PER COMINCIARE

GESTIONE PRESENZE MANUALE PER COMINCIARE GESTIONE PRESENZE MANUALE Gestione archivi La prima operazione da effettuare, per poter utilizzare gestione presenze, è la creazione dell archivio dove saranno memorizzati tutti i dati riconducibili ad

Dettagli

SPIGA Sistema di Protocollo Informatico e Gestione Archivi

SPIGA Sistema di Protocollo Informatico e Gestione Archivi SPIGA Sistema di Protocollo Informatico e Gestione Archivi Modulo Gestione Protocollo Manuale Utente Manuale Utente del modulo Gestione Protocollo Pag. 1 di 186 SPIGA...1 Modulo Gestione Protocollo...1

Dettagli

VICARIATO DI ROMA PAR.CO.

VICARIATO DI ROMA PAR.CO. VICARIATO DI ROMA PAR.CO. Software per la gestione della Contabilità Parrocchiale Manuale d uso e d installazione Versione 1.04 - Ottobre 2006 Software PAR.CO. Per la gestione della Contabilità Parrocchiale

Dettagli

DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10. Web Server Guida all impostazione

DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10. Web Server Guida all impostazione DS80KT1J-004 Gestione Famiglia serie MB10 Web Server Guida all impostazione Le informazioni contenute in questo documento sono state raccolte e controllate con cura, tuttavia la società non può essere

Dettagli

Pagina di accesso...6 Come accedere al servizio...6 Richiesta password...6 Richiesta PIN...6 Accesso ai servizi...7

Pagina di accesso...6 Come accedere al servizio...6 Richiesta password...6 Richiesta PIN...6 Accesso ai servizi...7 On Line Premessa...3 Note generali...3 Prerequisiti...3 Per usufruire del servizio...3 Accesso al servizio...4 Regole da seguire nel corso del primo collegamento...5 Regole da seguire nel corso dei successivi

Dettagli

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA

GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA GUIDA UTENTE FATTURA IMPRESA (Vers. 4.5.0) Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 6 Funzionalità... 7 Documenti... 8 Creazione di un nuovo documento... 9 Ricerca di un documento... 17 Calcolare

Dettagli

Guida Utente PS Contact Manager GUIDA UTENTE

Guida Utente PS Contact Manager GUIDA UTENTE GUIDA UTENTE Installazione...2 Prima esecuzione...5 Login...7 Registrazione del programma...8 Inserimento clienti...9 Gestione contatti...11 Agenti...15 Archivi di base...16 Installazione in rete...16

Dettagli

Archivio Parrocchiale

Archivio Parrocchiale BREVI INFORMAZIONI PER L UTILIZZO DEL PROGRAMMA Archivio Parrocchiale 1 INDICE PREMESSA...3 CENNI SUL PROGRAMMA...4 REQUISITI MINIMI DEL PC...5 LA FINESTRA PRINCIPALE...6 I PULSANTI DEL MENU PRINCIPALE...7

Dettagli

GERICO 2015 p.i. 2014

GERICO 2015 p.i. 2014 Studi di settore GERICO 2015 p.i. 2014 Guida operativa 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. ASSISTENZA ALL UTILIZZO DI GERICO... 4 3. CARATTERISTICHE TECNICHE... 5 4. INSTALLAZIONE DEL PRODOTTO DA INTERNET...

Dettagli

Introduzione all'uso di

Introduzione all'uso di Introduzione all'uso di Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica.

Dettagli

Inbank Guida Rapida con strumento sicurezza Token

Inbank Guida Rapida con strumento sicurezza Token Inbank Guida Rapida con strumento sicurezza Token Servizio Assistenza Inbank INDICE 1. Introduzione...3 1.1 Token... 3 1.1.1 Quando si deve usare...3 1.2 Accesso al servizio... 4 1.3 Cambio password di

Dettagli

Guida all installazione

Guida all installazione Guida all installazione Presentazione Vi ringraziamo per aver scelto Evoluzioni SL. Evoluzioni SL, è un software appositamente studiato per la gestione degli studi legali, in ambiente monoutente e multiutente,

Dettagli

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS)

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) 2015 Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di

Dettagli

Manuale per l installazione Internet-Starter-Kit. Windows NT 4.0 Istruzioni per l'installazione Internet-Starter-Kit 3.2

Manuale per l installazione Internet-Starter-Kit. Windows NT 4.0 Istruzioni per l'installazione Internet-Starter-Kit 3.2 Manuale per l installazione Internet-Starter-Kit I Windows NT 4.0 Istruzioni per l'installazione Internet-Starter-Kit 3.2 Bluewin SA Telefono Customer Care Services: Hardturmstrasse 3 HighWay 0900 900

Dettagli

Ricambi Esplosi Ordini vers. 1.0.1 settembre 2007

Ricambi Esplosi Ordini  vers. 1.0.1 settembre 2007 spa Sito Web di Consultazione Disegni Esplosi e Distinte Ricambi, Gestione Preventivi e Ordini Ricambi e Consultazione della Documentazione Tecnica Prodotti Esplosi Ricambi Ordini vers. 1.0.1 settembre

Dettagli

Indice 1. PREMESSA...4 2. OPERATORE...4 3. RENDICONTAZIONI ONLINE...5 3.1. Saldi ed ultimi dieci movimenti...6 4. RENDICONTAZIONI GIORNALIERE...

Indice 1. PREMESSA...4 2. OPERATORE...4 3. RENDICONTAZIONI ONLINE...5 3.1. Saldi ed ultimi dieci movimenti...6 4. RENDICONTAZIONI GIORNALIERE... Manuale Operatore Indice 1. PREMESSA...4 2. OPERATORE...4 3. RENDICONTAZIONI ONLINE...5 3.1. Saldi ed ultimi dieci movimenti...6 4. RENDICONTAZIONI GIORNALIERE...6 4.1. Saldi...6 4.1.1. Riepilogo saldi...6

Dettagli

WEB GENITORI PER SCHOOL-CARD MANUALE UTENTE

WEB GENITORI PER SCHOOL-CARD MANUALE UTENTE Indice 1. Come utilizzare questo manuale... 3 2. Presentazione del modulo Web Genitori... 4 3. Autenticazione al sistema tramite CRS card... 8 Configurazione del sistema per l utilizzo del lettore CRS...

Dettagli

ALL UTILIZZO DEL SOFTWARE PER I RIVENDITORI

ALL UTILIZZO DEL SOFTWARE PER I RIVENDITORI SISTEMA DISTRIBUZIONE SCHEDE OnDemand GUIDA ALL UTILIZZO DEL SOFTWARE PER I RIVENDITORI un servizio Avviso agli utenti Il prodotto è concesso in licenza come singolo prodotto e le parti che lo compongono

Dettagli

Manuale Amministratore

Manuale Amministratore Manuale Amministratore Indice 1. Amministratore di Sistema...3 2. Accesso...3 3. Gestione Azienda...4 3.1. Gestione Azienda / Dati...4 3.2. Gestione Azienda /Operatori...4 3.2.1. Censimento Operatore...5

Dettagli

ISTRUZIONI per l utilizzo della Firma Digitale Banca Marche INDICE. 2. Predisposizione iniziale: Installazione Driver e Avvio Menù di Gestione

ISTRUZIONI per l utilizzo della Firma Digitale Banca Marche INDICE. 2. Predisposizione iniziale: Installazione Driver e Avvio Menù di Gestione ISTRUZIONI per l utilizzo della Firma Digitale Banca Marche INDICE 1. Introduzione 2. Predisposizione iniziale: Installazione Driver e Avvio Menù di Gestione 3. Accessi Successivi al Menù Gestione 4. Utilizzo

Dettagli

Guida Rapida Imprese Base - Gold - Gold CBI

Guida Rapida Imprese Base - Gold - Gold CBI Inbank Guida Rapida Imprese Base - Gold - Gold CBI Servizio Assistenza Inbank 800 837 455 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Token...3 1.1.1 Quando si deve usare... 3 1.2 Accesso al servizio...4 1.3 Cambio

Dettagli

MANUALE SINTETICO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO REMOTE BANKING BANK FOR BUSINESS

MANUALE SINTETICO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO REMOTE BANKING BANK FOR BUSINESS MANUALE SINTETICO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO REMOTE BANKING BANK FOR BUSINESS SOMMARIO: 1. COME ACCEDERE AL PROGRAMMA E GUIDA ALLA NAVIGAZIONE 2. VISUALIZZAZIONE E STAMPE DEI MOVIMENTI DEI CONTI 3. COME

Dettagli

UN NUOVO PRODOTTO...3 CONTI CORRENTI...4

UN NUOVO PRODOTTO...3 CONTI CORRENTI...4 UN NUOVO PRODOTTO...3 Disponibilità del servizio...3 CONTI CORRENTI...4 Estratto conto...4 Dati storici...5 Assegni...6 Utenze...6 Il Mio Bilancio...6 PAGAMENTI...9 Bonifici on line Italia...9 Bonifico

Dettagli

GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER

GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER (vers. 2.0.0) GUIDA UTENTE FIDELITY MANAGER (vers. 2.0.0)... 1 Installazione... 2 Prima esecuzione... 7 Login... 8 Funzionalità... 9 Gestione punti... 10 Caricare punti...

Dettagli

0 - Avvio del programma e registrazione licenza

0 - Avvio del programma e registrazione licenza Tricos Software di gestione Parrucchieri Manuale Utente Software professionali per il settore benessere Prodotto da : Progest di Bozza Giuseppe Via Della Vignaccia 16-21046 - Malnate VA -3356078124 Indice:

Dettagli

Manuale per l installazione Internet-Starter-Kit. Windows 95/98/ME Istruzioni per l'installazione Internet-Starter-Kit 3.2

Manuale per l installazione Internet-Starter-Kit. Windows 95/98/ME Istruzioni per l'installazione Internet-Starter-Kit 3.2 Manuale per l installazione Internet-Starter-Kit I Windows 95/98/ME Istruzioni per l'installazione Internet-Starter-Kit 3.2 Bluewin SA Telefono Customer Care Services: Hardturmstrasse 3 HighWay 0900 900

Dettagli

Per qualsiasi problema di installazione potete contattare l assistenza inviando una mail a: assistenza@rocketlab.it

Per qualsiasi problema di installazione potete contattare l assistenza inviando una mail a: assistenza@rocketlab.it Versione 1.7 Manuale d uso Introduzione Dance Club è un programma che nasce per soddisfare le esigenze organizzative e gestionali delle Scuole di Ballo. Per qualsiasi problema di installazione potete contattare

Dettagli

Guida Connessione Rete WiFi HotSpot Internavigare

Guida Connessione Rete WiFi HotSpot Internavigare Guida Connessione Rete WiFi HotSpot Internavigare Indice: - 1.1 Configurazione Windows Xp 2.1 Configurazione Windows Vista 3.1 Configurazione Windows Seven 1.1 - WINDOWS XP Seguire i seguenti passi per

Dettagli

GUIDA alla COMPILAZIONE della procedura di gestione degli INTERVENTI AMMESSI al FINANZIAMENTO

GUIDA alla COMPILAZIONE della procedura di gestione degli INTERVENTI AMMESSI al FINANZIAMENTO GUIDA alla COMPILAZIONE della procedura di gestione degli INTERVENTI AMMESSI al FINANZIAMENTO Pagina 1 di 113 INDICE 1 CONFIGURAZIONE HARDWARE E SOFTWARE CONSIGLIATA... 4 1.1 VERIFICA DELLE IMPOSTAZIONI

Dettagli

Istruzioni Aggiornamento RGT Xml

Istruzioni Aggiornamento RGT Xml Istruzioni Aggiornamento RGT Xml Sommario Installazione dell'aggiornamento... 2 Download...2 Installazione...2 Modulo RGT - Utilizzo e Funzioni... 7 Dati Generali...9 Testatore...10 Atto...12 Atto Di Riferimento...13

Dettagli

LIFE ECOMMERCE OFF LINE Istruzioni per l uso

LIFE ECOMMERCE OFF LINE Istruzioni per l uso LIFE ECOMMERCE OFF LINE Istruzioni per l uso Il programma è protetto da Password. Ad ogni avvio comparirà una finestra d autentificazione nella quale inserire il proprio Nome Utente e la Password. Il Nome

Dettagli

Sommario. Premessa Inserimento della nuova aliquota IVA nella configurazione di FOCUS 2000 Utility Modifica IVA. Configurazione del backup

Sommario. Premessa Inserimento della nuova aliquota IVA nella configurazione di FOCUS 2000 Utility Modifica IVA. Configurazione del backup Sommario I Sommario Premessa 1 Inserimento della nuova aliquota IVA nella configurazione di FOCUS 2000 2 Utility Modifica IVA 6 Stampa delle etichette barcode Configurazione del backup 12 14 1 1 Premessa

Dettagli

Manuale Operativo. Il presente Manuale Operativo è a disposizione del Cliente sul sito all indirizzo https://www.greentradesanpaolo.com Pag.

Manuale Operativo. Il presente Manuale Operativo è a disposizione del Cliente sul sito all indirizzo https://www.greentradesanpaolo.com Pag. Manuale Operativo Sanpaolo Sanpaolo Banco di Napoli Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo Carisbo Cassa di Risparmio di Venezia Banca Popolare dell Adriatico Friulcassa Pag. 1 INDICE INTRODUZIONE A GREENTRADE

Dettagli

MANUALE SUPPORTO WEB AVSS

MANUALE SUPPORTO WEB AVSS MANUALE SUPPORTO WEB AVSS SVILUPPATO DA: COME CONFIGURARE L ACCESSO AL SUPPORTO WEB Aggiunta di un sito Web all'elenco dei siti attendibili Per configurare l accesso al supporto web dobbiamo aggiungere

Dettagli

Manuale Utente Archivierete Novembre 2008 Pagina 2 di 17

Manuale Utente Archivierete Novembre 2008 Pagina 2 di 17 Manuale utente 1. Introduzione ad Archivierete... 3 1.1. Il salvataggio dei dati... 3 1.2. Come funziona Archivierete... 3 1.3. Primo salvataggio e salvataggi successivi... 5 1.4. Versioni dei salvataggi...

Dettagli

Pannello controllo Web www.smsdaweb.com. Il Manuale

Pannello controllo Web www.smsdaweb.com. Il Manuale Pannello controllo Web www.smsdaweb.com Il Manuale Accesso alla piattaforma Accesso all area di spedizione del programma smsdaweb.com avviene tramite ingresso nel sistema via web come se una qualsiasi

Dettagli

Programma per la gestione associativa Versione 5.3.x. Gestione SMS

Programma per la gestione associativa Versione 5.3.x. Gestione SMS Associazione Volontari Italiani del Sangue Viale E. Forlanini, 23 20134 Milano Tel. 02/70006786 Fax. 02/70006643 Sito Internet: www.avis.it - Email: avis.nazionale@avis.it Programma per la gestione associativa

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 32 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC

Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC 1 Introduzione Indice Accesso all applicazione 3 Installazione di Vodafone Applicazione Centralino 3 Utilizzo dell Applicazione Centralino con accessi ad internet

Dettagli

Manuale per l installazione Internet-Starter-Kit. Windows 95/98 Istruzioni dell'installazione Internet-Starter-Kit 3.0

Manuale per l installazione Internet-Starter-Kit. Windows 95/98 Istruzioni dell'installazione Internet-Starter-Kit 3.0 Manuale per l installazione Internet-Starter-Kit I Windows 95/98 Istruzioni dell'installazione Internet-Starter-Kit 3.0 Bluewin SA Telefono Customer Care Services: Hardturmstrasse 3 HighWay 0900 900 777

Dettagli

SendMedMalattia v. 1.0. Manuale d uso

SendMedMalattia v. 1.0. Manuale d uso 2 SendMedMalattia v. 1.0 Pagina 1 di 25 I n d i c e 1) Introduzione...3 2) Installazione...4 3) Prima dell avvio di SendMedMalattia...9 4) Primo Avvio: Inserimento dei dati del Medico di famiglia...11

Dettagli

Manuale Utente FAX SERVER

Manuale Utente FAX SERVER Manuale Utente FAX SERVER Manuale Utente FAX Server - Evolution 2015 Indice 1. Servizio Fax Server... 3 2. Tool Print and Fax... 4 2.1. Download Tool Print&Fax... 4 2.2. Setup e configurazione tool Print&Fax...

Dettagli

MANUALE PARCELLA FACILE PLUS INDICE

MANUALE PARCELLA FACILE PLUS INDICE MANUALE PARCELLA FACILE PLUS INDICE Gestione Archivi 2 Configurazioni iniziali 3 Anagrafiche 4 Creazione prestazioni e distinta base 7 Documenti 9 Agenda lavori 12 Statistiche 13 GESTIONE ARCHIVI Nella

Dettagli

VICARIATO DI ROMA PAR.CO.

VICARIATO DI ROMA PAR.CO. VICARIATO DI ROMA PAR.CO. Software per la gestione della Contabilità Parrocchiale Manuale d uso e d installazione Versione 3.0 - Novembre 2007 Software PAR.CO. Per la gestione della Contabilità Parrocchiale

Dettagli

MANUALE UTILIZZO BACKOFFICE

MANUALE UTILIZZO BACKOFFICE MANUALE UTILIZZO BACKOFFICE Menù Principale Con il tasto Chiudi verrà chiesta la conferma per la chiusura della libreria. Cliccando su Yes la libreria si chiuderà. GESTIONE DELLE OPERAZIONI LOCALI Cliccando

Dettagli

Manuale dell utente di Subito Web

Manuale dell utente di Subito Web Manuale dell utente di Subito Web Il software descritto in questo manuale è stato fornito con contratto di licenza d uso e può essere utilizzato solo in conformità con i termini del contratto. Informazioni

Dettagli

Canon cost manager. per stampanti e plotter Canon LFP. Versione per Windows 98-ME, NT 4.0-2000-XP. Manuale d'uso

Canon cost manager. per stampanti e plotter Canon LFP. Versione per Windows 98-ME, NT 4.0-2000-XP. Manuale d'uso Canon cost manager per stampanti e plotter Canon LFP Versione per Windows 98-ME, NT 4.0-2000-XP Manuale d'uso Sommario Manuale di Canon cost manager BENVENUTI IN CANON COST MANAGER 3 CAPITOLO I - INSTALLAZIONE

Dettagli

Università di Firenze Gestione Presenze Interfaccia grafica

Università di Firenze Gestione Presenze Interfaccia grafica Università di Firenze Gestione Presenze Interfaccia grafica Pagina 1 di 29 Versione Emissione Approvazione Modifiche Apportate Autore Data Autore Data 1 Maggini 01/03/06 - - Prima emissione. Pagina 2 di

Dettagli

DFPA 2013 (Dispositivo Fondo Pensione Aziende)

DFPA 2013 (Dispositivo Fondo Pensione Aziende) DFPA 2013 (Dispositivo Fondo Pensione Aziende) MANUALE UTENTE Pagina 1 SOMMARIO 1. ACCESSO AL SISTEMA... 3 1.1 PRIMO ACCESSO... 3 1.2 ACCESSO SUCCESSIVO... 5 1.3 PASSWORD DIMENTICATA... 6 2. HOMEPAGE...

Dettagli

Manuale Utente. Versione 1.0 Data: 11/11/2015 1 /98

Manuale Utente. Versione 1.0 Data: 11/11/2015 1 /98 Manuale Utente Versione 1.0 Data: 11/11/2015 1 /98 1. ACCESSO AL SERVIZIO... 3 1.1 REGISTRAZIONE... 3 1.1.1 Registrazione Privati... 4 1.1.2 Registrazione Aziende/Professionisti... 6 1.2 LOGIN... 8 1.2.1

Dettagli

Servizi Comunali. Gestione dei profili utenti per tessere scolastiche mensa e altri servizi. Cittadino e Badante

Servizi Comunali. Gestione dei profili utenti per tessere scolastiche mensa e altri servizi. Cittadino e Badante Manuale istruttivo per l uso del programma di servizi comunali inerenti la gestione del pagamento online di servizi comunali quali tessere scolastiche per mensa e trasporto, i profili utente, la ricerca

Dettagli

Manuale Utente WinGepa

Manuale Utente WinGepa Manuale Utente WinGepa a cura dell Ufficio per i Progetti Informatici e la Statistica - Arcidiocesi di Milano Tel: 02 8556276 e_mail: gepa@diocesi.milano.it INDICE INDICE...1 AVVIO DEL PROGRAMMA...3 Primo

Dettagli

AGRISIAN. Sommario. Manuale delle procedure Distillazione facoltativa campagna 2006/2007 Edizione luglio 2007

AGRISIAN. Sommario. Manuale delle procedure Distillazione facoltativa campagna 2006/2007 Edizione luglio 2007 AGRISIAN S.C.p.A. Manuale delle procedure Applicazione per la compilazione degli allegati alle domande di aiuto distillazione facoltativa art. 29 Reg. CE 1493/99 Campagna 2006/2007 Luglio 2007 AGRISIAN

Dettagli

Manuale per l installazione Internet-Starter-Kit. Windows NT 4.0 Istruzioni dell'installazione Internet-Starter-Kit 3.0

Manuale per l installazione Internet-Starter-Kit. Windows NT 4.0 Istruzioni dell'installazione Internet-Starter-Kit 3.0 Manuale per l installazione Internet-Starter-Kit I Windows NT 4.0 Istruzioni dell'installazione Internet-Starter-Kit 3.0 Bluewin SA Telefono Customer Care Services: Hardturmstrasse 3 HighWay 0900 900 777

Dettagli

Procedura di installazione e configurazione per l'applicazione. SchedeCet

Procedura di installazione e configurazione per l'applicazione. SchedeCet Procedura di installazione e configurazione per l'applicazione SchedeCet usata per l'immissione delle schede utenti dei Centri Ascolto Caritas della Toscana. Questo documento è destinato agli operatori

Dettagli

GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER

GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER (vers. 1.0.2) GUIDA UTENTE MONEY TRANSFER MANAGER (vers. 1.0.2)... 1 Installazione... 2 Prima esecuzione... 5 Login... 7 Funzionalità... 8 Anagrafica... 9 Registrazione

Dettagli

Sistema Informativo Gestione Fidelizzazione Clienti MANUALE D USO

Sistema Informativo Gestione Fidelizzazione Clienti MANUALE D USO Sistema Informativo Gestione Fidelizzazione Clienti MANUALE D USO Login All apertura il programma controlla che sia stata effettuata la registrazione e in caso negativo viene visualizzato un messaggio.

Dettagli

Manuale di Attivazione. Edizione Ottobre 2008

Manuale di Attivazione. Edizione Ottobre 2008 Manuale di Attivazione Edizione Ottobre 2008 Manuale attivazione PaschiInTesoreria - Ottobre 2008 INDICE 1. Requisiti preliminari 3 2. Dati per l accesso al servizio 3 3. Istruzioni per l attivazione del

Dettagli

Posta Elettronica PERSOCIV. WEBMAIL - manuale utente -

Posta Elettronica PERSOCIV. WEBMAIL - manuale utente - Posta Elettronica PERSOCIV WEBMAIL - manuale utente - versione 1.1 25 Novembre 2008 Pagina 1 di 30 Elenco delle Modifiche: Num. Data Pag. Contenuto 1 07/11/2008 4 Aggiornamento della premessa. 2 07/11/2008

Dettagli

Inbank Guida Rapida con strumento sicurezza Token

Inbank Guida Rapida con strumento sicurezza Token Inbank Guida Rapida con strumento sicurezza Token Servizio Assistenza Inbank INDICE 1. Introduzione...3 1.1 Token... 3 1.1.1 Quando si deve usare... 3 1.2 Accesso al servizio... 4 1.3 Primo contatto...

Dettagli

Stress-Lav. Guida all uso

Stress-Lav. Guida all uso Stress-Lav Guida all uso 1 Indice Presentazione... 3 I requisiti del sistema... 4 L'installazione del programma... 4 La protezione del programma... 4 Per iniziare... 5 Struttura delle schermate... 6 Password...

Dettagli

Guida rapida Intesa Imprese On-line

Guida rapida Intesa Imprese On-line Guida rapida Intesa Imprese On-line Riepilogo delle principali FAQ del servizio: Se nella tendina di Banca delle distinte compare no document found. Attivare il conto. Si fa riferimento anche alle coordinate

Dettagli

Manuale d uso Mercurio

Manuale d uso Mercurio Manuale d uso Mercurio SOMMARIO Pagina Capitolo 1 Caratteristiche e Funzionamento Capitolo 2 Vantaggi 3 3 Capitolo 3 Cosa Occorre Capitolo 4 Prerequisiti Hardware e Software Prerequisiti hardware Prerequisiti

Dettagli

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni EdilnetSoldo EdilnetWeb Sistema On Line Denunce Operai Sportello virtuale per gli utenti aperto h24 CfpInformaticaSrl Release1.4

Dettagli

Manuale di Utilizzo del Programma Boma Ri.Ba. Gestione Ricevute Bancarie di Boma Software

Manuale di Utilizzo del Programma Boma Ri.Ba. Gestione Ricevute Bancarie di Boma Software Manuale di Utilizzo del Programma Boma Ri.Ba. Gestione Ricevute Bancarie di Boma Software Istallazione Eseguire la procedura di istallazione, seguendo le istruzioni che vengono fornite di volta in volta.

Dettagli

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Edilnet Soldo EdilnetWeb Sistema On Line Denunce Operai Sportello virtuale per gli utenti aperto h24 Cfp Informatica Srl

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

Manuale EacqCE. Versione manuale 3.0.2. Copyright 2011 MMS Srl. Manuale EacqCE Pagina 1

Manuale EacqCE. Versione manuale 3.0.2. Copyright 2011 MMS Srl. Manuale EacqCE Pagina 1 Manuale EacqCE Versione manuale 3.0.2 Copyright 2011 MMS Srl Manuale EacqCE Pagina 1 Sommario Sommario... 2 Informazioni generali... 3 Introduzione... 3 Installazione del programma... 4 Primo avvio del

Dettagli

Via S. Maria, loc. Settimo - 87046 MONTALTO UFFUGO (COSENZA) P. Iva 02402380782 Tel. 0984.937090.0984.937991 www.maca.it. GeStore

Via S. Maria, loc. Settimo - 87046 MONTALTO UFFUGO (COSENZA) P. Iva 02402380782 Tel. 0984.937090.0984.937991 www.maca.it. GeStore Via S. Maria, loc. Settimo - 87046 MONTALTO UFFUGO (COSENZA) P. Iva 02402380782 Tel. 0984.937090.0984.937991 www.maca.it GeStore Guida Rapida All uso 1 GeStore è un software di gestione aziendale, con

Dettagli

Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA. http://www.liveboxcloud.com

Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA. http://www.liveboxcloud.com 2015 Manuale LiveBox WEB AMMINISTRATORE DI SISTEMA http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi

Dettagli

9.1. Nuova fattura fase 1...12 9.2. Nuova fattura Aggiungi voce...13 9.3. Nuova fattura fase 2...13 9.4. Nota di credito...14 10. Pagamenti...14 11.

9.1. Nuova fattura fase 1...12 9.2. Nuova fattura Aggiungi voce...13 9.3. Nuova fattura fase 2...13 9.4. Nota di credito...14 10. Pagamenti...14 11. Sommario 1. SOMMARIO... 3 1. Guida introduttiva... 3 2. L ACCESSO... 3 1. MASCHERA PRINCIPALE... 4 1.1 Codice... 4 1.2 Marca... 4 1.3 Descrizione... 4 1.4 Descrizione 2... 4 1.5 Taglia o Confezione...

Dettagli

UBS PVBR e-list. Per avere sempre sotto controllo le vostre fatture.

UBS PVBR e-list. Per avere sempre sotto controllo le vostre fatture. ab UBS PVBR e-list. Per avere sempre sotto controllo le vostre fatture. Indice Breve descrizione 3 Informazioni generali 1. Basi di UBS PVBR e-list 3 Informazioni dettagliate sull utilizzo del software

Dettagli

GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0)

GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0) ------------------------------------------------- GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0) GUIDA UTENTE BILLIARDS COUNTER (Vers. 1.2.0)... 1 Installazione Billiards Counter... 2 Primo avvio e configurazione

Dettagli

Guida all Utilizzo dell Applicazione Centralino

Guida all Utilizzo dell Applicazione Centralino Guida all Utilizzo dell Applicazione Centralino 1 Introduzione Indice Accesso all applicazione 3 Installazione di Vodafone Applicazione Centralino 3 Utilizzo dell Applicazione Centralino con accessi ad

Dettagli